2 October 2022

L’extra alberghiero è la prima attività a ripartire nell’era della pandemia

[ 0 ]

Marco Celani

Istat certifica che la ricettività extra alberghiera è stata la prima a ripartire e il settore ha consentito la tenuta della stagione e il raggiungimento di destinazioni finora fuori di circuiti tradizionali più inflazionati, come le Marche, il Molise e le località montane. Ciò si spiega con i requisiti considerati prioritari da chi ha viaggiato a partire dal lockdown di primavera: la necessità di mete isolate, il desiderio di non condividere spazi comuni, la mancanza di fiducia nelle sanificazioni effettuate in strutture di grandi dimensioni, i viaggi di prossimità in località raggiungibili con mezzi propri, voglia di garantirsi una soluzione di alloggio seppur temporaneo per riuscire a coniugare lavoro e vacanza”.

Così Marco Celani, Presidente Aigab – Associazione italiana gestori affitti brevi commenta i dati diffusi dall’Istat che parlano di presenze dimezzate negli esercizi ricettivi nei primi nove mesi del 2020 e che di fatto fotografano la tenuta del settore extra alberghiero che ha superato quello alberghiero nelle scelte di chi ha viaggiato negli ultimi mesi.

Come Aigab – continua Celani – sosteniamo da mesi che l’epidemia ha accelerato trend già in atto: non solo i millennial o i nomadi digitali preferiscono fare vacanze in mete desuete o vivere esperienze nelle città d’arte condividendo alloggi con coetanei studenti o workers, ma anche le famiglie da tempo preferiscono viaggiare affittando case invece che andare in hotel. Altra novità di questo 2020 è che sempre più spesso anche le aziende, spesso su richiesta dei loro stessi dipendenti, prenotano le case come soluzione principe per il business travel. Il 2020 è stata anche l’estate dell’holiday working, un fenomeno che ha consentito a migliaia di famiglie di vivere insieme periodi lunghi in località tipicamente di villeggiatura, lavorando in remoto. Abbiamo ricevuto fino a ottobre inoltrato richieste di prenotazioni con la specifica necessità di lavorare in appartamento in situazioni che hanno consentito una prima destagionalizzazione di zone abituate a chiudere a settembre (Liguria, Puglia, Sicilia)”.

Ci auguriamo che il Governo – conclude Celani – prenda atto che, anche nel 2021, i gestori che operano professionalmente sul mercato degli affitti brevi, e che noi comeAigab rappresentiamo, potranno dare un contributo importante nell’accoglienza di turisti stranieri e italiani che si porranno nel solco della sharing economy. È difficile prevedere che il turismo tradizionale faccia ritorno ai volumi del passato troppo in fretta. Alcune stime parlano del 2025 per eguagliare l’anno record che in termini di incoming è stato il 2019. È quindi importante che il Governo stimoli i proprietari di seconde case inutilizzate a metterle a reddito rendendone semplice ed efficiente l’affidamento a operatori specializzati che le promuovano online, nel totale rispetto delle normative, con flussi di denaro tracciati, raccogliendo tassa di soggiorno e versando la cedolare secca. Solo così si potrà sviluppare un’offerta alternativa e complementare a quella degli hotel, in grado di ripopolare i borghi e le località oggi sconosciute, che possono essere promosse sul web con gli strumenti della digital economy. Lo sforzo della promozione deve essere e sarà nelle mani delle imprese. È il nostro mestiere. Lo Stato non sprechi soldi in destination management e si concentri invece nella semplificazione normativa, attività che ricordiamo essere a costo zero.

In occasione dell’istituzione del nuovo codice unico nazionale presso il MiBACT invitiamo inoltre il Governo a coinvolgere gli operatori di settore per evitare di complicare gli adempimenti invece di semplificare la raccolta dei dati, al fine di rendere più omogenee le normative districando la selva di leggi regionali che rende le cose complicate a chi vuole operare in regola. Il settore degli affitti brevi ha ricevuto un duro colpo e sicuramente saranno migliaia le imprese che spariranno dal mercato, ma il fatto di essere perlopiù microimprese a bassa intensità di capitale farà sì che, appena sarà terminata la crisi di domanda, l’offerta si adeguerà rapidamente alla ripartenza. Il contributo al Pil dipende esclusivamente dalla capacità del Governo di capire le dinamiche e non porre ostacoli ad un mercato che rinascerà da solo.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431346 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiamerà Four Seasons Yachts e sarà la nuova divisione ad hoc dell'omonimo brand di lusso alberghiero lanciata in collaborazione con gli imprenditori del settore Nadim Ashi e Philip Levine, nonché in partnership con Fincantieri che consegnerà la prima nave entro la fine del 2025. Si confermano quindi le indiscrezioni che erano trapelate già nel mese di luglio, quando la compagnia di costruzioni navali italiane aveva annunciato un ordine per una unità di lusso, con un'opzione per altre due. Il tutto per un investimento complessivo di 1,2 miliardi di euro. Ogni suite a bordo costerà 4,2 milioni di dollari Il primo Four Seasons Yacht sarà lungo 207 metri e largo 27 e ospiterà 14 ponti. Il suo design sarà personalizzato nei minimi dettagli, con la costruzione di ogni suite costata 4,2 milioni di dollari. Offrirà inoltre quasi il 50% di spazio abitativo in più per ospite rispetto a quello attualmente disponibile sul mercato, consentendo la massima privacy e flessibilità in un ambiente residenziale. Larry Pimentel, veterano del settore dei viaggi di lusso, è alla guida della nuova impresa: "In collaborazione con Four Seasons, stiamo creando una nuova categoria di viaggi di lusso che si rivolge agli ospiti più esigenti". Le 95 suite della nave risulteranno infatti simili a ville, con finestre a tutta altezza che forniranno luce naturale oltre che permettere l’accesso ad ampie terrazze, per una superficie media di 54 metri quadrati. La suite più ampia, chiamata Funnel, si svilupperà su quattro livelli e offrirà più di 892 metri quadrati di spazio abitativo complessivo tra interno ed esterno, compresa una piscina privata e un'area termale privata dedicata. Oltre a vari ristoranti, lounge e bar il Four Seasons Yacht offrirà una spa, un salone di bellezza e programmi di benessere, passando dal fitness alla nutrizione. La poppa a forma di canoa ospiterà inoltre un ampio ponte piscina per momenti di svago e relax. Quest'area si potrà trasformare anche in una sala cinematografica all'aperto o in uno spazio per eventi privati. Ulteriori dettagli sull'imbarcazione saranno svelati nei prossimi mesi e fino alla consegna dell'imbarcazione, prevista per la fine del 2025. [post_title] => Four Seasons lancia la divisione Yachts: salperà nel 2025 con la prima nave prodotta da Fincantieri [post_date] => 2022-09-29T12:09:09+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664453349000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431330 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_385945" align="alignleft" width="300"] Francesco Calia[/caption] Rimane forte l'interesse da parte degli investitori verso il comparto del real estate alberghiero italiano, grazie anche al progressivo recupero delle performance delle strutture rispetto ai risultati pre-pandemia. Nel primo semestre di quest’anno, i volumi di investimento nel settore dell'ospitalità italiana si sono infatti attestati sui 730 milioni di euro, superando i livelli dello stesso periodo del 2021, anno che poi ha chiuso con un totale transato pari a 2,1 miliardi di euro, miglior risultato di sempre dopo il record del 2019, quando è stata oltrepassata la soglia dei 3 miliardi. Negli ultimi 12 mesi, inoltre, l’incidenza degli investimenti del settore hotel sul totale dei volumi d’investimento del commercial real estate italiano (la categoria degli immobili a reddito con l'esclusione del residenziale, ndr) è stata del 16%, contro quella del 5% registrata a livello europeo. A conferma di come questo settore sia uno dei più sviluppati in Europa. Roma e Milano continuano quindi a dominare la scena. Lusso ed extra-lusso gli obiettivi nella Capitale; upper-upscale il focus nella città lombarda E’ la fotografia del mercato degli hotel in Italia presentata da Cbre, in occasione dell’evento Wanderlust 2022 – The Cbre Hotels Event svoltosi recentemente a Milano. Nel dettaglio, nell’ambito delle operazioni di tipo value-add, gli investitori mostrano particolare interesse verso il mercato romano, puntando al riposizionamento di strutture esistenti e alla conversione di immobili a uso ufficio nel centro storico della città, soprattutto nel segmento lusso ed extra-lusso. A Milano invece i flussi si sono diretti verso il segmento upper-upscale con operazioni di rebranding di hotel esistenti o acquisto di alberghi a reddito da parte di investitori core. Dal 2019 fino alla fine del primo semestre 2022, l’incidenza delle operazioni value-add nel mercato romano ha raggiunto quota 62%, mentre nel mercato milanese si è attestata al 47%. Tariffe medie in crescita a doppia cifra percentuale  A livello di performance, nei primi sette mesi del 2022 a Roma e Milano l’adr (average daily rate) è cresciuto a Roma e Milano rispettivamente del 21% e del 14%, conseguendo i migliori risultati tra le capitali europee, con Roma seconda solo a Parigi in termini di ritmo di crescita. I tassi di occupazione degli alberghi si collocano però ancora sotto i livelli del 2019, rispettivamente del -14% a Roma e dek -22% a Milano, ma in linea con quelli del mercato europeo. Il revpar (ricavo medio per camera disponibile), di conseguenza, a Roma è già al di sopra dei livelli raggiunti nel 2019 (+4%) mentre rimane ancora di poco in area negativa a Milano (-11%). Oltre alle grandi città bene anche il segmento resort “In sintesi possiamo dire che, dalla ripresa Covid e per i prossimi anni, il segmento dei resort e le città di Roma e Milano hanno trainato e traineranno il mercato degli investimenti alberghieri in Italia, assorbendo a oggi complessivamente circa il 70% dei capitali investiti in hotel nel Paese - commenta l'head of hotels di Cbre, Francesco Calia -. Le performance del mercato delle due città sono robuste, in rapidissima crescita e con valori/profitti superiori alle aspettative. E questo dovrebbe progressivamente tranquillizzare gli investitori sui loro ritorni, compensando in parte l’aumento del costo del capitale a prestito.” [post_title] => Cbre: Roma e Milano trainano le performance del real estate alberghiero italiano [post_date] => 2022-09-29T11:31:28+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664451088000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431231 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_431232" align="alignleft" width="300"] Karin Venneri[/caption] Mancano pochi giorni al 30 settembre, termine entro il quale si chiudono le candidature per l’Innovation Startup Tour, l’evento in programma il 21,22, 23 ottobre ad Alassio, organizzato dal comune della città ligure in collaborazione con l’associazione Startup Turismo. Obiettivo dell’iniziativa è far incontrare gli operatori locali e le aziende tradizionali con le startup attive nel turismo, che potranno presentare soluzioni in grado di portare innovazione e valore alle imprese, con benefici per tutto il territorio. Il turismo, che com’è noto vale in Italia il 16% del pil, coinvolge migliaia di aziende e una filiera che impatta fortemente sulle economie locali: spesso, tuttavia, si tratta di realtà anche molto piccole che, pur forti di tradizione, posizione e sapere, si trovano a competere con giganti a livello nazionale e internazionale. Le imprese che aderiscono all’associazione Startup Turismo si occupano di ricerca e innovazione a 360 gradi in tutti i diversi ambiti che compongono l'industria del turismo: servizi per l’alberghiero ed extra alberghiero, sistemi di pagamento smart, intelligenza artificiale, realtà aumentata/virtuale, IoT, fornitori di esperienze... Quella di ottobre sarà quindi una tre giorni di workshop e networking tra aziende e startup, che interagiranno e osserveranno le imprese turistiche locali valutandone la posizione, la dotazione tecnologica, gli strumenti e i servizi offerti, la capacità di comunicare e le possibili sinergie che potrebbero instaurare con altre realtà del territorio, proponendo soluzioni mirate per ogni singola azienda. L’Innovation Startup Tour avrà come focus il posizionamento di Alassio quale wellbeing destination, in un approccio sistemico per rendere l’esperienza del turista rigenerante e rilassante: le proposte studiate per il territorio suggeriranno un nuovo modo di fare impresa, prevedendo l’apertura a nuove idee e competenze. Il progetto è stato finanziato con la tassa di soggiorno: un nuovo significato al riutilizzo del valore generato dal turismo in città. “È il primo progetto nazionale che porta direttamente le startup sul territorio per fare incontrare innovazione e imprenditori - spiega la presidente di Startup Turismo, Karin Venneri -: da una parte abbiamo le aziende che hanno la necessità di mantenersi competitive; dall'altra abbiamo le startup che hanno bisogno di applicare le loro soluzioni al mercato, nel mezzo ci sono soggetti quali le associazioni di categoria e la pubblica amministrazione, che devono facilitare e non rinunciare a questa connessione”. Le fa eco Flavio Tagliabue, segretario generale e co-fondatore dello Startup Turismo: “Innovare non è prerogativa esclusiva dei grandi player: tutte le aziende, a seconda della grandezza e delle possibilità economiche, possono introdurre nuovi modelli di business e soluzioni”. [post_title] => A ottobre, all'Innovation Startup Tour di Alassio, il territorio incontra l'innovazione nel turismo [post_date] => 2022-09-28T10:27:06+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664360826000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431004 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Isole Cook più facilmente raggiungibili grazie al nuovo volo di Air Rarotonga che collega direttamente l'arcipelago con Tahiti e lo rende quindi accessibile anche via Parigi. Oltre alle tradizionali rotte che passano da Nuova Zelanda, Giappone, Singapore, Australia. Il nuovo collegamento è frutto di impegni intergovernativi e di partnership fra Air Rarotonga, Air Tahiti Nui e Air Tahiti. Ulteriori pacchetti come estensioni via Usa, sono in lavorazione. “Le Isole Cook sono nuovamente aperte. Decadute tutte le restrizioni covid, si viaggia semplicemente con il passaporto – afferma Noeline Mateariki, sales marketing director dell’Ente del turismo delle Cook Islands – e non occorre nessun visto per l’ingresso”. In questi due anni, grazie agli incentivi del governo, il settore turistico è stato protetto. Le strutture turistiche hanno potuto beneficiare di ristori e soprattutto le strutture alberghiere hanno potuto effettuare un salto di qualità, upgrading in categoria superiore e di conseguenza “l’offerta turistica è stata ampliata - spiega Nicholas Costantini, general manager Southern Europe –. Il settore ha continuato a crescere grazie anche al turismo domestico che in questi due anni di pandemia non si è mai fermato”. Tutte le isole si sono preparate alla riapertura. Oggi insieme ad Aitutaki e Rarotonga, nell’offerta si aggiungono altre isole, quelle del Sud, tutte spettacolari dal punto di vista naturalistico inserendo nuovi tour alla scoperta della natura e gastronomia. Il gruppo delle isole del Nord fino a quest’anno quasi inaccessibili, è stato aperto al turismo con meravigliose lagune e i pochi abitanti. Tutte isole raggiungibili unicamente attraverso voli domestici considerate le distanze, (15 isole sparse su una superficie di 2,2 milioni di kmq) sono inseriti in tour veramente esclusivi. “A questo punto abbiamo programmato nuovi tour sulla Coral Route e Island-Hopping anche per pacchetti di pochi giorni” sottolinea Robert Skews managing director della Turama Pacific Travel Group. [post_title] => Isole Cook aperte e più facilmente raggiungibili, grazie ai voli di Air Rarotonga [post_date] => 2022-09-23T10:58:46+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663930726000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430921 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una serie di itinerari esclusivi e partenze nel cuore dell’alta stagione, con attenzione particolare per il periodo di Capodanno. Oltremare / Caleidoscopio svela un'ulteriore serie di Partenze speciali 2022/23 tra novità e opportunità inedite. Oltre alla Turchia, di cui si è già parlato per i festeggiamenti di fine anno, la selezione invernale è dedicata a Thailandia, Maldive, Cuba, Mauritius e Dubai con decolli dai principali aeroporti italiani. Le offerte sono esclusive e l’importo pubblicato è finito, grazie alla politica di acquisto in vuoto/pieno di posti volo e servizi a terra. Tra le regine d'inverno, le Maldive sono proposte con partenze il 29 dicembre da Napoli e il 30 da Roma e Milano, con trattamento di pensione completa e quote da 4.490 euro per soggiorni di sette notti. Per tutte le altre partenze speciali, l’offerta base è sempre sotto i 3 mila euro. Per Cuba ci sono tre opportunità che abbinano cultura e mare all inclusive in viaggi di 12 notti con partenza a Santo Stefano da Milano e Roma. Nella stessa data decollano due combinazioni top per la Thailandia, con volo e otto notti a Phuket da Roma e Napoli per quote da 2.230 euro, oltre a una combinazione tra Phuket e Khao Lak nelle stesse date. Il capoluogo campano è il prescelto per la partenza del 28 dicembre di una specialissima settimana a Mauritius, con quota finita a 2.800 euro all inclusive, e un Dubai davvero interessante a 2.389 euro il 30 dicembre. «La nostra filosofia è progettare viaggi completi, agevoli da proporre quanto ricchi nei contenuti e competitivi nel prezzo. Il successo registrato in estate delle nostre partenze speciali – spiega il responsabile operativo del progetto, Claudio Frolli - sottintende che la domanda è in crescita e la nostra proposta di pacchetti vuoto-pieno è in linea con le esigenze di agenzie e clienti. A dirla tutta siamo proiettati già verso il 2023, con una gamma davvero ampia che sarà presentata a breve. In questa fase finale dell’anno ci concentriamo sui classici soggiorni mare, proposti impacchettati con diversi livelli di strutture alberghiere, senza rinunciare agli approfondimenti culturali come a Cuba e in Turchia, che rendono ricco un brand come quelle delle Partenze speciali che ci sta regalando grandi soddisfazioni». [post_title] => Dopo la Turchia, Oltremare / Caleidoscopio completa l'offerta di Partenze speciali per l'inverno [post_date] => 2022-09-22T10:01:47+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663840907000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430884 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiama Itabus Member il nuovo abbonamento che l'azienda di trasporto su gomma a lunga percorrenza ha lanciato per i passeggeri e che prevede una serie di vantaggi. I viaggiatori potranno infatti sottoscrivere al costo di 19,90 euro (come prezzo di lancio, invece che 25 euro) l’iscrizione valida un anno che consentirà di ottenere sconti fino al 20% su tutti i viaggi prenotati senza alcun limite di giorni o orari, 10% di cashback (10 euro ogni 100 euro spesi in viaggi Itabus che il passeggero riceverà sotto forma di voucher utilizzabile per prenotare successivi viaggi) e il 25% di sconto su bagagli aggiuntivi e selezione posto. Inoltre, Itabus ha esteso tali benefici anche a chi accompagnerà l’iscritto alla Itabus Member: l’eventuale secondo viaggiatore godrà così degli stessi vantaggi. “La Itabus Member è un nuovo strumento che introduciamo per agevolare gli spostamenti dei nostri viaggiatori. Diamo così l’opportunità di avere sconti dedicati e vantaggi extra per offrire un servizio completo e di qualità, sempre al miglior prezzo presente sul mercato - dichiara Ivan Martinez, direttore commerciale di Itabus. Ci prepariamo ad affrontare una nuova stagione ricca di novità, la Itabus Member è solo la prima che presentiamo".   [post_title] => Nasce Itabus Member: sconti e vantaggi extra per i passeggeri abbonati [post_date] => 2022-09-22T09:00:05+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663837205000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430862 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Parte la 2° edizione di iTEG, l’evento di cui Travel Quotidiano è media partner, progettato per ridisegnare il Turismo Enogastronomico Italiano con un forte focus sui 17 Obiettivi della Agenda 2030. L’evento, che vuole fornire nuove linee guida per gli operatori di tutta la filiera, si svolgerà il 30 settembre e 1 ottobre a Galatina (LE), nel centro storico, all'interno di due location d'eccezione: il Chiostro delle Clarisse e Chiesa dei Battenti. Venerdì 23 settembre, alle ore 11, si terrà la Conferenza stampa di presentazione nella Sala Dante museo Cavoti Galatina. iTEG: le novità dell'edizione 2022 iTEG  è uno degli obiettivi del progetto TEGing Italia, fondato nel 2020 da Paola Puzzovio. Un sistema consolidato per la gestione del T.EG. e delle aree operative progettuali: formazione, incoming, destinazioni e servizi alle aziende. Tra le novità di quest’edizione: block-chain e Metaverso; opportunità con PNRR; marketing e comunicazione specifico per il T.EG; mindfulness; disegno di esperienze turistiche sostenibili e inclusive; turismo low-carbon; turismo outdoor; ospitalità a 5 stelle; l’arte pasticcera; l’evoluzione della formazione; spreco alimentare; oltre ai consolidati Unconventional foodies e TEGing & co-project. Inoltre, si svolgeranno due tavole rotonde: una sulla Sostenibilità e l’altra sulla Wine Hospitality. Il programma prevede anche cinque salotti tematici: Comunicazione, ️Produttori, Reti, Autori e Intermediari con un unico obiettivo: delineare nuove strategie e linee guida per il Turismo Enogastronomico Italiano. Le attività formative e le Masterclass saranno tenute da esperti italiani e internazionali, con un totale di 16 ore no stop per tutti gli operatori della filiera turistico-enogastronomica: produttori, tour operators, albergatori, host, sommelier, ristoratori, generazione Z, DMO. I racconti di best practice e storie di successo di operatori che ce l’hanno fatta, hanno il compito di essere una fonte d’ispirazione e di rendere reale tutto ciò che sembra impossibile. In piazza Galluccio, sarà organizzata un'area dedicata alla simulazione di attività ed esperienze di turismo enogastronomico, coinvolgendo tutti, attivamente, in esperienze che fanno vivere momenti speciali.   'A cena con la Puglia' Una cena conviviale, sotto le stelle, dal titolo 'A cena con la Puglia' animerà il borgo la sera del 30 settembre: una grande tavolata per favorire l’interazione tra produttori, operatori, rappresentanti privati e pubblici, storici, autori pugliesi e non. I padroni di casa, i pugliesi, intratterranno i commensali non pugliesi, raccontando la Puglia e la loro storia. Tutti verranno ammaliati da un team composto da sommelier narratori, allievi delle scuole alberghiere, cuochi professionisti e amatoriali, affiancati dai produttori locali che si alterneranno per raccontare le eccellenze del territorio. Durante le due giornate, gli ospiti accompagnati da guide abilitate, scopriranno il patrimonio storico culturale di Galatina in “Discovery Galatina”. "Sono orgogliosa dell'evoluzione dei progetti TEGing e iTEG, e di tutto ciò che stiamo mettendo a disposizione della Puglia, ospitando professionisti italiani e internazionali - dichiara Paola Puzzovio - Per me è fondamentale agire, fare prima ancora di dire sia per TEGing Italia sia per iTEG. Un agire in cui la forza delle reti è tangibile e si presenta in ogni momento dell'organizzazione di iTEG 2022. Le reti sono il sostegno del progetto e dell'evento ed è questa certezza che mi spinge ad alzare sempre di più l'asticella, fino a progettare la presentazione di TEGing e iTEG a New York. Grazie ad iTEG il sud sarà protagonista del futuro.” Per partecipare gratuitamente all’evento, registrarsi su https://www.eventbrite.it/e/394215337687 Patrocini: Regione Puglia, Comune di Galatina, Confagricoltura, CCIAA Lecce, CNA Lecce, Laica, Cultura Italiae. World Food Travel Association, Trails for Peace, Green Destination, Centro Español de Turismo Responsable. [post_title] => Al via la seconda edizione di iTEG: il turismo enogastronomico va in scena [post_date] => 2022-09-21T13:00:18+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663765218000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430723 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Carinzia è una regione dell'Austria dove la bellezza della natura incontra la storia e la tradizione culturale e gastronomica, un’affascinante destinazione a corto raggio tanto amata dagli italiani. «Nella nostra regione in questi due anni non si è mai fermato il flusso turistico. - spiega Helmuth Micheler, del Tourismus Verband Klagenfurt - Il 2019 è stato l’anno migliore nella storia del turismo a Klagenfurt, ma nel 2022 il dato delle presenze è cresciuto ancora del 5% rispetto al 2019, perché gli italiani sono tornati in numero sempre maggiore. Se per noi i mercati più importanti sono l’Austria e la Germania, al terzo posto c’è l’Italia. I turisti, in particolare le famiglie, visitano Klagenfurt e la Carinzia per praticare sport, ma anche per seguire spettacoli ed eventi artistici, come il concerto di Andrea Bocelli in programma nel 2023. Inoltre abbiamo fiere e congressi e in città sono disponibili 3000 camere. Per favorire gli ospiti abbiamo pensato anche alla “Wörthersee Pluscard”, una card ricca di sconti e vantaggi». Il visitatore di Klagenfurt am Wörthersee - ospite di strutture alberghiere di eccellenza e uniche, dalle linee futuristiche o di lunga tradizione familiare - potrà praticare diversi sport sui laghi e sulle montagne, ma anche partecipare all’impegnativo “Ironman Austria-Kärnten” che ogni autunno vede sfidarsi gli atleti in tre prove impegnative: 4km di nuoto seguiti da 180km in bicicletta e da oltre 40km di maratona. La Carinzia è terra di gustosi piatti tradizionali e di vini: per questo da 5 anni, nel mese di settembre, ricorrono le Giornate della Cucina Alpe-Adria, che riuniscono chef carinziani, sloveni e friulani per celebrare i prodotti locali. Un territorio dove la storia ha lasciato opere d’arte come la maestosa “Wappensaal” o “Sala degli Stemmi” che, realizzata nel ‘700 all’interno della Landhaus, raccoglie gli stemmi delle famiglie aristocratiche del tempo. Maestose le chiese e i campanili come quello di S.Egidio, sulla cui cima la custode Helene Reichelt partorì 5 figli e vigilò su Klagenfurt dal 1923 al 1966. Nella stessa chiesa si può ammirare la colorata e immaginifica Cappella dell’Apocalisse realizzata tra il 1995 e il 2015 da Ernst Fuchs, esponente della Scuola Viennese del Realismo Fantastico. Infine, simbolo di una città protesa verso il futuro ma legata alla sua tradizione, ecco il Lindwurm: un drago che, secondo la leggenda, divorava i passanti che si lamentavano - “Klagen” - presso un guado - “Furt” – poco lontano e che oggi si può ammirare pietrificato in un'imponente fontana. [post_title] => La Carinzia e Klagenfurt: l’offerta turistica, tra sport e sapori, celebra tradizione e storia [post_date] => 2022-09-20T09:45:58+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663667158000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430712 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tap Air Portugal propone tante destinazioni in Portogallo e oltre Atlantico a tariffe speciali, da prenotare entro il prossimo 2 ottobre, per partenze fino al 30 giugno 2023. Tra le proposte, il Portogallo da 89 euro, Madeira da 109 euro, Azzorre da 169 euro; 11 destinazioni in Brasile da 419 euro oltre che verso il Nord e Centro America, ad esempio New York da 269 euro. La compagnia consente anche lo Stopover gratis a Lisbona fino a 5 notti, nella tratta di andata oppure di ritorno verso le numerose destinazioni oltreoceano. L’iniziativa è valida anche per Madeira e le Azzorre e dà diritto a una serie di altri vantaggi come tariffe alberghiere esclusive, offerte speciali e sconti presso numerosi partner.  Tap opera 93 voli settimanali dall’Italia con partenze dirette per Lisbona da 6 aeroporti: Milano Malpensa, Roma Fiumicino, Venezia, Firenze, Bologna e Napoli. Grazie al codeshare con Ita Airways si può partire da altri 11 aeroporti (Brindisi, Bologna, Bari, Catania, Genova, Napoli, Palermo, Lamezia Terme, Torino, Trieste e Verona), mentre l’accordo con Trenitalia permette di avere nello stesso biglietto la combinazione treno ad alta velocità-aereo, iniziando o terminando il viaggio nelle stazioni centrali di numerose città.  [post_title] => Tap Air Portugal incentiva le prenotazioni per viaggiare fino al 30 giugno 2023 [post_date] => 2022-09-20T09:15:38+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663665338000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "lextra alberghiero riparte" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":22,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1362,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431346","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiamerà Four Seasons Yachts e sarà la nuova divisione ad hoc dell'omonimo brand di lusso alberghiero lanciata in collaborazione con gli imprenditori del settore Nadim Ashi e Philip Levine, nonché in partnership con Fincantieri che consegnerà la prima nave entro la fine del 2025. Si confermano quindi le indiscrezioni che erano trapelate già nel mese di luglio, quando la compagnia di costruzioni navali italiane aveva annunciato un ordine per una unità di lusso, con un'opzione per altre due. Il tutto per un investimento complessivo di 1,2 miliardi di euro.\r\n\r\nOgni suite a bordo costerà 4,2 milioni di dollari\r\n\r\nIl primo Four Seasons Yacht sarà lungo 207 metri e largo 27 e ospiterà 14 ponti. Il suo design sarà personalizzato nei minimi dettagli, con la costruzione di ogni suite costata 4,2 milioni di dollari. Offrirà inoltre quasi il 50% di spazio abitativo in più per ospite rispetto a quello attualmente disponibile sul mercato, consentendo la massima privacy e flessibilità in un ambiente residenziale. Larry Pimentel, veterano del settore dei viaggi di lusso, è alla guida della nuova impresa: \"In collaborazione con Four Seasons, stiamo creando una nuova categoria di viaggi di lusso che si rivolge agli ospiti più esigenti\". Le 95 suite della nave risulteranno infatti simili a ville, con finestre a tutta altezza che forniranno luce naturale oltre che permettere l’accesso ad ampie terrazze, per una superficie media di 54 metri quadrati. La suite più ampia, chiamata Funnel, si svilupperà su quattro livelli e offrirà più di 892 metri quadrati di spazio abitativo complessivo tra interno ed esterno, compresa una piscina privata e un'area termale privata dedicata.\r\n\r\nOltre a vari ristoranti, lounge e bar il Four Seasons Yacht offrirà una spa, un salone di bellezza e programmi di benessere, passando dal fitness alla nutrizione. La poppa a forma di canoa ospiterà inoltre un ampio ponte piscina per momenti di svago e relax. Quest'area si potrà trasformare anche in una sala cinematografica all'aperto o in uno spazio per eventi privati. Ulteriori dettagli sull'imbarcazione saranno svelati nei prossimi mesi e fino alla consegna dell'imbarcazione, prevista per la fine del 2025.","post_title":"Four Seasons lancia la divisione Yachts: salperà nel 2025 con la prima nave prodotta da Fincantieri","post_date":"2022-09-29T12:09:09+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664453349000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431330","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_385945\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Francesco Calia[/caption]\r\n\r\nRimane forte l'interesse da parte degli investitori verso il comparto del real estate alberghiero italiano, grazie anche al progressivo recupero delle performance delle strutture rispetto ai risultati pre-pandemia. Nel primo semestre di quest’anno, i volumi di investimento nel settore dell'ospitalità italiana si sono infatti attestati sui 730 milioni di euro, superando i livelli dello stesso periodo del 2021, anno che poi ha chiuso con un totale transato pari a 2,1 miliardi di euro, miglior risultato di sempre dopo il record del 2019, quando è stata oltrepassata la soglia dei 3 miliardi. Negli ultimi 12 mesi, inoltre, l’incidenza degli investimenti del settore hotel sul totale dei volumi d’investimento del commercial real estate italiano (la categoria degli immobili a reddito con l'esclusione del residenziale, ndr) è stata del 16%, contro quella del 5% registrata a livello europeo. A conferma di come questo settore sia uno dei più sviluppati in Europa. Roma e Milano continuano quindi a dominare la scena.\r\n\r\nLusso ed extra-lusso gli obiettivi nella Capitale; upper-upscale il focus nella città lombarda\r\n\r\nE’ la fotografia del mercato degli hotel in Italia presentata da Cbre, in occasione dell’evento Wanderlust 2022 – The Cbre Hotels Event svoltosi recentemente a Milano. Nel dettaglio, nell’ambito delle operazioni di tipo value-add, gli investitori mostrano particolare interesse verso il mercato romano, puntando al riposizionamento di strutture esistenti e alla conversione di immobili a uso ufficio nel centro storico della città, soprattutto nel segmento lusso ed extra-lusso. A Milano invece i flussi si sono diretti verso il segmento upper-upscale con operazioni di rebranding di hotel esistenti o acquisto di alberghi a reddito da parte di investitori core. Dal 2019 fino alla fine del primo semestre 2022, l’incidenza delle operazioni value-add nel mercato romano ha raggiunto quota 62%, mentre nel mercato milanese si è attestata al 47%.\r\n\r\nTariffe medie in crescita a doppia cifra percentuale \r\n\r\nA livello di performance, nei primi sette mesi del 2022 a Roma e Milano l’adr (average daily rate) è cresciuto a Roma e Milano rispettivamente del 21% e del 14%, conseguendo i migliori risultati tra le capitali europee, con Roma seconda solo a Parigi in termini di ritmo di crescita. I tassi di occupazione degli alberghi si collocano però ancora sotto i livelli del 2019, rispettivamente del -14% a Roma e dek -22% a Milano, ma in linea con quelli del mercato europeo. Il revpar (ricavo medio per camera disponibile), di conseguenza, a Roma è già al di sopra dei livelli raggiunti nel 2019 (+4%) mentre rimane ancora di poco in area negativa a Milano (-11%).\r\n\r\nOltre alle grandi città bene anche il segmento resort\r\n\r\n“In sintesi possiamo dire che, dalla ripresa Covid e per i prossimi anni, il segmento dei resort e le città di Roma e Milano hanno trainato e traineranno il mercato degli investimenti alberghieri in Italia, assorbendo a oggi complessivamente circa il 70% dei capitali investiti in hotel nel Paese - commenta l'head of hotels di Cbre, Francesco Calia -. Le performance del mercato delle due città sono robuste, in rapidissima crescita e con valori/profitti superiori alle aspettative. E questo dovrebbe progressivamente tranquillizzare gli investitori sui loro ritorni, compensando in parte l’aumento del costo del capitale a prestito.”","post_title":"Cbre: Roma e Milano trainano le performance del real estate alberghiero italiano","post_date":"2022-09-29T11:31:28+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664451088000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431231","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_431232\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Karin Venneri[/caption]\r\n\r\nMancano pochi giorni al 30 settembre, termine entro il quale si chiudono le candidature per l’Innovation Startup Tour, l’evento in programma il 21,22, 23 ottobre ad Alassio, organizzato dal comune della città ligure in collaborazione con l’associazione Startup Turismo. Obiettivo dell’iniziativa è far incontrare gli operatori locali e le aziende tradizionali con le startup attive nel turismo, che potranno presentare soluzioni in grado di portare innovazione e valore alle imprese, con benefici per tutto il territorio.\r\n\r\nIl turismo, che com’è noto vale in Italia il 16% del pil, coinvolge migliaia di aziende e una filiera che impatta fortemente sulle economie locali: spesso, tuttavia, si tratta di realtà anche molto piccole che, pur forti di tradizione, posizione e sapere, si trovano a competere con giganti a livello nazionale e internazionale. Le imprese che aderiscono all’associazione Startup Turismo si occupano di ricerca e innovazione a 360 gradi in tutti i diversi ambiti che compongono l'industria del turismo: servizi per l’alberghiero ed extra alberghiero, sistemi di pagamento smart, intelligenza artificiale, realtà aumentata/virtuale, IoT, fornitori di esperienze... Quella di ottobre sarà quindi una tre giorni di workshop e networking tra aziende e startup, che interagiranno e osserveranno le imprese turistiche locali valutandone la posizione, la dotazione tecnologica, gli strumenti e i servizi offerti, la capacità di comunicare e le possibili sinergie che potrebbero instaurare con altre realtà del territorio, proponendo soluzioni mirate per ogni singola azienda.\r\n\r\nL’Innovation Startup Tour avrà come focus il posizionamento di Alassio quale wellbeing destination, in un approccio sistemico per rendere l’esperienza del turista rigenerante e rilassante: le proposte studiate per il territorio suggeriranno un nuovo modo di fare impresa, prevedendo l’apertura a nuove idee e competenze. Il progetto è stato finanziato con la tassa di soggiorno: un nuovo significato al riutilizzo del valore generato dal turismo in città.\r\n\r\n“È il primo progetto nazionale che porta direttamente le startup sul territorio per fare incontrare innovazione e imprenditori - spiega la presidente di Startup Turismo, Karin Venneri -: da una parte abbiamo le aziende che hanno la necessità di mantenersi competitive; dall'altra abbiamo le startup che hanno bisogno di applicare le loro soluzioni al mercato, nel mezzo ci sono soggetti quali le associazioni di categoria e la pubblica amministrazione, che devono facilitare e non rinunciare a questa connessione”. Le fa eco Flavio Tagliabue, segretario generale e co-fondatore dello Startup Turismo: “Innovare non è prerogativa esclusiva dei grandi player: tutte le aziende, a seconda della grandezza e delle possibilità economiche, possono introdurre nuovi modelli di business e soluzioni”.","post_title":"A ottobre, all'Innovation Startup Tour di Alassio, il territorio incontra l'innovazione nel turismo","post_date":"2022-09-28T10:27:06+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1664360826000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431004","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Isole Cook più facilmente raggiungibili grazie al nuovo volo di Air Rarotonga che collega direttamente l'arcipelago con Tahiti e lo rende quindi accessibile anche via Parigi. Oltre alle tradizionali rotte che passano da Nuova Zelanda, Giappone, Singapore, Australia. Il nuovo collegamento è frutto di impegni intergovernativi e di partnership fra Air Rarotonga, Air Tahiti Nui e Air Tahiti. Ulteriori pacchetti come estensioni via Usa, sono in lavorazione.\r\n\r\n“Le Isole Cook sono nuovamente aperte. Decadute tutte le restrizioni covid, si viaggia semplicemente con il passaporto – afferma Noeline Mateariki, sales marketing director dell’Ente del turismo delle Cook Islands – e non occorre nessun visto per l’ingresso”.\r\n\r\nIn questi due anni, grazie agli incentivi del governo, il settore turistico è stato protetto. Le strutture turistiche hanno potuto beneficiare di ristori e soprattutto le strutture alberghiere hanno potuto effettuare un salto di qualità, upgrading in categoria superiore e di conseguenza “l’offerta turistica è stata ampliata - spiega Nicholas Costantini, general manager Southern Europe –. Il settore ha continuato a crescere grazie anche al turismo domestico che in questi due anni di pandemia non si è mai fermato”.\r\n\r\nTutte le isole si sono preparate alla riapertura. Oggi insieme ad Aitutaki e Rarotonga, nell’offerta si aggiungono altre isole, quelle del Sud, tutte spettacolari dal punto di vista naturalistico inserendo nuovi tour alla scoperta della natura e gastronomia. Il gruppo delle isole del Nord fino a quest’anno quasi inaccessibili, è stato aperto al turismo con meravigliose lagune e i pochi abitanti. Tutte isole raggiungibili unicamente attraverso voli domestici considerate le distanze, (15 isole sparse su una superficie di 2,2 milioni di kmq) sono inseriti in tour veramente esclusivi.\r\n\r\n“A questo punto abbiamo programmato nuovi tour sulla Coral Route e Island-Hopping anche per pacchetti di pochi giorni” sottolinea Robert Skews managing director della Turama Pacific Travel Group.","post_title":"Isole Cook aperte e più facilmente raggiungibili, grazie ai voli di Air Rarotonga","post_date":"2022-09-23T10:58:46+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1663930726000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430921","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una serie di itinerari esclusivi e partenze nel cuore dell’alta stagione, con attenzione particolare per il periodo di Capodanno. Oltremare / Caleidoscopio svela un'ulteriore serie di Partenze speciali 2022/23 tra novità e opportunità inedite. Oltre alla Turchia, di cui si è già parlato per i festeggiamenti di fine anno, la selezione invernale è dedicata a Thailandia, Maldive, Cuba, Mauritius e Dubai con decolli dai principali aeroporti italiani.\r\n\r\nLe offerte sono esclusive e l’importo pubblicato è finito, grazie alla politica di acquisto in vuoto/pieno di posti volo e servizi a terra. Tra le regine d'inverno, le Maldive sono proposte con partenze il 29 dicembre da Napoli e il 30 da Roma e Milano, con trattamento di pensione completa e quote da 4.490 euro per soggiorni di sette notti. Per tutte le altre partenze speciali, l’offerta base è sempre sotto i 3 mila euro. Per Cuba ci sono tre opportunità che abbinano cultura e mare all inclusive in viaggi di 12 notti con partenza a Santo Stefano da Milano e Roma. Nella stessa data decollano due combinazioni top per la Thailandia, con volo e otto notti a Phuket da Roma e Napoli per quote da 2.230 euro, oltre a una combinazione tra Phuket e Khao Lak nelle stesse date. Il capoluogo campano è il prescelto per la partenza del 28 dicembre di una specialissima settimana a Mauritius, con quota finita a 2.800 euro all inclusive, e un Dubai davvero interessante a 2.389 euro il 30 dicembre.\r\n\r\n«La nostra filosofia è progettare viaggi completi, agevoli da proporre quanto ricchi nei contenuti e competitivi nel prezzo. Il successo registrato in estate delle nostre partenze speciali – spiega il responsabile operativo del progetto, Claudio Frolli - sottintende che la domanda è in crescita e la nostra proposta di pacchetti vuoto-pieno è in linea con le esigenze di agenzie e clienti. A dirla tutta siamo proiettati già verso il 2023, con una gamma davvero ampia che sarà presentata a breve. In questa fase finale dell’anno ci concentriamo sui classici soggiorni mare, proposti impacchettati con diversi livelli di strutture alberghiere, senza rinunciare agli approfondimenti culturali come a Cuba e in Turchia, che rendono ricco un brand come quelle delle Partenze speciali che ci sta regalando grandi soddisfazioni».","post_title":"Dopo la Turchia, Oltremare / Caleidoscopio completa l'offerta di Partenze speciali per l'inverno","post_date":"2022-09-22T10:01:47+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1663840907000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430884","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiama Itabus Member il nuovo abbonamento che l'azienda di trasporto su gomma a lunga percorrenza ha lanciato per i passeggeri e che prevede una serie di vantaggi.\r\n\r\nI viaggiatori potranno infatti sottoscrivere al costo di 19,90 euro (come prezzo di lancio, invece che 25 euro) l’iscrizione valida un anno che consentirà di ottenere sconti fino al 20% su tutti i viaggi prenotati senza alcun limite di giorni o orari, 10% di cashback (10 euro ogni 100 euro spesi in viaggi Itabus che il passeggero riceverà sotto forma di voucher utilizzabile per prenotare successivi viaggi) e il 25% di sconto su bagagli aggiuntivi e selezione posto.\r\n\r\nInoltre, Itabus ha esteso tali benefici anche a chi accompagnerà l’iscritto alla Itabus Member: l’eventuale secondo viaggiatore godrà così degli stessi vantaggi.\r\n\r\n“La Itabus Member è un nuovo strumento che introduciamo per agevolare gli spostamenti dei nostri viaggiatori. Diamo così l’opportunità di avere sconti dedicati e vantaggi extra per offrire un servizio completo e di qualità, sempre al miglior prezzo presente sul mercato - dichiara Ivan Martinez, direttore commerciale di Itabus. Ci prepariamo ad affrontare una nuova stagione ricca di novità, la Itabus Member è solo la prima che presentiamo\".\r\n\r\n ","post_title":"Nasce Itabus Member: sconti e vantaggi extra per i passeggeri abbonati","post_date":"2022-09-22T09:00:05+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663837205000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430862","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Parte la 2° edizione di iTEG, l’evento di cui Travel Quotidiano è media partner, progettato per ridisegnare il Turismo Enogastronomico Italiano con un forte focus sui 17 Obiettivi della Agenda 2030.\r\n\r\nL’evento, che vuole fornire nuove linee guida per gli operatori di tutta la filiera, si svolgerà il 30 settembre e 1 ottobre a Galatina (LE), nel centro storico, all'interno di due location d'eccezione: il Chiostro delle Clarisse e Chiesa dei Battenti.\r\n\r\nVenerdì 23 settembre, alle ore 11, si terrà la Conferenza stampa di presentazione nella Sala Dante museo Cavoti Galatina.\r\n\r\niTEG: le novità dell'edizione 2022\r\n\r\niTEG  è uno degli obiettivi del progetto TEGing Italia, fondato nel 2020 da Paola Puzzovio. Un sistema consolidato per la gestione del T.EG. e delle aree operative progettuali: formazione, incoming, destinazioni e servizi alle aziende.\r\n\r\nTra le novità di quest’edizione: block-chain e Metaverso; opportunità con PNRR; marketing e comunicazione specifico per il T.EG; mindfulness; disegno di esperienze turistiche sostenibili e inclusive; turismo low-carbon; turismo outdoor; ospitalità a 5 stelle; l’arte pasticcera; l’evoluzione della formazione; spreco alimentare; oltre ai consolidati Unconventional foodies e TEGing & co-project.\r\nInoltre, si svolgeranno due tavole rotonde: una sulla Sostenibilità e l’altra sulla Wine Hospitality.\r\n\r\nIl programma prevede anche cinque salotti tematici: Comunicazione, ️Produttori, Reti, Autori e Intermediari con un unico obiettivo: delineare nuove strategie e linee guida per il Turismo Enogastronomico Italiano.\r\n\r\nLe attività formative e le Masterclass saranno tenute da esperti italiani e internazionali, con un totale di 16 ore no stop per tutti gli operatori della filiera turistico-enogastronomica: produttori, tour operators, albergatori, host, sommelier, ristoratori, generazione Z, DMO. I racconti di best practice e storie di successo di operatori che ce l’hanno fatta, hanno il compito di essere una fonte d’ispirazione e di rendere reale tutto ciò che sembra impossibile.\r\n\r\nIn piazza Galluccio, sarà organizzata un'area dedicata alla simulazione di attività ed esperienze di turismo enogastronomico, coinvolgendo tutti, attivamente, in esperienze che fanno vivere momenti speciali.\r\n\r\n \r\n\r\n'A cena con la Puglia'\r\n\r\nUna cena conviviale, sotto le stelle, dal titolo 'A cena con la Puglia' animerà il borgo la sera del 30 settembre: una grande tavolata per favorire l’interazione tra produttori, operatori, rappresentanti privati e pubblici, storici, autori pugliesi e non. I padroni di casa, i pugliesi, intratterranno i commensali non pugliesi, raccontando la Puglia e la loro storia. Tutti verranno ammaliati da un team composto da sommelier narratori, allievi delle scuole alberghiere, cuochi professionisti e amatoriali, affiancati dai produttori locali che si alterneranno per raccontare le eccellenze del territorio.\r\n\r\nDurante le due giornate, gli ospiti accompagnati da guide abilitate, scopriranno il patrimonio storico culturale di Galatina in “Discovery Galatina”.\r\n\r\n\"Sono orgogliosa dell'evoluzione dei progetti TEGing e iTEG, e di tutto ciò che stiamo mettendo a disposizione della Puglia, ospitando professionisti italiani e internazionali - dichiara Paola Puzzovio - Per me è fondamentale agire, fare prima ancora di dire sia per TEGing Italia sia per iTEG. Un agire in cui la forza delle reti è tangibile e si presenta in ogni momento dell'organizzazione di iTEG 2022. Le reti sono il sostegno del progetto e dell'evento ed è questa certezza che mi spinge ad alzare sempre di più l'asticella, fino a progettare la presentazione di TEGing e iTEG a New York. Grazie ad iTEG il sud sarà protagonista del futuro.”\r\n\r\nPer partecipare gratuitamente all’evento, registrarsi su https://www.eventbrite.it/e/394215337687\r\n\r\nPatrocini: Regione Puglia, Comune di Galatina, Confagricoltura, CCIAA Lecce, CNA Lecce, Laica, Cultura Italiae. World Food Travel Association, Trails for Peace, Green Destination, Centro Español de Turismo Responsable.","post_title":"Al via la seconda edizione di iTEG: il turismo enogastronomico va in scena","post_date":"2022-09-21T13:00:18+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1663765218000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430723","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nLa Carinzia è una regione dell'Austria dove la bellezza della natura incontra la storia e la tradizione culturale e gastronomica, un’affascinante destinazione a corto raggio tanto amata dagli italiani.\r\n\r\n«Nella nostra regione in questi due anni non si è mai fermato il flusso turistico. - spiega Helmuth Micheler, del Tourismus Verband Klagenfurt - Il 2019 è stato l’anno migliore nella storia del turismo a Klagenfurt, ma nel 2022 il dato delle presenze è cresciuto ancora del 5% rispetto al 2019, perché gli italiani sono tornati in numero sempre maggiore. Se per noi i mercati più importanti sono l’Austria e la Germania, al terzo posto c’è l’Italia. I turisti, in particolare le famiglie, visitano Klagenfurt e la Carinzia per praticare sport, ma anche per seguire spettacoli ed eventi artistici, come il concerto di Andrea Bocelli in programma nel 2023. Inoltre abbiamo fiere e congressi e in città sono disponibili 3000 camere. Per favorire gli ospiti abbiamo pensato anche alla “Wörthersee Pluscard”, una card ricca di sconti e vantaggi».\r\n\r\nIl visitatore di Klagenfurt am Wörthersee - ospite di strutture alberghiere di eccellenza e uniche, dalle linee futuristiche o di lunga tradizione familiare - potrà praticare diversi sport sui laghi e sulle montagne, ma anche partecipare all’impegnativo “Ironman Austria-Kärnten” che ogni autunno vede sfidarsi gli atleti in tre prove impegnative: 4km di nuoto seguiti da 180km in bicicletta e da oltre 40km di maratona. La Carinzia è terra di gustosi piatti tradizionali e di vini: per questo da 5 anni, nel mese di settembre, ricorrono le Giornate della Cucina Alpe-Adria, che riuniscono chef carinziani, sloveni e friulani per celebrare i prodotti locali.\r\n\r\nUn territorio dove la storia ha lasciato opere d’arte come la maestosa “Wappensaal” o “Sala degli Stemmi” che, realizzata nel ‘700 all’interno della Landhaus, raccoglie gli stemmi delle famiglie aristocratiche del tempo. Maestose le chiese e i campanili come quello di S.Egidio, sulla cui cima la custode Helene Reichelt partorì 5 figli e vigilò su Klagenfurt dal 1923 al 1966. Nella stessa chiesa si può ammirare la colorata e immaginifica Cappella dell’Apocalisse realizzata tra il 1995 e il 2015 da Ernst Fuchs, esponente della Scuola Viennese del Realismo Fantastico.\r\n\r\nInfine, simbolo di una città protesa verso il futuro ma legata alla sua tradizione, ecco il Lindwurm: un drago che, secondo la leggenda, divorava i passanti che si lamentavano - “Klagen” - presso un guado - “Furt” – poco lontano e che oggi si può ammirare pietrificato in un'imponente fontana.","post_title":"La Carinzia e Klagenfurt: l’offerta turistica, tra sport e sapori, celebra tradizione e storia","post_date":"2022-09-20T09:45:58+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1663667158000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430712","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tap Air Portugal propone tante destinazioni in Portogallo e oltre Atlantico a tariffe speciali, da prenotare entro il prossimo 2 ottobre, per partenze fino al 30 giugno 2023. Tra le proposte, il Portogallo da 89 euro, Madeira da 109 euro, Azzorre da 169 euro; 11 destinazioni in Brasile da 419 euro oltre che verso il Nord e Centro America, ad esempio New York da 269 euro.\r\n\r\nLa compagnia consente anche lo Stopover gratis a Lisbona fino a 5 notti, nella tratta di andata oppure di ritorno verso le numerose destinazioni oltreoceano. L’iniziativa è valida anche per Madeira e le Azzorre e dà diritto a una serie di altri vantaggi come tariffe alberghiere esclusive, offerte speciali e sconti presso numerosi partner. \r\nTap opera 93 voli settimanali dall’Italia con partenze dirette per Lisbona da 6 aeroporti: Milano Malpensa, Roma Fiumicino, Venezia, Firenze, Bologna e Napoli. Grazie al codeshare con Ita Airways si può partire da altri 11 aeroporti (Brindisi, Bologna, Bari, Catania, Genova, Napoli, Palermo, Lamezia Terme, Torino, Trieste e Verona), mentre l’accordo con Trenitalia permette di avere nello stesso biglietto la combinazione treno ad alta velocità-aereo, iniziando o terminando il viaggio nelle stazioni centrali di numerose città. ","post_title":"Tap Air Portugal incentiva le prenotazioni per viaggiare fino al 30 giugno 2023","post_date":"2022-09-20T09:15:38+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663665338000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti