5 December 2022

I piani del Gruppo Swadeshi: “Nuove aperture e un rapporto più stretto con la distribuzione”

[ 0 ]

«Swadeshi è una parola indiana che significa indipendenza economica dei villaggi, autosufficienza e incarna a pieno la filosofia del nostro gruppo».

Carmine Mandola, membro del consiglio di amministrazione e responsabile sviluppo commerciale e organizzazione aziendale del Gruppo Swadeshi, racconta a Travel Quotidiano i progetti in seno all’azienda, che vuole rafforzare e consolidare la sua offerta nel panorama turistico alberghiero nazionale e internazionale, anche grazie al supporto della distribuzione.

«Crediamo molto nelle agenzie di viaggio e nella distribuzione – spiega – e stiamo investendo molto in questi tipo di partnership. L’Italia rappresenta per gli stranieri una destinazione molto ambita e l’opportunità che abbiamo in questo momento è proprio quella di intercettare questo interesse e crescere insieme ai tour operator e alle agenzie di viaggi».

Le iniziative per la distribuzione

Per incentivare l’incoming, il gruppo Swadeshi ha riservato particolare attenzione alle tariffe confidenziali  per il mercato estero per l’estate 2022 ed inverno 2022/2023.

La struttura commerciale del gruppo, rappresentata da Denisa Doru, lavora con la distribuzione riconoscendo commissioni e over commission al raggiungimento del fatturato stabilito. «Ogni accordo viene studiato singolarmente di comune accordo con il partner – spiega Doru -. Questo permette una buona riuscita del contratto in termini di fatturazione. Un modus operandi che permette comunque di mantenere una linearità delle tariffe e delle condizioni generali dell’offerta tra vari operatori».

Il portfolio

Fondata nel 2014, Swadeshi club Hotels vanta strutture di proprietà su tutto il territorio italiano.

Il Palace Pontedilegno Resort a Ponte di Legno in provincia di Brescia, è il punto di partenza per escursioni naturalistiche e a soli 700 mt dagli impianti sciistici; la Rondinaia in Eurocongressi Hotel sul Lago di Garda rappresenta un punto strategico per le visite nella città di Verona o a Gardaland o per chi voglia raggiungere le più belle destinazioni sul Lago di Garda come Bardolino, Lazise, Peschiera del Garda.

Nel portfolio, anche lo Sport Hotel Astoria in Val Badia, l’Hotel Palazzo Caveja a Torre Pedrera in provincia di Rimini, aperto tutto l’anno, e l’Hotel Perla a Madonna di Campiglio, a soli 100 metri dagli impianti sciistici.

Il Gruppo Swadeshi propone anche tre strutture in Costa Smeralda: lo Sporting Hotel Tanca Manca a Cannigione di Arzachena, il Porto Laconia Residence, a 300 metri dalla spiaggia Tanca Manca con formula residence, e il Green Park Hotel ad Arzachena, a pochi passi dalle spiagge più belle. A dicembre 2022, aprirà il Parc Hotel Posta, a San Vigilio di Marebbe, in Alto Adige, con una struttura completamente ristrutturata, a pochi metri dagli impianti di risalita.

 

Il target

«Proponiamo strutture a 4 stelle – spiega Mandola – e il target è rappresentato da coppie che hanno voglia di trascorrere un soggiorno in completo relax, grazie alla presenza di boutique hotel, piscine interne, docce emozionali e altri servizi pensati per le vacanze a due, ma anche famiglie, soprattutto nelle strutture in cui sono previsti un alto numero di camere, piscine esterne, animazione e tanto intrattenimento».

swadeshi Spa Relaksasi swadeshi costa smeralda

Un duplice target, quindi, intercettato e coccolato grazie alla filosofia fondante del gruppo Swadeshi, che vede nell’unicità dell’hotel – completamente immerso nel territorio a livello di struttura, design, prodotti e offerta gastronomica – il vero punto di forza della sua offerta.

«Inoltre il gruppo Swadeshi è proprietario di tutti gli hotel – sottolinea Mandola -, quindi c’è un alto livello di cura e di manutenzione ordinaria e straordinaria».

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435329 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435331" align="alignleft" width="300"] Francesco di Cesare[/caption] Segnali di ripresa per lo shopping tourism in Italia che, nel 2023, potrebbe superare la quota dei 2 milioni di turisti che viaggiano con motivazione prevalente shopping stimata prima della pandemia. Dopo il focus sul mercato internazionale nella tappa di Venezia, seguito dall'approfondimento sulla Penisola dell'evento di Ancona, arrivano ora le anticipazioni sul prossimo futuro, rivelate in occasione dell'appuntamento conclusivo, a Bologna, con il tour 2022 organizzato sul tema dello shopping tourism da Risposte Turismo, in collaborazione con il sistema Confcommercio. «Superare la soglia dei 2 milioni di shopping tourist sarebbe un risultato che ribadisce l’esistenza di una porzione significativa di domanda turistica che ha nello shopping la motivazione prevalente della propria vacanza e su cui sarebbe opportuno attivare un programma di impegno per aumentare il posizionamento dell’intera Italia come destinazione per gli shopping tourist» ha dichiarato Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo. Nella cornice di palazzo Segni Massetti, sede di Confcommercio Ascom Bologna, di Cesare ha inoltre presentato i risultati della mappatura sui luoghi dello shopping in Italia contenuta all’interno di Shopping Tourism Italian Monitor, il rapporto di ricerca di riferimento sul fenomeno. La fotografia scattata mostra la presenza nel nostro Paese di un’offerta variegata per i turisti desiderosi di trascorrere una vacanza all’insegna dello shopping e per tutti coloro che, nelle loro vacanze, non rinunciano agli acquisti. Secondo la ricognizione effettuata da Risposte Turismo, considerando solamente dieci tra le principali città turistiche del Paese (Bologna, Ferrara, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Padova, Parma, Roma e Verona), sono oltre 1.300 le botteghe storiche presenti, a sottolineare un consistente patrimonio dell’offerta nazionale da valorizzare ancor meglio in chiave turistica e di sistema Paese. Dall’indagine emergono, inoltre, oltre 80 vie dello shopping presenti sul territorio nazionale: da via Montenapoleone (Milano) a via dei Condotti (Roma), da calle Larga XXII Marzo (Venezia) a via Tornabuoni (Firenze) e via dei Mille (Napoli), solo per citarne alcune. La nuova edizione dello Shopping Tourism Italian Monitor contiene anche i numeri aggiornati degli outlet e dei department store. Per quanto riguarda gli outlet, in Italia sono presenti 26 strutture (nonostante le complessità di questo triennio, un numero stabile rispetto alla precedente ricognizione effettuata nel 2019), per un totale di 725 mila metri quadrati di aree commerciali, con una stima di crescita di due unità nel biennio 2023-2024 grazie all’apertura del Roma Outlet Village e del Designer Outlet Sardegna e progetti di ampliamento in altre cinque strutture. Significativo evidenziare come a livello europeo l’Italia sia al secondo posto dietro al Regno Unito per numero di strutture outlet (13% sul totale). L’analisi di Risposte Turismo evidenzia inoltre la presenza in Italia di più di 60 department store (oltre 270 mila metri quadrati di superfice complessiva, + 3.8% sull’analisi 2019) e la realizzazione di una serie di interventi nei luoghi del travel retail, come presso gli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Linate, nonché nelle stazioni di Roma Termini e Napoli Centrale. Con l'evento bolognese si è quindi concluso il tour itinerante 2022 di Shopping tourism – il forum italiano. Le tre tappe hanno visto la partecipazione di oltre 250 operatori del mondo del turismo e del retail. Sul palco 40 relatori e dieci momenti di confronto e discussione sul presente e futuro di un segmento turistico dalle forti potenzialità per il nostro Paese. «Chiudiamo oggi a Bologna il nostro tour nel quale abbiamo articolato il forum quest’anno - conclude Francesco di Cesare -. Il bilancio non può che essere di grande soddisfazione, in particolare per la ricchezza dei contenuti emersi grazie al contributo dei relatori coinvolti, punti di vista eterogenei, racconti di esperienze diverse riconducibili alla dimensione turistica o a quella commerciale delle destinazioni, ma comunque sempre riferiti all’incrocio tra di esse, che poi rappresenta l’essenza stessa della capacità di rivolgersi alla domanda di shopping tourism. Grazie dunque a tutti coloro che hanno animato i dibattiti, a chi ha scelto di partecipare e ad assistere ad essi, nonché agli sponsor e a coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questi tre appuntamenti, a cominciare dal sistema Confcommercio». [post_title] => Risposte Turismo: il futuro dello shopping tourism è roseo. A Bologna l'ultima tappa del tour sul tema [post_date] => 2022-12-02T11:34:59+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669980899000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435293 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ethiopian Airlines guarda al futuro mettendo a fuoco un piano strategico di sviluppo al 2035, anno entro cui il vettore punta a raddoppiare il numero delle destinazioni e le dimensioni della flotta. Mesfin Tasew, ceo della compagnia aerea, ha specificato durante un'intervista alla Ethiopian News Agency che, nell'ambito del piano "Vision 2035", Ethiopian Airlines intende aggiungere più di 100 nuovi aeromobili alla flotta, con l'obiettivo di arrivare a 270 aerei in circa 13 anni. La strategia mira anche a generare 25 miliardi di dollari, aumentando il numero di passeggeri da oltre 32,5 milioni a 65 milioni. Inoltre, i piani di espansione della compagnia prevedono l'aggiunta di nuove destinazioni, portando il network a oltre 200 e aumentando il volume del servizio cargo. "Nella Vision 2035 - ha sottolineato il ceo - abbiamo puntato a quasi raddoppiare il numero di destinazioni, portandole dalle 131 di oggi a 207: e per coprire questa espansione, abbiamo pianificato nuovamente di raddoppiare il numero di aeromobili in volo da 140 a 271". [post_title] => Ethiopian Airlines e la "Vision 2035": raddoppio di flotta e numero destinazioni [post_date] => 2022-12-02T10:18:14+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669976294000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435295 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il settore tour & activity torna a crescere nell'industria dei viaggi e l'Italia rappresenta un mercato fondamentale per la ripresa. A confermare la tendenza è Civitatis, azienda spagnola operativa nell’organizzazione di attività ed escursioni, in occasione del suo roadshow organizzato a Roma nel teatro di palazzo Santa Chiara, per incontrare le agenzie di viaggio e per promuovere le affiliazioni b2b . Per l'impresa iberica, l'Italia si posiziona come secondo mercato ed è al centro degli investimenti per il 2023 con l'obiettivo di crescere ancora di più. "Puntiamo sul prodotto in lingua locale, a lavorare con un unico fornitore e a non duplicare le nostre proposte. Possiamo offrire i prodotti collaudati e top seller come il tour in Vaticano o nelle città d'arte, ma anche esperienza particolari come le gite in barca, in mongolfiera e su tour nei piccoli borghi, proposte di lusso, andando così incontro a tutti i target di clientela - ha spiegato Veronica De Iscar, direttore commerciale b2b Civitatis -. Inoltre, abbiamo notato che il viaggiatore post- pandemia ha mantenuto la sua voglia di viaggiare e di fare esperienza senza timori come prima. Proseguiamo la nostra strategia multicanale ma soprattutto intendiamo incrementare i rapporti con le agenzie italiane anche con eventi dedicati come partecipazione a fiere o incontri di formazione". Al momento Civitatis può contare su un network di agenzie in Italia che è cresciuto del 27% rispetto al 2021 e che conta a oggi più di 5 mila punti vendita tra adv indipendenti, network e affiliati di diversa tipologia. "Queste collaborazioni ci stanno permettendo di ampliare in modo rapido ed efficace la nostra presenza in Italia; resta fondamentale spostarci in direzione del b2b, che rappresenta una parte importante del fatturato - conferma Angelica Benedetti, account manager Italy per le agenzie di viaggio -. Tra i nostri punti di forza c'è la trasparenza delle tariffe, che permette margini adeguati, l’assistenza h24, una vasta offerta di visite e tour guidati, nonché l'accesso alle statistiche e ai dati sulla piattaforma". Sul fronte del trade Civitatis raccoglie, in generale, circa 17 mila adv e organizza oltre 72 mila attività in 3.500 mete in 140 Paesi. I numeri sono anche supportati dalle numerose proposte nel catalogo: le attività presenti in Italia nelle cinque lingue disponibili sono aumentate del 150 % dopo la pandemia, mentre il catalogo delle proposte in italiano presenti in tutto il mondo è aumentato del 239 %. Nel corso del 2022, a livello globale sono stati registrati oltre 600 mila clienti al mese e sono stati superati i 6,5 milioni a chiusura anno; a questi dati si aggiungono le recensioni positive con un punteggio medio di 9,4. Le cifre sono state illustrate anche da Alex Mazzola, global b2b & travel agencies department manager e Maria Saviano, affiliate account manager. [post_title] => Civitatis: Italia al centro degli investimenti 2023. Offerta già a +150% nel dopo pandemia [post_date] => 2022-12-02T10:10:22+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669975822000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435231 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435232" align="alignleft" width="300"] René-Marc Chikli[/caption] Allarme dalla Ue. La Commissione europea ha proposto ai 27 Stati membri di limitare o addirittura eliminare del tutto il deposito cauzionale che viene versato come acconto di prenotazione di un viaggio tutto compreso, secondo quanto denuncia René-Marc Chikli, presidente di Ceto, il sindacato dei tour operator francesi. Questi depositi, che in molti paesi rappresentano circa il 30% del costo totale del viaggio, sono essenziali per finanziare l'attività b2bb di agenzie, grossisti e fornitori di trasporti. Il cliente, normalmente, paga alla data del viaggio quando quasi tutto è già stato contrattato. La proposta Ue nasce da paesi che fino ad ora non hanno una garanzia finanziaria per i depositi consegnati all'intermediario (in diversi paesi, come la Francia o la Gran Bretagna, l'assicurazione copre questo denaro). In Germania la garanzia copre appena 150 milioni, ma quelli scoperti dal fallimento di Thomas Cook hanno superato i 700 milioni, che sono caduti sulle spalle dello Stato. Modello di business in crisi Chikli ha spiegato al meeting Ceto, in corso in questi giorni, che l'Europa "mette in discussione la nozione di deposito, sebbene il suo principio non abbia sollevato alcun problema in Francia" negli anni in cui è stato applicato. Se questi depositi sono limitati o scompaiono, l'attuale modello di business del tour operator dovrebbe essere riconsiderato. "Rappresenta un grande rischio per il modello b2b", avvertono in Francia. Lo squilibrio sarebbe ancora maggiore per la distribuzione, con il rischio di fallimenti. Il flusso di cassa delle agenzie di viaggio si basa in quasi tutti i paesi sui depositi. I tour operator hanno annunciato che faranno pressione su Bruxelles per cambiare l'orientamento della modifica della direttiva. [post_title] => L'Ue vuole abolire il deposito di cauzione da versare alle agenzie di viaggio [post_date] => 2022-12-01T12:44:21+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669898661000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435184 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si avvicina il momento dell'apertura del primo hotel di casa Kerzner a marchio Siro, il brand pensato per venire incontro alle nuove esigenze di un’ospitalità declinata in termini di benessere e fitness. La struttura di debutto si troverà all'interno dell’avveniristico progetto One Za’abeel sviluppato da Ithra Dubai, una consociata interamente controllata dalla Dubai Investment Corporation, nell'omonima città emiratina. L'inaugurazione del Siro One Za’abeel è quindi prevista per l'ultimo trimestre del 2023. Con l'obiettivo di diventare una destinazione olistica, l'hotel offrirà un'esperienza di fitness e benessere a 360 gradi in un ambiente dal design contemporaneo con viste panoramiche sullo skyline di Dubai. Un team di coach ed esperti aiuterà gli ospiti a migliorare il proprio stile di vita, insegnando loro come fare e mantenere scelte sane, e svilupperà programmi di soggiorno basati su cinque pilastri fondamentali: fitness, alimentazione, sonno, recupero e mindfulness. L'esperienza avrà inizio con una scansione del corpo 3D gratuita con cui verrà valutata la forma fisica di ogni ospite, fornendo al team dell'hotel i dati necessari per definire programmi adattati alle esigenze e agli obiettivi individuali. Una tecnologia digitale integrata, che include un'app dedicata, fornirà invece supporto durante tutto il loro soggiorno: dal check-in mobile, al monitoraggio della nutrizione, alla gamification e al monitoraggio della vitalità. Cuore pulsante dell'albergo è il fitness club su due piani con palestra di mille metri quadrati, spazio dedicato allo yoga e alla meditazione, ampie sale per lezioni di gruppo, aree dedicate all'allenamento di forza e condizionamento ma anche cardio e pesi liberi, e studio per allenamenti Hiit, ciclismo, boxe e pilates. Gli ospiti potranno inoltre avere accesso agli impianti sportivi locali presenti nelle destinazioni Siro. A Dubai, tra le altre cose, verrà per esempio offerta la possibilità di fare ciclismo nella regione dei laghi Al Qudra, escursioni sulle montagne Hatta e paddle boarding nel golfo Persico. Tutte le camere saranno dotate delle più moderne tecnologie per favorire un sonno ristoratore, inclusi materassi Aero Plush intelligenti, cabine di recupero e tende intelligenti collegate all'app Siro che si aprono gradualmente pochi istanti prima che suoni la sveglia, per consentire l'ingresso della luce naturale secondo un orario impostato per seguire il ritmo circadiano dell'ospite. A disposizione degli ospiti anche un Recovery lab, dove sperimentare trattamenti benessere specializzati come crioterapia, infrarossi, ossigenoterapia, fisioterapia, agopuntura e stretching assistito. Coach dedicati alla mindfulness sono infine a disposizione per workshop e lezioni di respirazione, meditazione e visualizzazione.   [post_title] => Farà il proprio debutto nel 2023 con il One Za’abeel di Dubai il brand Siro di casa Kerzner [post_date] => 2022-12-01T10:00:16+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669888816000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435199 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => American Airlines e British Airways uniscono le operazioni al Terminal 8 dell’aeroporto Jfk di New York. Da oggi, 1° dicembre, i passeggeri potranno apprezzare un’esperienza di viaggio di livello ancora superiore e comodi collegamenti grazie al concentramento delle operazioni dei due vettori, in linea con il più ampio investimento congiunto di 400 milioni di dollari, che segna il completamento della prima fase di riqualificazione dell’aeroporto da parte della Port Authority di New York e del New Jersey. “Il completamento del Terminal 8 è una pietra miliare dei nostri grandi sforzi per realizzare un Jfk completamente nuovo e al passo con New York”, ha dichiarato Kathy Hochul, governatrice dello Stato di New York. “Mi congratulo con American Airlines, British Airways e la Port Authority per aver fatto il primo passo di tanti che seguiranno in futuro. Continueremo la nostra stretta collaborazione per trasformare il JFK in un magnifico gateway globale che contribuirà a mantenere New York al centro della scena mondiale”. Il trasferimento di British Airways la avvicina alle sue compagnie aeree partner in quanto il Terminal 8 diventerà sede di otto vettori dell’alleanza oneworld. Iberia prevede di trasferirsi 1° dicembre e Japan Airlines conta di essere operativa al Terminal 8 nel mese di maggio 2023. I principali miglioramenti operativi effettuati sul terminal includono cinque nuovi gate e quattro nuove aree di parcheggio per aeromobili widebody, oltre a un sistema di smistamento bagagli ampliato e più efficiente. Il terminal è stato inoltre ampliato con nuovi spazi per oltre 12.000 metri quadri. [post_title] => American Airlines e British Airways: primo giorno di operatività dal Terminal 8 del Jfk di New York [post_date] => 2022-12-01T09:30:09+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669887009000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435197 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Jetstar debutterà sulla rotta fra Sydney e Rarotonga il 29 giugno 2023, con due voli alla settimana operati da un A321neo Lr, che trasporterà fino a 50.000 passeggeri all'anno tra le due destinazioni. Sarà la prima volta in cui la low cost volerà dall'Australia verso la più grande delle Isole Cook. "Rarotonga è una splendida isola tropicale e siamo entusiasti di introdurre le nostre tariffe vantaggiose su questa nuova rotta in vista delle vacanze scolastiche invernali del prossimo anno, offrendo agli australiani l'opportunità di sfuggire al freddo e di esplorare una delle più belle destinazioni del Sud Pacifico", ha dichiarato Stephanie Tully, ceo del Gruppo Jetstar. "L'utilizzo dell'Airbus A321neo LR sulla rotta consente un risparmio fino al 20% di carburante e vola su distanze più lunghe, il che significa che possiamo offrire un maggior numero di tariffe basse per un maggior numero di destinazioni". Mark Brown, primo ministro delle Isole Cook, ha dichiarato che questa nuova rotta rappresenta la prosecuzione di un rapporto di reciproco successo con Jetstar. "Il nostro Paese, come molti altri, ha dovuto superare un lungo periodo di assenza di visitatori e l'annuncio di questi voli non-stop dall'Australia è un altro importante passo avanti nella nostra ripresa". [post_title] => Jetstar fa rotta su Rarotonga: nuovo volo da Sydney dal prossimo 29 giugno [post_date] => 2022-12-01T09:16:46+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669886206000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435128 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435146" align="alignleft" width="300"] Il Dream Downtown di New York[/caption] Nuovi sviluppi per il gruppo Hyatt, che ha appena firmato un accordo per l'acquisizione di Dream Hotel. L'operazione dovrebbe chiudersi nei prossimi mesi, mentre i costi della transazione saranno suddivisi in due tranche distinte: una base da 125 milioni di dollari relativa alle 12 proprietà attualmente già comprese nel portfolio della compagnia fondata da Sant Singh Chatwal e operate con i brand Dream, The Chatwal e Unscripted. Ulteriori 175 milioni, per un totale di 300 milioni, sarebbero poi previsti alla firma dei contratti di management a lungo termine per ulteriori 24 strutture in pipeline. Dopo la conclusione dell'operazione, Chatwal rimarrà proprietario di quattro degli hotel Dream già esistenti e di altri due in fase di apertura. Allo stesso tempo il ceo di Dream, Jay Stein, entrerà in Hyatt come responsabile del marchio appena acquisito. Medesima sorte per un buon numero di altri manager della compagnia di Chatwal, con i chief development officer e chief operating officer, David Kuperberg e Michael Lindenbaum, che in particolare diventeranno rispettivamente responsabile dello sviluppo e capo delle operazioni globali di Dream Hotels. L'accordo è solo l'ultimo di una sostanziosa serie di operazioni portate avanti dal gruppo Hyatt a partire dal 2018, quando la compagnia acquisì Two Roads Hospitality, con i suoi brand Joie De Vivre e Alila. L'anno scorso è stata invece la volta dell'Apple Leisure Group, passato in Hyatt grazie a una transazione da 2,7 miliardi di dollari. Sempre dell'anno scorso è inoltre la firma di una collaborazione esclusiva con il gruppo tedesco Lindner Hotels & Resorts, che ha portato all'aggiunta in portfolio di 30 strutture europee lo scorso ottobre. Tutti questi accordi, ha rivelato il presidente e ceo di Hyatt, Mark Hoplamazian, hanno un importante comune denominatore: la capacità di diversificare il portfolio del gruppo, senza dover ricorrere a investimenti real estate.  In particolare, racconta Hotels News Now, le operazioni precedenti sarebbero state rese possibili in larga parte dalla vendite di una serie di hotel precedentemente di proprietà Hyatt, mentre l'accordo Dream Hotel poggerebbe anche sulle risorse rese disponibili da un 2022 record in termini di profitti. Con quest'ultima acquisizione il gruppo di Hoplamazian dovrebbe aggiungere oltre 1.700 camere al proprio portfolio, incrementando tra l'altro l'offerta di più del 30% in una destinazione chiave come New York. Secondo le prime stime, le 12 proprietà già operative sarebbero destinate a generare 12 milioni di dollari annui in management fee per Hyatt, mentre le altre due dozzine di hotel in pipeline potrebbero garantire 27 milioni di ulteriori entrate. [post_title] => Prosegue la politica di acquisizioni del gruppo Hyatt: ora è la volta di Dream Hotel [post_date] => 2022-11-30T13:09:20+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669813760000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435121 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => SalamAir inaugurerà il prossimo 18 dicembre la sua seconda destinazione in Thailandia, Bangkok: il nuovo collegamento diretto da Muscat sarà operato tre volte alla settimana, domenica, martedì e venerdì, mentre i voli di ritorno dalla capitale thailandese sono previsti il lunedì, il mercoledì e il sabato.  La nuova rotta si aggiunge a quella già operativa verso Phuket e segna l'ulteriore espansione della low cost dell'Oman nel  Sud-est asiatico. La tratta ha registrato una forte domanda sia per i voli in partenza che per quelli in arrivo.  "Bangkok rimane una delle destinazioni turistiche preferite dagli omaniti e dagli stranieri - ha dichiarato Mohamed Ahmed, ceo di SalamAir -. Ai nostri clienti offriamo un prodotto dal perfetto rapporto qualità-prezzo che consente loro di essere flessibili, di risparmiare grazie alle nostre tariffe competitive e di aggiungere i servizi che preferiscono". I voli daranno impulso al turismo, alle relazioni economiche e alle opportunità commerciali tra l'Oman e la Thailandia. La strategia di espansione del network della compagnia aerea è dedicata a collegare sempre più destinazioni lungo nuovi settori per stabilire una forte presenza pan-internazionale". Il vettore opera attualmente con una flotta composta da sei A320neo e quattro A321neo. [post_title] => SalamAir vola verso la sua seconda destinazione in Thailandia: Bangkok [post_date] => 2022-11-30T11:21:22+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669807282000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "piani del gruppo swadeshi nuove aperture un rapporto piu stretto la distribuzione" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":66,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1832,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435329","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435331\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Francesco di Cesare[/caption]\r\n\r\nSegnali di ripresa per lo shopping tourism in Italia che, nel 2023, potrebbe superare la quota dei 2 milioni di turisti che viaggiano con motivazione prevalente shopping stimata prima della pandemia. Dopo il focus sul mercato internazionale nella tappa di Venezia, seguito dall'approfondimento sulla Penisola dell'evento di Ancona, arrivano ora le anticipazioni sul prossimo futuro, rivelate in occasione dell'appuntamento conclusivo, a Bologna, con il tour 2022 organizzato sul tema dello shopping tourism da Risposte Turismo, in collaborazione con il sistema Confcommercio.\r\n\r\n«Superare la soglia dei 2 milioni di shopping tourist sarebbe un risultato che ribadisce l’esistenza di una porzione significativa di domanda turistica che ha nello shopping la motivazione prevalente della propria vacanza e su cui sarebbe opportuno attivare un programma di impegno per aumentare il posizionamento dell’intera Italia come destinazione per gli shopping tourist» ha dichiarato Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo.\r\n\r\nNella cornice di palazzo Segni Massetti, sede di Confcommercio Ascom Bologna, di Cesare ha inoltre presentato i risultati della mappatura sui luoghi dello shopping in Italia contenuta all’interno di Shopping Tourism Italian Monitor, il rapporto di ricerca di riferimento sul fenomeno. La fotografia scattata mostra la presenza nel nostro Paese di un’offerta variegata per i turisti desiderosi di trascorrere una vacanza all’insegna dello shopping e per tutti coloro che, nelle loro vacanze, non rinunciano agli acquisti. Secondo la ricognizione effettuata da Risposte Turismo, considerando solamente dieci tra le principali città turistiche del Paese (Bologna, Ferrara, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Padova, Parma, Roma e Verona), sono oltre 1.300 le botteghe storiche presenti, a sottolineare un consistente patrimonio dell’offerta nazionale da valorizzare ancor meglio in chiave turistica e di sistema Paese.\r\n\r\nDall’indagine emergono, inoltre, oltre 80 vie dello shopping presenti sul territorio nazionale: da via Montenapoleone (Milano) a via dei Condotti (Roma), da calle Larga XXII Marzo (Venezia) a via Tornabuoni (Firenze) e via dei Mille (Napoli), solo per citarne alcune. La nuova edizione dello Shopping Tourism Italian Monitor contiene anche i numeri aggiornati degli outlet e dei department store. Per quanto riguarda gli outlet, in Italia sono presenti 26 strutture (nonostante le complessità di questo triennio, un numero stabile rispetto alla precedente ricognizione effettuata nel 2019), per un totale di 725 mila metri quadrati di aree commerciali, con una stima di crescita di due unità nel biennio 2023-2024 grazie all’apertura del Roma Outlet Village e del Designer Outlet Sardegna e progetti di ampliamento in altre cinque strutture.\r\n\r\nSignificativo evidenziare come a livello europeo l’Italia sia al secondo posto dietro al Regno Unito per numero di strutture outlet (13% sul totale). L’analisi di Risposte Turismo evidenzia inoltre la presenza in Italia di più di 60 department store (oltre 270 mila metri quadrati di superfice complessiva, + 3.8% sull’analisi 2019) e la realizzazione di una serie di interventi nei luoghi del travel retail, come presso gli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Linate, nonché nelle stazioni di Roma Termini e Napoli Centrale.\r\n\r\nCon l'evento bolognese si è quindi concluso il tour itinerante 2022 di Shopping tourism – il forum italiano. Le tre tappe hanno visto la partecipazione di oltre 250 operatori del mondo del turismo e del retail. Sul palco 40 relatori e dieci momenti di confronto e discussione sul presente e futuro di un segmento turistico dalle forti potenzialità per il nostro Paese. «Chiudiamo oggi a Bologna il nostro tour nel quale abbiamo articolato il forum quest’anno - conclude Francesco di Cesare -. Il bilancio non può che essere di grande soddisfazione, in particolare per la ricchezza dei contenuti emersi grazie al contributo dei relatori coinvolti, punti di vista eterogenei, racconti di esperienze diverse riconducibili alla dimensione turistica o a quella commerciale delle destinazioni, ma comunque sempre riferiti all’incrocio tra di esse, che poi rappresenta l’essenza stessa della capacità di rivolgersi alla domanda di shopping tourism. Grazie dunque a tutti coloro che hanno animato i dibattiti, a chi ha scelto di partecipare e ad assistere ad essi, nonché agli sponsor e a coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questi tre appuntamenti, a cominciare dal sistema Confcommercio».","post_title":"Risposte Turismo: il futuro dello shopping tourism è roseo. A Bologna l'ultima tappa del tour sul tema","post_date":"2022-12-02T11:34:59+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669980899000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435293","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ethiopian Airlines guarda al futuro mettendo a fuoco un piano strategico di sviluppo al 2035, anno entro cui il vettore punta a raddoppiare il numero delle destinazioni e le dimensioni della flotta.\r\n\r\nMesfin Tasew, ceo della compagnia aerea, ha specificato durante un'intervista alla Ethiopian News Agency che, nell'ambito del piano \"Vision 2035\", Ethiopian Airlines intende aggiungere più di 100 nuovi aeromobili alla flotta, con l'obiettivo di arrivare a 270 aerei in circa 13 anni. La strategia mira anche a generare 25 miliardi di dollari, aumentando il numero di passeggeri da oltre 32,5 milioni a 65 milioni. Inoltre, i piani di espansione della compagnia prevedono l'aggiunta di nuove destinazioni, portando il network a oltre 200 e aumentando il volume del servizio cargo.\r\n\r\n\"Nella Vision 2035 - ha sottolineato il ceo - abbiamo puntato a quasi raddoppiare il numero di destinazioni, portandole dalle 131 di oggi a 207: e per coprire questa espansione, abbiamo pianificato nuovamente di raddoppiare il numero di aeromobili in volo da 140 a 271\".","post_title":"Ethiopian Airlines e la \"Vision 2035\": raddoppio di flotta e numero destinazioni","post_date":"2022-12-02T10:18:14+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669976294000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435295","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il settore tour & activity torna a crescere nell'industria dei viaggi e l'Italia rappresenta un mercato fondamentale per la ripresa. A confermare la tendenza è Civitatis, azienda spagnola operativa nell’organizzazione di attività ed escursioni, in occasione del suo roadshow organizzato a Roma nel teatro di palazzo Santa Chiara, per incontrare le agenzie di viaggio e per promuovere le affiliazioni b2b . Per l'impresa iberica, l'Italia si posiziona come secondo mercato ed è al centro degli investimenti per il 2023 con l'obiettivo di crescere ancora di più. \"Puntiamo sul prodotto in lingua locale, a lavorare con un unico fornitore e a non duplicare le nostre proposte. Possiamo offrire i prodotti collaudati e top seller come il tour in Vaticano o nelle città d'arte, ma anche esperienza particolari come le gite in barca, in mongolfiera e su tour nei piccoli borghi, proposte di lusso, andando così incontro a tutti i target di clientela - ha spiegato Veronica De Iscar, direttore commerciale b2b Civitatis -. Inoltre, abbiamo notato che il viaggiatore post- pandemia ha mantenuto la sua voglia di viaggiare e di fare esperienza senza timori come prima. Proseguiamo la nostra strategia multicanale ma soprattutto intendiamo incrementare i rapporti con le agenzie italiane anche con eventi dedicati come partecipazione a fiere o incontri di formazione\".\r\n\r\nAl momento Civitatis può contare su un network di agenzie in Italia che è cresciuto del 27% rispetto al 2021 e che conta a oggi più di 5 mila punti vendita tra adv indipendenti, network e affiliati di diversa tipologia. \"Queste collaborazioni ci stanno permettendo di ampliare in modo rapido ed efficace la nostra presenza in Italia; resta fondamentale spostarci in direzione del b2b, che rappresenta una parte importante del fatturato - conferma Angelica Benedetti, account manager Italy per le agenzie di viaggio -. Tra i nostri punti di forza c'è la trasparenza delle tariffe, che permette margini adeguati, l’assistenza h24, una vasta offerta di visite e tour guidati, nonché l'accesso alle statistiche e ai dati sulla piattaforma\".\r\n\r\nSul fronte del trade Civitatis raccoglie, in generale, circa 17 mila adv e organizza oltre 72 mila attività in 3.500 mete in 140 Paesi. I numeri sono anche supportati dalle numerose proposte nel catalogo: le attività presenti in Italia nelle cinque lingue disponibili sono aumentate del 150 % dopo la pandemia, mentre il catalogo delle proposte in italiano presenti in tutto il mondo è aumentato del 239 %. Nel corso del 2022, a livello globale sono stati registrati oltre 600 mila clienti al mese e sono stati superati i 6,5 milioni a chiusura anno; a questi dati si aggiungono le recensioni positive con un punteggio medio di 9,4. Le cifre sono state illustrate anche da Alex Mazzola, global b2b & travel agencies department manager e Maria Saviano, affiliate account manager.","post_title":"Civitatis: Italia al centro degli investimenti 2023. Offerta già a +150% nel dopo pandemia","post_date":"2022-12-02T10:10:22+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669975822000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435231","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435232\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] René-Marc Chikli[/caption]\r\n\r\nAllarme dalla Ue. La Commissione europea ha proposto ai 27 Stati membri di limitare o addirittura eliminare del tutto il deposito cauzionale che viene versato come acconto di prenotazione di un viaggio tutto compreso, secondo quanto denuncia René-Marc Chikli, presidente di Ceto, il sindacato dei tour operator francesi. Questi depositi, che in molti paesi rappresentano circa il 30% del costo totale del viaggio, sono essenziali per finanziare l'attività b2bb di agenzie, grossisti e fornitori di trasporti. Il cliente, normalmente, paga alla data del viaggio quando quasi tutto è già stato contrattato.\r\n\r\nLa proposta Ue nasce da paesi che fino ad ora non hanno una garanzia finanziaria per i depositi consegnati all'intermediario (in diversi paesi, come la Francia o la Gran Bretagna, l'assicurazione copre questo denaro). In Germania la garanzia copre appena 150 milioni, ma quelli scoperti dal fallimento di Thomas Cook hanno superato i 700 milioni, che sono caduti sulle spalle dello Stato.\r\nModello di business in crisi\r\nChikli ha spiegato al meeting Ceto, in corso in questi giorni, che l'Europa \"mette in discussione la nozione di deposito, sebbene il suo principio non abbia sollevato alcun problema in Francia\" negli anni in cui è stato applicato.\r\n\r\nSe questi depositi sono limitati o scompaiono, l'attuale modello di business del tour operator dovrebbe essere riconsiderato. \"Rappresenta un grande rischio per il modello b2b\", avvertono in Francia. Lo squilibrio sarebbe ancora maggiore per la distribuzione, con il rischio di fallimenti. Il flusso di cassa delle agenzie di viaggio si basa in quasi tutti i paesi sui depositi.\r\n\r\nI tour operator hanno annunciato che faranno pressione su Bruxelles per cambiare l'orientamento della modifica della direttiva.","post_title":"L'Ue vuole abolire il deposito di cauzione da versare alle agenzie di viaggio","post_date":"2022-12-01T12:44:21+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669898661000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435184","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si avvicina il momento dell'apertura del primo hotel di casa Kerzner a marchio Siro, il brand pensato per venire incontro alle nuove esigenze di un’ospitalità declinata in termini di benessere e fitness. La struttura di debutto si troverà all'interno dell’avveniristico progetto One Za’abeel sviluppato da Ithra Dubai, una consociata interamente controllata dalla Dubai Investment Corporation, nell'omonima città emiratina. L'inaugurazione del Siro One Za’abeel è quindi prevista per l'ultimo trimestre del 2023.\r\n\r\nCon l'obiettivo di diventare una destinazione olistica, l'hotel offrirà un'esperienza di fitness e benessere a 360 gradi in un ambiente dal design contemporaneo con viste panoramiche sullo skyline di Dubai. Un team di coach ed esperti aiuterà gli ospiti a migliorare il proprio stile di vita, insegnando loro come fare e mantenere scelte sane, e svilupperà programmi di soggiorno basati su cinque pilastri fondamentali: fitness, alimentazione, sonno, recupero e mindfulness. L'esperienza avrà inizio con una scansione del corpo 3D gratuita con cui verrà valutata la forma fisica di ogni ospite, fornendo al team dell'hotel i dati necessari per definire programmi adattati alle esigenze e agli obiettivi individuali. Una tecnologia digitale integrata, che include un'app dedicata, fornirà invece supporto durante tutto il loro soggiorno: dal check-in mobile, al monitoraggio della nutrizione, alla gamification e al monitoraggio della vitalità.\r\n\r\nCuore pulsante dell'albergo è il fitness club su due piani con palestra di mille metri quadrati, spazio dedicato allo yoga e alla meditazione, ampie sale per lezioni di gruppo, aree dedicate all'allenamento di forza e condizionamento ma anche cardio e pesi liberi, e studio per allenamenti Hiit, ciclismo, boxe e pilates. Gli ospiti potranno inoltre avere accesso agli impianti sportivi locali presenti nelle destinazioni Siro. A Dubai, tra le altre cose, verrà per esempio offerta la possibilità di fare ciclismo nella regione dei laghi Al Qudra, escursioni sulle montagne Hatta e paddle boarding nel golfo Persico. Tutte le camere saranno dotate delle più moderne tecnologie per favorire un sonno ristoratore, inclusi materassi Aero Plush intelligenti, cabine di recupero e tende intelligenti collegate all'app Siro che si aprono gradualmente pochi istanti prima che suoni la sveglia, per consentire l'ingresso della luce naturale secondo un orario impostato per seguire il ritmo circadiano dell'ospite. A disposizione degli ospiti anche un Recovery lab, dove sperimentare trattamenti benessere specializzati come crioterapia, infrarossi, ossigenoterapia, fisioterapia, agopuntura e stretching assistito. Coach dedicati alla mindfulness sono infine a disposizione per workshop e lezioni di respirazione, meditazione e visualizzazione.\r\n\r\n ","post_title":"Farà il proprio debutto nel 2023 con il One Za’abeel di Dubai il brand Siro di casa Kerzner","post_date":"2022-12-01T10:00:16+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1669888816000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435199","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"American Airlines e British Airways uniscono le operazioni al Terminal 8 dell’aeroporto Jfk di New York. Da oggi, 1° dicembre, i passeggeri potranno apprezzare un’esperienza di viaggio di livello ancora superiore e comodi collegamenti grazie al concentramento delle operazioni dei due vettori, in linea con il più ampio investimento congiunto di 400 milioni di dollari, che segna il completamento della prima fase di riqualificazione dell’aeroporto da parte della Port Authority di New York e del New Jersey.\r\n“Il completamento del Terminal 8 è una pietra miliare dei nostri grandi sforzi per realizzare un Jfk completamente nuovo e al passo con New York”, ha dichiarato Kathy Hochul, governatrice dello Stato di New York. “Mi congratulo con American Airlines, British Airways e la Port Authority per aver fatto il primo passo di tanti che seguiranno in futuro. Continueremo la nostra stretta collaborazione per trasformare il JFK in un magnifico gateway globale che contribuirà a mantenere New York al centro della scena mondiale”.\r\nIl trasferimento di British Airways la avvicina alle sue compagnie aeree partner in quanto il Terminal 8 diventerà sede di otto vettori dell’alleanza oneworld. Iberia prevede di trasferirsi 1° dicembre e Japan Airlines conta di essere operativa al Terminal 8 nel mese di maggio 2023.\r\nI principali miglioramenti operativi effettuati sul terminal includono cinque nuovi gate e quattro nuove aree di parcheggio per aeromobili widebody, oltre a un sistema di smistamento bagagli ampliato e più efficiente. Il terminal è stato inoltre ampliato con nuovi spazi per oltre 12.000 metri quadri.","post_title":"American Airlines e British Airways: primo giorno di operatività dal Terminal 8 del Jfk di New York","post_date":"2022-12-01T09:30:09+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669887009000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435197","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Jetstar debutterà sulla rotta fra Sydney e Rarotonga il 29 giugno 2023, con due voli alla settimana operati da un A321neo Lr, che trasporterà fino a 50.000 passeggeri all'anno tra le due destinazioni. Sarà la prima volta in cui la low cost volerà dall'Australia verso la più grande delle Isole Cook.\r\n\r\n\"Rarotonga è una splendida isola tropicale e siamo entusiasti di introdurre le nostre tariffe vantaggiose su questa nuova rotta in vista delle vacanze scolastiche invernali del prossimo anno, offrendo agli australiani l'opportunità di sfuggire al freddo e di esplorare una delle più belle destinazioni del Sud Pacifico\", ha dichiarato Stephanie Tully, ceo del Gruppo Jetstar. \"L'utilizzo dell'Airbus A321neo LR sulla rotta consente un risparmio fino al 20% di carburante e vola su distanze più lunghe, il che significa che possiamo offrire un maggior numero di tariffe basse per un maggior numero di destinazioni\".\r\n\r\nMark Brown, primo ministro delle Isole Cook, ha dichiarato che questa nuova rotta rappresenta la prosecuzione di un rapporto di reciproco successo con Jetstar. \"Il nostro Paese, come molti altri, ha dovuto superare un lungo periodo di assenza di visitatori e l'annuncio di questi voli non-stop dall'Australia è un altro importante passo avanti nella nostra ripresa\".","post_title":"Jetstar fa rotta su Rarotonga: nuovo volo da Sydney dal prossimo 29 giugno","post_date":"2022-12-01T09:16:46+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669886206000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435128","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435146\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il Dream Downtown di New York[/caption]\r\n\r\nNuovi sviluppi per il gruppo Hyatt, che ha appena firmato un accordo per l'acquisizione di Dream Hotel. L'operazione dovrebbe chiudersi nei prossimi mesi, mentre i costi della transazione saranno suddivisi in due tranche distinte: una base da 125 milioni di dollari relativa alle 12 proprietà attualmente già comprese nel portfolio della compagnia fondata da Sant Singh Chatwal e operate con i brand Dream, The Chatwal e Unscripted. Ulteriori 175 milioni, per un totale di 300 milioni, sarebbero poi previsti alla firma dei contratti di management a lungo termine per ulteriori 24 strutture in pipeline. Dopo la conclusione dell'operazione, Chatwal rimarrà proprietario di quattro degli hotel Dream già esistenti e di altri due in fase di apertura.\r\nAllo stesso tempo il ceo di Dream, Jay Stein, entrerà in Hyatt come responsabile del marchio appena acquisito. Medesima sorte per un buon numero di altri manager della compagnia di Chatwal, con i chief development officer e chief operating officer, David Kuperberg e Michael Lindenbaum, che in particolare diventeranno rispettivamente responsabile dello sviluppo e capo delle operazioni globali di Dream Hotels.\r\n\r\nL'accordo è solo l'ultimo di una sostanziosa serie di operazioni portate avanti dal gruppo Hyatt a partire dal 2018, quando la compagnia acquisì Two Roads Hospitality, con i suoi brand Joie De Vivre e Alila. L'anno scorso è stata invece la volta dell'Apple Leisure Group, passato in Hyatt grazie a una transazione da 2,7 miliardi di dollari. Sempre dell'anno scorso è inoltre la firma di una collaborazione esclusiva con il gruppo tedesco Lindner Hotels & Resorts, che ha portato all'aggiunta in portfolio di 30 strutture europee lo scorso ottobre. Tutti questi accordi, ha rivelato il presidente e ceo di Hyatt, Mark Hoplamazian, hanno un importante comune denominatore: la capacità di diversificare il portfolio del gruppo, senza dover ricorrere a investimenti real estate. \r\n\r\nIn particolare, racconta Hotels News Now, le operazioni precedenti sarebbero state rese possibili in larga parte dalla vendite di una serie di hotel precedentemente di proprietà Hyatt, mentre l'accordo Dream Hotel poggerebbe anche sulle risorse rese disponibili da un 2022 record in termini di profitti. Con quest'ultima acquisizione il gruppo di Hoplamazian dovrebbe aggiungere oltre 1.700 camere al proprio portfolio, incrementando tra l'altro l'offerta di più del 30% in una destinazione chiave come New York. Secondo le prime stime, le 12 proprietà già operative sarebbero destinate a generare 12 milioni di dollari annui in management fee per Hyatt, mentre le altre due dozzine di hotel in pipeline potrebbero garantire 27 milioni di ulteriori entrate.","post_title":"Prosegue la politica di acquisizioni del gruppo Hyatt: ora è la volta di Dream Hotel","post_date":"2022-11-30T13:09:20+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1669813760000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435121","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"SalamAir inaugurerà il prossimo 18 dicembre la sua seconda destinazione in Thailandia, Bangkok: il nuovo collegamento diretto da Muscat sarà operato tre volte alla settimana, domenica, martedì e venerdì, mentre i voli di ritorno dalla capitale thailandese sono previsti il lunedì, il mercoledì e il sabato. \r\n\r\nLa nuova rotta si aggiunge a quella già operativa verso Phuket e segna l'ulteriore espansione della low cost dell'Oman nel  Sud-est asiatico. La tratta ha registrato una forte domanda sia per i voli in partenza che per quelli in arrivo. \r\n\r\n\"Bangkok rimane una delle destinazioni turistiche preferite dagli omaniti e dagli stranieri - ha dichiarato Mohamed Ahmed, ceo di SalamAir -. Ai nostri clienti offriamo un prodotto dal perfetto rapporto qualità-prezzo che consente loro di essere flessibili, di risparmiare grazie alle nostre tariffe competitive e di aggiungere i servizi che preferiscono\". I voli daranno impulso al turismo, alle relazioni economiche e alle opportunità commerciali tra l'Oman e la Thailandia. La strategia di espansione del network della compagnia aerea è dedicata a collegare sempre più destinazioni lungo nuovi settori per stabilire una forte presenza pan-internazionale\".\r\n\r\nIl vettore opera attualmente con una flotta composta da sei A320neo e quattro A321neo.","post_title":"SalamAir vola verso la sua seconda destinazione in Thailandia: Bangkok","post_date":"2022-11-30T11:21:22+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669807282000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti