6 October 2022

Lufthansa avvia test rapidi anti Covid-19 sulla Monaco-Amburgo

[ 0 ]

LufthansaLufthansa inizierà il prossimo 12 novembre ad effettuare i primi test antigeni rapidi completi per il Covid-19 su alcuni voli selezionati tra Monaco e Amburgo.

In stretta collaborazione con gli aeroporti di Monaco di Baviera e Amburgo e con le aziende biotecnologiche Centogene e il centro di assistenza medica del Gruppo Medicover, MVZ Martinsried, la compagnia aerea offre ai propri clienti la possibilità – al momento su due voli giornalieri – di essere testati gratuitamente per il Covid-19 prima della partenza. I passeggeri che non desiderano sottoporsi al test saranno trasferiti su un volo alternativo senza costi aggiuntivi.

Una volta completato il test, i clienti riceveranno i risultati entro 30-60 minuti. Solo se il risultato sarà negativo, la carta d’imbarco verrà attivata e l’accesso al gate concesso. In alternativa, i passeggeri possono presentare un test Pcr negativo non più vecchio di 48 ore alla partenza. Lufthansa si occupa dell’intera procedura di test rapido. Non ci sono costi aggiuntivi per il passeggero. Basta registrarsi in anticipo e prevedere un po’ più di tempo prima della partenza.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431789 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' stato inaugurato oggi a Fiumicino il primo vertiporto italiano. Aeroporti di Roma, Volocopter, UrbanV e Atlantia sono stati i protagonisti del primo volo in Italia di un eVTOL equipaggiato, primo test a un anno dalla presentazione del primo prototipo di eVTOL nel mostro paese. Negli ultimi dodici mesi, sono stati fatti progressi significativi dal punto di vista delle tecnologie di volo, della progettazione dei vertiporti e delle normative necessarie per consentire ai primi servizi AAM tra l'aeroporto di Fiumicino e la città di Roma di “spiccare il volo” entro il 2024. Il pilota collaudatore di Volocopter, a bordo dell'elicottero elettrico Volocopter 2X, ha volato a 40 km/h per 5 minuti a 40 metri di altezza, performando una traiettoria di volo “a 8 davanti agli spettatori, dopo aver ottenuto tutte le autorizzazioni necessarie da parte delle autorità italiane competenti. L'aerotaxi elettrico di Volocopter è stato progettato per consentire ai passeggeri di effettuare voli rapidi e senza emissioni in ambienti urbani, sia su rotte terrestri particolarmente trafficate, sia sopra a flussi d’acqua. Le caratteristiche dell’aerotaxy rispecchiano la volontà di Atlantia e di Aeroporti di Roma di svolgere un ruolo pionieristico nel rendere praticabile e accessibile al pubblico la mobilità area urbana. [post_title] => Fiumicino alza il sipario sul primo vertiporto italiano: decolla il Volocopter [post_date] => 2022-10-06T11:56:10+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665057370000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431768 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un invito immersivo di gastronomia e musica nel perimetro privatissimo della propria suite. Rocco Forte presenta la nuova proposta Musical suite service: da soprani affermati a gruppi funky-jazz, fino a giovani talenti provenienti da rinomate istituzioni musicali, gli ospiti avranno così il privilegio di assistere a un loro concerto privato nel comfort della propria suite, accompagnato da un piacevole rinfresco. Cantanti e suonatori d'archi, tastiere e fiati, solisti e gruppi, ogni hotel ha stilato un divertente cartellone per proporre una colazione, pranzo o cena davvero coinvolgente: una regia azzeccata per sorprendere una persona cara, l’inestimabile esibizione per un grande fan o semplicemente il perfetto climax di un convito delizioso. Perché dunque non riunire per esempio gli amici nella propria suite per una sessione jazz nella Blaton suite dell'hotel Amigo? Già prediletta da Serge Gainsbourg, è la cornice ideale per una serata ben scandita, con un drink in mano e la cena in arrivo, mentre il trio jazz esegue i brani preferiti di tutti i presenti. In alternativa, per una romantica serata a due, la terrazza della suite Picasso all'hotel de Russie fa da cornice a un'indimenticabile cena romana: la famosa cucina di Fulvio Pierangelini e un soprano che riempie l’aria con le delicate note di una serenata. Le cornamuse del Balmoral, ed è subito Scozia al suo massimo nella Glamis suite. I cantanti d'opera del Maggio Musicale fiorentino cantano in esclusiva per gli ospiti dell'hotel Savoy, con la cupola del Brunelleschi ad aggiungere magia; al Brown's Hotel di Londra le possibilità sono infinite, perché l’hotel ha il proprio esperto musicale in-house. La State Opera di Berlino, proprio di fronte all'hotel de Rome, è un gorgheggio elegante sempre a disposizione; a Monaco di Baviera, i giovani talenti dell'università di Musica e Teatro si dilettano con qualsiasi strumento musicale. Con vista sullo skyline della città Eterna, il maestro dell'hotel de la Ville regala l’intero spettro musicale romano per scelte inedite. A Palermo, il teatro Massimo è un tuffo nelle antiche tradizioni con una serenata siciliana nelle Signature suite di Villa Igiea. [post_title] => Con il Musical suite service spettacolo e cena privata negli hotel Rocco Forte [post_date] => 2022-10-06T10:32:59+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665052379000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431751 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Cdc statunitense (Centers for Disease Control and Prevention) ha posto fine all'emissione di consigli di viaggio relativi alla situazione del Covid-19 nei singoli Paesi. D'ora in avanti verrà emesso un avviso solo nel caso in cui un Paese registri un picco di varianti di Covid-19 o un'altra situazione di salute pubblica preoccupante. Secondo quanto dichiarato dal Cdc, la decisione è stata presa in considerazione del sempre "minore numero di Paesi che sta effettuando test o segnalando casi di Covid-19 (...) La capacità del Cdc di valutare accuratamente i livelli di Covid-19 per la maggior parte delle destinazioni visitate dai viaggiatori americani è pertanto limitata".   Il Cdc consiglia comunque ai viaggiatori di effettuare test Covid di controllo, prima di imbarcarsi sui voli di ritorno verso gli Stati Uniti.   [post_title] => Il Cdc statunitense mette fine agli avvisi di viaggio sul Covid per i singoli Paesi [post_date] => 2022-10-06T09:34:25+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665048865000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431694 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Croazia, meta ideale da scoprire sulle due ruote di una bicicletta: dalle strade sterrate a quelle asfaltate, ci sono percorsi adatti per tutti gusti, sia per ciclisti amatoriali che per atleti professionisti. Partendo dall'Istria, la penisola più conosciuta per i ciclisti in Croazia, è possibile esplorare l'interno o scendere alle profumate isole del Quarnaro. Il Gorski kotar e le strade storiche della Lika conducono ai passi più alti e alle splendide montagne del Carso Dinarico. E quando la vista si estende fino al mare, la corsa diventa particolarmente magica. Al contrario, i campi di grano dorati della Slavonia raccontano storie bellissime: la Croazia Centrale ha un paesaggio collinare; i suoi castelli, manieri e chiese raccontano storie del passato e conducono all’oasi ciclistica urbana di Zagabria.  E' in calendario per il prossimo 8 ottobre, a Parenzo, l'evento sportivo, “Istria300”, un percorso lungo fino a 300 chilometri, che parte e termina in questa cittadina costiera, dopo aver attraversato alcuni dei più bei percorsi della regione, alla scoperta di località spettacolari che garantiranno un’esperienza ciclistica indimenticabile. [post_title] => La Croazia vista dalle due ruote di una bici: i percorsi più belli, dall'Istria alla Slavonia [post_date] => 2022-10-05T11:46:05+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664970365000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431667 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il 2021 è stato il vero annus horribilis dell'industria dei viaggi organizzati. Anche peggio del 2020. Lo dicono i dati di una ricerca Pambianco (i cui risultati sono riproposti più sotto, ndr) e lo rimarcano due protagonisti del comparto come il presidente Astoi, Pier Ezhaya, e il direttore commerciale Quality Group, Marco Peci: “Il 2021, salvo qualche fiammata estiva prettamente per l’ Italia, è stato un anno terribile per i bilanci dei tour operator. Anche peggiore del 2020, quando almeno gennaio e febbraio si erano salvati - sottolinea infatti Ezhaya -. Fortunatamente dalla sua coda e cioè da novembre, si è iniziato a percorrere il protocollo corridoi turistici ed è iniziato qualche movimento anche verso l’estero. L’anno di ripartenza per il settore è stato questo, il 2022”. “Il 2021 è stato l’anno più difficile per i flussi turistici degli operatori che operano sul medio e lungo raggio - gli fa quindi eco Peci -. Nel 2020 infatti gli operatori hanno potuto beneficiare dei volumi generati dai flussi turistici dei primi mesi dell’anno, in quanto la pandemia non era ancora iniziata, le frontiere erano aperte e si stava vivendo un momento di grande crescita del settore. Il 2022 è l’anno in cui anche il turismo di medio e lungo raggio sta tornando a generare numeri interessanti”. Fatturati in picchiata anche nel 2021: -25%. Bene solo chi opera sul mercato domestico E a supportare le opinioni di Ezhaya e Peci ci sono, come si accennava, anche i numeri concreti: sebbene il 2021 non abbia fatto mancare qualche timido segnale positivo, nel complesso i fatturati dei dieci principali tour operator italiani sono infatti scesi ulteriormente del 25% rispetto all'anno precedente, che a sua volta aveva registrato un tracollo del 69% in confronto all'era pre-Covid (2019). A rivelarlo, un'analisi comparata condotta da Pambianco sul giro d'affari dei più grossi operatori italiani dell'industria dei viaggi organizzati. Guardando il bicchiere mezzo pieno, va comunque detto che l'anno scorso alcune società sono riuscite a performare meglio rispetto al 2020 e e a chiudere con valori positivi.  Sono state in particolare premiate soprattutto le realtà che lavorano sul mercato domestico. Analizzando il ranking (dove non è stata riportata la divisione tour operating di Uvet, di cui fa parte Settemari, perché non risultano bilanci depositati negli ultimi due anni) si evidenzia infatti un andamento altalenante, che alterna brusche frenate ad accelerate, anche a tre cifre. È il caso, per esempio, di Boscolo Tours il cui fatturato è cresciuto del 118%, attestandosi a 20 milioni di euro, nonché di Futura Vacanze, che ha raddoppiato il proprio giro d’affari rispetto all’esercizio precedente passando da 23 milioni a 47 milioni. Brunetti, Futura Vacanze: "Il mercato aveva necessità di disponibilità in Italia" “Il 2020 è stato l’anno più difficile: il Covid è arrivato in maniera inaspettata e tutti ci siamo ritrovati a dover fronteggiare una situazione mai vissuta prima - spiega l'amministratore unico di Futura Vacanze, Stefano Brunetti -. Nel 2021 eravamo, nostro malgrado, più consapevoli. E con l’esperienza della stagione precedente si è potuto lavorare, seppur con tutte le difficoltà del caso, intervenendo al meglio a livello programmatico, organizzativo e commerciale. Importantissimo è stato tra l'altro il potenziamento del prodotto Sardegna, dove dal 2021 siamo presenti con quattro Futura Club. Ciò ha comportato importanti investimenti anche sul fronte trasporti con collegamenti e voli speciali a cadenza settimanale per l’intera stagione. Visto il perdurare della situazione sul fronte estero, il mercato aveva necessità di disponibilità in Italia e la domanda per la destinazione ha ampiamente soddisfatto le nostre aspettative. A questo possiamo aggiungere il nostro consolidamento in termini di brand e di fidelizzazione”. Polito, Imperatore Travel: decisivi gli investimenti in tecnologia Nel 2021 crescita inoltre, anche se “solo” a due cifre, per Nicolaus Tour (+44,6%) e per Imperatore Travel World (+58,7%). Pure in quest’ultimo caso gli investimenti sono stati premianti, come sottolinea Luigi Polito, ceo dell'operatore campano: “Abbiamo investito tantissimo in tecnologia, creando un sistema turistico integrato che non riguarda soltanto la vendita di hotel ma anche dei trasporti, con collegamenti diretti delle compagnie aeree, di navigazione e treni. Inoltre, la vendita è stata aperta anche ai mercati stranieri, che hanno reagito bene e molto velocemente, come nord Europa, America e Australia, in aggiunta al mercato domestico già molto desideroso di riprendere a viaggiare, Italia su Italia, da aprile. Il connubio sempre più stretto tra tecnologia e servizio è poi fondamentale per abbattere le distanze ma anche per facilitare e velocizzare in sicurezza il processo di scelta, prenotazione e consultazione”. Andando oltre la top ten e allargando lo sguardo al composito e atomizzato settore del tour operating italiano, sono pochi tuttavia gli operatori che si focalizzano sul mercato Italia, perché la maggior parte sono specializzati in outgoing e molti in lungo raggio. Quest’ultimo è stato il più penalizzato a causa dell’interdizione ai viaggi che vigeva l’anno scorso verso le destinazioni extra Schengen e che è stata solo parzialmente risolta dai corridoi turistici attivati solo verso fine 2021 e solo per pochi Paesi.     [post_title] => Ezhaya, Peci e Pambianco: il 2021 è stato il vero annus horribilis per i to [post_date] => 2022-10-05T11:45:32+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664970332000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431655 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Marocco ha eliminato le ultime restrizioni di viaggio in vigore per limitare la diffusione del Covid-19: dallo scorso 30 settembre, chi arriva nel Paese non è più obbligato a presentare un certificato di vaccinazione o un test Pcr. I viaggiatori sono però tenuti a compilare un modulo sanitario. All'arrivo negli aeroporti, inoltre, possono ancora essere effettuati test rapidi su gruppi selezionati di passeggeri. Dopo 48 ore dall'arrivo possono essere richiesti ulteriori test Pcr per passeggeri selezionati a caso. Non è previsto alcun requisito di ingresso per i bambini di età inferiore ai 6 anni. Intanto, l'industria turistica del Paese prosegue lungo la strada della ripresa, con un livello di entrate che si stanno avvicinando ai record pre-pandemia: a fine luglio il dato si attestava a 3,4 miliardi di dollari, pari ad un tasso di recupero dell'88,4%.   [post_title] => Anche il Marocco ha eliminato le ultime restrizioni di viaggio [post_date] => 2022-10-05T09:50:19+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664963419000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431653 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair ha trasportato 15,9 milioni di passeggeri a settembre, che diventa così il terzo mese più trafficato di sempre, con un aumento del 13% rispetto ai livelli pre-Covid. Fino a quest'anno, il mese più trafficato era stato l'agosto 2019, quando la low cost aveva trasportato 14,9 milioni di passeggeri. La percentuale media di posti vuoti per volo è salita il mese scorso al 6%, rispetto al 4% di agosto e al 3% di settembre 2019. Ryanair punta ora a trasportare 166,5 milioni di passeggeri nell'anno che si chiuderà alla fine di marzo, superando in modo significativo il precedente record annuale di 149 milioni, raggiunto prima che la pandemia bloccasse l'industria del trasporto aereo. Nei dodici mesi sino ad oggi la low cost ha trasportato 153 milioni di passeggeri, con un balzo in avanti del +209% rispetto ai 49,5 milioni di passeggeri trasportati nello stesso periodo dell'anno scorso. [post_title] => Ryanair: settembre da 15,9 milioni di passeggeri trasportati, +13% sul 2019 [post_date] => 2022-10-05T09:34:21+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664962461000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431651 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Croatia Airlines cambia passo e punta ad una flotta composta da soli Airbus A220 entro il 2026. La compagnia aerea, che attualmente opera con una flotta composta da cinque Airbus A319-100, un Airbus A320-200 e sei De Havilland Canada DHC-8-402, ha annunciato la firma dell'accordo con Airbus per l'acquisto di sei velivoli A220. Intanto, durante la stagione invernale 2022-23, Croatia Airlines prevede di collegare la Croazia con 13 destinazioni internazionali e di operare voli su un totale di 19 rotte internazionali. In particolare, il vettore conta di effettuare più di 8.500 voli di linea e di offrire circa 869.000 posti, con un aumento del 28% del numero di voli e posti offerti quest'inverno rispetto al numero di voli e posti offerti nell'orario invernale 2021/2022.    Da Zagabria il network include le città di Amsterdam, Vienna, Bruxelles, Dublino, Francoforte, Copenaghen, Londra (Heathrow), Monaco, Parigi, Roma (via Spalato), Sarajevo, Skopje e Zurigo. Da Spalato, invece, sono previsti voli per quattro destinazioni internazionali: giornalieri per Monaco di Baviera giornalieri per Francoforte, giornalieri per Roma e due volte a settimana per Zurigo. Oltre ad ampliare la propria rete di voli internazionali, Croatia Airlines continua a mantenere la connettività aerea delle città e delle regioni croate offrendo voli interni di linea da e per 5 aeroporti croati (Zagabria, Spalato, Dubrovnik, Zara e Pola). [post_title] => Croatia Airlines punta su una flotta di soli Airbus A220 entro il 2026 [post_date] => 2022-10-05T09:17:35+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664961455000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431649 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air New Zealand ha scelto di affidarsi a Discover the World per i servizi gsa in Europa; la collaborazione è già attiva in America Latina e Sud-est asiatico. Christine Sutton (in precedenza con Sta Travel ed Emirates) è stata nominata senior sales manager Uk & Europe con base a Londra. “Per noi era fondamentale scegliere un partner che potesse rappresentare i valori del nostro marchio e fornire un servizio premium ai nostri partner commerciali - ha dichiarato Aaron Gilden, head of sales Ssea, Uk and Eu per Air New Zealand -. Grazie alla joint venture Singapore Airlines, proponiamo "Moreways to New Zealand", offrendo ai nostri clienti opzioni impareggiabili per raggiungere Aotearoa grazie ad un network globale". Oggi il vettore neozelandese opera con una flotta composta da 98 aeromobili (Boeing 787-9 Dreamliner, Airbus A320, ATR e Q300), con un'età media di 6,7 anni. Pre-Covid, Air New Zealand trasportava oltre 17 milioni di passeggeri all’anno, con 3.400 voli a settimana. [post_title] => Air New Zealand sceglie Discover the World come gsa per l'Europa [post_date] => 2022-10-05T09:01:01+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664960461000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "lufthansa avvia test rapidi anti covid 19 sulla monaco amburgo" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":79,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":3319,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431789","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' stato inaugurato oggi a Fiumicino il primo vertiporto italiano. Aeroporti di Roma, Volocopter, UrbanV e Atlantia sono stati i protagonisti del primo volo in Italia di un eVTOL equipaggiato, primo test a un anno dalla presentazione del primo prototipo di eVTOL nel mostro paese. Negli ultimi dodici mesi, sono stati fatti progressi significativi dal punto di vista delle tecnologie di volo, della progettazione dei vertiporti e delle normative necessarie per consentire ai primi servizi AAM tra l'aeroporto di Fiumicino e la città di Roma di “spiccare il volo” entro il 2024.\r\n\r\nIl pilota collaudatore di Volocopter, a bordo dell'elicottero elettrico Volocopter 2X, ha volato a 40 km/h per 5 minuti a 40 metri di altezza, performando una traiettoria di volo “a 8 davanti agli spettatori, dopo aver ottenuto tutte le autorizzazioni necessarie da parte delle autorità italiane competenti.\r\n\r\nL'aerotaxi elettrico di Volocopter è stato progettato per consentire ai passeggeri di effettuare voli rapidi e senza emissioni in ambienti urbani, sia su rotte terrestri particolarmente trafficate, sia sopra a flussi d’acqua. Le caratteristiche dell’aerotaxy rispecchiano la volontà di Atlantia e di Aeroporti di Roma di svolgere un ruolo pionieristico nel rendere praticabile e accessibile al pubblico la mobilità area urbana.","post_title":"Fiumicino alza il sipario sul primo vertiporto italiano: decolla il Volocopter","post_date":"2022-10-06T11:56:10+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1665057370000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431768","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un invito immersivo di gastronomia e musica nel perimetro privatissimo della propria suite. Rocco Forte presenta la nuova proposta Musical suite service: da soprani affermati a gruppi funky-jazz, fino a giovani talenti provenienti da rinomate istituzioni musicali, gli ospiti avranno così il privilegio di assistere a un loro concerto privato nel comfort della propria suite, accompagnato da un piacevole rinfresco. Cantanti e suonatori d'archi, tastiere e fiati, solisti e gruppi, ogni hotel ha stilato un divertente cartellone per proporre una colazione, pranzo o cena davvero coinvolgente: una regia azzeccata per sorprendere una persona cara, l’inestimabile esibizione per un grande fan o semplicemente il perfetto climax di un convito delizioso.\r\n\r\nPerché dunque non riunire per esempio gli amici nella propria suite per una sessione jazz nella Blaton suite dell'hotel Amigo? Già prediletta da Serge Gainsbourg, è la cornice ideale per una serata ben scandita, con un drink in mano e la cena in arrivo, mentre il trio jazz esegue i brani preferiti di tutti i presenti. In alternativa, per una romantica serata a due, la terrazza della suite Picasso all'hotel de Russie fa da cornice a un'indimenticabile cena romana: la famosa cucina di Fulvio Pierangelini e un soprano che riempie l’aria con le delicate note di una serenata.\r\n\r\nLe cornamuse del Balmoral, ed è subito Scozia al suo massimo nella Glamis suite. I cantanti d'opera del Maggio Musicale fiorentino cantano in esclusiva per gli ospiti dell'hotel Savoy, con la cupola del Brunelleschi ad aggiungere magia; al Brown's Hotel di Londra le possibilità sono infinite, perché l’hotel ha il proprio esperto musicale in-house. La State Opera di Berlino, proprio di fronte all'hotel de Rome, è un gorgheggio elegante sempre a disposizione; a Monaco di Baviera, i giovani talenti dell'università di Musica e Teatro si dilettano con qualsiasi strumento musicale. Con vista sullo skyline della città Eterna, il maestro dell'hotel de la Ville regala l’intero spettro musicale romano per scelte inedite. A Palermo, il teatro Massimo è un tuffo nelle antiche tradizioni con una serenata siciliana nelle Signature suite di Villa Igiea.","post_title":"Con il Musical suite service spettacolo e cena privata negli hotel Rocco Forte","post_date":"2022-10-06T10:32:59+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1665052379000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431751","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Cdc statunitense (Centers for Disease Control and Prevention) ha posto fine all'emissione di consigli di viaggio relativi alla situazione del Covid-19 nei singoli Paesi. D'ora in avanti verrà emesso un avviso solo nel caso in cui un Paese registri un picco di varianti di Covid-19 o un'altra situazione di salute pubblica preoccupante.\r\n\r\nSecondo quanto dichiarato dal Cdc, la decisione è stata presa in considerazione del sempre \"minore numero di Paesi che sta effettuando test o segnalando casi di Covid-19 (...) La capacità del Cdc di valutare accuratamente i livelli di Covid-19 per la maggior parte delle destinazioni visitate dai viaggiatori americani è pertanto limitata\".\r\n\r\n \r\n\r\nIl Cdc consiglia comunque ai viaggiatori di effettuare test Covid di controllo, prima di imbarcarsi sui voli di ritorno verso gli Stati Uniti.\r\n\r\n ","post_title":"Il Cdc statunitense mette fine agli avvisi di viaggio sul Covid per i singoli Paesi","post_date":"2022-10-06T09:34:25+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1665048865000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431694","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Croazia, meta ideale da scoprire sulle due ruote di una bicicletta: dalle strade sterrate a quelle asfaltate, ci sono percorsi adatti per tutti gusti, sia per ciclisti amatoriali che per atleti professionisti.\r\nPartendo dall'Istria, la penisola più conosciuta per i ciclisti in Croazia, è possibile esplorare l'interno o scendere alle profumate isole del Quarnaro. Il Gorski kotar e le strade storiche della Lika conducono ai passi più alti e alle splendide montagne del Carso Dinarico. E quando la vista si estende fino al mare, la corsa diventa particolarmente magica.\r\nAl contrario, i campi di grano dorati della Slavonia raccontano storie bellissime: la Croazia Centrale ha un paesaggio collinare; i suoi castelli, manieri e chiese raccontano storie del passato e conducono all’oasi ciclistica urbana di Zagabria. \r\nE' in calendario per il prossimo 8 ottobre, a Parenzo, l'evento sportivo, “Istria300”, un percorso lungo fino a 300 chilometri, che parte e termina in questa cittadina costiera, dopo aver attraversato alcuni dei più bei percorsi della regione, alla scoperta di località spettacolari che garantiranno un’esperienza ciclistica indimenticabile.","post_title":"La Croazia vista dalle due ruote di una bici: i percorsi più belli, dall'Istria alla Slavonia","post_date":"2022-10-05T11:46:05+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1664970365000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431667","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il 2021 è stato il vero annus horribilis dell'industria dei viaggi organizzati. Anche peggio del 2020. Lo dicono i dati di una ricerca Pambianco (i cui risultati sono riproposti più sotto, ndr) e lo rimarcano due protagonisti del comparto come il presidente Astoi, Pier Ezhaya, e il direttore commerciale Quality Group, Marco Peci: “Il 2021, salvo qualche fiammata estiva prettamente per l’ Italia, è stato un anno terribile per i bilanci dei tour operator. Anche peggiore del 2020, quando almeno gennaio e febbraio si erano salvati - sottolinea infatti Ezhaya -. Fortunatamente dalla sua coda e cioè da novembre, si è iniziato a percorrere il protocollo corridoi turistici ed è iniziato qualche movimento anche verso l’estero. L’anno di ripartenza per il settore è stato questo, il 2022”.\r\n\r\n“Il 2021 è stato l’anno più difficile per i flussi turistici degli operatori che operano sul medio e lungo raggio - gli fa quindi eco Peci -. Nel 2020 infatti gli operatori hanno potuto beneficiare dei volumi generati dai flussi turistici dei primi mesi dell’anno, in quanto la pandemia non era ancora iniziata, le frontiere erano aperte e si stava vivendo un momento di grande crescita del settore. Il 2022 è l’anno in cui anche il turismo di medio e lungo raggio sta tornando a generare numeri interessanti”.\r\nFatturati in picchiata anche nel 2021: -25%. Bene solo chi opera sul mercato domestico\r\nE a supportare le opinioni di Ezhaya e Peci ci sono, come si accennava, anche i numeri concreti: sebbene il 2021 non abbia fatto mancare qualche timido segnale positivo, nel complesso i fatturati dei dieci principali tour operator italiani sono infatti scesi ulteriormente del 25% rispetto all'anno precedente, che a sua volta aveva registrato un tracollo del 69% in confronto all'era pre-Covid (2019). A rivelarlo, un'analisi comparata condotta da Pambianco sul giro d'affari dei più grossi operatori italiani dell'industria dei viaggi organizzati.\r\n\r\nGuardando il bicchiere mezzo pieno, va comunque detto che l'anno scorso alcune società sono riuscite a performare meglio rispetto al 2020 e e a chiudere con valori positivi. \r\n\r\nSono state in particolare premiate soprattutto le realtà che lavorano sul mercato domestico. Analizzando il ranking (dove non è stata riportata la divisione tour operating di Uvet, di cui fa parte Settemari, perché non risultano bilanci depositati negli ultimi due anni) si evidenzia infatti un andamento altalenante, che alterna brusche frenate ad accelerate, anche a tre cifre. È il caso, per esempio, di Boscolo Tours il cui fatturato è cresciuto del 118%, attestandosi a 20 milioni di euro, nonché di Futura Vacanze, che ha raddoppiato il proprio giro d’affari rispetto all’esercizio precedente passando da 23 milioni a 47 milioni.\r\nBrunetti, Futura Vacanze: \"Il mercato aveva necessità di disponibilità in Italia\"\r\n“Il 2020 è stato l’anno più difficile: il Covid è arrivato in maniera inaspettata e tutti ci siamo ritrovati a dover fronteggiare una situazione mai vissuta prima - spiega l'amministratore unico di Futura Vacanze, Stefano Brunetti -. Nel 2021 eravamo, nostro malgrado, più consapevoli. E con l’esperienza della stagione precedente si è potuto lavorare, seppur con tutte le difficoltà del caso, intervenendo al meglio a livello programmatico, organizzativo e commerciale. Importantissimo è stato tra l'altro il potenziamento del prodotto Sardegna, dove dal 2021 siamo presenti con quattro Futura Club. Ciò ha comportato importanti investimenti anche sul fronte trasporti con collegamenti e voli speciali a cadenza settimanale per l’intera stagione. Visto il perdurare della situazione sul fronte estero, il mercato aveva necessità di disponibilità in Italia e la domanda per la destinazione ha ampiamente soddisfatto le nostre aspettative. A questo possiamo aggiungere il nostro consolidamento in termini di brand e di fidelizzazione”.\r\nPolito, Imperatore Travel: decisivi gli investimenti in tecnologia\r\nNel 2021 crescita inoltre, anche se “solo” a due cifre, per Nicolaus Tour (+44,6%) e per Imperatore Travel World (+58,7%). Pure in quest’ultimo caso gli investimenti sono stati premianti, come sottolinea Luigi Polito, ceo dell'operatore campano: “Abbiamo investito tantissimo in tecnologia, creando un sistema turistico integrato che non riguarda soltanto la vendita di hotel ma anche dei trasporti, con collegamenti diretti delle compagnie aeree, di navigazione e treni. Inoltre, la vendita è stata aperta anche ai mercati stranieri, che hanno reagito bene e molto velocemente, come nord Europa, America e Australia, in aggiunta al mercato domestico già molto desideroso di riprendere a viaggiare, Italia su Italia, da aprile. Il connubio sempre più stretto tra tecnologia e servizio è poi fondamentale per abbattere le distanze ma anche per facilitare e velocizzare in sicurezza il processo di scelta, prenotazione e consultazione”.\r\n\r\nAndando oltre la top ten e allargando lo sguardo al composito e atomizzato settore del tour operating italiano, sono pochi tuttavia gli operatori che si focalizzano sul mercato Italia, perché la maggior parte sono specializzati in outgoing e molti in lungo raggio. Quest’ultimo è stato il più penalizzato a causa dell’interdizione ai viaggi che vigeva l’anno scorso verso le destinazioni extra Schengen e che è stata solo parzialmente risolta dai corridoi turistici attivati solo verso fine 2021 e solo per pochi Paesi.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Ezhaya, Peci e Pambianco: il 2021 è stato il vero annus horribilis per i to","post_date":"2022-10-05T11:45:32+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza","topnews"],"post_tag_name":["In evidenza","Top News"]},"sort":[1664970332000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431655","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Marocco ha eliminato le ultime restrizioni di viaggio in vigore per limitare la diffusione del Covid-19: dallo scorso 30 settembre, chi arriva nel Paese non è più obbligato a presentare un certificato di vaccinazione o un test Pcr. I viaggiatori sono però tenuti a compilare un modulo sanitario.\r\n\r\nAll'arrivo negli aeroporti, inoltre, possono ancora essere effettuati test rapidi su gruppi selezionati di passeggeri. Dopo 48 ore dall'arrivo possono essere richiesti ulteriori test Pcr per passeggeri selezionati a caso. Non è previsto alcun requisito di ingresso per i bambini di età inferiore ai 6 anni.\r\n\r\nIntanto, l'industria turistica del Paese prosegue lungo la strada della ripresa, con un livello di entrate che si stanno avvicinando ai record pre-pandemia: a fine luglio il dato si attestava a 3,4 miliardi di dollari, pari ad un tasso di recupero dell'88,4%.\r\n\r\n ","post_title":"Anche il Marocco ha eliminato le ultime restrizioni di viaggio","post_date":"2022-10-05T09:50:19+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1664963419000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431653","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ryanair ha trasportato 15,9 milioni di passeggeri a settembre, che diventa così il terzo mese più trafficato di sempre, con un aumento del 13% rispetto ai livelli pre-Covid. Fino a quest'anno, il mese più trafficato era stato l'agosto 2019, quando la low cost aveva trasportato 14,9 milioni di passeggeri.\r\n\r\nLa percentuale media di posti vuoti per volo è salita il mese scorso al 6%, rispetto al 4% di agosto e al 3% di settembre 2019.\r\n\r\nRyanair punta ora a trasportare 166,5 milioni di passeggeri nell'anno che si chiuderà alla fine di marzo, superando in modo significativo il precedente record annuale di 149 milioni, raggiunto prima che la pandemia bloccasse l'industria del trasporto aereo.\r\n\r\nNei dodici mesi sino ad oggi la low cost ha trasportato 153 milioni di passeggeri, con un balzo in avanti del +209% rispetto ai 49,5 milioni di passeggeri trasportati nello stesso periodo dell'anno scorso.","post_title":"Ryanair: settembre da 15,9 milioni di passeggeri trasportati, +13% sul 2019","post_date":"2022-10-05T09:34:21+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1664962461000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431651","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Croatia Airlines cambia passo e punta ad una flotta composta da soli Airbus A220 entro il 2026. La compagnia aerea, che attualmente opera con una flotta composta da cinque Airbus A319-100, un Airbus A320-200 e sei De Havilland Canada DHC-8-402, ha annunciato la firma dell'accordo con Airbus per l'acquisto di sei velivoli A220.\r\n\r\nIntanto, durante la stagione invernale 2022-23, Croatia Airlines prevede di collegare la Croazia con 13 destinazioni internazionali e di operare voli su un totale di 19 rotte internazionali. In particolare, il vettore conta di effettuare più di 8.500 voli di linea e di offrire circa 869.000 posti, con un aumento del 28% del numero di voli e posti offerti quest'inverno rispetto al numero di voli e posti offerti nell'orario invernale 2021/2022. \r\n\r\n \r\n\r\nDa Zagabria il network include le città di Amsterdam, Vienna, Bruxelles, Dublino, Francoforte, Copenaghen, Londra (Heathrow), Monaco, Parigi, Roma (via Spalato), Sarajevo, Skopje e Zurigo.\r\n\r\nDa Spalato, invece, sono previsti voli per quattro destinazioni internazionali: giornalieri per Monaco di Baviera giornalieri per Francoforte, giornalieri per Roma e due volte a settimana per Zurigo.\r\n\r\nOltre ad ampliare la propria rete di voli internazionali, Croatia Airlines continua a mantenere la connettività aerea delle città e delle regioni croate offrendo voli interni di linea da e per 5 aeroporti croati (Zagabria, Spalato, Dubrovnik, Zara e Pola).","post_title":"Croatia Airlines punta su una flotta di soli Airbus A220 entro il 2026","post_date":"2022-10-05T09:17:35+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1664961455000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431649","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air New Zealand ha scelto di affidarsi a Discover the World per i servizi gsa in Europa; la collaborazione è già attiva in America Latina e Sud-est asiatico. Christine Sutton (in precedenza con Sta Travel ed Emirates) è stata nominata senior sales manager Uk & Europe con base a Londra.\r\n\r\n“Per noi era fondamentale scegliere un partner che potesse rappresentare i valori del nostro marchio e fornire un servizio premium ai nostri partner commerciali - ha dichiarato Aaron Gilden, head of sales Ssea, Uk and Eu per Air New Zealand -. Grazie alla joint venture Singapore Airlines, proponiamo \"Moreways to New Zealand\", offrendo ai nostri clienti opzioni impareggiabili per raggiungere Aotearoa grazie ad un network globale\".\r\n\r\nOggi il vettore neozelandese opera con una flotta composta da 98 aeromobili (Boeing 787-9 Dreamliner, Airbus A320, ATR e Q300), con un'età media di 6,7 anni. Pre-Covid, Air New Zealand trasportava oltre 17 milioni di passeggeri all’anno, con 3.400 voli a settimana.","post_title":"Air New Zealand sceglie Discover the World come gsa per l'Europa","post_date":"2022-10-05T09:01:01+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1664960461000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti