24 May 2024

Norwegian: via libera dall’antitrust norvegese all’acquisizione di Wideroe

[ 0 ]

Via libera a Norwegian da parte dell’autorità norvegese per la concorrenza all’acquisizione del vettore regionale Wideroe.

Il semaforo verde alla transazione è arrivato ieri dal Konkurransetilsynet dopo aver “concluso che non ci sono motivi sufficienti per vietare l’acquisizione”.

“Il mercato dei viaggi aerei è importante per i consumatori norvegesi e l’Autorità per la concorrenza ha quindi valutato attentamente l’acquisizione”, si legge. “Tra le altre cose, l’autorità ha raccolto e analizzato informazioni dettagliate dalle parti e da altri attori del mercato dei viaggi aerei”.

Norwegian aveva delineato i piani per l’acquisizione di Wideroe lo scorso luglio: un’operazione da 110 milioni di dollari e sperava di chiudere la transazione entro la fine di quest’anno. La mossa è arrivata dopo che i due vettori norvegesi hanno firmato una lettera di intenti nel 2022 per “cooperare strettamente in una serie di aree in futuro”.

Attualmente Norwegian opera in Europa con una flotta composta da aeromobili Boeing 737, secondo i dati di Cirium sulle flotte; Wideroe vola invece prevalentemente sulle rotte domestiche norvegesi con una flotta di turboprop De Havilland Canada Dash 8 e jet Embraer E190-E2.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467965 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Swiss allunga lo sguardo all'inverno 2024-25 con un network composto da 93 destinazioni servite da Zurigo e Ginevra. La compagnia del gruppo Lufthansa continuerà a servire una serie di destinazioni che sono state aggiunte recentemente alla rete estiva. Tra le mete a lungo raggio spicca Washington, DC, operata da cinque voli settimanali anche durante l'inverno. Sul fronte del corto raggio, Swiss volerà ogni giorno su Londra Gatwick e tre volte a settimana su Cluj-Napoca (Romania) e Košice (Slovacchia). Previsto anche l'aumento delle frequenze di volo su alcune rotte intercontinentali: i collegamenti tra Zurigo e le città californiane di Los Angeles e San Francisco saranno portati a frequenza giornaliera, mentre sulla Zurigo-Miami sarà operato un collegamento due volte al giorno. Swiss effettuerà durante l'inverno anche un collegamento giornaliero tra Zurigo e Shanghai. I passeggeri che viaggiano da Ginevra potranno continuare a usufruire del collegamento non-stop da e per la capitale norvegese Oslo anche nella winter: la rotta Ginevra-Oslo è stata aggiunta al network Swiss quest'estate e sarà operata con quattro frequenze settimanali nel prossimo orario invernale. Sempre da Ginevra i passeggeri avranno una maggiore scelta di servizi anche per Copenaghen (aumentati a cinque frequenze settimanali) e per Valencia e Malaga (ciascuno aumentato a tre voli settimanali).   [post_title] => Swiss manterrà anche nell'orario invernale i voli per Washington e Londra Gatwick [post_date] => 2024-05-24T09:10:43+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716541843000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467886 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuova operazione del gruppo Statuto, che prosegue la propria espansione internazionale con l'acquisizione del Six Senses London, hotel di debutto nel Regno Unito del brand lusso di casa Ihg. La struttura, dotata di 109 camere più 14 residenze da uno o due camere da letto e spa, aprirà all'inizio del 2025 all'interno degli ex magazzini commerciali vittoriani Whiteleys, situati a Bayswater, l’area a nord di Hyde Par. Un progetto imponente che include pure 139 serviced apartments, operati sempre da Six Senses e realizzati dallo sviluppatore Finchatton in collaborazione con i partner investitori della joint venture  Mark e C C Land. Il complesso disporrà pure di sala fitness, campi da paddle, piscina, sala musica, area bambini, 20 fra negozi e ristoranti, nonché un cinema e una palestra. Il costo dell'operazione relativa all'hotel ammonta a 180 milioni di sterline, pari a oltre 210 milioni di euro, per un prezzo di 1,65 milioni di sterline per chiave (1,94 milioni di euro). Spartan Advisors e Taylor Wessing hanno agito come advisor per conto della parte venditrice, The Whiteley, mentre Baker McKenzie ha supportato il gruppo Statuto. Six Senses vanta un accordo di 30 anni, estendibile ulteriormente, per la gestione dell'albergo. Si rafforza così la partnership tra Statuto e il marchio Ihg, che vede le due realtà collaborare per i Six Senses di Roma e Milano, nonché all'estero per quello di Parigi. Stando a quanto riportano gli spagnoli di Iberian Property, il gruppo italiano avrebbe in questi giorni acquisito anche il Six Senses Ibiza dal fondo di private equity Metric Capital Partners. Non si conoscono tuttavia ancora i dettagli finanziari dell'operazione.   [post_title] => Il gruppo Statuto acquisisce il Six Senses London, che aprirà all'interno del complesso The Whiteley [post_date] => 2024-05-23T10:35:03+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716460503000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467804 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La stagione al Bad Moos Aqua Spa Resort a Sesto, in Val Fiscalina, prende il via con una proposta che valorizza il territorio, i piccoli produttori e la gastronomia. Formaggi locali e vini altoatesini ma anche la fonte d’acqua solfata, preziosa per i trattamenti benessere nella Spa Soma & Anima. Il Bad Moos Aqua Spa Resort dedica il mese di giugno 2024 agli intenditori e buongustai che apprezzano la cucina locale e amano conoscere le specialità del posto. Il pacchetto si chiama “Visite gastronomiche al Bad Moos” e permette di conoscere un produttore di formaggio di Sesto, i vini altoatesini più apprezzati e la vicina fonte di acqua solfata. L’offerta comprende: 3 pernottamenti, ricca colazione a buffet, tradizionale merenda altoatesina pomeridiana e cena con menù a scelta da 4 a 5 portate, menu feel good, programma di attività move & balance, libero utilizzo della Spa Soma & Anima, utilizzo gratuito degli impianti di risalita della Croda Rossa. Ma soprattutto, compresa nel pacchetto, anche la visita al caseificio Unteroltl, degustazione di vini in hotel con sommelier e tour alla sorgente d’acqua solfata San Valentino. Il tutto a partire da 500 euro a persona. Tra i produttori scelti per una visita c’è il maso Unteroltlhof, che si trova in fondo alla Valle di Sesto a 1.450 m di quota. Qui vengono allevati una cinquantina di capre e una ventina di pecore, mucche, maiali, galline e un cavallo, e anche alcune razze a rischio estinzione. L’alimentazione sana a base di foraggio di propria produzione permette di ottenere un latte di alta qualità e infatti è proprio il piccolo caseificio artigianale il vero fiore all’occhiello del maso. Dal latte di mucca e di capra si ottiene una gamma di formaggi molto varia di prima qualità, da quelli freschi a quelli a pasta semidura, oltre allo yogurt. Il pacchetto permette anche di conoscere e apprezzare i vini del territorio direttamente in hotel grazie alla degustazione con sommelier. Tutto è speciale, a cominciare dalla location: la sala relax Old Stube, un ambiente intimo e raccolto, ricavato in un’antica Stube gotica del 13esimo secolo che fa parte dell’area sauna. Spazio in particolare a una selezione di etichette locali, per conoscere i prodotti di nicchia del territorio altoatesino e apprendere anche l’abc della degustazione, alcune regole basilari che permettono di assaporare al meglio questi prodotti eccellenti.    C’è un’altra proposta a disposizione degli ospiti del Bad Moos Aqua Spa Resort. Sempre nel mese di giugno 2024 infatti si può scegliere il pacchetto “Short stay con upgrade & mountain card” comprensivo di: 2 pernottamenti con upgrade della camera, ricca colazione a buffet, tradizionale merenda altoatesina pomeridiana e cena con menù a scelta da 4 a 5 portate, menu feel good, programma di attività move & balance, libero utilizzo della Spa Soma & Anima. L’offerta prevede anche la Mountain Card per poter usufruire di una tratta gratuita dalla stazione a valle a quella a monte. Il tutto a partire da 400 euro a persona. Gli impianti della Croda Rossa, che in inverno aprono le porte al comprensorio sciistico delle 3 Zinnen, in estate permettono di dedicarsi una passeggiata in quota o un’escursione tra le cime altoatesine.         [post_title] => Bad Moos Aqua Spa Resort, proposte enogastronomiche per valorizzare i produttori locali [post_date] => 2024-05-22T10:20:20+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716373220000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467803 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' al vaglio dell'Antitrust europeo l'ultima proposta firmata Ita Airways e Lufthansa per venire incontro ai dubbi di Bruxelles sulle conseguenze delle nozze in materia di competitività. Ieri sera, come riferisce oggi Il Corriere della Sera, citando fonti vicine al dossier, è stato consegnato il nuovo documento che presenterebbe maggiore flessibilità su Linate ma non sulle redditizie rotte di lungo raggio verso il Nord America. Al city airport milanese le compagnie aeree lascerebbero 19 coppie giornaliere di slot rispetto alle 11-12 inizialmente proposte, ma meno delle 30 chieste dall'Ue. Sulle rotte transatlantiche, il quotidiano cita la non "disponibilità di United Airlines a modificare gli accordi di joint venture con Lufthansa e Air Canada". Il Tesoro e i tedeschi concordano sulla separazione di due anni delle operazioni di Ita Airways sul Nord Atlantico da quelle di Lh, ma al termine del biennio "spetterebbe comunque all’Ue autorizzare l’abbattimento del muro tra le attività". Tra le richieste Ue c'è anche la rinuncia da parte di Lufthansa dei ricavi della jv dai voli Italia-Usa o alla parte di fatturato di Ita sulle medesime tratte.  Spetterà a Margrethe Vestager nei prossimi giorni - giovedì o venerdì secondo le fonti Ue citate - fare di nuovo il punto con i vertici di Lufthansa, dopo che la scorsa settimana c'era stato l'incontro con il ministro dell'economia, Giancarlo Giorgetti.  [post_title] => Ita-Lufthansa e i nuovi rimedi su Linate e sulle rotte del Nord Atlantico [post_date] => 2024-05-22T09:44:35+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716371075000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467675 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Domani, 21 maggio, è il termine ultimo fissato dall'Ue affinché Ita Airways e Lufthansa inoltrino la "revisione" del pacchetto di rimedi volto a ottenere il via libera all'acquisizione dei tedeschi del 41% del capitale della compagnia italiana.  Ennesimo aggiustamento che è successivo ai rimedi inviati dalle due parti lo scorso 6 maggio e che era stato giudicato insufficiente dalla Commissione europea, il cui responso definitivo è atteso entro il 4 luglio. La trattativa con le autorità Antitrust europee è aperta su più fronti: da quello sulle rotte transatlantiche (con un passo indietro sui redditizi collegamenti verso il Nord America e verso il Giappone) a quello sui collegamenti intra-europei, al tema caldissimo della cessione di slot negli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Linate. Sul city airport milanese, in particolare, si concentrano gli interessi maggiori: qui, il sacrificio richiesto dall'Ue non collima affatto - almeno finora - con quanto proposto dai tedeschi e dal Tesoro (principale azionista di Ita). Cessione Come anticipato da Il Corriere della Sera, la richiesta di Bruxelles vedrebbe la cessione del 30% degli slot che Ita Airways e Lufthansa detengono oggi a Linate: in pratica una sessantina di slot al giorno, cioè 30 coppie, rispetto alla cessione di 11-12 coppie prevista dai rimedi inviati da tedeschi e italiani. In questo modo la quota dei diritti di decollo e atterraggio su Linate di Lh e Ita scenderebbe dal 64% al 45%. In altre parole, alle due parti viene chiesto di rinunciare a 175 milioni di euro all'anno di ricavi - sempre secondo le stime del Corriere, che cita i report di analisti, perizie e dati economici dello scalo milanese. Attualmente infatti gli slot di Linate sono i più preziosi all’interno dell’Unione europea e i secondi più cari, considerando l’intero continente (dopo quelli di Londra Heathrow).  [post_title] => Ita-Lh: L'Ue attende per domani la revisione su cessione slot e tagli rotte [post_date] => 2024-05-20T12:59:26+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716209966000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467437 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Focus sull'Africa meridionale per Qatar Airways che è pronta a investire in una compagnia aerea della regione per consolidare il proprio posizionamento in questa parte del mondo. "Siamo nella fase finale di un investimento azionario in una compagnia aerea nella parte meridionale dell'Africa" ha confermato il ceo Badr Mohammed Al Meer (nella foto), durante un convegno al Qatar Economic Forum di Doha, precisando che l'accordo potrebbe essere annunciato entro due o tre settimane. Meer, che è diventato amministratore delegato del gruppo qatariota lo scorso novembre, ha dichiarato che la parte meridionale dell'Africa rappresenta una lacuna nella copertura del network di Qatar Airways nel continente, che ad oggi include 31 destinazioni in Africa, numero che il vettore sta cercando di ampliare, attraverso una serie di partnership e investimenti. La compagnia basata a Doha sta inoltre perfezionando l'acquisizione di una quota del 49% di RwandAir e avrà una partecipazione del 60% nel nuovo aeroporto in costruzione vicino alla capitale del Ruanda, Kigali. Il nuovo hub, che dovrebbe essere completato nel 2027, tenterà di sfidare il gigante continentale Ethiopian Airlines Group. [post_title] => Qatar Airways pronta a investire nel capitale di un vettore dell'Africa meridionale [post_date] => 2024-05-17T10:30:27+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715941827000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467519 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La notizia era nell'aria già dallo scorso ottobre, quando sui media italiana si parlava di un'acquisizione di Villa San Giorgio, conosciuta anche come Castello di Portofino, da parte del gruppo Cascade che controlla Four Seasons. L'operazione venne tuttavia presto smentita dalla stessa compagnia di Bill Gates. Ora però il Corriere della Sera rivela come a fine aprile l'immobile sarebbe stato venduto per 66,4 milioni di euro dalla precedente proprietà, la famiglia di assicuratori genovesi Garrè, a Fort Partners: società portoricana facente capo all'imprenditore Nadim Ashi, che da anni collabora con la stessa Four Seasons. Un buon affare per la famiglia ligure, visto che, secondo il quotidiano milanese, una perizia di stima di quattro anni fa valutava la proprietà ligure 37,33 milioni. Villa San Giorgio si sviluppa su oltre 1.200 metri quadrati, è divisa in 12 mini appartamenti, dispone di un ascensore privato che porta a una spiaggetta sottostante ed è dotata di un parco privato. Il piano regolatore del comune identifica l’edificio come a uso residenziale, come già spiegato lo scorso ottobre dal sindaco di Portofino, Matteo Viacava, a commento dei rumours che già circolavano sull'affare in corso. Per trasformare il complesso in albergo occorrerebbe quindi cambiarne la destinazione d’uso. Due analoghe operazioni condotte da Fort Partners a Roma, con l’acquisizione di palazzo Marini in centro e di palazzo della Rovere in via della Conciliazione, sono tuttavia già state effettuate con l'obiettivo di aprire altrettanti hotel Four Seasons nella capitale. [post_title] => Il Castello di Portofino cambia proprietà. In arrivo un Four Seasons? [post_date] => 2024-05-16T12:50:15+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715863815000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467432 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' la novità del momento in casa Minor. Per la prima volta il format Terme di Saturnia uscirà dal proprio luogo natio in Toscana e offrirà il proprio concept benessere in una struttura esterna. E lo farà al Tivoli Portopiccolo di Sistiana, a pochi passi da Trieste, La struttura di debutto del brand di casa Minor in Italia è attualmente ancora in fase di soft opening, ma a breve sarà pienamente operativa e accoglierà appunto tra le proprie mura una spa Terme di Saturnia. Lo ha rivelato lo stesso gruppo Minor, in occasione di un recente evento milanese volto a presentare ufficialmente il rebranding della propria divisione Europe & Americas, già Nh dopo l'acquisizione della compagnia spagnola da parte della società thailandese nel 2019. "Il nostro gruppo è oggi presente in 56 Paesi, per un totale di 350 hotel distribuiti tra Oceania e Sud America - ha spiegato il chief marketing and communication officer Minor Hotels Europe & Americas, Isidoro Martínez de la Escalera Alvarez -. Il cambio di nome è stato pensato per incrementare le sinergie tra i nostri otto brand". Parecchie sono state però le novità annunciate durante la serata, compresa la prossima apertura a Firenze di un ulteriore Tivoli, mentre il brand Nh Collection debutterà tra poco in Finlandia con l'Helsinki Grand Hansa, situato nel quartiere dello shopping della città. Dopo l'apertura tre mesi fa del Maldives Havodda, il marchio si sta inoltre cominciando a sviluppare pure nel segmento resort. A questo riguardo a breve è prevista a breve l'apertura dell'Nh Collection Chiang Mai Ping River in Thailandia. Tra fine anno e inizio 2025 è poi in calendario l'inaugurazione di un indirizzo a Doha. Tornando in Europa, l'Nh Paris Champs-Elysées è destinato a diventare un Nh Collection in tempo per l'inizio delle Olimpiadi. Infine il gruppo prevede per quest'anno il debutto di due nuovi nhow a Lima, in Perù, e a Roma. [post_title] => Minor: Terme di Saturnia sbarca al Tivoli Portopiccolo Sistiana [post_date] => 2024-05-15T13:10:51+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715778651000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467427 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Investimento importante in Italia per il gruppo Barceló, che acquisisce l'hotel Midas di Roma per un impegno complessivo di 60 milioni di euro, interventi di ristrutturazione compresi. L'albergo a 4 stelle, già di proprietà del fondo Alpine Capital, si trova sulla via Aurelia. E' dotato di 350 camere ed è punto di riferimento nel segmento mice della capitale. Si caratterizza infatti per il suo centro congressi con 17 sale riunioni in grado di ospitare fino a 1.300 persone. L'hotel include inoltre ampi giardini con piscina e offre una completa offerta gastronomica. Barceló gestisce la struttura dallo scorso 9 maggio, da quando cioè è stato firmato il contratto di compravendita. L'obiettivo della società è ora quello di riposizionare l'albergo, che sarà commercializzato con il marchio Barceló solo dopo la ristrutturazione. Con l'acquisizione di questo nuovo indirizzo a Roma, e dopo le recenti aperture a Varsavia e in Slovenia, la compagnia spagnola conferma il proprio impegno di espansione nel continente europeo, dove ha aperto il primo hotel a Praga, nel 1993. Attualmente il gruppo gestisce  16 hotel in totale nel Vecchio continente, tra Bulgaria, Repubblica Ceca, Germania, Grecia, Ungheria, Italia, Malta, Polonia, Portogallo e Slovenia. A queste si aggiunge il centinaio di strutture presenti in Spagna. [post_title] => Il gruppo Barceló si espande a Roma con l'hotel Midas [post_date] => 2024-05-15T12:29:27+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715776167000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "norwegian via libera dallantitrust norvegese allacquisizione di wideroe" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":52,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":541,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467965","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Swiss allunga lo sguardo all'inverno 2024-25 con un network composto da 93 destinazioni servite da Zurigo e Ginevra. La compagnia del gruppo Lufthansa continuerà a servire una serie di destinazioni che sono state aggiunte recentemente alla rete estiva. Tra le mete a lungo raggio spicca Washington, DC, operata da cinque voli settimanali anche durante l'inverno. Sul fronte del corto raggio, Swiss volerà ogni giorno su Londra Gatwick e tre volte a settimana su Cluj-Napoca (Romania) e Košice (Slovacchia).\r\n\r\nPrevisto anche l'aumento delle frequenze di volo su alcune rotte intercontinentali: i collegamenti tra Zurigo e le città californiane di Los Angeles e San Francisco saranno portati a frequenza giornaliera, mentre sulla Zurigo-Miami sarà operato un collegamento due volte al giorno. Swiss effettuerà durante l'inverno anche un collegamento giornaliero tra Zurigo e Shanghai.\r\n\r\nI passeggeri che viaggiano da Ginevra potranno continuare a usufruire del collegamento non-stop da e per la capitale norvegese Oslo anche nella winter: la rotta Ginevra-Oslo è stata aggiunta al network Swiss quest'estate e sarà operata con quattro frequenze settimanali nel prossimo orario invernale. Sempre da Ginevra i passeggeri avranno una maggiore scelta di servizi anche per Copenaghen (aumentati a cinque frequenze settimanali) e per Valencia e Malaga (ciascuno aumentato a tre voli settimanali).\r\n\r\n ","post_title":"Swiss manterrà anche nell'orario invernale i voli per Washington e Londra Gatwick","post_date":"2024-05-24T09:10:43+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1716541843000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467886","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuova operazione del gruppo Statuto, che prosegue la propria espansione internazionale con l'acquisizione del Six Senses London, hotel di debutto nel Regno Unito del brand lusso di casa Ihg. La struttura, dotata di 109 camere più 14 residenze da uno o due camere da letto e spa, aprirà all'inizio del 2025 all'interno degli ex magazzini commerciali vittoriani Whiteleys, situati a Bayswater, l’area a nord di Hyde Par. Un progetto imponente che include pure 139 serviced apartments, operati sempre da Six Senses e realizzati dallo sviluppatore Finchatton in collaborazione con i partner investitori della joint venture  Mark e C C Land. Il complesso disporrà pure di sala fitness, campi da paddle, piscina, sala musica, area bambini, 20 fra negozi e ristoranti, nonché un cinema e una palestra.\r\n\r\nIl costo dell'operazione relativa all'hotel ammonta a 180 milioni di sterline, pari a oltre 210 milioni di euro, per un prezzo di 1,65 milioni di sterline per chiave (1,94 milioni di euro). Spartan Advisors e Taylor Wessing hanno agito come advisor per conto della parte venditrice, The Whiteley, mentre Baker McKenzie ha supportato il gruppo Statuto. Six Senses vanta un accordo di 30 anni, estendibile ulteriormente, per la gestione dell'albergo. Si rafforza così la partnership tra Statuto e il marchio Ihg, che vede le due realtà collaborare per i Six Senses di Roma e Milano, nonché all'estero per quello di Parigi. Stando a quanto riportano gli spagnoli di Iberian Property, il gruppo italiano avrebbe in questi giorni acquisito anche il Six Senses Ibiza dal fondo di private equity Metric Capital Partners. Non si conoscono tuttavia ancora i dettagli finanziari dell'operazione.\r\n\r\n ","post_title":"Il gruppo Statuto acquisisce il Six Senses London, che aprirà all'interno del complesso The Whiteley","post_date":"2024-05-23T10:35:03+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1716460503000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467804","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La stagione al Bad Moos Aqua Spa Resort a Sesto, in Val Fiscalina, prende il via con una proposta che valorizza il territorio, i piccoli produttori e la gastronomia. Formaggi locali e vini altoatesini ma anche la fonte d’acqua solfata, preziosa per i trattamenti benessere nella Spa Soma & Anima.\r\n\r\nIl Bad Moos Aqua Spa Resort dedica il mese di giugno 2024 agli intenditori e buongustai che apprezzano la cucina locale e amano conoscere le specialità del posto. Il pacchetto si chiama “Visite gastronomiche al Bad Moos” e permette di conoscere un produttore di formaggio di Sesto, i vini altoatesini più apprezzati e la vicina fonte di acqua solfata.\r\n\r\nL’offerta comprende: 3 pernottamenti, ricca colazione a buffet, tradizionale merenda altoatesina pomeridiana e cena con menù a scelta da 4 a 5 portate, menu feel good, programma di attività move & balance, libero utilizzo della Spa Soma & Anima, utilizzo gratuito degli impianti di risalita della Croda Rossa. Ma soprattutto, compresa nel pacchetto, anche la visita al caseificio Unteroltl, degustazione di vini in hotel con sommelier e tour alla sorgente d’acqua solfata San Valentino. Il tutto a partire da 500 euro a persona.\r\n\r\nTra i produttori scelti per una visita c’è il maso Unteroltlhof, che si trova in fondo alla Valle di Sesto a 1.450 m di quota. Qui vengono allevati una cinquantina di capre e una ventina di pecore, mucche, maiali, galline e un cavallo, e anche alcune razze a rischio estinzione. L’alimentazione sana a base di foraggio di propria produzione permette di ottenere un latte di alta qualità e infatti è proprio il piccolo caseificio artigianale il vero fiore all’occhiello del maso. Dal latte di mucca e di capra si ottiene una gamma di formaggi molto varia di prima qualità, da quelli freschi a quelli a pasta semidura, oltre allo yogurt.\r\n\r\nIl pacchetto permette anche di conoscere e apprezzare i vini del territorio direttamente in hotel grazie alla degustazione con sommelier. Tutto è speciale, a cominciare dalla location: la sala relax Old Stube, un ambiente intimo e raccolto, ricavato in un’antica Stube gotica del 13esimo secolo che fa parte dell’area sauna. Spazio in particolare a una selezione di etichette locali, per conoscere i prodotti di nicchia del territorio altoatesino e apprendere anche l’abc della degustazione, alcune regole basilari che permettono di assaporare al meglio questi prodotti eccellenti. \r\n \r\nC’è un’altra proposta a disposizione degli ospiti del Bad Moos Aqua Spa Resort. Sempre nel mese di giugno 2024 infatti si può scegliere il pacchetto “Short stay con upgrade & mountain card” comprensivo di: 2 pernottamenti con upgrade della camera, ricca colazione a buffet, tradizionale merenda altoatesina pomeridiana e cena con menù a scelta da 4 a 5 portate, menu feel good, programma di attività move & balance, libero utilizzo della Spa Soma & Anima. L’offerta prevede anche la Mountain Card per poter usufruire di una tratta gratuita dalla stazione a valle a quella a monte. Il tutto a partire da 400 euro a persona.\r\n\r\nGli impianti della Croda Rossa, che in inverno aprono le porte al comprensorio sciistico delle 3 Zinnen, in estate permettono di dedicarsi una passeggiata in quota o un’escursione tra le cime altoatesine.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Bad Moos Aqua Spa Resort, proposte enogastronomiche per valorizzare i produttori locali","post_date":"2024-05-22T10:20:20+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1716373220000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467803","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' al vaglio dell'Antitrust europeo l'ultima proposta firmata Ita Airways e Lufthansa per venire incontro ai dubbi di Bruxelles sulle conseguenze delle nozze in materia di competitività.\r\n\r\nIeri sera, come riferisce oggi Il Corriere della Sera, citando fonti vicine al dossier, è stato consegnato il nuovo documento che presenterebbe maggiore flessibilità su Linate ma non sulle redditizie rotte di lungo raggio verso il Nord America.\r\n\r\nAl city airport milanese le compagnie aeree lascerebbero 19 coppie giornaliere di slot rispetto alle 11-12 inizialmente proposte, ma meno delle 30 chieste dall'Ue. Sulle rotte transatlantiche, il quotidiano cita la non \"disponibilità di United Airlines a modificare gli accordi di joint venture con Lufthansa e Air Canada\".\r\n\r\nIl Tesoro e i tedeschi concordano sulla separazione di due anni delle operazioni di Ita Airways sul Nord Atlantico da quelle di Lh, ma al termine del biennio \"spetterebbe comunque all’Ue autorizzare l’abbattimento del muro tra le attività\". Tra le richieste Ue c'è anche la rinuncia da parte di Lufthansa dei ricavi della jv dai voli Italia-Usa o alla parte di fatturato di Ita sulle medesime tratte. \r\n\r\nSpetterà a Margrethe Vestager nei prossimi giorni - giovedì o venerdì secondo le fonti Ue citate - fare di nuovo il punto con i vertici di Lufthansa, dopo che la scorsa settimana c'era stato l'incontro con il ministro dell'economia, Giancarlo Giorgetti. ","post_title":"Ita-Lufthansa e i nuovi rimedi su Linate e sulle rotte del Nord Atlantico","post_date":"2024-05-22T09:44:35+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1716371075000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467675","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Domani, 21 maggio, è il termine ultimo fissato dall'Ue affinché Ita Airways e Lufthansa inoltrino la \"revisione\" del pacchetto di rimedi volto a ottenere il via libera all'acquisizione dei tedeschi del 41% del capitale della compagnia italiana. \r\n\r\nEnnesimo aggiustamento che è successivo ai rimedi inviati dalle due parti lo scorso 6 maggio e che era stato giudicato insufficiente dalla Commissione europea, il cui responso definitivo è atteso entro il 4 luglio.\r\n\r\nLa trattativa con le autorità Antitrust europee è aperta su più fronti: da quello sulle rotte transatlantiche (con un passo indietro sui redditizi collegamenti verso il Nord America e verso il Giappone) a quello sui collegamenti intra-europei, al tema caldissimo della cessione di slot negli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Linate. Sul city airport milanese, in particolare, si concentrano gli interessi maggiori: qui, il sacrificio richiesto dall'Ue non collima affatto - almeno finora - con quanto proposto dai tedeschi e dal Tesoro (principale azionista di Ita).\r\nCessione\r\nCome anticipato da Il Corriere della Sera, la richiesta di Bruxelles vedrebbe la cessione del 30% degli slot che Ita Airways e Lufthansa detengono oggi a Linate: in pratica una sessantina di slot al giorno, cioè 30 coppie, rispetto alla cessione di 11-12 coppie prevista dai rimedi inviati da tedeschi e italiani. In questo modo la quota dei diritti di decollo e atterraggio su Linate di Lh e Ita scenderebbe dal 64% al 45%.\r\n\r\nIn altre parole, alle due parti viene chiesto di rinunciare a 175 milioni di euro all'anno di ricavi - sempre secondo le stime del Corriere, che cita i report di analisti, perizie e dati economici dello scalo milanese. Attualmente infatti gli slot di Linate sono i più preziosi all’interno dell’Unione europea e i secondi più cari, considerando l’intero continente (dopo quelli di Londra Heathrow). \r\n\r\n","post_title":"Ita-Lh: L'Ue attende per domani la revisione su cessione slot e tagli rotte","post_date":"2024-05-20T12:59:26+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1716209966000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467437","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Focus sull'Africa meridionale per Qatar Airways che è pronta a investire in una compagnia aerea della regione per consolidare il proprio posizionamento in questa parte del mondo.\r\n\r\n\"Siamo nella fase finale di un investimento azionario in una compagnia aerea nella parte meridionale dell'Africa\" ha confermato il ceo Badr Mohammed Al Meer (nella foto), durante un convegno al Qatar Economic Forum di Doha, precisando che l'accordo potrebbe essere annunciato entro due o tre settimane.\r\n\r\nMeer, che è diventato amministratore delegato del gruppo qatariota lo scorso novembre, ha dichiarato che la parte meridionale dell'Africa rappresenta una lacuna nella copertura del network di Qatar Airways nel continente, che ad oggi include 31 destinazioni in Africa, numero che il vettore sta cercando di ampliare, attraverso una serie di partnership e investimenti.\r\n\r\nLa compagnia basata a Doha sta inoltre perfezionando l'acquisizione di una quota del 49% di RwandAir e avrà una partecipazione del 60% nel nuovo aeroporto in costruzione vicino alla capitale del Ruanda, Kigali. Il nuovo hub, che dovrebbe essere completato nel 2027, tenterà di sfidare il gigante continentale Ethiopian Airlines Group.","post_title":"Qatar Airways pronta a investire nel capitale di un vettore dell'Africa meridionale","post_date":"2024-05-17T10:30:27+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1715941827000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467519","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La notizia era nell'aria già dallo scorso ottobre, quando sui media italiana si parlava di un'acquisizione di Villa San Giorgio, conosciuta anche come Castello di Portofino, da parte del gruppo Cascade che controlla Four Seasons. L'operazione venne tuttavia presto smentita dalla stessa compagnia di Bill Gates. Ora però il Corriere della Sera rivela come a fine aprile l'immobile sarebbe stato venduto per 66,4 milioni di euro dalla precedente proprietà, la famiglia di assicuratori genovesi Garrè, a Fort Partners: società portoricana facente capo all'imprenditore Nadim Ashi, che da anni collabora con la stessa Four Seasons. Un buon affare per la famiglia ligure, visto che, secondo il quotidiano milanese, una perizia di stima di quattro anni fa valutava la proprietà ligure 37,33 milioni.\r\n\r\nVilla San Giorgio si sviluppa su oltre 1.200 metri quadrati, è divisa in 12 mini appartamenti, dispone di un ascensore privato che porta a una spiaggetta sottostante ed è dotata di un parco privato. Il piano regolatore del comune identifica l’edificio come a uso residenziale, come già spiegato lo scorso ottobre dal sindaco di Portofino, Matteo Viacava, a commento dei rumours che già circolavano sull'affare in corso. Per trasformare il complesso in albergo occorrerebbe quindi cambiarne la destinazione d’uso. Due analoghe operazioni condotte da Fort Partners a Roma, con l’acquisizione di palazzo Marini in centro e di palazzo della Rovere in via della Conciliazione, sono tuttavia già state effettuate con l'obiettivo di aprire altrettanti hotel Four Seasons nella capitale.","post_title":"Il Castello di Portofino cambia proprietà. In arrivo un Four Seasons?","post_date":"2024-05-16T12:50:15+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1715863815000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467432","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' la novità del momento in casa Minor. Per la prima volta il format Terme di Saturnia uscirà dal proprio luogo natio in Toscana e offrirà il proprio concept benessere in una struttura esterna. E lo farà al Tivoli Portopiccolo di Sistiana, a pochi passi da Trieste, La struttura di debutto del brand di casa Minor in Italia è attualmente ancora in fase di soft opening, ma a breve sarà pienamente operativa e accoglierà appunto tra le proprie mura una spa Terme di Saturnia. Lo ha rivelato lo stesso gruppo Minor, in occasione di un recente evento milanese volto a presentare ufficialmente il rebranding della propria divisione Europe & Americas, già Nh dopo l'acquisizione della compagnia spagnola da parte della società thailandese nel 2019.\r\n\r\n\"Il nostro gruppo è oggi presente in 56 Paesi, per un totale di 350 hotel distribuiti tra Oceania e Sud America - ha spiegato il chief marketing and communication officer Minor Hotels Europe & Americas, Isidoro Martínez de la Escalera Alvarez -. Il cambio di nome è stato pensato per incrementare le sinergie tra i nostri otto brand\".\r\n\r\nParecchie sono state però le novità annunciate durante la serata, compresa la prossima apertura a Firenze di un ulteriore Tivoli, mentre il brand Nh Collection debutterà tra poco in Finlandia con l'Helsinki Grand Hansa, situato nel quartiere dello shopping della città. Dopo l'apertura tre mesi fa del Maldives Havodda, il marchio si sta inoltre cominciando a sviluppare pure nel segmento resort. A questo riguardo a breve è prevista a breve l'apertura dell'Nh Collection Chiang Mai Ping River in Thailandia. Tra fine anno e inizio 2025 è poi in calendario l'inaugurazione di un indirizzo a Doha. Tornando in Europa, l'Nh Paris Champs-Elysées è destinato a diventare un Nh Collection in tempo per l'inizio delle Olimpiadi. Infine il gruppo prevede per quest'anno il debutto di due nuovi nhow a Lima, in Perù, e a Roma.","post_title":"Minor: Terme di Saturnia sbarca al Tivoli Portopiccolo Sistiana","post_date":"2024-05-15T13:10:51+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1715778651000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467427","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Investimento importante in Italia per il gruppo Barceló, che acquisisce l'hotel Midas di Roma per un impegno complessivo di 60 milioni di euro, interventi di ristrutturazione compresi. L'albergo a 4 stelle, già di proprietà del fondo Alpine Capital, si trova sulla via Aurelia. E' dotato di 350 camere ed è punto di riferimento nel segmento mice della capitale. Si caratterizza infatti per il suo centro congressi con 17 sale riunioni in grado di ospitare fino a 1.300 persone. L'hotel include inoltre ampi giardini con piscina e offre una completa offerta gastronomica. Barceló gestisce la struttura dallo scorso 9 maggio, da quando cioè è stato firmato il contratto di compravendita. L'obiettivo della società è ora quello di riposizionare l'albergo, che sarà commercializzato con il marchio Barceló solo dopo la ristrutturazione.\r\n\r\nCon l'acquisizione di questo nuovo indirizzo a Roma, e dopo le recenti aperture a Varsavia e in Slovenia, la compagnia spagnola conferma il proprio impegno di espansione nel continente europeo, dove ha aperto il primo hotel a Praga, nel 1993. Attualmente il gruppo gestisce  16 hotel in totale nel Vecchio continente, tra Bulgaria, Repubblica Ceca, Germania, Grecia, Ungheria, Italia, Malta, Polonia, Portogallo e Slovenia. A queste si aggiunge il centinaio di strutture presenti in Spagna.","post_title":"Il gruppo Barceló si espande a Roma con l'hotel Midas","post_date":"2024-05-15T12:29:27+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1715776167000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti