2 October 2022

1697

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

VENDO agenzia viaggi in Roma zona Roma Est avviata, licenza B, 45 mq su strada, locale ristrutturato, tre postazioni di lavoro e ampio magazzino, 5
anni di attività, ottimo affitto, possibilità di affiancamento. AFFARE 335 7061842.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430913 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Palazzo Ducale di Genova ospita, dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023, una straordinaria esposizione per raccontare la grandezza del massimo pittore barocco di sempre: Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città. Il progetto nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). La curatela è di Nils Büttner. Rubens soggiornò in diverse occasioni a Genova tra il 1600 e il 1607, visitandola anche al seguito del duca di Mantova, Vincenzo I Gonzaga, presso cui ricopriva il ruolo di pittore di corte. Ebbe così modo di intrattenere rapporti diretti e in alcuni casi molto stretti con i più ricchi e influenti aristocratici dell’oligarchia cittadina. In mostra sono presentate più di 150 opere, tra le quali hanno il ruolo di protagonisti oltre venti Rubens provenienti da musei e collezioni europee e italiane, che si sommano a quelli presenti in città, giungendo così a un numero come non vi era dalla fine del Settecento a Genova; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo. A partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola e Bernardo Castello), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders). Disegni, incisioni, arazzi, arredi, volumi antichi, perfino abiti, accessori femminili e gioielli consentono di celebrare la grandiosità di una capitale artistica visitata da uno dei maggiori artisti di tutti i tempi e confermano quell’appellativo di Superba che fu dato a Genova. La mostra gode della collaborazione della città di Anversa e del Centrum Rubenianum di Anversa, dell’ambasciata del Belgio in Italia, del consolato onorario del Belgio a Genova, della città di Mantova, di VisitFlanders, nonché della Camera di commercio di Genova. Il comune sta lavorando ad attivare altre partnership istituzionali con altri enti e città italiane ed europee. L’appuntamento espositivo di Palazzo Ducale è l’occasione per attivare un progetto di grande rilievo, dal titolo Rubens 22. A network ideato e curato da Anna Orlando; di fatto la più importante rete culturale mai attivata a Genova intorno a un singolo artista. In città, inoltre, il visitatore potrà seguire un vero e proprio itinerario rubensiano alla scoperta dei capolavori nelle loro sedi permanenti. Il tour in città sarà segnalato con veri e propri focus, a completamento del racconto narrato dalla mostra di Palazzo Ducale e toccherà anche i palazzi cinquecenteschi che Rubens certamente visitò. Nel quadro delle altre iniziative cittadine si segnala, nel giugno del 2023, la finale di Ocean Race, il maggior evento velistico internazionale che prenderà avvio da Alicante nel 2022. La città si prepara a questo importante appuntamento con una serie di eventi che presentano Genova al mondo. Ebbene, Rubens a Genova e il progetto Rubens 22. A Network fanno parte del programma culturale di Ocean Race. La mostra è prodotta dal comune di Genova con fondazione Palazzo Ducale per la vultura e la casa editrice Electa, con il supporto e la partecipazione dello sponsor unico Rimorchiatori Riuniti. Ilgruppo ha voluto sostenere questo importante progetto artistico e cultuale per celebrare, insieme alla città dove è nato e ha sede, i suoi primi 100 anni di storia. [post_title] => Rubens a Genova: 150 opere in mostra nella città ligure dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023 [post_date] => 2022-09-22T12:36:01+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663850161000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430712 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tap Air Portugal propone tante destinazioni in Portogallo e oltre Atlantico a tariffe speciali, da prenotare entro il prossimo 2 ottobre, per partenze fino al 30 giugno 2023. Tra le proposte, il Portogallo da 89 euro, Madeira da 109 euro, Azzorre da 169 euro; 11 destinazioni in Brasile da 419 euro oltre che verso il Nord e Centro America, ad esempio New York da 269 euro. La compagnia consente anche lo Stopover gratis a Lisbona fino a 5 notti, nella tratta di andata oppure di ritorno verso le numerose destinazioni oltreoceano. L’iniziativa è valida anche per Madeira e le Azzorre e dà diritto a una serie di altri vantaggi come tariffe alberghiere esclusive, offerte speciali e sconti presso numerosi partner.  Tap opera 93 voli settimanali dall’Italia con partenze dirette per Lisbona da 6 aeroporti: Milano Malpensa, Roma Fiumicino, Venezia, Firenze, Bologna e Napoli. Grazie al codeshare con Ita Airways si può partire da altri 11 aeroporti (Brindisi, Bologna, Bari, Catania, Genova, Napoli, Palermo, Lamezia Terme, Torino, Trieste e Verona), mentre l’accordo con Trenitalia permette di avere nello stesso biglietto la combinazione treno ad alta velocità-aereo, iniziando o terminando il viaggio nelle stazioni centrali di numerose città.  [post_title] => Tap Air Portugal incentiva le prenotazioni per viaggiare fino al 30 giugno 2023 [post_date] => 2022-09-20T09:15:38+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663665338000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429979 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Premio di produzione più consistente per i dipendenti Gb Viaggi. Per far fronte al caro vita, il to capitolino, che negli ultimi anni ha portato avanti importanti investimenti per la formazione e la valorizzazione delle competenze interne, quest'anno ha deciso di ricompensare ulteriormente i propri collaboratori con una maggiorazione del premio aziendale che va dai 500 ai 1.500 euro, a seconda degli obiettivi raggiunti. “Il gruppo, nonostante gli anni difficili affrontati da tutto il comparto turistico, continua a crescere - commenta Giuseppe Naimo, direttore risorse umane Gb Viaggi -. Il cuore pulsante della nostra azienda e del nostro successo sono le persone. Senza di loro, i risultati non sarebbero stati raggiunti. Ed è per questo che vogliamo riconoscere, in modo concreto, il valore del loro contributo”. Impegno, costanza e duro lavoro hanno portato il tour operator a una crescita esponenziale, che quest’anno ha superato ogni aspettativa con un incremento del +169% sulle presenze nell’ultimo biennio e un +70% in più solo nell’ultimo anno, chiudendo la stagione 2022 con un fatturato di circa 21 milioni di euro. L’incremento del premio di produzione è stato il frutto di un confronto aperto e collaborativo con la Rsu aziendale, nel tentativo di accrescere la qualità della vita di tutti i lavoratori. [post_title] => Gb Viaggi continua a crescere e aumenta il premio di produzione per i dipendenti [post_date] => 2022-09-06T09:12:01+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1662455521000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429608 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E’ considerato uno tra i più bei musei etruschi sia per la ricchezza degli oggetti esposti che per il suggestivo allestimento. Il museo archeologico di Chianciano Terme è un vero e proprio gioiello, una tappa imperdibile per chi visita la rinomata località termale. Il museo, una mostra sulla civiltà etrusca, è ospitato all’interno di un vecchio granaio dei primi dell’ottocento, e si sviluppa su quattro piani, a cominciare dalla cantina con galleria scavata nella roccia. La visita è organizzata per sezioni tematiche che illustrano tutti gli aspetti della vita e della morte degli antichi abitanti della Toscana, attraverso reperti, suggestive ricostruzioni, descrizioni, immagini e brevi video. «La struttura museale nasce nel 1997 – spiega Roberto Betti, presidente dell’associazione Geo-Archeologica -  a seguito di un lungo lavoro svolto dai volontari della nostra divisione locale. Tutto quello che c’è, è stato trovato e restaurato dai volontari. L’obiettivo era proprio quello di mostrare attraverso gli oggetti e il contesto chi erano gli etruschi, popolo che ha lasciato poche testimonianze scritte. Si tratta comunque di scavi moderni iniziati nel 1986». Tra le chicche, la scoperta di un tomba principesca  del VII secolo a.C. ricostruita nella prima sala del museo. Molto suggestivo il percorso nella cantina ipogea del 1800, tra tombe etrusche ricostruite, che mostrano ricchi corredi e misteriosi vasi cinerari a forma umana, detti canopi. Al di fuori del suo orario di apertura, il museo è visitabile su prenotazione per gruppi di minimo 20 persone. [post_title] => Chianciano Terme rilancia il museo archelogico Etrusco [post_date] => 2022-08-31T09:10:54+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1661937054000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429391 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_429392" align="alignleft" width="300"] La Brilliance of the Seas. Foto di Ahecht - Own work, CC BY-SA 4.0 [/caption] Cambio di programma per il gruppo Royal Caribbean, che per le crociere nel Mediterraneo del 2023 ha deciso di sostituire la Brilliance of the Seas, della classe Radiance costruita nel 2002, con la più datata Enchantment of the Seas (classe Vision, 1997), originariamente destinata agli itinerari in Australia. La mossa sarebbe stata dovuta all'introduzione di nuovi regolamenti sulla velocità delle navi da parte dell'International Maritime Organization ma, contattata da Travel Weekly,  la compagnia non ha rivelato quali specifiche normative avrebbero comportato il cambiamento. La Brilliance da 2.543 passeggeri salperà quindi la prossima primavera, fino a tutta l'estate, da Vancouver per crociere verso l'Alaska. Da ottobre 2023 si riposizionerà poi in Australia, con base a Sidney. Allo stesso tempo la Enchantment da 2.730 passeggeri prenderà il posto della stessa Brilliance nel Mediterraneo a partire proprio dalla prossima primavera. Qui rimarrà fino a novembre 2023, quando si sposterà a Tampa per viaggi verso le Bahamas e i Caraibi. I passeggeri coinvolti nel cambiamento di programma saranno automaticamente riprotetti a bordo della nave sostitutiva, ma avranno anche l'opportunità di prenotare un'altra crociera oppure di ricevere un rimborso completo. [post_title] => Royal Caribbean: niente Mediterraneo per la Brilliance nel 2023. Al suo posto la Enchantment [post_date] => 2022-08-04T14:49:47+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1659624587000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429055 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Gruppo Aeroflot ha registrato un calo del 57,8% del traffico internazionale nel secondo trimestre del 2022, mentre il traffico domestico è diminuito "solo" del 16,7%. Colpita dalle sanzioni occidentali in seguito all'invasione dell'Ucraina da parte della Russia alla fine di febbraio, la compagnia aerea e le sue controllate Rossiya, Pobeda e Aurora hanno trasportato 8,68 milioni di passeggeri negli aeroporti del Paese nel secondo trimestre, con un calo del 22,4% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Mentre il traffico nazionale è sceso del 16,7% a 8,027 milioni di clienti, il traffico internazionale si è più che dimezzato: 652.700 passeggeri contro 1,548 milioni di un anno fa (-57,8%). Per la sola Aeroflot, i 4,182 milioni di passeggeri trasportati nel secondo trimestre sono diminuiti del 17,9% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Il traffico nazionale è sceso leggermente a 3,777 milioni di clienti (-2,5%), ma il traffico sulle rotte internazionali si è ridotto di due terzi: 408.100 passeggeri rispetto a 1,222 milioni di un anno fa (-66%). I risultati operativi del Gruppo Aeroflot nel secondo trimestre del 2022 "sono stati influenzati dall'attuale situazione geopolitica e da significative restrizioni di volo", spiega una nota del vettore. Il gruppo ha "recuperato attivamente i volumi di trasporto dopo un calo nel marzo 2022, con un tasso di crescita medio mensile nel secondo trimestre del 19,5%". I voli internazionali "sono stati parzialmente ripristinati", mentre "i voli domestici hanno ripreso a crescere". Complessivamente, nel primo semestre del 2022 il Gruppo Aeroflot ha trasportato 17,184 milioni di clienti (-7,4%), con un traffico in calo dell'8,5% sulle rotte domestiche e dello 0,2% su quelle internazionali, con un load factor medio del 79,9% (+1%). [post_title] => Gruppo Aeroflot: traffico internazionale più che dimezzato nel secondo trimestre [post_date] => 2022-07-29T09:00:24+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1659085224000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 428996 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Enac ha celebrato il suoi primi 25 anni: nasceva infatti il 25 luglio del 1997 l'Ente che unificava in una sola autorità i tre enti che esistevano prima per regolare il trasporto aereo. Semplificazione ma anche cambio di prospettiva, perché alla vigilanza e al controllo delle attività aeronautiche si aggiunse subito una nuova attenzione verso il cittadino passeggero. “Ricordo che la Carta dei Diritti del Passeggero fu uno dei nostri primi obiettivi – ha sottolineato il presidente Pierluigi Di Palma, allora direttore generale dell’ENAC – e segnò l’indirizzo della nostra azione”. Una politica rinnovata e diversa, con un netto cambio di marcia rispetto al passato e che anno dopo anno ha guidato l’aviazione civile verso la “riconciliazione con l’ambiente”, con la riduzione delle emissioni, le liberalizzazioni, il rispetto del passeggero e anche dell’interesse pubblico e ora guarda alla Mobilità Aerea Avanzata, all’uso dei droni e progetta il Criptaliae Spaceport a Grottaglie, in Puglia, prima realizzazione europea di eccellenza nella New Space Economy. Il primo quarto di secolo dell'Enac è stato celebrato al Circolo Ufficiali delle Forze Armate d’Italia, a Roma, con una cerimonia alla presenza del Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili Enrico Giovannini, delle Istituzioni nazionali e dei vertici delle società del settore. “Abbiamo voluto evidenziare il percorso che in questo quarto di secolo ha trasformato profondamente un settore così importante per l’economia italiana, capace di generare fino a 750 posti di lavoro ogni ulteriore milione di passeggeri trasportati”. [post_title] => L'Enac al giro di boa dei primi 25 anni di operatività [post_date] => 2022-07-28T09:25:09+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1659000309000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 428047 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Wizz Air frena sul previsto aumento di capacità per l'estate, che si attesterà a circa il +35% rispetto al livello pre-crisi, nel tentativo di arginare i rischi di disservizi e cancellazione voli durante il periodo di punta della stagione. La compagnia aerea afferma di aver "ulteriormente migliorato flessibilità e resilienza del network", misure che includono l'adeguamento degli operativi in cui è stata osservata una "maggiore frequenza" di problemi. Wizz Air aveva previsto di volare il 40% in più di capacità nel secondo trimestre - tra luglio e settembre - rispetto all'anno fiscale 2019-20 ma, dopo l'aggiornamento sui risultati del primo trimestre, prevede di "ridurre l'utilizzo" del 5% (fermandosi quindi al +35%). Nel primo trimestre, la compagnia aerea ha dichiarato di aver continuato a incrementare le proprie attività in un "contesto macro e operativo difficile". Ha messo a segno un aumento della capacità del 30% rispetto all'anno fiscale 2019-20, in linea con le previsioni. I ricavi unitari sono diminuiti del 10% nel trimestre rispetto alla situazione di riferimento pre-crisi. La low cost ha chiuso i tre mesi con una perdita operativa di 285 milioni di euro con un rosso netto di 450 milioni di euro; tuttavia, il vettore prevede un profitto operativo "significativo" per il secondo trimestre, grazie al miglioramento dei ricavi e dei prezzi. Wizz Air sottolinea che la  "liquidità rimane forte, con un saldo di cassa di 1,57 miliardi di euro a fine di giugno". [post_title] => Wizz Air frena sul previsto aumento di capacità estivo per mitigare i disservizi [post_date] => 2022-07-11T10:00:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1657533659000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 427218 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Boom di visitatori per Dubai che, nel periodo tra gennaio e maggio di quest'anno, ha accolto 6,17 milioni di turisti internazionali, con un aumento del 197% rispetto allo stesso periodo di cinque mesi del 2021. Gli ultimi dati sul turismo sono stati rivelati dal Dipartimento dell'Economia e del Turismo di Dubai (DET) in occasione del primo "City Briefing" per il 2022, un evento biennale che fornisce una prospettiva approfondita del settore agli stakeholder e ai partner e discute le strategie future per rafforzare ulteriormente la posizione della città come hub globale per affari, investimenti, talenti e turismo.  "Stiamo sfruttando l'enorme slancio generato dal grande successo dell'Expo 2020 - ha dichiarato Helal Saeed Almarri, direttore generale del Dipartimento dell'Economia e del Turismo di Dubai - per promuovere la crescita di tutti i nostri pilastri turistici, dalle esperienze culturali a quelle culinarie, lavorando al contempo per raggiungere l'ambizioso obiettivo di rendere Dubai la destinazione più visitata e la città del futuro che sarà il posto migliore al mondo per vivere e lavorare". I nuovi dati mostrano che, nel complesso, gli hotel di Dubai hanno mantenuto un livello medio di occupazione del 76% da gennaio a maggio 2022, rispetto al 62% del corrispondente periodo del 2021. Secondo i dati della società di analisi di gestione alberghiera Str, per il periodo gennaio-aprile 2022 Dubai si è classificata al primo posto a livello globale per quanto riguarda l'occupazione alberghiera, davanti ad altre destinazioni internazionali come New York (61%), Londra (60%) e Parigi (57%). [post_title] => Dubai capitalizza l'effetto Expo: oltre 6 milioni di visitatori internazionali nei primi 5 mesi 2022 [post_date] => 2022-06-24T11:51:28+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1656071488000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1697" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":6,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":66,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430913","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Palazzo Ducale di Genova ospita, dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023, una straordinaria esposizione per raccontare la grandezza del massimo pittore barocco di sempre: Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città. Il progetto nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). La curatela è di Nils Büttner.\r\n\r\nRubens soggiornò in diverse occasioni a Genova tra il 1600 e il 1607, visitandola anche al seguito del duca di Mantova, Vincenzo I Gonzaga, presso cui ricopriva il ruolo di pittore di corte. Ebbe così modo di intrattenere rapporti diretti e in alcuni casi molto stretti con i più ricchi e influenti aristocratici dell’oligarchia cittadina.\r\n\r\nIn mostra sono presentate più di 150 opere, tra le quali hanno il ruolo di protagonisti oltre venti Rubens provenienti da musei e collezioni europee e italiane, che si sommano a quelli presenti in città, giungendo così a un numero come non vi era dalla fine del Settecento a Genova; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo.\r\n\r\nA partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola e Bernardo Castello), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders).\r\n\r\nDisegni, incisioni, arazzi, arredi, volumi antichi, perfino abiti, accessori femminili e gioielli consentono di celebrare la grandiosità di una capitale artistica visitata da uno dei maggiori artisti di tutti i tempi e confermano quell’appellativo di Superba che fu dato a Genova.\r\n\r\nLa mostra gode della collaborazione della città di Anversa e del Centrum Rubenianum di Anversa, dell’ambasciata del Belgio in Italia, del consolato onorario del Belgio a Genova, della città di Mantova, di VisitFlanders, nonché della Camera di commercio di Genova. Il comune sta lavorando ad attivare altre partnership istituzionali con altri enti e città italiane ed europee.\r\n\r\nL’appuntamento espositivo di Palazzo Ducale è l’occasione per attivare un progetto di grande rilievo, dal titolo Rubens 22. A network ideato e curato da Anna Orlando; di fatto la più importante rete culturale mai attivata a Genova intorno a un singolo artista. In città, inoltre, il visitatore potrà seguire un vero e proprio itinerario rubensiano alla scoperta dei capolavori nelle loro sedi permanenti. Il tour in città sarà segnalato con veri e propri focus, a completamento del racconto narrato dalla mostra di Palazzo Ducale e toccherà anche i palazzi cinquecenteschi che Rubens certamente visitò. Nel quadro delle altre iniziative cittadine si segnala, nel giugno del 2023, la finale di Ocean Race, il maggior evento velistico internazionale che prenderà avvio da Alicante nel 2022. La città si prepara a questo importante appuntamento con una serie di eventi che presentano Genova al mondo. Ebbene, Rubens a Genova e il progetto Rubens 22. A Network fanno parte del programma culturale di Ocean Race.\r\n\r\nLa mostra è prodotta dal comune di Genova con fondazione Palazzo Ducale per la vultura e la casa editrice Electa, con il supporto e la partecipazione dello sponsor unico Rimorchiatori Riuniti. Ilgruppo ha voluto sostenere questo importante progetto artistico e cultuale per celebrare, insieme alla città dove è nato e ha sede, i suoi primi 100 anni di storia.","post_title":"Rubens a Genova: 150 opere in mostra nella città ligure dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023","post_date":"2022-09-22T12:36:01+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1663850161000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430712","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tap Air Portugal propone tante destinazioni in Portogallo e oltre Atlantico a tariffe speciali, da prenotare entro il prossimo 2 ottobre, per partenze fino al 30 giugno 2023. Tra le proposte, il Portogallo da 89 euro, Madeira da 109 euro, Azzorre da 169 euro; 11 destinazioni in Brasile da 419 euro oltre che verso il Nord e Centro America, ad esempio New York da 269 euro.