4 December 2022

Eden Margò ritorna in Egitto

[ 0 ]

egitto sfingeMargò ritorna in Egitto e rilancia la destinazione per il 2017. Il brand globetrotter di casa Eden Viaggi ha infatti deciso di ritornare in forze sul Paese, ponendo l’accento sulle storiche mete del Mar Rosso, come Marsa Alam e Sharm El Sheikh, ma anche sulle crociere sul Nilo.

«Le vacanze natalizie segnano un trend interessante fra le destinazioni corto raggio: l’Egitto sta ricatalizzando l’attenzione dei vacanzieri italiani che scelgono le proposte Margò già nelle festività natalizie e di capodanno -dichiara Jacopo Guzzini, product manager Eden Margò -. Forte ripresa per la destinazione che vede Eden Viaggi impegnato insieme a Margò con programmazioni ed investimenti mirati, grazie ad una programmazione di voli speciali fortemente ampliata per l’occasione».

La selezione Margò concentra la programmazione sui migliori hotel 4* e 5* disponibili sul mercato.A Sharm spicca la collaborazione con il Dominica Coral Bay Sultan 5*, l’Oriental Rivoli 4* e il Coral Beach Montazah 4*. A Marsa Alam il Three Corners Fayrouz Plaza 5*, il Concorde Moreen 5* e il Magic Tulip 4* Superior.

Margò segnala l’ingresso in programmazione di un prodotto molto conosciuto e apprezzato come il Resta Grand 5* di Marsa Alam.

Il nuovo catalogo Margò Mar Rosso e Navigazione su Nilo 2017, fruibile on line sul sito Eden Viaggi ed in arrivo in questi giorni tutte le agenzie, presenta tutta la programmazione all’insegna di un mix di prodotto forte che fa breccia nel cuore dei viaggiatori italiani. Appeal insostituibile per l’Egitto che targato Margò fa leva sull’ottimizzazione del prezzo, all’insegna della competitività, senza dimenticare qualità e servizi.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435329 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435331" align="alignleft" width="300"] Francesco di Cesare[/caption] Segnali di ripresa per lo shopping tourism in Italia che, nel 2023, potrebbe superare la quota dei 2 milioni di turisti che viaggiano con motivazione prevalente shopping stimata prima della pandemia. Dopo il focus sul mercato internazionale nella tappa di Venezia, seguito dall'approfondimento sulla Penisola dell'evento di Ancona, arrivano ora le anticipazioni sul prossimo futuro, rivelate in occasione dell'appuntamento conclusivo, a Bologna, con il tour 2022 organizzato sul tema dello shopping tourism da Risposte Turismo, in collaborazione con il sistema Confcommercio. «Superare la soglia dei 2 milioni di shopping tourist sarebbe un risultato che ribadisce l’esistenza di una porzione significativa di domanda turistica che ha nello shopping la motivazione prevalente della propria vacanza e su cui sarebbe opportuno attivare un programma di impegno per aumentare il posizionamento dell’intera Italia come destinazione per gli shopping tourist» ha dichiarato Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo. Nella cornice di palazzo Segni Massetti, sede di Confcommercio Ascom Bologna, di Cesare ha inoltre presentato i risultati della mappatura sui luoghi dello shopping in Italia contenuta all’interno di Shopping Tourism Italian Monitor, il rapporto di ricerca di riferimento sul fenomeno. La fotografia scattata mostra la presenza nel nostro Paese di un’offerta variegata per i turisti desiderosi di trascorrere una vacanza all’insegna dello shopping e per tutti coloro che, nelle loro vacanze, non rinunciano agli acquisti. Secondo la ricognizione effettuata da Risposte Turismo, considerando solamente dieci tra le principali città turistiche del Paese (Bologna, Ferrara, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Padova, Parma, Roma e Verona), sono oltre 1.300 le botteghe storiche presenti, a sottolineare un consistente patrimonio dell’offerta nazionale da valorizzare ancor meglio in chiave turistica e di sistema Paese. Dall’indagine emergono, inoltre, oltre 80 vie dello shopping presenti sul territorio nazionale: da via Montenapoleone (Milano) a via dei Condotti (Roma), da calle Larga XXII Marzo (Venezia) a via Tornabuoni (Firenze) e via dei Mille (Napoli), solo per citarne alcune. La nuova edizione dello Shopping Tourism Italian Monitor contiene anche i numeri aggiornati degli outlet e dei department store. Per quanto riguarda gli outlet, in Italia sono presenti 26 strutture (nonostante le complessità di questo triennio, un numero stabile rispetto alla precedente ricognizione effettuata nel 2019), per un totale di 725 mila metri quadrati di aree commerciali, con una stima di crescita di due unità nel biennio 2023-2024 grazie all’apertura del Roma Outlet Village e del Designer Outlet Sardegna e progetti di ampliamento in altre cinque strutture. Significativo evidenziare come a livello europeo l’Italia sia al secondo posto dietro al Regno Unito per numero di strutture outlet (13% sul totale). L’analisi di Risposte Turismo evidenzia inoltre la presenza in Italia di più di 60 department store (oltre 270 mila metri quadrati di superfice complessiva, + 3.8% sull’analisi 2019) e la realizzazione di una serie di interventi nei luoghi del travel retail, come presso gli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Linate, nonché nelle stazioni di Roma Termini e Napoli Centrale. Con l'evento bolognese si è quindi concluso il tour itinerante 2022 di Shopping tourism – il forum italiano. Le tre tappe hanno visto la partecipazione di oltre 250 operatori del mondo del turismo e del retail. Sul palco 40 relatori e dieci momenti di confronto e discussione sul presente e futuro di un segmento turistico dalle forti potenzialità per il nostro Paese. «Chiudiamo oggi a Bologna il nostro tour nel quale abbiamo articolato il forum quest’anno - conclude Francesco di Cesare -. Il bilancio non può che essere di grande soddisfazione, in particolare per la ricchezza dei contenuti emersi grazie al contributo dei relatori coinvolti, punti di vista eterogenei, racconti di esperienze diverse riconducibili alla dimensione turistica o a quella commerciale delle destinazioni, ma comunque sempre riferiti all’incrocio tra di esse, che poi rappresenta l’essenza stessa della capacità di rivolgersi alla domanda di shopping tourism. Grazie dunque a tutti coloro che hanno animato i dibattiti, a chi ha scelto di partecipare e ad assistere ad essi, nonché agli sponsor e a coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questi tre appuntamenti, a cominciare dal sistema Confcommercio». [post_title] => Risposte Turismo: il futuro dello shopping tourism è roseo. A Bologna l'ultima tappa del tour sul tema [post_date] => 2022-12-02T11:34:59+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669980899000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435332 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Per questo ponte dell’Immacolata saranno 12 milioni e 183 mila i concittadini che si metteranno in movimento nella festività dell’8 dicembre secondo l’indagine di Federalberghi, realizzata con il supporto tecnico dell’Istituto ACS Marketing Solutions ed effettuata tra il 23 ed il 28 novembre 2022 su un campione rappresentativo di oltre 3mila individui. “Grazie a un calendario favorevole, con la festività dell’8 dicembre che cade nella giornata di giovedì, molti italiani potranno concedersi una meritata vacanza. Ma il ponte dell’Immacolata è importante per tutta la comunità, perché genera un contributo importante per lo sviluppo del PIL e dell’occupazione” ha dichiarato il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca a commento dei risultati della ricerca. “Non saremo altrettanto fortunati invece in occasione delle festività natalizie – ha aggiunto Bocca – Sia il 25 dicembre che il 1° gennaio 2023 infatti, coincidono con la domenica. Da questo punto di vista, seppure soddisfatti della performance di questo ponte lungo, siamo prudenti nel cantar vittoria, in attesa di verificare che cosa accadrà in occasione del Natale”. “Gli elementi di maggior effetto che io ritengo siano da sottolineare hanno a che fare con un nuovo atteggiamento dell’italiano che viaggia – afferma il presidente di Federalberghi – Alla tendenza già consolidata di restare nel proprio paese, si aggiunge la rinnovata curiosità di imparare a conoscere fino in fondo il proprio territorio. Dai parchi, ai borghi, alle tradizioni enogastronomiche, ogni cosa è importante per consolidare la propria conoscenza di luoghi che si sono avuti sempre a portata di mano ma che, con l’esperienza della pandemia, sembrano diventati più interessanti”. “Si evidenzia inoltre un ritorno all’antico: a giudicare dai dati, gli italiani hanno ricominciato a prenotare con un certo anticipo, strutturandosi in modo molto più solido prima di affrontare una vacanza e dimostrando maggiore determinazione nella realizzazione del viaggio”. “Certo – ha concluso Bocca – ancora una volta abbiamo dovuto guardare in faccia la realtà, e cioè che la stragrande maggioranza delle scelte sono state fortemente condizionate dal proseguire del conflitto in Ucraina e dai conseguenti e drammatici rincari energetici che stiamo tutti vivendo sulla nostra pelle. Si tratta di una criticità che grava enormemente sul sistema turistico ricettivo e richiede soluzioni tempestive per il bene di tutto il Paese”. [post_title] => Ponte dell'Immacolata: 12 milioni di italiani in viaggio [post_date] => 2022-12-02T11:33:58+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669980838000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435326 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Isole Cook sempre più raggiungibili grazie all'introduzione di nuovi collegamenti aerei, che aprono a nuove opportunità di viaggi e itinerari diversi. È del 30 novembre la notizia di un nuovo collegamento aereo diretto tra Sydney e Rarotonga operato da Jetstar, operativo dal 29 giugno 2023: si tratta del primo volo dall’Australia della compagnia, che ha già attiva un’altra rotta sulle Cooks dalla Nuova Zelanda (Auckland). A questo si aggiunge l'altrettanto nuovo volo settimanale di Hawaiian Airlines sulla rotta da Honolulu a Rarotonga, a partire dal 20 maggio 2023. Il servizio fornirà ai viaggiatori provenienti dalle 15 città d'ingresso degli Stati Uniti alle Hawaii, comodi collegamenti one-stop per le Cook. "Nel giro di poche settimane le Isole Cook, da una posizione di relativa inacessibilità, si ritrovano quattro rotte fondamentali con gateway che permettono una miriade di combinazioni - osserva Nick Costantini, general manager Southern Europe per Cook Island Tourism Corporation -. Lavoreremo sodo assieme ai principali tour operator per proporre le Isole Cook combinate con la Polinesia Francese, le Hawaii e West Coast America (ma anche New York); con la Nuova Zelanda e soprattutto, grazie a due voli settimanali, con l’Australia. Siamo molto ottimisti per il ritorno dei viaggiatori italiani verso la nostra destinazione rigenerata durante il Covid; ci sono nuove esperienze e isole da esplorare, tutte all’insegna della sostenibilità, nostra priorità da oltre dieci anni’. [post_title] => Isole Cook: nuove opportunità di viaggio grazie ai nuovi voli da Usa e Australia [post_date] => 2022-12-02T11:23:15+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669980195000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435293 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ethiopian Airlines guarda al futuro mettendo a fuoco un piano strategico di sviluppo al 2035, anno entro cui il vettore punta a raddoppiare il numero delle destinazioni e le dimensioni della flotta. Mesfin Tasew, ceo della compagnia aerea, ha specificato durante un'intervista alla Ethiopian News Agency che, nell'ambito del piano "Vision 2035", Ethiopian Airlines intende aggiungere più di 100 nuovi aeromobili alla flotta, con l'obiettivo di arrivare a 270 aerei in circa 13 anni. La strategia mira anche a generare 25 miliardi di dollari, aumentando il numero di passeggeri da oltre 32,5 milioni a 65 milioni. Inoltre, i piani di espansione della compagnia prevedono l'aggiunta di nuove destinazioni, portando il network a oltre 200 e aumentando il volume del servizio cargo. "Nella Vision 2035 - ha sottolineato il ceo - abbiamo puntato a quasi raddoppiare il numero di destinazioni, portandole dalle 131 di oggi a 207: e per coprire questa espansione, abbiamo pianificato nuovamente di raddoppiare il numero di aeromobili in volo da 140 a 271". [post_title] => Ethiopian Airlines e la "Vision 2035": raddoppio di flotta e numero destinazioni [post_date] => 2022-12-02T10:18:14+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669976294000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435264 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair amplia la capacità offerta da Torino a distanza di un anno dall'apertura della base di Caselle. La stagione invernale in corso conta infatti 34 rotte, tra cui 6 nuove destinazioni: Stoccolma, Vilnius, Manchester, Billund, Praga e Breslavia. Nell'anno trascorso la low cost ha investito 200 milioni di dollari, con 2 aeromobili basati e creato più di 60 posti di lavoro diretti; 2 milioni i passeggeri trasportati nei primi 12 mesi. "Dopo aver trasportato 2 milioni di passeggeri dall’apertura della base un anno fa e quasi 13 milioni dal primo volo a Torino nel 1999, Ryanair continua a crescere e a offrire più scelta e maggior affidabilità ai suoi clienti italiani - ha dichiarato Mauro Bolla, country manager di Ryanair per l’Italia -. Per celebrare il primo anniversario della base, abbiamo lanciato una promozione con tariffe a partire da €19,99 a tratta per viaggi fino alla fine di marzo 2023, che dovranno essere prenotati entro la mezzanotte di sabato 3 dicembre.” “Il primo anno di operatività della base Ryanair ha portato importanti risultati in termini di crescita di traffico sul nostro scalo; la low cost ha mantenuto la promessa di raddoppiare i volumi di passeggeri pur in un anno che nel primo trimestre ha ancora subito gli impatti pandemici - ha sottolineato Andrea Andorno, amministratore delegato di Torino Airport -. Grazie agli investimenti di Ryanair, l’aeroporto di Torino è ripartito con un numero di destinazioni mai così ampio, che hanno aperto nuove occasioni di mobilità per il territorio e per i flussi di turismo incoming in Piemonte, permettendo allo scalo di registrare il suo record di traffico nel mese di agosto". [post_title] => Ryanair: primo anno a Torino con 2 milioni di passeggeri e 6 nuove destinazioni [post_date] => 2022-12-02T09:03:39+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669971819000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435241 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair potrebbe spiccare il volo anche verso Egitto e Libia. La notizia di trattative in corso con le autorità dei due paesi arriva dal ceo del gruppo Michael O'Leary, in occasione dell'Aviation Straight Talk organizzato da Eurocontrol, che ha citato Egitto e Libia come possibili obiettivi della prossima espansione del network. L'unico paese africano servito attualmente dalla low cost è il Marocco, dove è presente con ben 11 aeromobili basati. Oltre al paese maghrebino Ryanair opera in soli altri due Paesi extraeuropei, Israele (Tel Aviv ed Eilat) e Giordania (Amman e Aqaba). O'Leary, come riporta Air Journal, non ha fornito ulteriori dettagli sulle tempistiche, ma ha assicurato che la low cost sarà "la prima a tornare in Ucraina", dove è atterrata per la prima volta nel 2018. Quando la situazione lo consentirà, naturalmente. Prima che la Russia invadesse il Paese, Ryanair serviva gli aeroporti di Kiev e Lviv. [post_title] => Ryanair potrebbe ampliare il network extra europeo con voli verso Egitto e Libia [post_date] => 2022-12-01T14:13:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669904039000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435181 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dicembre sold out in casa Guiness Travel, a coronamento di un mese di novembre da record storico per quanto riguarda il numero di prenotazioni. “L’ampia disponibilità degli allotment aerei e sui servizi a terra ha spinto i viaggiatori a scegliere la nostra offerta ampia e variegata di itinerari, con la certezza di non incappare in sorprese tariffarie di nessun tipo - racconta la salse manager del to, Elvira D’Aversa -. Ciò a cui stiamo assistendo è una grande dimostrazione di fiducia della clientela verso il nostro prodotto, ancor più evidente se si considera che le vendite invernali non avevano mai raggiunto un tale volume nel nostro business trade”. Diverse le aree che hanno regalato le maggiori soddisfazioni. In Europa, si confermano le classiche capitali