16 April 2024

1096

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

InViaggi Tour operator ricerca per ampliamento organico, due promotori commerciali per le seguenti zone:
N°1 Liguria e basso Piemonte
N°1 Lombardia
Si offre contratto Enasarco, monomandatario.
Inviare curriculum vitae a: commerciale@inviaggi.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464702 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aumento di capitale in vista per Club del Sole. Il veicolo di investimento Nb Aurora, che ha acquisito il 40% del gruppo open air nel 2018 attraverso la controllata First Club, ha infatti appena sottoscritto un accordo vincolante per la cessione a The Equity Club dell'intera sua partecipazione nella holding dell'operatore romagnolo. L'operazione avrà un controvalore complessivo di circa 109 milioni di euro, di cui circa 35 milioni di competenza dello stesso Nb Aurora. L'accordo prevede un reinvestimento in Club del Sole da parte di Nb Aurora, insieme ad altri fondi gestiti dalla controllante Neuberger Berman e ad alcuni co-investitori, per un importo massimo di 65 milioni di euro (di cui almeno 45 milioni di competenza di Nb Aurora). Il tutto anche attraverso la sottoscrizione, insieme a Tec, di un importante aumento di capitale destinato a supportare l‘ulteriore crescita della società. [caption id="attachment_464710" align="alignright" width="300"] Niccolò Querci[/caption] La famiglia Giondi, che ha fondato l'operatore open air nel 1974, continuerà a mantenere la maggioranza del capitale e a guidare il progetto industriale. Il closing dell’operazione è atteso per inizio maggio 2024. The Equity Club è un'iniziativa di club deal promossa da Mediobanca insieme a Roberto Ferraresi e Filippo Penatti. Stando a BeBeez e a Milano Finanza, al termine dell'intero articolato processo, a Tec dovrebbe far capo il 29% della holding Club del Sole, mentre a Nb Aurora e soci, tra i quali Red Circle Investments dell’imprenditore veneto Renzo Rosso, rimarrebbe il 20% della società. Clearwater International ha assistito The Equity Club in qualità di m&a advisor, con un team composto da Niccoló Querci, Omar Laroussi Bussi e Arturo Gregorini. L'operazione è stata inoltre condotta con l’ausilio di due financial advisor: Rothschild & Co e Credem Euromobiliare Private Banking. [post_title] => Club del Sole verso un aumento di capitale. In arrivo un nuovo partner finanziario [post_date] => 2024-04-02T12:10:42+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712059842000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464693 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Grecia consolida ulteriormente la progressiva e costante ripresa che ha caratterizzato gli anni post pandemia: nel 2023 gli arrivi internazionali e le entrate turistiche sono aumentati, rispettivamente, del 4% e del 12% rispetto al 2019. Se confrontato con il 2022 il traffico turistico in entrata in Grecia è aumentato del 17,6% e ha raggiunto circa i 32,7 milioni di viaggiatori, rispetto ai 27,8 milioni del 2022; le entrate dei viaggi lo scorso anno hanno registrato un aumento del 15,7% rispetto al 2022 e sono state pari a 20,460 miliardi di euro. Secondo l'Insete - l'unità di ricerca della Greek Tourism Confederation - avendo definitivamente superato le cifre del 2019, il 2023 è ora il nuovo anno di riferimento per l'andamento del turismo in Grecia. La recente analisi evidenza che nel 2023 gli arrivi aerei internazionali hanno raggiunto quota 24,1 milioni, con un aumento di 2,5 milioni (+11,8%) rispetto al 2022. Gli aeroporti di Atene e Salonicco hanno registrato una crescita significativa degli arrivi, rispettivamente del 27,4% e del 19,4% nel 2023 rispetto al 2022. Entrambi gli scali hanno registrato una crescita impressionante, soprattutto nel primo trimestre del 2023, rispetto al primo trimestre del 2022, quando erano ancora in vigore le restrizioni di viaggio dovute alla Covid-19. Gli arrivi internazionali su strada hanno raggiunto i 10,4 milioni, rispetto agli 8,0 milioni del periodo gennaio-dicembre 2022, registrando un aumento significativo di 2,4 milioni (+30,4%). Performance da record per crociere e traghetti, sulle rotte dell'Adriatico, che hanno superato tutti i numeri degli anni passati in termini di arrivi di passeggeri: il totale degli arrivi di navi da crociera nei 49 porti greci ha così raggiunto quota 5.230 e il numero di passeggeri ha toccato i 7 milioni, con un aumento di 450 arrivi di navi (+9%) e un incremento di 2,4 milioni di passeggeri (+51%) rispetto al 2022. Infine, in termini di entrate, che si sono attestate a circa 20,4 milioni di euro per una crescita del 15,7% rispetto al 2022, l'istituto di ricerca mostra che l'11,5% è da attribuirsi ai residenti nei Paesi dell'Unione europea: in particolare, le entrate dalla Germania sono aumentate del 9,5%, raggiungendo circa 3,56 milioni di euro, mentre quelle dalla Francia sono aumentate dell'11,6%, raggiungendo circa 1,42 milioni di euro. Dai Paesi al di fuori dell'Ue le entrate dal Regno Unito sono aumentate del 5,8% (3,3 milioni di euro) e quelle dagli Stati Uniti del 14% (1,36 milioni di euro).  [post_title] => Grecia avanti tutta rispetto al 2019: boom del traffico crocieristico [post_date] => 2024-04-02T11:40:05+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712058005000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464555 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ai nastri di partenza la primavera-estate di Trenord, che prende il via proprio in concomitanza al weekend di Pasqua: riflettori puntati su itinerari treno+esperienza verso le mete del turismo in Lombardia, più corse verso i laghi nei weekend, collegamenti diretti con le riviere liguri di Levante e Ponente. «Nei weekend e nei mesi estivi, il trasporto pubblico è e deve diventare sempre più un mezzo per il turismo. Questo è un passo fondamentale per un futuro più sostenibile - osserva Leonardo Cesarini, direttore commerciale Trenord -. Da anni lavoriamo per incoraggiare turisti e cittadini a usare i nostri treni nel tempo libero, e i risultati sono positivi: nel 2023, in 10,6 milioni hanno viaggiato con noi nei fine settimana e in estate verso mete turistiche; 81.000 hanno scelto gli itinerari delle “Gite in treno”, +32% rispetto al 2022. Quest’anno vogliamo crescere ancora, grazie a nuovi prodotti, più corse verso i laghi e i “Treni del mare”». Sul fronte Gite in treno, un ampio ventaglio di prodotti comprende percorsi treno+battello sui grandi laghi lombardi – Como, Maggiore, Garda, Iseo – e pacchetti che uniscono al viaggio l’ingresso ai più grandi parchi divertimenti della regione. Dal 30 marzo Trenord potenzia il servizio nei festivi sulle linee dirette verso i laghi. Saranno aggiunte due corse sulla linea Milano-Gallarate-Arona-Domodossola e due sulla linea Milano Cadorna-Laveno Mombello Lago, per aumentare i collegamenti fra la città di Milano e il lago Maggiore. Due corse in più circoleranno invece sulla linea Milano Cadorna-Como Lago, per i turisti diretti sul Lario. Sempre dal 30 marzo ripartono anche i “Treni del mare”, che torneranno a collegare Lombardia e Liguria ogni sabato e nei festivi. I “Treni del mare” da Milano e da città come Bergamo, Treviglio, Como, Monza, Seregno, Gallarate, Busto Arsizio, Legnano, Pavia e Voghera porteranno i passeggeri direttamente alle spiagge della Riviera di Levante e di Ponente. L’offerta sarà di cinque coppie di treni al giorno, effettuate in collaborazione da Trenitalia e Trenord.    [post_title] => L'estate leisure di Trenord: tornano i Treni del mare, più corse verso i laghi ed esperienze [post_date] => 2024-03-29T09:30:35+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711704635000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463478 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022). Discorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022). Pambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022). [post_title] => Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's [post_date] => 2024-03-14T13:32:42+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710423162000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463281 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Play ha trasportato 106.042 passeggeri lo scorso febbraio, con un aumento del 66% rispetto allo stesso mese del 2023, con un load factor dell'81%, in crescita su quello del 76,9% dello scorso anno. Sul totale passeggeri che hanno viaggiato con la low cost a febbraio, il 27,9% ha volato dall'Islanda, il 40% ha volato verso l'Islanda e il 32,1% ha viaggiato in coincidenza. La compagnia aerea ha recentemente inserito quattro nuove destinazioni al proprio network: Madeira, che decollerà il prossimo 15 ottobre con un volo alla settimana, il martedì; Marrakech che sarà servita dal 17 ottobre, fino a due volte a settimana, il giovedì e la domenica;  Vilnius e Spalato. "Febbraio è stato un mese piuttosto buono per Play - ha dichiarato Birgir Jónsson, ceo del vettore -. Vediamo che la domanda sta tornando sul mercato dopo un periodo difficile in seguito alle notizie fuorvianti sulla recente attività sismica in Islanda, che hanno raffreddato la domanda per la destinazione negli ultimi mesi. Tuttavia, a febbraio abbiamo visto che la situazione sta cambiando: il nostro load factor dell'81% è stato superiore di 4 punti percentuali rispetto al febbraio dell'anno scorso. Allo stesso tempo, il numero di passeggeri è cresciuto del 66%, raggiungendo le 106 mila unità". [post_title] => Play: aumentano passeggeri e load factor a febbraio. Le novità di Madeira e Marrakech [post_date] => 2024-03-12T11:28:41+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710242921000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462660 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair archivia il mese di febbraio con 11,1 milioni di passeggeri trasportati, in crescita del 5% rispetto allo stesso mese del 2023 (quando i passeggeri erano stati 10,6 milioni), con un load factor del 92%, invariato rispetto a febbraio dello scorso anno. La low cost guidata da Michael O'Leary ha operato oltre 63.000 voli in febbraio, con 800 voli che sono stati cancellati a causa del conflitto Israele/Gaza. Nei 12 mesi a febbraio 2024, la compagnia aerea ha trasportato 182,6 milioni di passeggeri, in aumento del 9% rispetto allo stesso periodo di un anno fa, con un load factor del 94%, in aumento di 1 punto base. Sempre a febbraio Ryanair ha inoltre dichiarato di aver cancellato 800 voli a causa del conflitto tra Israele e Gaza. La scorsa settimana la compagnia aerea ha dichiarato che prevede di trasportare da 198 a 200 milioni di passeggeri nell'anno finanziario a partire da aprile, in calo rispetto ai 205 milioni previsti in precedenza, dopo aver annunciato tagli all'operativo estivo a causa dei ritardi nelle consegne dei Boeing. La compagnia aerea avrebbe dovuto ricevere 57 aerei Boeing Max 8200 entro la fine di aprile, ma l'aggravarsi della crisi Boeing ha fatto sì che ne consegnerà solo 40 prima della fine di giugno.       [post_title] => Ryanair: 11,1 milioni di passeggeri a febbraio, in crescita del 5% [post_date] => 2024-03-04T09:52:06+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709545926000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462502 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Trenord porta alla ribalta le proposte di Gite in treno con 'Il Treno dei Sapori': un viaggio a bordo di un treno turistico della metà del ‘900 che viaggia lungo la sponda bresciana del lago d’Iseo, vivendo un saporito momento eno-gastronomico. Naturalmente a km.0. «È un progetto che vede la sinergia tra Trenord, proprietaria del treno, e ToBe Incentive, il tour operator che si occupa di ogni aspetto della gestione: dalle prenotazioni, ai rapporti con fornitori, enti e realtà locali, all’organizzazione dei percorsi di scoperta del territorio. Si interfaccia anche con le adv - spiega Leonardo Cesarini, direttore commerciale di Trenord -. In questi anni Il Treno dei Sapori ha goduto di una spinta incredibile: è sempre pieno e bisogna prenotare con largo anticipo, anche grazie all’attenzione dei viaggiatori che provengono dai paesi nordici. Abbiamo grandi progetti e stiamo facendo importanti investimenti. Quattro anni fa era possibile mangiare a bordo di questo treno e stiamo lavorando per ottenere le approvazioni che consentano nuovamente di cucinare mentre il treno viaggia. Al momento l’aperitivo viene servito in viaggio, mentre il pranzo a treno fermo, a Iseo o a Pisogne. Valorizziamo così i prodotti della Franciacorta e della Valcamonica in una forma originale: a bordo del treno». «Cresce la tendenza a utilizzare il mezzo pubblico per un turismo sostenibile di prossimità. - prosegue infatti Nadia Baroncelli di ToBe Incentive -. Lavoriamo per il 70% con il mercato italiano e per il restante 30% con il mercato tedesco (Germania, Austria e Svizzera). Il Treno dei Sapori parte al mattino e rientra a fine giornata alla stazione di Iseo. Abbiamo 5,6 tour che si alternano durante la stagione, che va da metà febbraio fino a metà dicembre. La particolarità di questo treno è che a bordo vengono servite degustazioni di prodotti tipici della zona: dall’aperitivo fino al caffè. Sono previste anche delle visite guidate: gli ospiti scendono dal treno e scoprono luoghi di interesse storico e naturalistico, a partire dai borghi di Iseo e Pisogne, affacciati sul lago. In ogni percorso è poi prevista una visita pomeridiana differente. Il “Lago con gusto” è uno degli itinerari più apprezzati: unisce il treno all’escursione in battello sul lago e alla visita di Monteisola. Seguono poi in alternativa gli itinerari con visita al castello di Bornato, al Borgo Antico San Vitale con la sua meravigliosa distilleria e al Monastero di San Pietro in Lamosa, che si affaccia direttamente sulla Riserva Naturalistica delle Torbiere del Sebino». «Le aziende di trasporto pubblico e collettivo sono anche vettori turistici - conclude Cesarini -. Lo dimostrano i numeri: nel 2023 10,6 milioni di viaggiatori hanno utilizzato il treno nel tempo libero, di questi 46.000 hanno acquistato i biglietti integrati treno+esperienza, per gite verso mete turistiche e attività di svago in Lombardia. C’è stato un incremento del 32% rispetto al 2022». [gallery ids="462504,462505,462506"] [post_title] => Trenord: ecco il 'Treno dei Sapori' alla scoperta dei borghi e dei sapori della Lombardia [post_date] => 2024-02-29T12:38:34+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709210314000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462448 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_415903" align="alignleft" width="300"] Salvatore Ombra[/caption] L'aeroporto di Trapani avanza verso la stagione estiva con un'aspettativa di circa 1,1 milioni di passeggeri con un totale di 9375 movimenti. Il network include oggi 25 rotte, 11 nazionali e 14 internazionali. Tra le domestiche ci sono Bergamo, Bologna, Milano Malpensa, Napoli, Pescara, Pisa, Roma Fiumicino, Torino, Treviso, Pantelleria, Forlì tra 11 le nazionali. Le estere partono da e per Charleroi in Belgio, Bod Bordeau in Francia, Billund in Danimarca, Bratislava, NRN Dusseldorf, FKB Karlsluhe Baden Baden in Germania, Malta, Manchester in Inghilterra, Porto, Riga, Siviglia, STN sempre in Gran Bretagna, Tolosa e KTW Katowice in Polonia. I voli sono operati tutti da Ryanair, tranne quello per l'isola di Pantelleria, coperto con la continuità territoriale da Dat, Danish Air Transport con il marchio VolidiSicilia. “Una previsione di un milione di passeggeri, rispetto ai numeri del recente passato – ha dichiarato il presidente di Airgest, Salvatore Ombra - potrebbe essere una buona notizia ma non ci basta. Per far crescere l’aeroporto di Trapani servono risorse e promozione da parte del territorio. Il Vincenzo Florio non è né Catania, né Palermo che autosostengono il traffico passeggeri e riescono a fare utili. In un mercato altamente competitivo siamo riusciti ad attirare il traffico aereo solo grazie all’investimento della Regione Siciliana, riuscendo però a far ricadere sul territorio entrate per 196 e 294 milioni di euro, nel 2022 e 2023, con migliaia di posti di nuovi lavoro creati”.  “Il nostro aeroporto - ha specificato il presidente di Airgest - genera un ritorno economico pari a 45 volte ogni euro investito. È importante quindi che tutti i rappresentanti del territorio facciano lobby per sostenere lo scalo. Solo con investimenti importanti si ottengono grandi numeri. Milioni sono stati investiti dalla Regione Calabria, dalla Puglia, il Friuli Venezia Giulia si è accollata l’addizionale comunale e Bergamo, per diventare l’hub che è oggi, ha investito parecchi milioni e negli anni era come Trapani e oggi è il terzo scalo italiano. Noi possiamo aspirare a 2 milioni di passeggeri all’anno ma è un traguardo che si raggiunge tutti insieme”. [post_title] => L'aeroporto di Trapani punta a oltre 1,1 milioni di passeggeri per la summer [post_date] => 2024-02-29T09:23:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709198628000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461087 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Emirates completa il ripristino del network verso l'Australia con il prossimo ritorno ad Adelaide, che decollerò il 28 ottobre 2024, con frequenze giornaliere da Dubai. Il servizio risponderà la crescente domanda di viaggi da e per l'Australia meridionale e permetterà ai passeggeri di viaggiare tra più di 140 destinazioni nel network globale di Emirates, offrendo un'ampia scelta, flessibilità e connettività.  Emirates ha lanciato per la prima volta i suoi servizi per Adelaide nel 2012 e ha trasportato più di 165.000 passeggeri tra Dubai e la città nel 2019. Entro il 1° dicembre, quando il vettore ripristinerà anche il suo secondo collegamento giornaliero per Perth, la compagnia aerea offrirà 77 voli settimanali dall'Australia con la possibilità di trasportare 68.000 passeggeri a settimana da e per il Paese, tornando così alla sua capacità pre-pandemia. Il ritorno di Emirates segna un importante traguardo per la ripresa dell’Australia del Sud dalla pandemia. Secondo le stime della South Australian Tourism Commission, la spesa turistica dei voli diretti giornalieri senza scalo di Emirates genererà più di 62 milioni di dollari all'anno e creerà più di 315 posti di lavoro equivalenti a tempo pieno per gli australiani del Sud legati al turismo. Ogni volo offrirà anche 14 tonnellate di spazio per le merci, per un totale di 196 tonnellate settimanali tra Dubai e Adelaide. Il valore delle esportazioni di merci è stimato in 98 milioni di dollari all'anno, portando la spesa totale generata dai voli di Emirates ad Adelaide a 160 milioni di dollari. [post_title] => Emirates completa il network sull'Australia con il ripristino, da ottobre, dei voli per Adelaide [post_date] => 2024-02-08T10:09:12+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707386952000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1096" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":88,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464702","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aumento di capitale in vista per Club del Sole. Il veicolo di investimento Nb Aurora, che ha acquisito il 40% del gruppo open air nel 2018 attraverso la controllata First Club, ha infatti appena sottoscritto un accordo vincolante per la cessione a The Equity Club dell'intera sua partecipazione nella holding dell'operatore romagnolo. L'operazione avrà un controvalore complessivo di circa 109 milioni di euro, di cui circa 35 milioni di competenza dello stesso Nb Aurora.\r\n\r\nL'accordo prevede un reinvestimento in Club del Sole da parte di Nb Aurora, insieme ad altri fondi gestiti dalla controllante Neuberger Berman e ad alcuni co-investitori, per un importo massimo di 65 milioni di euro (di cui almeno 45 milioni di competenza di Nb Aurora). Il tutto anche attraverso la sottoscrizione, insieme a Tec, di un importante aumento di capitale destinato a supportare l‘ulteriore crescita della società.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_464710\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Niccolò Querci[/caption]\r\n\r\nLa famiglia Giondi, che ha fondato l'operatore open air nel 1974, continuerà a mantenere la maggioranza del capitale e a guidare il progetto industriale. Il closing dell’operazione è atteso per inizio maggio 2024. The Equity Club è un'iniziativa di club deal promossa da Mediobanca insieme a Roberto Ferraresi e Filippo Penatti. Stando a BeBeez e a Milano Finanza, al termine dell'intero articolato processo, a Tec dovrebbe far capo il 29% della holding Club del Sole, mentre a Nb Aurora e soci, tra i quali Red Circle Investments dell’imprenditore veneto Renzo Rosso, rimarrebbe il 20% della società. Clearwater International ha assistito The Equity Club in qualità di m&a advisor, con un team composto da Niccoló Querci, Omar Laroussi Bussi e Arturo Gregorini. L'operazione è stata inoltre condotta con l’ausilio di due financial advisor: Rothschild & Co e Credem Euromobiliare Private Banking.","post_title":"Club del Sole verso un aumento di capitale. In arrivo un nuovo partner finanziario","post_date":"2024-04-02T12:10:42+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1712059842000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464693","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Grecia consolida ulteriormente la progressiva e costante ripresa che ha caratterizzato gli anni post pandemia: nel 2023 gli arrivi internazionali e le entrate turistiche sono aumentati, rispettivamente, del 4% e del 12% rispetto al 2019.\r\n\r\nSe confrontato con il 2022 il traffico turistico in entrata in Grecia è aumentato del 17,6% e ha raggiunto circa i 32,7 milioni di viaggiatori, rispetto ai 27,8 milioni del 2022; le entrate dei viaggi lo scorso anno hanno registrato un aumento del 15,7% rispetto al 2022 e sono state pari a 20,460 miliardi di euro.\r\n\r\nSecondo l'Insete - l'unità di ricerca della Greek Tourism Confederation - avendo definitivamente superato le cifre del 2019, il 2023 è ora il nuovo anno di riferimento per l'andamento del turismo in Grecia.\r\n\r\nLa recente analisi evidenza che nel 2023 gli arrivi aerei internazionali hanno raggiunto quota 24,1 milioni, con un aumento di 2,5 milioni (+11,8%) rispetto al 2022.\r\nGli aeroporti di Atene e Salonicco hanno registrato una crescita significativa degli arrivi, rispettivamente del 27,4% e del 19,4% nel 2023 rispetto al 2022. Entrambi gli scali hanno registrato una crescita impressionante, soprattutto nel primo trimestre del 2023, rispetto al primo trimestre del 2022, quando erano ancora in vigore le restrizioni di viaggio dovute alla Covid-19.\r\n\r\nGli arrivi internazionali su strada hanno raggiunto i 10,4 milioni, rispetto agli 8,0 milioni del periodo gennaio-dicembre 2022, registrando un aumento significativo di 2,4 milioni (+30,4%).\r\n\r\nPerformance da record per crociere e traghetti, sulle rotte dell'Adriatico, che hanno superato tutti i numeri degli anni passati in termini di arrivi di passeggeri: il totale degli arrivi di navi da crociera nei 49 porti greci ha così raggiunto quota 5.230 e il numero di passeggeri ha toccato i 7 milioni, con un aumento di 450 arrivi di navi (+9%) e un incremento di 2,4 milioni di passeggeri (+51%) rispetto al 2022.\r\n\r\nInfine, in termini di entrate, che si sono attestate a circa 20,4 milioni di euro per una crescita del 15,7% rispetto al 2022, l'istituto di ricerca mostra che l'11,5% è da attribuirsi ai residenti nei Paesi dell'Unione europea: in particolare, le entrate dalla Germania sono aumentate del 9,5%, raggiungendo circa 3,56 milioni di euro, mentre quelle dalla Francia sono aumentate dell'11,6%, raggiungendo circa 1,42 milioni di euro.\r\nDai Paesi al di fuori dell'Ue le entrate dal Regno Unito sono aumentate del 5,8% (3,3 milioni di euro) e quelle dagli Stati Uniti del 14% (1,36 milioni di euro). ","post_title":"Grecia avanti tutta rispetto al 2019: boom del traffico crocieristico","post_date":"2024-04-02T11:40:05+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1712058005000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464555","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ai nastri di partenza la primavera-estate di Trenord, che prende il via proprio in concomitanza al weekend di Pasqua: riflettori puntati su itinerari treno+esperienza verso le mete del turismo in Lombardia, più corse verso i laghi nei weekend, collegamenti diretti con le riviere liguri di Levante e Ponente.\r\n«Nei weekend e nei mesi estivi, il trasporto pubblico è e deve diventare sempre più un mezzo per il turismo. Questo è un passo fondamentale per un futuro più sostenibile - osserva Leonardo Cesarini, direttore commerciale Trenord -. Da anni lavoriamo per incoraggiare turisti e cittadini a usare i nostri treni nel tempo libero, e i risultati sono positivi: nel 2023, in 10,6 milioni hanno viaggiato con noi nei fine settimana e in estate verso mete turistiche; 81.000 hanno scelto gli itinerari delle “Gite in treno”, +32% rispetto al 2022. Quest’anno vogliamo crescere ancora, grazie a nuovi prodotti, più corse verso i laghi e i “Treni del mare”».\r\nSul fronte Gite in treno, un ampio ventaglio di prodotti comprende percorsi treno+battello sui grandi laghi lombardi – Como, Maggiore, Garda, Iseo – e pacchetti che uniscono al viaggio l’ingresso ai più grandi parchi divertimenti della regione.\r\nDal 30 marzo Trenord potenzia il servizio nei festivi sulle linee dirette verso i laghi. Saranno aggiunte due corse sulla linea Milano-Gallarate-Arona-Domodossola e due sulla linea Milano Cadorna-Laveno Mombello Lago, per aumentare i collegamenti fra la città di Milano e il lago Maggiore. Due corse in più circoleranno invece sulla linea Milano Cadorna-Como Lago, per i turisti diretti sul Lario.\r\nSempre dal 30 marzo ripartono anche i “Treni del mare”, che torneranno a collegare Lombardia e Liguria ogni sabato e nei festivi. I “Treni del mare” da Milano e da città come Bergamo, Treviglio, Como, Monza, Seregno, Gallarate, Busto Arsizio, Legnano, Pavia e Voghera porteranno i passeggeri direttamente alle spiagge della Riviera di Levante e di Ponente. L’offerta sarà di cinque coppie di treni al giorno, effettuate in collaborazione da Trenitalia e Trenord. \r\n ","post_title":"L'estate leisure di Trenord: tornano i Treni del mare, più corse verso i laghi ed esperienze","post_date":"2024-03-29T09:30:35+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1711704635000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463478","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022).\r\n\r\nDiscorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022).\r\n\r\nPambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022).","post_title":"Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's","post_date":"2024-03-14T13:32:42+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1710423162000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463281","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Play ha trasportato 106.042 passeggeri lo scorso febbraio, con un aumento del 66% rispetto allo stesso mese del 2023, con un load factor dell'81%, in crescita su quello del 76,9% dello scorso anno.\r\n\r\nSul totale passeggeri che hanno viaggiato con la low cost a febbraio, il 27,9% ha volato dall'Islanda, il 40% ha volato verso l'Islanda e il 32,1% ha viaggiato in coincidenza.\r\n\r\nLa compagnia aerea ha recentemente inserito quattro nuove destinazioni al proprio network: Madeira, che decollerà il prossimo 15 ottobre con un volo alla settimana, il martedì; Marrakech che sarà servita dal 17 ottobre, fino a due volte a settimana, il giovedì e la domenica;  Vilnius e Spalato.\r\n\r\n\"Febbraio è stato un mese piuttosto buono per Play - ha dichiarato Birgir Jónsson, ceo del vettore -. Vediamo che la domanda sta tornando sul mercato dopo un periodo difficile in seguito alle notizie fuorvianti sulla recente attività sismica in Islanda, che hanno raffreddato la domanda per la destinazione negli ultimi mesi. Tuttavia, a febbraio abbiamo visto che la situazione sta cambiando: il nostro load factor dell'81% è stato superiore di 4 punti percentuali rispetto al febbraio dell'anno scorso. Allo stesso tempo, il numero di passeggeri è cresciuto del 66%, raggiungendo le 106 mila unità\".","post_title":"Play: aumentano passeggeri e load factor a febbraio. Le novità di Madeira e Marrakech","post_date":"2024-03-12T11:28:41+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1710242921000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462660","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\nRyanair archivia il mese di febbraio con 11,1 milioni di passeggeri trasportati, in crescita del 5% rispetto allo stesso mese del 2023 (quando i passeggeri erano stati 10,6 milioni), con un load factor del 92%, invariato rispetto a febbraio dello scorso anno.\r\n\r\nLa low cost guidata da Michael O'Leary ha operato oltre 63.000 voli in febbraio, con 800 voli che sono stati cancellati a causa del conflitto Israele/Gaza.\r\n\r\nNei 12 mesi a febbraio 2024, la compagnia aerea ha trasportato 182,6 milioni di passeggeri, in aumento del 9% rispetto allo stesso periodo di un anno fa, con un load factor del 94%, in aumento di 1 punto base.\r\n\r\n\r\nSempre a febbraio Ryanair ha inoltre dichiarato di aver cancellato 800 voli a causa del conflitto tra Israele e Gaza. La scorsa settimana la compagnia aerea ha dichiarato che prevede di trasportare da 198 a 200 milioni di passeggeri nell'anno finanziario a partire da aprile, in calo rispetto ai 205 milioni previsti in precedenza, dopo aver annunciato tagli all'operativo estivo a causa dei ritardi nelle consegne dei Boeing.\r\n\r\nLa compagnia aerea avrebbe dovuto ricevere 57 aerei Boeing Max 8200 entro la fine di aprile, ma l'aggravarsi della crisi Boeing ha fatto sì che ne consegnerà solo 40 prima della fine di giugno.\r\n\r\n \r\n\r\n\r\n\r\n \r\n ","post_title":"Ryanair: 11,1 milioni di passeggeri a febbraio, in crescita del 5%","post_date":"2024-03-04T09:52:06+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709545926000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462502","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\nTrenord porta alla ribalta le proposte di Gite in treno con 'Il Treno dei Sapori': un viaggio a bordo di un treno turistico della metà del ‘900 che viaggia lungo la sponda bresciana del lago d’Iseo, vivendo un saporito momento eno-gastronomico. Naturalmente a km.0.\r\n\r\n«È un progetto che vede la sinergia tra Trenord, proprietaria del treno, e ToBe Incentive, il tour operator che si occupa di ogni aspetto della gestione: dalle prenotazioni, ai rapporti con fornitori, enti e realtà locali, all’organizzazione dei percorsi di scoperta del territorio. Si interfaccia anche con le adv - spiega Leonardo Cesarini, direttore commerciale di Trenord -. In questi anni Il Treno dei Sapori ha goduto di una spinta incredibile: è sempre pieno e bisogna prenotare con largo anticipo, anche grazie all’attenzione dei viaggiatori che provengono dai paesi nordici. Abbiamo grandi progetti e stiamo facendo importanti investimenti. Quattro anni fa era possibile mangiare a bordo di questo treno e stiamo lavorando per ottenere le approvazioni che consentano nuovamente di cucinare mentre il treno viaggia. Al momento l’aperitivo viene servito in viaggio, mentre il pranzo a treno fermo, a Iseo o a Pisogne. Valorizziamo così i prodotti della Franciacorta e della Valcamonica in una forma originale: a bordo del treno».\r\n\r\n«Cresce la tendenza a utilizzare il mezzo pubblico per un turismo sostenibile di prossimità. - prosegue infatti Nadia Baroncelli di ToBe Incentive -. Lavoriamo per il 70% con il mercato italiano e per il restante 30% con il mercato tedesco (Germania, Austria e Svizzera). Il Treno dei Sapori parte al mattino e rientra a fine giornata alla stazione di Iseo. Abbiamo 5,6 tour che si alternano durante la stagione, che va da metà febbraio fino a metà dicembre. La particolarità di questo treno è che a bordo vengono servite degustazioni di prodotti tipici della zona: dall’aperitivo fino al caffè. Sono previste anche delle visite guidate: gli ospiti scendono dal treno e scoprono luoghi di interesse storico e naturalistico, a partire dai borghi di Iseo e Pisogne, affacciati sul lago. In ogni percorso è poi prevista una visita pomeridiana differente. Il “Lago con gusto” è uno degli itinerari più apprezzati: unisce il treno all’escursione in battello sul lago e alla visita di Monteisola. Seguono poi in alternativa gli itinerari con visita al castello di Bornato, al Borgo Antico San Vitale con la sua meravigliosa distilleria e al Monastero di San Pietro in Lamosa, che si affaccia direttamente sulla Riserva Naturalistica delle Torbiere del Sebino».\r\n\r\n«Le aziende di trasporto pubblico e collettivo sono anche vettori turistici - conclude Cesarini -. Lo dimostrano i numeri: nel 2023 10,6 milioni di viaggiatori hanno utilizzato il treno nel tempo libero, di questi 46.000 hanno acquistato i biglietti integrati treno+esperienza, per gite verso mete turistiche e attività di svago in Lombardia. C’è stato un incremento del 32% rispetto al 2022».\r\n\r\n[gallery ids=\"462504,462505,462506\"]","post_title":"Trenord: ecco il 'Treno dei Sapori' alla scoperta dei borghi e dei sapori della Lombardia","post_date":"2024-02-29T12:38:34+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709210314000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462448","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_415903\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Salvatore Ombra[/caption]\r\n\r\nL'aeroporto di Trapani avanza verso la stagione estiva con un'aspettativa di circa 1,1 milioni di passeggeri con un totale di 9375 movimenti. Il network include oggi 25 rotte, 11 nazionali e 14 internazionali.\r\n\r\nTra le domestiche ci sono Bergamo, Bologna, Milano Malpensa, Napoli, Pescara, Pisa, Roma Fiumicino, Torino, Treviso, Pantelleria, Forlì tra 11 le nazionali. Le estere partono da e per Charleroi in Belgio, Bod Bordeau in Francia, Billund in Danimarca, Bratislava, NRN Dusseldorf, FKB Karlsluhe Baden Baden in Germania, Malta, Manchester in Inghilterra, Porto, Riga, Siviglia, STN sempre in Gran Bretagna, Tolosa e KTW Katowice in Polonia. I voli sono operati tutti da Ryanair, tranne quello per l'isola di Pantelleria, coperto con la continuità territoriale da Dat, Danish Air Transport con il marchio VolidiSicilia.\r\n\r\n“Una previsione di un milione di passeggeri, rispetto ai numeri del recente passato – ha dichiarato il presidente di Airgest, Salvatore Ombra - potrebbe essere una buona notizia ma non ci basta. Per far crescere l’aeroporto di Trapani servono risorse e promozione da parte del territorio. Il Vincenzo Florio non è né Catania, né Palermo che autosostengono il traffico passeggeri e riescono a fare utili. In un mercato altamente competitivo siamo riusciti ad attirare il traffico aereo solo grazie all’investimento della Regione Siciliana, riuscendo però a far ricadere sul territorio entrate per 196 e 294 milioni di euro, nel 2022 e 2023, con migliaia di posti di nuovi lavoro creati”.\r\n\r\n “Il nostro aeroporto - ha specificato il presidente di Airgest - genera un ritorno economico pari a 45 volte ogni euro investito. È importante quindi che tutti i rappresentanti del territorio facciano lobby per sostenere lo scalo. Solo con investimenti importanti si ottengono grandi numeri. Milioni sono stati investiti dalla Regione Calabria, dalla Puglia, il Friuli Venezia Giulia si è accollata l’addizionale comunale e Bergamo, per diventare l’hub che è oggi, ha investito parecchi milioni e negli anni era come Trapani e oggi è il terzo scalo italiano. Noi possiamo aspirare a 2 milioni di passeggeri all’anno ma è un traguardo che si raggiunge tutti insieme”.","post_title":"L'aeroporto di Trapani punta a oltre 1,1 milioni di passeggeri per la summer","post_date":"2024-02-29T09:23:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709198628000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461087","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Emirates completa il ripristino del network verso l'Australia con il prossimo ritorno ad Adelaide, che decollerò il 28 ottobre 2024, con frequenze giornaliere da Dubai.\r\nIl servizio risponderà la crescente domanda di viaggi da e per l'Australia meridionale e permetterà ai passeggeri di viaggiare tra più di 140 destinazioni nel network globale di Emirates, offrendo un'ampia scelta, flessibilità e connettività. \r\nEmirates ha lanciato per la prima volta i suoi servizi per Adelaide nel 2012 e ha trasportato più di 165.000 passeggeri tra Dubai e la città nel 2019. Entro il 1° dicembre, quando il vettore ripristinerà anche il suo secondo collegamento giornaliero per Perth, la compagnia aerea offrirà 77 voli settimanali dall'Australia con la possibilità di trasportare 68.000 passeggeri a settimana da e per il Paese, tornando così alla sua capacità pre-pandemia.\r\nIl ritorno di Emirates segna un importante traguardo per la ripresa dell’Australia del Sud dalla pandemia. Secondo le stime della South Australian Tourism Commission, la spesa turistica dei voli diretti giornalieri senza scalo di Emirates genererà più di 62 milioni di dollari all'anno e creerà più di 315 posti di lavoro equivalenti a tempo pieno per gli australiani del Sud legati al turismo. Ogni volo offrirà anche 14 tonnellate di spazio per le merci, per un totale di 196 tonnellate settimanali tra Dubai e Adelaide. Il valore delle esportazioni di merci è stimato in 98 milioni di dollari all'anno, portando la spesa totale generata dai voli di Emirates ad Adelaide a 160 milioni di dollari.","post_title":"Emirates completa il network sull'Australia con il ripristino, da ottobre, dei voli per Adelaide","post_date":"2024-02-08T10:09:12+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707386952000]}]}}

Lascia un commento