13 June 2024

Finisce l’era Tui a Castelfalfi, che passa alla famiglia indonesiana Lohia

[ 0 ]

Era da parecchio che giravano indiscrezioni sulle intenzioni del gruppo Tui di vendere la tenuta di Castelfalfi. E ora arriva l’annuncio ufficiale, il complesso toscano da 1.100 ettari, comprensivo di appartamenti, hotel, ristoranti, campo da golf, attività agricole e piscina, è stato venduto alla Incorp Holdings, società olandese afferente alla famiglia indonesiana Lohia. Secondo i termini dell’accordo di vendita, il cui valore non è stato rivelato, il gruppo tedesco continuerà a gestire l’hotel con il proprio brand Tui Blue fino al prossimo 30 settembre.

La famiglia Lohia è guidata dal capostipite Sri Prakash, miliardario indonesiano di origini indiane, famoso soprattutto per aver fondato la Indorama Corporation, specializzata nei settori del tessile e della petrolchimica.

 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469204 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “Feel Good Saudi: Esplora, Respira, Viaggia”: poche parole per descrivere un paese grande 6 volte l’Italia che si trova nell’Asia occidentale, affacciato per 1800km sul Mar Rosso, vicino agli Emirati Arabi e alla Giordania. «Una terra estremamente sicura. - sottolinea Alberto Truffa, market manager di Saudi Tourism Authority - Colorata, ricca di culture e variegata. L’Arabia Saudita è immensa ed è molto diversa nelle sue aree: il Rub’al-Khali è il deserto sabbioso più grande del mondo, le coste del mar Rosso rivelano una barriera corallina non ancora trasformata dal turismo, la cordigliera di montagne interna raggiunge i 3000m di altitudine e c’è anche un vasto deserto di arenaria, che è geograficamente il proseguimento del Wadi Rum giordano all’interno del territorio saudita. La capitale Riyad è una metropoli vivace con circa 9mln di abitanti, mentre Jeddah, la seconda città per importanza, si affaccia sul mare. Sorprendenti siti archeologici e numerosi patrimoni Unesco raccontano la ricca storia del territorio. «Se il periodo di visita consueto è l’inverno, d’estate è interessante vedere il paese con occhi diversi, in particolare la zona meridionale, dove ci sono tra i 20 e i 25°. L’hanno scoperta da poco gli stessi sauditi. Inoltre l’estate è bassa stagione, quindi i costi sono ridotti e ci sono pochi turisti. L’Arabia Saudita non sarà mai una destinazione di massa: si è aperta al turismo solo nel 2019 e prima si poteva andare solo dietro invito della famiglia reale o per lavoro. Nel Nord-ovest del paese si può visitare AlUla, un’oasi tra le montagne e il deserto, punto di sosta per le carovane che percorrevano la via dell’incenso e per i pellegrini. Una terra con testimonianze antiche, oggi patrimonio dell’Unesco. Sorprendenti anche i vicini progetti di The Red Sea, la destinazione per il turismo di lusso sulla costa occidentale dell'Arabia Saudita. Realizzato da Red Sea Global (RSG), è uno dei progetti più ambiziosi e affascinanti nel campo del turismo rigenerativo a livello mondiale e prevede l’apertura di 50 hotel tra isole e aree interne, porti turistici di lusso, campi da golf, strutture di intrattenimento, ristoranti e bar, oltre a un'infinità di attività per il tempo libero entro il 2030». Il volo dall’Italia dura meno di 5h e i collegamenti aerei sono ottimi. Sono aumentate le capacità sul volato, con collegamenti diretti da Milano, Roma, Venezia e Napoli. Si possono anche scegliere compagnie come Turkish Airlines o Qatar Airways che operano con degli stopover, o i voli diretti di Saudia - la compagnia di bandiera - di Wizzair e di Ita Airways che ha fatto il volo inaugurale la scorsa settimana e collega direttamente l’hub di Roma con Ryhad. Sarà presto aggiunto anche il collegamento diretto su Jeddah. Per visitare l’Arabia Saudita serve il visto elettronico: un e-visa che si può ottenere anche tramite il sito di visitSaudi.com al costo di circa 100 euro. Include un’assicurazione medica di base e vale un anno dall’emissione. «I viaggiatori potranno scoprire la grande accoglienza saudita, il desiderio profondo di dare il benvenuto a tutti i viaggiatori. Anche se l’Arabia Saudita viene attraversata tutto l’anno dai pellegrini che raggiungono Mecca e Medina, le due città sante dell’islam, il territorio non è mai stato visitato dai turisti, quindi l’approccio dei locali è genuino e autentico. Grazie alla piattaforma di e-learning e di formazione dell’Ente del turismo - che rilascia il certificato “Saudi expert” - si potrà diventare esperti nella destinazione e accompagnare i viaggiatori alla scoperta di luoghi intatti e di un popolo con proprie tradizioni, vivendo con i locali una ricca esperienza quotidiana».   [gallery ids="469209,469207,469211"] [post_title] => Arabia Saudita: essere pionieri nella scoperta di un paese, tra colori, sorrisi e storia [post_date] => 2024-06-12T09:00:42+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718182842000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469292 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà attiva sino al prossimo 22 giugno la nuova campagna Prezzo unico garantito da tutta Italia griffata Guiness Travel. L'iniziativa include le bretelle da tutta la la penisola sulle partenze verso Stati Uniti, Indonesia, Thailandia e Uzbekistan. Per gli Itinerari Usa con volato Ita Airways, gli avvicinamenti inclusi sono da Torino, Milano, Venezia, Trieste, Genova Bologna, Firenze, Napoli, Bari, Brindisi, Lamezia, Reggio Calabria, Catania, Palermo e Cagliari. Sugli scudi New York, con l’esclusivo pernottamento nel centro di Times Square presso l’hotel Marriott, i due combinati Usa & Canada e il Gran Tour Usa - il Grande Ovest, alla scoperta della California e dei parchi nazionali. Avvicinamenti inclusi poi con volato Turkish Airlines da Torino, Milano, Venezia, Bologna, Napoli, Bari, Catania, Palermo verso Uzbekistan, Thailandia e Indonesia, con le isole di Giava e Bali “Questa nuova campagna migliora significativamente la vendibilità dei nostri viaggi in tutta Italia, eliminando i costi aggiuntivi dei supplementi aerei con partenza da altre città - spiega il direttore commerciale del to, Maurizio Gaggianesi -. Grazie alla gratuità delle bretelle, tutti i viaggiatori dello stivale possono godere di tariffe unificate e vantaggiose, raggiungendo le destinazioni anche nei periodi di massima stagionalità e richiesta". [post_title] => Guiness: fino al 22 giugno prezzo unico da tutta Italia per i viaggi in Usa, Indonesia, Thailandia e Uzbekistan. [post_date] => 2024-06-11T15:19:49+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718119189000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469280 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Giappone, Cina, Thailandia, Indonesia. Sono le principali protagoniste del 2024 di Idee per Viaggiare. "Il successo di una destinazione dipende certo dalla programmazione e dalla qualità del prodotto. Ma pesa anche il mood del mercato. E questo è sicuramente il momento dell'Oriente, come un po' di anni fa è stato per Dubai", racconta il ceo di Idee per Viaggiare, Danilo Curzi. Il Giappone in particolare è ormai diventato la seconda meta per importanza dell'operatore capitolino, in termini di volumi e di marginalità. "La vera sorpresa dell'anno è stata però la Cina. Entrata nel nostro portfolio meno di un anno fa con l'acquisizione di Chinasia, ha immediatamente scalato tantissime posizioni e ora è al sesto-settimo posto, su una trentina di destinazioni totali, per fatturato generato. Laura Grassi (co-fondatrice di Chinasia, ndr) mi aveva raccontato delle potenzialità del prodotto. E ha avuto ragione. Sono felice ora di vederla contenta". Il boom dell'Oriente si inserisce peraltro in un contesto molto positivo per IpV. Dopo aver chiuso a fine ottobre lo scorso anno finanziario superando per la prima volta nella propria storia la soglia dei 100 milioni di euro di fatturato (toccando quota 107 mln), il to continua infatti nel suo trend di espansione: "Nel primo semestre abbiamo siamo già a +15% in termini di produzione e marginalità. E aumenta anche la quota di advance booking, con la nostra finestra media di prenotazione che si attesta ormai attorno ai 140 giorni di anticipo. Una tendenza che ci permette di pianificare meglio la programmazione, a volte persino consentendoci di aumentare l'offerta seguendo le esigenze del mercato. Ai clienti dà invece la possibilità di accedere a quotazioni più vantaggiose, grazie alle policy di pricing dinamico di vettori e strutture alberghiere". Il fenomeno è talmente importante che oggi Curzi può persino affermare che le tariffe medie di IpV sono in calo rispetto al 2023, nonostante il perdurare del contesto inflattivo globale. In tale scenario, gli Stati Uniti rimangono pur sempre la destinazione di punta del to. "Anche se devo ammettere che nell'ultimo mese abbiamo registrato una lieve flessione delle prenotazioni, attorno al 4%-5%. Un piccolo decremento, non in grado comunque di intaccare il trend di crescita registrato dagli Usa dell'anno finanziario preso nel suo complesso". Altro tassello importante del mondo IpV è poi quello rappresentato dall'attività di consolidatore: una delle nuove linee di business lanciate dall'operatore, diventate tanto importante "da portarci oggi a dire che non siamo più un semplice tour operator ma un'azienda che offre servizi turistici a 360 gradi", conclude Curzi.   [post_title] => Curzi, IpV: è il momento dell'Oriente. Giappone la conferma, Cina la sorpresa [post_date] => 2024-06-11T15:10:20+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718118620000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469266 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il gruppo SoGes, proprietaria del marchio Place of Charme dedicato alla gestione di boutique hotel sotto le 100 camere, è stato oggi ufficialmente ammesso alle negoziazioni delle proprie azioni ordinarie e dei correlati warrant su Euronext Growth Milan: il listino della Borsa di Milano dedicato alle pmi ad alto potenziale. L’inizio delle negoziazioni è previsto per domani, mercoledì 12 giugno. “L'ingresso in Borsa rappresenta una tappa fondamentale nel nostro percorso di sviluppo, che negli ultimi cinque anni ha registrato un tasso di crescita annuo composto (Cagr) superiore al 37% - spiega il co-founder e amministratore delegato di SoGes, Andrea Galardi -. Con l’Ipo puntiamo ad accelerare la realizzazione di un ambizioso piano strategico, acquisendo nuove gestioni alberghiere in tutta Italia, valorizzando le strutture in portfolio e rafforzando l’innovazione digitale e la formazione del management e dell’operativo. Le proiezioni di settore sono più che confortanti: si stima che in Italia il mercato dell’hospitality raggiungerà un valore complessivo di circa 72 miliardi di euro entro il 2027, con un Cagr 2022-27 del 10,8% ”. L’ammontare complessivo del collocamento è pari a 2.719.575 euro, di cui 2.447.617,5 interamente in aumento di capitale e 271.957,5 rinvenienti dall’esercizio dell’opzione di overallotment. Al collocamento hanno partecipato in larga parte investitori istituzionali italiani ed esteri e investitori professionali e in minor parte investitori retail. Le azioni collocate sono pari a 1.208.700, di cui 1.087.830 di nuova emissione rivenienti dall’aumento di capitale a servizio del collocamento e 128.870 rivenienti dall’esercizio dell’opzione di overallotment. Il prezzo di collocamento delle azioni è stato fissato in 2,25 euro per azione. La capitalizzazione di mercato della società prevista all’inizio delle negoziazioni è pari a 11.555.617,5 euro (11.827.575 euro assumendo l’integrale esercizio dell’opzione greenshoe - overallotment, ndr -, interamente in aumento di capitale), con un flottante del 21,18% (22,99% in caso di esercizio integrale dell’opzione greenshoe). L’operazione prevede anche l'emissione di 1.208.700 warrant SoGes Group s.p.a. 2024-2027, che sono abbinati gratuitamente alle azioni sottoscritte nell’ambito del collocamento, nel rapporto di un warrant ogni azione detenuta e saranno validi per sottoscrivere, alle condizioni e secondo le modalità del regolamento warrant, le azioni di compendio in ragione di una azione di compendio ogni tre warrant presentati per l’esercizio. A esito del collocamento, prima dell’eventuale esercizio dell’opzione greenshoe, il capitale sociale del gruppo SoGes è pari a 770.374,50 euro composto da 5.135.830 azioni ordinarie prive dell’indicazione del valore nominale. La composizione della compagine sociale è quindi ora costituita da una quota del 77,88% sullo stesso capitale sociale detenuta da Gala Holding, a sua volta di proprietà della famiglia Galardi, nonché dallo 0,31% di diretta pertinenza di Andrea Galardi e dallo 0,62% di azioni proprie. Il flottante ammonta al 21,18%.   [post_title] => SoGes (Place of Charme) ammessa alla negoziazioni della Borsa di Milano. Flottante al 21,18% [post_date] => 2024-06-11T12:06:55+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718107615000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469254 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => KappaViaggi chiude con soddisfazione la due giorni della convention Bluvacanze e Vivere&Viaggiare. L'evento si è svolto a Marrakech, destinazione clou delle programmazioni dell'operatore capitolino ed è stato organizzato grazie alla fondamentale partnership con Royal Air Maroc e Visit Morocco. “Oggi le agenzie di viaggi stanno cambiando in maniera profonda la comunicazione e sono molto presenti attraverso i social media: abbiamo voluto ispirarle proprio in queste attività, offrendo esperienze che le coinvolgessero con emozione – commenta il direttore generale di KappaViaggi, Michele Mazzini -. Siamo partner di Bluvacanze dal nostro arrivo nel mercato italiano e lavorare insieme ad ampio raggio su diverse iniziative ci permette di condividere obiettivi importanti e migliorativi. Essere partner del gruppo Bluvacanze è possibile anche grazie alle collaborazioni che abbiamo portato avanti negli anni, per arrivare poi a questa bellissima operazione, con Visit Morocco e il suo country manager Aziz Mnii e con la Ram e il suo direttore generale Italia, Adil Korchi, a cui vanno tutti i miei più sentiti ringraziamenti”. KappaViaggi programma Marrakech con tre strutture alberghiere per essere pronto a soddisfare ogni target di viaggiatori nella città Rossa del Marocco: il Kappa Club Iberostar La Palmeraie per una vacanza resort al inclusive, location della convention delle agenzie Bluvacanze e Vivere&Viaggiare; il Kappa City Medina Gardens, 4 stelle nella città vecchia con la formula only adults; e, infine, il 5 stelle Club Eldorador: sport, famiglia e gastronomia. Marrakech è inoltre il punto di partenza di vari tour messi a disposizione delle agenzie e dei loro clienti.   [post_title] => KappaViaggi alla convention di Marrakech del gruppo Bluvacanze per parlare di social media [post_date] => 2024-06-11T11:46:36+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718106396000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469185 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Parte bene la nuova stagione di Gardaland, che si è aperta con una crescita degli abbonamenti per il parco del 20% rispetto al 2023. "L'anno scorso abbiamo finalmente superato i livelli pre-Covid del 2019 - racconta il direttore operativo del resort gardesano, Alessandra Zanoni, in occasione dell'evento di presentazione della nuova attrazione Wolf Legend -. E anche il 2024 è cominciato sotto i migliori auspici, anche se il maltempo ha rallentato un po' i flussi. Ciononostante siamo comunque in linea con le aspettative. Speriamo quindi che con il miglioramento del meteo si riesca ad andare persino oltre le previsioni". Le novità 2024 non si fermano peraltro alla drop and twist tower che ha preso il posto del Sequoia Magic Loop: "Abbiamo inserito pure una serie di nuovi show, tra cui uno spettacolo di magia chiamato Impossible!. Ed è stata rinforzata la street animation, per venire incontro a una precisa richiesta del nostro pubblico". [caption id="attachment_469196" align="alignright" width="300"] Sabrina de Carvalho. Dietro si scorge Wolf Legend, novità 2024 del parco[/caption] Tra gli obiettivi di quest'anno c'è quindi quello di incrementare ulteriormente la quota di visitatori internazionali, che nel 2023 sono già cresciuti di quasi il 20% e oggi arrivano a pesare per il 30% dei circa 3 milioni di visitatori annuali di Gardaland. "Oltre all'area dei paesi di lingua tedesca, la cosiddetta regione Dach da sempre attratta dalla destinazione Garda  - aggiunge l’amministratore delegato, Sabrina de Carvalho -, stiamo registrando un aumento dei flussi dalla Francia, dall'Inghilterra e dalla Croazia". La quota estera è molto importante soprattutto per la parte hospitality del resort. Nei tre alberghi del parco circa il 46% degli ospiti proviene infatti da oltre confine. "Per rafforzare ulteriormente i flussi dall'estero, abbiamo anche recentemente assunto un nuovo international sales manager, che sta lavorando molto con i tour operator stranieri. Fortunatamente non siamo stati però toccati dal fallimento di Fti Touristik". Ma il futuro di Gardaland passa pure da piani particolarmente ambiziosi, con l'obiettivo di diventare un punto di riferimento del mercato dei parchi d'intrattenimento europei. Come già rivelato l'anno scorso, il masterplan del resort, data la  scarsa disponibilità di terreni edificabili nelle immediate adiacenze, prevede una serie di ulteriori sviluppi in zone separate rispetto al nucleo originario: "Prevediamo di poter annunciare la prima novità nel 2028", anticipa in conclusione di intervista Sabrina de Carvalho. [post_title] => Parte bene il 2024 di Gardaland. Focus sui mercati internazionali [post_date] => 2024-06-10T15:14:39+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718032479000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469045 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si sono mossi immediatamente gli altri due colossi del tour operating tedesco per occupare gli spazi lasciati liberi dal fallimento di Fti Touristik. Fonti di stampa loclae rivelano infatti come immediatamente dopo la richiesta di ammissione alla procedura d'insolvenza, Tui abbia annunciato che non avrebbe più richiesto alcun acconto per le prenotazioni ricevute sino al prossimo 30 giugno, relative a partenze da effettuarsi entro il successivo 31 ottobre. "Nei prossimi giorni lanceremo una serie di nuove proposte in collaborazione con gli albergatori", ha dichiarato tra le altre cose il ceo di Tui, Stefan Baumert. Le novità riguarderanno soprattutto quelle destinazioni dove Fti era particolarmente forte come Egitto, Turchia ed Emirati Arabi. Stando all'agenzia di stampa Deutsche Presse-Agentur (Dpa), anche Dertour avrebbe quindi intenzione di incrementare la propria disponibilità di voli e soluzioni alberghiere, allo stesso tempo rinunciando ai pagamenti anticipati per tutti quei clienti Fti disposti a prenotare con il to di casa Der Touristik, a causa della cancellazione dei viaggi già programmati. Dertour sta inoltre gestendo l'assistenza agli ospiti Fti per conto del German Travel Security Fund (Drsf) in Turchia, Egitto, Thailandia, Sri Lanka, Emirati Arabi, Panama e le Canarie. Al momento circa 65 mila turisti Fti sono ancora bloccati all'estero, compresi 7.500 in Grecia. Come già evidenziato qualche giorno fa, la situazione corrente è tuttavia molto differente da quella generata dal crack Thomas Cook. Anche solo per le dimensioni dell'insolvenza: nel paese ellenico, per esempio, gli hotel hanno in sospeso oggi attorno a 1,8 milioni di euro di pagamenti. In occasione della bancarotta Thomas Cook tale cifra raggiungeva invece circa i 200 milioni. L'attuale curatore fallimentare di Fti, Axel Bierbach, ha inoltre dichiarato che attualmente i viaggi del gruppo sono cancellati solo sino al 10 giugno e che lui e la sua squadra stanno cercando delle soluzioni alternative per le partenze successive. La speranza è quella di riuscire a riproteggere tutte le vacanze in programma almeno dal prossimo 1° di luglio. [post_title] => Fallimento Fti: Tui e Dertour pronti a occupare gli spazi liberi [post_date] => 2024-06-07T10:58:02+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717757882000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468960 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sempre più viaggiatori internazionali a bordo dei treni Italo: ecco allora che cambia il dominio web della società in italotreno.com, un cambio che rispecchia la nuova clientela che, appunto, vede una sempre maggiore componente di turisti e visitatori da tutto il mondo. Con questo cambio Italo riuscirà ad arrivare più facilmente oltre i confini italiani, invitando anche chi pianifica il suo primo viaggio in Italia a scoprire il servizio che offre sull’Alta Velocità che si contraddistingue per qualità, comfort e sicurezza Italo "the italian high-speed train" offrirà ai turisti stranieri servizi migliori sia sui canali digitali che in stazione, con assistenza in lingua, esclusive Lounge Italo Club sul territorio, collaborazioni con diversi partner che si occupano di mobilità internazionale. «L’inizio dell’anno ha visto l’avvio delle prime campagne Display e Sem internazionali,  affiancate da attività di seo e digital pr volte ad introdurre il nome Italo sul mercato Usa e Uk - afferma Gianluca Marchio, head of digital & loyalty di Italo, alla guida della trasformazione digitale internazionale - grazie al passaggio al dominio .com saremo in grado di aumentare il nostro trust e di accelerare il piano di visibilità e conquista anche di nuovi mercati come quello sudamericano e coreano». Inoltre, per soddisfare la richiesta di turisti interni ed esteri, Italo ha esteso la sua rete con servizi di multimodalità bus e regionali, che consentono oggi, ad esempio, di raggiungere i principali aeroporti italiani, come il Leonardo Da Vinci di Roma Fiumicino con il biglietto combinato treno Alta Velocità e regionale, acquistabile sia da sito web che app mobile di Italo Treno o località non raggiunte dall’AV con il biglietto combinato Italo più Itabus, come le mete turistiche di Sorrento, Pompei ed il Salento. «Per i turisti affezionati al nostro Paese Italo sta lavorando per aprire il proprio programma fedeltà Italo Più anche ai non residenti in Italia. Non a caso con il lancio ad aprile, in occasione dei 12 anni di Italo, della nuova edizione il “Più” è diventato “+”, un semplice cambio grafico, che sintetizza un nuovo approccio: viaggiare “plus” conviene a tutti ed iscriversi diventa possibile e conveniente anche per i non residenti». [post_title] => Italo: cresca la quota di viaggiatori internazionali e il dominio web passa a .com [post_date] => 2024-06-06T11:33:09+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717673589000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468727 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_468732" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, Anna Perbellini, Marco Dadone e Lara Corsinovi[/caption] Si amplia il team di Ibiza Project. La dmc italiana specializzata nelle isole Pitiuse accoglie infatti nelle proprie fila Anna Perbellini: veronese di nascita, dopo la laurea in lingue e culture per il commercio internazionale si trasferisce subito all’estero, dove matura esperienza negli ambiti della guest experience e della reception in un rinomato gruppo alberghiero di lusso. L’amore per l’isola e il desiderio di organizzare e rendere uniche le esperienze dei viaggiatori, singoli o in gruppo, sono stati i fattori determinanti per l’inizio di questa collaborazione, che si prospetta davvero promettente. Contemporaneamente Ibiza Project ha inoltre realizzato un altro investimento introducendo un nuovo gestionale interno, più efficace e avanzato, per migliorare ulteriormente l'efficienza operativa e la qualità del servizio proposto. Il 2023 è stato chiuso, infatti, rispettando il budget prestabilito e mantenendo grande attenzione alla marginalità. Anche i dati dell’estate in arrivo sono incoraggianti, con un picco di richieste e prenotazioni tra fine giugno e inizio luglio, in linea con gli standard degli anni precedenti. Sempre per i prossimi mesi, l’azienda sta registrando una forte domanda di soggiorni personalizzati a Formentera da parte di piccoli gruppi. Per rispondere a questa crescente richiesta, Ibiza Project ha ideato attività dedicate, costruite su misura, focalizzandosi per esempio sulla scoperta delle eccellenze dell’enogastronomia locale e sugli sport al momento più di tendenza, tra cui il padel e il golf, oltre alle classiche attività acquatiche. “L’importante aumento della richiesta di soggiorni personalizzati da parte di piccoli gruppi ci permette di valorizzare i nostri punti di forza: la cura dei dettagli e l’essere locali e presenti nel territorio in cui operiamo – commentano Marco Dadone e Lara Corsinovi, fondatori della dmc –. I tanti repeater fidelizzati, che ogni anno richiedono i nostri servizi e si affidano alla nostra professionalità, ne sono la conferma”. [post_title] => Cresce il team di Ibiza Project che accoglie Anna Perbellini [post_date] => 2024-06-04T10:32:42+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717497162000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "finisce lera tui a castelfalfi che passa alla famiglia indonesiana lohia" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":52,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":490,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469204","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"“Feel Good Saudi: Esplora, Respira, Viaggia”: poche parole per descrivere un paese grande 6 volte l’Italia che si trova nell’Asia occidentale, affacciato per 1800km sul Mar Rosso, vicino agli Emirati Arabi e alla Giordania.\r\n\r\n«Una terra estremamente sicura. - sottolinea Alberto Truffa, market manager di Saudi Tourism Authority - Colorata, ricca di culture e variegata. L’Arabia Saudita è immensa ed è molto diversa nelle sue aree: il Rub’al-Khali è il deserto sabbioso più grande del mondo, le coste del mar Rosso rivelano una barriera corallina non ancora trasformata dal turismo, la cordigliera di montagne interna raggiunge i 3000m di altitudine e c’è anche un vasto deserto di arenaria, che è geograficamente il proseguimento del Wadi Rum giordano all’interno del territorio saudita. La capitale Riyad è una metropoli vivace con circa 9mln di abitanti, mentre Jeddah, la seconda città per importanza, si affaccia sul mare. Sorprendenti siti archeologici e numerosi patrimoni Unesco raccontano la ricca storia del territorio.\r\n\r\n«Se il periodo di visita consueto è l’inverno, d’estate è interessante vedere il paese con occhi diversi, in particolare la zona meridionale, dove ci sono tra i 20 e i 25°. L’hanno scoperta da poco gli stessi sauditi. Inoltre l’estate è bassa stagione, quindi i costi sono ridotti e ci sono pochi turisti. L’Arabia Saudita non sarà mai una destinazione di massa: si è aperta al turismo solo nel 2019 e prima si poteva andare solo dietro invito della famiglia reale o per lavoro. Nel Nord-ovest del paese si può visitare AlUla, un’oasi tra le montagne e il deserto, punto di sosta per le carovane che percorrevano la via dell’incenso e per i pellegrini. Una terra con testimonianze antiche, oggi patrimonio dell’Unesco.\r\n\r\nSorprendenti anche i vicini progetti di The Red Sea, la destinazione per il turismo di lusso sulla costa occidentale dell'Arabia Saudita. Realizzato da Red Sea Global (RSG), è uno dei progetti più ambiziosi e affascinanti nel campo del turismo rigenerativo a livello mondiale e prevede l’apertura di 50 hotel tra isole e aree interne, porti turistici di lusso, campi da golf, strutture di intrattenimento, ristoranti e bar, oltre a un'infinità di attività per il tempo libero entro il 2030».\r\n\r\nIl volo dall’Italia dura meno di 5h e i collegamenti aerei sono ottimi. Sono aumentate le capacità sul volato, con collegamenti diretti da Milano, Roma, Venezia e Napoli. Si possono anche scegliere compagnie come Turkish Airlines o Qatar Airways che operano con degli stopover, o i voli diretti di Saudia - la compagnia di bandiera - di Wizzair e di Ita Airways che ha fatto il volo inaugurale la scorsa settimana e collega direttamente l’hub di Roma con Ryhad. Sarà presto aggiunto anche il collegamento diretto su Jeddah.\r\n\r\nPer visitare l’Arabia Saudita serve il visto elettronico: un e-visa che si può ottenere anche tramite il sito di visitSaudi.com al costo di circa 100 euro. Include un’assicurazione medica di base e vale un anno dall’emissione. «I viaggiatori potranno scoprire la grande accoglienza saudita, il desiderio profondo di dare il benvenuto a tutti i viaggiatori. Anche se l’Arabia Saudita viene attraversata tutto l’anno dai pellegrini che raggiungono Mecca e Medina, le due città sante dell’islam, il territorio non è mai stato visitato dai turisti, quindi l’approccio dei locali è genuino e autentico. Grazie alla piattaforma di e-learning e di formazione dell’Ente del turismo - che rilascia il certificato “Saudi expert” - si potrà diventare esperti nella destinazione e accompagnare i viaggiatori alla scoperta di luoghi intatti e di un popolo con proprie tradizioni, vivendo con i locali una ricca esperienza quotidiana».\r\n\r\n \r\n\r\n[gallery ids=\"469209,469207,469211\"]","post_title":"Arabia Saudita: essere pionieri nella scoperta di un paese, tra colori, sorrisi e storia","post_date":"2024-06-12T09:00:42+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1718182842000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469292","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà attiva sino al prossimo 22 giugno la nuova campagna Prezzo unico garantito da tutta Italia griffata Guiness Travel. L'iniziativa include le bretelle da tutta la la penisola sulle partenze verso Stati Uniti, Indonesia, Thailandia e Uzbekistan. Per gli Itinerari Usa con volato Ita Airways, gli avvicinamenti inclusi sono da Torino, Milano, Venezia, Trieste, Genova Bologna, Firenze, Napoli, Bari, Brindisi, Lamezia, Reggio Calabria, Catania, Palermo e Cagliari. Sugli scudi New York, con l’esclusivo pernottamento nel centro di Times Square presso l’hotel Marriott, i due combinati Usa & Canada e il Gran Tour Usa - il Grande Ovest, alla scoperta della California e dei parchi nazionali.\r\n\r\nAvvicinamenti inclusi poi con volato Turkish Airlines da Torino, Milano, Venezia, Bologna, Napoli, Bari, Catania, Palermo verso Uzbekistan, Thailandia e Indonesia, con le isole di Giava e Bali “Questa nuova campagna migliora significativamente la vendibilità dei nostri viaggi in tutta Italia, eliminando i costi aggiuntivi dei supplementi aerei con partenza da altre città - spiega il direttore commerciale del to, Maurizio Gaggianesi -. Grazie alla gratuità delle bretelle, tutti i viaggiatori dello stivale possono godere di tariffe unificate e vantaggiose, raggiungendo le destinazioni anche nei periodi di massima stagionalità e richiesta\".","post_title":"Guiness: fino al 22 giugno prezzo unico da tutta Italia per i viaggi in Usa, Indonesia, Thailandia e Uzbekistan.","post_date":"2024-06-11T15:19:49+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1718119189000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469280","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Giappone, Cina, Thailandia, Indonesia. Sono le principali protagoniste del 2024 di Idee per Viaggiare. \"Il successo di una destinazione dipende certo dalla programmazione e dalla qualità del prodotto. Ma pesa anche il mood del mercato. E questo è sicuramente il momento dell'Oriente, come un po' di anni fa è stato per Dubai\", racconta il ceo di Idee per Viaggiare, Danilo Curzi. Il Giappone in particolare è ormai diventato la seconda meta per importanza dell'operatore capitolino, in termini di volumi e di marginalità. \"La vera sorpresa dell'anno è stata però la Cina. Entrata nel nostro portfolio meno di un anno fa con l'acquisizione di Chinasia, ha immediatamente scalato tantissime posizioni e ora è al sesto-settimo posto, su una trentina di destinazioni totali, per fatturato generato. Laura Grassi (co-fondatrice di Chinasia, ndr) mi aveva raccontato delle potenzialità del prodotto. E ha avuto ragione. Sono felice ora di vederla contenta\".\r\n\r\nIl boom dell'Oriente si inserisce peraltro in un contesto molto positivo per IpV. Dopo aver chiuso a fine ottobre lo scorso anno finanziario superando per la prima volta nella propria storia la soglia dei 100 milioni di euro di fatturato (toccando quota 107 mln), il to continua infatti nel suo trend di espansione: \"Nel primo semestre abbiamo siamo già a +15% in termini di produzione e marginalità. E aumenta anche la quota di advance booking, con la nostra finestra media di prenotazione che si attesta ormai attorno ai 140 giorni di anticipo. Una tendenza che ci permette di pianificare meglio la programmazione, a volte persino consentendoci di aumentare l'offerta seguendo le esigenze del mercato. Ai clienti dà invece la possibilità di accedere a quotazioni più vantaggiose, grazie alle policy di pricing dinamico di vettori e strutture alberghiere\". Il fenomeno è talmente importante che oggi Curzi può persino affermare che le tariffe medie di IpV sono in calo rispetto al 2023, nonostante il perdurare del contesto inflattivo globale.\r\n\r\nIn tale scenario, gli Stati Uniti rimangono pur sempre la destinazione di punta del to. \"Anche se devo ammettere che nell'ultimo mese abbiamo registrato una lieve flessione delle prenotazioni, attorno al 4%-5%. Un piccolo decremento, non in grado comunque di intaccare il trend di crescita registrato dagli Usa dell'anno finanziario preso nel suo complesso\". Altro tassello importante del mondo IpV è poi quello rappresentato dall'attività di consolidatore: una delle nuove linee di business lanciate dall'operatore, diventate tanto importante \"da portarci oggi a dire che non siamo più un semplice tour operator ma un'azienda che offre servizi turistici a 360 gradi\", conclude Curzi.\r\n\r\n ","post_title":"Curzi, IpV: è il momento dell'Oriente. Giappone la conferma, Cina la sorpresa","post_date":"2024-06-11T15:10:20+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1718118620000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469266","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il gruppo SoGes, proprietaria del marchio Place of Charme dedicato alla gestione di boutique hotel sotto le 100 camere, è stato oggi ufficialmente ammesso alle negoziazioni delle proprie azioni ordinarie e dei correlati warrant su Euronext Growth Milan: il listino della Borsa di Milano dedicato alle pmi ad alto potenziale. L’inizio delle negoziazioni è previsto per domani, mercoledì 12 giugno.\r\n\r\n“L'ingresso in Borsa rappresenta una tappa fondamentale nel nostro percorso di sviluppo, che negli ultimi cinque anni ha registrato un tasso di crescita annuo composto (Cagr) superiore al 37% - spiega il co-founder e amministratore delegato di SoGes, Andrea Galardi -. Con l’Ipo puntiamo ad accelerare la realizzazione di un ambizioso piano strategico, acquisendo nuove gestioni alberghiere in tutta Italia, valorizzando le strutture in portfolio e rafforzando l’innovazione digitale e la formazione del management e dell’operativo. Le proiezioni di settore sono più che confortanti: si stima che in Italia il mercato dell’hospitality raggiungerà un valore complessivo di circa 72 miliardi di euro entro il 2027, con un Cagr 2022-27 del 10,8% ”.\r\n\r\nL’ammontare complessivo del collocamento è pari a 2.719.575 euro, di cui 2.447.617,5 interamente in aumento di capitale e 271.957,5 rinvenienti dall’esercizio dell’opzione di overallotment. Al collocamento hanno partecipato in larga parte investitori istituzionali italiani ed esteri e investitori professionali e in minor parte investitori retail. Le azioni collocate sono pari a 1.208.700, di cui 1.087.830 di nuova emissione rivenienti dall’aumento di capitale a servizio del collocamento e 128.870 rivenienti dall’esercizio dell’opzione di overallotment. Il prezzo di collocamento delle azioni è stato fissato in 2,25 euro per azione.\r\n\r\nLa capitalizzazione di mercato della società prevista all’inizio delle negoziazioni è pari a 11.555.617,5 euro (11.827.575 euro assumendo l’integrale esercizio dell’opzione greenshoe - overallotment, ndr -, interamente in aumento di capitale), con un flottante del 21,18% (22,99% in caso di esercizio integrale dell’opzione greenshoe).\r\n\r\nL’operazione prevede anche l'emissione di 1.208.700 warrant SoGes Group s.p.a. 2024-2027, che sono abbinati gratuitamente alle azioni sottoscritte nell’ambito del collocamento, nel rapporto di un warrant ogni azione detenuta e saranno validi per sottoscrivere, alle condizioni e secondo le modalità del regolamento warrant, le azioni di compendio in ragione di una azione di compendio ogni tre warrant presentati per l’esercizio.\r\n\r\nA esito del collocamento, prima dell’eventuale esercizio dell’opzione greenshoe, il capitale sociale del gruppo SoGes è pari a 770.374,50 euro composto da 5.135.830 azioni ordinarie prive dell’indicazione del valore nominale. La composizione della compagine sociale è quindi ora costituita da una quota del 77,88% sullo stesso capitale sociale detenuta da Gala Holding, a sua volta di proprietà della famiglia Galardi, nonché dallo 0,31% di diretta pertinenza di Andrea Galardi e dallo 0,62% di azioni proprie. Il flottante ammonta al 21,18%.\r\n\r\n ","post_title":"SoGes (Place of Charme) ammessa alla negoziazioni della Borsa di Milano. Flottante al 21,18%","post_date":"2024-06-11T12:06:55+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718107615000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469254","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"KappaViaggi chiude con soddisfazione la due giorni della convention Bluvacanze e Vivere&Viaggiare. L'evento si è svolto a Marrakech, destinazione clou delle programmazioni dell'operatore capitolino ed è stato organizzato grazie alla fondamentale partnership con Royal Air Maroc e Visit Morocco.\r\n\r\n“Oggi le agenzie di viaggi stanno cambiando in maniera profonda la comunicazione e sono molto presenti attraverso i social media: abbiamo voluto ispirarle proprio in queste attività, offrendo esperienze che le coinvolgessero con emozione – commenta il direttore generale di KappaViaggi, Michele Mazzini -. Siamo partner di Bluvacanze dal nostro arrivo nel mercato italiano e lavorare insieme ad ampio raggio su diverse iniziative ci permette di condividere obiettivi importanti e migliorativi. Essere partner del gruppo Bluvacanze è possibile anche grazie alle collaborazioni che abbiamo portato avanti negli anni, per arrivare poi a questa bellissima operazione, con Visit Morocco e il suo country manager Aziz Mnii e con la Ram e il suo direttore generale Italia, Adil Korchi, a cui vanno tutti i miei più sentiti ringraziamenti”.\r\n\r\nKappaViaggi programma Marrakech con tre strutture alberghiere per essere pronto a soddisfare ogni target di viaggiatori nella città Rossa del Marocco: il Kappa Club Iberostar La Palmeraie per una vacanza resort al inclusive, location della convention delle agenzie Bluvacanze e Vivere&Viaggiare; il Kappa City Medina Gardens, 4 stelle nella città vecchia con la formula only adults; e, infine, il 5 stelle Club Eldorador: sport, famiglia e gastronomia. Marrakech è inoltre il punto di partenza di vari tour messi a disposizione delle agenzie e dei loro clienti.\r\n\r\n ","post_title":"KappaViaggi alla convention di Marrakech del gruppo Bluvacanze per parlare di social media","post_date":"2024-06-11T11:46:36+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1718106396000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469185","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Parte bene la nuova stagione di Gardaland, che si è aperta con una crescita degli abbonamenti per il parco del 20% rispetto al 2023. \"L'anno scorso abbiamo finalmente superato i livelli pre-Covid del 2019 - racconta il direttore operativo del resort gardesano, Alessandra Zanoni, in occasione dell'evento di presentazione della nuova attrazione Wolf Legend -. E anche il 2024 è cominciato sotto i migliori auspici, anche se il maltempo ha rallentato un po' i flussi. Ciononostante siamo comunque in linea con le aspettative. Speriamo quindi che con il miglioramento del meteo si riesca ad andare persino oltre le previsioni\".\r\n\r\nLe novità 2024 non si fermano peraltro alla drop and twist tower che ha preso il posto del Sequoia Magic Loop: \"Abbiamo inserito pure una serie di nuovi show, tra cui uno spettacolo di magia chiamato Impossible!. Ed è stata rinforzata la street animation, per venire incontro a una precisa richiesta del nostro pubblico\".\r\n\r\n[caption id=\"attachment_469196\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Sabrina de Carvalho. Dietro si scorge Wolf Legend, novità 2024 del parco[/caption]\r\n\r\nTra gli obiettivi di quest'anno c'è quindi quello di incrementare ulteriormente la quota di visitatori internazionali, che nel 2023 sono già cresciuti di quasi il 20% e oggi arrivano a pesare per il 30% dei circa 3 milioni di visitatori annuali di Gardaland. \"Oltre all'area dei paesi di lingua tedesca, la cosiddetta regione Dach da sempre attratta dalla destinazione Garda  - aggiunge l’amministratore delegato, Sabrina de Carvalho -, stiamo registrando un aumento dei flussi dalla Francia, dall'Inghilterra e dalla Croazia\".\r\n\r\nLa quota estera è molto importante soprattutto per la parte hospitality del resort. Nei tre alberghi del parco circa il 46% degli ospiti proviene infatti da oltre confine. \"Per rafforzare ulteriormente i flussi dall'estero, abbiamo anche recentemente assunto un nuovo international sales manager, che sta lavorando molto con i tour operator stranieri. Fortunatamente non siamo stati però toccati dal fallimento di Fti Touristik\".\r\n\r\nMa il futuro di Gardaland passa pure da piani particolarmente ambiziosi, con l'obiettivo di diventare un punto di riferimento del mercato dei parchi d'intrattenimento europei. Come già rivelato l'anno scorso, il masterplan del resort, data la  scarsa disponibilità di terreni edificabili nelle immediate adiacenze, prevede una serie di ulteriori sviluppi in zone separate rispetto al nucleo originario: \"Prevediamo di poter annunciare la prima novità nel 2028\", anticipa in conclusione di intervista Sabrina de Carvalho.","post_title":"Parte bene il 2024 di Gardaland. Focus sui mercati internazionali","post_date":"2024-06-10T15:14:39+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1718032479000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469045","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si sono mossi immediatamente gli altri due colossi del tour operating tedesco per occupare gli spazi lasciati liberi dal fallimento di Fti Touristik. Fonti di stampa loclae rivelano infatti come immediatamente dopo la richiesta di ammissione alla procedura d'insolvenza, Tui abbia annunciato che non avrebbe più richiesto alcun acconto per le prenotazioni ricevute sino al prossimo 30 giugno, relative a partenze da effettuarsi entro il successivo 31 ottobre. \"Nei prossimi giorni lanceremo una serie di nuove proposte in collaborazione con gli albergatori\", ha dichiarato tra le altre cose il ceo di Tui, Stefan Baumert. Le novità riguarderanno soprattutto quelle destinazioni dove Fti era particolarmente forte come Egitto, Turchia ed Emirati Arabi.\r\n\r\nStando all'agenzia di stampa Deutsche Presse-Agentur (Dpa), anche Dertour avrebbe quindi intenzione di incrementare la propria disponibilità di voli e soluzioni alberghiere, allo stesso tempo rinunciando ai pagamenti anticipati per tutti quei clienti Fti disposti a prenotare con il to di casa Der Touristik, a causa della cancellazione dei viaggi già programmati. Dertour sta inoltre gestendo l'assistenza agli ospiti Fti per conto del German Travel Security Fund (Drsf) in Turchia, Egitto, Thailandia, Sri Lanka, Emirati Arabi, Panama e le Canarie.\r\n\r\nAl momento circa 65 mila turisti Fti sono ancora bloccati all'estero, compresi 7.500 in Grecia. Come già evidenziato qualche giorno fa, la situazione corrente è tuttavia molto differente da quella generata dal crack Thomas Cook. Anche solo per le dimensioni dell'insolvenza: nel paese ellenico, per esempio, gli hotel hanno in sospeso oggi attorno a 1,8 milioni di euro di pagamenti. In occasione della bancarotta Thomas Cook tale cifra raggiungeva invece circa i 200 milioni.\r\n\r\nL'attuale curatore fallimentare di Fti, Axel Bierbach, ha inoltre dichiarato che attualmente i viaggi del gruppo sono cancellati solo sino al 10 giugno e che lui e la sua squadra stanno cercando delle soluzioni alternative per le partenze successive. La speranza è quella di riuscire a riproteggere tutte le vacanze in programma almeno dal prossimo 1° di luglio.","post_title":"Fallimento Fti: Tui e Dertour pronti a occupare gli spazi liberi","post_date":"2024-06-07T10:58:02+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1717757882000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468960","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sempre più viaggiatori internazionali a bordo dei treni Italo: ecco allora che cambia il dominio web della società in italotreno.com, un cambio che rispecchia la nuova clientela che, appunto, vede una sempre maggiore componente di turisti e visitatori da tutto il mondo.\r\n\r\nCon questo cambio Italo riuscirà ad arrivare più facilmente oltre i confini italiani, invitando anche chi pianifica il suo primo viaggio in Italia a scoprire il servizio che offre sull’Alta Velocità che si contraddistingue per qualità, comfort e sicurezza\r\n\r\nItalo \"the italian high-speed train\" offrirà ai turisti stranieri servizi migliori sia sui canali digitali che in stazione, con assistenza in lingua, esclusive Lounge Italo Club sul territorio, collaborazioni con diversi partner che si occupano di mobilità internazionale.\r\n\r\n«L’inizio dell’anno ha visto l’avvio delle prime campagne Display e Sem internazionali,  affiancate da attività di seo e digital pr volte ad introdurre il nome Italo sul mercato Usa e Uk - afferma Gianluca Marchio, head of digital & loyalty di Italo, alla guida della trasformazione digitale internazionale - grazie al passaggio al dominio .com saremo in grado di aumentare il nostro trust e di accelerare il piano di visibilità e conquista anche di nuovi mercati come quello sudamericano e coreano».\r\n\r\nInoltre, per soddisfare la richiesta di turisti interni ed esteri, Italo ha esteso la sua rete con servizi di multimodalità bus e regionali, che consentono oggi, ad esempio, di raggiungere i principali aeroporti italiani, come il Leonardo Da Vinci di Roma Fiumicino con il biglietto combinato treno Alta Velocità e regionale, acquistabile sia da sito web che app mobile di Italo Treno o località non raggiunte dall’AV con il biglietto combinato Italo più Itabus, come le mete turistiche di Sorrento, Pompei ed il Salento.\r\n\r\n«Per i turisti affezionati al nostro Paese Italo sta lavorando per aprire il proprio programma fedeltà Italo Più anche ai non residenti in Italia. Non a caso con il lancio ad aprile, in occasione dei 12 anni di Italo, della nuova edizione il “Più” è diventato “+”, un semplice cambio grafico, che sintetizza un nuovo approccio: viaggiare “plus” conviene a tutti ed iscriversi diventa possibile e conveniente anche per i non residenti».","post_title":"Italo: cresca la quota di viaggiatori internazionali e il dominio web passa a .com","post_date":"2024-06-06T11:33:09+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1717673589000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468727","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_468732\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Da sinistra, Anna Perbellini, Marco Dadone e Lara Corsinovi[/caption]\r\n\r\nSi amplia il team di Ibiza Project. La dmc italiana specializzata nelle isole Pitiuse accoglie infatti nelle proprie fila Anna Perbellini: veronese di nascita, dopo la laurea in lingue e culture per il commercio internazionale si trasferisce subito all’estero, dove matura esperienza negli ambiti della guest experience e della reception in un rinomato gruppo alberghiero di lusso. L’amore per l’isola e il desiderio di organizzare e rendere uniche le esperienze dei viaggiatori, singoli o in gruppo, sono stati i fattori determinanti per l’inizio di questa collaborazione, che si prospetta davvero promettente.\r\n\r\nContemporaneamente Ibiza Project ha inoltre realizzato un altro investimento introducendo un nuovo gestionale interno, più efficace e avanzato, per migliorare ulteriormente l'efficienza operativa e la qualità del servizio proposto. Il 2023 è stato chiuso, infatti, rispettando il budget prestabilito e mantenendo grande attenzione alla marginalità. Anche i dati dell’estate in arrivo sono incoraggianti, con un picco di richieste e prenotazioni tra fine giugno e inizio luglio, in linea con gli standard degli anni precedenti.\r\n\r\nSempre per i prossimi mesi, l’azienda sta registrando una forte domanda di soggiorni personalizzati a Formentera da parte di piccoli gruppi. Per rispondere a questa crescente richiesta, Ibiza Project ha ideato attività dedicate, costruite su misura, focalizzandosi per esempio sulla scoperta delle eccellenze dell’enogastronomia locale e sugli sport al momento più di tendenza, tra cui il padel e il golf, oltre alle classiche attività acquatiche.\r\n\r\n“L’importante aumento della richiesta di soggiorni personalizzati da parte di piccoli gruppi ci permette di valorizzare i nostri punti di forza: la cura dei dettagli e l’essere locali e presenti nel territorio in cui operiamo – commentano Marco Dadone e Lara Corsinovi, fondatori della dmc –. I tanti repeater fidelizzati, che ogni anno richiedono i nostri servizi e si affidano alla nostra professionalità, ne sono la conferma”.","post_title":"Cresce il team di Ibiza Project che accoglie Anna Perbellini","post_date":"2024-06-04T10:32:42+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1717497162000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti