25 April 2024

1657

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Tour operator internazionale con sede a Milano cerca rappresentanti plurimandatari con rapporto su base provvigionale per le aree Canton Ticino e alta Lombardia, Veneto, Toscana, Campania, Puglia e Sicilia. La figura ideale non deve avere mandati da operatori che commercializzano le seguenti destinazioni: Penisola Iberica e Americhe.
Gli interessati potranno inviare il CV a: segreteria@marketingcom.it, inserendo nell’oggetto “Ricerca CV Travel”.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465188 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'industria del turismo statunitense ha centrato un nuovo record nel 2023, con un contributo al Pil Paese che è stato il più elevato di sempre e questo malgrado il rallentamento della spesa dei visitatori internazionali. E' quanto emerge dalla recente analisi del Wttc, secondo la quale lo scorso anno l'incidenza del turismo sul Pil degli Stati Uniti è cresciuto del 7% per un totale di 2,36 trilioni di dollari, superando il precedente record di 100 trilioni. I posti di lavoro del settore sono aumentati di 656.000 unità, raggiungendo i 18 milioni in tutto il Paese, superando il precedente record di 17,4 milioni. In crescita la spesa dei viaggiatori nazionali, salita a 1,37 milioni di dollari, pari ad un aumento di oltre il 9% rispetto al precedente picco del 2019; per contro, la spesa dei visitatori internazionali è rimasta indietro di oltre il 25% rispetto allo stesso picco del 2019, pari a 156,1 milioni di dollari. "Il governo statunitense ha sostenuto i viaggi e il turismo, ma la spesa dei visitatori internazionali è ancora inferiore ai numeri del 2019 - sottolinea Julia Simpson, presidente e ceo del Wttc -. E' necessario concentrarsi sulla semplificazione dei visti, sulle code alle frontiere e sulla ricerca di nuovo personale che darebbe al settore un impulso vitale in vista della Coppa del Mondo Fifa e delle Olimpiadi". Le previsioni per il 2024 indicano che il settore aumenterà il suo contributo al Pil  degli Stati Uniti fino a oltre 2,5 milioni di dollari, pari a una quota del 9%, impiegando 18,8 milioni di persone in tutto il Paese, con un americano su nove che lavora nel settore. Si stima che la spesa dei visitatori nazionali continuerà a crescere, raggiungendo 1,43, trilioni e battendo il record del 2019 di quasi il 14%, ma si prevede che la spesa dei visitatori internazionali resti ancora inferiore ai livelli del 2019.   [post_title] => Stati Uniti: la spesa dei turisti internazionali è ancora a -25% rispetto al 2019 [post_date] => 2024-04-10T09:39:33+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712741973000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465181 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' un Airbus A321neo il 400° aeromobile consegnato da Airbus a easyJet: il velivolo porta una livrea speciale, con il numero 400 composto da aeromobili in miniatura. Dalla consegna del primo aeromobile della famiglia Airbus A320 di easyJet, avvenuta 20 anni fa, la compagnia aerea si è affermata come uno dei maggiori operatori al mondo di aeromobili della famiglia A320 a corridoio singolo di Airbus, con oltre 330 aeromobili attualmente in servizio. "Nel portare avanti il nostro programma di rinnovamento della flotta con aeromobili della famiglia A320neo, più efficienti dal punto di vista dei consumi e più silenziosi, siamo orgogliosi di continuare a lavorare con Airbus e Cfm, che hanno entrambi un approccio solido alla sostenibilità nella produzione e continuano a essere partner affidabili per easyJet" ha dichiarato David Morgan, chief operating officer del vettore. La compagnia ha recentemente confermato un ordine definitivo per altri 157 aeromobili della famiglia A320neo che comprende 56  A320neo e 101 A321neo e include anche il ridimensionamento di un ordine esistente per 35 A320neo nei più grandi A321neo. Grazie all'integrazione di efficienze operative, tra cui i motori di nuova generazione e gli Sharklet, l'aeromobile consente di ridurre del 50% la rumorosità in fase di decollo e atterraggio e di ottenere un risparmio di carburante e una riduzione di CO2 fino al 15% rispetto agli aeromobili a corridoio singolo della precedente generazione.   [post_title] => EasyJet: il rinnovo della flotta continua con l'arrivo del 400° aeromobile Airbus, un A321neo [post_date] => 2024-04-10T08:57:23+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712739443000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463520 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Bilancio 2023 positivo per l'aeroporto Marconi di Bologna che archivia il 2023 con ricavi consolidati per 145,1 milioni di euro, +7,8% rispetto al 2022, e pari ad una crescita del +15,9% se confrontati con il 2019. L'ebit del Marconi si è attestato a 25,8 milioni di euro contro un risultato di 36 milioni del 2022 (14,7 milioni al netto del Contributo Covid) e di 31,1 milioni di euro nell’ultimo anno pre-Covid. L'esercizio si chiude con un utile consolidato di 16,7 milioni di euro contro 31,1 milioni del 2022 (di cui 21,1 milioni dovuti al contributo derivante dal Fondo di compensazione). Al netto di tale contributo straordinario, l’utile del 2022 con cui confrontare il risultato dello stesso periodo del 2023 ammonta a 10 milioni di euro e la crescita è quindi del 67,5%. «Possiamo definire il 2023 come l’anno della definitiva ripresa delle attività, con oltre un anno di anticipo sulle previsioni, pur in uno scenario globale caratterizzato da una profonda incertezza e volatilità - ha commentato Nazareno Ventola, ad e direttore generale di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna -. In tale contesto siamo stati in grado di gestire il ritorno a pieno regime del traffico nel nostro aeroporto, seppur in un contesto caratterizzato dalla presenza di diversi cantieri, che ci accompagneranno anche nei prossimi anni e che hanno lo scopo di migliorare ulteriormente, nel breve e nel lungo termine, le nostre infrastrutture e, di conseguenza, l’esperienza di viaggio». Nel 2023 sono stati complessivamente 9.970.284 i passeggeri registrati, in crescita del 17,4% rispetto al 2022, 78.658 i movimenti (+11,0%) e 50.994 le tonnellate di merce trasportata (-7,6%). Prendendo invece a riferimento il 2019, ultimo anno pre-Covid, il traffico passeggeri è stato nell’ultimo anno superiore del 6%, con luglio come il miglior mese di sempre nella storia dello scalo. Numeri che hanno permesso allo scalo bolognese di confermarsi al settimo posto in Italia per numero di passeggeri. l traffico low cost ha fatto registrare una variazione positiva dei volumi rispetto sia al 2022, con un +11,4%, che al 2019 con un +23,6%, mentre il traffico legacy ha mostrato un recupero più lento: +32,7% rispetto al 2022 ma -17,2% rispetto al 2019, oltre ad una contrazione dei movimenti sempre rispetto al 2019. Analizzando le performance dei vettori, Ryanair si conferma la prima compagnia sullo scalo con il 53,3% del traffico totale, seguita da Wizz Air con il 9,7%, in crescita rispetto al 5,4% del 2019 e da Air France con il 2,9%. [post_title] => L'Aeroporto Bologna archivia il 2023 con profitti per 16,7 milioni di euro [post_date] => 2024-03-15T09:51:56+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710496316000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462669 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => United prevede di ricevere da Boeing 102 nuovi aeromobili in meno nel 2024 rispetto a quanto stabilito dal contratto: un ritardo che costringe la compagnia aerea a ricalcolare il piano della flotta e le aspettative di rinnovo per i prossimi anni. In un documento depositato il 29 febbraio presso la Securities and Exchange Commission (Sec) degli Stati Uniti, il vettore ha dichiarato di contare sul fatto che il costruttore statunitense gli consegnerà 63 aerei nel 2024, anziché i 165 originariamente previsti. Secondo United, i ritardi nelle consegne rappresentano un rischio importante per la capacità di realizzare il piano di trasformazione della flotta "United Next" nonché per la gestione globale dello sviluppo. I ritardi arrivano mentre Boeing si occupa di numerosi problemi di qualità relativi al 737 Max, per i quali la Federal Aviation Administration ha messo in mora il produttore. United, da parte sua, ha dichiarato di essere alla ricerca di soluzioni per evitare conseguenze negative dai ritardi, ad esempio facendo maggiore affidamento su altri tipi di aeromobili e ritardando il ritiro di quelli più datati.   [post_title] => United Airlines prevede di ricevere da Boeing 102 aeromobili in meno nel 2024 [post_date] => 2024-03-04T10:14:47+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709547287000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460809 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Liguria presenta  le campagne di promozione e comunicazione per la prima parte del 2024 che arriveranno fino a fine luglio, con la prevista riapertura della Via dell’Amore. Il sentiero patrimonio Unesco simbolo delle Cinque Terre e della Liguria nel mondo tornerà fruibile dopo anni di chiusura e importanti lavori di recupero e messa in sicurezza. «C’è voglia di Italia e c’è grande voglia di Liguria - spiega il presidente della regione Liguria Giovanni Toti -, una regione i cui indicatori stanno tutti crescendo. Nel 2023 è fortemente aumentato il turismo straniero, mentre gli italiani sono ben presenti ormai da qualche stagione. Quest’anno sarà straordinario, con la riapertura della storica Via dell’Amore, dopo tanti anni di chiusura e un lavoro complesso anche da un punto di vista ingegneristico. Quest’estate quindi riapriremo al turismo uno dei simboli della Liguria a cui è dedicata anche la nostra cartolina istituzionale al Festival di Sanremo. In questi anni è cresciuto un turismo sempre più destagionalizzato, che fa della Liguria una meta ambita non solo per il suo mare, il più bello d’Italia, ma anche per la sua arte, per i suoi parchi, per il suo outdoor, per cui siamo tra i leader del Paese, senza dimenticare il traino fondamentale del nostro agroalimentare con un boom di vendite dei nostri prodotti, dal pesto al vino. Tutto si incrocia con quella nautica da diporto per cui la Liguria è diventata, con il suo Salone Nautico, i suoi porti e i suoi cantieri, la capitale mondiale. La Liguria è un modello di sviluppo integrato che ci sta dando tante soddisfazioni e le sta dando ai liguri visto che l’occupazione è ai massimi di tutti i tempi». «Dopo essere stati ad Utrecht e a Madrid a gennaio, proseguiamo le campagne promozionali del 2024 con la nostra presenza ad un'altra importantissima fiera internazionale come la Bit di Milano – dice Augusto Sartori, assessore regionale al Turismo -. Il nostro obiettivo è confermare e, perché no, migliorare l'ottimo risultato conseguito dalla Liguria nel corso del 2023. Per la prima volta in assoluto abbiamo avuto in un anno oltre 16 milioni di presenze turistiche con una crescita del 3,5% rispetto al 2022, di questi è stata notevole la presenza di turisti stranieri pari a 7,2 milioni, +9,4% sull'anno precedente. Confermato che i lombardi (3,2 milioni) e i piemontesi (2,7 milioni) sono stati i turisti più numerosi e che ai primi posti tra gli stranieri abbiamo avuto sempre i tedeschi (1,5 milioni, +5,5%) e francesi (1 milione, +4%), sono da segnalare delle interessanti novità. Notevole, ad esempio, è stata la crescita dei turisti statunitensi (+25%) che hanno raggiunto quota 540 mila, dei canadesi (+40%, pari a 110 mila) e degli australiani cresciuti addirittura del 157% con 150 mila presenze nel 2023. Segnalo anche il ritorno, dopo anni di calo post Brexit, dei turisti britannici che sono stati 265 mila per un incremento del 13%. Abbiamo infine registrato anche presenze in forte crescita percentuale di turisti provenienti dalla Cina (+101%), dal Giappone (+64%), dalla Corea del Sud (+73,5%) e dall'India (+35,8%). Questi ultimi sono mercati 'nuovi' per la Liguria nei quali abbiamo messo in preventivo di andare a promuovere il brand Liguria».   [post_title] => La Liguria presenta le campagne di promozione e comunicazione [post_date] => 2024-02-13T11:11:02+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707822662000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460173 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435257" align="alignleft" width="300"] Luigi Corradi, ad Trenitalia e capogruppo di settore Polo Passeggeri[/caption] Buone notizie da Ferrovie dello Stato. Il numero dei viaggiatori del Polo Passeggeri del Gruppo FS nel 2023 è cresciuto del 18% rispetto all’anno precedente. Una crescita a doppia cifra, rimarcata da Luigi Corradi, amministratore delegato di Trenitalia che ai microfoni della trasmissione "Sportello Italia" di Rai Radio 1 ha sottolineato il trend positivo delle persone che in Italia scelgono il treno o i bus di FS per viaggiare. «I passeggeri del 2023 sono stati 648 milioni – ha rimarcato Corradi – di questi circa 470 milioni hanno viaggiato sui treni di Trenitalia, mentre sui mezzi di Busitalia hanno viaggiato oltre 165 milioni di passeggeri e sui treni e i bus di Ferrovie del Sud Est si sono mosse più di 12 milioni di persone». Numeri che evidenziano un andamento positivo, molto vicino a quello degli pre-Covid. In particolare, a trainare questa crescita, come evidenziato dallo stesso Corradi, c’è il settore del turismo. Viaggi di piacere «Sempre più persone scelgono il treno per i propri viaggi di piacere, perché è una scelta comoda e sostenibile. Abbiamo avuto i principali picchi nel periodo estivo e in quello delle festività natalizie», ha detto Corradi. Durante la scorsa estate, infatti, sono stati oltre 100 milioni i passeggeri a bordo dei treni di Trenitalia, mentre solo durante le festività natalizie sono state 18 milioni le persone che hanno viaggiato con i treni di FS, una crescita del 7% rispetto al 2022. [post_title] => Corradi (FS): «Nel 2023 i passeggeri sono stati 648 milioni» [post_date] => 2024-01-26T10:43:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706265839000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459975 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Italia è l'ottavo paese europeo in cui si sviluppa il brand tedesco del cosiddetto lusso essenziale, Ruby Hotels. La prima apertura sarà a Firenze ed è prevista per l'inizio del terzo trimestre del 2024. In un palazzo storico nel cuore del capoluogo toscano si sta realizzando, insieme al gruppo Gb Holding, un albergo con 118 camere e un Ruby Workspace con una superficie totale di circa 300 mq. L'edificio ottocentesco avrà anche un bar e una caffetteria, una terrazza nel cortile interno e uno spazio di lavoro dedicato. La proprietà si trova in piazza della Libertà, nella parte settentrionale del centro storico della città. Il nuovo Ruby Hotel di Roma aprirà invece nel 2025 e sarà il secondo albergo del gruppo in Italia. Sarà situato in un edificio di ex uffici della polizia con una facciata storica nel centro di Roma, vicino alla Scalinata di Trinità dei Monti. Avrà circa 165 camere, un bar e una caffetteria aperti 24 ore su 24 e una terrazza sul tetto con vista sul centro di Roma. Ruby realizzerà l'hotel insieme a Ece Work & Live come sviluppatore del progetto e investitore. [post_title] => Il brand Ruby Hotels approda in Italia: debutto a Firenze, poi Roma [post_date] => 2024-01-23T15:21:56+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706023316000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459910 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => United Airlines stima un risultato in perdita nel primo trimestre del 2024 a causa del grounding dei Boeing 737 Max 9, in linea con la decisione della Federal Aviation Administration, successiva all'incidente che ha coinvolto Alaska Airlines. Nonostante la battuta d'arresto prevista per il primo trimestre, United rimane ottimista per l'intero anno, prevedendo un utile compreso tra 9 e 11 dollari per azione. La compagnia statunitense conta 79 velivoli di questo tipo in flotta, più di qualsiasi altro vettore, seguito da Alaska. Ieri, United ha dichiarato che si aspetta che gli aerei rimangano a terra fino al 26 gennaio, anche se la previsione presuppone che non sarà in grado di riportarli in servizio per tutto il mese. L'allarme per il primo trimestre di United arriva dopo un periodo festivo relativamente forte, anche se le compagnie aeree hanno dovuto affrontare condizioni meteo complesse nelle prime settimane di gennaio. La compagnia ha dunque chiuso il quarto trimestre 2023 con un utile netto di 600 milioni di dollari, in calo di quasi il 29% rispetto a un anno fa; il fatturato è stato di 13,63 miliardi di dollari, in crescita di quasi il 10% rispetto all'anno precedente e superiore alle stime degli analisti.  United ha trasportato il maggior numero di passeggeri di sempre in un anno con 165 milioni e ha registrato un load factor record per l'anno con l'86,4%. «Nonostante gli imprevedibili venti contrari, abbiamo raggiunto il nostro ambizioso obiettivo di eps che pochi pensavano possibile e stabilito nuovi record operativi per i nostri passeggeri - ha affermato Scott Kirby, ceo di United Airlines - Guardando al futuro, ci aspettiamo che questo trend prosegua e United è incredibilmente ben posizionata per trarne vantaggio e per raggiungere i nostri obiettivi finanziari a breve e lungo termine». [post_title] => United Airlines: il grounding dei B737 Max 9 si ripercuote sui risultati del primo trimestre 2024 [post_date] => 2024-01-23T10:50:38+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706007038000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459447 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo otto anni dall’ultima ristrutturazione, Hilton Milan si reinventa e, a partire da gennaio cambia look, grazie allo studio di architettura e interior design Thdp, costituito dalla coppia di architetti Nicholas Hickson e Manuela Mannino, traendo ispirazione dall’anima green del vicino quartiere Isola e dei suoi progetti futuri, come quello di palazzo Sistema, ispirato ai principi dell’architettura biofilica, filosofia che pone al centro la sintonia tra uomo e natura. Si tratta di una ristrutturazione a tappe, partita all’inizio del nuovo anno, con i lavori delle 155 camere dell’ala ovest, che saranno pronte in occasione della Fashion Week di settembre, e della terrazza. Quest’ultima subirà un importante restyling, che la convertirà in uno spazio indoor versatile e modulabile, perfetta per gli eventi di tutto l’anno, a partire da aprile. A settembre inizierà invece la ristrutturazione delle 165 camere dell’ala Est, delle suite e dell’executive lounge, mentre, con l’autunno 2024 anche l’attuale Pacific restaurant subirà un rinnovamento. "Con questa renovation ci aspettiamo di allargare il bacino di utenza a una clientela più leisure, attenta all’ambiente e alla ricerca di un benessere psicofisico anche in viaggio", spiega il general manager dell'albergo, Daniele Fabbri. “Per noi è un onore tornare a lavorare al progetto di Hilton Milan, dopo che nel 2017 abbiamo avuto il piacere di ricevere il premio London Design Award come best lobby. Milano è per noi un luogo del cuore. A ispirare l'intera ristrutturazione è il nostro amore per il design italiano", aggiunge Hickson.   [post_title] => L'Hilton Milan cambia look: al via una ristrutturazione all'insegna dell'architettura biofilica [post_date] => 2024-01-16T10:20:27+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705400427000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1657" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":6,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":74,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465188","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'industria del turismo statunitense ha centrato un nuovo record nel 2023, con un contributo al Pil Paese che è stato il più elevato di sempre e questo malgrado il rallentamento della spesa dei visitatori internazionali.\r\n\r\nE' quanto emerge dalla recente analisi del Wttc, secondo la quale lo scorso anno l'incidenza del turismo sul Pil degli Stati Uniti è cresciuto del 7% per un totale di 2,36 trilioni di dollari, superando il precedente record di 100 trilioni. I posti di lavoro del settore sono aumentati di 656.000 unità, raggiungendo i 18 milioni in tutto il Paese, superando il precedente record di 17,4 milioni.\r\n\r\nIn crescita la spesa dei viaggiatori nazionali, salita a 1,37 milioni di dollari, pari ad un aumento di oltre il 9% rispetto al precedente picco del 2019; per contro, la spesa dei visitatori internazionali è rimasta indietro di oltre il 25% rispetto allo stesso picco del 2019, pari a 156,1 milioni di dollari.\r\n\r\n\"Il governo statunitense ha sostenuto i viaggi e il turismo, ma la spesa dei visitatori internazionali è ancora inferiore ai numeri del 2019 - sottolinea Julia Simpson, presidente e ceo del Wttc -. E' necessario concentrarsi sulla semplificazione dei visti, sulle code alle frontiere e sulla ricerca di nuovo personale che darebbe al settore un impulso vitale in vista della Coppa del Mondo Fifa e delle Olimpiadi\".\r\n\r\nLe previsioni per il 2024 indicano che il settore aumenterà il suo contributo al Pil  degli Stati Uniti fino a oltre 2,5 milioni di dollari, pari a una quota del 9%, impiegando 18,8 milioni di persone in tutto il Paese, con un americano su nove che lavora nel settore.\r\nSi stima che la spesa dei visitatori nazionali continuerà a crescere, raggiungendo 1,43, trilioni e battendo il record del 2019 di quasi il 14%, ma si prevede che la spesa dei visitatori internazionali resti ancora inferiore ai livelli del 2019.\r\n\r\n ","post_title":"Stati Uniti: la spesa dei turisti internazionali è ancora a -25% rispetto al 2019","post_date":"2024-04-10T09:39:33+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1712741973000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465181","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" E' un Airbus A321neo il 400° aeromobile consegnato da Airbus a easyJet: il velivolo porta una livrea speciale, con il numero 400 composto da aeromobili in miniatura.\r\nDalla consegna del primo aeromobile della famiglia Airbus A320 di easyJet, avvenuta 20 anni fa, la compagnia aerea si è affermata come uno dei maggiori operatori al mondo di aeromobili della famiglia A320 a corridoio singolo di Airbus, con oltre 330 aeromobili attualmente in servizio.\r\n\"Nel portare avanti il nostro programma di rinnovamento della flotta con aeromobili della famiglia A320neo, più efficienti dal punto di vista dei consumi e più silenziosi, siamo orgogliosi di continuare a lavorare con Airbus e Cfm, che hanno entrambi un approccio solido alla sostenibilità nella produzione e continuano a essere partner affidabili per easyJet\" ha dichiarato David Morgan, chief operating officer del vettore.\r\n\r\nLa compagnia ha recentemente confermato un ordine definitivo per altri 157 aeromobili della famiglia A320neo che comprende 56  A320neo e 101 A321neo e include anche il ridimensionamento di un ordine esistente per 35 A320neo nei più grandi A321neo.\r\nGrazie all'integrazione di efficienze operative, tra cui i motori di nuova generazione e gli Sharklet, l'aeromobile consente di ridurre del 50% la rumorosità in fase di decollo e atterraggio e di ottenere un risparmio di carburante e una riduzione di CO2 fino al 15% rispetto agli aeromobili a corridoio singolo della precedente generazione.\r\n ","post_title":"EasyJet: il rinnovo della flotta continua con l'arrivo del 400° aeromobile Airbus, un A321neo","post_date":"2024-04-10T08:57:23+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712739443000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463520","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Bilancio 2023 positivo per l'aeroporto Marconi di Bologna che archivia il 2023 con ricavi consolidati per 145,1 milioni di euro, +7,8% rispetto al 2022, e pari ad una crescita del +15,9% se confrontati con il 2019.\r\n\r\nL'ebit del Marconi si è attestato a 25,8 milioni di euro contro un risultato di 36 milioni del 2022 (14,7 milioni al netto del Contributo Covid) e di 31,1 milioni di euro nell’ultimo anno pre-Covid. L'esercizio si chiude con un utile consolidato di 16,7 milioni di euro contro 31,1 milioni del 2022 (di cui 21,1 milioni dovuti al contributo derivante dal Fondo di compensazione). Al netto di tale contributo straordinario, l’utile del 2022 con cui confrontare il risultato dello stesso periodo del 2023 ammonta a 10 milioni di euro e la crescita è quindi del 67,5%.\r\n\r\n«Possiamo definire il 2023 come l’anno della definitiva ripresa delle attività, con oltre un anno di anticipo sulle previsioni, pur in uno scenario globale caratterizzato da una profonda incertezza e volatilità - ha commentato Nazareno Ventola, ad e direttore generale di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna -. In tale contesto siamo stati in grado di gestire il ritorno a pieno regime del traffico nel nostro aeroporto, seppur in un contesto caratterizzato dalla presenza di diversi cantieri, che ci accompagneranno anche nei prossimi anni e che hanno lo scopo di migliorare ulteriormente, nel breve e nel lungo termine, le nostre infrastrutture e, di conseguenza, l’esperienza di viaggio».\r\n\r\nNel 2023 sono stati complessivamente 9.970.284 i passeggeri registrati, in crescita del 17,4% rispetto al 2022, 78.658 i movimenti (+11,0%) e 50.994 le tonnellate di merce trasportata (-7,6%). Prendendo invece a riferimento il 2019, ultimo anno pre-Covid, il traffico passeggeri è stato nell’ultimo anno superiore del 6%, con luglio come il miglior mese di sempre nella storia dello scalo. Numeri che hanno permesso allo scalo bolognese di confermarsi al settimo posto in Italia per numero di passeggeri.\r\nl traffico low cost ha fatto registrare una variazione positiva dei volumi rispetto sia al 2022, con un +11,4%, che al 2019 con un +23,6%, mentre il traffico legacy ha mostrato un recupero più lento: +32,7% rispetto al 2022 ma -17,2% rispetto al 2019, oltre ad una contrazione dei movimenti sempre rispetto al 2019.\r\nAnalizzando le performance dei vettori, Ryanair si conferma la prima compagnia sullo scalo con il 53,3% del traffico totale, seguita da Wizz Air con il 9,7%, in crescita rispetto al 5,4% del 2019 e da Air France con il 2,9%.","post_title":"L'Aeroporto Bologna archivia il 2023 con profitti per 16,7 milioni di euro","post_date":"2024-03-15T09:51:56+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1710496316000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462669","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"United prevede di ricevere da Boeing 102 nuovi aeromobili in meno nel 2024 rispetto a quanto stabilito dal contratto: un ritardo che costringe la compagnia aerea a ricalcolare il piano della flotta e le aspettative di rinnovo per i prossimi anni.\r\n\r\nIn un documento depositato il 29 febbraio presso la Securities and Exchange Commission (Sec) degli Stati Uniti, il vettore ha dichiarato di contare sul fatto che il costruttore statunitense gli consegnerà 63 aerei nel 2024, anziché i 165 originariamente previsti.\r\n\r\nSecondo United, i ritardi nelle consegne rappresentano un rischio importante per la capacità di realizzare il piano di trasformazione della flotta \"United Next\" nonché per la gestione globale dello sviluppo.\r\n\r\nI ritardi arrivano mentre Boeing si occupa di numerosi problemi di qualità relativi al 737 Max, per i quali la Federal Aviation Administration ha messo in mora il produttore. United, da parte sua, ha dichiarato di essere alla ricerca di soluzioni per evitare conseguenze negative dai ritardi, ad esempio facendo maggiore affidamento su altri tipi di aeromobili e ritardando il ritiro di quelli più datati.\r\n\r\n ","post_title":"United Airlines prevede di ricevere da Boeing 102 aeromobili in meno nel 2024","post_date":"2024-03-04T10:14:47+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709547287000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460809","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" La Liguria presenta  le campagne di promozione e comunicazione per la prima parte del 2024 che arriveranno fino a fine luglio, con la prevista riapertura della Via dell’Amore. Il sentiero patrimonio Unesco simbolo delle Cinque Terre e della Liguria nel mondo tornerà fruibile dopo anni di chiusura e importanti lavori di recupero e messa in sicurezza.\r\n\r\n«C’è voglia di Italia e c’è grande voglia di Liguria - spiega il presidente della regione Liguria Giovanni Toti -, una regione i cui indicatori stanno tutti crescendo. Nel 2023 è fortemente aumentato il turismo straniero, mentre gli italiani sono ben presenti ormai da qualche stagione. Quest’anno sarà straordinario, con la riapertura della storica Via dell’Amore, dopo tanti anni di chiusura e un lavoro complesso anche da un punto di vista ingegneristico. Quest’estate quindi riapriremo al turismo uno dei simboli della Liguria a cui è dedicata anche la nostra cartolina istituzionale al Festival di Sanremo. In questi anni è cresciuto un turismo sempre più destagionalizzato, che fa della Liguria una meta ambita non solo per il suo mare, il più bello d’Italia, ma anche per la sua arte, per i suoi parchi, per il suo outdoor, per cui siamo tra i leader del Paese, senza dimenticare il traino fondamentale del nostro agroalimentare con un boom di vendite dei nostri prodotti, dal pesto al vino. Tutto si incrocia con quella nautica da diporto per cui la Liguria è diventata, con il suo Salone Nautico, i suoi porti e i suoi cantieri, la capitale mondiale. La Liguria è un modello di sviluppo integrato che ci sta dando tante soddisfazioni e le sta dando ai liguri visto che l’occupazione è ai massimi di tutti i tempi».\r\n\r\n«Dopo essere stati ad Utrecht e a Madrid a gennaio, proseguiamo le campagne promozionali del 2024 con la nostra presenza ad un'altra importantissima fiera internazionale come la Bit di Milano – dice Augusto Sartori, assessore regionale al Turismo -. Il nostro obiettivo è confermare e, perché no, migliorare l'ottimo risultato conseguito dalla Liguria nel corso del 2023. Per la prima volta in assoluto abbiamo avuto in un anno oltre 16 milioni di presenze turistiche con una crescita del 3,5% rispetto al 2022, di questi è stata notevole la presenza di turisti stranieri pari a 7,2 milioni, +9,4% sull'anno precedente. Confermato che i lombardi (3,2 milioni) e i piemontesi (2,7 milioni) sono stati i turisti più numerosi e che ai primi posti tra gli stranieri abbiamo avuto sempre i tedeschi (1,5 milioni, +5,5%) e francesi (1 milione, +4%), sono da segnalare delle interessanti novità. Notevole, ad esempio, è stata la crescita dei turisti statunitensi (+25%) che hanno raggiunto quota 540 mila, dei canadesi (+40%, pari a 110 mila) e degli australiani cresciuti addirittura del 157% con 150 mila presenze nel 2023. Segnalo anche il ritorno, dopo anni di calo post Brexit, dei turisti britannici che sono stati 265 mila per un incremento del 13%. Abbiamo infine registrato anche presenze in forte crescita percentuale di turisti provenienti dalla Cina (+101%), dal Giappone (+64%), dalla Corea del Sud (+73,5%) e dall'India (+35,8%). Questi ultimi sono mercati 'nuovi' per la Liguria nei quali abbiamo messo in preventivo di andare a promuovere il brand Liguria».\r\n\r\n ","post_title":"La Liguria presenta le campagne di promozione e comunicazione","post_date":"2024-02-13T11:11:02+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1707822662000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460173","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435257\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Luigi Corradi, ad Trenitalia e capogruppo di settore Polo Passeggeri[/caption]\r\n\r\nBuone notizie da Ferrovie dello Stato. Il numero dei viaggiatori del Polo Passeggeri del Gruppo FS nel 2023 è cresciuto del 18% rispetto all’anno precedente. Una crescita a doppia cifra, rimarcata da Luigi Corradi, amministratore delegato di Trenitalia che ai microfoni della trasmissione \"Sportello Italia\" di Rai Radio 1 ha sottolineato il trend positivo delle persone che in Italia scelgono il treno o i bus di FS per viaggiare.\r\n\r\n«I passeggeri del 2023 sono stati 648 milioni – ha rimarcato Corradi – di questi circa 470 milioni hanno viaggiato sui treni di Trenitalia, mentre sui mezzi di Busitalia hanno viaggiato oltre 165 milioni di passeggeri e sui treni e i bus di Ferrovie del Sud Est si sono mosse più di 12 milioni di persone».\r\n\r\nNumeri che evidenziano un andamento positivo, molto vicino a quello degli pre-Covid. In particolare, a trainare questa crescita, come evidenziato dallo stesso Corradi, c’è il settore del turismo.\r\nViaggi di piacere\r\n«Sempre più persone scelgono il treno per i propri viaggi di piacere, perché è una scelta comoda e sostenibile. Abbiamo avuto i principali picchi nel periodo estivo e in quello delle festività natalizie», ha detto Corradi. Durante la scorsa estate, infatti, sono stati oltre 100 milioni i passeggeri a bordo dei treni di Trenitalia, mentre solo durante le festività natalizie sono state 18 milioni le persone che hanno viaggiato con i treni di FS, una crescita del 7% rispetto al 2022.","post_title":"Corradi (FS): «Nel 2023 i passeggeri sono stati 648 milioni»","post_date":"2024-01-26T10:43:59+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1706265839000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459975","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Italia è l'ottavo paese europeo in cui si sviluppa il brand tedesco del cosiddetto lusso essenziale, Ruby Hotels. La prima apertura sarà a Firenze ed è prevista per l'inizio del terzo trimestre del 2024. In un palazzo storico nel cuore del capoluogo toscano si sta realizzando, insieme al gruppo Gb Holding, un albergo con 118 camere e un Ruby Workspace con una superficie totale di circa 300 mq. L'edificio ottocentesco avrà anche un bar e una caffetteria, una terrazza nel cortile interno e uno spazio di lavoro dedicato. La proprietà si trova in piazza della Libertà, nella parte settentrionale del centro storico della città.\r\n\r\nIl nuovo Ruby Hotel di Roma aprirà invece nel 2025 e sarà il secondo albergo del gruppo in Italia. Sarà situato in un edificio di ex uffici della polizia con una facciata storica nel centro di Roma, vicino alla Scalinata di Trinità dei Monti. Avrà circa 165 camere, un bar e una caffetteria aperti 24 ore su 24 e una terrazza sul tetto con vista sul centro di Roma. Ruby realizzerà l'hotel insieme a Ece Work & Live come sviluppatore del progetto e investitore.","post_title":"Il brand Ruby Hotels approda in Italia: debutto a Firenze, poi Roma","post_date":"2024-01-23T15:21:56+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1706023316000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459910","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"United Airlines stima un risultato in perdita nel primo trimestre del 2024 a causa del grounding dei Boeing 737 Max 9, in linea con la decisione della Federal Aviation Administration, successiva all'incidente che ha coinvolto Alaska Airlines.\r\n\r\nNonostante la battuta d'arresto prevista per il primo trimestre, United rimane ottimista per l'intero anno, prevedendo un utile compreso tra 9 e 11 dollari per azione.\r\n\r\nLa compagnia statunitense conta 79 velivoli di questo tipo in flotta, più di qualsiasi altro vettore, seguito da Alaska. Ieri, United ha dichiarato che si aspetta che gli aerei rimangano a terra fino al 26 gennaio, anche se la previsione presuppone che non sarà in grado di riportarli in servizio per tutto il mese.\r\n\r\nL'allarme per il primo trimestre di United arriva dopo un periodo festivo relativamente forte, anche se le compagnie aeree hanno dovuto affrontare condizioni meteo complesse nelle prime settimane di gennaio.\r\n\r\nLa compagnia ha dunque chiuso il quarto trimestre 2023 con un utile netto di 600 milioni di dollari, in calo di quasi il 29% rispetto a un anno fa; il fatturato è stato di 13,63 miliardi di dollari, in crescita di quasi il 10% rispetto all'anno precedente e superiore alle stime degli analisti.  United ha trasportato il maggior numero di passeggeri di sempre in un anno con 165 milioni e ha registrato un load factor record per l'anno con l'86,4%.\r\n\r\n«Nonostante gli imprevedibili venti contrari, abbiamo raggiunto il nostro ambizioso obiettivo di eps che pochi pensavano possibile e stabilito nuovi record operativi per i nostri passeggeri - ha affermato Scott Kirby, ceo di United Airlines - Guardando al futuro, ci aspettiamo che questo trend prosegua e United è incredibilmente ben posizionata per trarne vantaggio e per raggiungere i nostri obiettivi finanziari a breve e lungo termine».","post_title":"United Airlines: il grounding dei B737 Max 9 si ripercuote sui risultati del primo trimestre 2024","post_date":"2024-01-23T10:50:38+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1706007038000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459447","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo otto anni dall’ultima ristrutturazione, Hilton Milan si reinventa e, a partire da gennaio cambia look, grazie allo studio di architettura e interior design Thdp, costituito dalla coppia di architetti Nicholas Hickson e Manuela Mannino, traendo ispirazione dall’anima green del vicino quartiere Isola e dei suoi progetti futuri, come quello di palazzo Sistema, ispirato ai principi dell’architettura biofilica, filosofia che pone al centro la sintonia tra uomo e natura.\r\n\r\nSi tratta di una ristrutturazione a tappe, partita all’inizio del nuovo anno, con i lavori delle 155 camere dell’ala ovest, che saranno pronte in occasione della Fashion Week di settembre, e della terrazza. Quest’ultima subirà un importante restyling, che la convertirà in uno spazio indoor versatile e modulabile, perfetta per gli eventi di tutto l’anno, a partire da aprile. A settembre inizierà invece la ristrutturazione delle 165 camere dell’ala Est, delle suite e dell’executive lounge, mentre, con l’autunno 2024 anche l’attuale Pacific restaurant subirà un rinnovamento.\r\n\r\n\"Con questa renovation ci aspettiamo di allargare il bacino di utenza a una clientela più leisure, attenta all’ambiente e alla ricerca di un benessere psicofisico anche in viaggio\", spiega il general manager dell'albergo, Daniele Fabbri. “Per noi è un onore tornare a lavorare al progetto di Hilton Milan, dopo che nel 2017 abbiamo avuto il piacere di ricevere il premio London Design Award come best lobby. Milano è per noi un luogo del cuore. A ispirare l'intera ristrutturazione è il nostro amore per il design italiano\", aggiunge Hickson.\r\n\r\n ","post_title":"L'Hilton Milan cambia look: al via una ristrutturazione all'insegna dell'architettura biofilica","post_date":"2024-01-16T10:20:27+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1705400427000]}]}}

Lascia un commento