23 June 2024

In Germania lunedì 27 blocco totale di aeroporti e treni

[ 0 ]

L'aeroporto di Monaco di Baviera

Germania. I sindacati tedeschi Verdi, per l’aviazione, ed Evg, per il trasporto ferroviario, hanno deciso di coordinare le loro proteste in modo che coincidano lunedì 27 marzo.

Fino a questo fine settimana la portata dello sciopero non sarà completamente definita, ma l’idea è che abbia il massimo impatto possibile, dal momento che i datori di lavoro non hanno migliorato le loro offerte dopo diversi mesi di conflitto collettivo e scioperi parziali.

Fino ad ora, i blocchi dell’aviazione tedesca hanno praticamente in tutti i casi comportato la chiusura dell’aeroporto interessato, poiché comprendeva guardie di sicurezza e operatori di handling. 

Aggiornamento salariale

In tutti i casi, gli aeroporti sono stati costretti a sospendere tutti i voli perché operare con servizi scarsi di solito genera alti livelli di conflitto perché i viaggiatori di solito si recano all’edificio del terminal nel caso in cui il loro volo sia ancora operativo.

I sindacati aeronautici chiedono un aggiornamento salariale urgente che restituisca la perdita di potere d’acquisto derivata dai processi inflazionistici degli ultimi tre anni, in particolare del 2022.

Da parte sua, in Francia, per motivi molto diversi, continuano gli scioperi per protestare contro il rinvio dell’età pensionabile da 62 a 64 anni e Ryanair raccoglie firme contro i controllori francesi.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469891 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_451756" align="alignleft" width="300"] Il float out della Explora II lo scorso settembre[/caption] E' stata rinviata di circa un mese la consegna della seconda unità della flotta Explora Journeys. La nave sarà quindi disponibile dal prossimo 12 settembre, mentre il suo viaggio inaugurale inizierà quattro giorni dopo da Civitavecchia: un itinerario di sette giorni che toccherà Sorrento, Lipari, Trapani, Siracusa, La Valletta (Malta) e Tarragona (Spagna). Le crociere della Explora II avranno una durata iniziale di una settimana, che potrà essere estesa a 14 o 21 giorni, con partenze da porti facilmente accessibili come Civitavecchia e Barcellona, evitando inoltre la ripetizione di scali durante le crociere più lunghe. Il rinvio, si legge in una nota, è stato il frutto di una decisione congiunta tra il gruppo Msc e Fincantieri, presso il cui stabilimento di Sestri Ponente l'unità è attualmente in fase di costruzione: "Dopo un'attenta e dettagliata revisione di Explora II è stato concordato che occorre più tempo per le rifiniture finali della nave, onde garantire sia i più alti standard di qualità nel lusso, sia che la nuova unità mantenga al meglio la promessa del marchio". Explora Journeys sta contattando gli ospiti che hanno già prenotato i viaggi interessati dal rinvio, direttamente o tramite i propri consulenti di viaggio, per organizzare una crociera alternativa sulla stessa Explora II, oppure sulla nave gemella Explora I, anch'essa in navigazione nel mar Mediterraneo. La Explora II navigherà infatti quest'estate nel Mediterraneo occidentale visitando destinazioni crocieristiche meno esplorate come Portofino, Porto Cervo, Saint-Tropez, Calvi, Mahon e Monte Carlo, con partenze che includono pernottamenti e soggiorni più lunghi nei porti. [post_title] => Rinviata la consegna della Explora II: crociera di debutto il 16 settembre da Civitavecchia [post_date] => 2024-06-21T09:59:20+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718963960000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469813 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_469821" align="alignright" width="300"] Da sinistra, Marco De Angelis e Fabrizio Bona[/caption] L'estate targata Italo accelera, spaziando dall'intermodalità all'accento sul traffico corporate, dall'ennesimo miglioramento dei servizi al ruolo - sempre strategico - del trade. Sono questi i temi messi in luce da Fabrizio Bona e Marco De Angelis, rispettivamente direttore commerciale e direttore vendite, in occasione del tradizionale appuntamento con il roadshow estivo che ha preso il via ieri a Milano «per poi spostarsi a Bologna, Roma e Napoli: quattro sessioni che ci consentono di incontrare 250 delle nostre Top Agency - spiega De Angelis -. Italo infatti continua a credere nel mondo agenziale, che rappresenta un tassello chiave della crescita di questi nostri 12 anni di vita. Continueremo a remunerare il lavoro di qualità, studiando ed offrendo al canale agency sempre nuove soluzioni». La policy commissioni sulle agenzie continua a essere orientata «sui clienti di valore come il cliente business, che comunque non ha ancora recuperato i livelli 2019, oppure quello che chiede flessibilità. Abbiamo riempimenti importanti proprio nell’alta fascia, nell’executive, e le agenzie sono determinanti in questo ambito». Da segnalare la performance positiva del traffico internazionale, «americani in primis, ma anche una piccola ripresa da Corea e Cina, mentre c'è ancora poco Giappone a causa della mancanza di alcuni voli.  Prima caratteristica della summer 2024, l'aumento delle opzioni di collegamenti intermodali: «Si tratta di ottimizzare la mobilità. E Italo rappresenta ormai un gruppo multimodale - sottolinea Bona -. Dai treni ai bus, siamo in grado di soddisfare la domanda di trasporto in tutta Italia. La stagione estiva ci consente di attivare nuove connessioni treno più bus per portare i turisti in località quali Rodi Garganico, Vieste, Jesolo, Bibione e molte altre. Questo dopo che le prime destinazioni lanciate, come Sorrento e Pompei, sono andate benissimo». In questo solco si inserisce anche il recente accordo con Uber. L'orario estivo conta 118 viaggi al giorno, con 54 città collegate e 62 stazioni servite, che garantiscono maggior capillarità e frequenze: grazie all’acquisizione di Itabus, infatti, ai servizi ferroviari si aggiungono quelli su gomma e quelli intermodali, treno + gomma con un biglietto unico; senza tralasciare le interconnessioni con i regionali di Trenitalia. Per queste ultime, in particolare, la novità dell'anno «è la possibilità per i passeggeri di acquistare direttamente i due biglietti Italo e regionale Trenitalia nelle biglietterie automatiche presenti nelle stazioni, mentre finora era possibile solo dal sito e dunque da pc. Arriveremo così anche in 200 nuove stazioni dove l'Alta Velocità non era un'opzione, consentendo ai clienti una comparazione diretta di costi e tempi di percorrenza. Inoltre, per fine 2024, questo servizio sarà disponibile anche sui sistemi delle agenzie di viaggio». Business travel Attenzione sempre maggiore viene riservata al mondo business e corporate, per il quale la società con il supporto della agenzie ha studiato appositi piani di triangolazioni (soluzione che coinvolge in particolar modo le Pmi, sono circa 900 quelle già nel circuito Italo). «Il nuovo programma fedeltà Italo Più prevede in particolare per il mondo bt la possibilità per tutti i dipendenti delle aziende già iscritte la possibilità di beneficiare già dello status di cui gode l'azienda già tutti i vantaggi dell’azienda. Diventa inoltre più semplice e veloce accumulare punti e dunque ottenere viaggi premio». Sul fronte servizi spicca il rinnovo delle lounge: «Roma è stata la prima ad essere rinnovata, lunedì prossimo (24 giugno, ndr) chiuderà quella di Milano per poi riaprire a fine luglio con nuovo look, più servizi e qualità. A seguire le altre, con una grande novità che sarà l'apertura di una nuova lounge a Bologna, hub importantissimo non solo per Italo ma per tutto il sistema trasporti». La nuova concorrenza Quanto al futuro debutto di Sncf sui collegamenti AV in Italia, «ad oggi è ancora prematuro fare previsioni. Per certo il mercato dell'Alta Velocità in Italia oggi è gestito da due parti in maniera intelligente, con qualità e servizi molto elevati. Il cliente beneficia di una sana competizione che ha portato a prezzi più bassi e maggiori e livelli di servizio. In futuro vedremo».     [post_title] => Italo presenta il Summer Dream: focus su intermodalità, bt e Top Agency [post_date] => 2024-06-20T11:06:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718881608000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469810 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air France aggiunge una nuova destinazione nell'Africa orientale al network di lungo raggio 2024-25: il prossimo 18 novembre decollerà la rotta da Parigi-Charles de Gaulle al Kilimanjaro (Tanzania), come estensione di Zanzibar. La tratta sarà operata con tre frequenze alla settimana – lunedì, mercoledì e sabato – utilizzando aeromobili Airbus A350-900, configurati con 34 posti in Business, 24 in Premium Economy e 266 in Economy. La rotta Parigi-Zanzibar-Kilimanjaro sostituirà la precedente Parig-Zanzibar-Dar Es Salam, operata fino ad ora. Dar Es Salam rimarrà comunque accessibile via Amsterdam, con Klm che opererà voli per la capitale della Tanzania sei volte a settimana. Le altre destinazioni di Klm in Tanzania includono Kilimanjaro (4 voli a settimana) e Zanzibar (2 voli a settimana). Coordinando gli orari dei voli delle due compagnie aeree, Air France e Klm offriranno ai passeggeri una scelta più ampia di giorni e orari. [post_title] => Air France: al via dal 18 novembre la rotta da Parigi al Kilimanjaro, via Zanzibar [post_date] => 2024-06-20T09:47:51+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718876871000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469799 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un vero e proprio vademecum su misura per tour operator e agenzie di viaggio: la sales guide 2024-25 della Regione internazionale del Lago di Costanza - compresa tra Germania, Svizzera, Austria e Principato del Liechtenstein - raccoglie infatti informazioni utili, spunti e curiosità che possono aiutare il trade nel programmare gli itinerari nella regione. La guida è alla sua quinta edizione, disponibile in inglese e tedesco. A livello pratico, la sales guide riporta ad esempio gli orari di apertura e il tempo medio necessario alla visita delle principali attrazioni, le distanze tra le diverse località della regione, i trasporti e i collegamenti con i mezzi pubblici, le date degli eventi, l’offerta e i prezzi delle visite guidate di gruppo e i contatti di riferimento dei diversi uffici del turismo e delle attrazioni – per una destinazione internazionale che si presta ad essere visitata in tutti i periodi dell’anno. Il lago di Costanza unisce culture e popoli diversi, accomunati dalle sponde del lago e dalla lingua tedesca. In questo angolo multiculturale d’Europa si scoprono paesaggi idilliaci e una natura incantevole – ma anche città vivaci, castelli e musei all’avanguardia e una enogastronomia autentica e variegata. La guida conduce attraverso le meraviglie e gli highlight della regione, suggerendo anche itinerari pensati secondo le inclinazioni dei partecipanti al viaggio – per proposte, per esempio, più incentrate sulla cultura, sulle vacanze attive o sulle scoperte legate al cibo, al vino e alla birra. Gli itinerari sono spunti per viaggi da effettuarsi nelle diverse stagioni dell’anno, a seconda delle attrazioni della regione o degli eventi ricorrenti, come i mercatini di Natale. [post_title] => Lago di Costanza: ecco la sales guide 2024-25 dedicata al trade [post_date] => 2024-06-19T14:53:05+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718808785000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469757 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Stagione estiva. Oltre 4.000, tra concerti, festival, conferenze e manifestazioni sportive, calamiteranno più di 28 milioni di visitatori, sia nazionali che internazionali, nel periodo giugno-settembre 2024. Tradizioni, radici e identità: sono soprattutto i borghi e le mete meno note, ma al contempo più autentiche e genuine, a giocare un ruolo fondamentale. Sagre e feste di paese, infatti, possono far segnare un incremento del +63,8% nell’affluenza rispetto al 2023. In generale, sono 20 mila le sagre realizzate ogni anno in Italia, per le quali si contano 48 milioni di visitatori, perlopiù giovani (31%) e famiglie (45%). I due principali catalizzatori sono i circa 290 eventi sportivi, che coinvolgeranno oltre 17 milioni di presenze, e i 2.000 spettacoli musicali, ai quali prenderanno parte oltre 5 milioni di persone. Inoltre, 3,5 milioni di spettatori parteciperanno ai concerti classificati a medio impatto e quasi un milione a quelli di alto impatto. Festival e esposizioni Significativi anche gli 800 festival e le 100 esposizioni, capaci di attirare, rispettivamente, 3,7 e 1,7 milioni di partecipanti. Secondo le stime Enit su elaborazioni Data Appeal, Istat e Bankitalia, saranno circa 1,6 milioni i passeggeri aeroportuali attesi in Italia da giugno a settembre, di cui l’82,7% dall’estero e il 17,3% di origine nazionale, con la componente italiana in aumento del +4% sullo stesso periodo del 2023. Tra i primi 20 Paesi di provenienza analizzati, quasi il 30% della clientela aeroportuale è di origine europea. Gli Stati Uniti – mercato alto spendente –, con oltre 285 mila passeggeri attesi (il 18,3% del totale), sono il principale mercato in entrata, seguiti da Francia e Germania, e poi da Spagna e Regno Unito. Mediamente, si prenota il volo 120 giorni prima della partenza, per una permanenza di almeno 12 notti. [post_title] => Stagione estiva: in Italia 4 mila eventi che attireranno 28 milioni spettatori [post_date] => 2024-06-19T11:29:31+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718796571000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469740 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con il prossimo decollo del collegamento diretto a Chengdu, fissato per il 29 luglio, Air China raddoppia il proprio network da Milano rispetto ai livelli 2019. Nel periodo pre-Covid, la compagnia operava infatti due rotte per la città, volando da Beijing Capital e Shanghai Pudong; dopo aver sospeso le operazioni nel febbraio 2020, i voli da Pechino sono ripresi nell'ottobre 2021, seguiti dal lancio di una nuova rotta da Wenzhou nel novembre 2022, mentre Shanghai è stata poi ripristinata nel marzo 2023. Nella summer 2024, una volta avviata la rotta da Chengdu, Air China - in base ai dell'Oag Schedules Analyser evidenziati da Aviation Week - offrirà circa 12.700 posti settimanali nelle due direzioni da e per Milano rispetto agli 8.700 dello stesso periodo nel 2019. La Chengdu-Milano diventerà il 32° collegamento europeo senza scalo della compagnia aerea. In pratica, Germania, Regno Unito e Italia sono i tre principali mercati del vettore cinese in Europa, seguiti da Spagna e Francia. Complessivamente, Air China offrirà circa 115.000 posti settimanali sulle rotte europee entro la fine di luglio, pari ad una crescita del 62% su base annua e del 17% rispetto ai livelli del 2019. Per Malpensa la nuova rotta diventerà anche l'ottavo collegamento verso la Cina continentale: oltre ai tre servizi esistenti di Air China, Hainan Airlines vola a Milano da Chongqing e Shenzhen, Juneyao Airlines offre una rotta da Zhengzhou mentre Neos collega Malpensa a Nanchino.   [post_title] => Air China: capacità posti raddoppiata su Milano Malpensa rispetto al 2019 [post_date] => 2024-06-19T10:38:29+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718793509000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469591 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «B&B Hotels nasce nel 1990 in Francia da un’intuizione di François Brannelec. - racconta Simone Ravera, coo B&BHotels Italia, Slovenia e Ungheria, ripercorrendo la storia del gruppo - Brannelec viaggiava molto per lavoro e riteneva eccessivi i prezzi degli hotel. Ha deciso quindi di offrire al cliente un letto e una buona colazione a un costo veramente competitivo. L’idea ha funzionato molto bene e ha portato a un forte sviluppo in Francia (dove oggi siamo presenti con più di 400 hotel), in Germania (dove già superiamo quota 200) e in Spagna (dove siamo vicini ai 50). Il business-model è arrivato con successo in Italia 15 anni fa, grazie a Jean Claude Ghiotti, oggi presidente onorario di B&B Hotels Italia. Il mercato ci premia: trova un prodotto superiore alle attese a un prezzo concorrenziale e questo ci permette di performare molto». B&B Hotels continua a crescere seguendo il payoff: “Only for Everyone”. Primi hotel «Abbiamo aperto i nostri primi hotel in UK e in USA, ci stiamo espandendo in Slovenia e Ungheria. In Italia intendiamo raggiungere i 100 hotels entro il 2025 e 150 entro il 2030, l’anno scorso ne abbiamo aperti 8, quest’anno ne apriremo 14». Interessante la ricerca delle location dove aprire nuovi B&B Hotels: «Viene fatta attraverso un sistema di location intelligence: analizziamo e osserviamo il territorio, controlliamo il potenziale commerciale delle strutture e siamo versatili. - prosegue Ravera - Abbiamo trasformato in hotel luoghi come supermercati, uffici e tanti immobili trascurati. Questo take-over di strutture già esistenti è importante in particolare per il mercato italiano, perché ci sono poche possibilità di costruire e tanti alberghi. Interveniamo laddove l’imprenditore è in difficoltà o c’è un passaggio generazionale». Numerose le aree di crescita sulla penisola, «ci sono delle primary city che rimangono degli evergreen - Milano, Roma, Firenze, Torino … - ma ho visto recentemente una location a Matera, apriremo presto il nostro primo hotel a Sassari, in Sardegna e guardiamo con molta attenzione il sud Italia con Napoli, Bari. Quest’anno apriremo anche 414 camere a Tronchetto-Venezia, dove siamo riusciti ad avere uno degli ultimi due posti edificabili. L’elevato numero di camere rientra nella nostra logica “no limits” e 400 camere a Venezia vanno benissimo! - conclude il direttore operativo Ravera - Stiamo anche spingendo sul fronte leisure, che per l’azienda è una cosa nuova e in Italia siamo stati un po’ pionieri proprio grazie alla tipica flessibilità e creatività italiane. Bisogna pensare al leisure se si vogliono raggiungere i 150 hotels. "Quindi abbiamo alcune realtà nate come esperimenti e oggi consolidate come Cortina, Sottomarina di Chioggia, il grande successo di Santa Margherita Ligure e poi Diano Marina, Savona, Ischia… Abbiamo anche deciso di aggiungere alla nostra offerta la ristorazione creando un dipartimento f&b con una persona incaricata. Oggi sono attivi 8 ristoranti. Non ci poniamo limiti perché il nostro cliente ci segue e ci riconosce, sia nel leisure che nel business. Lo sappiamo perché facciamo molte ricerche in questa direzione: per noi il crm, la gestione della relazione con clienti, è fondamentale». Quello di B&B Hotels è quindi un modello in crescita nel mondo, che ha l’obiettivo di raggiungere un portfolio di 1500 hotels. [post_title] => B&B Hotels: storia e progetti di crescita per un turismo accessibile a tutti [post_date] => 2024-06-17T12:06:18+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718625978000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469552 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gli Europei di calcio 2024 sono entrati nel vivo e la Germania del turismo vede aumentare le ricadute positive della kermesse sportiva. A cominciare dalla crescita dei flussi incoming. «Il Campionato europeo di calcio maschile in Germania è un evento il cui significato va ben oltre il torneo sportivo - evidenzia Petra Hedorfer, presidente del Consiglio esecutivo dell'Ente Nazionale Germanico per il Turismo in Italia -. Nel contesto di Euro 2024, stiamo promuovendo in tutto il mondo un soggiorno più lungo per gli ospiti internazionali che va oltre l'assistere a una partita di calcio. Un recente sondaggio esclusivo dell’Ente Germanico per il Turismo Real Time in tre importanti mercati di provenienza quali Gran Bretagna, Francia e Spagna, conferma il nostro approccio strategico: il 92% degli intervistati che arriveranno in Germania per gli Europei non vogliono solo assistere alla partita, ma anche rimanere nel Paese più a lungo. Il 38% prevede di trascorrere fino a tre notti nelle città ospitanti, il 14% vuole utilizzare tre giorni per esplorare le città ospitanti e i loro dintorni e il 40% intende addirittura trascorrere almeno quattro notti in Germania. Oltre agli effetti economici, l'Euro 2024 offre grandi opportunità per presentare la Germania come un Paese ospitale e cosmopolita e quindi rilanciare ancora una volta l'immagine della Germania come destinazione di viaggio». L'industria alberghiera e della ristorazione di tutto il Paese può trarre vantaggio da questo grande evento. Oltre alle dieci città ospitanti con i loro grandi stadi e le migliaia di tifosi, vale anche per gli alloggi base delle 24 squadre, che i giocatori e le loro squadre di supporto hanno prenotato anche nelle regioni rurali durante il campionato. Inoltre, il programma artistico e culturale di EURO 2024 prevede più di 300 eventi in 45 località della Germania.  [post_title] => La Germania degli Europei di calcio: balzo in avanti dei flussi incoming [post_date] => 2024-06-17T10:09:26+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718618966000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469508 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_394304" align="alignleft" width="300"] Enrica Montanucci[/caption] A seguito della decisione dell’Antitrust che ha respinto le accuse fatte a Ryanair di abuso di posizione dominante, Maavi, l’associazione di categoria degli agenti di viaggio, interviene duramente sul tema. “È assurdo – dichiara Enrica Montanucci, presidente nazionale del movimento autonomo agenzie di viaggio italiane – che solo in Italia le Istituzioni non siano in grado di prendere una posizione ferma e chiara contro chi pensa di venire nel nostro Paese ed imporre la sua linea. “La Spagna – continua la Montanucci – ha avuto il coraggio di sanzionare alcune compagnie aeree con 150 milioni di euro per le vendite del bagaglio a mano. In Germania vengono dettate regole chiare per chi vuole operare sul territorio tedesco. In Francia si impongono metodi ed etica. Mentre in Italia? Nulla. E quando si apre una causa per richiedere il giusto ripristino delle condizioni concorrenziali del mercato della biglietteria aerea, compreso l’acquisto di pacchetti turistici, questa procedura viene rapidamente definita ‘senza i presupposti’. “Da tempo Maavi – conclude la Presidente – sta cercando soluzioni per riequilibrare il mercato tra i vari attori in campo, dando voce e spazio in questo agli agenti di viaggio, spesso non considerati. Da oltre un anno ci stiamo interfacciando con il Parlamento Europeo grazie all’operato encomiabile dell’europarlamentare Lucia Vuolo, che, in qualità anche di Membro della Commissione per i trasporti e il turismo, si è data disponibile a seguire questa tematica per arrivare a una vera tutela del trade. L’onorevole Vuolo ha anche partecipato alla nostra Convention Nazionale, intervenendo nella giornata clou di sabato 1 giugno e trattando con noi proprio di queste battaglie. A nome mio e dell’Associazione di Categoria che presiedo, ringrazio chi come lei si è battuta e si batterà con coraggio per le categorie professionali del turismo organizzato e che, purtroppo è una ‘perla rara’ nel panorama politico-istituzionale italiano”. [post_title] => Antitrust dà ragione a Ryanair. La reazione di Maavi: "è assurdo" [post_date] => 2024-06-14T12:05:03+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718366703000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "in germania lunedi" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":27,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":991,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469891","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_451756\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il float out della Explora II lo scorso settembre[/caption]\r\n\r\nE' stata rinviata di circa un mese la consegna della seconda unità della flotta Explora Journeys. La nave sarà quindi disponibile dal prossimo 12 settembre, mentre il suo viaggio inaugurale inizierà quattro giorni dopo da Civitavecchia: un itinerario di sette giorni che toccherà Sorrento, Lipari, Trapani, Siracusa, La Valletta (Malta) e Tarragona (Spagna). Le crociere della Explora II avranno una durata iniziale di una settimana, che potrà essere estesa a 14 o 21 giorni, con partenze da porti facilmente accessibili come Civitavecchia e Barcellona, evitando inoltre la ripetizione di scali durante le crociere più lunghe.\r\n\r\nIl rinvio, si legge in una nota, è stato il frutto di una decisione congiunta tra il gruppo Msc e Fincantieri, presso il cui stabilimento di Sestri Ponente l'unità è attualmente in fase di costruzione: \"Dopo un'attenta e dettagliata revisione di Explora II è stato concordato che occorre più tempo per le rifiniture finali della nave, onde garantire sia i più alti standard di qualità nel lusso, sia che la nuova unità mantenga al meglio la promessa del marchio\".\r\n\r\nExplora Journeys sta contattando gli ospiti che hanno già prenotato i viaggi interessati dal rinvio, direttamente o tramite i propri consulenti di viaggio, per organizzare una crociera alternativa sulla stessa Explora II, oppure sulla nave gemella Explora I, anch'essa in navigazione nel mar Mediterraneo. La Explora II navigherà infatti quest'estate nel Mediterraneo occidentale visitando destinazioni crocieristiche meno esplorate come Portofino, Porto Cervo, Saint-Tropez, Calvi, Mahon e Monte Carlo, con partenze che includono pernottamenti e soggiorni più lunghi nei porti.","post_title":"Rinviata la consegna della Explora II: crociera di debutto il 16 settembre da Civitavecchia","post_date":"2024-06-21T09:59:20+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1718963960000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469813","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_469821\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Da sinistra, Marco De Angelis e Fabrizio Bona[/caption]\r\n\r\nL'estate targata Italo accelera, spaziando dall'intermodalità all'accento sul traffico corporate, dall'ennesimo miglioramento dei servizi al ruolo - sempre strategico - del trade.\r\n\r\nSono questi i temi messi in luce da Fabrizio Bona e Marco De Angelis, rispettivamente direttore commerciale e direttore vendite, in occasione del tradizionale appuntamento con il roadshow estivo che ha preso il via ieri a Milano «per poi spostarsi a Bologna, Roma e Napoli: quattro sessioni che ci consentono di incontrare 250 delle nostre Top Agency - spiega De Angelis -. Italo infatti continua a credere nel mondo agenziale, che rappresenta un tassello chiave della crescita di questi nostri 12 anni di vita. Continueremo a remunerare il lavoro di qualità, studiando ed offrendo al canale agency sempre nuove soluzioni». La policy commissioni sulle agenzie continua a essere orientata «sui clienti di valore come il cliente business, che comunque non ha ancora recuperato i livelli 2019, oppure quello che chiede flessibilità. Abbiamo riempimenti importanti proprio nell’alta fascia, nell’executive, e le agenzie sono determinanti in questo ambito».\r\n\r\nDa segnalare la performance positiva del traffico internazionale, «americani in primis, ma anche una piccola ripresa da Corea e Cina, mentre c'è ancora poco Giappone a causa della mancanza di alcuni voli. \r\n\r\nPrima caratteristica della summer 2024, l'aumento delle opzioni di collegamenti intermodali: «Si tratta di ottimizzare la mobilità. E Italo rappresenta ormai un gruppo multimodale - sottolinea Bona -. Dai treni ai bus, siamo in grado di soddisfare la domanda di trasporto in tutta Italia. La stagione estiva ci consente di attivare nuove connessioni treno più bus per portare i turisti in località quali Rodi Garganico, Vieste, Jesolo, Bibione e molte altre. Questo dopo che le prime destinazioni lanciate, come Sorrento e Pompei, sono andate benissimo». In questo solco si inserisce anche il recente accordo con Uber.\r\n\r\nL'orario estivo conta 118 viaggi al giorno, con 54 città collegate e 62 stazioni servite, che garantiscono maggior capillarità e frequenze: grazie all’acquisizione di Itabus, infatti, ai servizi ferroviari si aggiungono quelli su gomma e quelli intermodali, treno + gomma con un biglietto unico; senza tralasciare le interconnessioni con i regionali di Trenitalia. Per queste ultime, in particolare, la novità dell'anno «è la possibilità per i passeggeri di acquistare direttamente i due biglietti Italo e regionale Trenitalia nelle biglietterie automatiche presenti nelle stazioni, mentre finora era possibile solo dal sito e dunque da pc. Arriveremo così anche in 200 nuove stazioni dove l'Alta Velocità non era un'opzione, consentendo ai clienti una comparazione diretta di costi e tempi di percorrenza. Inoltre, per fine 2024, questo servizio sarà disponibile anche sui sistemi delle agenzie di viaggio».\r\n\r\nBusiness travel\r\n\r\n\r\nAttenzione sempre maggiore viene riservata al mondo business e corporate, per il quale la società con il supporto della agenzie ha studiato appositi piani di triangolazioni (soluzione che coinvolge in particolar modo le Pmi, sono circa 900 quelle già nel circuito Italo). «Il nuovo programma fedeltà Italo Più prevede in particolare per il mondo bt la possibilità per tutti i dipendenti delle aziende già iscritte la possibilità di beneficiare già dello status di cui gode l'azienda già tutti i vantaggi dell’azienda. Diventa inoltre più semplice e veloce accumulare punti e dunque ottenere viaggi premio».\r\n\r\nSul fronte servizi spicca il rinnovo delle lounge: «Roma è stata la prima ad essere rinnovata, lunedì prossimo (24 giugno, ndr) chiuderà quella di Milano per poi riaprire a fine luglio con nuovo look, più servizi e qualità. A seguire le altre, con una grande novità che sarà l'apertura di una nuova lounge a Bologna, hub importantissimo non solo per Italo ma per tutto il sistema trasporti».\r\n\r\nLa nuova concorrenza\r\n\r\nQuanto al futuro debutto di Sncf sui collegamenti AV in Italia, «ad oggi è ancora prematuro fare previsioni. Per certo il mercato dell'Alta Velocità in Italia oggi è gestito da due parti in maniera intelligente, con qualità e servizi molto elevati. Il cliente beneficia di una sana competizione che ha portato a prezzi più bassi e maggiori e livelli di servizio. In futuro vedremo».\r\n\r\n \r\n\r\n\r\n ","post_title":"Italo presenta il Summer Dream: focus su intermodalità, bt e Top Agency","post_date":"2024-06-20T11:06:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718881608000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469810","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air France aggiunge una nuova destinazione nell'Africa orientale al network di lungo raggio 2024-25: il prossimo 18 novembre decollerà la rotta da Parigi-Charles de Gaulle al Kilimanjaro (Tanzania), come estensione di Zanzibar. La tratta sarà operata con tre frequenze alla settimana – lunedì, mercoledì e sabato – utilizzando aeromobili Airbus A350-900, configurati con 34 posti in Business, 24 in Premium Economy e 266 in Economy.\r\n\r\nLa rotta Parigi-Zanzibar-Kilimanjaro sostituirà la precedente Parig-Zanzibar-Dar Es Salam, operata fino ad ora. Dar Es Salam rimarrà comunque accessibile via Amsterdam, con Klm che opererà voli per la capitale della Tanzania sei volte a settimana. Le altre destinazioni di Klm in Tanzania includono Kilimanjaro (4 voli a settimana) e Zanzibar (2 voli a settimana). Coordinando gli orari dei voli delle due compagnie aeree, Air France e Klm offriranno ai passeggeri una scelta più ampia di giorni e orari.","post_title":"Air France: al via dal 18 novembre la rotta da Parigi al Kilimanjaro, via Zanzibar","post_date":"2024-06-20T09:47:51+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718876871000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469799","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un vero e proprio vademecum su misura per tour operator e agenzie di viaggio: la sales guide 2024-25 della Regione internazionale del Lago di Costanza - compresa tra Germania, Svizzera, Austria e Principato del Liechtenstein - raccoglie infatti informazioni utili, spunti e curiosità che possono aiutare il trade nel programmare gli itinerari nella regione. La guida è alla sua quinta edizione, disponibile in inglese e tedesco.\r\n\r\nA livello pratico, la sales guide riporta ad esempio gli orari di apertura e il tempo medio necessario alla visita delle principali attrazioni, le distanze tra le diverse località della regione, i trasporti e i collegamenti con i mezzi pubblici, le date degli eventi, l’offerta e i prezzi delle visite guidate di gruppo e i contatti di riferimento dei diversi uffici del turismo e delle attrazioni – per una destinazione internazionale che si presta ad essere visitata in tutti i periodi dell’anno.\r\n\r\nIl lago di Costanza unisce culture e popoli diversi, accomunati dalle sponde del lago e dalla lingua tedesca. In questo angolo multiculturale d’Europa si scoprono paesaggi idilliaci e una natura incantevole – ma anche città vivaci, castelli e musei all’avanguardia e una enogastronomia autentica e variegata. La guida conduce attraverso le meraviglie e gli highlight della regione, suggerendo anche itinerari pensati secondo le inclinazioni dei partecipanti al viaggio – per proposte, per esempio, più incentrate sulla cultura, sulle vacanze attive o sulle scoperte legate al cibo, al vino e alla birra. Gli itinerari sono spunti per viaggi da effettuarsi nelle diverse stagioni dell’anno, a seconda delle attrazioni della regione o degli eventi ricorrenti, come i mercatini di Natale.","post_title":"Lago di Costanza: ecco la sales guide 2024-25 dedicata al trade","post_date":"2024-06-19T14:53:05+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1718808785000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469757","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Stagione estiva. Oltre 4.000, tra concerti, festival, conferenze e manifestazioni sportive, calamiteranno più di 28 milioni di visitatori, sia nazionali che internazionali, nel periodo giugno-settembre 2024.\r\n\r\nTradizioni, radici e identità: sono soprattutto i borghi e le mete meno note, ma al contempo più autentiche e genuine, a giocare un ruolo fondamentale. Sagre e feste di paese, infatti, possono far segnare un incremento del +63,8% nell’affluenza rispetto al 2023. In generale, sono 20 mila le sagre realizzate ogni anno in Italia, per le quali si contano 48 milioni di visitatori, perlopiù giovani (31%) e famiglie (45%).\r\n\r\nI due principali catalizzatori sono i circa 290 eventi sportivi, che coinvolgeranno oltre 17 milioni di presenze, e i 2.000 spettacoli musicali, ai quali prenderanno parte oltre 5 milioni di persone. Inoltre, 3,5 milioni di spettatori parteciperanno ai concerti classificati a medio impatto e quasi un milione a quelli di alto impatto.\r\nFestival e esposizioni\r\nSignificativi anche gli 800 festival e le 100 esposizioni, capaci di attirare, rispettivamente, 3,7 e 1,7 milioni di partecipanti.\r\n\r\nSecondo le stime Enit su elaborazioni Data Appeal, Istat e Bankitalia, saranno circa 1,6 milioni i passeggeri aeroportuali attesi in Italia da giugno a settembre, di cui l’82,7% dall’estero e il 17,3% di origine nazionale, con la componente italiana in aumento del +4% sullo stesso periodo del 2023.\r\n\r\nTra i primi 20 Paesi di provenienza analizzati, quasi il 30% della clientela aeroportuale è di origine europea. Gli Stati Uniti – mercato alto spendente –, con oltre 285 mila passeggeri attesi (il 18,3% del totale), sono il principale mercato in entrata, seguiti da Francia e Germania, e poi da Spagna e Regno Unito.\r\n\r\nMediamente, si prenota il volo 120 giorni prima della partenza, per una permanenza di almeno 12 notti.","post_title":"Stagione estiva: in Italia 4 mila eventi che attireranno 28 milioni spettatori","post_date":"2024-06-19T11:29:31+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1718796571000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469740","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Con il prossimo decollo del collegamento diretto a Chengdu, fissato per il 29 luglio, Air China raddoppia il proprio network da Milano rispetto ai livelli 2019.\r\n\r\nNel periodo pre-Covid, la compagnia operava infatti due rotte per la città, volando da Beijing Capital e Shanghai Pudong; dopo aver sospeso le operazioni nel febbraio 2020, i voli da Pechino sono ripresi nell'ottobre 2021, seguiti dal lancio di una nuova rotta da Wenzhou nel novembre 2022, mentre Shanghai è stata poi ripristinata nel marzo 2023.\r\n\r\nNella summer 2024, una volta avviata la rotta da Chengdu, Air China - in base ai dell'Oag Schedules Analyser evidenziati da Aviation Week - offrirà circa 12.700 posti settimanali nelle due direzioni da e per Milano rispetto agli 8.700 dello stesso periodo nel 2019. La Chengdu-Milano diventerà il 32° collegamento europeo senza scalo della compagnia aerea.\r\n\r\nIn pratica, Germania, Regno Unito e Italia sono i tre principali mercati del vettore cinese in Europa, seguiti da Spagna e Francia. Complessivamente, Air China offrirà circa 115.000 posti settimanali sulle rotte europee entro la fine di luglio, pari ad una crescita del 62% su base annua e del 17% rispetto ai livelli del 2019.\r\n\r\nPer Malpensa la nuova rotta diventerà anche l'ottavo collegamento verso la Cina continentale: oltre ai tre servizi esistenti di Air China, Hainan Airlines vola a Milano da Chongqing e Shenzhen, Juneyao Airlines offre una rotta da Zhengzhou mentre Neos collega Malpensa a Nanchino.\r\n\r\n ","post_title":"Air China: capacità posti raddoppiata su Milano Malpensa rispetto al 2019","post_date":"2024-06-19T10:38:29+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718793509000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469591","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«B&B Hotels nasce nel 1990 in Francia da un’intuizione di François Brannelec. - racconta Simone Ravera, coo B&BHotels Italia, Slovenia e Ungheria, ripercorrendo la storia del gruppo - Brannelec viaggiava molto per lavoro e riteneva eccessivi i prezzi degli hotel. Ha deciso quindi di offrire al cliente un letto e una buona colazione a un costo veramente competitivo.\r\nL’idea ha funzionato molto bene e ha portato a un forte sviluppo in Francia (dove oggi siamo presenti con più di 400 hotel), in Germania (dove già superiamo quota 200) e in Spagna (dove siamo vicini ai 50). Il business-model è arrivato con successo in Italia 15 anni fa, grazie a Jean Claude Ghiotti, oggi presidente onorario di B&B Hotels Italia. Il mercato ci premia: trova un prodotto superiore alle attese a un prezzo concorrenziale e questo ci permette di performare molto». B&B Hotels continua a crescere seguendo il payoff: “Only for Everyone”. \r\n\r\nPrimi hotel\r\n«Abbiamo aperto i nostri primi hotel in UK e in USA, ci stiamo espandendo in Slovenia e Ungheria. In Italia intendiamo raggiungere i 100 hotels entro il 2025 e 150 entro il 2030, l’anno scorso ne abbiamo aperti 8, quest’anno ne apriremo 14». Interessante la ricerca delle location dove aprire nuovi B&B Hotels: «Viene fatta attraverso un sistema di location intelligence: analizziamo e osserviamo il territorio, controlliamo il potenziale commerciale delle strutture e siamo versatili. - prosegue Ravera - Abbiamo trasformato in hotel luoghi come supermercati, uffici e tanti immobili trascurati. Questo take-over di strutture già esistenti è importante in particolare per il mercato italiano, perché ci sono poche possibilità di costruire e tanti alberghi. Interveniamo laddove l’imprenditore è in difficoltà o c’è un passaggio generazionale».\r\n Numerose le aree di crescita sulla penisola, «ci sono delle primary city che rimangono degli evergreen - Milano, Roma, Firenze, Torino … - ma ho visto recentemente una location a Matera, apriremo presto il nostro primo hotel a Sassari, in Sardegna e guardiamo con molta attenzione il sud Italia con Napoli, Bari. Quest’anno apriremo anche 414 camere a Tronchetto-Venezia, dove siamo riusciti ad avere uno degli ultimi due posti edificabili. L’elevato numero di camere rientra nella nostra logica “no limits” e 400 camere a Venezia vanno benissimo! - conclude il direttore operativo Ravera - Stiamo anche spingendo sul fronte leisure, che per l’azienda è una cosa nuova e in Italia siamo stati un po’ pionieri proprio grazie alla tipica flessibilità e creatività italiane. Bisogna pensare al leisure se si vogliono raggiungere i 150 hotels. \r\n\"Quindi abbiamo alcune realtà nate come esperimenti e oggi consolidate come Cortina, Sottomarina di Chioggia, il grande successo di Santa Margherita Ligure e poi Diano Marina, Savona, Ischia… Abbiamo anche deciso di aggiungere alla nostra offerta la ristorazione creando un dipartimento f&b con una persona incaricata. Oggi sono attivi 8 ristoranti. Non ci poniamo limiti perché il nostro cliente ci segue e ci riconosce, sia nel leisure che nel business. Lo sappiamo perché facciamo molte ricerche in questa direzione: per noi il crm, la gestione della relazione con clienti, è fondamentale». Quello di B&B Hotels è quindi un modello in crescita nel mondo, che ha l’obiettivo di raggiungere un portfolio di 1500 hotels.\r\n","post_title":"B&B Hotels: storia e progetti di crescita per un turismo accessibile a tutti","post_date":"2024-06-17T12:06:18+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718625978000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469552","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gli Europei di calcio 2024 sono entrati nel vivo e la Germania del turismo vede aumentare le ricadute positive della kermesse sportiva. A cominciare dalla crescita dei flussi incoming.\r\n\r\n«Il Campionato europeo di calcio maschile in Germania è un evento il cui significato va ben oltre il torneo sportivo - evidenzia Petra Hedorfer, presidente del Consiglio esecutivo dell'Ente Nazionale Germanico per il Turismo in Italia -. Nel contesto di Euro 2024, stiamo promuovendo in tutto il mondo un soggiorno più lungo per gli ospiti internazionali che va oltre l'assistere a una partita di calcio. Un recente sondaggio esclusivo dell’Ente Germanico per il Turismo Real Time in tre importanti mercati di provenienza quali Gran Bretagna, Francia e Spagna, conferma il nostro approccio strategico: il 92% degli intervistati che arriveranno in Germania per gli Europei non vogliono solo assistere alla partita, ma anche rimanere nel Paese più a lungo. Il 38% prevede di trascorrere fino a tre notti nelle città ospitanti, il 14% vuole utilizzare tre giorni per esplorare le città ospitanti e i loro dintorni e il 40% intende addirittura trascorrere almeno quattro notti in Germania. Oltre agli effetti economici, l'Euro 2024 offre grandi opportunità per presentare la Germania come un Paese ospitale e cosmopolita e quindi rilanciare ancora una volta l'immagine della Germania come destinazione di viaggio».\r\n\r\nL'industria alberghiera e della ristorazione di tutto il Paese può trarre vantaggio da questo grande evento. Oltre alle dieci città ospitanti con i loro grandi stadi e le migliaia di tifosi, vale anche per gli alloggi base delle 24 squadre, che i giocatori e le loro squadre di supporto hanno prenotato anche nelle regioni rurali durante il campionato. Inoltre, il programma artistico e culturale di EURO 2024 prevede più di 300 eventi in 45 località della Germania. ","post_title":"La Germania degli Europei di calcio: balzo in avanti dei flussi incoming","post_date":"2024-06-17T10:09:26+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1718618966000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469508","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_394304\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Enrica Montanucci[/caption]\r\n\r\nA seguito della decisione dell’Antitrust che ha respinto le accuse fatte a Ryanair di abuso di posizione dominante, Maavi, l’associazione di categoria degli agenti di viaggio, interviene duramente sul tema.\r\n\r\n“È assurdo – dichiara Enrica Montanucci, presidente nazionale del movimento autonomo agenzie di viaggio italiane – che solo in Italia le Istituzioni non siano in grado di prendere una posizione ferma e chiara contro chi pensa di venire nel nostro Paese ed imporre la sua linea. “La Spagna – continua la Montanucci – ha avuto il coraggio di sanzionare alcune compagnie aeree con 150 milioni di euro per le vendite del bagaglio a mano. In Germania vengono dettate regole chiare per chi vuole operare sul territorio tedesco. In Francia si impongono metodi ed etica. Mentre in Italia? Nulla. E quando si apre una causa per richiedere il giusto ripristino delle condizioni concorrenziali del mercato della biglietteria aerea, compreso l’acquisto di pacchetti turistici, questa procedura viene rapidamente definita ‘senza i presupposti’.\r\n\r\n“Da tempo Maavi – conclude la Presidente – sta cercando soluzioni per riequilibrare il mercato tra i vari attori in campo, dando voce e spazio in questo agli agenti di viaggio, spesso non considerati. Da oltre un anno ci stiamo interfacciando con il Parlamento Europeo grazie all’operato encomiabile dell’europarlamentare Lucia Vuolo, che, in qualità anche di Membro della Commissione per i trasporti e il turismo, si è data disponibile a seguire questa tematica per arrivare a una vera tutela del trade. L’onorevole Vuolo ha anche partecipato alla nostra Convention Nazionale, intervenendo nella giornata clou di sabato 1 giugno e trattando con noi proprio di queste battaglie. A nome mio e dell’Associazione di Categoria che presiedo, ringrazio chi come lei si è battuta e si batterà con coraggio per le categorie professionali del turismo organizzato e che, purtroppo è una ‘perla rara’ nel panorama politico-istituzionale italiano”.","post_title":"Antitrust dà ragione a Ryanair. La reazione di Maavi: \"è assurdo\"","post_date":"2024-06-14T12:05:03+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1718366703000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti