16 May 2021

Kempinski licenzia il ceo Martin Smura. Le motivazioni dietro al cambio al vertice

[ 0 ]

Martin Smura

In un algido comunicato Kempinksi Hotels ha oggi annunciato “la nomina con effetto immediato di Bernold Schroeder a nuovo presidente del cda e amministratore delegato ad interim del gruppo. La notizia segue la decisione dello stesso consiglio di amministrazione di separare la propria strada da quella del precedente a.d. Martin Smura“.

La compagnia non ha fornito alcuna versione ufficiale delle motivazioni che hanno portato al cambio al vertice. Dietro alle consuete parole di circostanza si nasconderebbe tuttavia una serie di divergenze profonde tra il board e l’ormai ex ceo, in merito allo stile di gestione del gruppo. Stando alla ricostruzione effettuata dal magazine tedesco hospitalityinside.com, a pesare sulla decisione sarebbero stati in particolare un paio di accordi di sviluppo che Smura ha siglato in questi mesi con l’investitore 12.18 di Düsseldorf e poi con il brand lusso Hommage Collection di Dorint Hotels.

La prima partnership, avviata a ottobre 2019, avrebbe dovuto portare all’apertura di una ventina di nuove strutture lusso operate con il doppio marchio 7Pines (di 12.18) e Kempinski. Da allora unicamente un resort sarebbe però stato inaugurato a Ibiza, realizzato per di più esclusivamente secondo gli standard 12.18. Un’operazione poco chiara, che avrebbe peraltro rischiato di annacquare il posizionamento del gruppo con sede a Ginevra, dato il target sostanzialmente più basso delle strutture 12.18. Il consiglio di sorveglianza della compagnia avrebbe quindi ordinato lo scorso ottobre a Smura di togliere il brand Kempinski dal resort e di cessare qualsiasi rapporto con 12.18.

Stando invece al secondo accordo con Dorint Hotels, il gruppo fondato a Berlino nel 1897 avrebbe dovuto prendere in gestione tre proprietà a Wiesbaden (Nassauer Hof), Brema (Parkhotel) e Baden-Baden (Hotel Messmer). Queste avrebbero dovuto essere vendute a un investitore egiziano per circa 160 milioni di euro, quindi riaffittate a Dorint e poi date in conduzione alla stessa Kempinski, che a sua volta si sarebbe impegnata a sospendere la riscossione delle fee nel caso Dorint avesse sperimentato delle difficoltà a pagare le rate d’affitto. Un’operazione di cui lo stesso cda della compagnia, sostiene hospitalityinside.com, pare essere rimasto completamente all’oscuro fino a pochi giorni fa.

Le due mosse non devono insomma essere particolarmente piaciute al resto del consiglio di amministrazione del gruppo ginevrino, che si è quindi deciso all’improvviso cambio di guida alla fine della settimana scorsa: “Sin dal suo arrivo in Kempinski Hotels nel 2017 – si legge sempre nella nota ufficiale – Bernold Schroeder si è dimostrato fondamentale nell’implementazione delle strategie di crescita del gruppo e ha gestito con successo l’area Europa nel suo ruolo di coo. Siamo grati che Schroeder abbia accettato l’incarico di ceo ad interim in questi tempi difficili per l’industria alberghiera, impegnandosi ad aprire una nuova fase nella storia della compagnia”.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353259 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Emirates SkyCargo, la divisione merci di Emirates, è tornata nuovamente al vertice del settore del traporto aereo, imponendosi come leader globale, vincendo due riconoscimenti ai "Quality Award Italy 2019", la manifestazione in cui gli agenti Iata, associati Anama, premiano le migliori compagnie aeree. L'evento si è tenuto presso l’"Alcatraz" di Milano, a cui hanno partecipato 500 leader del settore aereo, compagnie aeree e ospiti. Emirates SkyCargo è stata nominata come best carrier in due categorie: “Flown as Booked” e “Customer Satisfaction”. «Questo è il risultato di un ottimo lavoro di squadra - spiega Danilo Bonfanti, cargo manager Italia di Emirates SkyCargo -  e sono fiero che il duro lavoro e l’eccellente servizio fornito ai nostri clienti sia stato riconosciuto e apprezzato dall’industria del settore. Vorrei dire un grande ‘grazie’ a tutto il team per incoraggiarlo a continuare a lavorare sodo e aiutarsi l’uno con l’altro per mantenere la brillante reputazione di Emirates SkyCargo nell’industria italiana del trasporto merci: è questo l’atteggiamento che ci ha aiutato a mantenere la pole position nonostante le sfide e le difficoltà del settore». Emirates SkyCargo è il più grande operatore di trasporto merci internazionale nel mondo. Oltre alla capacità di carico offerta sui voli per passeggeri di Emirates, offre ulteriore capacità sui suoi velivoli dedicati al trasporto merci.       [post_title] => Emirates SkyCargo, per la divisione merci due premi ai Quality Award Italy [post_date] => 2019-05-27T16:45:30+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558975530000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353403 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Centinaia di fotografie inedite, ricordi personali, vestiti, accessori, memorabilia e souvenir di viaggi in tutto il mondo: a 90 anni esatti dalla nascita nel quartiere di Ixelles, in un’elegante palazzina a 3 piani di rue Keyenveld, Audrey Hepburn è protagonista di “Intimate Audrey”, mostra evento in programma alla Galleria Vanderborght di Bruxelles fino al 25 agosto. L’esposizione, creata e organizzata dal figlio Sean Hepburn Ferrer, lascia l’icona sullo schermo e si concentra sulla donna, entrando in punta di piedi nella sua vita privata: i fan, ad esempio, possono ammirare gli schizzi degli abiti che amava disegnare e leggere le lettere scritte nel corso dei viaggi nei paesi più disagiati del mondo in qualità di ambasciatrice speciale dell’Unicef. “Intimate Audrey” occupa uno spazio di circa 800 metri quadrati, è allestita su due piani ed è divisa in diverse sezioni che ripercorrono i momenti più importanti della vita dell’attrice. Un viaggio lungo una vita tra glamour, stile ed eleganza con un fil-rouge rappresentato dall’impegno a favore dei più deboli: non a caso, “Intimate Audrey” è stata organizzata a scopo benefico. Tutto il ricavato della mostra sarà devoluto agli ospedali Brugmann e Bordet di Bruxelles e a Eurordis - Rare Disease Europe – una federazione di associazioni non governativa che rappresenta circa 30 milioni di persone affette da malattie rare in Europa. «Audrey Hepburn è stata una delle prime “influencer” della storia e ancora oggi è molto amata da un pubblico trasversale, che spazia dagli adulti ai più giovani - spiega Ursula Jone Gandini, direttore Italia Ufficio del Turismo di Bruxelles -. Questa mostra ha il pregio di svelare la persona che si celava dietro alla star, permettendo di comprendere meglio il suo carattere, il suo innegabile carisma e la sua profonda umanità. Ai fan più sfegatati consiglio inoltre un selfie davanti alla casa natale in rue Keyenveld, riconoscibile da una targa dorata».           [post_title] => Bruxelles, fino al 25 agosto la mostra evento "Intimate Audrey" [post_date] => 2019-05-27T15:45:50+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558971950000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353375 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non è solo Arkus a rispondere alla nota difensiva Viaggi di Atlantide. Anche l'Aiav, che aveva sollevato la questione della presunta mancanza di copertura assicurativa con cui l'operatore bresciano avrebbe operato per cinque mesi, ha deciso di pubblicare una replica immediata: «È bene chiarire - sostiene il presidente dell'Associazione italiana degli agenti di viaggio, Fulvio Avataneo - che le questioni legate ad Arkus non possono ricadere sul mercato trasformandosi in una cortina fumogena che impedisca di vedere la realtà». Inoltre, per Aiav, se le difficoltà con Arkus erano così marcate fin dall'inizio del rapporto, Viaggi di Atlantide avrebbe dovuto sospendere le vendite fino a fare chiarezza, senza arrivare all'attuale punto di "paralisi operativa" come da loro definita. Tutto ciò comunque non tocca il punto peggiore della situazione, rimarca Avataneo, che «è rappresentato dalla probabile assenza di tutele a favore del consumatore per cinque lunghi mesi, come invece previsto dalla legge. Infine, il punto che le strade di Aiav e Viaggi di Atlantide si siano già incrociate in passato, è cosa che ci dispiace perché avremmo sperato di non dover cogliere nuovamente in fallo lo stesso operatore». Nella sua lunga nota difensiva, è bene ricordare, I Viaggi di Atlantide aveva sottolineato che «in merito a quanto dichiarato dal sig. Avataneo, a capo dell’associazione degli agenti di viaggio, che l’azienda aveva già avuto occasione di incrociare qualche anno fa, si precisa che, come accaduto in quell’occasione, lo stesso avrebbe potuto senza alcun problema prendere contatto con i vertici di Viaggi di Atlantide e gli stessi sarebbero stati più che disponibili a fornire ogni qualsivoglia informazione». Un'affermazione che evidentemente non ha convinto l'associazione: «In seguito alle dichiarazioni di Pierre Radici, titolare del to Viaggi di Atlantide seguite all'allarme sulle coperture assicurative - specifica l'associazione - la stessa Aiav intende precisare come abbia pur tentato di avere risposte in merito dai diretti interessati, ricevendo però finora solo risposte dai loro avvocati, risposte peraltro solo parziali». [post_title] => Aiav: «Abbiamo ricevuto risposte solo dagli avvocati» dei Viaggi di Atlantide [post_date] => 2019-05-27T12:33:54+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => aiav [1] => arkus [2] => fulvio-avataneo [3] => i-viaggi-di-atlantide [4] => in-evidenza [5] => pierre-radici ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Aiav [1] => Arkus [2] => Fulvio Avataneo [3] => i viaggi di atlantide [4] => In evidenza [5] => Pierre Radici ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558960434000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352946 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_352951" align="alignleft" width="225"] Alessandro Azzola[/caption] Lusso, servizio, haute cusine, ospitalità, butler, overwater, mare cristallino, romanticismo, honeymoon, sono tutte parole che ben si sposano ad un resort maldiviano. Ce ne sono più di 120 che occupano isole più o meno piccole in una area enorme dell’Oceano Indiano, ormai divenuta un sogno ad occhi aperti, fatta di grandi distanze e atolli da non crederci. E allora come fare a differenziarsi? Lo ha capito Azemar e lo ha capito la mente imprenditoriale della famiglia Azzola, della quale, Alessandro, rappresenta il motore dell’accoglienza alle Maldive. Cocoon è un resort situato sull’isola di Ookolhufinolhu, atollo di Lhaviyani. Fa parte dell’ampia programmazione Azemar sull’arcipelago (50 resort in commercializzazione più due in comproprietà, Cocoon, appunto e You & Me by Cocoon aperto il 1° marzo). Ci sono delle menti creative che hanno concettualizzato il primo hotel di design delle Maldive. Si tratta di Daniele Lago, Simona Fabini, Tomaso Schiaffino e Gian Luca Innocenzi, insieme a Vito Di Bari, il “core” di designer coinvolti nella formazione e nella costituzione di Cocoon. [caption id="attachment_352952" align="alignright" width="225"] Un particolare del doppio lavabo con fondo in vetro[/caption] «Cocoon Maldives è il frutto di uno sforzo collaborativo - spiega Alessandro Azzola, managing director di Cocoon Maldives – fra Daniele Lago, ceo e chief designer della principale società di design italiana, Lago e me. Il nostro incontro è stato foriero di un concetto che oggi rappresenta un successo imprenditoriale innegabile. Leader creativo, inventivo e innovativo, Daniele Lago ha lanciato il successo del marchio Lago sin dal suo esordio ed oggi è molto affermato e riconosciuto in tutto il mondo, in particolare nel settore del mobile. Il marchio ha anche una forte presenza sui social media, con un milione e mezzo di followers». L'alleanza di Cocoon con un'azienda di design come Lago ha portato ad un connubio vincente, un rapporto “win win” dove Lago ha interpretato l'immagine di Cocoon come un marchio di sostenibilità, leggerezza, ospitalità ed empatia con l'ambiente circostante. «Ogni mobile è selezionato per allinearsi al concetto dell'azienda; letti sospesi su lastre di vetro che danno l’effetto “fluttuante”, lavabi con il sistema di scarico contemporaneo di legno antico con il fondo di vetro, appositamente creati, autentici tavoli in ceramica siciliana dipinta a mano e altalene nelle camere e nelle parti comuni, fanno parte di questo concept - spiega ancora Azzola – Ma c’è anche altro...». [post_title] => Cocoon by Azemar: il primo resort di design alle Maldive. Ma cosa c’è dietro? [post_date] => 2019-05-25T09:15:21+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558775721000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353149 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Affaire Atlantide. Appaiono sempre meno chiari i contorni della vicenda relativa all'acquisizione (vera o presunta?) del ramo d'azienda de I Viaggi di Atlantide da parte di Arkus. Dopo un primo annuncio dato per certo dal network Arkus, durante la scorsa edizione della Bmt, sono seguiti una serie di prese di posizioni e passi indietro delle realtà coinvolte nella vicenda. Dalla nota di Enac che annuncia di aver ricevuto ricevuto da parte di Neos una comunicazione relativa alla decisione della compagnia di non proseguire i servizi charter per Partours, al contrattacco di Arkus fino alla recente posizione di Aiav secondo la quale I Viaggi di Atlantide avrebbe operato senza copertura assicurativa. Tanto è stato detto fino ad oggi che il to di Brescia ha deciso di mette nero su bianco, chiarendo la propria versione sui fatti: «Il tour operator bresciano ha, fino ad oggi, onorato tutti i propri impegni verso le agenzie e verso i clienti garantendo agli stessi tutte le partenze charter previste fino alla metà di maggio e, allo stesso modo, per i principi sopra enunciati, per le prenotazioni relative ai viaggi su misura – circa 40 -  sta provvedendo a garantire i servizi coperti dagli acconti versati dalle agenzie e a rimborsare invece le agenzie che hanno versato gli acconti ma alle quali non sono stati, ad esempio, emessi i biglietti aerei. Al di là di ogni dietrologia, questa decisione è maturata a seguito di una situazione di immobilità operativa, dovuta ad inadempienze non certo imputabili a I Viaggi di Altantide ma semmai a chi, tuttora utilizza a seconda dei propri vantaggi, il nome dello stesso come di sua proprietà laddove faccia comodo – leggasi conferenza stampa del 09 Maggio relativa alla presentazione dell’acquisto di un noto club calcistico ndr – mentre si distacca da situazioni più meramente operative. Si riconferma, per correttezza di informazioni, che non è stato formalizzato alcun atto finale di acquisizione di ramo di azienda, ma il preliminare sottoscritto è vincolante con efficacia operativa a partire dai primi giorni di aprile, tanto più che Partours, contrariamente a quanto dichiaro, ha emesso estratti conto recanti la propria ragione sociale ed ha incassato dei pagamenti da parte di alcune agenzie di viaggio. Cosi come risulta siano stati siglati dei contratti con alcune strutture alberghiere. Allo stesso modo, va chiarito che la sospensione dei voli a Partours è derivata dal fatto che la compagnia aerea Neos aveva sottoscritto con Partours il contratto charter per i voli di aprile e maggio e le obbligazioni in esso previste non sono state onorate dalla medesima società e non certo da I Viaggi di Atlantide. Il quale ha, piuttosto, dovuto garantire le partenze stesse alla compagnia che, a quanto risulta, non ha mai in alcuna sede dichiarato che la sospensione dei voli fosse dovuta ad inadempienze di Viaggi di Atlantide, anche perché non avrebbe potuto farlo, bensì sono dichiarazioni di terzi e/o interpretazioni degli organi di stampa i quali, sulla base di “fonti di mercato” non meglio precisate, sono unilateralmente giunti a quella conclusione. Il comparto del turismo che, potrebbe in un futuro non lontano perdere I Viaggi di Atlantide, dovrebbe, in determinati segmenti, forse essere rivisto e ridisegnato se oggi si assiste ad una messa alla gogna di un Tour Operator che nel corso di tutta la sua attività (oltre ad aver portato qualche novità in termini di prodotto e di approccio al mercato) ha svolto il proprio lavoro nel pieno rispetto delle regole vigenti ma, soprattutto, con correttezza, serietà e dedizione, valori che negli anni hanno soddisfatto migliaia di agenzie di viaggio e centinaia di migliaia di clienti.. In merito a quanto dichiarato dal sig. Avataneo, a capo dell’associazione degli agenti di viaggio, che l’azienda aveva già avuto occasione di incrociare qualche anno fa, si precisa che, come accaduto in quell’occasione, lo stesso avrebbe potuto senza alcun problema prendere contatto con i vertici di Viaggi di Atlantide e gli stessi sarebbero stati più che disponibili a fornire ogni qualsivoglia informazione e, apprese le stesse – tutte quante supportate da relative documentazione – avrebbe sicuramente capito e compreso la situazione in maniera adeguata, probabilmente rivedendo alcune considerazioni". [post_title] => Arkus: la versione di Atlantide [post_date] => 2019-05-24T11:31:08+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558697468000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353092 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Viggo, l’unico operatore di terra all’aeroporto di Eindhoven, ha implementato Airport Management System di Sita, il fornitore globale di tecnologia per il trasporto aereo, per la gestione dello scalo, che è uno degli aeroporti regionali a maggior crescita in Europa e nel 2018 ha accolto circa 6,3 milioni di passeggeri su quasi 40mila voli. Il sistema di Sita consente un coordinamento efficiente delle operazioni, assicurando un monitoraggio continuo e tempestività di intervento sulla consegna e lo spostamento dei velivoli e sulle operazioni di rampa eseguite “lato volo” dalle compagnie aeree. Grazie a Airport Resource Manager il sistema consente inoltre di tracciare le attività di uno staff di oltre 500 persone. A beneficiare di questo aumento di efficienza saranno i passeggeri in transito nello scalo – che registra voli in partenza e in arrivo a distanza di pochi minuti – che potranno godersi un viaggio piacevole e senza intoppi. «Per operare alla massima efficienza è fondamentale - spiega Sergio Colella, Presidente Europa di Sita - che ogni aeroporto e ogni operatore di terra abbiano una visione globale in tempo reale di quello che sta accadendo in aeroporto. Il nostro Airport Management System fornisce questa visione: è per noi motivo di grande soddisfazione vedere come la nostra tecnologia supporti le attività di uno degli aeroporti più efficienti d’Europa». Dal 2020 la tecnologia di Sita sarà implementata anche all’Aeroporto di Lelystad, il nuovo aeroporto regionale dei Paesi Bassi, dove offrirà una soluzione di gestione scalabile in grado di supportare il modello adottato da Viggo per la gestione del personale di terra multitasking. Sitae Viggo lavorano insieme da molti anni; Viggo è stato il primo consulente con licenza di Airport Management System per altri clienti diSita. Grazie a questa proficua collaborazione, oggi la soluzione di Sita si combina con le conoscenze operative e l’esperienza di Viggo con il risultato di un’implementazione di successo, che fornisce ai clienti un controllo reale e un quadro generale delle operazioni giornaliere. [post_title] => Eindhoven, implementato l'airport management system di Sita [post_date] => 2019-05-24T09:04:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558688692000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353039 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una delegazione di Taiwan High Speed Rail Corporation, è venuta in Italia e ha visitato Italo. La delegazione della compagnia di alta velocità ferroviaria di Taiwan, composta da quattro rappresentanti aziendali, guidati dal vice presidente esecutivo John Chen e accompagnata dall’ambasciatore di Taiwan in Italia, Andrea S. Y. Lee, è stata accolta nella sede centrale di Italo dall’amministratore delegato Gianbattista La Rocca e da una rappresentanza aziendale. Non è la prima volta che Italo riceve simili visite dall’estero, in passato è stata la volta di delegazioni provenienti dal Giappone, dalla Corea del Sud e dalla Spagna, solo per citarne alcune. In Italia infatti dal 2012, anno in cui Italo è arrivato sui binari, ad oggi il mercato ferroviario ad Alta Velocità è cresciuto, così come è aumentata dell’80% la domanda mentre i prezzi sono diminuiti del 40%. [post_title] => La Taiwan High Speed Rail incontra a Roma i vertici di Italo [post_date] => 2019-05-23T11:24:39+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558610679000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352233 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Wellness Refugium & Resort Hotel Alpin Royal di San Giovanni (Bolzano) presenta il nuovo centro benessere, ispirato dalla rivitalizzante natura alpina e caratterizzato dai trattamenti cosmetici selezionati secondo Piroche. Nel piccolo giardino dedicato agli ospiti, tra i quali le famiglie sono le benvenute, una sauna si integra perfettamente con l’ambiente dichiarando l’amore per questo luogo di chi ogni giorno dà il meglio per regalare esperienze indimenticabili. È il caso di Moreno Andreotti, maestro di sauna che fornisce tutte le indicazioni per una corretta fruizione dell’esperienza. Poi c’è Sabrina Innerhofer, anche lei, come Moreno, con il diploma di maestra delle gettate di vapore, che lei pratica con l’aiuto delle campane tibetane. Inoltre Sabrina è esperta di escursioni. Il legno è il materiale dominante in una struttura caratterizzata dalla formula ¾ a buffet con dolce e salato che conta 50 camere divise in 11 tipologie, da quella romantica con letto a baldacchino e stufa azzurra a quella con la sauna nel bagno, fino alla Suite Garden con salotto e giardino privato, che – nel totale rispetto della privacy – sembra però stabilire una connessione profonda con rose, prato, piscina e opere d’arte esposte all’esterno. La vista sui masi contadini conferma quella sensazione di vita all’aria aperta che si respira ascoltando Sabrina illustrare le proprietà delle erbe selvatiche e spiegare come le travi e la testiera del lettino di alcune camere siano ricavate dall’autentico legno delle malghe. È un tuffo in un’inedita dimensione agreste tipicamente altoatesina che può essere approfondita con escursioni verso i rifugi, approfittando della pista da slittino dietro l’albergo o noleggiando gratuitamente un’e-bike. Con la propria vicinanza al museo dei minerali, l’hotel riafferma infine una connessione con la natura e con il territorio che si rafforza grazie a una cucina impegnata a portare nel ristorante e nella stube tirolese specialità e prodotti regionali capaci di riflettere la ricchezza e l’originalità dell’Alto Adige. Sul piatto arrivano così il formaggio della Selva dei Molini, i prodotti caseari del caseificio di Brunico, le uova dell’agriturismo Martinshof a Tures, l’agnello dell’allevamento Hollechnerhof, il pesce di Campo Tures e le erbe squisite del Getzlechenhof.   [post_title] => Welness Resort Alpin Royal, escursioni e relax al nuovo Centro Benessere [post_date] => 2019-05-22T14:03:51+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558533831000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352776 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_352780" align="alignleft" width="300"] Il ristorante H2O: vetrata panoramica[/caption] H2O, semplicemente la formula dell’acqua. Ma dietro a questa formula chimica c’è il nome dell’underwater restaurant della struttura maldiviana che Azemar propone fra le tante e che, aperta dal 1 marzo, promette di divenire uno dei must dell'arcipelago, fra i più di 120 resort operanti ognuno con le proprie peculiarità, ma difficilmente caratterizzati come grazie alla  personalissima "aura" dello You & Me by Cocoon. Adagiato 6 metri sotto il livello del mare, a circa trecento metri di distanza dal pontile del resort, isolato e raggiungibile sono in barca, offre un raffinatissimo ambiente dove consumare un pranzo o una cena esclusivi, attesi da una brigata di cucina eccellente circondati dalle finestre panoramiche affacciate sul fondo del mare che pullula di pesci multicolori, offrendo scene di vita sottomarina impagabili. [caption id="attachment_352779" align="alignright" width="300"] H2O: Giovanni De Ambrosis, assieme ai due giovani assistenti Daniele Provezza da Brescia, responsabile di H2O e Davide Bassi da Milano[/caption] Si arriva alla club house e, da lì, si scende, dopo avere attraversato una sala di benvenuto, con due rampe di scala a chiocciola o in ascensore, nella sala che prevede 9 tavoli per un totale di 24 coperti. Anche qui Veuve Cliquot declinato con tutti i sapori della raffinata cucina, in un ambiente naturale unico. L’H2O  è un ristorante sottomarino, "primo del suo genere", completamente sommerso, che regala, in un ambiente dagli arredi raffinatissimi sui toni del nero e del grigio, ai commensali, la veduta delle Maldive da sott’acqua, ma perfettamente asciutti, protetti da un guscio di spesso pexiglas, circondati da un mondo che pullula di vita. Un’osservazione stupefacente e privilegiata mentre ci si gode un pasto pregiato, con cinque portate a pranzo e sette a cena (180/280 usd). [caption id="attachment_352811" align="alignleft" width="285"] De Ambrosis presenta il menù. Alle sue spalle Laura Busnari H2O ambassador[/caption] E’ qui che l’equipe coordinata dal corporate chef, Giovanni De Ambrosis, assieme ai due giovani assistenti  Daniele Provezza da Brescia, che si occupa dell' H2O, e Davide Bassi da Milano entrambi venticinquenni e molto promettenti, mette in campo tutta la propria capacità di stupire i commensali con manicaretti molto sofisticati, ancora più apprezzabili per ambientazione, servizio e piacevolezza dei vostri anfitrioni, coordinati dalla deliziosa Laura Busnari, "H2O ambassador", riconoscibile dal papillon, bretelle, All star, tutto rosa. Un esempio di menù? Eccolo... Blinis al caviale Osetra, potage di ceci, gremolada e gamberi reali Plateau royal, olio al placton, citronella e ampolla di mango, di assoluta e unica creazione di De Ambrosis Risotto Carnaroli al tartufo e aragosta della laguna, Intermezzo tropicale al sentore di zenzero, Filetto di branzino con purea di piselli affumicata, Dolce "momento con sorpresa" ai due cioccolati Tutte le portate vengono servite con una colonna musicale “propria”, su un servizio disegnato e fatto produrre appositamente per H20 su idea dello chef, in prezioso vetro, a base di materie prime selezionatissime e fantasiosamente proposte. Il tocco di finezza finale lo dà il dessert servito in due piccole caffettiere con i colori di You & Me, poiché …anche il setting ha il suo peso! Non resta che provare per credere. [gallery ids="352782,352783,352784,352786,352787,352791,352789,352788,352792,352793,352794,352796,352812,352815,352881"]   [post_title] => Allo You & Me Maldives by Cocoon la vera esperienza sottomarina [post_date] => 2019-05-22T14:03:34+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558533814000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti