30 May 2024

1323

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Importante azienda turistica internazionale, ricerca, per i propri uffici di Roma:
un/a addetto nel settore incentive&business travel per la gestione e lo sviluppo della clientela.
Requisiti richiesti:
– Conoscenza dei sistemi di prenotazione Galileo e Sipax
– Disponibilità immediata
Si garantisce massima riservatezza.
Inviare curriculum vitae al seguente indirizzo e-mail: ricerca.roma2010@libero.it
All´attenzione del sig. Pedro Molinari


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468325 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «In Francia la stagione turistica 2023 è stata eccellente - esordisce Frédéric Meyer, direttore Atout France per l’Europa del Sud - Abbiamo accolto 100 milioni di visitatori con un’entrata turistica di 63,5 mld di euro. Il mercato italiano, che ama la Francia in tutte le stagioni, rappresenta 8 milioni di arrivi turistici e 48 milioni di pernottamenti, in crescita rispetto al 2019. L’Italia è il quarto mercato internazionale dopo Germania, Uk e Belgio. L’andamento positivo è stato amplificato dal potenziamento dei collegamenti aerei tra Italia e Francia: per la primavera e l’estate 2024 la capacità aumenta dell’8% con 1123 collegamenti aerei diretti settimanali. Tra questi anche nuovi collegamenti, come quelli Verona-Parigi operati da Air France o i voli Milano-Ajaccio di Air Corsica. La campagna della Francia per il 2024, con lo slogan “Sogna in grande e vivi slow”, è molto efficace per le vendite che innesca e per la visibilità che raggiunge. Le 17 campagne regionali hanno raggiunto 7 milioni di visualizzazioni». Nel presentare la destinazione è importante il ruolo del magazine Explore France 2024 (www.france.fr/it/campagna/magazine-francia), che racconta un anno nel segno dello sport, dell’inclusività e della sostenibilità - con il Tour de France e i Giochi Olimpici e Paralimpici; ricorda importanti celebrazioni - gli 80 anni dallo sbarco in Normandia e i 150 anni dell’Impressionismo - e rivela uno degli eventi più suggestivi dell’anno: la riapertura al pubblico della Cattedrale di Notre Dame l’8 dicembre prossimo. Le numerose ricorrenze invitano a scoprire l’offerta cicloturistica della Francia lungo gli oltre 20mila chilometri di piste ciclabili e sottolineano l’importanza della gastronomia, punto di forza dell’offerta di accoglienza del paese. Rachel Caruhel, vice console generale francese a Milano, si è detta fiera dell’eccellenza del settore turistico francese e dei suoi attori, testimoniata anche dai 15 mln di spettatori attesi per seguire le Olimpiadi. «La cerimonia di apertura si terrà nel cuore di Parigi, ma i numerosi eventi in diverse città della Francia rappresenteranno un momento di incontro perfetto tra lo stile di vita dei francesi e i loro ospiti. I Giochi di Parigi 2024 saranno le prime Olimpiadi sostenibili ed ecologicamente responsabili della storia e risponderanno agli standard indicati dall’accordo di Parigi. Una delle priorità del nostro governo è proprio quella di rendere il settore turistico più sostenibile, come ben racconta la nuova edizione di Explore France». Prossimo cambio al vertice di Atout France in Italia Al termine dell’evento Frédéric Meyer ha annunciato che presto lascerà i suoi incarichi in Italia per assumere la carica di direttore regionale di Atout France per i mercati di lingua tedesca, con sede a Francoforte. «Ho amato ogni minuto degli otto anni trascorsi in Italia. E sono fiero delle tante attività realizzate e del percorso fatto con tutti voi e insieme con la mia dinamica équipe».   [post_title] => Francia: la crescita è costante, in attesa del boom di arrivi per i Giochi Olimpici [post_date] => 2024-05-29T11:28:56+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716982136000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466710 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Etihad Airways ha varato cinque nuovi accordi di interlinea, ampliando le opzioni di viaggio per i passeggeri del proprio network. La compagnia aerea di Abu Dhabi ha siglato partnership con Kam Air in Afghanistan, ky express in Grecia, Rex Airlines in Australia, Jeju Air in Corea e Myanmar Airways International. Gli accordi di interlinea offrono ai passeggeri di tutte le compagnie aeree coinvolte una maggiore connettività verso le destinazioni dei rispettivi network consentendo agli ospiti di prenotare l'intero viaggio con un unico biglietto e di imbarcare il proprio bagaglio sino alla destinazione finale. «Continuiamo ad ampliare la portata del nostro network consentendo una connessione senza soluzione di continuità attraverso la nostra rete, offrendo ai nostri ospiti una più ampia gamma di opzioni di viaggio - ha commentato Arik De, chief revenue and commercial officer di Etihad -. Questi cinque accordi interlinea rendono la vita più facile agli ospiti di tutte le compagnie aeree coinvolte». All'aeroporto internazionale Zayed di Abu Dhabi gli ospiti di tutto il mondo possono prendere la coincidenza con il volo Kam Air per Kabul e proseguire il viaggio in Afghanistan. I viaggiatori che volano con i voli Etihad due volte al giorno per Atene, possono collegarsi con Sky express a 28 destinazioni in Grecia e alle sue isole del Mediterraneo. Rex Airlines offre ai passeggeri un accesso facile dai gateway di Etihad a Sydney e Melbourne a 22 destinazioni in Australia, tra cui Adelaide, Hobart, Canberra, Brisbane e Gold Coast. Con Jeju Air gli ospiti possono continuare il loro viaggio da Seoul verso 27 destinazioni in sette Paesi dell'Asia nord-orientale. I collegamenti con Myanmar Airways International consentiranno un migliore accesso a Yangon e Mandalay attraverso i gateway di Etihad in Asia meridionale. Etihad conta ora 123 partnership interline, codeshare e strategiche con compagnie aeree di tutto il mondo. [post_title] => Etihad Airways: decollano cinque nuovi accordi di interline [post_date] => 2024-05-06T10:31:19+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714991479000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466705 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono Leonardo Massa, vice presidente Southern Europe della divisione crociere di Msc, Danilo Curzi, ceo  e fondatore di Idee per Viaggiare, Maria Paola De Rosa, responsabile vendita corporate, trade e digital di Av Trenitalia, Tommaso Fumelli, vice president sales Italy di Ita Airways, e Domenico Aprea, ceo di Ota Viaggi i  protagonisti del panel in programma in occasione di Obiettivo X: l'evento che lo stesso operatore capitolino Ota Viaggi organizza dal 17 al 19 maggio al CdsHotels Porto Giardino in Puglia. A loro si aggiungerà anche la partecipazione straordinaria di Carlo Alberto Carnevale-Maffè, docente della Bocconi. La convention, giunta alla sua quarta edizione, ha ottenuto inoltre anche quest’anno il sostegno istituzionale da parte dell'Ente nazionale italiano per il turismo (Enit): un patrocinio importante per una manifestazione che si propone di essere un palcoscenico per innovazione, networking e partnership coinvolgendo tutti i protagonisti del panorama turistico italiano. A partecipare alla tre giorni saranno 298 agenzie di viaggi, 123 ospiti e 74 tra componenti dello staff e collaboratori, tutti provenienti da 16 regioni italiane [post_title] => Obiettivo X: tutti i protagonisti del panel dell'evento griffato Ota Viaggi [post_date] => 2024-05-06T10:19:37+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714990777000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465498 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il presidente e ceo, Marcello Mangia, lo aveva anticipato poche settimane fa: il gruppo siciliano si apprestava a entrare nel segmento degli urban hotel con un 5 stelle lusso. Detto, fatto. E' di sabato infatti la notizia dell'acquisizione del Grand Hotel et Des Palmes dal parte del gruppo Mangia's: storica struttura del centro di Palermo. Stando alle voci raccolte dal Sole 24 Ore, l'operazione si sarebbe conclusa per un valore attorno ai 30 milioni di euro, anche grazie al supporto di UniCredit. L'hotel era stato rilevato nel 2018 dal fondo Algebris per 12 milioni, tramite la società Zyx e nell'ambito delle procedure di dismissione di Acqua Marcia. Era stato poi affidato alla gestione del gruppo Corvaia. Il passaggio alla conduzione Mangia's è ora atteso per la fine dell'anno. Situato a poca distanza dal teatro Massimo, il Des Palmes dispone di 123 camere. [post_title] => Colpo Mangia's: acquisito il Grand Hotel et Des Palmes di Palermo [post_date] => 2024-04-15T10:18:03+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713176283000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464621 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dieci milioni di passeggeri per una crescita del 5% rispetto allo scorso anno: queste le previsioni di Trenitalia per la Pasqua alle porte. Festività che vedono protagonista il Sud Italia, che traina le prenotazioni dei treni a lunga percorrenza, con Puglia, Calabria e Campania in cima alla lista delle mete preferite. Tanti gli italiani che hanno deciso di spostarsi verso città d’arte come Venezia. Quanti ai treni regionali a fare la parte del leone sono invece i borghi e siti di interesse culturale, in particolare in Piemonte, Veneto, Toscana, Umbria, Campania e Sicilia   Per un weekend lungo, o una gita fuori porta, il 27 e 28 marzo e l’1 e 2 aprile, torna il Frecciarossa notturno tra il Nord Italia e la Calabria, che viaggia di notte con il comfort e i servizi Frecciarossa consentendo di raggiungere la propria meta già al mattino. Partenze da Milano alle 21:20 e da Reggio Calabria alle 22:19. Fermate anche a Milano Rogoredo, Reggio Emilia AV, Bologna Centrale, Firenze S.M.N., Paola, Lamezia Centrale, Rosarno, Villa S. Giovanni. Forte risalto all'offerta intermodale garantita da FrecciaLink - il servizio integrato treno+bus di Trenitalia che nel periodo pasquale ha potenziato i propri collegamenti per permettere alle persone di viaggiare con comodità. Quest’anno, i viaggi in FrecciaLink sono cresciuti del 90% rispetto al 2022, e oltre 1 milione di passeggeri ha acquistato un biglietto per utilizzare i 123 Link del Regionale. Sempre nel 2023 sono stati oltre 40.000 i biglietti acquistati per raggiungere la Sicilia con collegamenti treno+nave che, dal 10 dicembre, sono ancora più green poiché il traghettamento viene effettuato utilizzando locomotori alimentati a batterie. [post_title] => Trenitalia: 10 milioni di passeggeri scelgono il treno per le vacanze di Pasqua [post_date] => 2024-03-29T10:32:21+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711708341000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464138 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Parkhotel Laurin di Bolzano è al centro di una città mitteleuropea con caratteristiche geologiche e storiche uniche. L'hotel organizza experience guidate che rivelano un luogo dalle sfaccettature inattese: climatiche, storiche e architettoniche. Porta delle Dolomiti, nelle Alpi italiane, Bolzano si trova al centro di una conca vulcanica di 70 chilometri di diametro (l’attività vulcanica ha interessato la zona 280 milioni di anni fa) ed è la seconda città più calda d’Italia. Le Alpi bloccano i fronti di maltempo e le garantiscono 300 giorni di sole all’anno. Nella conca si incontrano tre fiumi: l’Isarco, il Talvera e l’Adige. Nell’anno 1000 i vescovi di Trento compresero il potenziale di sviluppo del territorio e favorirono la nascita di un centro di commercio capace di collegare Venezia alle terre del Nord. Bolzano divenne sempre più ricca: nel 1273 i conti di Tirolo-Gorizia la conquistarono e la dominarono fino al 1363, quando venne donata agli Asburgo. La storia racconta di rivolte, anche religiose, e di passaggi di potere, fino al 1635, quando l’arciduchessa del Tirolo Claudia de’Medici, vedova di Leopoldo V d’Austria, decise l’istituzione di un magistrato mercantile che, in lingua italiana e tedesca, regolava i contenziosi sorti tra i commercianti provenienti da mezza Europa. La città fiorì e vennero costruiti i bellissimi portici che si possono percorrere ancora oggi: proteggevano il centro dal sole e dal vento proveniente dalle montagne e creavano un microclima ideale per il commercio. Il territorio era ideale anche per la crescita del vitigno autoctono, che produce il rosso e gustoso Lagrein. Le leggende dicono che Bolzano fosse posata sul vino! Ancora oggi le abitazioni hanno cantine di uno o due piani dove, a 15 gradi, viene conservato il prezioso vino locale. All’inizio del 1800 Bolzano venne annessa al Regno d’Italia, visse l’occupazione napoleonica, quindi tornò a far parte dell’Impero austro-ungarico fino al 1918. Dopo la Prima guerra mondiale fu nuovamente annessa all’Italia e, con l’avvento del fascismo, nel 1922-23, il territorio della città venne fortemente italianizzato con un nuovo piano urbanistico. Nel 1936 Mussolini fece costruire il monumento alla Vittoria e volle replicare il centro cittadino sulla riva opposta del fiume Talvera, affidandone la costruzione all’architetto Marcello Piacentini. Dagli anni ‘60 in poi Bolzano è un’importante meta turistica. La storia della città è anche caratterizzata dal trilinguismo: la popolazione parla italiano, tedesco e ladino. Per frequentare l’università è richiesta la conoscenza di tutte queste lingue. Bolzano offre tanto al turista che, oltre ad apprezzarne la natura, i paesaggi e la tradizione, potrà incontrare al museo Archeologico il corpo di Ötzi, l’uomo venuto dal ghiaccio scoperto da due alpinisti nel 1991 sul ghiacciaio della val Senales. Oppure visiterà il Duomo di Santa Maria Assunta, iniziato nel IV secolo contiene la cappella di San Giovanni, i cui affreschi furono commissionati dalla famiglia di banchieri fiorentini de Rossi-Botsch a pittori provenienti da Padova, dove avevano lavorato con Giotto alla cappella degli Scrovegni. E poi ci sono importanti raccolte d’arte moderna. Tra le tante eccellenze non bisogna dimenticare la gastronomia, con i piatti e i salumi tipici da gustare sulle terrazze delle case antiche. Ammirando le Dolomiti che, al tramonto, si accendono del ricordo del giardino di rose del re dei nani Laurin, celebrato dal Parkhotel Laurin. [gallery ids="464145,464144,464143"] [post_title] => Il Parkhotel Laurin accompagna i suoi ospiti alla scoperta di Bolzano [post_date] => 2024-03-27T09:37:26+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711532246000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464001 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “L’Italia è il mercato da cui ci aspettiamo il maggiore successo: in nessuno degli altri paesi di cui sono responsabile abbiamo così tanta capacità” Javier Roig, market director Europe di Finnair (per i paesi di Italia, Spagna, Francia, Portogallo e Svezia), sintetizza così la strategicità del mercato italiano, dove nei giorni scorsi è stato annunciato il nuovo investimento su Venezia. La compagnia, fresca delle celebrazioni dei suoi primi 100 anni di vita (è nata nel novembre 1923 ma il primo volo è stato operato proprio il 20 marzo del 1924) collega infatti "Helsinki da Milano Malpensa con due voli giornalieri, così come da Roma Fiumicino, e poi - esattamente da un anno - anche Milano Linate, con quattro frequenze a settimana che vorremmo tanto diventassero giornaliere. Oltre a Venezia, annuale da quest’anno, Bologna, e agli stagionali su Napoli e Verona. Questi ultimi sono voli prettamente incoming”. Con circa 12 milioni di passeggeri trasportati all'anno a livello globale, Finnair non prevede al momento “aperture di nuovi scali” ma l’Italia rappresenta comunque il terzo mercato in Europa, dopo Germania e Regno Unito, con un load factor medio sulle rotte che nel 2023 si è attestato all’80%. Archiviato un 2023 con una performance nettamente positiva, le attese per l’anno in corso altrettanto buone, “con una domanda che resta molto elevata” e questo consente al vettore di essere fiducioso malgrado il persistere del conflitto tra Russia e Ucraina con la conseguente chiusura dello spazio aereo della prima, e la preclusione a quelle rotte verso il Giappone che costituivano un vantaggio competitivo non indifferente per Finnair per i collegamenti dall’Europa. "Non avendo date certe sulla riapertura, abbiamo riorganizzato il nostro network con altri voli di lungo raggio, introducendo nuove destinazioni soprattutto negli Stati Uniti, e rafforzando l’operatività sul Medio Oriente”. E sempre in quest'ottica di ottimizzazione dei ricavi, la compagnia porta avanti  alcune operazioni di wet lease, "iniziate durante il Covid con Eurowings, cui avevamo affittato tre A350 per volare negli Usa, che sono già rientrati, come pure i quattro A320 che erano in wet lease a British Airways e che sono tornati a supporto della nostra maggiore offerta sulle rotte europee. Sono invece in corso i wet lease di tre velivoli a Qatar Airways per un periodo di 4 anni, che utilizza tutti i giorni da Doha per Helsinki, Copenaghen e Stoccolma; e il più recente con Qantas sulla rotta da Singapore a Sydney, mentre da fine mese un secondo aereo sarà utilizzato sempre dal vettore australiano sulla Bangkok-Sydney. In totale sono 7-8 aeromobili impiegati in questo modo". Il passaggio a Ndc Un processo "irreversibile" quello nel solco di Ndc per Finnair, che come già annunciato da fine 2025 uscirà completamente dai canali gds. Un percorso quello che conduce alla data fatidica "non semplice" ammette il manager, poiché "molti sono ancora refrattari al cambiamento, che comunque riconosco non sia semplice. Attualmente il 66% delle vendite Finnair arriva dai nostri canali diretti, quindi il sito e Ndc. Gli agenti di viaggio cominciano a capire che devono intraprendere questa strada, progressivamente stiamo rendendo disponibile in esclusiva su Ndc sempre più prodotto: se si cerca ad esempio una tratta Helsinki-Rovaniemi non la si strova più sui gds. E in aprile usciranno anche destinazioni come Turchia e Grecia. Questo per far capire che il processo è irreversibile”. [post_title] => Finnair, Roig: "L’Italia è il mercato da cui ci aspettiamo il maggiore successo" [post_date] => 2024-03-21T11:10:43+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711019443000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463889 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Fraport ha registrato fatturato ed ebitda da record per l'anno fiscale 2023, grazie alla ripresa del traffico passeggeri, in particolare negli aeroporti del gruppo al di fuori della Germania. Grazie a questo trend positivo l'utile netto ha raggiunto i 430,5 milioni di euro. «Il traffico ha continuato a svilupparsi in modo dinamico per tutto il 2023 - ha commentato Stefan Schulte, ceo di Fraport AG -. Fraport ha beneficiato di questa tendenza soprattutto grazie al suo ampio portafoglio internazionale. I nostri aeroporti nei mercati greco e turco hanno addirittura raggiunto nuovi record di passeggeri nel 2023. La nostra base, l'aeroporto di Francoforte, ha continuato a registrare la ripresa più forte di tutti i principali aeroporti tedeschi. Tuttavia, con un livello di passeggeri pari all'84% dei livelli pre-crisi, Francoforte è ancora in netto ritardo rispetto agli altri competitor europei. «Il principale fattore frenante sono stati gli elevati costi legati alla posizione, con la percentuale di tasse e tariffe imposte dalle autorità di regolamentazione che è raddoppiata dal 2019. Se le tasse sull'aviazione civile e i diritti per la sicurezza dell'aviazione saranno ulteriormente aumentati, come previsto dal governo, gli operatori aeroportuali in Germania dovranno affrontare condizioni ancora più difficili che esulano dalla loro diretta sfera di influenza. Il governo dovrebbe cambiare rotta e sostenere il nostro settore nel passaggio a operazioni senza emissioni di carbonio e in altre importanti iniziative». L'aumento del volume dei passeggeri ha fatto crescere i ricavi annuali del Gruppo del 25,2%, raggiungendo un nuovo record di 4 miliardi di euro (2022: 3,19 miliardi di euro); il risultato operativo del gruppo è salito al nuovo livello record di 1,20 miliardi di euro, quasi il +17% rispetto al 2022. Nel 2023 il numero di passeggeri ha continuato a crescere nella maggior parte degli aeroporti del Gruppo Fraport con A Francoforte che ha totalizzato 59,4 milioni di passeggeri (+21%); gli aeroporti affiliati al di fuori della Germania sono cresciuti ancora di più. I gateway greci si sono distinti in modo particolare, registrando un incremento dell'11,8% rispetto ai livelli del 2019 e superando così nettamente i numeri pre-crisi. Anche l'aeroporto di Antalya ha raggiunto un nuovo record di 35,7 milioni di passeggeri. [post_title] => Ricavi record a quota 4 miliardi di euro per gli aeroporti del gruppo Fraport [post_date] => 2024-03-20T09:15:45+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710926145000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463347 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Svolta netta di Cathay Pacific che ha centrato il suo primo utile annuale dal 2019, lasciandosi alle spalle il periodo di crisi del Covid-19: nel 2023 il vettore di Hong Kong ha registrato profitti per 1,25 miliardi di dollari e ha dichiarato di voler ampliare quest'anno la propria forza lavoro di circa il 20%, circa 5.000 persone. La performance finanziaria positiva è stata favorita da un aumento della domanda dopo l'abolizione delle restrizioni di viaggio legate alla pandemia, ha spiegato in una nota il presidente del Gruppo Cathay, Patrick Healy. Hong Kong e la Cina continentale hanno eliminato le restrizioni ai viaggi internazionali all'inizio del 2023. I ricavi sono aumentati dell'85% nel 2023, raggiungendo i 94,5 miliardi di dollari di Hong Kong. Alla fine del 2023, il gruppo operava al 70% della capacità pre-pandemia, attraverso un network di circa 80 destinazioni nel mondo; ora si punta a raggiungere l'80% dei voli passeggeri precedenti alla pandemia entro il secondo trimestre del 2024 e il 100% entro il primo trimestre del 2025, con tre mesi di ritardo rispetto all'obiettivo precedentemente dichiarato.   [post_title] => Cathay Pacific torna all'utile per la prima volta dal 2019 [post_date] => 2024-03-13T09:43:37+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710323017000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1323" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":100,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468325","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«In Francia la stagione turistica 2023 è stata eccellente - esordisce Frédéric Meyer, direttore Atout France per l’Europa del Sud - Abbiamo accolto 100 milioni di visitatori con un’entrata turistica di 63,5 mld di euro. Il mercato italiano, che ama la Francia in tutte le stagioni, rappresenta 8 milioni di arrivi turistici e 48 milioni di pernottamenti, in crescita rispetto al 2019. L’Italia è il quarto mercato internazionale dopo Germania, Uk e Belgio. L’andamento positivo è stato amplificato dal potenziamento dei collegamenti aerei tra Italia e Francia: per la primavera e l’estate 2024 la capacità aumenta dell’8% con 1123 collegamenti aerei diretti settimanali. Tra questi anche nuovi collegamenti, come quelli Verona-Parigi operati da Air France o i voli Milano-Ajaccio di Air Corsica. La campagna della Francia per il 2024, con lo slogan “Sogna in grande e vivi slow”, è molto efficace per le vendite che innesca e per la visibilità che raggiunge. Le 17 campagne regionali hanno raggiunto 7 milioni di visualizzazioni».\r\n\r\nNel presentare la destinazione è importante il ruolo del magazine Explore France 2024 (www.france.fr/it/campagna/magazine-francia), che racconta un anno nel segno dello sport, dell’inclusività e della sostenibilità - con il Tour de France e i Giochi Olimpici e Paralimpici; ricorda importanti celebrazioni - gli 80 anni dallo sbarco in Normandia e i 150 anni dell’Impressionismo - e rivela uno degli eventi più suggestivi dell’anno: la riapertura al pubblico della Cattedrale di Notre Dame l’8 dicembre prossimo. Le numerose ricorrenze invitano a scoprire l’offerta cicloturistica della Francia lungo gli oltre 20mila chilometri di piste ciclabili e sottolineano l’importanza della gastronomia, punto di forza dell’offerta di accoglienza del paese.\r\n\r\nRachel Caruhel, vice console generale francese a Milano, si è detta fiera dell’eccellenza del settore turistico francese e dei suoi attori, testimoniata anche dai 15 mln di spettatori attesi per seguire le Olimpiadi. «La cerimonia di apertura si terrà nel cuore di Parigi, ma i numerosi eventi in diverse città della Francia rappresenteranno un momento di incontro perfetto tra lo stile di vita dei francesi e i loro ospiti. I Giochi di Parigi 2024 saranno le prime Olimpiadi sostenibili ed ecologicamente responsabili della storia e risponderanno agli standard indicati dall’accordo di Parigi. Una delle priorità del nostro governo è proprio quella di rendere il settore turistico più sostenibile, come ben racconta la nuova edizione di Explore France».\r\n\r\nProssimo cambio al vertice di Atout France in Italia\r\n\r\nAl termine dell’evento Frédéric Meyer ha annunciato che presto lascerà i suoi incarichi in Italia per assumere la carica di direttore regionale di Atout France per i mercati di lingua tedesca, con sede a Francoforte. «Ho amato ogni minuto degli otto anni trascorsi in Italia. E sono fiero delle tante attività realizzate e del percorso fatto con tutti voi e insieme con la mia dinamica équipe».\r\n\r\n ","post_title":"Francia: la crescita è costante, in attesa del boom di arrivi per i Giochi Olimpici","post_date":"2024-05-29T11:28:56+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1716982136000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466710","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Etihad Airways ha varato cinque nuovi accordi di interlinea, ampliando le opzioni di viaggio per i passeggeri del proprio network. La compagnia aerea di Abu Dhabi ha siglato partnership con Kam Air in Afghanistan, ky express in Grecia, Rex Airlines in Australia, Jeju Air in Corea e Myanmar Airways International.\r\n\r\nGli accordi di interlinea offrono ai passeggeri di tutte le compagnie aeree coinvolte una maggiore connettività verso le destinazioni dei rispettivi network consentendo agli ospiti di prenotare l'intero viaggio con un unico biglietto e di imbarcare il proprio bagaglio sino alla destinazione finale.\r\n\r\n«Continuiamo ad ampliare la portata del nostro network consentendo una connessione senza soluzione di continuità attraverso la nostra rete, offrendo ai nostri ospiti una più ampia gamma di opzioni di viaggio - ha commentato Arik De, chief revenue and commercial officer di Etihad -. Questi cinque accordi interlinea rendono la vita più facile agli ospiti di tutte le compagnie aeree coinvolte».\r\n\r\nAll'aeroporto internazionale Zayed di Abu Dhabi gli ospiti di tutto il mondo possono prendere la coincidenza con il volo Kam Air per Kabul e proseguire il viaggio in Afghanistan. I viaggiatori che volano con i voli Etihad due volte al giorno per Atene, possono collegarsi con Sky express a 28 destinazioni in Grecia e alle sue isole del Mediterraneo.\r\n\r\nRex Airlines offre ai passeggeri un accesso facile dai gateway di Etihad a Sydney e Melbourne a 22 destinazioni in Australia, tra cui Adelaide, Hobart, Canberra, Brisbane e Gold Coast. Con Jeju Air gli ospiti possono continuare il loro viaggio da Seoul verso 27 destinazioni in sette Paesi dell'Asia nord-orientale. I collegamenti con Myanmar Airways International consentiranno un migliore accesso a Yangon e Mandalay attraverso i gateway di Etihad in Asia meridionale.\r\n\r\nEtihad conta ora 123 partnership interline, codeshare e strategiche con compagnie aeree di tutto il mondo.","post_title":"Etihad Airways: decollano cinque nuovi accordi di interline","post_date":"2024-05-06T10:31:19+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1714991479000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466705","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono Leonardo Massa, vice presidente Southern Europe della divisione crociere di Msc, Danilo Curzi, ceo  e fondatore di Idee per Viaggiare, Maria Paola De Rosa, responsabile vendita corporate, trade e digital di Av Trenitalia, Tommaso Fumelli, vice president sales Italy di Ita Airways, e Domenico Aprea, ceo di Ota Viaggi i  protagonisti del panel in programma in occasione di Obiettivo X: l'evento che lo stesso operatore capitolino Ota Viaggi organizza dal 17 al 19 maggio al CdsHotels Porto Giardino in Puglia. A loro si aggiungerà anche la partecipazione straordinaria di Carlo Alberto Carnevale-Maffè, docente della Bocconi.\r\n\r\nLa convention, giunta alla sua quarta edizione, ha ottenuto inoltre anche quest’anno il sostegno istituzionale da parte dell'Ente nazionale italiano per il turismo (Enit): un patrocinio importante per una manifestazione che si propone di essere un palcoscenico per innovazione, networking e partnership coinvolgendo tutti i protagonisti del panorama turistico italiano. A partecipare alla tre giorni saranno 298 agenzie di viaggi, 123 ospiti e 74 tra componenti dello staff e collaboratori, tutti provenienti da 16 regioni italiane","post_title":"Obiettivo X: tutti i protagonisti del panel dell'evento griffato Ota Viaggi","post_date":"2024-05-06T10:19:37+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1714990777000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465498","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il presidente e ceo, Marcello Mangia, lo aveva anticipato poche settimane fa: il gruppo siciliano si apprestava a entrare nel segmento degli urban hotel con un 5 stelle lusso. Detto, fatto. E' di sabato infatti la notizia dell'acquisizione del Grand Hotel et Des Palmes dal parte del gruppo Mangia's: storica struttura del centro di Palermo. Stando alle voci raccolte dal Sole 24 Ore, l'operazione si sarebbe conclusa per un valore attorno ai 30 milioni di euro, anche grazie al supporto di UniCredit.\r\n\r\nL'hotel era stato rilevato nel 2018 dal fondo Algebris per 12 milioni, tramite la società Zyx e nell'ambito delle procedure di dismissione di Acqua Marcia. Era stato poi affidato alla gestione del gruppo Corvaia. Il passaggio alla conduzione Mangia's è ora atteso per la fine dell'anno. Situato a poca distanza dal teatro Massimo, il Des Palmes dispone di 123 camere.","post_title":"Colpo Mangia's: acquisito il Grand Hotel et Des Palmes di Palermo","post_date":"2024-04-15T10:18:03+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1713176283000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464621","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dieci milioni di passeggeri per una crescita del 5% rispetto allo scorso anno: queste le previsioni di Trenitalia per la Pasqua alle porte.\r\n\r\nFestività che vedono protagonista il Sud Italia, che traina le prenotazioni dei treni a lunga percorrenza, con Puglia, Calabria e Campania in cima alla lista delle mete preferite. Tanti gli italiani che hanno deciso di spostarsi verso città d’arte come Venezia.\r\n\r\nQuanti ai treni regionali a fare la parte del leone sono invece i borghi e siti di interesse culturale, in particolare in Piemonte, Veneto, Toscana, Umbria, Campania e Sicilia\r\n\r\n \r\n\r\nPer un weekend lungo, o una gita fuori porta, il 27 e 28 marzo e l’1 e 2 aprile, torna il Frecciarossa notturno tra il Nord Italia e la Calabria, che viaggia di notte con il comfort e i servizi Frecciarossa consentendo di raggiungere la propria meta già al mattino. Partenze da Milano alle 21:20 e da Reggio Calabria alle 22:19. Fermate anche a Milano Rogoredo, Reggio Emilia AV, Bologna Centrale, Firenze S.M.N., Paola, Lamezia Centrale, Rosarno, Villa S. Giovanni.\r\n\r\nForte risalto all'offerta intermodale garantita da FrecciaLink - il servizio integrato treno+bus di Trenitalia che nel periodo pasquale ha potenziato i propri collegamenti per permettere alle persone di viaggiare con comodità. Quest’anno, i viaggi in FrecciaLink sono cresciuti del 90% rispetto al 2022, e oltre 1 milione di passeggeri ha acquistato un biglietto per utilizzare i 123 Link del Regionale. Sempre nel 2023 sono stati oltre 40.000 i biglietti acquistati per raggiungere la Sicilia con collegamenti treno+nave che, dal 10 dicembre, sono ancora più green poiché il traghettamento viene effettuato utilizzando locomotori alimentati a batterie.","post_title":"Trenitalia: 10 milioni di passeggeri scelgono il treno per le vacanze di Pasqua","post_date":"2024-03-29T10:32:21+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1711708341000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464138","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Parkhotel Laurin di Bolzano è al centro di una città mitteleuropea con caratteristiche geologiche e storiche uniche. L'hotel organizza experience guidate che rivelano un luogo dalle sfaccettature inattese: climatiche, storiche e architettoniche. Porta delle Dolomiti, nelle Alpi italiane, Bolzano si trova al centro di una conca vulcanica di 70 chilometri di diametro (l’attività vulcanica ha interessato la zona 280 milioni di anni fa) ed è la seconda città più calda d’Italia. Le Alpi bloccano i fronti di maltempo e le garantiscono 300 giorni di sole all’anno. Nella conca si incontrano tre fiumi: l’Isarco, il Talvera e l’Adige. \r\nNell’anno 1000 i vescovi di Trento compresero il potenziale di sviluppo del territorio e favorirono la nascita di un centro di commercio capace di collegare Venezia alle terre del Nord. Bolzano divenne sempre più ricca: nel 1273 i conti di Tirolo-Gorizia la conquistarono e la dominarono fino al 1363, quando venne donata agli Asburgo. La storia racconta di rivolte, anche religiose, e di passaggi di potere, fino al 1635, quando l’arciduchessa del Tirolo Claudia de’Medici, vedova di Leopoldo V d’Austria, decise l’istituzione di un magistrato mercantile che, in lingua italiana e tedesca, regolava i contenziosi sorti tra i commercianti provenienti da mezza Europa. La città fiorì e vennero costruiti i bellissimi portici che si possono percorrere ancora oggi: proteggevano il centro dal sole e dal vento proveniente dalle montagne e creavano un microclima ideale per il commercio. \r\nIl territorio era ideale anche per la crescita del vitigno autoctono, che produce il rosso e gustoso Lagrein. Le leggende dicono che Bolzano fosse posata sul vino! Ancora oggi le abitazioni hanno cantine di uno o due piani dove, a 15 gradi, viene conservato il prezioso vino locale. All’inizio del 1800 Bolzano venne annessa al Regno d’Italia, visse l’occupazione napoleonica, quindi tornò a far parte dell’Impero austro-ungarico fino al 1918. Dopo la Prima guerra mondiale fu nuovamente annessa all’Italia e, con l’avvento del fascismo, nel 1922-23, il territorio della città venne fortemente italianizzato con un nuovo piano urbanistico. Nel 1936 Mussolini fece costruire il monumento alla Vittoria e volle replicare il centro cittadino sulla riva opposta del fiume Talvera, affidandone la costruzione all’architetto Marcello Piacentini. \r\nDagli anni ‘60 in poi Bolzano è un’importante meta turistica. La storia della città è anche caratterizzata dal trilinguismo: la popolazione parla italiano, tedesco e ladino. Per frequentare l’università è richiesta la conoscenza di tutte queste lingue. Bolzano offre tanto al turista che, oltre ad apprezzarne la natura, i paesaggi e la tradizione, potrà incontrare al museo Archeologico il corpo di Ötzi, l’uomo venuto dal ghiaccio scoperto da due alpinisti nel 1991 sul ghiacciaio della val Senales. Oppure visiterà il Duomo di Santa Maria Assunta, iniziato nel IV secolo contiene la cappella di San Giovanni, i cui affreschi furono commissionati dalla famiglia di banchieri fiorentini de Rossi-Botsch a pittori provenienti da Padova, dove avevano lavorato con Giotto alla cappella degli Scrovegni. E poi ci sono importanti raccolte d’arte moderna. Tra le tante eccellenze non bisogna dimenticare la gastronomia, con i piatti e i salumi tipici da gustare sulle terrazze delle case antiche. Ammirando le Dolomiti che, al tramonto, si accendono del ricordo del giardino di rose del re dei nani Laurin, celebrato dal Parkhotel Laurin.\r\n[gallery ids=\"464145,464144,464143\"]","post_title":"Il Parkhotel Laurin accompagna i suoi ospiti alla scoperta di Bolzano","post_date":"2024-03-27T09:37:26+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1711532246000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464001","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"“L’Italia è il mercato da cui ci aspettiamo il maggiore successo: in nessuno degli altri paesi di cui sono responsabile abbiamo così tanta capacità” Javier Roig, market director Europe di Finnair (per i paesi di Italia, Spagna, Francia, Portogallo e Svezia), sintetizza così la strategicità del mercato italiano, dove nei giorni scorsi è stato annunciato il nuovo investimento su Venezia.\r\n\r\nLa compagnia, fresca delle celebrazioni dei suoi primi 100 anni di vita (è nata nel novembre 1923 ma il primo volo è stato operato proprio il 20 marzo del 1924) collega infatti \"Helsinki da Milano Malpensa con due voli giornalieri, così come da Roma Fiumicino, e poi - esattamente da un anno - anche Milano Linate, con quattro frequenze a settimana che vorremmo tanto diventassero giornaliere. Oltre a Venezia, annuale da quest’anno, Bologna, e agli stagionali su Napoli e Verona. Questi ultimi sono voli prettamente incoming”.\r\n\r\nCon circa 12 milioni di passeggeri trasportati all'anno a livello globale, Finnair non prevede al momento “aperture di nuovi scali” ma l’Italia rappresenta comunque il terzo mercato in Europa, dopo Germania e Regno Unito, con un load factor medio sulle rotte che nel 2023 si è attestato all’80%.\r\n\r\nArchiviato un 2023 con una performance nettamente positiva, le attese per l’anno in corso altrettanto buone, “con una domanda che resta molto elevata” e questo consente al vettore di essere fiducioso malgrado il persistere del conflitto tra Russia e Ucraina con la conseguente chiusura dello spazio aereo della prima, e la preclusione a quelle rotte verso il Giappone che costituivano un vantaggio competitivo non indifferente per Finnair per i collegamenti dall’Europa. \"Non avendo date certe sulla riapertura, abbiamo riorganizzato il nostro network con altri voli di lungo raggio, introducendo nuove destinazioni soprattutto negli Stati Uniti, e rafforzando l’operatività sul Medio Oriente”.\r\n\r\nE sempre in quest'ottica di ottimizzazione dei ricavi, la compagnia porta avanti  alcune operazioni di wet lease, \"iniziate durante il Covid con Eurowings, cui avevamo affittato tre A350 per volare negli Usa, che sono già rientrati, come pure i quattro A320 che erano in wet lease a British Airways e che sono tornati a supporto della nostra maggiore offerta sulle rotte europee. Sono invece in corso i wet lease di tre velivoli a Qatar Airways per un periodo di 4 anni, che utilizza tutti i giorni da Doha per Helsinki, Copenaghen e Stoccolma; e il più recente con Qantas sulla rotta da Singapore a Sydney, mentre da fine mese un secondo aereo sarà utilizzato sempre dal vettore australiano sulla Bangkok-Sydney. In totale sono 7-8 aeromobili impiegati in questo modo\".\r\n\r\nIl passaggio a Ndc\r\n\r\nUn processo \"irreversibile\" quello nel solco di Ndc per Finnair, che come già annunciato da fine 2025 uscirà completamente dai canali gds. Un percorso quello che conduce alla data fatidica \"non semplice\" ammette il manager, poiché \"molti sono ancora refrattari al cambiamento, che comunque riconosco non sia semplice. Attualmente il 66% delle vendite Finnair arriva dai nostri canali diretti, quindi il sito e Ndc. Gli agenti di viaggio cominciano a capire che devono intraprendere questa strada, progressivamente stiamo rendendo disponibile in esclusiva su Ndc sempre più prodotto: se si cerca ad esempio una tratta Helsinki-Rovaniemi non la si strova più sui gds. E in aprile usciranno anche destinazioni come Turchia e Grecia. Questo per far capire che il processo è irreversibile”.","post_title":"Finnair, Roig: \"L’Italia è il mercato da cui ci aspettiamo il maggiore successo\"","post_date":"2024-03-21T11:10:43+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1711019443000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463889","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Fraport ha registrato fatturato ed ebitda da record per l'anno fiscale 2023, grazie alla ripresa del traffico passeggeri, in particolare negli aeroporti del gruppo al di fuori della Germania. Grazie a questo trend positivo l'utile netto ha raggiunto i 430,5 milioni di euro.\r\n\r\n«Il traffico ha continuato a svilupparsi in modo dinamico per tutto il 2023 - ha commentato Stefan Schulte, ceo di Fraport AG -. Fraport ha beneficiato di questa tendenza soprattutto grazie al suo ampio portafoglio internazionale. I nostri aeroporti nei mercati greco e turco hanno addirittura raggiunto nuovi record di passeggeri nel 2023. La nostra base, l'aeroporto di Francoforte, ha continuato a registrare la ripresa più forte di tutti i principali aeroporti tedeschi. Tuttavia, con un livello di passeggeri pari all'84% dei livelli pre-crisi, Francoforte è ancora in netto ritardo rispetto agli altri competitor europei.\r\n\r\n«Il principale fattore frenante sono stati gli elevati costi legati alla posizione, con la percentuale di tasse e tariffe imposte dalle autorità di regolamentazione che è raddoppiata dal 2019. Se le tasse sull'aviazione civile e i diritti per la sicurezza dell'aviazione saranno ulteriormente aumentati, come previsto dal governo, gli operatori aeroportuali in Germania dovranno affrontare condizioni ancora più difficili che esulano dalla loro diretta sfera di influenza. Il governo dovrebbe cambiare rotta e sostenere il nostro settore nel passaggio a operazioni senza emissioni di carbonio e in altre importanti iniziative».\r\n\r\nL'aumento del volume dei passeggeri ha fatto crescere i ricavi annuali del Gruppo del 25,2%, raggiungendo un nuovo record di 4 miliardi di euro (2022: 3,19 miliardi di euro); il risultato operativo del gruppo è salito al nuovo livello record di 1,20 miliardi di euro, quasi il +17% rispetto al 2022.\r\n\r\nNel 2023 il numero di passeggeri ha continuato a crescere nella maggior parte degli aeroporti del Gruppo Fraport con A Francoforte che ha totalizzato 59,4 milioni di passeggeri (+21%); gli aeroporti affiliati al di fuori della Germania sono cresciuti ancora di più. I gateway greci si sono distinti in modo particolare, registrando un incremento dell'11,8% rispetto ai livelli del 2019 e superando così nettamente i numeri pre-crisi. Anche l'aeroporto di Antalya ha raggiunto un nuovo record di 35,7 milioni di passeggeri.","post_title":"Ricavi record a quota 4 miliardi di euro per gli aeroporti del gruppo Fraport","post_date":"2024-03-20T09:15:45+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1710926145000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463347","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Svolta netta di Cathay Pacific che ha centrato il suo primo utile annuale dal 2019, lasciandosi alle spalle il periodo di crisi del Covid-19: nel 2023 il vettore di Hong Kong ha registrato profitti per 1,25 miliardi di dollari e ha dichiarato di voler ampliare quest'anno la propria forza lavoro di circa il 20%, circa 5.000 persone.\r\n\r\nLa performance finanziaria positiva è stata favorita da un aumento della domanda dopo l'abolizione delle restrizioni di viaggio legate alla pandemia, ha spiegato in una nota il presidente del Gruppo Cathay, Patrick Healy. Hong Kong e la Cina continentale hanno eliminato le restrizioni ai viaggi internazionali all'inizio del 2023.\r\nI ricavi sono aumentati dell'85% nel 2023, raggiungendo i 94,5 miliardi di dollari di Hong Kong.\r\n\r\nAlla fine del 2023, il gruppo operava al 70% della capacità pre-pandemia, attraverso un network di circa 80 destinazioni nel mondo; ora si punta a raggiungere l'80% dei voli passeggeri precedenti alla pandemia entro il secondo trimestre del 2024 e il 100% entro il primo trimestre del 2025, con tre mesi di ritardo rispetto all'obiettivo precedentemente dichiarato.\r\n\r\n ","post_title":"Cathay Pacific torna all'utile per la prima volta dal 2019","post_date":"2024-03-13T09:43:37+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1710323017000]}]}}

Lascia un commento