28 September 2022

Ryanair potrà atterrare a Ciampino dopo le 24: accolto il ricorso al Tar

[ 0 ]

Ryanair ciampinoRyanair potrà volare anche di notte da e per l’aeroporto di Ciampino, o quanto meno far atterrare dopo la mezzanotte i propri velivoli in ritardo. Il Tar del Lazio ha accolto i ricorsi della low cost contro le prescrizioni Enac per combattere l’inquinamento acustico lamentato dagli abitanti della cittadina alle porte della capitale. Dunque, i B737-800 di Ryanair, se in ritardo rispetto all’ora limite delle 24, non saranno più costretti a dirottare su altri scali, a cominciare da Fiumicino, con relativi disagi per i passeggeri e costi aggiuntivi per la compagnia. La prescrizione Enac imponeva il divieto di atterraggi e decolli a Ciampino dalle 24 alle 6 del mattino. Secondo i giudici del Tar, le limitazioni imposte dall’Enac non hanno considerato appunto i voli in ritardo e gli atterraggi d’emergenza. Un particolare che non tiene conto delle prescrizioni di legge e, a loro avviso, neppure supportato da “idonea istruttoria e motivazione”. Il Tar ha inoltre rilevato come non siano ancora state individuate le cosiddette “zone di rispetto” attorno all’aeroporto e che non sono stati neppure definiti i parametri di acustica di riferimento per la misurazione delle emissioni. In assenza dei parametri risulta dunque impossibile la misurazione dell’inquinamento acustico. Intanto l’Enac, appreso delle sentenze del Tar, informa che «valuterà al più presto nel dettaglio il contenuto dei pronunciamenti e le relative ricadute sull’operatività dello scalo. In attesa della valutazione, pertanto, si conferma che l’operativo sull’aeroporto di Roma Ciampino rimane invariato».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431145 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aer Lingus ha accolto in flotta il suo primo Airbus A320neo, che entrerà in servizio domani, 28 settembre, sulla rotta da Dublino a Londra Heathrow. Per celebrare il primo volo dell'Airbus A320neo, Aer Lingus compenserà le emissioni di carbonio di tutti i clienti che viaggeranno a bordo. L'Airbus A320neo offre una riduzione fino al 20% del consumo di carburante e delle emissioni di CO2 e una riduzione di quasi il 50% dell'impronta acustica rispetto all'aeromobile di precedente generazione, l'A320ceo. Il velivolo consente anche il trasporto di un maggior numero di passeggeri (186), con conseguente riduzione delle emissioni di carburante per posto a sedere/passeggero a bordo. Questo è il primo dei due nuovi aeromobili Airbus A320neo che Aer Lingus ha preso in leasing da CDB Aviation, mentre il secondo aeromobile si aggiungerà alla flotta questa settimana. Con l'ingresso di questi nuovi velivoli, saranno ritirati dalla flotta quelli più datati (gli Airbus A320ceo). Gli aeromobili di nuova generazione sosterranno il programma di sostenibilità della compagnia aerea: Aer Lingus, membro del gruppo Iag, si è impegnata a raggiungere emissioni nette di carbonio pari a zero entro il 2050 e si è impegnata ad alimentare il 10% dei suoi voli con Saf, entro il 2030. [post_title] => Aer Lingus: in servizio da domani il primo A320neo, sulla rotta Dublino-Londra [post_date] => 2022-09-27T09:51:44+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664272304000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430982 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Giappone torna ad accogliere i turisti individuali, senza visto, ed elimina il tetto massimo imposto al numero di arrivi giornalieri a partire dal prossimo 11 ottobre. La decisione, già anticipata dalla stampa, è stata comunicata dal primo ministro Fumio Kishida, durante la sua visita a New York per l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Dopo quasi due anni e mezzo di rigide restrizioni legate al contrasto della diffusione del Covid-19, il governo lancerà anche un programma di sconti per i viaggi a livello domestico. "Spero che molte persone lo utilizzino. Voglio sostenere il settori dei viaggi, dell'intrattenimento e altri che hanno avuto difficoltà durante la pandemia", ha dichiarato Kishida durante una conferenza stampa, ripreso dal Japan Times. La svolta Il Giappone aveva autorizzato l'ingresso dei turisti - in gruppi organizzati - lo scorso giugno; il 7 settembre, il governo aveva poi consentito l'ingresso ai turisti senza guida, che avevano però prenotato voli e hotel tramite agenzie di viaggio. Nel 2019 il Paese aveva accolto un numero record di 31,88 milioni di viaggiatori stranieri, cifra che è crollata a circa 250.000 nel 2021, a causa della chiusura delle frontiere. Il tetto massimo di arrivi giornalieri è stato aumentato gradualmente negli ultimi sei mesi, dai 5.000 del 1° marzo per arrivare progressivamente agli attuali 50.000.   [post_title] => Il Giappone riapre ai turisti individuali dall'11 ottobre [post_date] => 2022-09-23T08:45:24+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663922724000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430941 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le Seychelles propongono, per il quinto anno, il Festival del turismo che per l'edizione in calendario dal 24 settembre  al 1° ottobre 2022 - tra Mahé, Praslin e La Digue - ruoterà attorno al tema "Ripensare al Turismo e celebrare la cultura”. Per la prima volta, la cerimonia ufficiale di lancio del Festival del Turismo si terrà a La Digue sabato 24 settembre, con un evento chiamato Le Rendez-Vous Diguois a L'Union Estate. Il pubblico potrà godersi una giornata ricca di eventi come una fiera, la danza moutya, intrattenimento locale e un "Bal Kreole". Il calendario delle attività includerà l'inaugurazione del Biodiversity Café presso il Barbarons Biodiversity Center la mattina del 26 settembre. Diverse attività saranno organizzate per commemorare la Giornata Mondiale del Turismo, il 27 settembre, a cominciare da un messaggio turistico del Ministro degli Affari Esteri e del Turismo, Sylvestre Radegonde, trasmesso dalla televisione nazionale. [post_title] => Seychelles: torna il Festival del turismo, dal 24 settembre al 1° ottobre [post_date] => 2022-09-22T11:45:32+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663847132000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430828 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Michael O'Leary vuole essere chiaro una volta per tutte: i voli low cost sono qui per restare, anche se con tariffe medie lievemente ritoccate al rialzo. Una differenza che però non è destinata a influenzare le scelte dei viaggiatori che "non smetteranno di volare, o quanto meno non con noi, magari con vettori più costosi". Il riferimento è al polverone scatenato in agosto dalle dichiarazioni del ceo del Ryanair Group, che qualcuno ha erroneamente interpretato come un punto d'arresto del business model low cost a fronte di costi - nello specifico quello del petrolio - sempre più elevati. Prezzi Semplicemente, ha ribadito O'Leary ieri a Milano per illustrare le novità dell'operativo invernale da Malpensa e Milano Bergamo, non si troveranno più tariffe come quelle a 9,99 euro. Di fatto, le previsioni per la winter alle porte "non vedranno aumenti", possibili invece "per l'estate 2023, ma sempre contenuti". Il ceo stima il passaggio dall'attuale tariffa media di 40 euro a 45-50. Questo perché "abbiamo fatto hedging fino all'inizio di aprile 2023, acquistando carburante a 63 dollari al barile contro il prezzo odierno di 110, il che ci consente di essere in vantaggio sugli altri vettori e garantire lo stesso livello medio delle tariffe per la stagione in arrivo". [post_title] => O'Leary: ecco perché le tariffe di Ryanair non subiranno alcuna impennata [post_date] => 2022-09-21T10:39:33+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663756773000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430809 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ruota tutta attorno alla natura, fra sostenibilità ed esperienze outdoor, l'offerta di Ras Al Khaimah, che punta dritto sulle potenzialità di crescita dei flussi dall'Italia. Una destinazione relativamente inedita per il viaggiatore italiano, che il Ras Al Khaimah Tourism Development Authority (Raktda), intende promuovere con numerose attività messe in campo per incrementarne la brand awareness dell'emirato. "Sono tante le azioni pianificate per far scoprire agli operatori e ai consumatori italiani Ras Al Khaimah, l’Emirato della natura - ha dichiarato Iyad Rasbey, executive director of Destination Tourism Development & Mice di Raktda - che offre al viaggiatore attività e avventure outdoor in un contesto paesaggistico unico che combina deserto, montagne e mare, in aggiunta all’autentica esperienza araba grazie a oltre 7.000 anni di storia. Inoltre, Raktda è fortemente impegnata nell’introdurre sempre nuovi prodotti in linea con la nostra strategia di diventare leader per lo sviluppo turistico sostenibile nella Regione degli Eau, e nei prossimi mesi saranno annunciati nuovi progetti”. Ras Al Khaimah è la destinazione con il più alto tasso di crescita turistica nella regione degli EAU e nel primo semestre 2022 ha accolto 521.085 visitatori internazionali e nazionali (+21% rispetto allo stesso periodo del 2019), risultato che segna un ritorno ai livelli pre-pandemici. Tra le iniziative sul mercato Italia c'è la collaborazione con i principali tour operator che programmano la destinazione e l’area Gcc alla formazione con gli agenti di viaggio fino alla partecipazione alle più importanti fiere del settore. Tra questo il Ttg Travel Experience di Rimini  (pad. C1 / stand 132) e, dal 17 al 20 ottobre, l’International Golf Travel Market di Roma (stand E90). [post_title] => Ras Al Khaimah gioca la carta green e punta sul mercato italiano [post_date] => 2022-09-21T09:25:53+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663752353000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430786 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Come un vecchio adagio che fa sempre piacere riascoltare: Ryanair conferma piani di crescita globali e per l’Italia in vista dell’inverno 2022-23, pur cosciente di trovarsi di fronte molteplici sfide - dalle conseguenze del conflitto in Ucraina al caro energia, agli annunciati, nuovi scioperi degli equipaggi. Di questi ultimi, in particolare, Micheal O’Leary, ceo del Ryanair Group, non sembra granché preoccupato: "Riguardano piccole sigle sindacali che rappresentano un numero minimo di nostri dipendenti. Come già accaduto quest'estate, queste iniziative non hanno provocato particolari disagi". Il ceo ha illustrato questa mattina a Milano, insieme a Mauro Bolla, country manager Italy della low cost, le novità per i due scali di Malpensa e Milano Bergamo. A livello globale una crescita del +20% rispetto all’inverno 2019 per la capacità offerta sul nostro Paese, dopo un’estate “complicata soprattutto per i problemi legati agli Atc negli aeroporti europei” ma che ha confermato una forte ripresa del traffico, con dati molto confortanti:  basti guardare il load factor del 95% registrato a giugno e del 96% in luglio e agosto”. Certo anche che l’inverno porterà con sé più di un punto di domanda: “Dall’Ucraina, a potenziali nuove varianti Covid, all’inflazione e ai costi dell’energia. Ma Ryanair continua a investire, mentre altri tagliano". Sempre presente il richiamo all'auspicato "taglio della cosiddetta addizionale comunale", tema che sarà affrontato anche con il nuovo governo "col quale speriamo di continuare a dialogare". "Bilancio molto solido e costi bassi" rimangono i punti di forza della strategia di sviluppo che per i due aeroporti milanesi parla di 120 rotte totali, di cui 5 nuove da Milano Bergamo, dove sono basati 21 aeromobili di cui 10 Gamechanger (Baden-Baden, Francoforte, Lodz, Madeira e Newcastle), per complessivi oltre 1.800 voli settimanali. Sette invece i velivoli posizionati a Malpensa (2 i Gamechanger).  Il quadro complessivo italiano - dove sono attese a breve le novità per Roma e il sud del Paese, a cominciare dalla Sicilia - vede la low cost "presente con una quota di  mercato del 40%, mentre la compagnia aerea nazionale è sotto al 10% (Ita Airways, ndr)" operativa su 30 scali (di cui 17 sono basi) con 90 macchine basate; 530 le rotte per l'inverno di cui 30 nuove e l'obiettivo di raggiungere "i 56 milioni di passeggeri trasportati nell'anno fiscale 2023. 3.000 i posti di lavoro diretti e 40.000 quelli dell'indotto".  [post_title] => L’inverno italiano di Ryanair: “Continuiamo a crescere, +20% sul 2019” [post_date] => 2022-09-20T13:48:35+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663681715000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430732 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sciopero nel trasporto aereo. Non si arresta l'ondata di scioperi che ha coinvolto il trasporto aereo italiano ed europeo nei  mesi estivi, anzi prosegue nell'autunno. E' così che è già prevista per sabato, 1 ottobre una nuova mobilitazione di piloti e assistenti di volo di Ryanair e Vueling. Lo segnalano i sindacati di Filt-Cgil e Uiltrasporti. Spiegano che “gli scioperi saranno rispettivamente di 24 ore per Ryanair e di 4 ore, dalle 13 alle 17, per Vueling”. «Dopo gli scioperi degli scorsi 8 e 25 giugno e 17 luglio – spiegano le due organizzazioni sindacali – non è ancora stato aperto un confronto sulle reali problematiche che ormai da mesi affliggono il personale navigante Ryanair, Malta Air e CrewLink. I lavoratori italiani continuano a rivendicare contratti che garantiscano condizioni di lavoro dignitose e stipendi almeno in linea ai minimi salariali previsti dal contratto nazionale del trasporto aereo del nostro Paese». Esuberi Per quel che riguarda Vueling, "i lavoratori della compagnia hanno appreso dell’apertura, da parte di Vueling, di una procedura che prevede 17 esuberi tra i circa 120 assistenti di volo assunti nella base di Roma Fiumicino - sottolinea la nota dei sindacati -. Chiediamo alla compagnia un confronto costruttivo e trasparente con le organizzazioni realmente rappresentative dei lavoratori della compagnia al fine di evitare licenziamenti e trovare soluzioni che tutelino i naviganti del gruppo basati in Italia". [post_title] => Sciopero il 1° ottobre per piloti e assistenti di volo Ryanair e Vueling [post_date] => 2022-09-20T08:50:17+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663663817000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430605 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair dà fiducia all'aeroporto di Torino dove, per l'inverno, sarà in pista con sei nuove rotte e un  +120% di posti disponibili rispetto al 2019. Questi i piani ad un anno dall'apertura della base di Caselle: "Il nostro obiettivo è chiudere la stagione, da aprile 2022 a marzo 2023, con 2,6 milioni di passeggeri", afferma Mauro Bolla, country manager della compagnia irlandese in Italia, in un'intervista a La Repubblica. Quanto al taglio di quattro rotte (Agadir, Budapest, Palma de Mallorca e TelAviv, ndr), Bolla spiega la scelta come puramente commerciale, a fronte di un inverno che quest'anno, "rispetto al 2019, vede un aumento del 120% dei posti disponibili su 34 rotte di cui 6 nuove. Ci sono Stoccolma, Manchester e Vilinius, novità assolute, a cui vanno aggiunte Billund, Breslavia e Praga: lanciate quest'estate, sono confermate anche per l'inverno. In tutto avremo 230 voli settimanali, e non è poco in un contesto di grande incertezza internazionale". Torino potrebbe, in ultima analisi, essere protagonista di ulteriori piani di sviluppo da parte della low cost: "Se ci saranno le condizioni per investire continueremo a farlo" e la stessa città "credo abbia un grande potenziale (turistico) per crescere ancora". [post_title] => Ryanair dà fiducia alla base di Torino: sei nuove rotte, +120% i posti offerti rispetto al 2019 [post_date] => 2022-09-16T13:16:08+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663334168000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430559 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono già oltre mille i voli sono stati cancellati a causa dello sciopero dei controllori del traffico aereo francese: l'azione sindacale è scattata questa mattina alle 6.00 e si protrarrà per 24 ore, fino alle 6.00 di domani, 17 settembre. Ma non è tutto: un'ulteriore sciopero è stato annunciato per tre giorni, dal 28 settembre al 30 settembre prossimi. L'autorità francese per l'aviazione, la Dgac, ha avvertito della possibilità di "gravi" disagi, chiedendo alle compagnie aeree di dimezzare gli operativi e invitando i passeggeri a rimandare i viaggi.   Air France ha cancellato per oggi il 55% dei suoi voli a corto e medio raggio e il 10% dei collegamenti a lungo raggio. Ryanair ha tolto 420 voli dall'operativo, con conseguenze per 80.000 passeggeri, mentre easyJet ha anticipatamente cancellato quasi il 50% dell'operativo previsto in Francia. Transavia ha annunciato 140 cancellazioni di voli, mentre British Airways ne toglie 22. Insieme a Volotea, queste cinque compagnie operano circa il 64% di tutti i voli previsti in Francia per oggi. [post_title] => Francia: oltre 1.000 i voli già cancellati. Nuovo sciopero dal 28 al 30 settembre [post_date] => 2022-09-16T08:55:44+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663318544000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "ryanair potra atterrare a ciampino dopo le 24 accolto il ricorso al tar" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":54,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1096,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431145","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aer Lingus ha accolto in flotta il suo primo Airbus A320neo, che entrerà in servizio domani, 28 settembre, sulla rotta da Dublino a Londra Heathrow. Per celebrare il primo volo dell'Airbus A320neo, Aer Lingus compenserà le emissioni di carbonio di tutti i clienti che viaggeranno a bordo.\r\n\r\nL'Airbus A320neo offre una riduzione fino al 20% del consumo di carburante e delle emissioni di CO2 e una riduzione di quasi il 50% dell'impronta acustica rispetto all'aeromobile di precedente generazione, l'A320ceo. Il velivolo consente anche il trasporto di un maggior numero di passeggeri (186), con conseguente riduzione delle emissioni di carburante per posto a sedere/passeggero a bordo.\r\n\r\nQuesto è il primo dei due nuovi aeromobili Airbus A320neo che Aer Lingus ha preso in leasing da CDB Aviation, mentre il secondo aeromobile si aggiungerà alla flotta questa settimana.\r\n\r\nCon l'ingresso di questi nuovi velivoli, saranno ritirati dalla flotta quelli più datati (gli Airbus A320ceo). Gli aeromobili di nuova generazione sosterranno il programma di sostenibilità della compagnia aerea: Aer Lingus, membro del gruppo Iag, si è impegnata a raggiungere emissioni nette di carbonio pari a zero entro il 2050 e si è impegnata ad alimentare il 10% dei suoi voli con Saf, entro il 2030.","post_title":"Aer Lingus: in servizio da domani il primo A320neo, sulla rotta Dublino-Londra","post_date":"2022-09-27T09:51:44+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1664272304000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430982","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Giappone torna ad accogliere i turisti individuali, senza visto, ed elimina il tetto massimo imposto al numero di arrivi giornalieri a partire dal prossimo 11 ottobre. La decisione, già anticipata dalla stampa, è stata comunicata dal primo ministro Fumio Kishida, durante la sua visita a New York per l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite.\r\n\r\nDopo quasi due anni e mezzo di rigide restrizioni legate al contrasto della diffusione del Covid-19, il governo lancerà anche un programma di sconti per i viaggi a livello domestico. \"Spero che molte persone lo utilizzino. Voglio sostenere il settori dei viaggi, dell'intrattenimento e altri che hanno avuto difficoltà durante la pandemia\", ha dichiarato Kishida durante una conferenza stampa, ripreso dal Japan Times.\r\nLa svolta\r\nIl Giappone aveva autorizzato l'ingresso dei turisti - in gruppi organizzati - lo scorso giugno; il 7 settembre, il governo aveva poi consentito l'ingresso ai turisti senza guida, che avevano però prenotato voli e hotel tramite agenzie di viaggio.\r\n\r\nNel 2019 il Paese aveva accolto un numero record di 31,88 milioni di viaggiatori stranieri, cifra che è crollata a circa 250.000 nel 2021, a causa della chiusura delle frontiere. Il tetto massimo di arrivi giornalieri è stato aumentato gradualmente negli ultimi sei mesi, dai 5.000 del 1° marzo per arrivare progressivamente agli attuali 50.000.\r\n\r\n ","post_title":"Il Giappone riapre ai turisti individuali dall'11 ottobre","post_date":"2022-09-23T08:45:24+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["in-evidenza","topnews"],"post_tag_name":["In evidenza","Top News"]},"sort":[1663922724000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430941","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le Seychelles propongono, per il quinto anno, il Festival del turismo che per l'edizione in calendario dal 24 settembre  al 1° ottobre 2022 - tra Mahé, Praslin e La Digue - ruoterà attorno al tema \"Ripensare al Turismo e celebrare la cultura”.\r\nPer la prima volta, la cerimonia ufficiale di lancio del Festival del Turismo si terrà a La Digue sabato 24 settembre, con un evento chiamato Le Rendez-Vous Diguois a L'Union Estate. Il pubblico potrà godersi una giornata ricca di eventi come una fiera, la danza moutya, intrattenimento locale e un \"Bal Kreole\".\r\nIl calendario delle attività includerà l'inaugurazione del Biodiversity Café presso il Barbarons Biodiversity Center la mattina del 26 settembre. Diverse attività saranno organizzate per commemorare la Giornata Mondiale del Turismo, il 27 settembre, a cominciare da un messaggio turistico del Ministro degli Affari Esteri e del Turismo, Sylvestre Radegonde, trasmesso dalla televisione nazionale.","post_title":"Seychelles: torna il Festival del turismo, dal 24 settembre al 1° ottobre","post_date":"2022-09-22T11:45:32+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1663847132000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430828","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nMichael O'Leary vuole essere chiaro una volta per tutte: i voli low cost sono qui per restare, anche se con tariffe medie lievemente ritoccate al rialzo. Una differenza che però non è destinata a influenzare le scelte dei viaggiatori che \"non smetteranno di volare, o quanto meno non con noi, magari con vettori più costosi\". Il riferimento è al polverone scatenato in agosto dalle dichiarazioni del ceo del Ryanair Group, che qualcuno ha erroneamente interpretato come un punto d'arresto del business model low cost a fronte di costi - nello specifico quello del petrolio - sempre più elevati.\r\nPrezzi\r\nSemplicemente, ha ribadito O'Leary ieri a Milano per illustrare le novità dell'operativo invernale da Malpensa e Milano Bergamo, non si troveranno più tariffe come quelle a 9,99 euro. Di fatto, le previsioni per la winter alle porte \"non vedranno aumenti\", possibili invece \"per l'estate 2023, ma sempre contenuti\". Il ceo stima il passaggio dall'attuale tariffa media di 40 euro a 45-50.\r\n\r\nQuesto perché \"abbiamo fatto hedging fino all'inizio di aprile 2023, acquistando carburante a 63 dollari al barile contro il prezzo odierno di 110, il che ci consente di essere in vantaggio sugli altri vettori e garantire lo stesso livello medio delle tariffe per la stagione in arrivo\".\r\n\r\n\r\n","post_title":"O'Leary: ecco perché le tariffe di Ryanair non subiranno alcuna impennata","post_date":"2022-09-21T10:39:33+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1663756773000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430809","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ruota tutta attorno alla natura, fra sostenibilità ed esperienze outdoor, l'offerta di Ras Al Khaimah, che punta dritto sulle potenzialità di crescita dei flussi dall'Italia. Una destinazione relativamente inedita per il viaggiatore italiano, che il Ras Al Khaimah Tourism Development Authority (Raktda), intende promuovere con numerose attività messe in campo per incrementarne la brand awareness dell'emirato.\r\n\r\n\"Sono tante le azioni pianificate per far scoprire agli operatori e ai consumatori italiani Ras Al Khaimah, l’Emirato della natura - ha dichiarato Iyad Rasbey, executive director of Destination Tourism Development & Mice di Raktda - che offre al viaggiatore attività e avventure outdoor in un contesto paesaggistico unico che combina deserto, montagne e mare, in aggiunta all’autentica esperienza araba grazie a oltre 7.000 anni di storia. Inoltre, Raktda è fortemente impegnata nell’introdurre sempre nuovi prodotti in linea con la nostra strategia di diventare leader per lo sviluppo turistico sostenibile nella Regione degli Eau, e nei prossimi mesi saranno annunciati nuovi progetti”.\r\n\r\nRas Al Khaimah è la destinazione con il più alto tasso di crescita turistica nella regione degli EAU e nel primo semestre 2022 ha accolto 521.085 visitatori internazionali e nazionali (+21% rispetto allo stesso periodo del 2019), risultato che segna un ritorno ai livelli pre-pandemici.\r\n\r\nTra le iniziative sul mercato Italia c'è la collaborazione con i principali tour operator che programmano la destinazione e l’area Gcc alla formazione con gli agenti di viaggio fino alla partecipazione alle più importanti fiere del settore. Tra questo il Ttg Travel Experience di Rimini  (pad. C1 / stand 132) e, dal 17 al 20 ottobre, l’International Golf Travel Market di Roma (stand E90).","post_title":"Ras Al Khaimah gioca la carta green e punta sul mercato italiano","post_date":"2022-09-21T09:25:53+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1663752353000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430786","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Come un vecchio adagio che fa sempre piacere riascoltare: Ryanair conferma piani di crescita globali e per l’Italia in vista dell’inverno 2022-23, pur cosciente di trovarsi di fronte molteplici sfide - dalle conseguenze del conflitto in Ucraina al caro energia, agli annunciati, nuovi scioperi degli equipaggi. Di questi ultimi, in particolare, Micheal O’Leary, ceo del Ryanair Group, non sembra granché preoccupato: \"Riguardano piccole sigle sindacali che rappresentano un numero minimo di nostri dipendenti. Come già accaduto quest'estate, queste iniziative non hanno provocato particolari disagi\".\r\n\r\nIl ceo ha illustrato questa mattina a Milano, insieme a Mauro Bolla, country manager Italy della low cost, le novità per i due scali di Malpensa e Milano Bergamo. A livello globale una crescita del +20% rispetto all’inverno 2019 per la capacità offerta sul nostro Paese, dopo un’estate “complicata soprattutto per i problemi legati agli Atc negli aeroporti europei” ma che ha confermato una forte ripresa del traffico, con dati molto confortanti:  basti guardare il load factor del 95% registrato a giugno e del 96% in luglio e agosto”. Certo anche che l’inverno porterà con sé più di un punto di domanda: “Dall’Ucraina, a potenziali nuove varianti Covid, all’inflazione e ai costi dell’energia. Ma Ryanair continua a investire, mentre altri tagliano\". Sempre presente il richiamo all'auspicato \"taglio della cosiddetta addizionale comunale\", tema che sarà affrontato anche con il nuovo governo \"col quale speriamo di continuare a dialogare\".\r\n\r\n\"Bilancio molto solido e costi bassi\" rimangono i punti di forza della strategia di sviluppo che per i due aeroporti milanesi parla di 120 rotte totali, di cui 5 nuove da Milano Bergamo, dove sono basati 21 aeromobili di cui 10 Gamechanger (Baden-Baden, Francoforte, Lodz, Madeira e Newcastle), per complessivi oltre 1.800 voli settimanali. Sette invece i velivoli posizionati a Malpensa (2 i Gamechanger). \r\n\r\nIl quadro complessivo italiano - dove sono attese a breve le novità per Roma e il sud del Paese, a cominciare dalla Sicilia - vede la low cost \"presente con una quota di  mercato del 40%, mentre la compagnia aerea nazionale è sotto al 10% (Ita Airways, ndr)\" operativa su 30 scali (di cui 17 sono basi) con 90 macchine basate; 530 le rotte per l'inverno di cui 30 nuove e l'obiettivo di raggiungere \"i 56 milioni di passeggeri trasportati nell'anno fiscale 2023. 3.000 i posti di lavoro diretti e 40.000 quelli dell'indotto\". ","post_title":"L’inverno italiano di Ryanair: “Continuiamo a crescere, +20% sul 2019”","post_date":"2022-09-20T13:48:35+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663681715000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430732","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sciopero nel trasporto aereo. Non si arresta l'ondata di scioperi che ha coinvolto il trasporto aereo italiano ed europeo nei  mesi estivi, anzi prosegue nell'autunno. E' così che è già prevista per sabato, 1 ottobre una nuova mobilitazione di piloti e assistenti di volo di Ryanair e Vueling. Lo segnalano i sindacati di Filt-Cgil e Uiltrasporti. Spiegano che “gli scioperi saranno rispettivamente di 24 ore per Ryanair e di 4 ore, dalle 13 alle 17, per Vueling”.\r\n\r\n«Dopo gli scioperi degli scorsi 8 e 25 giugno e 17 luglio – spiegano le due organizzazioni sindacali – non è ancora stato aperto un confronto sulle reali problematiche che ormai da mesi affliggono il personale navigante Ryanair, Malta Air e CrewLink. I lavoratori italiani continuano a rivendicare contratti che garantiscano condizioni di lavoro dignitose e stipendi almeno in linea ai minimi salariali previsti dal contratto nazionale del trasporto aereo del nostro Paese».\r\nEsuberi\r\nPer quel che riguarda Vueling, \"i lavoratori della compagnia hanno appreso dell’apertura, da parte di Vueling, di una procedura che prevede 17 esuberi tra i circa 120 assistenti di volo assunti nella base di Roma Fiumicino - sottolinea la nota dei sindacati -. Chiediamo alla compagnia un confronto costruttivo e trasparente con le organizzazioni realmente rappresentative dei lavoratori della compagnia al fine di evitare licenziamenti e trovare soluzioni che tutelino i naviganti del gruppo basati in Italia\".","post_title":"Sciopero il 1° ottobre per piloti e assistenti di volo Ryanair e Vueling","post_date":"2022-09-20T08:50:17+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1663663817000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430605","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ryanair dà fiducia all'aeroporto di Torino dove, per l'inverno, sarà in pista con sei nuove rotte e un  +120% di posti disponibili rispetto al 2019. Questi i piani ad un anno dall'apertura della base di Caselle: \"Il nostro obiettivo è chiudere la stagione, da aprile 2022 a marzo 2023, con 2,6 milioni di passeggeri\", afferma Mauro Bolla, country manager della compagnia irlandese in Italia, in un'intervista a La Repubblica.\r\n\r\nQuanto al taglio di quattro rotte (Agadir, Budapest, Palma de Mallorca e TelAviv, ndr), Bolla spiega la scelta come puramente commerciale, a fronte di un inverno che quest'anno, \"rispetto al 2019, vede un aumento del 120% dei posti disponibili su 34 rotte di cui 6 nuove. Ci sono Stoccolma, Manchester e Vilinius, novità assolute, a cui vanno aggiunte Billund, Breslavia e Praga: lanciate quest'estate, sono confermate anche per l'inverno. In tutto avremo 230 voli settimanali, e non è poco in un contesto di grande incertezza internazionale\".\r\n\r\nTorino potrebbe, in ultima analisi, essere protagonista di ulteriori piani di sviluppo da parte della low cost: \"Se ci saranno le condizioni per investire continueremo a farlo\" e la stessa città \"credo abbia un grande potenziale (turistico) per crescere ancora\".","post_title":"Ryanair dà fiducia alla base di Torino: sei nuove rotte, +120% i posti offerti rispetto al 2019","post_date":"2022-09-16T13:16:08+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663334168000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430559","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono già oltre mille i voli sono stati cancellati a causa dello sciopero dei controllori del traffico aereo francese: l'azione sindacale è scattata questa mattina alle 6.00 e si protrarrà per 24 ore, fino alle 6.00 di domani, 17 settembre. Ma non è tutto: un'ulteriore sciopero è stato annunciato per tre giorni, dal 28 settembre al 30 settembre prossimi.\r\n\r\nL'autorità francese per l'aviazione, la Dgac, ha avvertito della possibilità di \"gravi\" disagi, chiedendo alle compagnie aeree di dimezzare gli operativi e invitando i passeggeri a rimandare i viaggi.\r\n\r\n \r\n\r\nAir France ha cancellato per oggi il 55% dei suoi voli a corto e medio raggio e il 10% dei collegamenti a lungo raggio. Ryanair ha tolto 420 voli dall'operativo, con conseguenze per 80.000 passeggeri, mentre easyJet ha anticipatamente cancellato quasi il 50% dell'operativo previsto in Francia.\r\n\r\nTransavia ha annunciato 140 cancellazioni di voli, mentre British Airways ne toglie 22. Insieme a Volotea, queste cinque compagnie operano circa il 64% di tutti i voli previsti in Francia per oggi.","post_title":"Francia: oltre 1.000 i voli già cancellati. Nuovo sciopero dal 28 al 30 settembre","post_date":"2022-09-16T08:55:44+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663318544000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti