16 April 2024

1483

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

KING HOLIDAYS DI ROMA RICERCA PER IL REPARTO INCOMING UN ADDETTO GRUPPI/INCENTIVI.
SI RICHIEDE ESPERIENZA MINIMA 5 ANNI, AUTONOMIA NELLO SVOLGIMENTO DEL LAVORO, CONOSCENZA OTTIMA DELL’INGLESE PARLATO E SCRITTO, POSSIBILMENTE ANCHE DELLO SPAGNOLO O PORTOGHESE. LA CONOSCENZA DELLA LINGUA PORTOGHESE SARA’ TITOLO PREFERENZIALE.
OTTIMA CONOSCENZA DEL PACCHETTO OFFICE, POSTA ELETTRONICA E INTERNET. INVIARE CURRICULUM A: incoming@kingholidays.eu


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465188 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'industria del turismo statunitense ha centrato un nuovo record nel 2023, con un contributo al Pil Paese che è stato il più elevato di sempre e questo malgrado il rallentamento della spesa dei visitatori internazionali. E' quanto emerge dalla recente analisi del Wttc, secondo la quale lo scorso anno l'incidenza del turismo sul Pil degli Stati Uniti è cresciuto del 7% per un totale di 2,36 trilioni di dollari, superando il precedente record di 100 trilioni. I posti di lavoro del settore sono aumentati di 656.000 unità, raggiungendo i 18 milioni in tutto il Paese, superando il precedente record di 17,4 milioni. In crescita la spesa dei viaggiatori nazionali, salita a 1,37 milioni di dollari, pari ad un aumento di oltre il 9% rispetto al precedente picco del 2019; per contro, la spesa dei visitatori internazionali è rimasta indietro di oltre il 25% rispetto allo stesso picco del 2019, pari a 156,1 milioni di dollari. "Il governo statunitense ha sostenuto i viaggi e il turismo, ma la spesa dei visitatori internazionali è ancora inferiore ai numeri del 2019 - sottolinea Julia Simpson, presidente e ceo del Wttc -. E' necessario concentrarsi sulla semplificazione dei visti, sulle code alle frontiere e sulla ricerca di nuovo personale che darebbe al settore un impulso vitale in vista della Coppa del Mondo Fifa e delle Olimpiadi". Le previsioni per il 2024 indicano che il settore aumenterà il suo contributo al Pil  degli Stati Uniti fino a oltre 2,5 milioni di dollari, pari a una quota del 9%, impiegando 18,8 milioni di persone in tutto il Paese, con un americano su nove che lavora nel settore. Si stima che la spesa dei visitatori nazionali continuerà a crescere, raggiungendo 1,43, trilioni e battendo il record del 2019 di quasi il 14%, ma si prevede che la spesa dei visitatori internazionali resti ancora inferiore ai livelli del 2019.   [post_title] => Stati Uniti: la spesa dei turisti internazionali è ancora a -25% rispetto al 2019 [post_date] => 2024-04-10T09:39:33+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712741973000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465117 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Delta Air Lines punta i riflettori su Filadelfia, Baltimora, New York, Lancaster, in totale otto città della costa orientale degli Stati Uniti, che hanno ricoperto il ruolo di capitale degli Usa in un determinato momento della storia prima di Washington D.C. Località che sono state protagonista nella costituzione del paese e hanno molto da offrire ai viaggiatori: grazie ai voli diretti della compagnia aerea da Milano, Roma, Venezia e - dal 25 maggio - Napoli per New York-Jfk, è possibile scoprire i siti storici di queste città. È a Filadelfia che nel 1776 i padri fondatori degli Stati Uniti firmarono la Dichiarazione di Indipendenza e, nel 1787, la Costituzione. Tra il 1774 e il 1800 tre gli edifici furono sede di quello che oggi può essere considerato il Congresso degli Stati Uniti, tra cui spiccano la Carpenters Hall e l'Independece Hall, nell'Independence National Historical Park, dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco nel 1979.  Baltimora ha svolto un ruolo chiave nella rivoluzione americana. Il Congresso si riunì alla Henry Fite House tra il dicembre 1776 e il febbraio 1777, facendo di questa città costiera la capitale degli Stati Uniti in questo breve periodo. Annapolis, piccola città costiera a 50 km a sud di Baltimora, è l'attuale capoluogo dello stato del Maryland e ospitò il Congresso nella Maryland State House tra il 1783 e il 1784 per appena nove mesi. Anche in questo caso le città sono raggiungibili con la compagnia aerea via New York. Lancaster ospitò il Congresso per un solo giorno, il 27 settembre 1777, presso la Court House. Quest’area della Pennsylvania è famosa per essere sede di molte comunità Amish.  York fu capitale tra il 1777 e il 1778 e vanta attrazioni come lo York County Colonial Complex, un complesso museale che comprende l'edificio più antico della città, risalente al XVIII secolo, e una replica del tribunale dove Il Congresso approvò gli Articoli della Confederazione (la prima Costituzione della nazione) nel 1777, rendendo York, secondo alcuni, la vera prima capitale del Paese. Lancaster si raggiunge in auto da Filadelfia in un’ora e mezza, York in un’ora e 45 minuti. Princeton, sede di una delle università più prestigiose degli Stati Uniti, merita una visita anche di un solo giorno da New York per respirare l'atmosfera delle vie raccolte attorno a Nassau Street, piene di ristoranti e animate da studenti, e vedere l'università, con edifici ricchi di storia e prati da cartolina. Trenton è l'attuale capoluogo del New Jersey e fu capitale degli Stati Uniti per due mesi nel 1784. Entrambe le località distano circa un’ora di macchina da New York. New York è stata capitale della nazione tra il 1785 e il 1788, fu la prima capitale degli Stati Uniti dopo la Guerra di Indipendenza, A New York, nel 1789, George Washington fece giuramento come primo Presidente del Paese alla Federal Hall, situata in Wall Street. Washington D.C., capitale del Paese dal 1800 ad oggi. I punti di interesse qui per i viaggiatori curiosi qui sono innumerevoli, dal Campidoglio ai monumenti in onore di Abraham Lincoln, Washington e a Jefferson, fino al cimitero nazionale di Arlington. Inoltre, la città ospita molti altri luoghi di interesse come il complesso museale Smithsonian, che include il Museo Nazionale dell'Aria e dello Spazio, il Museo Nazionale di Storia Naturale o il Museo di Arte Americana. Punto d’arrivo di un viaggio alla scoperta della storia degli Stati Uniti è la Casa Bianca, con i suoi oltre 200 anni di storia. [gallery ids="465124,465127,465126"] [post_title] => Delta Air Lines alla scoperta delle ex capitali Usa: tutti i voli dall'Italia, via New York [post_date] => 2024-04-09T10:54:28+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712660068000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465018 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => New entry elbana per Th Resorts che raddoppia la propria presenza sull'isola con il Th Capoliveri Grand Hotel Elba International. Situata ai confini del parco nazionale dell’Arcipelago toscano, la struttura dispone di 120 camere, spiaggia privata, due piscine, due ristoranti, tre bar, centro benessere, area fitness e sala meeting. Il gruppo padovano era già presente all'Elba con un complesso composto dal residence Th Ortano Mare da 100 appartamenti, nonché dal 4 stelle da 128 camere Th Ortano Mare – Village. In Toscana la compagnia opera pure un altro 4 stelle da 148 camere: il Th Tirrenia Green Park Resort di Calambrone, nel pisano. Con questa new entry il portfolio Th sale ora a 31 proprietà, per un totale di circa 5.700 camere.  [post_title] => Th Resorts raddoppia all'Elba con il Capoliveri [post_date] => 2024-04-08T10:32:25+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712572345000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463840 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sta riaprendo in questi giorni l'Hilton Garden Inn Milan Malpensa, dopo una complessa operazione di restyling e con la nuova gestione del Gruppo Della Frera. L'hotel è stato infatti chiuso per circa un anno per consentirne la ristrutturazione. Ora offre 143 camere totali, a cui si aggiungono spazi comuni progettati appositamente per creare un open space flessibile e sostenibile, che favorisca al meglio i rapporti tra la clientela e il personale di servizio. L’area business conta quattro sale meeting, per una superficie totale di 350 mq a disposizione per la realizzazione di convegni o eventi privati. A completare l'offerta, un bar e un ristorante, nonché uno shop aperto 24/7, oltre a un fitness center completamente equipaggiato, un servizio di lavanderia e un parcheggio esterno e interno. “Siamo felici di annunciare l’apertura di una struttura importante e di prestigio come l'Hilton Garden Inn Milan Malpensa, in una località cruciale e di transito per molti viaggiatori e professionisti - sottolinea Guido Della Frera, founder e presidente del gruppo -. Questa nuova apertura si aggiunge al Double Tree di Solbiate, garantendo così circa 400 camere al territorio. L'hotel di Malpensa, che ha comportato non solo il remodelling delle stanze, ma anche una completa ristrutturazione di tutti gli impianti della struttura, delle sue parti interne e di quelle esterne, rappresenta per noi un ulteriore passo di espansione, fondamentale per assecondare le esigenze degli ospiti e per dare loro il massimo del comfort”. [post_title] => Riapre l'Hilton Garden Inn Milan Malpensa con la nuova gestione Gruppo Della Frera [post_date] => 2024-03-19T13:37:56+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710855476000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463478 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022). Discorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022). Pambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022). [post_title] => Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's [post_date] => 2024-03-14T13:32:42+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710423162000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463196 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Associazione britannica delle agenzie di viaggio (Abta) e il National Cyber ​​​​Crime Service (Action Fraud) lanciano l’allarme sull’aumento delle frodi ai consumatori quando si prenotano viaggi all’estero. Secondo i dati raccolti, nell'ultimo anno “i clienti defraudati hanno perso la sorprendente cifra di 12,3 milioni di sterline (14,3 milioni di euro)". Action Fraud ha ricevuto un totale di 6.640 reclami durante tutto l'anno, con luglio e agosto i mesi con il volume più alto, rispettivamente con 904 e 781. La frode media per attore è stata di 1.851 sterline, ovvero 2.163 euro. Mark Tanzer, amministratore delegato di Abta, avverte che “i truffatori utilizzano metodi sempre più sofisticati per prendere di mira i consumatori, concentrandosi in particolare su destinazioni e periodi dell’anno in cui la domanda è elevata e la disponibilità limitata, perché sanno che le persone cercheranno buoni affari”. "Spesso le vittime scoprono di essere state truffate solo prima del viaggio, o addirittura nel resort, quando può essere molto difficile trovare un sostituto, il che comporta costi ancora maggiori e potenziali delusioni", aggiunge infine. [post_title] => UK lancia l'allarme truffa sui viaggi. Frodi per 14 milioni di euro [post_date] => 2024-03-11T10:11:37+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710151897000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462431 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La ripresa, dal prossimo 31 marzo, del collegamento Vueling tra Milano Linate e Barcellona rappresenta un'occasione in più per raggiungere il capoluogo della Catalunya e ripercorrere il percorso creativo di Antoni Gaudí: l'artista che seppe dare una lettura del tutto personale al Modernismo spagnolo. Visitare le creazioni di Gaudí avvicina il turista all'anima di Barcellona e lo riporta agli ultimi anni dell’800, quando in Europa nacque quella corrente artistica che fu l’Art Nouveau in Francia, il Liberty in Italia, lo Jugendstil in Germania e la Sezession in Austria. Antoni Gaudí i Cornet fu l’artefice di un linguaggio architettonico unico: al centro di ogni cosa mise la natura, la luce e soprattutto l’acqua, che sembra prendere vita nelle linee sinuose degli edifici, negli spazi interni e nei giochi di trasparenze dei vetri. Gaudì nacque nel 1852 a Reus, in Catalunya. Il nonno e il padre erano artigiani del metallo e questa scuola quotidiana troverà espressione nella sua opera. Studiò architettura a Barcellona dove uno dei docenti affermò: “Solo il tempo ci dirà se abbiamo conferito il titolo a un pazzo o a un genio”. L’architetto riconobbe nella Natura l’essenza dell’architettura e ne ripropose i modelli in tutte le sue opere. Il profilo di una montagna diventa la facciata di una casa, le spire arrotondate di una conchiglia si ripetono nella struttura decorativa in ferro di un balcone, le zampe di un cervo si trasformano nelle gambe di una sedia… Gaudì creò i gioielli del modernismo catalano, opere che ne testimoniano la genialità e lo sguardo innovativo. Nel 1878 incontrò l’industriale Eusebi Güell, che divenne suo amico e mecenate. Per lui realizzò il Park Güell - dove si può vedere la nota lucertola di mosaico - e Casa Güell; dal 1984 entrambi sono Patrimonio dell’Unesco insieme con la Cripta della Colonia Güell. Gaudì iniziò a lavorare alla Sagrada Familia nel 1883, ricordando le cattedrali antiche. Sapeva che non avrebbe mai visto concluso il suo tempio espiatorio ma proprio questo, secondo il noto critico d’arte italiano Giulio Carlo Argan, sarebbe il lascito dell’artista alla sua città: un’opera che rappresenta la fede in continua evoluzione del popolo catalano, una testimonianza vivente del mutare degli uomini e delle generazioni. Oggi, visto l’elevato numero di turisti, bisogna riservare online l’accesso alla Sagrada Familia (Patrimonio Unesco dal 2005). Una volta entrati si viene circondati dal silenzio e dallo stupore. Una selva di colonne si alza verso il cielo e testimonia il grande spirito innovativo di Gaudì. È un palmeto illuminato da vetrate realizzate con tecniche di lavorazione del vetro che risalgono al XII secolo. Vetrate blu e verdi a est, che si accendono dei raggi del sole al mattino e gialle e rosse a ovest, dove si illuminano al tramonto. Gaudì amava la luce, per questo nelle sue case costruì diversi cortili interni in modo che ogni cosa fosse illuminata. Anche per visitare Casa Batllò - patrimonio dell’Unesco dal 2005 - conviene acquistare il biglietto online. L’industriale tessile Batlló chiese a Gaudì di creare per lui una costruzione unica nell’allora nuovissimo ed esclusivo quartiere dell’Eixample. E Gaudì realizzò una casa sorprendente. L’interno si sviluppa in onde e spirali e l’attenzione si ferma su tanti dettagli: dai corrimano delle scale ai pomelli ergonomici delle porte, dai camini colorati del tetto che rappresentano antichi guardiani alle vetrate “marezzate” che si affacciano sulle piastrelle turchesi delle scale trasportando il visitatore in immaginarie profondità marine. Una Casa davvero particolare, ma anche abitabile. Nel 1906 l’industriale Pere Milá i Camps commissionò a Gaudì la costruzione della sua Casa modernista nota come “la Pedrera”, “la cava”. Un nome adatto all’edificio per le sue forme che richiamano la parete di una montagna, ma anche una critica dei coetanei abitanti dell’Eixample: i marciapiedi davanti alla costruzione furono infatti invasi dalle pietre per ben 4 anni. La Pedrera è Patrimonio dell’Unesco dal 1984. Per visitarla e scoprirne la bellezza è necessario premunirsi del biglietto. La vicenda umana e artistica di Antoni Gaudì ebbe poi uno sviluppo inaspettato. Una volta giunto all’apice del riconoscimento pubblico per la sua abilità Gaudì decise di ritirarsi dalla vita sociale per dedicarsi a una personale ricerca religiosa. Morì nel 1926 investito da un tram e la sua Barcellona gli diede l’addio in una solenne cerimonia che si tenne proprio nella Sagrada Familia.  [gallery ids="462440,462442,462443"] [post_title] => Barcellona: itinerario sulle orme di Gaudí, con la ripresa del volo da Milano Linate [post_date] => 2024-03-01T09:15:41+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709284541000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461847 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il 2023 di Malta ha regalato alla destinazione ben 3 milioni di turisti internazionali, il numero più elevato mai raggiunto prima, che rappresenta un aumento di oltre l’8% rispetto al precedente record stabilito nel 2019 (2,8 milioni di turisti). Mentre i numeri relativi al turismo mondiale sono ancora lontani dai livelli pre-pandemia, con l’88% dei dati relativi al 2019, Malta ottiene risultati storici. Da sottolineare inoltre come i turisti internazionali abbiano speso un totale di 2,7 miliardi di euro a Malta nel 2023, con una media di 132 euro al giorno per turista, segnando un aumento di un quinto rispetto al 2019. Da record anche i risultati relativi al mercato italiano, che nel 2023 è stato il principale per numero di arrivi, con un market share del 18,4%, seguito da quello del Regno Unito. I turisti italiani totali arrivati a Malta lo scorso anno sono stati 547.991, esattamente 37,6% in più del 2022 e 14,3% in più rispetto al 2019. Con una media pro-capite di 5,7 notti, il totale delle notti relativo al mercato italiano è di 3.127.294 (+26% sul 2022), mentre la spesa totale è di 335.586€ (+35% rispetto l’anno precedente) e quella pro-capite è di 612€. Ciascuno di questi traguardi, è stato il migliore mai raggiunto dal mercato italiano. «Il 2023 è stato un anno straordinario in cui abbiamo letteralmente fatto insieme la storia con i migliori numeri di sempre - commenta Ester Tamasi, direttore Malta Tourism Authority Italia -. Molti investimenti si sono concentrati sull’ampliamento delle fasce di età del turista tradizionale così come sull’aumento delle possibili motivazioni che portano a scegliere Malta per una vacanza. Nonostante i numerosi e repentini cambiamenti del mercato, il nostro team ha sempre risposto in maniera immediata alle nuove esigenze del consumatore, utilizzando strumenti che potessero raccontare l’offerta di prodotti sempre attuali ed in linea alle tendenze di viaggio.” «Malta si è impegnata affinché il turismo tornasse ad essere uno dei pilastri fondamentali della propria economia. Allo stesso tempo, per il rispetto e le necessità del territorio, si è lavorato al frazionamento dei flussi turistici lungo tutto l’arco dell’anno e ampliando le aree geografiche in cui indirizzare il turista, mettendo quindi in luce nuove zone dell’arcipelago, con una precisa strategia che mira a rendere tutto il comparto turistico più sostenibile. Attualmente il mix di prodotti che presenta la destinazione è il risultato di un proficuo lavoro di posizionamento che ci accompagnerà in un 2024 che punta ad un turismo di maggiore qualità. Al momento c’è molta attenzione al segmento luxury, inteso anche come possibilità di vivere un’esperienza unica, in un luogo autentico come è Malta.”   [post_title] => Malta: gli arrivi internazionali superano per la prima volta i 3 milioni. Italiani in pole position [post_date] => 2024-02-20T09:32:00+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708421520000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461392 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => È l’acqua il cuore di Qc Spa of Wonders: un progetto di benessere psico-fisico nel quale il valore rigenerante dell’acqua incontra l’attenzione per l’ospite insieme con la bellezza delle location, l'innovazione e l’aspetto gastronomico. Il tutto, immergendosi in una dimensione magica, grazie alla cura del design e del dettaglio. Il percorso imprenditoriale dei fratelli Saverio e Andrea Quadrio Curzio, che oggi sta crescendo in Italia e nel mondo, ha preso il via a Bormio. Le acque benefiche delle nove fonti termali della valle dello Stelvio sono note sin dall’antichità, quando consentivano una sosta rigenerante ai viaggiatori che dal sud al nord valicavano le montagne per scambiare conoscenze e merci. «Il periodo di maggior splendore delle terme di Bormio va dal 1500 al 1800 e corrisponde alla crescita del commercio tra quest’area dell’Italia, l’odierna Svizzera e il Trentino - racconta Stefano Leone, direttore di Qc Grand Hotel Bagni Nuovi -. Inizialmente c’era un ricovero per i viaggiatori affaticati ai Bagni Vecchi e solo nel 1863 venne costruito il Grand Hotel Bagni Nuovi. La struttura, realizzata nel sontuoso stile Liberty in voga al tempo, ospitava la borghesia e la créme de la créme dell'epoca. L’hotel visse un tempo di grande splendore sino alla fine degli anni ‘70 del Novecento, prima di iniziare un lento declino. Nel 1983 Pericle Quadrio Curzio acquistò dal comune le strutture dei Bagni Vecchi e Bagni Nuovi e nel 1998 i suoi figli Saverio e Andrea decisero di rendere l'acqua nuovamente protagonista. È nato così il modello Qc Spa of Wonders che è stato felicemente replicato in 11 strutture e continua a crescere, perché la ricerca di nuove, incantevoli locations, non si ferma mai». Al Qc Grand Hotel Bagni Nuovi di Bormio l’ospite viene accolto con la cortesia e disponibilità che viene insegnata ai dipendenti nei corsi di formazione. «Dopo il Covid il personale è diminuito, quindi sto lavorando per portare qui i lavoratori della zona - sottolinea Leone –. Qc offre tanta formazione al personale: qui si lavora 12 mesi all’anno. Ai Bagni Nuovi ho 80 dipendenti, oltre a 30 massaggiatori tra Bagni Nuovi e Bagni Vecchi».  La struttura è sorprendente, ricca di angoli inattesi e di eleganza. Ci si può fermare quanto si desidera. L’esperienza di benessere inizia quando si indossa l’accappatoio bianco di Qc e, in una piacevole comunanza, si accede agli spazi dell’area wellness. Le piscine con vista mozzafiato sono una delle caratteristiche delle strutture di Qc perché, come afferma Saverio Quadrio Curzio, «la grande attrattiva delle nostre location è generalmente la piscina all'aperto, che deve avere una bella vista, un bel panorama». A Qc Bagni Nuovi ci si può immergere nell’acqua calda ammirando le montagne innevate o si possono scoprire le strutture esterne, come il nuovissimo Bosco degli Dei, con la sua sauna affacciata sulle montagne, la piscina e le vasche. Si possono vivere tante esperienze di benessere e relax, visitare la nuovissima casa sull’albero o dedicarsi un aperitivo facendo una divertente pausa gastronomica. Perché il tempo vissuto nella Spa of Wonders significa anche accedere agli spazi ampi e curati dell’hotel, al salone con la sua ricca proposta di pranzo a buffet e di una cena più formale e raffinata per gustare pure i piatti tipici della zona.  «Questo è uno dei centri termali più grandi d'Europa e le affluenze sono importanti - aggiunge il direttore Leone -. L’esperienza termale viene vissuta dai circa 200 ospiti delle nostre 100 camere e dai 300/400 clienti che arrivano in giornata, anche per trarre beneficio dalle acque termali che salgono dal sottosuolo spinte dalla pressione e, grazie a una limitata presenza di radon, sono adatte a curare la pelle e benefiche per ossa e articolazioni. Il 2023 è stato un anno di grande crescita, dopo le difficoltà legate alla pandemia, quando tutti i centri Qc sono stati chiusi. Abbiamo avuto un inverno molto positivo con un bel ritorno anche di stranieri. L’affluenza segue i ponti e le vacanze: il periodo che va dall’Immacolata a Natale, Capodanno e l’Epifania è al 90% degli italiani, perché a Bormio ci sono molte seconde case di milanesi e di ospiti che vengono dalla Brianza e dalla zona di Como e Varese. Quindi l’affluenza italiana prosegue nei weekend o con soggiorni più brevi di una volta, mentre gli ospiti sono stranieri al 50% - 60% e provengono in particolare da Svizzera, Germania e Austria». [gallery ids="461395,461398,461396"] [post_title] => Qc Bormio: dove è nato un progetto internazionale fondato su acqua e benessere [post_date] => 2024-02-14T11:03:07+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707908587000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1483" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":93,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465188","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'industria del turismo statunitense ha centrato un nuovo record nel 2023, con un contributo al Pil Paese che è stato il più elevato di sempre e questo malgrado il rallentamento della spesa dei visitatori internazionali.\r\n\r\nE' quanto emerge dalla recente analisi del Wttc, secondo la quale lo scorso anno l'incidenza del turismo sul Pil degli Stati Uniti è cresciuto del 7% per un totale di 2,36 trilioni di dollari, superando il precedente record di 100 trilioni. I posti di lavoro del settore sono aumentati di 656.000 unità, raggiungendo i 18 milioni in tutto il Paese, superando il precedente record di 17,4 milioni.\r\n\r\nIn crescita la spesa dei viaggiatori nazionali, salita a 1,37 milioni di dollari, pari ad un aumento di oltre il 9% rispetto al precedente picco del 2019; per contro, la spesa dei visitatori internazionali è rimasta indietro di oltre il 25% rispetto allo stesso picco del 2019, pari a 156,1 milioni di dollari.\r\n\r\n\"Il governo statunitense ha sostenuto i viaggi e il turismo, ma la spesa dei visitatori internazionali è ancora inferiore ai numeri del 2019 - sottolinea Julia Simpson, presidente e ceo del Wttc -. E' necessario concentrarsi sulla semplificazione dei visti, sulle code alle frontiere e sulla ricerca di nuovo personale che darebbe al settore un impulso vitale in vista della Coppa del Mondo Fifa e delle Olimpiadi\".\r\n\r\nLe previsioni per il 2024 indicano che il settore aumenterà il suo contributo al Pil  degli Stati Uniti fino a oltre 2,5 milioni di dollari, pari a una quota del 9%, impiegando 18,8 milioni di persone in tutto il Paese, con un americano su nove che lavora nel settore.\r\nSi stima che la spesa dei visitatori nazionali continuerà a crescere, raggiungendo 1,43, trilioni e battendo il record del 2019 di quasi il 14%, ma si prevede che la spesa dei visitatori internazionali resti ancora inferiore ai livelli del 2019.\r\n\r\n ","post_title":"Stati Uniti: la spesa dei turisti internazionali è ancora a -25% rispetto al 2019","post_date":"2024-04-10T09:39:33+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1712741973000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465117","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Delta Air Lines punta i riflettori su Filadelfia, Baltimora, New York, Lancaster, in totale otto città della costa orientale degli Stati Uniti, che hanno ricoperto il ruolo di capitale degli Usa in un determinato momento della storia prima di Washington D.C.\r\n\r\nLocalità che sono state protagonista nella costituzione del paese e hanno molto da offrire ai viaggiatori: grazie ai voli diretti della compagnia aerea da Milano, Roma, Venezia e - dal 25 maggio - Napoli per New York-Jfk, è possibile scoprire i siti storici di queste città.\r\n\r\nÈ a Filadelfia che nel 1776 i padri fondatori degli Stati Uniti firmarono la Dichiarazione di Indipendenza e, nel 1787, la Costituzione. Tra il 1774 e il 1800 tre gli edifici furono sede di quello che oggi può essere considerato il Congresso degli Stati Uniti, tra cui spiccano la Carpenters Hall e l'Independece Hall, nell'Independence National Historical Park, dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco nel 1979. \r\n\r\nBaltimora ha svolto un ruolo chiave nella rivoluzione americana. Il Congresso si riunì alla Henry Fite House tra il dicembre 1776 e il febbraio 1777, facendo di questa città costiera la capitale degli Stati Uniti in questo breve periodo. Annapolis, piccola città costiera a 50 km a sud di Baltimora, è l'attuale capoluogo dello stato del Maryland e ospitò il Congresso nella Maryland State House tra il 1783 e il 1784 per appena nove mesi. Anche in questo caso le città sono raggiungibili con la compagnia aerea via New York.\r\n\r\nLancaster ospitò il Congresso per un solo giorno, il 27 settembre 1777, presso la Court House. Quest’area della Pennsylvania è famosa per essere sede di molte comunità Amish.  York fu capitale tra il 1777 e il 1778 e vanta attrazioni come lo York County Colonial Complex, un complesso museale che comprende l'edificio più antico della città, risalente al XVIII secolo, e una replica del tribunale dove Il Congresso approvò gli Articoli della Confederazione (la prima Costituzione della nazione) nel 1777, rendendo York, secondo alcuni, la vera prima capitale del Paese. Lancaster si raggiunge in auto da Filadelfia in un’ora e mezza, York in un’ora e 45 minuti.\r\n\r\nPrinceton, sede di una delle università più prestigiose degli Stati Uniti, merita una visita anche di un solo giorno da New York per respirare l'atmosfera delle vie raccolte attorno a Nassau Street, piene di ristoranti e animate da studenti, e vedere l'università, con edifici ricchi di storia e prati da cartolina. Trenton è l'attuale capoluogo del New Jersey e fu capitale degli Stati Uniti per due mesi nel 1784. Entrambe le località distano circa un’ora di macchina da New York.\r\n\r\nNew York è stata capitale della nazione tra il 1785 e il 1788, fu la prima capitale degli Stati Uniti dopo la Guerra di Indipendenza, A New York, nel 1789, George Washington fece giuramento come primo Presidente del Paese alla Federal Hall, situata in Wall Street. Washington D.C., capitale del Paese dal 1800 ad oggi. I punti di interesse qui per i viaggiatori curiosi qui sono innumerevoli, dal Campidoglio ai monumenti in onore di Abraham Lincoln, Washington e a Jefferson, fino al cimitero nazionale di Arlington. Inoltre, la città ospita molti altri luoghi di interesse come il complesso museale Smithsonian, che include il Museo Nazionale dell'Aria e dello Spazio, il Museo Nazionale di Storia Naturale o il Museo di Arte Americana. Punto d’arrivo di un viaggio alla scoperta della storia degli Stati Uniti è la Casa Bianca, con i suoi oltre 200 anni di storia.\r\n\r\n[gallery ids=\"465124,465127,465126\"]","post_title":"Delta Air Lines alla scoperta delle ex capitali Usa: tutti i voli dall'Italia, via New York","post_date":"2024-04-09T10:54:28+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712660068000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465018","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"New entry elbana per Th Resorts che raddoppia la propria presenza sull'isola con il Th Capoliveri Grand Hotel Elba International. Situata ai confini del parco nazionale dell’Arcipelago toscano, la struttura dispone di 120 camere, spiaggia privata, due piscine, due ristoranti, tre bar, centro benessere, area fitness e sala meeting.\r\n\r\nIl gruppo padovano era già presente all'Elba con un complesso composto dal residence Th Ortano Mare da 100 appartamenti, nonché dal 4 stelle da 128 camere Th Ortano Mare – Village. In Toscana la compagnia opera pure un altro 4 stelle da 148 camere: il Th Tirrenia Green Park Resort di Calambrone, nel pisano. Con questa new entry il portfolio Th sale ora a 31 proprietà, per un totale di circa 5.700 camere. ","post_title":"Th Resorts raddoppia all'Elba con il Capoliveri","post_date":"2024-04-08T10:32:25+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1712572345000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463840","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sta riaprendo in questi giorni l'Hilton Garden Inn Milan Malpensa, dopo una complessa operazione di restyling e con la nuova gestione del Gruppo Della Frera. L'hotel è stato infatti chiuso per circa un anno per consentirne la ristrutturazione. Ora offre 143 camere totali, a cui si aggiungono spazi comuni progettati appositamente per creare un open space flessibile e sostenibile, che favorisca al meglio i rapporti tra la clientela e il personale di servizio. L’area business conta quattro sale meeting, per una superficie totale di 350 mq a disposizione per la realizzazione di convegni o eventi privati. A completare l'offerta, un bar e un ristorante, nonché uno shop aperto 24/7, oltre a un fitness center completamente equipaggiato, un servizio di lavanderia e un parcheggio esterno e interno.\r\n\r\n“Siamo felici di annunciare l’apertura di una struttura importante e di prestigio come l'Hilton Garden Inn Milan Malpensa, in una località cruciale e di transito per molti viaggiatori e professionisti - sottolinea Guido Della Frera, founder e presidente del gruppo -. Questa nuova apertura si aggiunge al Double Tree di Solbiate, garantendo così circa 400 camere al territorio. L'hotel di Malpensa, che ha comportato non solo il remodelling delle stanze, ma anche una completa ristrutturazione di tutti gli impianti della struttura, delle sue parti interne e di quelle esterne, rappresenta per noi un ulteriore passo di espansione, fondamentale per assecondare le esigenze degli ospiti e per dare loro il massimo del comfort”.","post_title":"Riapre l'Hilton Garden Inn Milan Malpensa con la nuova gestione Gruppo Della Frera","post_date":"2024-03-19T13:37:56+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1710855476000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463478","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022).\r\n\r\nDiscorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022).\r\n\r\nPambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022).","post_title":"Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's","post_date":"2024-03-14T13:32:42+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1710423162000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463196","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’Associazione britannica delle agenzie di viaggio (Abta) e il National Cyber ​​​​Crime Service (Action Fraud) lanciano l’allarme sull’aumento delle frodi ai consumatori quando si prenotano viaggi all’estero. Secondo i dati raccolti, nell'ultimo anno “i clienti defraudati hanno perso la sorprendente cifra di 12,3 milioni di sterline (14,3 milioni di euro)\".\r\n\r\nAction Fraud ha ricevuto un totale di 6.640 reclami durante tutto l'anno, con luglio e agosto i mesi con il volume più alto, rispettivamente con 904 e 781. La frode media per attore è stata di 1.851 sterline, ovvero 2.163 euro.\r\n\r\nMark Tanzer, amministratore delegato di Abta, avverte che “i truffatori utilizzano metodi sempre più sofisticati per prendere di mira i consumatori, concentrandosi in particolare su destinazioni e periodi dell’anno in cui la domanda è elevata e la disponibilità limitata, perché sanno che le persone cercheranno buoni affari”.\r\n\r\n\"Spesso le vittime scoprono di essere state truffate solo prima del viaggio, o addirittura nel resort, quando può essere molto difficile trovare un sostituto, il che comporta costi ancora maggiori e potenziali delusioni\", aggiunge infine.","post_title":"UK lancia l'allarme truffa sui viaggi. Frodi per 14 milioni di euro","post_date":"2024-03-11T10:11:37+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1710151897000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462431","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La ripresa, dal prossimo 31 marzo, del collegamento Vueling tra Milano Linate e Barcellona rappresenta un'occasione in più per raggiungere il capoluogo della Catalunya e ripercorrere il percorso creativo di Antoni Gaudí: l'artista che seppe dare una lettura del tutto personale al Modernismo spagnolo.\r\nVisitare le creazioni di Gaudí avvicina il turista all'anima di Barcellona e lo riporta agli ultimi anni dell’800, quando in Europa nacque quella corrente artistica che fu l’Art Nouveau in Francia, il Liberty in Italia, lo Jugendstil in Germania e la Sezession in Austria. Antoni Gaudí i Cornet fu l’artefice di un linguaggio architettonico unico: al centro di ogni cosa mise la natura, la luce e soprattutto l’acqua, che sembra prendere vita nelle linee sinuose degli edifici, negli spazi interni e nei giochi di trasparenze dei vetri.\r\nGaudì nacque nel 1852 a Reus, in Catalunya. Il nonno e il padre erano artigiani del metallo e questa scuola quotidiana troverà espressione nella sua opera. Studiò architettura a Barcellona dove uno dei docenti affermò: “Solo il tempo ci dirà se abbiamo conferito il titolo a un pazzo o a un genio”. L’architetto riconobbe nella Natura l’essenza dell’architettura e ne ripropose i modelli in tutte le sue opere. Il profilo di una montagna diventa la facciata di una casa, le spire arrotondate di una conchiglia si ripetono nella struttura decorativa in ferro di un balcone, le zampe di un cervo si trasformano nelle gambe di una sedia… Gaudì creò i gioielli del modernismo catalano, opere che ne testimoniano la genialità e lo sguardo innovativo. Nel 1878 incontrò l’industriale Eusebi Güell, che divenne suo amico e mecenate. Per lui realizzò il Park Güell - dove si può vedere la nota lucertola di mosaico - e Casa Güell; dal 1984 entrambi sono Patrimonio dell’Unesco insieme con la Cripta della Colonia Güell.\r\nGaudì iniziò a lavorare alla Sagrada Familia nel 1883, ricordando le cattedrali antiche. Sapeva che non avrebbe mai visto concluso il suo tempio espiatorio ma proprio questo, secondo il noto critico d’arte italiano Giulio Carlo Argan, sarebbe il lascito dell’artista alla sua città: un’opera che rappresenta la fede in continua evoluzione del popolo catalano, una testimonianza vivente del mutare degli uomini e delle generazioni. Oggi, visto l’elevato numero di turisti, bisogna riservare online l’accesso alla Sagrada Familia (Patrimonio Unesco dal 2005). Una volta entrati si viene circondati dal silenzio e dallo stupore. Una selva di colonne si alza verso il cielo e testimonia il grande spirito innovativo di Gaudì. È un palmeto illuminato da vetrate realizzate con tecniche di lavorazione del vetro che risalgono al XII secolo. Vetrate blu e verdi a est, che si accendono dei raggi del sole al mattino e gialle e rosse a ovest, dove si illuminano al tramonto. Gaudì amava la luce, per questo nelle sue case costruì diversi cortili interni in modo che ogni cosa fosse illuminata.\r\nAnche per visitare Casa Batllò - patrimonio dell’Unesco dal 2005 - conviene acquistare il biglietto online. L’industriale tessile Batlló chiese a Gaudì di creare per lui una costruzione unica nell’allora nuovissimo ed esclusivo quartiere dell’Eixample. E Gaudì realizzò una casa sorprendente. L’interno si sviluppa in onde e spirali e l’attenzione si ferma su tanti dettagli: dai corrimano delle scale ai pomelli ergonomici delle porte, dai camini colorati del tetto che rappresentano antichi guardiani alle vetrate “marezzate” che si affacciano sulle piastrelle turchesi delle scale trasportando il visitatore in immaginarie profondità marine. Una Casa davvero particolare, ma anche abitabile. \r\nNel 1906 l’industriale Pere Milá i Camps commissionò a Gaudì la costruzione della sua Casa modernista nota come “la Pedrera”, “la cava”. Un nome adatto all’edificio per le sue forme che richiamano la parete di una montagna, ma anche una critica dei coetanei abitanti dell’Eixample: i marciapiedi davanti alla costruzione furono infatti invasi dalle pietre per ben 4 anni. La Pedrera è Patrimonio dell’Unesco dal 1984. Per visitarla e scoprirne la bellezza è necessario premunirsi del biglietto.\r\nLa vicenda umana e artistica di Antoni Gaudì ebbe poi uno sviluppo inaspettato. Una volta giunto all’apice del riconoscimento pubblico per la sua abilità Gaudì decise di ritirarsi dalla vita sociale per dedicarsi a una personale ricerca religiosa. Morì nel 1926 investito da un tram e la sua Barcellona gli diede l’addio in una solenne cerimonia che si tenne proprio nella Sagrada Familia. \r\n\r\n[gallery ids=\"462440,462442,462443\"]","post_title":"Barcellona: itinerario sulle orme di Gaudí, con la ripresa del volo da Milano Linate","post_date":"2024-03-01T09:15:41+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1709284541000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461847","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il 2023 di Malta ha regalato alla destinazione ben 3 milioni di turisti internazionali, il numero più elevato mai raggiunto prima, che rappresenta un aumento di oltre l’8% rispetto al precedente record stabilito nel 2019 (2,8 milioni di turisti).\r\nMentre i numeri relativi al turismo mondiale sono ancora lontani dai livelli pre-pandemia, con l’88% dei dati relativi al 2019, Malta ottiene risultati storici. Da sottolineare inoltre come i turisti internazionali abbiano speso un totale di 2,7 miliardi di euro a Malta nel 2023, con una media di 132 euro al giorno per turista, segnando un aumento di un quinto rispetto al 2019.\r\nDa record anche i risultati relativi al mercato italiano, che nel 2023 è stato il principale per numero di arrivi, con un market share del 18,4%, seguito da quello del Regno Unito. I turisti italiani totali arrivati a Malta lo scorso anno sono stati 547.991, esattamente 37,6% in più del 2022 e 14,3% in più rispetto al 2019.\r\nCon una media pro-capite di 5,7 notti, il totale delle notti relativo al mercato italiano è di 3.127.294 (+26% sul 2022), mentre la spesa totale è di 335.586€ (+35% rispetto l’anno precedente) e quella pro-capite è di 612€. Ciascuno di questi traguardi, è stato il migliore mai raggiunto dal mercato italiano.\r\n«Il 2023 è stato un anno straordinario in cui abbiamo letteralmente fatto insieme la storia con i migliori numeri di sempre - commenta Ester Tamasi, direttore Malta Tourism Authority Italia -. Molti investimenti si sono concentrati sull’ampliamento delle fasce di età del turista tradizionale così come sull’aumento delle possibili motivazioni che portano a scegliere Malta per una vacanza. Nonostante i numerosi e repentini cambiamenti del mercato, il nostro team ha sempre risposto in maniera immediata alle nuove esigenze del consumatore, utilizzando strumenti che potessero raccontare l’offerta di prodotti sempre attuali ed in linea alle tendenze di viaggio.”\r\n«Malta si è impegnata affinché il turismo tornasse ad essere uno dei pilastri fondamentali della propria economia. Allo stesso tempo, per il rispetto e le necessità del territorio, si è lavorato al frazionamento dei flussi turistici lungo tutto l’arco dell’anno e ampliando le aree geografiche in cui indirizzare il turista, mettendo quindi in luce nuove zone dell’arcipelago, con una precisa strategia che mira a rendere tutto il comparto turistico più sostenibile. Attualmente il mix di prodotti che presenta la destinazione è il risultato di un proficuo lavoro di posizionamento che ci accompagnerà in un 2024 che punta ad un turismo di maggiore qualità. Al momento c’è molta attenzione al segmento luxury, inteso anche come possibilità di vivere un’esperienza unica, in un luogo autentico come è Malta.”\r\n ","post_title":"Malta: gli arrivi internazionali superano per la prima volta i 3 milioni. Italiani in pole position","post_date":"2024-02-20T09:32:00+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1708421520000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461392","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"È l’acqua il cuore di Qc Spa of Wonders: un progetto di benessere psico-fisico nel quale il valore rigenerante dell’acqua incontra l’attenzione per l’ospite insieme con la bellezza delle location, l'innovazione e l’aspetto gastronomico. Il tutto, immergendosi in una dimensione magica, grazie alla cura del design e del dettaglio. Il percorso imprenditoriale dei fratelli Saverio e Andrea Quadrio Curzio, che oggi sta crescendo in Italia e nel mondo, ha preso il via a Bormio. Le acque benefiche delle nove fonti termali della valle dello Stelvio sono note sin dall’antichità, quando consentivano una sosta rigenerante ai viaggiatori che dal sud al nord valicavano le montagne per scambiare conoscenze e merci. \r\n«Il periodo di maggior splendore delle terme di Bormio va dal 1500 al 1800 e corrisponde alla crescita del commercio tra quest’area dell’Italia, l’odierna Svizzera e il Trentino - racconta Stefano Leone, direttore di Qc Grand Hotel Bagni Nuovi -. Inizialmente c’era un ricovero per i viaggiatori affaticati ai Bagni Vecchi e solo nel 1863 venne costruito il Grand Hotel Bagni Nuovi. La struttura, realizzata nel sontuoso stile Liberty in voga al tempo, ospitava la borghesia e la créme de la créme dell'epoca. L’hotel visse un tempo di grande splendore sino alla fine degli anni ‘70 del Novecento, prima di iniziare un lento declino. Nel 1983 Pericle Quadrio Curzio acquistò dal comune le strutture dei Bagni Vecchi e Bagni Nuovi e nel 1998 i suoi figli Saverio e Andrea decisero di rendere l'acqua nuovamente protagonista. È nato così il modello Qc Spa of Wonders che è stato felicemente replicato in 11 strutture e continua a crescere, perché la ricerca di nuove, incantevoli locations, non si ferma mai». \r\nAl Qc Grand Hotel Bagni Nuovi di Bormio l’ospite viene accolto con la cortesia e disponibilità che viene insegnata ai dipendenti nei corsi di formazione. «Dopo il Covid il personale è diminuito, quindi sto lavorando per portare qui i lavoratori della zona - sottolinea Leone –. Qc offre tanta formazione al personale: qui si lavora 12 mesi all’anno. Ai Bagni Nuovi ho 80 dipendenti, oltre a 30 massaggiatori tra Bagni Nuovi e Bagni Vecchi».  \r\nLa struttura è sorprendente, ricca di angoli inattesi e di eleganza. Ci si può fermare quanto si desidera. L’esperienza di benessere inizia quando si indossa l’accappatoio bianco di Qc e, in una piacevole comunanza, si accede agli spazi dell’area wellness. Le piscine con vista mozzafiato sono una delle caratteristiche delle strutture di Qc perché, come afferma Saverio Quadrio Curzio, «la grande attrattiva delle nostre location è generalmente la piscina all'aperto, che deve avere una bella vista, un bel panorama». \r\nA Qc Bagni Nuovi ci si può immergere nell’acqua calda ammirando le montagne innevate o si possono scoprire le strutture esterne, come il nuovissimo Bosco degli Dei, con la sua sauna affacciata sulle montagne, la piscina e le vasche. Si possono vivere tante esperienze di benessere e relax, visitare la nuovissima casa sull’albero o dedicarsi un aperitivo facendo una divertente pausa gastronomica. Perché il tempo vissuto nella Spa of Wonders significa anche accedere agli spazi ampi e curati dell’hotel, al salone con la sua ricca proposta di pranzo a buffet e di una cena più formale e raffinata per gustare pure i piatti tipici della zona.  \r\n«Questo è uno dei centri termali più grandi d'Europa e le affluenze sono importanti - aggiunge il direttore Leone -. L’esperienza termale viene vissuta dai circa 200 ospiti delle nostre 100 camere e dai 300/400 clienti che arrivano in giornata, anche per trarre beneficio dalle acque termali che salgono dal sottosuolo spinte dalla pressione e, grazie a una limitata presenza di radon, sono adatte a curare la pelle e benefiche per ossa e articolazioni. Il 2023 è stato un anno di grande crescita, dopo le difficoltà legate alla pandemia, quando tutti i centri Qc sono stati chiusi. Abbiamo avuto un inverno molto positivo con un bel ritorno anche di stranieri. L’affluenza segue i ponti e le vacanze: il periodo che va dall’Immacolata a Natale, Capodanno e l’Epifania è al 90% degli italiani, perché a Bormio ci sono molte seconde case di milanesi e di ospiti che vengono dalla Brianza e dalla zona di Como e Varese. Quindi l’affluenza italiana prosegue nei weekend o con soggiorni più brevi di una volta, mentre gli ospiti sono stranieri al 50% - 60% e provengono in particolare da Svizzera, Germania e Austria».\r\n[gallery ids=\"461395,461398,461396\"]","post_title":"Qc Bormio: dove è nato un progetto internazionale fondato su acqua e benessere","post_date":"2024-02-14T11:03:07+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1707908587000]}]}}

Lascia un commento