21 April 2024

1717

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Vendo agenzia viaggi, ben arredata, discreto fatturato, due postazioni lavoro. Provincia di Torino, prezzo interessante.
Per info scrivere a: aleexx78@libero.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465117 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Delta Air Lines punta i riflettori su Filadelfia, Baltimora, New York, Lancaster, in totale otto città della costa orientale degli Stati Uniti, che hanno ricoperto il ruolo di capitale degli Usa in un determinato momento della storia prima di Washington D.C. Località che sono state protagonista nella costituzione del paese e hanno molto da offrire ai viaggiatori: grazie ai voli diretti della compagnia aerea da Milano, Roma, Venezia e - dal 25 maggio - Napoli per New York-Jfk, è possibile scoprire i siti storici di queste città. È a Filadelfia che nel 1776 i padri fondatori degli Stati Uniti firmarono la Dichiarazione di Indipendenza e, nel 1787, la Costituzione. Tra il 1774 e il 1800 tre gli edifici furono sede di quello che oggi può essere considerato il Congresso degli Stati Uniti, tra cui spiccano la Carpenters Hall e l'Independece Hall, nell'Independence National Historical Park, dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco nel 1979.  Baltimora ha svolto un ruolo chiave nella rivoluzione americana. Il Congresso si riunì alla Henry Fite House tra il dicembre 1776 e il febbraio 1777, facendo di questa città costiera la capitale degli Stati Uniti in questo breve periodo. Annapolis, piccola città costiera a 50 km a sud di Baltimora, è l'attuale capoluogo dello stato del Maryland e ospitò il Congresso nella Maryland State House tra il 1783 e il 1784 per appena nove mesi. Anche in questo caso le città sono raggiungibili con la compagnia aerea via New York. Lancaster ospitò il Congresso per un solo giorno, il 27 settembre 1777, presso la Court House. Quest’area della Pennsylvania è famosa per essere sede di molte comunità Amish.  York fu capitale tra il 1777 e il 1778 e vanta attrazioni come lo York County Colonial Complex, un complesso museale che comprende l'edificio più antico della città, risalente al XVIII secolo, e una replica del tribunale dove Il Congresso approvò gli Articoli della Confederazione (la prima Costituzione della nazione) nel 1777, rendendo York, secondo alcuni, la vera prima capitale del Paese. Lancaster si raggiunge in auto da Filadelfia in un’ora e mezza, York in un’ora e 45 minuti. Princeton, sede di una delle università più prestigiose degli Stati Uniti, merita una visita anche di un solo giorno da New York per respirare l'atmosfera delle vie raccolte attorno a Nassau Street, piene di ristoranti e animate da studenti, e vedere l'università, con edifici ricchi di storia e prati da cartolina. Trenton è l'attuale capoluogo del New Jersey e fu capitale degli Stati Uniti per due mesi nel 1784. Entrambe le località distano circa un’ora di macchina da New York. New York è stata capitale della nazione tra il 1785 e il 1788, fu la prima capitale degli Stati Uniti dopo la Guerra di Indipendenza, A New York, nel 1789, George Washington fece giuramento come primo Presidente del Paese alla Federal Hall, situata in Wall Street. Washington D.C., capitale del Paese dal 1800 ad oggi. I punti di interesse qui per i viaggiatori curiosi qui sono innumerevoli, dal Campidoglio ai monumenti in onore di Abraham Lincoln, Washington e a Jefferson, fino al cimitero nazionale di Arlington. Inoltre, la città ospita molti altri luoghi di interesse come il complesso museale Smithsonian, che include il Museo Nazionale dell'Aria e dello Spazio, il Museo Nazionale di Storia Naturale o il Museo di Arte Americana. Punto d’arrivo di un viaggio alla scoperta della storia degli Stati Uniti è la Casa Bianca, con i suoi oltre 200 anni di storia. [gallery ids="465124,465127,465126"] [post_title] => Delta Air Lines alla scoperta delle ex capitali Usa: tutti i voli dall'Italia, via New York [post_date] => 2024-04-09T10:54:28+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712660068000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465008 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Primo trimestre da record per il Torino Airport, che con oltre 1,11 milioni di passeggeri ha centrato il suo miglior risultato di sempre in questa frazione di inizio anno. Con un totale di 1.114.448 passeggeri, Caselle ha registrato quindi una crescita del 3,7% sullo stesso periodo del 2023 (1.074.195 passeggeri). Tutti e tre i mesi - gennaio, febbraio e marzo - hanno battuto i rispettivi record mensili dell’anno precedente. A trainare la crescita è stato il traffico internazionale con un incremento dei volumi pari al 7,6% arrivando a rappresentare il 60% del traffico totale: i passeggeri dei voli internazionali sono infatti passati da 620mila nel 2023 a oltre 667.000 nel 2024. Tale risultato è stato raggiunto anche grazie all’ottimo andamento del traffico neve registrato nella stagione invernale 2023-2024: il numero di sciatori trasportati ha registrato un incremento del 9% rispetto alla stagione 2022-2023. I voli per gli sciatori dal Nord Europa hanno riportato alcune novità di linea come Belfast (collegata da Ryanair) e London Heathrow (collegata da British Airways), a cui va sommato il volo charter da East Midlands, sempre in Gran Bretagna; inoltre Air Baltic si è aggiunta su Vilnius (già servita da Ryanair). Anche i flussi turistici legati alle vacanze pasquali hanno contribuito in maniera significativa al raggiungimento del record del trimestre: nella settimana di Pasqua, dal giovedì santo al martedì successivo, i passeggeri sono stati oltre 85.000 tra arrivi e partenze, in crescita del 7,9% sui dati registrati negli analoghi giorni di Pasqua 2023 (circa 80.000). [post_title] => Torino Airport: il traffico internazionale traina i risultati record del primo trimestre 2024 [post_date] => 2024-04-08T10:15:55+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712571355000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464238 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Proseguono i piani di espansione di B&B Hotels in Italia, che punta a superare quota 80 indirizzi nella Penisola già entro la fine di quest'anno. "Al momento siamo a 71 strutture, capaci di generare circa il 13% del fatturato totale del nostro gruppo", ha spiegato Liliana Comitini, ceo e presidente Italia, Slovenia e Ungheria della compagnia francese, in occasione dell'Hotellerie Summit di Pambianco alla Borsa di Milano. La sua divisione ha in particolare raggiunto nel 2023 un giro d'affari di 152 milioni di euro, con una marginalità pari a quasi il 30% (ebitda: 43,5 mln. Nel 2022 i valori erano 117 mln e 25 mln rispettivamente, ndr). A livello globale B&B Hotels è invece arrivata a 1,2 miliardi dai 945 milioni dell'anno precedente. Tra gli obiettivi di sviluppo in Italia del gruppo da qualche tempo ci sono anche le destinazioni leisure: "Recentemente abbiamo aperto a Bari, Trapani e Catania e vogliamo continuare lungo questa direzione. Cerchiamo però strutture in grado di rimanere aperte almeno una decina di mesi all'anno. Stiamo guardando alla montagna ma anche alle coste. Pensiamo in particolare che al Sud ci siano parecchie opportunità da esplorare". Con la prima recente apertura negli Usa, e prossimamente nel Regno Unito, gli obiettivi di B&B Hotel sono ambiziosi: superare la soglia dei 3 mila indirizzi a livello globale entro il 2030, di cui 150 solo in Italia. "Dall'anno scorso siamo aperti anche al franchising - ha aggiunto Liliana Comitini -. Certo, il nostro modello di sviluppo principale rimane quello delle gestioni dirette, ma in determinati contesti possiamo ora pensare anche alle affiliazioni commerciali. Nella nostra Penisola al momento  ne abbiamo già due. In linea generale cerchiamo strutture di dimensione compresa tra le 80 e le 120 camere. Ma anche a questo riguardo siamo piuttosto flessibili: non escludiamo infatti la possibilità di aggiungere al nostro portfolio alberghi più piccoli, soprattutto se si trovano in centro città e godono di ottimi livelli di occupazione. Allo stesso modo siamo disponibili anche a operare hotel più grandi, sempre che ci siano le condizioni per farlo". [post_title] => B&B Hotels si apre all'opzione leisure in Italia: focus sul Sud [post_date] => 2024-03-25T13:48:15+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711374495000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463478 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022). Discorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022). Pambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022). [post_title] => Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's [post_date] => 2024-03-14T13:32:42+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710423162000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462003 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Abu Dhabi International Airport cambia nome e diventa Zayed International Airport, in onore del padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan. Il nuovo nome racchiude la ricchezza della cultura emiratina e del patrimonio arabo. Con il Terminal A, Zayed International Airport dispone di uno dei terminal più grandi al mondo in grado di accogliere fino a 45 milioni di passeggeri all’anno e di segnare una nuova era per i trasporti e le infrastrutture aeronautiche di Abu Dhabi e degli Emirati Arabi Uniti. Nei primi 60 giorni dalla piena operatività del Terminal A, lo scalo ha accolto 4,48 milioni di passeggeri con 1,21 milioni di arrivi, 1,22 milioni di partenze, 2 milioni di trasferimenti e oltre 24.000 voli. L'aeroporto ha proposto un network di 117 destinazioni nel dicembre 2023 con un aumento del 20% rispetto alle 100 città del 2022, grazie a una rete di compagnie aeree in rapida crescita composta da 28 vettori internazionali. Con strutture all'avanguardia a livello mondiale, tra cui la tecnologia biometrica per snellire il processo di screening e imbarco, 35.000 metri quadrati di spazio per la vendita al dettaglio e f&b e 163 punti vendita per i passeggeri per fare acquisti, cenare e divertirsi, il Terminal A pone l'esperienza dei passeggeri al centro delle operazioni. Dall'apertura del terminal nel novembre 2023 sono stati raggiunti numerosi traguardi operativi, tra cui la fornitura di un certo livello di servizio per i viaggiatori e l'attrazione di un gruppo crescente di compagnie aeree internazionali. Nel complesso, i risultati del traffico passeggeri di Abu Dhabi Airports per il 2023 mostrano un aumento significativo della domanda di passeggeri. Un totale di 22.935.316 passeggeri ha volato attraverso uno dei cinque aeroporti commerciali di Abu Dhabi tra il 1° gennaio e il 31 dicembre, per un aumento della domanda del 44,5% rispetto al 2022. Per il 2024 e oltre, Abu Dhabi Airports prevede un'ulteriore crescita del traffico passeggeri e merci, con l'offerta di aviazione potenziata di Zayed International Airport al centro di questa prospettiva positiva. «Zayed International Airport è la porta d’accesso alla condivisione di Abu Dhabi e il suo patrimonio con il mondo, accogliendo i viaggiatori all’insegna dei valori di connettività, innovazione e sostenibilità - ha sottolineato Elena Sorlini, managing director e ceo di Abu Dhabi Airports -. Grazie al lavoro e alla dedizione dei nostri dipendenti, dei nostri partner e di tutti coloro che sono stati coinvolti, il 2023 è stato un anno estremamente positivo per Abu Dhabi Airports. Sono particolarmente orgogliosa del fatto che, sin dalla sua apertura, le operazioni del Terminal A abbiano avuto un grande successo. Ai passeggeri viene offerta un’esperienza di viaggio autentica, inclusiva e continua radicata nel patrimonio culturale emiratino dell’ospitalità e alimentata da una tecnologia all’avanguardia». [gallery ids="462006,462007,462005"]   [post_title] => Abu Dhabi: lo scalo cambia nome e diventa Zayed International Airport [post_date] => 2024-02-22T09:15:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708593352000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461714 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Norwegian vola alto e, dopo aver registrato utili operativi superiori alle previsioni nel quarto trimestre 2023, portando il risultato dell'intero anno a un massimo storico, punta dritto verso un nuovo record di profitti per il 2024. I risultati segnano un'inversione di tendenza per la low cost, che solo pochi anni fa avrebbe potuto addirittura uscire dal mercato, schiacciata da pesanti debiti e dalla conseguenze della pandemia.  L'utile operativo del trimestre ottobre-dicembre del vettore è stato di 328 milioni di corone (31,08 milioni di dollari), superiore ai 177 milioni previsti dalla società e a fronte di una perdita di 39 milioni dell'anno precedente. "Questo dimostra che la ripresa degli utili che Norwegian ha attraversato... è ancora in grado di fornire numeri da record, anche se vola molto meno di prima", ha dichiarato Jacob Pedersen, analista di Sydbank. Sempre nel quarto trimestre Norwegian ha trasportato 4,7 milioni rispetto ai 4,6 milioni dell'anno precedente, con un load factor dell'84,4%. La capacità (Ask) dovrebbe aumentare del 12% quest'anno, e sempre per il 2024 la compagnia prevede un utile operativo compreso tra 2,5 e 3,2 miliardi di corone, in aumento rispetto ai 2,2 miliardi di corone del 2023. "Lo slancio delle prenotazioni (per l'estate) è buono... molto buono", ha dichiarato il ceo, Geir Karlsen durante la presentazione dei risultati annuali. [post_title] => Norwegian punta a incassare profitti da record nel 2024 [post_date] => 2024-02-16T13:37:38+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708090658000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461390 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volotea amplia la flotta con l'ingresso di tre Airbus A320, che porteranno il totale aeromobili operativi a quota 44, di cui 20 Airbus A319 e 24 A320. I tre nuovi velivoli, dotati di motori Cfm e di una capacità di 180 passeggeri, entreranno in servizio ad aprile, con l'inizio della stagione estiva. «Solo l'anno scorso Volotea ha trasportato più di 10 milioni di passeggeri su quasi 70.000 voli, con un tasso di occupazione medio del 92% per i nostri voli di linea - ha sottolineato Stephen Rapp, chief financial officer del vettore spagnolo -. Con un fatturato di circa 700 milioni di euro e margini finanziari storici per un'azienda attiva da poco più di dieci anni, la previsione per quest'anno è di continuare a crescere e aumentare la nostra capacità del 15%. Con questi nuovi aeromobili ci prepariamo ad affrontare la stagione estiva, tradizionalmente il periodo di maggior traffico per la compagnia. Inoltre, il modello Airbus A320, più moderno ed efficiente, ci permetterà di migliorare la nostra competitività e di raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni, garantendo comunque ai nostri clienti il miglior servizio». Nel 2024, la compagnia prevede di offrire tra i 12,5 e i 13 milioni di posti, di trasportare quasi 12 milioni di passeggeri e di operare circa 80.000 voli, il tutto con un organico che raggiungerà le 2.000 unità entro la fine dell'anno. Volotea collega più di 110 aeroporti in Europa - con i suoi mercati principali in Francia, Italia e Spagna - e ha basi in 21 città europee di piccole e medie dimensioni: Asturie, Atene, Bari, Bilbao, Bordeaux, Brest, Cagliari, Firenze, Amburgo, Lille, Lione, Lourdes, Marsiglia, Nantes, Napoli, Olbia, Palermo, Strasburgo, Tolosa, Venezia e Verona. Le basi di Bari e di Brest, città della Bretagna francese, verranno inaugurate proprio nel 2024.   A partire dal 2021, Volotea ha avviato il rinnovo della propria flotta, passando dal Boeing 717 agli Airbus A319 e A320. Il passaggio a una flotta interamente composta da Airbus, in grado di offrire una maggiore efficienza del carburante per passeggero-chilometro, consente al vettore di impiegare pratiche operative più sostenibili, per raggiungere gli ambiziosi obiettivi di riduzione delle emissioni. [post_title] => Volotea: in flotta da aprile altri tre A320. Nel mirino quasi 12 mln di passeggeri per il 2024 [post_date] => 2024-02-13T12:39:36+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707827976000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459561 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Analisi Eurostat. Nel 2023, il turismo nell’Ue ha continuato a mostrare segni di ripresa dalla pandemia di Covid-19. Il numero stimato di pernottamenti nelle strutture ricettive turistiche nel 2023 ha raggiunto i 2,92 miliardi, superando dell’1,6% il livello pre-pandemia del 2019 (2,87 miliardi) e stabilendo un anno record per il settore ricettivo dell’Ue. Nel 2023 sono stati trascorsi 171 milioni di pernottamenti in più rispetto al 2022 (+6,3%), trainati principalmente da un aumento dei pernottamenti degli ospiti internazionali (+146 milioni) e in misura minore da un aumento dei pernottamenti degli ospiti nazionali (+ 25 milioni). I livelli di turismo (in termini di pernottamenti) erano superiori del 25% rispetto a dieci anni prima (2013: 2,33 miliardi di pernottamenti). Queste informazioni provengono dalle prime stime sul turismo pubblicate oggi da Eurostat (basate sui dati mensili di gennaio-ottobre o novembre 2023, a seconda di ciascun paese). L'articolo presenta una serie di risultati tratti dall'articolo più dettagliato Statistics Explained.  Rispetto al 2022 quasi tutti i membri dell’Ue hanno registrato un aumento nel 2023, solo il Lussemburgo ha registrato un leggero calo (-0,1%). A Malta e Cipro la crescita ha superato il 20% e in altri 8 membri dell’UE ha superato il 10% (Slovacchia, Lettonia, Bulgaria, Austria, Repubblica Ceca, Portogallo, Romania e Grecia). In termini assoluti, l'aumento maggiore dei pernottamenti è stato osservato in Germania (+32,8 milioni di pernottamenti) e Spagna (+32,3 milioni di pernottamenti).   [post_title] => Eurostat: in Europa superati i livello di flussi turistici rispetto al 2019 [post_date] => 2024-01-17T10:51:49+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705488709000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458965 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "I Boeing 737 Max 9 rimarranno a terra finché l'agenzia non sarà convinta che possano operare in sicurezza": così la Federal Aviation Administration ha confermato ieri il grounding di 171 velivoli, a seguito dell'incidente che lo scorso venerdì ha coinvolto un aeromobile dello stesso modello di Alaska Airlines.  Nuova battuta di arresto dunque per Boeing alle prese con un percorso già complesso a causa del lungo fermo cui è stato sottoposto il 737 Max dopo gli incidenti del 2018 e del 2019 (il grounding a livello mondiale era durato 20 mesi9, successivamente, dalle conseguenze della pandemia. La direttiva Faa riguarda i modelli Max 9 "con la porta centrale chiusa", secondo il documento pubblicato sul suo sito web. Si tratta di una porta chiusa e mascherata (nota come "plug door") da un divisorio che lascia visibile solo un finestrino. I modelli della versione Max-8 in servizio non sono interessati (così come le versioni Max-7 e Max-10, non ancora in commercio). I voli cancellati Alaska Airlines ha quindi messo a terra i suoi 65 737 Max-9 e i voli cancellati ieri hanno interessato circa 23.000 passeggeri; per oggi si prevedono ulteriori disagi. United Airlines ha lasciato a terra i 79 velivoli, cancellando ieri 60 voli. Al di fuori degli Stati Uniti, Turkish Airlines ha ritirato dal servizio cinque dei suoi 737 Max-9 per ispezioni, "come misura precauzionale", ha dichiarato la compagnia aerea turca sul suo sito web. I cinque aerei saranno "ritirati dalla flotta operativa ovunque atterrino" e saranno ispezionati prima di riprendere i voli, ha aggiunto. Anche Copa Airlines ha sospeso l'operatività dei suoi 21 aerei per ispezioni. Flydubai ha dichiarato che i suoi tre 737 Max-9 non sono stati colpiti perché hanno una "configurazione diversa" rispetto agli aerei di Alaska Airlines e sono stati sottoposti a recenti controlli di sicurezza. Secondo la società di analisi aeronautica Cirium, in tutto il mondo sono in servizio circa 215 737 Max-9, ma di questi solo 171 sono dotati del portellone che è esploso durante il volo di Alaska Airlines. In Europa, l'Easa (Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza aerea) ha indicato che nessuna compagnia aerea europea utilizza Max-9 con la configurazione oggetto della direttiva Faa; lo stesso vale per la Civil Aviation Authority del Regno Unito. [post_title] => I Boeing 737 Max 9 restano a terra: la decisione della Faa e i voli cancellati [post_date] => 2024-01-08T09:46:20+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704707180000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1717" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":4,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":62,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465117","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Delta Air Lines punta i riflettori su Filadelfia, Baltimora, New York, Lancaster, in totale otto città della costa orientale degli Stati Uniti, che hanno ricoperto il ruolo di capitale degli Usa in un determinato momento della storia prima di Washington D.C.\r\n\r\nLocalità che sono state protagonista nella costituzione del paese e hanno molto da offrire ai viaggiatori: grazie ai voli diretti della compagnia aerea da Milano, Roma, Venezia e - dal 25 maggio - Napoli per New York-Jfk, è possibile scoprire i siti storici di queste città.\r\n\r\nÈ a Filadelfia che nel 1776 i padri fondatori degli Stati Uniti firmarono la Dichiarazione di Indipendenza e, nel 1787, la Costituzione. Tra il 1774 e il 1800 tre gli edifici furono sede di quello che oggi può essere considerato il Congresso degli Stati Uniti, tra cui spiccano la Carpenters Hall e l'Independece Hall, nell'Independence National Historical Park, dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco nel 1979. \r\n\r\nBaltimora ha svolto un ruolo chiave nella rivoluzione americana. Il Congresso si riunì alla Henry Fite House tra il dicembre 1776 e il febbraio 1777, facendo di questa città costiera la capitale degli Stati Uniti in questo breve periodo. Annapolis, piccola città costiera a 50 km a sud di Baltimora, è l'attuale capoluogo dello stato del Maryland e ospitò il Congresso nella Maryland State House tra il 1783 e il 1784 per appena nove mesi. Anche in questo caso le città sono raggiungibili con la compagnia aerea via New York.\r\n\r\nLancaster ospitò il Congresso per un solo giorno, il 27 settembre 1777, presso la Court House. Quest’area della Pennsylvania è famosa per essere sede di molte comunità Amish.  York fu capitale tra il 1777 e il 1778 e vanta attrazioni come lo York County Colonial Complex, un complesso museale che comprende l'edificio più antico della città, risalente al XVIII secolo, e una replica del tribunale dove Il Congresso approvò gli Articoli della Confederazione (la prima Costituzione della nazione) nel 1777, rendendo York, secondo alcuni, la vera prima capitale del Paese. Lancaster si raggiunge in auto da Filadelfia in un’ora e mezza, York in un’ora e 45 minuti.\r\n\r\nPrinceton, sede di una delle università più prestigiose degli Stati Uniti, merita una visita anche di un solo giorno da New York per respirare l'atmosfera delle vie raccolte attorno a Nassau Street, piene di ristoranti e animate da studenti, e vedere l'università, con edifici ricchi di storia e prati da cartolina. Trenton è l'attuale capoluogo del New Jersey e fu capitale degli Stati Uniti per due mesi nel 1784. Entrambe le località distano circa un’ora di macchina da New York.\r\n\r\nNew York è stata capitale della nazione tra il 1785 e il 1788, fu la prima capitale degli Stati Uniti dopo la Guerra di Indipendenza, A New York, nel 1789, George Washington fece giuramento come primo Presidente del Paese alla Federal Hall, situata in Wall Street. Washington D.C., capitale del Paese dal 1800 ad oggi. I punti di interesse qui per i viaggiatori curiosi qui sono innumerevoli, dal Campidoglio ai monumenti in onore di Abraham Lincoln, Washington e a Jefferson, fino al cimitero nazionale di Arlington. Inoltre, la città ospita molti altri luoghi di interesse come il complesso museale Smithsonian, che include il Museo Nazionale dell'Aria e dello Spazio, il Museo Nazionale di Storia Naturale o il Museo di Arte Americana. Punto d’arrivo di un viaggio alla scoperta della storia degli Stati Uniti è la Casa Bianca, con i suoi oltre 200 anni di storia.\r\n\r\n[gallery ids=\"465124,465127,465126\"]","post_title":"Delta Air Lines alla scoperta delle ex capitali Usa: tutti i voli dall'Italia, via New York","post_date":"2024-04-09T10:54:28+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712660068000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465008","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Primo trimestre da record per il Torino Airport, che con oltre 1,11 milioni di passeggeri ha centrato il suo miglior risultato di sempre in questa frazione di inizio anno. Con un totale di 1.114.448 passeggeri, Caselle ha registrato quindi una crescita del 3,7% sullo stesso periodo del 2023 (1.074.195 passeggeri).\r\nTutti e tre i mesi - gennaio, febbraio e marzo - hanno battuto i rispettivi record mensili dell’anno precedente. A trainare la crescita è stato il traffico internazionale con un incremento dei volumi pari al 7,6% arrivando a rappresentare il 60% del traffico totale: i passeggeri dei voli internazionali sono infatti passati da 620mila nel 2023 a oltre 667.000 nel 2024.\r\nTale risultato è stato raggiunto anche grazie all’ottimo andamento del traffico neve registrato nella stagione invernale 2023-2024: il numero di sciatori trasportati ha registrato un incremento del 9% rispetto alla stagione 2022-2023.\r\nI voli per gli sciatori dal Nord Europa hanno riportato alcune novità di linea come Belfast (collegata da Ryanair) e London Heathrow (collegata da British Airways), a cui va sommato il volo charter da East Midlands, sempre in Gran Bretagna; inoltre Air Baltic si è aggiunta su Vilnius (già servita da Ryanair).\r\nAnche i flussi turistici legati alle vacanze pasquali hanno contribuito in maniera significativa al raggiungimento del record del trimestre: nella settimana di Pasqua, dal giovedì santo al martedì successivo, i passeggeri sono stati oltre 85.000 tra arrivi e partenze, in crescita del 7,9% sui dati registrati negli analoghi giorni di Pasqua 2023 (circa 80.000).","post_title":"Torino Airport: il traffico internazionale traina i risultati record del primo trimestre 2024","post_date":"2024-04-08T10:15:55+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712571355000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464238","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Proseguono i piani di espansione di B&B Hotels in Italia, che punta a superare quota 80 indirizzi nella Penisola già entro la fine di quest'anno. \"Al momento siamo a 71 strutture, capaci di generare circa il 13% del fatturato totale del nostro gruppo\", ha spiegato Liliana Comitini, ceo e presidente Italia, Slovenia e Ungheria della compagnia francese, in occasione dell'Hotellerie Summit di Pambianco alla Borsa di Milano.\r\n\r\nLa sua divisione ha in particolare raggiunto nel 2023 un giro d'affari di 152 milioni di euro, con una marginalità pari a quasi il 30% (ebitda: 43,5 mln. Nel 2022 i valori erano 117 mln e 25 mln rispettivamente, ndr). A livello globale B&B Hotels è invece arrivata a 1,2 miliardi dai 945 milioni dell'anno precedente.\r\n\r\nTra gli obiettivi di sviluppo in Italia del gruppo da qualche tempo ci sono anche le destinazioni leisure: \"Recentemente abbiamo aperto a Bari, Trapani e Catania e vogliamo continuare lungo questa direzione. Cerchiamo però strutture in grado di rimanere aperte almeno una decina di mesi all'anno. Stiamo guardando alla montagna ma anche alle coste. Pensiamo in particolare che al Sud ci siano parecchie opportunità da esplorare\".\r\n\r\nCon la prima recente apertura negli Usa, e prossimamente nel Regno Unito, gli obiettivi di B&B Hotel sono ambiziosi: superare la soglia dei 3 mila indirizzi a livello globale entro il 2030, di cui 150 solo in Italia. \"Dall'anno scorso siamo aperti anche al franchising - ha aggiunto Liliana Comitini -. Certo, il nostro modello di sviluppo principale rimane quello delle gestioni dirette, ma in determinati contesti possiamo ora pensare anche alle affiliazioni commerciali. Nella nostra Penisola al momento  ne abbiamo già due. In linea generale cerchiamo strutture di dimensione compresa tra le 80 e le 120 camere. Ma anche a questo riguardo siamo piuttosto flessibili: non escludiamo infatti la possibilità di aggiungere al nostro portfolio alberghi più piccoli, soprattutto se si trovano in centro città e godono di ottimi livelli di occupazione. Allo stesso modo siamo disponibili anche a operare hotel più grandi, sempre che ci siano le condizioni per farlo\".","post_title":"B&B Hotels si apre all'opzione leisure in Italia: focus sul Sud","post_date":"2024-03-25T13:48:15+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1711374495000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463478","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022).\r\n\r\nDiscorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022).\r\n\r\nPambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022).","post_title":"Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's","post_date":"2024-03-14T13:32:42+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1710423162000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462003","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Abu Dhabi International Airport cambia nome e diventa Zayed International Airport, in onore del padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan. Il nuovo nome racchiude la ricchezza della cultura emiratina e del patrimonio arabo.\r\nCon il Terminal A, Zayed International Airport dispone di uno dei terminal più grandi al mondo in grado di accogliere fino a 45 milioni di passeggeri all’anno e di segnare una nuova era per i trasporti e le infrastrutture aeronautiche di Abu Dhabi e degli Emirati Arabi Uniti. Nei primi 60 giorni dalla piena operatività del Terminal A, lo scalo ha accolto 4,48 milioni di passeggeri con 1,21 milioni di arrivi, 1,22 milioni di partenze, 2 milioni di trasferimenti e oltre 24.000 voli. L'aeroporto ha proposto un network di 117 destinazioni nel dicembre 2023 con un aumento del 20% rispetto alle 100 città del 2022, grazie a una rete di compagnie aeree in rapida crescita composta da 28 vettori internazionali.\r\nCon strutture all'avanguardia a livello mondiale, tra cui la tecnologia biometrica per snellire il processo di screening e imbarco, 35.000 metri quadrati di spazio per la vendita al dettaglio e f&b e 163 punti vendita per i passeggeri per fare acquisti, cenare e divertirsi, il Terminal A pone l'esperienza dei passeggeri al centro delle operazioni. Dall'apertura del terminal nel novembre 2023 sono stati raggiunti numerosi traguardi operativi, tra cui la fornitura di un certo livello di servizio per i viaggiatori e l'attrazione di un gruppo crescente di compagnie aeree internazionali.\r\nNel complesso, i risultati del traffico passeggeri di Abu Dhabi Airports per il 2023 mostrano un aumento significativo della domanda di passeggeri. Un totale di 22.935.316 passeggeri ha volato attraverso uno dei cinque aeroporti commerciali di Abu Dhabi tra il 1° gennaio e il 31 dicembre, per un aumento della domanda del 44,5% rispetto al 2022. Per il 2024 e oltre, Abu Dhabi Airports prevede un'ulteriore crescita del traffico passeggeri e merci, con l'offerta di aviazione potenziata di Zayed International Airport al centro di questa prospettiva positiva.\r\n«Zayed International Airport è la porta d’accesso alla condivisione di Abu Dhabi e il suo patrimonio con il mondo, accogliendo i viaggiatori all’insegna dei valori di connettività, innovazione e sostenibilità - ha sottolineato Elena Sorlini, managing director e ceo di Abu Dhabi Airports -. Grazie al lavoro e alla dedizione dei nostri dipendenti, dei nostri partner e di tutti coloro che sono stati coinvolti, il 2023 è stato un anno estremamente positivo per Abu Dhabi Airports. Sono particolarmente orgogliosa del fatto che, sin dalla sua apertura, le operazioni del Terminal A abbiano avuto un grande successo. Ai passeggeri viene offerta un’esperienza di viaggio autentica, inclusiva e continua radicata nel patrimonio culturale emiratino dell’ospitalità e alimentata da una tecnologia all’avanguardia».\r\n[gallery ids=\"462006,462007,462005\"]\r\n ","post_title":"Abu Dhabi: lo scalo cambia nome e diventa Zayed International Airport","post_date":"2024-02-22T09:15:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708593352000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461714","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Norwegian vola alto e, dopo aver registrato utili operativi superiori alle previsioni nel quarto trimestre 2023, portando il risultato dell'intero anno a un massimo storico, punta dritto verso un nuovo record di profitti per il 2024.\r\n\r\nI risultati segnano un'inversione di tendenza per la low cost, che solo pochi anni fa avrebbe potuto addirittura uscire dal mercato, schiacciata da pesanti debiti e dalla conseguenze della pandemia. \r\n\r\nL'utile operativo del trimestre ottobre-dicembre del vettore è stato di 328 milioni di corone (31,08 milioni di dollari), superiore ai 177 milioni previsti dalla società e a fronte di una perdita di 39 milioni dell'anno precedente.\r\n\r\n\"Questo dimostra che la ripresa degli utili che Norwegian ha attraversato... è ancora in grado di fornire numeri da record, anche se vola molto meno di prima\", ha dichiarato Jacob Pedersen, analista di Sydbank.\r\n\r\nSempre nel quarto trimestre Norwegian ha trasportato 4,7 milioni rispetto ai 4,6 milioni dell'anno precedente, con un load factor dell'84,4%.\r\n\r\nLa capacità (Ask) dovrebbe aumentare del 12% quest'anno, e sempre per il 2024 la compagnia prevede un utile operativo compreso tra 2,5 e 3,2 miliardi di corone, in aumento rispetto ai 2,2 miliardi di corone del 2023.\r\n\r\n\"Lo slancio delle prenotazioni (per l'estate) è buono... molto buono\", ha dichiarato il ceo, Geir Karlsen durante la presentazione dei risultati annuali.","post_title":"Norwegian punta a incassare profitti da record nel 2024","post_date":"2024-02-16T13:37:38+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708090658000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461390","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volotea amplia la flotta con l'ingresso di tre Airbus A320, che porteranno il totale aeromobili operativi a quota 44, di cui 20 Airbus A319 e 24 A320. I tre nuovi velivoli, dotati di motori Cfm e di una capacità di 180 passeggeri, entreranno in servizio ad aprile, con l'inizio della stagione estiva.\r\n\r\n«Solo l'anno scorso Volotea ha trasportato più di 10 milioni di passeggeri su quasi 70.000 voli, con un tasso di occupazione medio del 92% per i nostri voli di linea - ha sottolineato Stephen Rapp, chief financial officer del vettore spagnolo -. Con un fatturato di circa 700 milioni di euro e margini finanziari storici per un'azienda attiva da poco più di dieci anni, la previsione per quest'anno è di continuare a crescere e aumentare la nostra capacità del 15%. Con questi nuovi aeromobili ci prepariamo ad affrontare la stagione estiva, tradizionalmente il periodo di maggior traffico per la compagnia. Inoltre, il modello Airbus A320, più moderno ed efficiente, ci permetterà di migliorare la nostra competitività e di raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni, garantendo comunque ai nostri clienti il miglior servizio».\r\n\r\nNel 2024, la compagnia prevede di offrire tra i 12,5 e i 13 milioni di posti, di trasportare quasi 12 milioni di passeggeri e di operare circa 80.000 voli, il tutto con un organico che raggiungerà le 2.000 unità entro la fine dell'anno. Volotea collega più di 110 aeroporti in Europa - con i suoi mercati principali in Francia, Italia e Spagna - e ha basi in 21 città europee di piccole e medie dimensioni: Asturie, Atene, Bari, Bilbao, Bordeaux, Brest, Cagliari, Firenze, Amburgo, Lille, Lione, Lourdes, Marsiglia, Nantes, Napoli, Olbia, Palermo, Strasburgo, Tolosa, Venezia e Verona. Le basi di Bari e di Brest, città della Bretagna francese, verranno inaugurate proprio nel 2024.\r\n\r\n \r\n\r\nA partire dal 2021, Volotea ha avviato il rinnovo della propria flotta, passando dal Boeing 717 agli Airbus A319 e A320. Il passaggio a una flotta interamente composta da Airbus, in grado di offrire una maggiore efficienza del carburante per passeggero-chilometro, consente al vettore di impiegare pratiche operative più sostenibili, per raggiungere gli ambiziosi obiettivi di riduzione delle emissioni.","post_title":"Volotea: in flotta da aprile altri tre A320. Nel mirino quasi 12 mln di passeggeri per il 2024","post_date":"2024-02-13T12:39:36+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707827976000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459561","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Analisi Eurostat. Nel 2023, il turismo nell’Ue ha continuato a mostrare segni di ripresa dalla pandemia di Covid-19. Il numero stimato di pernottamenti nelle strutture ricettive turistiche nel 2023 ha raggiunto i 2,92 miliardi, superando dell’1,6% il livello pre-pandemia del 2019 (2,87 miliardi) e stabilendo un anno record per il settore ricettivo dell’Ue.\r\n\r\nNel 2023 sono stati trascorsi 171 milioni di pernottamenti in più rispetto al 2022 (+6,3%), trainati principalmente da un aumento dei pernottamenti degli ospiti internazionali (+146 milioni) e in misura minore da un aumento dei pernottamenti degli ospiti nazionali (+ 25 milioni).\r\n\r\nI livelli di turismo (in termini di pernottamenti) erano superiori del 25% rispetto a dieci anni prima (2013: 2,33 miliardi di pernottamenti). Queste informazioni provengono dalle prime stime sul turismo pubblicate oggi da Eurostat (basate sui dati mensili di gennaio-ottobre o novembre 2023, a seconda di ciascun paese). L'articolo presenta una serie di risultati tratti dall'articolo più dettagliato Statistics Explained. \r\n\r\nRispetto al 2022 quasi tutti i membri dell’Ue hanno registrato un aumento nel 2023, solo il Lussemburgo ha registrato un leggero calo (-0,1%). A Malta e Cipro la crescita ha superato il 20% e in altri 8 membri dell’UE ha superato il 10% (Slovacchia, Lettonia, Bulgaria, Austria, Repubblica Ceca, Portogallo, Romania e Grecia). In termini assoluti, l'aumento maggiore dei pernottamenti è stato osservato in Germania (+32,8 milioni di pernottamenti) e Spagna (+32,3 milioni di pernottamenti).\r\n\r\n ","post_title":"Eurostat: in Europa superati i livello di flussi turistici rispetto al 2019","post_date":"2024-01-17T10:51:49+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1705488709000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458965","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"I Boeing 737 Max 9 rimarranno a terra finché l'agenzia non sarà convinta che possano operare in sicurezza\": così la Federal Aviation Administration ha confermato ieri il grounding di 171 velivoli, a seguito dell'incidente che lo scorso venerdì ha coinvolto un aeromobile dello stesso modello di Alaska Airlines. \r\n\r\nNuova battuta di arresto dunque per Boeing alle prese con un percorso già complesso a causa del lungo fermo cui è stato sottoposto il 737 Max dopo gli incidenti del 2018 e del 2019 (il grounding a livello mondiale era durato 20 mesi9, successivamente, dalle conseguenze della pandemia.\r\n\r\nLa direttiva Faa riguarda i modelli Max 9 \"con la porta centrale chiusa\", secondo il documento pubblicato sul suo sito web. Si tratta di una porta chiusa e mascherata (nota come \"plug door\") da un divisorio che lascia visibile solo un finestrino. I modelli della versione Max-8 in servizio non sono interessati (così come le versioni Max-7 e Max-10, non ancora in commercio).\r\nI voli cancellati\r\nAlaska Airlines ha quindi messo a terra i suoi 65 737 Max-9 e i voli cancellati ieri hanno interessato circa 23.000 passeggeri; per oggi si prevedono ulteriori disagi. United Airlines ha lasciato a terra i 79 velivoli, cancellando ieri 60 voli.\r\n\r\nAl di fuori degli Stati Uniti, Turkish Airlines ha ritirato dal servizio cinque dei suoi 737 Max-9 per ispezioni, \"come misura precauzionale\", ha dichiarato la compagnia aerea turca sul suo sito web. I cinque aerei saranno \"ritirati dalla flotta operativa ovunque atterrino\" e saranno ispezionati prima di riprendere i voli, ha aggiunto. Anche Copa Airlines ha sospeso l'operatività dei suoi 21 aerei per ispezioni.\r\n\r\nFlydubai ha dichiarato che i suoi tre 737 Max-9 non sono stati colpiti perché hanno una \"configurazione diversa\" rispetto agli aerei di Alaska Airlines e sono stati sottoposti a recenti controlli di sicurezza. Secondo la società di analisi aeronautica Cirium, in tutto il mondo sono in servizio circa 215 737 Max-9, ma di questi solo 171 sono dotati del portellone che è esploso durante il volo di Alaska Airlines.\r\n\r\nIn Europa, l'Easa (Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza aerea) ha indicato che nessuna compagnia aerea europea utilizza Max-9 con la configurazione oggetto della direttiva Faa; lo stesso vale per la Civil Aviation Authority del Regno Unito.","post_title":"I Boeing 737 Max 9 restano a terra: la decisione della Faa e i voli cancellati","post_date":"2024-01-08T09:46:20+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1704707180000]}]}}

Lascia un commento