5 February 2023

1670

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Airconsult
seleziona a Milano
Addetti prenotazioni individuali/gruppi e biglietteria
Requisiti indispensabili :
esperienza Amadeus
conoscenza inglese
Contattare marketing@airconsult.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438653 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_438654" align="alignleft" width="300"] Il Fehmarnbelt[/caption] La Danimarca e la Germania saranno presto collegate da un tunnel sottomarino lungo 18 chilometri. Il Fehmarnbelt sarà il tunnel ferroviario e stradale più lungo al mondo quando sarà completato nel 2029. Questo progetto da 10 miliardi di euro collegherà Rødbyhavn sull'isola danese di Lolland e Puttgarden nel nord della Germania e avrà due autostrade a doppia corsia e due binari elettrificati. Ottimizzazione del tragitto Il viaggio attraverso di esso richiederà sette minuti in treno e 10 minuti in auto, evitando una deviazione di 160 chilometri attraverso il territorio danese. I tempi di viaggio in treno da Amburgo a Copenaghen in saranno ridotti da circa cinque ore a meno di tre. Un collegamento stradale sostituirà un servizio di traghetti incredibilmente trafficato che trasporta milioni di passeggeri all'anno. La Danimarca prevede inoltre di costruire linee ferroviarie elettriche ad alta velocità. L'idea di collegare la Germania alla Danimarca con un tunnel non è nuova. Dopo 10 anni di progettazione, la costruzione è iniziata nel 2020 sul lato danese e poi nel 2021 sul lato tedesco. Il tunnel costerà complessivamente 10 miliardi di euro, con un contributo di 1,1 miliardi di euro da parte dell'UE. [post_title] => Danimarca e Germania collegate con un progetto da 10 miliardi  [post_date] => 2023-02-03T12:46:37+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675428397000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438577 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air France alza la posta sul Canada con il lancio di un nuovo collegamento per Ottawa, unico volo diretto verso la capitale canadese dall'Europa. Durante la prossima estate saliranno così fino a 50 i voli settimanali della compagnia aerea verso 5 destinazioni in Canada: oltre a Ottawa ci sono infatti Quebec City (nuovo servizio nel 2022), Montreal, Toronto e Vancouver (destinazioni servite tutto l'anno da Air France). Il servizio tra Paris-Charles de Gaulle e Ottawa Macdonald-Cartier decollerà il prossimo 27 giugno e sarà operato cinque volte alla settimana - lunedì, martedì, giovedì, sabato e domenica - con Airbus A330-200 configurato con 224 posti (36 in Business, 21 in Premium Economy e 167 in Economy). La Parigi-Quebec City riprenderà quest'anno dal 2 maggio, con tre frequenze settimanali operate da Boeing 787-9 il martedì, il venerdì e la domenica. Verranno inoltre incrementati i voli verso le destinazioni servite tutto l'anno da Air France, aumentando la capacità di volo complessiva verso il Canada di oltre il 25% rispetto al 2019. Di conseguenza, Air France collegherà i viaggiatori tra l’ hub di Parigi-Charles de Gaulle e: Montreal con un massimo di tre voli giornalieri; Toronto con due voli giornalieri; Vancouver con un volo giornaliero. Anche Klm propone un operativo significativo sulle rotte per il Canada: da Amsterdam-Schiphol per Toronto con fino a 13 voli settimanali, Calgary con 7 voli settimanali, Vancouver con un massimo di 7 voli settimanali, Montreal con un massimo di 5 voli settimanali, Edmonton con fino a 4 voli settimanali. Un servizio di autobus Klm collega Montreal-Trudeau a Ottawa. [post_title] => Air France vola a Ottawa: sale del 25% la capacità offerta sulle rotte per il Canada [post_date] => 2023-02-03T09:08:17+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675415297000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438428 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Osservatorio Fto segnala gli andamenti del jet fuel per fornire un dato essenziale agli operatori e alle agenzie di viaggio. Il sito Ita, alla scheda jet fuel monitor, pubblica le quotazioni settimanali del jet fuel fino al 27/01. Possiamo fornire i dati relativi al mese di gennaio che si chiude con una media per tonnellata metrica pari a 1089,29 dollari. Rispetto al mese precedente si segnala un incremento pari a 140,35 dollari, pari al +14,8%. La media mensile di gennaio si posiziona nuovamente sopra la barriera dei 1000 dollari. Rispetto al mese di gennaio dell’anno precedente l’aumento è stato di 281,87 dollari pari al +34,91%. Il cambio medio del dollaro a gennaio viene dichiarato dalla BCE pari a 1,0769 dollari per un euro, quindi con un apprezzamento del 1,70% rispetto al mese precedente. Nei grafici che seguono viene mostrato l’andamento dal 2008 al 2022 e quello del 2022-2023, del prezzo del jet fuel espresso in dollari per tonnellata metrica. Nei grafici viene anche indicata la media mobile bimestrale che meglio evidenzia l’andamento del prezzo.   [post_title] => Fto: il prezzo media del jet fuel torna ad una media superiore ai mille dollari [post_date] => 2023-02-01T11:19:34+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675250374000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438195 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volano alti gli utili di Ryanair nel terzo trimestre dell'esercizio 2022-23: nei tre mesi chiusi lo scorso 31 dicembre la low cost ha riportato un utile di 211 milioni di euro rispetto al dato pre-Covid dello stesso periodo di 88 milioni di euro. Ryanair ha sottolineato in una nota che la forte domanda di viaggi repressa durante le festività natalizie e di ottobre (senza alcun impatto negativo da Covid o dalla guerra in Ucraina) ha stimolato traffico e tariffe elevate in tutti i mercati.  "Ryanair si è assicurata forti guadagni di quote di mercato nei principali mercati dell'Unione europea poiché abbiamo gestito il 112% della nostra capacità pre-Covid durante i primi 9 mesi dell'anno fiscale - ha affermato il ceo del gruppo, Michael O'Leary - Le crescite più significative di market share sono state in Italia (dal 26% al 40%), Polonia (dal 27% al 38%), Irlanda (dal 49% al 58%) e Spagna (dal 21% al 23%)". "Con i turisti asiatici che stanno tornando e un forte dollaro Usa che incoraggia gli americani a viaggiare in Europa, stiamo assistendo a una forte domanda di voli per la Pasqua e l'estate 2023", ha aggiunto. Ryanair si aspetta ancora di trasportare 168 milioni di passeggeri nell'anno fiscale fino al 31 marzo, ben al di sopra del precedente record annuale di 149 milioni raggiunto prima della pandemia. Allo stesso modo la low cost ha confermato le stime al rialzo per i profitti dell'intero esercizio, che saranno compresi tra 1,325-1,425 miliardi di euro (precedentemente 1,00-1,20 miliardi). [post_title] => Ryanair da record nel terzo trimestre. Domanda robusta per Pasqua ed estate [post_date] => 2023-01-30T08:41:08+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675068068000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437881 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con la riapertura dei confini internazionali e la ripresa del mercato dei viaggi, migliorano sensibilmente i conti dei Grandi Viaggi, che chiude il bilancio al 31 ottobre 2022 con margini operativi lordi (ebitda) pari a 3,07 milioni di euro, contro i 2,61 milioni dell'esercizio precedente, ma soprattutto con utili ante imposte e interessi (ebit) a quota 0,31 milioni, in netta crescita rispetto al rosso da 1,41 milioni del 2021. Il risultato netto rimane in territorio negativo per 0,14 milioni, ma anche in questo caso il miglioramento è sensibile, se si confronta il dato con il -1,41 milioni dell'anno precedente. Risultati, questi ultimi, resi possibili da un sensibile incremento dei ricavi, passati da 28,9 milioni a 49 milioni (+69,9%).  La ripartizione del fatturato della capogruppo indica in particolare vendite delle destinazioni relative ai villaggi di proprietà, nazionali ed esteri, per l’80,84%, pari a 32,63 milioni di euro, con un incremento rispetto al precedente esercizio del 148%. Il settore tour operator ha invece registrato vendite per 7,58 milioni di euro, con un incremento di 7,26 milioni, rispetto al 2021 (320 mila euro). I villaggi commercializzati hanno infine registrato vendite per 160 mila euro, con un incremento pari a circa 94 mila (+242%). La posizione finanziaria netta consolidata è inoltre positiva per 8,03 milioni di euro, in diminuzione di 10,49 milioni rispetto a quella del precedente esercizio, che risultava positiva per 18,53 milioni, dopo aver rimborsato le quote in scadenza nell’anno dei mutui per 1,95 milioni e aver effettuato investimenti in immobilizzazioni per 1,27 milioni. Inoltre, la diminuzione è correlata alla sottoscrizione di una polizza assicurativa di diritto lussemburghese, denominata Sogelife, sottoscritta dalla capogruppo per una miglior gestione della liquidità, per un ammontare pari a  12 milioni nominali. I dati gestionali, si legge in una nota, evidenziano una fase di ripresa del settore turistico, con un incremento delle vendite sia per quanto riguarda le destinazioni italiane invernali, sia per le vendite inerenti alla maggior parte delle destinazioni estere in area extra Schengen. In considerazione del perdurare delle criticità socioeconomiche e geopolitiche, che condizionano il potere d’acquisto delle famiglie, il gruppo conta di mantenere un sostanziale equilibrio finanziario. [post_title] => Nel 2022 migliorano i conti dei Grandi Viaggi che sfiora il ritorno all'utile [post_date] => 2023-01-25T09:56:23+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674640583000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437664 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà il primo urban hotel della compagnia spagnola in Italia e nascerà dalla ristrutturazione e ribranding di un 5 stelle esistente, provvisto di 168 camere e vari spazi f&b, tra cui una terrazza panoramica. Il gruppo Palladium ha annunciato in occasione della Fitur di Madrid il proprio approdo a Venezia, grazie alla firma di un contratto di leasing per un albergo che aprirà nel 2025. Tra le altre novità, l'inaugurazione di un altro Only You a Siviglia prevista per il primo trimestre dell'anno prossimo: la struttura è attualmente in fase di ristrutturazione completa, al termine dei cui lavori nascerà un 5 stelle da 226 camere, dotato di un'ampia gamma di ristoranti e spazi per eventi, tra cui una vasta area esterna con piscina. Entrambi i progetti di interior design, a Siviglia e a Venezia, sono a cura dello studio internazionale di Lázaro Rosa-Violán. Nel corso del 2023, l'Hard Rock Hotel Marbella aprirà invece l’area Oasis, aggiungendo 174 camere, tra cui due nuove categorie, le Rock suite e le Rock Star suite. La struttura inaugurerà anche la Rock spa e oltre 900 metri quadrati di spazi per meeting. Inoltre, a partire da questa primavera, l'Hard Rock di Marbella sarà aperto tutto l'anno. Infine, la compagnia spagnola ha pure annunciato investimenti significativi da parte dei proprietari degli asset esistenti, per la ristrutturazione e il rinnovamento di una serie di hotel in Europa e in America. Il budget ammonta a 160 milioni di euro per progetti da realizzare nel biennio 2023-2024. Dopo l'ampio restyling effettuato l'anno scorso del Grand Palladium Jamaica Resort & Spa, sarà questa la volta di intervenire sul Grand Palladium Kantenah Resort & Spa, in Riviera Maya, nonché sul Grand Palladium Palace Ibiza Resort & Spa, mentre nel 2024 è prevista la ristrutturazione degli hotel in Messico e a Punta Cana. [post_title] => Il gruppo Palladium approda a Venezia con il brand Only You Hotels [post_date] => 2023-01-20T11:09:27+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674212967000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437214 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Emiliano Grondona è il nuovo direttore commerciale di Glamour To. Classe 1970, Grondona è entrato a far parte del mondo del turismo nel 1992, maturando esperienza in tutti i settori, quali tour operating (Going, Albatravel, Valtur, Veratour ed Eurotravel), gds, incoming, e Olta. È stato inoltre titolare per sei anni di un’agenzia di viaggio. Vanta una consolidata competenza su tutti gli aspetti dei gds Amadeus, Sabre e Travelport intesi come SaaS, oltre a una pluriennale esperienza nel campo della biglietteria aerea. Il manager genovese vede il suo ingresso nel to toscano come un grande stimolo e una grande opportunità: "Sono onorato di entrare a far parte della famiglia Glamour; di un team la cui sfida più grande e impegnativa è e sarà sempre la prossima, nell'ottica di supportare e gestire al meglio il cliente in tutte le fasi del viaggio e nelle criticità che stiamo affrontando in questi ultimi anni. Il mio motto è in adversa ultra adversa, sia nella vita sia nel lavoro". Grondona avrà il compito strategico di favorire il collegamento tra sviluppo del prodotto, le strategie di commercializzazione e distribuzione, in sinergia con la direzione vendite e operativa, nonché di ottimizzare i vari flussi aziendali con il booking, l’operativo e il marketing. «Credo comunque che sia il marchio Glamour il vero plus - conclude il nuovo manager -. La professionalità dei miei colleghi e lo spirito di squadra sono il valore aggiunto e faremo il possibile per continuare a mantenere alto lo standard qualitativo dei nostri servizi in generale e in particolare per quanto concerne il segmento di cui mi andrò a occupare in prima persona». [post_title] => Emiliano Grondona nuovo direttore commerciale di Glamour To [post_date] => 2023-01-12T12:34:09+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673526849000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437174 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_189079" align="alignleft" width="300"] Roberto Di Leo[/caption] Sarà disponibile anche sulla piattaforma eMinds l'offerta del motore di prenotazione b2b RateHawk, recentemente approdato in Italia con una proposta di 1,8 milioni di strutture ricettive in tutto il mondo. "Grazie ai contratti di partner program, oggi siamo in grado di offrire ai nostri clienti, siano essi tour operator o dmc, l'integrazione con un ampio ventaglio di fornitori di servizi turistici", spiega l'amministratore unico di eMinds, Roberto Di Leo. In questo senso è quindi da leggersi anche la nuova collaborazione stretta con l'Emerging Travel Group, azienda internazionale che opera online in più di 170 mercati, alla quale appartiene (tra gli altri) il brand RateHawk. "Il connubio con questa realtà  e l'integrazione stessa di questa piattaforma stanno già permettendo ai nostri clienti di  ampliare marcatamente la propria offerta ricettiva, usufruendo in modo rapido ed efficace delle vantaggiose combinazioni promosse da RateHawk, senza dover sostenere alcun costo integrativo", aggiunge Di Leo. "Abbiamo fortemente voluto siglare questa partnership con eMinds, certi che sia un passo fondamentale per rafforzare strategicamente la presenza di RateHawk sul mercato italiano e la conseguente diffusione del nostro prodotto", gli fa eco il ceo di Emerging Travel, Felix Shpilman. [post_title] => L'offerta RateHawk sulla piattaforma eMinds grazie alla partnership con Emerging Travel [post_date] => 2023-01-12T11:10:19+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673521819000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436793 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Partirà domani da Trieste il Giro del mondo 2023 firmato Costa Crociere. Con il nuovo anno torna infatti anche una delle esperienze più amate dagli appassionati dei grandi viaggi. Il programma 2023 coinvolge in particolare la Costa Deliziosa e prevede anche un imbarco a Savona l'11 gennaio, per un itinerario di oltre quattro mesi, pari a 128 giorni complessivi: dal Mediterraneo alla penisola Arabica, navigando verso est sino all’India e alle Maldive, per poi fare rotta a sud, in Madagascar e Sud Africa, e attraversare l’oceano Atlantico sino al Brasile. Quindi, di nuovo diretti a sud, verso Ushuaia, in Argentina, la punta estrema del continente, navigando nel canale di Beagle e risalendo lungo il versante Pacifico, dal Cile sino a Panama, visitando il Centro America e New York, per poi rientrare in Europa. In totale, 52 destinazioni da scoprire in quattro continenti, attraversando tre oceani. Sono circa 2 mila gli ospiti che hanno prenotato una cabina sul Giro del mondo 2023. Provengono da 40 Paesi diversi, con una prevalenza di francesi (circa 500), italiani e tedeschi (rispettivamente circa 360 e circa 340), svizzeri (circa 160), spagnoli (circa 140) e austriaci (poco meno di 100). Il viaggiatore più longevo, francese, ha 94 anni, mentre il più giovane è austriaco, di sei anni. Per coloro che avessero perso l’opportunità quest’anno, Costa Deliziosa proporrà il Giro del mondo anche nel 2024, con partenza prevista il 6 gennaio 2024. Non solo: nelle prossime settimane sarà disponibile per la prenotazione anche il Giro del mondo 2025, che circumnavigherà il globo prevalentemente nell’emisfero australe, visitando Terra del Fuoco, Polinesia, Nuova Zelanda, Australia e Sud Africa. Per la prima volta la partenza sarà a inizio dicembre (2024) da Savona, per godersi le feste natalizie in crociera. La notte di Capodanno sarà a Rio de Janeiro, con lo spettacolo dei fuochi d'artificio dalla spiaggia di Copacabana. [post_title] => Torna il Giro del mondo firmato Costa. Partenza domani da Trieste per un itinerario di 128 giorni [post_date] => 2023-01-05T09:32:34+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1672911154000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1670" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":147,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438653","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_438654\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il Fehmarnbelt[/caption]\r\n\r\nLa Danimarca e la Germania saranno presto collegate da un tunnel sottomarino lungo 18 chilometri. Il Fehmarnbelt sarà il tunnel ferroviario e stradale più lungo al mondo quando sarà completato nel 2029.\r\n\r\nQuesto progetto da 10 miliardi di euro collegherà Rødbyhavn sull'isola danese di Lolland e Puttgarden nel nord della Germania e avrà due autostrade a doppia corsia e due binari elettrificati.\r\nOttimizzazione del tragitto\r\nIl viaggio attraverso di esso richiederà sette minuti in treno e 10 minuti in auto, evitando una deviazione di 160 chilometri attraverso il territorio danese. I tempi di viaggio in treno da Amburgo a Copenaghen in saranno ridotti da circa cinque ore a meno di tre. Un collegamento stradale sostituirà un servizio di traghetti incredibilmente trafficato che trasporta milioni di passeggeri all'anno.\r\n\r\nLa Danimarca prevede inoltre di costruire linee ferroviarie elettriche ad alta velocità. L'idea di collegare la Germania alla Danimarca con un tunnel non è nuova. Dopo 10 anni di progettazione, la costruzione è iniziata nel 2020 sul lato danese e poi nel 2021 sul lato tedesco.\r\n\r\nIl tunnel costerà complessivamente 10 miliardi di euro, con un contributo di 1,1 miliardi di euro da parte dell'UE.","post_title":"Danimarca e Germania collegate con un progetto da 10 miliardi ","post_date":"2023-02-03T12:46:37+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1675428397000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438577","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air France alza la posta sul Canada con il lancio di un nuovo collegamento per Ottawa, unico volo diretto verso la capitale canadese dall'Europa. Durante la prossima estate saliranno così fino a 50 i voli settimanali della compagnia aerea verso 5 destinazioni in Canada: oltre a Ottawa ci sono infatti Quebec City (nuovo servizio nel 2022), Montreal, Toronto e Vancouver (destinazioni servite tutto l'anno da Air France).\r\nIl servizio tra Paris-Charles de Gaulle e Ottawa Macdonald-Cartier decollerà il prossimo 27 giugno e sarà operato cinque volte alla settimana - lunedì, martedì, giovedì, sabato e domenica - con Airbus A330-200 configurato con 224 posti (36 in Business, 21 in Premium Economy e 167 in Economy).\r\nLa Parigi-Quebec City riprenderà quest'anno dal 2 maggio, con tre frequenze settimanali operate da Boeing 787-9 il martedì, il venerdì e la domenica. Verranno inoltre incrementati i voli verso le destinazioni servite tutto l'anno da Air France, aumentando la capacità di volo complessiva verso il Canada di oltre il 25% rispetto al 2019. Di conseguenza, Air France collegherà i viaggiatori tra l’ hub di Parigi-Charles de Gaulle e: Montreal con un massimo di tre voli giornalieri; Toronto con due voli giornalieri; Vancouver con un volo giornaliero.\r\n\r\nAnche Klm propone un operativo significativo sulle rotte per il Canada: da Amsterdam-Schiphol per Toronto con fino a 13 voli settimanali, Calgary con 7 voli settimanali, Vancouver con un massimo di 7 voli settimanali, Montreal con un massimo di 5 voli settimanali, Edmonton con fino a 4 voli settimanali. Un servizio di autobus Klm collega Montreal-Trudeau a Ottawa.","post_title":"Air France vola a Ottawa: sale del 25% la capacità offerta sulle rotte per il Canada","post_date":"2023-02-03T09:08:17+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675415297000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438428","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Osservatorio Fto segnala gli andamenti del jet fuel per fornire un dato essenziale agli operatori e alle agenzie di viaggio. \r\n\r\nIl sito Ita, alla scheda jet fuel monitor, pubblica le quotazioni settimanali del jet fuel fino al 27/01.\r\n\r\nPossiamo fornire i dati relativi al mese di gennaio che si chiude con una media per tonnellata metrica pari a 1089,29 dollari. Rispetto al mese precedente si segnala un incremento pari a 140,35 dollari, pari al +14,8%. La media mensile di gennaio si posiziona nuovamente sopra la barriera dei 1000 dollari.\r\n\r\nRispetto al mese di gennaio dell’anno precedente l’aumento è stato di 281,87 dollari pari al +34,91%. Il cambio medio del dollaro a gennaio viene dichiarato dalla BCE pari a 1,0769 dollari per un euro, quindi con un apprezzamento del 1,70% rispetto al mese precedente.\r\n\r\nNei grafici che seguono viene mostrato l’andamento dal 2008 al 2022 e quello del 2022-2023, del prezzo del jet fuel espresso in dollari per tonnellata metrica. Nei grafici viene anche indicata la media mobile bimestrale che meglio evidenzia l’andamento del prezzo.\r\n\r\n ","post_title":"Fto: il prezzo media del jet fuel torna ad una media superiore ai mille dollari","post_date":"2023-02-01T11:19:34+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1675250374000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438195","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volano alti gli utili di Ryanair nel terzo trimestre dell'esercizio 2022-23: nei tre mesi chiusi lo scorso 31 dicembre la low cost ha riportato un utile di 211 milioni di euro rispetto al dato pre-Covid dello stesso periodo di 88 milioni di euro. Ryanair ha sottolineato in una nota che la forte domanda di viaggi repressa durante le festività natalizie e di ottobre (senza alcun impatto negativo da Covid o dalla guerra in Ucraina) ha stimolato traffico e tariffe elevate in tutti i mercati. \r\n\r\n\"Ryanair si è assicurata forti guadagni di quote di mercato nei principali mercati dell'Unione europea poiché abbiamo gestito il 112% della nostra capacità pre-Covid durante i primi 9 mesi dell'anno fiscale - ha affermato il ceo del gruppo, Michael O'Leary - Le crescite più significative di market share sono state in Italia (dal 26% al 40%), Polonia (dal 27% al 38%), Irlanda (dal 49% al 58%) e Spagna (dal 21% al 23%)\".\r\n\r\n\"Con i turisti asiatici che stanno tornando e un forte dollaro Usa che incoraggia gli americani a viaggiare in Europa, stiamo assistendo a una forte domanda di voli per la Pasqua e l'estate 2023\", ha aggiunto.\r\n\r\nRyanair si aspetta ancora di trasportare 168 milioni di passeggeri nell'anno fiscale fino al 31 marzo, ben al di sopra del precedente record annuale di 149 milioni raggiunto prima della pandemia. Allo stesso modo la low cost ha confermato le stime al rialzo per i profitti dell'intero esercizio, che saranno compresi tra 1,325-1,425 miliardi di euro (precedentemente 1,00-1,20 miliardi).","post_title":"Ryanair da record nel terzo trimestre. Domanda robusta per Pasqua ed estate","post_date":"2023-01-30T08:41:08+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675068068000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437881","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Con la riapertura dei confini internazionali e la ripresa del mercato dei viaggi, migliorano sensibilmente i conti dei Grandi Viaggi, che chiude il bilancio al 31 ottobre 2022 con margini operativi lordi (ebitda) pari a 3,07 milioni di euro, contro i 2,61 milioni dell'esercizio precedente, ma soprattutto con utili ante imposte e interessi (ebit) a quota 0,31 milioni, in netta crescita rispetto al rosso da 1,41 milioni del 2021. Il risultato netto rimane in territorio negativo per 0,14 milioni, ma anche in questo caso il miglioramento è sensibile, se si confronta il dato con il -1,41 milioni dell'anno precedente. Risultati, questi ultimi, resi possibili da un sensibile incremento dei ricavi, passati da 28,9 milioni a 49 milioni (+69,9%). \r\n\r\nLa ripartizione del fatturato della capogruppo indica in particolare vendite delle destinazioni relative ai villaggi di proprietà, nazionali ed esteri, per l’80,84%, pari a 32,63 milioni di euro, con un incremento rispetto al precedente esercizio del 148%. Il settore tour operator ha invece registrato vendite per 7,58 milioni di euro, con un incremento di 7,26 milioni, rispetto al 2021 (320 mila euro). I villaggi commercializzati hanno infine registrato vendite per 160 mila euro, con un incremento pari a circa 94 mila (+242%).\r\n\r\nLa posizione finanziaria netta consolidata è inoltre positiva per 8,03 milioni di euro, in diminuzione di 10,49 milioni rispetto a quella del precedente esercizio, che risultava positiva per 18,53 milioni, dopo aver rimborsato le quote in scadenza nell’anno dei mutui per 1,95 milioni e aver effettuato investimenti in immobilizzazioni per 1,27 milioni. Inoltre, la diminuzione è correlata alla sottoscrizione di una polizza assicurativa di diritto lussemburghese, denominata Sogelife, sottoscritta dalla capogruppo per una miglior gestione della liquidità, per un ammontare pari a  12 milioni nominali.\r\n\r\nI dati gestionali, si legge in una nota, evidenziano una fase di ripresa del settore turistico, con un incremento delle vendite sia per quanto riguarda le destinazioni italiane invernali, sia per le vendite inerenti alla maggior parte delle destinazioni estere in area extra Schengen. In considerazione del perdurare delle criticità socioeconomiche e geopolitiche, che\r\ncondizionano il potere d’acquisto delle famiglie, il gruppo conta di mantenere un sostanziale equilibrio finanziario.","post_title":"Nel 2022 migliorano i conti dei Grandi Viaggi che sfiora il ritorno all'utile","post_date":"2023-01-25T09:56:23+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674640583000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437664","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà il primo urban hotel della compagnia spagnola in Italia e nascerà dalla ristrutturazione e ribranding di un 5 stelle esistente, provvisto di 168 camere e vari spazi f&b, tra cui una terrazza panoramica. Il gruppo Palladium ha annunciato in occasione della Fitur di Madrid il proprio approdo a Venezia, grazie alla firma di un contratto di leasing per un albergo che aprirà nel 2025.\r\n\r\nTra le altre novità, l'inaugurazione di un altro Only You a Siviglia prevista per il primo trimestre dell'anno prossimo: la struttura è attualmente in fase di ristrutturazione completa, al termine dei cui lavori nascerà un 5 stelle da 226 camere, dotato di un'ampia gamma di ristoranti e spazi per eventi, tra cui una vasta area esterna con piscina. Entrambi i progetti di interior design, a Siviglia e a Venezia, sono a cura dello studio internazionale di Lázaro Rosa-Violán.\r\n\r\nNel corso del 2023, l'Hard Rock Hotel Marbella aprirà invece l’area Oasis, aggiungendo 174 camere, tra cui due nuove categorie, le Rock suite e le Rock Star suite. La struttura inaugurerà anche la Rock spa e oltre 900 metri quadrati di spazi per meeting. Inoltre, a partire da questa primavera, l'Hard Rock di Marbella sarà aperto tutto l'anno.\r\n\r\nInfine, la compagnia spagnola ha pure annunciato investimenti significativi da parte dei proprietari degli asset esistenti, per la ristrutturazione e il rinnovamento di una serie di hotel in Europa e in America. Il budget ammonta a 160 milioni di euro per progetti da realizzare nel biennio 2023-2024. Dopo l'ampio restyling effettuato l'anno scorso del Grand Palladium Jamaica Resort & Spa, sarà questa la volta di intervenire sul Grand Palladium Kantenah Resort & Spa, in Riviera Maya, nonché sul Grand Palladium Palace Ibiza Resort & Spa, mentre nel 2024 è prevista la ristrutturazione degli hotel in Messico e a Punta Cana.","post_title":"Il gruppo Palladium approda a Venezia con il brand Only You Hotels","post_date":"2023-01-20T11:09:27+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674212967000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437214","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Emiliano Grondona è il nuovo direttore commerciale di Glamour To. Classe 1970, Grondona è entrato a far parte del mondo del turismo nel 1992, maturando esperienza in tutti i settori, quali tour operating (Going, Albatravel, Valtur, Veratour ed Eurotravel), gds, incoming, e Olta. È stato inoltre titolare per sei anni di un’agenzia di viaggio. Vanta una consolidata competenza su tutti gli aspetti dei gds Amadeus, Sabre e Travelport intesi come SaaS, oltre a una pluriennale esperienza nel campo della biglietteria aerea. Il manager genovese vede il suo ingresso nel to toscano come un grande stimolo e una grande opportunità: \"Sono onorato di entrare a far parte della famiglia Glamour; di un team la cui sfida più grande e impegnativa è e sarà sempre la prossima, nell'ottica di supportare e gestire al meglio il cliente in tutte le fasi del viaggio e nelle criticità che stiamo affrontando in questi ultimi anni. Il mio motto è in adversa ultra adversa, sia nella vita sia nel lavoro\".\r\n\r\nGrondona avrà il compito strategico di favorire il collegamento tra sviluppo del prodotto, le strategie di commercializzazione e distribuzione, in sinergia con la direzione vendite e operativa, nonché di ottimizzare i vari flussi aziendali con il booking, l’operativo e il marketing. «Credo comunque che sia il marchio Glamour il vero plus - conclude il nuovo manager -. La professionalità dei miei colleghi e lo spirito di squadra sono il valore aggiunto e faremo il possibile per continuare a mantenere alto lo standard qualitativo dei nostri servizi in generale e in particolare per quanto concerne il segmento di cui mi andrò a occupare in prima persona».","post_title":"Emiliano Grondona nuovo direttore commerciale di Glamour To","post_date":"2023-01-12T12:34:09+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1673526849000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437174","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_189079\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Roberto Di Leo[/caption]\r\n\r\nSarà disponibile anche sulla piattaforma eMinds l'offerta del motore di prenotazione b2b RateHawk, recentemente approdato in Italia con una proposta di 1,8 milioni di strutture ricettive in tutto il mondo. \"Grazie ai contratti di partner program, oggi siamo in grado di offrire ai nostri clienti, siano essi tour operator o dmc, l'integrazione con un ampio ventaglio di fornitori di servizi turistici\", spiega l'amministratore unico di eMinds, Roberto Di Leo.\r\nIn questo senso è quindi da leggersi anche la nuova collaborazione stretta con l'Emerging Travel Group, azienda internazionale che opera online in più di 170 mercati, alla quale appartiene (tra gli altri) il brand RateHawk. \"Il connubio con questa realtà  e l'integrazione stessa di questa piattaforma stanno già permettendo ai nostri clienti di  ampliare marcatamente la propria offerta ricettiva, usufruendo in modo rapido ed efficace delle vantaggiose combinazioni promosse da RateHawk, senza dover sostenere alcun costo integrativo\", aggiunge Di Leo.\r\n\r\n\"Abbiamo fortemente voluto siglare questa partnership con eMinds, certi che sia un passo fondamentale per rafforzare strategicamente la presenza di RateHawk sul mercato italiano e la conseguente diffusione del nostro prodotto\", gli fa eco il ceo di Emerging Travel, Felix Shpilman.","post_title":"L'offerta RateHawk sulla piattaforma eMinds grazie alla partnership con Emerging Travel","post_date":"2023-01-12T11:10:19+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1673521819000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436793","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Partirà domani da Trieste il Giro del mondo 2023 firmato Costa Crociere. Con il nuovo anno torna infatti anche una delle esperienze più amate dagli appassionati dei grandi viaggi. Il programma 2023 coinvolge in particolare la Costa Deliziosa e prevede anche un imbarco a Savona l'11 gennaio, per un itinerario di oltre quattro mesi, pari a 128 giorni complessivi: dal Mediterraneo alla penisola Arabica, navigando verso est sino all’India e alle Maldive, per poi fare rotta a sud, in Madagascar e Sud Africa, e attraversare l’oceano Atlantico sino al Brasile. Quindi, di nuovo diretti a sud, verso Ushuaia, in Argentina, la punta estrema del continente, navigando nel canale di Beagle e risalendo lungo il versante Pacifico, dal Cile sino a Panama, visitando il Centro America e New York, per poi rientrare in Europa. In totale, 52 destinazioni da scoprire in quattro continenti, attraversando tre oceani.\r\n\r\nSono circa 2 mila gli ospiti che hanno prenotato una cabina sul Giro del mondo 2023. Provengono da 40 Paesi diversi, con una prevalenza di francesi (circa 500), italiani e tedeschi (rispettivamente circa 360 e circa 340), svizzeri (circa 160), spagnoli (circa 140) e austriaci (poco meno di 100). Il viaggiatore più longevo, francese, ha 94 anni, mentre il più giovane è austriaco, di sei anni.\r\n\r\nPer coloro che avessero perso l’opportunità quest’anno, Costa Deliziosa proporrà il Giro del mondo anche nel 2024, con partenza prevista il 6 gennaio 2024. Non solo: nelle prossime settimane sarà disponibile per la prenotazione anche il Giro del mondo 2025, che circumnavigherà il globo prevalentemente nell’emisfero australe, visitando Terra del Fuoco, Polinesia, Nuova Zelanda, Australia e Sud Africa. Per la prima volta la partenza sarà a inizio dicembre (2024) da Savona, per godersi le feste natalizie in crociera. La notte di Capodanno sarà a Rio de Janeiro, con lo spettacolo dei fuochi d'artificio dalla spiaggia di Copacabana.","post_title":"Torna il Giro del mondo firmato Costa. Partenza domani da Trieste per un itinerario di 128 giorni","post_date":"2023-01-05T09:32:34+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1672911154000]}]}}

Lascia un commento