26 November 2022

Qantas: stima al rialzo per i profitti del semestre grazie al boom della domanda di viaggio

[ 0 ]

Il Gruppo Qantas prevede un miglioramento dei profitti per la prima metà dell’anno fiscale 2022-23, che si concluderà il prossimo 31 dicembre: si tratta di un utile al lordo delle imposte compreso tra 1,35 e 1,45 miliardi di dollari australiani, in altre parole, un aumento di 150 milioni di dollari australiani rispetto all’intervallo di profitto indicato all’inizio dell’ottobre scorso.

La compagnia aerea attribuisce l’aumento al balzo in avanti della domanda di viaggio, con i consumatori disposti a privilegiare le spese di viaggio rispetto ad altre categorie di spesa.

Qantas ha precisato che i costi del carburante rimangono significativamente elevati rispetto all’anno fiscale precedente e si prevede che raggiungeranno circa 5 miliardi di dollari australiani durante l’intero esercizio, un record per il Gruppo, nonostante la capacità internazionale sia inferiore di circa il 30% rispetto ai livelli pre-Covid.

 

Il Gruppo conferma di proseguire nell’aumento di capacità offerta il più rapidamente possibile nella seconda metà dell’anno, mantenendo al contempo l’affidabilità operativa.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434826 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Emirates aggiunge un nuovo volo giornaliero diretto da Dubai a Colombo, dal prossimo 1° dicembre. Il collegamento risponde all'aumento stagionale della domanda di viaggi, e permette di portare a tre il numero di voli giornalieri tra le due città, inclusi due voli diretti e uno operante attraverso la capitale delle Maldive, Malé. Il servizio giornaliero aggiuntivo di Emirates opererà direttamente tra Dubai e Colombo, tranne dal 16 al 30 dicembre, quando il servizio da Dubai a Colombo farà scalo a Malé.   Emirates ha lanciato le operazioni in Sri Lanka nel 1986 e ha celebrato 36 anni di operazioni a Colombo all'inizio di quest'anno. La compagnia aerea ha firmato un memorandum d'intesa con lo Sri Lanka Tourism Promotion Bureau nel 2022, riaffermando il suo impegno nei confronti del Paese e delineando iniziative reciprocamente vantaggiose che contribuiranno a rilanciare l'industria del commercio e del turismo del Paese. [post_title] => Emirates aumenta la capacità su Colombo con il terzo volo giornaliero, dal 1° dicembre [post_date] => 2022-11-25T11:37:05+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669376225000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434775 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => DEDE.CO (Destination Design Conference) torna in Liguria . Nasce sette anni fa come Travel marketing days, con la prima edizione svolta a Finale Ligure, e quest’anno ritorna il 13 e 14 dicembre in presenza all’Auditorium di Santa Caterina di Finalborgo e in live streaming. L’edizione 2022 di DEDE.CO intende concentrarsi e interrogarsi sul ruolo che il turismo - e, in particolare, il destination design - può assumere nelle dinamiche di sviluppo e gestione dei territori più piccoli e marginali. La destinazione sarà al centro degli interventi dei relatori in calendario. Il turismo è leva di sviluppo territoriale, il cambio di passo è ragionare di identità non solo in termini di brand, ma di comunità. Invertire il paradigma in quanto non è la domanda che fa l’offerta, ma il territorio che fa la destinazione (e attrae turisti consapevoli). La destinazione è l’espressione della comunità e delle risorse di un luogo: in un’ottica di sostenibilità, non solo ambientale, sono la comunità e le risorse di un territorio a determinare l’offerta turistica della destinazione. Molti gli obiettivi di Dedeco: avviare un confronto tra i vari decision makers, indagare le tendenze attuali e gli scenari futuri del mercato turistico italiano e internazionale, delineare una visione comune del territorio e delle località prese in esame, elaborare nuove proposte di valore e di prodotto turistico, da presentare a un mercato sempre più esigente e segmentato. [post_title] => Finale Ligure ospita dal 13 al 14 dicembre la Destination Design Conference, focus su turismo e sviluppo dei piccoli territori [post_date] => 2022-11-25T09:54:05+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669370045000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434793 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "Certo, c'è da considerare la stagionalità, perché il Giappone è una delle prime destinazioni a partire a primavera e naturalmente manca ancora gran parte dell'estate, ma a oggi il Paese del Sol levante vale poco meno di un terzo del fatturato complessivo del nostro consorzio". Michele Serra l'aveva già detto in occasione dell'ultima fiera di Rimini che il Giappone sarebbe stata la meta del 2023. Ora però sono le cifre a parlare e a confermare quanto il presidente di Quality Group aveva affermato ormai più di un mese fa: "E' stata dura, ma ora ci prepariamo a riprenderci con gli interessi quanto abbiamo investito nel 2022 per far ripartire questa meta". In effetti il percorso non è stato affatto facile: "Io sono tornato in Giappone con un visto di lavoro ad aprile, quando ancora non si poteva entrare nel Paese per turismo  Ed è stata un'esperienza incredibile - racconta sempre Serra, in occasione della presentazione del prodotto Tokyo d'inverno targato Mistral -. Una volta riaperti i confini, i paletti messi dal governo locale sono però diventati ostacoli quasi impossibili da sormontare. Si poteva viaggiare solamente in gruppo con una guida locale presente 24 ore su 24. Inoltre occorreva il visto, cosa che fino al 2019 non era richiesto. E nelle rappresentanze diplomatiche giapponesi in Italia non c'era personale dedicato; quindi le procedure si sono subito rivelate lunghe e farraginose. Risultato: quando abbiamo fatto partire il nostro primo gruppo lo scorso luglio, unici in Europa, i nostri corrispondenti locali erano talmente stupiti da chiederci come avessimo fatto. In molti, prima di noi, avevano rinunciato". Tante e tali complicazioni non potevano inoltre che ricadere sul lato costi. "Ma ci siamo detti che l'importante, in fondo, era rimettere la macchina in moto - prosegue Serra - Ci siamo quindi sobbarcati noi le maggiori spese e tutti i viaggi verso il Giappone sono stati gestiti in perdita fino al mese di ottobre, quando finalmente la riapertura è diventata completa. Ora ci aspettiamo un 2023 in grado di superare di gran lunga i nostri record di fatturato sulla destinazione. Il tutto con marginalità ottime. E il Giappone, ricordo, per noi è stata a lungo la prima meta in termini di ricavi, superando persino gli Stati Uniti, a cui è dedicato un tour operator ad hoc del consorzio". Ciò detto, le sfide non mancheranno neppure l'anno prossimo. "A partire dai voli, che invece mancano - conclude Serra -. C'è più domanda rispetto alla disponibilità. E poi i prezzi sono altissimi. Tanto che al momento noi lavoriamo quasi esclusivamente con le compagnie emiratine e con la All Nippon Airways via Francoforte. Inoltre c'è la questione risorse umane in loco. I giapponesi non hanno infatti la cassa integrazione, ma le istituzioni durante la pandemia hanno comunque provveduto a pagare loro gli stipendi, impiegandoli in altre attività. Il problema è che un buon numero di persone che lavorava nel turismo non è ancora tornato alle proprie professioni originarie. Tocca perciò a noi svolgere una parte consistente dei compiti che una volta erano di loro competenza. Con uno sforzo che non credo sia difficile immaginare...". [post_title] => Serra, Quality: il Giappone a oggi vale quasi un terzo del nostro fatturato [post_date] => 2022-11-25T09:30:23+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669368623000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434796 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Mistral scommette su Tokyo d’Inverno: itinerario su base individuale con visite di gruppo in esclusiva. La proposta permette ai visitatori di scoprire la città con un volto insolito, pennellata di rosso e di ruggine, della fine del foliage, o del bianco della neve, illuminata dal cielo terso. "Un'occasione tra l'altro per visitare il Giappone in un momento in cui i costi sono più bassi, rispetto all'alta stagione - racconta il product manager, Gabriele Bassi -. Ma anche un'opportunità per i repeaters che desiderano visitare la capitale sotto una luce differente". I visitatori potranno tra le altre cose raggiungere il parco delle Scimmie delle Nevi, uno tra i più suggestivi del Paese, raggiungibile comodamente in treno, per osservare le scimmie selvatiche che nei mesi freddi si rifugiano nel caldo delle acque termali. "Siamo stati il primo operatore italiano a far partire gruppi di turisti per il Sol levante a luglio - sottolinea Bassi -. Le richieste nel corso dell’estate sono state molto elevate, tanto che siamo riusciti a confermare fino a cinque partenze settimanali, con numeri di partecipanti consistenti. Da settembre sono via via diminuite le restrizioni e di pari passo sono incrementate le prenotazioni. Un trend che mantiene un segno positivo anche per il 2023. Tutto ciò ci ha spinti a investire fortemente sulla destinazione; ci siamo così assunti il rischio di acquisire migliaia di posti volo in allotment, per riuscire a contenere i costi dei voli e a offrire per tutto l’anno proposte di viaggio molto competitive”. Anche lato programmazione Mistral Tour ha mantenuto quindi la propria offerta, ripristinando le durate degli itinerari come nel 2019 e rendendo il viaggio più fluido, con tempi dilatati e ottimizzati, senza variazioni di prezzo, grazie soprattutto agli accordi firmati con i partner in loco. “La nostra programmazione si presenta con una struttura capillare, forte anche di un ufficio Quality permanente a Tokyo, in grado di assistere i viaggiatori per ogni loro esigenza - conclude Bassi -. Si tratta di un prodotto solido, consolidato e rinnovato, che non si fonda su tariffe dinamiche ma garantisce stabilità di tariffe che a oggi risultano addirittura inferiori a quelle del 2019”. Nel dettaglio, la sezione viaggi di gruppo di Mistral riconferma dunque cinque itinerari di varia lunghezza, rinnovati per incontrare le esigenze dei clienti. Tra questi, Alla scoperta del Giappone si presenta quest’anno con delle varianti stagionali, per consentire di valorizzare il territorio in base al periodo dell’anno in cui lo si visita. Panorama Giapponese è invece un tour di 14 giorni, il più lungo e completo della programmazione. Include un itinerario comune a tutto il gruppo della durata di dieci giorni, a cui seguono tre possibili varianti: Koyasan, fede e natura; Naoshima, l’isola dell’arte; Nagasaki, la porta del Giappone. Anche lato viaggi individuali, Mistral conferma infine un ricco ventaglio di proposte, circa 20 preconfezionate, sia con assistenza privata sia in libertà.   [post_title] => Tokyo d'Inverno è la novità Mistral per sfruttare il boom della domanda sul Giappone [post_date] => 2022-11-25T09:18:45+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669367925000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434785 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Chiude a 830 milioni di euro l'anno del comparto tour operating di Alpitour World: la metà del fatturato complessivo di 1,6 miliardi del gruppo. «Non siamo ancora ai livelli del 2019 - racconta il general manager tour operating della compagnia, Pier Ezhaya, a margine della presentazione del nuovo logo -. Ma già dall'anno prossimo prevediamo di tornare sugli 1,35 miliardi di tre anni fa!. Molto bene stanno andando soprattutto le Maldive, l'Egitto e la Repubblica Dominicana. «Quest'ultima destinazione - prosegue Ezhaya - pare aver preso un po' il posto di Messico e Cuba come star dell'area caraibica. Buone poi le performance dell'Africa Orientale, soprattutto di Kenya e Zanzibar». «Per il 2023 ci aspettiamo quindi una ripresa del Messico e soprattutto una crescita su Mauritius, dove per la prima volta nella nostra storia posizioneremo un volo Neos, a partire dal prossimo 20 dicembre. Ci aspettiamo inoltre un Egitto ancora tonico e una Tunisia in recupero. La meta maghrebina potrebbe in particolare guadagnare quote di mercato a scapito di altre destinazioni mediterranee tradizionalmente più care come la Spagna e la Grecia, che potrebbero risentire della crescita dell'inflazione e della conseguente perdita di potere d'acquisto dei viaggiatori. Sul lungo raggio, infine, continuano a esercitare un grande appeal gli Stati Uniti, nonostante il cambio euro-dollaro sfavorevole. Ci attendiamo poi la ripartenza forte di Giappone e Thailandia e una sostanziale conferma dell'Indonesia". Reset della domanda A faticare un po' sono invece le mete nuove. Quelle destinazioni lanciate nel 2019, appena prima dello scoppio della pandemia, che all'epoca sembravano godere di ottime prospettive e che ora invece stentano a trovare spazio tra i desiderata degli italiani. "E' un po' come se il Covid avesse generato una sorta di reset nella domanda. Poca Naxos in Grecia, quindi per intenderci, ma si torna invece volentieri e Mykonos, Creta e Rodi. Anche l'Oman, che prometteva benissimo, oggi soffre un po'. «Noi però non ci fermiamo e oltre a trovare nuove strategie per queste mete, continuiamo a pensare anche ad altre destinazioni. Al momento stiamo per esempio studiando la Guinea Equatoriale, che ha molto da offrire soprattutto dal punto di vista naturalistico, e abbiamo introdotto una nuova declinazione di Doha. Il tutto, senza naturalmente dimenticare la novità Arabia Saudita: direi inevitabile visti gli investimenti che il Paese sta effettuando per valorizzare la propria proposta turistica». [post_title] => Ezhaya, Alpitour: il to chiude a 830 mln. Nel 2023 ai livelli pre-Covid [post_date] => 2022-11-25T09:15:26+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669367726000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434682 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_417510" align="alignleft" width="300"] Alberto Viano, presidente Aniasa[/caption] Continua a crescere l’interesse dei privati verso il noleggio di vetture a lungo termine, specialmente elettriche ed ibride. In queste settimane, anche grazie agli incentivi (seppur limitati al 50%), il settore del noleggio veicoli sta registrando una forte ripresa degli ordini di queste vetture, superiore del 30% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. La clientela privata (con o senza partita Iva) del settore ha ormai raggiunto quota 170.000. È questa l’istantanea che emerge dall’analisi realizzata da Aniasa, l’Associazione che all’interno di Confindustria rappresenta il settore dei servizi di mobilità, che fornisce uno spaccato dei nuovi scenari del mercato dell’auto sempre più proiettato all’uso rispetto alla proprietà. È in deciso aumento il numero di privati che scelgono forme di mobilità pay-per-use rinunciando all’acquisto della vettura: nei primi dieci mesi dell’anno sono arrivati a quota 170.000 (suddivisi tra 95.000 muniti solo di codice fiscale e 75.000 dotati anche di partita Iva). Un trend in continua ascesa anche nel nostro Paese, che oggi può registrare un’ulteriore spinta grazie alla scelta del Governo di concedere eco-incentivi anche per il noleggio di vetture elettrificate ed ibride. Da gennaio a ottobre queste motorizzazioni hanno costituito il 35% delle alimentazioni scelte dal canale del noleggio. A spingere gli italiani verso questa formula è oggi sicuramente la convenienza economica (15% di risparmio rispetto alla proprietà secondo diverse stime), oltre alla certezza del costo mensile che annulla i rischi di spese extra connesse al veicolo, al risparmio di tempo legato alla “burocrazia dell’auto” e alla vendita dell’usato (l’obsolescenza tecnica è oggi uno dei veri problemi della transizione). Il fenomeno ha visto una crescita impetuosa negli ultimi anni: +260% rispetto al 2020, quando erano 65.000 i contraenti privati che utilizzavano il noleggio ed il trend è destinato a proseguire nei prossimi mesi/anni. «La penetrazione del noleggio a lungo termine presso i privati - osserva il presidente Aniasa, Alberto Viano - rappresenta uno dei mega trend della mobilità a livello internazionale, con il graduale passaggio dalla proprietà all’uso dell’auto. Oggi una spinta alla scelta di questa formula arriva anche dall’avvento dell’elettrico. Il noleggio consente di sposare questa alimentazione, venendo sollevati dalle incognite relative al passaggio tecnologico, alla manutenzione del veicolo e infine alla sua rivendita, attraverso un più sostenibile canone mensile che evita di investire ingenti somme (non a tutti accessibili) al momento dell’acquisto. Il noleggio costituisce lo strumento più diretto ed economicamente sostenibile per la transizione ecologica del nostro parco circolante».  «Una nuova spinta alla crescita sta arrivando dagli incentivi stanziati dal Governo anche per i privati che scelgono di noleggiare vetture a basso impatto ambientale. Per imprimere un’ulteriore accelerazione alla diffusione di queste alimentazioni chiediamo al Governo di portare l’attuale misura degli incentivi dal 50% al 100%, riequilibrando la situazione rispetto alla proprietà ed al leasing», ha concluso Viano. I 170mila contratti di noleggio con soggetti privati si aggiungono oggi alla restante parte della clientela ormai consolidata: 85.000 aziende, 2.900 PA e oltre 71mila partite Iva (artigiani e professionisti). L’apporto dei soggetti privati, con e senza partita Iva, raggiunge oggi il 15% della complessiva flotta di 1,1 milioni di veicoli in noleggio a lungo termine circolanti sul territorio nazionale, mentre in termini di giro d’affari rappresenta circa il 25% del totale. [post_title] => Aniasa: continua la crescita d'interesse verso il noleggio lungo [post_date] => 2022-11-24T10:21:44+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669285304000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434676 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Europa è l'area che sta recuperando più velocemente il numero di turisti pre-pandemia. Il continente ha chiuso il periodo gennaio-settembre raggiungendo l'81% di questi livelli, con 477 milioni di arrivi internazionali, ben al di sopra della media mondiale (63%). Secondo i dati Unwto, questa cifra è stata più del doppio rispetto a quella del 2021 (+126%), con risultati trainati dalla forte domanda intraregionale e dai viaggi dagli Stati Uniti. Il terzo trimestre dell'anno è stato un grande impulso alle cifre, quando i dati sui visitatori si sono attestati a quasi il 90%. L'Europa occidentale (88%) e l'Europa mediterranea meridionale (86%) hanno registrato la ripresa più rapida, seguite dai Caraibi (82%) e dall'Europa settentrionale (81%). Qui spiccano Spagna, Francia, Portogallo, Italia o i paesi nordici. Tuttavia, altri mercati sono ancora molto lenti. Sebbene il Medio Oriente abbia registrato arrivi più che triplicati (+225%) in questo periodo, è solo il 77% del livello pre-pandemia. Ma i dati peggiori vengono dall'Africa e dalle Americhe, che registrano appena il 63% e il 66%, rispettivamente. La ripresa del turismo dà più segnali di ottimismo in vari indicatori, come la capacità aerea e le metriche alberghiere. Unwto Tourism Recovery Tracker rivela che la capacità di posti aerei sulle rotte internazionali nel periodo gennaio-agosto ha raggiunto il 62% dei livelli del 2019, con l'Europa (78%) e le Americhe (76%) che hanno registrato i migliori risultati.  Da parte sua, i tassi di occupazione alberghiera globale hanno raggiunto il 66% a settembre, in crescita del 23% da gennaio. Il continente europeo è ancora una volta in testa con livelli di occupazione del 77% nel nono mese dell'anno, dopo tassi del 74% di luglio e agosto. Seguono di gran lunga l'America (66%), il Medio Oriente (63%) e l'Africa (61%). [post_title] => Unwto: l'Europa recupera più di tutti. 477 milioni di arrivi internazionali [post_date] => 2022-11-24T10:10:53+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669284653000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434659 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Gruppo Qantas prevede un miglioramento dei profitti per la prima metà dell'anno fiscale 2022-23, che si concluderà il prossimo 31 dicembre: si tratta di un utile al lordo delle imposte compreso tra 1,35 e 1,45 miliardi di dollari australiani, in altre parole, un aumento di 150 milioni di dollari australiani rispetto all'intervallo di profitto indicato all'inizio dell'ottobre scorso. La compagnia aerea attribuisce l'aumento al balzo in avanti della domanda di viaggio, con i consumatori disposti a privilegiare le spese di viaggio rispetto ad altre categorie di spesa. Qantas ha precisato che i costi del carburante rimangono significativamente elevati rispetto all'anno fiscale precedente e si prevede che raggiungeranno circa 5 miliardi di dollari australiani durante l'intero esercizio, un record per il Gruppo, nonostante la capacità internazionale sia inferiore di circa il 30% rispetto ai livelli pre-Covid.   Il Gruppo conferma di proseguire nell'aumento di capacità offerta il più rapidamente possibile nella seconda metà dell'anno, mantenendo al contempo l'affidabilità operativa. [post_title] => Qantas: stima al rialzo per i profitti del semestre grazie al boom della domanda di viaggio [post_date] => 2022-11-24T09:45:46+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669283146000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434249 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Stringersi la mano non è mai stato così bello! Costa Crociere torna finalmente a incontrare di persona gli agenti di viaggio per ascoltarne i bisogni, condividere idee e strategie e continuare a pianificare insieme il futuro. Sono decine gli appuntamenti in programma che si susseguono in queste settimane nelle principali città italiane e a bordo delle navi Costa. Un ricchissimo palinsesto d’autunno che coinvolge migliaia di agenzie di viaggio di tutta Italia, costruito per ringraziare i partner della distribuzione che non hanno mai smesso di essere al fianco della compagnia e presentare loro tutte le iniziative commerciali e di prodotto e i nuovi servizi per il 2023. Incontri che sono supportati dal lancio della campagna commerciale Black Friday, dall’8 al 30 novembre. Un’iniziativa  che offre l’opportunità imperdibile di prenotare in anticipo, e a prezzi convenienti, crociere con partenze fino all’estate, e che sarà accompagnata da un importante piano di comunicazione con spot in tv, radio, sms, dem, online media e social durante tutto il periodo per invogliare i clienti ad andare in agenzia e a prenotare sin da ora la propria crociera per il nuovo anno. Tutte le tappe del roadshow Costa  Catania, Palermo, Cagliari, Bari, Napoli, Roma, Milano, Torino, Genova, Bologna, Mestre e Verona: sono le 12 tappe del road show Insieme per creare valore che per tutto il mese di novembre vede la direzione commerciale Italia della compagnia incontrare oltre 1.500 agenzie di viaggi. Ogni appuntamento rappresenta un’occasione unica per tornare a parlarsi di persona e conoscere in anteprima i contenuti del nuovo contratto di Valore e tutti gli strumenti e servizi, ancora più utili e premianti, che Costa Crociere metterà a disposizione delle agenzie a partire dal mese di dicembre. Dopo gli incontri sul territorio di ottobre tra gli area manager e oltre 1.700 agenti di viaggio, dai primi di novembre sono ripartiti anche i fam trip dedicati alla scoperta del prodotto: quattro crociere, a bordo di Costa Smeralda, Costa Firenze e Costa Pacifica, durante le quali circa mille agenti stanno avendo l’opportunità di toccare con mano, ancora una volta, la qualità delle crociere Costa: dalle esperienze gastronomiche uniche e indimenticabili alle nuove escursioni a terra più lunghe di sempre fino al ricchissimo palinsesto di intrattenimento a bordo. “Siamo davvero felici del riscontro che tutte queste iniziative stanno avendo. La partecipazione e l’entusiasmo da parte delle agenzie di viaggio sta superando ogni nostra aspettativa – commenta il direttore vendite, Riccardo Fantoni –. Abbiamo voluto ripartire da dove ci eravamo lasciati: tornare a incontrarci di persona per ascoltare gli agenti, che rimangono i primi e più importanti ambasciatori del nostro prodotto”. Black Friday, Costa spinge l'early booking Novembre, però, vuol dire anche Black Friday. Per continuare a stimolare la domanda e portare sin da ora i clienti a prenotare in agenzia la loro prossima crociera, guardando non solo all’inverno ma anche alla prossima primavera-estate, Costa ha lanciato una speciale campagna commerciale con oltre 150 crociere in promozione, con partenze fino ad aprile 2023, su Mediterraneo, Emirati Arabi, Caraibi e crociere transatlantiche di posizionamento. Con prezzi a partire da 299 euro per persona, confermando la prenotazione con soli 50 euro di acconto, i clienti Costa potranno  prenotare senza pensieri e a prezzi vantaggiosi il loro prossimo viaggio, con cancellazione gratuita fino a 30 giorni dalla  partenza per le crociere entro il 31 marzo 2023. [post_title] => Costa, insieme per creare valore: tornano gli incontri con le agenzie sul territorio [post_date] => 2022-11-24T09:30:01+00:00 [category] => Array ( [0] => informazione-pr [1] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Informazione PR [1] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669282201000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "qantas stima al rialzo per i profitti del semestre grazie al boom della domanda di viaggio" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":96,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1814,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434826","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Emirates aggiunge un nuovo volo giornaliero diretto da Dubai a Colombo, dal prossimo 1° dicembre. Il collegamento risponde all'aumento stagionale della domanda di viaggi, e permette di portare a tre il numero di voli giornalieri tra le due città, inclusi due voli diretti e uno operante attraverso la capitale delle Maldive, Malé.\r\nIl servizio giornaliero aggiuntivo di Emirates opererà direttamente tra Dubai e Colombo, tranne dal 16 al 30 dicembre, quando il servizio da Dubai a Colombo farà scalo a Malé.\r\n \r\nEmirates ha lanciato le operazioni in Sri Lanka nel 1986 e ha celebrato 36 anni di operazioni a Colombo all'inizio di quest'anno. La compagnia aerea ha firmato un memorandum d'intesa con lo Sri Lanka Tourism Promotion Bureau nel 2022, riaffermando il suo impegno nei confronti del Paese e delineando iniziative reciprocamente vantaggiose che contribuiranno a rilanciare l'industria del commercio e del turismo del Paese.","post_title":"Emirates aumenta la capacità su Colombo con il terzo volo giornaliero, dal 1° dicembre","post_date":"2022-11-25T11:37:05+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669376225000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434775","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"DEDE.CO (Destination Design Conference) torna in Liguria . Nasce sette anni fa come Travel marketing days, con la prima edizione svolta a Finale Ligure, e quest’anno ritorna il 13 e 14 dicembre in presenza all’Auditorium di Santa Caterina di Finalborgo e in live streaming.\r\n\r\nL’edizione 2022 di DEDE.CO intende concentrarsi e interrogarsi sul ruolo che il turismo - e, in particolare, il destination design - può assumere nelle dinamiche di sviluppo e gestione dei territori più piccoli e marginali.\r\n\r\nLa destinazione sarà al centro degli interventi dei relatori in calendario. Il turismo è leva di sviluppo territoriale, il cambio di passo è ragionare di identità non solo in termini di brand, ma di comunità. Invertire il paradigma in quanto non è la domanda che fa l’offerta, ma il territorio che fa la destinazione (e attrae turisti consapevoli). La destinazione è l’espressione della comunità e delle risorse di un luogo: in un’ottica di sostenibilità, non solo ambientale, sono la comunità e le risorse di un territorio a determinare l’offerta turistica della destinazione.\r\n\r\nMolti gli obiettivi di Dedeco: avviare un confronto tra i vari decision makers, indagare le tendenze attuali e gli scenari futuri del mercato turistico italiano e internazionale, delineare una visione comune del territorio e delle località prese in esame, elaborare nuove proposte di valore e di prodotto turistico, da presentare a un mercato sempre più esigente e segmentato.","post_title":"Finale Ligure ospita dal 13 al 14 dicembre la Destination Design Conference, focus su turismo e sviluppo dei piccoli territori","post_date":"2022-11-25T09:54:05+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669370045000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434793","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"Certo, c'è da considerare la stagionalità, perché il Giappone è una delle prime destinazioni a partire a primavera e naturalmente manca ancora gran parte dell'estate, ma a oggi il Paese del Sol levante vale poco meno di un terzo del fatturato complessivo del nostro consorzio\". Michele Serra l'aveva già detto in occasione dell'ultima fiera di Rimini che il Giappone sarebbe stata la meta del 2023. Ora però sono le cifre a parlare e a confermare quanto il presidente di Quality Group aveva affermato ormai più di un mese fa: \"E' stata dura, ma ora ci prepariamo a riprenderci con gli interessi quanto abbiamo investito nel 2022 per far ripartire questa meta\".\r\n\r\nIn effetti il percorso non è stato affatto facile: \"Io sono tornato in Giappone con un visto di lavoro ad aprile, quando ancora non si poteva entrare nel Paese per turismo  Ed è stata un'esperienza incredibile - racconta sempre Serra, in occasione della presentazione del prodotto Tokyo d'inverno targato Mistral -. Una volta riaperti i confini, i paletti messi dal governo locale sono però diventati ostacoli quasi impossibili da sormontare. Si poteva viaggiare solamente in gruppo con una guida locale presente 24 ore su 24. Inoltre occorreva il visto, cosa che fino al 2019 non era richiesto. E nelle rappresentanze diplomatiche giapponesi in Italia non c'era personale dedicato; quindi le procedure si sono subito rivelate lunghe e farraginose. Risultato: quando abbiamo fatto partire il nostro primo gruppo lo scorso luglio, unici in Europa, i nostri corrispondenti locali erano talmente stupiti da chiederci come avessimo fatto. In molti, prima di noi, avevano rinunciato\".\r\n\r\nTante e tali complicazioni non potevano inoltre che ricadere sul lato costi. \"Ma ci siamo detti che l'importante, in fondo, era rimettere la macchina in moto - prosegue Serra - Ci siamo quindi sobbarcati noi le maggiori spese e tutti i viaggi verso il Giappone sono stati gestiti in perdita fino al mese di ottobre, quando finalmente la riapertura è diventata completa. Ora ci aspettiamo un 2023 in grado di superare di gran lunga i nostri record di fatturato sulla destinazione. Il tutto con marginalità ottime. E il Giappone, ricordo, per noi è stata a lungo la prima meta in termini di ricavi, superando persino gli Stati Uniti, a cui è dedicato un tour operator ad hoc del consorzio\".\r\n\r\nCiò detto, le sfide non mancheranno neppure l'anno prossimo. \"A partire dai voli, che invece mancano - conclude Serra -. C'è più domanda rispetto alla disponibilità. E poi i prezzi sono altissimi. Tanto che al momento noi lavoriamo quasi esclusivamente con le compagnie emiratine e con la All Nippon Airways via Francoforte. Inoltre c'è la questione risorse umane in loco. I giapponesi non hanno infatti la cassa integrazione, ma le istituzioni durante la pandemia hanno comunque provveduto a pagare loro gli stipendi, impiegandoli in altre attività. Il problema è che un buon numero di persone che lavorava nel turismo non è ancora tornato alle proprie professioni originarie. Tocca perciò a noi svolgere una parte consistente dei compiti che una volta erano di loro competenza. Con uno sforzo che non credo sia difficile immaginare...\".","post_title":"Serra, Quality: il Giappone a oggi vale quasi un terzo del nostro fatturato","post_date":"2022-11-25T09:30:23+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669368623000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434796","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Mistral scommette su Tokyo d’Inverno: itinerario su base individuale con visite di gruppo in esclusiva. La proposta permette ai visitatori di scoprire la città con un volto insolito, pennellata di rosso e di ruggine, della fine del foliage, o del bianco della neve, illuminata dal cielo terso. \"Un'occasione tra l'altro per visitare il Giappone in un momento in cui i costi sono più bassi, rispetto all'alta stagione - racconta il product manager, Gabriele Bassi -. Ma anche un'opportunità per i repeaters che desiderano visitare la capitale sotto una luce differente\". I visitatori potranno tra le altre cose raggiungere il parco delle Scimmie delle Nevi, uno tra i più suggestivi del Paese, raggiungibile comodamente in treno, per osservare le scimmie selvatiche che nei mesi freddi si rifugiano nel caldo delle acque termali.\r\n\r\n\"Siamo stati il primo operatore italiano a far partire gruppi di turisti per il Sol levante a luglio - sottolinea Bassi -. Le richieste nel corso dell’estate sono state molto elevate, tanto che siamo riusciti a confermare fino a cinque partenze settimanali, con numeri di partecipanti consistenti. Da settembre sono via via diminuite le restrizioni e di pari passo sono incrementate le prenotazioni. Un trend che mantiene un segno positivo anche per il 2023. Tutto ciò ci ha spinti a investire fortemente sulla destinazione; ci siamo così assunti il rischio di acquisire migliaia di posti volo in allotment, per riuscire a contenere i costi dei voli e a offrire per tutto l’anno proposte di viaggio molto competitive”.\r\n\r\nAnche lato programmazione Mistral Tour ha mantenuto quindi la propria offerta, ripristinando le durate degli itinerari come nel 2019 e rendendo il viaggio più fluido, con tempi dilatati e ottimizzati, senza variazioni di prezzo, grazie soprattutto agli accordi firmati con i partner in loco. “La nostra programmazione si presenta con una struttura capillare, forte anche di un ufficio Quality permanente a Tokyo, in grado di assistere i viaggiatori per ogni loro esigenza - conclude Bassi -. Si tratta di un prodotto solido, consolidato e rinnovato, che non si fonda su tariffe dinamiche ma garantisce stabilità di tariffe che a oggi risultano addirittura inferiori a quelle del 2019”.\r\n\r\nNel dettaglio, la sezione viaggi di gruppo di Mistral riconferma dunque cinque itinerari di varia lunghezza, rinnovati per incontrare le esigenze dei clienti. Tra questi, Alla scoperta del Giappone si presenta quest’anno con delle varianti stagionali, per consentire di valorizzare il territorio in base al periodo dell’anno in cui lo si visita. Panorama Giapponese è invece un tour di 14 giorni, il più lungo e completo della programmazione. Include un itinerario comune a tutto il gruppo della durata di dieci giorni, a cui seguono tre possibili varianti: Koyasan, fede e natura; Naoshima, l’isola dell’arte; Nagasaki, la porta del Giappone. Anche lato viaggi individuali, Mistral conferma infine un ricco ventaglio di proposte, circa 20 preconfezionate, sia con assistenza privata sia in libertà.\r\n\r\n ","post_title":"Tokyo d'Inverno è la novità Mistral per sfruttare il boom della domanda sul Giappone","post_date":"2022-11-25T09:18:45+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669367925000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434785","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Chiude a 830 milioni di euro l'anno del comparto tour operating di Alpitour World: la metà del fatturato complessivo di 1,6 miliardi del gruppo. «Non siamo ancora ai livelli del 2019 - racconta il general manager tour operating della compagnia, Pier Ezhaya, a margine della presentazione del nuovo logo -. Ma già dall'anno prossimo prevediamo di tornare sugli 1,35 miliardi di tre anni fa!. Molto bene stanno andando soprattutto le Maldive, l'Egitto e la Repubblica Dominicana. «Quest'ultima destinazione - prosegue Ezhaya - pare aver preso un po' il posto di Messico e Cuba come star dell'area caraibica. Buone poi le performance dell'Africa Orientale, soprattutto di Kenya e Zanzibar».\r\n\r\n«Per il 2023 ci aspettiamo quindi una ripresa del Messico e soprattutto una crescita su Mauritius, dove per la prima volta nella nostra storia posizioneremo un volo Neos, a partire dal prossimo 20 dicembre. Ci aspettiamo inoltre un Egitto ancora tonico e una Tunisia in recupero. La meta maghrebina potrebbe in particolare guadagnare quote di mercato a scapito di altre destinazioni mediterranee tradizionalmente più care come la Spagna e la Grecia, che potrebbero risentire della crescita dell'inflazione e della conseguente perdita di potere d'acquisto dei viaggiatori. Sul lungo raggio, infine, continuano a esercitare un grande appeal gli Stati Uniti, nonostante il cambio euro-dollaro sfavorevole. Ci attendiamo poi la ripartenza forte di Giappone e Thailandia e una sostanziale conferma dell'Indonesia\".\r\nReset della domanda\r\nA faticare un po' sono invece le mete nuove. Quelle destinazioni lanciate nel 2019, appena prima dello scoppio della pandemia, che all'epoca sembravano godere di ottime prospettive e che ora invece stentano a trovare spazio tra i desiderata degli italiani. \"E' un po' come se il Covid avesse generato una sorta di reset nella domanda. Poca Naxos in Grecia, quindi per intenderci, ma si torna invece volentieri e Mykonos, Creta e Rodi. Anche l'Oman, che prometteva benissimo, oggi soffre un po'.\r\n\r\n«Noi però non ci fermiamo e oltre a trovare nuove strategie per queste mete, continuiamo a pensare anche ad altre destinazioni. Al momento stiamo per esempio studiando la Guinea Equatoriale, che ha molto da offrire soprattutto dal punto di vista naturalistico, e abbiamo introdotto una nuova declinazione di Doha. Il tutto, senza naturalmente dimenticare la novità Arabia Saudita: direi inevitabile visti gli investimenti che il Paese sta effettuando per valorizzare la propria proposta turistica».","post_title":"Ezhaya, Alpitour: il to chiude a 830 mln. Nel 2023 ai livelli pre-Covid","post_date":"2022-11-25T09:15:26+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza","topnews"],"post_tag_name":["In evidenza","Top News"]},"sort":[1669367726000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434682","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_417510\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Alberto Viano, presidente Aniasa[/caption]\r\n\r\nContinua a crescere l’interesse dei privati verso il noleggio di vetture a lungo termine, specialmente elettriche ed ibride. In queste settimane, anche grazie agli incentivi (seppur limitati al 50%), il settore del noleggio veicoli sta registrando una forte ripresa degli ordini di queste vetture, superiore del 30% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.\r\n\r\nLa clientela privata (con o senza partita Iva) del settore ha ormai raggiunto quota 170.000. È questa l’istantanea che emerge dall’analisi realizzata da Aniasa, l’Associazione che all’interno di Confindustria rappresenta il settore dei servizi di mobilità, che fornisce uno spaccato dei nuovi scenari del mercato dell’auto sempre più proiettato all’uso rispetto alla proprietà.\r\n\r\nÈ in deciso aumento il numero di privati che scelgono forme di mobilità pay-per-use rinunciando all’acquisto della vettura: nei primi dieci mesi dell’anno sono arrivati a quota 170.000 (suddivisi tra 95.000 muniti solo di codice fiscale e 75.000 dotati anche di partita Iva). Un trend in continua ascesa anche nel nostro Paese, che oggi può registrare un’ulteriore spinta grazie alla scelta del Governo di concedere eco-incentivi anche per il noleggio di vetture elettrificate ed ibride. Da gennaio a ottobre queste motorizzazioni hanno costituito il 35% delle alimentazioni scelte dal canale del noleggio.\r\n\r\nA spingere gli italiani verso questa formula è oggi sicuramente la convenienza economica (15% di risparmio rispetto alla proprietà secondo diverse stime), oltre alla certezza del costo mensile che annulla i rischi di spese extra connesse al veicolo, al risparmio di tempo legato alla “burocrazia dell’auto” e alla vendita dell’usato (l’obsolescenza tecnica è oggi uno dei veri problemi della transizione).\r\n\r\nIl fenomeno ha visto una crescita impetuosa negli ultimi anni: +260% rispetto al 2020, quando erano 65.000 i contraenti privati che utilizzavano il noleggio ed il trend è destinato a proseguire nei prossimi mesi/anni.\r\n\r\n«La penetrazione del noleggio a lungo termine presso i privati - osserva il presidente Aniasa, Alberto Viano - rappresenta uno dei mega trend della mobilità a livello internazionale, con il graduale passaggio dalla proprietà all’uso dell’auto. Oggi una spinta alla scelta di questa formula arriva anche dall’avvento dell’elettrico. Il noleggio consente di sposare questa alimentazione, venendo sollevati dalle incognite relative al passaggio tecnologico, alla manutenzione del veicolo e infine alla sua rivendita, attraverso un più sostenibile canone mensile che evita di investire ingenti somme (non a tutti accessibili) al momento dell’acquisto. Il noleggio costituisce lo strumento più diretto ed economicamente sostenibile per la transizione ecologica del nostro parco circolante».\r\n\r\n «Una nuova spinta alla crescita sta arrivando dagli incentivi stanziati dal Governo anche per i privati che scelgono di noleggiare vetture a basso impatto ambientale. Per imprimere un’ulteriore accelerazione alla diffusione di queste alimentazioni chiediamo al Governo di portare l’attuale misura degli incentivi dal 50% al 100%, riequilibrando la situazione rispetto alla proprietà ed al leasing», ha concluso Viano.\r\n\r\nI 170mila contratti di noleggio con soggetti privati si aggiungono oggi alla restante parte della clientela ormai consolidata: 85.000 aziende, 2.900 PA e oltre 71mila partite Iva (artigiani e professionisti). L’apporto dei soggetti privati, con e senza partita Iva, raggiunge oggi il 15% della complessiva flotta di 1,1 milioni di veicoli in noleggio a lungo termine circolanti sul territorio nazionale, mentre in termini di giro d’affari rappresenta circa il 25% del totale.","post_title":"Aniasa: continua la crescita d'interesse verso il noleggio lungo","post_date":"2022-11-24T10:21:44+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669285304000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434676","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Europa è l'area che sta recuperando più velocemente il numero di turisti pre-pandemia. Il continente ha chiuso il periodo gennaio-settembre raggiungendo l'81% di questi livelli, con 477 milioni di arrivi internazionali, ben al di sopra della media mondiale (63%). Secondo i dati Unwto, questa cifra è stata più del doppio rispetto a quella del 2021 (+126%), con risultati trainati dalla forte domanda intraregionale e dai viaggi dagli Stati Uniti. Il terzo trimestre dell'anno è stato un grande impulso alle cifre, quando i dati sui visitatori si sono attestati a quasi il 90%.\r\n\r\nL'Europa occidentale (88%) e l'Europa mediterranea meridionale (86%) hanno registrato la ripresa più rapida, seguite dai Caraibi (82%) e dall'Europa settentrionale (81%). Qui spiccano Spagna, Francia, Portogallo, Italia o i paesi nordici.\r\n\r\nTuttavia, altri mercati sono ancora molto lenti. Sebbene il Medio Oriente abbia registrato arrivi più che triplicati (+225%) in questo periodo, è solo il 77% del livello pre-pandemia. Ma i dati peggiori vengono dall'Africa e dalle Americhe, che registrano appena il 63% e il 66%, rispettivamente.\r\n\r\nLa ripresa del turismo dà più segnali di ottimismo in vari indicatori, come la capacità aerea e le metriche alberghiere. Unwto Tourism Recovery Tracker rivela che la capacità di posti aerei sulle rotte internazionali nel periodo gennaio-agosto ha raggiunto il 62% dei livelli del 2019, con l'Europa (78%) e le Americhe (76%) che hanno registrato i migliori risultati. \r\n\r\nDa parte sua, i tassi di occupazione alberghiera globale hanno raggiunto il 66% a settembre, in crescita del 23% da gennaio. Il continente europeo è ancora una volta in testa con livelli di occupazione del 77% nel nono mese dell'anno, dopo tassi del 74% di luglio e agosto. Seguono di gran lunga l'America (66%), il Medio Oriente (63%) e l'Africa (61%).","post_title":"Unwto: l'Europa recupera più di tutti. 477 milioni di arrivi internazionali","post_date":"2022-11-24T10:10:53+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669284653000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434659","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Gruppo Qantas prevede un miglioramento dei profitti per la prima metà dell'anno fiscale 2022-23, che si concluderà il prossimo 31 dicembre: si tratta di un utile al lordo delle imposte compreso tra 1,35 e 1,45 miliardi di dollari australiani, in altre parole, un aumento di 150 milioni di dollari australiani rispetto all'intervallo di profitto indicato all'inizio dell'ottobre scorso.\r\n\r\nLa compagnia aerea attribuisce l'aumento al balzo in avanti della domanda di viaggio, con i consumatori disposti a privilegiare le spese di viaggio rispetto ad altre categorie di spesa.\r\n\r\nQantas ha precisato che i costi del carburante rimangono significativamente elevati rispetto all'anno fiscale precedente e si prevede che raggiungeranno circa 5 miliardi di dollari australiani durante l'intero esercizio, un record per il Gruppo, nonostante la capacità internazionale sia inferiore di circa il 30% rispetto ai livelli pre-Covid.\r\n\r\n \r\n\r\nIl Gruppo conferma di proseguire nell'aumento di capacità offerta il più rapidamente possibile nella seconda metà dell'anno, mantenendo al contempo l'affidabilità operativa.","post_title":"Qantas: stima al rialzo per i profitti del semestre grazie al boom della domanda di viaggio","post_date":"2022-11-24T09:45:46+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669283146000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434249","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Stringersi la mano non è mai stato così bello! Costa Crociere torna finalmente a incontrare di persona gli agenti di viaggio per ascoltarne i bisogni, condividere idee e strategie e continuare a pianificare insieme il futuro. Sono decine gli appuntamenti in programma che si susseguono in queste settimane nelle principali città italiane e a bordo delle navi Costa. Un ricchissimo palinsesto d’autunno che coinvolge migliaia di agenzie di viaggio di tutta Italia, costruito per ringraziare i partner della distribuzione che non hanno mai smesso di essere al fianco della compagnia e presentare loro tutte le iniziative commerciali e di prodotto e i nuovi servizi per il 2023. Incontri che sono supportati dal lancio della campagna commerciale Black Friday, dall’8 al 30 novembre. Un’iniziativa  che offre l’opportunità imperdibile di prenotare in anticipo, e a prezzi convenienti, crociere con partenze fino all’estate, e che sarà accompagnata da un importante piano di comunicazione con spot in tv, radio, sms, dem, online media e social durante tutto il periodo per invogliare i clienti ad andare in agenzia e a prenotare sin da ora la propria crociera per il nuovo anno.\r\n\r\nTutte le tappe del roadshow Costa\r\n\r\n Catania, Palermo, Cagliari, Bari, Napoli, Roma, Milano, Torino, Genova, Bologna, Mestre e Verona: sono le 12 tappe del road show Insieme per creare valore che per tutto il mese di novembre vede la direzione commerciale Italia della compagnia incontrare oltre 1.500 agenzie di viaggi. Ogni appuntamento rappresenta un’occasione unica per tornare a parlarsi di persona e conoscere in anteprima i contenuti del nuovo contratto di Valore e tutti gli strumenti e servizi, ancora più utili e premianti, che Costa Crociere metterà a disposizione delle agenzie a partire dal mese di dicembre.\r\n\r\nDopo gli incontri sul territorio di ottobre tra gli area manager e oltre 1.700 agenti di viaggio, dai primi di novembre sono ripartiti anche i fam trip dedicati alla scoperta del prodotto: quattro crociere, a bordo di Costa Smeralda, Costa Firenze e Costa Pacifica, durante le quali circa mille agenti stanno avendo l’opportunità di toccare con mano, ancora una volta, la qualità delle crociere Costa: dalle esperienze gastronomiche uniche e indimenticabili alle nuove escursioni a terra più lunghe di sempre fino al ricchissimo palinsesto di intrattenimento a bordo.\r\n\r\n“Siamo davvero felici del riscontro che tutte queste iniziative stanno avendo. La partecipazione e l’entusiasmo da parte delle agenzie di viaggio sta superando ogni nostra aspettativa – commenta il direttore vendite, Riccardo Fantoni –. Abbiamo voluto ripartire da dove ci eravamo lasciati: tornare a incontrarci di persona per ascoltare gli agenti, che rimangono i primi e più importanti ambasciatori del nostro prodotto”. \r\n\r\nBlack Friday, Costa spinge l'early booking\r\n\r\nNovembre, però, vuol dire anche Black Friday. Per continuare a stimolare la domanda e portare sin da ora i clienti a prenotare in agenzia la loro prossima crociera, guardando non solo all’inverno ma anche alla prossima primavera-estate, Costa ha lanciato una speciale campagna commerciale con oltre 150 crociere in promozione, con partenze fino ad aprile 2023, su Mediterraneo, Emirati Arabi, Caraibi e crociere transatlantiche di posizionamento. Con prezzi a partire da 299 euro per persona, confermando la prenotazione con soli 50 euro di acconto, i clienti Costa potranno  prenotare senza pensieri e a prezzi vantaggiosi il loro prossimo viaggio, con cancellazione gratuita fino a 30 giorni dalla  partenza per le crociere entro il 31 marzo 2023.","post_title":"Costa, insieme per creare valore: tornano gli incontri con le agenzie sul territorio","post_date":"2022-11-24T09:30:01+00:00","category":["informazione-pr","tour_operator"],"category_name":["Informazione PR","Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669282201000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti