13 December 2018

StayDo: tutto pronto per replicare il modello in giro per l’Italia

[ 0 ]

Salto di qualità in casa StayDo che è pronto per replicare il modello in altre località italiane. La start up piemontese, nataPaolo Pastorino_StayDo con l’idea di offrire attività ed eventi da svolgere durante la propria vacanza, dopo l’importante esame delle fiere di settore autunnali, ha avviato diversi dialoghi con realtà territoriali e, tra la fine dell’anno e l’inizio del 2017, “esporterà” la propria idea anche al di fuori del circuito piemontese dove è nato.

«Il modello di StayDo prevede una triangolazione tra turista, albergatore ed esperto, che fino ad oggi non c’era – premette Paolo Pastorino, fondatore e ad dell’azienda -. Sono gli stessi turisti che scelgono cosa fare e scelgono di farlo nella struttura stessa o nelle immediate vicinanze. A seguito delle fiere, abbiamo riscontrato piacevolmente che il cluster è replicabile in territori con caratteristiche simili alla nostra zona, come il trevigiano, che funge da ponte per Venezia ma ha un territorio tutto da scoprire, o il Friuli Venezia Giulia o ancora l’entroterra marchigiano».
Obiettivo è comunque quello di crescere in maniera armonica, evitando dispersione ed evoluzioni a macchia di leopardo. «I corsi che offriamo, attualmente un’ottantina, saranno sempre più legati alle realtà del territorio. Penso soprattutto agli artigiani locali che rispondono a una richiesta specifica del mercato, soprattutto estero. I visitatori stranieri che scelgono l’Italia, per la terza o quarta volta, vogliono diversificare l’esperienza e vivere qualcosa di veramente locale. A breve, ad esempio, inseriremo dei corsi per chi vuole non solo imparare un po’ la lingua italiana, ma vogliono capire il nostro gesticolare. Sono cose che attirano gli stranieri che già conoscono il nostro Paese».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276028 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo aver registrato a fine 2016 il più alto livello dal 2008, a gennaio 2017 la fiducia dei consumatori dei 28 Paesi dell'Ue è cresciuta di altri due punti, raggiungendo i 19,9 punti, per poi assestarsi a 18,9 a marzo: è quanto risulta da uno studio condotto da Gfk. Di segno opposto i dati relativi all’Italia: nei primi 3 mesi dell’anno le aspettative economiche hanno registrato il livello più basso tra i 28 paesi Ue considerati nell’indagine. Avvenimenti come la Brexit, il rafforzamento dei partiti nazionalisti, il nuovo governo degli Stati Uniti e la guerra in Siria non sembrano aver influenzato negativamente la maggior parte dei paesi analizzati. Rimangono tuttavia delle differenze a livello di singolo Paese, con situazioni di incertezza che permangono nonostante il clima generalmente positivo. Ma queste sembrano dipendere in larga parte da problematiche locali, che riguardano lo sviluppo economico e la situazione del mercato del lavoro. I consumatori italiani continuano a essere i più pessimisti dell'Ue. A fine marzo, l'indicatore segnava -53 punti, ovvero oltre 30 punti in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Per il secondo trimestre di fila, l’Italia ha registrato la valutazione peggiore tra tutti gli Stati europei: segno che i consumatori italiani prevedono un significativo deterioramento della situazione economica nel proprio Paese. Alla fine del trimestre, l'indicatore registrava -8,9 punti, quasi sei in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Per la prima volta da maggio 2015, la propensione all'acquisto dei consumatori italiani torna in area negativa, registrando -1,6 punti alla fine del trimestre. Questo indicatore si è quindi ridotto di ben 28 punti rispetto al primo trimestre del 2016. Il clima di incertezza che pesa sui consumatori italiani, sembra avere come conseguenza anche la tendenza a posticipare gli acquisti più importanti, in attesa di un miglioramento delle condizioni economiche generali. [post_title] => Fiducia consumatori: gli italiani sono i più pessimisti dell'Unione Europea [post_date] => 2017-04-19T13:41:12+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492609272000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276002 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Secondo “Hundredrooms.it” comparatore online di alloggi turistici nato nel 2014 come risposta all’aumento della domanda di alloggi alternativi alle strutture tradizionali, Roma compare nella classifica delle capitali più vegan – friendly. Numerose ricerche dimostrano che la scelta di mangiare sano e cruelty free è in forte crescita ed è in grado di stimolare anche il turismo. La classifica di Hundredrooms, basata sul numero di ristoranti vegan in relazione al numero di abitanti delle città,  è colma di sorprese: Lisbona, Portogallo, la città più vegan-friendly d’Europa conta più di un centinaio di ristoranti e negozi per vegani e vegetariani su una popolazione di appena 550 mila abitanti. Praga, Repubblica ceca si piazza al secondo posto nonostante la gastronomia ceca si basi su piatti a base di carne. A Praga vi sono 34 ristoranti vegani riconosciuti su circa 1milione 260mila abitanti. Terza Varsavia, Polonia che ha fatto accorgere anche il Financial Times, nel suo giro del mondo gastronomico del cambiamento culinario della capitale polacca.  Qui si trovano più di un centinaio di ristoranti e negozi che stanno riscrivendo la storia culinaria polacca, non fatta solo di vodka e pesce.  Appena fuori dal podio Barcellona, Spagna, considerata la città più vegan-friendly di tutta la Spagna sin dal 2009. Buona quinta, inaspettatamente, Roma! Riuscirà il Paese con la cucina più buona al mondo ad adattarsi all’universo vegano? La sfida è aperta, dato che la capitale d’Italia conta già una cinquantina di ristoranti di questo tipo. [post_title] => Roma, capitale... vegana [post_date] => 2017-04-19T11:33:29+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492601609000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275730 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Focus sulla famiglia per Vueling. La compagnia propone infatti servizi dedicati per tutti i componenti del nucleo familiare, a cominciare dai neonati -tra gli 0 e i 2 anni- alle donne in dolce attesa, ai minori che devono viaggiare da soli, e persino agli amici a quattro zampe.  Per rendere l’imbarco più semplice e veloce possibile, sui voli Vueling i neonati e i bambini hanno la precedenza. Se si viaggia con un neonato, è necessario fare il check-in in aeroporto per consentire alla compagnia l’assegnazione un posto adatto alle sue necessità. Al banco di accettazione è anche possibile registrare, senza costi aggiuntivi, fino a 2 oggetti extra come il passeggino, l’ovetto o la culla. Infine, se iscritti al programma Punto di Vueling, i bambini possono accumulare punti per ciascun volo, proprio come gli adulti: dal 2009, già 1.200.000 neonati e 5.000.000 di bambini tra i 2 e i 15 anni hanno viaggiato con Vueling usufruendo di questi vantaggi. Inoltre, se il bambino è al suo primo volo, i genitori potranno ottenere un simpatico “Certificato di Primo Volo” scaricabile dal sito Vueling, firmato dal comandante dell’equipaggio. Nel 2009 Vueling è stata la prima compagnia aerea low cost ad attivare il servizio  “Minori non accompagnati” che ad oggi è stato utilizzato da 165.000 bambini in tutta Europa. Vueling permette anche il trasporto di piccoli animali grazie al servizio “Animali a bordo”. Ai clienti basta effettuare la prenotazione per il proprio animale durante il processo d’acquisto del biglietto per poter partire con il loro compagno di viaggio. Infine, il vettore mette a disposizione sul proprio sito una guida che accompagna i genitori in ogni passo di preparazione del viaggio e nel processo di acquisto dei biglietti. In caso si avessero domande durante il viaggio, è anche possibile interagire in tempo reale con un operatore attraverso l’app Vueling usufruendo del servizio EVA, il nuovo assistente virtuale per smartphone totalmente gratuito, che guida i passeggeri nei processi di check-in, imbarco al gate e ritiro dei bagagli, per un’esperienza di viaggio ancora più semplice e intuitiva. [post_title] => Vueling: tutti i servizi dedicati alla famiglia [post_date] => 2017-04-13T15:28:41+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492097321000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275599 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => 150 anniversario per la Società Geografica Italiana, fondata a Firenze nel 1867, per promuovere la conoscenza geografica e sostenere la sua applicazione alle tematiche ambientali, politiche e sociali. La SGI opera sotto l’egida del Mibact e svolge un’intensa attività di ricerca geografica e di divulgazione attraverso iniziative editoriali, mostre, convegni ed escursioni scientifico-culturali, il cui calendario è costantemente in aggiornamento sul sito www.societageografica.it. Dal 2008 realizza, tra l’altro, con cadenza annuale, il Festival della Letteratura di Viaggio, una manifestazione dedicata al racconto del mondo attraverso diverse forme di narrazione del viaggio, di luoghi e di culture. Quest’anno la decima edizione del Festival si svolgerà dal 21 al 24 settembre 2017. Per celebrare il 150 anniversario, sono stati ideati alcuni eventi,come: un convegno internazionale; una mostra itinerante; attività seminariali; una serata dedicata durante il XXXII Congresso Geografico; visite guidate; l’apposizione di due targhe celebrative rispettivamente a Firenze e a Roma. Accanto a tali momenti scientifico-culturali, si prevede che il «Bollettino della Società Geografica Italiana» e il Festival della Letteratura di Viaggio dedichino il focus della loro produzione alla celebrazione della ricorrenza. I poli organizzativi dell’attività saranno principalmente le città di Firenze e di Roma.Il convegno internazionale è sicuramente l'evento di punta e avrà luogo il 16 maggio alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e con l'apertura del ministro per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo Dario Franceschini e del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli. [post_title] => La Società Geografica Italiana compie 150 anni [post_date] => 2017-04-13T10:01:30+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492077690000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 274605 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Unwto ha reso noto che mezzo miliardo di turisti hanno visitato l’Unione europea nel 2016, con un incremento sull’anno precedente del 4%. Questa cifra rappresenta il 40% del movimento turistico mondiale. Questo dato fa parte del rapporto European Union Short-Term Tourism Trends, un monitoraggio sul turismo europeo da parte della World Tourism Organization. Nonostante i cambiamenti e gli eventi che l’Europa ha affrontato nel 2016, il turismo ha ancora una volta mostrato una straordinaria forza e resilienza, rafforzando il proprio contributo alla crescita economica. I 28 paesi che formano la Comunità europea hanno mostrato una notevole crescita negli arrivi stranieri, di oltre il 4% superando anche la media mondiale ponderata, registrando un +21 milioni di arrivi e arrivando a 499 milioni. Lo scorso anno, settimo di una serie positiva, dopo la crisi economica globale del 2009, l’Europa ha registrato 107 milioni di arrivi più del 2008, ultimo anno pre crisi. « Il turismo è oggi uno dei pilastri su cui poggia la strategia europea per l’incremento di posti di lavoro e crescita economica - ha dichiarato Taleb Rifai, segretario generale dell’ Unwto -. La nostra organizzazione è molto lieta di lavorare nel monitoraggio di queste tendenze e dati a fianco della Commissione europea, al fine di agevolare la crescita sostenibile e lo sviluppo dei flussi turistici europei». [post_title] => Unwto: in Europa mezzo miliardo di arrivi nel 2016 [post_date] => 2017-04-03T10:04:30+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491213870000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 274696 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riu Hotels & Resorts ha riaperto in Portogallo il ClubHotel Riu Guarana, dopo un'ampia ristrutturazione. Il resort all inclusive si trova in Algarve, a pochi metri da Praia de Falesia. Durante la ristrutturazione, le 500 camere del ClubHotel Riu Guarana, distribuite su due edifici, sono state risistemate e offrono oggi interni freschi e alla moda e mobili più moderni. L'hotel offre inoltre 50 camere per famiglie, perfette per adulti con bambini che desiderano trascorrere le proprie vacanze in questo resort portoghese. Anche gli spazi comuni, come la reception e la lobby dell'hotel, sono stati completamente ristrutturati. Sono state rinnovate anche le due piscine all'aperto, quella al coperto, quella dedicata ai più piccoli e la zona idromassaggio. Sono totalmente nuovi anche tutti i bar e i ristoranti della struttura: il ristorante a buffet per il pranzo e la cena, la grillhouse e l'orientale "Yasumi" oggi presentano, infatti, un look completamente distinto. A disposizione degli ospiti anche la Spa del Mar, un centro dedicato alla salute e alla bellezza, e il RiuLand, il club dedicato ai bambini. La ristrutturazione del resort, che ha aperto i battenti per la prima volta a giugno del 2008, è parte dell'’imponente progetto con cui RIU Hotels si è impegnata ammodernare e aumentare la qualità della propria offerta in tutte le località. [post_title] => Riapre in Algarve il ClubHotel Riu Guarana, totalmente rinnovato [post_date] => 2017-04-03T09:03:25+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491210205000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 274033 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Bluvacanze punta anche sulla specializzazione per fare squadra: la rete del gruppo Aponte ha in cantiere la piattaforma che consentirà alle agenzie di mettere a sistema ogni singola vocazione e specifica competenza, e offrirà una base operativa per l’incoming. Anche di questo ha parlato alla BMT di Napoli Domenico Pellegrino, amministratore delegato di Bluvacanze, presentando il nuovo management insieme a Leonardo Massa, country manager di MSC Crociere, la grande compagnia in pieno slancio di crescita che a Bluvacanze e ai partner di Blunet assicura importanti sinergie. È stata la prima uscita pubblica per Claudio Busca, specialista notissimo con oltre venti anni di esperienza al top del networking nazionale, da poco alla guida delle reti Bluvacanze e Vivere&Viaggiare e del programma di sviluppo del polo distributivo Blunet. Affiancato da Antimo Russo, in arrivo da GeoTN, alla direzione vendite, e da Diego Borrelli, già di casa in Bluvacanze, alla direzione commerciale. «Io, agente di viaggi, so cosa conta di più» La nuova squadra esprime e incarna la sostanziale evoluzione della rete, come appunto l’ha delineata Busca: «Bluvacanze di un tempo non esiste più. Undici anni fa l’ultima pratica al 10% di sconto, finita l’era dei ragazzini inesperti con l’agenzia finanziata da papà. Ora abbiamo oltre 600 vetrine, di fatto siamo la più grande multilocata italiana, con uno staff di primordine deciso a crescere. Abbiamo 600 anime diverse e il marchio con la più alta penetrazione nel mercato consumer, ce lo dicono tutte le analisi. In più le certezze garantite da un gruppo della portata di MSC, e contiamo su Going, il nostro tour operator che assicura vantaggi a Bluvacanze ma sarà utile a tutto il mercato. E abbiamo chiaro in mente che a fare la differenza non è tanto il numero delle agenzie, quanto la loro qualità e la capacità di condividere, di essere complici. Lo so perché prima di tutto io sono un agente di viaggi, non sono un bocconiano ma so che quel che conta è portare il cliente in agenzia, e poi essere bravi venditori per questo cliente che ormai presume di essere più bravo di noi». Know how e affidabilità «Con questa squadra abbiamo acquisito in Bluacanze un know how che non c’era – ha aggiunto Domenico Pellegrino – e si aggiunge al valore di un marchio che i clienti identificano, hanno scoperto anche gli analisti, con l’affidabilità e non più con il prezzo». Il tutto sullo scenario dipinto da Daniela Mastropasqua di GFK, dove le agenzie sono diminuite a poco più di 8mila dalle oltre 13mila del 2008, oltre l’80% è affiliato a una ventina di marchi di networking, e le abitudini di consumo sono radicalmente cambiate. Tanto che ora c’è anche un 41% di clienti che vede il prodotto sullo smartphone, e poi preferisce comprare in negozio. Peccato che ancora solo il 74% delle agenzie sia online con un proprio sito. [post_title] => Bluvacanze: 600 vetrine che fanno sistema [post_date] => 2017-03-28T15:40:38+00:00 [category] => Array ( [0] => senza-categoria ) [category_name] => Array ( [0] => Senza categoria ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1490715638000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 273265 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Customer Alliance tornerà in Italia per partecipare alla Bit di Milano. Nata nel 2009 a Berlino, l’azienda - che conta su un team di oltre 90 esperti del settore dell'ospitalità - consente agli hotel di collezionare, distribuire e analizzare le recensioni dei loro ospiti, ottenendo di conseguenza una visione più completa e competitiva della propria presenza online e ottimizzando il revenue della propria struttura. Durante la Borsa Internazionale del Turismo gli esperti della brand reputation saranno disponibili a illustrare tutte le principali novità di Customer Alliance, partendo dall’analisi semantica estesa anche ai competitor fino ad arrivare al nuovo look dell’azienda. Migliaia di strutture in tutto il mondo hanno già scelto l’azienda berlinese come partner nella gestione della propria reputazione online. Customer Alliance sarà presente allo stand B70 nel padiglione 4 dal 2 al 4 aprile 2017 di Fieramilanocity e al MiCo, il centro congressi più grande d’Europa.         [post_title] => Customer Alliance, esperti di brand reputation alla Bit di Milano [post_date] => 2017-03-22T12:33:02+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1490185982000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 272681 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Complice la competizione sempre più forte e l'eccesso di capacità in campo, il Gruppo Cathay Pacific ha chiuso il 2016 con una perdita di circa 70,3 milioni di euro: si tratta del primo esercizio in rosso per la compagnia di Hong Kong dal 2008. Secondo quanto precisato da Cathay in una nota ufficiale, una serie di fattori hanno influenzato negativamente il risultato: tra questi il più importante «è l’intensificazione e l’aumento della concorrenza delle altre compagnie aeree, che hanno aumentato la capacità in modo significativo. Ci sono stati più voli diretti tra la Cina continentale e altre destinazioni internazionali, ed è aumentata la concorrenza dei vettori low cost. L'overcapacity nel mercato ha colpito il comparto cargo. Inoltre, tre fattori economici hanno influito particolarmente: il ridotto tasso di crescita economica in Cina, una riduzione del numero dei visitatori a Hong Kong e la forza del dollaro di Hong Kong, che l’ha resa una destinazione molto costosa determinando il cambio sfavorevole di alcune valute straniere. Il gruppo ha beneficiato della riduzione dei prezzi del carburante, ma il vantaggio è stato ridotto dalle perdite di fuel hedging, in gran parte sostenute per operazioni di hedging effettuate quando il prezzo del carburante era molto più alto rispetto ad oggi». John Slosar, presidente di Cathay Pacific (nella foto), ha dichiarato: «Ci aspettiamo che il contesto nel quale operiamo rimanga sfidante anche nel 2017. Una forte competizione da parte delle altre compagnie aeree e gli effetti sfavorevoli della forza del dollaro di Hong Kong continueranno a mettere sotto pressione lo yield. Il mercato cargo ha avuto un buon avvio, ma probabilmente l’overcapacity persisterà». Slosar stima «una crescita importante del traffico aereo verso, da e all’interno della regione Asia-Pacifico. Intendiamo beneficiarne aumentando la nostra capacità passeggeri del 4-5% all’anno, almeno fino a quando non verrà aperta la terza pista all’aeroporto internazionale di Hong Kong. Continueremo ad introdurre nuove destinazioni e ad aumentare la frequenza sulle rotte più popolari. Stiamo acquistando nuovi aeromobili, sempre più efficienti, e questo aumenterà la produttività e ridurrà i costi. «Stiamo iniziando un programma di riorganizzazione aziendale della durata di tre anni con l’obiettivo di conseguire rendimenti maggiori al costo del capitale. Lo scopo è quello di diventare un’organizzazione più agile e competitiva per approfittare dei nuovi trend di mercato e delle preferenze dei clienti». [post_title] => Cathay Pacific chiude in rosso il primo esercizio dal 2008 [post_date] => 2017-03-15T12:03:09+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1489579389000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti