24 May 2024

Lufthansa: i piloti fermano la compagnia. E’ sciopero

[ 0 ]

Questo venerdì, 2 settembre, Lufthansa si fermerà. Lo hanno deciso i piloti raggruppati nel sindacato Vereinigung Cockpit (VC). I voli in partenza dalla Germania, sia Lufthansa che Lufthansa Cargo, smetteranno di funzionare.

Gli aerei che sono all’estero potranno ritornare in Germania. La compagnia sarà in grado di applicare un programma di volo di emergenza ancora sconosciuto questo giovedì mattina.

Tuttavia, è molto probabile che gli aeroporti di Francoforte e Monaco, i due hub più importanti per le operazioni di Lufthansa, subiscano gravi disagi e interruzioni del servizio.

Marcel Grols, portavoce del sindacato, ha accusato l’azienda di non aver riconvocato il tavolo delle trattative per presentare un’offerta di stipendio migliorata. Secondo il sindacato, nell’ultima riunione del consiglio di amministrazione la compagnia non ha nemmeno provato a presentare un miglioramento rispetto alla precedente offerta.

A proclamare lo sciopero sono i 5.000 piloti e primi ufficiali dell’azienda, per i quali il sindacato chiede un aumento del 5,5% e un sistema di compensazione salariale automatico legato all’inflazione, a partire dal 2023.

 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467965 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Swiss allunga lo sguardo all'inverno 2024-25 con un network composto da 93 destinazioni servite da Zurigo e Ginevra. La compagnia del gruppo Lufthansa continuerà a servire una serie di destinazioni che sono state aggiunte recentemente alla rete estiva. Tra le mete a lungo raggio spicca Washington, DC, operata da cinque voli settimanali anche durante l'inverno. Sul fronte del corto raggio, Swiss volerà ogni giorno su Londra Gatwick e tre volte a settimana su Cluj-Napoca (Romania) e Košice (Slovacchia). Previsto anche l'aumento delle frequenze di volo su alcune rotte intercontinentali: i collegamenti tra Zurigo e le città californiane di Los Angeles e San Francisco saranno portati a frequenza giornaliera, mentre sulla Zurigo-Miami sarà operato un collegamento due volte al giorno. Swiss effettuerà durante l'inverno anche un collegamento giornaliero tra Zurigo e Shanghai. I passeggeri che viaggiano da Ginevra potranno continuare a usufruire del collegamento non-stop da e per la capitale norvegese Oslo anche nella winter: la rotta Ginevra-Oslo è stata aggiunta al network Swiss quest'estate e sarà operata con quattro frequenze settimanali nel prossimo orario invernale. Sempre da Ginevra i passeggeri avranno una maggiore scelta di servizi anche per Copenaghen (aumentati a cinque frequenze settimanali) e per Valencia e Malaga (ciascuno aumentato a tre voli settimanali).   [post_title] => Swiss manterrà anche nell'orario invernale i voli per Washington e Londra Gatwick [post_date] => 2024-05-24T09:10:43+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716541843000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467803 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' al vaglio dell'Antitrust europeo l'ultima proposta firmata Ita Airways e Lufthansa per venire incontro ai dubbi di Bruxelles sulle conseguenze delle nozze in materia di competitività. Ieri sera, come riferisce oggi Il Corriere della Sera, citando fonti vicine al dossier, è stato consegnato il nuovo documento che presenterebbe maggiore flessibilità su Linate ma non sulle redditizie rotte di lungo raggio verso il Nord America. Al city airport milanese le compagnie aeree lascerebbero 19 coppie giornaliere di slot rispetto alle 11-12 inizialmente proposte, ma meno delle 30 chieste dall'Ue. Sulle rotte transatlantiche, il quotidiano cita la non "disponibilità di United Airlines a modificare gli accordi di joint venture con Lufthansa e Air Canada". Il Tesoro e i tedeschi concordano sulla separazione di due anni delle operazioni di Ita Airways sul Nord Atlantico da quelle di Lh, ma al termine del biennio "spetterebbe comunque all’Ue autorizzare l’abbattimento del muro tra le attività". Tra le richieste Ue c'è anche la rinuncia da parte di Lufthansa dei ricavi della jv dai voli Italia-Usa o alla parte di fatturato di Ita sulle medesime tratte.  Spetterà a Margrethe Vestager nei prossimi giorni - giovedì o venerdì secondo le fonti Ue citate - fare di nuovo il punto con i vertici di Lufthansa, dopo che la scorsa settimana c'era stato l'incontro con il ministro dell'economia, Giancarlo Giorgetti.  [post_title] => Ita-Lufthansa e i nuovi rimedi su Linate e sulle rotte del Nord Atlantico [post_date] => 2024-05-22T09:44:35+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716371075000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467675 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Domani, 21 maggio, è il termine ultimo fissato dall'Ue affinché Ita Airways e Lufthansa inoltrino la "revisione" del pacchetto di rimedi volto a ottenere il via libera all'acquisizione dei tedeschi del 41% del capitale della compagnia italiana.  Ennesimo aggiustamento che è successivo ai rimedi inviati dalle due parti lo scorso 6 maggio e che era stato giudicato insufficiente dalla Commissione europea, il cui responso definitivo è atteso entro il 4 luglio. La trattativa con le autorità Antitrust europee è aperta su più fronti: da quello sulle rotte transatlantiche (con un passo indietro sui redditizi collegamenti verso il Nord America e verso il Giappone) a quello sui collegamenti intra-europei, al tema caldissimo della cessione di slot negli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Linate. Sul city airport milanese, in particolare, si concentrano gli interessi maggiori: qui, il sacrificio richiesto dall'Ue non collima affatto - almeno finora - con quanto proposto dai tedeschi e dal Tesoro (principale azionista di Ita). Cessione Come anticipato da Il Corriere della Sera, la richiesta di Bruxelles vedrebbe la cessione del 30% degli slot che Ita Airways e Lufthansa detengono oggi a Linate: in pratica una sessantina di slot al giorno, cioè 30 coppie, rispetto alla cessione di 11-12 coppie prevista dai rimedi inviati da tedeschi e italiani. In questo modo la quota dei diritti di decollo e atterraggio su Linate di Lh e Ita scenderebbe dal 64% al 45%. In altre parole, alle due parti viene chiesto di rinunciare a 175 milioni di euro all'anno di ricavi - sempre secondo le stime del Corriere, che cita i report di analisti, perizie e dati economici dello scalo milanese. Attualmente infatti gli slot di Linate sono i più preziosi all’interno dell’Unione europea e i secondi più cari, considerando l’intero continente (dopo quelli di Londra Heathrow).  [post_title] => Ita-Lh: L'Ue attende per domani la revisione su cessione slot e tagli rotte [post_date] => 2024-05-20T12:59:26+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716209966000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467527 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Swiss continua a investire sulla sostenibilità della propria flotta e negli ultimi 18 mesi ha dotato tutti i 12 Boeing 777-300Er della nuova tecnologia AeroShark. La speciale pellicola applicata alla fusoliera del velivolo e alle gondole dei motori, riproduce le proprietà idrodinamiche della pelle di uno squalo per ridurre la resistenza dell'aria in volo, riducendo il consumo di carburante e quindi le emissioni di anidride carbonica. Tutti e 12 i Boeing 777 della compagnia aerea sono ora dotati di questa tecnologia innovativa. Swiss ha dotato i Boeing 777-300Er della tecnologia AeroShark sin dall'ottobre del 2022: la pellicola riduce la resistenza dell'aria in volo di circa l'1%. Di conseguenza, anche se solo una parte della flotta di Boeing 777 è dotata della nuova tecnologia, l'anno scorso AeroShark ha ridotto il consumo di cherosene di Swiss di oltre 2.200 tonnellate, con una concomitante riduzione di circa 7.100 tonnellate delle emissioni di anidride carbonica della compagnia aerea. La tecnologia AeroShark è stata sviluppata congiuntamente da Lufthansa Technik e dal produttore di rivestimenti Basf. La compagnia aerea svizzera sta valutando la possibilità di estenderne l'utilizzo ad altri tipi di aeromobili della flotta a lungo raggio nel futuro a medio termine. [post_title] => Swiss: l'intera flotta di B777-300Er è dotata di AeroShark per ridurre le emissioni di CO2 [post_date] => 2024-05-17T11:20:39+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715944839000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467344 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Flying Blue dedica una nuova promozione ai soci residenti in Italia, Svizzera, Germania e alcune altre nazioni europee. Il programma fedeltà di Air France-Klm e Transavia ha infatti lanciato lo status match per chi è già iscritto ad altri programmi fedeltà del settore aereo, entro il 30 giugno 2024. In pratica, grazie al portale StatusMatch.com e con il pagamento di una tassa d’iscrizione, variabile in base al livello di fedeltà in possesso, si potrà entrare a far parte della famiglia FlyingBlue e godere dei diversi benifici previsti come: l’imbarco prioritario Sky Priority, la selezione gratuita dei posti standard, l’accesso alle lounge SkyTeam, un bagaglio addizionale e molto altro. Il nuovo status ottenuto verrà, inoltre, garantito per i successivi 12 mesi dal momento del passaggio. Alcuni esempi di status match possono essere: i soci Silver del British Airways Executive Club potranno ottenere il livello Gold di Flying Blue; i soci Hon Circle Senator del Lufthansa Miles&More potranno ottenere il livello Platinum di Flying Blue; i soci Elite del Turkish Airlines Miles&Smiles potranno ottenere il livello Gold di Flying Blue. [post_title] => Air France-Klm: Flying Blue lancia lo 'Status Match' per i soci di altri programmi fedeltà [post_date] => 2024-05-15T09:00:08+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715763608000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467353 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non sembra ancora arrivare a un punto di svolta il testa a testa fra Ita Airways-Lufthansa e la Commissione europea per un parere favorevole alle agognate nozze. Da Bruxelles la richiesta è quella di ulteriori sacrifici, visto che i rimedi finora messi sul tavolo dalle due compagnie aeree - cessione di 12 slot giornalieri a Milano Linate, apertura di easyJet e Volotea su alcune rotte in Italia e verso l'Europa centrale come pure il blocco per due anni all’ingresso di Ita nella jv venture transatlantica di Lufthansa con United Airlines e Air Canada - non placherebbero i dubbi dell'Antitrust in materia di concorrenza. Giorgetti Ieri il ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti ha incontrato la commissaria alla Concorrenza, Margrethe Vestager: un incontro che ha prodotto dichiarazioni estremamente formali da parte del ministro: "Abbiamo chiarito la nostra posizione, quella nostra e di Lufthansa. Adesso aspettiamo il verdetto". Verdetto atteso per il prossimo 4 luglio. Sul fronte Ue, la portavoce della Commissione  Lea Zuber ha aggiunto che la commissaria e il ministro “hanno discusso della transazione, in particolare dei rimedi presentati, e dei prossimi passi”. Bruxelles punta quindi a incassare nuove garanzie e per questo ha interpellato i player del settore per verificare, attraverso un "market test", l’impatto delle proposte sulle dinamiche della concorrenza nei cieli europei. Il parere ottenuto contribuirà alla decisione della Commissione sul matrimonio che, almeno per oggi, non s'ha da fare.  [post_title] => Ita-Lufthansa: ancora freni dall'Ue, i rimedi proposti sono insufficienti [post_date] => 2024-05-15T08:45:45+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715762745000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467234 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => I ritardi di Boeing nella consegna degli aeromobili sono "estremamente fastidiosi e ci costano molto denaro": Carsten Spohr, ceo del Gruppo Lufthansa, prende posizione pubblicamente sulla questione, in un'intervista al quotidiano svizzero Neue Zuercher Zeitung. "Tuttavia, sono certo che Boeing sarà in grado di superare i problemi", ha dichiarato sottolineando che "È nell'interesse di tutti che Boeing sia presto in grado di costruire nuovamente velivoli di grandi dimensioni in modo più affidabile". A suo avviso, il trasporto aereo ha bisogno di due produttori solidi, riferendosi al costruttore europeo di aerei Airbus, storico competitor di Boeing. Interrogato sulla possibilità di acquisire aerei di linea cinesi, Spohr ha molto ridimensionato questa prospettiva: "Considerati gli standard di sicurezza che applichiamo all'interno del gruppo Lufthansa, non credo sia realistico per i prossimi anni". Nei giorni scorsi era stato il presidente e ceo del gruppo Emirates, Ahmed ben Saeed Al Maktoum, a manifestare la propria frustrazione per la crisi di sicurezza che sta attraversando Boeing e per i conseguenti ritardi nelle consegne degli ordini: il vettore di Dubai è infatti tra i maggiori clienti a livello mondiale della casa costruttrice statunitense.   [post_title] => Spohr, Lufthansa: "I ritardi delle consegne Boeing ci costano molto denaro" [post_date] => 2024-05-14T09:10:34+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715677834000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467151 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_269063" align="alignright" width="300"] Luis Gallego[/caption] Il Gruppo Iag potrebbe abbandonare la proposta di acquisizione per Air Europa, se le misure correttive in materia di concorrenza richieste dalla Commissione europea dovessero rivelarsi troppo onerose: questa la posizione del ceo Luis Gallego che, a margine della presentazione dei risultati del primo trimestre 2024 di Iag, ha commentato la vicenda, dai contorni non dissimili da quella di Lufthansa-Ita. Il gruppo di cui fanno parte British Airways, Iberia, Vueling, Level ed Aer Lingus ha tempo fino al 10 giugno per rispondere alle richieste di Bruxelles: «Per quanto riguarda l’acquisizione di Air Europa, continuiamo a fare progressi con la Commissione europea e abbiamo già condiviso con loro le potenziali compagnie aeree che rileverebbero gli slot da dismettere come parte del pacchetto di misure correttive (...) Abbiamo ricevuto molto interesse da parte di diversi vettori e stiamo lavorando con Avianca, Binter, Iberojet, Ryanair, Volotea e World2Fly come potenziali acquirenti di rimedi sia sulle rotte a lungo che a corto raggio». I conti dei tre mesi fra gennaio e marzo 2024 hanno intanto registrato un utile operativo di 68 milioni di euro, oltre la previsione di 49 milioni di euro e ben maggiore dei 9 milioni di euro nello stesso trimestre del 2023. Gallego ha sottolineato che il gruppo non è esposto verso il Medio Oriente come altri vettori così come verso l’Asia: «Il nostro gruppo beneficia della forza dei nostri mercati principali - Atlantico settentrionale, Atlantico meridionale e intraeuropeo - e della performance dei nostri marchi. Gli investimenti di trasformazione effettuati in tutto il gruppo stanno producendo incoraggianti miglioramenti nella puntualità e nell'esperienza dei clienti delle nostre compagnie aeree. Siamo ben posizionati per l'estate e l'elevata domanda di viaggi è una tendenza costante».   [post_title] => Iag-Air Europa: si valuta la cessione degli slot, ma «lasceremo se condizioni troppo onerose» [post_date] => 2024-05-13T09:32:44+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715592764000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466988 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Con 21 milioni di passeggeri, l’Italia resta per noi un mercato strategico. Complessivamente, l'anno scorso abbiamo trasportato 63 milioni di passeggeri e ne prevediamo 70 milioni per il 2024. Una capacità maggiore rispetto ai vettori tradizionali europei»: così József Varadi, ceo di Wizz Air, a Milano per celebrare i primi 20 anni di attività La flotta, attualmente composta da 207 aeromobili, per la prossima estate toccherà quota 245, di cui 24 basati nel nostro Paese dove è previsto il raddoppio - a quota 50 - nei prossimi cinque anni. «Superata la questione dei motori, prevediamo una crescita di Wizz del 20%. In Italia siamo operativi su 27 aeroporti. A Roma, per la prossima estate, verrà aperto un training center con 4 simulatori per i piloti e una cabina di training per l’equipaggio, il secondo dopo quello di Budapest. Stiamo investendo tanto in Italia e stiamo facendo un buon lavoro. Il nostro primo investimento è stato a Malpensa, ma ora ci stiamo espandendo in tutta la Penisola». E prosegue: «Siamo leader di mercato nell’Europa orientale che rimarrà per noi un’area di investimento importante. Per i prossimi 10-15 anni, l’Europa centrale resterà un grande mercato per la nostra compagnia. Nell’Europa occidentale ci stiamo muovendo con grossi investimenti e l’Italia è uno dei Paesi su cui abbiamo puntato molto. Anche il Medioriente sta andando bene poiché Abu Dhabi ha bisogno di maggiori capacità. L’Italia ha risposto molto bene del nostro arrivo, un mercato per noi profittevole, molto rilevante sia sul fronte del traffico che come base per infrastrutture e per espandere il nostro network, a cominciare da Malpensa e Fiumicino. Sono in arrivo tra febbraio 2025 e il 2028, 47 aeromobili Xlr. L’Italia è un perfetto mercato per questo tipo di aeromobili. Hanno un range di oltre 8 ore di volo e permetteranno facili connessioni con Il Golfo, l’India e l’Africa, con possibilità di nuovi network per l’Italia». Wizz Air in Italia gioca dunque una partita importante, sul piatto vi è un investimento di 5 miliardi di euro per nuovi aeromobili e 200 milioni in infrastrutture, training centre e maintenance centre, con un raddoppio del personale di cabina e centri infrastrutturali. La posizione su Milano Linate Varadi si sofferma così anche sulla questione Ita Airways-Lufthansa a Linate: «Ita e Lufthansa hanno una posizione predominate su Linate che crea monopolio di linee ma anche di prezzi, a svantaggio dei viaggiatori. La questione è su come spezzare questo monopolio. Occorrerebbe rilasciare parte degli slot ad altre compagnie. Ma poiché la posizione di Ita rimane questa, Wizz Air non è interessata. La Commissione europea e le istituzioni italiane dovrebbero spingere a cedere gran parte degli slot. Offrire solo 11 slot è poco, resterebbero ancora al 70% con tariffe non competitive. Per spezzare il monopolio occorre stare al di sotto del 40%». L’aumento dei costi nell’industria dovuti all’aumento del carburante, al costo del lavoro e delle infrastrutture, hanno portato di conseguenza all’aumento del 10% delle tariffe Wizz che nel contempo prova a calmierare con l’ingresso in flotta di aeromobili più efficienti e più grandi.     [post_title] => Wizz Air: il ceo Varadi punta al raddoppio in Italia. Su Linate: «Spezzare il monopolio» [post_date] => 2024-05-09T11:38:28+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => wizz-air ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Wizz Air ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715254708000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "lufthansa sciopero" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":16,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":521,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467965","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Swiss allunga lo sguardo all'inverno 2024-25 con un network composto da 93 destinazioni servite da Zurigo e Ginevra. La compagnia del gruppo Lufthansa continuerà a servire una serie di destinazioni che sono state aggiunte recentemente alla rete estiva. Tra le mete a lungo raggio spicca Washington, DC, operata da cinque voli settimanali anche durante l'inverno. Sul fronte del corto raggio, Swiss volerà ogni giorno su Londra Gatwick e tre volte a settimana su Cluj-Napoca (Romania) e Košice (Slovacchia).\r\n\r\nPrevisto anche l'aumento delle frequenze di volo su alcune rotte intercontinentali: i collegamenti tra Zurigo e le città californiane di Los Angeles e San Francisco saranno portati a frequenza giornaliera, mentre sulla Zurigo-Miami sarà operato un collegamento due volte al giorno. Swiss effettuerà durante l'inverno anche un collegamento giornaliero tra Zurigo e Shanghai.\r\n\r\nI passeggeri che viaggiano da Ginevra potranno continuare a usufruire del collegamento non-stop da e per la capitale norvegese Oslo anche nella winter: la rotta Ginevra-Oslo è stata aggiunta al network Swiss quest'estate e sarà operata con quattro frequenze settimanali nel prossimo orario invernale. Sempre da Ginevra i passeggeri avranno una maggiore scelta di servizi anche per Copenaghen (aumentati a cinque frequenze settimanali) e per Valencia e Malaga (ciascuno aumentato a tre voli settimanali).\r\n\r\n ","post_title":"Swiss manterrà anche nell'orario invernale i voli per Washington e Londra Gatwick","post_date":"2024-05-24T09:10:43+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1716541843000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467803","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' al vaglio dell'Antitrust europeo l'ultima proposta firmata Ita Airways e Lufthansa per venire incontro ai dubbi di Bruxelles sulle conseguenze delle nozze in materia di competitività.\r\n\r\nIeri sera, come riferisce oggi Il Corriere della Sera, citando fonti vicine al dossier, è stato consegnato il nuovo documento che presenterebbe maggiore flessibilità su Linate ma non sulle redditizie rotte di lungo raggio verso il Nord America.\r\n\r\nAl city airport milanese le compagnie aeree lascerebbero 19 coppie giornaliere di slot rispetto alle 11-12 inizialmente proposte, ma meno delle 30 chieste dall'Ue. Sulle rotte transatlantiche, il quotidiano cita la non \"disponibilità di United Airlines a modificare gli accordi di joint venture con Lufthansa e Air Canada\".\r\n\r\nIl Tesoro e i tedeschi concordano sulla separazione di due anni delle operazioni di Ita Airways sul Nord Atlantico da quelle di Lh, ma al termine del biennio \"spetterebbe comunque all’Ue autorizzare l’abbattimento del muro tra le attività\". Tra le richieste Ue c'è anche la rinuncia da parte di Lufthansa dei ricavi della jv dai voli Italia-Usa o alla parte di fatturato di Ita sulle medesime tratte. \r\n\r\nSpetterà a Margrethe Vestager nei prossimi giorni - giovedì o venerdì secondo le fonti Ue citate - fare di nuovo il punto con i vertici di Lufthansa, dopo che la scorsa settimana c'era stato l'incontro con il ministro dell'economia, Giancarlo Giorgetti. ","post_title":"Ita-Lufthansa e i nuovi rimedi su Linate e sulle rotte del Nord Atlantico","post_date":"2024-05-22T09:44:35+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1716371075000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467675","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Domani, 21 maggio, è il termine ultimo fissato dall'Ue affinché Ita Airways e Lufthansa inoltrino la \"revisione\" del pacchetto di rimedi volto a ottenere il via libera all'acquisizione dei tedeschi del 41% del capitale della compagnia italiana. \r\n\r\nEnnesimo aggiustamento che è successivo ai rimedi inviati dalle due parti lo scorso 6 maggio e che era stato giudicato insufficiente dalla Commissione europea, il cui responso definitivo è atteso entro il 4 luglio.\r\n\r\nLa trattativa con le autorità Antitrust europee è aperta su più fronti: da quello sulle rotte transatlantiche (con un passo indietro sui redditizi collegamenti verso il Nord America e verso il Giappone) a quello sui collegamenti intra-europei, al tema caldissimo della cessione di slot negli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Linate. Sul city airport milanese, in particolare, si concentrano gli interessi maggiori: qui, il sacrificio richiesto dall'Ue non collima affatto - almeno finora - con quanto proposto dai tedeschi e dal Tesoro (principale azionista di Ita).\r\nCessione\r\nCome anticipato da Il Corriere della Sera, la richiesta di Bruxelles vedrebbe la cessione del 30% degli slot che Ita Airways e Lufthansa detengono oggi a Linate: in pratica una sessantina di slot al giorno, cioè 30 coppie, rispetto alla cessione di 11-12 coppie prevista dai rimedi inviati da tedeschi e italiani. In questo modo la quota dei diritti di decollo e atterraggio su Linate di Lh e Ita scenderebbe dal 64% al 45%.\r\n\r\nIn altre parole, alle due parti viene chiesto di rinunciare a 175 milioni di euro all'anno di ricavi - sempre secondo le stime del Corriere, che cita i report di analisti, perizie e dati economici dello scalo milanese. Attualmente infatti gli slot di Linate sono i più preziosi all’interno dell’Unione europea e i secondi più cari, considerando l’intero continente (dopo quelli di Londra Heathrow). \r\n\r\n","post_title":"Ita-Lh: L'Ue attende per domani la revisione su cessione slot e tagli rotte","post_date":"2024-05-20T12:59:26+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1716209966000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467527","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Swiss continua a investire sulla sostenibilità della propria flotta e negli ultimi 18 mesi ha dotato tutti i 12 Boeing 777-300Er della nuova tecnologia AeroShark. \r\n\r\nLa speciale pellicola applicata alla fusoliera del velivolo e alle gondole dei motori, riproduce le proprietà idrodinamiche della pelle di uno squalo per ridurre la resistenza dell'aria in volo, riducendo il consumo di carburante e quindi le emissioni di anidride carbonica. Tutti e 12 i Boeing 777 della compagnia aerea sono ora dotati di questa tecnologia innovativa.\r\n\r\nSwiss ha dotato i Boeing 777-300Er della tecnologia AeroShark sin dall'ottobre del 2022: la pellicola riduce la resistenza dell'aria in volo di circa l'1%. Di conseguenza, anche se solo una parte della flotta di Boeing 777 è dotata della nuova tecnologia, l'anno scorso AeroShark ha ridotto il consumo di cherosene di Swiss di oltre 2.200 tonnellate, con una concomitante riduzione di circa 7.100 tonnellate delle emissioni di anidride carbonica della compagnia aerea.\r\n\r\nLa tecnologia AeroShark è stata sviluppata congiuntamente da Lufthansa Technik e dal produttore di rivestimenti Basf. La compagnia aerea svizzera sta valutando la possibilità di estenderne l'utilizzo ad altri tipi di aeromobili della flotta a lungo raggio nel futuro a medio termine.","post_title":"Swiss: l'intera flotta di B777-300Er è dotata di AeroShark per ridurre le emissioni di CO2","post_date":"2024-05-17T11:20:39+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1715944839000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467344","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Flying Blue dedica una nuova promozione ai soci residenti in Italia, Svizzera, Germania e alcune altre nazioni europee. Il programma fedeltà di Air France-Klm e Transavia ha infatti lanciato lo status match per chi è già iscritto ad altri programmi fedeltà del settore aereo, entro il 30 giugno 2024.\r\nIn pratica, grazie al portale StatusMatch.com e con il pagamento di una tassa d’iscrizione, variabile in base al livello di fedeltà in possesso, si potrà entrare a far parte della famiglia FlyingBlue e godere dei diversi benifici previsti come: l’imbarco prioritario Sky Priority, la selezione gratuita dei posti standard, l’accesso alle lounge SkyTeam, un bagaglio addizionale e molto altro.\r\nIl nuovo status ottenuto verrà, inoltre, garantito per i successivi 12 mesi dal momento del passaggio.\r\nAlcuni esempi di status match possono essere: i soci Silver del British Airways Executive Club potranno ottenere il livello Gold di Flying Blue; i soci Hon Circle Senator del Lufthansa Miles&More potranno ottenere il livello Platinum di Flying Blue; i soci Elite del Turkish Airlines Miles&Smiles potranno ottenere il livello Gold di Flying Blue.","post_title":"Air France-Klm: Flying Blue lancia lo 'Status Match' per i soci di altri programmi fedeltà","post_date":"2024-05-15T09:00:08+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1715763608000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467353","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non sembra ancora arrivare a un punto di svolta il testa a testa fra Ita Airways-Lufthansa e la Commissione europea per un parere favorevole alle agognate nozze.\r\n\r\nDa Bruxelles la richiesta è quella di ulteriori sacrifici, visto che i rimedi finora messi sul tavolo dalle due compagnie aeree - cessione di 12 slot giornalieri a Milano Linate, apertura di easyJet e Volotea su alcune rotte in Italia e verso l'Europa centrale come pure il blocco per due anni all’ingresso di Ita nella jv venture transatlantica di Lufthansa con United Airlines e Air Canada - non placherebbero i dubbi dell'Antitrust in materia di concorrenza.\r\nGiorgetti\r\nIeri il ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti ha incontrato la commissaria alla Concorrenza, Margrethe Vestager: un incontro che ha prodotto dichiarazioni estremamente formali da parte del ministro: \"Abbiamo chiarito la nostra posizione, quella nostra e di Lufthansa. Adesso aspettiamo il verdetto\". Verdetto atteso per il prossimo 4 luglio.\r\n\r\nSul fronte Ue, la portavoce della Commissione  Lea Zuber ha aggiunto che la commissaria e il ministro “hanno discusso della transazione, in particolare dei rimedi presentati, e dei prossimi passi”.\r\n\r\nBruxelles punta quindi a incassare nuove garanzie e per questo ha interpellato i player del settore per verificare, attraverso un \"market test\", l’impatto delle proposte sulle dinamiche della concorrenza nei cieli europei. Il parere ottenuto contribuirà alla decisione della Commissione sul matrimonio che, almeno per oggi, non s'ha da fare. ","post_title":"Ita-Lufthansa: ancora freni dall'Ue, i rimedi proposti sono insufficienti","post_date":"2024-05-15T08:45:45+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1715762745000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467234","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"I ritardi di Boeing nella consegna degli aeromobili sono \"estremamente fastidiosi e ci costano molto denaro\": Carsten Spohr, ceo del Gruppo Lufthansa, prende posizione pubblicamente sulla questione, in un'intervista al quotidiano svizzero Neue Zuercher Zeitung.\r\n\r\n\"Tuttavia, sono certo che Boeing sarà in grado di superare i problemi\", ha dichiarato sottolineando che \"È nell'interesse di tutti che Boeing sia presto in grado di costruire nuovamente velivoli di grandi dimensioni in modo più affidabile\". A suo avviso, il trasporto aereo ha bisogno di due produttori solidi, riferendosi al costruttore europeo di aerei Airbus, storico competitor di Boeing.\r\n\r\nInterrogato sulla possibilità di acquisire aerei di linea cinesi, Spohr ha molto ridimensionato questa prospettiva: \"Considerati gli standard di sicurezza che applichiamo all'interno del gruppo Lufthansa, non credo sia realistico per i prossimi anni\".\r\n\r\nNei giorni scorsi era stato il presidente e ceo del gruppo Emirates, Ahmed ben Saeed Al Maktoum, a manifestare la propria frustrazione per la crisi di sicurezza che sta attraversando Boeing e per i conseguenti ritardi nelle consegne degli ordini: il vettore di Dubai è infatti tra i maggiori clienti a livello mondiale della casa costruttrice statunitense.\r\n\r\n ","post_title":"Spohr, Lufthansa: \"I ritardi delle consegne Boeing ci costano molto denaro\"","post_date":"2024-05-14T09:10:34+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1715677834000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467151","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_269063\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Luis Gallego[/caption]\r\n\r\nIl Gruppo Iag potrebbe abbandonare la proposta di acquisizione per Air Europa, se le misure correttive in materia di concorrenza richieste dalla Commissione europea dovessero rivelarsi troppo onerose: questa la posizione del ceo Luis Gallego che, a margine della presentazione dei risultati del primo trimestre 2024 di Iag, ha commentato la vicenda, dai contorni non dissimili da quella di Lufthansa-Ita.\r\n\r\nIl gruppo di cui fanno parte British Airways, Iberia, Vueling, Level ed Aer Lingus ha tempo fino al 10 giugno per rispondere alle richieste di Bruxelles: «Per quanto riguarda l’acquisizione di Air Europa, continuiamo a fare progressi con la Commissione europea e abbiamo già condiviso con loro le potenziali compagnie aeree che rileverebbero gli slot da dismettere come parte del pacchetto di misure correttive (...) Abbiamo ricevuto molto interesse da parte di diversi vettori e stiamo lavorando con Avianca, Binter, Iberojet, Ryanair, Volotea e World2Fly come potenziali acquirenti di rimedi sia sulle rotte a lungo che a corto raggio».\r\n\r\nI conti dei tre mesi fra gennaio e marzo 2024 hanno intanto registrato un utile operativo di 68 milioni di euro, oltre la previsione di 49 milioni di euro e ben maggiore dei 9 milioni di euro nello stesso trimestre del 2023. Gallego ha sottolineato che il gruppo non è esposto verso il Medio Oriente come altri vettori così come verso l’Asia: «Il nostro gruppo beneficia della forza dei nostri mercati principali - Atlantico settentrionale, Atlantico meridionale e intraeuropeo - e della performance dei nostri marchi. Gli investimenti di trasformazione effettuati in tutto il gruppo stanno producendo incoraggianti miglioramenti nella puntualità e nell'esperienza dei clienti delle nostre compagnie aeree. Siamo ben posizionati per l'estate e l'elevata domanda di viaggi è una tendenza costante».\r\n\r\n ","post_title":"Iag-Air Europa: si valuta la cessione degli slot, ma «lasceremo se condizioni troppo onerose»","post_date":"2024-05-13T09:32:44+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1715592764000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466988","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«Con 21 milioni di passeggeri, l’Italia resta per noi un mercato strategico. Complessivamente, l'anno scorso abbiamo trasportato 63 milioni di passeggeri e ne prevediamo 70 milioni per il 2024. Una capacità maggiore rispetto ai vettori tradizionali europei»: così József Varadi, ceo di Wizz Air, a Milano per celebrare i primi 20 anni di attività\r\n\r\nLa flotta, attualmente composta da 207 aeromobili, per la prossima estate toccherà quota 245, di cui 24 basati nel nostro Paese dove è previsto il raddoppio - a quota 50 - nei prossimi cinque anni.\r\n\r\n«Superata la questione dei motori, prevediamo una crescita di Wizz del 20%. In Italia siamo operativi su 27 aeroporti. A Roma, per la prossima estate, verrà aperto un training center con 4 simulatori per i piloti e una cabina di training per l’equipaggio, il secondo dopo quello di Budapest. Stiamo investendo tanto in Italia e stiamo facendo un buon lavoro. Il nostro primo investimento è stato a Malpensa, ma ora ci stiamo espandendo in tutta la Penisola».\r\n\r\nE prosegue: «Siamo leader di mercato nell’Europa orientale che rimarrà per noi un’area di investimento importante. Per i prossimi 10-15 anni, l’Europa centrale resterà un grande mercato per la nostra compagnia. Nell’Europa occidentale ci stiamo muovendo con grossi investimenti e l’Italia è uno dei Paesi su cui abbiamo puntato molto. Anche il Medioriente sta andando bene poiché Abu Dhabi ha bisogno di maggiori capacità. L’Italia ha risposto molto bene del nostro arrivo, un mercato per noi profittevole, molto rilevante sia sul fronte del traffico che come base per infrastrutture e per espandere il nostro network, a cominciare da Malpensa e Fiumicino. Sono in arrivo tra febbraio 2025 e il 2028, 47 aeromobili Xlr. L’Italia è un perfetto mercato per questo tipo di aeromobili. Hanno un range di oltre 8 ore di volo e permetteranno facili connessioni con Il Golfo, l’India e l’Africa, con possibilità di nuovi network per l’Italia».\r\n\r\nWizz Air in Italia gioca dunque una partita importante, sul piatto vi è un investimento di 5 miliardi di euro per nuovi aeromobili e 200 milioni in infrastrutture, training centre e maintenance centre, con un raddoppio del personale di cabina e centri infrastrutturali.\r\n\r\nLa posizione su Milano Linate\r\n\r\nVaradi si sofferma così anche sulla questione Ita Airways-Lufthansa a Linate: «Ita e Lufthansa hanno una posizione predominate su Linate che crea monopolio di linee ma anche di prezzi, a svantaggio dei viaggiatori. La questione è su come spezzare questo monopolio. Occorrerebbe rilasciare parte degli slot ad altre compagnie. Ma poiché la posizione di Ita rimane questa, Wizz Air non è interessata. La Commissione europea e le istituzioni italiane dovrebbero spingere a cedere gran parte degli slot. Offrire solo 11 slot è poco, resterebbero ancora al 70% con tariffe non competitive. Per spezzare il monopolio occorre stare al di sotto del 40%».\r\n\r\nL’aumento dei costi nell’industria dovuti all’aumento del carburante, al costo del lavoro e delle infrastrutture, hanno portato di conseguenza all’aumento del 10% delle tariffe Wizz che nel contempo prova a calmierare con l’ingresso in flotta di aeromobili più efficienti e più grandi.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Wizz Air: il ceo Varadi punta al raddoppio in Italia. Su Linate: «Spezzare il monopolio»","post_date":"2024-05-09T11:38:28+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["wizz-air"],"post_tag_name":["Wizz Air"]},"sort":[1715254708000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti