21 May 2024

Qatar Airways vara una nuova era: si parte dalle nuove cabine di prima classe e Qsuite

[ 0 ]

Nuovi, significativi ordini di aeromobili, nuove cabine di prima classe: Qatar Airways vara la sua “nuova era” e lo fa attraverso le anticipazioni del group chief executive officer Badr Mohammed Al-Meer, che identifica nell’innovazione uno dei pilastri fondamentali dello sviluppo futuro, che si riflette nei prossimi prodotti e servizi del vettore.

In una recente intervista alla Cnbc – la sua prima da quando è stato nominato Group Chief Executive Officer di Qatar Airways nel novembre 2023 – l’Ing. Badr Mohammed Al-Meer ha dichiarato: “Questa è una nuova era“.

«Sulla base della domanda di alcuni settori, vediamo un’elevata richiesta di prima classe e per questo motivo negli ultimi mesi abbiamo deciso di introdurre una cabina di nuova concezione, unica per Qatar Airways – ha affermato il ceo -. Vogliamo unire l’esperienza dei voli commerciali a quella dei voli privati per sviluppare qualcosa di nuovo. Siamo pronti al 70-80% e stiamo solo ultimando i colori. Speriamo di poterlo annunciare presto».

Badr Al-Meer ha inoltre rivelato la riprogettazione della Qsuite premium e la nuova Qsuite che debutterà al Farnborough International Airshow nel luglio 2024. Lanciata nel 2017, la Qsuite Business Class continua a essere un punto di riferimento per l’industria dell’aviazione.

Nella medesima intervista il ceo ha fatto riferimento anche a un “grosso” ordine di nuovi aeromobili, senza però fornire ulteriore dettagli: parole che comunque – come sottolineato da Bloomberg – ricondurrebbero alle trattative iniziali in corso con Boeing  ed Airbus per l’acquisto di altri 100-150 widebody.

Intanto, per la prossima estate la compagnia lancerà numerose nuove destinazioni, portando il numero totale incluse nel network a oltre 170. Tra le prossime apertura figurano Amburgo, Lisbona, Tashkent e Venezia. Qatar Airways riprenderà anche diverse rotte stagionali estive, tra cui Adana, Antalya, Bodrum, Marrakesh, Mykonos, Sarajevo e Trabzon.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467692 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si espande l'offerta italiana del gruppo Vacanze col Cuore, che apre in Umbria il nuovo Trasimeno Glamping Resort. “Ci espandiamo sulle rive del lago Trasimeno, in un paradiso verde affacciato direttamente sulle acque lacustri con un nuovo resort: precisamente a Magione, in provincia di Perugia - spiega il fondatore, Loek Van de Loo -. Si tratta, come già accaduto ad altri nostri resort in precedenza, di una rivitalizzazione di un’area che era già camping e a cui sono stato legato sia per motivi professionali, quando mi occupavo di tour operating, sia per motivi affettivi perché ho sempre amato quel luogo. L’apertura è fissata il prossimo 28 giugno”. Si tratta della nona struttura del gruppo italo-olandese che ha sede operativa a Manerba del Garda. In uno spazio resort di circa 6 ettari sono previste case mobili di ultima generazione, tende safari, alloggi e piazzole per camper e caravan, con accesso diretto al lago, con spiaggia e pontile, per una capacità totale di circa mille ospiti. A disposizione anche numerosi servizi: apre in particolare un nuovo ristorante pizzeria, un bar e la gelateria. Non mancano neppure il parco acquatico, le attività di edutainement multi lingue, marchio di fabbrica del gruppo, il servizio di mini jeep elettriche per far scoprire lo spazio naturale ai bambini, così come il noleggio bici per il tempo libero, a cui si affiancano un campo polivalente in fondo sintetico, un campo da calcetto e un campo da pallavolo (entrambi in erba). Grazie alla conformazione orografica del luogo, inoltre, a disposizione degli ospiti con limitate possibilità di movimento sono state allestite due unità abitative prive di barriere architettoniche. [post_title] => Nuovo Trasimeno Glamping Resort per il gruppo Vacanze col Cuore [post_date] => 2024-05-20T14:00:02+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716213602000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467675 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Domani, 21 maggio, è il termine ultimo fissato dall'Ue affinché Ita Airways e Lufthansa inoltrino la "revisione" del pacchetto di rimedi volto a ottenere il via libera all'acquisizione dei tedeschi del 41% del capitale della compagnia italiana.  Ennesimo aggiustamento che è successivo ai rimedi inviati dalle due parti lo scorso 6 maggio e che era stato giudicato insufficiente dalla Commissione europea, il cui responso definitivo è atteso entro il 4 luglio. La trattativa con le autorità Antitrust europee è aperta su più fronti: da quello sulle rotte transatlantiche (con un passo indietro sui redditizi collegamenti verso il Nord America e verso il Giappone) a quello sui collegamenti intra-europei, al tema caldissimo della cessione di slot negli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Linate. Sul city airport milanese, in particolare, si concentrano gli interessi maggiori: qui, il sacrificio richiesto dall'Ue non collima affatto - almeno finora - con quanto proposto dai tedeschi e dal Tesoro (principale azionista di Ita). Cessione Come anticipato da Il Corriere della Sera, la richiesta di Bruxelles vedrebbe la cessione del 30% degli slot che Ita Airways e Lufthansa detengono oggi a Linate: in pratica una sessantina di slot al giorno, cioè 30 coppie, rispetto alla cessione di 11-12 coppie prevista dai rimedi inviati da tedeschi e italiani. In questo modo la quota dei diritti di decollo e atterraggio su Linate di Lh e Ita scenderebbe dal 64% al 45%. In altre parole, alle due parti viene chiesto di rinunciare a 175 milioni di euro all'anno di ricavi - sempre secondo le stime del Corriere, che cita i report di analisti, perizie e dati economici dello scalo milanese. Attualmente infatti gli slot di Linate sono i più preziosi all’interno dell’Unione europea e i secondi più cari, considerando l’intero continente (dopo quelli di Londra Heathrow).  [post_title] => Ita-Lh: L'Ue attende per domani la revisione su cessione slot e tagli rotte [post_date] => 2024-05-20T12:59:26+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716209966000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467673 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Economia italiana in crescita, ma a velocità diverse: turismo record, bene servizi ed export netto, male l’industria. Sono alcuni degli elementi sottolineati dal Centro Studi di Confindustria nella Congiuntura Flash di maggio. Aumenta ancora il lavoro, ma salgono anche le ore autorizzate di Cassa Integrazione. Per il petrolio un prezzo alto ma in moderazione, l’inflazione UE tiene alti i tassi BCE. Nei trasporti di merci via mare: rotte più lunghe e costi elevati. Eurozona in risalita, USA in frenata, bene la crescita in Cina. Nel 1° trimestre 2024 il Pil italiano è cresciuto (+0,3%), anche se la produzione dell’industria e i consumi di beni si sono contratti. In positivo il turismo (su livelli record), i servizi (in moderata crescita) e l’export netto. Agiscono negativamente i problemi nei trasporti mondiali di merci, l’energia ancora cara, i tassi ai massimi. La fiducia di famiglie e imprese è in calo. Il turismo straniero a gennaio-febbraio è cresciuto di +20% in termini di spesa corrente sul 2023, che già è stato un anno record. [post_title] => Confindustria: il turismo cresce a livelli record. Male l'industria [post_date] => 2024-05-20T12:11:43+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716207103000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467664 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air France amplia il network per l'inverno 2024-2025 (da novembre 2024 a marzo 2025) con l'aggiunta di 5 rotte dall'hub globale di Parigi-Charles de Gaulle, comprese 3 nuove destinazioni: Salvador de Bahia, Malé e Kiruna. Nel dettaglio, in Brasile, la città di Salvador sarà servita da tre voli settimanali (lunedì, giovedì e sabato) dal 28 ottobre 2024. I voli saranno operati con Airbus A350-900 dotati di 324 posti (34 in Business, 24 in Premium Economy e 266 in Economy). La città Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco, sarà la quinta destinazione di Air France in Brasile, dopo Rio de Janeiro, San Paolo, Fortaleza e Bélem (quest'ultima da Cayenne, Guyana francese). Entro l’inverno 2024, Air France opererà fino a 30 voli settimanali da e per il Brasile. Grazie alla partnership commerciale con la brasiliana Gol, i clienti Air France possono facilmente collegarsi a 40 destinazioni nazionali in Brasile. La Maldive saranno collegate con un massimo di 2 voli settimanali (venerdì e domenica) durante le festività invernali, dal 20 dicembre 2024 al 5 gennaio 2025. I voli su Malé saranno operati con Airbus A350-900 dotati di 292 posti. La cittadina svedese di Kiruna sarà invece servita da 1 volo settimanale il sabato dal 21 dicembre 2024, operato con Airbus A319. Dopo Rovaniemi (Finlandia), Kittilä (Finlandia), Tromsø (Norvegia) e Narvik Lofoten (Norvegia, operata solo in estate), Kiruna sarà la quinta destinazione di Air France in Lapponia.  La compagnia francese continuerà inoltre a rafforzare i collegamenti verso gli Stati Uniti: nell'inverno saranno potenziati i servizi per Denver e Phoenix con 3 voli settimanali per ciascuna città, in partenza da Parigi-Charles de Gaulle. Fino ad oggi, il servizio per Denver era stato offerto solo durante il periodo estivo, mentre la rotta Phoenix, novità per l’estate 2024, sarà inaugurata il 23 maggio. [post_title] => Air France: ecco le prime tre new entry per la stagione invernale 2024-25 [post_date] => 2024-05-20T11:41:26+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716205286000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467647 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo nome per il VRetretas hotel Roma di Siracusa. D'ora in avanti si chiamerà infatti Palazzo Artemide, per sottolineare l'opera di rinnovamento della struttura condotta dal brand di Voihotels di casa Alpitour. Il gruppo ha infatti deciso di intervenire intervenire con l’obiettivo di rivisitare l'albergo in chiave contemporanea, pur operando nel rispetto della sua identità nativa. Nello specifico, la ristrutturazione ha interessato il piano terra con la nuova sistemazione degli ambienti interni comuni legati all’accoglienza, resi più spaziosi e armoniosi, rideterminati in base al rapporto con le diverse aperture dell’edificio su piazza Minerva. Particolare attenzione è stata rivolta al nuovo sistema di illuminazione, che valorizza le colonne preesistenti, le arcate e le volte interne, disposte su tutta l’area d’ingresso e alla conservazione dell’intera pavimentazione in marmo color ocra. Inoltre, sono stati rinnovati i vani destinati alle camere, aperti su due lati con ampie balconate e riorganizzati nei loro effetti decorativi con lavorazioni di cornici e campiture in gesso, tipiche della tradizione locale. A questa fase si è unito, contestualmente, l’intervento sull’edificio esterno che si affaccia su via Roma e su piazza Minerva, oltre che sullo spazio destinato al dehors. Fondato nel 18800, grazie alla sua posizione privilegiata sull'isola di Ortigia, incastonato per due lati tra la cattedrale e l’arcivescovado, Palazzo Artemide dispone di 40 camere, tra cui tre suite e sei Junior suite, nonché di un ristorante e di un bar che hanno a loro volta cambiato nome e sono ora conosciuti come Amunì, simbolo di una tradizione rinnovata che si ritrova anche nei piatti proposti. [post_title] => VRetreats: l'hotel Roma di Siracusa cambia nome e diventa Palazzo Artemide [post_date] => 2024-05-20T10:40:17+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716201617000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467590 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Saranno oltre 172 mila i turisti che Msc porterà nel 2024 in Sardegna, di cui 115 mila a Cagliari e 57 mila a Olbia. Un anno record insomma per le attività della compagnia di crociera nell'isola mediterranea. Il tutto, grazie al posizionamento di ben tre navi (Lirica, Musica e Orchestra), che effettueranno complessivamente 67 toccate: 46 a Cagliari, durante la stagione estiva e in quella invernale, e 21 a Olbia nella sola stagione estiva. «Numeri così elevati testimoniano la strategicità e la crescente importanza turistico-culturale della Sardegna anche per il settore crocieristico - sottolinea il vice president Southern Europe della divisione crociere del gruppo Msc, Leonardo Massa -. L’Isola è da sempre una delle destinazioni più apprezzate dai nostri passeggeri, soprattutto nel periodo estivo. Nel 2024 prevediamo a Cagliari scali tutto l’anno, puntando fortemente anche sul turismo destagionalizzato, che valorizza appieno le bellezze della città e dell’intero territorio sardo». La stagione crocieristica estiva a Casteddu inizierà ufficialmente domenica 19 maggio con la prima toccata della Musica, nave da oltre mille cabine con balcone. L'unità farà tappa ogni domenica nel porto sardo, per l’intera stagione estiva, con a bordo circa 3 mila passeggeri che vivranno un viaggio di sette giorni nel Mediterraneo, con scali anche a Civitavecchia, Genova, Cannes, Barcellona e Ibiza. “Per il sistema dei porti sardi il 2024 si appresta a diventare un anno di record assoluto – aggiunge Massimo Deiana, presidente dell’Adsp del mare di Sardegna –: un risultato entusiasmante che abbiamo raggiunto grazie anche alla fiducia che le compagnie crocieristiche, in particolare Msc, hanno voluto accordarci, con una programmazione annuale di scali consistente e costante, frutto di un’intensa attività promozionale e di confronto costruttivo". [post_title] => Il 2024 sarà un anno record per Msc in Sardegna: oltre 172 mila i pax che sbarcheranno sull'isola [post_date] => 2024-05-17T14:26:48+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715956008000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467579 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le prime indiscrezioni erano filtrate già più di due anni fa, ma ora arriva la conferma ufficiale: i Villini Sallustiani di Roma, che Merope Asset Management ha acquistato nel 2021 da Colony Capital, diventeranno la quinta proprietà Mandarin Oriental in Italia. La novità, la cui inaugurazione è prevista per il 2026, seguirà infatti gli hotel già operativi di Milano, del lago di Como e le già annunciate aperture di Cortina d’Ampezzo e Porto Cervo. Il complesso si trova all'interno del sito archeologico dei Giardini di Sallustio, situato tra le vie Piemonte e Sallustiana. Il Mandarin Oriental, Rome si svilupperà su un'area di oltre 18 mila metri quadrati, che ospita dieci villini del diciannovesimo secolo immersi in un parco. Le ville a loro volta ospiteranno 108 camere e suite, alcune dotate di giardino e terrazza privata. Nell’ambito dell’accordo raggiunto con Mandarin Oriental, Merope si occuperà degli interventi di riqualificazione e restauro, per un investimento complessivo di circa 100 milioni di euro, così come della gestione pluriennale della nuova struttura. Dopo un lungo lavoro di interlocuzione con l’amministrazione comunale, l’assemblea capitolina ha infatti recentemente approvato la proposta di permesso di costruire in deroga, con relativo cambio d’uso dell’area, da residenziale a ricettiva un passaggio determinante per la realizzazione del progetto. Il masterplan del progetto e l’intervento di riqualificazione e restauro dei villini, che verrà eseguito preservandone lo stile architettonico tipico del diciannovesimo secolo, è stato affidato a Bms, mentre l’interior design sarà curato dal duo francese Gilles&Boissier. L’f&b sarà affidato a DimoreStudio; P'arcnouveau è infine lo studio internazionale di architettura paesaggistica che si occuperà del verde. All’interno del complesso, gli ospiti potranno provare sei ristoranti e bar in diversi ambienti, a cui si aggiungerà la possibilità di scegliere se cenare all’aperto, oppure all’interno delle ville. Il Mandarin Bar sarà situato su un’ampia terrazza panoramica con vista sulla città. La Spa at Mandarin Oriental proporrà un’ampia gamma di esperienze benessere del gruppo. Gli amanti del fitness avranno a disposizione macchinari di ultima generazione, un’ampia piscina coperta oltre a quelle esterne che sorgeranno nel cuore dei giardini. Sei sale per i trattamenti, una suite vip, stanze termali e una terrazza completano l’offerta di benessere. [post_title] => Mandarin Oriental sbarca a Roma: aprirà nel 2026 nel complesso dei Villini Sallustiani [post_date] => 2024-05-17T11:54:14+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715946854000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467536 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuova iniziativa della Cina per incentivare gli arrivi turistici: i viaggiatori che entrano nel Paese a bordo di crociere internazionali possono infatti soggiornare in alcune province senza visto, per un massimo di 15 giorni. Secondo un comunicato dell'Amministrazione nazionale cinese per l'immigrazione (Nia), le norme prevedono che gli stranieri entrino attraverso uno dei 13 porti crocieristici costieri del Paese. La normativa - naturale evoluzione di un progetto pilota del 2016, che era limitato agli ingressi attraverso il terminal crociere di Shanghai e poi sospeso a causa della pandemia - prevede che i visitatori debbano viaggiare come parte di un gruppo turistico di almeno due persone e lasciare il Paese con la stessa crociera. Le agenzie di viaggio che gestiscono i viaggi devono essere registrate nella Cina continentale. Lo scorso dicembre, la Cina ha iniziato a consentire ai viaggiatori provenienti da Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Spagna e Malesia di entrare nel Paese senza visto per 15 giorni per affari, turismo, visite familiari e transito. A febbraio è entrato in vigore anche un accordo di esenzione reciproca dal visto tra Cina e Singapore. Il Paese ha inoltre ampliato la sua politica di transito senza visto, portando il numero di paesi a 54 dopo aver incluso la Norvegia a novembre. I cittadini di questi paesi non hanno bisogno di un visto per entrare in Cina purché abbiano prenotato un biglietto successivo per un paese o una regione terza. "La piena attuazione della politica di esenzione dal visto d'ingresso per i turisti stranieri in crociera è un pilastro importante per accelerare lo sviluppo dell'economia crocieristica cinese e una misura importante per promuovere l'apertura istituzionale della Cina", si legge nella nota della Nia. [post_title] => Cina: niente visto per i crocieristi che entrano nel Paese per un massimo di 15 giorni [post_date] => 2024-05-17T11:45:13+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715946313000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467576 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => New entry sarda per il network Virtuoso: l'hotel Abi d'Oru di Porto Rotondo porta a sei gli indirizzi sardi compresi nel portfolio della rete agenziale specializzata nel lusso, su un totale di 154 strutture in Italia.  L'Abi d'Oru, in sardo Ape d’Oro, ha aperto le porte della sua ospitalità nel 1963, a soli quattro chilometri da Porto Rotondo ed è affacciato direttamente sul golfo di Marinella. Nel 2023 ha inaugurato le nuove camere e suite e la nuova piscina con pool bar, per un totale di 130 stanze di tipologie diverse inserite nell'architettura realizzata da Antonio Simon Mossa, architetto, politologo e scrittore sardo oltre 60 anni fa. Pilastro dell'ospitalità di Abi d'Oru è il forte legame con il territorio e per questo l'invito agli ospiti è quello di scoprire i caratteri e le personalità sarde nelle suite Al mare con: dalla giudicessa Eleonora d'Arborea al premio Nobel per la letteratura Grazia Deledda; da Antonio Gramsci alla grande artista Maria Lai e da Eva Mameli, madre di Italo Calvino e prima donna in Italia a insegnare botanica all'università, alla designer Edina Altara. Con i suoi tre diversi ristoranti, quest'anno l'Abi d'Oru è pronto a riaprire il 16 maggio, con una nuova offerta gastronomica. “E’ una soddisfazione annunciare l'ingresso dell'Abi d'Oru nel network Virtuoso, risultato dovuto al grande lavoro del team commerciale, con a capo Nicola Monello, e di tutto il personale dell'hotel, che riesce anno dopo anno a rendere felici gli ospiti, anche i più esigenti - spiega l'amministratore delegato dell'hotel Abi d'Oru, Diana Zuncheddu -. Grazie agli investimenti e agli interventi di restyling intrapresi negli ultimi anni, la struttura ha raggiunto il livello di ospitalità che ci siamo prefissati e oggi ancora di più anche a livello internazionale, grazie a Virtuoso. Credo che questa affiliazione sia meritata da una destinazione come la Sardegna e da un hotel pioniere e icona dell'alta ospitalità, come il nostro". [post_title] => Il sardo Abi d'Oru entra nel network Virtuoso [post_date] => 2024-05-17T11:23:42+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715945022000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "qatar airways vara una nuova era si parte dalle nuove cabine di prima classe e qsuite" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":69,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1994,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467692","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si espande l'offerta italiana del gruppo Vacanze col Cuore, che apre in Umbria il nuovo Trasimeno Glamping Resort. “Ci espandiamo sulle rive del lago Trasimeno, in un paradiso verde affacciato direttamente sulle acque lacustri con un nuovo resort: precisamente a Magione, in provincia di Perugia - spiega il fondatore, Loek Van de Loo -. Si tratta, come già accaduto ad altri nostri resort in precedenza, di una rivitalizzazione di un’area che era già camping e a cui sono stato legato sia per motivi professionali, quando mi occupavo di tour operating, sia per motivi affettivi perché ho sempre amato quel luogo. L’apertura è fissata il prossimo 28 giugno”.\r\n\r\nSi tratta della nona struttura del gruppo italo-olandese che ha sede operativa a Manerba del Garda. In uno spazio resort di circa 6 ettari sono previste case mobili di ultima generazione, tende safari, alloggi e piazzole per camper e caravan, con accesso diretto al lago, con spiaggia e pontile, per una capacità totale di circa mille ospiti. A disposizione anche numerosi servizi: apre in particolare un nuovo ristorante pizzeria, un bar e la gelateria. Non mancano neppure il parco acquatico, le attività di edutainement multi lingue, marchio di fabbrica del gruppo, il servizio di mini jeep elettriche per far scoprire lo spazio naturale ai bambini, così come il noleggio bici per il tempo libero, a cui si affiancano un campo polivalente in fondo sintetico, un campo da calcetto e un campo da pallavolo (entrambi in erba). Grazie alla conformazione orografica del luogo, inoltre, a disposizione degli ospiti con limitate possibilità di movimento sono state allestite due unità abitative prive di barriere architettoniche.","post_title":"Nuovo Trasimeno Glamping Resort per il gruppo Vacanze col Cuore","post_date":"2024-05-20T14:00:02+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1716213602000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467675","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Domani, 21 maggio, è il termine ultimo fissato dall'Ue affinché Ita Airways e Lufthansa inoltrino la \"revisione\" del pacchetto di rimedi volto a ottenere il via libera all'acquisizione dei tedeschi del 41% del capitale della compagnia italiana. \r\n\r\nEnnesimo aggiustamento che è successivo ai rimedi inviati dalle due parti lo scorso 6 maggio e che era stato giudicato insufficiente dalla Commissione europea, il cui responso definitivo è atteso entro il 4 luglio.\r\n\r\nLa trattativa con le autorità Antitrust europee è aperta su più fronti: da quello sulle rotte transatlantiche (con un passo indietro sui redditizi collegamenti verso il Nord America e verso il Giappone) a quello sui collegamenti intra-europei, al tema caldissimo della cessione di slot negli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Linate. Sul city airport milanese, in particolare, si concentrano gli interessi maggiori: qui, il sacrificio richiesto dall'Ue non collima affatto - almeno finora - con quanto proposto dai tedeschi e dal Tesoro (principale azionista di Ita).\r\nCessione\r\nCome anticipato da Il Corriere della Sera, la richiesta di Bruxelles vedrebbe la cessione del 30% degli slot che Ita Airways e Lufthansa detengono oggi a Linate: in pratica una sessantina di slot al giorno, cioè 30 coppie, rispetto alla cessione di 11-12 coppie prevista dai rimedi inviati da tedeschi e italiani. In questo modo la quota dei diritti di decollo e atterraggio su Linate di Lh e Ita scenderebbe dal 64% al 45%.\r\n\r\nIn altre parole, alle due parti viene chiesto di rinunciare a 175 milioni di euro all'anno di ricavi - sempre secondo le stime del Corriere, che cita i report di analisti, perizie e dati economici dello scalo milanese. Attualmente infatti gli slot di Linate sono i più preziosi all’interno dell’Unione europea e i secondi più cari, considerando l’intero continente (dopo quelli di Londra Heathrow). \r\n\r\n","post_title":"Ita-Lh: L'Ue attende per domani la revisione su cessione slot e tagli rotte","post_date":"2024-05-20T12:59:26+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1716209966000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467673","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Economia italiana in crescita, ma a velocità diverse: turismo record, bene servizi ed export netto, male l’industria. Sono alcuni degli elementi sottolineati dal Centro Studi di Confindustria nella Congiuntura Flash di maggio. Aumenta ancora il lavoro, ma salgono anche le ore autorizzate di Cassa Integrazione. Per il petrolio un prezzo alto ma in moderazione, l’inflazione UE tiene alti i tassi BCE. Nei trasporti di merci via mare: rotte più lunghe e costi elevati. Eurozona in risalita, USA in frenata, bene la crescita in Cina.\r\n\r\nNel 1° trimestre 2024 il Pil italiano è cresciuto (+0,3%), anche se la produzione dell’industria e i consumi di beni si sono contratti. In positivo il turismo (su livelli record), i servizi (in moderata crescita) e l’export netto. Agiscono negativamente i problemi nei trasporti mondiali di merci, l’energia ancora cara, i tassi ai massimi. La fiducia di famiglie e imprese è in calo.\r\n\r\nIl turismo straniero a gennaio-febbraio è cresciuto di +20% in termini di spesa corrente sul 2023, che già è stato un anno record.","post_title":"Confindustria: il turismo cresce a livelli record. Male l'industria","post_date":"2024-05-20T12:11:43+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1716207103000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467664","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air France amplia il network per l'inverno 2024-2025 (da novembre 2024 a marzo 2025) con l'aggiunta di 5 rotte dall'hub globale di Parigi-Charles de Gaulle, comprese 3 nuove destinazioni: Salvador de Bahia, Malé e Kiruna.\r\nNel dettaglio, in Brasile, la città di Salvador sarà servita da tre voli settimanali (lunedì, giovedì e sabato) dal 28 ottobre 2024. I voli saranno operati con Airbus A350-900 dotati di 324 posti (34 in Business, 24 in Premium Economy e 266 in Economy). La città Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco, sarà la quinta destinazione di Air France in Brasile, dopo Rio de Janeiro, San Paolo, Fortaleza e Bélem (quest'ultima da Cayenne, Guyana francese). Entro l’inverno 2024, Air France opererà fino a 30 voli settimanali da e per il Brasile. Grazie alla partnership commerciale con la brasiliana Gol, i clienti Air France possono facilmente collegarsi a 40 destinazioni nazionali in Brasile.\r\nLa Maldive saranno collegate con un massimo di 2 voli settimanali (venerdì e domenica) durante le festività invernali, dal 20 dicembre 2024 al 5 gennaio 2025. I voli su Malé saranno operati con Airbus A350-900 dotati di 292 posti.\r\nLa cittadina svedese di Kiruna sarà invece servita da 1 volo settimanale il sabato dal 21 dicembre 2024, operato con Airbus A319. Dopo Rovaniemi (Finlandia), Kittilä (Finlandia), Tromsø (Norvegia) e Narvik Lofoten (Norvegia, operata solo in estate), Kiruna sarà la quinta destinazione di Air France in Lapponia. \r\nLa compagnia francese continuerà inoltre a rafforzare i collegamenti verso gli Stati Uniti: nell'inverno saranno potenziati i servizi per Denver e Phoenix con 3 voli settimanali per ciascuna città, in partenza da Parigi-Charles de Gaulle.\r\nFino ad oggi, il servizio per Denver era stato offerto solo durante il periodo estivo, mentre la rotta Phoenix, novità per l’estate 2024, sarà inaugurata il 23 maggio.","post_title":"Air France: ecco le prime tre new entry per la stagione invernale 2024-25","post_date":"2024-05-20T11:41:26+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1716205286000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467647","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo nome per il VRetretas hotel Roma di Siracusa. D'ora in avanti si chiamerà infatti Palazzo Artemide, per sottolineare l'opera di rinnovamento della struttura condotta dal brand di Voihotels di casa Alpitour. Il gruppo ha infatti deciso di intervenire intervenire con l’obiettivo di rivisitare l'albergo in chiave contemporanea, pur operando nel rispetto della sua identità nativa.\r\n\r\nNello specifico, la ristrutturazione ha interessato il piano terra con la nuova sistemazione degli ambienti interni comuni legati all’accoglienza, resi più spaziosi e armoniosi, rideterminati in base al rapporto con le diverse aperture dell’edificio su piazza Minerva. Particolare attenzione è stata rivolta al nuovo sistema di illuminazione, che valorizza le colonne preesistenti, le arcate e le volte interne, disposte su tutta l’area d’ingresso e alla conservazione dell’intera pavimentazione in marmo color ocra. Inoltre, sono stati rinnovati i vani destinati alle camere, aperti su due lati con ampie balconate e riorganizzati nei loro effetti decorativi con lavorazioni di cornici e campiture in gesso, tipiche della tradizione locale. A questa fase si è unito, contestualmente, l’intervento sull’edificio esterno che si affaccia su via Roma e su piazza Minerva, oltre che sullo spazio destinato al dehors.\r\n\r\nFondato nel 18800, grazie alla sua posizione privilegiata sull'isola di Ortigia, incastonato per due lati tra la cattedrale e l’arcivescovado, Palazzo Artemide dispone di 40 camere, tra cui tre suite e sei Junior suite, nonché di un ristorante e di un bar che hanno a loro volta cambiato nome e sono ora conosciuti come Amunì, simbolo di una tradizione rinnovata che si ritrova anche nei piatti proposti.","post_title":"VRetreats: l'hotel Roma di Siracusa cambia nome e diventa Palazzo Artemide","post_date":"2024-05-20T10:40:17+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1716201617000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467590","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Saranno oltre 172 mila i turisti che Msc porterà nel 2024 in Sardegna, di cui 115 mila a Cagliari e 57 mila a Olbia. Un anno record insomma per le attività della compagnia di crociera nell'isola mediterranea. Il tutto, grazie al posizionamento di ben tre navi (Lirica, Musica e Orchestra), che effettueranno complessivamente 67 toccate: 46 a Cagliari, durante la stagione estiva e in quella invernale, e 21 a Olbia nella sola stagione estiva.\r\n\r\n«Numeri così elevati testimoniano la strategicità e la crescente importanza turistico-culturale della Sardegna anche per il settore crocieristico - sottolinea il vice president Southern Europe della divisione crociere del gruppo Msc, Leonardo Massa -. L’Isola è da sempre una delle destinazioni più apprezzate dai nostri passeggeri, soprattutto nel periodo estivo. Nel 2024 prevediamo a Cagliari scali tutto l’anno, puntando fortemente anche sul turismo destagionalizzato, che valorizza appieno le bellezze della città e dell’intero territorio sardo».\r\n\r\nLa stagione crocieristica estiva a Casteddu inizierà ufficialmente domenica 19 maggio con la prima toccata della Musica, nave da oltre mille cabine con balcone. L'unità farà tappa ogni domenica nel porto sardo, per l’intera stagione estiva, con a bordo circa 3 mila passeggeri che vivranno un viaggio di sette giorni nel Mediterraneo, con scali anche a Civitavecchia, Genova, Cannes, Barcellona e Ibiza.\r\n\r\n“Per il sistema dei porti sardi il 2024 si appresta a diventare un anno di record assoluto – aggiunge Massimo Deiana, presidente dell’Adsp del mare di Sardegna –: un risultato entusiasmante che abbiamo raggiunto grazie anche alla fiducia che le compagnie crocieristiche, in particolare Msc, hanno voluto accordarci, con una programmazione annuale di scali consistente e costante, frutto di un’intensa attività promozionale e di confronto costruttivo\".","post_title":"Il 2024 sarà un anno record per Msc in Sardegna: oltre 172 mila i pax che sbarcheranno sull'isola","post_date":"2024-05-17T14:26:48+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1715956008000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467579","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le prime indiscrezioni erano filtrate già più di due anni fa, ma ora arriva la conferma ufficiale: i Villini Sallustiani di Roma, che Merope Asset Management ha acquistato nel 2021 da Colony Capital, diventeranno la quinta proprietà Mandarin Oriental in Italia. La novità, la cui inaugurazione è prevista per il 2026, seguirà infatti gli hotel già operativi di Milano, del lago di Como e le già annunciate aperture di Cortina d’Ampezzo e Porto Cervo. Il complesso si trova all'interno del sito archeologico dei Giardini di Sallustio, situato tra le vie Piemonte e Sallustiana.\r\n\r\nIl Mandarin Oriental, Rome si svilupperà su un'area di oltre 18 mila metri quadrati, che ospita dieci villini del diciannovesimo secolo immersi in un parco. Le ville a loro volta ospiteranno 108 camere e suite, alcune dotate di giardino e terrazza privata. Nell’ambito dell’accordo raggiunto con Mandarin Oriental, Merope si occuperà degli interventi di riqualificazione e restauro, per un investimento complessivo di circa 100 milioni di euro, così come della gestione pluriennale della nuova struttura. Dopo un lungo lavoro di interlocuzione con l’amministrazione comunale, l’assemblea capitolina ha infatti recentemente approvato la proposta di permesso di costruire in deroga, con relativo cambio d’uso dell’area, da residenziale a ricettiva un passaggio determinante per la realizzazione del progetto.\r\n\r\nIl masterplan del progetto e l’intervento di riqualificazione e restauro dei villini, che verrà eseguito preservandone lo stile architettonico tipico del diciannovesimo secolo, è stato affidato a Bms, mentre l’interior design sarà curato dal duo francese Gilles&Boissier. L’f&b sarà affidato a DimoreStudio; P'arcnouveau è infine lo studio internazionale di architettura paesaggistica che si occuperà del verde.\r\n\r\nAll’interno del complesso, gli ospiti potranno provare sei ristoranti e bar in diversi ambienti, a cui si aggiungerà la possibilità di scegliere se cenare all’aperto, oppure all’interno delle ville. Il Mandarin Bar sarà situato su un’ampia terrazza panoramica con vista sulla città. La Spa at Mandarin Oriental proporrà un’ampia gamma di esperienze benessere del gruppo. Gli amanti del fitness avranno a disposizione macchinari di ultima generazione, un’ampia piscina coperta oltre a quelle esterne che sorgeranno nel cuore dei giardini. Sei sale per i trattamenti, una suite vip, stanze termali e una terrazza completano l’offerta di benessere.","post_title":"Mandarin Oriental sbarca a Roma: aprirà nel 2026 nel complesso dei Villini Sallustiani","post_date":"2024-05-17T11:54:14+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1715946854000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467536","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuova iniziativa della Cina per incentivare gli arrivi turistici: i viaggiatori che entrano nel Paese a bordo di crociere internazionali possono infatti soggiornare in alcune province senza visto, per un massimo di 15 giorni.\r\n\r\nSecondo un comunicato dell'Amministrazione nazionale cinese per l'immigrazione (Nia), le norme prevedono che gli stranieri entrino attraverso uno dei 13 porti crocieristici costieri del Paese. La normativa - naturale evoluzione di un progetto pilota del 2016, che era limitato agli ingressi attraverso il terminal crociere di Shanghai e poi sospeso a causa della pandemia - prevede che i visitatori debbano viaggiare come parte di un gruppo turistico di almeno due persone e lasciare il Paese con la stessa crociera. Le agenzie di viaggio che gestiscono i viaggi devono essere registrate nella Cina continentale.\r\n\r\nLo scorso dicembre, la Cina ha iniziato a consentire ai viaggiatori provenienti da Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Spagna e Malesia di entrare nel Paese senza visto per 15 giorni per affari, turismo, visite familiari e transito. A febbraio è entrato in vigore anche un accordo di esenzione reciproca dal visto tra Cina e Singapore. Il Paese ha inoltre ampliato la sua politica di transito senza visto, portando il numero di paesi a 54 dopo aver incluso la Norvegia a novembre. I cittadini di questi paesi non hanno bisogno di un visto per entrare in Cina purché abbiano prenotato un biglietto successivo per un paese o una regione terza.\r\n\r\n\"La piena attuazione della politica di esenzione dal visto d'ingresso per i turisti stranieri in crociera è un pilastro importante per accelerare lo sviluppo dell'economia crocieristica cinese e una misura importante per promuovere l'apertura istituzionale della Cina\", si legge nella nota della Nia.","post_title":"Cina: niente visto per i crocieristi che entrano nel Paese per un massimo di 15 giorni","post_date":"2024-05-17T11:45:13+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1715946313000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467576","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"New entry sarda per il network Virtuoso: l'hotel Abi d'Oru di Porto Rotondo porta a sei gli indirizzi sardi compresi nel portfolio della rete agenziale specializzata nel lusso, su un totale di 154 strutture in Italia.  L'Abi d'Oru, in sardo Ape d’Oro, ha aperto le porte della sua ospitalità nel 1963, a soli quattro chilometri da Porto Rotondo ed è affacciato direttamente sul golfo di Marinella. Nel 2023 ha inaugurato le nuove camere e suite e la nuova piscina con pool bar, per un totale di 130 stanze di tipologie diverse inserite nell'architettura realizzata da Antonio Simon Mossa, architetto, politologo e scrittore sardo oltre 60 anni fa.\r\n\r\nPilastro dell'ospitalità di Abi d'Oru è il forte legame con il territorio e per questo l'invito agli ospiti è quello di scoprire i caratteri e le personalità sarde nelle suite Al mare con: dalla giudicessa Eleonora d'Arborea al premio Nobel per la letteratura Grazia Deledda; da Antonio Gramsci alla grande artista Maria Lai e da Eva Mameli, madre di Italo Calvino e prima donna in Italia a insegnare botanica all'università, alla designer Edina Altara. Con i suoi tre diversi ristoranti, quest'anno l'Abi d'Oru è pronto a riaprire il 16 maggio, con una nuova offerta gastronomica.\r\n\r\n“E’ una soddisfazione annunciare l'ingresso dell'Abi d'Oru nel network Virtuoso, risultato dovuto al grande lavoro del team commerciale, con a capo Nicola Monello, e di tutto il personale dell'hotel, che riesce anno dopo anno a rendere felici gli ospiti, anche i più esigenti - spiega l'amministratore delegato dell'hotel Abi d'Oru, Diana Zuncheddu -. Grazie agli investimenti e agli interventi di restyling intrapresi negli ultimi anni, la struttura ha raggiunto il livello di ospitalità che ci siamo prefissati e oggi ancora di più anche a livello internazionale, grazie a Virtuoso. Credo che questa affiliazione sia meritata da una destinazione come la Sardegna e da un hotel pioniere e icona dell'alta ospitalità, come il nostro\".","post_title":"Il sardo Abi d'Oru entra nel network Virtuoso","post_date":"2024-05-17T11:23:42+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1715945022000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti