1 March 2024

Msc: cresce l’impegno sul fronte Moby. Pronti altri 69 mln

[ 0 ]

Moby al centro dei piani del gruppo Msc che, oltre alle note mire su Ita, prosegue la propria politica di espansione a 360 gradi nel mondo dei trasporti turistici. Secondo alcune indiscrezioni raccolte dal Sole 24 Ore, la compagnia guidata dall’armatore Gianluigi Aponte sarebbe infatti intenzionata a rafforzare il proprio impegno nella società della famiglia Onorato già annunciato lo scorso fine marzo, quando Msc si era impegnata a un’iniezione di capitali da 81 milioni di euro in cambio dell’acquisizione del 25% delle azioni Moby. 

Se però tali risorse non dovessero essere sufficienti, anche in vista dell’approvazione del piano di salvataggio prevista a fine giugno, Msc avrebbe quindi dato la disponibilità ad aumentare ulteriormente il proprio impegno, con nuovi 50 milioni da mettere sul piatto, nel caso in cui la cessione della divisione rimorchiatori di Moby non dovesse avvenire al prezzo previsto nel piano. Non solo: altri 19 milioni sarebbero già pronti per rafforzare l’operazione di capitalizzazione. Infine Msc sarebbe anche disposta a garantire le unità del gruppo Onorato attualmente in costruzione in Cina, il cui arrivo è previsto per il prossimo anno. I creditori Moby e Cin si dovrebbero riunire i prossimi 20 e 27 giugno per votare la proposta di concordato preventivo ammessa dal tribunale fallimentare di Milano lo scorso aprile.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462520 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La crescita del fenomeno affitti brevi (e medi) fa aumentare in Europa la popolarità dell'asset class multifamily tra gli investitori istituzionali o privati, che si dimostrano sempre più interessati alle proprietà costituite da più appartamenti destinati totalmente alla locazione di vario tipo. In Europa questi rappresentano ormai il 17% del totale. In Italia si stima che la percentuale sia di poco oltre il 10%, ma con un trend di crescita sostenuto. Destinatari di tale offerta sono soprattutto società di relocation, giovani professionisti o lavoratori in trasferta, digital nomads, viaggiatori per periodi lunghi, ma anche famiglie per breve tempo. Ad affermarlo è uno studio della società di property management Halldis, per cui la gestione di asset multifamily rappresenta oltre il 30% del proprio fatturato. Nel dettaglio, nel nostro Paese sono circa 465 mila gli immobili residenziali immessi negli affitti brevi con licenze private, mentre 120 mila sono gestiti in maniera professionale da property manager (fonte: Scenari Immobiliari, 2023). Il giro d’affari degli affitti brevi complessivo è di 1,5 miliardi di euro. Le seconde case sono invece 14,6 milioni, di cui 8,1 milioni affittate o non disponibili e 6,5 milioni disponibili sul mercato (elaborazione dati Istat, 2021). A queste ultime, in particolare se ubicate in contesti di rigenerazione urbana dove la domanda di studenti e lavoratori fuori sede è elevata, guardano dunque gli investitori istituzionali o i fondi privati, per realizzare operazioni immobiliari e affidare spesso l’asset a società specializzate. Ben consolidata negli Stati Uniti, l'asset multifamily sta dunque crescendo anche in Europa, dove dovrebbe raggiungere un volume di investimenti vicino agli 80 miliardi di euro entro il 2025, con un aumento del 20% in cinque anni (fonte: “European multifamily housing report 2023” di Cbre), così come in Italia, dove la crescita prevista è appunto anche qui del 20% al 2025 (fonte: Halldis). In particolare, il mercato tedesco dell’asset multifamily tocca i 48 miliardi di euro, il danese i 7 miliardi e lo svedese gli 11 miliardi. “Il profilo di reddito del settore multifamily per il vacation rental e per la corporate hospitality – afferma Riccardo Di Carlo, product manager di Halldis – attrae un'ampia gamma di investitori, in quanto caratterizzato da pochi momenti di bassa redditività, grazie alla diversificazione del prodotto e alla complementarità delle offerte. Nella gestione di tali strutture, il property manager gioca un ruolo cardine agendo da collettore di diverse figure: dal building manager addetto al coordinamento di tutti i servizi facility all’asset manager, che verifica rendimenti e costi, fino al community manager. Tramite partnership aziendali nei palazzi che gestiamo a Roma, Bologna, Mestre, Ostuni e Gressoney-Saint-Jean, il rendimento delle prenotazioni è aumentato del 20%, e il costo operativo vede un importante ribasso essendo le attività tutte concentrate”. [post_title] => Halldis: cresce l'interesse di fondi e investitori istituzionali per l'asset class multifamily [post_date] => 2024-02-29T12:59:09+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709211549000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462502 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Trenord porta alla ribalta le proposte di Gite in treno con 'Il Treno dei Sapori': un viaggio a bordo di un treno turistico della metà del ‘900 che viaggia lungo la sponda bresciana del lago d’Iseo, vivendo un saporito momento eno-gastronomico. Naturalmente a km.0. «È un progetto che vede la sinergia tra Trenord, proprietaria del treno, e ToBe Incentive, il tour operator che si occupa di ogni aspetto della gestione: dalle prenotazioni, ai rapporti con fornitori, enti e realtà locali, all’organizzazione dei percorsi di scoperta del territorio. Si interfaccia anche con le adv - spiega Leonardo Cesarini, direttore commerciale di Trenord -. In questi anni Il Treno dei Sapori ha goduto di una spinta incredibile: è sempre pieno e bisogna prenotare con largo anticipo, anche grazie all’attenzione dei viaggiatori che provengono dai paesi nordici. Abbiamo grandi progetti e stiamo facendo importanti investimenti. Quattro anni fa era possibile mangiare a bordo di questo treno e stiamo lavorando per ottenere le approvazioni che consentano nuovamente di cucinare mentre il treno viaggia. Al momento l’aperitivo viene servito in viaggio, mentre il pranzo a treno fermo, a Iseo o a Pisogne. Valorizziamo così i prodotti della Franciacorta e della Valcamonica in una forma originale: a bordo del treno». «Cresce la tendenza a utilizzare il mezzo pubblico per un turismo sostenibile di prossimità. - prosegue infatti Nadia Baroncelli di ToBe Incentive -. Lavoriamo per il 70% con il mercato italiano e per il restante 30% con il mercato tedesco (Germania, Austria e Svizzera). Il Treno dei Sapori parte al mattino e rientra a fine giornata alla stazione di Iseo. Abbiamo 5,6 tour che si alternano durante la stagione, che va da metà febbraio fino a metà dicembre. La particolarità di questo treno è che a bordo vengono servite degustazioni di prodotti tipici della zona: dall’aperitivo fino al caffè. Sono previste anche delle visite guidate: gli ospiti scendono dal treno e scoprono luoghi di interesse storico e naturalistico, a partire dai borghi di Iseo e Pisogne, affacciati sul lago. In ogni percorso è poi prevista una visita pomeridiana differente. Il “Lago con gusto” è uno degli itinerari più apprezzati: unisce il treno all’escursione in battello sul lago e alla visita di Monteisola. Seguono poi in alternativa gli itinerari con visita al castello di Bornato, al Borgo Antico San Vitale con la sua meravigliosa distilleria e al Monastero di San Pietro in Lamosa, che si affaccia direttamente sulla Riserva Naturalistica delle Torbiere del Sebino». «Le aziende di trasporto pubblico e collettivo sono anche vettori turistici - conclude Cesarini -. Lo dimostrano i numeri: nel 2023 10,6 milioni di viaggiatori hanno utilizzato il treno nel tempo libero, di questi 46.000 hanno acquistato i biglietti integrati treno+esperienza, per gite verso mete turistiche e attività di svago in Lombardia. C’è stato un incremento del 32% rispetto al 2022». [gallery ids="462504,462505,462506"] [post_title] => Trenord: ecco il 'Treno dei Sapori' alla scoperta dei borghi e dei sapori della Lombardia [post_date] => 2024-02-29T12:38:34+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709210314000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462489 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono il 4 stelle hotel Atilius di Limone sul Garda e l'Artnatur Dolomites sull'Alpe di Siusi le due ultime new entry Blu Hotels. Il primo si prepara a riaprire a metà marzo affiancandosi al Royal Village, sempre a Limone sul Garda. La struttura si affaccia direttamente sulle acque del lago ed è circondata da un parco di 5 mila metri quadrati. Offre 61 camere e una piscina con vista. L'Artnatur Dolomites è un altro 4 stelle che riaprirà a maggio, in tempo per la prossima stagione estiva. Situato a mille metri di altitudine, include 42 camere arredate con cinque diversi tipi di legno altoatesino, il pino, l’abete rosso dell’Alpe di Siusi, il larice, la quercia e il noce che, combinati tra loro in base alle loro proprietà curative, creano un’atmosfera di benessere. A disposizione degli ospiti anche una piscina interna riscaldata e una vasca idromassaggio integrata. Una grande facciata panoramica in vetro porta inoltre la natura dentro la spa. La piscina esterna di acqua salata offre infine agli ospiti bagni rinfrescanti durante la stagione estiva. L’albergo fa parte dei Vitalpina Hotels Alto Adige. Entrambe le strutture faranno parte della Bh Collection: una selezione di indirizzi che spaziano dai boutique ai design hotel, fino agli alberghi business. “L’integrazione di questi due nuovi hotel conferma il nostro impegno, la nostra passione e il desiderio di crescita continua, con un’attenzione maggiore verso strutture sempre più esclusive, consapevoli di una clientela oggi più esigente e preparata”, sottolinea il presidente di Blu Hotels, Nicola Risatti. Il brand oggi comprende 30 differenti proprietà tra hotel e villaggi, per un totale di oltre 3.100 camere e più di 1 milione di presenze l'anno. [post_title] => Cresce l'offerta Blu Hotels con due strutture sul Garda e tra le Dolomiti [post_date] => 2024-02-29T11:35:31+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709206531000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462481 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tutto pronto in casa Lufthansa per il decollo di City Airlines, atteso per l'estate: confermate le prime destinazioni operate dall'aeroporto di Monaco e cioè Berlino, Amburgo, Brema, Düsseldorf, Colonia, Hannover e Birmingham, Bordeaux e Manchester. Nei mesi successivi, Lufthansa City Airlines amplierà gradualmente il network con altre destinazioni in Europa. Con l'ordine di 40 aeromobili Airbus A220-300 e di altre 20 opzioni di acquisto, il Gruppo Lufthansa ha dato un chiaro segnale per il futuro della nuova compagnia aerea. Il rafforzamento competitivo del network a corto raggio è essenziale per consolidare la posizione di mercato del gruppo e la crescita programmata delle rotte a lungo raggio di Lufthansa. I primi due dei quattro Airbus A319 che verranno impiegati quest'anno sono già stati verniciati con la nuova livrea Lufthansa City. I voli saranno prenotabili dalla fine di aprile attraverso tutti i canali di distribuzione Lufthansa. [post_title] => Lufthansa City Airlines scalda i motori: voli in vendita da fine aprile per 9 destinazioni [post_date] => 2024-02-29T11:00:15+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709204415000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462479 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_462480" align="alignleft" width="300"] Alessandra Priante[/caption] Alessandra Priante è il nuovo presidente di Enit spa. Già direttore europa dello Unwto, l’Agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di turismo a livello globale.  «Onorata - dichiara Alessandra Priante presidente Enit spa - del ruolo di grande responsabilità che mi viene riconosciuto e sono entusiasta di poter contribuire allo sviluppo e alla promozione del nostro meraviglioso Paese come destinazione turistica di eccellenza. Avremo l’obiettivo comune, sotto la regia del ministero del turismo e del ministro Daniela Santanchè, di valorizzare e promuovere le bellezze dell’Italia, al fine di attrarre un numero sempre maggiore di turisti provenienti da tutto il mondo. Per raggiungere questo obiettivo, mi impegnerò a collaborare con le istituzioni locali, le associazioni di categoria e gli operatori turistici, al fine di creare sinergie e promuovere un turismo sostenibile e responsabile. Inoltre, intendo puntare sull’innovazione e sulla digitalizzazione del settore turistico, per rendere l’Italia sempre più accessibile e attrattiva per i viaggiatori. Sarà mia priorità anche potenziare la formazione e la qualificazione professionale degli operatori turistici, al fine di offrire servizi di alta qualità e garantire un’esperienza indimenticabile ai visitatori. Mi impegnerò a promuovere la valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale del nostro Paese, per preservarlo e tramandarlo alle generazioni future. L’Italia ha tanto da offrire e sono convinta che, lavorando insieme, possiamo fare dell’Italia una destinazione turistica irrinunciabile. Grazie per la fiducia che mi avete dimostrato e sono sicuro che, con il vostro sostegno, riusciremo a raggiungere traguardi ambiziosi per il turismo italiano». «Con il nuovo presidente si completa l’iter di avvio della nuova struttura di Enit pronta a mettere in campo il nuovo assetto a servizio dell’Italia e della promozione dell’immagine dell'Italia nel mondo, lavoreremo insieme per poter dare sempre maggiore valore e dignità ad un lavoro complesso che richiede una narrazione differente. Ci concentreremo anche sugli aspetti di modernizzazione e di attualizzazione del comparto iniziandolo ad un approccio ancora più performante e professionalizzante» commenta Ivana Jelinic amministratore delegato di Enit dando il benvenuto al nuovo presidente. Si completa quindi il Consiglio di amministrazione di Enit composto così dal presidente Alessandra Priante, dall’amministratore delegato Ivana Jelinic e dal consigliere Sandro Pappalardo. [post_title] => Alessandra Priante è il nuovo presidente dell'Enit [post_date] => 2024-02-29T10:48:40+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709203720000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462445 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair rilancia da Pisa per l'estate con un network di 57 rotte, di cui cinque nuove per Kaunas, Porto, Tirana, Oslo-Torp e Zagabria e oltre 570 voli settimanali. La low cost irlandese posizionerà quindi un nuovo aeromobili al Galileo Galilei (investimento aggiuntivo di 100 milioni di dollari) portando la flotta totale basata a Pisa a 9 aeromobili - incluso 1 “Gamechanger” 8-200 (4% di posti in più, 16% di CO2 in meno) - e supportando oltre 2.300 posti di lavoro. Ryanair punta a trasportare oltre 2,8 milioni passeggeri per l’estate 2024, il+13% rispetto alla scorsa summer. "Da oltre 25 anni, Ryanair gioca un ruolo cruciale nello sviluppo e nella crescita dello scalo di Pisa - ha commentato Roberto Naldi, amministratore delegato di Toscana Aeroporti -. Gli annunci delle nuove rotte e l'arrivo di un nuovo aeromobile per la stagione estiva 2024 sottolineano, ancora una volta, l’interesse della compagnia a essere un partner strategico e affidabile e rinforzano la solida partnership con Toscana Aeroporti. Quanto annunciato oggi conferma il crescente impegno di Ryanair verso Pisa e ci spinge a continuare a fornire il miglior servizio possibile e a garantire la massima attrattività e competitività dello scalo anche attraverso il suo sviluppo infrastrutturale.” [post_title] => Ryanair: l'estate da Pisa conta 57 rotte di cui 5 nuove e un altro velivolo basato [post_date] => 2024-02-29T09:17:46+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709198266000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462412 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un manager italiano con una grandissima esperienza Usa. Non è un caso se Simone Farci è stato scelto per guidare il nuovo InterContinental Rome Ambasciatori Palace: la struttura che lo scorso maggio ha segnato il ritorno del brand di casa Ihg nella Città eterna. La rinascenza dell'ospitalità capitolina, con le tante aperture di pregio già avviate o in arrivo a breve, va infatti di pari passo con la ripresa della domanda Usa, letteralmente esplosa nel corso del 2023. L'importanza dei loyalty program "Indubitabilmente si tratta di un mercato molto importate per Roma - spiega lo stesso Farci, che arriva nella capitale dopo otto anni di esperienza alla guida di diverse strutture caraibiche di Ihg  -. Si tratta di una domanda che conosco bene. Certo, l'Italia è più distante dagli Stati Uniti rispetto al Centro America. Il target di clientela qui è perciò sicuramente un po' differente, ma le esigenze dei turisti a stelle e strisce sono spesso simili: sono ospiti abituati a determinati marchi, che si affidano molto ai loyalty program. E noi di Ihg da questo punto di vista siamo senz'altro una garanzia per loro". Il post-Covid, una svolta per l'offerta alberghiera capitolina I primi mesi al timone hanno già dato parecchie soddisfazioni al gm dell'Ambasciatori Palace: "Già a giugno e luglio abbiamo registrato numeri importanti, soprattutto se paragonati al nostro benchmark di riferimento. A distanza di una decina di minuti dal nostro hotel, tra via Veneto e dintorni, possiamo contare almeno su una trentina di strutture potenziali competitor, con un'offerta di ottimo livello". A Roma, d'altronde, il post-Covid ha segnato una vera e propria svolta della proposta alberghiera della capitale: "Sono arrivati parecchi fondi, che naturalmente cercano di massimizzare l'investimento. E questo di solito si può fare solo con i marchi di lusso. Già solo nella nostra zona si parla di ulteriori, numerose nuove aperture: brand come Rosewood, Nobu, Baccarat... La competizione inevitabilmente salirà, ma anche la domanda credo che aumenterà proporzionalmente". Aumentano i contratti di management e franchising L'internazionalizzazione dell'offerta alberghiera è peraltro un fenomeno che sta coinvolgendo da una quindicina d'anni l'intera penisola. Lo dimostra tra gli altri l'ultimo Chains Monitor elaborato da Thrends, che ha evidenziato come ormai le camere di catena abbiano superato il 20% del totale. E molte appartengono a brand esteri. "Sta crescendo il numero di proprietari e investitori disposti a legarsi ai grandi gruppi tramite contratti di management e franchising", aggiunge Farci, sottolineando una tendenza relativamente nuova per un mercato, quello tricolore, tradizionalmente refrattario a queste tipologie di accordi. La vitalità delle major dell'ospitalità è ben testimoniata dai dati concreti, con la stessa Ihg che nel 2023 ha visto i propri margini operativi superare per la prima volta nella propria storia il miliardo di dollari.   Migliora la qualità dell'offerta f&b romana In tale contesto, anche la stessa città di Roma sta facendo la propria parte: "Io ci avevo già vissuto per qualche tempo una quindicina di anni fa. L'ho trovata migliorata sotto molti punti di vista. L'incremento della domanda lusso ha dato una scossa generale all'organizzazione generale della città, che si è attivata per rendere la destinazione fruibile a tutti i tipi di turisti. E' cresciuta anche la qualità dell'offerta f&b, non più limitata ai soli ristoranti italiani e locali. Qui all'Ambasciatori Palace noi abbiamo per esempio deciso di affidarci a un brand internazionale come lo Scarpetta Nyc, sempre ovviamente con un occhio di riguardo al mercato Usa". Nel 2024 l'alta stagione inizierà con anticipo Per il 2024, infine, la Pasqua un po' più bassa del solito potrebbe favorire l'anticipo dell'alta stagione, destinata a durare sino ad agosto, con una coda importante a settembre e ottobre. "Non solo - conclude Farci -: nelle ultime tre settimane abbiamo registrato una forte richiesta dal mercato orientale, grazie soprattutto alla concomitanza con il Capodanno cinese. Reputo che un ruolo importante, nel futuro, lo giocheranno gli eventi in città. A partire dal Giubileo dell'anno prossimo, di cui beneficeranno tutte le strutture capitoline, dai 2 stelle in su. Da questo punto di vista credo davvero che Roma sia una destinazione unica al mondo".   [post_title] => Farci, InterContinental Rome: focus sul mercato Usa ma non solo [post_date] => 2024-02-28T13:03:49+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709125429000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462405 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_462406" align="alignleft" width="300"] Davide Rosi[/caption] Rivoluzione in casa Mister Holiday, che diventa Mrh Group accrescendo al contempo il proprio portfolio di nuove business unit. La novità è stata annunciata durante la convention del network, svoltasi a bordo della Costa Smeralda, durante il festival di Sanremo, alla quale ha partecipato il 90% delle agenzie affiliate, a tutt’oggi oltre 80 punti vendita. Mrh Group, che fa capo al gruppo Volonline, nasce dunque da una completa riorganizzazione della rete, che ha visto anche l’ingresso, in qualità di amministratore di Davide Rosi, che affiancherà Laura Sandrini e Fabio Bignotti. “La dimensione di Mister Holiday necessitava di un’ulteriore spinta alla crescita e di una presenza capillare in tutti i canali di distribuzione possibili al fine di raggiungere il consumatore finale - commenta lo stesso Rosi -. Il progetto è stato strutturato secondo alcune linee di business che vedono in primo piano una crescita della rete di agenzie fisiche in franchising e dei consulenti di viaggi, lo sviluppo di partnership commerciali, il presidio di canali e-commerce e social attraverso una divisione focalizzata sugli strumenti di nuova generazione e la formazione continua e puntuale”. Mrh Group è ora l’ombrello sotto il quale si trovano le business unit multicanale: Mister Holiday, rete di agenzie di viaggi con la formula di affiliazione in franchising e centrale di acquisto; Yodi, Your Destination Identity, rete di consulenti di viaggi senza agenzia fisica; Travel Life, business unit flessibile per presidiare il mondo digital e per adattarsi a nuovi modelli tecnologici e distributivi, Puoy e Uniqueborn, per lo sviluppo di viaggi di gruppo con esperti accompagnatori e viaggi per social traveller. “Tutte le business unit hanno importanti obiettivi di crescita da qui ai prossimi cinque anni - prosegue Rosi -. Nel breve-medio periodo contiamo di raggiungere le 200 agenzie di viaggi fisiche e di aumentare considerevolmente il numero dei consulenti di viaggi. Stiamo implementando diversi strumenti di marketing territoriale e tecnologici per sostenere sempre di più i punti vendita e i consulenti, rendendoli sempre più competitivi e preparati di fronte a un mercato e un cliente in continuo cambiamento”. Prevista pure l’istituzione di una Academy con corsi di formazione continua e una rete di promotori sul territorio, che lavoreranno a stretto contatto con le agenzie incentivando anche nuovi ingressi [post_title] => Volonline riorganizza la rete Mister Holiday che diventa Mrh Group [post_date] => 2024-02-28T12:09:46+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709122186000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462369 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => I principali aeroporti tedeschi rimarranno senza servizio aereo da oggi, mercoledì, fino a venerdì compreso, a causa di uno sciopero del personale di terra Lufthansa. Lo sciopero è la continuazione del conflitto che già il 20 febbraio aveva visto paralizzati otto aeroporti tedeschi di primo livello. Quella mobilitazione però non ha avvicinato le posizioni tra il sindacato Verdi e l'azienda, per cui è stata indetta nuovamente una protesta. Lufthansa afferma che dopo lo sciopero ha fatto una nuova offerta che ovviamente non è stata accettata. Michael Niggemann, responsabile delle risorse umane dell'azienda, ha spiegato che la proposta prevede un bonus di 3.000 euro per tutti i lavoratori come compensazione per l'inflazione, oltre ad un anticipo sugli aumenti salariali offerti. Offerta Per Verdi l'offerta è insufficiente e chiede o un aumento di 500 euro al mese per tutti i lavoratori, in modo lineare, oppure del 12,5%. Il prossimo ciclo di colloqui avrà luogo tra due settimane. Il clima dei negoziati è molto deteriorato. E, inoltre, coincide con altri conflitti di lavoro, alcuni dei quali nella stessa Lufthansa. L'ultimo sciopero ha colpito sostanzialmente tutti i principali aeroporti tedeschi, in particolare i due più grandi, Francoforte e Monaco. D'altro canto, gli aeroporti molto piccoli, dove solitamente volano compagnie low cost come Ryanair o Wizz Air, mantengono i loro servizi perché non sono serviti da Lufthansa. [post_title] => Lufthansa: sciopero del personale di terra fino a venerdì. Scali bloccati [post_date] => 2024-02-28T10:04:30+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709114670000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "msc cresce limpegno sul fronte moby pronti altri 69 mln" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":43,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":3505,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462520","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La crescita del fenomeno affitti brevi (e medi) fa aumentare in Europa la popolarità dell'asset class multifamily tra gli investitori istituzionali o privati, che si dimostrano sempre più interessati alle proprietà costituite da più appartamenti destinati totalmente alla locazione di vario tipo. In Europa questi rappresentano ormai il 17% del totale. In Italia si stima che la percentuale sia di poco oltre il 10%, ma con un trend di crescita sostenuto. Destinatari di tale offerta sono soprattutto società di relocation, giovani professionisti o lavoratori in trasferta, digital nomads, viaggiatori per periodi lunghi, ma anche famiglie per breve tempo. Ad affermarlo è uno studio della società di property management Halldis, per cui la gestione di asset multifamily rappresenta oltre il 30% del proprio fatturato.\r\n\r\nNel dettaglio, nel nostro Paese sono circa 465 mila gli immobili residenziali immessi negli affitti brevi con licenze private, mentre 120 mila sono gestiti in maniera professionale da property manager (fonte: Scenari Immobiliari, 2023). Il giro d’affari degli affitti brevi complessivo è di 1,5 miliardi di euro. Le seconde case sono invece 14,6 milioni, di cui 8,1 milioni affittate o non disponibili e 6,5 milioni disponibili sul mercato (elaborazione dati Istat, 2021). A queste ultime, in particolare se ubicate in contesti di rigenerazione urbana dove la domanda di studenti e lavoratori fuori sede è elevata, guardano dunque gli investitori istituzionali o i fondi privati, per realizzare operazioni immobiliari e affidare spesso l’asset a società specializzate.\r\n\r\nBen consolidata negli Stati Uniti, l'asset multifamily sta dunque crescendo anche in Europa, dove dovrebbe raggiungere un volume di investimenti vicino agli 80 miliardi di euro entro il 2025, con un aumento del 20% in cinque anni (fonte: “European multifamily housing report 2023” di Cbre), così come in Italia, dove la crescita prevista è appunto anche qui del 20% al 2025 (fonte: Halldis). In particolare, il mercato tedesco dell’asset multifamily tocca i 48 miliardi di euro, il danese i 7 miliardi e lo svedese gli 11 miliardi. “Il profilo di reddito del settore multifamily per il vacation rental e per la corporate hospitality – afferma Riccardo Di Carlo, product manager di Halldis – attrae un'ampia gamma di investitori, in quanto caratterizzato da pochi momenti di bassa redditività, grazie alla diversificazione del prodotto e alla complementarità delle offerte. Nella gestione di tali strutture, il property manager gioca un ruolo cardine agendo da collettore di diverse figure: dal building manager addetto al coordinamento di tutti i servizi facility all’asset manager, che verifica rendimenti e costi, fino al community manager. Tramite partnership aziendali nei palazzi che gestiamo a Roma, Bologna, Mestre, Ostuni e Gressoney-Saint-Jean, il rendimento delle prenotazioni è aumentato del 20%, e il costo operativo vede un importante ribasso essendo le attività tutte concentrate”.","post_title":"Halldis: cresce l'interesse di fondi e investitori istituzionali per l'asset class multifamily","post_date":"2024-02-29T12:59:09+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709211549000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462502","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\nTrenord porta alla ribalta le proposte di Gite in treno con 'Il Treno dei Sapori': un viaggio a bordo di un treno turistico della metà del ‘900 che viaggia lungo la sponda bresciana del lago d’Iseo, vivendo un saporito momento eno-gastronomico. Naturalmente a km.0.\r\n\r\n«È un progetto che vede la sinergia tra Trenord, proprietaria del treno, e ToBe Incentive, il tour operator che si occupa di ogni aspetto della gestione: dalle prenotazioni, ai rapporti con fornitori, enti e realtà locali, all’organizzazione dei percorsi di scoperta del territorio. Si interfaccia anche con le adv - spiega Leonardo Cesarini, direttore commerciale di Trenord -. In questi anni Il Treno dei Sapori ha goduto di una spinta incredibile: è sempre pieno e bisogna prenotare con largo anticipo, anche grazie all’attenzione dei viaggiatori che provengono dai paesi nordici. Abbiamo grandi progetti e stiamo facendo importanti investimenti. Quattro anni fa era possibile mangiare a bordo di questo treno e stiamo lavorando per ottenere le approvazioni che consentano nuovamente di cucinare mentre il treno viaggia. Al momento l’aperitivo viene servito in viaggio, mentre il pranzo a treno fermo, a Iseo o a Pisogne. Valorizziamo così i prodotti della Franciacorta e della Valcamonica in una forma originale: a bordo del treno».\r\n\r\n«Cresce la tendenza a utilizzare il mezzo pubblico per un turismo sostenibile di prossimità. - prosegue infatti Nadia Baroncelli di ToBe Incentive -. Lavoriamo per il 70% con il mercato italiano e per il restante 30% con il mercato tedesco (Germania, Austria e Svizzera). Il Treno dei Sapori parte al mattino e rientra a fine giornata alla stazione di Iseo. Abbiamo 5,6 tour che si alternano durante la stagione, che va da metà febbraio fino a metà dicembre. La particolarità di questo treno è che a bordo vengono servite degustazioni di prodotti tipici della zona: dall’aperitivo fino al caffè. Sono previste anche delle visite guidate: gli ospiti scendono dal treno e scoprono luoghi di interesse storico e naturalistico, a partire dai borghi di Iseo e Pisogne, affacciati sul lago. In ogni percorso è poi prevista una visita pomeridiana differente. Il “Lago con gusto” è uno degli itinerari più apprezzati: unisce il treno all’escursione in battello sul lago e alla visita di Monteisola. Seguono poi in alternativa gli itinerari con visita al castello di Bornato, al Borgo Antico San Vitale con la sua meravigliosa distilleria e al Monastero di San Pietro in Lamosa, che si affaccia direttamente sulla Riserva Naturalistica delle Torbiere del Sebino».\r\n\r\n«Le aziende di trasporto pubblico e collettivo sono anche vettori turistici - conclude Cesarini -. Lo dimostrano i numeri: nel 2023 10,6 milioni di viaggiatori hanno utilizzato il treno nel tempo libero, di questi 46.000 hanno acquistato i biglietti integrati treno+esperienza, per gite verso mete turistiche e attività di svago in Lombardia. C’è stato un incremento del 32% rispetto al 2022».\r\n\r\n[gallery ids=\"462504,462505,462506\"]","post_title":"Trenord: ecco il 'Treno dei Sapori' alla scoperta dei borghi e dei sapori della Lombardia","post_date":"2024-02-29T12:38:34+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709210314000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462489","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono il 4 stelle hotel Atilius di Limone sul Garda e l'Artnatur Dolomites sull'Alpe di Siusi le due ultime new entry Blu Hotels. Il primo si prepara a riaprire a metà marzo affiancandosi al Royal Village, sempre a Limone sul Garda. La struttura si affaccia direttamente sulle acque del lago ed è circondata da un parco di 5 mila metri quadrati. Offre 61 camere e una piscina con vista.\r\n\r\nL'Artnatur Dolomites è un altro 4 stelle che riaprirà a maggio, in tempo per la prossima stagione estiva. Situato a mille metri di altitudine, include 42 camere arredate con cinque diversi tipi di legno altoatesino, il pino, l’abete rosso dell’Alpe di Siusi, il larice, la quercia e il noce che, combinati tra loro in base alle loro proprietà curative, creano un’atmosfera di benessere. A disposizione degli ospiti anche una piscina interna riscaldata e una vasca idromassaggio integrata. Una grande facciata panoramica in vetro porta inoltre la natura dentro la spa. La piscina esterna di acqua salata offre infine agli ospiti bagni rinfrescanti durante la stagione estiva. L’albergo fa parte dei Vitalpina Hotels Alto Adige.\r\n\r\nEntrambe le strutture faranno parte della Bh Collection: una selezione di indirizzi che spaziano dai boutique ai design hotel, fino agli alberghi business. “L’integrazione di questi due nuovi hotel conferma il nostro impegno, la nostra passione e il desiderio di crescita continua, con un’attenzione maggiore verso strutture sempre più esclusive, consapevoli di una clientela oggi più esigente e preparata”, sottolinea il presidente di Blu Hotels, Nicola Risatti. Il brand oggi comprende 30 differenti proprietà tra hotel e villaggi, per un totale di oltre 3.100 camere e più di 1 milione di presenze l'anno.","post_title":"Cresce l'offerta Blu Hotels con due strutture sul Garda e tra le Dolomiti","post_date":"2024-02-29T11:35:31+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709206531000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462481","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tutto pronto in casa Lufthansa per il decollo di City Airlines, atteso per l'estate: confermate le prime destinazioni operate dall'aeroporto di Monaco e cioè Berlino, Amburgo, Brema, Düsseldorf, Colonia, Hannover e Birmingham, Bordeaux e Manchester. Nei mesi successivi, Lufthansa City Airlines amplierà gradualmente il network con altre destinazioni in Europa.\r\n\r\nCon l'ordine di 40 aeromobili Airbus A220-300 e di altre 20 opzioni di acquisto, il Gruppo Lufthansa ha dato un chiaro segnale per il futuro della nuova compagnia aerea. Il rafforzamento competitivo del network a corto raggio è essenziale per consolidare la posizione di mercato del gruppo e la crescita programmata delle rotte a lungo raggio di Lufthansa.\r\n\r\nI primi due dei quattro Airbus A319 che verranno impiegati quest'anno sono già stati verniciati con la nuova livrea Lufthansa City.\r\n\r\nI voli saranno prenotabili dalla fine di aprile attraverso tutti i canali di distribuzione Lufthansa.","post_title":"Lufthansa City Airlines scalda i motori: voli in vendita da fine aprile per 9 destinazioni","post_date":"2024-02-29T11:00:15+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709204415000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462479","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_462480\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Alessandra Priante[/caption]\r\n\r\nAlessandra Priante è il nuovo presidente di Enit spa. Già direttore europa dello Unwto, l’Agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di turismo a livello globale. \r\n\r\n«Onorata - dichiara Alessandra Priante presidente Enit spa - del ruolo di grande responsabilità che mi viene riconosciuto e sono entusiasta di poter contribuire allo sviluppo e alla promozione del nostro meraviglioso Paese come destinazione turistica di eccellenza.\r\nAvremo l’obiettivo comune, sotto la regia del ministero del turismo e del ministro Daniela Santanchè, di valorizzare e promuovere le bellezze dell’Italia, al fine di attrarre un numero sempre maggiore di turisti provenienti da tutto il mondo. Per raggiungere questo obiettivo, mi impegnerò a collaborare con le istituzioni locali, le associazioni di categoria e gli operatori turistici, al fine di creare sinergie e promuovere un turismo sostenibile e responsabile.\r\n\r\nInoltre, intendo puntare sull’innovazione e sulla digitalizzazione del settore turistico, per rendere l’Italia sempre più accessibile e attrattiva per i viaggiatori. Sarà mia priorità anche potenziare la formazione e la qualificazione professionale degli operatori turistici, al fine di offrire servizi di alta qualità e garantire un’esperienza indimenticabile ai visitatori. Mi impegnerò a promuovere la valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale del nostro Paese, per preservarlo e tramandarlo alle generazioni future. L’Italia ha tanto da offrire e sono convinta che, lavorando insieme, possiamo fare dell’Italia una destinazione turistica irrinunciabile. Grazie per la fiducia che mi avete dimostrato e sono sicuro che, con il vostro sostegno, riusciremo a raggiungere traguardi ambiziosi per il turismo italiano».\r\n\r\n«Con il nuovo presidente si completa l’iter di avvio della nuova struttura di Enit pronta a mettere in campo il nuovo assetto a servizio dell’Italia e della promozione dell’immagine dell'Italia nel mondo, lavoreremo insieme per poter dare sempre maggiore valore e dignità ad un lavoro complesso che richiede una narrazione differente. Ci concentreremo anche sugli aspetti di modernizzazione e di attualizzazione del comparto iniziandolo ad un approccio ancora più performante e professionalizzante» commenta Ivana Jelinic amministratore delegato di Enit dando il benvenuto al nuovo presidente.\r\nSi completa quindi il Consiglio di amministrazione di Enit composto così dal presidente Alessandra Priante, dall’amministratore delegato Ivana Jelinic e dal consigliere Sandro Pappalardo.","post_title":"Alessandra Priante è il nuovo presidente dell'Enit","post_date":"2024-02-29T10:48:40+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1709203720000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462445","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ryanair rilancia da Pisa per l'estate con un network di 57 rotte, di cui cinque nuove per Kaunas, Porto, Tirana, Oslo-Torp e Zagabria e oltre 570 voli settimanali.\r\n\r\nLa low cost irlandese posizionerà quindi un nuovo aeromobili al Galileo Galilei (investimento aggiuntivo di 100 milioni di dollari) portando la flotta totale basata a Pisa a 9 aeromobili - incluso 1 “Gamechanger” 8-200 (4% di posti in più, 16% di CO2 in meno) - e supportando oltre 2.300 posti di lavoro.\r\n\r\nRyanair punta a trasportare oltre 2,8 milioni passeggeri per l’estate 2024, il+13% rispetto alla scorsa summer.\r\n\r\n\"Da oltre 25 anni, Ryanair gioca un ruolo cruciale nello sviluppo e nella crescita dello scalo di Pisa - ha commentato Roberto Naldi, amministratore delegato di Toscana Aeroporti -. Gli annunci delle nuove rotte e l'arrivo di un nuovo aeromobile per la stagione estiva 2024 sottolineano, ancora una volta, l’interesse della compagnia a essere un partner strategico e affidabile e rinforzano la solida partnership con Toscana Aeroporti. Quanto annunciato oggi conferma il crescente impegno di Ryanair verso Pisa e ci spinge a continuare a fornire il miglior servizio possibile e a garantire la massima attrattività e competitività dello scalo anche attraverso il suo sviluppo infrastrutturale.”","post_title":"Ryanair: l'estate da Pisa conta 57 rotte di cui 5 nuove e un altro velivolo basato","post_date":"2024-02-29T09:17:46+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709198266000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462412","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un manager italiano con una grandissima esperienza Usa. Non è un caso se Simone Farci è stato scelto per guidare il nuovo InterContinental Rome Ambasciatori Palace: la struttura che lo scorso maggio ha segnato il ritorno del brand di casa Ihg nella Città eterna. La rinascenza dell'ospitalità capitolina, con le tante aperture di pregio già avviate o in arrivo a breve, va infatti di pari passo con la ripresa della domanda Usa, letteralmente esplosa nel corso del 2023.\r\n\r\nL'importanza dei loyalty program\r\n\r\n\"Indubitabilmente si tratta di un mercato molto importate per Roma - spiega lo stesso Farci, che arriva nella capitale dopo otto anni di esperienza alla guida di diverse strutture caraibiche di Ihg  -. Si tratta di una domanda che conosco bene. Certo, l'Italia è più distante dagli Stati Uniti rispetto al Centro America. Il target di clientela qui è perciò sicuramente un po' differente, ma le esigenze dei turisti a stelle e strisce sono spesso simili: sono ospiti abituati a determinati marchi, che si affidano molto ai loyalty program. E noi di Ihg da questo punto di vista siamo senz'altro una garanzia per loro\".\r\n\r\nIl post-Covid, una svolta per l'offerta alberghiera capitolina\r\n\r\nI primi mesi al timone hanno già dato parecchie soddisfazioni al gm dell'Ambasciatori Palace: \"Già a giugno e luglio abbiamo registrato numeri importanti, soprattutto se paragonati al nostro benchmark di riferimento. A distanza di una decina di minuti dal nostro hotel, tra via Veneto e dintorni, possiamo contare almeno su una trentina di strutture potenziali competitor, con un'offerta di ottimo livello\". A Roma, d'altronde, il post-Covid ha segnato una vera e propria svolta della proposta alberghiera della capitale: \"Sono arrivati parecchi fondi, che naturalmente cercano di massimizzare l'investimento. E questo di solito si può fare solo con i marchi di lusso. Già solo nella nostra zona si parla di ulteriori, numerose nuove aperture: brand come Rosewood, Nobu, Baccarat... La competizione inevitabilmente salirà, ma anche la domanda credo che aumenterà proporzionalmente\".\r\n\r\nAumentano i contratti di management e franchising\r\n\r\nL'internazionalizzazione dell'offerta alberghiera è peraltro un fenomeno che sta coinvolgendo da una quindicina d'anni l'intera penisola. Lo dimostra tra gli altri l'ultimo Chains Monitor elaborato da Thrends, che ha evidenziato come ormai le camere di catena abbiano superato il 20% del totale. E molte appartengono a brand esteri. \"Sta crescendo il numero di proprietari e investitori disposti a legarsi ai grandi gruppi tramite contratti di management e franchising\", aggiunge Farci, sottolineando una tendenza relativamente nuova per un mercato, quello tricolore, tradizionalmente refrattario a queste tipologie di accordi. La vitalità delle major dell'ospitalità è ben testimoniata dai dati concreti, con la stessa Ihg che nel 2023 ha visto i propri margini operativi superare per la prima volta nella propria storia il miliardo di dollari.  \r\n\r\nMigliora la qualità dell'offerta f&b romana\r\n\r\nIn tale contesto, anche la stessa città di Roma sta facendo la propria parte: \"Io ci avevo già vissuto per qualche tempo una quindicina di anni fa. L'ho trovata migliorata sotto molti punti di vista. L'incremento della domanda lusso ha dato una scossa generale all'organizzazione generale della città, che si è attivata per rendere la destinazione fruibile a tutti i tipi di turisti. E' cresciuta anche la qualità dell'offerta f&b, non più limitata ai soli ristoranti italiani e locali. Qui all'Ambasciatori Palace noi abbiamo per esempio deciso di affidarci a un brand internazionale come lo Scarpetta Nyc, sempre ovviamente con un occhio di riguardo al mercato Usa\".\r\n\r\nNel 2024 l'alta stagione inizierà con anticipo\r\n\r\nPer il 2024, infine, la Pasqua un po' più bassa del solito potrebbe favorire l'anticipo dell'alta stagione, destinata a durare sino ad agosto, con una coda importante a settembre e ottobre. \"Non solo - conclude Farci -: nelle ultime tre settimane abbiamo registrato una forte richiesta dal mercato orientale, grazie soprattutto alla concomitanza con il Capodanno cinese. Reputo che un ruolo importante, nel futuro, lo giocheranno gli eventi in città. A partire dal Giubileo dell'anno prossimo, di cui beneficeranno tutte le strutture capitoline, dai 2 stelle in su. Da questo punto di vista credo davvero che Roma sia una destinazione unica al mondo\".\r\n\r\n ","post_title":"Farci, InterContinental Rome: focus sul mercato Usa ma non solo","post_date":"2024-02-28T13:03:49+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1709125429000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462405","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_462406\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Davide Rosi[/caption]\r\n\r\nRivoluzione in casa Mister Holiday, che diventa Mrh Group accrescendo al contempo il proprio portfolio di nuove business unit. La novità è stata annunciata durante la convention del network, svoltasi a bordo della Costa Smeralda, durante il festival di Sanremo, alla quale ha partecipato il 90% delle agenzie affiliate, a tutt’oggi oltre 80 punti vendita. Mrh Group, che fa capo al gruppo Volonline, nasce dunque da una completa riorganizzazione della rete, che ha visto anche l’ingresso, in qualità di amministratore di Davide Rosi, che affiancherà Laura Sandrini e Fabio Bignotti.\r\n“La dimensione di Mister Holiday necessitava di un’ulteriore spinta alla crescita e di una presenza capillare in tutti i canali di distribuzione possibili al fine di raggiungere il consumatore finale - commenta lo stesso Rosi -. Il progetto è stato strutturato secondo alcune linee di business che vedono in primo piano una crescita della rete di agenzie fisiche in franchising e dei consulenti di viaggi, lo sviluppo di partnership commerciali, il presidio di canali e-commerce e social attraverso una divisione focalizzata sugli strumenti di nuova generazione e la formazione continua e puntuale”.\r\n\r\nMrh Group è ora l’ombrello sotto il quale si trovano le business unit multicanale: Mister Holiday, rete di agenzie di viaggi con la formula di affiliazione in franchising e centrale di acquisto; Yodi, Your Destination Identity, rete di consulenti di viaggi senza agenzia fisica; Travel Life, business unit flessibile per presidiare il mondo digital e per adattarsi a nuovi modelli tecnologici e distributivi, Puoy e Uniqueborn, per lo sviluppo di viaggi di gruppo con esperti accompagnatori e viaggi per social traveller.\r\n\r\n“Tutte le business unit hanno importanti obiettivi di crescita da qui ai prossimi cinque anni - prosegue Rosi -. Nel breve-medio periodo contiamo di raggiungere le 200 agenzie di viaggi fisiche e di aumentare considerevolmente il numero dei consulenti di viaggi. Stiamo implementando diversi strumenti di marketing territoriale e tecnologici per sostenere sempre di più i punti vendita e i consulenti, rendendoli sempre più competitivi e preparati di fronte a un mercato e un cliente in continuo cambiamento”. Prevista pure l’istituzione di una Academy con corsi di formazione continua e una rete di promotori sul territorio, che lavoreranno a stretto contatto con le agenzie incentivando anche nuovi ingressi","post_title":"Volonline riorganizza la rete Mister Holiday che diventa Mrh Group","post_date":"2024-02-28T12:09:46+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1709122186000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462369","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"I principali aeroporti tedeschi rimarranno senza servizio aereo da oggi, mercoledì, fino a venerdì compreso, a causa di uno sciopero del personale di terra Lufthansa.\r\n\r\nLo sciopero è la continuazione del conflitto che già il 20 febbraio aveva visto paralizzati otto aeroporti tedeschi di primo livello. Quella mobilitazione però non ha avvicinato le posizioni tra il sindacato Verdi e l'azienda, per cui è stata indetta nuovamente una protesta.\r\n\r\nLufthansa afferma che dopo lo sciopero ha fatto una nuova offerta che ovviamente non è stata accettata. Michael Niggemann, responsabile delle risorse umane dell'azienda, ha spiegato che la proposta prevede un bonus di 3.000 euro per tutti i lavoratori come compensazione per l'inflazione, oltre ad un anticipo sugli aumenti salariali offerti.\r\nOfferta\r\nPer Verdi l'offerta è insufficiente e chiede o un aumento di 500 euro al mese per tutti i lavoratori, in modo lineare, oppure del 12,5%.\r\n\r\nIl prossimo ciclo di colloqui avrà luogo tra due settimane. Il clima dei negoziati è molto deteriorato. E, inoltre, coincide con altri conflitti di lavoro, alcuni dei quali nella stessa Lufthansa.\r\n\r\nL'ultimo sciopero ha colpito sostanzialmente tutti i principali aeroporti tedeschi, in particolare i due più grandi, Francoforte e Monaco. D'altro canto, gli aeroporti molto piccoli, dove solitamente volano compagnie low cost come Ryanair o Wizz Air, mantengono i loro servizi perché non sono serviti da Lufthansa.","post_title":"Lufthansa: sciopero del personale di terra fino a venerdì. Scali bloccati","post_date":"2024-02-28T10:04:30+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1709114670000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti