20 June 2024

Halldis: apre a Mestre la nuova Hybrid Tower. Il multy-asset property management debutta in Veneto

[ 0 ]

Sarà inaugurata il prossimo 22 maggio la nuova Hybrid Tower di Mestre, più alto grattacielo dell’area (81 metri), ma soprattutto primo modello di multi-asset property management del Veneto. Ai 34 appartamenti, dal monolocale al trilocale, dislocati su nove piani, e già operati da tempo da Halldis, si aggiunge infatti un business center gestito da Lemon, distribuito su tre piani e dedicato a uffici, sala riunioni e postazioni individuali per il coworking. Gli ultimi due livelli dell’edificio, acquisito nel 2023 dalla società d’investimento Borgosesia per 17,5 milioni di euro, ospiteranno infine un ristorante sormontato da una terrazza panoramica, da cui si potrà ammirare sia la laguna, sia le Prealpi venete.

Destinatari del nuovo Htm, realizzato nel 2016 nell’area dismessa e bonificata dove un tempo sorgeva il deposito dell’azienda di trasporto locale (Actv), sono turisti, digital nomads, viaggiatori per periodi lunghi, ma anche famiglie per brevi periodi, giovani professionisti o di lungo corso, lavoratori in trasferta e aziende che devono operare nella macroarea della Serenissima.

Quello del multi-asset property management è un modello nato in Usa, molto diffuso all’estero e nelle grandi città italiane, Milano in testa, cui guardano gli investitori istituzionali o i fondi privati, per realizzare operazioni immobiliari, non solo in aree di business delle città, ma anche in zone più periferiche ben collegate al centro, come strumento di riqualificazione urbana, e affidare l’asset alla gestione di società specializzate di property management, viste come realtà che garantiscono un rendimento maggiore rispetto all’affitto tradizionale e una solidità di grado superiore rispetto ai singoli gestori.

“Siamo molto soddisfatti – afferma Michele Diamantini, ceo Halldis – dei risultati che nell’ultimo anno abbiamo ottenuto per quanto riguarda gli appartamenti da noi gestiti in Htm: nel corso del 2023 abbiamo ospitato oltre 25 mila persone tra turisti e viaggiatori d’affari, di cui l’80% provenienti dall’estero. La possibilità che avranno i professionisti e le aziende di lavorare in Htm grazie al nuovo business center, rappresenta perciò un ulteriore motivo di crescita e di stimolo”.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469838 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Croatia Airlines ha svelato la nuova livrea dell'Airbus A220-300, il primo dei 15 aeromobili dello stesso tipo che la compagnia attende, per arrivare ad operare con una flotta composta da un unico modello di velivoli. L'A220 presenta uno schema di colori leggermente modificato rispetto a quello precedente, che mantiene il disegno dei quadratini rossi e blu sulla coda, ma lo riprende anche sulla fusoliera anteriore, al posto del triangolo a scacchi rosso e bianco. Con un investimento stimato in mezzo miliardo di euro, il rinnovo della flotta prevede l'ingresso di un secondo aereo per fine 2024, mentre i sei successivi dovrebbero essere consegnati nel 2025, quattro nel 2026 e i tre rimanenti nel 2027.  «Con i nuovi aeromobili saremo in grado di ridurre il consumo di carburante e le emissioni di CO2 fino al 25% - ha dichiarato il presidente del consiglio di amministrazione, Jasmin Bajić -. Con 15 nuovi Airbus, la cui consegna completa è prevista per la fine del 2027, realizzeremo il pieno potenziale di crescita e sviluppo con un'ulteriore espansione del network dei voli. Continueremo a essere un supporto strategico ancora più forte ed efficiente per l'economia croata, per il turismo e per tutti i nostri partner commerciali e viaggiatori». [post_title] => Croatia Airlines alza il sipario sui nuovi A220-300 con la livrea rinnovata [post_date] => 2024-06-20T11:52:07+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718884327000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_416026" align="alignleft" width="300"] Un momento di vita a bordo di un Orient Express d'antan. Foto del Fonds de dotation Orient Express Heritage[/caption] Grandi manovre nel mondo del turismo di lusso. Dopo la news della partnership tra Accor e Lvmh per lo sviluppo del brand Orient Express, un altro dei protagonisti del rilancio dello storico marchio legato all'epoca d'oro delle ferrovie e ora al centro di un sostanzioso aumento di capitale. Il gruppo Barletta beneficerà infatti di un'iniezione di 95 milioni di euro, in liquidità e trophy asset, da parte della Fidim, holding di partecipazioni della famiglia Rovati, che in questo modo si assicurerà il 12,5% del capitale sociale dello stesso gruppo Barletta. L'operazione, spiega Il Sole 24 Ore, è legata a doppia mandata al supporto degli investimenti nel turismo di lusso. La Fidim vanta infatti una sostanziale esperienza nel mondo del turismo di alta gamma, mentre la società guidata da Paolo Barletta opera da tempo nel segmento dell'hotellerie e dei treni di lusso con la controllata Arsenale. Partner Quest'ultima, tra le altre cose, è il partner principale del progetto Orient Express, essendo proprietaria sia dei due hotel in apertura a Roma e a Venezia, La Minerva e Palazzo Dona’ Giovannelli, sia dei sei treni Doce Vita in fase di costruzione, due dei quali debutteranno l'anno prossimo. Attualmente l'azionariato di Arsenale è costituito per il 59,24% dal gruppo Barletta, per il 20,44% dalla Annabel Holding di Nicola Bulgari e per il 20,32% dalla società lussemburghese Ita Hotel Investments di Oaktree. Oltre ai progetti Dolce Vita Orient Express, la società ha siglato accordi per iniziative simili con la Saudi Arabia Railways, l’Egypt National Railway, con l’uzbeca O’zbekiston Temir Yo’llari Jsc ed Etihad Rail. Le stime 2024 per Arsenale parlano di ricavi per 24 milioni di euro, destinati tuttavia a balzare fino ai 135 milioni già nel 2025.  [post_title] => Orient Express, grandi manovre: Fidim entra nel gruppo Barletta (Arsenale) [post_date] => 2024-06-20T11:41:49+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718883709000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469813 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_469821" align="alignright" width="300"] Da sinistra, Marco De Angelis e Fabrizio Bona[/caption] L'estate targata Italo accelera, spaziando dall'intermodalità all'accento sul traffico corporate, dall'ennesimo miglioramento dei servizi al ruolo - sempre strategico - del trade. Sono questi i temi messi in luce da Fabrizio Bona e Marco De Angelis, rispettivamente direttore commerciale e direttore vendite, in occasione del tradizionale appuntamento con il roadshow estivo che ha preso il via ieri a Milano «per poi spostarsi a Bologna, Roma e Napoli: quattro sessioni che ci consentono di incontrare 250 delle nostre Top Agency - spiega De Angelis -. Italo infatti continua a credere nel mondo agenziale, che rappresenta un tassello chiave della crescita di questi nostri 12 anni di vita. Continueremo a remunerare il lavoro di qualità, studiando ed offrendo al canale agency sempre nuove soluzioni». La policy commissioni sulle agenzie continua a essere orientata «sui clienti di valore come il cliente business, che comunque non ha ancora recuperato i livelli 2019, oppure quello che chiede flessibilità. Abbiamo riempimenti importanti proprio nell’alta fascia, nell’executive, e le agenzie sono determinanti in questo ambito». Da segnalare la performance positiva del traffico internazionale, «americani in primis, ma anche una piccola ripresa da Corea e Cina, mentre c'è ancora poco Giappone a causa della mancanza di alcuni voli.  Prima caratteristica della summer 2024, l'aumento delle opzioni di collegamenti intermodali: «Si tratta di ottimizzare la mobilità. E Italo rappresenta ormai un gruppo multimodale - sottolinea Bona -. Dai treni ai bus, siamo in grado di soddisfare la domanda di trasporto in tutta Italia. La stagione estiva ci consente di attivare nuove connessioni treno più bus per portare i turisti in località quali Rodi Garganico, Vieste, Jesolo, Bibione e molte altre. Questo dopo che le prime destinazioni lanciate, come Sorrento e Pompei, sono andate benissimo». In questo solco si inserisce anche il recente accordo con Uber. L'orario estivo conta 118 viaggi al giorno, con 54 città collegate e 62 stazioni servite, che garantiscono maggior capillarità e frequenze: grazie all’acquisizione di Itabus, infatti, ai servizi ferroviari si aggiungono quelli su gomma e quelli intermodali, treno + gomma con un biglietto unico; senza tralasciare le interconnessioni con i regionali di Trenitalia. Per queste ultime, in particolare, la novità dell'anno «è la possibilità per i passeggeri di acquistare direttamente i due biglietti Italo e regionale Trenitalia nelle biglietterie automatiche presenti nelle stazioni, mentre finora era possibile solo dal sito e dunque da pc. Arriveremo così anche in 200 nuove stazioni dove l'Alta Velocità non era un'opzione, consentendo ai clienti una comparazione diretta di costi e tempi di percorrenza. Inoltre, per fine 2024, questo servizio sarà disponibile anche sui sistemi delle agenzie di viaggio». Business travel Attenzione sempre maggiore viene riservata al mondo business e corporate, per il quale la società con il supporto della agenzie ha studiato appositi piani di triangolazioni (soluzione che coinvolge in particolar modo le Pmi, sono circa 900 quelle già nel circuito Italo). «Il nuovo programma fedeltà Italo Più prevede in particolare per il mondo bt la possibilità per tutti i dipendenti delle aziende già iscritte la possibilità di beneficiare già dello status di cui gode l'azienda già tutti i vantaggi dell’azienda. Diventa inoltre più semplice e veloce accumulare punti e dunque ottenere viaggi premio». Sul fronte servizi spicca il rinnovo delle lounge: «Roma è stata la prima ad essere rinnovata, lunedì prossimo (24 giugno, ndr) chiuderà quella di Milano per poi riaprire a fine luglio con nuovo look, più servizi e qualità. A seguire le altre, con una grande novità che sarà l'apertura di una nuova lounge a Bologna, hub importantissimo non solo per Italo ma per tutto il sistema trasporti». La nuova concorrenza Quanto al futuro debutto di Sncf sui collegamenti AV in Italia, «ad oggi è ancora prematuro fare previsioni. Per certo il mercato dell'Alta Velocità in Italia oggi è gestito da due parti in maniera intelligente, con qualità e servizi molto elevati. Il cliente beneficia di una sana competizione che ha portato a prezzi più bassi e maggiori e livelli di servizio. In futuro vedremo».     [post_title] => Italo presenta il Summer Dream: focus su intermodalità, bt e Top Agency [post_date] => 2024-06-20T11:06:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718881608000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469824 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Antitrust e dall’Autorità di regolazione dei trasporti sconfessano il pacchetto Salvini, la riforma del noleggio con conducente che sta agitando il settore del trasporto non di linea, a partire dai taxi per finire ai diretti interessati, il popolo delle “auto nere”.  A cominciare dal tempo minimo di attesa, l’obbligo per gli autisti Ncc di attendere almeno 30 minuti dalla prenotazione prima di effettuare un servizio di trasporto. Per Antitrust e Art si tratta di una prescrizone che «ostacola ingiustificatamente l’esercizio dell’attività d’impresa oltre a depontenziare l’utilità delle app di intermediazione tra domanda e offerta». Le nuove disposizioni in cantiere rappresentano «un discriminatorio e ingiustificato aggravio per gli esercenti il servizio Ncc» che «sembrano proteggere unicamente l’interesse economico degli esercenti i servizi taxi», mentre «motivi di interesse generale quali la corretta gestione del trasporto, del traffico e del rispetto dell’ambiente sembrano invece essere sacrificati». Rilievi Le nuove norme previste dalle bozze dei “decreti Salvini” farebbero diminuire ulteriormente «la già carente offerta di servizi di trasporto pubblico locale, con conseguenze tangibili sulle condizioni del traffico e dell’ambiente. Un altro rilevo che emerge dal documento firmato congiuntamente dal presidente Antitrust Roberto Rustichelli e dal presidente Art Nicola Zaccheo riguarda l’obbligo per gli utenti – prima di inviare tramite app una richiesta di servizio di trasporto e prima di ricevere una stima dei tempi di arrivo della vettura e del corrispettivo della corsa – di scegliere se utilizzare il servizio taxi o il servizio Ncc. Il rischio, segnalano le due Authority, è «l’impossibilità di confrontare la qualità e convenienza dei due servizi a danno dei consumatori» [post_title] => Antitrust e Atr: no al pacchetto Salvini sugli Ncc. E' discriminatorio [post_date] => 2024-06-20T10:58:54+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718881134000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469750 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiama The St. Regis Al Mouj Muscat Resort la struttura di debutto del brand lusso di casa Marriott in Oman. Situato sul lungomare Al Mouj, nuovo quartiere esclusivo della capitale, il resort è via d'accesso alla scoperta del Paese. Con la sua architettura curvilinea in stile superyacht, l'hotel trae ispirazione dall'ambiente circostante con un esclusivo design a onde. A disposizione degli ospiti 250 camere e suite, tra cui cui duplex con una o tre camere da letto. L'offerta enogastronomica si declina in nove ristoranti internazionali, alcuni dei quali condotti da chef stellati Michelin. Il resort ospita inoltre la prima Guerlain spa del sultanato, provvista di undici sale trattamenti, incluse due suite per coppie, bagno turco e saune, nonché un menù benessere su misura ispirato alla filosofia e alle tradizioni omanite. Presenti anche strutture per il fitness e il tempo libero, tra cui una palestra completamente attrezzata, sessioni di personal training e yoga, diverse piscine, una spiaggia privata con lettini e cabanas, un campo da padel e l'accesso al campo Al Mouj Golf, progettato da Greg Norman. Grazie al programma Family Traditions del brand, l'Adventure Hub Children's Club invita infine i piccoli ospiti a divertirsi in uno spazio colorato e vivace. [post_title] => Il brand St. Regis debutta in Oman con l'Al Mouj Muscat Resort [post_date] => 2024-06-19T11:16:21+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718795781000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469741 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Parte oggi iTeg: l'evento sul turismo enogastronomico e l’hospitality, che fino a domani apre le porte del circolo cittadino di Lecce a esperti, professionisti, operatori del settore, aziende e giornalisti. Tutto ruota intorno all’alta formazione del comparto e alla reciproca conoscenza degli operatori della rete. Panel, masterclass, iSkill, iTalk, laboratori esperienziali, b2e, b2c, convegni e la Green factor challenge special iTeg edition, il fitto programma di eventi all’interno della due giorni, con partecipazione gratuita previa registrazione sul sito, punta a fornire gli strumenti ai fini del miglioramento e dello sviluppo di un turismo specializzato di qualità. Fondamentale in questo sarà l’apporto degli iTalk tra cui il Teg: come Ri-disegnare il turismo enogastronomico, moderato da Barbara Politi, in diverse sessioni che vedono anche la presenza di Cristina Mascanzoni Kaiser, fondatrice di WineHo e Nicola Romanelli, fondatore e presidente di Travel Hashtag; Teg tra target e incoming con la presenza di Ruben Santopietro, founder Visit Italy, Doriana Maltese, consulente e auditor di turismo sostenibile per programmi come Travelife, Alfredo De Liguori, responsabile marketing PugliaPromozione e Paola Puzzovio, founder Teging & iTeg; Comunicare il turismo con Massimo Cicatiello, vice presidente di Fortune Italia, Silvia Famà, founder magazine Cucine d'Italia, Lamberto Funghi, fondatore di Giroviaggiando, rivolta a tutti coloro che accolgono i viaggiatori di turismo enogastronomico. E poi le masterclas,s come quella di Vivere di turismo, gestita da Giuseppe Murina, per formare gli imprenditori dell’extra alberghiero a gestire le risorse economiche per un’offerta rivolta al Teg. E ancora la sostenibilità, grande argomento di iTeg, l'impatto sui territori il futuro del turismo in una prospettiva ottimistica e non in un panel dedicato con Sabrina Cavallo per Aitr e altri esperti internazionali. Interamente pensata e ideata per iTeg è infine la Green Factor Challenge, organizzata da Concetta D'Emma, come prima rappresentante di green destinations per l'Italia: si tratta di un workshop in modalità sfida che vuole far scoprire uno storytelling più responsabile e inclusivo, che coinvolga anche le reti, con l’obiettivo principale di selezionare le eccellenze pugliesi da portare come storie di successo a livello internazionale alle prossime Top 100 stories awards. [post_title] => Inizia oggi a Lecce iTeg: l'evento sul turismo enogastronomico e l’hospitality [post_date] => 2024-06-19T10:39:56+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718793596000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469740 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con il prossimo decollo del collegamento diretto a Chengdu, fissato per il 29 luglio, Air China raddoppia il proprio network da Milano rispetto ai livelli 2019. Nel periodo pre-Covid, la compagnia operava infatti due rotte per la città, volando da Beijing Capital e Shanghai Pudong; dopo aver sospeso le operazioni nel febbraio 2020, i voli da Pechino sono ripresi nell'ottobre 2021, seguiti dal lancio di una nuova rotta da Wenzhou nel novembre 2022, mentre Shanghai è stata poi ripristinata nel marzo 2023. Nella summer 2024, una volta avviata la rotta da Chengdu, Air China - in base ai dell'Oag Schedules Analyser evidenziati da Aviation Week - offrirà circa 12.700 posti settimanali nelle due direzioni da e per Milano rispetto agli 8.700 dello stesso periodo nel 2019. La Chengdu-Milano diventerà il 32° collegamento europeo senza scalo della compagnia aerea. In pratica, Germania, Regno Unito e Italia sono i tre principali mercati del vettore cinese in Europa, seguiti da Spagna e Francia. Complessivamente, Air China offrirà circa 115.000 posti settimanali sulle rotte europee entro la fine di luglio, pari ad una crescita del 62% su base annua e del 17% rispetto ai livelli del 2019. Per Malpensa la nuova rotta diventerà anche l'ottavo collegamento verso la Cina continentale: oltre ai tre servizi esistenti di Air China, Hainan Airlines vola a Milano da Chongqing e Shenzhen, Juneyao Airlines offre una rotta da Zhengzhou mentre Neos collega Malpensa a Nanchino.   [post_title] => Air China: capacità posti raddoppiata su Milano Malpensa rispetto al 2019 [post_date] => 2024-06-19T10:38:29+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718793509000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469730 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuova partnership per Italo che, grazie alla collaborazione di Uber, consente ai passeggeri di pianificare il proprio viaggio, da casa al treno e dal treno fino alla loro destinazione finale, in modo ancora più semplice ed efficiente. Una nuova soluzione multimodale, che arricchisce la piattaforma di servizi ancillari di Italo: «Italo oggi rappresenta il primo gruppo intermodale in Europa. Stiamo ampliando la nostra rete multimodale per offrire soluzioni complete ai nostri viaggiatori - ha dichiarato Gianbattista La Rocca, amministratore delegato di Italo -. Un accordo che semplifica il viaggio e lo rende più sicuro, eliminando i tempi di attesa fuori dalle stazioni». Il progetto debutta da Roma e Milano (in questa prima fase), coprendo le stazioni di Roma Termini, Roma Tiburtina, Milano Centrale, Milano Rogoredo e Milano Rho Fiera. Per tutti i passeggeri di Italo in partenza o in arrivo su una di queste stazioni ci sarà la possibilità di prenotare, da 90 giorni antecedenti il viaggio fino a 1 ora prima del viaggio, Uber Black o Van tramite la funzione Uber Reserve Già da ora è possibile prenotare direttamente dalle app (e sito web) di entrambe le società tutti i servizi e, nei prossimi mesi, le rispettive piattaforme saranno completamente integrate per offrire sempre più vantaggi agli utilizzatori. «La semplicità dell'esperienza di viaggio, unita ad una forte impegno verso una mobilità sempre più sostenibile, è al centro di tutto ciò che facciamo - ha dichiarato Lorenzo Pireddu, general manager di Uber Italia -. La partnership con Italo rappresenta un passo in avanti significativo nel rendere più agevole, più comodo e più affidabile il tragitto da e verso le stazioni di Milano e Roma. L'integrazione dei servizi di mobilità e l'opportunità di accedere a una vasta gamma di opzioni per spostarsi in città sono solo alcuni dei vantaggi che i passeggeri potranno godere, grazie a questa innovativa collaborazione». Per tutti i clienti Italo che si registrano per la prima volta all’app Uber e utilizzano il servizio nelle stazioni di Roma e Milano verrà sbloccata una promozione del 50% sulle prime tre corse. [post_title] => Italo sempre più intermodale grazie alla nuova collaborazione con Uber [post_date] => 2024-06-19T09:59:13+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718791153000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469678 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono oltre 80 i milioni di euro che il gruppo Barceló intende investire a Capo Verde, nell'acquisizione, nel riposizionamento e nello sviluppo di nuovi hotel. L'impegno segue l'inaugurazione, avvenuta lo scorso 15 maggio, della struttura di debutto della compagnia nel Paese: il 5 stelle Barceló Praia Cape Verde sulla spiaggia di Prainha a Praia, capitale dell'isola di Santiago. La struttura dispone di 80 camere, piscina a sfioro, aree solarium, palestra e diverse sale riunioni completamente attrezzate. L'offerta gastronomica include poi un ristorante a buffet, il Breeze Gastro bar a bordo piscina e il Lobby bar. Dopo l'apertura di questa struttura, il gruppo prevede quindi di aggiungere un secondo 5 stelle a Boa Vista, precedentemente noto come Marine Club Beach Resort Hotel, con 160 camere. Opererà sempre con il marchio Barceló Hotels & Resorts. Inoltre, è già stata pianificata la costruzione di un nuovo progetto alberghiero anche sull'isola di Sal, nella zona di Pontao, nel comune di Santa Maria: un all-adults ancora una volta a 5 stelle con 260 camere. "La destinazione è strategica per la nostra espansione grazie al suo grande potenziale turistico - spiega il direttore regionale Capo Verde e Madeira, Pilar Parejo -. Nei prossimi anni prevediamo perciò di continuare con i nostri investimenti, collaborando allo sviluppo economico e sociale dell'arcipelago". [post_title] => Barceló mette nel mirino Capo Verde: primo hotel aperto e oltre 80 mln d'investimenti in arrivo [post_date] => 2024-06-18T12:01:26+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718712086000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "halldis apre a mestre la nuova hybrid tower il multy asset property management debutta in veneto" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":62,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":2896,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469838","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Croatia Airlines ha svelato la nuova livrea dell'Airbus A220-300, il primo dei 15 aeromobili dello stesso tipo che la compagnia attende, per arrivare ad operare con una flotta composta da un unico modello di velivoli.\r\n\r\nL'A220 presenta uno schema di colori leggermente modificato rispetto a quello precedente, che mantiene il disegno dei quadratini rossi e blu sulla coda, ma lo riprende anche sulla fusoliera anteriore, al posto del triangolo a scacchi rosso e bianco.\r\n\r\nCon un investimento stimato in mezzo miliardo di euro, il rinnovo della flotta prevede l'ingresso di un secondo aereo per fine 2024, mentre i sei successivi dovrebbero essere consegnati nel 2025, quattro nel 2026 e i tre rimanenti nel 2027. \r\n\r\n«Con i nuovi aeromobili saremo in grado di ridurre il consumo di carburante e le emissioni di CO2 fino al 25% - ha dichiarato il presidente del consiglio di amministrazione, Jasmin Bajić -. Con 15 nuovi Airbus, la cui consegna completa è prevista per la fine del 2027, realizzeremo il pieno potenziale di crescita e sviluppo con un'ulteriore espansione del network dei voli. Continueremo a essere un supporto strategico ancora più forte ed efficiente per l'economia croata, per il turismo e per tutti i nostri partner commerciali e viaggiatori».","post_title":"Croatia Airlines alza il sipario sui nuovi A220-300 con la livrea rinnovata","post_date":"2024-06-20T11:52:07+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718884327000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469834","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_416026\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Un momento di vita a bordo di un Orient Express d'antan. Foto del Fonds de dotation Orient Express Heritage[/caption]\r\n\r\nGrandi manovre nel mondo del turismo di lusso. Dopo la news della partnership tra Accor e Lvmh per lo sviluppo del brand Orient Express, un altro dei protagonisti del rilancio dello storico marchio legato all'epoca d'oro delle ferrovie e ora al centro di un sostanzioso aumento di capitale.\r\n\r\nIl gruppo Barletta beneficerà infatti di un'iniezione di 95 milioni di euro, in liquidità e trophy asset, da parte della Fidim, holding di partecipazioni della famiglia Rovati, che in questo modo si assicurerà il 12,5% del capitale sociale dello stesso gruppo Barletta.\r\n\r\nL'operazione, spiega Il Sole 24 Ore, è legata a doppia mandata al supporto degli investimenti nel turismo di lusso. La Fidim vanta infatti una sostanziale esperienza nel mondo del turismo di alta gamma, mentre la società guidata da Paolo Barletta opera da tempo nel segmento dell'hotellerie e dei treni di lusso con la controllata Arsenale.\r\nPartner\r\nQuest'ultima, tra le altre cose, è il partner principale del progetto Orient Express, essendo proprietaria sia dei due hotel in apertura a Roma e a Venezia, La Minerva e Palazzo Dona’ Giovannelli, sia dei sei treni Doce Vita in fase di costruzione, due dei quali debutteranno l'anno prossimo.\r\n\r\nAttualmente l'azionariato di Arsenale è costituito per il 59,24% dal gruppo Barletta, per il 20,44% dalla Annabel Holding di Nicola Bulgari e per il 20,32% dalla società lussemburghese Ita Hotel Investments di Oaktree. Oltre ai progetti Dolce Vita Orient Express, la società ha siglato accordi per iniziative simili con la Saudi Arabia Railways, l’Egypt National Railway, con l’uzbeca O’zbekiston Temir Yo’llari Jsc ed Etihad Rail. Le stime 2024 per Arsenale parlano di ricavi per 24 milioni di euro, destinati tuttavia a balzare fino ai 135 milioni già nel 2025. ","post_title":"Orient Express, grandi manovre: Fidim entra nel gruppo Barletta (Arsenale)","post_date":"2024-06-20T11:41:49+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1718883709000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469813","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_469821\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Da sinistra, Marco De Angelis e Fabrizio Bona[/caption]\r\n\r\nL'estate targata Italo accelera, spaziando dall'intermodalità all'accento sul traffico corporate, dall'ennesimo miglioramento dei servizi al ruolo - sempre strategico - del trade.\r\n\r\nSono questi i temi messi in luce da Fabrizio Bona e Marco De Angelis, rispettivamente direttore commerciale e direttore vendite, in occasione del tradizionale appuntamento con il roadshow estivo che ha preso il via ieri a Milano «per poi spostarsi a Bologna, Roma e Napoli: quattro sessioni che ci consentono di incontrare 250 delle nostre Top Agency - spiega De Angelis -. Italo infatti continua a credere nel mondo agenziale, che rappresenta un tassello chiave della crescita di questi nostri 12 anni di vita. Continueremo a remunerare il lavoro di qualità, studiando ed offrendo al canale agency sempre nuove soluzioni». La policy commissioni sulle agenzie continua a essere orientata «sui clienti di valore come il cliente business, che comunque non ha ancora recuperato i livelli 2019, oppure quello che chiede flessibilità. Abbiamo riempimenti importanti proprio nell’alta fascia, nell’executive, e le agenzie sono determinanti in questo ambito».\r\n\r\nDa segnalare la performance positiva del traffico internazionale, «americani in primis, ma anche una piccola ripresa da Corea e Cina, mentre c'è ancora poco Giappone a causa della mancanza di alcuni voli. \r\n\r\nPrima caratteristica della summer 2024, l'aumento delle opzioni di collegamenti intermodali: «Si tratta di ottimizzare la mobilità. E Italo rappresenta ormai un gruppo multimodale - sottolinea Bona -. Dai treni ai bus, siamo in grado di soddisfare la domanda di trasporto in tutta Italia. La stagione estiva ci consente di attivare nuove connessioni treno più bus per portare i turisti in località quali Rodi Garganico, Vieste, Jesolo, Bibione e molte altre. Questo dopo che le prime destinazioni lanciate, come Sorrento e Pompei, sono andate benissimo». In questo solco si inserisce anche il recente accordo con Uber.\r\n\r\nL'orario estivo conta 118 viaggi al giorno, con 54 città collegate e 62 stazioni servite, che garantiscono maggior capillarità e frequenze: grazie all’acquisizione di Itabus, infatti, ai servizi ferroviari si aggiungono quelli su gomma e quelli intermodali, treno + gomma con un biglietto unico; senza tralasciare le interconnessioni con i regionali di Trenitalia. Per queste ultime, in particolare, la novità dell'anno «è la possibilità per i passeggeri di acquistare direttamente i due biglietti Italo e regionale Trenitalia nelle biglietterie automatiche presenti nelle stazioni, mentre finora era possibile solo dal sito e dunque da pc. Arriveremo così anche in 200 nuove stazioni dove l'Alta Velocità non era un'opzione, consentendo ai clienti una comparazione diretta di costi e tempi di percorrenza. Inoltre, per fine 2024, questo servizio sarà disponibile anche sui sistemi delle agenzie di viaggio».\r\n\r\nBusiness travel\r\n\r\n\r\nAttenzione sempre maggiore viene riservata al mondo business e corporate, per il quale la società con il supporto della agenzie ha studiato appositi piani di triangolazioni (soluzione che coinvolge in particolar modo le Pmi, sono circa 900 quelle già nel circuito Italo). «Il nuovo programma fedeltà Italo Più prevede in particolare per il mondo bt la possibilità per tutti i dipendenti delle aziende già iscritte la possibilità di beneficiare già dello status di cui gode l'azienda già tutti i vantaggi dell’azienda. Diventa inoltre più semplice e veloce accumulare punti e dunque ottenere viaggi premio».\r\n\r\nSul fronte servizi spicca il rinnovo delle lounge: «Roma è stata la prima ad essere rinnovata, lunedì prossimo (24 giugno, ndr) chiuderà quella di Milano per poi riaprire a fine luglio con nuovo look, più servizi e qualità. A seguire le altre, con una grande novità che sarà l'apertura di una nuova lounge a Bologna, hub importantissimo non solo per Italo ma per tutto il sistema trasporti».\r\n\r\nLa nuova concorrenza\r\n\r\nQuanto al futuro debutto di Sncf sui collegamenti AV in Italia, «ad oggi è ancora prematuro fare previsioni. Per certo il mercato dell'Alta Velocità in Italia oggi è gestito da due parti in maniera intelligente, con qualità e servizi molto elevati. Il cliente beneficia di una sana competizione che ha portato a prezzi più bassi e maggiori e livelli di servizio. In futuro vedremo».\r\n\r\n \r\n\r\n\r\n ","post_title":"Italo presenta il Summer Dream: focus su intermodalità, bt e Top Agency","post_date":"2024-06-20T11:06:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718881608000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469824","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Antitrust e dall’Autorità di regolazione dei trasporti sconfessano il pacchetto Salvini, la riforma del noleggio con conducente che sta agitando il settore del trasporto non di linea, a partire dai taxi per finire ai diretti interessati, il popolo delle “auto nere”. \r\nA cominciare dal tempo minimo di attesa, l’obbligo per gli autisti Ncc di attendere almeno 30 minuti dalla prenotazione prima di effettuare un servizio di trasporto. Per Antitrust e Art si tratta di una prescrizone che «ostacola ingiustificatamente l’esercizio dell’attività d’impresa oltre a depontenziare l’utilità delle app di intermediazione tra domanda e offerta».\r\nLe nuove disposizioni in cantiere rappresentano «un discriminatorio e ingiustificato aggravio per gli esercenti il servizio Ncc» che «sembrano proteggere unicamente l’interesse economico degli esercenti i servizi taxi», mentre «motivi di interesse generale quali la corretta gestione del trasporto, del traffico e del rispetto dell’ambiente sembrano invece essere sacrificati».\r\n\r\nRilievi\r\nLe nuove norme previste dalle bozze dei “decreti Salvini” farebbero diminuire ulteriormente «la già carente offerta di servizi di trasporto pubblico locale, con conseguenze tangibili sulle condizioni del traffico e dell’ambiente.\r\nUn altro rilevo che emerge dal documento firmato congiuntamente dal presidente Antitrust Roberto Rustichelli e dal presidente Art Nicola Zaccheo riguarda l’obbligo per gli utenti – prima di inviare tramite app una richiesta di servizio di trasporto e prima di ricevere una stima dei tempi di arrivo della vettura e del corrispettivo della corsa – di scegliere se utilizzare il servizio taxi o il servizio Ncc. Il rischio, segnalano le due Authority, è «l’impossibilità di confrontare la qualità e convenienza dei due servizi a danno dei consumatori»","post_title":"Antitrust e Atr: no al pacchetto Salvini sugli Ncc. E' discriminatorio","post_date":"2024-06-20T10:58:54+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1718881134000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469750","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiama The St. Regis Al Mouj Muscat Resort la struttura di debutto del brand lusso di casa Marriott in Oman. Situato sul lungomare Al Mouj, nuovo quartiere esclusivo della capitale, il resort è via d'accesso alla scoperta del Paese. Con la sua architettura curvilinea in stile superyacht, l'hotel trae ispirazione dall'ambiente circostante con un esclusivo design a onde. A disposizione degli ospiti 250 camere e suite, tra cui cui duplex con una o tre camere da letto.\r\n\r\nL'offerta enogastronomica si declina in nove ristoranti internazionali, alcuni dei quali condotti da chef stellati Michelin. Il resort ospita inoltre la prima Guerlain spa del sultanato, provvista di undici sale trattamenti, incluse due suite per coppie, bagno turco e saune, nonché un menù benessere su misura ispirato alla filosofia e alle tradizioni omanite. Presenti anche strutture per il fitness e il tempo libero, tra cui una palestra completamente attrezzata, sessioni di personal training e yoga, diverse piscine, una spiaggia privata con lettini e cabanas, un campo da padel e l'accesso al campo Al Mouj Golf, progettato da Greg Norman. Grazie al programma Family Traditions del brand, l'Adventure Hub Children's Club invita infine i piccoli ospiti a divertirsi in uno spazio colorato e vivace.","post_title":"Il brand St. Regis debutta in Oman con l'Al Mouj Muscat Resort","post_date":"2024-06-19T11:16:21+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718795781000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469741","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Parte oggi iTeg: l'evento sul turismo enogastronomico e l’hospitality, che fino a domani apre le porte del circolo cittadino di Lecce a esperti, professionisti, operatori del settore, aziende e giornalisti. Tutto ruota intorno all’alta formazione del comparto e alla reciproca conoscenza degli operatori della rete. Panel, masterclass, iSkill, iTalk, laboratori esperienziali, b2e, b2c, convegni e la Green factor challenge special iTeg edition, il fitto programma di eventi all’interno della due giorni, con partecipazione gratuita previa registrazione sul sito, punta a fornire gli strumenti ai fini del miglioramento e dello sviluppo di un turismo specializzato di qualità.\r\n\r\nFondamentale in questo sarà l’apporto degli iTalk tra cui il Teg: come Ri-disegnare il turismo enogastronomico, moderato da Barbara Politi, in diverse sessioni che vedono anche la presenza di Cristina Mascanzoni Kaiser, fondatrice di WineHo e Nicola Romanelli, fondatore e presidente di Travel Hashtag; Teg tra target e incoming con la presenza di Ruben Santopietro, founder Visit Italy, Doriana Maltese, consulente e auditor di turismo sostenibile per programmi come Travelife, Alfredo De Liguori, responsabile marketing PugliaPromozione e Paola Puzzovio, founder Teging & iTeg; Comunicare il turismo con Massimo Cicatiello, vice presidente di Fortune Italia, Silvia Famà, founder magazine Cucine d'Italia, Lamberto Funghi, fondatore di Giroviaggiando, rivolta a tutti coloro che accolgono i viaggiatori di turismo enogastronomico. E poi le masterclas,s come quella di Vivere di turismo, gestita da Giuseppe Murina, per formare gli imprenditori dell’extra alberghiero a gestire le risorse economiche per un’offerta rivolta al Teg. E ancora la sostenibilità, grande argomento di iTeg, l'impatto sui territori il futuro del turismo in una prospettiva ottimistica e non in un panel dedicato con Sabrina Cavallo per Aitr e altri esperti internazionali.\r\n\r\nInteramente pensata e ideata per iTeg è infine la Green Factor Challenge, organizzata da Concetta D'Emma, come prima rappresentante di green destinations per l'Italia: si tratta di un workshop in modalità sfida che vuole far scoprire uno storytelling più responsabile e inclusivo, che coinvolga anche le reti, con l’obiettivo principale di selezionare le eccellenze pugliesi da portare come storie di successo a livello internazionale alle prossime Top 100 stories awards.","post_title":"Inizia oggi a Lecce iTeg: l'evento sul turismo enogastronomico e l’hospitality","post_date":"2024-06-19T10:39:56+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1718793596000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469740","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Con il prossimo decollo del collegamento diretto a Chengdu, fissato per il 29 luglio, Air China raddoppia il proprio network da Milano rispetto ai livelli 2019.\r\n\r\nNel periodo pre-Covid, la compagnia operava infatti due rotte per la città, volando da Beijing Capital e Shanghai Pudong; dopo aver sospeso le operazioni nel febbraio 2020, i voli da Pechino sono ripresi nell'ottobre 2021, seguiti dal lancio di una nuova rotta da Wenzhou nel novembre 2022, mentre Shanghai è stata poi ripristinata nel marzo 2023.\r\n\r\nNella summer 2024, una volta avviata la rotta da Chengdu, Air China - in base ai dell'Oag Schedules Analyser evidenziati da Aviation Week - offrirà circa 12.700 posti settimanali nelle due direzioni da e per Milano rispetto agli 8.700 dello stesso periodo nel 2019. La Chengdu-Milano diventerà il 32° collegamento europeo senza scalo della compagnia aerea.\r\n\r\nIn pratica, Germania, Regno Unito e Italia sono i tre principali mercati del vettore cinese in Europa, seguiti da Spagna e Francia. Complessivamente, Air China offrirà circa 115.000 posti settimanali sulle rotte europee entro la fine di luglio, pari ad una crescita del 62% su base annua e del 17% rispetto ai livelli del 2019.\r\n\r\nPer Malpensa la nuova rotta diventerà anche l'ottavo collegamento verso la Cina continentale: oltre ai tre servizi esistenti di Air China, Hainan Airlines vola a Milano da Chongqing e Shenzhen, Juneyao Airlines offre una rotta da Zhengzhou mentre Neos collega Malpensa a Nanchino.\r\n\r\n ","post_title":"Air China: capacità posti raddoppiata su Milano Malpensa rispetto al 2019","post_date":"2024-06-19T10:38:29+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718793509000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469730","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuova partnership per Italo che, grazie alla collaborazione di Uber, consente ai passeggeri di pianificare il proprio viaggio, da casa al treno e dal treno fino alla loro destinazione finale, in modo ancora più semplice ed efficiente.\r\n\r\nUna nuova soluzione multimodale, che arricchisce la piattaforma di servizi ancillari di Italo: «Italo oggi rappresenta il primo gruppo intermodale in Europa. Stiamo ampliando la nostra rete multimodale per offrire soluzioni complete ai nostri viaggiatori - ha dichiarato Gianbattista La Rocca, amministratore delegato di Italo -. Un accordo che semplifica il viaggio e lo rende più sicuro, eliminando i tempi di attesa fuori dalle stazioni».\r\n\r\nIl progetto debutta da Roma e Milano (in questa prima fase), coprendo le stazioni di Roma Termini, Roma Tiburtina, Milano Centrale, Milano Rogoredo e Milano Rho Fiera. Per tutti i passeggeri di Italo in partenza o in arrivo su una di queste stazioni ci sarà la possibilità di prenotare, da 90 giorni antecedenti il viaggio fino a 1 ora prima del viaggio, Uber Black o Van tramite la funzione Uber Reserve Già da ora è possibile prenotare direttamente dalle app (e sito web) di entrambe le società tutti i servizi e, nei prossimi mesi, le rispettive piattaforme saranno completamente integrate per offrire sempre più vantaggi agli utilizzatori.\r\n\r\n«La semplicità dell'esperienza di viaggio, unita ad una forte impegno verso una mobilità sempre più sostenibile, è al centro di tutto ciò che facciamo - ha dichiarato Lorenzo Pireddu, general manager di Uber Italia -. La partnership con Italo rappresenta un passo in avanti significativo nel rendere più agevole, più comodo e più affidabile il tragitto da e verso le stazioni di Milano e Roma. L'integrazione dei servizi di mobilità e l'opportunità di accedere a una vasta gamma di opzioni per spostarsi in città sono solo alcuni dei vantaggi che i passeggeri potranno godere, grazie a questa innovativa collaborazione».\r\n\r\nPer tutti i clienti Italo che si registrano per la prima volta all’app Uber e utilizzano il servizio nelle stazioni di Roma e Milano verrà sbloccata una promozione del 50% sulle prime tre corse.","post_title":"Italo sempre più intermodale grazie alla nuova collaborazione con Uber","post_date":"2024-06-19T09:59:13+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718791153000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469678","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono oltre 80 i milioni di euro che il gruppo Barceló intende investire a Capo Verde, nell'acquisizione, nel riposizionamento e nello sviluppo di nuovi hotel. L'impegno segue l'inaugurazione, avvenuta lo scorso 15 maggio, della struttura di debutto della compagnia nel Paese: il 5 stelle Barceló Praia Cape Verde sulla spiaggia di Prainha a Praia, capitale dell'isola di Santiago. La struttura dispone di 80 camere, piscina a sfioro, aree solarium, palestra e diverse sale riunioni completamente attrezzate. L'offerta gastronomica include poi un ristorante a buffet, il Breeze Gastro bar a bordo piscina e il Lobby bar.\r\n\r\nDopo l'apertura di questa struttura, il gruppo prevede quindi di aggiungere un secondo 5 stelle a Boa Vista, precedentemente noto come Marine Club Beach Resort Hotel, con 160 camere. Opererà sempre con il marchio Barceló Hotels & Resorts. Inoltre, è già stata pianificata la costruzione di un nuovo progetto alberghiero anche sull'isola di Sal, nella zona di Pontao, nel comune di Santa Maria: un all-adults ancora una volta a 5 stelle con 260 camere. \"La destinazione è strategica per la nostra espansione grazie al suo grande potenziale turistico - spiega il direttore regionale Capo Verde e Madeira, Pilar Parejo -. Nei prossimi anni prevediamo perciò di continuare con i nostri investimenti, collaborando allo sviluppo economico e sociale dell'arcipelago\".","post_title":"Barceló mette nel mirino Capo Verde: primo hotel aperto e oltre 80 mln d'investimenti in arrivo","post_date":"2024-06-18T12:01:26+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718712086000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti