16 April 2024

1097

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Ho 30 anni, parlo ottimo inglese e ottimo spagnolo. Negli ultimi 5 anni ho fatto molte esperienze nel settore turistico in Italia e all’estero.
Ho lavorato a Londra come travel consultant per Spagna, Portogallo ed Italia in un tour operator specializzato in ville di lusso.ed ho lavorato in Spagna in un tour operator specializzato in viaggi di avventura, trekking, mountain bike, escursionismo. Mi sono occupata di pianificazione itinerari, contrattazione con fornitori, sopralluoghi, programmazione, gestioni allotment, ma anche booking, vendita al pubblico, customer care. Sono in possesso di patentino di accompagnatore turistico e tutt’ora lavoro con gruppi inglesi e spagnoli, ma cerco un impiego in un tour operator o agenzia di viaggi per continuare il mio percorso qui in Italia.
Per informazioni contattarmi al numero 3381658856 o via email francypaladini@hotmail.com


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465662 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_452071" align="alignright" width="300"] Pierluigi Di Palma, presidente Enac[/caption] Un 2023 da record per il traffico aereo in Italia: con oltre 197 milioni di passeggeri, lo scorso anno ha di fatto superato del 2% i numeri del 2019 e centrato una crescita del +20% rispetto al 2022. I numeri sono quelli del nuovo rapporto Enac: “La voglia di tornare a volare e superare le criticità economiche e sociali del periodo pandemico – commenta il presidente, Pierluigi Di Palma – è ulteriormente confermata dall’aumento del numero dei passeggeri e dalla ripresa del traffico aereo nel 2023, tendenza consolidata anche nei primi mesi di quest’anno. Il trasporto aereo è in asset sempre più importante per il Paese e si inserisce in un trend di crescita e innovazione tecnologica, sostenibile e green, della nuova mobilità aerea avanzata, il presente e il futuro del trasporto aereo”. L’aeroporto di Roma Fiumicino si conferma al primo posto per traffico passeggeri con circa 40,3 milioni e una quota del 20,4%. Il traffico domestico, con i suoi 68,6 milioni di passeggeri (pari al 35% del traffico passeggeri complessivo), ha registrato un incremento del +6% rispetto al 2022; il traffico internazionale, con 128,5 milioni di passeggeri (pari al 65% del traffico passeggeri complessivo), è cresciuto del +28% rispetto al 2022. La composizione del traffico per tipologia di vettore mostra come i voli low cost abbiano trasportato il 56% del totale passeggeri, pari a 110,2 milioni, sebbene risulti una flessione del -10% rispetto al 2022. Il traffico su vettori tradizionali si è, invece, attestato al 44%, pari a 86,8 milioni di passeggeri, con un incremento del +10% rispetto all’anno precedente. [post_title] => Enac: il 2023 ha superato i livelli pre-Covid con 197 mln di passeggeri in Italia [post_date] => 2024-04-16T15:08:31+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713280111000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465188 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'industria del turismo statunitense ha centrato un nuovo record nel 2023, con un contributo al Pil Paese che è stato il più elevato di sempre e questo malgrado il rallentamento della spesa dei visitatori internazionali. E' quanto emerge dalla recente analisi del Wttc, secondo la quale lo scorso anno l'incidenza del turismo sul Pil degli Stati Uniti è cresciuto del 7% per un totale di 2,36 trilioni di dollari, superando il precedente record di 100 trilioni. I posti di lavoro del settore sono aumentati di 656.000 unità, raggiungendo i 18 milioni in tutto il Paese, superando il precedente record di 17,4 milioni. In crescita la spesa dei viaggiatori nazionali, salita a 1,37 milioni di dollari, pari ad un aumento di oltre il 9% rispetto al precedente picco del 2019; per contro, la spesa dei visitatori internazionali è rimasta indietro di oltre il 25% rispetto allo stesso picco del 2019, pari a 156,1 milioni di dollari. "Il governo statunitense ha sostenuto i viaggi e il turismo, ma la spesa dei visitatori internazionali è ancora inferiore ai numeri del 2019 - sottolinea Julia Simpson, presidente e ceo del Wttc -. E' necessario concentrarsi sulla semplificazione dei visti, sulle code alle frontiere e sulla ricerca di nuovo personale che darebbe al settore un impulso vitale in vista della Coppa del Mondo Fifa e delle Olimpiadi". Le previsioni per il 2024 indicano che il settore aumenterà il suo contributo al Pil  degli Stati Uniti fino a oltre 2,5 milioni di dollari, pari a una quota del 9%, impiegando 18,8 milioni di persone in tutto il Paese, con un americano su nove che lavora nel settore. Si stima che la spesa dei visitatori nazionali continuerà a crescere, raggiungendo 1,43, trilioni e battendo il record del 2019 di quasi il 14%, ma si prevede che la spesa dei visitatori internazionali resti ancora inferiore ai livelli del 2019.   [post_title] => Stati Uniti: la spesa dei turisti internazionali è ancora a -25% rispetto al 2019 [post_date] => 2024-04-10T09:39:33+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712741973000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464702 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aumento di capitale in vista per Club del Sole. Il veicolo di investimento Nb Aurora, che ha acquisito il 40% del gruppo open air nel 2018 attraverso la controllata First Club, ha infatti appena sottoscritto un accordo vincolante per la cessione a The Equity Club dell'intera sua partecipazione nella holding dell'operatore romagnolo. L'operazione avrà un controvalore complessivo di circa 109 milioni di euro, di cui circa 35 milioni di competenza dello stesso Nb Aurora. L'accordo prevede un reinvestimento in Club del Sole da parte di Nb Aurora, insieme ad altri fondi gestiti dalla controllante Neuberger Berman e ad alcuni co-investitori, per un importo massimo di 65 milioni di euro (di cui almeno 45 milioni di competenza di Nb Aurora). Il tutto anche attraverso la sottoscrizione, insieme a Tec, di un importante aumento di capitale destinato a supportare l‘ulteriore crescita della società. [caption id="attachment_464710" align="alignright" width="300"] Niccolò Querci[/caption] La famiglia Giondi, che ha fondato l'operatore open air nel 1974, continuerà a mantenere la maggioranza del capitale e a guidare il progetto industriale. Il closing dell’operazione è atteso per inizio maggio 2024. The Equity Club è un'iniziativa di club deal promossa da Mediobanca insieme a Roberto Ferraresi e Filippo Penatti. Stando a BeBeez e a Milano Finanza, al termine dell'intero articolato processo, a Tec dovrebbe far capo il 29% della holding Club del Sole, mentre a Nb Aurora e soci, tra i quali Red Circle Investments dell’imprenditore veneto Renzo Rosso, rimarrebbe il 20% della società. Clearwater International ha assistito The Equity Club in qualità di m&a advisor, con un team composto da Niccoló Querci, Omar Laroussi Bussi e Arturo Gregorini. L'operazione è stata inoltre condotta con l’ausilio di due financial advisor: Rothschild & Co e Credem Euromobiliare Private Banking. [post_title] => Club del Sole verso un aumento di capitale. In arrivo un nuovo partner finanziario [post_date] => 2024-04-02T12:10:42+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712059842000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463948 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Inizio d'anno in accelerata per Dubai che ha accolto 1,77 milioni di turisti internazionali nel gennaio 2024, con un aumento del 21% rispetto allo stesso mese del 2023. L'Europa occidentale, secondo i dati emersi dal Dubai Tourism Performance Report di gennaio pubblicato dal Dipartimento dell'Economia e del Turismo, si è classificata al primo posto in termini di mercati di provenienza dei arrivi internazionali, con una quota superiore al 18% per un totale di 327.000 visitatori. Seguono i Paesi del Ccg con 311.000 visitatori, pari a quasi il 18%, e l'Asia meridionale al terzo posto con 294.000 visitatori, pari a circa il 17% del totale dei visitatori internazionali nell'emirato. Il numero di arrivi dalla Russia, dalla Comunità degli Stati Indipendenti e dall'Europa dell'Est ha raggiunto i 262.000 visitatori, pari al 15%, classificandosi al quarto posto, mentre il numero di visitatori provenienti dalla regione del Medio Oriente e del Nord Africa (Mena) ha raggiunto i 211.000 visitatori, il 12% del totale. L'Asia settentrionale e sudorientale si è classificata al sesto posto con 149.000 visitatori e una quota dell'8%, seguita dalle Americhe al settimo posto con 115.000 visitatori o circa il 6% del numero totale di visitatori internazionali, dall'Africa all'ottavo posto con 71.000 visitatori e dall'Australia all'ultimo posto con 33.000 arrivi. [post_title] => Dubai: inizio d'anno con una crescita del 21% degli arrivi internazionali [post_date] => 2024-03-20T11:49:00+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710935340000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463478 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022). Discorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022). Pambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022). [post_title] => Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's [post_date] => 2024-03-14T13:32:42+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710423162000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463242 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Chia Laguna Resort torna ad accogliere i suoi ospiti dopo la breve stagione invernale. L'11 aprile aprirà il Conrad Chia Laguna Sardinia: 5 stelle da 107 camere e suite. Il 30 aprile sarà la volta del Baia di Chia Resort Sardinia - Curio Collection by Hilton, altro 5 stelle presto adults-only, dai 12 anni (77 camere e suite). Infine a metà maggio le famiglie potranno tornare all’hotel Village (240 camere), 4 stelle lusso. La proposta diversificata del complesso sardo attira sempre nuovi ospiti anche per l'attento restyling avviato dopo l'ingresso nel gruppo Hilton. Un rinnovo che ha coinvolto nel 2021 il Baia di Chia Resort e nel 2022 il Chia Laguna Sardinia. Quest’ultimo hotel è così entrato a far parte dell'offerta di lusso di Conrad, prima struttura aperta in Italia. «Ogni anno c’è stata una crescita del 15%-20% - sottolinea Marco Pedna, general manager del Chia Laguna -. Anche il 2024 è partito molto bene. Infatti le presenze sono già aumentate del 40% rispetto all’anno scorso. Raggiungeremo il 75%-80% di occupazione. Un dato importante e inaspettato, dovuto anche al cambiamento del cliente: se prima della pandemia molte prenotazioni erano last-minute, oggi si pianifica la vacanza con largo anticipo. La durata del soggiorno però si riduce, in particolare al Conrad: dai sette giorni del passato siamo scesi a cinque, sei. E la clientela è cambiata: non vuole fare solo mare ma scoprire la Sardegna. Per questo sono sempre più importanti le escursioni e le diverse attività che proponiamo, tra cui anche l’offerta sportiva. Dopo il rebranding puntiamo a una crescita importante. Pure in Sardegna Conrad ha perciò avviato un trend di scoperta: valorizzando la zona, creando la destinazione, attirando una clientela interessante e richiamando altri brand». «L’affiliazione è stata una doppia opportunità. - prosegue Elisabetta Serafini, pr e communication manager del Chia Laguna Resort - Per il resort e per Hilton che, dopo un attento studio di fattibilità, ha deciso di abbracciare il nostro progetto sostenendo i lavori della ristrutturazione realizzata dall’architetto Marco Piva. Essere parte del gruppo Hilton ci offre la possibilità di accedere a una macchina distributiva mondiale». Tante in particolare le novità del Chia Laguna: “Abbiamo programmato una serie di miglioramenti importanti - aggiunge infatti Pedna -: il kids-club, completamente rinnovato, sarà operativo tutti i giorni dalle 9 alle 23, con una ricca programmazione. Verrà rifatta anche tutta la piazza, il cuore del resort. Sono nati pure dei nuovi concept sul fronte dell’f&b, come il momento apre-beach nel bar del ristorante Le Dune con il dj dal vivo dalle 17:30 alle 20. Al Curio stiamo aprendo il Flow, un secondo ristorante sushi e un lounge bar che sarà aperto fino all’una per un dopo-cena con il dj. Sono tanti i progetti promossi dal nostro chef Roberto Chengia, executive degli 11 outlet del resort e impegnato presso il ristorante La Terrazza del Conrad. Tra le altre novità, le bbq night che organizzeremo a bordo piscina al Curio utilizzando il Green Egg, una griglia innovativa. Tutti i nostri concetti f&b sono pensati a chilometro zero, con ingredienti locali e i vini di cantine prestigiose, ma anche con produzioni minori ma apprezzate». Dal punto di vista della sostenibilità il Chia Laguna sta entrando nel programma di certificazione volontaria Green Key e prende parte ai programmi esg del gruppo Hilton. «Guardiamo alla sostenibilità in senso più ampio, - prosegue Pedna -. Oltre a obiettivi come il risparmio del 5% del consumo di acqua, realizziamo attività sociali come la raccolta della plastica in spiaggia con lo staff o giornate di sport legate a raccolte fondi a cui partecipano ospiti e dipendenti. Abbiamo l’obiettivo di fare due eventi annuali di supporto alla nostra comunità». Parte del business del resort riguarda infine il segmento mice, per cui è disponibile all’interno del resort un centro congressi di oltre 1.500 metri quadrati e otto sale meeting, che può accogliere oltre 900 persone: «Per noi è fondamentale a inizio stagione e anche tra settembre, ottobre e novembre - conclude Elisabetta Serafini -. L’anno scorso abbiamo aperto a febbraio con diverse convention ed eventi congressuali e associativi. La clientela è per il 50% italiana e per il 50% straniera. Quest’anno, tra aprile e giugno, abbiamo già confermati quattro buyout: quando vengono riservati il Village o il Conrad e il Village insieme. Anche per questo segmento la stagione si sta allungando; gli organizzatori, oltre agli spazi, chiedono esperienze al di fuori della struttura». [post_title] => Al via la nuova stagione del Chia Laguna: tutte le novità del resort [post_date] => 2024-03-12T12:20:55+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710246055000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463115 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si avvicina a grandi passi il momento del debutto della Queen Anne: la nuova ammiraglia Cunard, quarta nave della flotta, effettuerà il proprio viaggio inaugurale il prossimo 10 maggio da Southampton a Lisbona. L'unità da 113 mila tonnellate e 3 mila passeggeri costruita in Italia da Fincantieri racchiude, nei 14 ponti a disposizione, un’offerta completa. A partire dalle nuove esperienze culinarie e multisensoriali proposte nei 15 ristoranti, molti dei quali con vista, sino alle più disparate attività sportive con campo da padel e golf, bar e punti ritrovo dalle atmosfere britanniche, piscina e idromassaggi da intrattenimenti e attività e un focus prioritario su salute e benessere con un programma olistico dedicato e l’esclusiva collaborazione con Harper’s Bazaar; e ancora l’atmosfera alla James Bond del casinò, il teatro e la collaborazione esclusiva con il pluripremiato produttore teatrale di Broadway, David Pugh. Su una nave Cunard non può inoltre mancare la firma di una vera esperienza britannica: il rito del tè pomeridiano, servito tutti i pomeriggi in guanti bianchi nella scenografica Ball Room; ma la vera punta di diamante sarà la più grande collezione d’arte mai curata in mare: oltre 3 mila artisti e designer sono stati coinvolti nel progetto e verrà esposta una collezione contemporanea di più di 4.300 opere d’arte e sculture. Tra i programmi della Queen Anne spicca anche il Giro del mondo in calendario dal 9 gennaio al 27 aprile che in 107 notti effettuerà la circumnavigazione completa del globo verso ovest (vendibile anche in singole tratte). [post_title] => Si avvicina il debutto della Queen Anne: appuntamento a Southampton il 10 maggio [post_date] => 2024-03-08T11:21:54+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709896914000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463092 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un inizio anno con il vento in poppa per Toscana Aeroporti, che registra il miglior febbraio della sua storia con un totale di oltre 443.000 passeggeri nei due scali di Firenze e Pisa, il 14,7% in più rispetto al 2023. Un traguardo tagliato grazie alla crescita sia dei movimenti totali dei voli (+8,4% su febbraio 2023) sia del load factor che ha visto un incremento di circa 3 punti percentuali rispetto all'anno precedente, passando dall'81,1% all'84%. Nei primi due mesi del 2024, il Sistema Aeroportuale Toscano ha superato i 903.000 passeggeri complessivi, con una crescita del +11,5% rispetto allo stesso periodo del 2023. Nel dettaglio, il Vespucci di Firenze ha registrato un nuovo mese record, con oltre 192.000 passeggeri, segnando il miglior febbraio di sempre con una crescita del +32,2% rispetto al 2023. A febbraio, sia il traffico nazionale (+88,7%) che internazionale (+26,1%) sono in crescita rispetto al 2023. Tra le destinazioni più richieste ci sono Parigi, Londra, Amsterdam, Roma e Madrid. Complessivamente, nei primi due mesi del 2024, entrambi mesi record per l'aeroporto di Firenze, sono transitati 387.000 passeggeri, +32,3% sul 2023. Il Galilei di Pisa ha invece totalizzato più di 250.000 passeggeri, con un incremento del +4,1% rispetto allo stesso mese del 2023, in netta ripresa rispetto al mese precedente di gennaio, in cui si era registrata una diminuzione del 4,1%. Il traffico passeggeri internazionale è in crescita (+12,6%) rispetto alla diminuzione (-10,7%) di quello domestico. Le destinazioni più apprezzate a febbraio 2024 sono state Tirana, Londra, Palermo, Parigi e Catania. Il traffico passeggeri totale dello scalo pisano nei primi due mesi dell’anno ha raggiunto oltre 516.000 passeggeri, in linea (-0,3%) con il traffico dello stesso periodo 2023. [post_title] => Toscana Aeroporti: inizio 2024 con un boom di traffico passeggeri [post_date] => 2024-03-08T10:21:45+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709893305000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462364 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo la pausa Covid è di nuovo sorpasso: nel corso del 2023 gli arrivi e le presenze internazionali sono state superiori a quelle domestiche. Era già successo nell'anno pre-pandemico 2019, dopo una rincorsa durata anni. Il Covid aveva poi mescolato le carte, sostanzialmente impedendo o limitando fortemente gli spostamenti tra Stati, ma il percorso era già segnato. E ora, con il primo anno finalmente "normale", non segnato cioè dalla coda pandemica come è stato agli inizi del 2022, il fenomeno si è dimostrato nella sua natura di trend strutturale: nel 2023 gli arrivi internazionali sono stati 62,8 milioni (+14%), le presenze 222,6 milioni (+10,7%). Arrivi e pernottamenti domestici si sono invece fermati a quota 62,2 milioni (-1,9%) e 208,5 milioni (-1,1%). Lo rivelano i dati ancora provvisori di Enit, presentati in occasione di un evento organizzato a Milano da Confindustria Alberghi per illustrare il proprio Osservatorio 2023 elaborato in collaborazione con Str. Ma non è solo una questione numerica. I flussi dall'estero tendono infatti a supportare la destagionalizzazione dell'offerta: "I mercati internazionali - ha spiegato la market research and statistics manager dell'Enit, Elena Di Raco - si muovono soprattutto durante i mesi di spalla. La quota di arrivi dall'estero è in particolare più rilevante in primavera e durante il bimestre settembre - ottobre. Il recupero dell'anno scorso è stato inoltre supportato dalla ripresa del lungo raggio. A partire specialmente dagli americani ma abbiamo osservato anche un certo ritorno dei turisti orientali. Si tratta in altre parole di una domanda alto-spendente, che spesso prenota anche con 50 giorni di anticipo". [caption id="attachment_462372" align="alignright" width="300"] Alina Minut[/caption] La ripartenza del mercato Usa è confermato anche dalle cifre Str sull'intero continente europeo: "Solo nel mese di giugno - ha osservato la senior account manager Italy di Str CoStar, Alina Minut - abbiamo registrato qualcosa come 3 milioni di arrivi dagli Stati Uniti nel Vecchio Continente". Ciò detto in molte destinazioni europee gli hotel non sono ancora riusciti a recuperare i livelli di occupazione pre-Covid: Milano, seppur di poco, è per esempio rimasta sotto di due punti percentuali rispetto a quattro anni prima; Roma è a meno uno, Londra a meno quattro, Amsterdam a meno otto, Berlino e Vienna addirittura a meno dieci. A pesare è stata soprattutto la debolezza della domanda gruppi. In parte anche l'assenza del mercato cinese, così come una certa fragilità dell'economia globale. La contrazione dell'occupazione è stata però controbilanciata da una contemporanea, sensibile crescita delle tariffe (trainate pure dall'inflazione, ndr): A Roma nel giro di un anno sono per esempio salite del 20%, a Milano del 14%. Altrove, in Europa, si parla di un +14% a Parigi, +16% a Bruxellese, +15% a Berlino, +12% a Vienna e +11% ad Amsterdam. "I prezzi camera sono cresciuti talmente tanto in Italia - ha proseguito Alina Minut - che per quest'anno le nostre previsioni a livello di revpar sono piatte per le strutture di Milano e Roma. In forte ripresa saranno invece con ogni probabilità le destinazioni di lingua tedesca, i cosiddetti paesi Dach, che al contrario hanno fino a oggi faticato a riprendersi dopo il biennio pandemico. Infine una piccola notazione competitiva. Se infatti la Spagna continua a essere il paese con più pernottamenti in Europa (452 milioni), seguito dall'Italia (431 milioni), va tenuto però in considerazione che nella destinazione tricolore i prezzi per camera sono mediamente superiori di circa 30 euro rispetto al paese iberico". [post_title] => Aica - Enit: nel 2023 nuovo sorpasso degli arrivi internazionali sui domestici [post_date] => 2024-02-28T10:09:42+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709114982000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1097" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":91,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465662","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_452071\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Pierluigi Di Palma, presidente Enac[/caption]\r\n\r\nUn 2023 da record per il traffico aereo in Italia: con oltre 197 milioni di passeggeri, lo scorso anno ha di fatto superato del 2% i numeri del 2019 e centrato una crescita del +20% rispetto al 2022.\r\n\r\nI numeri sono quelli del nuovo rapporto Enac: “La voglia di tornare a volare e superare le criticità economiche e sociali del periodo pandemico – commenta il presidente, Pierluigi Di Palma – è ulteriormente confermata dall’aumento del numero dei passeggeri e dalla ripresa del traffico aereo nel 2023, tendenza consolidata anche nei primi mesi di quest’anno. Il trasporto aereo è in asset sempre più importante per il Paese e si inserisce in un trend di crescita e innovazione tecnologica, sostenibile e green, della nuova mobilità aerea avanzata, il presente e il futuro del trasporto aereo”.\r\n\r\nL’aeroporto di Roma Fiumicino si conferma al primo posto per traffico passeggeri con circa 40,3 milioni e una quota del 20,4%.\r\n\r\nIl traffico domestico, con i suoi 68,6 milioni di passeggeri (pari al 35% del traffico passeggeri complessivo), ha registrato un incremento del +6% rispetto al 2022; il traffico internazionale, con 128,5 milioni di passeggeri (pari al 65% del traffico passeggeri complessivo), è cresciuto del +28% rispetto al 2022.\r\n\r\nLa composizione del traffico per tipologia di vettore mostra come i voli low cost abbiano trasportato il 56% del totale passeggeri, pari a 110,2 milioni, sebbene risulti una flessione del -10% rispetto al 2022. Il traffico su vettori tradizionali si è, invece, attestato al 44%, pari a 86,8 milioni di passeggeri, con un incremento del +10% rispetto all’anno precedente.","post_title":"Enac: il 2023 ha superato i livelli pre-Covid con 197 mln di passeggeri in Italia","post_date":"2024-04-16T15:08:31+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1713280111000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465188","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'industria del turismo statunitense ha centrato un nuovo record nel 2023, con un contributo al Pil Paese che è stato il più elevato di sempre e questo malgrado il rallentamento della spesa dei visitatori internazionali.\r\n\r\nE' quanto emerge dalla recente analisi del Wttc, secondo la quale lo scorso anno l'incidenza del turismo sul Pil degli Stati Uniti è cresciuto del 7% per un totale di 2,36 trilioni di dollari, superando il precedente record di 100 trilioni. I posti di lavoro del settore sono aumentati di 656.000 unità, raggiungendo i 18 milioni in tutto il Paese, superando il precedente record di 17,4 milioni.\r\n\r\nIn crescita la spesa dei viaggiatori nazionali, salita a 1,37 milioni di dollari, pari ad un aumento di oltre il 9% rispetto al precedente picco del 2019; per contro, la spesa dei visitatori internazionali è rimasta indietro di oltre il 25% rispetto allo stesso picco del 2019, pari a 156,1 milioni di dollari.\r\n\r\n\"Il governo statunitense ha sostenuto i viaggi e il turismo, ma la spesa dei visitatori internazionali è ancora inferiore ai numeri del 2019 - sottolinea Julia Simpson, presidente e ceo del Wttc -. E' necessario concentrarsi sulla semplificazione dei visti, sulle code alle frontiere e sulla ricerca di nuovo personale che darebbe al settore un impulso vitale in vista della Coppa del Mondo Fifa e delle Olimpiadi\".\r\n\r\nLe previsioni per il 2024 indicano che il settore aumenterà il suo contributo al Pil  degli Stati Uniti fino a oltre 2,5 milioni di dollari, pari a una quota del 9%, impiegando 18,8 milioni di persone in tutto il Paese, con un americano su nove che lavora nel settore.\r\nSi stima che la spesa dei visitatori nazionali continuerà a crescere, raggiungendo 1,43, trilioni e battendo il record del 2019 di quasi il 14%, ma si prevede che la spesa dei visitatori internazionali resti ancora inferiore ai livelli del 2019.\r\n\r\n ","post_title":"Stati Uniti: la spesa dei turisti internazionali è ancora a -25% rispetto al 2019","post_date":"2024-04-10T09:39:33+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1712741973000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464702","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aumento di capitale in vista per Club del Sole. Il veicolo di investimento Nb Aurora, che ha acquisito il 40% del gruppo open air nel 2018 attraverso la controllata First Club, ha infatti appena sottoscritto un accordo vincolante per la cessione a The Equity Club dell'intera sua partecipazione nella holding dell'operatore romagnolo. L'operazione avrà un controvalore complessivo di circa 109 milioni di euro, di cui circa 35 milioni di competenza dello stesso Nb Aurora.\r\n\r\nL'accordo prevede un reinvestimento in Club del Sole da parte di Nb Aurora, insieme ad altri fondi gestiti dalla controllante Neuberger Berman e ad alcuni co-investitori, per un importo massimo di 65 milioni di euro (di cui almeno 45 milioni di competenza di Nb Aurora). Il tutto anche attraverso la sottoscrizione, insieme a Tec, di un importante aumento di capitale destinato a supportare l‘ulteriore crescita della società.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_464710\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Niccolò Querci[/caption]\r\n\r\nLa famiglia Giondi, che ha fondato l'operatore open air nel 1974, continuerà a mantenere la maggioranza del capitale e a guidare il progetto industriale. Il closing dell’operazione è atteso per inizio maggio 2024. The Equity Club è un'iniziativa di club deal promossa da Mediobanca insieme a Roberto Ferraresi e Filippo Penatti. Stando a BeBeez e a Milano Finanza, al termine dell'intero articolato processo, a Tec dovrebbe far capo il 29% della holding Club del Sole, mentre a Nb Aurora e soci, tra i quali Red Circle Investments dell’imprenditore veneto Renzo Rosso, rimarrebbe il 20% della società. Clearwater International ha assistito The Equity Club in qualità di m&a advisor, con un team composto da Niccoló Querci, Omar Laroussi Bussi e Arturo Gregorini. L'operazione è stata inoltre condotta con l’ausilio di due financial advisor: Rothschild & Co e Credem Euromobiliare Private Banking.","post_title":"Club del Sole verso un aumento di capitale. In arrivo un nuovo partner finanziario","post_date":"2024-04-02T12:10:42+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1712059842000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463948","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Inizio d'anno in accelerata per Dubai che ha accolto 1,77 milioni di turisti internazionali nel gennaio 2024, con un aumento del 21% rispetto allo stesso mese del 2023.\r\n\r\nL'Europa occidentale, secondo i dati emersi dal Dubai Tourism Performance Report di gennaio pubblicato dal Dipartimento dell'Economia e del Turismo, si è classificata al primo posto in termini di mercati di provenienza dei arrivi internazionali, con una quota superiore al 18% per un totale di 327.000 visitatori.\r\n\r\nSeguono i Paesi del Ccg con 311.000 visitatori, pari a quasi il 18%, e l'Asia meridionale al terzo posto con 294.000 visitatori, pari a circa il 17% del totale dei visitatori internazionali nell'emirato.\r\n\r\nIl numero di arrivi dalla Russia, dalla Comunità degli Stati Indipendenti e dall'Europa dell'Est ha raggiunto i 262.000 visitatori, pari al 15%, classificandosi al quarto posto, mentre il numero di visitatori provenienti dalla regione del Medio Oriente e del Nord Africa (Mena) ha raggiunto i 211.000 visitatori, il 12% del totale.\r\n\r\nL'Asia settentrionale e sudorientale si è classificata al sesto posto con 149.000 visitatori e una quota dell'8%, seguita dalle Americhe al settimo posto con 115.000 visitatori o circa il 6% del numero totale di visitatori internazionali, dall'Africa all'ottavo posto con 71.000 visitatori e dall'Australia all'ultimo posto con 33.000 arrivi.","post_title":"Dubai: inizio d'anno con una crescita del 21% degli arrivi internazionali","post_date":"2024-03-20T11:49:00+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1710935340000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463478","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022).\r\n\r\nDiscorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022).\r\n\r\nPambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022).","post_title":"Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's","post_date":"2024-03-14T13:32:42+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1710423162000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463242","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\nIl Chia Laguna Resort torna ad accogliere i suoi ospiti dopo la breve stagione invernale. L'11 aprile aprirà il Conrad Chia Laguna Sardinia: 5 stelle da 107 camere e suite. Il 30 aprile sarà la volta del Baia di Chia Resort Sardinia - Curio Collection by Hilton, altro 5 stelle presto adults-only, dai 12 anni (77 camere e suite). Infine a metà maggio le famiglie potranno tornare all’hotel Village (240 camere), 4 stelle lusso. La proposta diversificata del complesso sardo attira sempre nuovi ospiti anche per l'attento restyling avviato dopo l'ingresso nel gruppo Hilton. \r\nUn rinnovo che ha coinvolto nel 2021 il Baia di Chia Resort e nel 2022 il Chia Laguna Sardinia. Quest’ultimo hotel è così entrato a far parte dell'offerta di lusso di Conrad, prima struttura aperta in Italia. «Ogni anno c’è stata una crescita del 15%-20% - sottolinea Marco Pedna, general manager del Chia Laguna -. Anche il 2024 è partito molto bene. Infatti le presenze sono già aumentate del 40% rispetto all’anno scorso. Raggiungeremo il 75%-80% di occupazione. Un dato importante e inaspettato, dovuto anche al cambiamento del cliente: se prima della pandemia molte prenotazioni erano last-minute, oggi si pianifica la vacanza con largo anticipo. La durata del soggiorno però si riduce, in particolare al Conrad: dai sette giorni del passato siamo scesi a cinque, sei. E la clientela è cambiata: non vuole fare solo mare ma scoprire la Sardegna. Per questo sono sempre più importanti le escursioni e le diverse attività che proponiamo, tra cui anche l’offerta sportiva. Dopo il rebranding puntiamo a una crescita importante. Pure in Sardegna Conrad ha perciò avviato un trend di scoperta: valorizzando la zona, creando la destinazione, attirando una clientela interessante e richiamando altri brand».\r\n«L’affiliazione è stata una doppia opportunità. - prosegue Elisabetta Serafini, pr e communication manager del Chia Laguna Resort - Per il resort e per Hilton che, dopo un attento studio di fattibilità, ha deciso di abbracciare il nostro progetto sostenendo i lavori della ristrutturazione realizzata dall’architetto Marco Piva. Essere parte del gruppo Hilton ci offre la possibilità di accedere a una macchina distributiva mondiale».\r\nTante in particolare le novità del Chia Laguna: “Abbiamo programmato una serie di miglioramenti importanti - aggiunge infatti Pedna -: il kids-club, completamente rinnovato, sarà operativo tutti i giorni dalle 9 alle 23, con una ricca programmazione. Verrà rifatta anche tutta la piazza, il cuore del resort. Sono nati pure dei nuovi concept sul fronte dell’f&b, come il momento apre-beach nel bar del ristorante Le Dune con il dj dal vivo dalle 17:30 alle 20. Al Curio stiamo aprendo il Flow, un secondo ristorante sushi e un lounge bar che sarà aperto fino all’una per un dopo-cena con il dj. Sono tanti i progetti promossi dal nostro chef Roberto Chengia, executive degli 11 outlet del resort e impegnato presso il ristorante La Terrazza del Conrad. Tra le altre novità, le bbq night che organizzeremo a bordo piscina al Curio utilizzando il Green Egg, una griglia innovativa. Tutti i nostri concetti f&b sono pensati a chilometro zero, con ingredienti locali e i vini di cantine prestigiose, ma anche con produzioni minori ma apprezzate».\r\nDal punto di vista della sostenibilità il Chia Laguna sta entrando nel programma di certificazione volontaria Green Key e prende parte ai programmi esg del gruppo Hilton. «Guardiamo alla sostenibilità in senso più ampio, - prosegue Pedna -. Oltre a obiettivi come il risparmio del 5% del consumo di acqua, realizziamo attività sociali come la raccolta della plastica in spiaggia con lo staff o giornate di sport legate a raccolte fondi a cui partecipano ospiti e dipendenti. Abbiamo l’obiettivo di fare due eventi annuali di supporto alla nostra comunità».\r\nParte del business del resort riguarda infine il segmento mice, per cui è disponibile all’interno del resort un centro congressi di oltre 1.500 metri quadrati e otto sale meeting, che può accogliere oltre 900 persone: «Per noi è fondamentale a inizio stagione e anche tra settembre, ottobre e novembre - conclude Elisabetta Serafini -. L’anno scorso abbiamo aperto a febbraio con diverse convention ed eventi congressuali e associativi. La clientela è per il 50% italiana e per il 50% straniera. Quest’anno, tra aprile e giugno, abbiamo già confermati quattro buyout: quando vengono riservati il Village o il Conrad e il Village insieme. Anche per questo segmento la stagione si sta allungando; gli organizzatori, oltre agli spazi, chiedono esperienze al di fuori della struttura».","post_title":"Al via la nuova stagione del Chia Laguna: tutte le novità del resort","post_date":"2024-03-12T12:20:55+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1710246055000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463115","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si avvicina a grandi passi il momento del debutto della Queen Anne: la nuova ammiraglia Cunard, quarta nave della flotta, effettuerà il proprio viaggio inaugurale il prossimo 10 maggio da Southampton a Lisbona. L'unità da 113 mila tonnellate e 3 mila passeggeri costruita in Italia da Fincantieri racchiude, nei 14 ponti a disposizione, un’offerta completa. A partire dalle nuove esperienze culinarie e multisensoriali proposte nei 15 ristoranti, molti dei quali con vista, sino alle più disparate attività sportive con campo da padel e golf, bar e punti ritrovo dalle atmosfere britanniche, piscina e idromassaggi da intrattenimenti e attività e un focus prioritario su salute e benessere con un programma olistico dedicato e l’esclusiva collaborazione con Harper’s Bazaar; e ancora l’atmosfera alla James Bond del casinò, il teatro e la collaborazione esclusiva con il pluripremiato produttore teatrale di Broadway, David Pugh.\r\n\r\nSu una nave Cunard non può inoltre mancare la firma di una vera esperienza britannica: il rito del tè pomeridiano, servito tutti i pomeriggi in guanti bianchi nella scenografica Ball Room; ma la vera punta di diamante sarà la più grande collezione d’arte mai curata in mare: oltre 3 mila artisti e designer sono stati coinvolti nel progetto e verrà esposta una collezione contemporanea di più di 4.300 opere d’arte e sculture. Tra i programmi della Queen Anne spicca anche il Giro del mondo in calendario dal 9 gennaio al 27 aprile che in 107 notti effettuerà la circumnavigazione completa del globo verso ovest (vendibile anche in singole tratte).","post_title":"Si avvicina il debutto della Queen Anne: appuntamento a Southampton il 10 maggio","post_date":"2024-03-08T11:21:54+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1709896914000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463092","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un inizio anno con il vento in poppa per Toscana Aeroporti, che registra il miglior febbraio della sua storia con un totale di oltre 443.000 passeggeri nei due scali di Firenze e Pisa, il 14,7% in più rispetto al 2023.\r\n\r\nUn traguardo tagliato grazie alla crescita sia dei movimenti totali dei voli (+8,4% su febbraio 2023) sia del load factor che ha visto un incremento di circa 3 punti percentuali rispetto all'anno precedente, passando dall'81,1% all'84%.\r\n\r\nNei primi due mesi del 2024, il Sistema Aeroportuale Toscano ha superato i 903.000 passeggeri complessivi, con una crescita del +11,5% rispetto allo stesso periodo del 2023.\r\n\r\nNel dettaglio, il Vespucci di Firenze ha registrato un nuovo mese record, con oltre 192.000 passeggeri, segnando il miglior febbraio di sempre con una crescita del +32,2% rispetto al 2023. A febbraio, sia il traffico nazionale (+88,7%) che internazionale (+26,1%) sono in crescita rispetto al 2023. Tra le destinazioni più richieste ci sono Parigi, Londra, Amsterdam, Roma e Madrid. Complessivamente, nei primi due mesi del 2024, entrambi mesi record per l'aeroporto di Firenze, sono transitati 387.000 passeggeri, +32,3% sul 2023.\r\n\r\nIl Galilei di Pisa ha invece totalizzato più di 250.000 passeggeri, con un incremento del +4,1% rispetto allo stesso mese del 2023, in netta ripresa rispetto al mese precedente di gennaio, in cui si era registrata una diminuzione del 4,1%. Il traffico passeggeri internazionale è in crescita (+12,6%) rispetto alla diminuzione (-10,7%) di quello domestico. Le destinazioni più apprezzate a febbraio 2024 sono state Tirana, Londra, Palermo, Parigi e Catania. Il traffico passeggeri totale dello scalo pisano nei primi due mesi dell’anno ha raggiunto oltre 516.000 passeggeri, in linea (-0,3%) con il traffico dello stesso periodo 2023.","post_title":"Toscana Aeroporti: inizio 2024 con un boom di traffico passeggeri","post_date":"2024-03-08T10:21:45+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709893305000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462364","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo la pausa Covid è di nuovo sorpasso: nel corso del 2023 gli arrivi e le presenze internazionali sono state superiori a quelle domestiche. Era già successo nell'anno pre-pandemico 2019, dopo una rincorsa durata anni. Il Covid aveva poi mescolato le carte, sostanzialmente impedendo o limitando fortemente gli spostamenti tra Stati, ma il percorso era già segnato. E ora, con il primo anno finalmente \"normale\", non segnato cioè dalla coda pandemica come è stato agli inizi del 2022, il fenomeno si è dimostrato nella sua natura di trend strutturale: nel 2023 gli arrivi internazionali sono stati 62,8 milioni (+14%), le presenze 222,6 milioni (+10,7%). Arrivi e pernottamenti domestici si sono invece fermati a quota 62,2 milioni (-1,9%) e 208,5 milioni (-1,1%).\r\n\r\nLo rivelano i dati ancora provvisori di Enit, presentati in occasione di un evento organizzato a Milano da Confindustria Alberghi per illustrare il proprio Osservatorio 2023 elaborato in collaborazione con Str. Ma non è solo una questione numerica. I flussi dall'estero tendono infatti a supportare la destagionalizzazione dell'offerta: \"I mercati internazionali - ha spiegato la market research and statistics manager dell'Enit, Elena Di Raco - si muovono soprattutto durante i mesi di spalla. La quota di arrivi dall'estero è in particolare più rilevante in primavera e durante il bimestre settembre - ottobre. Il recupero dell'anno scorso è stato inoltre supportato dalla ripresa del lungo raggio. A partire specialmente dagli americani ma abbiamo osservato anche un certo ritorno dei turisti orientali. Si tratta in altre parole di una domanda alto-spendente, che spesso prenota anche con 50 giorni di anticipo\".\r\n\r\n[caption id=\"attachment_462372\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Alina Minut[/caption]\r\n\r\nLa ripartenza del mercato Usa è confermato anche dalle cifre Str sull'intero continente europeo: \"Solo nel mese di giugno - ha osservato la senior account manager Italy di Str CoStar, Alina Minut - abbiamo registrato qualcosa come 3 milioni di arrivi dagli Stati Uniti nel Vecchio Continente\". Ciò detto in molte destinazioni europee gli hotel non sono ancora riusciti a recuperare i livelli di occupazione pre-Covid: Milano, seppur di poco, è per esempio rimasta sotto di due punti percentuali rispetto a quattro anni prima; Roma è a meno uno, Londra a meno quattro, Amsterdam a meno otto, Berlino e Vienna addirittura a meno dieci. A pesare è stata soprattutto la debolezza della domanda gruppi. In parte anche l'assenza del mercato cinese, così come una certa fragilità dell'economia globale. La contrazione dell'occupazione è stata però controbilanciata da una contemporanea, sensibile crescita delle tariffe (trainate pure dall'inflazione, ndr): A Roma nel giro di un anno sono per esempio salite del 20%, a Milano del 14%. Altrove, in Europa, si parla di un +14% a Parigi, +16% a Bruxellese, +15% a Berlino, +12% a Vienna e +11% ad Amsterdam.\r\n\r\n\"I prezzi camera sono cresciuti talmente tanto in Italia - ha proseguito Alina Minut - che per quest'anno le nostre previsioni a livello di revpar sono piatte per le strutture di Milano e Roma. In forte ripresa saranno invece con ogni probabilità le destinazioni di lingua tedesca, i cosiddetti paesi Dach, che al contrario hanno fino a oggi faticato a riprendersi dopo il biennio pandemico. Infine una piccola notazione competitiva. Se infatti la Spagna continua a essere il paese con più pernottamenti in Europa (452 milioni), seguito dall'Italia (431 milioni), va tenuto però in considerazione che nella destinazione tricolore i prezzi per camera sono mediamente superiori di circa 30 euro rispetto al paese iberico\".","post_title":"Aica - Enit: nel 2023 nuovo sorpasso degli arrivi internazionali sui domestici","post_date":"2024-02-28T10:09:42+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1709114982000]}]}}

Lascia un commento