14 July 2024

1520

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

DIRETTORE TECNICO disponibile per Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna per copertura titolo e/o collaborazione.
Cell. 347 6500346; mail: alessandra.stefani@libero.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471069 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Arrivano 10 miliardi di euro di nuovo credito da Intesa Sanpaolo per le imprese del turismo. Di questi 3 miliardi sono destinati alle aziende del Mezzogiorno. La novità si aggiunge ai circa 9 miliardi già erogati al comparto dal 2020. Questo nuovo intervento a favore delle imprese turistiche si inserisce tra le leve previste nel programma “Il tuo futuro è la nostra impresa” della divisione Banca dei territori guidata da Stefano Barrese, che destina 120 miliardi fino al 2026 per gli investimenti delle aziende italiane e dedica un sostegno specifico al turismo e all’agribusiness, settori strategici per l’economia del Paese. Il plafond di 10 miliardi di euro incentiverà in particolare nuovi investimenti in chiave transizione 5.0, competitività sostenibile ed efficientamento energetico lungo tre assi: riqualificazione e aumento degli standard qualitativi delle strutture, sostenibilità ambientale dell’offerta e digitalizzazione del modello di servizio. Tra le misure destinate al settore, ci sono poi anche le soluzioni di finanziamento S-Loan, che prevedono un meccanismo di incentivi economici alle imprese impegnate a investire e realizzare obiettivi esg. Intesa Sanpaolo ha inoltre aderito al fondo tematico per il turismo tramite Equiter, con risorse amministrate dalla Bei per conto del Mef e indirizzate alle imprese. Il gruppo infine prevede soluzioni di noleggio operativo per avviare programmi di ammodernamento delle strutture, consentendo quindi di preservare l’equilibrio finanziario delle pmi. “Come banca di riferimento dei principali settori del Paese, rinnoviamo il nostro sostegno all’industria turistica, la cui crescita è determinante per rafforzare strutturalmente l’economia italiana - commenta lo stesso Barrese -. Il percorso intrapreso in questi ultimi anni dalle imprese del comparto verso sostenibilità, digitalizzazione e innalzamento degli standard qualitativi delle strutture mostra risultati incoraggianti e deve proseguire con maggior intensità e diffusione, grazie al potenziale delle filiere del mondo enogastronomico. Mettiamo a disposizione 10 miliardi di euro per incentivare nuovi investimenti, accompagnare i passaggi generazionali di queste aziende, favorendone anche la crescita dimensionale. Il nostro obiettivo, in linea con le direttrici del Pnrr, è accelerare i processi di transizione per agevolare una proposta di ospitalità più efficiente per i bilanci delle imprese e di maggiore salvaguardia per il turismo e per l’ambiente”. [post_title] => Intesa Sanpaolo: 10 miliardi di nuovo credito per le imprese del turismo [post_date] => 2024-07-09T13:15:15+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720530915000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470942 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Risultati di buon auspicio per l'estate quelli messi a segno da Aeroitalia lo scorso giugno: la compagnia aerea segnala di aver operato 1880 voli, +64% rispetto all'anno precedente, offrendo il 76% in più di posti a sedere. L' indice di servizio al cliente - Net Promoter Score - è migliorato del 16% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente grazie a operazioni mature e stabili, a un'affidabilità dei programmi del 99% e a prestazioni puntuali dell'85%. Il numero di passeggeri trasportati ha raggiunto i 246.000, segnando un incremento del 152%, con un load factor che è aumentato di 23 punti percentuali, mentre i ricavi unitari sono cresciuti dell'8%". La crescita della capacità si è focalizzata su quattro mercati principali: Sicilia, Sardegna, Milano-Roma (quest'ultima è la rotta principale) e Romania. “Le prospettive future sono solide e ci stiamo avvicinando al nostro obiettivo che prevede di trasportare oltre 2,5 milioni di passeggeri entro la fine del 2024” ha commentato il cco di Aeroitalia, Krassimir Tanev. [post_title] => Aeroitalia comincia l'estate in crescita: oltre 246.000 passeggeri a giugno [post_date] => 2024-07-08T09:35:24+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720431324000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470835 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' il momento dei resort. Dopo anni in cui gli investitori istituzionali si sono tenuti alla larga da proprietà considerate eccessivamente volatili e complesse, data la loro eccessiva dipendenza dalle stagionalità del mercato, i capitali guardano ora con grande interesse anche alle proprietà leisure della nostra Penisola. Per la verità, il fenomeno è in crescita da tempo, ma nel 2023, ha spiegato Giampiero Schiavo citando dati Ey, "le transazioni riguardanti i resort hanno raggiunto ben il 46% degli investimenti alberghieri totali". In tale contesto, ha proseguito l'amministratore delegato di Castello sgr, in occasione dell'Hospitality Forum organizzato a Milano da Scenari Immobiliari in collaborazione con la stessa sgr, la Toscana ha attratto il 33% dei capitali dedicati alle strutture leisure, la Lombardia il 20%, la Sicilia il 13%, la Liguria il 10% e la Sardegna il 6%. In generale, stando al Rapporto di Scenari Immobiliari sul mercato immobiliare presentato all'evento meneghino, all’interno di un contesto globale caratterizzato da tensioni di natura geopolitica e aumenti dei tassi di interesse, in Europa, dove la domanda alberghiera nel 2023 ha consolidato i trend di crescita del biennio precedente, il mercato immobiliare è risultato eterogeneo. Sul continenti gli investimenti sono risultati essere comunque prossimi ai 16 miliardi di euro (+8,5% circa rispetto ai quasi 15 miliardi del 2022). E le stime sono al rialzo anche per il 2024, grazie alla riduzione dei costi di finanziamento e al conseguente miglioramento della sostenibilità economica e finanziaria del debito. In Italia il valore delle transazioni nel comparto ha quindi toccato quota 1,4 miliardi (in calo rispetto agli 1,7 miliardi del 2022), mostrando tuttavia una buona dinamicità e mantenendosi sostanzialmente sui livelli storici dell'ultima decade, se si eccettua l'anno record 2019 e il post-Covid 2020.   Non solo: nel 2023 il volume di operazioni svolte da investitori italiani, come poche volte successo in passato, ha superato quello riconducibile a capitali internazionali, provenienti in prevalenza da Francia e Regno Unito e per circa un quarto da Paesi extra-europei. I profili dei principali investitori sono in particolare quelli dei family office, degli operatori alberghieri e dei private equity, i primi due rappresentando la componente maggioritaria degli attori nazionali. Un capitolo a parte merita infine il tema dei serviced apartments, che a livello europeo hanno ormai superato le 230 mila unità (+15% rispetto al 2020), pur presentando una distribuzione disomogenea nei diversi mercati del Continente. Nel Regno Unito tale comparto rappresenta infatti già il 15% dell'offerta ricettiva complessiva; una percentuale che scende all'8,7% in Germania e al 4,3% in Francia. Molto più basse sono invece le quote in Spagna e in Italia, che evidentemente mostrano elevate potenzialità di crescita in questo specifico segmento dell'accoglienza. Tanto più che nella nostra Penisola meno del 10% degli aparthotel è oggi gestito da operatori specializzati, per un'offerta media di 80 unità abitative, contro il 15% e le 120 chiavi a livello europeo. Non solo: mentre nel resto del Vecchio continente tali soluzioni sono prevalentemente concentrate nelle grandi città, per rispondere soprattutto alle esigenze dei cosiddetti nomadi digitali e degli studenti, alle nostre latitudini ben l'85% della proposta si trova in città secondarie. Entro la fine del 2025 si prevede peraltro che l'offerta di serviced apartments nel nostro paese cresca di oltre l'80%. "Viviamo in una fase sostanzialmente positiva - ha concluso il presidente di Scenari Immobiliari, Mario Breglia -. Non possiamo però non tenere conto che l'ospitalità a livello globale vale qualcosa come 10 mila miliardi di dollari, pari a quasi il 10% del pil mondiale. Si tratta di una fetta di torta su cui comprensibilmente in tanti vorrebbero mettere le mani. Occorre quindi essere attrezzati e organizzare l’offerta in tutti i settori. Creare insomma un intesto sistema economico in grado di fare realmente rete". [post_title] => Schiavo, Castello sgr: in Italia è resort - mania [post_date] => 2024-07-05T09:14:58+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720170898000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470585 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Egyptair rilancia l'investimento sull'Italia e su Milano Malpensa in particolare, con l'apertura di una nuova rotta per Luxor, che decollerà il prossimo 6 ottobre, con una frequenze alla settimana, la domenica: partenza alle 17:50 e arrivo alle 23:05, ora locale, a Luxor. Il volo di rientro potrà essere effettuato da Luxor o da Assuan, in base all’itinerario scelto per visitare la Valle dei Re, e farà scalo a Il Cairo: sarà quindi possibile effettuare una sosta più lunga per uscire dall’aeroporto e visitare la capitale e i suoi musei. Il collegamento, «che risponde in primis ad una forte domanda da parte di tour operator e agenti di viaggio italiani, agevolandone l'organizzazione degli itinerari - ha spiegato questa mattina a Milano Salah Tawfik, regional director Italia e Malta del vettore egiziano - sarà operato con un Boeing 737-800, configurato con 144 posti, di cui 24 in Business Class e 120 in Economy Class. Il volo ribadisce il profondo legame tra Egitto e Italia e la volontà di sostenere il turismo tra i due Paesi che, malgrado il complesso contesto geopolitico internazionale, mantiene un trend di crescita positivo.  Nel 2023, secondo i dati del Ministero del turismo, l’Egitto ha registrato 14,9 milioni di visitatori, con una crescita dal 27% rispetto al 2022 e di gran lunga superiore al record storico di 13,1 milioni di arrivi registrato nel 2019. A fare la parte del leone, sono i turisti italiani, cresciuti del 250% per un totale di 850.000 arrivi. «E nel periodo da ottobre 2023 a gennaio 2024, gli arrivi sono stati a livello globale 5 milioni, +8%». Andamento confermato da Egyptair che, nel 2023, ha trasportato «più di 265.000 passeggeri tra l’Italia e l’Egitto, collegando Roma Fiumicino e Milano Malpensa con 24 voli settimanali per Il Cairo (1.221 voli tra i due paesi). Per gestire la sempre maggior richiesta su base annuale e con specifici picchi stagionali, per quest’estate sono stati aggiunti nuovi voli diretti su Il Cairo per un totale di 28 settimanali, suddivisi equamente tra Milano e Roma e tutti operati con Boeing 737-800, garantendo quindi la possibilità di viaggiare a oltre 4.000 passeggeri ogni settimana». In pratica, nel primo trimestre dell'anno fiscale 2023-24 la capacità posti dall'Italia è cresciuta dell'8%, passando da 3,4 a 3,7 milioni di posti offerti. Da segnalare, sempre in risposta alle richieste del mercato trade Italia, «l'aggiunta di servizi charter, tra cui il diretto Palermo-Sharm El Sheikh, in collaborazione con Going, che sarà attivo dal 21 luglio e fino al 15 settembre prossimo». Tra gli operatori che lavorano maggiormente con la compagnia spiccano «Mistral - Quality Group, Boscolo, Kel 12 e Rallo». Ma il volo per Luxor non sarà l'unica novità italiana per Egyptair: «Abbiamo un paio di altre novità in fieri già nel 2025». «La partnership strategica tra Egyptair e Malpensa si arricchisce così di un nuovo capitolo che contribuirà a sviluppare ulteriormente la connettività e gli scambi culturali e umani tra Milano e l’Egitto, caratterizzati da una costante crescita delle rotte e dei flussi di traffico - ha osservato Andrea Tucci, vice president aviation business development di Sea -. L'aggiunta di una destinazione come Luxor ci consente di entrare pesantemente nel segmento turistico, e il territorio lombardo, allargato, è il mercato migliore per farlo: il Nord Italia rappresenta 60% dei volumi di traffico outbound del segmento turistico, un mercato molto ricco considerando che il traffico origine e destinazione Egitto ha raggiunto gli 800.000 passeggeri e cresce ancora: Linate e Malpensa conteranno presto quasi 1 milione di passeggeri». Con questo nuovo volo il portafoglio dei servizi aerei di Malpensa sale a 182 destinazioni in 78 paesi. Tra i plus della nuova rotta Egyptair, la possibilità «sia per chi viaggia in economy class sia per chi vola in business class di portare con sè due bagagli da stiva - aggiunge - Maria Grazia Clementi, sales manager Egyptair Italy -: da 23 kg più un bagaglio a mano da 8 kg nel caso dell'economy, e da 32 kg ciascuno per la business. Inoltre, i passeggeri di business potranno accedere gratuitamente alla Vip Lounge Montale presso il T1 di Milano Malpensa, così come accade per i possessori della Star Alliance Gold Card». La piattaforma Ers - Egyptair Retailing System [caption id="attachment_470607" align="alignleft" width="282"] Marco Naguib[/caption] Al canale agenziale è dedicata la nuova piattaforma Ers - Egyptair Retailing System la compagnia «ha lanciato da qualche giorno - sottolinea Marco Naguib, marketing manager Egyptair Italy -: una piattaforma basata su Ndc che garantisce agli agenti di viaggio accesso a contenuti più ricchi e personalizzati, semplificando e velocizzando la vendita di tutti i prodotti ancillary. Gli adv che si registreranno potranno beneficiare di un periodo di prova per testarne le prestazioni. Al momento non è previsto alcuna fee aggiuntiva per coloro che invece sceglieranno di continuare a utilizzare il tradizionale canale gds». Attualmente il vettore egiziano opera con una flotta di 69 aeromobili, di cui 26 Airbus e 43 Boeing: «In consegna ci sono ulteriori dieci A350-900 e 18 B737-800 - conclude Tawfik - in linea con il piano di sviluppo al 2028, quando il numero di velivoli operativi sarà salito a 125». [post_title] => Egyptair rilancia da Milano con la nuova rotta per Luxor, dal 6 novembre [post_date] => 2024-07-02T12:06:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719922018000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470513 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Parco Nazionale Area Marina Protetta delle Cinque Terre lancia la prima edizione del Cinque Terre Photo Award, il premio fotografico dedicato al racconto del territorio del Parco e del suo complesso intreccio di mondi. Il concorso nasce dall’idea di orientare l’interesse fotografico per le Cinque Terre, spesso banalizzato e ridotto a immagini ripetitive, verso una narrazione più ampia, autentica e contemporanea di questo straordinario tratto dell’estremo Levante ligure che l’UNESCO ha voluto elevare a Patrimonio Mondiale dell’Umanità nel 1997. Il Cinque Terre Photo Award - nato dalla collaborazione con Spazi Fotografici e patrocinato da FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano, I Parchi Letterari Italiani, e Touring Club Italiano - è declinato in due categorie, attraverso cui i fotografi, professionisti o amatoriali, potranno esplorare e mettere in luce gli elementi essenziali della vita del Parco: Genius Loci, sulle serie fotografiche che meglio documentano e narrano il rapporto dinamico tra uomo e natura, la conservazione e trasformazione del paesaggio, l'adattamento e la convivenza con l'ambiente circostante; Naturalia, che premia le migliori immagini singole della flora e della fauna custodite negli habitat terrestri e marini, celebrando la biodiversità del Parco e dell'Area Marina Protetta. Le categorie e lo straordinario paesaggio delle Cinque Terre, dal mare al crinale, offriranno l’opportunità a tutti gli amanti della fotografia e della natura, di esprimere il proprio talento e il proprio amore per il territorio, promuovendo una visione più consapevole e rispettosa del Parco e dei suoi stili di vita. Previste anche delle menzioni speciali con il compito di stimolare ulteriormente l’esplorazione di tutte le dimensioni dell’area protetta e la narrazione in immagini da punti di vista inediti: • menzione “FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano” per la miglior immagine sul tema dell'acqua come elemento generativo e trasformativo del paesaggio delle Cinque Terre; • menzione “Sergio Fregoso” al miglior autore under 30 per la categoria “Genius Loci” in omaggio allo storico fotografo spezzino che attraverso la sua poetica ha saputo cogliere e documentare l’evoluzione del paesaggio delle Cinque Terre, da mondo agricolo a meta di interesse culturale e turistica, ispirando le successive generazioni di artisti; • menzione alla miglior immagine subacquea o di ambiente marino. Ai vincitori delle due categorie premi in denaro: 1500 euro per la sezione “Genius Loci” e 500 euro per “Naturalia”. Ma non solo: grazie alla collaborazione con Leica Akademie Italia e Spazi Fotografici, riconoscimenti in voucher per corsi e workshop formativi. Importante la partnership con le realtà locali che offriranno ai vincitori delle diverse menzioni esperienze per vivere il Parco a 360 gradi. Le Pro Loco di Riomaggiore/Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso metteranno in palio soggiorni e cene mentre la Cantina Cooperativa Cinque Terre e la Cantina Sassarini/A Scià una wine experience alla scoperta dei Vini Cinque Terre Doc. Infine, per il vincitore della miglior foto subacquea e di ambiente marino un'immersione nell’Area Marina Protetta, offerta dal Diving Cinque Terre. La scadenza per l’invio delle immagini è fissata al 31 agosto 2024. La giuria del concorso sarà composta da esperti del settore fotografico e della comunicazione: Donatella Bianchi, giornalista e Presidente del Parco Nazionale delle Cinque Terre; Gilberto Benni, Head of Leica Classic Italy e di Leica Akademie Italy; Ottavio Di Brizzi, direttore editoriale del Touring Club Italiano; Davide Di Gennaro, graphic designer e cofondatore dello studio TomoTomo; Sara Fregoso, fotografa; Davide Marcesini, fotografo e direttore di Spazi Fotografici; Stanislao de Marsanich, presidente de I Parchi Letterari Italiani; Alberto Luca Recchi, fotografo, scrittore ed esploratore subacqueo; Barbara Verduci, photoeditor del FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano.   [post_title] => Cinque Terre Foto Award, un concorso che invita ad esplorare il territorio [post_date] => 2024-07-01T12:35:52+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719837352000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470497 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono state oltre 60 le cancellazioni dei voli Ryanair causate "dalle scarse prestazioni del controllo del traffico aereo europeo nelle giornate del 27 e 28 giugno". La low cost punta il dito contro "i servizi di controllo del traffico aereo che continuano a performare male (nonostante i volumi di traffico siano inferiori del 5% rispetto ai livelli del 2019) con ripetuti problemi legati a “carenze di personale” e ora a “guasti agli strumenti” nel centro di Maastricht. Giovedì 27 giugno, oltre il 30% dei 3.500 voli Ryanair ha subito ritardi a causa di disservizi Atc. 16 aerei non sono rientrati alla base giovedì notte a causa di ritardi Atc, il che significa che non hanno rispettato gli orari di atterraggio previsti dal coprifuoco aeroportuale. Questi ripetuti ritardi e cancellazioni dei voli dovuti alla cattiva gestione del traffico aereo sono inaccettabili". “I servizi Atc in Europa quest’estate sono ai livelli peggiori di sempre - accusa il chief operations officer di Ryanair Neal McMahon -. Ryanair e molte altre compagnie aeree europee stanno subendo questi disservizi che determinano ripetuti ritardi, cancellazioni e disagi per i passeggeri a causa della cattiva gestione degli Atc europei. Chiediamo a Raul Medina, direttore generale di Eurocontrol, di spiegare perché i centri Atc europei sono ripetutamente a corto di personale e ora lamentano “guasti agli strumenti” presso il centro di Maastricht, con un impatto su tutte le compagnie aeree europee. È inaccettabile che 1 su 4 delle prime partenza di Ryanair oggi sia stata ritardata a causa della carenza di personale ATC e di guasti agli strumenti. Negli ultimi tre anni, le tariffe Atc in Europa sono aumentate a livelli record, ma i livelli del personale e dei servizi hanno continuato a diminuire. Chiediamo al presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen di agire per riformare urgentemente i caotici servizi Atc europei. Questi ripetuti ritardi e cancellazioni dovuti all’Atc sono inaccettabili. Ci scusiamo con i nostri passeggeri per questi ripetuti disagi, che sono profondamente deprecabili ma al di fuori del controllo di Ryanair”. [post_title] => Ryanair: 60 voli cancellati, 150 partenze ritardate. "Serve riforma Atc europei" [post_date] => 2024-07-01T11:22:23+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719832943000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470475 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nile Air ha fatto il suo debutto nei cieli italiani venerdì scorso, 28 giugno, con l'apertura della nuova rotta tra Il Cairo e Milano Bergamo. Il collegamento viene operato tre volte alla settimana - nei giorni di mercoledì, il venerdì e la domenica - con un Airbus A320, configurato con 8 posti in Business Class e 156 in Economy Class; lo schedule prevede partenza da Bergamo alle ore 21:20 e arrivo al Cairo alle ore 02:00 (+1), e decollo da Il Cairo alle ore 17:10 con arrivo a Milano-Bergamo alle ore 20:10. La rotta tra Il Cairo e Milano Bergamo è dunque la prima in assoluto operata da Nile Air (rappresentata da Global Gsa) in Italia, che diventa il nono Paese servito dalla compagnia aerea egiziana. "Cominciamo con tre frequenze alla settimana, ma contiamo di aumentare presto il numero dei voli su questa rotta - ha dichiarato  Mohammed El Sherif, chief commercial officer Nile Air, in occasione dell'inaugurazione del collegamento -. Milano Bergamo rappresenta la nostra terza destinazione in Europa, cui speriamo ne seguiranno presto altre". "Nile Air arricchisce l'offerta da Milano Bergamo verso l'Egitto e più in generale il Nord Africa - ha osservato Dario Nanna, direzione commerciale aviation di Sacbo -. Per l'estate 2024 dal nostro scalo saranno raggiungibili 152 destinazioni in 41 paesi e 22 compagnie aeree". Fondato al Cairo nel 2006, Nile Air è la più grande compagnia aerea privata dell’Egitto ed è stata riconosciuta come 4° miglior vettore regionale per l’Africa da Skytrax World Airline Awards. [post_title] => Milano Bergamo: operativo tre volte a settimana il nuovo volo per Il Cario di Nile Air [post_date] => 2024-07-01T09:47:11+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719827231000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470137 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Vueling è nata a Barcellona e connette la Catalogna al mondo. La connettività di Vueling facilita una maggiore mobilità per quasi 37 milioni di passeggeri all’anno e ha permesso di migliorare il trasporto aereo favorendone la democratizzazione». Esordisce così Luis Gallego, amministratore delegato del gruppo Iag, casa madre del vettore spagnolo, in apertura dei festeggiamenti che si sono svolti proprio nella capitale catalana per il 20° compleanno della low cost. «La linea aerea ha seguito le richieste del mercato e rappresenta un referente di innovazione nel settore, capace di stimolare la competizione con continue trasformazione e innovazione. La Catalogna diventa così protagonista con il ruolo di referente tecnologico». Un’innovazione che si lega anche all’intelligenza artificiale. «Apriamo un laboratorio di AI, dove lavorerà un team di 150 persone, con l’impegno di favorire il continuo miglioramento delle nostre operazioni e dell’esperienza dei viaggiatori». In primo piano l’attenzione alla sostenibilità. «Per noi è un impegno fondamentale e per questo siamo stati il primo gruppo al livello internazionale a impegnarsi nel raggiungimento delle zero emissioni entro il 2050. Barcellona ha un potenziale indiscutibile e attraverso Vueling e gli altri vettori Iag continueremo a espandere la sua connettività con l’Europa e il mondo. Vueling è parte fondamentale della strategia del gruppo e il suo spirito unico ha ispirato il settore dell’aviazione negli ultimi 20 anni e continua a farlo». Sulla cima del Tibidabo, luogo iconico della città, tra le giostre colorate del luna park e lo sguardo sulla città, ha parlato anche Carolina Martinoli, oggi presidente e consigliere delegato di Vueling. «Ho lavorato 13 anni nel gruppo Iag e da meno di 3 mesi mi dedico a Vueling, di cui conosco bene il percorso. Un inizio realizzato con 2 aerei, 5 rotte e un team di 120 persone. Oggi abbiamo 124 aerei, 250 rotte e un team di 4600 persone, con una quota del 41% nell’aeroporto El Prat di Barcellona. Mi piace ricordare non solo quello che è stato fatto, ma come è stato fatto. - ha sottolineato Martinoli – Abbiamo lavorato con uno spirito innovatore, con un nuovo modello che voleva permettere a tutti di volare. L’innovazione, come la sostenibilità, è sempre stata in primo piano; per questo all’interno della sede catalana di Vueling abbiamo un centro tecnologico e la Vueling University. Il gruppo Iag ha anche commissionato una ricerca per comprendere l’impatto del gruppo in Catalogna e Vueling contribuisce con 1,9% nell’impiego e 1,6% nel Pil. Vogliamo celebrare 20 anni di Vueling in questo Yellow Day. È il giorno dell’allegria e ha il colore della nostra linea, oltre a simboleggiare uno sguardo al futuro positivo». [gallery ids="470141,470139,470140"] [post_title] => I 20 anni di Vueling: un percorso di crescita, fra innovazione e sostenibilità [post_date] => 2024-06-25T14:15:55+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719324955000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470135 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Osservatorio del Turismo Outdoor, condotto da Human Company in collaborazione con Thrends, stima per il turismo open air  56,5 milioni le presenze da giugno a settembre, con il mercato estero che gioca un ruolo sempre più cruciale: si prevede infatti la miglior performance dal 2017, con circa 30 milioni di presenze (pari al 53% del totale). Questo dato ancora una volta conferma l'enorme attrattiva che le bellezze naturali, culturali e artistiche dell'Italia esercitano sui turisti stranieri, in particolare quelli provenienti da mercati europei chiave per il turismo all'aperto, come l'area DACH e il Benelux. È con queste premesse che fervono i preparativi della 15^ edizione del Salone del Camper, in programma dal 14 al 22 settembre 2024 presso le Fiere di Parma, in collaborazione con APC (Associazioni Produttori Camper) il più atteso e prestigioso di settore (primo in Italia e secondo in Europa). Con una crescita costante e un impatto economico significativo, il Salone del Camper rappresenta un'opportunità unica per esplorare le tendenze del mercato, incontrare i leader del settore e scoprire le innovazioni più recenti.  Da 15 anni il Salone del Camper ha consolidato la sua reputazione come punto di riferimento per il settore Open air e i numeri dell'ultima edizione 2023 parlano chiaro: più di 100.000 visitatori, oltre 50.000 ticket on line, più di 50.000 mezzi parcheggiati negli stalli in fiera, 5 Padiglioni per oltre 110.000 metri quadrati di superficie espositiva (+20%), più di 300 espositori (di cui 54 produttori di veicoli ricreazionali), oltre 600 veicoli ricreazionali esposti, 520 presenze tra giornalisti blogger e influencer, oltre 70 eventi che hanno garantito l'ampia offerta tra workshop, convegni, presentazioni. Il Salone del Camper non è solo una vetrina per gli appassionati del camperismo, ma è un volano economico per l'intero settore, una manifestazione indispensabile non solo alla sola filiera di settore ma anche per tutto l’indotto che vi opera. Il suo impatto economico contribuisce significativamente alla crescita del mercato del turismo open air, creando opportunità di sviluppo per le aziende, promuovendo così una maggiore partecipazione e interesse da parte del pubblico. L'Italia si posiziona come il terzo maggior produttore di camper in Europa per volumi, superata solo da Germania e Francia. Il panorama italiano vanta una ricca varietà di brand rinomati nel settore tra cui Arca, CI, Elnagh, Etrusco, Giottiline, Laika, McLouis, Mobilvetta, Rimor, Roller Team, Top Group e XGO.  Inoltre, circa il 20% di tutti i camper immatricolati annualmente in Europa ha origine proprio dall'Italia. Un mercato in continua espansione. Il camper si rivela essere il mezzo ideale per coloro che cercano un approccio al turismo sensibile alla sostenibilità, particolarmente adatto alle famiglie e ai gruppi di amici. Secondo i dati raccolti, il camper mostra la migliore efficienza energetica su un volume da 4 a 5 passeggeri, ma i suoi benefici ambientali si estendono a qualsiasi composizione di equipaggio.    [post_title] => Parma 15° Salone del Camper, dal 14 al 22 settembre focus su tendenze ed innovazione [post_date] => 2024-06-25T13:27:43+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719322063000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1520" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":468,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471069","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Arrivano 10 miliardi di euro di nuovo credito da Intesa Sanpaolo per le imprese del turismo. Di questi 3 miliardi sono destinati alle aziende del Mezzogiorno. La novità si aggiunge ai circa 9 miliardi già erogati al comparto dal 2020. Questo nuovo intervento a favore delle imprese turistiche si inserisce tra le leve previste nel programma “Il tuo futuro è la nostra impresa” della divisione Banca dei territori guidata da Stefano Barrese, che destina 120 miliardi fino al 2026 per gli investimenti delle aziende italiane e dedica un sostegno specifico al turismo e all’agribusiness, settori strategici per l’economia del Paese.\r\n\r\nIl plafond di 10 miliardi di euro incentiverà in particolare nuovi investimenti in chiave transizione 5.0, competitività sostenibile ed efficientamento energetico lungo tre assi: riqualificazione e aumento degli standard qualitativi delle strutture, sostenibilità ambientale dell’offerta e digitalizzazione del modello di servizio. Tra le misure destinate al settore, ci sono poi anche le soluzioni di finanziamento S-Loan, che prevedono un meccanismo di incentivi economici alle imprese impegnate a investire e realizzare obiettivi esg. Intesa Sanpaolo ha inoltre aderito al fondo tematico per il turismo tramite Equiter, con risorse amministrate dalla Bei per conto del Mef e indirizzate alle imprese. Il gruppo infine prevede soluzioni di noleggio operativo per avviare programmi di ammodernamento delle strutture, consentendo quindi di preservare l’equilibrio finanziario delle pmi.\r\n\r\n“Come banca di riferimento dei principali settori del Paese, rinnoviamo il nostro sostegno all’industria turistica, la cui crescita è determinante per rafforzare strutturalmente l’economia italiana - commenta lo stesso Barrese -. Il percorso intrapreso in questi ultimi anni dalle imprese del comparto verso sostenibilità, digitalizzazione e innalzamento degli standard qualitativi delle strutture mostra risultati incoraggianti e deve proseguire con maggior intensità e diffusione, grazie al potenziale delle filiere del mondo enogastronomico. Mettiamo a disposizione 10 miliardi di euro per incentivare nuovi investimenti, accompagnare i passaggi generazionali di queste aziende, favorendone anche la crescita dimensionale. Il nostro obiettivo, in linea con le direttrici del Pnrr, è accelerare i processi di transizione per agevolare una proposta di ospitalità più efficiente per i bilanci delle imprese e di maggiore salvaguardia per il turismo e per l’ambiente”.","post_title":"Intesa Sanpaolo: 10 miliardi di nuovo credito per le imprese del turismo","post_date":"2024-07-09T13:15:15+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1720530915000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470942","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Risultati di buon auspicio per l'estate quelli messi a segno da Aeroitalia lo scorso giugno: la compagnia aerea segnala di aver operato 1880 voli, +64% rispetto all'anno precedente, offrendo il 76% in più di posti a sedere.\r\n\r\nL' indice di servizio al cliente - Net Promoter Score - è migliorato del 16% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente grazie a operazioni mature e stabili, a un'affidabilità dei programmi del 99% e a prestazioni puntuali dell'85%. Il numero di passeggeri trasportati ha raggiunto i 246.000, segnando un incremento del 152%, con un load factor che è aumentato di 23 punti percentuali, mentre i ricavi unitari sono cresciuti dell'8%\".\r\n\r\nLa crescita della capacità si è focalizzata su quattro mercati principali: Sicilia, Sardegna, Milano-Roma (quest'ultima è la rotta principale) e Romania.\r\n\r\n“Le prospettive future sono solide e ci stiamo avvicinando al nostro obiettivo che prevede di trasportare oltre 2,5 milioni di passeggeri entro la fine del 2024” ha commentato il cco di Aeroitalia, Krassimir Tanev.","post_title":"Aeroitalia comincia l'estate in crescita: oltre 246.000 passeggeri a giugno","post_date":"2024-07-08T09:35:24+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1720431324000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470835","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' il momento dei resort. Dopo anni in cui gli investitori istituzionali si sono tenuti alla larga da proprietà considerate eccessivamente volatili e complesse, data la loro eccessiva dipendenza dalle stagionalità del mercato, i capitali guardano ora con grande interesse anche alle proprietà leisure della nostra Penisola. Per la verità, il fenomeno è in crescita da tempo, ma nel 2023, ha spiegato Giampiero Schiavo citando dati Ey, \"le transazioni riguardanti i resort hanno raggiunto ben il 46% degli investimenti alberghieri totali\". In tale contesto, ha proseguito l'amministratore delegato di Castello sgr, in occasione dell'Hospitality Forum organizzato a Milano da Scenari Immobiliari in collaborazione con la stessa sgr, la Toscana ha attratto il 33% dei capitali dedicati alle strutture leisure, la Lombardia il 20%, la Sicilia il 13%, la Liguria il 10% e la Sardegna il 6%.\r\n\r\nIn generale, stando al Rapporto di Scenari Immobiliari sul mercato immobiliare presentato all'evento meneghino, all’interno di un contesto globale caratterizzato da tensioni di natura geopolitica e aumenti dei tassi di interesse, in Europa, dove la domanda alberghiera nel 2023 ha consolidato i trend di crescita del biennio precedente, il mercato immobiliare è risultato eterogeneo. Sul continenti gli investimenti sono risultati essere comunque prossimi ai 16 miliardi di euro (+8,5% circa rispetto ai quasi 15 miliardi del 2022). E le stime sono al rialzo anche per il 2024, grazie alla riduzione dei costi di finanziamento e al conseguente miglioramento della sostenibilità economica e finanziaria del debito. In Italia il valore delle transazioni nel comparto ha quindi toccato quota 1,4 miliardi (in calo rispetto agli 1,7 miliardi del 2022), mostrando tuttavia una buona dinamicità e mantenendosi sostanzialmente sui livelli storici dell'ultima decade, se si eccettua l'anno record 2019 e il post-Covid 2020.\r\n\r\n \r\n\r\nNon solo: nel 2023 il volume di operazioni svolte da investitori italiani, come poche volte successo in passato, ha superato quello riconducibile a capitali internazionali, provenienti in prevalenza da Francia e Regno Unito e per circa un quarto da Paesi extra-europei. I profili dei principali investitori sono in particolare quelli dei family office, degli operatori alberghieri e dei private equity, i primi due rappresentando la componente maggioritaria degli attori nazionali.\r\n\r\nUn capitolo a parte merita infine il tema dei serviced apartments, che a livello europeo hanno ormai superato le 230 mila unità (+15% rispetto al 2020), pur presentando una distribuzione disomogenea nei diversi mercati del Continente. Nel Regno Unito tale comparto rappresenta infatti già il 15% dell'offerta ricettiva complessiva; una percentuale che scende all'8,7% in Germania e al 4,3% in Francia. Molto più basse sono invece le quote in Spagna e in Italia, che evidentemente mostrano elevate potenzialità di crescita in questo specifico segmento dell'accoglienza. Tanto più che nella nostra Penisola meno del 10% degli aparthotel è oggi gestito da operatori specializzati, per un'offerta media di 80 unità abitative, contro il 15% e le 120 chiavi a livello europeo. Non solo: mentre nel resto del Vecchio continente tali soluzioni sono prevalentemente concentrate nelle grandi città, per rispondere soprattutto alle esigenze dei cosiddetti nomadi digitali e degli studenti, alle nostre latitudini ben l'85% della proposta si trova in città secondarie. Entro la fine del 2025 si prevede peraltro che l'offerta di serviced apartments nel nostro paese cresca di oltre l'80%.\r\n\r\n\"Viviamo in una fase sostanzialmente positiva - ha concluso il presidente di Scenari Immobiliari, Mario Breglia -. Non possiamo però non tenere conto che l'ospitalità a livello globale vale qualcosa come 10 mila miliardi di dollari, pari a quasi il 10% del pil mondiale. Si tratta di una fetta di torta su cui comprensibilmente in tanti vorrebbero mettere le mani. Occorre quindi essere attrezzati e organizzare l’offerta in tutti i settori. Creare insomma un intesto sistema economico in grado di fare realmente rete\".","post_title":"Schiavo, Castello sgr: in Italia è resort - mania","post_date":"2024-07-05T09:14:58+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1720170898000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470585","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Egyptair rilancia l'investimento sull'Italia e su Milano Malpensa in particolare, con l'apertura di una nuova rotta per Luxor, che decollerà il prossimo 6 ottobre, con una frequenze alla settimana, la domenica: partenza alle 17:50 e arrivo alle 23:05, ora locale, a Luxor.\r\n\r\nIl volo di rientro potrà essere effettuato da Luxor o da Assuan, in base all’itinerario scelto per visitare la Valle dei Re, e farà scalo a Il Cairo: sarà quindi possibile effettuare una sosta più lunga per uscire dall’aeroporto e visitare la capitale e i suoi musei.\r\n\r\nIl collegamento, «che risponde in primis ad una forte domanda da parte di tour operator e agenti di viaggio italiani, agevolandone l'organizzazione degli itinerari - ha spiegato questa mattina a Milano Salah Tawfik, regional director Italia e Malta del vettore egiziano - sarà operato con un Boeing 737-800, configurato con 144 posti, di cui 24 in Business Class e 120 in Economy Class. Il volo ribadisce il profondo legame tra Egitto e Italia e la volontà di sostenere il turismo tra i due Paesi che, malgrado il complesso contesto geopolitico internazionale, mantiene un trend di crescita positivo. \r\n\r\nNel 2023, secondo i dati del Ministero del turismo, l’Egitto ha registrato 14,9 milioni di visitatori, con una crescita dal 27% rispetto al 2022 e di gran lunga superiore al record storico di 13,1 milioni di arrivi registrato nel 2019. A fare la parte del leone, sono i turisti italiani, cresciuti del 250% per un totale di 850.000 arrivi. «E nel periodo da ottobre 2023 a gennaio 2024, gli arrivi sono stati a livello globale 5 milioni, +8%».\r\n\r\nAndamento confermato da Egyptair che, nel 2023, ha trasportato «più di 265.000 passeggeri tra l’Italia e l’Egitto, collegando Roma Fiumicino e Milano Malpensa con 24 voli settimanali per Il Cairo (1.221 voli tra i due paesi). Per gestire la sempre maggior richiesta su base annuale e con specifici picchi stagionali, per quest’estate sono stati aggiunti nuovi voli diretti su Il Cairo per un totale di 28 settimanali, suddivisi equamente tra Milano e Roma e tutti operati con Boeing 737-800, garantendo quindi la possibilità di viaggiare a oltre 4.000 passeggeri ogni settimana». In pratica, nel primo trimestre dell'anno fiscale 2023-24 la capacità posti dall'Italia è cresciuta dell'8%, passando da 3,4 a 3,7 milioni di posti offerti.\r\n\r\nDa segnalare, sempre in risposta alle richieste del mercato trade Italia, «l'aggiunta di servizi charter, tra cui il diretto Palermo-Sharm El Sheikh, in collaborazione con Going, che sarà attivo dal 21 luglio e fino al 15 settembre prossimo». Tra gli operatori che lavorano maggiormente con la compagnia spiccano «Mistral - Quality Group, Boscolo, Kel 12 e Rallo».\r\n\r\nMa il volo per Luxor non sarà l'unica novità italiana per Egyptair: «Abbiamo un paio di altre novità in fieri già nel 2025».\r\n\r\n«La partnership strategica tra Egyptair e Malpensa si arricchisce così di un nuovo capitolo che contribuirà a sviluppare ulteriormente la connettività e gli scambi culturali e umani tra Milano e l’Egitto, caratterizzati da una costante crescita delle rotte e dei flussi di traffico - ha osservato Andrea Tucci, vice president aviation business development di Sea -. L'aggiunta di una destinazione come Luxor ci consente di entrare pesantemente nel segmento turistico, e il territorio lombardo, allargato, è il mercato migliore per farlo: il Nord Italia rappresenta 60% dei volumi di traffico outbound del segmento turistico, un mercato molto ricco considerando che il traffico origine e destinazione Egitto ha raggiunto gli 800.000 passeggeri e cresce ancora: Linate e Malpensa conteranno presto quasi 1 milione di passeggeri». Con questo nuovo volo il portafoglio dei servizi aerei di Malpensa sale a 182 destinazioni in 78 paesi.\r\n\r\nTra i plus della nuova rotta Egyptair, la possibilità «sia per chi viaggia in economy class sia per chi vola in business class di portare con sè due bagagli da stiva - aggiunge - Maria Grazia Clementi, sales manager Egyptair Italy -: da 23 kg più un bagaglio a mano da 8 kg nel caso dell'economy, e da 32 kg ciascuno per la business. Inoltre, i passeggeri di business potranno accedere gratuitamente alla Vip Lounge Montale presso il T1 di Milano Malpensa, così come accade per i possessori della Star Alliance Gold Card».\r\n\r\nLa piattaforma Ers - Egyptair Retailing System\r\n\r\n[caption id=\"attachment_470607\" align=\"alignleft\" width=\"282\"] Marco Naguib[/caption]\r\n\r\nAl canale agenziale è dedicata la nuova piattaforma Ers - Egyptair Retailing System la compagnia «ha lanciato da qualche giorno - sottolinea Marco Naguib, marketing manager Egyptair Italy -: una piattaforma basata su Ndc che garantisce agli agenti di viaggio accesso a contenuti più ricchi e personalizzati, semplificando e velocizzando la vendita di tutti i prodotti ancillary. Gli adv che si registreranno potranno beneficiare di un periodo di prova per testarne le prestazioni. Al momento non è previsto alcuna fee aggiuntiva per coloro che invece sceglieranno di continuare a utilizzare il tradizionale canale gds».\r\n\r\nAttualmente il vettore egiziano opera con una flotta di 69 aeromobili, di cui 26 Airbus e 43 Boeing: «In consegna ci sono ulteriori dieci A350-900 e 18 B737-800 - conclude Tawfik - in linea con il piano di sviluppo al 2028, quando il numero di velivoli operativi sarà salito a 125».","post_title":"Egyptair rilancia da Milano con la nuova rotta per Luxor, dal 6 novembre","post_date":"2024-07-02T12:06:58+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1719922018000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470513","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Parco Nazionale Area Marina Protetta delle Cinque Terre lancia la prima edizione del Cinque Terre Photo Award, il premio fotografico dedicato al racconto del territorio del Parco e del suo complesso intreccio di mondi.\r\n\r\nIl concorso nasce dall’idea di orientare l’interesse fotografico per le Cinque Terre, spesso banalizzato e ridotto a immagini ripetitive, verso una narrazione più ampia, autentica e contemporanea di questo straordinario tratto dell’estremo Levante ligure che l’UNESCO ha voluto elevare a Patrimonio Mondiale dell’Umanità nel 1997.\r\n\r\nIl Cinque Terre Photo Award - nato dalla collaborazione con Spazi Fotografici e patrocinato da FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano, I Parchi Letterari Italiani, e Touring Club Italiano - è declinato in due categorie, attraverso cui i fotografi, professionisti o amatoriali, potranno esplorare e mettere in luce gli elementi essenziali della vita del Parco: Genius Loci, sulle serie fotografiche che meglio documentano e narrano il rapporto dinamico tra uomo e natura, la conservazione e trasformazione del paesaggio, l'adattamento e la convivenza con l'ambiente circostante; Naturalia, che premia le migliori immagini singole della flora e della fauna custodite negli habitat terrestri e marini, celebrando la biodiversità del Parco e dell'Area Marina Protetta.\r\n\r\nLe categorie e lo straordinario paesaggio delle Cinque Terre, dal mare al crinale, offriranno l’opportunità a tutti gli amanti della fotografia e della natura, di esprimere il proprio talento e il proprio amore per il territorio, promuovendo una visione più consapevole e rispettosa del Parco e dei suoi stili di vita.\r\n\r\nPreviste anche delle menzioni speciali con il compito di stimolare ulteriormente l’esplorazione di tutte le dimensioni dell’area protetta e la narrazione in immagini da punti di vista inediti:\r\n• menzione “FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano” per la miglior immagine sul tema dell'acqua come elemento generativo e trasformativo del paesaggio delle Cinque Terre;\r\n\r\n• menzione “Sergio Fregoso” al miglior autore under 30 per la categoria “Genius Loci” in omaggio allo storico fotografo spezzino che attraverso la sua poetica ha saputo cogliere e documentare l’evoluzione del paesaggio delle Cinque Terre, da mondo agricolo a meta di interesse culturale e turistica, ispirando le successive generazioni di artisti;\r\n\r\n• menzione alla miglior immagine subacquea o di ambiente marino.\r\n\r\nAi vincitori delle due categorie premi in denaro: 1500 euro per la sezione “Genius Loci” e 500 euro per “Naturalia”. Ma non solo: grazie alla collaborazione con Leica Akademie Italia e Spazi Fotografici, riconoscimenti in voucher per corsi e workshop formativi. Importante la partnership con le realtà locali che offriranno ai vincitori delle diverse menzioni esperienze per vivere il Parco a 360 gradi. Le Pro Loco di Riomaggiore/Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso metteranno in palio soggiorni e cene mentre la Cantina Cooperativa Cinque Terre e la Cantina Sassarini/A Scià una wine experience alla scoperta dei Vini Cinque Terre Doc. Infine, per il vincitore della miglior foto subacquea e di ambiente marino un'immersione nell’Area Marina Protetta, offerta dal Diving Cinque Terre.\r\n\r\nLa scadenza per l’invio delle immagini è fissata al 31 agosto 2024.\r\n\r\nLa giuria del concorso sarà composta da esperti del settore fotografico e della comunicazione: Donatella Bianchi, giornalista e Presidente del Parco Nazionale delle Cinque Terre; Gilberto Benni, Head of Leica Classic Italy e di Leica Akademie Italy; Ottavio Di Brizzi, direttore editoriale del Touring Club Italiano; Davide Di Gennaro, graphic designer e cofondatore dello studio TomoTomo; Sara Fregoso, fotografa; Davide Marcesini, fotografo e direttore di Spazi Fotografici; Stanislao de Marsanich, presidente de I Parchi Letterari Italiani; Alberto Luca Recchi, fotografo, scrittore ed esploratore subacqueo; Barbara Verduci, photoeditor del FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano.\r\n\r\n ","post_title":"Cinque Terre Foto Award, un concorso che invita ad esplorare il territorio","post_date":"2024-07-01T12:35:52+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1719837352000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470497","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono state oltre 60 le cancellazioni dei voli Ryanair causate \"dalle scarse prestazioni del controllo del traffico aereo europeo nelle giornate del 27 e 28 giugno\".\r\n\r\nLa low cost punta il dito contro \"i servizi di controllo del traffico aereo che continuano a performare male (nonostante i volumi di traffico siano inferiori del 5% rispetto ai livelli del 2019) con ripetuti problemi legati a “carenze di personale” e ora a “guasti agli strumenti” nel centro di Maastricht. Giovedì 27 giugno, oltre il 30% dei 3.500 voli Ryanair ha subito ritardi a causa di disservizi Atc. 16 aerei non sono rientrati alla base giovedì notte a causa di ritardi Atc, il che significa che non hanno rispettato gli orari di atterraggio previsti dal coprifuoco aeroportuale. Questi ripetuti ritardi e cancellazioni dei voli dovuti alla cattiva gestione del traffico aereo sono inaccettabili\".\r\n\r\n“I servizi Atc in Europa quest’estate sono ai livelli peggiori di sempre - accusa il chief operations officer di Ryanair Neal McMahon -. Ryanair e molte altre compagnie aeree europee stanno subendo questi disservizi che determinano ripetuti ritardi, cancellazioni e disagi per i passeggeri a causa della cattiva gestione degli Atc europei. Chiediamo a Raul Medina, direttore generale di Eurocontrol, di spiegare perché i centri Atc europei sono ripetutamente a corto di personale e ora lamentano “guasti agli strumenti” presso il centro di Maastricht, con un impatto su tutte le compagnie aeree europee. È inaccettabile che 1 su 4 delle prime partenza di Ryanair oggi sia stata ritardata a causa della carenza di personale ATC e di guasti agli strumenti.\r\n\r\nNegli ultimi tre anni, le tariffe Atc in Europa sono aumentate a livelli record, ma i livelli del personale e dei servizi hanno continuato a diminuire. Chiediamo al presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen di agire per riformare urgentemente i caotici servizi Atc europei. Questi ripetuti ritardi e cancellazioni dovuti all’Atc sono inaccettabili. Ci scusiamo con i nostri passeggeri per questi ripetuti disagi, che sono profondamente deprecabili ma al di fuori del controllo di Ryanair”.","post_title":"Ryanair: 60 voli cancellati, 150 partenze ritardate. \"Serve riforma Atc europei\"","post_date":"2024-07-01T11:22:23+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1719832943000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470475","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nile Air ha fatto il suo debutto nei cieli italiani venerdì scorso, 28 giugno, con l'apertura della nuova rotta tra Il Cairo e Milano Bergamo.\r\n\r\nIl collegamento viene operato tre volte alla settimana - nei giorni di mercoledì, il venerdì e la domenica - con un Airbus A320, configurato con 8 posti in Business Class e 156 in Economy Class; lo schedule prevede partenza da Bergamo alle ore 21:20 e arrivo al Cairo alle ore 02:00 (+1), e decollo da Il Cairo alle ore 17:10 con arrivo a Milano-Bergamo alle ore 20:10.\r\n\r\nLa rotta tra Il Cairo e Milano Bergamo è dunque la prima in assoluto operata da Nile Air (rappresentata da Global Gsa) in Italia, che diventa il nono Paese servito dalla compagnia aerea egiziana.\r\n\r\n\"Cominciamo con tre frequenze alla settimana, ma contiamo di aumentare presto il numero dei voli su questa rotta - ha dichiarato  Mohammed El Sherif, chief commercial officer Nile Air, in occasione dell'inaugurazione del collegamento -. Milano Bergamo rappresenta la nostra terza destinazione in Europa, cui speriamo ne seguiranno presto altre\".\r\n\r\n\"Nile Air arricchisce l'offerta da Milano Bergamo verso l'Egitto e più in generale il Nord Africa - ha osservato Dario Nanna, direzione commerciale aviation di Sacbo -. Per l'estate 2024 dal nostro scalo saranno raggiungibili 152 destinazioni in 41 paesi e 22 compagnie aeree\".\r\n\r\nFondato al Cairo nel 2006, Nile Air è la più grande compagnia aerea privata dell’Egitto ed è stata riconosciuta come 4° miglior vettore regionale per l’Africa da Skytrax World Airline Awards.","post_title":"Milano Bergamo: operativo tre volte a settimana il nuovo volo per Il Cario di Nile Air","post_date":"2024-07-01T09:47:11+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1719827231000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470137","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«Vueling è nata a Barcellona e connette la Catalogna al mondo. La connettività di Vueling facilita una maggiore mobilità per quasi 37 milioni di passeggeri all’anno e ha permesso di migliorare il trasporto aereo favorendone la democratizzazione». Esordisce così Luis Gallego, amministratore delegato del gruppo Iag, casa madre del vettore spagnolo, in apertura dei festeggiamenti che si sono svolti proprio nella capitale catalana per il 20° compleanno della low cost.\r\n\r\n«La linea aerea ha seguito le richieste del mercato e rappresenta un referente di innovazione nel settore, capace di stimolare la competizione con continue trasformazione e innovazione. La Catalogna diventa così protagonista con il ruolo di referente tecnologico». Un’innovazione che si lega anche all’intelligenza artificiale. «Apriamo un laboratorio di AI, dove lavorerà un team di 150 persone, con l’impegno di favorire il continuo miglioramento delle nostre operazioni e dell’esperienza dei viaggiatori».\r\n\r\nIn primo piano l’attenzione alla sostenibilità. «Per noi è un impegno fondamentale e per questo siamo stati il primo gruppo al livello internazionale a impegnarsi nel raggiungimento delle zero emissioni entro il 2050. Barcellona ha un potenziale indiscutibile e attraverso Vueling e gli altri vettori Iag continueremo a espandere la sua connettività con l’Europa e il mondo. Vueling è parte fondamentale della strategia del gruppo e il suo spirito unico ha ispirato il settore dell’aviazione negli ultimi 20 anni e continua a farlo».\r\n\r\nSulla cima del Tibidabo, luogo iconico della città, tra le giostre colorate del luna park e lo sguardo sulla città, ha parlato anche Carolina Martinoli, oggi presidente e consigliere delegato di Vueling. «Ho lavorato 13 anni nel gruppo Iag e da meno di 3 mesi mi dedico a Vueling, di cui conosco bene il percorso. Un inizio realizzato con 2 aerei, 5 rotte e un team di 120 persone. Oggi abbiamo 124 aerei, 250 rotte e un team di 4600 persone, con una quota del 41% nell’aeroporto El Prat di Barcellona. Mi piace ricordare non solo quello che è stato fatto, ma come è stato fatto. - ha sottolineato Martinoli – Abbiamo lavorato con uno spirito innovatore, con un nuovo modello che voleva permettere a tutti di volare. L’innovazione, come la sostenibilità, è sempre stata in primo piano; per questo all’interno della sede catalana di Vueling abbiamo un centro tecnologico e la Vueling University. Il gruppo Iag ha anche commissionato una ricerca per comprendere l’impatto del gruppo in Catalogna e Vueling contribuisce con 1,9% nell’impiego e 1,6% nel Pil. Vogliamo celebrare 20 anni di Vueling in questo Yellow Day. È il giorno dell’allegria e ha il colore della nostra linea, oltre a simboleggiare uno sguardo al futuro positivo».\r\n\r\n[gallery ids=\"470141,470139,470140\"]","post_title":"I 20 anni di Vueling: un percorso di crescita, fra innovazione e sostenibilità","post_date":"2024-06-25T14:15:55+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1719324955000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470135","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’Osservatorio del Turismo Outdoor, condotto da Human Company in collaborazione con Thrends, stima per il turismo open air  56,5 milioni le presenze da giugno a settembre, con il mercato estero che gioca un ruolo sempre più cruciale: si prevede infatti la miglior performance dal 2017, con circa 30 milioni di presenze (pari al 53% del totale).\r\n\r\nQuesto dato ancora una volta conferma l'enorme attrattiva che le bellezze naturali, culturali e artistiche dell'Italia esercitano sui turisti stranieri, in particolare quelli provenienti da mercati europei chiave per il turismo all'aperto, come l'area DACH e il Benelux.\r\nÈ con queste premesse che fervono i preparativi della 15^ edizione del Salone del Camper, in programma dal 14 al 22 settembre 2024 presso le Fiere di Parma, in collaborazione con APC (Associazioni Produttori Camper) il più atteso e prestigioso di settore (primo in Italia e secondo in Europa). Con una crescita costante e un impatto economico significativo, il Salone del Camper rappresenta un'opportunità unica per esplorare le tendenze del mercato, incontrare i leader del settore e scoprire le innovazioni più recenti. \r\n\r\nDa 15 anni il Salone del Camper ha consolidato la sua reputazione come punto di riferimento per il settore Open air e i numeri dell'ultima edizione 2023 parlano chiaro: più di 100.000 visitatori, oltre 50.000 ticket on line, più di 50.000 mezzi parcheggiati negli stalli in fiera, 5 Padiglioni per oltre 110.000 metri quadrati di superficie espositiva (+20%), più di 300 espositori (di cui 54 produttori di veicoli ricreazionali), oltre 600 veicoli ricreazionali esposti, 520 presenze tra giornalisti blogger e influencer, oltre 70 eventi che hanno garantito l'ampia offerta tra workshop, convegni, presentazioni.\r\n\r\nIl Salone del Camper non è solo una vetrina per gli appassionati del camperismo, ma è un volano economico per l'intero settore, una manifestazione indispensabile non solo alla sola filiera di settore ma anche per tutto l’indotto che vi opera. Il suo impatto economico contribuisce significativamente alla crescita del mercato del turismo open air, creando opportunità di sviluppo per le aziende, promuovendo così una maggiore partecipazione e interesse da parte del pubblico.\r\nL'Italia si posiziona come il terzo maggior produttore di camper in Europa per volumi, superata solo da Germania e Francia. Il panorama italiano vanta una ricca varietà di brand rinomati nel settore tra cui Arca, CI, Elnagh, Etrusco, Giottiline, Laika, McLouis, Mobilvetta, Rimor, Roller Team, Top Group e XGO. \r\nInoltre, circa il 20% di tutti i camper immatricolati annualmente in Europa ha origine proprio dall'Italia. Un mercato in continua espansione.\r\n\r\nIl camper si rivela essere il mezzo ideale per coloro che cercano un approccio al turismo sensibile alla sostenibilità, particolarmente adatto alle famiglie e ai gruppi di amici. Secondo i dati raccolti, il camper mostra la migliore efficienza energetica su un volume da 4 a 5 passeggeri, ma i suoi benefici ambientali si estendono a qualsiasi composizione di equipaggio. \r\n\r\n ","post_title":"Parma 15° Salone del Camper, dal 14 al 22 settembre focus su tendenze ed innovazione","post_date":"2024-06-25T13:27:43+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1719322063000]}]}}

Lascia un commento