15 April 2024

Giver torna (quasi) ai volumi pre-Covid e pianifica il cambio d’immagine

[ 0 ]

Giver festeggia i propri primi 75 anni, celebrando il tanto agognato ritorno ai volumi pre-Covid, grazie a un 2023 che ha fatto segnare una crescita dei passeggeri del 36%  rispetto al 2023. “Il tutto, al netto dei 2 mila crocieristi all’anno che salpavano sui nostri dieci itinerari in programmazione tra San Pietroburgo e Mosca”, ci tiene a precisare Andrea Carraro, a margine dell’evento organizzato ieri sera nella suggestiva location genovese della terrazza Colombo in occasione dello storico compleanno. “Nonostante le ottime performance di tutte le altre nostre destinazioni, la Russia insomma ci manca ancora– ha proseguito il responsabile marketing e comunicazione del to -. Ci sono stati persino momenti in cui noleggiavamo una nave suppletiva sulla tratta Mosca – San Pietroburgo. E in Ucraina organizzavamo anche crociere tra Kiev e Istanbul”.

A trainare i numeri di Giver l’anno scorso sono state sicuramente le partenze legate al Grande Nord di Babbo Natale. “Ma anche le nostre crociere fluviali primaverili sono già sold-out da dicembre, così come molto bene stanno andando le proposte per il prossimo Capodanno. E abbiamo disponibilità esaurite pure per l’estate in arrivo“. Tra le novità del 2024 ci sono in particolare le crociere sulla Loira, che si aggiungono a quelle in programmazione su Danubio, Reno, Douro, Rodano ed Elba. Ma sarà con ogni probabilità il 2025 l’anno dei grandi cambiamenti: Giver sta infatti ragionando sul lancio di un nuovo sito, parte di un progetto più vasto di rivisitazione dell’intera identità corporate.

 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465425 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nel solco del processo di riorganizzazione societaria appena annunciato dal gruppo Gattinoni, la compagnia con sede a Milano ha accolto in squadra Piergiulio Donzelli, in qualità di amministratore delegato della nuova divisione Business travel. "E' per me un privilegio poter contribuire a far crescere ulteriormente quest'area dell'azienda - spiega lo stesso Donzelli -. La sfida è stimolante sotto molteplici aspetti, non ultimo quello che riguarda il completamento della fusione con la ex BtExpert acquisita da Robintur. Il mondo del business travel è cambiato in maniera profonda negli ultimi dieci - quindici anni. Ma nell'era post-Covid l’accelerazione è stata vertiginosa. Le aspettative dei clienti oggi sono molto diverse e anche le relazioni con i fornitori si sono trasformate. A partire dalla variabile tecnologia, che non è più un gadget ma è diventate parte fondante della nostra proposizione di valore. Per le dmc l’occasione è unica. E Gattinoni è il posto ideale in cui sfruttare le nuove opportunità di mercato: abbiamo infatti numerosi progetti e investimenti tecnologici già avviati, che saranno ulteriormente rafforzati". Dopo la laurea in economia e commercio, Donzelli si specializza nel settore travel fino ad arrivare ai vertici di due importanti realtà del settore, che ha guidato nella fase di sviluppo e trasformazione sia in Italia sia all’estero. A partire da Uvet, dove dalla fine degli anni '90 ha contribuito allo sviluppo dell’azienda, inizialmente in veste di direttore operativo e quindi di direttore generale di diverse società del gruppo, gestendo ambiti strategici, con particolare focus su It e business travel, incluse le controllate estere e il network, oltre alle attività di vendita online. Successivamente la sua carriera si è sviluppata in Blueteam come amministratore delegato e direttore generale, gestendo la fusione di tutte le controllate e svolgendo un ruolo determinante nel processo di acquisizione da parte del gruppo Aci, che lo ha confermato alla guida per quattro anni, con l’obiettivo di guidare la trasformazione dell’azienda verso un modello manageriale sia in Italia, sia negli Stati Uniti. [post_title] => Rivoluzione Gattinoni 3: Piergiulio Donzelli nuovo a.d. della divisione Business travel [post_date] => 2024-04-12T11:58:28+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712923108000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465407 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air Transat torna nei cieli di Roma con la riapertura dei voli estivi: dal 16 aprile decolleranno i diretti da Fiumicino a Montréal e, dal successivo 3 maggio, quelli per Toronto, ampliando le possibilità per i passeggeri di raggiungere comodamente da #Roma il Canada e il Nord America fino ad ottobre 2024. «Air Transat conferma ogni anno di più l’impegno sull’Italia, offrendo voli diretti per raggiungere la vivace città di Montréal, in Québec e offrendo voli diretti per raggiungere Toronto, metropoli dalle mille attrazioni e classificata tra le prime città più vivibili al mondo e porta di ingresso per i parchi canadesi -  commenta Tiziana Della Serra, md di Rephouse Gsa, che rappresenta il vettore canadese nel nostro Paese -. I voli per Montréal ripartono martedì 16 aprile 2024 con 1 volo a settimana il martedì ad aprile, 4 voli a settimana a maggio il martedì, giovedì, sabato e lunedì e dal 16 giugno i voli diventano quotidiani.  Invece, i voli per Toronto ripartono venerdì 3 maggio 2024 offrendo 5 voli a settimana venerdì, domenica, lunedì, martedì e mercoledì, e dal 13 giugno 7 voli a settimana tutti i giorni. Tutti i voli da Roma per Montréal e Toronto decollano tra le ore 12:00 e le 14:00 e sono stati pianificati per ottimizzare l’ampia connettività del network sia in Nord America che verso altre destinazioni. Tutti i voli sono disponibili in tutti i gds». I collegamenti Italia-Canada di Air Transat vengono operati con Airbus A330-200 o Airbus 330-300 e sono stati pianificati per ottimizzare l’ampia connettività del network sia in Nord America che verso altre destinazioni. [post_title] => Air Transat: countdown per la ripartenza dei voli da Roma per Montréal e Toronto [post_date] => 2024-04-12T10:51:51+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712919111000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465341 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un giro d'affari di quasi 700 milioni di euro (precisamente 686,9 mln), per una crescita del 40% sull'anno precedente, con la sezione travel che ha contribuito con 295 mln (+40,1%), quella business travel con 254 mln (+3.,2%), gli eventi con 61 mln (+71,8%), più le società partecipate e controllate che hanno pesato per 76,9 mln (+51,6%). Il tutto corroborato da margini operativi lordi per 14,62 milioni, pari al 40% in più rispetto all'obiettivo di budget originario. Sono i numeri del 2023 di Gattinoni, a cui si devono inoltre aggiungere i 922 milioni del network (+33,4%). "Dopo l'acquisizione nel 2022 di Robintur e la coda lunga della pandemia, lo scorso è stato il primo anno in cui abbiamo potuto tracciare un bilancio completo - spiega il presidente e amministratore delegato, Franco Gattinoni - Si tratta di cifre importanti. E proprio per questo abbiamo deciso che fosse venuto il momento di mettere mano all'organizzazione: semplificandola per continuare a crescere". Da qui la decisione di creare tre distinte aree di business che opereranno tutte sotto la supervisione della capogruppo: travel (prodotto e agenzie), business travel ed events. La semplificazione riguarderà peraltro anche l’aspetto societario: l'idea è infatti di raggruppare le numerose aziende del gruppo in tre sole realtà: "Dal 1°gennaio 2025 avremo una società per ciascuna delle nostre business unit, nelle quali  confluiranno progressivamente tutte le altre", sottolinea Gattinoni. L'obiettivo è quella di dare la massima importanza a ognuna delle nostre specializzazioni, nella consapevolezza che abbiano necessità sia sinergiche, sia distinte e specifiche per ciascun segmento di mercato". A tal fine sono stati quindi nominati tre nuovi amministratore delegati: per la divisione Gattinoni Travel diventa a.d. Mario Vercesi, già direttore prodotto e regista della piattaforma tecnologica; Gattinoni Events riconferma al timone la già managing director, Elisa Presutti, mentre la divisione Business Travel si avvarrà del nuovo ingresso di Piergiulio Donzelli, che curerà il completamento della fusione fra Gattinoni Business Travel e BtExpert. Alla luce di tali cambiamenti, anche il resto dell'organigramma societario varia leggermente con una serie di conferme e alcune new entry: il cda della capogruppo è in particolare ora composto da Franco Gattinoni, presidente, Stefano Dall'Ara, vicepresidente (senza incarichi operativi, per dare continuità al retaggio Robintur, ndr), nonché Sergio Testi, Amanda Shupbach e Valeria Vaghi, consiglieri. La stessa Valeria Vaghi è poi chief financial officer, mentre responsabile del controllo di gestione e compliance è Claudio Passuti, al timone della divisione risorse umane c'è Amanda Shupbach, all'It e servizi generali, Mattia Tieghi, e al marketing, comunicazione e digital, Isabella Maggi. Infine una parola sul budget 2024: "L'anno in corso ci vedrà impegnati in questo importante processo di riorganizzazione e consolidamento, con la conclusione della fase d'integrazione con Robintur - conclude Gattinoni -. Ma prevediamo comunque di proseguire lungo il nostro percorso di espansione, stimando un incremento del giro d'affari del 12% circa, sino a quota 774,3 milioni. Salirà anche l'ebitda di una percentuale ancora maggiore. Anzi, proprio la riorganizzazione in corso mira tra le altre cose a supportare una crescita delle marginalità, puntando ad allinearle a quelle di altri settori merceologici tradizionalmente più profittevoli del mondo travel".   [post_title] => Rivoluzione Gattinoni che si riorganizza in tre business unit [post_date] => 2024-04-11T13:56:54+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712843814000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465322 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Gran Bretagna si conferma destinazione prediletta per i turisti italiani, e neppure le problematiche legate all'ottenimento dei passaporti nel nostro Paese sembrano influenzare le scelte dei nostri connazionali.  «Una eventuale 'limitazione' potrebbe essere vista in termini di costi - spiega Silvia Bocciarelli, communication manager di VisitBritain Italia (nella foto) -: sicuramente per una famiglia con magari figli piccoli l'iter risulta più complesso come tempi e impegnativo economicamente. Anche per questo attualmente il target cui ci rivolgiamo principalmente è quello di coppie o magari gruppi di amici, di età fra i 30 e i 45 anni, che tendenzialmente sono già in possesso del documento». Le previsioni 2024 puntano ad accogliere 2 milioni di visitatori dall'Italia - il 90% del volume 2019 - con una spesa di 1,2 miliardi di sterline (il 6% in più rispetto al 2019): in pratica è atteso per il 2025 il ritorno del mercato italiano ai numeri pre-Covid. I focus della promozione per il 2024 si concentrano sul «turismo cinematografico, oggetto di una campagna specifica che - benché non includerà l'Italia - troverà grande visibilità»; sulla sostenibilità, oggetto di grandi attenzioni da parte di VisitBritain: «Un tema cui teniamo particolarmente e che va di pari passo alla destagionalizzazione delle destinazioni: di fatto ci sono mete che non promuoviamo più durante l'estate tanto soffrono di overtourism. Ad esempio la Cornovaglia in Inghilterra, il Loch Ness in Scozia e l'isola di Skye, e ancora il Lake District. Cerchiamo di trovare nuove chiavi di lettura che rendano attrattivi questi luoghi al di fuori dei periodi di picco». Sempre in quest'ottica, ma anche per una proposta economicamente più sostenibile si inserisce «la promozione di esperienze rurali o comunque fuori dalle grandi città dove testare l'accoglienza britannica a prezzi più accessibili. Il suggerimento è quello di evitare, comunque, le città durante i grandi eventi, scegliendo di alloggiare in mete alternative, come potrebbe essere Brighton per Londra, che a meno di un'ora dalla capitale è certamente più a buon mercato». Infine, «lavoreremo molto sull'accoglienza dei turisti e daremo grande visibilità alle proposte 'food and drink', che esaltano le eccellenze dal paese, con numerosi prodotti a km zero». [post_title] => Gran Bretagna: grandi attese dall'Italia malgrado le sfide, dai passaporti all'overtourism [post_date] => 2024-04-11T12:22:31+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712838151000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465315 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_465316" align="alignleft" width="300"] Riccardo Verona, presidente di An.btiBus [/caption] "Arriva la conferma che l’escalation dei prezzi dei carburanti, ha raggiunto un nuovo picco, arrivando ai livelli insostenibili di fine 2023. Purtroppo, l’attuale contesto internazionale è contraddistinto da fortissima instabilità e questo è un fattore che incide in maniera importante sulle attività delle aziende dei bus turistici italiani. Il momento è cruciale per i bus turistici: chiediamo a gran voce ed ancora una volta l'applicazione delle aliquote ridotte sulle accise del gasolio anche per i bus turistici italiani Euro VI". Così in una nota Riccardo Verona, presidente di An.bti – Confcommercio. "Tale misura, oltre a garantire la competitività delle aziende del nostro Paese, rappresenterebbe un incentivo all'acquisto di nuovi veicoli Euro VI (gli unici mezzi ad emissioni pari quasi allo 0 ed al contempo adatti alle lunghe percorrenze) e agevolerebbe quella transizione green tanto richiesta dall’UE. Lo scorso anno, grazie al lavoro di An.bti –Confcommercio, la categoria ha potuto beneficiare per i 5 mesi dell’alta stagione (da aprile ad agosto) dell’aliquota agevolata con benefici tangibili per tutto il Sistema Paese. Auspicavamo che tale misura avrebbe potuto essere resa strutturale o almeno replicata per i mesi ‘caldi’ anche quest’anno, ma con rammarico dobbiamo registrare che siamo ormai nel pieno dell’alta stagione senza aliquota agevolata e con le aziende in forte affanno. Quella che chiediamo è una misura che ci spetta al pari di tutte le altre categorie che operano nel trasporto e che da sempre possono beneficiarne ed al pari dei nostri competitor europei. Non è comprensibile dare seguito alle richieste europee solo quando queste penalizzano la categoria del Turismo su bus e non ascoltarle quando invece la ricomprenderebbero tra i papabili beneficiari di un’agevolazione. I bus turistici italiani trasportano ogni anno oltre 150 milioni di turisti e rappresentano ‘Le ruote del Turismo’, pertanto chiediamo la giusta considerazione e tutela da parte delle Istituzioni", conclude la nota. [post_title] => Bus Turistici: applicare le aliquote ridotte sui carburanti [post_date] => 2024-04-11T10:53:09+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712832789000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465286 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiama Never Before Festival, si terrà dal 4 al 31 maggio prossimi, e coinvolgerà ben tre resort maldiviani della Cocoon Collection, arricchendo la proposta con promozioni e iniziative esclusive griffate dal to di casa, Azemar. L'evento musicale della low season alle Maldive torna anche quest'anno, trasformando il Joy Island, il Cocoon Maldives e lo You & Me Maldives in esclusive location per dj set dedicati ai soli ospiti dei resort. Al Joy Island e a al Cocoon Maldives dal 4 al 13 maggio, il festival vedrà in particolare come protagonista il celebre duo Merk & Kremont, Federico Mercuri e Giordano Cremona, produttori multi-platino di livello mondiale. Il duo, che ha si è già esibito davanti agli ospiti del Cocoon Maldives lo scorso anno con un dj set a sorpresa, sarà accompagnato dalla presenza di altri dj di eccezione. Tra gli ospiti speciali ci saranno Addal - Alessandro Addea, noto per i suoi remix di brani di artisti del calibro di Rihanna, Avicii e Sofi Tukker, nonché Eddy Veerus - Edoardo Cremona, metà del duo Il Pagante, famoso per la sua energia contagiosa e il talento non convenzionale. Successivamente sarà quindi la volta dello You & Me Maldives, terzo resort della catena alle Maldive, struttura adults-only, nota anche per il suo ristorante subacqueo H2O by chef Andrea Berton: dal 13 al 31 maggio ospiterà due dj internazionali: la super star coreana dei social Minlee, regina degli audio virali su Instagram e Tik Tok, nonché Katrin Kova, animatrice della movida contemporanea di Dubai con il suo inconfondibile sound afro-hip-hop. Dopo il successo dello scorso anno, The Cocoon Collection si impegna quindi a replicare l'evento con rinnovato entusiasmo e diverse date, rendendo speciale la low season alle Maldive. Con atmosfere tropicali e vibes isolane, il festival darà il via all'estate dei luxury resort della catena alle Maldive e a Zanzibar. E per rendere questo periodo ancora più speciale, Azemar, il tour operator che vende in esclusiva per l’Italia i resort The Cocoon Collection, ha ideato per tutti i clienti promozioni di primavera davvero uniche alla Maldive, come il trasporto in idrovolante gratuito e, sempre in omaggio, il pranzo al ristorante H2O presso lo You & Me Maldives. [post_title] => Never Before Festival: tre resort maldiviani The Cocoon Collection si trasformano in dj set esclusivi [post_date] => 2024-04-11T10:12:27+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712830347000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465228 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un approccio inedito alla comunicazione corporate e il lancio del nuovo sito costruito con la collaborazione di esperti in neuroscienze. La group marketing director di Bluserena, Maria Antonella D'Urbano, annuncia un importante cambio di strategia per la compagnia con base a Pescara: "Il processo per la verità era già iniziato l'anno scorso ma ora cominciamo a vederne concretamente i frutti. L'idea è quella di spostarci dalla tradizionale modalità didascalica di comunicazione a un'impostazione più emozionale, capace di suggerire alle persone cosa significhi un'esperienza di vacanza nelle nostre strutture". In tale contesto, uno step importante è stato naturalmente la messa online, lo scorso 25 marzo, del sito completamente rinnovato: "L'abbiamo realizzato in collaborazione con degli esperti in neuroscienze, che hanno studiato le reazioni degli utenti alle diverse posizioni delle informazioni sul portale. Anche i percorsi di navigazione sono stati impostati in modo da ottimizzarne la fruizione da parte dell'utente. Il tutto, naturalmente, con un focus chiaro sulla parte emozionale dei messaggi". A livello di prodotto, una delle novità dell'anno è poi quella delle Sports Academy, che saranno organizzate presso il pugliese Ethra Reserve: "Coinvolgeranno una serie di campioni come Giorgia Villa per la ginnastica artistica, Sylvester Gray per la pallacanestro, Marco Fichera, per la scherma, e Karel Novacek, per il tennis. Prevista anche una Padel Academy al sardo Is Serenas, realizzata in collaborazione con allenatori federali. Sarà accompagnata da un torneo diffuso in sette resort del gruppo, ai cui vincitori verrà data l'opportunità di sfidare una coppia celebre presso lo stesso Is Serenas".   [post_title] => Bluserena cambia l'approccio alla comunicazione e lancia il nuovo sito [post_date] => 2024-04-10T13:04:33+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712754273000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465203 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => All’inizio del 2024 le agenzie sono riuscite a superare i livelli occupazionali pre-pandemia. Ma la fuga di personale qualificato verso altri settori persiste continua. Stipendi bassi e orari di lavoro lunghi continuano ad essere le due ragioni principali che spingono alla ricerca di altri posti di lavoro.  Questo è il quadro. Cosa bisogna fare? Naturalmente riuscire a valorizzare ancora di più tutto il personale garantendo un assegno mensile più cospicuo. E una maggiore distribuzione di ore fra gli addetti. Naturalmente questo potrebbe avvenire solo se le istituzioni, e il ministro in particolare si occupasse del problema. Perché con l'ingresso nel dibattito di una parte così importante si potrebbe trovare uno spiraglio per valorizzare un lavoro molto difficile e molto serio. Sindacato Ma si sa il ministro pensa solo all'incoming e quando si parla di mancanza di lavoratori, agli alberghi. Non certo all'agenzie di viaggio. Una volta disse che bisogna far diventare cool il mestiere di cameriere (ha detto proprio cool).  Tutti noi sappiamo che la redditività delle adv è marginale. Per cui penso che anche il titolare di agenzia si trova in una specie di cul de sac. C'è da dire però che vedere andar via personale qualificato è sicuramente una perdita netta per l'agenzia. Per risolvere questa matassa ci vorrebbe un sindacato forte. Che faccia valere le proprie ragioni, che presenti il quadro a chi di dovere sperando che chi di dovere capisca fino in fondo il problema. Giuseppe Aloe [post_title] => Agenzie di viaggio: continua la fuga del personale qualificato [post_date] => 2024-04-10T11:00:16+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712746816000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465169 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'occasione per presentare ufficialmente la nascita del nuovo brand Travelpro Network, collaborazione commerciale tra le reti Si Travel, TravelBuy e Pinguino. E' stato questo il cuore della prima convention ufficiale di un progetto lanciato a gennaio di quest'anno. "Dopo anni di percorso a braccetto abbiamo deciso di creare Travelpro Network: un'iniziativa che oggi riunisce dal punto di vista commerciale le nostre tre reti per sviluppare qualcosa di innovativo all'interno del mercato - spiega Simone Aggio, amministratore unico di Si Travel -. Oggi a mio avviso il network perfetto infatti non esiste. Ciò che fa piuttosto la differenza sono gli strumenti e il prodotto messi a disposizione da una realtà dotata di una rete di agenzie che collaborano e condividono. Il nostro obiettivo è perciò quello di offrire una relazione molto stretta con le nostre filiali, investendo in prodotto e sviluppo a disposizione della rete". "Il tutto - prosegue Alfredo Vassalluzzo, fondatore di TravelBuy -, mantenendo in Travelpro quelle che sono le filosofie dei nostri singoli network: il fatto di lavorare in maniera paritaria e complementari in tutto; anche nello sviluppo del prodotto, dedicandovisi in prima persona vista l'esperienza cha abbiamo acquisito durante gli anni come agenti di viaggio. Non solo: ci impegniamo pure a indirizzare le nostre agenzie, che lavorano sempre sotto la nostra responsabilità e sono completamente assistite da noi in qualsiasi problematica che devono affrontare". "C'è una frase che mi piace dire sempre alle nostre filiali - aggiunge Aggio -: è vero che la licenza è nostra ma l'imprenditore sei te. Vuol dire che noi non facciamo la strada per te ma la facciamo con te. Significa condividere un progetto; un percorso per arrivare a un obiettivo". A livello di previsioni future, l'idea è che la crescita debba essere graduale e non esponenziale: "Le agenzie devono essere assistite e le nostre strutture devono essere in grado di offrire la stessa qualità di prodotto e strumenti - conclude Vassalluzzo -. Il nostro core business è certo quello di espanderci, ma soprattutto di far crescere chi ci segue da anni. Dal punto di vista degli operatori, hanno compreso perfettamente la funzionalità di Travelpro, facilitando persino la parte contrattuale in un unico accordo, pur mantenendo l'identità dei propri sotto marchi anche per quanto riguarda le nuove affiliazioni". Al momento Travelpro dispone di circa 200 punti vendita per un fatturato reale attorno agli 80 milioni del 2023. Alla convention capitolina si sono riunite circa 200 agenzie e 32 espositori tra tour operator, compagnie aeree marittime e ferroviarie. Q.F. [post_title] => Travelpro Network: l'obiettivo è certo espandersi, ma ancor di più far crescere gli affiliati [post_date] => 2024-04-09T14:05:35+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712671535000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "giver torna quasi ai volumi pre covid e pianifica il cambio dimmagine" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":79,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":2418,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465425","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nel solco del processo di riorganizzazione societaria appena annunciato dal gruppo Gattinoni, la compagnia con sede a Milano ha accolto in squadra Piergiulio Donzelli, in qualità di amministratore delegato della nuova divisione Business travel. \"E' per me un privilegio poter contribuire a far crescere ulteriormente quest'area dell'azienda - spiega lo stesso Donzelli -. La sfida è stimolante sotto molteplici aspetti, non ultimo quello che riguarda il completamento della fusione con la ex BtExpert acquisita da Robintur. Il mondo del business travel è cambiato in maniera profonda negli ultimi dieci - quindici anni. Ma nell'era post-Covid l’accelerazione è stata vertiginosa. Le aspettative dei clienti oggi sono molto diverse e anche le relazioni con i fornitori si sono trasformate. A partire dalla variabile tecnologia, che non è più un gadget ma è diventate parte fondante della nostra proposizione di valore. Per le dmc l’occasione è unica. E Gattinoni è il posto ideale in cui sfruttare le nuove opportunità di mercato: abbiamo infatti numerosi progetti e investimenti tecnologici già avviati, che saranno ulteriormente rafforzati\".\r\n\r\nDopo la laurea in economia e commercio, Donzelli si specializza nel settore travel fino ad arrivare ai vertici di due importanti realtà del settore, che ha guidato nella fase di sviluppo e trasformazione sia in Italia sia all’estero. A partire da Uvet, dove dalla fine degli anni '90 ha contribuito allo sviluppo dell’azienda, inizialmente in veste di direttore operativo e quindi di direttore generale di diverse società del gruppo, gestendo ambiti strategici, con particolare focus su It e business travel, incluse le controllate estere e il network, oltre alle attività di vendita online. Successivamente la sua carriera si è sviluppata in Blueteam come amministratore delegato e direttore generale, gestendo la fusione di tutte le controllate e svolgendo un ruolo determinante nel processo di acquisizione da parte del gruppo Aci, che lo ha confermato alla guida per quattro anni, con l’obiettivo di guidare la trasformazione dell’azienda verso un modello manageriale sia in Italia, sia negli Stati Uniti.","post_title":"Rivoluzione Gattinoni 3: Piergiulio Donzelli nuovo a.d. della divisione Business travel","post_date":"2024-04-12T11:58:28+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1712923108000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465407","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air Transat torna nei cieli di Roma con la riapertura dei voli estivi: dal 16 aprile decolleranno i diretti da Fiumicino a Montréal e, dal successivo 3 maggio, quelli per Toronto, ampliando le possibilità per i passeggeri di raggiungere comodamente da #Roma il Canada e il Nord America fino ad ottobre 2024.\r\n«Air Transat conferma ogni anno di più l’impegno sull’Italia, offrendo voli diretti per raggiungere la vivace città di Montréal, in Québec e offrendo voli diretti per raggiungere Toronto, metropoli dalle mille attrazioni e classificata tra le prime città più vivibili al mondo e porta di ingresso per i parchi canadesi -  commenta Tiziana Della Serra, md di Rephouse Gsa, che rappresenta il vettore canadese nel nostro Paese -. I voli per Montréal ripartono martedì 16 aprile 2024 con 1 volo a settimana il martedì ad aprile, 4 voli a settimana a maggio il martedì, giovedì, sabato e lunedì e dal 16 giugno i voli diventano quotidiani. \r\nInvece, i voli per Toronto ripartono venerdì 3 maggio 2024 offrendo 5 voli a settimana venerdì, domenica, lunedì, martedì e mercoledì, e dal 13 giugno 7 voli a settimana tutti i giorni. Tutti i voli da Roma per Montréal e Toronto decollano tra le ore 12:00 e le 14:00 e sono stati pianificati per ottimizzare l’ampia connettività del network sia in Nord America che verso altre destinazioni. Tutti i voli sono disponibili in tutti i gds».\r\nI collegamenti Italia-Canada di Air Transat vengono operati con Airbus A330-200 o Airbus 330-300 e sono stati pianificati per ottimizzare l’ampia connettività del network sia in Nord America che verso altre destinazioni.","post_title":"Air Transat: countdown per la ripartenza dei voli da Roma per Montréal e Toronto","post_date":"2024-04-12T10:51:51+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712919111000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465341","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un giro d'affari di quasi 700 milioni di euro (precisamente 686,9 mln), per una crescita del 40% sull'anno precedente, con la sezione travel che ha contribuito con 295 mln (+40,1%), quella business travel con 254 mln (+3.,2%), gli eventi con 61 mln (+71,8%), più le società partecipate e controllate che hanno pesato per 76,9 mln (+51,6%). Il tutto corroborato da margini operativi lordi per 14,62 milioni, pari al 40% in più rispetto all'obiettivo di budget originario. Sono i numeri del 2023 di Gattinoni, a cui si devono inoltre aggiungere i 922 milioni del network (+33,4%).\r\n\r\n\"Dopo l'acquisizione nel 2022 di Robintur e la coda lunga della pandemia, lo scorso è stato il primo anno in cui abbiamo potuto tracciare un bilancio completo - spiega il presidente e amministratore delegato, Franco Gattinoni - Si tratta di cifre importanti. E proprio per questo abbiamo deciso che fosse venuto il momento di mettere mano all'organizzazione: semplificandola per continuare a crescere\".\r\n\r\nDa qui la decisione di creare tre distinte aree di business che opereranno tutte sotto la supervisione della capogruppo: travel (prodotto e agenzie), business travel ed events. La semplificazione riguarderà peraltro anche l’aspetto societario: l'idea è infatti di raggruppare le numerose aziende del gruppo in tre sole realtà: \"Dal 1°gennaio 2025 avremo una società per ciascuna delle nostre business unit, nelle quali  confluiranno progressivamente tutte le altre\", sottolinea Gattinoni. L'obiettivo è quella di dare la massima importanza a ognuna delle nostre specializzazioni, nella consapevolezza che abbiano necessità sia sinergiche, sia distinte e specifiche per ciascun segmento di mercato\".\r\n\r\nA tal fine sono stati quindi nominati tre nuovi amministratore delegati: per la divisione Gattinoni Travel diventa a.d. Mario Vercesi, già direttore prodotto e regista della piattaforma tecnologica; Gattinoni Events riconferma al timone la già managing director, Elisa Presutti, mentre la divisione Business Travel si avvarrà del nuovo ingresso di Piergiulio Donzelli, che curerà il completamento della fusione fra Gattinoni Business Travel e BtExpert.\r\n\r\nAlla luce di tali cambiamenti, anche il resto dell'organigramma societario varia leggermente con una serie di conferme e alcune new entry: il cda della capogruppo è in particolare ora composto da Franco Gattinoni, presidente, Stefano Dall'Ara, vicepresidente (senza incarichi operativi, per dare continuità al retaggio Robintur, ndr), nonché Sergio Testi, Amanda Shupbach e Valeria Vaghi, consiglieri. La stessa Valeria Vaghi è poi chief financial officer, mentre responsabile del controllo di gestione e compliance è Claudio Passuti, al timone della divisione risorse umane c'è Amanda Shupbach, all'It e servizi generali, Mattia Tieghi, e al marketing, comunicazione e digital, Isabella Maggi.\r\n\r\nInfine una parola sul budget 2024: \"L'anno in corso ci vedrà impegnati in questo importante processo di riorganizzazione e consolidamento, con la conclusione della fase d'integrazione con Robintur - conclude Gattinoni -. Ma prevediamo comunque di proseguire lungo il nostro percorso di espansione, stimando un incremento del giro d'affari del 12% circa, sino a quota 774,3 milioni. Salirà anche l'ebitda di una percentuale ancora maggiore. Anzi, proprio la riorganizzazione in corso mira tra le altre cose a supportare una crescita delle marginalità, puntando ad allinearle a quelle di altri settori merceologici tradizionalmente più profittevoli del mondo travel\".\r\n\r\n ","post_title":"Rivoluzione Gattinoni che si riorganizza in tre business unit","post_date":"2024-04-11T13:56:54+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1712843814000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465322","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Gran Bretagna si conferma destinazione prediletta per i turisti italiani, e neppure le problematiche legate all'ottenimento dei passaporti nel nostro Paese sembrano influenzare le scelte dei nostri connazionali. \r\n\r\n«Una eventuale 'limitazione' potrebbe essere vista in termini di costi - spiega Silvia Bocciarelli, communication manager di VisitBritain Italia (nella foto) -: sicuramente per una famiglia con magari figli piccoli l'iter risulta più complesso come tempi e impegnativo economicamente. Anche per questo attualmente il target cui ci rivolgiamo principalmente è quello di coppie o magari gruppi di amici, di età fra i 30 e i 45 anni, che tendenzialmente sono già in possesso del documento».\r\n\r\nLe previsioni 2024 puntano ad accogliere 2 milioni di visitatori dall'Italia - il 90% del volume 2019 - con una spesa di 1,2 miliardi di sterline (il 6% in più rispetto al 2019): in pratica è atteso per il 2025 il ritorno del mercato italiano ai numeri pre-Covid.\r\n\r\nI focus della promozione per il 2024 si concentrano sul «turismo cinematografico, oggetto di una campagna specifica che - benché non includerà l'Italia - troverà grande visibilità»; sulla sostenibilità, oggetto di grandi attenzioni da parte di VisitBritain: «Un tema cui teniamo particolarmente e che va di pari passo alla destagionalizzazione delle destinazioni: di fatto ci sono mete che non promuoviamo più durante l'estate tanto soffrono di overtourism. Ad esempio la Cornovaglia in Inghilterra, il Loch Ness in Scozia e l'isola di Skye, e ancora il Lake District. Cerchiamo di trovare nuove chiavi di lettura che rendano attrattivi questi luoghi al di fuori dei periodi di picco».\r\n\r\nSempre in quest'ottica, ma anche per una proposta economicamente più sostenibile si inserisce «la promozione di esperienze rurali o comunque fuori dalle grandi città dove testare l'accoglienza britannica a prezzi più accessibili. Il suggerimento è quello di evitare, comunque, le città durante i grandi eventi, scegliendo di alloggiare in mete alternative, come potrebbe essere Brighton per Londra, che a meno di un'ora dalla capitale è certamente più a buon mercato».\r\n\r\nInfine, «lavoreremo molto sull'accoglienza dei turisti e daremo grande visibilità alle proposte 'food and drink', che esaltano le eccellenze dal paese, con numerosi prodotti a km zero».","post_title":"Gran Bretagna: grandi attese dall'Italia malgrado le sfide, dai passaporti all'overtourism","post_date":"2024-04-11T12:22:31+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1712838151000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465315","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_465316\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Riccardo Verona, presidente di An.btiBus [/caption]\r\n\r\n\"Arriva la conferma che l’escalation dei prezzi dei carburanti, ha raggiunto un nuovo picco, arrivando ai livelli insostenibili di fine 2023. Purtroppo, l’attuale contesto internazionale è contraddistinto da fortissima instabilità e questo è un fattore che incide in maniera importante sulle attività delle aziende dei bus turistici italiani. Il momento è cruciale per i bus turistici: chiediamo a gran voce ed ancora una volta l'applicazione delle aliquote ridotte sulle accise del gasolio anche per i bus turistici italiani Euro VI\". Così in una nota Riccardo Verona, presidente di An.bti – Confcommercio. \r\n\r\n\"Tale misura, oltre a garantire la competitività delle aziende del nostro Paese, rappresenterebbe un incentivo all'acquisto di nuovi veicoli Euro VI (gli unici mezzi ad emissioni pari quasi allo 0 ed al contempo adatti alle lunghe percorrenze) e agevolerebbe quella transizione green tanto richiesta dall’UE. Lo scorso anno, grazie al lavoro di An.bti –Confcommercio, la categoria ha potuto beneficiare per i 5 mesi dell’alta stagione (da aprile ad agosto) dell’aliquota agevolata con benefici tangibili per tutto il Sistema Paese. Auspicavamo che tale misura avrebbe potuto essere resa strutturale o almeno replicata per i mesi ‘caldi’ anche quest’anno, ma con rammarico dobbiamo registrare che siamo ormai nel pieno dell’alta stagione senza aliquota agevolata e con le aziende in forte affanno.\r\n\r\nQuella che chiediamo è una misura che ci spetta al pari di tutte le altre categorie che operano nel trasporto e che da sempre possono beneficiarne ed al pari dei nostri competitor europei. Non è comprensibile dare seguito alle richieste europee solo quando queste penalizzano la categoria del Turismo su bus e non ascoltarle quando invece la ricomprenderebbero tra i papabili beneficiari di un’agevolazione. I bus turistici italiani trasportano ogni anno oltre 150 milioni di turisti e rappresentano ‘Le ruote del Turismo’, pertanto chiediamo la giusta considerazione e tutela da parte delle Istituzioni\", conclude la nota.","post_title":"Bus Turistici: applicare le aliquote ridotte sui carburanti","post_date":"2024-04-11T10:53:09+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1712832789000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465286","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiama Never Before Festival, si terrà dal 4 al 31 maggio prossimi, e coinvolgerà ben tre resort maldiviani della Cocoon Collection, arricchendo la proposta con promozioni e iniziative esclusive griffate dal to di casa, Azemar. L'evento musicale della low season alle Maldive torna anche quest'anno, trasformando il Joy Island, il Cocoon Maldives e lo You & Me Maldives in esclusive location per dj set dedicati ai soli ospiti dei resort.\r\n\r\nAl Joy Island e a al Cocoon Maldives dal 4 al 13 maggio, il festival vedrà in particolare come protagonista il celebre duo Merk & Kremont, Federico Mercuri e Giordano Cremona, produttori multi-platino di livello mondiale. Il duo, che ha si è già esibito davanti agli ospiti del Cocoon Maldives lo scorso anno con un dj set a sorpresa, sarà accompagnato dalla presenza di altri dj di eccezione. Tra gli ospiti speciali ci saranno Addal - Alessandro Addea, noto per i suoi remix di brani di artisti del calibro di Rihanna, Avicii e Sofi Tukker, nonché Eddy Veerus - Edoardo Cremona, metà del duo Il Pagante, famoso per la sua energia contagiosa e il talento non convenzionale.\r\n\r\nSuccessivamente sarà quindi la volta dello You & Me Maldives, terzo resort della catena alle Maldive, struttura adults-only, nota anche per il suo ristorante subacqueo H2O by chef Andrea Berton: dal 13 al 31 maggio ospiterà due dj internazionali: la super star coreana dei social Minlee, regina degli audio virali su Instagram e Tik Tok, nonché Katrin Kova, animatrice della movida contemporanea di Dubai con il suo inconfondibile sound afro-hip-hop.\r\n\r\nDopo il successo dello scorso anno, The Cocoon Collection si impegna quindi a replicare l'evento con rinnovato entusiasmo e diverse date, rendendo speciale la low season alle Maldive. Con atmosfere tropicali e vibes isolane, il festival darà il via all'estate dei luxury resort della catena alle Maldive e a Zanzibar. E per rendere questo periodo ancora più speciale, Azemar, il tour operator che vende in esclusiva per l’Italia i resort The Cocoon Collection, ha ideato per tutti i clienti promozioni di primavera davvero uniche alla Maldive, come il trasporto in idrovolante gratuito e, sempre in omaggio, il pranzo al ristorante H2O presso lo You & Me Maldives.","post_title":"Never Before Festival: tre resort maldiviani The Cocoon Collection si trasformano in dj set esclusivi","post_date":"2024-04-11T10:12:27+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1712830347000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465228","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un approccio inedito alla comunicazione corporate e il lancio del nuovo sito costruito con la collaborazione di esperti in neuroscienze. La group marketing director di Bluserena, Maria Antonella D'Urbano, annuncia un importante cambio di strategia per la compagnia con base a Pescara: \"Il processo per la verità era già iniziato l'anno scorso ma ora cominciamo a vederne concretamente i frutti. L'idea è quella di spostarci dalla tradizionale modalità didascalica di comunicazione a un'impostazione più emozionale, capace di suggerire alle persone cosa significhi un'esperienza di vacanza nelle nostre strutture\".\r\n\r\nIn tale contesto, uno step importante è stato naturalmente la messa online, lo scorso 25 marzo, del sito completamente rinnovato: \"L'abbiamo realizzato in collaborazione con degli esperti in neuroscienze, che hanno studiato le reazioni degli utenti alle diverse posizioni delle informazioni sul portale. Anche i percorsi di navigazione sono stati impostati in modo da ottimizzarne la fruizione da parte dell'utente. Il tutto, naturalmente, con un focus chiaro sulla parte emozionale dei messaggi\".\r\n\r\nA livello di prodotto, una delle novità dell'anno è poi quella delle Sports Academy, che saranno organizzate presso il pugliese Ethra Reserve: \"Coinvolgeranno una serie di campioni come Giorgia Villa per la ginnastica artistica, Sylvester Gray per la pallacanestro, Marco Fichera, per la scherma, e Karel Novacek, per il tennis. Prevista anche una Padel Academy al sardo Is Serenas, realizzata in collaborazione con allenatori federali. Sarà accompagnata da un torneo diffuso in sette resort del gruppo, ai cui vincitori verrà data l'opportunità di sfidare una coppia celebre presso lo stesso Is Serenas\".\r\n\r\n ","post_title":"Bluserena cambia l'approccio alla comunicazione e lancia il nuovo sito","post_date":"2024-04-10T13:04:33+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1712754273000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465203","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"All’inizio del 2024 le agenzie sono riuscite a superare i livelli occupazionali pre-pandemia. Ma la fuga di personale qualificato verso altri settori persiste continua. Stipendi bassi e orari di lavoro lunghi continuano ad essere le due ragioni principali che spingono alla ricerca di altri posti di lavoro. \r\n\r\nQuesto è il quadro. Cosa bisogna fare? Naturalmente riuscire a valorizzare ancora di più tutto il personale garantendo un assegno mensile più cospicuo. E una maggiore distribuzione di ore fra gli addetti. Naturalmente questo potrebbe avvenire solo se le istituzioni, e il ministro in particolare si occupasse del problema. Perché con l'ingresso nel dibattito di una parte così importante si potrebbe trovare uno spiraglio per valorizzare un lavoro molto difficile e molto serio.\r\nSindacato\r\nMa si sa il ministro pensa solo all'incoming e quando si parla di mancanza di lavoratori, agli alberghi. Non certo all'agenzie di viaggio. Una volta disse che bisogna far diventare cool il mestiere di cameriere (ha detto proprio cool). \r\n\r\nTutti noi sappiamo che la redditività delle adv è marginale. Per cui penso che anche il titolare di agenzia si trova in una specie di cul de sac. C'è da dire però che vedere andar via personale qualificato è sicuramente una perdita netta per l'agenzia. Per risolvere questa matassa ci vorrebbe un sindacato forte. Che faccia valere le proprie ragioni, che presenti il quadro a chi di dovere sperando che chi di dovere capisca fino in fondo il problema.\r\n\r\nGiuseppe Aloe","post_title":"Agenzie di viaggio: continua la fuga del personale qualificato","post_date":"2024-04-10T11:00:16+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1712746816000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465169","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'occasione per presentare ufficialmente la nascita del nuovo brand Travelpro Network, collaborazione commerciale tra le reti Si Travel, TravelBuy e Pinguino. E' stato questo il cuore della prima convention ufficiale di un progetto lanciato a gennaio di quest'anno. \"Dopo anni di percorso a braccetto abbiamo deciso di creare Travelpro Network: un'iniziativa che oggi riunisce dal punto di vista commerciale le nostre tre reti per sviluppare qualcosa di innovativo all'interno del mercato - spiega Simone Aggio, amministratore unico di Si Travel -. Oggi a mio avviso il network perfetto infatti non esiste. Ciò che fa piuttosto la differenza sono gli strumenti e il prodotto messi a disposizione da una realtà dotata di una rete di agenzie che collaborano e condividono. Il nostro obiettivo è perciò quello di offrire una relazione molto stretta con le nostre filiali, investendo in prodotto e sviluppo a disposizione della rete\".\r\n\r\n\"Il tutto - prosegue Alfredo Vassalluzzo, fondatore di TravelBuy -, mantenendo in Travelpro quelle che sono le filosofie dei nostri singoli network: il fatto di lavorare in maniera paritaria e complementari in tutto; anche nello sviluppo del prodotto, dedicandovisi in prima persona vista l'esperienza cha abbiamo acquisito durante gli anni come agenti di viaggio. Non solo: ci impegniamo pure a indirizzare le nostre agenzie, che lavorano sempre sotto la nostra responsabilità e sono completamente assistite da noi in qualsiasi problematica che devono affrontare\". \"C'è una frase che mi piace dire sempre alle nostre filiali - aggiunge Aggio -: è vero che la licenza è nostra ma l'imprenditore sei te. Vuol dire che noi non facciamo la strada per te ma la facciamo con te. Significa condividere un progetto; un percorso per arrivare a un obiettivo\".\r\n\r\nA livello di previsioni future, l'idea è che la crescita debba essere graduale e non esponenziale: \"Le agenzie devono essere assistite e le nostre strutture devono essere in grado di offrire la stessa qualità di prodotto e strumenti - conclude Vassalluzzo -. Il nostro core business è certo quello di espanderci, ma soprattutto di far crescere chi ci segue da anni. Dal punto di vista degli operatori, hanno compreso perfettamente la funzionalità di Travelpro, facilitando persino la parte contrattuale in un unico accordo, pur mantenendo l'identità dei propri sotto marchi anche per quanto riguarda le nuove affiliazioni\". Al momento Travelpro dispone di circa 200 punti vendita per un fatturato reale attorno agli 80 milioni del 2023. Alla convention capitolina si sono riunite circa 200 agenzie e 32 espositori tra tour operator, compagnie aeree marittime e ferroviarie.\r\n\r\nQ.F.","post_title":"Travelpro Network: l'obiettivo è certo espandersi, ma ancor di più far crescere gli affiliati","post_date":"2024-04-09T14:05:35+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1712671535000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti