20 June 2024

Ag Group riorganizza la divisione alberghiera che diventa Hotel Gest Italia: obiettivo 220 mln nel 2030

[ 0 ]

L’edificio romano di via delle Botteghe Oscure che diventerà presto un Thompson by Hyatta

Piani di sviluppo ambiziosi per il ramo hotellerie di Ag Group. La divisione alberghiera della compagnia capitolina cambia infatti nome e diventa Hotels Gest Italia, puntando a una crescita decisa, in partnership con soft brand internazionali. La previsione è infatti di raggiungere quota 220 milioni di fatturato entro il 2030, a cui si stima possano aggiungersi ulteriori 30 milioni dal tour operator del gruppo e altri tre dalla Ag Hotel Consulting, spiega l’a.d. Andrea Girolami a Pambianco Hotellerie.

Hotels Gest Italia gestisce al momento sei indirizzi a 4 stelle a Roma che nel 2023 hanno totalizzato ricavi per più di 30 milioni di euro. Tra le prossime aperture in pipeline c’è il 5 stelle senese Palazzo Malavolti Sozzini (2026), nonché progetti a Como (2026), Milano (2026) e Firenze (2025), più due ulteriori in Puglia (2025 e 2026). Da segnalare anche la joint venture con Rossfin per la gestione del primo hotel Thompson by Hyatt in Italia, che aprirà nella ex sede del Pci di via delle Botteghe Oscure a Roma.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469813 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_469821" align="alignright" width="300"] Da sinistra, Marco De Angelis e Fabrizio Bona[/caption] L'estate targata Italo accelera, spaziando dall'intermodalità all'accento sul traffico corporate, dall'ennesimo miglioramento dei servizi al ruolo - sempre strategico - del trade. Sono questi i temi messi in luce da Fabrizio Bona e Marco De Angelis, rispettivamente direttore commerciale e direttore vendite, in occasione del tradizionale appuntamento con il roadshow estivo che ha preso il via ieri a Milano «per poi spostarsi a Bologna, Roma e Napoli: quattro sessioni che ci consentono di incontrare 250 delle nostre Top Agency - spiega De Angelis -. Italo infatti continua a credere nel mondo agenziale, che rappresenta un tassello chiave della crescita di questi nostri 12 anni di vita. Continueremo a remunerare il lavoro di qualità, studiando ed offrendo al canale agency sempre nuove soluzioni». La policy commissioni sulle agenzie continua a essere orientata «sui clienti di valore come il cliente business, che comunque non ha ancora recuperato i livelli 2019, oppure quello che chiede flessibilità. Abbiamo riempimenti importanti proprio nell’alta fascia, nell’executive, e le agenzie sono determinanti in questo ambito». Da segnalare la performance positiva del traffico internazionale, «americani in primis, ma anche una piccola ripresa da Corea e Cina, mentre c'è ancora poco Giappone a causa della mancanza di alcuni voli.  Prima caratteristica della summer 2024, l'aumento delle opzioni di collegamenti intermodali: «Si tratta di ottimizzare la mobilità. E Italo rappresenta ormai un gruppo multimodale - sottolinea Bona -. Dai treni ai bus, siamo in grado di soddisfare la domanda di trasporto in tutta Italia. La stagione estiva ci consente di attivare nuove connessioni treno più bus per portare i turisti in località quali Rodi Garganico, Vieste, Jesolo, Bibione e molte altre. Questo dopo che le prime destinazioni lanciate, come Sorrento e Pompei, sono andate benissimo». In questo solco si inserisce anche il recente accordo con Uber. L'orario estivo conta 118 viaggi al giorno, con 54 città collegate e 62 stazioni servite, che garantiscono maggior capillarità e frequenze: grazie all’acquisizione di Itabus, infatti, ai servizi ferroviari si aggiungono quelli su gomma e quelli intermodali, treno + gomma con un biglietto unico; senza tralasciare le interconnessioni con i regionali di Trenitalia. Per queste ultime, in particolare, la novità dell'anno «è la possibilità per i passeggeri di acquistare direttamente i due biglietti Italo e regionale Trenitalia nelle biglietterie automatiche presenti nelle stazioni, mentre finora era possibile solo dal sito e dunque da pc. Arriveremo così anche in 200 nuove stazioni dove l'Alta Velocità non era un'opzione, consentendo ai clienti una comparazione diretta di costi e tempi di percorrenza. Inoltre, per fine 2024, questo servizio sarà disponibile anche sui sistemi delle agenzie di viaggio». Business travel Attenzione sempre maggiore viene riservata al mondo business e corporate, per il quale la società con il supporto della agenzie ha studiato appositi piani di triangolazioni (soluzione che coinvolge in particolar modo le Pmi, sono circa 900 quelle già nel circuito Italo). «Il nuovo programma fedeltà Italo Più prevede in particolare per il mondo bt la possibilità per tutti i dipendenti delle aziende già iscritte la possibilità di beneficiare già dello status di cui gode l'azienda già tutti i vantaggi dell’azienda. Diventa inoltre più semplice e veloce accumulare punti e dunque ottenere viaggi premio». Sul fronte servizi spicca il rinnovo delle lounge: «Roma è stata la prima ad essere rinnovata, lunedì prossimo (24 giugno, ndr) chiuderà quella di Milano per poi riaprire a fine luglio con nuovo look, più servizi e qualità. A seguire le altre, con una grande novità che sarà l'apertura di una nuova lounge a Bologna, hub importantissimo non solo per Italo ma per tutto il sistema trasporti». La nuova concorrenza Quanto al futuro debutto di Sncf sui collegamenti AV in Italia, «ad oggi è ancora prematuro fare previsioni. Per certo il mercato dell'Alta Velocità in Italia oggi è gestito da due parti in maniera intelligente, con qualità e servizi molto elevati. Il cliente beneficia di una sana competizione che ha portato a prezzi più bassi e maggiori e livelli di servizio. In futuro vedremo».     [post_title] => Italo presenta il Summer Dream: focus su intermodalità, bt e Top Agency [post_date] => 2024-06-20T11:06:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718881608000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469678 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono oltre 80 i milioni di euro che il gruppo Barceló intende investire a Capo Verde, nell'acquisizione, nel riposizionamento e nello sviluppo di nuovi hotel. L'impegno segue l'inaugurazione, avvenuta lo scorso 15 maggio, della struttura di debutto della compagnia nel Paese: il 5 stelle Barceló Praia Cape Verde sulla spiaggia di Prainha a Praia, capitale dell'isola di Santiago. La struttura dispone di 80 camere, piscina a sfioro, aree solarium, palestra e diverse sale riunioni completamente attrezzate. L'offerta gastronomica include poi un ristorante a buffet, il Breeze Gastro bar a bordo piscina e il Lobby bar. Dopo l'apertura di questa struttura, il gruppo prevede quindi di aggiungere un secondo 5 stelle a Boa Vista, precedentemente noto come Marine Club Beach Resort Hotel, con 160 camere. Opererà sempre con il marchio Barceló Hotels & Resorts. Inoltre, è già stata pianificata la costruzione di un nuovo progetto alberghiero anche sull'isola di Sal, nella zona di Pontao, nel comune di Santa Maria: un all-adults ancora una volta a 5 stelle con 260 camere. "La destinazione è strategica per la nostra espansione grazie al suo grande potenziale turistico - spiega il direttore regionale Capo Verde e Madeira, Pilar Parejo -. Nei prossimi anni prevediamo perciò di continuare con i nostri investimenti, collaborando allo sviluppo economico e sociale dell'arcipelago". [post_title] => Barceló mette nel mirino Capo Verde: primo hotel aperto e oltre 80 mln d'investimenti in arrivo [post_date] => 2024-06-18T12:01:26+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718712086000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469679 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_469682" align="alignleft" width="300"] La nuova poltrona di Business Class[/caption] Finnair ha completato il rinnovo da 200 milioni di euro delle cabine di lungo raggio, che prevedeva il lancio di una poltrona di Business Class completamente nuova, di una nuova cabina di Premium Economy e di una rinnovata Economy Class. La cabina è stata lanciata per la prima volta nel 2022 e, nel giro di due anni, è stata estesa all'intera flotta di A350 e A330 a lungo raggio della compagnia aerea. I passeggeri possono ora godere di un'esperienza di viaggio omogenea, su tutte le rotte a lungo raggio tra l'hub di Helsinki e gli Stati Uniti, il Medio Oriente e l'Asia. «Dopo soli due anni, è fantastico aver completato il rollout della nostra nuova e pluripremiata cabina per il lungo raggio - afferma Ole Orvér, chief commercial officer del vettore finlandese -. Dal suo lancio nel 2022, il feedback dei passeggeri sulla nostra poltrona di Business Class e sulla nuova cabina di Premium Economy è stato eccellente, quindi siamo orgogliosi di poter offrire la nuova cabina sui voli verso tutte le nostre destinazioni di lungo raggio». [caption id="attachment_469683" align="alignright" width="300"] La cabina di Premium Economy[/caption] Nei prossimi mesi Finnair continuerà a investire su flotta e miglioramento della customer experience, con l'imminente rinnovo delle cabine degli Embraer 190. Questi velivoli a corto raggio, che operano voli verso una serie di destinazioni nordiche, saranno dotati di una nuova cabina ispirata ai colori e al design ora presenti nella flotta di lungo raggio della compagnia. Finnair aprirà presto anche una nuova, più grande lounge nell'area Schengen dell'hub di Helsinki, per i passeggeri di Business Class e per i membri del livello Finnair Plus; l'accesso alla lounge è comunque consentito a tutti i passeggeri Finnair come extra di viaggio. [post_title] => Finnair completa il rinnovo da 200 mln di euro delle cabine di lungo raggio [post_date] => 2024-06-18T11:44:07+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718711047000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469666 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiama 'Come ti suona la Spagna?' la nuova serie podcast lanciata dall’Ente spagnolo del turismo a Milano: una collezione di otto episodi, che fa dell'ente il primo fra quelli esteri presenti in Italia e della rete di uffici del turismo di Turespaña a proporre questa attività di generazione di contenuti nella sua strategia di promozione turistica. «La prima serie di podcast era stata pensata per un pubblico che si stava lentamente riprendendo dai lockdown della pandemia - spiega Isabel Garaña Corces, Console aggiunto e direttrice della sede milanese dell'ente -. Per questa nuova serie, dedicata ad altre 8 destinazioni spagnole, abbiamo voluto adattare i temi e il tipo di creatività alle nuove tendenze di un canale che sta evolvendo molto rapidamente e che riscuote speciale attenzione fra i Millennials e la Generazione Z, quindi a un range di età dai 20 ai 40 anni». Secondo i dati di una ricerca Ipsos Digital Audio Survey 2023, il 39% degli italiani ha ascoltato podcast nell’ultimo mese, con un tasso di crescita del 3% rispetto al 2022 (36%). In numeri assoluti, tutto ciò si traduce in circa 11,9 milioni di ascoltatori mensili di podcast in Italia. Sono un gruppo sempre più giovane della media, istruiti e con un livello professionale elevato; sono consumatori responsabili, influencer rispetto ai pari quando si parla di intrattenimento. Inoltre, secondo lo stesso studio, è molto elevata la percentuale di chi ascolta podcast seriali (78%) e nella maggioranza dei casi (43%) per l’intera durata: l’ascolto del podcast nella sua interezza diventa quindi la modalità largamente prevalente di fruizione. Il lancio di ‘Come ti suona la Spagna?’ è supportato da un’attività social di promozione sui canali di Podcastory e dell’Ente spagnolo del turismo, che utilizza gli hashtag #ComeTiSuonaLaSpagna #ScopriLaSpagna #Spagna #Podcast e #VisitSpain. Le destinazioni protagoniste sono: Asturie con le spiagge sul mar Cantabrico e le spettacolari aree montuose; Aragona, meta culturale, gastronomica, di turismo slow e avventura; Almeria con la maestosità dell’Alcazàba, che ha fatto da set alla serie televisiva ‘Game of Thrones’; le isole Baleari alla scoperta di Minorca; la Cantabria con i suoi borghi medievali e le grotte di Altamira; Lanzarote con i suoi paesaggi vulcanici; Navarra tra storia e leggende; e infine Murcia con la sua ricca tradizione culturale e gastronomica. [post_title] => La Spagna si promuove con una nuova serie di fictional podcast dedicata a 8 destinazioni [post_date] => 2024-06-18T11:09:53+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718708993000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469578 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Arrivano dati incoraggianti dal gruppo Gdf Hotel che ha chiuso il 2023 a quota 35,14 milioni di euro, pari a un incremento del 49,5% rispetto all'anno precedente. E anche i primi mesi dl 2024 confermano il trend di crescita, grazie a un ulteriore +17% nei confronti dello stesso periodo di 12 mesi fa. Il piano industriale della compagnia prevede un raddoppio del fatturato nei prossimi quattro anni, per un traguardo di 68,5 milioni da raggiungere nel 2028. "Siamo estremamente soddisfatti dei risultati ottenuti nel 2023, che riflettono il duro lavoro e l'impegno del nostro team - sottolinea il fondatore e presidente di Gdf Hotel, Guido Della Frera -. Il 2024 conferma questo successo che proseguirà nel nostro piano quinquennale: l’apertura del nuovo Hilton Garden Inn Milan Malpensa a Somma Lombardo a marzo 2024 e l’inaugurazione di un elegante hotel a 5 stelle prevista per il 2025 sempre nel Nord Italia ci permetteranno di espandere ulteriormente la nostra presenza e di offrire servizi di alta qualità in destinazioni chiave." [post_title] => Il fatturato del gruppo Gdf supera quota 35 mln: +49,5% sul 2022 [post_date] => 2024-06-17T13:42:29+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718631749000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469591 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «B&B Hotels nasce nel 1990 in Francia da un’intuizione di François Brannelec. - racconta Simone Ravera, coo B&BHotels Italia, Slovenia e Ungheria, ripercorrendo la storia del gruppo - Brannelec viaggiava molto per lavoro e riteneva eccessivi i prezzi degli hotel. Ha deciso quindi di offrire al cliente un letto e una buona colazione a un costo veramente competitivo. L’idea ha funzionato molto bene e ha portato a un forte sviluppo in Francia (dove oggi siamo presenti con più di 400 hotel), in Germania (dove già superiamo quota 200) e in Spagna (dove siamo vicini ai 50). Il business-model è arrivato con successo in Italia 15 anni fa, grazie a Jean Claude Ghiotti, oggi presidente onorario di B&B Hotels Italia. Il mercato ci premia: trova un prodotto superiore alle attese a un prezzo concorrenziale e questo ci permette di performare molto». B&B Hotels continua a crescere seguendo il payoff: “Only for Everyone”. Primi hotel «Abbiamo aperto i nostri primi hotel in UK e in USA, ci stiamo espandendo in Slovenia e Ungheria. In Italia intendiamo raggiungere i 100 hotels entro il 2025 e 150 entro il 2030, l’anno scorso ne abbiamo aperti 8, quest’anno ne apriremo 14». Interessante la ricerca delle location dove aprire nuovi B&B Hotels: «Viene fatta attraverso un sistema di location intelligence: analizziamo e osserviamo il territorio, controlliamo il potenziale commerciale delle strutture e siamo versatili. - prosegue Ravera - Abbiamo trasformato in hotel luoghi come supermercati, uffici e tanti immobili trascurati. Questo take-over di strutture già esistenti è importante in particolare per il mercato italiano, perché ci sono poche possibilità di costruire e tanti alberghi. Interveniamo laddove l’imprenditore è in difficoltà o c’è un passaggio generazionale». Numerose le aree di crescita sulla penisola, «ci sono delle primary city che rimangono degli evergreen - Milano, Roma, Firenze, Torino … - ma ho visto recentemente una location a Matera, apriremo presto il nostro primo hotel a Sassari, in Sardegna e guardiamo con molta attenzione il sud Italia con Napoli, Bari. Quest’anno apriremo anche 414 camere a Tronchetto-Venezia, dove siamo riusciti ad avere uno degli ultimi due posti edificabili. L’elevato numero di camere rientra nella nostra logica “no limits” e 400 camere a Venezia vanno benissimo! - conclude il direttore operativo Ravera - Stiamo anche spingendo sul fronte leisure, che per l’azienda è una cosa nuova e in Italia siamo stati un po’ pionieri proprio grazie alla tipica flessibilità e creatività italiane. Bisogna pensare al leisure se si vogliono raggiungere i 150 hotels. "Quindi abbiamo alcune realtà nate come esperimenti e oggi consolidate come Cortina, Sottomarina di Chioggia, il grande successo di Santa Margherita Ligure e poi Diano Marina, Savona, Ischia… Abbiamo anche deciso di aggiungere alla nostra offerta la ristorazione creando un dipartimento f&b con una persona incaricata. Oggi sono attivi 8 ristoranti. Non ci poniamo limiti perché il nostro cliente ci segue e ci riconosce, sia nel leisure che nel business. Lo sappiamo perché facciamo molte ricerche in questa direzione: per noi il crm, la gestione della relazione con clienti, è fondamentale». Quello di B&B Hotels è quindi un modello in crescita nel mondo, che ha l’obiettivo di raggiungere un portfolio di 1500 hotels. [post_title] => B&B Hotels: storia e progetti di crescita per un turismo accessibile a tutti [post_date] => 2024-06-17T12:06:18+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718625978000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469531 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La destinazione The Red Sea si estende per 28.000km2 lungo la zona occidentale dell'Arabia Saudita, affacciata per 200km sul mar Rosso, con 200 isole, una barriera corallina estesa, il deserto, le montagne e vulcani dormienti. Con il suo clima ideale tutto l’anno, è al centro del progetto di turismo rigenerativo di Red Sea Global (Rsg) articolato in due fasi, per un valore complessivo di 14,4 miliardi di dollari e con un focus su luxury e sostenibilità. La prima fase del progetto “The Red Sea” ha preso il via nel 2023 e, entro il 2025, apriranno diversi brand internazionali. Il primo ad aprire è stato il Six Senses Southern Dunes - The Red Sea, con 79 ville nel deserto. Quasi un luxury glamping molto legato alla cultura locale. Lo scorso 7 gennaio ha poi aperto sull’atollo naturale di Ummahat Island The St. Regis Red Sea Resort, che offre 90 camere tra beach villa e overwater. Sulla stessa isola, separato da una lingua di sabbia, ha aperto il 26 maggio il Nujuma, Ritz-Carlton Reserve, con 63 overwater e beach villa, tutte con piscina privata. «Solo 7 strutture al mondo fan parte della collezione Reserve - sottolinea Francesca Battocchi, market manager The Red Sea Global - Ritz Carlton le apre solo in luoghi dove l’ecosistema è unico: dal punto di vista paesaggistico e nella conservazione di flora e fauna. Gli altri 11 hotel della prima fase del progetto verranno aperti tutti insieme a Shura Island, che è costituita da tante isolette collegate da ponticelli e si raggiunge percorrendo una strada sospesa sul mar Rosso. Altri 2 hotel apriranno fra la fine del 2024 e l’inizio del 2025 e saranno gestiti direttamente dal nostro Head Office. Il primo, Shebara Resort, sorgerà su Sheybarah Island, ed è un progetto avveniristico di tutela dell’area: costituito da 73 capsule di acciaio riciclato; il secondo, in apertura a fine anno, è il Desert Rock, che si trova sulle alture ed è costituito da 60 camere scavate nella roccia. La Fase Uno di questo progetto comprende quindi l'apertura di 16 resort nel corso del 2024 e del 2025. Il 2030 segnerà il completamento della destinazione, con la realizzazione di 50 hotel tra isole e aree interne, ma anche porti turistici di lusso, campi da golf, strutture di intrattenimento, ristoranti, bar e attività per il tempo libero. The Red Sea è una destinazione al 100% sostenibile, in quanto segue tutti e i 17 pillar della comunità internazionale: è un tema a cui la clientela è sempre più interessata e può fare la differenza nell’acquisto di un viaggio. Da non dimenticare, infine, che siamo una delle Dark Skies Area del mondo, favoriamo il turismo accessibile e abbiamo in corso tanti progetti per la conservazione di flora e fauna. È nato anche il DMC Visit Red Sea che viene utilizzato dagli operatori italiani. - conclude Battocchi - Per garantire al visitatore un livello di servizio elevato e rapidi tempi di risposta». The Red Sea si trova a 500km da Jeddah e a 8h di volo dall’Europa. Il Red Sea International Airport (Rsi) è operativo da settembre 2023 per i voli domestici - 4 da Riyad e 2 da Jeddah. Il mese scorso è stato lanciato il volo diretto da Dubai due volte a settimana e nel 2025 lo scalo diventerà intercontinentale. [gallery ids="469537,469539,469535"] [post_title] => The Red Sea: il progetto luxury sostenibile è realtà e accoglie i primi ospiti [post_date] => 2024-06-17T12:00:45+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718625645000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469579 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Norwegian in allungo sulla primavera 2025: la compagnia ha messo in vendita i voli su 234 rotte verso 99 destinazioni. Le partenze riguardano viaggi compresi nel periodo dal 30 marzo al 1° giugno 2025, per un totale di 5,3 milioni di posti. Diverse destinazioni della stagione invernale, come Agadir, Dubai, Hurghada, Il Cairo e Marrakech, sono state prolungate e continuano ad aprile. «Molti dei nostri passeggeri amano e vogliono pianificare i viaggi con largo anticipo, ed è fantastico che ora possiamo offrire oltre cinque milioni di posti per la prossima primavera. Di solito i biglietti meno costosi vengono venduti per primi, quindi prima si prenota e migliore è l'offerta. Questo vale soprattutto per la Pasqua» ha dichiarato Magnus Thome Maursund, direttore commerciale di Norwegian. Attualmente l'operativo estivo della low cost norvegese include 340 rotte per oltre 120 destinazioni. [post_title] => Norwegian scatta in avanti sulla primavera 2025: in vendita 5,3 mln di posti [post_date] => 2024-06-17T11:19:25+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718623165000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469572 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Al via una nuova partnership strategica tra SiteMinder e ClouBeds. Permetterà ai clienti dalla piattaforma di revenua management  di accedere a quella di property management system (pms) e viceversa. “A fine 2023 abbiamo annunciato la nostra mission volta a rendere le attività di revenue management più accessibili a tutti gli hotel del mondo - spiega il ceo e managing director di SiteMinder, Sankar Narayan -. Siamo entusiasti di collaborare con Cloudbeds per portare avanti questo obiettivo, eliminando gli ostacoli causati dalla dispersione di dati importanti in sistemi singoli". “La nostra partnership con SiteMinder rappresenta l’unione di due dei più importanti nomi del settore hospitality, uniti da un impegno comune volto a promuovere una maggiore integrazione tra le piattaforme alberghiere e a creare nuovi standard a beneficio degli albergatori di tutto il mondo - conferma per parte sua il ceo di Cloudbeds, Adam Harris -. Questo è solo l'inizio: siamo entusiasti di poter offrire a chi gestisce strutture alberghiere opportunità di guadagno incrementali, ottimizzando e semplificando gli aspetti operativi della connessione alberghiera”. [post_title] => SiteMinder e Cloudbeds integrano i rispettivi sistemi di revenue management e pms [post_date] => 2024-06-17T10:58:10+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718621890000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "ag group riorganizza la divisione alberghiera che diventa hotel gest italia obiettivo 220 mln nel 2030" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":82,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1374,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469813","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_469821\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Da sinistra, Marco De Angelis e Fabrizio Bona[/caption]\r\n\r\nL'estate targata Italo accelera, spaziando dall'intermodalità all'accento sul traffico corporate, dall'ennesimo miglioramento dei servizi al ruolo - sempre strategico - del trade.\r\n\r\nSono questi i temi messi in luce da Fabrizio Bona e Marco De Angelis, rispettivamente direttore commerciale e direttore vendite, in occasione del tradizionale appuntamento con il roadshow estivo che ha preso il via ieri a Milano «per poi spostarsi a Bologna, Roma e Napoli: quattro sessioni che ci consentono di incontrare 250 delle nostre Top Agency - spiega De Angelis -. Italo infatti continua a credere nel mondo agenziale, che rappresenta un tassello chiave della crescita di questi nostri 12 anni di vita. Continueremo a remunerare il lavoro di qualità, studiando ed offrendo al canale agency sempre nuove soluzioni». La policy commissioni sulle agenzie continua a essere orientata «sui clienti di valore come il cliente business, che comunque non ha ancora recuperato i livelli 2019, oppure quello che chiede flessibilità. Abbiamo riempimenti importanti proprio nell’alta fascia, nell’executive, e le agenzie sono determinanti in questo ambito».\r\n\r\nDa segnalare la performance positiva del traffico internazionale, «americani in primis, ma anche una piccola ripresa da Corea e Cina, mentre c'è ancora poco Giappone a causa della mancanza di alcuni voli. \r\n\r\nPrima caratteristica della summer 2024, l'aumento delle opzioni di collegamenti intermodali: «Si tratta di ottimizzare la mobilità. E Italo rappresenta ormai un gruppo multimodale - sottolinea Bona -. Dai treni ai bus, siamo in grado di soddisfare la domanda di trasporto in tutta Italia. La stagione estiva ci consente di attivare nuove connessioni treno più bus per portare i turisti in località quali Rodi Garganico, Vieste, Jesolo, Bibione e molte altre. Questo dopo che le prime destinazioni lanciate, come Sorrento e Pompei, sono andate benissimo». In questo solco si inserisce anche il recente accordo con Uber.\r\n\r\nL'orario estivo conta 118 viaggi al giorno, con 54 città collegate e 62 stazioni servite, che garantiscono maggior capillarità e frequenze: grazie all’acquisizione di Itabus, infatti, ai servizi ferroviari si aggiungono quelli su gomma e quelli intermodali, treno + gomma con un biglietto unico; senza tralasciare le interconnessioni con i regionali di Trenitalia. Per queste ultime, in particolare, la novità dell'anno «è la possibilità per i passeggeri di acquistare direttamente i due biglietti Italo e regionale Trenitalia nelle biglietterie automatiche presenti nelle stazioni, mentre finora era possibile solo dal sito e dunque da pc. Arriveremo così anche in 200 nuove stazioni dove l'Alta Velocità non era un'opzione, consentendo ai clienti una comparazione diretta di costi e tempi di percorrenza. Inoltre, per fine 2024, questo servizio sarà disponibile anche sui sistemi delle agenzie di viaggio».\r\n\r\nBusiness travel\r\n\r\n\r\nAttenzione sempre maggiore viene riservata al mondo business e corporate, per il quale la società con il supporto della agenzie ha studiato appositi piani di triangolazioni (soluzione che coinvolge in particolar modo le Pmi, sono circa 900 quelle già nel circuito Italo). «Il nuovo programma fedeltà Italo Più prevede in particolare per il mondo bt la possibilità per tutti i dipendenti delle aziende già iscritte la possibilità di beneficiare già dello status di cui gode l'azienda già tutti i vantaggi dell’azienda. Diventa inoltre più semplice e veloce accumulare punti e dunque ottenere viaggi premio».\r\n\r\nSul fronte servizi spicca il rinnovo delle lounge: «Roma è stata la prima ad essere rinnovata, lunedì prossimo (24 giugno, ndr) chiuderà quella di Milano per poi riaprire a fine luglio con nuovo look, più servizi e qualità. A seguire le altre, con una grande novità che sarà l'apertura di una nuova lounge a Bologna, hub importantissimo non solo per Italo ma per tutto il sistema trasporti».\r\n\r\nLa nuova concorrenza\r\n\r\nQuanto al futuro debutto di Sncf sui collegamenti AV in Italia, «ad oggi è ancora prematuro fare previsioni. Per certo il mercato dell'Alta Velocità in Italia oggi è gestito da due parti in maniera intelligente, con qualità e servizi molto elevati. Il cliente beneficia di una sana competizione che ha portato a prezzi più bassi e maggiori e livelli di servizio. In futuro vedremo».\r\n\r\n \r\n\r\n\r\n ","post_title":"Italo presenta il Summer Dream: focus su intermodalità, bt e Top Agency","post_date":"2024-06-20T11:06:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718881608000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469678","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono oltre 80 i milioni di euro che il gruppo Barceló intende investire a Capo Verde, nell'acquisizione, nel riposizionamento e nello sviluppo di nuovi hotel. L'impegno segue l'inaugurazione, avvenuta lo scorso 15 maggio, della struttura di debutto della compagnia nel Paese: il 5 stelle Barceló Praia Cape Verde sulla spiaggia di Prainha a Praia, capitale dell'isola di Santiago. La struttura dispone di 80 camere, piscina a sfioro, aree solarium, palestra e diverse sale riunioni completamente attrezzate. L'offerta gastronomica include poi un ristorante a buffet, il Breeze Gastro bar a bordo piscina e il Lobby bar.\r\n\r\nDopo l'apertura di questa struttura, il gruppo prevede quindi di aggiungere un secondo 5 stelle a Boa Vista, precedentemente noto come Marine Club Beach Resort Hotel, con 160 camere. Opererà sempre con il marchio Barceló Hotels & Resorts. Inoltre, è già stata pianificata la costruzione di un nuovo progetto alberghiero anche sull'isola di Sal, nella zona di Pontao, nel comune di Santa Maria: un all-adults ancora una volta a 5 stelle con 260 camere. \"La destinazione è strategica per la nostra espansione grazie al suo grande potenziale turistico - spiega il direttore regionale Capo Verde e Madeira, Pilar Parejo -. Nei prossimi anni prevediamo perciò di continuare con i nostri investimenti, collaborando allo sviluppo economico e sociale dell'arcipelago\".","post_title":"Barceló mette nel mirino Capo Verde: primo hotel aperto e oltre 80 mln d'investimenti in arrivo","post_date":"2024-06-18T12:01:26+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718712086000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469679","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_469682\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] La nuova poltrona di Business Class[/caption]\r\n\r\nFinnair ha completato il rinnovo da 200 milioni di euro delle cabine di lungo raggio, che prevedeva il lancio di una poltrona di Business Class completamente nuova, di una nuova cabina di Premium Economy e di una rinnovata Economy Class.\r\n\r\nLa cabina è stata lanciata per la prima volta nel 2022 e, nel giro di due anni, è stata estesa all'intera flotta di A350 e A330 a lungo raggio della compagnia aerea. I passeggeri possono ora godere di un'esperienza di viaggio omogenea, su tutte le rotte a lungo raggio tra l'hub di Helsinki e gli Stati Uniti, il Medio Oriente e l'Asia.\r\n\r\n«Dopo soli due anni, è fantastico aver completato il rollout della nostra nuova e pluripremiata cabina per il lungo raggio - afferma Ole Orvér, chief commercial officer del vettore finlandese -. Dal suo lancio nel 2022, il feedback dei passeggeri sulla nostra poltrona di Business Class e sulla nuova cabina di Premium Economy è stato eccellente, quindi siamo orgogliosi di poter offrire la nuova cabina sui voli verso tutte le nostre destinazioni di lungo raggio».\r\n\r\n[caption id=\"attachment_469683\" align=\"alignright\" width=\"300\"] La cabina di Premium Economy[/caption]\r\n\r\nNei prossimi mesi Finnair continuerà a investire su flotta e miglioramento della customer experience, con l'imminente rinnovo delle cabine degli Embraer 190. Questi velivoli a corto raggio, che operano voli verso una serie di destinazioni nordiche, saranno dotati di una nuova cabina ispirata ai colori e al design ora presenti nella flotta di lungo raggio della compagnia.\r\n\r\nFinnair aprirà presto anche una nuova, più grande lounge nell'area Schengen dell'hub di Helsinki, per i passeggeri di Business Class e per i membri del livello Finnair Plus; l'accesso alla lounge è comunque consentito a tutti i passeggeri Finnair come extra di viaggio.","post_title":"Finnair completa il rinnovo da 200 mln di euro delle cabine di lungo raggio","post_date":"2024-06-18T11:44:07+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718711047000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469666","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiama 'Come ti suona la Spagna?' la nuova serie podcast lanciata dall’Ente spagnolo del turismo a Milano: una collezione di otto episodi, che fa dell'ente il primo fra quelli esteri presenti in Italia e della rete di uffici del turismo di Turespaña a proporre questa attività di generazione di contenuti nella sua strategia di promozione turistica.\r\n«La prima serie di podcast era stata pensata per un pubblico che si stava lentamente riprendendo dai lockdown della pandemia - spiega Isabel Garaña Corces, Console aggiunto e direttrice della sede milanese dell'ente -. Per questa nuova serie, dedicata ad altre 8 destinazioni spagnole, abbiamo voluto adattare i temi e il tipo di creatività alle nuove tendenze di un canale che sta evolvendo molto rapidamente e che riscuote speciale attenzione fra i Millennials e la Generazione Z, quindi a un range di età dai 20 ai 40 anni».\r\nSecondo i dati di una ricerca Ipsos Digital Audio Survey 2023, il 39% degli italiani ha ascoltato podcast nell’ultimo mese, con un tasso di crescita del 3% rispetto al 2022 (36%). In numeri assoluti, tutto ciò si traduce in circa 11,9 milioni di ascoltatori mensili di podcast in Italia. Sono un gruppo sempre più giovane della media, istruiti e con un livello professionale elevato; sono consumatori responsabili, influencer rispetto ai pari quando si parla di intrattenimento. Inoltre, secondo lo stesso studio, è molto elevata la percentuale di chi ascolta podcast seriali (78%) e nella maggioranza dei casi (43%) per l’intera durata: l’ascolto del podcast nella sua interezza diventa quindi la modalità largamente prevalente di fruizione.\r\n\r\nIl lancio di ‘Come ti suona la Spagna?’ è supportato da un’attività social di promozione sui canali di Podcastory e dell’Ente spagnolo del turismo, che utilizza gli hashtag #ComeTiSuonaLaSpagna #ScopriLaSpagna #Spagna #Podcast e #VisitSpain.\r\n\r\nLe destinazioni protagoniste sono: Asturie con le spiagge sul mar Cantabrico e le spettacolari aree montuose; Aragona, meta culturale, gastronomica, di turismo slow e avventura; Almeria con la maestosità dell’Alcazàba, che ha fatto da set alla serie televisiva ‘Game of Thrones’; le isole Baleari alla scoperta di Minorca; la Cantabria con i suoi borghi medievali e le grotte di Altamira; Lanzarote con i suoi paesaggi vulcanici; Navarra tra storia e leggende; e infine Murcia con la sua ricca tradizione culturale e gastronomica.","post_title":"La Spagna si promuove con una nuova serie di fictional podcast dedicata a 8 destinazioni","post_date":"2024-06-18T11:09:53+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1718708993000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469578","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Arrivano dati incoraggianti dal gruppo Gdf Hotel che ha chiuso il 2023 a quota 35,14 milioni di euro, pari a un incremento del 49,5% rispetto all'anno precedente. E anche i primi mesi dl 2024 confermano il trend di crescita, grazie a un ulteriore +17% nei confronti dello stesso periodo di 12 mesi fa. Il piano industriale della compagnia prevede un raddoppio del fatturato nei prossimi quattro anni, per un traguardo di 68,5 milioni da raggiungere nel 2028.\r\n\r\n\"Siamo estremamente soddisfatti dei risultati ottenuti nel 2023, che riflettono il duro lavoro e l'impegno del nostro team - sottolinea il fondatore e presidente di Gdf Hotel, Guido Della Frera -. Il 2024 conferma questo successo che proseguirà nel nostro piano quinquennale: l’apertura del nuovo Hilton Garden Inn Milan Malpensa a Somma Lombardo a marzo 2024 e l’inaugurazione di un elegante hotel a 5 stelle prevista per il 2025 sempre nel Nord Italia ci permetteranno di espandere ulteriormente la nostra presenza e di offrire servizi di alta qualità in destinazioni chiave.\"","post_title":"Il fatturato del gruppo Gdf supera quota 35 mln: +49,5% sul 2022","post_date":"2024-06-17T13:42:29+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718631749000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469591","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«B&B Hotels nasce nel 1990 in Francia da un’intuizione di François Brannelec. - racconta Simone Ravera, coo B&BHotels Italia, Slovenia e Ungheria, ripercorrendo la storia del gruppo - Brannelec viaggiava molto per lavoro e riteneva eccessivi i prezzi degli hotel. Ha deciso quindi di offrire al cliente un letto e una buona colazione a un costo veramente competitivo.\r\nL’idea ha funzionato molto bene e ha portato a un forte sviluppo in Francia (dove oggi siamo presenti con più di 400 hotel), in Germania (dove già superiamo quota 200) e in Spagna (dove siamo vicini ai 50). Il business-model è arrivato con successo in Italia 15 anni fa, grazie a Jean Claude Ghiotti, oggi presidente onorario di B&B Hotels Italia. Il mercato ci premia: trova un prodotto superiore alle attese a un prezzo concorrenziale e questo ci permette di performare molto». B&B Hotels continua a crescere seguendo il payoff: “Only for Everyone”. \r\n\r\nPrimi hotel\r\n«Abbiamo aperto i nostri primi hotel in UK e in USA, ci stiamo espandendo in Slovenia e Ungheria. In Italia intendiamo raggiungere i 100 hotels entro il 2025 e 150 entro il 2030, l’anno scorso ne abbiamo aperti 8, quest’anno ne apriremo 14». Interessante la ricerca delle location dove aprire nuovi B&B Hotels: «Viene fatta attraverso un sistema di location intelligence: analizziamo e osserviamo il territorio, controlliamo il potenziale commerciale delle strutture e siamo versatili. - prosegue Ravera - Abbiamo trasformato in hotel luoghi come supermercati, uffici e tanti immobili trascurati. Questo take-over di strutture già esistenti è importante in particolare per il mercato italiano, perché ci sono poche possibilità di costruire e tanti alberghi. Interveniamo laddove l’imprenditore è in difficoltà o c’è un passaggio generazionale».\r\n Numerose le aree di crescita sulla penisola, «ci sono delle primary city che rimangono degli evergreen - Milano, Roma, Firenze, Torino … - ma ho visto recentemente una location a Matera, apriremo presto il nostro primo hotel a Sassari, in Sardegna e guardiamo con molta attenzione il sud Italia con Napoli, Bari. Quest’anno apriremo anche 414 camere a Tronchetto-Venezia, dove siamo riusciti ad avere uno degli ultimi due posti edificabili. L’elevato numero di camere rientra nella nostra logica “no limits” e 400 camere a Venezia vanno benissimo! - conclude il direttore operativo Ravera - Stiamo anche spingendo sul fronte leisure, che per l’azienda è una cosa nuova e in Italia siamo stati un po’ pionieri proprio grazie alla tipica flessibilità e creatività italiane. Bisogna pensare al leisure se si vogliono raggiungere i 150 hotels. \r\n\"Quindi abbiamo alcune realtà nate come esperimenti e oggi consolidate come Cortina, Sottomarina di Chioggia, il grande successo di Santa Margherita Ligure e poi Diano Marina, Savona, Ischia… Abbiamo anche deciso di aggiungere alla nostra offerta la ristorazione creando un dipartimento f&b con una persona incaricata. Oggi sono attivi 8 ristoranti. Non ci poniamo limiti perché il nostro cliente ci segue e ci riconosce, sia nel leisure che nel business. Lo sappiamo perché facciamo molte ricerche in questa direzione: per noi il crm, la gestione della relazione con clienti, è fondamentale». Quello di B&B Hotels è quindi un modello in crescita nel mondo, che ha l’obiettivo di raggiungere un portfolio di 1500 hotels.\r\n","post_title":"B&B Hotels: storia e progetti di crescita per un turismo accessibile a tutti","post_date":"2024-06-17T12:06:18+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718625978000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469531","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La destinazione The Red Sea si estende per 28.000km2 lungo la zona occidentale dell'Arabia Saudita, affacciata per 200km sul mar Rosso, con 200 isole, una barriera corallina estesa, il deserto, le montagne e vulcani dormienti. \r\nCon il suo clima ideale tutto l’anno, è al centro del progetto di turismo rigenerativo di Red Sea Global (Rsg) articolato in due fasi, per un valore complessivo di 14,4 miliardi di dollari e con un focus su luxury e sostenibilità.\r\nLa prima fase del progetto “The Red Sea” ha preso il via nel 2023 e, entro il 2025, apriranno diversi brand internazionali. Il primo ad aprire è stato il Six Senses Southern Dunes - The Red Sea, con 79 ville nel deserto. Quasi un luxury glamping molto legato alla cultura locale. Lo scorso 7 gennaio ha poi aperto sull’atollo naturale di Ummahat Island The St. Regis Red Sea Resort, che offre 90 camere tra beach villa e overwater. Sulla stessa isola, separato da una lingua di sabbia, ha aperto il 26 maggio il Nujuma, Ritz-Carlton Reserve, con 63 overwater e beach villa, tutte con piscina privata.\r\n«Solo 7 strutture al mondo fan parte della collezione Reserve - sottolinea Francesca Battocchi, market manager The Red Sea Global - Ritz Carlton le apre solo in luoghi dove l’ecosistema è unico: dal punto di vista paesaggistico e nella conservazione di flora e fauna. Gli altri 11 hotel della prima fase del progetto verranno aperti tutti insieme a Shura Island, che è costituita da tante isolette collegate da ponticelli e si raggiunge percorrendo una strada sospesa sul mar Rosso. Altri 2 hotel apriranno fra la fine del 2024 e l’inizio del 2025 e saranno gestiti direttamente dal nostro Head Office. Il primo, Shebara Resort, sorgerà su Sheybarah Island, ed è un progetto avveniristico di tutela dell’area: costituito da 73 capsule di acciaio riciclato; il secondo, in apertura a fine anno, è il Desert Rock, che si trova sulle alture ed è costituito da 60 camere scavate nella roccia. La Fase Uno di questo progetto comprende quindi l'apertura di 16 resort nel corso del 2024 e del 2025.\r\nIl 2030 segnerà il completamento della destinazione, con la realizzazione di 50 hotel tra isole e aree interne, ma anche porti turistici di lusso, campi da golf, strutture di intrattenimento, ristoranti, bar e attività per il tempo libero. The Red Sea è una destinazione al 100% sostenibile, in quanto segue tutti e i 17 pillar della comunità internazionale: è un tema a cui la clientela è sempre più interessata e può fare la differenza nell’acquisto di un viaggio. Da non dimenticare, infine, che siamo una delle Dark Skies Area del mondo, favoriamo il turismo accessibile e abbiamo in corso tanti progetti per la conservazione di flora e fauna. È nato anche il DMC Visit Red Sea che viene utilizzato dagli operatori italiani. - conclude Battocchi - Per garantire al visitatore un livello di servizio elevato e rapidi tempi di risposta».\r\nThe Red Sea si trova a 500km da Jeddah e a 8h di volo dall’Europa. Il Red Sea International Airport (Rsi) è operativo da settembre 2023 per i voli domestici - 4 da Riyad e 2 da Jeddah. Il mese scorso è stato lanciato il volo diretto da Dubai due volte a settimana e nel 2025 lo scalo diventerà intercontinentale.\r\n[gallery ids=\"469537,469539,469535\"]","post_title":"The Red Sea: il progetto luxury sostenibile è realtà e accoglie i primi ospiti","post_date":"2024-06-17T12:00:45+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1718625645000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469579","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Norwegian in allungo sulla primavera 2025: la compagnia ha messo in vendita i voli su 234 rotte verso 99 destinazioni. Le partenze riguardano viaggi compresi nel periodo dal 30 marzo al 1° giugno 2025, per un totale di 5,3 milioni di posti.\r\n\r\nDiverse destinazioni della stagione invernale, come Agadir, Dubai, Hurghada, Il Cairo e Marrakech, sono state prolungate e continuano ad aprile.\r\n\r\n«Molti dei nostri passeggeri amano e vogliono pianificare i viaggi con largo anticipo, ed è fantastico che ora possiamo offrire oltre cinque milioni di posti per la prossima primavera. Di solito i biglietti meno costosi vengono venduti per primi, quindi prima si prenota e migliore è l'offerta. Questo vale soprattutto per la Pasqua» ha dichiarato Magnus Thome Maursund, direttore commerciale di Norwegian.\r\n\r\nAttualmente l'operativo estivo della low cost norvegese include 340 rotte per oltre 120 destinazioni.","post_title":"Norwegian scatta in avanti sulla primavera 2025: in vendita 5,3 mln di posti","post_date":"2024-06-17T11:19:25+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718623165000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469572","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Al via una nuova partnership strategica tra SiteMinder e ClouBeds. Permetterà ai clienti dalla piattaforma di revenua management  di accedere a quella di property management system (pms) e viceversa. “A fine 2023 abbiamo annunciato la nostra mission volta a rendere le attività di revenue management più accessibili a tutti gli hotel del mondo - spiega il ceo e managing director di SiteMinder, Sankar Narayan -. Siamo entusiasti di collaborare con Cloudbeds per portare avanti questo obiettivo, eliminando gli ostacoli causati dalla dispersione di dati importanti in sistemi singoli\".\r\n\r\n“La nostra partnership con SiteMinder rappresenta l’unione di due dei più importanti nomi del settore hospitality, uniti da un impegno comune volto a promuovere una maggiore integrazione tra le piattaforme alberghiere e a creare nuovi standard a beneficio degli albergatori di tutto il mondo - conferma per parte sua il ceo di Cloudbeds, Adam Harris -. Questo è solo l'inizio: siamo entusiasti di poter offrire a chi gestisce strutture alberghiere opportunità di guadagno incrementali, ottimizzando e semplificando gli aspetti operativi della connessione alberghiera”.","post_title":"SiteMinder e Cloudbeds integrano i rispettivi sistemi di revenue management e pms","post_date":"2024-06-17T10:58:10+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1718621890000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti