29 September 2022

Nicolaus a tutta Sicilia: con il Baia dei Mulini, oltre 30 strutture sull’isola

[ 0 ]

Nicolaus Club BaiadeiMulini_14New entry per la Sicilia targata Nicolaus che dà il benvenuto al Nicolaus Club Baia dei Mulini. Con questa new entry, Nicolaus incrementa l’offerta sul versante siciliano occidentale e porta a 4 i Nicolaus Club sull’isola.

L’aggiunta della struttura rientra in un piano differenziato di crescita della destinazione che per l’estate 2017 complessivamente conterà ben 30 strutture oltre ai Nicolaus Club, includendo Pantelleria e le altre isole.
Attualmente il Nicolaus Club Baia dei Mulini è gestito da Uappala Hotels, società con cui Nicolaus ha dato il via a un rapporto di partnership concretizzato anche dall’ingresso nel portafoglio prodotto del t.o. del Nicolaus Club Corte Bianca in Ogliastra e di differenti altre proposte, fra cui figura il 4 stelle di charme Tonnare di Bonagia, punto di partenza perfetto per scoprire trapanese, Egadi e la Sicilia occidentale.

«Da tempo eravamo alla ricerca di un nuovo partner importante e affidabile al quale affiancarci per far crescere i numeri legati al Nord e al Centro Italia e siamo felici di iniziare questa esperienza con Nicolaus – commenta Mirco Peiani, direttore generale Uappala Hotels -. Lo abbiamo identificato in Nicolaus anche in relazione alle numerose operazioni charter attivate che movimentano consistenti flussi dal Nord e alle iniziative che potremo sviluppare insieme, grazie all’ampia gamma di strutture dislocate nelle varie destinazioni di tutta Italia,anche in Toscana e all’Isola d’Elba,  facendoci accompagnare nella crescita dei servizi,costruendo una solida partnership e un prodotto innovativo capace di soddisfare le sempre maggiori esigenze dei clienti che si affacciano al mondo della vacanza».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431255 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Grimaldi Lines chiude la stagione con ottimi risultati. Il Mare Italia è protagonista di un’estate caratterizzata da ottimismo e fiducia. «Il diffuso desiderio di vacanza e il ritorno al viaggio – commenta Francesca Marino, Passenger Department Manager di Grimaldi Lines - hanno consentito non solo una crescita a due cifre rispetto al 2020 e al 2021, ma anche un evidente ritorno ai volumi pre-pandemici, con risultati addirittura superiori a quelli del 2019, soprattutto sulla Sardegna e sui tre storici collegamenti marittimi operati dalla Compagnia: Livorno-Olbia, Civitavecchia-Porto Torres e Civitavecchia-Olbia». Ad attrarre maggiormente l’interesse del mercato, anche nell’estate 2022, è stato il Mare Italia, e in particolare la Sardegna, che Grimaldi Lines serve con un network di linee marittime per i principali porti del nord e del sud dell’isola. Tra le altre destinazioni raggiungibili con la Compagnia, oltre alla Sicilia in particolare con la linea Livorno-Palermo, hanno registrato buone performance anche i collegamenti internazionali verso Spagna e Grecia, da sempre mete molto richieste per le vacanze. «L’andamento delle prenotazioni si è mantenuto sostanzialmente lineare – aggiunge Marino - a conferma del fatto che l’utenza ha apprezzato sia l’Advance Booking, sia la ricca proposta di promozioni a tempo lanciate in ogni periodo dell’anno. Da sottolineare che la stagione estiva non si concentra più nei due mesi centrali di luglio e agosto, ma include anche giugno e settembre». [post_title] => Grimaldi Lines, la Sardegna protagonista di una stagione che va da giugno a settembre [post_date] => 2022-09-28T14:03:23+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664373803000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431248 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con l'obiettivo dichiarato di "tornare al più presto alle tre frequenze giornaliere tra Milano e Doha", Qatar Airways ha celebrato ieri nel centro del capoluogo lombardo i primi 20 anni della rotta da Malpensa al Qatar.   Mate Hoffmann, area manager Southern Europe della compagnia, ha sottolineato l'importanza dell'anniversario, "vent'anni durante i quali abbiamo trasportato su questa rotta circa 1,5 milioni di passeggeri". Lo staff è passato dalle sette persone del 2022 agli oltre 100 dipendenti di oggi in tutta Italia, mentre dagli iniziali quattro voli settimanali "oggi operiamo due frequenze giornaliere (14 voli a settimana quindi da Milano e altrettanti da Roma Fiumicino). Attraverso l'hub di Doha, a disposizione dei passeggeri ci sono poi oltre 150 destinazioni raggiungibili attraverso il network globale. Ai nostri clienti vogliamo offrire un' esperienza di volo indimenticabile e servizi su misura dalla cucina all'intrattenimento di bordo".   L'investimento sul mercato italiano prosegue con l'aggiunta "dal prossimo dicembre, di 4 voli notturni da Milano e 3 da Roma, che garantiranno ai passeggeri maggiori collegamenti con le principali destinazioni leisure dell'Asia Pacifico e dell'Australia. L'obiettivo è quello di raggiungere le 17 frequenze settimanali entro marzo 2023". Significativa anche l'operatività cargo "un pilastro per Qatar Airways, che opera attraverso un network di 70 destinazioni globali. Su Milano, in particolare, effettuiamo 12 voli solo merci alla settimana".   E se i prossimi Campionati del mondo di calcio, che vedono la compagnia protagonista in qualità di partner ufficiale della Fifa, "saranno un'ulteriore opportunità per aumentare il traffico e i collegamenti verso Doha, oltre che per portare l'attenzione del mondo sul Qatar come destinazione", questo è anche il momento del lancio della nuova campagna del vettore: "Let's fly, con cui vogliamo ispirare le persone a viaggiare di nuovo e a volare con noi, nonché a vivere un'esperienza eccezionale". [post_title] => Qatar Airways, Hoffmann: "Presto tre voli giornalieri sulla Milano-Doha" [post_date] => 2022-09-28T12:00:01+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664366401000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431150 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un nuova strategia di sostenibilità, incentrata su quattro aree tematiche, nove temi materiali e 21 obiettivi conformi agli obiettivi di Carnival Corporation e in linea con l’Agenda 2030 delle Nazioni unite. Costa Crociere presenta la sedicesima edizione del proprio bilancio di sostenibilità, relativo all’anno 2021. “Siamo arrivati alla sedicesima edizione del nostro bilancio: un dato che evidenzia quanto il nostro impegno nella sostenibilità sia consolidato e pionieristico - racconta il direttore generale della compagnia, Mario Zanetti -. In particolare, il 2021 è stato un anno contraddistinto da una profonda e sostanziale evoluzione di Costa. Abbiamo lavorato per offrire un nuovo modo di viaggiare, una proposta di valore del prodotto, che trova nella sostenibilità un asset importante. Questo lavoro proseguirà anche nei prossimi anni, con una strategia che, per quanto riguarda la sostenibilità, si basa sul potere trasformativo del viaggio, the Good power of travel, come indica il titolo del nuovo report. Ovvero un modello di business che continui a soddisfare gli ospiti e allo stesso tempo sia in grado di generare valore sociale, ambientale ed economico”. Nel documento vengono quindi individuate quattro macro-priorità, che esprimono la visione di futuro della compagnia: progredire verso la neutralità climatica; rigenerare le risorse; responsabilizzare le persone; costruire un ecosistema trasformativo. Relativamente alla prima area, la neutralità climatica, l’ambizione di Costa è quella di introdurre una nuova generazione di navi che operino a zero emissioni nette entro il 2050. La compagnia sta inoltre lavorando per migliorare ulteriormente l’efficienza energetica della flotta già in servizio e supportare l’innovazione nelle infrastrutture portuali. Fanno parte di questo ambito il debutto delle prime navi alimentate a gas naturale liquefatto (Costa Toscana e Costa Smeralda), l’installazione dei più moderni sistemi di abbattimento delle emissioni su oltre il 90% delle navi e l’impegno per l’utilizzo dello shore power (alimentazione da terra durante le soste in porto), con circa un terzo delle navi già predisposte e altre cinque in fase di predisposizione. Per quanto riguarda la rigenerazione delle risorse utilizzate, strettamente legata alla salvaguardia degli ecosistemi marini, su tutte le navi viene già effettuato il 100% di raccolta differenziata e il riciclo di materiali quali plastica, carta, vetro e alluminio. Inoltre, il 90% del fabbisogno giornaliero di acqua è soddisfatto trasformando quella del mare tramite l’utilizzo di dissalatori, valore che raggiunge il 100% sulle navi più moderne della flotta. La terza area strategica, responsabilizzare le persone, riguarda sia gli ospiti sia i dipendenti della compagnia. Relativamente agli ospiti, l’obiettivo è quello di sensibilizzarli a essere viaggiatori sempre più responsabili nelle loro scelte, mentre per i dipendenti l’obiettivo è promuovere un ambiente di lavoro equo e inclusivo, nonché di accrescere le competenze. A questo proposito nel 2021 le ore di smart working, o di flexible working,sono state oltre 774 mila, mentre quelle di formazione quasi 120 mila, erogate a una comunità di dipendenti che proviene da 70 Paesi e cinque continenti diversi. L’ultima area strategica, costruire un ecosistema trasformativo, riguarda il valore generato sui territori e sulle comunità che accolgono le navi Costa. Basti pensare che nel 2021, con le unità operative nel solo  Mediterraneo per un periodo ridotto dell’anno, le navi della compagnia hanno visitato ben 31 porti, con 17 itinerari diversi, rimettendo in moto un ecosistema che comprende quasi 16 mila fornitori. [post_title] => Costa: una nuova generazione di navi a zero emissioni tra le priorità del bilancio sostenibile 2021 [post_date] => 2022-09-27T10:06:34+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664273194000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431071 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovi investimenti, progetti e aperture, nonché il restyling di alcune delle strutture esistenti. Saranno questi i temi della partecipazione di Sandals Resorts International al prossimo Ttg di Rimini dal 12 al 14 ottobre (pad C3, stand 012). “Ci fa molto piacere rinnovare la nostra presenza a Rimini, uno dei momenti b2b più importanti per il settore – conferma Christian Casagrande, sales manager Southern Europe di Sri –. E per noi un’opportunità d’incontro e confronto irrinunciabile con gli addetti ai lavori, nonché occasione preziosa per promuovere il nostro brand”. Continuano, inoltre, i festeggiamenti per i 40 anni di attività nell’ambito dell’ospitalità del brand. “La regione caraibica sta facendo registrare numeri davvero inaspettati, a ritmi più elevati addirittura rispetto al periodo pre-pandemico – continua Casagrande –. Con grande soddisfazione possiamo perciò annunciare che il 2022 sarà per noi un anno record di vendite globali e il 2023 sta già facendo registrare un buon numero di prenotazioni”. Tra i principali progetti di Sri nell’area caraibica, segnaliamo l’aumento del numero di camere, sia attraverso l’apertura di nuovissimi resort come il Sandals Royal Curaçao, inaugurato lo scorso 1° giugno, primo resort del brand nei Caraibi olandesi, e il Sandals Dunn’s River in Giamaica (apertura prevista per il 24 maggio 2023), sia investendo nelle proprietà esistenti come per il Sandals Royal Bahamian riaperto a gennaio 2022 dopo un restyling completo. Sono inoltre previsti altri due resort in Giamaica (un Sandals Resorts e un Beaches Resorts) ed è stata presentata di recente la campagna di investimento prevista per febbraio 2023 sull’isola di St. Lucia, dove Sri già possiede tre resort all-inclusive di lusso (Sandals Regency La Toc, Sandals Grande St. Lucian e Sandals Halcyon Beach). Non da ultimo, nel 2023 la società presenterà un nuovo resort con il brand Beaches Resorts a St. Vincent. Struttura che va ad aggiungersi ai tre resort già esistenti con questo brand dedicato alle famiglie in Giamaica e alle Turks&Caicos. Per il 2023, Sandals Resorts ha inoltre in programma numerose attività di marketing e partnership con tour operator italiani e altri protagonisti del settore per la promozione del proprio prodotto: “Vorrei ringraziare i nostri partner per il loro impeccabile supporto durante il picco della pandemia. Sono felice di confermare che stiamo collaborando nuovamente con i principali tour operator italiani che programmano i Caraibi e che le nostre partnership sono le stesse del 2019”, conclude Casagrande. Nuove sessioni di formazione, partecipazioni a eventi, attività di co-marketing e supporto ai partner sono tra i principali focus per il 2023 per promuovere il brand alle agenzie di viaggio e aiutarli ad aumentare la vendita dei Sandals Resorts e dei Beaches Resorts.   [post_title] => Casagrande, Sandals: il 2022 anno record per le vendite globali [post_date] => 2022-09-26T10:56:06+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664189766000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431059 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Stagione 2022 con un deciso segno più per CdsHotels che ha registrato un incremento delle prenotazioni del 35% rispetto sia al 2021, sia al 2019. La Puglia e la Sicilia, in particolare, sono state nuovamente premiate dal mercato estero: rispetto al 2019, anno in cui CdsHotels aveva raggiunto il picco di presenze provenienti dall’estero, si è riscontrato infatti un aumento di fatturato del 30 %, con una concentrazione nella prima parte della stagione. “Mentre un’altra stagione si appresta a chiudersi, è il momento di guardarsi indietro e fare un primo bilancio su questa prima parte del 2022 che, se sotto molti aspetti (rincaro dei prezzi delle materie prime e delle forniture, incertezza generale dovuta alla situazione geopolitica internazionale e a due anni di pandemia) è stata piuttosto difficile e preannuncia un futuro ancora più arduo, sotto molti altri aspetti è stata invece decisamente positiva - spiega il direttore commerciale della compagnia, Ada Miraglia -. Ciò ci permette di supporre che il mercato comincia a premiare con un gradimento sempre più elevato l’impegno che il nostro gruppo dedica al miglioramento e all’ampliamento dell’offerta". Dopo due anni di pandemia, che hanno modificato le abitudini dei consumatori portando a un incremento delle prenotazioni last minute, CdsHotels rileva inoltre un’inversione di tendenza con un ritorno dell’early booking, grazie a un picco di conferme giunte entro il 31 marzo. Anche il settore mice si è rimesso in moto e le presenze di gruppi sono aumentate rispetto al 2019, portando a un incremento di fatturato del segmento pari al 63%. Le proiezioni per l’autunno sono infine altrettanto positive: alla data del 21 settembre si registra un aumento di fatturato, rispetto alla stesso periodo del 2021, di circa il 35%, che va a confermare i trend registrati finora. “Tutti questi numeri ci fanno ben sperare – prosegue Ada Miraglia – per un futuro in crescita. Ma purtroppo bisogna essere onesti e non possiamo vedere il bicchiere del tutto pieno: insieme alla crescita dei risultati abbiamo, infatti, registrato anche un aumento esponenziale dei costi. Le nostre politiche aziendali sono da sempre orientate alla riduzione degli sprechi, anche in un’ottica di risparmio ecologico e facciamo molti sforzi per sensibilizzare i nostri ospiti verso queste necessità; gli ospiti dal canto loro si dimostrano sempre molto sensibili, ma ciò non basta ed è necessario che qualcosa si muova a livello europeo affinché il caro-prezzi venga in qualche modo contenuto e vengano impedite eventuali speculazioni in tale direzione”. [post_title] => CdsHotels: prenotazioni a +35% sul 2019. Ed è tornato anche l'early booking [post_date] => 2022-09-26T10:02:45+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664186565000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430945 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un itinerario a 5 stelle a Cuba da far vivere ai propri agenti di viaggio partner. E' il nuovo fam trip organizzato  in collaborazione con la compagnia aerea Iberia da Tour2000AmericaLatina, che all'Avana vanta anche un team dedicato per supportare i clienti in tour sull’Isola 24 ore su 24. Il programma prevede la partenza il 2 dicembre e il rientro il 10 dello stesso mese, per assaporare l’atmosfera magica dell’Avana con i suoi luoghi simbolo come piazza della Rivoluzione e il Capitolio, ma anche per assaggiare i famosi cocktail nei luoghi frequentati da Hemingway come la Bodeguita del Medio e il Floridita, nonché farsi travolgere dalla maestosa natura di Vinales. Tappa successiva a Varadero, dove decidere se rilassarsi sulle spiagge bianche infinite o fare due escursioni imperdibili: il Safari a Cayo Blanco o il tour per le Tres Ciudades di Santa Clara, Trinidad e Cienfuegos. “Per noi Cuba è una destinazione da sempre molto importante, che ci ha permesso negli anni di diventare il punto di riferimento per le agenzie di viaggio alla ricerca di un tour operator affidabile ed esperto per gli itinerari sull’isola, dai più semplici ai più complessi", spiega Marino Pagni, general manager di Tour2000AmericaLatina. Agli agenti di viaggio che aderiscono al fam trip è richiesto un contributo che viene interamente restituito alla conferma di cinque pratiche di minimo due persone ciascuna (comprensivo di volo e servizi per minimo sette notti) su tutte le destinazioni di Tour2000AmericaLatina da effettuarsi entro il 31 dicembre 2023. [post_title] => Agli inizi di dicembre, nuovo fam trip a Cuba di Tour2000AmericaLatina [post_date] => 2022-09-22T11:56:46+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663847806000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430786 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Come un vecchio adagio che fa sempre piacere riascoltare: Ryanair conferma piani di crescita globali e per l’Italia in vista dell’inverno 2022-23, pur cosciente di trovarsi di fronte molteplici sfide - dalle conseguenze del conflitto in Ucraina al caro energia, agli annunciati, nuovi scioperi degli equipaggi. Di questi ultimi, in particolare, Micheal O’Leary, ceo del Ryanair Group, non sembra granché preoccupato: "Riguardano piccole sigle sindacali che rappresentano un numero minimo di nostri dipendenti. Come già accaduto quest'estate, queste iniziative non hanno provocato particolari disagi". Il ceo ha illustrato questa mattina a Milano, insieme a Mauro Bolla, country manager Italy della low cost, le novità per i due scali di Malpensa e Milano Bergamo. A livello globale una crescita del +20% rispetto all’inverno 2019 per la capacità offerta sul nostro Paese, dopo un’estate “complicata soprattutto per i problemi legati agli Atc negli aeroporti europei” ma che ha confermato una forte ripresa del traffico, con dati molto confortanti:  basti guardare il load factor del 95% registrato a giugno e del 96% in luglio e agosto”. Certo anche che l’inverno porterà con sé più di un punto di domanda: “Dall’Ucraina, a potenziali nuove varianti Covid, all’inflazione e ai costi dell’energia. Ma Ryanair continua a investire, mentre altri tagliano". Sempre presente il richiamo all'auspicato "taglio della cosiddetta addizionale comunale", tema che sarà affrontato anche con il nuovo governo "col quale speriamo di continuare a dialogare". "Bilancio molto solido e costi bassi" rimangono i punti di forza della strategia di sviluppo che per i due aeroporti milanesi parla di 120 rotte totali, di cui 5 nuove da Milano Bergamo, dove sono basati 21 aeromobili di cui 10 Gamechanger (Baden-Baden, Francoforte, Lodz, Madeira e Newcastle), per complessivi oltre 1.800 voli settimanali. Sette invece i velivoli posizionati a Malpensa (2 i Gamechanger).  Il quadro complessivo italiano - dove sono attese a breve le novità per Roma e il sud del Paese, a cominciare dalla Sicilia - vede la low cost "presente con una quota di  mercato del 40%, mentre la compagnia aerea nazionale è sotto al 10% (Ita Airways, ndr)" operativa su 30 scali (di cui 17 sono basi) con 90 macchine basate; 530 le rotte per l'inverno di cui 30 nuove e l'obiettivo di raggiungere "i 56 milioni di passeggeri trasportati nell'anno fiscale 2023. 3.000 i posti di lavoro diretti e 40.000 quelli dell'indotto".  [post_title] => L’inverno italiano di Ryanair: “Continuiamo a crescere, +20% sul 2019” [post_date] => 2022-09-20T13:48:35+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663681715000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430764 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aprirà il prossimo 1° dicembre il nuovo Valtur Cervinia Cristallo Ski Resort, frutto del completo rinnovamento del Grand Hotel Cristallo. Un'operazione che ha visto il coinvolgimento diretto di Valtur, responsabile anche della gestione. Parole chiave del progetto sono la contaminazione con il genius loci e la destinazione, la personalizzazione, il well-being, l'innovazione e l'amore per l’ambiente. E per dare a queste parole la corretta concretezza, Valtur ha deciso di creare la nuova linea di prodotto Italian Lifestyle Collection e di inaugurarla proprio con il Valtur Cervinia Cristallo. Il concept può peraltro già definirsi un successo, visto che a poche settimane dall’inizio delle vendite, ha già riscontrato il grande favore di un target di turisti internazionali: a oggi si registrano infatti all’apertura prenotazioni sul 50% della struttura, provenienti da ben 18 nazionalità differenti. Ubicato a 2000 metri, a circa 800 metri dal centro di Cervinia e dal comprensorio internazionale Matterhorn Ski Paradise, che conta circa 350 chilometri di piste, il resort si compone di differenti nuclei indipendenti e al tempo stesso interconnessi: il corpo centrale Cristallo, di categoria 5 stelle, e due edifici dependance che lo affiancano, denominati Cristallino 1 e 2, di categoria 4 stelle. La scelta di differenziare standard e spazi è strategica per la capacità di soddisfare target differenti. Le camere sono complessivamente 234, ubicate nei tre edifici: il corpo centrale ne conta 96, suddivise tra Romantic, Superior, Deluxe, Junior suite (tra cui, con supplemento le Fit room, dotate di macchine e programmi Technogym, e le Wellness room, dotate di sauna), nonché suite. Le altre 138 sono ripartite tra il Cristallino 1 e 2, con differenti opzioni adatte anche per le famiglie. Tra queste si annoverano le tipologie Classic, Dreamy, Comfort, Family (di cui alcune a tema gaming), Grand Family, Junior suite Cristallino (con opzione Fit room), suite Cristallino, suite Cervino e master suite Cervino. Le dimensioni variano dai 22 metri quadrati della classic più piccola ai 130 della master suite Cervino che, come la suite Cervino (75 metri quadrati), offre una vista sull’omonima montagna e speciali servizi esclusivi spa e fitness Technogym, da vivere anche in forma esclusiva. “Siamo fieri di poter essere protagonisti di una nuova era per il futuro di un brand glorioso come Valtur che lo riporta, e ci porta per la prima volta, nel cuore delle Alpi - sottolinea l'a.d. del gruppo Nicolaus, Giuseppe Pagliara -. Non vedevamo l’ora di annunciarlo e di vedere un progetto a cui stiamo lavorando alacremente da mesi diventare realtà. L’orgoglio per la sua concretizzazione è grande, anche perché abbiamo condiviso ogni scelta stilistica, estetica, materiale, logistica e ambientale fin dall’apertura del cantiere insieme alla proprietà, con cui si è creata un’intesa oltre ogni aspettativa. Siamo, quindi, davvero protagonisti di questa rinascita e, lasciatemelo dire, ci fa un po’ di effetto essere pionieri in montagna, noi che abbiamo radici personali e professionali legate profondamente al mare”. Chi varcherà la soglia il 1° dicembre troverà quindi ad attenderlo due ristoranti, un private dining room, un bistrot, due bar e una lobby area, ma anche i due campi da padel più alti d’Europa e una pista polivalente per pattinaggio su ghiaccio, hockey e curling, una palestra e due piscine. A tutto ciò si aggiungono tre postazioni dj set, una teatro, la spa Miele, una ski room by Rossignol con possibilità di noleggio attrezzature da sci, un luxury vintage corner, una boutique multibrand e un miniclub all’avanguardia, la Giorgio Rocca Ski School Cervinia, un modernissimo tapis roulant per accompagnare sci ai piedi gli ospiti dalla struttura direttamente sulle piste, una gaming room e altri spazi come la terrazza Cervino e il Valtur Smart Space per lo svolgimento di attività in remote working. In esclusiva per gli ospiti del 5 stelle ci saranno infine la Valtur Executive Lounge, un’area check-in riservata e una vip ski-room, oltre ai servizi di conciergerie e lifestyle assistant, menù del materasso e dei cuscini.   [post_title] => Con l'apertura del Valtur Cervinia Cristallo nasce anche la nuova Italian Lifestyle Collection [post_date] => 2022-09-20T12:12:10+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663675930000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430687 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il 2022 è l’anno della ripresa per Traghetti GDS la cui mission è quella di facilitare il lavoro degli agenti di viaggio rendendo comoda e veloce la gestione di tutta la biglietteria marittima. Anche per la prossima stagione gli investimenti saranno focalizzati su tecnologia e risorse umane, queste ultime indispensabili per avvalorare la piattaforma di prenotazione marittima più utilizzata dalle adv. «Dopo l’incertezza dell’ultimo biennio, il 2022 si è confermato come l’anno della ripresa definitiva – commenta Silvia Cioni, general manager Traghetti GDS -  Nonostante il 2020 e il 2021 si siano rilevati numericamente positivi, gli addetti ai lavori hanno dovuto fare i conti con una situazione di forte incertezza e di grande stress; la fine della pandemia da Covid ci ha restituito fiducia e quest’anno abbiamo raccolto i frutti di ciò che è stato seminato». Negli anni precedenti TraghettiGDS ha puntato su nuove funzionalità ed un catalogo destinazioni ancor più ampio – con l’aggiunta di nuove tratte che oggi, oltre al Mediterraneo, coprono anche tutto il Nord Europa. Nel settore del trasporto marittimo, Sardegna, Sicilia, Isola d’Elba, Capri e Ischia sono da anni le top destination per i viaggiatori italiani. Il 2022 si è rilevato come l’anno della ripresa dei viaggi all’estero, con Grecia, Croazia, Albania, Canarie e Baleari che rispetto al biennio precedente hanno registrato un ottimo trend.     [post_title] => Traghetti GDS, investimenti focalizzati su tecnologie e risorse umane [post_date] => 2022-09-19T12:55:35+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663592135000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "nicolaus a tutta sicilia con il baia dei mulini oltre 30 strutture sullisola" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":68,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":904,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431255","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Grimaldi Lines chiude la stagione con ottimi risultati. Il Mare Italia è protagonista di un’estate caratterizzata da ottimismo e fiducia.\r\n\r\n«Il diffuso desiderio di vacanza e il ritorno al viaggio – commenta Francesca Marino, Passenger Department Manager di Grimaldi Lines - hanno consentito non solo una crescita a due cifre rispetto al 2020 e al 2021, ma anche un evidente ritorno ai volumi pre-pandemici, con risultati addirittura superiori a quelli del 2019, soprattutto sulla Sardegna e sui tre storici collegamenti marittimi operati dalla Compagnia: Livorno-Olbia, Civitavecchia-Porto Torres e Civitavecchia-Olbia».\r\n\r\nAd attrarre maggiormente l’interesse del mercato, anche nell’estate 2022, è stato il Mare Italia, e in particolare la Sardegna, che Grimaldi Lines serve con un network di linee marittime per i principali porti del nord e del sud dell’isola. Tra le altre destinazioni raggiungibili con la Compagnia, oltre alla Sicilia in particolare con la linea Livorno-Palermo, hanno registrato buone performance anche i collegamenti internazionali verso Spagna e Grecia, da sempre mete molto richieste per le vacanze.\r\n\r\n«L’andamento delle prenotazioni si è mantenuto sostanzialmente lineare – aggiunge Marino - a conferma del fatto che l’utenza ha apprezzato sia l’Advance Booking, sia la ricca proposta di promozioni a tempo lanciate in ogni periodo dell’anno. Da sottolineare che la stagione estiva non si concentra più nei due mesi centrali di luglio e agosto, ma include anche giugno e settembre».","post_title":"Grimaldi Lines, la Sardegna protagonista di una stagione che va da giugno a settembre","post_date":"2022-09-28T14:03:23+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664373803000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431248","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Con l'obiettivo dichiarato di \"tornare al più presto alle tre frequenze giornaliere tra Milano e Doha\", Qatar Airways ha celebrato ieri nel centro del capoluogo lombardo i primi 20 anni della rotta da Malpensa al Qatar.\r\n \r\nMate Hoffmann, area manager Southern Europe della compagnia, ha sottolineato l'importanza dell'anniversario, \"vent'anni durante i quali abbiamo trasportato su questa rotta circa 1,5 milioni di passeggeri\". Lo staff è passato dalle sette persone del 2022 agli oltre 100 dipendenti di oggi in tutta Italia, mentre dagli iniziali quattro voli settimanali \"oggi operiamo due frequenze giornaliere (14 voli a settimana quindi da Milano e altrettanti da Roma Fiumicino). Attraverso l'hub di Doha, a disposizione dei passeggeri ci sono poi oltre 150 destinazioni raggiungibili attraverso il network globale. Ai nostri clienti vogliamo offrire un' esperienza di volo indimenticabile e servizi su misura dalla cucina all'intrattenimento di bordo\".\r\n \r\nL'investimento sul mercato italiano prosegue con l'aggiunta \"dal prossimo dicembre, di 4 voli notturni da Milano e 3 da Roma, che garantiranno ai passeggeri maggiori collegamenti con le principali destinazioni leisure dell'Asia Pacifico e dell'Australia. L'obiettivo è quello di raggiungere le 17 frequenze settimanali entro marzo 2023\". Significativa anche l'operatività cargo \"un pilastro per Qatar Airways, che opera attraverso un network di 70 destinazioni globali. Su Milano, in particolare, effettuiamo 12 voli solo merci alla settimana\".\r\n \r\nE se i prossimi Campionati del mondo di calcio, che vedono la compagnia protagonista in qualità di partner ufficiale della Fifa, \"saranno un'ulteriore opportunità per aumentare il traffico e i collegamenti verso Doha, oltre che per portare l'attenzione del mondo sul Qatar come destinazione\", questo è anche il momento del lancio della nuova campagna del vettore: \"Let's fly, con cui vogliamo ispirare le persone a viaggiare di nuovo e a volare con noi, nonché a vivere un'esperienza eccezionale\".","post_title":"Qatar Airways, Hoffmann: \"Presto tre voli giornalieri sulla Milano-Doha\"","post_date":"2022-09-28T12:00:01+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1664366401000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431150","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nUn nuova strategia di sostenibilità, incentrata su quattro aree tematiche, nove temi materiali e 21 obiettivi conformi agli obiettivi di Carnival Corporation e in linea con l’Agenda 2030 delle Nazioni unite. Costa Crociere presenta la sedicesima edizione del proprio bilancio di sostenibilità, relativo all’anno 2021. “Siamo arrivati alla sedicesima edizione del nostro bilancio: un dato che evidenzia quanto il nostro impegno nella sostenibilità sia consolidato e pionieristico - racconta il direttore generale della compagnia, Mario Zanetti -. In particolare, il 2021 è stato un anno contraddistinto da una profonda e sostanziale evoluzione di Costa. Abbiamo lavorato per offrire un nuovo modo di viaggiare, una proposta di valore del prodotto, che trova nella sostenibilità un asset importante. Questo lavoro proseguirà anche nei prossimi anni, con una strategia che, per quanto riguarda la sostenibilità, si basa sul potere trasformativo del viaggio, the Good power of travel, come indica il titolo del nuovo report. Ovvero un modello di business che continui a soddisfare gli ospiti e allo stesso tempo sia in grado di generare valore sociale, ambientale ed economico”.\r\n\r\nNel documento vengono quindi individuate quattro macro-priorità, che esprimono la visione di futuro della compagnia: progredire verso la neutralità climatica; rigenerare le risorse; responsabilizzare le persone; costruire un ecosistema trasformativo. Relativamente alla prima area, la neutralità climatica, l’ambizione di Costa è quella di introdurre una nuova generazione di navi che operino a zero emissioni nette entro il 2050. La compagnia sta inoltre lavorando per migliorare ulteriormente l’efficienza energetica della flotta già in servizio e supportare l’innovazione nelle infrastrutture portuali. Fanno parte di questo ambito il debutto delle prime navi alimentate a gas naturale liquefatto (Costa Toscana e Costa Smeralda), l’installazione dei più moderni sistemi di abbattimento delle emissioni su oltre il 90% delle navi e l’impegno per l’utilizzo dello shore power (alimentazione da terra durante le soste in porto), con circa un terzo delle navi già predisposte e altre cinque in fase di predisposizione.\r\n\r\nPer quanto riguarda la rigenerazione delle risorse utilizzate, strettamente legata alla salvaguardia degli ecosistemi marini, su tutte le navi viene già effettuato il 100% di raccolta differenziata e il riciclo di materiali quali plastica, carta, vetro e alluminio. Inoltre, il 90% del fabbisogno giornaliero di acqua è soddisfatto trasformando quella del mare tramite l’utilizzo di dissalatori, valore che raggiunge il 100% sulle navi più moderne della flotta.\r\n\r\nLa terza area strategica, responsabilizzare le persone, riguarda sia gli ospiti sia i dipendenti della compagnia. Relativamente agli ospiti, l’obiettivo è quello di sensibilizzarli a essere viaggiatori sempre più responsabili nelle loro scelte, mentre per i dipendenti l’obiettivo è promuovere un ambiente di lavoro equo e inclusivo, nonché di accrescere le competenze. A questo proposito nel 2021 le ore di smart working, o di flexible working,sono state oltre 774 mila, mentre quelle di formazione quasi 120 mila, erogate a una comunità di dipendenti che proviene da 70 Paesi e cinque continenti diversi.\r\n\r\nL’ultima area strategica, costruire un ecosistema trasformativo, riguarda il valore generato sui territori e sulle comunità che accolgono le navi Costa. Basti pensare che nel 2021, con le unità operative nel solo  Mediterraneo per un periodo ridotto dell’anno, le navi della compagnia hanno visitato ben 31 porti, con 17 itinerari diversi, rimettendo in moto un ecosistema che comprende quasi 16 mila fornitori.","post_title":"Costa: una nuova generazione di navi a zero emissioni tra le priorità del bilancio sostenibile 2021","post_date":"2022-09-27T10:06:34+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664273194000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431071","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovi investimenti, progetti e aperture, nonché il restyling di alcune delle strutture esistenti. Saranno questi i temi della partecipazione di Sandals Resorts International al prossimo Ttg di Rimini dal 12 al 14 ottobre (pad C3, stand 012). “Ci fa molto piacere rinnovare la nostra presenza a Rimini, uno dei momenti b2b più importanti per il settore – conferma Christian Casagrande, sales manager Southern Europe di Sri –. E per noi un’opportunità d’incontro e confronto irrinunciabile con gli addetti ai lavori, nonché occasione preziosa per promuovere il nostro brand”.\r\n\r\nContinuano, inoltre, i festeggiamenti per i 40 anni di attività nell’ambito dell’ospitalità del brand. “La regione caraibica sta facendo registrare numeri davvero inaspettati, a ritmi più elevati addirittura rispetto al periodo pre-pandemico – continua Casagrande –. Con grande soddisfazione possiamo perciò annunciare che il 2022 sarà per noi un anno record di vendite globali e il 2023 sta già facendo registrare un buon numero di prenotazioni”.\r\n\r\nTra i principali progetti di Sri nell’area caraibica, segnaliamo l’aumento del numero di camere, sia attraverso l’apertura di nuovissimi resort come il Sandals Royal Curaçao, inaugurato lo scorso 1° giugno, primo resort del brand nei Caraibi olandesi, e il Sandals Dunn’s River in Giamaica (apertura prevista per il 24 maggio 2023), sia investendo nelle proprietà esistenti come per il Sandals Royal Bahamian riaperto a gennaio 2022 dopo un restyling completo. Sono inoltre previsti altri due resort in Giamaica (un Sandals Resorts e un Beaches Resorts) ed è stata presentata di recente la campagna di investimento prevista per febbraio 2023 sull’isola di St. Lucia, dove Sri già possiede tre resort all-inclusive di lusso (Sandals Regency La Toc, Sandals Grande St. Lucian e Sandals Halcyon Beach). Non da ultimo, nel 2023 la società presenterà un nuovo resort con il brand Beaches Resorts a St. Vincent. Struttura che va ad aggiungersi ai tre resort già esistenti con questo brand dedicato alle famiglie in Giamaica e alle Turks&Caicos.\r\n\r\nPer il 2023, Sandals Resorts ha inoltre in programma numerose attività di marketing e partnership con tour operator italiani e altri protagonisti del settore per la promozione del proprio prodotto: “Vorrei ringraziare i nostri partner per il loro impeccabile supporto durante il picco della pandemia. Sono felice di confermare che stiamo collaborando nuovamente con i principali tour operator italiani che programmano i Caraibi e che le nostre partnership sono le stesse del 2019”, conclude Casagrande. Nuove sessioni di formazione, partecipazioni a eventi, attività di co-marketing e supporto ai partner sono tra i principali focus per il 2023 per promuovere il brand alle agenzie di viaggio e aiutarli ad aumentare la vendita dei Sandals Resorts e dei Beaches Resorts.\r\n\r\n ","post_title":"Casagrande, Sandals: il 2022 anno record per le vendite globali","post_date":"2022-09-26T10:56:06+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664189766000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431059","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Stagione 2022 con un deciso segno più per CdsHotels che ha registrato un incremento delle prenotazioni del 35% rispetto sia al 2021, sia al 2019. La Puglia e la Sicilia, in particolare, sono state nuovamente premiate dal mercato estero: rispetto al 2019, anno in cui CdsHotels aveva raggiunto il picco di presenze provenienti dall’estero, si è riscontrato infatti un aumento di fatturato del 30 %, con una concentrazione nella prima parte della stagione.\r\n\r\n“Mentre un’altra stagione si appresta a chiudersi, è il momento di guardarsi indietro e fare un primo bilancio su questa prima parte del 2022 che, se sotto molti aspetti (rincaro dei prezzi delle materie prime e delle forniture, incertezza generale dovuta alla situazione geopolitica internazionale e a due anni di pandemia) è stata piuttosto difficile e preannuncia un futuro ancora più arduo, sotto molti altri aspetti è stata invece decisamente positiva - spiega il direttore commerciale della compagnia, Ada Miraglia -. Ciò ci permette di supporre che il mercato comincia a premiare con un gradimento sempre più elevato l’impegno che il nostro gruppo dedica al miglioramento e all’ampliamento dell’offerta\".\r\n\r\nDopo due anni di pandemia, che hanno modificato le abitudini dei consumatori portando a un incremento delle prenotazioni last minute, CdsHotels rileva inoltre un’inversione di tendenza con un ritorno dell’early booking, grazie a un picco di conferme giunte entro il 31 marzo. Anche il settore mice si è rimesso in moto e le presenze di gruppi sono aumentate rispetto al 2019, portando a un incremento di fatturato del segmento pari al 63%. Le proiezioni per l’autunno sono infine altrettanto positive: alla data del 21 settembre si registra un aumento di fatturato, rispetto alla stesso periodo del 2021, di circa il 35%, che va a confermare i trend registrati finora.\r\n\r\n“Tutti questi numeri ci fanno ben sperare – prosegue Ada Miraglia – per un futuro in crescita. Ma purtroppo bisogna essere onesti e non possiamo vedere il bicchiere del tutto pieno: insieme alla crescita dei risultati abbiamo, infatti, registrato anche un aumento esponenziale dei costi. Le nostre politiche aziendali sono da sempre orientate alla riduzione degli sprechi, anche in un’ottica di risparmio ecologico e facciamo molti sforzi per sensibilizzare i nostri ospiti verso queste necessità; gli ospiti dal canto loro si dimostrano sempre molto sensibili, ma ciò non basta ed è necessario che qualcosa si muova a livello europeo affinché il caro-prezzi venga in qualche modo contenuto e vengano impedite eventuali speculazioni in tale direzione”.","post_title":"CdsHotels: prenotazioni a +35% sul 2019. Ed è tornato anche l'early booking","post_date":"2022-09-26T10:02:45+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664186565000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430945","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un itinerario a 5 stelle a Cuba da far vivere ai propri agenti di viaggio partner. E' il nuovo fam trip organizzato  in collaborazione con la compagnia aerea Iberia da Tour2000AmericaLatina, che all'Avana vanta anche un team dedicato per supportare i clienti in tour sull’Isola 24 ore su 24.\r\n\r\nIl programma prevede la partenza il 2 dicembre e il rientro il 10 dello stesso mese, per assaporare l’atmosfera magica dell’Avana con i suoi luoghi simbolo come piazza della Rivoluzione e il Capitolio, ma anche per assaggiare i famosi cocktail nei luoghi frequentati da Hemingway come la Bodeguita del Medio e il Floridita, nonché farsi travolgere dalla maestosa natura di Vinales. Tappa successiva a Varadero, dove decidere se rilassarsi sulle spiagge bianche infinite o fare due escursioni imperdibili: il Safari a Cayo Blanco o il tour per le Tres Ciudades di Santa Clara, Trinidad e Cienfuegos.\r\n\r\n“Per noi Cuba è una destinazione da sempre molto importante, che ci ha permesso negli anni di diventare il punto di riferimento per le agenzie di viaggio alla ricerca di un tour operator affidabile ed esperto per gli itinerari sull’isola, dai più semplici ai più complessi\", spiega Marino Pagni, general manager di Tour2000AmericaLatina. Agli agenti di viaggio che aderiscono al fam trip è richiesto un contributo che viene interamente restituito alla conferma di cinque pratiche di minimo due persone ciascuna (comprensivo di volo e servizi per minimo sette notti) su tutte le destinazioni di Tour2000AmericaLatina da effettuarsi entro il 31 dicembre 2023.","post_title":"Agli inizi di dicembre, nuovo fam trip a Cuba di Tour2000AmericaLatina","post_date":"2022-09-22T11:56:46+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1663847806000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430786","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Come un vecchio adagio che fa sempre piacere riascoltare: Ryanair conferma piani di crescita globali e per l’Italia in vista dell’inverno 2022-23, pur cosciente di trovarsi di fronte molteplici sfide - dalle conseguenze del conflitto in Ucraina al caro energia, agli annunciati, nuovi scioperi degli equipaggi. Di questi ultimi, in particolare, Micheal O’Leary, ceo del Ryanair Group, non sembra granché preoccupato: \"Riguardano piccole sigle sindacali che rappresentano un numero minimo di nostri dipendenti. Come già accaduto quest'estate, queste iniziative non hanno provocato particolari disagi\".\r\n\r\nIl ceo ha illustrato questa mattina a Milano, insieme a Mauro Bolla, country manager Italy della low cost, le novità per i due scali di Malpensa e Milano Bergamo. A livello globale una crescita del +20% rispetto all’inverno 2019 per la capacità offerta sul nostro Paese, dopo un’estate “complicata soprattutto per i problemi legati agli Atc negli aeroporti europei” ma che ha confermato una forte ripresa del traffico, con dati molto confortanti:  basti guardare il load factor del 95% registrato a giugno e del 96% in luglio e agosto”. Certo anche che l’inverno porterà con sé più di un punto di domanda: “Dall’Ucraina, a potenziali nuove varianti Covid, all’inflazione e ai costi dell’energia. Ma Ryanair continua a investire, mentre altri tagliano\". Sempre presente il richiamo all'auspicato \"taglio della cosiddetta addizionale comunale\", tema che sarà affrontato anche con il nuovo governo \"col quale speriamo di continuare a dialogare\".\r\n\r\n\"Bilancio molto solido e costi bassi\" rimangono i punti di forza della strategia di sviluppo che per i due aeroporti milanesi parla di 120 rotte totali, di cui 5 nuove da Milano Bergamo, dove sono basati 21 aeromobili di cui 10 Gamechanger (Baden-Baden, Francoforte, Lodz, Madeira e Newcastle), per complessivi oltre 1.800 voli settimanali. Sette invece i velivoli posizionati a Malpensa (2 i Gamechanger). \r\n\r\nIl quadro complessivo italiano - dove sono attese a breve le novità per Roma e il sud del Paese, a cominciare dalla Sicilia - vede la low cost \"presente con una quota di  mercato del 40%, mentre la compagnia aerea nazionale è sotto al 10% (Ita Airways, ndr)\" operativa su 30 scali (di cui 17 sono basi) con 90 macchine basate; 530 le rotte per l'inverno di cui 30 nuove e l'obiettivo di raggiungere \"i 56 milioni di passeggeri trasportati nell'anno fiscale 2023. 3.000 i posti di lavoro diretti e 40.000 quelli dell'indotto\". ","post_title":"L’inverno italiano di Ryanair: “Continuiamo a crescere, +20% sul 2019”","post_date":"2022-09-20T13:48:35+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663681715000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430764","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aprirà il prossimo 1° dicembre il nuovo Valtur Cervinia Cristallo Ski Resort, frutto del completo rinnovamento del Grand Hotel Cristallo. Un'operazione che ha visto il coinvolgimento diretto di Valtur, responsabile anche della gestione. Parole chiave del progetto sono la contaminazione con il genius loci e la destinazione, la personalizzazione, il well-being, l'innovazione e l'amore per l’ambiente. E per dare a queste parole la corretta concretezza, Valtur ha deciso di creare la nuova linea di prodotto Italian Lifestyle Collection e di inaugurarla proprio con il Valtur Cervinia Cristallo. Il concept può peraltro già definirsi un successo, visto che a poche settimane dall’inizio delle vendite, ha già riscontrato il grande favore di un target di turisti internazionali: a oggi si registrano infatti all’apertura prenotazioni sul 50% della struttura, provenienti da ben 18 nazionalità differenti.\r\n\r\nUbicato a 2000 metri, a circa 800 metri dal centro di Cervinia e dal comprensorio internazionale Matterhorn Ski Paradise, che conta circa 350 chilometri di piste, il resort si compone di differenti nuclei indipendenti e al tempo stesso interconnessi: il corpo centrale Cristallo, di categoria 5 stelle, e due edifici dependance che lo affiancano, denominati Cristallino 1 e 2, di categoria 4 stelle. La scelta di differenziare standard e spazi è strategica per la capacità di soddisfare target differenti.\r\n\r\nLe camere sono complessivamente 234, ubicate nei tre edifici: il corpo centrale ne conta 96, suddivise tra Romantic, Superior, Deluxe, Junior suite (tra cui, con supplemento le Fit room, dotate di macchine e programmi Technogym, e le Wellness room, dotate di sauna), nonché suite. Le altre 138 sono ripartite tra il Cristallino 1 e 2, con differenti opzioni adatte anche per le famiglie. Tra queste si annoverano le tipologie Classic, Dreamy, Comfort, Family (di cui alcune a tema gaming), Grand Family, Junior suite Cristallino (con opzione Fit room), suite Cristallino, suite Cervino e master suite Cervino. Le dimensioni variano dai 22 metri quadrati della classic più piccola ai 130 della master suite Cervino che, come la suite Cervino (75 metri quadrati), offre una vista sull’omonima montagna e speciali servizi esclusivi spa e fitness Technogym, da vivere anche in forma esclusiva.\r\n\r\n“Siamo fieri di poter essere protagonisti di una nuova era per il futuro di un brand glorioso come Valtur che lo riporta, e ci porta per la prima volta, nel cuore delle Alpi - sottolinea l'a.d. del gruppo Nicolaus, Giuseppe Pagliara -. Non vedevamo l’ora di annunciarlo e di vedere un progetto a cui stiamo lavorando alacremente da mesi diventare realtà. L’orgoglio per la sua concretizzazione è grande, anche perché abbiamo condiviso ogni scelta stilistica, estetica, materiale, logistica e ambientale fin dall’apertura del cantiere insieme alla proprietà, con cui si è creata un’intesa oltre ogni aspettativa. Siamo, quindi, davvero protagonisti di questa rinascita e, lasciatemelo dire, ci fa un po’ di effetto essere pionieri in montagna, noi che abbiamo radici personali e professionali legate profondamente al mare”.\r\n\r\nChi varcherà la soglia il 1° dicembre troverà quindi ad attenderlo due ristoranti, un private dining room, un bistrot, due bar e una lobby area, ma anche i due campi da padel più alti d’Europa e una pista polivalente per pattinaggio su ghiaccio, hockey e curling, una palestra e due piscine. A tutto ciò si aggiungono tre postazioni dj set, una teatro, la spa Miele, una ski room by Rossignol con possibilità di noleggio attrezzature da sci, un luxury vintage corner, una boutique multibrand e un miniclub all’avanguardia, la Giorgio Rocca Ski School Cervinia, un modernissimo tapis roulant per accompagnare sci ai piedi gli ospiti dalla struttura direttamente sulle piste, una gaming room e altri spazi come la terrazza Cervino e il Valtur Smart Space per lo svolgimento di attività in remote working. In esclusiva per gli ospiti del 5 stelle ci saranno infine la Valtur Executive Lounge, un’area check-in riservata e una vip ski-room, oltre ai servizi di conciergerie e lifestyle assistant, menù del materasso e dei cuscini.\r\n\r\n ","post_title":"Con l'apertura del Valtur Cervinia Cristallo nasce anche la nuova Italian Lifestyle Collection","post_date":"2022-09-20T12:12:10+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663675930000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430687","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il 2022 è l’anno della ripresa per Traghetti GDS la cui mission è quella di facilitare il lavoro degli agenti di viaggio rendendo comoda e veloce la gestione di tutta la biglietteria marittima. Anche per la prossima stagione gli investimenti saranno focalizzati su tecnologia e risorse umane, queste ultime indispensabili per avvalorare la piattaforma di prenotazione marittima più utilizzata dalle adv.\r\n\r\n«Dopo l’incertezza dell’ultimo biennio, il 2022 si è confermato come l’anno della ripresa definitiva – commenta Silvia Cioni, general manager Traghetti GDS -  Nonostante il 2020 e il 2021 si siano rilevati numericamente positivi, gli addetti ai lavori hanno dovuto fare i conti con una situazione di forte incertezza e di grande stress; la fine della pandemia da Covid ci ha restituito fiducia e quest’anno abbiamo raccolto i frutti di ciò che è stato seminato».\r\n\r\nNegli anni precedenti TraghettiGDS ha puntato su nuove funzionalità ed un catalogo destinazioni ancor più ampio – con l’aggiunta di nuove tratte che oggi, oltre al Mediterraneo, coprono anche tutto il Nord Europa.\r\n\r\nNel settore del trasporto marittimo, Sardegna, Sicilia, Isola d’Elba, Capri e Ischia sono da anni le top destination per i viaggiatori italiani. Il 2022 si è rilevato come l’anno della ripresa dei viaggi all’estero, con Grecia, Croazia, Albania, Canarie e Baleari che rispetto al biennio precedente hanno registrato un ottimo trend.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Traghetti GDS, investimenti focalizzati su tecnologie e risorse umane","post_date":"2022-09-19T12:55:35+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1663592135000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti