26 November 2022

Korean Air: agenti di viaggio e to a Milano Malpensa per scoprire il Boeing 787-9

[ 0 ]

Korean Air ha organizzato ieri sera a Milano Malpensa una visita al Boeing 787-9 appena atterrato da Seul per un gruppo di agenti di viaggio e tour operator. Il vettore asiatico, membro e fondatore di SkyTeam, opera in Italia sugli scali di Malpensa e Roma Fiumicino con un operativo di sei frequenze totali, tre su ciascun aeroporto, coprendo di fatto tutta la settimana.

Dopo la ripresa post emergenza sanitaria, con il ripristino dei collegamenti lo scorso luglio, i voli da Seul Incheon a Milano, operati con Boeing 787-9  configurati a 24 posti business e 245 economy, vengono effettuati il martedì, venerdì e domenica. I collegamenti da e per Fiumicino invece il  martedì, giovedì e sabato con  B777-300er, configurato con 64 posti di business class e 275 di economy.

La Corea del Sud, dal 3 settembre scorso, non richiede più il test per l’ingresso nel Paese, anche se è comunque necessario registrarsi online al K-ETA.

Per raggiungere la destinazione i passeggeri italiani possono fruire anche del transito da Parigi, grazie agli accordi vigenti tra Korean Air ed Air France. L’hub di Incheon sta riaprendo le rotte del suo network che include collegamenti con Europa, Sud-est asiatico, Giappone, Oceania, Micronesia, Palau e Hawaii. Per i passeggeri italiani sono disponibili in particolare veloci coincidenze verso Sydney, Cebu, Bali, Phnom Penh e Ho Chi Minh City.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434858 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lab Travel Group, operatore della distribuzione turistica che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale,  aderisce Museo del Turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine. Il Museo del Turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.   [gallery ids="434862,434863,434864,434865,434866,434867,434868,434869,434870,434871,434872,434873,434874,434875"] La nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost. Il risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi. Tra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi. Paolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”. Per visitare la sala è sufficiente fissare un appuntamento presso la filiale di Lab Travel Group di via del Carmine 28 a Torino. www.themuseumoftourism.org https://www.facebook.com/ILMUSEODELTURISMO/ https://www.instagram.com/ilmuseodelturismo/ [post_title] => Museo del Turismo: nuova sala a Torino presso Lab Travel Group [post_date] => 2022-11-25T17:31:03+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669397463000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434846 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sas torna a investire sui collegamenti verso gli Stati Uniti: dal 9 febbraio 2023 la compagnia aerea scandinava tornerà a servire la rotta da Copenhagen a New York: il volo, operato per l'ultima volta ben 34 anni fa, sarà effettuato cinque volte alla settimana e diventerà giornaliero durante la stagione estiva. Sas opererà al Terminal 7 dell'aeroporto Jfk. Attualmente il vettore serve lo scalo anche da Oslo e Stoccolma. "La nuova rotta consentirà ai passeggeri di viaggiare facilmente sia dalla parte ovest sia dalla parte est di New York, poiché Sas continua a offrire partenze dalla Scandinavia verso Newark - spiega una nota della compagnia -. Dalla Scandinavia offriamo un prodotto solido per l'aeroporto di Newark e crediamo che questa aggiunta da Copenaghen al Jfk rafforzerà l'offerta su New York per i nostri clienti. Gli Stati Uniti sono un mercato strategico per noi e continueremo a sviluppare nuove rotte e destinazioni ogni volta che si presenterà l'opportunità giusta". Durante l'inverno Sas opererà circa 130 partenze settimanali su 12 rotte statunitensi.   [post_title] => Sas tornerà a volare sulla rotta da Copenhagen a New York-Jfk, dopo 34 anni di assenza [post_date] => 2022-11-25T12:55:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669380952000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434838 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Brasile, destinazione da vivere sotto una nuova luce e cioè quella delle festività natalizie: numerose le tradizioni che uniscono Italia e Brasile in questo periodo dell'anno, ma tante sono ancora da scoprire, magari con un viaggio attraverso le città di Gramado, Canela e Curitiba che ospitano i più importanti eventi natalizi sul territorio. Quest'anno, a Gramado, va in scena la 37ª edizione di Natal Luz, dal 27 ottobre e fino al 29 gennaio 2023. Durante questo periodo, le strade della città si riempiono di decorazioni natalizie e danno spazio a esibizioni corali, concerti di luci e altre attrazioni. Tra i punti salienti ci sono la Vila de Natal, il Reino de Natal, la Parata di Natale, Nativitaten e la Grande Parata di Natale. È il più grande evento natalizio del mondo ed è stato riconosciuto come Patrimonio storico-culturale del Rio Grande del Sud.  A Canela, fino al 15 gennaio 2023, è il momento di Sonho Natal, un evento unico, familiare e giocoso, ricco di effetti visivi ed alta tecnologia, che celebra la nascita di Cristo e cerca di salvare la generosità tra le persone. L'evento prevede un cospicuo programma, interamente gratuito, in cui si svolgono 272 presentazioni per tutta la durata dell'evento. Curitiba ospita tra il 23 novembre e fino al 23 dicembre l'evento Luz dos Pinhais: il tema è la celebrazione della Vita.  31 giorni di divertimento grazie a spettacoli organizzati dal Comune, dagli sponsor e dai promotori di eventi privati, che insieme offriranno un calendario ricco di attrazioni, tra cui spettacoli teatrali, cori, concerti, opere liriche, balletti, circuiti automobilistici (drive-thru), decorazioni e fiere gastronomiche ed eventi di arte e artigianato. [post_title] => Brasile: alla scoperta delle tradizioni del Natale fra Gramado, Canela e Curitiba [post_date] => 2022-11-25T12:20:33+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669378833000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434833 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “Scopri l’Italia che non sapevi”: presentate a Milano la strategia della promozione turistica congiunta delle regioni italiane e le nuove fasi di sviluppo del progetto che fa parte del piano di Promozione nazionale 2020 del ministero del turismo. Il progetto, nato da un accordo programmatico tra il ministero e la Commissione poliche per il turismo delle regioni, con le regioni capofila del progetto, regione Umbria, Marche ed Emilia Romagna, coordinate dalla regione Abruzzo, e le provincie autonome, in collaborazione con Enit, porta avanti la promozione e la valorizzazione di un patrimonio come i borghi e i paesaggi italiani, il turismo lento e quello attivo. L’evento meneghino è stato inoltre l’occasione per proclamare i vincitori del contest #LitaliaCheNonSapevi, l’iniziativa che ha coinvolto i partecipanti nel racconto dell’Italia nascosta e più insolita attraverso l’invio si video, foto podcast e racconti. Sono stati 676 i partecipanti e 4436 opere con 21 vincitori, uno per ogni regione. Un materiale di grande valore che le regioni metteranno in campo in un piano editoriale sui canali social per la valorizzazione del nostro territorio. Ogni regione capofila si è dedicato ad un asset specifico. Per raccontare l’Italia, 21 creators internazionali sono stati invitati a visitare 189 borghi della nostra penisola per 210 giorni, coordinati dall’Emilia Romagna. Scoprire la bellezza italiana abbinandola a esperienze e alla mobilità sostenibile. Il risultato raggiunto è stato un prodotto passato sui social con oltre 2,3 milioni di utenti tra post, live advertorial e blog post in lingua inglese, tedesco e spagnolo. La regione Umbria ha lavorato alla valorizzazione dell’enogastronomia, estrapolando 21 video ricette di un prodotto Igp o Dop nostrano. L’asset capeggiato dalla regione Marche ha messo in campo il nordic walking e il turismo nautico. Il primo per scoprire l’Italia attraversandola in bicicletta e ponendo l’attenzione sul cicloturismo con “le vie del bike” alla scoperta delle peculiarità dell’Italia, da nord a sud per cui è prevista anche una versione virtuale. La seconda con un piano di navigazione “l’Italia vista dal mare, scopri dove ti porto”, è stata l’occasione per rilanciare la navigazione lungo le coste italiane alla scoperta dell’immenso territorio storico, culturale, naturalistico ed enogastronomico dell’entroterra costiero e e delle acque interne italiane. Un prodotto di valore economico e turistico della nautica da diporto tradotto in 16 itinerari che percorrono l’Italia e le isole e le acque interne. L’obbiettivo di valorizzare i territori italiani prende forma passando da reale a virtuale, migrando da una vetrina già consolidata come il sito viaggio.italia.it al portale nazionale Tourism Digital Hub, gestito da regione Abruzzo per una raccolta uniforme dei contenuti dell’offerta nazionale, affinché sia materiale condiviso. Una sfida nuova che può essere allargata su nuovi temi e collaborazioni al cui Piano 2020 verranno ancora dedicate le risorse ministeriali del Piano Promozionale 2022 per un finanziamento che passerà dai 3 milione del 2020 ai 5 milioni del Piano 2022. Si sta lavorando su come strutturarlo e su come valorizzare anche importanti asset come la montagna e il mare, integrando sempre un continuo dialogo tra i territori. Il percorso verso la promozione turistica nazionale sembra aver compiuto finalmente un primo passo. Inizia a delineasi unione di intenti e semplificazione, collaborazione tra le istituzioni e coordinazione, dialogo con tutti i territori e innovazione tecnologica dietro il lavoro costante e intelligente delle regioni. [post_title] => Scopri l’Italia che non sapevi: le regioni che fanno promozione [post_date] => 2022-11-25T11:55:02+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669377302000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434781 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Korean Air è il primo partner del settore aereo del programma fedeltà Volare di Ita Airways. Scegliendo di volare con il vettore della Corea del Sud, in qualità di compagnia aerea dell’alleanza, i soci SkyTeam Elite Plus potranno usufruire dei servizi SkyPriority che includono tra gli altri: check-in e imbarco prioritario, drop-off e bagaglio aggiuntivo, canale prioritario al banco Transiti e ai varchi sicurezza. Numerosi i vantaggi per i soci che scelgono di volare con Korean Air: la possibilità di accumulare punti è estesa infatti anche ai voli operati da Korean Air. Sarà sufficiente inserire il numero frequent flyer Volare in fase di prenotazione o di check-in per accumulare punti Volare. “Da quando Ita Airways è entrata ufficialmente a far parte di SkyTeam - ha dichiarato Emiliana Limosani, cco di Ita e ceo di Volare - abbiamo lavorato costantemente con tutti i vettori partner per garantire che i frequent flyer possano godere dei benefici e dei vantaggi dell'alleanza. Tutti i servizi dei nostri Club saranno presto estesi anche alle compagnie di questo network, dando accesso ai nostri soci ad oltre 1.000 destinazioni e servizi in tutto il mondo. Allo stesso modo tutti i membri SkyTeam avranno la possibilità di accedere anche all’accumulo di punti”. Korean Air opera giornalmente verso oltre 100 destinazioni nel mondo attraverso il suo hub di Seul e, insieme a Ita Airways, assicurerà ai soci Volare una copertura delle rotte nazionali e internazionali con collegamenti tra le principali capitali. [post_title] => Ita Airways: Korean Air è il primo partner del settore aereo nel programma Volare [post_date] => 2022-11-25T10:05:34+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669370734000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434809 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A trent’anni di distanza dalla realizzazione del primo importante intervento di riqualificazione urbana firmato da Renzo Piano per la sua città, con oltre 90 milioni di presenze all’attivo, Porto Antico di Genova si anima dal 29 novembre al 3 dicembre con un programma di eventi eclettico e multitarget. Il primo degli appuntamenti in programma, già sold out dopo meno di due giorni dall’annuncio, è l’incontro di martedì 29 novembre alle 18 a Porta Siberia.   Un dialogo, moderato da Mario Paternostro, tra l’architetto Renzo Piano e il presidente della società Porto Antico di Genova Mauro Ferrando che toccherà i grandi temi della riqualificazione del waterfront del capoluogo ligure, dal primo esempio di successo, l’area del Porto Antico, al Waterfront di Levante per accennare, con tutte le sue complessità, alla Genova del futuro. Mercoledì 30 novembre alle 20.30, in Calata Falcone Borsellino, un grande spettacolo a ingresso libero, nel segno della migliore tradizione canora e cabarettistica della città. Quattro gli artisti genovesi che si alterneranno: Antonio Ornano con i suoi irresistibili racconti di vita; Antonella Ruggiero e il suo inarrivabile repertorio; la star internazionale della disco-dance Sabrina Salerno e il rapper Alfa, amatissimo dai giovani. Sabato 3 dicembre alle ore 21 nella Sala Maestrale dei Magazzini del Cotone si terrà lo speciale concerto dell’Ensemble Simone Molinaro “Swinging in the Snow”, in collaborazione con la Fondazione Teatro Carlo Felice. Da venerdì 2 dicembre sarà inoltre riaperta al pubblico La Città dei Bambini e dei Ragazzi, realizzata in collaborazione da Porto Antico di Genova e Costa Edutainment, che si presenterà in una veste totalmente rinnovata: un “experience museum” dedicato ai cinque sensi. «30 anni fa – sottolinea il presidente Mauro Ferrando - nasceva il Porto Antico, grazie anche alla brillante intuizione dell’Architetto Renzo Piano. In questi anni, l’area è cresciuta di importanza e rappresenta, oggi, il cuore pulsante della città. Allo scadere dei 30 anni di vita, Porto Antico S.p.A., sempre per mano  dell’Architetto Piano, si ritrova protagonista dell’ambizioso progetto di riqualificazione urbana del nuovo Waterfront di levante, progetto che interessa le sue darsene, le aree a mare ed il padiglione Fieristico Jean Nouvel». «Il Porto Antico è uno dei luoghi simbolo non solo di Genova e della Liguria, è un simbolo della rinascita e della riconversione di questa città, di una visione di futuro, capace di recuperare una zona affacciata direttamente sul mare e integrarla con la città, rendendola viva e attrattiva- spiega il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti -, il primo passo di quel percorso di crescita della città che l’ha resa, in questi ultimi anni, una meta turistica sempre più apprezzata, una città d’arte affascinante e ricca di sfaccettature. Partendo proprio dall’esempio del Porto Antico, il nostro lavoro va nella direzione di rendere sempre più forte e significativo il legame tra l’acqua e la città, riqualificando e recuperando il fronte mare con il grande lavoro del Waterfront di Levante, il grande progetto, ancora una volta firmato da Renzo Piano, destinato a rendere Genova sempre più iconica, vera capitale del Mediterraneo”. Mario Zanetti, direttore generale di Costa Crociere: «Costa Crociere è lieta di essere a fianco del Porto Antico nei suoi festeggiamenti. Siamo particolarmente vicini a questa realtà, non solo in quanto compagnia genovese che ama e ha sempre sostenuto la sua città. Ma anche perché il Porto Antico è un luogo storico, nel cuore di Genova, che ha saputo rinnovarsi e diventare un volano per la trasformazione in chiave turistica di tutta città. Un processo a cui anche Costa, in oltre 70 anni di storia, ha dato il suo importante contributo».   A fianco di Porto Antico di Genova Spa, per questo importante anniversario, i partner Regione Liguria, Comune di Genova, Camera di Commercio di Genova, Fondazione Teatro Carlo Felice. Sponsor: Iren, Costa Crociere, Free To X. [post_title] => Genova, ricco programma di eventi per i 30 anni del Porto Antico realizzato da Renzo Piano [post_date] => 2022-11-25T10:05:20+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669370720000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434776 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Oman e la regione del Dhofar saranno più facilmente raggiungibili dall'Italia, grazie ad una maggiore capacità voli. Dal 7 dicembre prossimo, in particolare, decolleranno i nuovi voli Air Arabia: da Milano Bergamo verso Sharjah, 4 volte a settimana (martedì, mercoledì, venerdì, domenica), da Sharjah a Muscat, 2 volte a settimana (martedì, venerdì) della durata di un'ora; e uno diretto da Sharjah a Salalah due volte a settimana (martedì e venerdì), della durata di 1h45.   Neos, attualmente opera un volo di domenica, con partenza da Milano Malpensa (e scalo a Roma Fiumicino), e, a partire dal 25 dicembre, aggiunge un volo da Verona con destinazione Salalah. Fra i collegamenti esistenti su Salalah, c'è anche Qatar Airways che opera con scalo a Doha e la compagnia di bandiera Oman Air, con scalo a Muscat, per procedere con un viaggio interno con destinazione Salalah. Tutti i voli citati, come pure Oman Air, fanno base all'aeroporto internazionale di Salalah che dista pochi km dal centro città ed è il secondo scalo per traffico passeggeri del Sultanato dell’Oman.    Salalah è la terza città più grande del Sultanato nel Dhofar, conosciuta per il mito della Via dell’Incenso, per la sua vegetazione tropicale e i panorami mozzafiato. Affacciata sull’oceano Indiano, la regione gode di clima tropicale lungo la costa ed è coperta per buona parte dalla vasta area del deserto Rub Al Khali. Terra di forti contrasti e dal fascino leggendario; prima fra tutte la Via dell'Incenso, crocevia di popoli, conosciuta già da Marco Polo e località amata dai turisti, dichiarata anche Patrimonio Unesco.  È un mix di cultura e paesaggi naturali, il Dhofar: si passa dalla storica Mosque Sultan Qaboos, la più grande di tutta la regione, alle splendide cascate presenti sul territorio grazie al fenomeno estivo del khareef, fino ad arrivare alla spiaggia Al Mughsayl Beach. [post_title] => L'Oman punta i riflettori sulla regione del Dhofar: più voli da e per Salalah [post_date] => 2022-11-25T09:40:27+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669369227000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434796 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Mistral scommette su Tokyo d’Inverno: itinerario su base individuale con visite di gruppo in esclusiva. La proposta permette ai visitatori di scoprire la città con un volto insolito, pennellata di rosso e di ruggine, della fine del foliage, o del bianco della neve, illuminata dal cielo terso. "Un'occasione tra l'altro per visitare il Giappone in un momento in cui i costi sono più bassi, rispetto all'alta stagione - racconta il product manager, Gabriele Bassi -. Ma anche un'opportunità per i repeaters che desiderano visitare la capitale sotto una luce differente". I visitatori potranno tra le altre cose raggiungere il parco delle Scimmie delle Nevi, uno tra i più suggestivi del Paese, raggiungibile comodamente in treno, per osservare le scimmie selvatiche che nei mesi freddi si rifugiano nel caldo delle acque termali. "Siamo stati il primo operatore italiano a far partire gruppi di turisti per il Sol levante a luglio - sottolinea Bassi -. Le richieste nel corso dell’estate sono state molto elevate, tanto che siamo riusciti a confermare fino a cinque partenze settimanali, con numeri di partecipanti consistenti. Da settembre sono via via diminuite le restrizioni e di pari passo sono incrementate le prenotazioni. Un trend che mantiene un segno positivo anche per il 2023. Tutto ciò ci ha spinti a investire fortemente sulla destinazione; ci siamo così assunti il rischio di acquisire migliaia di posti volo in allotment, per riuscire a contenere i costi dei voli e a offrire per tutto l’anno proposte di viaggio molto competitive”. Anche lato programmazione Mistral Tour ha mantenuto quindi la propria offerta, ripristinando le durate degli itinerari come nel 2019 e rendendo il viaggio più fluido, con tempi dilatati e ottimizzati, senza variazioni di prezzo, grazie soprattutto agli accordi firmati con i partner in loco. “La nostra programmazione si presenta con una struttura capillare, forte anche di un ufficio Quality permanente a Tokyo, in grado di assistere i viaggiatori per ogni loro esigenza - conclude Bassi -. Si tratta di un prodotto solido, consolidato e rinnovato, che non si fonda su tariffe dinamiche ma garantisce stabilità di tariffe che a oggi risultano addirittura inferiori a quelle del 2019”. Nel dettaglio, la sezione viaggi di gruppo di Mistral riconferma dunque cinque itinerari di varia lunghezza, rinnovati per incontrare le esigenze dei clienti. Tra questi, Alla scoperta del Giappone si presenta quest’anno con delle varianti stagionali, per consentire di valorizzare il territorio in base al periodo dell’anno in cui lo si visita. Panorama Giapponese è invece un tour di 14 giorni, il più lungo e completo della programmazione. Include un itinerario comune a tutto il gruppo della durata di dieci giorni, a cui seguono tre possibili varianti: Koyasan, fede e natura; Naoshima, l’isola dell’arte; Nagasaki, la porta del Giappone. Anche lato viaggi individuali, Mistral conferma infine un ricco ventaglio di proposte, circa 20 preconfezionate, sia con assistenza privata sia in libertà.   [post_title] => Tokyo d'Inverno è la novità Mistral per sfruttare il boom della domanda sul Giappone [post_date] => 2022-11-25T09:18:45+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669367925000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434769 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tap Air Portugal ha trasportato sulle rotte Europa-Brasile 500.000 passeggeri tra luglio e settembre, il 223% in più rispetto all'anno precedente. Dall'inizio dell'anno, il vettore ha mantenuto il suo status di prima compagnia aerea internazionale operante in Brasile, con 1.140.800 passeggeri, il doppio rispetto al secondo vettore della classifica.   Guardando alla performance di settembre 2022, si evidenzia che in questo periodo Tap ha effettuato 1.318 voli da/per il Brasile, pari al 92% rispetto allo stesso mese del 2019, ovvero il periodo pre-pandemia. Nonostante, quindi, un'offerta di posti inferiore a quella del 2019, lo scorso settembre il vettore ha trasportato il 97% dei passeggeri rispetto allo stesso periodo di quell’anno. In Brasile, Tap si attesta a circa l'85% della capacità rispetto al periodo pre-pandemico e punta a raggiungere il 90% entro la fine dell'anno. Con un network di oltre 90 destinazioni in tutto il mondo, il rafforzamento del numero di frequenze è un forte segnale di ripresa.       Durante l’anno la compagnia lusitana opera voli da Roma, Milano, Venezia, Firenze, Bologna e Napoli via Lisbona per San Paolo, Rio de Janeiro, Belém, Belo Horizonte, Brasília, Fortaleza, Natal, Maceió, Porto Alegre, Recife e Salvador, oltre a collegare Porto a San Paolo e Rio de Janeiro. In totale, sono 11 le città brasiliane (13 rotte) che TAP collega direttamente all'Europa. [post_title] => Tap Air Portugal si conferma prima compagnia internazionale sulle rotte fra Europa e Brasile [post_date] => 2022-11-25T09:15:56+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669367756000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "korean air agenti di viaggio e to a milano malpensa per scoprire il boeing 787 9" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":125,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":3636,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434858","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Lab Travel Group, operatore della distribuzione turistica che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale,  aderisce Museo del Turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine.\r\n\r\nIl Museo del Turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.\r\n\r\n \r\n\r\n[gallery ids=\"434862,434863,434864,434865,434866,434867,434868,434869,434870,434871,434872,434873,434874,434875\"]\r\n\r\nLa nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost.\r\n\r\nIl risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi.\r\n\r\nTra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi.\r\n\r\nPaolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”.\r\n\r\nPer visitare la sala è sufficiente fissare un appuntamento presso la filiale di Lab Travel Group di via del Carmine 28 a Torino.\r\n\r\nwww.themuseumoftourism.org\r\n\r\nhttps://www.facebook.com/ILMUSEODELTURISMO/\r\n\r\nhttps://www.instagram.com/ilmuseodelturismo/","post_title":"Museo del Turismo: nuova sala a Torino presso Lab Travel Group","post_date":"2022-11-25T17:31:03+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669397463000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434846","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sas torna a investire sui collegamenti verso gli Stati Uniti: dal 9 febbraio 2023 la compagnia aerea scandinava tornerà a servire la rotta da Copenhagen a New York: il volo, operato per l'ultima volta ben 34 anni fa, sarà effettuato cinque volte alla settimana e diventerà giornaliero durante la stagione estiva.\r\n\r\nSas opererà al Terminal 7 dell'aeroporto Jfk. Attualmente il vettore serve lo scalo anche da Oslo e Stoccolma. \"La nuova rotta consentirà ai passeggeri di viaggiare facilmente sia dalla parte ovest sia dalla parte est di New York, poiché Sas continua a offrire partenze dalla Scandinavia verso Newark - spiega una nota della compagnia -. Dalla Scandinavia offriamo un prodotto solido per l'aeroporto di Newark e crediamo che questa aggiunta da Copenaghen al Jfk rafforzerà l'offerta su New York per i nostri clienti. Gli Stati Uniti sono un mercato strategico per noi e continueremo a sviluppare nuove rotte e destinazioni ogni volta che si presenterà l'opportunità giusta\".\r\n\r\nDurante l'inverno Sas opererà circa 130 partenze settimanali su 12 rotte statunitensi.\r\n\r\n ","post_title":"Sas tornerà a volare sulla rotta da Copenhagen a New York-Jfk, dopo 34 anni di assenza","post_date":"2022-11-25T12:55:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669380952000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434838","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Brasile, destinazione da vivere sotto una nuova luce e cioè quella delle festività natalizie: numerose le tradizioni che uniscono Italia e Brasile in questo periodo dell'anno, ma tante sono ancora da scoprire, magari con un viaggio attraverso le città di Gramado, Canela e Curitiba che ospitano i più importanti eventi natalizi sul territorio.\r\nQuest'anno, a Gramado, va in scena la 37ª edizione di Natal Luz, dal 27 ottobre e fino al 29 gennaio 2023. Durante questo periodo, le strade della città si riempiono di decorazioni natalizie e danno spazio a esibizioni corali, concerti di luci e altre attrazioni. Tra i punti salienti ci sono la Vila de Natal, il Reino de Natal, la Parata di Natale, Nativitaten e la Grande Parata di Natale. È il più grande evento natalizio del mondo ed è stato riconosciuto come Patrimonio storico-culturale del Rio Grande del Sud. \r\n\r\nA Canela, fino al 15 gennaio 2023, è il momento di Sonho Natal, un evento unico, familiare e giocoso, ricco di effetti visivi ed alta tecnologia, che celebra la nascita di Cristo e cerca di salvare la generosità tra le persone. L'evento prevede un cospicuo programma, interamente gratuito, in cui si svolgono 272 presentazioni per tutta la durata dell'evento.\r\n\r\nCuritiba ospita tra il 23 novembre e fino al 23 dicembre l'evento Luz dos Pinhais: il tema è la celebrazione della Vita.  31 giorni di divertimento grazie a spettacoli organizzati dal Comune, dagli sponsor e dai promotori di eventi privati, che insieme offriranno un calendario ricco di attrazioni, tra cui spettacoli teatrali, cori, concerti, opere liriche, balletti, circuiti automobilistici (drive-thru), decorazioni e fiere gastronomiche ed eventi di arte e artigianato.","post_title":"Brasile: alla scoperta delle tradizioni del Natale fra Gramado, Canela e Curitiba","post_date":"2022-11-25T12:20:33+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1669378833000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434833","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"“Scopri l’Italia che non sapevi”: presentate a Milano la strategia della promozione turistica congiunta delle regioni italiane e le nuove fasi di sviluppo del progetto che fa parte del piano di Promozione nazionale 2020 del ministero del turismo. Il progetto, nato da un accordo programmatico tra il ministero e la Commissione poliche per il turismo delle regioni, con le regioni capofila del progetto, regione Umbria, Marche ed Emilia Romagna, coordinate dalla regione Abruzzo, e le provincie autonome, in collaborazione con Enit, porta avanti la promozione e la valorizzazione di un patrimonio come i borghi e i paesaggi italiani, il turismo lento e quello attivo.\r\nL’evento meneghino è stato inoltre l’occasione per proclamare i vincitori del contest #LitaliaCheNonSapevi, l’iniziativa che ha coinvolto i partecipanti nel racconto dell’Italia nascosta e più insolita attraverso l’invio si video, foto podcast e racconti. Sono stati 676 i partecipanti e 4436 opere con 21 vincitori, uno per ogni regione. Un materiale di grande valore che le regioni metteranno in campo in un piano editoriale sui canali social per la valorizzazione del nostro territorio.\r\nOgni regione capofila si è dedicato ad un asset specifico.\r\nPer raccontare l’Italia, 21 creators internazionali sono stati invitati a visitare 189 borghi della nostra penisola per 210 giorni, coordinati dall’Emilia Romagna. Scoprire la bellezza italiana abbinandola a esperienze e alla mobilità sostenibile. Il risultato raggiunto è stato un prodotto passato sui social con oltre 2,3 milioni di utenti tra post, live advertorial e blog post in lingua inglese, tedesco e spagnolo.\r\nLa regione Umbria ha lavorato alla valorizzazione dell’enogastronomia, estrapolando 21 video ricette di un prodotto Igp o Dop nostrano.\r\nL’asset capeggiato dalla regione Marche ha messo in campo il nordic walking e il turismo nautico. Il primo per scoprire l’Italia attraversandola in bicicletta e ponendo l’attenzione sul cicloturismo con “le vie del bike” alla scoperta delle peculiarità dell’Italia, da nord a sud per cui è prevista anche una versione virtuale. La seconda con un piano di navigazione “l’Italia vista dal mare, scopri dove ti porto”, è stata l’occasione per rilanciare la navigazione lungo le coste italiane alla scoperta dell’immenso territorio storico, culturale, naturalistico ed enogastronomico dell’entroterra costiero e e delle acque interne italiane. Un prodotto di valore economico e turistico della nautica da diporto tradotto in 16 itinerari che percorrono l’Italia e le isole e le acque interne.\r\nL’obbiettivo di valorizzare i territori italiani prende forma passando da reale a virtuale, migrando da una vetrina già consolidata come il sito viaggio.italia.it al portale nazionale Tourism Digital Hub, gestito da regione Abruzzo per una raccolta uniforme dei contenuti dell’offerta nazionale, affinché sia materiale condiviso. Una sfida nuova che può essere allargata su nuovi temi e collaborazioni al cui Piano 2020 verranno ancora dedicate le risorse ministeriali del Piano Promozionale 2022 per un finanziamento che passerà dai 3 milione del 2020 ai 5 milioni del Piano 2022. Si sta lavorando su come strutturarlo e su come valorizzare anche importanti asset come la montagna e il mare, integrando sempre un continuo dialogo tra i territori.\r\nIl percorso verso la promozione turistica nazionale sembra aver compiuto finalmente un primo passo. Inizia a delineasi unione di intenti e semplificazione, collaborazione tra le istituzioni e coordinazione, dialogo con tutti i territori e innovazione tecnologica dietro il lavoro costante e intelligente delle regioni.","post_title":"Scopri l’Italia che non sapevi: le regioni che fanno promozione","post_date":"2022-11-25T11:55:02+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669377302000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434781","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\nKorean Air è il primo partner del settore aereo del programma fedeltà Volare di Ita Airways. Scegliendo di volare con il vettore della Corea del Sud, in qualità di compagnia aerea dell’alleanza, i soci SkyTeam Elite Plus potranno usufruire dei servizi SkyPriority che includono tra gli altri: check-in e imbarco prioritario, drop-off e bagaglio aggiuntivo, canale prioritario al banco Transiti e ai varchi sicurezza.\r\nNumerosi i vantaggi per i soci che scelgono di volare con Korean Air: la possibilità di accumulare punti è estesa infatti anche ai voli operati da Korean Air. Sarà sufficiente inserire il numero frequent flyer Volare in fase di prenotazione o di check-in per accumulare punti Volare.\r\n“Da quando Ita Airways è entrata ufficialmente a far parte di SkyTeam - ha dichiarato Emiliana Limosani, cco di Ita e ceo di Volare - abbiamo lavorato costantemente con tutti i vettori partner per garantire che i frequent flyer possano godere dei benefici e dei vantaggi dell'alleanza. Tutti i servizi dei nostri Club saranno presto estesi anche alle compagnie di questo network, dando accesso ai nostri soci ad oltre 1.000 destinazioni e servizi in tutto il mondo. Allo stesso modo tutti i membri SkyTeam avranno la possibilità di accedere anche all’accumulo di punti”.\r\nKorean Air opera giornalmente verso oltre 100 destinazioni nel mondo attraverso il suo hub di Seul e, insieme a Ita Airways, assicurerà ai soci Volare una copertura delle rotte nazionali e internazionali con collegamenti tra le principali capitali.","post_title":"Ita Airways: Korean Air è il primo partner del settore aereo nel programma Volare","post_date":"2022-11-25T10:05:34+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669370734000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434809","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A trent’anni di distanza dalla realizzazione del primo importante intervento di riqualificazione urbana firmato da Renzo Piano per la sua città, con oltre 90 milioni di presenze all’attivo, Porto Antico di Genova si anima dal 29 novembre al 3 dicembre con un programma di eventi eclettico e multitarget.\r\n\r\nIl primo degli appuntamenti in programma, già sold out dopo meno di due giorni dall’annuncio, è l’incontro di martedì 29 novembre alle 18 a Porta Siberia.   Un dialogo, moderato da Mario Paternostro, tra l’architetto Renzo Piano e il presidente della società Porto Antico di Genova Mauro Ferrando che toccherà i grandi temi della riqualificazione del waterfront del capoluogo ligure, dal primo esempio di successo, l’area del Porto Antico, al Waterfront di Levante per accennare, con tutte le sue complessità, alla Genova del futuro.\r\n\r\nMercoledì 30 novembre alle 20.30, in Calata Falcone Borsellino, un grande spettacolo a ingresso libero, nel segno della migliore tradizione canora e cabarettistica della città. Quattro gli artisti genovesi che si alterneranno: Antonio Ornano con i suoi irresistibili racconti di vita; Antonella Ruggiero e il suo inarrivabile repertorio; la star internazionale della disco-dance Sabrina Salerno e il rapper Alfa, amatissimo dai giovani.\r\n\r\nSabato 3 dicembre alle ore 21 nella Sala Maestrale dei Magazzini del Cotone si terrà lo speciale concerto dell’Ensemble Simone Molinaro “Swinging in the Snow”, in collaborazione con la Fondazione Teatro Carlo Felice.\r\n\r\nDa venerdì 2 dicembre sarà inoltre riaperta al pubblico La Città dei Bambini e dei Ragazzi, realizzata in collaborazione da Porto Antico di Genova e Costa Edutainment, che si presenterà in una veste totalmente rinnovata: un “experience museum” dedicato ai cinque sensi.\r\n\r\n«30 anni fa – sottolinea il presidente Mauro Ferrando - nasceva il Porto Antico, grazie anche alla brillante intuizione dell’Architetto Renzo Piano. In questi anni, l’area è cresciuta di importanza e rappresenta, oggi, il cuore pulsante della città. Allo scadere dei 30 anni di vita, Porto Antico S.p.A., sempre per mano  dell’Architetto Piano, si ritrova protagonista dell’ambizioso progetto di riqualificazione urbana del nuovo Waterfront di levante, progetto che interessa le sue darsene, le aree a mare ed il padiglione Fieristico Jean Nouvel».\r\n\r\n«Il Porto Antico è uno dei luoghi simbolo non solo di Genova e della Liguria, è un simbolo della rinascita e della riconversione di questa città, di una visione di futuro, capace di recuperare una zona affacciata direttamente sul mare e integrarla con la città, rendendola viva e attrattiva- spiega il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti -, il primo passo di quel percorso di crescita della città che l’ha resa, in questi ultimi anni, una meta turistica sempre più apprezzata, una città d’arte affascinante e ricca di sfaccettature. Partendo proprio dall’esempio del Porto Antico, il nostro lavoro va nella direzione di rendere sempre più forte e significativo il legame tra l’acqua e la città, riqualificando e recuperando il fronte mare con il grande lavoro del Waterfront di Levante, il grande progetto, ancora una volta firmato da Renzo Piano, destinato a rendere Genova sempre più iconica, vera capitale del Mediterraneo”.\r\n\r\nMario Zanetti, direttore generale di Costa Crociere: «Costa Crociere è lieta di essere a fianco del Porto Antico nei suoi festeggiamenti. Siamo particolarmente vicini a questa realtà, non solo in quanto compagnia genovese che ama e ha sempre sostenuto la sua città. Ma anche perché il Porto Antico è un luogo storico, nel cuore di Genova, che ha saputo rinnovarsi e diventare un volano per la trasformazione in chiave turistica di tutta città. Un processo a cui anche Costa, in oltre 70 anni di storia, ha dato il suo importante contributo».  \r\n\r\nA fianco di Porto Antico di Genova Spa, per questo importante anniversario, i partner Regione Liguria, Comune di Genova, Camera di Commercio di Genova, Fondazione Teatro Carlo Felice. Sponsor: Iren, Costa Crociere, Free To X.","post_title":"Genova, ricco programma di eventi per i 30 anni del Porto Antico realizzato da Renzo Piano","post_date":"2022-11-25T10:05:20+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669370720000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434776","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Oman e la regione del Dhofar saranno più facilmente raggiungibili dall'Italia, grazie ad una maggiore capacità voli. Dal 7 dicembre prossimo, in particolare, decolleranno i nuovi voli Air Arabia: da Milano Bergamo verso Sharjah, 4 volte a settimana (martedì, mercoledì, venerdì, domenica), da Sharjah a Muscat, 2 volte a settimana (martedì, venerdì) della durata di un'ora; e uno diretto da Sharjah a Salalah due volte a settimana (martedì e venerdì), della durata di 1h45.\r\n \r\nNeos, attualmente opera un volo di domenica, con partenza da Milano Malpensa (e scalo a Roma Fiumicino), e, a partire dal 25 dicembre, aggiunge un volo da Verona con destinazione Salalah. Fra i collegamenti esistenti su Salalah, c'è anche Qatar Airways che opera con scalo a Doha e la compagnia di bandiera Oman Air, con scalo a Muscat, per procedere con un viaggio interno con destinazione Salalah. Tutti i voli citati, come pure Oman Air, fanno base all'aeroporto internazionale di Salalah che dista pochi km dal centro città ed è il secondo scalo per traffico passeggeri del Sultanato dell’Oman. \r\n \r\nSalalah è la terza città più grande del Sultanato nel Dhofar, conosciuta per il mito della Via dell’Incenso, per la sua vegetazione tropicale e i panorami mozzafiato. Affacciata sull’oceano Indiano, la regione gode di clima tropicale lungo la costa ed è coperta per buona parte dalla vasta area del deserto Rub Al Khali. Terra di forti contrasti e dal fascino leggendario; prima fra tutte la Via dell'Incenso, crocevia di popoli, conosciuta già da Marco Polo e località amata dai turisti, dichiarata anche Patrimonio Unesco.  È un mix di cultura e paesaggi naturali, il Dhofar: si passa dalla storica Mosque Sultan Qaboos, la più grande di tutta la regione, alle splendide cascate presenti sul territorio grazie al fenomeno estivo del khareef, fino ad arrivare alla spiaggia Al Mughsayl Beach.","post_title":"L'Oman punta i riflettori sulla regione del Dhofar: più voli da e per Salalah","post_date":"2022-11-25T09:40:27+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1669369227000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434796","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Mistral scommette su Tokyo d’Inverno: itinerario su base individuale con visite di gruppo in esclusiva. La proposta permette ai visitatori di scoprire la città con un volto insolito, pennellata di rosso e di ruggine, della fine del foliage, o del bianco della neve, illuminata dal cielo terso. \"Un'occasione tra l'altro per visitare il Giappone in un momento in cui i costi sono più bassi, rispetto all'alta stagione - racconta il product manager, Gabriele Bassi -. Ma anche un'opportunità per i repeaters che desiderano visitare la capitale sotto una luce differente\". I visitatori potranno tra le altre cose raggiungere il parco delle Scimmie delle Nevi, uno tra i più suggestivi del Paese, raggiungibile comodamente in treno, per osservare le scimmie selvatiche che nei mesi freddi si rifugiano nel caldo delle acque termali.\r\n\r\n\"Siamo stati il primo operatore italiano a far partire gruppi di turisti per il Sol levante a luglio - sottolinea Bassi -. Le richieste nel corso dell’estate sono state molto elevate, tanto che siamo riusciti a confermare fino a cinque partenze settimanali, con numeri di partecipanti consistenti. Da settembre sono via via diminuite le restrizioni e di pari passo sono incrementate le prenotazioni. Un trend che mantiene un segno positivo anche per il 2023. Tutto ciò ci ha spinti a investire fortemente sulla destinazione; ci siamo così assunti il rischio di acquisire migliaia di posti volo in allotment, per riuscire a contenere i costi dei voli e a offrire per tutto l’anno proposte di viaggio molto competitive”.\r\n\r\nAnche lato programmazione Mistral Tour ha mantenuto quindi la propria offerta, ripristinando le durate degli itinerari come nel 2019 e rendendo il viaggio più fluido, con tempi dilatati e ottimizzati, senza variazioni di prezzo, grazie soprattutto agli accordi firmati con i partner in loco. “La nostra programmazione si presenta con una struttura capillare, forte anche di un ufficio Quality permanente a Tokyo, in grado di assistere i viaggiatori per ogni loro esigenza - conclude Bassi -. Si tratta di un prodotto solido, consolidato e rinnovato, che non si fonda su tariffe dinamiche ma garantisce stabilità di tariffe che a oggi risultano addirittura inferiori a quelle del 2019”.\r\n\r\nNel dettaglio, la sezione viaggi di gruppo di Mistral riconferma dunque cinque itinerari di varia lunghezza, rinnovati per incontrare le esigenze dei clienti. Tra questi, Alla scoperta del Giappone si presenta quest’anno con delle varianti stagionali, per consentire di valorizzare il territorio in base al periodo dell’anno in cui lo si visita. Panorama Giapponese è invece un tour di 14 giorni, il più lungo e completo della programmazione. Include un itinerario comune a tutto il gruppo della durata di dieci giorni, a cui seguono tre possibili varianti: Koyasan, fede e natura; Naoshima, l’isola dell’arte; Nagasaki, la porta del Giappone. Anche lato viaggi individuali, Mistral conferma infine un ricco ventaglio di proposte, circa 20 preconfezionate, sia con assistenza privata sia in libertà.\r\n\r\n ","post_title":"Tokyo d'Inverno è la novità Mistral per sfruttare il boom della domanda sul Giappone","post_date":"2022-11-25T09:18:45+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669367925000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434769","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tap Air Portugal ha trasportato sulle rotte Europa-Brasile 500.000 passeggeri tra luglio e settembre, il 223% in più rispetto all'anno precedente. Dall'inizio dell'anno, il vettore ha mantenuto il suo status di prima compagnia aerea internazionale operante in Brasile, con 1.140.800 passeggeri, il doppio rispetto al secondo vettore della classifica.\r\n \r\nGuardando alla performance di settembre 2022, si evidenzia che in questo periodo Tap ha effettuato 1.318 voli da/per il Brasile, pari al 92% rispetto allo stesso mese del 2019, ovvero il periodo pre-pandemia. Nonostante, quindi, un'offerta di posti inferiore a quella del 2019, lo scorso settembre il vettore ha trasportato il 97% dei passeggeri rispetto allo stesso periodo di quell’anno. In Brasile, Tap si attesta a circa l'85% della capacità rispetto al periodo pre-pandemico e punta a raggiungere il 90% entro la fine dell'anno. Con un network di oltre 90 destinazioni in tutto il mondo, il rafforzamento del numero di frequenze è un forte segnale di ripresa.\r\n \r\n \r\n \r\nDurante l’anno la compagnia lusitana opera voli da Roma, Milano, Venezia, Firenze, Bologna e Napoli via Lisbona per San Paolo, Rio de Janeiro, Belém, Belo Horizonte, Brasília, Fortaleza, Natal, Maceió, Porto Alegre, Recife e Salvador, oltre a collegare Porto a San Paolo e Rio de Janeiro. In totale, sono 11 le città brasiliane (13 rotte) che TAP collega direttamente all'Europa.","post_title":"Tap Air Portugal si conferma prima compagnia internazionale sulle rotte fra Europa e Brasile","post_date":"2022-11-25T09:15:56+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669367756000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti