9 December 2022

1729

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

DIRETTORE TECNICO ADV LOMBARDIA.
NEL SETTORE DAL 1999.
IN POSSESSO DI EFFETTIVI REQUISITI PROFESSIONALI-TEORICO-PRATICI, CERTIFICATI DA COMMISSIONE ESAMINATRICE DEL CONCORSO DI ABILITAZIONE PER DIRIGENTI TURISTICI: OTTIMA VOTAZIONE IN TUTTE LE PROVE SOSTENUTE E COMPLIMENTI DELLA COMMISSIONE D’ESAME, COME DA CERTIFICATO SCRITTO.
VALIDITA’ OPERATIVA SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE.
DIPLOMA PARAUNIVERSITARIO TURISMO. LAUREA LINGUE STRANIERE-SPEC. MEDIAZIONE LINGUISTICA.
MASTER DI SPECIALIZZAZIONE:TOUR LEADER-TOURIST MANAGER, CONSEGUITI CON PROF. GIORGIO CASTOLDI. AGENTE CERTIFICATO IATA.
GESTIONE-PRENOTAZIONE-RENDICONTAZIONE COMPLETA FRONT E BACK-OFFICE: AEREI-NAVI-TRENI-PACKAGE TOUR-TAILOR-MADE.
PROGRAMMAZIONE-ACCOMPAGNAMENTO GRUPPI. DECENNALE ESPERIENZA COME ESPERTO CONSULENTE PRESSO ASSOCIAZIONE SOCIO-CULTURALE. PREZZI RAGIONEVOLI-MASSIMA FLESSIBILITA’.
LIBERA DA INCARICHI CON ENTI PRIVATI E PUBBLICI.
PREFERENZA PROVINCE: MI-LO-PV.
DISPONIBILITA’ IMMEDIATA PER LOMBARDIA-REGIONI LIMITROFE.
RAFFAELLA, 346 3025738; direttoretecnicolom@libero.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434302 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Passa di mano la proprietà del W Rome, primo indirizzo italiano del brand lifestyle-lusso di casa Marriott. La joint venture tra il fondo pensioni Canada Pension Plan Investment Board (Cpp Investments) e la società britannica di hotel management Hamilton - Pyramid Europe lo ha infatti acquisito dai precedenti titolari (King Street Capital Management e Omnam Investment Group) per una cifra complessiva attorno ai 172 milioni di euro. La struttura, riaperta lo scorso aprile dopo un completo restyling, comprende 162 camere, oltre a un bar rooftop, un ristorante, una lounge, vari altri locali f&b, una palestra e spazi meeting. "Roma è da sempre una destinazione top a livello leisure e business - spiega il managing director, head of real estate Europa di Cpp Investments, Andrea Orlandi -. L'acquisizione del W Rome pone perciò la nostra joint venture con Hamilton - Pyramid Europe nelle migliori condizioni per sfruttare tutto l'appeal della città Eterna come destinazione turistica globale". Creata all'inizio di quest'anno la joint venture britannico-canadese è focalizzata nell'acquisizione di strutture ricettive operative nelle più importanti città europee e in selezionate destinazioni resort. Lo scorso agosto, Cpp Investments aveva annunciato un impegno per 475 milioni di euro nella stessa joint venture. L'investimento per W Rome fa parte di tale dotazione. [post_title] => Il W Rome passa nella mani di un fondo pensioni canadese e dei britannici di Hamilton - Pyramid Europe [post_date] => 2022-11-17T12:25:18+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668687918000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433644 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Italia resta stabile ai primi posti del rating per presenze internazionali. E’ uno dei dati che emerge dalle ricerche Enit su dati Istat, Unwto e Banca d’Italia che saranno al centro di dibattito nei panel dell’Agenzia nazionale del turismo al Wtm di Londra. L’evento è considerato un must per il settore turistico e l’Enit si promuoverà con uno stand di oltre 1700 mq in partnership con le regioni italiane. Durante il World Travel Market stakeholder italiani e mondiali si confronteranno con nuovi trend e destinazioni. Un’opportunità per l’industria del turismo di incontrarsi e confrontarsi sulle proprie esperienze. Grande attenzione al mercato Uk che ogni anno muove oltre 100 milioni di investimenti soprattutto per la vacanza culturale in città d’arte e al mare. Cinque le regioni in testa alle preferenze dei britannici: Lombardia, Lazio, Toscana, Veneto e Campania. Dati positivi per l’Italia che sta registrando crescite da ogni Paese con entrate per 21,3 miliardi di euro (+22,7% sul 2020; -52,0% sul 2019), con una quota di mercato che è passata al 4,2% dal 3,6% del 2020, portandola al quarto posto della scala globale per entrate da turismo internazionale. Nell’anno sono salite anche le quote di Spagna (da 3,4% a 5,6%), mentre sono diminuite quelle degli Usa (da 13,3% a 11,4%) e della Germania (da 4,1% a 3,6%). Dai dati Unwto gli arrivi dei primi sette mesi dell’anno hanno raggiunto il 57% dei livelli pre-pandemia. Rispetto invece allo stesso periodo del 2021, nel periodo gennaio-luglio 2022 gli arrivi di turisti internazionali sono quasi triplicati (+172%). «I viaggiatori dal Regno Unito figurano, infatti, ai primi posti della classifica dei turisti stranieri venuti in Italia per trascorrere una vacanza. prediligono l’accoglienza in hotel (10 milioni di presenze pari al 73,5% del totale) ma non disdegnano i villaggi turistici. A spingere gli inglesi a venire in Italia sono, in primis, le attrazioni culturali, seguite dalle spiagge e dalla possibilità di praticare sport in vacanza» ha detto l’ad Enit Roberta Garibaldi. «La forte presenza dell’Italia ad un’iniziativa internazionale di grande rilievo rientra nella strategia del governo e del mio mandato di promuovere il Made in Italy in modo sinergico. Il turismo, in ogni sua declinazione, è la chiave principale per raggiungere questo obiettivo. Il Wtm inoltre è un evento che ci dà l’occasione di rivolgerci ad un mercato per noi strategico e che testimonia l’impegno del ministero e di Enit a fare squadra con operatori ed imprese nella promozione dell’offerta turistica italiana», dichiara il ministro del turismo Daniela Santanchè.   [post_title] => L'Enit al Wtm di Londra per rafforzare la promozione dell'Italia [post_date] => 2022-11-07T15:15:18+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1667834118000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433603 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Utile netto da record per Ryanair nella prima metà dell'anno fiscale 2022-23: la low cost ha centrato il suo più grande profitto di sempre nei sei mesi che includono i mesi chiave dell'estate e stima di tornare quest'anno ai livelli di utile annuale pre-Covid di almeno 1 miliardo di euro. Nei sei mesi fino al 30 settembre Ryanair ha guadagnato 1,371 miliardi di euro, dato nettamente superiore al precedente record del primo semestre di 1,29 miliardi di euro registrato nei sei mesi fino alla fine di settembre 2017. i ricavi totali per i sei mesi sono aumentati di oltre il 200% a 6,62 miliardi di euro. Anche se l'inverno sarà in perdita, Ryanair ha dichiarato di aspettarsi un utile al netto delle imposte compreso tra 1 e 1,2 miliardi di euro per l'anno che si concluderà il 31 marzo, anche se questa previsione rimane "fortemente dipendente" dall'assenza di shock negativi. "La ripresa per il resto dell'intero anno 2022-23 rimane fragile e potrebbe ancora essere influenzata da nuove varianti di Covid o eventi geopolitici avversi come l'Ucraina - ha dichiarato il ceo del gruppo Ryanair, Michael O'Leary -. Tuttavia, le prenotazioni anticipate rimangono forti nel periodo di punta dei viaggi natalizi". O'Leary ha definito "esagerate" le preoccupazioni per l'impatto della recessione e dell'aumento dell'inflazione per il modello di business di Ryanair, prevedendo per la compagnia aerea una crescita importante anche in un contesto di contrazione dell'economia "poiché i consumatori non smetteranno di volare, ma piuttosto diventeranno più sensibili ai prezzi". Nei sei mesi in considerazione la low cost ha trasportato 95 milioni di passeggeri, rispetto ai 39 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente.  [post_title] => Ryanair centra un utile da record nel primo semestre. Forte advance booking per il Natale [post_date] => 2022-11-07T10:40:42+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1667817642000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 432471 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Comincerà a navigare da maggio del prossimo anno la Coquelicot, la nuova imbarcazione fluviale firmata Belmond. Accompagnerà i suoi ospiti in un viaggio fiabesco nella regione della Champagne, dove attraverserà scenografici canali che regalano panorami e punti di osservazione unici. Sarà dotata di tre lussuose cabine con servizi ensuite, di un salone interno con un champagne bar, frutto della partnership con Maison Ruinart, e di un ampio ponte all'aperto per momenti di relax, per consumare una squisita cena e fare due chiacchiere. Grazie proprio alla collaborazione con la più antica casa di champagne al mondo, fondata a Reims nel 1729, gli ospiti potranno tra le altre cose assaporare a bordo un pranzo di degustazione privato preparato dalla chef della Maison Ruinart, Valérie Radou, insieme al capo chef della Coquelicot. Nel quadro di questa partnership, gli ospiti della nave parteciperanno inoltre a visite guidate private dello storico vigneto Taissy, dove scopriranno anche le ultime iniziative di sostenibilità del marchio. Progettata dal rinomato duo francese Humbert & Poyet, la Coquelicot vanta anche due salotti, una cucina a vista e una zona pranzo ombreggiata. Con l'aiuto di un guest experience executive personale, gli ospiti della Coquelicot creeranno quindi il loro itinerario selezionando attività uniche da una serie di esperienze suggerite appositamente per loro dal team di esperti Belmond. La Coquelicot, A Belmond Boat, Champagne fa parte di Les Bateaux Belmond, flotta di barche del marchio in Francia. Questa include anche l'Alouette, Canal Du Midi; la Pivoine, Camargue; la Napoléon, Provence; l'Amaryllis, Burgundy; la Fleur De Lys, Burgundy e la Lilas, Burgundy. I prezzi per la Coquelicot partono da 82 mila euro. Sono disponibili trasferimenti in elicottero da Parigi su richiesta. [post_title] => Gruppo Belmond: la nuova Coquelicot navigherà da maggio tra i canali della Champagne [post_date] => 2022-10-19T09:05:06+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1666170306000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 432258 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_432299" align="alignleft" width="300"] Alberto Gutiérrez Pascual[/caption] Civitatis ha rivelato che nei mesi di luglio, agosto e settembre di quest'anno, più di 2.200.000 persone hanno usufruito di alcune delle sue attività, sparse in tutto il mondo. Si tratta del 65,58% in più rispetto agli stessi mesi del 2019. Oltre al confronto con la vita pre-pandemica, colpisce anche il confronto con l'anno in corso. Civitatis ha iniziato bene l'anno, nonostante il boom della variante omicron, e ha vissuto un secondo trimestre caratterizzato dai buoni numeri della Pasqua e dei weekend lunghi, oltre che dall'allentamento di ogni tipo di restrizione ai viaggi. Tuttavia, è nel terzo trimestre che i risultati si sono finalmente concretizzati, con un aumento del 221,54% del numero di persone che hanno prenotato il loro viaggio con Civitatis nei primi tre mesi dell'anno e un aumento del 60,39% nel secondo trimestre. Infatti, i dati dei primi sei mesi sono quasi identici a quelli dei soli mesi di luglio, agosto e settembre. Se le cifre sono scioccanti, le destinazioni preferite e le attività più prenotate lo sono meno: il convenzionale ha trionfato. I luoghi più visitati nell'ultimo trimestre, secondo le statistiche della piattaforma spagnola, sono Roma (6,12% delle prenotazioni), Parigi (5,68%), Porto (3,61%), Lisbona (3,52%) e New York (2,96%). I tour più richiesti sono stati la visita guidata ai Musei Vaticani e alla Cappella Sistina (1,62%), il tour gratuito di Parigi (1,58%), il tour dei contrasti di New York (1,43%), la gita in battello sulla Senna (1,25%) e la visita guidata al Colosseo, ai Fori e al Palatino (1,24%). «Abbiamo chiuso un trimestre con cifre davvero buone, non solo in termini di vendite, ma anche in termini di crescita dell'azienda nel suo complesso. Non mi stupisco, perché ho sempre avuto piena fiducia in quello che offriamo e perché sono un ottimista per natura». Tuttavia, Alberto Gutiérrez non si accontenta e afferma che «vogliamo di più, molto di più, come dice la canzone della nostra pubblicità, che risuona in TV in Spagna e nei Paesi dell'America Latina come Argentina e Messico. Il nostro obiettivo è chiudere l'anno con oltre 6.500.000 clienti, quasi il doppio rispetto al 2019». [post_title] => Civitatis: miglior trimestre di sempre. Gutiérrez: «Vogliamo di più» [post_date] => 2022-10-14T10:41:21+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665744081000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429702 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_349780" align="alignleft" width="300"] Uno scorcio dell'Almar Jesolo[/caption] Passa di mano l'Almar Jesolo Resort & Spa. La struttura veneta, già di proprietà del fondo Star di Castello sgr, è stata infatti acquisita dall'asset management company francese Perial, per conto del proprio fondo Scpi Pf Hospitalité Europe. Situato a circa 30 chilometri da Venezia, il resort lusso dispone di 179 camere e 18 suite dotate di terrazza privata vista mare. La strutture include anche sei sale meeting, quattro locali f&b, una spa e una spiaggia privata di 12 mila metri quadrati. La gestione rimarrà in capo ad Hnh Hospitality, grazie a un contratto di locazione di 18 anni. [post_title] => L'Almar Jesolo cambia proprietà. Ma la gestione rimane ad Hnh Hospitality [post_date] => 2022-08-31T11:01:52+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1661943712000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429373 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il rallentamento delle grandi ota e delle piattaforme di viaggio come Expedia e Airbnb nel mese di giugno ha rafforzato la posizione di leadership di Booking nel mercato turistico. I primi due hanno visto diminuire le loro visite di circa il 2%, registrando rispettivamente 96 e 98 milioni, secondo i dati forniti da Similarweb a Skift. Booking dal canto suo ha registrato 590 milioni di visite, il 4,7% in più rispetto al mese di maggio. Da aprile l'agenzia registra una forte crescita esponenziale, posizionandosi tra le pagine web a maggior traffico.  Tra le ragioni di queste posizioni disparate c'è l'elevata dipendenza di Airbnb ed Expedia dal mercato statunitense. Questi hanno perso rispettivamente l'1,22% e il 2,2% nelle visite in Nord America, mentre Booking è salito del 5,2% nonostante il suo principale punto di forza sia il continente europeo. Ed è che l'America è un mercato molto volatile. Secondo un rapporto BTIG ripreso da Smarttravel, hanno rilevato diminuzioni del traffico web nelle tre società durante il mese di maggio rispetto al 2019. Inoltre, i dati di occupazione per le case vacanze negli Stati Uniti si sono attestati al 39% nel terzo trimestre, in calo dal 45% nel terzo trimestre del 2021. [post_title] => Booking rafforza la leadership su Expedia e Airbnb [post_date] => 2022-08-04T11:53:38+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1659614018000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429055 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Gruppo Aeroflot ha registrato un calo del 57,8% del traffico internazionale nel secondo trimestre del 2022, mentre il traffico domestico è diminuito "solo" del 16,7%. Colpita dalle sanzioni occidentali in seguito all'invasione dell'Ucraina da parte della Russia alla fine di febbraio, la compagnia aerea e le sue controllate Rossiya, Pobeda e Aurora hanno trasportato 8,68 milioni di passeggeri negli aeroporti del Paese nel secondo trimestre, con un calo del 22,4% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Mentre il traffico nazionale è sceso del 16,7% a 8,027 milioni di clienti, il traffico internazionale si è più che dimezzato: 652.700 passeggeri contro 1,548 milioni di un anno fa (-57,8%). Per la sola Aeroflot, i 4,182 milioni di passeggeri trasportati nel secondo trimestre sono diminuiti del 17,9% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Il traffico nazionale è sceso leggermente a 3,777 milioni di clienti (-2,5%), ma il traffico sulle rotte internazionali si è ridotto di due terzi: 408.100 passeggeri rispetto a 1,222 milioni di un anno fa (-66%). I risultati operativi del Gruppo Aeroflot nel secondo trimestre del 2022 "sono stati influenzati dall'attuale situazione geopolitica e da significative restrizioni di volo", spiega una nota del vettore. Il gruppo ha "recuperato attivamente i volumi di trasporto dopo un calo nel marzo 2022, con un tasso di crescita medio mensile nel secondo trimestre del 19,5%". I voli internazionali "sono stati parzialmente ripristinati", mentre "i voli domestici hanno ripreso a crescere". Complessivamente, nel primo semestre del 2022 il Gruppo Aeroflot ha trasportato 17,184 milioni di clienti (-7,4%), con un traffico in calo dell'8,5% sulle rotte domestiche e dello 0,2% su quelle internazionali, con un load factor medio del 79,9% (+1%). [post_title] => Gruppo Aeroflot: traffico internazionale più che dimezzato nel secondo trimestre [post_date] => 2022-07-29T09:00:24+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1659085224000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 428853 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il governo del Napal ha varato una serie di misure per rilanciare l'industria del turismo, particolarmente colpita dalla pandemia, che includono l'istituzione della Visit Nepal Decade, nel decennio tra il 2023 e il 2033. Presentando il piano Jeevan Ram Shrestha, ministro nepalese per la cultura, il turismo e l'aviazione civile, ha dichiarato che il governo sta rompendo la tradizione di annunciare un singolo anno come "Visit Nepal Year", in modo da condurre una campagna sostenuta per promuovere il turismo, uno dei principali generatori di valuta estera e di posti di lavoro per il Paese. Il governo intanto punta ad attrarre 1 milione di turisti stranieri nell'anno fiscale 2022-23, iniziato a metà luglio. Il Nepal ha accolto 1,19 milioni di visitatori stranieri nel 2019 e ha cercato di attrarne 2 milioni nel 2020, quando è stato lanciato Visit Nepal 2020, ma il Covid-19 ha costretto il governo a sospendere la campagna. Lo scorso giugno, secondo i dati del ministero del Turismo, gli stranieri che hanno visitato il Paese sono stati 237.670. Nell'ambito del nuovo piano d'azione, il Nepal lancerà campagne di promozione in Cina, India e Bangladesh, le prime due delle quali sono le maggiori fonti di turisti per il Nepal negli anni normali. È previsto anche un piano per promuovere il Nepal come destinazione Mice e per il turismo spirituale, con l'offerta di pacchetti di yoga, benessere e spa. E visto che l'alpinismo è da sempre una parte fondamentale del turismo nepalese, il Paese sta pianificando l'apertura di altre vette himalayane. [post_title] => Nepal: nuovo piano per rilanciare il turismo con la Visit Nepal Decade [post_date] => 2022-07-25T11:17:12+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1658747832000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1729" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":32,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":52,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434302","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Passa di mano la proprietà del W Rome, primo indirizzo italiano del brand lifestyle-lusso di casa Marriott. La joint venture tra il fondo pensioni Canada Pension Plan Investment Board (Cpp Investments) e la società britannica di hotel management Hamilton - Pyramid Europe lo ha infatti acquisito dai precedenti titolari (King Street Capital Management e Omnam Investment Group) per una cifra complessiva attorno ai 172 milioni di euro. La struttura, riaperta lo scorso aprile dopo un completo restyling, comprende 162 camere, oltre a un bar rooftop, un ristorante, una lounge, vari altri locali f&b, una palestra e spazi meeting.\r\n\r\n\"Roma è da sempre una destinazione top a livello leisure e business - spiega il managing director, head of real estate Europa di Cpp Investments, Andrea Orlandi -. L'acquisizione del W Rome pone perciò la nostra joint venture con Hamilton - Pyramid Europe nelle migliori condizioni per sfruttare tutto l'appeal della città Eterna come destinazione turistica globale\".\r\n\r\nCreata all'inizio di quest'anno la joint venture britannico-canadese è focalizzata nell'acquisizione di strutture ricettive operative nelle più importanti città europee e in selezionate destinazioni resort. Lo scorso agosto, Cpp Investments aveva annunciato un impegno per 475 milioni di euro nella stessa joint venture. L'investimento per W Rome fa parte di tale dotazione.","post_title":"Il W Rome passa nella mani di un fondo pensioni canadese e dei britannici di Hamilton - Pyramid Europe","post_date":"2022-11-17T12:25:18+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1668687918000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433644","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’Italia resta stabile ai primi posti del rating per presenze internazionali. E’ uno dei dati che emerge dalle ricerche Enit su dati Istat, Unwto e Banca d’Italia che saranno al centro di dibattito nei panel dell’Agenzia nazionale del turismo al Wtm di Londra. L’evento è considerato un must per il settore turistico e l’Enit si promuoverà con uno stand di oltre 1700 mq in partnership con le regioni italiane.\r\nDurante il World Travel Market stakeholder italiani e mondiali si confronteranno con nuovi trend e destinazioni. Un’opportunità per l’industria del turismo di incontrarsi e confrontarsi sulle proprie esperienze. Grande attenzione al mercato Uk che ogni anno muove oltre 100 milioni di investimenti soprattutto per la vacanza culturale in città d’arte e al mare. Cinque le regioni in testa alle preferenze dei britannici: Lombardia, Lazio, Toscana, Veneto e Campania.\r\nDati positivi per l’Italia che sta registrando crescite da ogni Paese con entrate per 21,3 miliardi di euro (+22,7% sul 2020; -52,0% sul 2019), con una quota di mercato che è passata al 4,2% dal 3,6% del 2020, portandola al quarto posto della scala globale per entrate da turismo internazionale. Nell’anno sono salite anche le quote di Spagna (da 3,4% a 5,6%), mentre sono diminuite quelle degli Usa (da 13,3% a 11,4%) e della Germania (da 4,1% a 3,6%).\r\nDai dati Unwto gli arrivi dei primi sette mesi dell’anno hanno raggiunto il 57% dei livelli pre-pandemia. Rispetto invece allo stesso periodo del 2021, nel periodo gennaio-luglio 2022 gli arrivi di turisti internazionali sono quasi triplicati (+172%).\r\n«I viaggiatori dal Regno Unito figurano, infatti, ai primi posti della classifica dei turisti stranieri venuti in Italia per trascorrere una vacanza. prediligono l’accoglienza in hotel (10 milioni di presenze pari al 73,5% del totale) ma non disdegnano i villaggi turistici. A spingere gli inglesi a venire in Italia sono, in primis, le attrazioni culturali, seguite dalle spiagge e dalla possibilità di praticare sport in vacanza» ha detto l’ad Enit Roberta Garibaldi.\r\n«La forte presenza dell’Italia ad un’iniziativa internazionale di grande rilievo rientra nella strategia del governo e del mio mandato di promuovere il Made in Italy in modo sinergico. Il turismo, in ogni sua declinazione, è la chiave principale per raggiungere questo obiettivo. Il Wtm inoltre è un evento che ci dà l’occasione di rivolgerci ad un mercato per noi strategico e che testimonia l’impegno del ministero e di Enit a fare squadra con operatori ed imprese nella promozione dell’offerta turistica italiana», dichiara il ministro del turismo Daniela Santanchè.\r\n ","post_title":"L'Enit al Wtm di Londra per rafforzare la promozione dell'Italia","post_date":"2022-11-07T15:15:18+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1667834118000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433603","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Utile netto da record per Ryanair nella prima metà dell'anno fiscale 2022-23: la low cost ha centrato il suo più grande profitto di sempre nei sei mesi che includono i mesi chiave dell'estate e stima di tornare quest'anno ai livelli di utile annuale pre-Covid di almeno 1 miliardo di euro.\r\n\r\nNei sei mesi fino al 30 settembre Ryanair ha guadagnato 1,371 miliardi di euro, dato nettamente superiore al precedente record del primo semestre di 1,29 miliardi di euro registrato nei sei mesi fino alla fine di settembre 2017. i ricavi totali per i sei mesi sono aumentati di oltre il 200% a 6,62 miliardi di euro.\r\n\r\nAnche se l'inverno sarà in perdita, Ryanair ha dichiarato di aspettarsi un utile al netto delle imposte compreso tra 1 e 1,2 miliardi di euro per l'anno che si concluderà il 31 marzo, anche se questa previsione rimane \"fortemente dipendente\" dall'assenza di shock negativi.\r\n\r\n\"La ripresa per il resto dell'intero anno 2022-23 rimane fragile e potrebbe ancora essere influenzata da nuove varianti di Covid o eventi geopolitici avversi come l'Ucraina - ha dichiarato il ceo del gruppo Ryanair, Michael O'Leary -. Tuttavia, le prenotazioni anticipate rimangono forti nel periodo di punta dei viaggi natalizi\". O'Leary ha definito \"esagerate\" le preoccupazioni per l'impatto della recessione e dell'aumento dell'inflazione per il modello di business di Ryanair, prevedendo per la compagnia aerea una crescita importante anche in un contesto di contrazione dell'economia \"poiché i consumatori non smetteranno di volare, ma piuttosto diventeranno più sensibili ai prezzi\".\r\n\r\nNei sei mesi in considerazione la low cost ha trasportato 95 milioni di passeggeri, rispetto ai 39 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente. ","post_title":"Ryanair centra un utile da record nel primo semestre. Forte advance booking per il Natale","post_date":"2022-11-07T10:40:42+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1667817642000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"432471","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Comincerà a navigare da maggio del prossimo anno la Coquelicot, la nuova imbarcazione fluviale firmata Belmond. Accompagnerà i suoi ospiti in un viaggio fiabesco nella regione della Champagne, dove attraverserà scenografici canali che regalano panorami e punti di osservazione unici. Sarà dotata di tre lussuose cabine con servizi ensuite, di un salone interno con un champagne bar, frutto della partnership con Maison Ruinart, e di un ampio ponte all'aperto per momenti di relax, per consumare una squisita cena e fare due chiacchiere.\r\n\r\nGrazie proprio alla collaborazione con la più antica casa di champagne al mondo, fondata a Reims nel 1729, gli ospiti potranno tra le altre cose assaporare a bordo un pranzo di degustazione privato preparato dalla chef della Maison Ruinart, Valérie Radou, insieme al capo chef della Coquelicot. Nel quadro di questa partnership, gli ospiti della nave parteciperanno inoltre a visite guidate private dello storico vigneto Taissy, dove scopriranno anche le ultime iniziative di sostenibilità del marchio.\r\n\r\nProgettata dal rinomato duo francese Humbert & Poyet, la Coquelicot vanta anche due salotti, una cucina a vista e una zona pranzo ombreggiata. Con l'aiuto di un guest experience executive personale, gli ospiti della Coquelicot creeranno quindi il loro itinerario selezionando attività uniche da una serie di esperienze suggerite appositamente per loro dal team di esperti Belmond.\r\n\r\nLa Coquelicot, A Belmond Boat, Champagne fa parte di Les Bateaux Belmond, flotta di barche del marchio in Francia. Questa include anche l'Alouette, Canal Du Midi; la Pivoine, Camargue; la Napoléon, Provence; l'Amaryllis, Burgundy; la Fleur De Lys, Burgundy e la Lilas, Burgundy. I prezzi per la Coquelicot partono da 82 mila euro. Sono disponibili trasferimenti in elicottero da Parigi su richiesta.","post_title":"Gruppo Belmond: la nuova Coquelicot navigherà da maggio tra i canali della Champagne","post_date":"2022-10-19T09:05:06+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1666170306000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"432258","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_432299\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Alberto Gutiérrez Pascual[/caption]\r\n\r\nCivitatis ha rivelato che nei mesi di luglio, agosto e settembre di quest'anno, più di 2.200.000 persone hanno usufruito di alcune delle sue attività, sparse in tutto il mondo. Si tratta del 65,58% in più rispetto agli stessi mesi del 2019.\r\n\r\nOltre al confronto con la vita pre-pandemica, colpisce anche il confronto con l'anno in corso. Civitatis ha iniziato bene l'anno, nonostante il boom della variante omicron, e ha vissuto un secondo trimestre caratterizzato dai buoni numeri della Pasqua e dei weekend lunghi, oltre che dall'allentamento di ogni tipo di restrizione ai viaggi.\r\n\r\nTuttavia, è nel terzo trimestre che i risultati si sono finalmente concretizzati, con un aumento del 221,54% del numero di persone che hanno prenotato il loro viaggio con Civitatis nei primi tre mesi dell'anno e un aumento del 60,39% nel secondo trimestre. Infatti, i dati dei primi sei mesi sono quasi identici a quelli dei soli mesi di luglio, agosto e settembre.\r\n\r\nSe le cifre sono scioccanti, le destinazioni preferite e le attività più prenotate lo sono meno: il convenzionale ha trionfato. I luoghi più visitati nell'ultimo trimestre, secondo le statistiche della piattaforma spagnola, sono Roma (6,12% delle prenotazioni), Parigi (5,68%), Porto (3,61%), Lisbona (3,52%) e New York (2,96%). I tour più richiesti sono stati la visita guidata ai Musei Vaticani e alla Cappella Sistina (1,62%), il tour gratuito di Parigi (1,58%), il tour dei contrasti di New York (1,43%), la gita in battello sulla Senna (1,25%) e la visita guidata al Colosseo, ai Fori e al Palatino (1,24%).\r\n\r\n«Abbiamo chiuso un trimestre con cifre davvero buone, non solo in termini di vendite, ma anche in termini di crescita dell'azienda nel suo complesso. Non mi stupisco, perché ho sempre avuto piena fiducia in quello che offriamo e perché sono un ottimista per natura». Tuttavia, Alberto Gutiérrez non si accontenta e afferma che «vogliamo di più, molto di più, come dice la canzone della nostra pubblicità, che risuona in TV in Spagna e nei Paesi dell'America Latina come Argentina e Messico. Il nostro obiettivo è chiudere l'anno con oltre 6.500.000 clienti, quasi il doppio rispetto al 2019».","post_title":"Civitatis: miglior trimestre di sempre. Gutiérrez: «Vogliamo di più»","post_date":"2022-10-14T10:41:21+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1665744081000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429702","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_349780\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Uno scorcio dell'Almar Jesolo[/caption]\r\n\r\nPassa di mano l'Almar Jesolo Resort & Spa. La struttura veneta, già di proprietà del fondo Star di Castello sgr, è stata infatti acquisita dall'asset management company francese Perial, per conto del proprio fondo Scpi Pf Hospitalité Europe.\r\n\r\nSituato a circa 30 chilometri da Venezia, il resort lusso dispone di 179 camere e 18 suite dotate di terrazza privata vista mare. La strutture include anche sei sale meeting, quattro locali f&b, una spa e una spiaggia privata di 12 mila metri quadrati. La gestione rimarrà in capo ad Hnh Hospitality, grazie a un contratto di locazione di 18 anni.","post_title":"L'Almar Jesolo cambia proprietà. Ma la gestione rimane ad Hnh Hospitality","post_date":"2022-08-31T11:01:52+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1661943712000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429373","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il rallentamento delle grandi ota e delle piattaforme di viaggio come Expedia e Airbnb nel mese di giugno ha rafforzato la posizione di leadership di Booking nel mercato turistico. I primi due hanno visto diminuire le loro visite di circa il 2%, registrando rispettivamente 96 e 98 milioni, secondo i dati forniti da Similarweb a Skift.\r\n\r\nBooking dal canto suo ha registrato 590 milioni di visite, il 4,7% in più rispetto al mese di maggio. Da aprile l'agenzia registra una forte crescita esponenziale, posizionandosi tra le pagine web a maggior traffico. \r\n\r\nTra le ragioni di queste posizioni disparate c'è l'elevata dipendenza di Airbnb ed Expedia dal mercato statunitense. Questi hanno perso rispettivamente l'1,22% e il 2,2% nelle visite in Nord America, mentre Booking è salito del 5,2% nonostante il suo principale punto di forza sia il continente europeo.\r\n\r\nEd è che l'America è un mercato molto volatile. Secondo un rapporto BTIG ripreso da Smarttravel, hanno rilevato diminuzioni del traffico web nelle tre società durante il mese di maggio rispetto al 2019. Inoltre, i dati di occupazione per le case vacanze negli Stati Uniti si sono attestati al 39% nel terzo trimestre, in calo dal 45% nel terzo trimestre del 2021.","post_title":"Booking rafforza la leadership su Expedia e Airbnb","post_date":"2022-08-04T11:53:38+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1659614018000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429055","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Gruppo Aeroflot ha registrato un calo del 57,8% del traffico internazionale nel secondo trimestre del 2022, mentre il traffico domestico è diminuito \"solo\" del 16,7%.\r\n\r\nColpita dalle sanzioni occidentali in seguito all'invasione dell'Ucraina da parte della Russia alla fine di febbraio, la compagnia aerea e le sue controllate Rossiya, Pobeda e Aurora hanno trasportato 8,68 milioni di passeggeri negli aeroporti del Paese nel secondo trimestre, con un calo del 22,4% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Mentre il traffico nazionale è sceso del 16,7% a 8,027 milioni di clienti, il traffico internazionale si è più che dimezzato: 652.700 passeggeri contro 1,548 milioni di un anno fa (-57,8%).\r\n\r\nPer la sola Aeroflot, i 4,182 milioni di passeggeri trasportati nel secondo trimestre sono diminuiti del 17,9% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Il traffico nazionale è sceso leggermente a 3,777 milioni di clienti (-2,5%), ma il traffico sulle rotte internazionali si è ridotto di due terzi: 408.100 passeggeri rispetto a 1,222 milioni di un anno fa (-66%).\r\n\r\nI risultati operativi del Gruppo Aeroflot nel secondo trimestre del 2022 \"sono stati influenzati dall'attuale situazione geopolitica e da significative restrizioni di volo\", spiega una nota del vettore. Il gruppo ha \"recuperato attivamente i volumi di trasporto dopo un calo nel marzo 2022, con un tasso di crescita medio mensile nel secondo trimestre del 19,5%\". I voli internazionali \"sono stati parzialmente ripristinati\", mentre \"i voli domestici hanno ripreso a crescere\".\r\n\r\nComplessivamente, nel primo semestre del 2022 il Gruppo Aeroflot ha trasportato 17,184 milioni di clienti (-7,4%), con un traffico in calo dell'8,5% sulle rotte domestiche e dello 0,2% su quelle internazionali, con un load factor medio del 79,9% (+1%).","post_title":"Gruppo Aeroflot: traffico internazionale più che dimezzato nel secondo trimestre","post_date":"2022-07-29T09:00:24+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1659085224000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"428853","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il governo del Napal ha varato una serie di misure per rilanciare l'industria del turismo, particolarmente colpita dalla pandemia, che includono l'istituzione della Visit Nepal Decade, nel decennio tra il 2023 e il 2033.\r\n\r\nPresentando il piano Jeevan Ram Shrestha, ministro nepalese per la cultura, il turismo e l'aviazione civile, ha dichiarato che il governo sta rompendo la tradizione di annunciare un singolo anno come \"Visit Nepal Year\", in modo da condurre una campagna sostenuta per promuovere il turismo, uno dei principali generatori di valuta estera e di posti di lavoro per il Paese.\r\n\r\nIl governo intanto punta ad attrarre 1 milione di turisti stranieri nell'anno fiscale 2022-23, iniziato a metà luglio. Il Nepal ha accolto 1,19 milioni di visitatori stranieri nel 2019 e ha cercato di attrarne 2 milioni nel 2020, quando è stato lanciato Visit Nepal 2020, ma il Covid-19 ha costretto il governo a sospendere la campagna. Lo scorso giugno, secondo i dati del ministero del Turismo, gli stranieri che hanno visitato il Paese sono stati 237.670.\r\n\r\nNell'ambito del nuovo piano d'azione, il Nepal lancerà campagne di promozione in Cina, India e Bangladesh, le prime due delle quali sono le maggiori fonti di turisti per il Nepal negli anni normali.\r\n\r\nÈ previsto anche un piano per promuovere il Nepal come destinazione Mice e per il turismo spirituale, con l'offerta di pacchetti di yoga, benessere e spa. E visto che l'alpinismo è da sempre una parte fondamentale del turismo nepalese, il Paese sta pianificando l'apertura di altre vette himalayane.","post_title":"Nepal: nuovo piano per rilanciare il turismo con la Visit Nepal Decade","post_date":"2022-07-25T11:17:12+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1658747832000]}]}}

Lascia un commento