4 December 2022

Addio a Gianluca Andolfi

[ 0 ]

Gianluca Andolfi ci ha lasciati. Una notizia che mai avremmo voluto dare. Un fulmine a ciel sereno. Quel cielo che per tanti anni è stato la sua seconda casa e che ora lo sarà per sempre.
 
Communication manager East Mediterranean (Italia, Grecia, Cipro, Turchia, Israele, Albania e Malta) di Air France-Klm, per anni il volto e la certezza di un contatto costante e disponibile in ogni momento, sul quale poter fare affidamento.
 
Il sorriso e la gentilezza, la professionalità e la concretezza. Una risposta per tutti, sempre, precisa e puntuale. Quasi superfluo elencare aggettivi per descrivere la bella persona e il professionista preparato che sei stato, perché palesi a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di incontrarti lungo il loro cammino e collaborare con te. 
 
Happy landing, Gianluca.
 
Alla famiglia e ai colleghi di Gianluca le più sentite condoglianze dalla redazione di Travel Quotidiano.



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434910 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_412939" align="alignleft" width="300"] Dina Giulia Ravera, presidente e ceo di Destination Italia.[/caption] Destination Italia e Portale Sardegna, entrambe quotate su Euronext Growth Milan, hanno sottoscritto un accordo vincolante finalizzato alla fusione per incorporazione di Portale Sardegna in Destination Italia. L'operazione ha l’obiettivo di creare un gruppo leader nel settore incoming Italia, capace di competere nei mercati internazionali B2B e B2C in diversi segmenti, tra i quali il luxury di alta qualità, attraverso la creazione di economie di scala e la valorizzazione degli asset societari e del know-how tecnologico presenti nelle due realtà. Destination Italia e Portale Sardegna condividono la medesima visione: aggregare due realtà aziendali importanti per l’Italia, ed avviare il percorso di fusione che porterà il Gruppo a diventare un market maker internazionale, in grado di competere sul palcoscenico globale del Travel Tech con i big player in termini discala, tecnologia, portfolio clienti B2B e B2C e focus sul segmento del Luxury Travel, con un bouquet di esperienze turistiche unico in Italia. In termini di mercato, la complementarità tra le due aziende si concretizza nelle grandi opportunità di cross- selling: Destination Italia conta su oltre 1.000 clienti (Tour Operatori internazionali), viaggiatori da oltre 100 paesi ed un network di 10.000 fornitori di servizi turistici locali; Portale Sardegna porta in dote oltre 2,98 milioni di utenti unici annuali ed il network dei Local Expert. La forza del nuovo gruppo consisterà nella capacità di intercettare flussi maggiori di turisti stranieri, aumentare la frequenza di acquisto del “prodotto turistico Italia”, destagionalizzare la domanda, valorizzare tutto il territorio italiano e non solo le destinazioni top e, soprattutto, innalzare il valore medio dei viaggi con la proposizione di esperienze esclusive, tailor- made. Dina Ravera, azionista di riferimento di Destination Italia: “Il Turismo in Italia rappresenta il 13% del PIL (oltre 200 miliardi di euro nel 2019, dato pre-pandemia,) ed ha un potenziale inespresso di circa 100 miliardi di euro annui, in particolare nel segmento luxury che vale circa 2.000 miliardi di euro a livello mondiale, di cui l’Italia intercetta circa l’1,5%. Dati che fanno comprendere quanto sia grande il potenziale del nostro Paese anche alla luce del fatto che, nell’immaginario collettivo, l’Italia è la meta preferita per i turisti di gamma alta e gode di un primato indiscusso per la bellezza dei paesaggi, la storia e l’arte, l’enogastronomia, il design e tutto il Made in Italy. Occorre però valorizzare tutti i territori del nostro Paese, soprattutto quelli ancora poco conosciuti dal turismo luxury: basti pensare, ad esempio, alle splendide Terre Borromee, un mosaico elegante ed esclusivo di isole e laghi, o agli scenari selvaggi tra montagna e mare negli angoli più suggestivi del cuore della Sardegna. [caption id="attachment_378624" align="alignleft" width="300"] Massimiliano Cossu amministratore delegato di Portale Sardegna[/caption] Per far crescere l’export turistico dell’Italia nel mondo, tuttavia, occorre far crescere la competitività delle imprese che gestiscono l’inbound: oggi spicca l’assenza di player in grado di incidere sui flussi turistici globali. Destination Italia, con questa operazione straordinaria, procede lungo il percorso di creazione di un player mondiale nel segmento luxury, radicato in Italia, a vantaggio dell’economia territoriale italiana e a supporto delle PMI. Tutto questo si sposa con la missione di valorizzazione dell’economia del territorio di Intesa San Paolo, che ha dato origine a Destination Italia stessa”. Anche il portfolio tecnologico delle due società è fortemente sinergico. Da parte di Destination Italia, la capacità di automazione delle prenotazioni (machine learning), il canale distributivo machine-to-machine (xml) e le forti competenze in business intelligence consentono di intermediare e gestire prenotazionimassive da parte dei Tour Operator internazionali, insieme alle decine di migliaia di servizi turistici sul territorio italiano; da parte di Portale Sardegna, le tecnologie e competenze prima menzionate vanno a complementare il patrimonio tecnologico del gruppo.«Ritengo che l’operazione di fusione in Destination Italia sia una grande opportunità per la nostra società: per raggiungere grandi obiettivi occorre una massa critica sempre più importante e Top Manager capaci e lungimiranti in grado di puntare ad ambiziosi traguardi - ha commentato Massimiliano Cossu amministratore delegato di Portale Sardegna -. Il matrimonio tra Destination Italia e Portale Sardegna è un passo quasi naturale per due società vocate all’incoming che si completano a vicenda in un modo sorprendente, per gli asset in dotazione a ciascuna delle due realtà. Siamo pronti ad affrontare questa sfida con entusiasmo e determinazione: un altro passo importante della nostra storia ventennale che ci premia per quanto fatto finora e, soprattutto, ci consente di realizzare le nostre ambizioni mettendo a reddito gli importanti investimenti fatti negli anni passati. I risultati raggiunti in termini di ampliamento dell’offerta di nuovi segmenti di prodotto e scalabilità anche in ambito internazionale potranno essere valorizzati dalla forza della nuova realtà che stiamo realizzando». Le parti sono assistite nell’operazione dall’advisor Terzi & Partners, dagli studi legali Alma Società tra Avvocati S.r.l., lo Studio legale Grimaldi e da Integrae SIM in qualità di Euronext Growth Advisor di entrambe le società. [post_title] => Destination Italia incorpora per fusione Portale Sardegna [post_date] => 2022-11-28T10:39:21+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669631961000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434671 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non solo vacanze in tutti gli angoli del mondo, ma anche un viaggio indietro nel tempo, alla scoperta del passato dell’aviazione civile: è l’ultima proposta di Lab Travel Group, operatore leader nel settore della distribuzione turistica, che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale. Lab Travel Group ha scelto di aderire al Museo del turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine. Il Museo del turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi. La nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost. Il risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi. Tra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi. Paolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”. [post_title] => Lab Travel Group apre una sala nel Museo del turismo [post_date] => 2022-11-24T10:05:21+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669284321000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434467 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La F.A. Srl ha ottenuto la concessione per la totale gestione dell'aeroporto di Forlì per la durata di 30 anni. “L’affidamento in concessione trentennale della gestione totale dell’Aeroporto “Luigi Ridolfi” a F.A. S.r.l. - commenta Giuseppe Silvestrini, presidente F.A. Srl (nella foto) - dimostra la validità dell’impegno sino ad ora profuso da parte della Società di gestione aeroportuale a favore di una infrastruttura strategica e fondamentale per il consolidamento della ripresa dell’economia del territorio dopo alcune stagioni di oggettiva difficoltà. “In un momento storico unico, in cui le variabili esogene continuano ad avere un impatto quotidiano sulle attività produttive e sulle infrastrutture del nostro Paese, questo nuovo decreto Interministeriale è motivo di grande soddisfazione. Continueremo a difendere gli interessi di un territorio forte e caparbio che ha sempre dimostrato la propria voglia di crescere e di affermarsi sia in Italia che all’estero". [post_title] => Aeroporto Forlì: F.A. Srl ottiene la concessione per la gestione per un periodo di 30 anni [post_date] => 2022-11-21T10:52:51+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669027971000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434267 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Saudia aprirà il prossimo 7 dicembre la nuova rotta da Neom a Londra Heathrow, che diverrà così la seconda destinazione internazionale - dopo Dubai - collegata alla megalopoli dell'Arabia Saudita, progetto da 500 miliardi di dollari, nel nord-ovest del Paese. Londra sarà servita con un volo diretto alla settimana, operato da Boeing 787-9. La rotta, lunga 3.956 km, prevede un tempo di volo in direzione ovest di circa 5 ore e 40 minuti. Il collegamento da Neom a Dubai è stato inaugurato la scorsa estate e attualmente i voli  sono effettuati una volta alla settimana con Airbus A320. Saudia è oggi l'unico vettore a offrire un servizio commerciale da Neom Bay, avendo lanciato per la prima volta i voli nazionali dall'aeroporto nell'ottobre 2019. I piani per la costruzione di Neom rientra nel più ampio progetto della Saudi Vision 2030, un piano per ridurre la dipendenza dal petrolio e diversificare l'economia del Paese. Oltre al nuovo servizio per Londra Heathrow, la scorsa settimana Saudia ha confermato l'intenzione di riprendere i voli per Parigi Charles de Gaulle da AlUla, con voli bisettimanali, dal 4 dicembre al 12 marzo 2023. [post_title] => Saudia: Londra è la seconda destinazione internazionale collegata a Neom [post_date] => 2022-11-17T09:40:19+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668678019000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434119 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Grande espansione per l'Hamad International Airport di Doha. "Il nostro piano di crescita ci vedrà accogliere oltre 58 milioni di passeggeri all'anno, offrendo ai viaggiatori globali i migliori servizi del settore - afferma il direttore operativo, Badr Mohammed Al Meer - Grazie a questa espansione, abbiamo migliorato le nostre strutture e le nostre offerte, creando una vera destinazione per i passeggeri". Le ambizioni e la visione futuristica dello scalo sono testimoniate dal nuovo Orchard, un giardino tropicale, che comprende oltre 300 alberi e più di 25.000 piante provenienti da foreste di tutto il mondo. L'offerta retail è stata potenziata e comprende una selezione di boutique di lusso, tra cui la prima boutique Dior dell'Hia, l'unico negozio Fifa al mondo, l'unico negozio Thom Brown in un aeroporto, il più grande negozio di Ray Ban in un aeroporto. E' stato inoltre aperto anche il secondo hotel, all'interno della transfer area, l'Oryx Garden Hotel: situata nella plaza nord, la struttura di 100 camere fa perno sulla sostenibilità, con camere che vanno da king a twin, oltre a suite strategicamente posizionate a pochi passi dai gate d'imbarco. "Lo scalo è veramente cresciuto fino a diventare il massimo esempio di struttura globale sostenibile e di successo - commenta Akbar Al Baker, ceo del Gruppo Qatar Airways -. L'Hamad International Airport continua a stupire per la pianificazione, l'esecuzione e gli investimenti innovativi, migliorando la sua posizione di hub preferito dai viaggiatori globali e rafforzando il suo posizionamento tra i leader del settore. L'apertura del nostro nuovo terminal ampliato collega ulteriormente il crescente numero di viaggiatori a tutti gli angoli del mondo, arricchendo le esperienze delle persone". [post_title] => L'espansione dell'aeroporto Hamad di Doha: obiettivo 58 milioni di passeggeri all'anno [post_date] => 2022-11-15T10:25:33+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668507933000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434113 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Parte oggi a Genova e prosegue fino al prossimo 17 novembre, nell'ambito del salone Orientamenti 2022, il Career day organizzato dalla regione Liguria a cui partecipa anche Msc Crociere. La compagnia, che contra già oltre 25 mila dipendenti, è pronta infatti ad assumere oltre 750 persone in Italia nei prossimi mesi.  A breve entreranno infatti in servizio le due ultime navi del gruppo, la World Europa e la Seascape, facendo così salire a 21 il numero delle unità in flotta, seguite nel 2023 da un’ulteriore nave (l'Euribia). La World Europa, in particolare, è stata battezzata il 13 novembre a Doha in Qatar, ma verrà posizionata stabilmente in Italia a partire da aprile 2023. La Seascape, invece, verrà consegnata il 16 novembre a Monfalcone e, dopo il battesimo a New York il 7 dicembre, trascorrerà la sua prima stagione ai Caraibi con partenza da Miami. Quella di Genova sarà la prima di numerose tappe, in Italia e all’estero, del programma internazionale di talent acquisition di Msc Crociere, che prevede incontri di recruiting in 48 paesi del mondo alla ricerca dei migliori talenti a livello globale. La ricerca copre l’intero spettro delle figure professionali operanti a bordo: ufficiali di coperta e di macchina, medici e commissari, personale addetto all’intrattenimento e alle relazioni con gli ospiti, commessi per negozi e boutique, animatori e addetti alle escursioni, tecnici audio-video, personale per il centro benessere, receptionist, cuochi, barman e camerieri, fotografi e personale per lo Yacht Club, l’esclusiva area di lusso che offre servizi e ospitalità a 5 stelle. Nella giornata di recruiting genovese si terranno colloqui di selezione e la possibilità di conoscere meglio l’azienda, la vita di bordo e i numerosi percorsi di carriera possibili all'interno della compagnia crocieristica. Il candidato ideale dev’essere in possesso del diploma superiore, conoscere l’inglese a un buon livello ed essere maggiorenne. L’esperienza nella posizione per cui si sceglie di candidarsi sarà considerata positivamente. Per informazioni: https://www.orientamenti.regione.liguria.it/careerday/; https://www.careers.msccruises.com/. È possibile presentarsi anche direttamente a Genova (Magazzini del Cotone, Porto Antico) presso il Salone orientamenti 2022 muniti di curriculum e di entusiasmo.   [post_title] => Msc a caccia di oltre 750 profili in Italia. Da oggi a Genova il primo Career day [post_date] => 2022-11-15T10:05:25+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668506725000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434027 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "E' innegabile come il turismo non sia solo un importante strumento di sviluppo economico, ma l'abbondanza di opportunità che il settore crea in termini di occupazione regolare e anche di creazione di nuovi posti di lavoro". Questo il messaggio lanciato dal Ministro del Turismo delle Filippine, Esperanza Christina Garcia Frasco, a Roma, durante l'incontro con stampa e operatori, riportando le parole del presidente, Ferdinand Marcos Jr, per rilanciare le strategie post pandemia del paese.   "Ci aspettiamo che i flussi da Italia ed Europa verso le Filippine aumenteranno ulteriormente durante la stagione invernale, grazie alla nostra ricca offerta: dalle bellissime isole tropicali, alla cultura e storia oltre che all'ospitalità del nostro popolo".   Il Paese, che punta a tornare protagonista dello scenario turistico internazionale, dalla fine di febbraio 2022 ha accolto circa 2 milioni di turisti stranieri. Nel dettaglio, le previsioni per i flussi dall'Italia mirano per fine 2022 a circa 10.000 visitatori, il 25% rispetto al dato pre-crisi del 2019. Numerosi gli impegni in calendario: dal miglioramento delle infrastrutture turistiche e dell'accessibilità, alla creazione di una digitalizzazione e una connettività coesa e completa, alla valorizzazione dell'esperienza turistica complessiva, alla promozione del prodotto turistico. In termini di proposta turistica la strada intrapresa guarda alla diversificazione dell'offerta, ben oltre il balneare e diving - che occupa una grande fetta di mercato -:ampio spazio quindi anche ai target culturale, religioso e ambientale.   Il settore turistico contribuisce per il 12,8% al Pil del Paese (dato pre-pandemia) mentre sono 5,7 milioni le persone occupate nel comparto, di cui oltre 70% in trasporti, strutture ricettive, ristoranti. Dallo scorso 1° giugno, inoltre, non è più richiesto il green pass per l'ingresso nel Paese. Fondamentale a questo punto il ritorno alla quasi 'normalità' dei collegamenti aerei, che vedono in prima linea Qatar Airways, Cathay Pacific, Emirates oltre ai vettori regionali, che operano all'interno del paese facilitando lo spostamento dei turisti.   [post_title] => Le Filippine investono sulla ripresa dei flussi da Italia ed Europa [post_date] => 2022-11-14T10:20:07+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668421207000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433740 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sébastien Samoye è il nuovo vicepresidente real estate di Belmond: vanta oltre vent’anni di esperienza a livello internazionale nei settori della gestione patrimoniale, finanziaria e immobiliare. E ciò grazie all'attività del suo studio, Creo Advisory, ma anche precedentemente presso importanti aziende proprietarie di hotel quali Schroders Real Estate Hotels, Starwood Hotels & Resorts Worldwide e Marriott International. Nella sua carriera, Samoye ha lavorato in Europa, Africa e Medio Oriente, occupandosi della supervisione di un ampio portafoglio di strutture alberghiere. Samoye ha iniziato la propria carriera in Ernst & Young nel 1998 dopo un master in economia alle facultés universitaires Catholiques di Mons in Belgio, per poi entrare attivamente nel settore dell’ospitalità dal 2006. “Sono felice di far parte di Belmond, un’azienda visionaria e all’avanguardia, leader nel settore dei viaggi di lusso - ha commentato lo stesso Samoye -. Questo è un periodo di grande fermento per il brand e sono impaziente di lavorare con il team per continuare gli sforzi nel dar forma alla migliore collezione di viaggi, attraverso la sua strategia di acquisizioni e contribuendo a creare le leggende del futuro". [post_title] => Sébastien Samoye nuovo vicepresidente real estate di Belmond [post_date] => 2022-11-09T09:30:47+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1667986247000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433648 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' nata The Tokyo Pass - Culture, una carta dei musei ideata per i turisti stranieri: acquistabile tramite app dedicata, tramite un codice QR consente l’accesso a 39 tra musei, giardini, zoo, acquari e altre strutture di interesse culturale, pubbliche e private, prenotando la fascia oraria preferita. Le tariffe disponibili sono 2, 3 e 5 giorni di validità.  Il pass è stato ideato dalla Tokyo Metropolitan Foundation for History and Culture, Tanseisha e Jtb Corporation, congiuntamente al Tokyo Convention & Visitors Bureau, per rendere ancora più facilmente fruibile il ricco patrimonio artistico e culturale della città. Sempre tramite l’app si può acquistare anche il Tokyo Subway Ticket che, mostrato al personale di Tokyo Metro, consente di ottenere un biglietto per accedere alla rete metropolitana in un periodo di 24, 48 o 72 ore ed esplorare liberamente la città. Nuovi sono anche due brand video di Tokyo che offrono ulteriori spunti sull'offerta turistica oltre il centro città. Il primo, Culture, unisce live action e animazione con un’accattivante colonna sonora up-tempo,  e mostra angoli unici di Tokyo che vanno dalla cultura storica, come mangiare nelle case tradizionali giapponesi, alla cultura moderna, come la Waseda International House of Literature, meglio conosciuta come Haruki Murakami Library. Nature invece, presenta scorci di verde tra gli edifici del centro, insieme alla natura maestosa della zona di Tame e delle isole. [post_title] => Giappone: debutta la carta dei musei, Tokyo Pass - Culture, per i turisti stranieri [post_date] => 2022-11-08T09:06:37+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1667898397000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "addio a gianluca andolfi" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":24,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":270,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434910","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_412939\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Dina Giulia Ravera, presidente e ceo di Destination Italia.[/caption]\r\n\r\nDestination Italia e Portale Sardegna, entrambe quotate su Euronext Growth Milan, hanno sottoscritto un accordo vincolante finalizzato alla fusione per incorporazione di Portale Sardegna in Destination Italia.\r\n\r\nL'operazione ha l’obiettivo di creare un gruppo leader nel settore incoming Italia, capace di competere nei mercati internazionali B2B e B2C in diversi segmenti, tra i quali il luxury di alta qualità, attraverso la creazione di economie di scala e la valorizzazione degli asset societari e del know-how tecnologico presenti nelle due realtà.\r\n\r\nDestination Italia e Portale Sardegna condividono la medesima visione: aggregare due realtà aziendali importanti per l’Italia, ed avviare il percorso di fusione che porterà il Gruppo a diventare un market maker internazionale, in grado di competere sul palcoscenico globale del Travel Tech con i big player in termini discala, tecnologia, portfolio clienti B2B e B2C e focus sul segmento del Luxury Travel, con un bouquet di esperienze turistiche unico in Italia.\r\n\r\nIn termini di mercato, la complementarità tra le due aziende si concretizza nelle grandi opportunità di cross- selling: Destination Italia conta su oltre 1.000 clienti (Tour Operatori internazionali), viaggiatori da oltre 100 paesi ed un network di 10.000 fornitori di servizi turistici locali; Portale Sardegna porta in dote oltre 2,98 milioni di utenti unici annuali ed il network dei Local Expert. La forza del nuovo gruppo consisterà nella capacità di intercettare flussi maggiori di turisti stranieri, aumentare la frequenza di acquisto del “prodotto turistico Italia”, destagionalizzare la domanda, valorizzare tutto il territorio italiano e non solo le destinazioni top e, soprattutto, innalzare il valore medio dei viaggi con la proposizione di esperienze esclusive, tailor- made.\r\n\r\nDina Ravera, azionista di riferimento di Destination Italia: “Il Turismo in Italia rappresenta il 13% del PIL (oltre 200 miliardi di euro nel 2019, dato pre-pandemia,) ed ha un potenziale inespresso di circa 100 miliardi di euro annui, in particolare nel segmento luxury che vale circa 2.000 miliardi di euro a livello mondiale, di cui l’Italia intercetta circa l’1,5%. Dati che fanno comprendere quanto sia grande il potenziale del nostro Paese anche alla luce del fatto che, nell’immaginario collettivo, l’Italia è la meta preferita per i turisti di gamma alta e gode di un primato indiscusso per la bellezza dei paesaggi, la storia e l’arte, l’enogastronomia, il design e tutto il Made in Italy. Occorre però valorizzare tutti i territori del nostro Paese, soprattutto quelli ancora poco conosciuti dal turismo luxury: basti pensare, ad esempio, alle splendide Terre Borromee, un mosaico elegante ed esclusivo di isole e laghi, o agli scenari selvaggi tra montagna e mare negli angoli più suggestivi del cuore della Sardegna.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_378624\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Massimiliano Cossu amministratore delegato di Portale Sardegna[/caption]\r\n\r\nPer far crescere l’export turistico dell’Italia nel mondo, tuttavia, occorre far crescere la competitività delle imprese che gestiscono l’inbound: oggi spicca l’assenza di player in grado di incidere sui flussi turistici globali. Destination Italia, con questa operazione straordinaria, procede lungo il percorso di creazione di un player mondiale nel segmento luxury, radicato in Italia, a vantaggio dell’economia territoriale italiana e a supporto delle PMI. Tutto questo si sposa con la missione di valorizzazione dell’economia del territorio di Intesa San Paolo, che ha dato origine a Destination Italia stessa”.\r\n\r\nAnche il portfolio tecnologico delle due società è fortemente sinergico. Da parte di Destination Italia, la capacità di automazione delle prenotazioni (machine learning), il canale distributivo machine-to-machine (xml) e le forti competenze in business intelligence consentono di intermediare e gestire prenotazionimassive da parte dei Tour Operator internazionali, insieme alle decine di migliaia di servizi turistici sul territorio italiano; da parte di Portale Sardegna, le tecnologie e competenze prima menzionate vanno a complementare il patrimonio tecnologico del gruppo.«Ritengo che l’operazione di fusione in Destination Italia sia una grande opportunità per la nostra società: per raggiungere grandi obiettivi occorre una massa critica sempre più importante e Top Manager capaci e lungimiranti in grado di puntare ad ambiziosi traguardi - ha commentato Massimiliano Cossu amministratore delegato di Portale Sardegna -. Il matrimonio tra Destination Italia e Portale Sardegna è un passo quasi naturale per due società vocate all’incoming che si completano a vicenda in un modo sorprendente, per gli asset in dotazione a ciascuna delle due realtà. Siamo pronti ad affrontare questa sfida con entusiasmo e determinazione: un altro passo importante della nostra storia ventennale che ci premia per quanto fatto finora e, soprattutto, ci consente di realizzare le nostre ambizioni mettendo a reddito gli importanti investimenti fatti negli anni passati. I risultati raggiunti in termini di ampliamento dell’offerta di nuovi segmenti di prodotto e scalabilità anche in ambito internazionale potranno essere valorizzati dalla forza della nuova realtà che stiamo realizzando».\r\n\r\nLe parti sono assistite nell’operazione dall’advisor Terzi & Partners, dagli studi legali Alma Società tra Avvocati S.r.l., lo Studio legale Grimaldi e da Integrae SIM in qualità di Euronext Growth Advisor di entrambe le società.","post_title":"Destination Italia incorpora per fusione Portale Sardegna","post_date":"2022-11-28T10:39:21+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669631961000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434671","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non solo vacanze in tutti gli angoli del mondo, ma anche un viaggio indietro nel tempo, alla scoperta del passato dell’aviazione civile: è l’ultima proposta di Lab Travel Group, operatore leader nel settore della distribuzione turistica, che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale.\r\n\r\nLab Travel Group ha scelto di aderire al Museo del turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine.\r\n\r\nIl Museo del turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.\r\n\r\nLa nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost.\r\n\r\nIl risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi.\r\n\r\nTra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi.\r\n\r\nPaolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”.","post_title":"Lab Travel Group apre una sala nel Museo del turismo","post_date":"2022-11-24T10:05:21+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669284321000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434467","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La F.A. Srl ha ottenuto la concessione per la totale gestione dell'aeroporto di Forlì per la durata di 30 anni. “L’affidamento in concessione trentennale della gestione totale dell’Aeroporto “Luigi Ridolfi” a F.A. S.r.l. - commenta Giuseppe Silvestrini, presidente F.A. Srl (nella foto) - dimostra la validità dell’impegno sino ad ora profuso da parte della Società di gestione aeroportuale a favore di una infrastruttura strategica e fondamentale per il consolidamento della ripresa dell’economia del territorio dopo alcune stagioni di oggettiva difficoltà.\r\n\r\n“In un momento storico unico, in cui le variabili esogene continuano ad avere un impatto quotidiano sulle attività produttive e sulle infrastrutture del nostro Paese, questo nuovo decreto Interministeriale è motivo di grande soddisfazione. Continueremo a difendere gli interessi di un territorio forte e caparbio che ha sempre dimostrato la propria voglia di crescere e di affermarsi sia in Italia che all’estero\".","post_title":"Aeroporto Forlì: F.A. Srl ottiene la concessione per la gestione per un periodo di 30 anni","post_date":"2022-11-21T10:52:51+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669027971000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434267","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Saudia aprirà il prossimo 7 dicembre la nuova rotta da Neom a Londra Heathrow, che diverrà così la seconda destinazione internazionale - dopo Dubai - collegata alla megalopoli dell'Arabia Saudita, progetto da 500 miliardi di dollari, nel nord-ovest del Paese. Londra sarà servita con un volo diretto alla settimana, operato da Boeing 787-9. La rotta, lunga 3.956 km, prevede un tempo di volo in direzione ovest di circa 5 ore e 40 minuti.\r\n\r\nIl collegamento da Neom a Dubai è stato inaugurato la scorsa estate e attualmente i voli  sono effettuati una volta alla settimana con Airbus A320.\r\n\r\nSaudia è oggi l'unico vettore a offrire un servizio commerciale da Neom Bay, avendo lanciato per la prima volta i voli nazionali dall'aeroporto nell'ottobre 2019. I piani per la costruzione di Neom rientra nel più ampio progetto della Saudi Vision 2030, un piano per ridurre la dipendenza dal petrolio e diversificare l'economia del Paese.\r\n\r\nOltre al nuovo servizio per Londra Heathrow, la scorsa settimana Saudia ha confermato l'intenzione di riprendere i voli per Parigi Charles de Gaulle da AlUla, con voli bisettimanali, dal 4 dicembre al 12 marzo 2023.","post_title":"Saudia: Londra è la seconda destinazione internazionale collegata a Neom","post_date":"2022-11-17T09:40:19+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1668678019000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434119","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Grande espansione per l'Hamad International Airport di Doha. \"Il nostro piano di crescita ci vedrà accogliere oltre 58 milioni di passeggeri all'anno, offrendo ai viaggiatori globali i migliori servizi del settore - afferma il direttore operativo, Badr Mohammed Al Meer - Grazie a questa espansione, abbiamo migliorato le nostre strutture e le nostre offerte, creando una vera destinazione per i passeggeri\".\r\n\r\nLe ambizioni e la visione futuristica dello scalo sono testimoniate dal nuovo Orchard, un giardino tropicale, che comprende oltre 300 alberi e più di 25.000 piante provenienti da foreste di tutto il mondo.\r\n\r\nL'offerta retail è stata potenziata e comprende una selezione di boutique di lusso, tra cui la prima boutique Dior dell'Hia, l'unico negozio Fifa al mondo, l'unico negozio Thom Brown in un aeroporto, il più grande negozio di Ray Ban in un aeroporto.\r\n\r\nE' stato inoltre aperto anche il secondo hotel, all'interno della transfer area, l'Oryx Garden Hotel: situata nella plaza nord, la struttura di 100 camere fa perno sulla sostenibilità, con camere che vanno da king a twin, oltre a suite strategicamente posizionate a pochi passi dai gate d'imbarco.\r\n\r\n\"Lo scalo è veramente cresciuto fino a diventare il massimo esempio di struttura globale sostenibile e di successo - commenta Akbar Al Baker, ceo del Gruppo Qatar Airways -. L'Hamad International Airport continua a stupire per la pianificazione, l'esecuzione e gli investimenti innovativi, migliorando la sua posizione di hub preferito dai viaggiatori globali e rafforzando il suo posizionamento tra i leader del settore. L'apertura del nostro nuovo terminal ampliato collega ulteriormente il crescente numero di viaggiatori a tutti gli angoli del mondo, arricchendo le esperienze delle persone\".","post_title":"L'espansione dell'aeroporto Hamad di Doha: obiettivo 58 milioni di passeggeri all'anno","post_date":"2022-11-15T10:25:33+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1668507933000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434113","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Parte oggi a Genova e prosegue fino al prossimo 17 novembre, nell'ambito del salone Orientamenti 2022, il Career day organizzato dalla regione Liguria a cui partecipa anche Msc Crociere. La compagnia, che contra già oltre 25 mila dipendenti, è pronta infatti ad assumere oltre 750 persone in Italia nei prossimi mesi.  A breve entreranno infatti in servizio le due ultime navi del gruppo, la World Europa e la Seascape, facendo così salire a 21 il numero delle unità in flotta, seguite nel 2023 da un’ulteriore nave (l'Euribia). La World Europa, in particolare, è stata battezzata il 13 novembre a Doha in Qatar, ma verrà posizionata stabilmente in Italia a partire da aprile 2023. La Seascape, invece, verrà consegnata il 16 novembre a Monfalcone e, dopo il battesimo a New York il 7 dicembre, trascorrerà la sua prima stagione ai Caraibi con partenza da Miami.\r\n\r\nQuella di Genova sarà la prima di numerose tappe, in Italia e all’estero, del programma internazionale di talent acquisition di Msc Crociere, che prevede incontri di recruiting in 48 paesi del mondo alla ricerca dei migliori talenti a livello globale. La ricerca copre l’intero spettro delle figure professionali operanti a bordo: ufficiali di coperta e di macchina, medici e commissari, personale addetto all’intrattenimento e alle relazioni con gli ospiti, commessi per negozi e boutique, animatori e addetti alle escursioni, tecnici audio-video, personale per il centro benessere, receptionist, cuochi, barman e camerieri, fotografi e personale per lo Yacht Club, l’esclusiva area di lusso che offre servizi e ospitalità a 5 stelle.\r\n\r\nNella giornata di recruiting genovese si terranno colloqui di selezione e la possibilità di conoscere meglio l’azienda, la vita di bordo e i numerosi percorsi di carriera possibili all'interno della compagnia crocieristica. Il candidato ideale dev’essere in possesso del diploma superiore, conoscere l’inglese a un buon livello ed essere maggiorenne. L’esperienza nella posizione per cui si sceglie di candidarsi sarà considerata positivamente. Per informazioni: https://www.orientamenti.regione.liguria.it/careerday/; https://www.careers.msccruises.com/. È possibile presentarsi anche direttamente a Genova (Magazzini del Cotone, Porto Antico) presso il Salone orientamenti 2022 muniti di curriculum e di entusiasmo.\r\n\r\n ","post_title":"Msc a caccia di oltre 750 profili in Italia. Da oggi a Genova il primo Career day","post_date":"2022-11-15T10:05:25+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1668506725000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434027","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"E' innegabile come il turismo non sia solo un importante strumento di sviluppo economico, ma l'abbondanza di opportunità che il settore crea in termini di occupazione regolare e anche di creazione di nuovi posti di lavoro\". Questo il messaggio lanciato dal Ministro del Turismo delle Filippine, Esperanza Christina Garcia Frasco, a Roma, durante l'incontro con stampa e operatori, riportando le parole del presidente, Ferdinand Marcos Jr, per rilanciare le strategie post pandemia del paese.\r\n \r\n\"Ci aspettiamo che i flussi da Italia ed Europa verso le Filippine aumenteranno ulteriormente durante la stagione invernale, grazie alla nostra ricca offerta: dalle bellissime isole tropicali, alla cultura e storia oltre che all'ospitalità del nostro popolo\".\r\n \r\nIl Paese, che punta a tornare protagonista dello scenario turistico internazionale, dalla fine di febbraio 2022 ha accolto circa 2 milioni di turisti stranieri. Nel dettaglio, le previsioni per i flussi dall'Italia mirano per fine 2022 a circa 10.000 visitatori, il 25% rispetto al dato pre-crisi del 2019. Numerosi gli impegni in calendario: dal miglioramento delle infrastrutture turistiche e dell'accessibilità, alla creazione di una digitalizzazione e una connettività coesa e completa, alla valorizzazione dell'esperienza turistica complessiva, alla promozione del prodotto turistico. In termini di proposta turistica la strada intrapresa guarda alla diversificazione dell'offerta, ben oltre il balneare e diving - che occupa una grande fetta di mercato -:ampio spazio quindi anche ai target culturale, religioso e ambientale.\r\n \r\nIl settore turistico contribuisce per il 12,8% al Pil del Paese (dato pre-pandemia) mentre sono 5,7 milioni le persone occupate nel comparto, di cui oltre 70% in trasporti, strutture ricettive, ristoranti. Dallo scorso 1° giugno, inoltre, non è più richiesto il green pass per l'ingresso nel Paese.\r\nFondamentale a questo punto il ritorno alla quasi 'normalità' dei collegamenti aerei, che vedono in prima linea Qatar Airways, Cathay Pacific, Emirates oltre ai vettori regionali, che operano all'interno del paese facilitando lo spostamento dei turisti.\r\n ","post_title":"Le Filippine investono sulla ripresa dei flussi da Italia ed Europa","post_date":"2022-11-14T10:20:07+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1668421207000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433740","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sébastien Samoye è il nuovo vicepresidente real estate di Belmond: vanta oltre vent’anni di esperienza a livello internazionale nei settori della gestione patrimoniale, finanziaria e immobiliare. E ciò grazie all'attività del suo studio, Creo Advisory, ma anche precedentemente presso importanti aziende proprietarie di hotel quali Schroders Real Estate Hotels, Starwood Hotels & Resorts Worldwide e Marriott International. Nella sua carriera, Samoye ha lavorato in Europa, Africa e Medio Oriente, occupandosi della supervisione di un ampio portafoglio di strutture alberghiere. Samoye ha iniziato la propria carriera in Ernst & Young nel 1998 dopo un master in economia alle facultés universitaires Catholiques di Mons in Belgio, per poi entrare attivamente nel settore dell’ospitalità dal 2006.\r\n\r\n“Sono felice di far parte di Belmond, un’azienda visionaria e all’avanguardia, leader nel settore dei viaggi di lusso - ha commentato lo stesso Samoye -. Questo è un periodo di grande fermento per il brand e sono impaziente di lavorare con il team per continuare gli sforzi nel dar forma alla migliore collezione di viaggi, attraverso la sua strategia di acquisizioni e contribuendo a creare le leggende del futuro\".","post_title":"Sébastien Samoye nuovo vicepresidente real estate di Belmond","post_date":"2022-11-09T09:30:47+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1667986247000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433648","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" E' nata The Tokyo Pass - Culture, una carta dei musei ideata per i turisti stranieri: acquistabile tramite app dedicata, tramite un codice QR consente l’accesso a 39 tra musei, giardini, zoo, acquari e altre strutture di interesse culturale, pubbliche e private, prenotando la fascia oraria preferita. Le tariffe disponibili sono 2, 3 e 5 giorni di validità. \r\nIl pass è stato ideato dalla Tokyo Metropolitan Foundation for History and Culture, Tanseisha e Jtb Corporation, congiuntamente al Tokyo Convention & Visitors Bureau, per rendere ancora più facilmente fruibile il ricco patrimonio artistico e culturale della città. Sempre tramite l’app si può acquistare anche il Tokyo Subway Ticket che, mostrato al personale di Tokyo Metro, consente di ottenere un biglietto per accedere alla rete metropolitana in un periodo di 24, 48 o 72 ore ed esplorare liberamente la città.\r\nNuovi sono anche due brand video di Tokyo che offrono ulteriori spunti sull'offerta turistica oltre il centro città. Il primo, Culture, unisce live action e animazione con un’accattivante colonna sonora up-tempo,  e mostra angoli unici di Tokyo che vanno dalla cultura storica, come mangiare nelle case tradizionali giapponesi, alla cultura moderna, come la Waseda International House of Literature, meglio conosciuta come Haruki Murakami Library.\r\nNature invece, presenta scorci di verde tra gli edifici del centro, insieme alla natura maestosa della zona di Tame e delle isole.","post_title":"Giappone: debutta la carta dei musei, Tokyo Pass - Culture, per i turisti stranieri","post_date":"2022-11-08T09:06:37+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1667898397000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti