22 February 2024

Presto un ulteriore 5 stelle a Roma: a settembre apre il Palazzo Ripetta da 78 camere

[ 0 ]

Prosegue il fermento a 5 stelle della capitale, che vede molti dei principali protagonisti dell’hotellerie di lusso internazionale prepararsi a fare il proprio debutto nella Città eterna. Tra questi ci sono nomi del calibro di Rosewood, Six Senses, Mandarin Oriental, nonché Edition e Bulgari del gruppo Marriott, solo per citarne alcuni. Protagonista dell’ultima novità annunciata è però una struttura indipendente, che sarà inaugurata il prossimo settembre dal gruppo Ginobbi: Palazzo Ripetta mira peraltro a essere il primo di una serie di altre iniziative alberghiere, di cui tuttavia al momento non si conosce la portata.

Situato tra piazza del Popolo e piazza di Spagna, nella via che dà il nome allo stesso Palazzo, l’hotel è il frutto della conversione di un palazzo seicentesco, già ristrutturato nel 1968 dall’architetto Luigi Moretti e poi nuovamente rinnovato a partire dal 2020 a cura degli studio di interior design Fausta Gaetani Design e Moi Architetti. Al momento della sua apertura offrirà un totale di 78 camere e suite, più ristorante.

“L’intento non è solo quello di dare alla città un nuovo punto di riferimento con un edificio di grande pregio, ma anche di raccontare una nuova idea di hotellerie con al centro l’arte, la storia e cultura del nostro Paese – spiega il ceo di Palazzo Ripetta, Giacomo Crisci -. Vogliamo che i nostri ospiti vivano un’esperienza unica ed esclusiva ed è per questo che abbiamo selezionato materiali e prodotti dell’eccellenza italiana, ma saranno soprattutto le persone del nostro staff a fare la differenza”.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462000 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un moltiplicatore di potenza. L'intelligenza artificiale è il tema centrale del dibattito sul digitale di oggi. Un'evoluzione che tutti concordano sarà destinata presto a cambiare il mondo. In quali modalità è ancora difficile da capire fino in fondo, ma del potere dirompente dell'Ai sono davvero in pochi a dubitare. "Anche perché al momento stiamo vivendo solamente la fase due della rivoluzione. Quella che sfrutta il cosiddetto Large language model (Llm), che mette in grado applicazioni come ChatGpt di interpretare linguaggi ed espressioni diverse - spiega il presidente di Federalberghi Lombardia, Fabio Primerano, intervenuto in occasione del seminario sul digital organizzato a Milano da Travel Open Village Hospitality -. Nel futuro ci aspetta ancora lo step della Theory of mind, per cui l'intelligenza artificiale sarà capace di comprendere le emozioni. Infine si potrà forse arrivare alla self-awareness degli strumenti digitali. Una prospettiva per certi versi inquietante, che tuttavia è molto meno remota di quanto si possa comunemente pensare". Un modo nuove di interagire con gli ospiti A fronte di tanti e tali cambiamenti è chiaro quindi che anche il piccolo mondo dell'ospitalità non può sottrarsi dal confronto con le nuove prospettive dell'intelligenza artificiale. "Occorre andare là dove la domanda si dirige - osserva semplicemente Primerano -. E ormai tutti gli ospiti, compresi quelli delle generazioni più mature, si servono degli strumenti digitali in modo sempre più pervasivo". Il primo contesto in cui l'Ai può quindi rivoluzionare gli approcci tradizionali dell'ospitalità è quello delle interazioni con i clienti. Pre, post e durante il soggiorno. "Fino a oggi siamo stati abituati a confrontarci con bot pre-registrati, dotati di una ridotta capacità di relazione con gli utenti. Ora esistono strumenti estremamente flessibili, in grado di imparare dal confronto con il cliente e con lo stesso hotel di cui sono al servizio. I nuovi software possono elaborare in pochi minuti una quantità pressoché infinita di dati provenienti dalle fonti più disparate (pdf, power point, video, immagini...). Restituendo poi all'utente informazioni puntuali, persino con un tono di voce e uno stile difficilmente distinguibile da quello di una classica interazione umana". La questione recensioni, la formazione e l'housekeeping Altro aspetto chiave su cui l'Ai può già essere di grande supporto agli hotelier è poi la questione recensioni. "Il vantaggio in questo caso è sia la capacità dell'intelligenza artificiale di analizzare una mole di dati molto più elevata rispetto a qualsiasi altro strumento sino a oggi disponibile, sia di garantire repliche adeguate al contesto di riferimento di ogni singolo cliente. A partire magari dal paese di origine di ciascun ospite, che impone stili di risposta e toni di relazione differenti". Ma l'Ai potrà aiutare anche in ambito formativo, mettendo per esempio gli allievi nelle condizioni di affrontare simulazioni realistiche con ospiti virtuali. Non mancano neppure possibili applicazioni nel comparto housekeeping: "Le regole dell'hotellerie dicono che la governante dovrebbe ogni giorno controllare a fondo tutte le stanze, per assicurarsi che gli standard di pulizia siano rispettati nel minimo dettaglio. Inutile nascondere che, salvo rarissime eccezioni, questo è praticamente impossibile, solitamente le visite limitandosi a delle camere a campione. Ebbene, oggi da una semplice foto o da un video di cellulare l'Ai è in grado di fare un check completo di ogni stanza in tempi ridotti, assicurando in questo modo il pieno rispetto degli standard". Rivoluzione revenue management Infine c'è il capitolo forse più intuitivo, che è il tema del revenue management. Ancora una volta è la capacità di analizzare grandi volumi di dati a fare la differenza. "Soprattutto perché oggi l'offerta alberghiera si articola su sempre più variabili - conclude Primerano -. Non solo le tipologie di camere si sono moltiplicate, ma anche lo stesso prodotto hotel si declina in tantissime proposte differenti: con o senza colazioni, per numero di persone, per durata del soggiorno e con o senza pensione, mezza o completa che sia... Il tutto senza dimenticare che il confronto con il benchmark di riferimento, in base al quale stabilire di volta in volta il prezzo più adatto, non può più limitarsi a un pugno di hotel competitor di categoria simile. Ma deve includere anche le strutture extralberghiere, che nello scenario contemporaneo della ricettività sono spesso i veri market maker". [post_title] => Primerano, Federalberghi: il futuro dell'hotellerie è nell'intelligenza artificiale [post_date] => 2024-02-21T13:36:37+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708522597000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461895 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Angelo Maria Russo è il nuovo general manager dell’hotel il Pellicano di Porto Ercole. Già da due anni resort manager della struttura toscana, Russo ha portato nel mondo Pellicano un'esperienza frutto di anni di lavoro nel settore con diversi incarichi come il ruolo di deputy director of operations al Bauer Palazzo di Venezia e vice direttore al Qc Termeroma Spa & Resort di Fiumicino, Roma. “Ringrazio il gruppo per avermi dato la fiducia e la possibilità di esprimermi e di poter crescere e, dopo due anni intensi e ricchi di soddisfazioni, sono felice di poter continuare a contribuire con il mio lavoro allo sviluppo e al successo del Pellicano”, sottolinea lo stesso Russo. [post_title] => Angelo Maria Russo nuovo general manager dell’hotel il Pellicano [post_date] => 2024-02-20T10:54:00+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708426440000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461879 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "Un'importante occasione di confronto e divulgazione delle iniziative legate alla comunicazione del mondo antico e alla valorizzazione delle sue testimonianze, dove Shiruq– Viaggi culturali by Mappamondo presenterà la propria offerta culturale e archeologica". Così la direttrice del to, Francesca Lorusso. definisce tourismA, il salone internazionale dedicato all’archeologia e al turismo culturale, alla cui decima edizione parteciperà anche l'operatore milanese acquisito da Mappamondo lo scorso dicembre. L'evento si terrà al palazzo dei congressi di Firenze da venerdì 23 a domenica 25 febbraio.  Shiruq incontrerà gli agenti di viaggio a Buy Cultural Tourism, la settima edizione del workshop b2b del turismo culturale. "La nostra offerta è in continua evoluzione ed espansione” spiega Fabrizio Peluso, sales account Toscana: “Al salone presenteremo interessanti novità". Sempre venerdì, alle 19:30, Shiruq e Visit Saudi accoglieranno gli agenti di viaggio nella cornice di Cinema Paradiso by 25hours hotels, in un evento interamente dedicato all’Arabia Saudita. Sul palco Alberto Truffa (Saudi Tourism Authority), Lucrezia Martinengo (AlUla) e la stessa Francesca Lorusso affronteranno i molteplici aspetti della destinazione, dalle suggestioni alle informazioni più pratiche, ponendo il focus sull’itinerario Scrigno di memorie tra valli desertiche e sulle prossime partenze di gruppo. Sabato 24 febbraio, all'interno della rassegna Viaggi di cultura e archeologia che si terrà presso la sala Limonaia del palazzo (e in diretta Facebook), Shiruq firmerà infine due appuntamenti: alle 11.30 lo storico e giornalista Piero Pasini condurrà il pubblico in un viaggio attraverso Echi di civiltà perdute lungo il Mekong, alla scoperta del Laos più autentico, mentre alle ore 12 porterà in scena la Georgia, con la talk Alla scoperta dell’Antica Colchide. [post_title] => Shiruq alla tourismA di Firenze per parlare di Arabia Saudita, Laos e Georgia [post_date] => 2024-02-20T10:24:27+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708424667000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461835 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non si ferma lo sviluppo della classe Oasis del gruppo Royal Caribbean, che ha appena messo in ordine una nuova nave, la settima della serie. Nonostante non si tratti più della linea più moderna, visto il recente lancio della Icon con l'unità omonima, la Oasis continua evidentemente a essere molto apprezzata dai crocieristi, a quasi 15 anni dal suo debutto a dicembre 2009. La nave verrà costruita presso gli stabilimenti francesi degli Chantiers de l'Atlantique, mentre l'entrata in vigore dell'accordo appena siglato è come di consueto soggetto al reperimento dei finanziamenti necessari, che Rcl si aspetta di ottenere entro la fine di quest'anno. L'unità dovrebbe essere consegnata nel 2028. Nel frattempo, Rcl è in attesa dall'arrivo della seconda nave della classe Icon, la Star of the Seas, per l'estate del 2025. Il prossimo luglio è invece in calendario la consegna della Utopia of the Seas, sesta unità Oasis. In totale il gruppo ha oggi in pipeline otto navi, oltre che per il brand omonimo anche per Celebrity e Silver Cruises, nonché per la joint venture al 50% che opera le unità Tui Cruises e Hapag-Lloyd. [post_title] => Royal Caribbean: in arrivo la settima nave della classe Oasis [post_date] => 2024-02-19T13:30:36+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708349436000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461744 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Spezia si promuove il 24 e 25 febbraio in occasione dell’edizione 2024 della Giornata Internazionale della Guida Turistica (istituita nel 1990 dalla World Federation of Tourist Guides Association e promossa in Italia da ANGT, Associazione Nazionale Guide Turistiche). «In questi anni abbiamo lavorato per promuovere la nostra città in termini turistici partendo dalla riscoperta del suo ricco patrimonio culturale e della sua storia – dichiara il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini – raggiungendo numeri di presenze importanti e circa un milione di notti passate nel nostro territorio nel 2023. Queste due giornate, promosse dall’Associazione Guide Turistiche Liguria, condurranno alla scoperta delle origini di Palazzo Civico, che è la casa di tutti gli spezzini, e della Cattedrale Cristo Re. Un itinerario turistico inusuale che ruota intorno a Piazza Europa e che sarà interessante sia per i turisti sia per chi vive qui ogni giorno». «Le nostre guide turistiche  - aggiuneg l’assessore al Turismo Maria Grazia Frijia - sono un punto di forza un fiore all’occhiello del nostro sistema turistico la loro competenza e capacità e soprattutto la loro passione che mettono nel loro lavoro rappresentano un importante biglietto da visita per la Città. La Spezia sempre più turistica ha tante storie da raccontare e molta Storia da far scoprire valorizzare il ruolo ed il lavoro delle guide turistiche per l’assessorato al turismo è prioritario e strategico». In particolare l’Associazione Guide Turistiche Liguria sezione della Spezia ha proposto visite guidate gratuite, che saranno dedicate alla zona di piazza Europa. "Intorno a piazza Europa: il Palazzo Comunale e la Cattedrale di Cristo Re” è il titolo della iniziativa, che ha ricevuto il patrocinio del Comune della Spezia e che si svolgerà il fine settimana del 24 e 25 febbraio. Nel corso delle visite si ricostruiranno le vicende che hanno determinato la profonda trasformazione di questa area cittadina, occupata in origine dall’ameno colle dei Cappuccini e divenuta, nel corso del Novecento, sede dei due edifici simbolicamente più significativi della città: il Palazzo del Comune che sarà  oggetto di visita e che si aprirà ancora di più alla città e ai cittadini  e la Cattedrale di Cristo Re. Visto il tema generale della edizione 2024, dedicata al turismo verde, nel corso dell’itinerario si parlerà anche dei Giardini Storici, così importanti nel definire l’immagine del lungomare spezzino, e del Parco delle Mura, il suggestivo percorso escursionistico che segue il tracciato delle mura ottocentesche.   [post_title] => La Spezia, i tour tra i giardini storici e il Parco delle Mura per la Giornata Internazionale della Guida Turistica [post_date] => 2024-02-19T11:41:57+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708342917000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461677 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_461680" align="alignleft" width="300"] Un'immagine dell'edizione 2023[/caption] Dalla capacità tutta italiana di unire il bello, lo stile, l'enogastronomia e l'arte dell'accoglienza con il rispetto di persone, culture ed ecosistemi, torna l’evento che celebra e alimenta il dibattito sulle tematiche legate all’alta gamma e a un concetto di turismo sostenibile, nel quale la componente lusso si fa esperienza autentica delle culture locali e veicolo di sviluppo responsabile per comunità e territori. Sono aperte le iscrizioni per la settima edizione della Ecoluxury Fair, in programma a Roma tra il 6 e l'8 novembre nella nuova cornice di palazzo Brancaccio. L'evento si sta affermando sempre più come il punto sullo stato dell’arte in relazione al futuro sostenibile dell’industria turistica del lusso, con circa 200 buyer ed espositori e un numero di interazioni fra partecipanti in crescita del 20% annuo, grazie alle molteplici attività e appuntamenti in calendario. La settima edizione si aprirà in particolare con il consueto forum nel pomeriggio del 6 novembre, a cui parteciperanno istituzioni, imprenditori, studiosi e ambasciatori di un’ospitalità virtuosa. I lavori del workshop b2b interesseranno invece le giornate del 7 e 8 novembre, nel corso delle quali rappresentanti di tutti i settori dell’industria potranno proporsi ai buyer invitati, agenti di viaggio e professionisti del turismo, italiani e  internazionali. A margine delle attività produttive e del forum si svolgeranno inoltre educational sui percorsi meno noti di Roma, Lazio e regioni limitrofe, visite dedicate all’ospitalità romana e serate di networking. “Il nostro un progetto in continua evoluzione. – dichiara Enrico Ducrot, ceo di Viaggi dell’Elefante e ideatore del concept Ecoluxury –: un macro-contenitore, che coinvolge ospitalità, attività, travel, territori, istituzioni. La nostra visione è quella di alimentare un dibattito sull’idea di lusso contemporaneo, durante il quale quale persone, culture e pianeta diventano gli elementi imprescindibili. L’Ecoluxury Fair non è il punto d’arrivo ma una pausa per verificare lo stato di un percorso che si alimenta nel tempo, sviluppando ulteriori contenuti e occasioni di contatto e condivisione tra chi ne fa parte. La nostra ambizione è quella di rendere l'Italia il centro propulsore della cultura Ecoluxury da e per altri mercati: un palco per le eccellenze tricolori in materia di ospitalità di nicchia che affiancano la propria attività ricettiva al concetto di restituire al territorio il valore del flusso turistico.”   [post_title] => Torna a Roma l'Ecoluxury Fair: l'edizione 2024 in programma a novembre a palazzo Brancaccio [post_date] => 2024-02-16T11:27:12+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708082832000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461568 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono il sudafricano Reuben Riffe, il brasiliano Allan Vila Espejo e lo stellato svedese Niklas Ekstedt i tre chef di fama mondiale che saliranno a bordo della seconda tappa della World Cruise 2024 griffata Msc. Il viaggio è attualmente in corso e a oggi la Poesia ha già circumnavigato l'Africa. L'itinerario di quest'anno include in totale 52 diverse destinazioni in 31 paesi differenti. I tre saliranno a bordo in momenti diversi, per preparare menu completi composti da tre o quattro portate, con i migliori e più rappresentativi piatti del proprio Paese. Riffe proporrà in particolare un menu ispirato ai sapori locali, offrendo agli ospiti l'opportunità di assaporare ricette come il pesce marinato al sapore del Capo, l'agnello al pepe di Karoo e il malva pudding. Vila Espejo servirà invece un menu che include un’autentica zuppa di manioca, lo stufato di pesce alla Bahia con verdure e latte di cocco, nonché una tradizionale torta brasiliana al cioccolato e cocco. Ekstedt presenterà infine piatti ispirati agli ingredienti naturali, tra cui aragosta in camicia e salmone confit. Tutti e tre gli chef saranno presenti di persona per accogliere gli ospiti nei ristoranti principali della nave. Chi desidera vivere questa esperienza può ancora prenotare le ultime cabine disponibili per i segmenti più brevi delle Msc World Cruise 2024. Ma è anche già possibile prenotare il giro del mondo del 2025 e del 2026. L'anno prossimo la Magnifica partirà per un itinerario completamente nuovo, che include 50 destinazioni in 21 paesi diversi. La rotta attraverserà il Mediterraneo, l'Africa, il Sud America, la Nuova Zelanda, l'Australia, l'Asia e il mar Rosso, per poi ritornare in Europa, passando per la Giordania e l'Egitto. La World Cruise 2026 invece toccherà 47 destinazioni e 32 paesi con soste notturne a San Francisco, Honolulu, Auckland, Sydney, Manila, Tokyo e Dubai.   [post_title] => Tre chef di fama mondiale salgono a bordo della seconda tappa della World Cruise Msc [post_date] => 2024-02-15T11:55:11+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707998111000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461543 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Parte col botto il 2024 di Valturm che annuncia una nuova gestione diretta, frutto di un accordo pluriennale, la seconda dopo il Cristallo di Cortina: il Baia del Gusmay Beach Resort si trova nel Gargano, in una  posizione strategica trai borghi sul mare di Vieste e Peschici. La struttura dispone di 182 camere e si sviluppa in quattro corpi distinti: il Gusmay, in posizione panoramica, include il ricevimento, le 62 stanze Superior, la spa, il ristorante panoramico per la prima colazione e la piscina relax; l’area Cala del Turco è invece dedicata alle 90 camere Comfort, distribuite in sei edifici di due piani. A completare l'offerta, il corpo con le 20 suite le Dune, a pochi metri dal mare, e l’area con le dieci beach suite le Dune, a ridosso dalla spiaggia lunga ben 300 metri, in cui si trovano anche il ristorante il Ginepro e il beach bar bistrot il Trabucco. Nel cuore del resort, ci sono, invece, il ristorante La Fenice e l’area congressi. In prossimità, lo spazio riservata al divertimento e allo sport con piscina, bar, anfiteatro e l’area miniclub. Complessivamente, gli ospiti avranno a disposizione quattro ristoranti, di cui uno in spiaggia, altrettanti bar, con un raffinato beach bar bistrot, due piscine, di cui una relax, un campo da calcetto, due da tennis, area beach volley, area dedicata al tiro con l’arco, nonché spazio fitness esterno panoramico a pochi metri dal mare. Il centro meeting comprende infine una sala da 500 posti, una da 100 e un spazio più ridotto per riunioni riservate da 15 persone. "Questa struttura è uno dei complessi architettonicamente più significativi di tutto il Mediterraneo e siamo davvero orgogliosi di essere riusciti a portarla nella nostra programmazione, in qualità di secondo resort a gestione diretta - sottolinea l'a.d. del gruppo Nicolaus, Giuseppe Pagliara -. Saremo protagonisti in prima persona di un progetto pluriennale: in partnership con la proprietà, infatti, la famiglia Casarano, è previsto nei prossimi anni un imponente piano di upgrade del resort alla categoria 5 stelle. Il progetto prende il via questa estate e ci vedrà offrire alla distribuzione e agli ospiti un raro microcosmo di incanto”. “Grazie alla varietà delle dotazioni e alla presenza di un centro meeting all’avanguardia, saremo in grado di esprimere al meglio la nostra vision di hospitality company, anche in funzione della destagionalizzazione, andando a lavorare sia su alcuni mercati esteri e sui gruppi sia sul segmento prettamente mice, che potrà godere di uno hortus conclusus in cui organizzare eventi a effetto wow”, gli fa eco Giuseppe Cavallo, amministratore dell’hospitality company del gruppo. [post_title] => Il pugliese Baia del Gusmay secondo resort a gestione diretta Valtur [post_date] => 2024-02-15T11:17:39+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707995859000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461462 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => C'è anche Alpitour tra i grandi marchi inclusi nella mostra Identitalia - The Iconic Italian Brands. Voluta dal ministero delle Imprese e del made in Italy, l'esposizione è ospitata a palazzo Piacentini a Roma. L'iniziativa, a cui hanno aderito 100 aziende, per un totale di 113 marchi, del settore abbigliamento e cura della persona, arredamento, automotive e agroalimentare, nasce per celebrare i 140 anni dell’Ufficio italiano brevetti e marchi, che nel 2019 si è arricchito del Registro speciale dei marchi storici di interesse nazionale, contenente i brand iscritti da più di cinquant’anni e ancora attivi. Lo scopo della mostra, curata dai professori Carlo Martino e Francesco Zurlo, docenti di design all’università La Sapienza di Roma e al Politecnico di Milano, disponibile fino al 6 aprile nell’atrio principale di palazzo Piacentini, è quello di valorizzare un patrimonio industriale, progettuale e materiale di inestimabile valore per il Paese, fatto di storie imprenditoriali di successo e di designer che hanno cambiato il modo di comunicare l’immagine aziendale dei prodotti. “Essere stati scelti dal Mimit ci onora e ci rende orgogliosi – sottolinea Gabriele Burgio, presidente e amministratore delegato di Apitour World – perché significa che Alpitour ha saputo rimanere nel cuore e nella mente di milioni di italiani, crescendo insieme a loro. In questi 75 anni abbiamo raggiunto grandi risultati con impegno, passione e lavoro di squadra. Oggi il brand Alpitour è più vivo che mai e presta il suo nome anche al gruppo, Alpitour World: un’eredità che abbiamo sempre voluto proteggere e celebrare, perché questo marchio ha fatto il turismo italiano”. [post_title] => Alpitour tra i grandi marchi presenti alla mostra Identitalia - The Iconic Italian Brands [post_date] => 2024-02-14T11:23:12+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707909792000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "presto un ulteriore 5 stelle roma settembre apre palazzo ripetta 78 camere" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":49,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":923,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462000","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un moltiplicatore di potenza. L'intelligenza artificiale è il tema centrale del dibattito sul digitale di oggi. Un'evoluzione che tutti concordano sarà destinata presto a cambiare il mondo. In quali modalità è ancora difficile da capire fino in fondo, ma del potere dirompente dell'Ai sono davvero in pochi a dubitare.\r\n\r\n\"Anche perché al momento stiamo vivendo solamente la fase due della rivoluzione. Quella che sfrutta il cosiddetto Large language model (Llm), che mette in grado applicazioni come ChatGpt di interpretare linguaggi ed espressioni diverse - spiega il presidente di Federalberghi Lombardia, Fabio Primerano, intervenuto in occasione del seminario sul digital organizzato a Milano da Travel Open Village Hospitality -. Nel futuro ci aspetta ancora lo step della Theory of mind, per cui l'intelligenza artificiale sarà capace di comprendere le emozioni. Infine si potrà forse arrivare alla self-awareness degli strumenti digitali. Una prospettiva per certi versi inquietante, che tuttavia è molto meno remota di quanto si possa comunemente pensare\".\r\nUn modo nuove di interagire con gli ospiti\r\nA fronte di tanti e tali cambiamenti è chiaro quindi che anche il piccolo mondo dell'ospitalità non può sottrarsi dal confronto con le nuove prospettive dell'intelligenza artificiale. \"Occorre andare là dove la domanda si dirige - osserva semplicemente Primerano -. E ormai tutti gli ospiti, compresi quelli delle generazioni più mature, si servono degli strumenti digitali in modo sempre più pervasivo\".\r\n\r\nIl primo contesto in cui l'Ai può quindi rivoluzionare gli approcci tradizionali dell'ospitalità è quello delle interazioni con i clienti. Pre, post e durante il soggiorno. \"Fino a oggi siamo stati abituati a confrontarci con bot pre-registrati, dotati di una ridotta capacità di relazione con gli utenti. Ora esistono strumenti estremamente flessibili, in grado di imparare dal confronto con il cliente e con lo stesso hotel di cui sono al servizio. I nuovi software possono elaborare in pochi minuti una quantità pressoché infinita di dati provenienti dalle fonti più disparate (pdf, power point, video, immagini...). Restituendo poi all'utente informazioni puntuali, persino con un tono di voce e uno stile difficilmente distinguibile da quello di una classica interazione umana\".\r\nLa questione recensioni, la formazione e l'housekeeping\r\nAltro aspetto chiave su cui l'Ai può già essere di grande supporto agli hotelier è poi la questione recensioni. \"Il vantaggio in questo caso è sia la capacità dell'intelligenza artificiale di analizzare una mole di dati molto più elevata rispetto a qualsiasi altro strumento sino a oggi disponibile, sia di garantire repliche adeguate al contesto di riferimento di ogni singolo cliente. A partire magari dal paese di origine di ciascun ospite, che impone stili di risposta e toni di relazione differenti\".\r\n\r\nMa l'Ai potrà aiutare anche in ambito formativo, mettendo per esempio gli allievi nelle condizioni di affrontare simulazioni realistiche con ospiti virtuali. Non mancano neppure possibili applicazioni nel comparto housekeeping: \"Le regole dell'hotellerie dicono che la governante dovrebbe ogni giorno controllare a fondo tutte le stanze, per assicurarsi che gli standard di pulizia siano rispettati nel minimo dettaglio.\r\n\r\nInutile nascondere che, salvo rarissime eccezioni, questo è praticamente impossibile, solitamente le visite limitandosi a delle camere a campione. Ebbene, oggi da una semplice foto o da un video di cellulare l'Ai è in grado di fare un check completo di ogni stanza in tempi ridotti, assicurando in questo modo il pieno rispetto degli standard\".\r\nRivoluzione revenue management\r\nInfine c'è il capitolo forse più intuitivo, che è il tema del revenue management. Ancora una volta è la capacità di analizzare grandi volumi di dati a fare la differenza. \"Soprattutto perché oggi l'offerta alberghiera si articola su sempre più variabili - conclude Primerano -. Non solo le tipologie di camere si sono moltiplicate, ma anche lo stesso prodotto hotel si declina in tantissime proposte differenti: con o senza colazioni, per numero di persone, per durata del soggiorno e con o senza pensione, mezza o completa che sia... Il tutto senza dimenticare che il confronto con il benchmark di riferimento, in base al quale stabilire di volta in volta il prezzo più adatto, non può più limitarsi a un pugno di hotel competitor di categoria simile. Ma deve includere anche le strutture extralberghiere, che nello scenario contemporaneo della ricettività sono spesso i veri market maker\".","post_title":"Primerano, Federalberghi: il futuro dell'hotellerie è nell'intelligenza artificiale","post_date":"2024-02-21T13:36:37+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza","topnews"],"post_tag_name":["In evidenza","Top News"]},"sort":[1708522597000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461895","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Angelo Maria Russo è il nuovo general manager dell’hotel il Pellicano di Porto Ercole. Già da due anni resort manager della struttura toscana, Russo ha portato nel mondo Pellicano un'esperienza frutto di anni di lavoro nel settore con diversi incarichi come il ruolo di deputy director of operations al Bauer Palazzo di Venezia e vice direttore al Qc Termeroma Spa & Resort di Fiumicino, Roma.\r\n\r\n“Ringrazio il gruppo per avermi dato la fiducia e la possibilità di esprimermi e di poter crescere e, dopo due anni intensi e ricchi di soddisfazioni, sono felice di poter continuare a contribuire con il mio lavoro allo sviluppo e al successo del Pellicano”, sottolinea lo stesso Russo.","post_title":"Angelo Maria Russo nuovo general manager dell’hotel il Pellicano","post_date":"2024-02-20T10:54:00+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708426440000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461879","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"Un'importante occasione di confronto e divulgazione delle iniziative legate alla comunicazione del mondo antico e alla valorizzazione delle sue testimonianze, dove Shiruq– Viaggi culturali by Mappamondo presenterà la propria offerta culturale e archeologica\". Così la direttrice del to, Francesca Lorusso. definisce tourismA, il salone internazionale dedicato all’archeologia e al turismo culturale, alla cui decima edizione parteciperà anche l'operatore milanese acquisito da Mappamondo lo scorso dicembre. L'evento si terrà al palazzo dei congressi di Firenze da venerdì 23 a domenica 25 febbraio. \r\n\r\nShiruq incontrerà gli agenti di viaggio a Buy Cultural Tourism, la settima edizione del workshop b2b del turismo culturale. \"La nostra offerta è in continua evoluzione ed espansione” spiega Fabrizio Peluso, sales account Toscana: “Al salone presenteremo interessanti novità\". Sempre venerdì, alle 19:30, Shiruq e Visit Saudi accoglieranno gli agenti di viaggio nella cornice di Cinema Paradiso by 25hours hotels, in un evento interamente dedicato all’Arabia Saudita. Sul palco Alberto Truffa (Saudi Tourism Authority), Lucrezia Martinengo (AlUla) e la stessa Francesca Lorusso affronteranno i molteplici aspetti della destinazione, dalle suggestioni alle informazioni più pratiche, ponendo il focus sull’itinerario Scrigno di memorie tra valli desertiche e sulle prossime partenze di gruppo.\r\n\r\nSabato 24 febbraio, all'interno della rassegna Viaggi di cultura e archeologia che si terrà presso la sala Limonaia del palazzo (e in diretta Facebook), Shiruq firmerà infine due appuntamenti: alle 11.30 lo storico e giornalista Piero Pasini condurrà il pubblico in un viaggio attraverso Echi di civiltà perdute lungo il Mekong, alla scoperta del Laos più autentico, mentre alle ore 12 porterà in scena la Georgia, con la talk Alla scoperta dell’Antica Colchide.","post_title":"Shiruq alla tourismA di Firenze per parlare di Arabia Saudita, Laos e Georgia","post_date":"2024-02-20T10:24:27+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708424667000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461835","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non si ferma lo sviluppo della classe Oasis del gruppo Royal Caribbean, che ha appena messo in ordine una nuova nave, la settima della serie. Nonostante non si tratti più della linea più moderna, visto il recente lancio della Icon con l'unità omonima, la Oasis continua evidentemente a essere molto apprezzata dai crocieristi, a quasi 15 anni dal suo debutto a dicembre 2009. La nave verrà costruita presso gli stabilimenti francesi degli Chantiers de l'Atlantique, mentre l'entrata in vigore dell'accordo appena siglato è come di consueto soggetto al reperimento dei finanziamenti necessari, che Rcl si aspetta di ottenere entro la fine di quest'anno.\r\n\r\nL'unità dovrebbe essere consegnata nel 2028. Nel frattempo, Rcl è in attesa dall'arrivo della seconda nave della classe Icon, la Star of the Seas, per l'estate del 2025. Il prossimo luglio è invece in calendario la consegna della Utopia of the Seas, sesta unità Oasis. In totale il gruppo ha oggi in pipeline otto navi, oltre che per il brand omonimo anche per Celebrity e Silver Cruises, nonché per la joint venture al 50% che opera le unità Tui Cruises e Hapag-Lloyd.","post_title":"Royal Caribbean: in arrivo la settima nave della classe Oasis","post_date":"2024-02-19T13:30:36+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708349436000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461744","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Spezia si promuove il 24 e 25 febbraio in occasione dell’edizione 2024 della Giornata Internazionale della Guida Turistica (istituita nel 1990 dalla World Federation of Tourist Guides Association e promossa in Italia da ANGT, Associazione Nazionale Guide Turistiche).\r\n\r\n«In questi anni abbiamo lavorato per promuovere la nostra città in termini turistici partendo dalla riscoperta del suo ricco patrimonio culturale e della sua storia – dichiara il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini – raggiungendo numeri di presenze importanti e circa un milione di notti passate nel nostro territorio nel 2023. Queste due giornate, promosse dall’Associazione Guide Turistiche Liguria, condurranno alla scoperta delle origini di Palazzo Civico, che è la casa di tutti gli spezzini, e della Cattedrale Cristo Re. Un itinerario turistico inusuale che ruota intorno a Piazza Europa e che sarà interessante sia per i turisti sia per chi vive qui ogni giorno».\r\n\r\n«Le nostre guide turistiche  - aggiuneg l’assessore al Turismo Maria Grazia Frijia - sono un punto di forza un fiore all’occhiello del nostro sistema turistico la loro competenza e capacità e soprattutto la loro passione che mettono nel loro lavoro rappresentano un importante biglietto da visita per la Città. La Spezia sempre più turistica ha tante storie da raccontare e molta Storia da far scoprire valorizzare il ruolo ed il lavoro delle guide turistiche per l’assessorato al turismo è prioritario e strategico».\r\n\r\nIn particolare l’Associazione Guide Turistiche Liguria sezione della Spezia ha proposto visite guidate gratuite, che saranno dedicate alla zona di piazza Europa.\r\n\r\n\"Intorno a piazza Europa: il Palazzo Comunale e la Cattedrale di Cristo Re” è il titolo della iniziativa, che ha ricevuto il patrocinio del Comune della Spezia e che si svolgerà il fine settimana del 24 e 25 febbraio. Nel corso delle visite si ricostruiranno le vicende che hanno determinato la profonda trasformazione di questa area cittadina, occupata in origine dall’ameno colle dei Cappuccini e divenuta, nel corso del Novecento, sede dei due edifici simbolicamente più significativi della città: il Palazzo del Comune che sarà  oggetto di visita e che si aprirà ancora di più alla città e ai cittadini  e la Cattedrale di Cristo Re.\r\n\r\nVisto il tema generale della edizione 2024, dedicata al turismo verde, nel corso dell’itinerario si parlerà anche dei Giardini Storici, così importanti nel definire l’immagine del lungomare spezzino, e del Parco delle Mura, il suggestivo percorso escursionistico che segue il tracciato delle mura ottocentesche.\r\n\r\n ","post_title":"La Spezia, i tour tra i giardini storici e il Parco delle Mura per la Giornata Internazionale della Guida Turistica","post_date":"2024-02-19T11:41:57+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1708342917000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461677","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_461680\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Un'immagine dell'edizione 2023[/caption]\r\n\r\nDalla capacità tutta italiana di unire il bello, lo stile, l'enogastronomia e l'arte dell'accoglienza con il rispetto di persone, culture ed ecosistemi, torna l’evento che celebra e alimenta il dibattito sulle tematiche legate all’alta gamma e a un concetto di turismo sostenibile, nel quale la componente lusso si fa esperienza autentica delle culture locali e veicolo di sviluppo responsabile per comunità e territori. Sono aperte le iscrizioni per la settima edizione della Ecoluxury Fair, in programma a Roma tra il 6 e l'8 novembre nella nuova cornice di palazzo Brancaccio.\r\n\r\nL'evento si sta affermando sempre più come il punto sullo stato dell’arte in relazione al futuro sostenibile dell’industria turistica del lusso, con circa 200 buyer ed espositori e un numero di interazioni fra partecipanti in crescita del 20% annuo, grazie alle molteplici attività e appuntamenti in calendario. La settima edizione si aprirà in particolare con il consueto forum nel pomeriggio del 6 novembre, a cui parteciperanno istituzioni, imprenditori, studiosi e ambasciatori di un’ospitalità virtuosa. I lavori del workshop b2b interesseranno invece le giornate del 7 e 8 novembre, nel corso delle quali rappresentanti di tutti i settori dell’industria potranno proporsi ai buyer invitati, agenti di viaggio e professionisti del turismo, italiani e  internazionali. A margine delle attività produttive e del forum si svolgeranno inoltre educational sui percorsi meno noti di Roma, Lazio e regioni limitrofe, visite dedicate all’ospitalità romana e serate di networking.\r\n“Il nostro un progetto in continua evoluzione. – dichiara Enrico Ducrot, ceo di Viaggi dell’Elefante e ideatore del concept Ecoluxury –: un macro-contenitore, che coinvolge ospitalità, attività, travel, territori, istituzioni. La nostra visione è quella di alimentare un dibattito sull’idea di lusso contemporaneo, durante il quale quale persone, culture e pianeta diventano gli elementi imprescindibili. L’Ecoluxury Fair non è il punto d’arrivo ma una pausa per verificare lo stato di un percorso che si alimenta nel tempo, sviluppando ulteriori contenuti e occasioni di contatto e condivisione tra chi ne fa parte. La nostra ambizione è quella di rendere l'Italia il centro propulsore della cultura Ecoluxury da e per altri mercati: un palco per le eccellenze tricolori in materia di ospitalità di nicchia che affiancano la propria attività ricettiva al concetto di restituire al territorio il valore del flusso turistico.”\r\n\r\n ","post_title":"Torna a Roma l'Ecoluxury Fair: l'edizione 2024 in programma a novembre a palazzo Brancaccio","post_date":"2024-02-16T11:27:12+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708082832000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461568","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono il sudafricano Reuben Riffe, il brasiliano Allan Vila Espejo e lo stellato svedese Niklas Ekstedt i tre chef di fama mondiale che saliranno a bordo della seconda tappa della World Cruise 2024 griffata Msc. Il viaggio è attualmente in corso e a oggi la Poesia ha già circumnavigato l'Africa. L'itinerario di quest'anno include in totale 52 diverse destinazioni in 31 paesi differenti. I tre saliranno a bordo in momenti diversi, per preparare menu completi composti da tre o quattro portate, con i migliori e più rappresentativi piatti del proprio Paese.\r\n\r\nRiffe proporrà in particolare un menu ispirato ai sapori locali, offrendo agli ospiti l'opportunità di assaporare ricette come il pesce marinato al sapore del Capo, l'agnello al pepe di Karoo e il malva pudding. Vila Espejo servirà invece un menu che include un’autentica zuppa di manioca, lo stufato di pesce alla Bahia con verdure e latte di cocco, nonché una tradizionale torta brasiliana al cioccolato e cocco. Ekstedt presenterà infine piatti ispirati agli ingredienti naturali, tra cui aragosta in camicia e salmone confit. Tutti e tre gli chef saranno presenti di persona per accogliere gli ospiti nei ristoranti principali della nave. Chi desidera vivere questa esperienza può ancora prenotare le ultime cabine disponibili per i segmenti più brevi delle Msc World Cruise 2024.\r\n\r\nMa è anche già possibile prenotare il giro del mondo del 2025 e del 2026. L'anno prossimo la Magnifica partirà per un itinerario completamente nuovo, che include 50 destinazioni in 21 paesi diversi. La rotta attraverserà il Mediterraneo, l'Africa, il Sud America, la Nuova Zelanda, l'Australia, l'Asia e il mar Rosso, per poi ritornare in Europa, passando per la Giordania e l'Egitto. La World Cruise 2026 invece toccherà 47 destinazioni e 32 paesi con soste notturne a San Francisco, Honolulu, Auckland, Sydney, Manila, Tokyo e Dubai.\r\n\r\n ","post_title":"Tre chef di fama mondiale salgono a bordo della seconda tappa della World Cruise Msc","post_date":"2024-02-15T11:55:11+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1707998111000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461543","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Parte col botto il 2024 di Valturm che annuncia una nuova gestione diretta, frutto di un accordo pluriennale, la seconda dopo il Cristallo di Cortina: il Baia del Gusmay Beach Resort si trova nel Gargano, in una  posizione strategica trai borghi sul mare di Vieste e Peschici. La struttura dispone di 182 camere e si sviluppa in quattro corpi distinti: il Gusmay, in posizione panoramica, include il ricevimento, le 62 stanze Superior, la spa, il ristorante panoramico per la prima colazione e la piscina relax; l’area Cala del Turco è invece dedicata alle 90 camere Comfort, distribuite in sei edifici di due piani. A completare l'offerta, il corpo con le 20 suite le Dune, a pochi metri dal mare, e l’area con le dieci beach suite le Dune, a ridosso dalla spiaggia lunga ben 300 metri, in cui si trovano anche il ristorante il Ginepro e il beach bar bistrot il Trabucco.\r\n\r\nNel cuore del resort, ci sono, invece, il ristorante La Fenice e l’area congressi. In prossimità, lo spazio riservata al divertimento e allo sport con piscina, bar, anfiteatro e l’area miniclub. Complessivamente, gli ospiti avranno a disposizione quattro ristoranti, di cui uno in spiaggia, altrettanti bar, con un raffinato beach bar bistrot, due piscine, di cui una relax, un campo da calcetto, due da tennis, area beach volley, area dedicata al tiro con l’arco, nonché spazio fitness esterno panoramico a pochi metri dal mare. Il centro meeting comprende infine una sala da 500 posti, una da 100 e un spazio più ridotto per riunioni riservate da 15 persone.\r\n\r\n\"Questa struttura è uno dei complessi architettonicamente più significativi di tutto il Mediterraneo e siamo davvero orgogliosi di essere riusciti a portarla nella nostra programmazione, in qualità di secondo resort a gestione diretta - sottolinea l'a.d. del gruppo Nicolaus, Giuseppe Pagliara -. Saremo protagonisti in prima persona di un progetto pluriennale: in partnership con la proprietà, infatti, la famiglia Casarano, è previsto nei prossimi anni un imponente piano di upgrade del resort alla categoria 5 stelle. Il progetto prende il via questa estate e ci vedrà offrire alla distribuzione e agli ospiti un raro microcosmo di incanto”.\r\n\r\n“Grazie alla varietà delle dotazioni e alla presenza di un centro meeting all’avanguardia, saremo in grado di esprimere al meglio la nostra vision di hospitality company, anche in funzione della destagionalizzazione, andando a lavorare sia su alcuni mercati esteri e sui gruppi sia sul segmento prettamente mice, che potrà godere di uno hortus conclusus in cui organizzare eventi a effetto wow”, gli fa eco Giuseppe Cavallo, amministratore dell’hospitality company del gruppo.","post_title":"Il pugliese Baia del Gusmay secondo resort a gestione diretta Valtur","post_date":"2024-02-15T11:17:39+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1707995859000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461462","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"C'è anche Alpitour tra i grandi marchi inclusi nella mostra Identitalia - The Iconic Italian Brands. Voluta dal ministero delle Imprese e del made in Italy, l'esposizione è ospitata a palazzo Piacentini a Roma. L'iniziativa, a cui hanno aderito 100 aziende, per un totale di 113 marchi, del settore abbigliamento e cura della persona, arredamento, automotive e agroalimentare, nasce per celebrare i 140 anni dell’Ufficio italiano brevetti e marchi, che nel 2019 si è arricchito del Registro speciale dei marchi storici di interesse nazionale, contenente i brand iscritti da più di cinquant’anni e ancora attivi. Lo scopo della mostra, curata dai professori Carlo Martino e Francesco Zurlo, docenti di design all’università La Sapienza di Roma e al Politecnico di Milano, disponibile fino al 6 aprile nell’atrio principale di palazzo Piacentini, è quello di valorizzare un patrimonio industriale, progettuale e materiale di inestimabile valore per il Paese, fatto di storie imprenditoriali di successo e di designer che hanno cambiato il modo di comunicare l’immagine aziendale dei prodotti.\r\n\r\n“Essere stati scelti dal Mimit ci onora e ci rende orgogliosi – sottolinea Gabriele Burgio, presidente e amministratore delegato di Apitour World – perché significa che Alpitour ha saputo rimanere nel cuore e nella mente di milioni di italiani, crescendo insieme a loro. In questi 75 anni abbiamo raggiunto grandi risultati con impegno, passione e lavoro di squadra. Oggi il brand Alpitour è più vivo che mai e presta il suo nome anche al gruppo, Alpitour World: un’eredità che abbiamo sempre voluto proteggere e celebrare, perché questo marchio ha fatto il turismo italiano”.","post_title":"Alpitour tra i grandi marchi presenti alla mostra Identitalia - The Iconic Italian Brands","post_date":"2024-02-14T11:23:12+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1707909792000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti