22 February 2024

Monito dell’Enac ai vettori: «Scongiurare ulteriori disservizi»

[ 0 ]

“Porre in essere tutte le azioni necessarie per scongiurare ulteriori disservizi, soprattutto in relazione al crescente traffico atteso per la stagione estiva”: è questa la richiesta dell’Enac ai vettori che hanno basi in Italia, dopo le recenti cancellazioni negli aeroporti del nostro Paese, che hanno determinato disagi ai passeggeri.

In occasione dell’incontro che si è svolto ieri tra l’Ente nazionale per l’aviazione civile e le compagnie aeree, queste ultime sono state invitate “a porre particolare attenzione al pieno rispetto degli obblighi previsti dal Regolamento Comunitario n. 261/2004 nel caso di cancellazioni e ritardi,
assicurando, in primo luogo, una trasparente e tempestiva informazione ai passeggeri ed una pronta ed efficace assistenza in caso di disservizi, soprattutto nei confronti dei passeggeri con disabilità e a ridotta mobilità”.

Le compagnie hanno assicurato il proprio impegno a rispettare le prescrizioni dei Regolamenti comunitari in materia di protezione e tutela dei diritti dei passeggeri, impegnandosi ad evitare che ulteriori disservizi possano accadere.
L’Enac, conclude una nota, “proseguirà nella attenta, rigorosa e costante verifica della corretta applicazione delle disposizioni comunitarie, vigilando che gli impegni assunti dai vettori siano effettivamente rispettati e sanzionando in tutti i casi di accertate violazioni della normativa con l’obiettivo prioritario di ridurre al massimo i disservizi e i disagi ai passeggeri coinvolti in ritardi e cancellazioni”.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461995 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volumi sopra i livelli pre-Covid per il 2023 di Aci blueteam, che ha chiuso il bilancio dell'anno scorso a più 34% sul 2022 ma soprattutto il 7% sopra quanto registrato in un 2019 già record per la travel management company. La crescita è stata costante su tutte le unit aziendali, dal business travel al mice, fino al settore leisure & agenzie partner. Anche sul fronte del personale si è verificato un aumento significativo con l’inserimento di 43 nuove risorse, portando così l’organico complessivo a 280 dipendenti. E per il 2024 sono previsti ulteriori 26 ingressi, per un incremento totale del 25%. Nel corso dell'anno da poco concluso sono stati inoltre terminati importanti investimenti tecnologici, che hanno portato all’implementazioni di nuove funzionalità nel self booking tool di proprietà, tra cui l’integrazione del travel safe, la gestione dei carnet ferroviari su singola commessa e senza l’obbligo di acquisto immediato, nonché l’attivazione della totalità delle tariffe Ndc presenti sul mercato italiano e statunitense. Degne di nota sono state pure le operazioni legate al gruppo Aci, come il Gp Travel Club di Monza, dedicato ai top client in occasione del Gran Premio d’Italia, e la creazione dell’ufficio Viaggi dedicato ai soci Aci per tutte le attività leisure. Grande successo infine per il brand Exclusive lanciato a ottobre 2023, che ha portato all’apertura di una lounge nella centralissima zona Duomo di Milano e di una seconda lounge presso l’ufficio di Roma inaugurato a novembre 2023. “Il notevole impegno e gli eccellenti risultati ottenuti nel 2023 – sottolinea Alfredo Pezzani, cbo Aci blueteam – hanno posto solide basi per il nuovo anno che, fin da questi primi mesi, sta evidenziando segnali estremamente positivi, prevedendo un’ulteriore ottimizzazione dei processi operativi e una crescita controllata dei volumi. Questo approccio mira a consolidare e, dove possibile, incrementare ulteriormente l’elevato livello di qualità del servizio, che rappresenta per i nostri clienti anche un importante aumento delle proprie percentuali di saving”. Tra gli obiettivi del 2024 figurano investimenti su tutte le piattaforme tecnologiche (BtTool – self booking tool – Wondermiles e PrenotAci), con l’implementazione delle funzionalità dedicate alla ricerca delle migliori soluzioni tariffarie per voli, treni, hotel e servizi leisure. A ciò si aggiunge un piano di sviluppo del segmento luxury con il rafforzamento del team Exclusive Aci blueteam, al fine di consolidare ulteriormente le quote di mercato. Guardando al futuro, Aci blueteam, forte dei risultati ottenuti da Blueteam Usa e della grande soddisfazione espressa dai clienti americani, si propone di realizzare un ambizioso progetto di espansione internazionale attraverso l'apertura di nuove filiali all’estero. [post_title] => Aci blueteam chiude un 2023 sopra i volumi pre-Covid [post_date] => 2024-02-21T11:52:09+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708516329000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461903 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Enac ha rilasciato il primo certificato Uas leggero (Light Uas Operator Certificate - Luc) a un operatore italiano, la società FlyingBasket Srl, start-up che è anche il primo operatore Uas nazionale ad aver svolto operazioni cross-border in Europa. “L’emissione di questo primo certificato Luc a un operatore nazionale - ha dichiarato il direttore generale Enac Alessio Quaranta (nella foto) - conferma l’importanza dei servizi introdotti dalla mobilità aerea innovativa. L’Enac ha sempre riservato un’attenzione particolare ai velivoli senza equipaggio a bordo, cooperando con l’Icao e con l’Easa per lo sviluppo del framework di regolazione per gli Uas, al fine di favorire la crescita del settore e la loro integrazione sicura nello spazio aereo». Le operazioni effettuate con aeromobili “Unmanned Aircraft Systems” Uas, costituiscono un settore in costante espansione, con un continuo aumento delle possibili applicazioni anche grazie al supporto delle nuove tecnologie oggi a disposizione.   L’Enac ha seguito fin da subito l’evoluzione delle attività svolte con Uas, tramite l’emissione di uno fra i primi regolamenti in Europa per gli aeromobili a pilotaggio remoto, seguito da un forte impegno di diffusione delle pratiche e delle competenze nazionali nei contesti internazionali e dalla pubblicazione del Piano Strategico Nazionale sulla Mobilità Aerea Avanzata finalizzato a mettere in atto una strategia aperta all’innovazione tecnologica volta a creare un ecosistema in grado di integrare nuove tipologie di servizi per i territori e per i cittadini.  [post_title] => Droni: l'Enac ha certificato il primo operatore italiano, la FlyingBasket Srl [post_date] => 2024-02-20T11:10:02+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708427402000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461902 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ritorniamo per un momento sui bonus vacanza, criticati aspramente da questo giornale fin dalla nascita, e vediamo cosa sta succedendo. Secondo la Guardia di Finanza di Napoli, vi sarebbe stata una maxitruffa da quasi 800mila euro sui buoni vacanze erogati dal ministero del turismo nel periodo dell'emergenza Covid, tra il 2020 e 2021. «Il flop del bonus vacanze lo abbiamo denunciato subito. Inoltre, già nel luglio del 2020 avevamo rilevato innumerevoli irregolarità e abusi, segnalandoli in un esposto all'Antitrust, chiedendo di accertare se le pratiche commerciali fossero scorrette», afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione nazionale consumatori. «Alcuni albergatori applicavano tariffe differenziate a seconda che uno andasse in vacanza con bonus o senza. Insomma, un meccanismo e una procedura che consentivano troppi spazi di manovra agli albergatori. Un provvedimento nato male e, come dimostra l'indagine di oggi, finito peggio» conclude Dona. [post_title] => Flop bonus vacanza. E ora arriva anche la Guardia di Finanza [post_date] => 2024-02-20T11:02:50+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708426970000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461882 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nel 2023 l'aeroporto di Dubai ha accolto 87 milioni di viaggiatori, superando non solo le previsioni annuali di Dubai Airports ma anche i livelli di traffico pre-pandemia. Per quest'anno l'aeroporto stima di movimentare 88,8 milioni di passeggeri, mettendo l'hub a breve distanza dal suo precedente record assoluto di 89,1 milioni, stabilito nel 2018. Con 7,8 milioni di ospiti, dicembre è stato il mese più trafficato del quarto trimestre, durante il quale l'aeroporto ha accolto un totale di 22,4 milioni di ospiti, con una crescita del 13,8% rispetto al quarto trimestre dello scorso anno. Il terzo trimestre è rimasto il trimestre con il traffico più elevato dal 2019, con 23 milioni di ospiti, mentre agosto, con 7,9 milioni di ospiti, è stato il mese con il traffico più elevato. L'aeroporto emiratino è attualmente collegato a circa 262 destinazioni in 104 Paesi attraverso 102 vettori internazionali. Lo scalo è stato il più trafficato a livello globale nel mese di febbraio, con un totale di 4,73 milioni di passeggeri che hanno posizionato Dubai davanti a quello di Atlanta, classificato al secondo posto con 4,48 milioni di viaggiatori. Va sottolineato che i dati includono sia il traffico internazionale che quello nazionale e il fatto che Dubai, pur avendo a malapena un traffico locale, abbia superato aeroporti con un traffico domestico significativo è una testimonianza del massiccio impegno dell'aeroporto e dell'Emirato per incrementare i flussi. Tokyo Haneda si è piazzato al terzo posto della classifica con 4,21 milioni di posti, seguito da Guangzhou (4,17 milioni), Shanghai Pudong (3,89 milioni) e Londra Heathrow (3,88 milioni).   [post_title] => L'aeroporto di Dubai è il primo al mondo per traffico passeggeri: 87 milioni nel 2023 [post_date] => 2024-02-20T10:54:08+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708426448000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461872 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ita Airways ha aperto le vendite per il nuovo volo diretto Roma-Dakar, che decollerà il prossimo 3 luglio, con quattro frequenze settimanali operate mercoledì, venerdì, sabato e domenica con un Airbus A321neo. Fino a ottobre, la partenza da Fiumicino è prevista alle 15:30 con arrivo in Senegal alle 19:30 (ora locale); dal 27 ottobre, invece, la partenza da Roma sarà alle 15:00 e l’arrivo a Dakar sarà alle 20:10 (ora locale). La ripartenza dall’aeroporto di Dakar – Blaise Diagne sarà programmata alle 23:40 (ora locale), con arrivo a Roma per le 07:20 della mattina successiva alla partenza; dal 27 ottobre l’orario di partenza sarà spostato alle 23:50 (locali), con arrivo a Roma alle 06:25. L’A321neo è l’aeromobile più grande della famiglia A320neo di Airbus e offre autonomia e prestazioni di assoluto livello. E' anche il primo aeromobile narrow body configurato con tre cabine: Business Class (12 posti), Premium Economy (12 posti) ed Economy (141 posti di cui 12 dedicati alla Comfort Economy).  L’apertura della nuova rotta consentirà a Ita non solo di ottenere un ingresso strategico per il traffico point-to-point, ma anche di raggiungere altre destinazioni all’interno di entrambi i Paesi, combinando così viaggi di turismo e d’affari. L'operativo della stagione estiva del vettore conta 57 destinazioni, di cui 16 nazionali, 26 internazionali e 15 intercontinentali; inoltre, nel picco estivo il vettore volerà verso 10 ulteriori destinazioni stagionali nel Mediterraneo, incluse la Grecia, la Spagna, la Croazia e le isole italiane, raggiungibili con voli diretti da Roma Fiumicino e Milano Linate (Rodi, Ibiza, Palma di Maiorca, Minorca, Heraklion, Corfù, Lampedusa, Pantelleria, Spalato e Cefalonia - queste ultime due solo da Roma Fiumicino). [post_title] => Ita Airways ha aperto le vendite della Roma-Dakar che decollerà il 3 luglio [post_date] => 2024-02-20T09:46:36+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708422396000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461696 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Veri e propri sacrifici - complessi non solo da soddisfare ma addirittura da spiegare - come la richiesta che coinvolge United Airlines, alleata commerciale di Lufthansa, affinché ceda parte della propria quota di mercato sulle rotte Europa-Stati Uniti. Sono quelli richiesti dall’Antitrust dell’Unione europea - come anticipato da Il Corriere della Sera - che non smette di mettere in fila rimedi prima di avallare l’operazione che ormai da quasi un anno ha visto il gruppo tedesco firmare l’accordo con il Tesoro per l’ingresso nel capitale di Ita Airways con il 41% delle quote, per poi salire gradualmente fino al controllo totale. L’Ue continua a chiedere garanzie  per evitare possibili effetti negativi sulla concorrenza. Nonostante Lufthansa abbia presentato proposte per affrontare tali preoccupazioni, l'Antitrust dell'Ue le ha ritenute insufficienti, ritardando così la decisione finale. Tali richieste vanno oltre la semplice cessione degli slot aeroportuali e "sia Ita, sia Lufthansa su questo non intendono fare troppa resistenza avendo assieme il 67% di quota". Si tratta anche di lasciare alcune rotte internazionali e intercontinentali o ridurne la presenza per favorire la concorrenza. Il pacchetto di rimedi prospettato include anche l'obbligo di stipulare accordi di codeshare con le compagnie che subentrano, nonché di fornire servizi di handling e garantire l'accesso ai programmi fedeltà e alle lounge aeroportuali ai clienti del vettore rivale. Abbandonare alcuni mercati e sostenere i vettori concorrenti sembra una opzione 'sorprendente' ma, come spiega il quotidiano, è parte di un accordo negoziato con la Direzione generale per la Concorrenza dell'Unione europea. Infatti tale compromesso è stato richiesto durante i negoziati tra il ministero dell'Economia italiano e Lufthansa per ottenere l'approvazione alla fusione tra le due compagnie aeree. Questo aspetto, che coinvolge la cessione degli slot e il sostegno finanziario e logistico ai concorrenti, resta uno dei punti più problematici delle trattative. [post_title] => Ita-Lufthansa: le richieste Ue per avallare l'operazione sono un percorso a ostacoli [post_date] => 2024-02-16T12:51:17+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708087877000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461677 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_461680" align="alignleft" width="300"] Un'immagine dell'edizione 2023[/caption] Dalla capacità tutta italiana di unire il bello, lo stile, l'enogastronomia e l'arte dell'accoglienza con il rispetto di persone, culture ed ecosistemi, torna l’evento che celebra e alimenta il dibattito sulle tematiche legate all’alta gamma e a un concetto di turismo sostenibile, nel quale la componente lusso si fa esperienza autentica delle culture locali e veicolo di sviluppo responsabile per comunità e territori. Sono aperte le iscrizioni per la settima edizione della Ecoluxury Fair, in programma a Roma tra il 6 e l'8 novembre nella nuova cornice di palazzo Brancaccio. L'evento si sta affermando sempre più come il punto sullo stato dell’arte in relazione al futuro sostenibile dell’industria turistica del lusso, con circa 200 buyer ed espositori e un numero di interazioni fra partecipanti in crescita del 20% annuo, grazie alle molteplici attività e appuntamenti in calendario. La settima edizione si aprirà in particolare con il consueto forum nel pomeriggio del 6 novembre, a cui parteciperanno istituzioni, imprenditori, studiosi e ambasciatori di un’ospitalità virtuosa. I lavori del workshop b2b interesseranno invece le giornate del 7 e 8 novembre, nel corso delle quali rappresentanti di tutti i settori dell’industria potranno proporsi ai buyer invitati, agenti di viaggio e professionisti del turismo, italiani e  internazionali. A margine delle attività produttive e del forum si svolgeranno inoltre educational sui percorsi meno noti di Roma, Lazio e regioni limitrofe, visite dedicate all’ospitalità romana e serate di networking. “Il nostro un progetto in continua evoluzione. – dichiara Enrico Ducrot, ceo di Viaggi dell’Elefante e ideatore del concept Ecoluxury –: un macro-contenitore, che coinvolge ospitalità, attività, travel, territori, istituzioni. La nostra visione è quella di alimentare un dibattito sull’idea di lusso contemporaneo, durante il quale quale persone, culture e pianeta diventano gli elementi imprescindibili. L’Ecoluxury Fair non è il punto d’arrivo ma una pausa per verificare lo stato di un percorso che si alimenta nel tempo, sviluppando ulteriori contenuti e occasioni di contatto e condivisione tra chi ne fa parte. La nostra ambizione è quella di rendere l'Italia il centro propulsore della cultura Ecoluxury da e per altri mercati: un palco per le eccellenze tricolori in materia di ospitalità di nicchia che affiancano la propria attività ricettiva al concetto di restituire al territorio il valore del flusso turistico.”   [post_title] => Torna a Roma l'Ecoluxury Fair: l'edizione 2024 in programma a novembre a palazzo Brancaccio [post_date] => 2024-02-16T11:27:12+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708082832000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461650 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Leggendo la mia provocazione di ieri sul "fare squadra", Cesare Foa' - che ringrazio - presidente di AdvUnite e presidente Campania di Aidid ha voluto dare un suo contributo che riteniamo illuminante sullo stato del turismo italiano e che qui riportiamo. "Senza dire chi per primo avesse avuto questa idea a oggi la cosiddetta filiera turistica è pura utopia. Gli alberghi tagliano le commissioni alle agenzie ma danno fino al 25% a booking.com. I b&b e le società extralberghiere  se ne fregano delle agenzie.  I vettori aerei riducono arbitrariamente le commissioni diventando ridicole. E i tour operator pensano di ridurre le commissioni perché così possono mantenere una propria rete dai costi spesso altissimi. Ognuno gioca per sè Non parliamo poi dell'abusivismo dove tutti vendono viaggi. Intanto solo le agenzie di viaggi italiane hanno le garanzie gli altri no. Spesso dobbiamo lottare con gli organi che soprattutto in piccole città o paesi  non effettuano bene i controlli . Quindi in conclusione se il ministro vuol parlare di fare squadra basterebbe partire dalla legalità e dal rispetto dei ruoli: può imporli ?". Questa è la domanda di Foà, ma è anche la domanda di molte agenzie di viaggio e di molti player del turismo. Si ha come l'impressione che qui, né il ministro, né le federazioni, né le confederazioni possano fare niente. Perché insomma e diciamolo una buona volta, nel turismo ognuno gioca una partita a sè. E cerca di trarre il maggior profitto esclusivamente dalla propria attività. Non c'è rete, ci sono solo rapporti di lavoro, delle volte alla pari, delle altre volte no. Giuseppe Aloe [post_title] => Fare squadra? Alcuni esempi di come nel turismo la rete è un'utopia [post_date] => 2024-02-16T10:15:07+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708078507000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461528 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ancora problemi per la Sun Princess: la prima unità della classe Sphere, e la più grande nave da crociera mai costruita in Italia, è stata infatti consegnata a Princess Cruises, ma rimarrà ancora qualche giorno negli stabilimenti Fincantieri di Monfalcone per una serie di ulteriori lavori tecnici. Stando a quanto riporta la redazione friulana di Rainews, tra i disguidi che costringono la nave in cantiere ci sarebbe stato il ritrovamento di tracce di gasolio all'interno di una delle casse di acqua potabile. Problema tuttavia già risolto, secondo quanto dichiarato dalla stessa Fincantieri. In ogni caso l'inconveniente ha posticipato ulteriormente la data di debutto della Sun Princess. Originariamente previsto per l'8 febbraio da Barcellona, e già rimandato al 18 da Civitavecchia, la crociera inaugurale è stata infatti ora fissata al 28 sempre dal porto laziale, rivela il Piccolo. Ai passeggeri a cui è stato cancellato il viaggio, Princess Cruises ha già annunciato che rifonderà il prezzo della crociera, offrendo uno sconto del 50% su una partenza successiva. [post_title] => Ancora problemi per la Sun Princess: crociera inaugurale rinviata a fine mese [post_date] => 2024-02-15T09:59:15+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707991155000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "monito enac ai vettori scongiurare ulteriori disservizi" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":59,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1125,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461995","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volumi sopra i livelli pre-Covid per il 2023 di Aci blueteam, che ha chiuso il bilancio dell'anno scorso a più 34% sul 2022 ma soprattutto il 7% sopra quanto registrato in un 2019 già record per la travel management company. La crescita è stata costante su tutte le unit aziendali, dal business travel al mice, fino al settore leisure & agenzie partner. Anche sul fronte del personale si è verificato un aumento significativo con l’inserimento di 43 nuove risorse, portando così l’organico complessivo a 280 dipendenti. E per il 2024 sono previsti ulteriori 26 ingressi, per un incremento totale del 25%.\r\n\r\nNel corso dell'anno da poco concluso sono stati inoltre terminati importanti investimenti tecnologici, che hanno portato all’implementazioni di nuove funzionalità nel self booking tool di proprietà, tra cui l’integrazione del travel safe, la gestione dei carnet ferroviari su singola commessa e senza l’obbligo di acquisto immediato, nonché l’attivazione della totalità delle tariffe Ndc presenti sul mercato italiano e statunitense. Degne di nota sono state pure le operazioni legate al gruppo Aci, come il Gp Travel Club di Monza, dedicato ai top client in occasione del Gran Premio d’Italia, e la creazione dell’ufficio Viaggi dedicato ai soci Aci per tutte le attività leisure. Grande successo infine per il brand Exclusive lanciato a ottobre 2023, che ha portato all’apertura di una lounge nella centralissima zona Duomo di Milano e di una seconda lounge presso l’ufficio di Roma inaugurato a novembre 2023.\r\n\r\n“Il notevole impegno e gli eccellenti risultati ottenuti nel 2023 – sottolinea Alfredo Pezzani, cbo Aci blueteam – hanno posto solide basi per il nuovo anno che, fin da questi primi mesi, sta evidenziando segnali estremamente positivi, prevedendo un’ulteriore ottimizzazione dei processi operativi e una crescita controllata dei volumi. Questo approccio mira a consolidare e, dove possibile, incrementare ulteriormente l’elevato livello di qualità del servizio, che rappresenta per i nostri clienti anche un importante aumento delle proprie percentuali di saving”.\r\n\r\nTra gli obiettivi del 2024 figurano investimenti su tutte le piattaforme tecnologiche (BtTool – self booking tool – Wondermiles e PrenotAci), con l’implementazione delle funzionalità dedicate alla ricerca delle migliori soluzioni tariffarie per voli, treni, hotel e servizi leisure. A ciò si aggiunge un piano di sviluppo del segmento luxury con il rafforzamento del team Exclusive Aci blueteam, al fine di consolidare ulteriormente le quote di mercato. Guardando al futuro, Aci blueteam, forte dei risultati ottenuti da Blueteam Usa e della grande soddisfazione espressa dai clienti americani, si propone di realizzare un ambizioso progetto di espansione internazionale attraverso l'apertura di nuove filiali all’estero.","post_title":"Aci blueteam chiude un 2023 sopra i volumi pre-Covid","post_date":"2024-02-21T11:52:09+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1708516329000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461903","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’Enac ha rilasciato il primo certificato Uas leggero (Light Uas Operator Certificate - Luc) a un operatore italiano, la società FlyingBasket Srl, start-up che è anche il primo operatore Uas nazionale ad aver svolto operazioni cross-border in Europa.\r\n\r\n“L’emissione di questo primo certificato Luc a un operatore nazionale - ha dichiarato il direttore generale Enac Alessio Quaranta (nella foto) - conferma l’importanza dei servizi introdotti dalla mobilità aerea innovativa. L’Enac ha sempre riservato un’attenzione particolare ai velivoli senza equipaggio a bordo, cooperando con l’Icao e con l’Easa per lo sviluppo del framework di regolazione per gli Uas, al fine di favorire la crescita del settore e la loro integrazione sicura nello spazio aereo».\r\n\r\nLe operazioni effettuate con aeromobili “Unmanned Aircraft Systems” Uas, costituiscono un settore in costante espansione, con un continuo aumento delle possibili applicazioni anche grazie al supporto delle nuove tecnologie oggi a disposizione.\r\n\r\n \r\n\r\nL’Enac ha seguito fin da subito l’evoluzione delle attività svolte con Uas, tramite l’emissione di uno fra i primi regolamenti in Europa per gli aeromobili a pilotaggio remoto, seguito da un forte impegno di diffusione delle pratiche e delle competenze nazionali nei contesti internazionali e dalla pubblicazione del Piano Strategico Nazionale sulla Mobilità Aerea Avanzata finalizzato a mettere in atto una strategia aperta all’innovazione tecnologica volta a creare un ecosistema in grado di integrare nuove tipologie di servizi per i territori e per i cittadini. ","post_title":"Droni: l'Enac ha certificato il primo operatore italiano, la FlyingBasket Srl","post_date":"2024-02-20T11:10:02+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708427402000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461902","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ritorniamo per un momento sui bonus vacanza, criticati aspramente da questo giornale fin dalla nascita, e vediamo cosa sta succedendo. Secondo la Guardia di Finanza di Napoli, vi sarebbe stata una maxitruffa da quasi 800mila euro sui buoni vacanze erogati dal ministero del turismo nel periodo dell'emergenza Covid, tra il 2020 e 2021.\r\n\r\n«Il flop del bonus vacanze lo abbiamo denunciato subito. Inoltre, già nel luglio del 2020 avevamo rilevato innumerevoli irregolarità e abusi, segnalandoli in un esposto all'Antitrust, chiedendo di accertare se le pratiche commerciali fossero scorrette», afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione nazionale consumatori.\r\n\r\n«Alcuni albergatori applicavano tariffe differenziate a seconda che uno andasse in vacanza con bonus o senza. Insomma, un meccanismo e una procedura che consentivano troppi spazi di manovra agli albergatori. Un provvedimento nato male e, come dimostra l'indagine di oggi, finito peggio» conclude Dona.","post_title":"Flop bonus vacanza. E ora arriva anche la Guardia di Finanza","post_date":"2024-02-20T11:02:50+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708426970000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461882","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nNel 2023 l'aeroporto di Dubai ha accolto 87 milioni di viaggiatori, superando non solo le previsioni annuali di Dubai Airports ma anche i livelli di traffico pre-pandemia. Per quest'anno l'aeroporto stima di movimentare 88,8 milioni di passeggeri, mettendo l'hub a breve distanza dal suo precedente record assoluto di 89,1 milioni, stabilito nel 2018.\r\n\r\nCon 7,8 milioni di ospiti, dicembre è stato il mese più trafficato del quarto trimestre, durante il quale l'aeroporto ha accolto un totale di 22,4 milioni di ospiti, con una crescita del 13,8% rispetto al quarto trimestre dello scorso anno. Il terzo trimestre è rimasto il trimestre con il traffico più elevato dal 2019, con 23 milioni di ospiti, mentre agosto, con 7,9 milioni di ospiti, è stato il mese con il traffico più elevato.\r\n\r\nL'aeroporto emiratino è attualmente collegato a circa 262 destinazioni in 104 Paesi attraverso 102 vettori internazionali.\r\n\r\nLo scalo è stato il più trafficato a livello globale nel mese di febbraio, con un totale di 4,73 milioni di passeggeri che hanno posizionato Dubai davanti a quello di Atlanta, classificato al secondo posto con 4,48 milioni di viaggiatori.\r\n\r\nVa sottolineato che i dati includono sia il traffico internazionale che quello nazionale e il fatto che Dubai, pur avendo a malapena un traffico locale, abbia superato aeroporti con un traffico domestico significativo è una testimonianza del massiccio impegno dell'aeroporto e dell'Emirato per incrementare i flussi.\r\n\r\nTokyo Haneda si è piazzato al terzo posto della classifica con 4,21 milioni di posti, seguito da Guangzhou (4,17 milioni), Shanghai Pudong (3,89 milioni) e Londra Heathrow (3,88 milioni).\r\n\r\n ","post_title":"L'aeroporto di Dubai è il primo al mondo per traffico passeggeri: 87 milioni nel 2023","post_date":"2024-02-20T10:54:08+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708426448000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461872","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ita Airways ha aperto le vendite per il nuovo volo diretto Roma-Dakar, che decollerà il prossimo 3 luglio, con quattro frequenze settimanali operate mercoledì, venerdì, sabato e domenica con un Airbus A321neo.\r\nFino a ottobre, la partenza da Fiumicino è prevista alle 15:30 con arrivo in Senegal alle 19:30 (ora locale); dal 27 ottobre, invece, la partenza da Roma sarà alle 15:00 e l’arrivo a Dakar sarà alle 20:10 (ora locale).\r\nLa ripartenza dall’aeroporto di Dakar – Blaise Diagne sarà programmata alle 23:40 (ora locale), con arrivo a Roma per le 07:20 della mattina successiva alla partenza; dal 27 ottobre l’orario di partenza sarà spostato alle 23:50 (locali), con arrivo a Roma alle 06:25.\r\nL’A321neo è l’aeromobile più grande della famiglia A320neo di Airbus e offre autonomia e prestazioni di assoluto livello. E' anche il primo aeromobile narrow body configurato con tre cabine: Business Class (12 posti), Premium Economy (12 posti) ed Economy (141 posti di cui 12 dedicati alla Comfort Economy). \r\nL’apertura della nuova rotta consentirà a Ita non solo di ottenere un ingresso strategico per il traffico point-to-point, ma anche di raggiungere altre destinazioni all’interno di entrambi i Paesi, combinando così viaggi di turismo e d’affari.\r\nL'operativo della stagione estiva del vettore conta 57 destinazioni, di cui 16 nazionali, 26 internazionali e 15 intercontinentali; inoltre, nel picco estivo il vettore volerà verso 10 ulteriori destinazioni stagionali nel Mediterraneo, incluse la Grecia, la Spagna, la Croazia e le isole italiane, raggiungibili con voli diretti da Roma Fiumicino e Milano Linate (Rodi, Ibiza, Palma di Maiorca, Minorca, Heraklion, Corfù, Lampedusa, Pantelleria, Spalato e Cefalonia - queste ultime due solo da Roma Fiumicino).","post_title":"Ita Airways ha aperto le vendite della Roma-Dakar che decollerà il 3 luglio","post_date":"2024-02-20T09:46:36+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708422396000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461696","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Veri e propri sacrifici - complessi non solo da soddisfare ma addirittura da spiegare - come la richiesta che coinvolge United Airlines, alleata commerciale di Lufthansa, affinché ceda parte della propria quota di mercato sulle rotte Europa-Stati Uniti.\r\n\r\nSono quelli richiesti dall’Antitrust dell’Unione europea - come anticipato da Il Corriere della Sera - che non smette di mettere in fila rimedi prima di avallare l’operazione che ormai da quasi un anno ha visto il gruppo tedesco firmare l’accordo con il Tesoro per l’ingresso nel capitale di Ita Airways con il 41% delle quote, per poi salire gradualmente fino al controllo totale. L’Ue continua a chiedere garanzie  per evitare possibili effetti negativi sulla concorrenza. Nonostante Lufthansa abbia presentato proposte per affrontare tali preoccupazioni, l'Antitrust dell'Ue le ha ritenute insufficienti, ritardando così la decisione finale.\r\n\r\nTali richieste vanno oltre la semplice cessione degli slot aeroportuali e \"sia Ita, sia Lufthansa su questo non intendono fare troppa resistenza avendo assieme il 67% di quota\". Si tratta anche di lasciare alcune rotte internazionali e intercontinentali o ridurne la presenza per favorire la concorrenza. Il pacchetto di rimedi prospettato include anche l'obbligo di stipulare accordi di codeshare con le compagnie che subentrano, nonché di fornire servizi di handling e garantire l'accesso ai programmi fedeltà e alle lounge aeroportuali ai clienti del vettore rivale.\r\n\r\nAbbandonare alcuni mercati e sostenere i vettori concorrenti sembra una opzione 'sorprendente' ma, come spiega il quotidiano, è parte di un accordo negoziato con la Direzione generale per la Concorrenza dell'Unione europea. Infatti tale compromesso è stato richiesto durante i negoziati tra il ministero dell'Economia italiano e Lufthansa per ottenere l'approvazione alla fusione tra le due compagnie aeree. Questo aspetto, che coinvolge la cessione degli slot e il sostegno finanziario e logistico ai concorrenti, resta uno dei punti più problematici delle trattative.","post_title":"Ita-Lufthansa: le richieste Ue per avallare l'operazione sono un percorso a ostacoli","post_date":"2024-02-16T12:51:17+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708087877000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461677","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_461680\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Un'immagine dell'edizione 2023[/caption]\r\n\r\nDalla capacità tutta italiana di unire il bello, lo stile, l'enogastronomia e l'arte dell'accoglienza con il rispetto di persone, culture ed ecosistemi, torna l’evento che celebra e alimenta il dibattito sulle tematiche legate all’alta gamma e a un concetto di turismo sostenibile, nel quale la componente lusso si fa esperienza autentica delle culture locali e veicolo di sviluppo responsabile per comunità e territori. Sono aperte le iscrizioni per la settima edizione della Ecoluxury Fair, in programma a Roma tra il 6 e l'8 novembre nella nuova cornice di palazzo Brancaccio.\r\n\r\nL'evento si sta affermando sempre più come il punto sullo stato dell’arte in relazione al futuro sostenibile dell’industria turistica del lusso, con circa 200 buyer ed espositori e un numero di interazioni fra partecipanti in crescita del 20% annuo, grazie alle molteplici attività e appuntamenti in calendario. La settima edizione si aprirà in particolare con il consueto forum nel pomeriggio del 6 novembre, a cui parteciperanno istituzioni, imprenditori, studiosi e ambasciatori di un’ospitalità virtuosa. I lavori del workshop b2b interesseranno invece le giornate del 7 e 8 novembre, nel corso delle quali rappresentanti di tutti i settori dell’industria potranno proporsi ai buyer invitati, agenti di viaggio e professionisti del turismo, italiani e  internazionali. A margine delle attività produttive e del forum si svolgeranno inoltre educational sui percorsi meno noti di Roma, Lazio e regioni limitrofe, visite dedicate all’ospitalità romana e serate di networking.\r\n“Il nostro un progetto in continua evoluzione. – dichiara Enrico Ducrot, ceo di Viaggi dell’Elefante e ideatore del concept Ecoluxury –: un macro-contenitore, che coinvolge ospitalità, attività, travel, territori, istituzioni. La nostra visione è quella di alimentare un dibattito sull’idea di lusso contemporaneo, durante il quale quale persone, culture e pianeta diventano gli elementi imprescindibili. L’Ecoluxury Fair non è il punto d’arrivo ma una pausa per verificare lo stato di un percorso che si alimenta nel tempo, sviluppando ulteriori contenuti e occasioni di contatto e condivisione tra chi ne fa parte. La nostra ambizione è quella di rendere l'Italia il centro propulsore della cultura Ecoluxury da e per altri mercati: un palco per le eccellenze tricolori in materia di ospitalità di nicchia che affiancano la propria attività ricettiva al concetto di restituire al territorio il valore del flusso turistico.”\r\n\r\n ","post_title":"Torna a Roma l'Ecoluxury Fair: l'edizione 2024 in programma a novembre a palazzo Brancaccio","post_date":"2024-02-16T11:27:12+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708082832000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461650","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Leggendo la mia provocazione di ieri sul \"fare squadra\", Cesare Foa' - che ringrazio - presidente di AdvUnite e presidente Campania di Aidid ha voluto dare un suo contributo che riteniamo illuminante sullo stato del turismo italiano e che qui riportiamo.\r\n\r\n\"Senza dire chi per primo avesse avuto questa idea a oggi la cosiddetta filiera turistica è pura utopia. Gli alberghi tagliano le commissioni alle agenzie ma danno fino al 25% a booking.com. I b&b e le società extralberghiere  se ne fregano delle agenzie.  I vettori aerei riducono arbitrariamente le commissioni diventando ridicole. E i tour operator pensano di ridurre le commissioni perché così possono mantenere una propria rete dai costi spesso altissimi. \r\nOgnuno gioca per sè\r\nNon parliamo poi dell'abusivismo dove tutti vendono viaggi. Intanto solo le agenzie di viaggi italiane hanno le garanzie gli altri no. Spesso dobbiamo lottare con gli organi che soprattutto in piccole città o paesi  non effettuano bene i controlli . Quindi in conclusione se il ministro vuol parlare di fare squadra basterebbe partire dalla legalità e dal rispetto dei ruoli: può imporli ?\".\r\n\r\nQuesta è la domanda di Foà, ma è anche la domanda di molte agenzie di viaggio e di molti player del turismo. Si ha come l'impressione che qui, né il ministro, né le federazioni, né le confederazioni possano fare niente. Perché insomma e diciamolo una buona volta, nel turismo ognuno gioca una partita a sè. E cerca di trarre il maggior profitto esclusivamente dalla propria attività. Non c'è rete, ci sono solo rapporti di lavoro, delle volte alla pari, delle altre volte no.\r\n\r\nGiuseppe Aloe","post_title":"Fare squadra? Alcuni esempi di come nel turismo la rete è un'utopia","post_date":"2024-02-16T10:15:07+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708078507000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461528","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ancora problemi per la Sun Princess: la prima unità della classe Sphere, e la più grande nave da crociera mai costruita in Italia, è stata infatti consegnata a Princess Cruises, ma rimarrà ancora qualche giorno negli stabilimenti Fincantieri di Monfalcone per una serie di ulteriori lavori tecnici. Stando a quanto riporta la redazione friulana di Rainews, tra i disguidi che costringono la nave in cantiere ci sarebbe stato il ritrovamento di tracce di gasolio all'interno di una delle casse di acqua potabile. Problema tuttavia già risolto, secondo quanto dichiarato dalla stessa Fincantieri.\r\n\r\nIn ogni caso l'inconveniente ha posticipato ulteriormente la data di debutto della Sun Princess. Originariamente previsto per l'8 febbraio da Barcellona, e già rimandato al 18 da Civitavecchia, la crociera inaugurale è stata infatti ora fissata al 28 sempre dal porto laziale, rivela il Piccolo. Ai passeggeri a cui è stato cancellato il viaggio, Princess Cruises ha già annunciato che rifonderà il prezzo della crociera, offrendo uno sconto del 50% su una partenza successiva.","post_title":"Ancora problemi per la Sun Princess: crociera inaugurale rinviata a fine mese","post_date":"2024-02-15T09:59:15+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1707991155000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti