1 March 2024

1234

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Dreams & Holidays Tour Operator specializzato nella realizzazione e commercializzazione di pacchetti viaggio tutto compreso ricerca persone alle quali affidare la gestione e lo sviluppo del portafoglio clienti.
In particolare la ricerca è rivolta a:
– persone interessate alla professione di promoter per il tour operator;
– persone interessate alla professione di promoter per l’installazione e la gestione di corner viaggi Dreams & Holidays presso attività commerciali (palestre, pub, ristoranti, parrucchieri, ecc.).
Per informazioni: dott. LUCIANO MARINO, responsabile R&S Dreams & Holidays T.O.
Cell. 333-6138396
Skype : lucianodreamsholidays
Facebook : Luciano DreamsHolidays
e-mail : dreamsholidays.job@gmail.com


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460546 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gli aeroporti italiani hanno ufficialmente superato i dati di traffico 2019, stabilendo così il nuovo record storico raggiungendo per la prima volta i 197,2 milioni di passeggeri, +2,1% rispetto al dato pre-Covid. A certificarlo ufficialmente sono i dati di Assaeroporti - dopo l'anticipazione di qualche settimana fa da parte del presidente, Carlo Borgomeo - che mostrano come a fronte di una ripresa post-pandemia che aveva visto il ruolo centrale del mercato domestico, il 2023 ha segnato il pieno recupero del segmento internazionale, la parte più qualificante del traffico aereo, che raggiunge i 128 milioni di passeggeri, lo 0,1% in più sul 2019. Un leggero gap rispetto ai livelli pre-Covid si riscontra invece per i movimenti aerei, che nel 2023 sono stati inferiori del 2,6% sul 2019, attestandosi a 1.601.059 unità. Più passeggeri e meno aerei che, quindi, viaggiano con un load factor maggiore, comportando benefici anche in termini ambientali.  Voglia di volare «Il 2023 si è chiuso con quasi 200 milioni di passeggeri, un record assoluto per gli aeroporti italiani, un'importante soglia psicologica raggiunta - ha ribadito Borgomeo -. Si conferma una straordinaria voglia di volare, a riprova della resilienza del nostro comparto, che è in ottima salute e resta strategico per il Paese. Il 2023 però è stato anche un anno caratterizzato da forti "turbolenze": penso al modo con cui è stata gestita la vicenda del caro voli, all'ennesimo rinvio del dossier Ita - Lufthansa, così come al tema dell'addizionale comunale, sul quale regna una grande confusione. «Gli operatori dovrebbero invece poter contare su un quadro di riferimento più stabile, meno estemporaneo. I gestori per essere competitivi hanno la necessità di pianificare per tempo gli investimenti e possono farlo solo con un miglior coordinamento delle politiche. Speriamo che il Piano Nazionale degli Aeroporti di prossima pubblicazione definisca chiare linee strategiche per il comparto». Intanto, la classifica 2023 dei primi 10 aeroporti italiani per numero di passeggeri vede in testa Roma Fiumicino con 40,5 milioni, Milano Malpensa con 26,1 milioni, Milano Bergamo con 16 milioni, Napoli con 12,4 milioni, Venezia con 11,3 milioni, Catania con 10,7 milioni, Bologna con 10 milioni, Milano Linate con 9,4 milioni, Palermo con 8,1 e Bari con 6,5 milioni. [post_title] => Record storico 2023 degli scali italiani: passeggeri a +2,1% sul 2019 [post_date] => 2024-02-01T09:00:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706778048000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460346 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Korean Air archivia il 2023 con un fatturato record di 11,3 miliardi di dollari e un utile operativo di 1,23 miliardi (non consolidati): quest'ultimo dato è superiore rispetto al risultato del 2019. L'utile operativo della compagnia aerea per il 2023 è aumentato su base annua del 10,9%, un tasso superiore alla media del settore. Il calo dell'utile operativo del quarto trimestre rispetto all'anno precedente è dovuto a un aumento delle retribuzioni del personale che comprendeva incentivi per il raggiungimento degli obiettivi annuali di performance e sicurezza. I ricavi annuali del settore passeggeri sono aumentati rispetto al 2019, grazie alla forte domanda di viaggi e alla maggiore richiesta di classi premium, nonostante la capacità abbia recuperato 'solo' l'80% dei livelli pre-pandemia. Nel settore cargo, sebbene i ricavi siano diminuiti a causa della ripresa della capacità di trasporto passeggeri e della normalizzazione del trasporto marittimo, è stato mantenuto un livello di redditività più elevato rispetto al 2019. Korean Air prevede che la domanda e la capacità passeggeri si riprenderanno completamente nel primo trimestre 2024: le stime indicano che la domanda di lungo raggio rimarrà robusta e che la domanda leisure aumenti durante l'alta stagione invernale. Korean Air massimizzerà i ricavi riprendendo le rotte e aumentando la capacità verso le destinazioni turistiche più popolari del Sud-est asiatico e del Giappone. [post_title] => Korean Air: domanda e capacità passeggeri verso il pieno recupero nel primo trimestre [post_date] => 2024-01-30T11:16:07+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706613367000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460104 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Wizz Air sconta le conseguenze del conflitto in Medio Oriente nei risultati del trimestre ottobre-dicembre 2023, nonché delle difficoltà legate al grounding di alcuni aeromobili. La low cost ha infatti registrato un aumento del 16% delle perdite operative, che salgono a 180,4 milioni di euro rispetto ai 155,5 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso. I ricavi si sono attestati a 1,06 miliardi di euro mentre il traffico passeggeri ha riportato la cifra record di 15,1 milioni, rispetto ai 12,4 milioni dell'analogo trimestre dello scorso esercizio. La compagnia aerea ha dichiarato che riprenderà alcuni voli per Tel Aviv a partire da marzo, dopo aver sospeso le operazioni verso Israele in seguito all'inizio della guerra in ottobre. Il vettore ha dichiarato che la sua performance finanziaria nel terzo trimestre è stata "materialmente influenzata dalla sospensione e dalla riallocazione della capacità destinata a Israele". «Nel terzo trimestre abbiamo continuato a registrare una crescita della capacità leader del settore, in vista del previsto fermo degli aeromobili nel quarto trimestre, quando i motori Gtf saranno rimossi per le ispezioni obbligatorie - ha dichiarato Jozsef Váradi, chief executive officer di Wizz Air - (...) L'inizio del quarto trimestre è stato positivo. Rimaniamo impegnati in un'efficace gestione dei costi, nell'utilizzo degli asset e nella produttività, tutti elementi fondamentali per il futuro e siamo fiduciosi nella nostra capacità di gestire questi elementi». Confermata la guidance dell’utile netto per l'intero esercizio 202, compresa tra i 350 e i 400 milioni di euro. [post_title] => Wizz Air sconta l'impatto del conflitto mediorientale e aumenta le perdite del trimestre [post_date] => 2024-01-25T12:49:15+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706186955000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459657 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_443575" align="alignleft" width="300"] Alcune mobile home Human Company[/caption] Si fa sempre più stretto il legame tra la finanza e il mondo dell'open air italiano. Dopo le recenti indiscrezioni sul possibile cambio di partnership in casa Club del Sole, giungono ora altre voci riguardanti questa volta il gruppo Human Company, attualmente controllato al 100% dalla famiglia Cardini Vannucchi. Stando ai rumours, sempre raccolti dal Sole 24 Ore, l'operatore toscano sarebbe stato infatti messo nel mirino dagli statunitensi di Hines che, in joint venture con Clessidra, starebbe studiando il proprio ingresso nel capitale della società dell'open air, attiva anche nei segmenti degli ostelli e dei relais di campagna. L'operazione dovrebbe concludersi entro la fine del primo trimestre dell'anno e punterebbe al rafforzamento dell'organizzazione Human Company, nonché al suo ulteriore sviluppo. La compagnia toscana nata negli anni '80 come Ecv Group da una famiglia tradizionalmente legata all'industria tessile di Prato, ha chiuso il 2022 con un giro d'affari di 123 milioni di euro. Il gruppo conta oggi dieci village e camping in Toscana, Veneto, Lazio e Lussemburgo, a cui si aggiungono due ostelli 2.0 a marchio Plus Hostel a Firenze e a Praga, nonché la tenuta Palagina sulle colline del Chianti. Presente anche un format f&b chiamato Mercato Centrale, attualmente attivo a Firenze, Roma, Torino, a Milano e a Campi Bisenzio. [post_title] => Gli operatori finanziari Hines e Clessidra pronti a entrare nel capitale di Human Company [post_date] => 2024-01-18T12:50:47+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705582247000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459117 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Turisanda1924 compie 100 anni e, per festeggiare degnamente un compleanno così importante, lancia i viaggi Route 1934: sette itinerari on the road alla scoperta della West Coast. I nuovi tour di diversa durata, da sette a dieci notti, possono essere scelti con la garanzia di un numero ristretto di partecipanti (minimo due, massimo 20) e si articolano diverse proposte: tre base (Explorer 1924, Glamping 1924 e Clear Sky 1924), da sette od otto notti, che coprono il tragitto che parte da Los Angeles proseguendo nell’entroterra americano verso Las Vegas, Arizona e Utah, attraversando canyon e paesaggi mozzafiato, chiudendo infine con il ritorno a Las Vegas. A queste si aggiungono altre quattro soluzioni (Discovery 1924, West 1924, Stars 1924 ed Essential 1924), da dieci notti ciascuna, che allo stesso itinerario delle precedenti integrano la visita alla città di San Francisco come tappa finale. Tutti gli itinerari 1924 comprendono un’auto categoria C (Mazda 3 o similare), una guida a disposizione in hotel o via Whatsapp, il pass America The Beautiful, tessera che consente l’accesso a tutti i parchi Usa, e la visita del Secret Antelope Canyon e Horseshoe Bend. Inoltre, i tour con pernottamento al Clear Sky Resort prevedono l’escursione Stargazing e quelli che terminano a San Francisco includono anche il traghetto per Alcatraz e il volo interno Los Angeles – San Francisco in base all’itinerario. Sono previste partenze settimanali dal 20 maggio al 7 ottobre 2024.   [post_title] => Turisanda1924 festeggia i propri primi 100 anni e lancia i viaggi Route 1924 sulla West Coast [post_date] => 2024-01-10T10:38:15+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704883095000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459072 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Esperienze romantiche a Borgotufi, tra wellness, piatti d’autore,  ciaspolate e sci sulle cime di Roccaraso. Borgotufi, albergo diffuso di Castel del Giudice sull’Appennino molisano-abruzzese, è un borgo di pietra immerso nel paesaggio, a pochi chilometri dalle vette di Capracotta su cui vivere ciaspolate guidate e fruire delle piste da sci di Roccaraso. Pietra e legno, ma anche  elementi di design e opere d’arte caratterizzano le casette di Borgotufi, tutte diverse, intime ma spaziose. Nella struttura principale, il centro benessere panoramico accoglie gli innamorati per speciali momenti di wellness tra la piscina con lame cervicali e idromassaggio, la sauna, le docce emozionali, trattamenti e massaggi. Inoltre, il ristorante gourmet Mia e il ristorante del Borgo propongono piatti ricercati, i cui ingredienti nascono dagli orti di Borgotufi. Al ristorante del Borgo la serata del 14 febbraio, per le coppie una cena degustazione romantica con musica dal vivo. Con l’offerta Fuga Romantica valida dall’11 al 23 febbraio 2024 sono inclusi: il pernottamento nella categoria di camera scelta, una ricca colazione a base di prodotti locali e artigianali, brindisi di benvenuto con stuzzichini in camera in omaggio, un percorso benessere di 120 minuti per momenti unici di coppia, la cena romantica al ristorante del Borgo con menu degustazione di tre portate (acqua inclusa), e lo sconto del 15% per il noleggio di sci, snowboard e attrezzature sulle piste di Roccaraso con agevolazione salta la fila.  Il prezzo è a partire da 234 euro a coppia a notte.   [post_title] => Borgotufi: esperienze romantiche all'albergo diffuso di Castel del Giudice [post_date] => 2024-01-09T14:02:53+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704808973000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458923 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Parte domani da Trieste, a bordo della Deliziosa, l’edizione 2024 del Giro del mondo di Costa Crociere. Il viaggio, con possibilità di imbarco anche nelle tappe successive di Catania, Napoli e Savona, si concluderà l’11 maggio a Marghera/Venezia: sulle orme dei grandi navigatori del passato, in poco più di quattro mesi, gli ospiti a bordo visiteranno 52 destinazioni di 34 paesi differenti, sparsi in cinque continenti, attraversando tre oceani. E l'edizione 2024 è tra quelle di maggior successo: a bordo della Deliziosa, infatti, ci saranno oltre 2 mila ospiti, provenienti in prevalenza da Francia, Germania, Italia, Spagna, Svizzera e Austria. Nei 134 giorni di viaggio previsti, la Deliziosa circumnavigherà il globo navigando sempre verso ovest: dall’Italia attraverserà l’Atlantico sino ai Caraibi, visitando Francia, Spagna Marocco e isole Canarie, per poi passare il canale di Panama e andare alla scoperta di Ecuador, Cile, Perù e isola di Pasqua; da lì attraverserà il Pacifico, toccando la Polinesia, per raggiungere l’Australia; si dirigerà poi verso nord, in Giappone e Corea del Sud, per fare quindi rotta ancora una volta verso ovest, visitando Taiwan, Hong Kong, Vietnam, Singapore, Malesia, Sri Lanka, India, Oman, Giordania e fare rientro in Italia. Per coloro i quali non fossero riusciti a prenotare una cabina su questa edizione, ci sono ancora cabine disponibili per il Giro del Mondo 2025, che circumnavigherà il globo prevalentemente nell’emisfero australe, visitando Brasile, Terra del Fuoco, Polinesia, Nuova Zelanda, Australia, Sud Africa e Namibia. Per la prima volta la partenza sarà a fine anno, il 7 dicembre 2024 da Trieste, con possibilità di imbarco anche a Catania, Civitavecchia/Roma e Savona, per godersi le feste natalizie in crociera. La notte di Capodanno a Rio de Janeiro sarà davvero speciale, con lo spettacolo dei fuochi d'artificio dalla spiaggia di Copacabana. [post_title] => Salpa domani da Trieste il Giro del mondo 2024 di Costa Crociere [post_date] => 2024-01-05T11:49:04+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704455344000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458217 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_458221" align="alignleft" width="317"] Alberto Corti, Ivana Jelinic, Francesco Di Cesare[/caption] Non si arresta la crescita dello shopping tourism in Italia. Secondo i dati presentati oggi alla sesta edizione di Shopping Tourism – forum italiano ideato e organizzato da Risposte Turismo in partnership con ENIT, nel 2025 il numero di outlet village e department store attivi nel nostro Paese sfiorerà quota 100 (28 outlet village e 71 department store), rendendo l’Italia sempre più centrale nella geografia delle destinazioni scelte dai turisti, stranieri e non, desiderosi di trascorrere una vacanza all’insegna dello shopping. Dall’analisi effettuata da Risposte Turismo emerge come dal 2003 ad oggi siano entrati in attività oltre 24 nuovi outlet village (in media, più di un’apertura all’anno), per una superficie commerciale totale che, quest’anno, ha raggiunto circa 725 mila mq. Nel 2024 è previsto l’inizio dei lavori di restyling di un centro a Roma e nel 2025 una nuova apertura in Sardegna. Con riferimento alle vie dello shopping, invece, via Montenapoleone (Milano) sale quest’anno al secondo posto nella classifica mondiale per valore retail per metro quadro (18mila euro, +31% sul 2019, fonte: Main streets across the World, Cushman&Wakefield, 2023). Sono 2,1 milioni i turisti che hanno scelto quest’anno il nostro Paese per una vacanza all’insegna dello shopping (+7% sul 2019). [caption id="attachment_458219" align="alignright" width="327"] Francesco Di Cesare, Presidente di Risposte Turismo[/caption] "I dati relativi al binomio turismo & shopping che raccogliamo nella nostra costante attività di ricerca e di analisi delle fonti fanno emergere indicatori positivi sia dal lato dell’offerta che della domanda. Abbiamo notato quest’anno una particolare dinamicità del settore con un aumento del numero di eventi, di nuovi progetti e iniziative speciali lanciate, su tutte, quelle dei luoghi temporanei dello shopping, la sempre più ricorrente ibridazione tra shopping e ristorazione e lo sviluppo di collaborazioni volte a cogliere la propensione alla spesa dei turisti. Questo rischia di aprire un gap tra le realtà attive e pronte ad investire rispetto a quelle che si limitano a sfruttare il proprio vantaggio di localizzazione. Shopping Tourism – il forum italiano si propone da sempre come un momento di confronto, analisi e dibattito sul settore attraverso il quale tutti gli operatori del settore possono trarre utili spunti per crescere in questo comparto» ha dichiarato Francesco di Cesare – Presidente Risposte Turismo. «Sono cambiati negli anni gli shopping tourists che diventano sempre più esigenti e maturi negli acquisti. Vogliono essere più competenti - prosegue il presidente -. A differenza dell'e-commerce, lo shopping sul posto è un'esperienza di conoscenza: chi compra in una destinazione può anche conoscere chi produce un oggetto e come lo fa. La capacità di informare e di mettere a disposizione più soluzioni di shopping sono elementi fondamentali per una destinazione. C'è la necessità di adeguare questa domanda alla nostra offerta; quello che un po' manca è la regia, il collante e qualche politica pubblica di sostegno. Per questo noi realizziamo questo forum itinerante e siamo molto contenti della partnership con Enit, che speriamo possa inserire lo shoppping tourism tra gli elementi portanti da promuovere in Italia".  "Il turismo legato allo shopping consente di amplificare tutta la portata valoriale del Made in Italy. Armonizzare l’offerta turistica con i prodotti che sono rappresentazioni dell’immagine dell’Italia è un atto di consapevolezza dell’esclusività italiana e di tutte le espressioni creative, produttive, artistiche della nostra Penisola. Abbiamo il dovere di diffondere questa immagine nel panorama internazionale nel migliore dei modi anche offrendo pacchetti integrati con le meraviglie del lifestyle italiano che si traducono in prodotti concreti» Ha dichiarato Ivana Jelinic presidente e ceo ENIT. «L'espansione del turismo legato allo shopping – ha proseguito Jelinic – rappresenta una chiave strategica per lo sviluppo economico italiano. Introdurre politiche che agevolino l'accesso a circuiti di spesa di livello internazionale così come il miglioramento dell'infrastruttura per facilitare gli spostamenti e collaborare con brand globali può aumentare l'attrattiva dei territori. L'implementazione di programmi di marketing mirati, incentivi fiscali e partnership con operatori del settore sono fondamentali per stimolare il flusso turistico legato allo shopping e garantire un impatto positivo anche sulle dimensioni locali». «Inoltre – ha concluso Jelinic – grazie all’introduzione del servizio Tax Free Shopping si promuove un ulteriore incremento dei flussi dell’incoming da tutti quei Paesi altospendenti nel nostro Paese che investono nell’acquisto di prodotti Made in Italy". Per quanto riguarda il mercato statunitense, sul quale quest’anno si è concentrata l’attenzione di Risposte Turismo, l’analisi effettuata mostra come siano sempre Roma, Milano, Napoli, Venezia e Firenze le città che – in quest’ordine – tale segmento della domanda associa allo shopping, considerandole destinazioni adatte per svolgere questa attività. Per quanto riguarda altri centri di minori dimensioni, l’indagine ha evidenziato come Bologna e Genova abbiano registrato punteggi superiori ad altre località quali Taormina, Cortina e Capri. Complessivamente (shopping tourist e non) l’indagine fa emergere come il 91% degli statunitensi in viaggio in Italia non rinuncerebbe all’acquisto di prodotti italiani: su tutti la gastronomia (al 53% tra la tipologia di prodotto che gli americani acquisterebbero ”assolutamente”) seguita dagli articoli di moda. Sempre nell’ambito di questo focus USA, con riferimento alla motivazione che spinge i turisti statunitensi a viaggiare, il 34% del campione afferma di aver viaggiato in più occasioni con l’intento di fare acquisiti, percentuale che sale al 47% considerando tutti coloro che lo hanno fatto almeno una volta. L’indagine, infine, evidenzia come la spesa media giornaliera dei turisti statunitensi in shopping si attesti a 110 euro. Interessante rilevare come anche tra gli statunitensi che non hanno mai viaggiato per shopping, il 16% ha dichiarato che esso conta comunque molto o abbastanza tra le attività accessorie da svolgere quando viaggia. [caption id="attachment_458223" align="alignleft" width="351"] Shopping Tourism 15 dicembre 2023[/caption] "I dati sulla spesa Tax Free gennaio-novembre 2023 evidenziano in modo tangibile l'appeal dell'Italia come meta per il turismo dello shopping di lusso» ha dichiarato Denise Bolandrina, Marketing Sales Director Italy di Global Blue. «In questo segmento – ha proseguito Bolandrina – il recovery della spesa Tax Free ha raggiunto il 124% rispetto al 2019, trainato dall'incremento significativo dello scontrino medio (+21%). Ha guidato la ripresa il nuovo mix di nazionalità, grazie soprattutto ai turisti provenienti dagli Stati Uniti e dai Paesi del Golfo, che contribuiscono per il 26% e l'11% del Tax Free Shopping lusso totale. La spesa tax free di americani e arabi ha più che raddoppiato quella del 2019, con un recovery rispettivamente del 263% e del 224%. Aumentano anche i loro scontrini medi: 2.900 euro (+38%) per gli americani e 4.200 euro (+26%) per gli arabi. Crescono infine i viaggiatori internazionali più giovani appartenenti alla Generazione Z: in questa fascia troviamo il 22% degli shopper arabi e il 15% di quelli americani. L’attesa è per il definitivo ritorno dello shopper cinese, già in fase di ripresa moderata: oggi il suo recovery della spesa tax free per i prodotti lusso è del 44%. Il mercato Usa oggi copre le mancanze registrate dalla Russia e dalla Cina producendo numeri superiori al 2019.  Cambiano anche le generazioni di shoppers oggi più esigenti, giovani, attenti allo storytelling del brand, alla digitalizzazione, alla qualità e alla preparazione dello staff in negozio. Con elevate capacità di spesa cercano sempre più qualità ed esperienze " [caption id="attachment_458227" align="alignleft" width="245"] Saverio Mucci, Vice President - Government Industry Lead Mastercard con Francesco Di Cesare, presidente di Risposte Turismo[/caption] "La correlazione tra shopping e turismo è forte e si declina diversamente in base al tipo di turista internazionale - spiega Saverio Mucci, Vice President - Government Industry Lead Mastercard -. Emerge negli ultimi due anni una crescita robusta del 40% nei centri di Roma, Milano, Firenze, Venezia, ossia i distretti più importanti del turismo italiano, con un impatto sullo shopping del 50% sulla spesa complessiva con focus sul settore dell'abbigliamento made in Italy. Non c'è grande crescita sul mercato europeo (Germania, Svizzera), mentre si registra una crescita consistente sul turismo anglosassone, americano (+30%) e australiano (+80%), che hanno beneficiato del nuovo volo Roma - Sidney, ma i dati più sorprendenti arrivano dal mondo asiatico, da Taiwan, Hong Kong e Corea".   La settima edizione di Shopping Tourism si svolgerà a Milano il 23 febbraio 2024 con un programma ricco di appuntamenti di confronto e dibattito sui trend e il futuro dello shopping tourism nel nostro Paese. Main sponsor dell’edizione 2023 di Shopping Tourism – il forum italiano sono Global Blue e Mastercard. Il forum è stato realizzato quest’anno in collaborazione con il Sistema Confcommercio, ha ottenuto il patrocinio del Ministero del Turismo, di Roma Capitale e di Roma&Lazio Convention Bureau.               [post_title] => Risposte Turismo: l’Italia verso la leadership nello shopping tourism [post_date] => 2023-12-15T15:36:09+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => shopping-tourism-italy ) [post_tag_name] => Array ( [0] => shopping tourism italy ) ) [sort] => Array ( [0] => 1702654569000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 456968 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce la presenza del gruppo Numa, che mette a segno un importante colpo di mercato acquisendo da Proprium Capital Partners la piattaforma di serviced apartment Yays. La società con sede ad Amsterdam gestisce 489 unità in Olanda, Belgio e Francia, a cui si aggiunge una pipeline di ulteriori 124 appartamenti a Madrid, Francoforte e L’Aia. L'operazione, il cui valore non è stato rivelato, è stata supportata da Dla Piper, Cbre e Ey per la parte venditrice, nonché da Greenberg Traurig, Taylor Wessing e Eight Advisory per conto dell'acquirente. Con l'aggiunta di Yays, il portfolio di Numa cresce di circa il 20%, arrivando a superare quota 5.200 unità. “Siamo entusiasti della partnership con la piattaforma olandese e con il suo team - commenta il ceo e co-fondatore di Numa, Christian Gaiser -. Yays offre un portfolio ricco di attrattive, con proprietà con rating stellari e un’alta soddisfazione dei clienti in mercati in cui noi non siamo ancora presenti. Inoltre, la piattaforma è un punto di partenza perfetto per sviluppare una posizione primaria in mercati chiave quali Amsterdam e Parigi, due delle destinazioni top 10 in Europa. Insieme al team Yays, intendiamo in particolare spingere su una crescita congiunta nel Benelux e in Francia”. [post_title] => Numa cresce in Europa centrale con l'acquisizione della piattaforma di serviced apartment Yays [post_date] => 2023-11-28T12:44:14+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1701175454000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1234" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":14,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":82,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460546","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gli aeroporti italiani hanno ufficialmente superato i dati di traffico 2019, stabilendo così il nuovo record storico raggiungendo per la prima volta i 197,2 milioni di passeggeri, +2,1% rispetto al dato pre-Covid. \r\n\r\nA certificarlo ufficialmente sono i dati di Assaeroporti - dopo l'anticipazione di qualche settimana fa da parte del presidente, Carlo Borgomeo - che mostrano come a fronte di una ripresa post-pandemia che aveva visto il ruolo centrale del mercato domestico, il 2023 ha segnato il pieno recupero del segmento internazionale, la parte più qualificante del traffico aereo, che raggiunge i 128 milioni di passeggeri, lo 0,1% in più sul 2019.\r\n\r\nUn leggero gap rispetto ai livelli pre-Covid si riscontra invece per i movimenti aerei, che nel 2023 sono stati inferiori del 2,6% sul 2019, attestandosi a 1.601.059 unità. Più passeggeri e meno aerei che, quindi, viaggiano con un load factor maggiore, comportando benefici anche in termini ambientali. \r\nVoglia di volare\r\n«Il 2023 si è chiuso con quasi 200 milioni di passeggeri, un record assoluto per gli aeroporti italiani, un'importante soglia psicologica raggiunta - ha ribadito Borgomeo -. Si conferma una straordinaria voglia di volare, a riprova della resilienza del nostro comparto, che è in ottima salute e resta strategico per il Paese. Il 2023 però è stato anche un anno caratterizzato da forti \"turbolenze\": penso al modo con cui è stata gestita la vicenda del caro voli, all'ennesimo rinvio del dossier Ita - Lufthansa, così come al tema dell'addizionale comunale, sul quale regna una grande confusione.\r\n\r\n«Gli operatori dovrebbero invece poter contare su un quadro di riferimento più stabile, meno estemporaneo. I gestori per essere competitivi hanno la necessità di pianificare per tempo gli investimenti e possono farlo solo con un miglior coordinamento delle politiche. Speriamo che il Piano Nazionale degli Aeroporti di prossima pubblicazione definisca chiare linee strategiche per il comparto».\r\n\r\nIntanto, la classifica 2023 dei primi 10 aeroporti italiani per numero di passeggeri vede in testa Roma Fiumicino con 40,5 milioni, Milano Malpensa con 26,1 milioni, Milano Bergamo con 16 milioni, Napoli con 12,4 milioni, Venezia con 11,3 milioni, Catania con 10,7 milioni, Bologna con 10 milioni, Milano Linate con 9,4 milioni, Palermo con 8,1 e Bari con 6,5 milioni.","post_title":"Record storico 2023 degli scali italiani: passeggeri a +2,1% sul 2019","post_date":"2024-02-01T09:00:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1706778048000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460346","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Korean Air archivia il 2023 con un fatturato record di 11,3 miliardi di dollari e un utile operativo di 1,23 miliardi (non consolidati): quest'ultimo dato è superiore rispetto al risultato del 2019. L'utile operativo della compagnia aerea per il 2023 è aumentato su base annua del 10,9%, un tasso superiore alla media del settore. Il calo dell'utile operativo del quarto trimestre rispetto all'anno precedente è dovuto a un aumento delle retribuzioni del personale che comprendeva incentivi per il raggiungimento degli obiettivi annuali di performance e sicurezza.\r\n\r\nI ricavi annuali del settore passeggeri sono aumentati rispetto al 2019, grazie alla forte domanda di viaggi e alla maggiore richiesta di classi premium, nonostante la capacità abbia recuperato 'solo' l'80% dei livelli pre-pandemia. Nel settore cargo, sebbene i ricavi siano diminuiti a causa della ripresa della capacità di trasporto passeggeri e della normalizzazione del trasporto marittimo, è stato mantenuto un livello di redditività più elevato rispetto al 2019.\r\n\r\nKorean Air prevede che la domanda e la capacità passeggeri si riprenderanno completamente nel primo trimestre 2024: le stime indicano che la domanda di lungo raggio rimarrà robusta e che la domanda leisure aumenti durante l'alta stagione invernale. Korean Air massimizzerà i ricavi riprendendo le rotte e aumentando la capacità verso le destinazioni turistiche più popolari del Sud-est asiatico e del Giappone.","post_title":"Korean Air: domanda e capacità passeggeri verso il pieno recupero nel primo trimestre","post_date":"2024-01-30T11:16:07+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1706613367000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460104","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Wizz Air sconta le conseguenze del conflitto in Medio Oriente nei risultati del trimestre ottobre-dicembre 2023, nonché delle difficoltà legate al grounding di alcuni aeromobili. La low cost ha infatti registrato un aumento del 16% delle perdite operative, che salgono a 180,4 milioni di euro rispetto ai 155,5 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso.\r\n\r\nI ricavi si sono attestati a 1,06 miliardi di euro mentre il traffico passeggeri ha riportato la cifra record di 15,1 milioni, rispetto ai 12,4 milioni dell'analogo trimestre dello scorso esercizio. La compagnia aerea ha dichiarato che riprenderà alcuni voli per Tel Aviv a partire da marzo, dopo aver sospeso le operazioni verso Israele in seguito all'inizio della guerra in ottobre. Il vettore ha dichiarato che la sua performance finanziaria nel terzo trimestre è stata \"materialmente influenzata dalla sospensione e dalla riallocazione della capacità destinata a Israele\".\r\n\r\n«Nel terzo trimestre abbiamo continuato a registrare una crescita della capacità leader del settore, in vista del previsto fermo degli aeromobili nel quarto trimestre, quando i motori Gtf saranno rimossi per le ispezioni obbligatorie - ha dichiarato Jozsef Váradi, chief executive officer di Wizz Air - (...) L'inizio del quarto trimestre è stato positivo. Rimaniamo impegnati in un'efficace gestione dei costi, nell'utilizzo degli asset e nella produttività, tutti elementi fondamentali per il futuro e siamo fiduciosi nella nostra capacità di gestire questi elementi».\r\n\r\nConfermata la guidance dell’utile netto per l'intero esercizio 202, compresa tra i 350 e i 400 milioni di euro.","post_title":"Wizz Air sconta l'impatto del conflitto mediorientale e aumenta le perdite del trimestre","post_date":"2024-01-25T12:49:15+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1706186955000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459657","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_443575\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Alcune mobile home Human Company[/caption]\r\n\r\nSi fa sempre più stretto il legame tra la finanza e il mondo dell'open air italiano. Dopo le recenti indiscrezioni sul possibile cambio di partnership in casa Club del Sole, giungono ora altre voci riguardanti questa volta il gruppo Human Company, attualmente controllato al 100% dalla famiglia Cardini Vannucchi.\r\nStando ai rumours, sempre raccolti dal Sole 24 Ore, l'operatore toscano sarebbe stato infatti messo nel mirino dagli statunitensi di Hines che, in joint venture con Clessidra, starebbe studiando il proprio ingresso nel capitale della società dell'open air, attiva anche nei segmenti degli ostelli e dei relais di campagna.\r\n\r\nL'operazione dovrebbe concludersi entro la fine del primo trimestre dell'anno e punterebbe al rafforzamento dell'organizzazione Human Company, nonché al suo ulteriore sviluppo. La compagnia toscana nata negli anni '80 come Ecv Group da una famiglia tradizionalmente legata all'industria tessile di Prato, ha chiuso il 2022 con un giro d'affari di 123 milioni di euro. Il gruppo conta oggi dieci village e camping in Toscana, Veneto, Lazio e Lussemburgo, a cui si aggiungono due ostelli 2.0 a marchio Plus Hostel a Firenze e a Praga, nonché la tenuta Palagina sulle colline del Chianti. Presente anche un format f&b chiamato Mercato Centrale, attualmente attivo a Firenze, Roma, Torino, a Milano e a Campi Bisenzio.","post_title":"Gli operatori finanziari Hines e Clessidra pronti a entrare nel capitale di Human Company","post_date":"2024-01-18T12:50:47+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1705582247000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459117","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Turisanda1924 compie 100 anni e, per festeggiare degnamente un compleanno così importante, lancia i viaggi Route 1934: sette itinerari on the road alla scoperta della West Coast. I nuovi tour di diversa durata, da sette a dieci notti, possono essere scelti con la garanzia di un numero ristretto di partecipanti (minimo due, massimo 20) e si articolano diverse proposte: tre base (Explorer 1924, Glamping 1924 e Clear Sky 1924), da sette od otto notti, che coprono il tragitto che parte da Los Angeles proseguendo nell’entroterra americano verso Las Vegas, Arizona e Utah, attraversando canyon e paesaggi mozzafiato, chiudendo infine con il ritorno a Las Vegas. A queste si aggiungono altre quattro soluzioni (Discovery 1924, West 1924, Stars 1924 ed Essential 1924), da dieci notti ciascuna, che allo stesso itinerario delle precedenti integrano la visita alla città di San Francisco come tappa finale.\r\n\r\nTutti gli itinerari 1924 comprendono un’auto categoria C (Mazda 3 o similare), una guida a disposizione in hotel o via Whatsapp, il pass America The Beautiful, tessera che consente l’accesso a tutti i parchi Usa, e la visita del Secret Antelope Canyon e Horseshoe Bend. Inoltre, i tour con pernottamento al Clear Sky Resort prevedono l’escursione Stargazing e quelli che terminano a San Francisco includono anche il traghetto per Alcatraz e il volo interno Los Angeles – San Francisco in base all’itinerario. Sono previste partenze settimanali dal 20 maggio al 7 ottobre 2024.\r\n\r\n ","post_title":"Turisanda1924 festeggia i propri primi 100 anni e lancia i viaggi Route 1924 sulla West Coast","post_date":"2024-01-10T10:38:15+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1704883095000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459072","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Esperienze romantiche a Borgotufi, tra wellness, piatti d’autore,  ciaspolate e sci sulle cime di Roccaraso. Borgotufi, albergo diffuso di Castel del Giudice sull’Appennino molisano-abruzzese, è un borgo di pietra immerso nel paesaggio, a pochi chilometri dalle vette di Capracotta su cui vivere ciaspolate guidate e fruire delle piste da sci di Roccaraso.\r\n\r\nPietra e legno, ma anche  elementi di design e opere d’arte caratterizzano le casette di Borgotufi, tutte diverse, intime ma spaziose. Nella struttura principale, il centro benessere panoramico accoglie gli innamorati per speciali momenti di wellness tra la piscina con lame cervicali e idromassaggio, la sauna, le docce emozionali, trattamenti e massaggi.\r\n\r\nInoltre, il ristorante gourmet Mia e il ristorante del Borgo propongono piatti ricercati, i cui ingredienti nascono dagli orti di Borgotufi. Al ristorante del Borgo la serata del 14 febbraio, per le coppie una cena degustazione romantica con musica dal vivo.\r\n\r\nCon l’offerta Fuga Romantica valida dall’11 al 23 febbraio 2024 sono inclusi: il pernottamento nella categoria di camera scelta, una ricca colazione a base di prodotti locali e artigianali, brindisi di benvenuto con stuzzichini in camera in omaggio, un percorso benessere di 120 minuti per momenti unici di coppia, la cena romantica al ristorante del Borgo con menu degustazione di tre portate (acqua inclusa), e lo sconto del 15% per il noleggio di sci, snowboard e attrezzature sulle piste di Roccaraso con agevolazione salta la fila.  Il prezzo è a partire da 234 euro a coppia a notte.\r\n\r\n ","post_title":"Borgotufi: esperienze romantiche all'albergo diffuso di Castel del Giudice","post_date":"2024-01-09T14:02:53+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1704808973000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458923","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Parte domani da Trieste, a bordo della Deliziosa, l’edizione 2024 del Giro del mondo di Costa Crociere. Il viaggio, con possibilità di imbarco anche nelle tappe successive di Catania, Napoli e Savona, si concluderà l’11 maggio a Marghera/Venezia: sulle orme dei grandi navigatori del passato, in poco più di quattro mesi, gli ospiti a bordo visiteranno 52 destinazioni di 34 paesi differenti, sparsi in cinque continenti, attraversando tre oceani. E l'edizione 2024 è tra quelle di maggior successo: a bordo della Deliziosa, infatti, ci saranno oltre 2 mila ospiti, provenienti in prevalenza da Francia, Germania, Italia, Spagna, Svizzera e Austria.\r\n\r\nNei 134 giorni di viaggio previsti, la Deliziosa circumnavigherà il globo navigando sempre verso ovest: dall’Italia attraverserà l’Atlantico sino ai Caraibi, visitando Francia, Spagna Marocco e isole Canarie, per poi passare il canale di Panama e andare alla scoperta di Ecuador, Cile, Perù e isola di Pasqua; da lì attraverserà il Pacifico, toccando la Polinesia, per raggiungere l’Australia; si dirigerà poi verso nord, in Giappone e Corea del Sud, per fare quindi rotta ancora una volta verso ovest, visitando Taiwan, Hong Kong, Vietnam, Singapore, Malesia, Sri Lanka, India, Oman, Giordania e fare rientro in Italia.\r\n\r\nPer coloro i quali non fossero riusciti a prenotare una cabina su questa edizione, ci sono ancora cabine disponibili per il Giro del Mondo 2025, che circumnavigherà il globo prevalentemente nell’emisfero australe, visitando Brasile, Terra del Fuoco, Polinesia, Nuova Zelanda, Australia, Sud Africa e Namibia. Per la prima volta la partenza sarà a fine anno, il 7 dicembre 2024 da Trieste, con possibilità di imbarco anche a Catania, Civitavecchia/Roma e Savona, per godersi le feste natalizie in crociera. La notte di Capodanno a Rio de Janeiro sarà davvero speciale, con lo spettacolo dei fuochi d'artificio dalla spiaggia di Copacabana.","post_title":"Salpa domani da Trieste il Giro del mondo 2024 di Costa Crociere","post_date":"2024-01-05T11:49:04+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1704455344000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458217","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_458221\" align=\"alignleft\" width=\"317\"] Alberto Corti, Ivana Jelinic, Francesco Di Cesare[/caption]\r\n\r\nNon si arresta la crescita dello shopping tourism in Italia. Secondo i dati presentati oggi alla sesta edizione di Shopping Tourism – forum italiano ideato e organizzato da Risposte Turismo in partnership con ENIT, nel 2025 il numero di outlet village e department store attivi nel nostro Paese sfiorerà quota 100 (28 outlet village e 71 department store), rendendo l’Italia sempre più centrale nella geografia delle destinazioni scelte dai turisti, stranieri e non, desiderosi di trascorrere una vacanza all’insegna dello shopping.\r\n\r\nDall’analisi effettuata da Risposte Turismo emerge come dal 2003 ad oggi siano entrati in attività oltre 24 nuovi outlet village (in media, più di un’apertura all’anno), per una superficie commerciale totale che, quest’anno, ha raggiunto circa 725 mila mq. Nel 2024 è previsto l’inizio dei lavori di restyling di un centro a Roma e nel 2025 una nuova apertura in Sardegna.\r\n\r\nCon riferimento alle vie dello shopping, invece, via Montenapoleone (Milano) sale quest’anno al secondo posto nella classifica mondiale per valore retail per metro quadro (18mila euro, +31% sul 2019, fonte: Main streets across the World, Cushman&Wakefield, 2023).\r\n\r\nSono 2,1 milioni i turisti che hanno scelto quest’anno il nostro Paese per una vacanza all’insegna dello shopping (+7% sul 2019).\r\n\r\n[caption id=\"attachment_458219\" align=\"alignright\" width=\"327\"] Francesco Di Cesare, Presidente di Risposte Turismo[/caption]\r\n\r\n\"I dati relativi al binomio turismo & shopping che raccogliamo nella nostra costante attività di ricerca e di analisi delle fonti fanno emergere indicatori positivi sia dal lato dell’offerta che della domanda. Abbiamo notato quest’anno una particolare dinamicità del settore con un aumento del numero di eventi, di nuovi progetti e iniziative speciali lanciate, su tutte, quelle dei luoghi temporanei dello shopping, la sempre più ricorrente ibridazione tra shopping e ristorazione e lo sviluppo di collaborazioni volte a cogliere la propensione alla spesa dei turisti. Questo rischia di aprire un gap tra le realtà attive e pronte ad investire rispetto a quelle che si limitano a sfruttare il proprio vantaggio di localizzazione. Shopping Tourism – il forum italiano si propone da sempre come un momento di confronto, analisi e dibattito sul settore attraverso il quale tutti gli operatori del settore possono trarre utili spunti per crescere in questo comparto» ha dichiarato Francesco di Cesare – Presidente Risposte Turismo. «Sono cambiati negli anni gli shopping tourists che diventano sempre più esigenti e maturi negli acquisti. Vogliono essere più competenti - prosegue il presidente -. A differenza dell'e-commerce, lo shopping sul posto è un'esperienza di conoscenza: chi compra in una destinazione può anche conoscere chi produce un oggetto e come lo fa. La capacità di informare e di mettere a disposizione più soluzioni di shopping sono elementi fondamentali per una destinazione. C'è la necessità di adeguare questa domanda alla nostra offerta; quello che un po' manca è la regia, il collante e qualche politica pubblica di sostegno. Per questo noi realizziamo questo forum itinerante e siamo molto contenti della partnership con Enit, che speriamo possa inserire lo shoppping tourism tra gli elementi portanti da promuovere in Italia\". \r\n\r\n\"Il turismo legato allo shopping consente di amplificare tutta la portata valoriale del Made in Italy. Armonizzare l’offerta turistica con i prodotti che sono rappresentazioni dell’immagine dell’Italia è un atto di consapevolezza dell’esclusività italiana e di tutte le espressioni creative, produttive, artistiche della nostra Penisola. Abbiamo il dovere di diffondere questa immagine nel panorama internazionale nel migliore dei modi anche offrendo pacchetti integrati con le meraviglie del lifestyle italiano che si traducono in prodotti concreti» Ha dichiarato Ivana Jelinic presidente e ceo ENIT. «L'espansione del turismo legato allo shopping – ha proseguito Jelinic – rappresenta una chiave strategica per lo sviluppo economico italiano. Introdurre politiche che agevolino l'accesso a circuiti di spesa di livello internazionale così come il miglioramento dell'infrastruttura per facilitare gli spostamenti e collaborare con brand globali può aumentare l'attrattiva dei territori. L'implementazione di programmi di marketing mirati, incentivi fiscali e partnership con operatori del settore sono fondamentali per stimolare il flusso turistico legato allo shopping e garantire un impatto positivo anche sulle dimensioni locali». «Inoltre – ha concluso Jelinic – grazie all’introduzione del servizio Tax Free Shopping si promuove un ulteriore incremento dei flussi dell’incoming da tutti quei Paesi altospendenti nel nostro Paese che investono nell’acquisto di prodotti Made in Italy\".\r\n\r\nPer quanto riguarda il mercato statunitense, sul quale quest’anno si è concentrata l’attenzione di Risposte Turismo, l’analisi effettuata mostra come siano sempre Roma, Milano, Napoli, Venezia e Firenze le città che – in quest’ordine – tale segmento della domanda associa allo shopping, considerandole destinazioni adatte per svolgere questa attività. Per quanto riguarda altri centri di minori dimensioni, l’indagine ha evidenziato come Bologna e Genova abbiano registrato punteggi superiori ad altre località quali Taormina, Cortina e Capri.\r\n\r\nComplessivamente (shopping tourist e non) l’indagine fa emergere come il 91% degli statunitensi in viaggio in Italia non rinuncerebbe all’acquisto di prodotti italiani: su tutti la gastronomia (al 53% tra la tipologia di prodotto che gli americani acquisterebbero ”assolutamente”) seguita dagli articoli di moda.\r\n\r\nSempre nell’ambito di questo focus USA, con riferimento alla motivazione che spinge i turisti statunitensi a viaggiare, il 34% del campione afferma di aver viaggiato in più occasioni con l’intento di fare acquisiti, percentuale che sale al 47% considerando tutti coloro che lo hanno fatto almeno una volta. L’indagine, infine, evidenzia come la spesa media giornaliera dei turisti statunitensi in shopping si attesti a 110 euro.\r\n\r\nInteressante rilevare come anche tra gli statunitensi che non hanno mai viaggiato per shopping, il 16% ha dichiarato che esso conta comunque molto o abbastanza tra le attività accessorie da svolgere quando viaggia.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_458223\" align=\"alignleft\" width=\"351\"] Shopping Tourism 15 dicembre 2023[/caption]\r\n\r\n\"I dati sulla spesa Tax Free gennaio-novembre 2023 evidenziano in modo tangibile l'appeal dell'Italia come meta per il turismo dello shopping di lusso» ha dichiarato Denise Bolandrina, Marketing Sales Director Italy di Global Blue. «In questo segmento – ha proseguito Bolandrina – il recovery della spesa Tax Free ha raggiunto il 124% rispetto al 2019, trainato dall'incremento significativo dello scontrino medio (+21%). Ha guidato la ripresa il nuovo mix di nazionalità, grazie soprattutto ai turisti provenienti dagli Stati Uniti e dai Paesi del Golfo, che contribuiscono per il 26% e l'11% del Tax Free Shopping lusso totale. La spesa tax free di americani e arabi ha più che raddoppiato quella del 2019, con un recovery rispettivamente del 263% e del 224%. Aumentano anche i loro scontrini medi: 2.900 euro (+38%) per gli americani e 4.200 euro (+26%) per gli arabi. Crescono infine i viaggiatori internazionali più giovani appartenenti alla Generazione Z: in questa fascia troviamo il 22% degli shopper arabi e il 15% di quelli americani. L’attesa è per il definitivo ritorno dello shopper cinese, già in fase di ripresa moderata: oggi il suo recovery della spesa tax free per i prodotti lusso è del 44%. Il mercato Usa oggi copre le mancanze registrate dalla Russia e dalla Cina producendo numeri superiori al 2019.  Cambiano anche le generazioni di shoppers oggi più esigenti, giovani, attenti allo storytelling del brand, alla digitalizzazione, alla qualità e alla preparazione dello staff in negozio. Con elevate capacità di spesa cercano sempre più qualità ed esperienze \"\r\n\r\n[caption id=\"attachment_458227\" align=\"alignleft\" width=\"245\"] Saverio Mucci, Vice President - Government Industry Lead Mastercard con Francesco Di Cesare, presidente di Risposte Turismo[/caption]\r\n\r\n\"La correlazione tra shopping e turismo è forte e si declina diversamente in base al tipo di turista internazionale - spiega Saverio Mucci, Vice President - Government Industry Lead Mastercard -. Emerge negli ultimi due anni una crescita robusta del 40% nei centri di Roma, Milano, Firenze, Venezia, ossia i distretti più importanti del turismo italiano, con un impatto sullo shopping del 50% sulla spesa complessiva con focus sul settore dell'abbigliamento made in Italy. Non c'è grande crescita sul mercato europeo (Germania, Svizzera), mentre si registra una crescita consistente sul turismo anglosassone, americano (+30%) e australiano (+80%), che hanno beneficiato del nuovo volo Roma - Sidney, ma i dati più sorprendenti arrivano dal mondo asiatico, da Taiwan, Hong Kong e Corea\".  \r\n\r\nLa settima edizione di Shopping Tourism si svolgerà a Milano il 23 febbraio 2024 con un programma ricco di appuntamenti di confronto e dibattito sui trend e il futuro dello shopping tourism nel nostro Paese.\r\n\r\nMain sponsor dell’edizione 2023 di Shopping Tourism – il forum italiano sono Global Blue e Mastercard. Il forum è stato realizzato quest’anno in collaborazione con il Sistema Confcommercio, ha ottenuto il patrocinio del Ministero del Turismo, di Roma Capitale e di Roma&Lazio Convention Bureau.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Risposte Turismo: l’Italia verso la leadership nello shopping tourism","post_date":"2023-12-15T15:36:09+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["shopping-tourism-italy"],"post_tag_name":["shopping tourism italy"]},"sort":[1702654569000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"456968","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cresce la presenza del gruppo Numa, che mette a segno un importante colpo di mercato acquisendo da Proprium Capital Partners la piattaforma di serviced apartment Yays. La società con sede ad Amsterdam gestisce 489 unità in Olanda, Belgio e Francia, a cui si aggiunge una pipeline di ulteriori 124 appartamenti a Madrid, Francoforte e L’Aia. L'operazione, il cui valore non è stato rivelato, è stata supportata da Dla Piper, Cbre e Ey per la parte venditrice, nonché da Greenberg Traurig, Taylor Wessing e Eight Advisory per conto dell'acquirente.\r\n\r\nCon l'aggiunta di Yays, il portfolio di Numa cresce di circa il 20%, arrivando a superare quota 5.200 unità. “Siamo entusiasti della partnership con la piattaforma olandese e con il suo team - commenta il ceo e co-fondatore di Numa, Christian Gaiser -. Yays offre un portfolio ricco di attrattive, con proprietà con rating stellari e un’alta soddisfazione dei clienti in mercati in cui noi non siamo ancora presenti. Inoltre, la piattaforma è un punto di partenza perfetto per sviluppare una posizione primaria in mercati chiave quali Amsterdam e Parigi, due delle destinazioni top 10 in Europa. Insieme al team Yays, intendiamo in particolare spingere su una crescita congiunta nel Benelux e in Francia”.","post_title":"Numa cresce in Europa centrale con l'acquisizione della piattaforma di serviced apartment Yays","post_date":"2023-11-28T12:44:14+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1701175454000]}]}}

Lascia un commento