27 September 2021

Alitalia e l’ipotesi di partnership con Lufthansa

[ 0 ]

Settimana decisiva (l’ennesima?) per il dossier Alitalia che approda sul tavolo del nuovo ministro dello Sviluppo, Giancarlo Giorgetti, mentre in parallelo la discussione con l’Europa entra nel vivo. La newco Ita sta infatti portando a termine le risposte da presentare all’Ue che dimostreranno la richiesta ‘discontinuità’ con la vecchia compagnia, dal network alla strategia di sviluppo, al piano economico finanziario.

Vero e proprio elemento di discontinuità potrebbe essere quello rappresentato da un’apertura a Lufthansa che, come segnalato dal Messaggero, è da sempre nelle corde della Lega: “Il governo di Mario Draghi potrebbe accelerare” su questo cambio di prospettiva, che sarebbe una delle “carte da giocare sul tavolo della trattativa negoziale con Bruxelles”. Una partnership industriale, così come prevista anche dal piano dell’ad Fabio Lazzerini, sarebbe vista con favore dell’Antitrust Ue. “Anche perché  Ita aprirebbe ai nuovi soci sia il settore handling sia la manutenzione, “venendo così incontro ai desiderata Ue”.

Al momento resta però anche l’emergenza sul pagamento degli stipendi di febbraio per i dipendenti Alitalia, così come resta ancora al palo l’autorizzazione da parte di Bruxelles al pagamento dell’ultima parte dei 350 milioni stanziati dal decreto Ristori, che nei giorni scorsi non era dato per scontato. L’Ue si è già espressa negativamente sull’ipotesi di un nuovo prestito statale (dopo gli 1,3 miliardi degli ultimi 3 anni e mezzo) per accompagnare il passaggio alla newco Ita.

L’unica strada resta quindi quella di riaprire il vecchio bando e far partecipare Ita all’asta, per ottenere gli asset aziendali di Alitalia a prezzi di mercato e in maniera trasparente.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti