1 March 2024

1194

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

ESPERTO BANCONISTA CON ESPERIENZA PLURIENNALE, RICERCA IMPIEGO PRESSO ADV O TOUR OPERATOR.
ESPERTO IN BIGLIETTERIA AEREA CRS AMADEUS , GALILEO, SABRE. BIGLIETTERIA MARITTIMA MOBY, TIRRENIA, SARDINIA FERRIES, GNV.
ESPERTO IN BIGLIETTERIA FERROVIARIA E RELATIVA CONTABILITA; CONOSCENZA DEL BSP E VENDITA PACCHETTI TURISTICI; CONOSCENZA DEI PRINCIPALI TOUR OPERATOR E DELLE LORO DESTINAZIONI.
CONOSCENZA DEL SISTEMA CONTABILE EAGENCY DELLA ZUCCHETTI
DISPONIBILITà IMMEDIATA.
ATHMANE DIOP; CELL. 338 8837802; EMAIL athy09@libero.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461967 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Miami sarà teatro di sette partite della Coppa del Mondo Fifa 26, in programma dal 15 giugno al 18 luglio 2026, tra cui uno dei quarti di finale e la partita per il terzo posto.  Fifa World Cup 26 segna il ritorno del torneo negli Stati Uniti dall’edizione del 1994. Sarà la più grande Coppa del Mondo mai organizzata in Canada, Messico e Stati Uniti, con un record di 48 squadre e 104 partite in tutto il Nord America. Sette di queste partite si giocheranno all'Hard Rock Stadium di Miami Gardens, che ha ospitato alcune delle partite di calcio di più alto profilo della storia recente. «I residenti di Miami Gardens sanno già cosa significa essere riconosciuti come una comunità che ha un pedigree da campionato e indossare il titolo di mecca dello sport tutto l'anno - ha dichiarato il sindaco di Miami Gardens Rodney Harris -. Possiamo unire una comunità attraverso lo sport e trovare modi per offrire opportunità economiche ai nostri cittadini grazie all'Hard Rock Stadium, che con orgoglio chiama Miami Gardens casa». «Abbiamo un'opportunità unica per mostrare la diversità della contea di Miami-Dade e dello stato della Florida e siamo entusiasti di metterci al lavoro» ha aggiunto Rodney Barreto, co-presidente del Comitato ospitante della Coppa del Mondo. [post_title] => Miami si prepara ad ospitare sette partite della Coppa del Mondo Fifa 2026 [post_date] => 2024-02-21T10:26:28+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708511188000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461601 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gli Stati Uniti varano un piano miliardario per il rinnovo degli aeroporti: secondo quando reso noto ieri dalla Casa Bianca il governo stanzierà quasi un miliardo di dollari per diversi progetti. Gran parte di questi fondi (970 milioni di dollari) saranno utilizzati per creare corridoi più ampi, sistemi di gestione bagagli più efficienti e gate aggiuntivi in 114 aeroporti di tutto il Paese. I fondi serviranno anche a garantire che gli scali siano conformi alle norme di accessibilità Ada (Americans with Disabilities Act). "Stiamo vivendo una fase di investimenti e miglioramenti senza precedenti in tutte le infrastrutture del nostro Paese", ha dichiarato il Segretario ai Trasporti Pete Buttigieg. Tra gli scali individuati per ricevere le sovvenzioni ci sono sia realtà enormi come l'O'Hare di Chicago sia aeroporti più piccoli come l'Appleton del Wisconsin.  Gli aeroporti sono stati un punto dolente per gli Stati Uniti: mntre gli aeroporti europei e asiatici beneficiano di una vasta gamma di negozi e ristoranti di lusso, la maggior parte degli scali statunitensi non dispone di tali servizi. L'amministrazione Biden ha stanziato un totale di 3 miliardi di dollari in finanziamenti per gli aeroporti sui 25 miliardi stanziati dalla legge bipartisan sulle infrastrutture. [post_title] => Il governo degli Stati Uniti stanzia un miliardo di dollari per il rinnovo degli aeroporti [post_date] => 2024-02-16T09:37:37+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708076257000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460912 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Fatturato record per il gruppo Mangia's che nel 2023 sfonda per la prima volta la soglia dei 100 milioni di euro, raggiungendo quota 114 milioni (erano 79 nel 2022). In crescita anche i margini operativi lordi (ebitda), che salgono del 33% rispetto all'anno precedente, toccando gli 11 milioni, per una marginalità che si attesta attorno al 10%. "Va tenuto conto - spiega il presidente e ceo, Marcello Mangia - che in questi anni stiamo investendo moltissimo. Solo in software abbiamo speso qualcosa come 5 milioni di euro. E poi ci sono i 100 milioni dedicati alla ristrutturazione delle proprietà incluse nella joint venture con Blackstone, più ulteriori 25 dedicati ai resort di nostra esclusiva proprietà. A tutto ciò si aggiungeranno presto altri 150 milioni per una serie di progetti in via di definizione". Per il 2024 il budget della compagnia fissa l'asticella dei ricavi a quota 120 milioni, con un ebitda che si dovrebbe aggirare tra i 12 e 13 milioni, mantenendosi dunque attorno al 10% del giro d'affari complessivo. In arrivo c'è anche una serie di operazioni in grado di accrescere il portfolio del gruppo di circa 700 camere tra nuove acquisizioni e gestioni. A breve, in particolare, sarà annunciato il primo urban hotel della compagnia: un 5 stelle lusso di proprietà che intende essere il debutto di una linea ad hoc capace già nel 2025 di garantire un +12% al fatturato del gruppo. A livello di calendario, la stagione 2024 sarà inaugurata dall’apertura del Mangia’s Brucoli, Sicily, Autograph Collection il 12 aprile e del Mangia’s Santa Teresa Sardinia, Curio Collection by Hilton il 4 maggio. Proseguono infatti le partnerhsip con alcuni dei maggiori brand dell'hotellerie internazionale, che saranno presto rafforzate anche da una collaborazione con Tui Blue. Alle viste c'è pure una sinergia con un ulteriore fondo, che si aggiungerà alla joint venture con Blackstone, rafforzando così la capacità finanziaria del gruppo. [post_title] => 2023 record per Mangia's che apre il suo primo urban hotel. In arrivo un nuovo fondo [post_date] => 2024-02-06T14:40:54+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707230454000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460732 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il conto alla rovescia per l’apertura del secondo ostello italiano di a&o Hostels è iniziato: Firenze ospiterà la trentanovesima struttura del gruppo berlinese che aprirà le proprie porte a inizio estate, con indirizzo in via Mannelli 119, giusto fuori dalla stazione Campo di Marte. La novità giunge dopo un 2023 da numeri record per la compagnia, che ha registrato 217 milioni di euro di fatturato, con 6,1 milioni di pernottamenti (5,55 milioni nel 2022) e 2,7 milioni di ospiti nelle sue 38 strutture presenti in nove paesi. Il tutto con un'occupazione media del 76% (67% nel 2022). In tale contesto la domanda dei viaggiatori italiani si piazza nella top 10, prima di quella danese, svizzera e francese. Altro dato interessante riguarda il segmento gruppi, che pesa per il 38% dei volumi complessivi. “In tempi difficili dal punto di vista economico, le persone non smettono di viaggiare ma scelgono un prodotto low budget. E una volta fatta l’esperienza e aver capito che funziona sceglieranno più rapidamente di affidarsi a una struttura comoda, confortevole ed economica - commenta il ceo del gruppo, Oliver Winter -. Stiamo crescendo anche nel comparto business travel: chiaramente ci sono ancora margini di miglioramento, ma sono molto fiducioso che il segmento continuerà a svilupparsi”. [post_title] => Appuntamento a Firenze a inizio estate per la seconda struttura italiana di a&o Hostels [post_date] => 2024-02-02T15:03:12+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706886192000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460477 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si è chiuso con risultati record il 2023 del gruppo Blu Hotels, che ha visto il proprio fatturato crescere di 10 milioni rispetto all'anno precedente, toccando quota 80 milioni di euro. Bene pure i margini operativi lordi (ebitda) della compagnia, che hanno raggiunto gli 11 milioni. Prestazioni, queste, frutto di ricavi medi per camera disponibile (total revpar) pari a 136,8 euro, corrispondenti a una tariffa media di 194 euro e a un'occupazione del 70,7% (contro il 66,8% dell'esercizio 2022). A far da traino si conferma il mare, con il Salento destinazione più apprezzata. Positivi pure i risultati di Sardegna e Toscana, così come del lago di Garda e della montagna. Quest'ultima, in particolare, grazie alla sua ritrovata capacità di offrire una doppia stagionalità, assume un'importanza strategica per il gruppo. Una valenza confermata dalle previsioni per l'inverno 2023/2024, che indicano già un +20% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. “I risultati testimoniano la validità del nostro modello di business, con un portfolio diversificato, sia per destinazioni sia per tipologia di offerta - sottolinea il presidente di Blu Hotels, Nicola Risatti -. A differenza di quanto emerso a livello nazionale, abbiamo avuto molti italiani sia nelle destinazioni mare sia in montagna. Sicuramente anche il grande lavoro di fidelizzazione della clientela svolto in questi 30 anni ha fatto molto”. A conferma del successo di questo anno, in occasione del Natale, Blu Hotels ha voluto riconoscere ai propri dipendenti un premio welfare di mille euro, spendibile in buoni spesa, buoni carburante e buoni e-commerce, rimborsi bollette, viaggi, benessere e svago. Questo gesto si unisce a nuove politiche retributive e a incentivazioni implementate dal gruppo, come la possibilità di un giorno di smartworking alla settimana nella sede amministrativa. Inoltre, anche ai dipendenti stagionali sarà riconosciuto un premio welfare a fine contratto. “Per noi la soddisfazione e il benessere dei nostri collaboratori sono basilari - conclude Risatti -. Pertanto è altrettanto fondamentale creare un ambiente di lavoro in cui il dipendente si senta valorizzato nelle proprie inclinazioni, con l’obiettivo di garantire l’esperienza professionale migliore, ogni giorno”. [post_title] => Il gruppo Blu Hotels chiude un 2023 record toccando gli 80 mln di fatturato [post_date] => 2024-01-31T11:43:29+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706701409000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458952 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'inizio del 2024 è tempo di giri del mondo in crociera. Quasi in concomitanza con il viaggio intorno al globo di Costa, salpa infatti oggi da Genova anche la World Cruise targata Msc. Guidata dal comandante Roberto Leotta, la Poesia navigherà per 121 giorni toccando 50 destinazioni in 31 paesi differenti.   La nave ospita a bordo circa 2.300 passeggeri appartenenti a 57 diverse nazionalità diverse che visiteranno località di spicco come Città del Capo, Rio de Janeiro, New York oltre a tante altre mete come Manaus, Nuuk e Zanzibar. L’itinerario prevede in particolare la circumnavigazione del mar Mediterraneo, l'esplorazione delle coste africane fino all'oceano Atlantico, la visita del Brasile, dei Caraibi, degli Stati Uniti e del Canada, per poi fare ritorno in Europa attraversando la Groenlandia e l'Islanda. “Genova si conferma anche quest’anno capitale delle crociere intorno al mondo e non solo - commenta l'area manager di Msc Crociere, Gianni Pilato -. I notevoli risultati ottenuti dimostrano l'importanza cruciale del porto ligure nel contesto turistico europeo, con oltre 1 milione di passeggeri trasportati e 260 scali complessivi realizzati nel corso del 2023. Sono cifre notevoli se consideriamo che si tratta di dati registrati da una sola compagnia. Ma non intendiamo fermarci e nel prossimo futuro continueremo a puntare su Genova, città da cui prenderanno il largo anche le prossime crociere intorno al mondo nel 2025 e nel 2026”. A questo proposito, grande protagonista del giro del mondo del prossimo anno sarà la nave Magnifica, che presenterà un nuovo itinerario di 116 notti in grado di toccare 50 mete in 21 diverse nazioni offrendo agli ospiti l'opportunità di partire da quattro diversi porti in Europa. Nello specifico, i viaggiatori potranno scegliere se imbarcarsi da Genova, da Civitavecchia, da Marsiglia o da Barcellona. La nave toccherà inizialmente le coste di Italia, Francia e Spagna, per poi dirigersi più a sud verso il Marocco e attraversare l'Atlantico per visitare il Sud America. Qui il viaggio prevede tappe a Rio de Janeiro, Buenos Aires e alle Falkland. La Magnifica si dirigerà successivamente nell’oceano Pacifico del sud, toccando luoghi esotici come come l'isola di Pasqua e le Cook. Farà quindi tappa in Nuova Zelanda e Australia, con una visita a Sydney e un viaggio lungo le coste meridionali e occidentali dell'Australia. L'itinerario proseguirà attraverso l'Asia con soste a Bali, Singapore, Malaysia e Thailandia. Durante il transito attraverso l'oceano Indiano, sarà possibile visitare Colombo e Aqaba in Giordania, seguite da Sharm El-Sheik, Luxor, il canale di Suez e Alessandria in Egitto. Infine, la nave ritornerà in Europa, facendo scalo in quattro città italiane, prima di concludere il viaggio a Genova. Msc ha aperto anche le vendite per la World Cruise 2026 che vedrà protagonista ancora una volta la Magnifica, con un itinerario di 119 giorni con partenza da Genova e Civitavecchia. Il viaggio toccherà ben 47 destinazioni in 32 paesi diversi con tappe, tra l’altro, a San Francisco, Honolulu, Auckland, Sydney, Manila, Tokyo e Dubai. Dopo le mete europee, la nave esplorerà infatti la costa occidentale degli Stati Uniti e trascorrerà un mese nell'oceano Pacifico. Successivamente il viaggio si sposterà in Asia con tappe a Tokyo, Shanghai e Hong Kong. Infine, i passeggeri esploraeranno destinazioni storiche come Dubai e Oman, prima di rientrare in Europa attraverso la Grecia. [post_title] => In partenza oggi da Genova anche la World Cruise griffata Msc [post_date] => 2024-01-05T15:37:27+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704469047000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458386 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La brasiliana Azul ha siglato un ordine fermo per quattro ulteriori A330-900 destinati all'ampliamento del network internazionale, sulla base di un contratto di acquisto firmato a giugno 2023. L'A330neo è dotato della cabina Airspace, che offre ai passeggeri grande comfort, atmosfera e design: garantisce maggiore spazio individuale, cappelliere più grandi, un nuovo sistema di illuminazione e l'accesso ai più recenti sistemi di intrattenimento e connettività in volo. Azul Linhas Aereas ha avviato le operazioni nel 2008 e da allora è cresciuta fino a diventare una delle maggiori compagnie aeree in Brasile, servendo oltre 160 destinazioni in Brasile, Stati Uniti, Europa e Sud America. Il vettore ha ricevuto il primo A330neo delle Americhe nel 2019 e opera attualmente 12 aeromobili della Famiglia A330. L'A330neo è il più recente aeromobile widebody di Airbus. Alimentato da motori Rolls-Royce Trent 7000 di ultima generazione: l'A330-900 è in grado di volare per 7.200 mn / 13.300 km senza scalo. A fine novembre 2023 la Famiglia A330 aveva totalizzato oltre 1.800 ordini fermi da parte di più di 130 clienti in tutto il mondo. Airbus ha venduto oltre 1.150 aeromobili in America Latina e nei Caraibi: oltre 750 sono in funzione in tutta la regione, circa 500 sono in portafoglio ordini, e rappresentano una quota di mercato del 58% degli aeromobili passeggeri in servizio. Dal 1994 Airbus si è assicurata il 75% degli ordini netti nella regione. [post_title] => Azul vuole crescere sul lungo raggio: ordine fermo per altri 4 Airbus A330-900 [post_date] => 2023-12-20T09:15:07+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1703063707000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458285 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_418126" align="alignright" width="300"] Uno scorcio di Firenze[/caption] Presenze nelle strutture ricettive +1,2% rispetto al 2022, con oltre 1,2 milioni di pernottamenti durante le festività. Stranieri in crescita e italiani in leggero calo. Previsioni positive per città e centri d’arte. Questi i trend principali messi in evidenza dalla consueta indagine realizzata dal Centro Studi Turistici di Firenze, per Toscana Promozione Turistica, su un campione di 548 imprenditori della ricettività. Nello studio anche una stima del consuntivo 2023 che si chiude con un +5,9% in confronto al 2022. «Numeri che ancora una volta ribadiscono la grande forza attrattiva della Toscana – spiegano il presidente Eugenio Giani e l’assessore a Economia e turismo, Leonardo Marras -. Le stime del Centro Studi Turistici confermano un trend positivo anche per il periodo festivo e soprattutto un avvicinamento ai numeri pre-pandemia del movimento complessivo 2023. E questo nonostante inflazione, incertezze della congiuntura economica e tensioni generate dai conflitti. E’ doveroso constatare come il lavoro di operatori e soggetti del settore, in collaborazione con l’agenzia regionale Toscana Promozione Turistica, stia andando nella direzione giusta». Secondo lo studio le presenze nelle strutture ricettive dovrebbero segnare un +1,2% rispetto allo scorso anno. Previsti oltre 1,2 milioni di pernottamenti nel periodo delle festività, di cui circa 930 mila tra la fine dell’anno e l’Epifania: 762 mila le presenze italiane (-1,6%), oltre 505 mila i pernottamenti degli stranieri (+5,7%). I risultati migliori sono attesi per le città e centri d’arte, +3,6%. Per le località di campagna e collina la stima indicherebbe una lieve crescita del +0,3%. Richieste di prenotazione in calo per le località della costa, del termale, della montagna e altro interesse. Il trend per le strutture alberghiere (+2,6%) è migliore rispetto a quello atteso per le imprese extra alberghiere (-1,3%). Riguardo alle nazionalità, si conferma la prevalenza dei mercati tradizionali europei, con variazioni in crescita per francesi, svizzeri, britannici, olandesi, spagnoli, austriaci, belgi, polacchi, cechi e scandinavi. Tra i mercati extraeuropei si segnalano statunitensi, brasiliani, australiani, indiani e coreani. In flessione invece tedeschi, giapponesi e russi. Stabili canadesi e cinesi. Per quanto riguarda la stima del consuntivo 2023, l’incremento totale si attesta sul 5,9%. L’anno dovrebbe chiudersi con oltre 45,2 milioni di pernottamenti e circa 14 milioni di arrivi. Presenze degli stranieri stimati in oltre 24,4 milioni, 20,8 milioni quelle italiane. Bene città d’arte (+11,4%) e località termali (+9,3%), seguite da campagna/collina e montagna (+7,7%). Flessione per balneare (-0,9%). I risultati migliori sono stimati per il settore alberghiero, +8,7%, grazie soprattutto alla forte spinta arrivata dai mercati stranieri. Più contenuto, ma comunque rilevante, l’aumento per le strutture extra alberghiere (+3,7%); anche in questo caso a trainare è stata la domanda estera, a differenza degli italiani che risulterebbero in flessione.   [post_title] => Toscana: previsti oltre 1,2 milioni di pernottamenti nel periodo delle festività [post_date] => 2023-12-19T09:23:52+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1702977832000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458079 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'aeroporto di Milano Bergamo si appresta a chiudere un 2023 decisamente positivo, con ricavi previsti a quota 200 milioni di euro, rispetto ai 174,5 del 2022. Ad anticipare i risultati il presidente di Sacbo, Giovanni Sanga, in occasione della conferenza stampa di fine anno. Lo scalo bergamasco si conferma il terzo aeroporto d’Italia, con tanto di primati (tra cui il gradino più alto nell’apprezzamento dei viaggiatori, su scala europea) e di numeri tra cui spiccano, oltre alle 140 destinazioni estive, le 119 invernali , i 40 Paesi toccati e la quota del 20% in crescita del traffico afferente a compagnie «extra Ryan», i 16 milioni di passeggeri movimentati nell'anno. Dato che rappresenta un record assoluto per l'aeroporto. «Un mix tra un 2023 che ha cancellato definitivamente il Covid e l’attrattività della Capitale della Cultura», ha osservato Sanga anticipando come l’obiettivo per il 2024 sia quello di un consolidamento del risultato raggiunto «pur in uno scenario caratterizzato da due guerre e da tensioni su mete turistiche. L’apertura ad oriente, con lo scalo di Dubai, è importantissima in chiave internazionale». Tra le performance particolarmente positive va segnalata quella legata ai ricavi non aviation che hanno fatto segnare un +20%, segno di una vitalità dello shopping da parte dei passeggeri ma anche dell’appeal dei brand presenti nello scalo. «Abbiamo marchi importanti, attrattivi», ha concluso Sanga preannunciando il debutto, nella piazzetta interna dedicata ad Ilario Testa, di 'Eataly»'.   [post_title] => Milano Bergamo vola verso i 16 milioni di passeggeri e ricavi per 200 milioni di euro [post_date] => 2023-12-14T11:41:00+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1702554060000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1194" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":93,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461967","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Miami sarà teatro di sette partite della Coppa del Mondo Fifa 26, in programma dal 15 giugno al 18 luglio 2026, tra cui uno dei quarti di finale e la partita per il terzo posto. \r\n\r\nFifa World Cup 26 segna il ritorno del torneo negli Stati Uniti dall’edizione del 1994. Sarà la più grande Coppa del Mondo mai organizzata in Canada, Messico e Stati Uniti, con un record di 48 squadre e 104 partite in tutto il Nord America. Sette di queste partite si giocheranno all'Hard Rock Stadium di Miami Gardens, che ha ospitato alcune delle partite di calcio di più alto profilo della storia recente.\r\n\r\n«I residenti di Miami Gardens sanno già cosa significa essere riconosciuti come una comunità che ha un pedigree da campionato e indossare il titolo di mecca dello sport tutto l'anno - ha dichiarato il sindaco di Miami Gardens Rodney Harris -. Possiamo unire una comunità attraverso lo sport e trovare modi per offrire opportunità economiche ai nostri cittadini grazie all'Hard Rock Stadium, che con orgoglio chiama Miami Gardens casa».\r\n\r\n«Abbiamo un'opportunità unica per mostrare la diversità della contea di Miami-Dade e dello stato della Florida e siamo entusiasti di metterci al lavoro» ha aggiunto Rodney Barreto, co-presidente del Comitato ospitante della Coppa del Mondo.","post_title":"Miami si prepara ad ospitare sette partite della Coppa del Mondo Fifa 2026","post_date":"2024-02-21T10:26:28+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1708511188000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461601","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gli Stati Uniti varano un piano miliardario per il rinnovo degli aeroporti: secondo quando reso noto ieri dalla Casa Bianca il governo stanzierà quasi un miliardo di dollari per diversi progetti.\r\n\r\nGran parte di questi fondi (970 milioni di dollari) saranno utilizzati per creare corridoi più ampi, sistemi di gestione bagagli più efficienti e gate aggiuntivi in 114 aeroporti di tutto il Paese. I fondi serviranno anche a garantire che gli scali siano conformi alle norme di accessibilità Ada (Americans with Disabilities Act).\r\n\r\n\"Stiamo vivendo una fase di investimenti e miglioramenti senza precedenti in tutte le infrastrutture del nostro Paese\", ha dichiarato il Segretario ai Trasporti Pete Buttigieg.\r\n\r\nTra gli scali individuati per ricevere le sovvenzioni ci sono sia realtà enormi come l'O'Hare di Chicago sia aeroporti più piccoli come l'Appleton del Wisconsin. \r\n\r\nGli aeroporti sono stati un punto dolente per gli Stati Uniti: mntre gli aeroporti europei e asiatici beneficiano di una vasta gamma di negozi e ristoranti di lusso, la maggior parte degli scali statunitensi non dispone di tali servizi.\r\n\r\nL'amministrazione Biden ha stanziato un totale di 3 miliardi di dollari in finanziamenti per gli aeroporti sui 25 miliardi stanziati dalla legge bipartisan sulle infrastrutture.","post_title":"Il governo degli Stati Uniti stanzia un miliardo di dollari per il rinnovo degli aeroporti","post_date":"2024-02-16T09:37:37+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708076257000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460912","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Fatturato record per il gruppo Mangia's che nel 2023 sfonda per la prima volta la soglia dei 100 milioni di euro, raggiungendo quota 114 milioni (erano 79 nel 2022). In crescita anche i margini operativi lordi (ebitda), che salgono del 33% rispetto all'anno precedente, toccando gli 11 milioni, per una marginalità che si attesta attorno al 10%.\r\n\r\n\"Va tenuto conto - spiega il presidente e ceo, Marcello Mangia - che in questi anni stiamo investendo moltissimo. Solo in software abbiamo speso qualcosa come 5 milioni di euro. E poi ci sono i 100 milioni dedicati alla ristrutturazione delle proprietà incluse nella joint venture con Blackstone, più ulteriori 25 dedicati ai resort di nostra esclusiva proprietà. A tutto ciò si aggiungeranno presto altri 150 milioni per una serie di progetti in via di definizione\".\r\n\r\nPer il 2024 il budget della compagnia fissa l'asticella dei ricavi a quota 120 milioni, con un ebitda che si dovrebbe aggirare tra i 12 e 13 milioni, mantenendosi dunque attorno al 10% del giro d'affari complessivo. In arrivo c'è anche una serie di operazioni in grado di accrescere il portfolio del gruppo di circa 700 camere tra nuove acquisizioni e gestioni.\r\n\r\nA breve, in particolare, sarà annunciato il primo urban hotel della compagnia: un 5 stelle lusso di proprietà che intende essere il debutto di una linea ad hoc capace già nel 2025 di garantire un +12% al fatturato del gruppo. A livello di calendario, la stagione 2024 sarà inaugurata dall’apertura del Mangia’s Brucoli, Sicily, Autograph Collection il 12 aprile e del Mangia’s Santa Teresa Sardinia, Curio Collection by Hilton il 4 maggio. Proseguono infatti le partnerhsip con alcuni dei maggiori brand dell'hotellerie internazionale, che saranno presto rafforzate anche da una collaborazione con Tui Blue. Alle viste c'è pure una sinergia con un ulteriore fondo, che si aggiungerà alla joint venture con Blackstone, rafforzando così la capacità finanziaria del gruppo.","post_title":"2023 record per Mangia's che apre il suo primo urban hotel. In arrivo un nuovo fondo","post_date":"2024-02-06T14:40:54+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1707230454000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460732","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il conto alla rovescia per l’apertura del secondo ostello italiano di a&o Hostels è iniziato: Firenze ospiterà la trentanovesima struttura del gruppo berlinese che aprirà le proprie porte a inizio estate, con indirizzo in via Mannelli 119, giusto fuori dalla stazione Campo di Marte. La novità giunge dopo un 2023 da numeri record per la compagnia, che ha registrato 217 milioni di euro di fatturato, con 6,1 milioni di pernottamenti (5,55 milioni nel 2022) e 2,7 milioni di ospiti nelle sue 38 strutture presenti in nove paesi. Il tutto con un'occupazione media del 76% (67% nel 2022).\r\n\r\nIn tale contesto la domanda dei viaggiatori italiani si piazza nella top 10, prima di quella danese, svizzera e francese. Altro dato interessante riguarda il segmento gruppi, che pesa per il 38% dei volumi complessivi. “In tempi difficili dal punto di vista economico, le persone non smettono di viaggiare ma scelgono un prodotto low budget. E una volta fatta l’esperienza e aver capito che funziona sceglieranno più rapidamente di affidarsi a una struttura comoda, confortevole ed economica - commenta il ceo del gruppo, Oliver Winter -. Stiamo crescendo anche nel comparto business travel: chiaramente ci sono ancora margini di miglioramento, ma sono molto fiducioso che il segmento continuerà a svilupparsi”.","post_title":"Appuntamento a Firenze a inizio estate per la seconda struttura italiana di a&o Hostels","post_date":"2024-02-02T15:03:12+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1706886192000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460477","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si è chiuso con risultati record il 2023 del gruppo Blu Hotels, che ha visto il proprio fatturato crescere di 10 milioni rispetto all'anno precedente, toccando quota 80 milioni di euro. Bene pure i margini operativi lordi (ebitda) della compagnia, che hanno raggiunto gli 11 milioni. Prestazioni, queste, frutto di ricavi medi per camera disponibile (total revpar) pari a 136,8 euro, corrispondenti a una tariffa media di 194 euro e a un'occupazione del 70,7% (contro il 66,8% dell'esercizio 2022).\r\n\r\nA far da traino si conferma il mare, con il Salento destinazione più apprezzata. Positivi pure i risultati di Sardegna e Toscana, così come del lago di Garda e della montagna. Quest'ultima, in particolare, grazie alla sua ritrovata capacità di offrire una doppia stagionalità, assume un'importanza strategica per il gruppo. Una valenza confermata dalle previsioni per l'inverno 2023/2024, che indicano già un +20% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.\r\n\r\n“I risultati testimoniano la validità del nostro modello di business, con un portfolio diversificato, sia per destinazioni sia per tipologia di offerta - sottolinea il presidente di Blu Hotels, Nicola Risatti -. A differenza di quanto emerso a livello nazionale, abbiamo avuto molti italiani sia nelle destinazioni mare sia in montagna. Sicuramente anche il grande lavoro di fidelizzazione della clientela svolto in questi 30 anni ha fatto molto”.\r\n\r\nA conferma del successo di questo anno, in occasione del Natale, Blu Hotels ha voluto riconoscere ai propri dipendenti un premio welfare di mille euro, spendibile in buoni spesa, buoni carburante e buoni e-commerce, rimborsi bollette, viaggi, benessere e svago. Questo gesto si unisce a nuove politiche retributive e a incentivazioni implementate dal gruppo, come la possibilità di un giorno di smartworking alla settimana nella sede amministrativa. Inoltre, anche ai dipendenti stagionali sarà riconosciuto un premio welfare a fine contratto. “Per noi la soddisfazione e il benessere dei nostri collaboratori sono basilari - conclude Risatti -. Pertanto è altrettanto fondamentale creare un ambiente di lavoro in cui il dipendente si senta valorizzato nelle proprie inclinazioni, con l’obiettivo di garantire l’esperienza professionale migliore, ogni giorno”.","post_title":"Il gruppo Blu Hotels chiude un 2023 record toccando gli 80 mln di fatturato","post_date":"2024-01-31T11:43:29+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1706701409000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458952","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'inizio del 2024 è tempo di giri del mondo in crociera. Quasi in concomitanza con il viaggio intorno al globo di Costa, salpa infatti oggi da Genova anche la World Cruise targata Msc. Guidata dal comandante Roberto Leotta, la Poesia navigherà per 121 giorni toccando 50 destinazioni in 31 paesi differenti.   La nave ospita a bordo circa 2.300 passeggeri appartenenti a 57 diverse nazionalità diverse che visiteranno località di spicco come Città del Capo, Rio de Janeiro, New York oltre a tante altre mete come Manaus, Nuuk e Zanzibar. L’itinerario prevede in particolare la circumnavigazione del mar Mediterraneo, l'esplorazione delle coste africane fino all'oceano Atlantico, la visita del Brasile, dei Caraibi, degli Stati Uniti e del Canada, per poi fare ritorno in Europa attraversando la Groenlandia e l'Islanda.\r\n\r\n“Genova si conferma anche quest’anno capitale delle crociere intorno al mondo e non solo - commenta l'area manager di Msc Crociere, Gianni Pilato -. I notevoli risultati ottenuti dimostrano l'importanza cruciale del porto ligure nel contesto turistico europeo, con oltre 1 milione di passeggeri trasportati e 260 scali complessivi realizzati nel corso del 2023. Sono cifre notevoli se consideriamo che si tratta di dati registrati da una sola compagnia. Ma non intendiamo fermarci e nel prossimo futuro continueremo a puntare su Genova, città da cui prenderanno il largo anche le prossime crociere intorno al mondo nel 2025 e nel 2026”.\r\n\r\nA questo proposito, grande protagonista del giro del mondo del prossimo anno sarà la nave Magnifica, che presenterà un nuovo itinerario di 116 notti in grado di toccare 50 mete in 21 diverse nazioni offrendo agli ospiti l'opportunità di partire da quattro diversi porti in Europa. Nello specifico, i viaggiatori potranno scegliere se imbarcarsi da Genova, da Civitavecchia, da Marsiglia o da Barcellona. La nave toccherà inizialmente le coste di Italia, Francia e Spagna, per poi dirigersi più a sud verso il Marocco e attraversare l'Atlantico per visitare il Sud America. Qui il viaggio prevede tappe a Rio de Janeiro, Buenos Aires e alle Falkland. La Magnifica si dirigerà successivamente nell’oceano Pacifico del sud, toccando luoghi esotici come come l'isola di Pasqua e le Cook. Farà quindi tappa in Nuova Zelanda e Australia, con una visita a Sydney e un viaggio lungo le coste meridionali e occidentali dell'Australia. L'itinerario proseguirà attraverso l'Asia con soste a Bali, Singapore, Malaysia e Thailandia. Durante il transito attraverso l'oceano Indiano, sarà possibile visitare Colombo e Aqaba in Giordania, seguite da Sharm El-Sheik, Luxor, il canale di Suez e Alessandria in Egitto. Infine, la nave ritornerà in Europa, facendo scalo in quattro città italiane, prima di concludere il viaggio a Genova.\r\n\r\nMsc ha aperto anche le vendite per la World Cruise 2026 che vedrà protagonista ancora una volta la Magnifica, con un itinerario di 119 giorni con partenza da Genova e Civitavecchia. Il viaggio toccherà ben 47 destinazioni in 32 paesi diversi con tappe, tra l’altro, a San Francisco, Honolulu, Auckland, Sydney, Manila, Tokyo e Dubai. Dopo le mete europee, la nave esplorerà infatti la costa occidentale degli Stati Uniti e trascorrerà un mese nell'oceano Pacifico. Successivamente il viaggio si sposterà in Asia con tappe a Tokyo, Shanghai e Hong Kong. Infine, i passeggeri esploraeranno destinazioni storiche come Dubai e Oman, prima di rientrare in Europa attraverso la Grecia.","post_title":"In partenza oggi da Genova anche la World Cruise griffata Msc","post_date":"2024-01-05T15:37:27+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1704469047000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458386","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La brasiliana Azul ha siglato un ordine fermo per quattro ulteriori A330-900 destinati all'ampliamento del network internazionale, sulla base di un contratto di acquisto firmato a giugno 2023.\r\n\r\nL'A330neo è dotato della cabina Airspace, che offre ai passeggeri grande comfort, atmosfera e design: garantisce maggiore spazio individuale, cappelliere più grandi, un nuovo sistema di illuminazione e l'accesso ai più recenti sistemi di intrattenimento e connettività in volo.\r\n\r\nAzul Linhas Aereas ha avviato le operazioni nel 2008 e da allora è cresciuta fino a diventare una delle maggiori compagnie aeree in Brasile, servendo oltre 160 destinazioni in Brasile, Stati Uniti, Europa e Sud America. Il vettore ha ricevuto il primo A330neo delle Americhe nel 2019 e opera attualmente 12 aeromobili della Famiglia A330.\r\n\r\nL'A330neo è il più recente aeromobile widebody di Airbus. Alimentato da motori Rolls-Royce Trent 7000 di ultima generazione: l'A330-900 è in grado di volare per 7.200 mn / 13.300 km senza scalo. A fine novembre 2023 la Famiglia A330 aveva totalizzato oltre 1.800 ordini fermi da parte di più di 130 clienti in tutto il mondo. Airbus ha venduto oltre 1.150 aeromobili in America Latina e nei Caraibi: oltre 750 sono in funzione in tutta la regione, circa 500 sono in portafoglio ordini, e rappresentano una quota di mercato del 58% degli aeromobili passeggeri in servizio. Dal 1994 Airbus si è assicurata il 75% degli ordini netti nella regione.","post_title":"Azul vuole crescere sul lungo raggio: ordine fermo per altri 4 Airbus A330-900","post_date":"2023-12-20T09:15:07+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1703063707000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458285","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_418126\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Uno scorcio di Firenze[/caption]\r\n\r\nPresenze nelle strutture ricettive +1,2% rispetto al 2022, con oltre 1,2 milioni di pernottamenti durante le festività. Stranieri in crescita e italiani in leggero calo. Previsioni positive per città e centri d’arte. Questi i trend principali messi in evidenza dalla consueta indagine realizzata dal Centro Studi Turistici di Firenze, per Toscana Promozione Turistica, su un campione di 548 imprenditori della ricettività. Nello studio anche una stima del consuntivo 2023 che si chiude con un +5,9% in confronto al 2022.\r\n\r\n«Numeri che ancora una volta ribadiscono la grande forza attrattiva della Toscana – spiegano il presidente Eugenio Giani e l’assessore a Economia e turismo, Leonardo Marras -. Le stime del Centro Studi Turistici confermano un trend positivo anche per il periodo festivo e soprattutto un avvicinamento ai numeri pre-pandemia del movimento complessivo 2023. E questo nonostante inflazione, incertezze della congiuntura economica e tensioni generate dai conflitti. E’ doveroso constatare come il lavoro di operatori e soggetti del settore, in collaborazione con l’agenzia regionale Toscana Promozione Turistica, stia andando nella direzione giusta».\r\n\r\nSecondo lo studio le presenze nelle strutture ricettive dovrebbero segnare un +1,2% rispetto allo scorso anno. Previsti oltre 1,2 milioni di pernottamenti nel periodo delle festività, di cui circa 930 mila tra la fine dell’anno e l’Epifania: 762 mila le presenze italiane (-1,6%), oltre 505 mila i pernottamenti degli stranieri (+5,7%).\r\n\r\nI risultati migliori sono attesi per le città e centri d’arte, +3,6%. Per le località di campagna e collina la stima indicherebbe una lieve crescita del +0,3%. Richieste di prenotazione in calo per le località della costa, del termale, della montagna e altro interesse. Il trend per le strutture alberghiere (+2,6%) è migliore rispetto a quello atteso per le imprese extra alberghiere (-1,3%).\r\n\r\nRiguardo alle nazionalità, si conferma la prevalenza dei mercati tradizionali europei, con variazioni in crescita per francesi, svizzeri, britannici, olandesi, spagnoli, austriaci, belgi, polacchi, cechi e scandinavi. Tra i mercati extraeuropei si segnalano statunitensi, brasiliani, australiani, indiani e coreani. In flessione invece tedeschi, giapponesi e russi. Stabili canadesi e cinesi.\r\n\r\nPer quanto riguarda la stima del consuntivo 2023, l’incremento totale si attesta sul 5,9%. L’anno dovrebbe chiudersi con oltre 45,2 milioni di pernottamenti e circa 14 milioni di arrivi. Presenze degli stranieri stimati in oltre 24,4 milioni, 20,8 milioni quelle italiane. Bene città d’arte (+11,4%) e località termali (+9,3%), seguite da campagna/collina e montagna (+7,7%). Flessione per balneare (-0,9%). I risultati migliori sono stimati per il settore alberghiero, +8,7%, grazie soprattutto alla forte spinta arrivata dai mercati stranieri. Più contenuto, ma comunque rilevante, l’aumento per le strutture extra alberghiere (+3,7%); anche in questo caso a trainare è stata la domanda estera, a differenza degli italiani che risulterebbero in flessione.\r\n\r\n ","post_title":"Toscana: previsti oltre 1,2 milioni di pernottamenti nel periodo delle festività","post_date":"2023-12-19T09:23:52+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1702977832000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458079","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'aeroporto di Milano Bergamo si appresta a chiudere un 2023 decisamente positivo, con ricavi previsti a quota 200 milioni di euro, rispetto ai 174,5 del 2022.\r\n\r\nAd anticipare i risultati il presidente di Sacbo, Giovanni Sanga, in occasione della conferenza stampa di fine anno. Lo scalo bergamasco si conferma il terzo aeroporto d’Italia, con tanto di primati (tra cui il gradino più alto nell’apprezzamento dei viaggiatori, su scala europea) e di numeri tra cui spiccano, oltre alle 140 destinazioni estive, le 119 invernali , i 40 Paesi toccati e la quota del 20% in crescita del traffico afferente a compagnie «extra Ryan», i 16 milioni di passeggeri movimentati nell'anno. Dato che rappresenta un record assoluto per l'aeroporto.\r\n«Un mix tra un 2023 che ha cancellato definitivamente il Covid e l’attrattività della Capitale della Cultura», ha osservato Sanga anticipando come l’obiettivo per il 2024 sia quello di un consolidamento del risultato raggiunto «pur in uno scenario caratterizzato da due guerre e da tensioni su mete turistiche. L’apertura ad oriente, con lo scalo di Dubai, è importantissima in chiave internazionale».\r\n\r\n\r\n\r\nTra le performance particolarmente positive va segnalata quella legata ai ricavi non aviation che hanno fatto segnare un +20%, segno di una vitalità dello shopping da parte dei passeggeri ma anche dell’appeal dei brand presenti nello scalo. «Abbiamo marchi importanti, attrattivi», ha concluso Sanga preannunciando il debutto, nella piazzetta interna dedicata ad Ilario Testa, di 'Eataly»'.\r\n\r\n\r\n ","post_title":"Milano Bergamo vola verso i 16 milioni di passeggeri e ricavi per 200 milioni di euro","post_date":"2023-12-14T11:41:00+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1702554060000]}]}}

Lascia un commento