1 March 2024

1493

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Addetto biglietteria (Sabre /Amadeus) e contabilie autonomo fino a bilancio, disponibile subito per collaborazioni full time, part time o free lance.
Raoul, 333 2845394. Zone Varese, Como, Milano.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462187 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Emirates conquista anche Wimbledon e diventa compagnia aerea ufficiale del quarto "Grande Slam". In base alla partnership pluriennale siglata con The Championships, Wimbledon il vettore godrà di un'ampia gamma di vantaggi, tra cui: branding on-court nel Centre Court e nel No.1 Court; attivazioni in loco per coinvolgere gli appassionati di tennis; diritti di marketing, digitali e sui social media; biglietti per l'ospitalità; e l'opportunità per la compagnia aerea di entrare a far parte del popolare "Wimbleworld" sulla piattaforma Roblox, con i campi da tennis e i percorsi a ostacoli brandizzati Emirates. "Dal campo di cemento al campo d’erba - siamo orgogliosi di far crescere la nostra presenza nel mondo del tennis - ha dichiarato Tim Clark, presidente di Emirates Airline -. Wimbledon è un grande evento sportivo visto da milioni di persone in tutto il mondo, e siamo lieti di essere associati a un marchio così rispettato. Emirates è sempre stata una sostenitrice del tennis e, in quanto sponsor di tutti e quattro i Grandi Slam, il nostro impegno nei confronti di questo sport è più che mai costante". Emirates e Wimbledon uniranno le forze anche per sostenere iniziative di impatto sociale nel Regno Unito: verrà creato un fondo multimilionario "Force for Good" per sostenere e promuovere iniziative che abbiano un impatto positivo sulla società e supportino le comunità locali. Ulteriori dettagli su questo fondo saranno annunciati nel corso del 2024. Emirates è la compagnia aerea ufficiale dell'ATP Tour dal 2013 e Premier Partner dal 2016. Il portafoglio della compagnia aerea comprende alcuni degli eventi di più alto profilo dei tour ATP e WTA. Oltre a tutti e quattro i tornei del Grande Slam, tra cui: US Open (dal 2012); Roland-Garros (dal 2013); Australian Open (dal 2015); e The Championships, Wimbledon (annunciato per il 2024) - la compagnia aerea supporta anche altri 60 tornei durante l'anno. Emirates sostiene anche i Dubai Duty Free Tennis Championships sin dalla loro nascita nel 1993. [post_title] => Emirates è il vettore ufficiale di Wimbledon, il suo quarto Grande Slam [post_date] => 2024-02-26T09:15:24+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708938924000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461847 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il 2023 di Malta ha regalato alla destinazione ben 3 milioni di turisti internazionali, il numero più elevato mai raggiunto prima, che rappresenta un aumento di oltre l’8% rispetto al precedente record stabilito nel 2019 (2,8 milioni di turisti). Mentre i numeri relativi al turismo mondiale sono ancora lontani dai livelli pre-pandemia, con l’88% dei dati relativi al 2019, Malta ottiene risultati storici. Da sottolineare inoltre come i turisti internazionali abbiano speso un totale di 2,7 miliardi di euro a Malta nel 2023, con una media di 132 euro al giorno per turista, segnando un aumento di un quinto rispetto al 2019. Da record anche i risultati relativi al mercato italiano, che nel 2023 è stato il principale per numero di arrivi, con un market share del 18,4%, seguito da quello del Regno Unito. I turisti italiani totali arrivati a Malta lo scorso anno sono stati 547.991, esattamente 37,6% in più del 2022 e 14,3% in più rispetto al 2019. Con una media pro-capite di 5,7 notti, il totale delle notti relativo al mercato italiano è di 3.127.294 (+26% sul 2022), mentre la spesa totale è di 335.586€ (+35% rispetto l’anno precedente) e quella pro-capite è di 612€. Ciascuno di questi traguardi, è stato il migliore mai raggiunto dal mercato italiano. «Il 2023 è stato un anno straordinario in cui abbiamo letteralmente fatto insieme la storia con i migliori numeri di sempre - commenta Ester Tamasi, direttore Malta Tourism Authority Italia -. Molti investimenti si sono concentrati sull’ampliamento delle fasce di età del turista tradizionale così come sull’aumento delle possibili motivazioni che portano a scegliere Malta per una vacanza. Nonostante i numerosi e repentini cambiamenti del mercato, il nostro team ha sempre risposto in maniera immediata alle nuove esigenze del consumatore, utilizzando strumenti che potessero raccontare l’offerta di prodotti sempre attuali ed in linea alle tendenze di viaggio.” «Malta si è impegnata affinché il turismo tornasse ad essere uno dei pilastri fondamentali della propria economia. Allo stesso tempo, per il rispetto e le necessità del territorio, si è lavorato al frazionamento dei flussi turistici lungo tutto l’arco dell’anno e ampliando le aree geografiche in cui indirizzare il turista, mettendo quindi in luce nuove zone dell’arcipelago, con una precisa strategia che mira a rendere tutto il comparto turistico più sostenibile. Attualmente il mix di prodotti che presenta la destinazione è il risultato di un proficuo lavoro di posizionamento che ci accompagnerà in un 2024 che punta ad un turismo di maggiore qualità. Al momento c’è molta attenzione al segmento luxury, inteso anche come possibilità di vivere un’esperienza unica, in un luogo autentico come è Malta.”   [post_title] => Malta: gli arrivi internazionali superano per la prima volta i 3 milioni. Italiani in pole position [post_date] => 2024-02-20T09:32:00+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708421520000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460346 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Korean Air archivia il 2023 con un fatturato record di 11,3 miliardi di dollari e un utile operativo di 1,23 miliardi (non consolidati): quest'ultimo dato è superiore rispetto al risultato del 2019. L'utile operativo della compagnia aerea per il 2023 è aumentato su base annua del 10,9%, un tasso superiore alla media del settore. Il calo dell'utile operativo del quarto trimestre rispetto all'anno precedente è dovuto a un aumento delle retribuzioni del personale che comprendeva incentivi per il raggiungimento degli obiettivi annuali di performance e sicurezza. I ricavi annuali del settore passeggeri sono aumentati rispetto al 2019, grazie alla forte domanda di viaggi e alla maggiore richiesta di classi premium, nonostante la capacità abbia recuperato 'solo' l'80% dei livelli pre-pandemia. Nel settore cargo, sebbene i ricavi siano diminuiti a causa della ripresa della capacità di trasporto passeggeri e della normalizzazione del trasporto marittimo, è stato mantenuto un livello di redditività più elevato rispetto al 2019. Korean Air prevede che la domanda e la capacità passeggeri si riprenderanno completamente nel primo trimestre 2024: le stime indicano che la domanda di lungo raggio rimarrà robusta e che la domanda leisure aumenti durante l'alta stagione invernale. Korean Air massimizzerà i ricavi riprendendo le rotte e aumentando la capacità verso le destinazioni turistiche più popolari del Sud-est asiatico e del Giappone. [post_title] => Korean Air: domanda e capacità passeggeri verso il pieno recupero nel primo trimestre [post_date] => 2024-01-30T11:16:07+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706613367000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460283 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Novità in casa Mandarin Oriental, che annuncia il proprio approdo nella capitale ungherese grazie all'apertura del nuovo Gellért, Budapest, prevista per il 2027. L'albergo di 143 camere e suite sarà completamente ristrutturato a cura dello studio londinese di interior design di Alexander Waterworth, già responsabile dei lavori del Mandarin Oriental, Costa Navarino. Di proprietà della società di investimeto Bdpst Group, l'hotel mira a diventare una vera destinazione dedicata al wellness e sarà caratterizzato da sette aree esperienziali, che combineranno  i trattamenti termali di origine orientale del gruppo Mandarin a terapie europee che celebrano la tradizione ungherese. La struttura offrirà inoltre uno spazio dedicato al fitness e una piscina coperta all'ultimo piano, con una vasca vitality, una sauna, una piscina fredda e un'area relax all'aperto. Sempre sul tetto, sarà presente un bar con vista panoramica sul lato Pest della città e sul fiume Danubio. L’Hotel ospiterà poi un ristorante affacciato sulla città e sul fiume, al quale si aggiungeranno una pasticceria e un cafè in stile ungherese, nonché una spaziosa sala da ballo. Il Mandarin Oriental Gellért, Budapest sorgerà in seguito alla ristrutturazione dello storico Gellért Hotel: un gioiello architettonico in stile Art Nouveau, rinnovato in chiave moderna. Posizionato sul lato Buda della città e a pochi passi dal ponte della Libertà, che collega Buda a Pest, l'albergo ha aperto i propri battenti nel 1918, diventando presto una struttura leggendaria della capitale ungherese. "A Budapest adotteremo lo stesso approccio che impieghiamo in tutte le nostre proprietà storiche, unendo il rispetto della cultura locale al comfort moderno che ci caratterizza - sottolinea il ceo di Mandarin Oriental Hotel Group, Laurent Kleitman -. Siamo entusiasti di approdate per la prima volta in Ungheria e di poter assistere alla rinascita di questa vera e propria leggenda dell'ospitalità. Il Mandarin Oriental Gellért, Budapest, insieme ai nostri hotel di Praga e a Vienna, formerà un’interessante triade in Europa Centrale." [post_title] => Mandarin Oriental approda a Budapest: il nuovo hotel Gellért aprirà nel 2027 [post_date] => 2024-01-29T11:59:51+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706529591000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459469 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Obiettivo 14,3 milioni di visitatori per il 2024 dell'Indonesia, che punta i riflettori su uno sviluppo sostenibile del turismo. L'anno scorso, la destinazione ha registrato 11,5 milioni di arrivi internazionali, superando il target prefissato di 8,5 milioni e con l'isola di Bali che ha contribuito a circa la metà di queste visite. Sandiaga Uno, ministro del turismo, in occasione della Asia-Pacific Tourism Conference che si è svolta proprio a Bali, ha sottolineato la necessità di una cooperazione tra le varie parti per promuovere il turismo sostenibile nell'arcipelago indonesiano. Sono state inoltre individuate tre trend strategici per attrarre un'ampia gamma di turisti eco-consapevoli: l'ecoturismo, il turismo culturale e il turismo d'avventura. Particolare enfasi viene data all'ecoturismo, incentivando l'utilizzo di veicoli elettrici e l'offerta di alloggi che utilizzano energia verde. Queste misure dovrebbero rafforzare l'attrattiva dei siti naturali indonesiani, proteggendo al contempo l'ambiente. Sandiaga Uno ha ricordato la valenza e il potenziale dell'industria turistica che sostiene circa 46 milioni di persone e nel creare nuove opportunità di lavoro, allineandosi all'obiettivo nazionale di generare 4,4 milioni di nuovi posti di lavoro. [post_title] => L'Indonesia punta sul turismo sostenibile per raggiungere i 14,3 milioni di visitatori nel 2024 [post_date] => 2024-01-16T11:09:23+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705403363000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459105 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' una vera e propria escalation positiva quella che ha visto protagonista nel 2023 l'aeroporto internazionale dell'Umbria - Perugia "San Francesco d'Assisi". Con i 22.003 passeggeri registrati a dicembre (+43% sul 2019 e +27% sul 2022), il dato complessivo per i 12 mesi ha raggiunto infatti i 532.474 transiti, pari ad una crescita del +143% sul 2019 e del +44% rispetto al 2022 (quando furono 369.222). «Un risultato atteso, visti i numerosi record registrati nel corso di tutto l'anno, ma assolutamente impensabile fino a pochi anni fa, quando il traffico medio si attestava sui 220 mila passeggeri annui - sottolinea in una nota la Sase, società di gestione dello scalo -. Grazie ad una programmazione che ha visto operative 16 rotte, con fino ad oltre 100 voli di linea settimanali, l'aeroporto dell'Umbria ha confermato il suo trend di crescita registrando incrementi di traffico in ogni mese dell'anno e stabilendo i nuovi record mensili ininterrottamente da gennaio a dicembre». La chiusura annuale ad oltre 530 mila passeggeri consente al "San Francesco d'Assisi" di scalare nuovamente posizioni nella classifica dei 42 aeroporti italiani, raggiungendo la 20/a posizione grazie al sorpasso su Ancona. Nel dettaglio, il 66% dei passeggeri è stato registrato su voli internazionali, il 33% su voli nazionali e l'1% su voli di aviazione generale e charter. L'aeroporto ha sottolineato, inoltre, come nel biennio 2022-2023 lo scalo - grazie agli oltre 900.000 passeggeri transitati - abbia generato un traffico pari a quello registrato nei cinque anni precedenti (periodo 2017-2021). Per quanto riguarda la puntualità dei voli, nel periodo gennaio - dicembre lo scalo ha assistito oltre 1.700 voli partenti, con un “on-time performance” da parte delle compagnie del 54% entro i 15 minuti e del 73% sopra ai 15 minuti. Sase ha ottenuto invece un indice di puntualità del 98,6%. S «Siamo estremamente orgogliosi di annunciare questi straordinari risultati per il 2023, che ha visto il nostro aeroporto eccellere sia per quanto riguarda l’incremento del traffico sia per ciò che concerne la qualità del servizio erogato a compagnie e passeggeri - ha commentato Umberto Solimeno, direttore generale dell’aeroporto dell’Umbria -. Guardiamo con entusiasmo al futuro, impegnandoci a continuare a fornire servizi di alta qualità e a sostenere lo sviluppo economico del territorio». [post_title] => L'accelerata dell'Aeroporto dell'Umbria: traffico passeggeri a +143% sul 2019 [post_date] => 2024-01-10T10:05:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704881153000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458843 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'aeroporto di Trapani ha concluso con 44.000 passeggeri il mese di dicembre, dato che porta ad archiviare il 2023 con un totale di 1.332.413 passeggeri: il numero rappresenta un nuovo massimo storico per lo scalo, dopo le difficoltà che hanno preceduto la pandemia e le restrizioni dovute al Covid tra il 2020 e il 2021. Di fatto era dal 2017 che Trapani non superava il milione di passeggeri. Rispetto al 2022 l’aumento del traffico è stato del +49%, +211% rispetto al 2021, +224% rispetto al il 2019. Secondo i dati elaborati dalla società di gestione, Airgest, l’83% del traffico totale si è registrato durante la stagione estiva (1.109.941 aprile- ottobre); il 30% è stato di tipo internazionale (399.262). Il picco passeggeri è stato registrato a luglio ed agosto, in parte anche per lo smistamento su Birgi di alcuni voli originariamente previsti per l’aeroporto di Catania, che per alcune settimane è stato costretto a ridurre sensibilmente la sua attività in seguito a un incendio che ha interessato la stazione aeroportuale etnea. Sedici le rotte internazionali su cui Airgest ha potuto contare per la summer 2023 (Charleroi, Bordeaux, Billund, Bratislava, Dusseldorf, Karlsue Baden- Baden, Francoforte, Malta, Manchester, Modlin, Porto, Riga, Siviglia, Stansted, Tolosa e Katowice). Le tratte domestiche sono state Bergamo, Bologna, Milano Malpensa, Napoli, Pescara, Pisa, Roma, Torino, Venezia (Treviso), Forlì e Pantelleria. [post_title] => L'aeroporto di Trapani conclude un 2023 da incorniciare con oltre 1,33 milioni di passeggeri [post_date] => 2024-01-04T10:46:49+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704365209000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 457932 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La nona edizione del workshop France Méditerranée si è tenuta a Tolone ed è stata l’occasione per scoprire la regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra: un territorio collinare e rigoglioso affacciato sul Mediterraneo dove si incontrano cittadine piene di charme, piccoli centri medievali, lagune e lunghe spiagge adatte alle attività sportive. Un luogo di grande bellezza, dove il clima è temperato tutto l’anno, con 300 giorni di sole che attirano ogni anno 4 milioni di visitatori. Una terra che testimonia lo scorrere della storia: popolata dai greci e poi dai romani sin dalla fine del II secolo a.C., entrò a far parte del Regno di Francia nel 1481. Nel 1793 Napoleone Bonaparte combatté la sua prima battaglia proprio nella grande baia di Tolone. Oggi la baia ospita la vasta cittadella della marina militare francese, dove lavorano 10mila persone ed è il porto di collegamento con la Corsica. Il ruolo marittimo è una delle cifre della città insieme con la grande passione degli abitanti per il rugby: uno sport fatto di lealtà, rispetto e coraggio, che ha il suo luogo deputato nel grande stadio costruito grazie al lascito del cantante locale Felix Mayol e a lui dedicato. Negli ultimi 15 anni Tolone ha vissuto un’importante opera di rigenerazione urbana e oggi è una città sicura, ricca di arte e cultura, con uno dei Teatri dell’opera più antichi della Francia, sorto nel 1860. La metropoli è un luogo dinamico, ideale per lo shopping - in particolare in questo tempo natalizio - e libero dal traffico, che scorre in percorsi sotterranei. I viali in stile haussmann e gli eleganti edifici possono essere ammirati dalla funivia che sale sul Monte Faron, luogo ideale per il trekking, l’hiking e le escursioni in famiglia. Tolone un’affascinante strada costiera collega 12 comuni della regione, ciascuno con proprie caratteristiche, dove vengono celebrati diversi festival e allestiti colorati mercatini nel periodo natalizio. Grande il fascino di Hyères, già fortificata nel XIV secolo, dove nel 1600 Luigi XIV fece piantare decine di alberi di limoni e arance e che nell’800 divenne famosa per le cure termali. A Hyères i monumenti medievali che richiamano la storia dei cavalieri templari, incontrano edifici della Belle Epoque. Poi lo sguardo si rivolge al mare, dove le prime strisce di sabbia accolgono centinaia di fenicotteri da novembre alla primavera e sono predilette anche dagli amanti del kyte-surf. Sullo sfondo si staglia il profilo delle isole di Hyères o Isole d’Oro, un paradiso naturale che ha la sua leggenda, naturalmente triste, che narra di quattro principesse abili nuotatrici che gli dei salvarono dai pirati trasformandole nelle tre isole che compongono l’arcipelago, Porquerolles, Port-Cros e Levant, insieme con la penisola di Gies. In queste settimane ogni città della regione allestisce il proprio presepe e offre agli ospiti accoglienza e prodotti a km.0: i noti saponi, l’olio d’oliva, il sale, i piatti tipici e anche “la cade”, la saporita versione locale della farinata di ceci. [gallery ids="457934,457942,457937"] [post_title] => Alla scoperta della regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra [post_date] => 2023-12-13T10:31:41+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1702463501000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 457844 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Saudia punta ad inserire in flotta altri 16 A321neo e 15 A321Xlr entro il 2027: i piani di espansione della compagnia aerea andranno quindi a potenziare un parco macchine che attualmente è composto da 143 velivoli di sette diverse serie, tre delle quali appartenenti a Boeing e quattro ad Airbus. Di questi, 89 aeromobili sono Airbus e i rimanenti 54 Boeing. I più grandi velivoli della flotta sono i Boeing B777, in grado di trasportare fino a 413 passeggeri. Saudia utilizza inoltre 32 Airbus A330, offrendo posti a sedere fino ad un massimo di 330 passeggeri, sia in business che in classe guest. La flotta include inoltre 38 A320ceo, 16 modelli A320, 4 A321neo, 15 A321, 13 velivoli Dreamliner B787-9 e 8 velivoli Dreamliner B787-10. L'A321neo è configurato in due classi di servizio e può trasportare dai 180 ai 220 passeggeri: la motivazione principale che ha portato il vettore a scegliere questo velivolo è la sua efficienza di consumi. La famiglia A320 ha collettivamente ridotto le emissioni di CO2 di 20 milioni di tonnellate dal lancio a livello globale dell’A320neo nel 2016. L’integrazione di Sharklets, motori avanzati a basso consumo di carburante, e delle innovazioni di cabina all’avanguardia hanno portato ad una diminuzione del 20% del consumo di carburante e di emissioni di CO2, una riduzione del 50% dell’impronta sonora, una riduzione del 5% nei costi di manutenzione della cellula, ed una riduzione del 14% in termini di costi operativi contanti per posto a sedere rispetto ai suoi predecessori. [post_title] => Saudia: entro il 2027 in flotta altri 16 A321neo e 15 A321Xlr [post_date] => 2023-12-12T09:04:47+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1702371887000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1493" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":102,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462187","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Emirates conquista anche Wimbledon e diventa compagnia aerea ufficiale del quarto \"Grande Slam\". In base alla partnership pluriennale siglata con The Championships, Wimbledon il vettore godrà di un'ampia gamma di vantaggi, tra cui: branding on-court nel Centre Court e nel No.1 Court; attivazioni in loco per coinvolgere gli appassionati di tennis; diritti di marketing, digitali e sui social media; biglietti per l'ospitalità; e l'opportunità per la compagnia aerea di entrare a far parte del popolare \"Wimbleworld\" sulla piattaforma Roblox, con i campi da tennis e i percorsi a ostacoli brandizzati Emirates.\r\n\"Dal campo di cemento al campo d’erba - siamo orgogliosi di far crescere la nostra presenza nel mondo del tennis - ha dichiarato Tim Clark, presidente di Emirates Airline -. Wimbledon è un grande evento sportivo visto da milioni di persone in tutto il mondo, e siamo lieti di essere associati a un marchio così rispettato. Emirates è sempre stata una sostenitrice del tennis e, in quanto sponsor di tutti e quattro i Grandi Slam, il nostro impegno nei confronti di questo sport è più che mai costante\".\r\nEmirates e Wimbledon uniranno le forze anche per sostenere iniziative di impatto sociale nel Regno Unito: verrà creato un fondo multimilionario \"Force for Good\" per sostenere e promuovere iniziative che abbiano un impatto positivo sulla società e supportino le comunità locali. Ulteriori dettagli su questo fondo saranno annunciati nel corso del 2024.\r\nEmirates è la compagnia aerea ufficiale dell'ATP Tour dal 2013 e Premier Partner dal 2016. Il portafoglio della compagnia aerea comprende alcuni degli eventi di più alto profilo dei tour ATP e WTA. Oltre a tutti e quattro i tornei del Grande Slam, tra cui: US Open (dal 2012); Roland-Garros (dal 2013); Australian Open (dal 2015); e The Championships, Wimbledon (annunciato per il 2024) - la compagnia aerea supporta anche altri 60 tornei durante l'anno. Emirates sostiene anche i Dubai Duty Free Tennis Championships sin dalla loro nascita nel 1993.","post_title":"Emirates è il vettore ufficiale di Wimbledon, il suo quarto Grande Slam","post_date":"2024-02-26T09:15:24+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708938924000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461847","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il 2023 di Malta ha regalato alla destinazione ben 3 milioni di turisti internazionali, il numero più elevato mai raggiunto prima, che rappresenta un aumento di oltre l’8% rispetto al precedente record stabilito nel 2019 (2,8 milioni di turisti).\r\nMentre i numeri relativi al turismo mondiale sono ancora lontani dai livelli pre-pandemia, con l’88% dei dati relativi al 2019, Malta ottiene risultati storici. Da sottolineare inoltre come i turisti internazionali abbiano speso un totale di 2,7 miliardi di euro a Malta nel 2023, con una media di 132 euro al giorno per turista, segnando un aumento di un quinto rispetto al 2019.\r\nDa record anche i risultati relativi al mercato italiano, che nel 2023 è stato il principale per numero di arrivi, con un market share del 18,4%, seguito da quello del Regno Unito. I turisti italiani totali arrivati a Malta lo scorso anno sono stati 547.991, esattamente 37,6% in più del 2022 e 14,3% in più rispetto al 2019.\r\nCon una media pro-capite di 5,7 notti, il totale delle notti relativo al mercato italiano è di 3.127.294 (+26% sul 2022), mentre la spesa totale è di 335.586€ (+35% rispetto l’anno precedente) e quella pro-capite è di 612€. Ciascuno di questi traguardi, è stato il migliore mai raggiunto dal mercato italiano.\r\n«Il 2023 è stato un anno straordinario in cui abbiamo letteralmente fatto insieme la storia con i migliori numeri di sempre - commenta Ester Tamasi, direttore Malta Tourism Authority Italia -. Molti investimenti si sono concentrati sull’ampliamento delle fasce di età del turista tradizionale così come sull’aumento delle possibili motivazioni che portano a scegliere Malta per una vacanza. Nonostante i numerosi e repentini cambiamenti del mercato, il nostro team ha sempre risposto in maniera immediata alle nuove esigenze del consumatore, utilizzando strumenti che potessero raccontare l’offerta di prodotti sempre attuali ed in linea alle tendenze di viaggio.”\r\n«Malta si è impegnata affinché il turismo tornasse ad essere uno dei pilastri fondamentali della propria economia. Allo stesso tempo, per il rispetto e le necessità del territorio, si è lavorato al frazionamento dei flussi turistici lungo tutto l’arco dell’anno e ampliando le aree geografiche in cui indirizzare il turista, mettendo quindi in luce nuove zone dell’arcipelago, con una precisa strategia che mira a rendere tutto il comparto turistico più sostenibile. Attualmente il mix di prodotti che presenta la destinazione è il risultato di un proficuo lavoro di posizionamento che ci accompagnerà in un 2024 che punta ad un turismo di maggiore qualità. Al momento c’è molta attenzione al segmento luxury, inteso anche come possibilità di vivere un’esperienza unica, in un luogo autentico come è Malta.”\r\n ","post_title":"Malta: gli arrivi internazionali superano per la prima volta i 3 milioni. Italiani in pole position","post_date":"2024-02-20T09:32:00+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1708421520000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460346","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Korean Air archivia il 2023 con un fatturato record di 11,3 miliardi di dollari e un utile operativo di 1,23 miliardi (non consolidati): quest'ultimo dato è superiore rispetto al risultato del 2019. L'utile operativo della compagnia aerea per il 2023 è aumentato su base annua del 10,9%, un tasso superiore alla media del settore. Il calo dell'utile operativo del quarto trimestre rispetto all'anno precedente è dovuto a un aumento delle retribuzioni del personale che comprendeva incentivi per il raggiungimento degli obiettivi annuali di performance e sicurezza.\r\n\r\nI ricavi annuali del settore passeggeri sono aumentati rispetto al 2019, grazie alla forte domanda di viaggi e alla maggiore richiesta di classi premium, nonostante la capacità abbia recuperato 'solo' l'80% dei livelli pre-pandemia. Nel settore cargo, sebbene i ricavi siano diminuiti a causa della ripresa della capacità di trasporto passeggeri e della normalizzazione del trasporto marittimo, è stato mantenuto un livello di redditività più elevato rispetto al 2019.\r\n\r\nKorean Air prevede che la domanda e la capacità passeggeri si riprenderanno completamente nel primo trimestre 2024: le stime indicano che la domanda di lungo raggio rimarrà robusta e che la domanda leisure aumenti durante l'alta stagione invernale. Korean Air massimizzerà i ricavi riprendendo le rotte e aumentando la capacità verso le destinazioni turistiche più popolari del Sud-est asiatico e del Giappone.","post_title":"Korean Air: domanda e capacità passeggeri verso il pieno recupero nel primo trimestre","post_date":"2024-01-30T11:16:07+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1706613367000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460283","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Novità in casa Mandarin Oriental, che annuncia il proprio approdo nella capitale ungherese grazie all'apertura del nuovo Gellért, Budapest, prevista per il 2027. L'albergo di 143 camere e suite sarà completamente ristrutturato a cura dello studio londinese di interior design di Alexander Waterworth, già responsabile dei lavori del Mandarin Oriental, Costa Navarino.\r\n\r\nDi proprietà della società di investimeto Bdpst Group, l'hotel mira a diventare una vera destinazione dedicata al wellness e sarà caratterizzato da sette aree esperienziali, che combineranno  i trattamenti termali di origine orientale del gruppo Mandarin a terapie europee che celebrano la tradizione ungherese. La struttura offrirà inoltre uno spazio dedicato al fitness e una piscina coperta all'ultimo piano, con una vasca vitality, una sauna, una piscina fredda e un'area relax all'aperto. Sempre sul tetto, sarà presente un bar con vista panoramica sul lato Pest della città e sul fiume Danubio. L’Hotel ospiterà poi un ristorante affacciato sulla città e sul fiume, al quale si aggiungeranno una pasticceria e un cafè in stile ungherese, nonché una spaziosa sala da ballo.\r\n\r\nIl Mandarin Oriental Gellért, Budapest sorgerà in seguito alla ristrutturazione dello storico Gellért Hotel: un gioiello architettonico in stile Art Nouveau, rinnovato in chiave moderna. Posizionato sul lato Buda della città e a pochi passi dal ponte della Libertà, che collega Buda a Pest, l'albergo ha aperto i propri battenti nel 1918, diventando presto una struttura leggendaria della capitale ungherese. \"A Budapest adotteremo lo stesso approccio che impieghiamo in tutte le nostre proprietà storiche, unendo il rispetto della cultura locale al comfort moderno che ci caratterizza - sottolinea il ceo di Mandarin Oriental Hotel Group, Laurent Kleitman -. Siamo entusiasti di approdate per la prima volta in Ungheria e di poter assistere alla rinascita di questa vera e propria leggenda dell'ospitalità. Il Mandarin Oriental Gellért, Budapest, insieme ai nostri hotel di Praga e a Vienna, formerà un’interessante triade in Europa Centrale.\"","post_title":"Mandarin Oriental approda a Budapest: il nuovo hotel Gellért aprirà nel 2027","post_date":"2024-01-29T11:59:51+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1706529591000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459469","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Obiettivo 14,3 milioni di visitatori per il 2024 dell'Indonesia, che punta i riflettori su uno sviluppo sostenibile del turismo. L'anno scorso, la destinazione ha registrato 11,5 milioni di arrivi internazionali, superando il target prefissato di 8,5 milioni e con l'isola di Bali che ha contribuito a circa la metà di queste visite.\r\n\r\nSandiaga Uno, ministro del turismo, in occasione della Asia-Pacific Tourism Conference che si è svolta proprio a Bali, ha sottolineato la necessità di una cooperazione tra le varie parti per promuovere il turismo sostenibile nell'arcipelago indonesiano. Sono state inoltre individuate tre trend strategici per attrarre un'ampia gamma di turisti eco-consapevoli: l'ecoturismo, il turismo culturale e il turismo d'avventura.\r\n\r\nParticolare enfasi viene data all'ecoturismo, incentivando l'utilizzo di veicoli elettrici e l'offerta di alloggi che utilizzano energia verde. Queste misure dovrebbero rafforzare l'attrattiva dei siti naturali indonesiani, proteggendo al contempo l'ambiente.\r\n\r\nSandiaga Uno ha ricordato la valenza e il potenziale dell'industria turistica che sostiene circa 46 milioni di persone e nel creare nuove opportunità di lavoro, allineandosi all'obiettivo nazionale di generare 4,4 milioni di nuovi posti di lavoro.","post_title":"L'Indonesia punta sul turismo sostenibile per raggiungere i 14,3 milioni di visitatori nel 2024","post_date":"2024-01-16T11:09:23+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1705403363000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459105","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' una vera e propria escalation positiva quella che ha visto protagonista nel 2023 l'aeroporto internazionale dell'Umbria - Perugia \"San Francesco d'Assisi\". Con i 22.003 passeggeri registrati a dicembre (+43% sul 2019 e +27% sul 2022), il dato complessivo per i 12 mesi ha raggiunto infatti i 532.474 transiti, pari ad una crescita del +143% sul 2019 e del +44% rispetto al 2022 (quando furono 369.222).\r\n\r\n«Un risultato atteso, visti i numerosi record registrati nel corso di tutto l'anno, ma assolutamente impensabile fino a pochi anni fa, quando il traffico medio si attestava sui 220 mila passeggeri annui - sottolinea in una nota la Sase, società di gestione dello scalo -. Grazie ad una programmazione che ha visto operative 16 rotte, con fino ad oltre 100 voli di linea settimanali, l'aeroporto dell'Umbria ha confermato il suo trend di crescita registrando incrementi di traffico in ogni mese dell'anno e stabilendo i nuovi record mensili ininterrottamente da gennaio a dicembre».\r\n\r\nLa chiusura annuale ad oltre 530 mila passeggeri consente al \"San Francesco d'Assisi\" di scalare nuovamente posizioni nella classifica dei 42 aeroporti italiani, raggiungendo la 20/a posizione grazie al sorpasso su Ancona.\r\n\r\nNel dettaglio, il 66% dei passeggeri è stato registrato su voli internazionali, il 33% su voli nazionali e l'1% su voli di aviazione generale e charter. L'aeroporto ha sottolineato, inoltre, come nel biennio 2022-2023 lo scalo - grazie agli oltre 900.000 passeggeri transitati - abbia generato un traffico pari a quello registrato nei cinque anni precedenti (periodo 2017-2021).\r\n\r\nPer quanto riguarda la puntualità dei voli, nel periodo gennaio - dicembre lo scalo ha assistito oltre 1.700 voli partenti, con un “on-time performance” da parte delle compagnie del 54% entro i 15 minuti e del 73% sopra ai 15 minuti. Sase ha ottenuto invece un indice di puntualità del 98,6%. S\r\n\r\n«Siamo estremamente orgogliosi di annunciare questi straordinari risultati per il 2023, che ha visto il nostro aeroporto eccellere sia per quanto riguarda l’incremento del traffico sia per ciò che concerne la qualità del servizio erogato a compagnie e passeggeri - ha commentato Umberto Solimeno, direttore generale dell’aeroporto dell’Umbria -. Guardiamo con entusiasmo al futuro, impegnandoci a continuare a fornire servizi di alta qualità e a sostenere lo sviluppo economico del territorio».","post_title":"L'accelerata dell'Aeroporto dell'Umbria: traffico passeggeri a +143% sul 2019","post_date":"2024-01-10T10:05:53+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1704881153000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458843","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'aeroporto di Trapani ha concluso con 44.000 passeggeri il mese di dicembre, dato che porta ad archiviare il 2023 con un totale di 1.332.413 passeggeri: il numero rappresenta un nuovo massimo storico per lo scalo, dopo le difficoltà che hanno preceduto la pandemia e le restrizioni dovute al Covid tra il 2020 e il 2021. Di fatto era dal 2017 che Trapani non superava il milione di passeggeri.\r\n\r\nRispetto al 2022 l’aumento del traffico è stato del +49%, +211% rispetto al 2021, +224% rispetto al il 2019.\r\n\r\nSecondo i dati elaborati dalla società di gestione, Airgest, l’83% del traffico totale si è registrato durante la stagione estiva (1.109.941 aprile- ottobre); il 30% è stato di tipo internazionale (399.262). Il picco passeggeri è stato registrato a luglio ed agosto, in parte anche per lo smistamento su Birgi di alcuni voli originariamente previsti per l’aeroporto di Catania, che per alcune settimane è stato costretto a ridurre sensibilmente la sua attività in seguito a un incendio che ha interessato la stazione aeroportuale etnea.\r\n\r\nSedici le rotte internazionali su cui Airgest ha potuto contare per la summer 2023 (Charleroi, Bordeaux, Billund, Bratislava, Dusseldorf, Karlsue Baden- Baden, Francoforte, Malta, Manchester, Modlin, Porto, Riga, Siviglia, Stansted, Tolosa e Katowice). Le tratte domestiche sono state Bergamo, Bologna, Milano Malpensa, Napoli, Pescara, Pisa, Roma, Torino, Venezia (Treviso), Forlì e Pantelleria.","post_title":"L'aeroporto di Trapani conclude un 2023 da incorniciare con oltre 1,33 milioni di passeggeri","post_date":"2024-01-04T10:46:49+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1704365209000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"457932","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\nLa nona edizione del workshop France Méditerranée si è tenuta a Tolone ed è stata l’occasione per scoprire la regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra: un territorio collinare e rigoglioso affacciato sul Mediterraneo dove si incontrano cittadine piene di charme, piccoli centri medievali, lagune e lunghe spiagge adatte alle attività sportive. Un luogo di grande bellezza, dove il clima è temperato tutto l’anno, con 300 giorni di sole che attirano ogni anno 4 milioni di visitatori. Una terra che testimonia lo scorrere della storia: popolata dai greci e poi dai romani sin dalla fine del II secolo a.C., entrò a far parte del Regno di Francia nel 1481. Nel 1793 Napoleone Bonaparte combatté la sua prima battaglia proprio nella grande baia di Tolone.\r\n\r\nOggi la baia ospita la vasta cittadella della marina militare francese, dove lavorano 10mila persone ed è il porto di collegamento con la Corsica. Il ruolo marittimo è una delle cifre della città insieme con la grande passione degli abitanti per il rugby: uno sport fatto di lealtà, rispetto e coraggio, che ha il suo luogo deputato nel grande stadio costruito grazie al lascito del cantante locale Felix Mayol e a lui dedicato. Negli ultimi 15 anni Tolone ha vissuto un’importante opera di rigenerazione urbana e oggi è una città sicura, ricca di arte e cultura, con uno dei Teatri dell’opera più antichi della Francia, sorto nel 1860. La metropoli è un luogo dinamico, ideale per lo shopping - in particolare in questo tempo natalizio - e libero dal traffico, che scorre in percorsi sotterranei. I viali in stile haussmann e gli eleganti edifici possono essere ammirati dalla funivia che sale sul Monte Faron, luogo ideale per il trekking, l’hiking e le escursioni in famiglia. Tolone un’affascinante strada costiera collega 12 comuni della regione, ciascuno con proprie caratteristiche, dove vengono celebrati diversi festival e allestiti colorati mercatini nel periodo natalizio. Grande il fascino di Hyères, già fortificata nel XIV secolo, dove nel 1600 Luigi XIV fece piantare decine di alberi di limoni e arance e che nell’800 divenne famosa per le cure termali.\r\n\r\nA Hyères i monumenti medievali che richiamano la storia dei cavalieri templari, incontrano edifici della Belle Epoque. Poi lo sguardo si rivolge al mare, dove le prime strisce di sabbia accolgono centinaia di fenicotteri da novembre alla primavera e sono predilette anche dagli amanti del kyte-surf. Sullo sfondo si staglia il profilo delle isole di Hyères o Isole d’Oro, un paradiso naturale che ha la sua leggenda, naturalmente triste, che narra di quattro principesse abili nuotatrici che gli dei salvarono dai pirati trasformandole nelle tre isole che compongono l’arcipelago, Porquerolles, Port-Cros e Levant, insieme con la penisola di Gies. In queste settimane ogni città della regione allestisce il proprio presepe e offre agli ospiti accoglienza e prodotti a km.0: i noti saponi, l’olio d’oliva, il sale, i piatti tipici e anche “la cade”, la saporita versione locale della farinata di ceci.\r\n\r\n[gallery ids=\"457934,457942,457937\"]","post_title":"Alla scoperta della regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra","post_date":"2023-12-13T10:31:41+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1702463501000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"457844","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Saudia punta ad inserire in flotta altri 16 A321neo e 15 A321Xlr entro il 2027: i piani di espansione della compagnia aerea andranno quindi a potenziare un parco macchine che attualmente è composto da 143 velivoli di sette diverse serie, tre delle quali appartenenti a Boeing e quattro ad Airbus. Di questi, 89 aeromobili sono Airbus e i rimanenti 54 Boeing. I più grandi velivoli della flotta sono i Boeing B777, in grado di trasportare fino a 413 passeggeri.\r\n\r\nSaudia utilizza inoltre 32 Airbus A330, offrendo posti a sedere fino ad un massimo di 330 passeggeri, sia in business che in classe guest. La flotta include inoltre 38 A320ceo, 16 modelli A320, 4 A321neo, 15 A321, 13 velivoli Dreamliner B787-9 e 8 velivoli Dreamliner B787-10.\r\n\r\nL'A321neo è configurato in due classi di servizio e può trasportare dai 180 ai 220 passeggeri: la motivazione principale che ha portato il vettore a scegliere questo velivolo è la sua efficienza di consumi. La famiglia A320 ha collettivamente ridotto le emissioni di CO2 di 20 milioni di tonnellate dal lancio a livello globale dell’A320neo nel 2016. L’integrazione di Sharklets, motori avanzati a basso consumo di carburante, e delle innovazioni di cabina all’avanguardia hanno portato ad una diminuzione del 20% del consumo di carburante e di emissioni di CO2, una riduzione del 50% dell’impronta sonora, una riduzione del 5% nei costi di manutenzione della cellula, ed una riduzione del 14% in termini di costi operativi contanti per posto a sedere rispetto ai suoi predecessori.","post_title":"Saudia: entro il 2027 in flotta altri 16 A321neo e 15 A321Xlr","post_date":"2023-12-12T09:04:47+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1702371887000]}]}}

Lascia un commento