\r\n\r\nLa compagnia consente anche lo Stopover gratis a Lisbona fino a 5 notti, nella tratta di andata oppure di ritorno verso le numerose destinazioni oltreoceano. L’iniziativa è valida anche per Madeira e le Azzorre e dà diritto a una serie di altri vantaggi come tariffe alberghiere esclusive, offerte speciali e sconti presso numerosi partner. \r\nTap opera 93 voli settimanali dall’Italia con partenze dirette per Lisbona da 6 aeroporti: Milano Malpensa, Roma Fiumicino, Venezia, Firenze, Bologna e Napoli. Grazie al codeshare con Ita Airways si può partire da altri 11 aeroporti (Brindisi, Bologna, Bari, Catania, Genova, Napoli, Palermo, Lamezia Terme, Torino, Trieste e Verona), mentre l’accordo con Trenitalia permette di avere nello stesso biglietto la combinazione treno ad alta velocità-aereo, iniziando o terminando il viaggio nelle stazioni centrali di numerose città. ","post_title":"Tap Air Portugal incentiva le prenotazioni per viaggiare fino al 30 giugno 2023","post_date":"2022-09-20T09:15:38+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663665338000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429979","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Premio di produzione più consistente per i dipendenti Gb Viaggi. Per far fronte al caro vita, il to capitolino, che negli ultimi anni ha portato avanti importanti investimenti per la formazione e la valorizzazione delle competenze interne, quest'anno ha deciso di ricompensare ulteriormente i propri collaboratori con una maggiorazione del premio aziendale che va dai 500 ai 1.500 euro, a seconda degli obiettivi raggiunti.\r\n\r\n“Il gruppo, nonostante gli anni difficili affrontati da tutto il comparto turistico, continua a crescere - commenta Giuseppe Naimo, direttore risorse umane Gb Viaggi -. Il cuore pulsante della nostra azienda e del nostro successo sono le persone. Senza di loro, i risultati non sarebbero stati raggiunti. Ed è per questo che vogliamo riconoscere, in modo concreto, il valore del loro contributo”.\r\n\r\nImpegno, costanza e duro lavoro hanno portato il tour operator a una crescita esponenziale, che quest’anno ha superato ogni aspettativa con un incremento del +169% sulle presenze nell’ultimo biennio e un +70% in più solo nell’ultimo anno, chiudendo la stagione 2022 con un fatturato di circa 21 milioni di euro.\r\n\r\nL’incremento del premio di produzione è stato il frutto di un confronto aperto e collaborativo con la Rsu aziendale, nel tentativo di accrescere la qualità della vita di tutti i lavoratori.","post_title":"Gb Viaggi continua a crescere e aumenta il premio di produzione per i dipendenti","post_date":"2022-09-06T09:12:01+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1662455521000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429608","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E’ considerato uno tra i più bei musei etruschi sia per la ricchezza degli oggetti esposti che per il suggestivo allestimento. Il museo archeologico di Chianciano Terme è un vero e proprio gioiello, una tappa imperdibile per chi visita la rinomata località termale.\r\n\r\nIl museo, una mostra sulla civiltà etrusca, è ospitato all’interno di un vecchio granaio dei primi dell’ottocento, e si sviluppa su quattro piani, a cominciare dalla cantina con galleria scavata nella roccia.\r\n\r\nLa visita è organizzata per sezioni tematiche che illustrano tutti gli aspetti della vita e della morte degli antichi abitanti della Toscana, attraverso reperti, suggestive ricostruzioni, descrizioni, immagini e brevi video.\r\n\r\n«La struttura museale nasce nel 1997 – spiega Roberto Betti, presidente dell’associazione Geo-Archeologica -  a seguito di un lungo lavoro svolto dai volontari della nostra divisione locale. Tutto quello che c’è, è stato trovato e restaurato dai volontari. L’obiettivo era proprio quello di mostrare attraverso gli oggetti e il contesto chi erano gli etruschi, popolo che ha lasciato poche testimonianze scritte. Si tratta comunque di scavi moderni iniziati nel 1986».\r\n\r\nTra le chicche, la scoperta di un tomba principesca  del VII secolo a.C. ricostruita nella prima sala del museo. Molto suggestivo il percorso nella cantina ipogea del 1800, tra tombe etrusche ricostruite, che mostrano ricchi corredi e misteriosi vasi cinerari a forma umana, detti canopi. Al di fuori del suo orario di apertura, il museo è visitabile su prenotazione per gruppi di minimo 20 persone.","post_title":"Chianciano Terme rilancia il museo archelogico Etrusco","post_date":"2022-08-31T09:10:54+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1661937054000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429391","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_429392\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] La Brilliance of the Seas. Foto di Ahecht - Own work, CC BY-SA 4.0 [/caption]\r\n\r\nCambio di programma per il gruppo Royal Caribbean, che per le crociere nel Mediterraneo del 2023 ha deciso di sostituire la Brilliance of the Seas, della classe Radiance costruita nel 2002, con la più datata Enchantment of the Seas (classe Vision, 1997), originariamente destinata agli itinerari in Australia. La mossa sarebbe stata dovuta all'introduzione di nuovi regolamenti sulla velocità delle navi da parte dell'International Maritime Organization ma, contattata da Travel Weekly,  la compagnia non ha rivelato quali specifiche normative avrebbero comportato il cambiamento.\r\nLa Brilliance da 2.543 passeggeri salperà quindi la prossima primavera, fino a tutta l'estate, da Vancouver per crociere verso l'Alaska. Da ottobre 2023 si riposizionerà poi in Australia, con base a Sidney. Allo stesso tempo la Enchantment da 2.730 passeggeri prenderà il posto della stessa Brilliance nel Mediterraneo a partire proprio dalla prossima primavera. Qui rimarrà fino a novembre 2023, quando si sposterà a Tampa per viaggi verso le Bahamas e i Caraibi.\r\n\r\nI passeggeri coinvolti nel cambiamento di programma saranno automaticamente riprotetti a bordo della nave sostitutiva, ma avranno anche l'opportunità di prenotare un'altra crociera oppure di ricevere un rimborso completo.","post_title":"Royal Caribbean: niente Mediterraneo per la Brilliance nel 2023. Al suo posto la Enchantment","post_date":"2022-08-04T14:49:47+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1659624587000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429055","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Gruppo Aeroflot ha registrato un calo del 57,8% del traffico internazionale nel secondo trimestre del 2022, mentre il traffico domestico è diminuito \"solo\" del 16,7%.\r\n\r\nColpita dalle sanzioni occidentali in seguito all'invasione dell'Ucraina da parte della Russia alla fine di febbraio, la compagnia aerea e le sue controllate Rossiya, Pobeda e Aurora hanno trasportato 8,68 milioni di passeggeri negli aeroporti del Paese nel secondo trimestre, con un calo del 22,4% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Mentre il traffico nazionale è sceso del 16,7% a 8,027 milioni di clienti, il traffico internazionale si è più che dimezzato: 652.700 passeggeri contro 1,548 milioni di un anno fa (-57,8%).\r\n\r\nPer la sola Aeroflot, i 4,182 milioni di passeggeri trasportati nel secondo trimestre sono diminuiti del 17,9% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Il traffico nazionale è sceso leggermente a 3,777 milioni di clienti (-2,5%), ma il traffico sulle rotte internazionali si è ridotto di due terzi: 408.100 passeggeri rispetto a 1,222 milioni di un anno fa (-66%).\r\n\r\nI risultati operativi del Gruppo Aeroflot nel secondo trimestre del 2022 \"sono stati influenzati dall'attuale situazione geopolitica e da significative restrizioni di volo\", spiega una nota del vettore. Il gruppo ha \"recuperato attivamente i volumi di trasporto dopo un calo nel marzo 2022, con un tasso di crescita medio mensile nel secondo trimestre del 19,5%\". I voli internazionali \"sono stati parzialmente ripristinati\", mentre \"i voli domestici hanno ripreso a crescere\".\r\n\r\nComplessivamente, nel primo semestre del 2022 il Gruppo Aeroflot ha trasportato 17,184 milioni di clienti (-7,4%), con un traffico in calo dell'8,5% sulle rotte domestiche e dello 0,2% su quelle internazionali, con un load factor medio del 79,9% (+1%).","post_title":"Gruppo Aeroflot: traffico internazionale più che dimezzato nel secondo trimestre","post_date":"2022-07-29T09:00:24+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1659085224000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"428996","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Enac ha celebrato il suoi primi 25 anni: nasceva infatti il 25 luglio del 1997 l'Ente che unificava in una sola autorità i tre enti che esistevano prima per regolare il trasporto aereo. Semplificazione ma anche cambio di prospettiva, perché alla vigilanza e al controllo delle attività aeronautiche si aggiunse subito una nuova attenzione verso il cittadino passeggero.\r\n\r\n“Ricordo che la Carta dei Diritti del Passeggero fu uno dei nostri primi obiettivi – ha sottolineato il presidente Pierluigi Di Palma, allora direttore generale dell’ENAC – e segnò l’indirizzo della nostra azione”. Una politica rinnovata e diversa, con un netto cambio di marcia rispetto al passato e che anno dopo anno ha guidato l’aviazione civile verso la “riconciliazione con l’ambiente”, con la riduzione delle emissioni, le liberalizzazioni, il rispetto del passeggero e anche dell’interesse pubblico e ora guarda alla Mobilità Aerea Avanzata, all’uso dei droni e progetta il Criptaliae Spaceport a Grottaglie, in Puglia, prima realizzazione europea di eccellenza nella New Space Economy.\r\n\r\nIl primo quarto di secolo dell'Enac è stato celebrato al Circolo Ufficiali delle Forze Armate d’Italia, a Roma, con una cerimonia alla presenza del Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili\r\nEnrico Giovannini, delle Istituzioni nazionali e dei vertici delle società del settore. “Abbiamo voluto evidenziare il percorso che in questo quarto di secolo ha trasformato profondamente un settore così importante per l’economia italiana, capace di generare fino a 750 posti di lavoro ogni ulteriore milione di passeggeri trasportati”.","post_title":"L'Enac al giro di boa dei primi 25 anni di operatività","post_date":"2022-07-28T09:25:09+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1659000309000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"428047","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Wizz Air frena sul previsto aumento di capacità per l'estate, che si attesterà a circa il +35% rispetto al livello pre-crisi, nel tentativo di arginare i rischi di disservizi e cancellazione voli durante il periodo di punta della stagione. La compagnia aerea afferma di aver \"ulteriormente migliorato flessibilità e resilienza del network\", misure che includono l'adeguamento degli operativi in cui è stata osservata una \"maggiore frequenza\" di problemi.\r\n\r\nWizz Air aveva previsto di volare il 40% in più di capacità nel secondo trimestre - tra luglio e settembre - rispetto all'anno fiscale 2019-20 ma, dopo l'aggiornamento sui risultati del primo trimestre, prevede di \"ridurre l'utilizzo\" del 5% (fermandosi quindi al +35%).\r\n\r\nNel primo trimestre, la compagnia aerea ha dichiarato di aver continuato a incrementare le proprie attività in un \"contesto macro e operativo difficile\". Ha messo a segno un aumento della capacità del 30% rispetto all'anno fiscale 2019-20, in linea con le previsioni. I ricavi unitari sono diminuiti del 10% nel trimestre rispetto alla situazione di riferimento pre-crisi. La low cost ha chiuso i tre mesi con una perdita operativa di 285 milioni di euro con un rosso netto di 450 milioni di euro; tuttavia, il vettore prevede un profitto operativo \"significativo\" per il secondo trimestre, grazie al miglioramento dei ricavi e dei prezzi. Wizz Air sottolinea che la  \"liquidità rimane forte, con un saldo di cassa di 1,57 miliardi di euro a fine di giugno\".","post_title":"Wizz Air frena sul previsto aumento di capacità estivo per mitigare i disservizi","post_date":"2022-07-11T10:00:59+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1657533659000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"427218","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Boom di visitatori per Dubai che, nel periodo tra gennaio e maggio di quest'anno, ha accolto 6,17 milioni di turisti internazionali, con un aumento del 197% rispetto allo stesso periodo di cinque mesi del 2021.\r\n\r\nGli ultimi dati sul turismo sono stati rivelati dal Dipartimento dell'Economia e del Turismo di Dubai (DET) in occasione del primo \"City Briefing\" per il 2022, un evento biennale che fornisce una prospettiva approfondita del settore agli stakeholder e ai partner e discute le strategie future per rafforzare ulteriormente la posizione della città come hub globale per affari, investimenti, talenti e turismo. \r\n\r\n\"Stiamo sfruttando l'enorme slancio generato dal grande successo dell'Expo 2020 - ha dichiarato Helal Saeed Almarri, direttore generale del Dipartimento dell'Economia e del Turismo di Dubai - per promuovere la crescita di tutti i nostri pilastri turistici, dalle esperienze culturali a quelle culinarie, lavorando al contempo per raggiungere l'ambizioso obiettivo di rendere Dubai la destinazione più visitata e la città del futuro che sarà il posto migliore al mondo per vivere e lavorare\".\r\n\r\nI nuovi dati mostrano che, nel complesso, gli hotel di Dubai hanno mantenuto un livello medio di occupazione del 76% da gennaio a maggio 2022, rispetto al 62% del corrispondente periodo del 2021. Secondo i dati della società di analisi di gestione alberghiera Str, per il periodo gennaio-aprile 2022 Dubai si è classificata al primo posto a livello globale per quanto riguarda l'occupazione alberghiera, davanti ad altre destinazioni internazionali come New York (61%), Londra (60%) e Parigi (57%).","post_title":"Dubai capitalizza l'effetto Expo: oltre 6 milioni di visitatori internazionali nei primi 5 mesi 2022","post_date":"2022-06-24T11:51:28+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1656071488000]}]}}

Lascia un commento