evergreen legate agli short break di cinque giorni, con un ritorno fortissimo di Vienna e Praga. Soprattutto la capitale austriaca ritorna prepotentemente nei radar, spinta dal potente richiamo delle festività di fine anno. Anche la formula del long tour fa registrare ottimi numeri in Spagna e Portogallo, naturale scia di un trend positivo sulla destinazione che non ha conosciuto soste dalla scorsa primavera. Puntando la lente più a est, non fa più clamore ormai il grande successo della Turchia, che fa di Istanbul una delle metropoli più corteggiate dell’ultimo periodo. Nell’ambito del Vicino Oriente, spopolano Giordania, Egitto ed Emirati Arabi, Paesi che godono in questo momento dell’anno di un clima particolarmente favorevole al turismo. Forse la sorpresa più grande viene allora dalla netta ripresa di mete lungo raggio, quali il Vietnam e la Thailandia, che hanno storicamente sofferto più di altre l’emergenza dovuta all’insorgere della pandemia. Altro motivo di ottimismo è poi l’aumento delle prenotazioni nel primo trimestre del 2023, quando Guiness Travel dispiegherà più di 30 partenze in Europa e nel resto del mondo, sfruttando la finestra climatica migliore di molte destinazioni e un’ampia vendibilità grazie ad avvicinamenti da tutta Italia. Novità la Spagna del Nord 2023, con un nuovo operativo su Madrid che permette di godere della vitalità e del fascino della capitale iberica. “Continuità della filosofia aziendale, processo di sviluppo tecnologico e semplificazione graduale per agevolare le adv e il comparto booking: concetti chiave che ci sono particolarmente a cuore - conclude Elvira D'Aversa -. Inoltre, i risultati gratificanti che stiamo ottenendo testimoniano ancora una volta il grande lavoro di programmazione, la sinergia vincente con tutta la filiera del trade, una campagna mirata di content marketing e una serie di solide partnership con gli enti del turismo”. [post_title] => Con il dicembre sold out, Guiness Travel lancia la novità Spagna del Nord per il 2023 [post_date] => 2022-12-01T09:40:31+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669887631000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435178 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435179" align="alignleft" width="300"] Un particolare di un appartamento Numa Fiore a Firenze[/caption] Prosegue l'espansione in Italia del gruppo Numa, che aggiunge 58 boutique apartment a Firenze e Roma al proprio portfolio tricolore. Nel capoluogo toscano, in particolare, dopo il Vita e il Rodo arriva Numa Fiore, situato nel quartiere turistico di San Giovanni, a pochi minuti a piedi da piazza della Signoria. A Roma invece è stata firmata una serie di accordi per un altro complesso di boutique apartment in zona stazione Termini da inaugurarsi nell'estate 2023 fa seguito all'apertura del Numa Vici di piazza Venezia dello scorso marzo. “Con l’apertura di altre due nuove proprietà in Italia, stiamo portando avanti la nostra strategia di espansione. La Penisola ospita il maggior numero di siti patrimonio Unesco al mondo ed è una calamita turistica in Europa - racconta il director real estate expansion di Numa Italia, Gabriel Coen -. Per noi è uno dei mercati più importanti del futuro e il nostro modello, con i nostri eleganti boutique apartment, si adatta perfettamente alle caratteristiche del mercato nazionale. Siamo quindi alla ricerca di ulteriori proprietà in posizioni strategiche a Roma, Milano e Firenze, già per il prossimo anno”. [post_title] => Gruppo Numa: in arrivo altri 58 boutique apartment tra Firenze e Roma [post_date] => 2022-12-01T09:30:37+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669887037000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435172 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435173" align="alignleft" width="300"] Il nuovo logo e il rendering della struttura che aprirà a Milano in zona Navigli[/caption] E' tempo di rebranding in casa dei principali protagonisti europei dei modelli di ospitalità ibrida. Dopo The Student Hotel, che ha recentemente cambiato nome in The Social Hub, per meglio rispecchiare il focus sul concept di community, ora anche 21 Way of Living diventa 21 House of Stories. Il brand creato da Alessandro e Mauro Benetton intende pure lui in questo modo veicolare in maniera più efficace lo spirito di community del progetto. Avviato con una prima struttura a Milano in Città Studi, 21 House of Stories è un luogo dove soggiornare, lavorare, socializzare: una dimensione condivisa in cui non ci sono ospiti, ma una community aperta, costituita da persone interconnesse che condividono esperienze autentiche, mettono in circolo idee, energie, storie. Il concept al momento sta performando molto bene. Dalla ripartenza di marzo scorso il tasso di occupazione dell’hotel è stato superiore al 90%. A ciò si aggiunge inoltre una considerevole partecipazione a concerti e talk, presenze consistenti negli spazi coworking e al bistrot. I buoni risultati della struttura milanese, e l’avvio di un nuovo progetto meneghino, previsto sui Navigli, hanno quindi concretizzato la necessità di fare un salto di qualità in termini di brand e di racconto. Da qui il nuovo nome del progetto e il logo sviluppato insieme all’agenzia Fm Studio. “L'avvio della commercializzazione della seconda struttura rappresenta il momento ideale per aggiornare il brand alla luce dei learning accumulati nei primi due anni di attività - spiega il managing director di 21 House of Stories, Nicola Accurso -. Il nostro concept si evolve in una direzione ancora più lifestyle e disruptive, nella quale l'ospite può mescolare sfera privata e professionale in un ambiente estremamente stimolante”. [post_title] => Il brand di Alessandro e Mauro Benetton 21 Way of Living diventa 21 House of Stories [post_date] => 2022-12-01T09:05:50+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669885550000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "eden margo ritorna in egitto" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":27,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":2757,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435329","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435331\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Francesco di Cesare[/caption]\r\n\r\nSegnali di ripresa per lo shopping tourism in Italia che, nel 2023, potrebbe superare la quota dei 2 milioni di turisti che viaggiano con motivazione prevalente shopping stimata prima della pandemia. Dopo il focus sul mercato internazionale nella tappa di Venezia, seguito dall'approfondimento sulla Penisola dell'evento di Ancona, arrivano ora le anticipazioni sul prossimo futuro, rivelate in occasione dell'appuntamento conclusivo, a Bologna, con il tour 2022 organizzato sul tema dello shopping tourism da Risposte Turismo, in collaborazione con il sistema Confcommercio.\r\n\r\n«Superare la soglia dei 2 milioni di shopping tourist sarebbe un risultato che ribadisce l’esistenza di una porzione significativa di domanda turistica che ha nello shopping la motivazione prevalente della propria vacanza e su cui sarebbe opportuno attivare un programma di impegno per aumentare il posizionamento dell’intera Italia come destinazione per gli shopping tourist» ha dichiarato Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo.\r\n\r\nNella cornice di palazzo Segni Massetti, sede di Confcommercio Ascom Bologna, di Cesare ha inoltre presentato i risultati della mappatura sui luoghi dello shopping in Italia contenuta all’interno di Shopping Tourism Italian Monitor, il rapporto di ricerca di riferimento sul fenomeno. La fotografia scattata mostra la presenza nel nostro Paese di un’offerta variegata per i turisti desiderosi di trascorrere una vacanza all’insegna dello shopping e per tutti coloro che, nelle loro vacanze, non rinunciano agli acquisti. Secondo la ricognizione effettuata da Risposte Turismo, considerando solamente dieci tra le principali città turistiche del Paese (Bologna, Ferrara, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Padova, Parma, Roma e Verona), sono oltre 1.300 le botteghe storiche presenti, a sottolineare un consistente patrimonio dell’offerta nazionale da valorizzare ancor meglio in chiave turistica e di sistema Paese.\r\n\r\nDall’indagine emergono, inoltre, oltre 80 vie dello shopping presenti sul territorio nazionale: da via Montenapoleone (Milano) a via dei Condotti (Roma), da calle Larga XXII Marzo (Venezia) a via Tornabuoni (Firenze) e via dei Mille (Napoli), solo per citarne alcune. La nuova edizione dello Shopping Tourism Italian Monitor contiene anche i numeri aggiornati degli outlet e dei department store. Per quanto riguarda gli outlet, in Italia sono presenti 26 strutture (nonostante le complessità di questo triennio, un numero stabile rispetto alla precedente ricognizione effettuata nel 2019), per un totale di 725 mila metri quadrati di aree commerciali, con una stima di crescita di due unità nel biennio 2023-2024 grazie all’apertura del Roma Outlet Village e del Designer Outlet Sardegna e progetti di ampliamento in altre cinque strutture.\r\n\r\nSignificativo evidenziare come a livello europeo l’Italia sia al secondo posto dietro al Regno Unito per numero di strutture outlet (13% sul totale). L’analisi di Risposte Turismo evidenzia inoltre la presenza in Italia di più di 60 department store (oltre 270 mila metri quadrati di superfice complessiva, + 3.8% sull’analisi 2019) e la realizzazione di una serie di interventi nei luoghi del travel retail, come presso gli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Linate, nonché nelle stazioni di Roma Termini e Napoli Centrale.\r\n\r\nCon l'evento bolognese si è quindi concluso il tour itinerante 2022 di Shopping tourism – il forum italiano. Le tre tappe hanno visto la partecipazione di oltre 250 operatori del mondo del turismo e del retail. Sul palco 40 relatori e dieci momenti di confronto e discussione sul presente e futuro di un segmento turistico dalle forti potenzialità per il nostro Paese. «Chiudiamo oggi a Bologna il nostro tour nel quale abbiamo articolato il forum quest’anno - conclude Francesco di Cesare -. Il bilancio non può che essere di grande soddisfazione, in particolare per la ricchezza dei contenuti emersi grazie al contributo dei relatori coinvolti, punti di vista eterogenei, racconti di esperienze diverse riconducibili alla dimensione turistica o a quella commerciale delle destinazioni, ma comunque sempre riferiti all’incrocio tra di esse, che poi rappresenta l’essenza stessa della capacità di rivolgersi alla domanda di shopping tourism. Grazie dunque a tutti coloro che hanno animato i dibattiti, a chi ha scelto di partecipare e ad assistere ad essi, nonché agli sponsor e a coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questi tre appuntamenti, a cominciare dal sistema Confcommercio».","post_title":"Risposte Turismo: il futuro dello shopping tourism è roseo. A Bologna l'ultima tappa del tour sul tema","post_date":"2022-12-02T11:34:59+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669980899000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435332","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Per questo ponte dell’Immacolata saranno 12 milioni e 183 mila i concittadini che si metteranno in movimento nella festività dell’8 dicembre secondo l’indagine di Federalberghi, realizzata con il supporto tecnico dell’Istituto ACS Marketing Solutions ed effettuata tra il 23 ed il 28 novembre 2022 su un campione rappresentativo di oltre 3mila individui.\r\n\r\n“Grazie a un calendario favorevole, con la festività dell’8 dicembre che cade nella giornata di giovedì, molti italiani potranno concedersi una meritata vacanza. Ma il ponte dell’Immacolata è importante per tutta la comunità, perché genera un contributo importante per lo sviluppo del PIL e dell’occupazione” ha dichiarato il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca a commento dei risultati della ricerca.\r\n\r\n“Non saremo altrettanto fortunati invece in occasione delle festività natalizie – ha aggiunto Bocca – Sia il 25 dicembre che il 1° gennaio 2023 infatti, coincidono con la domenica. Da questo punto di vista, seppure soddisfatti della performance di questo ponte lungo, siamo prudenti nel cantar vittoria, in attesa di verificare che cosa accadrà in occasione del Natale”.\r\n\r\n“Gli elementi di maggior effetto che io ritengo siano da sottolineare hanno a che fare con un nuovo atteggiamento dell’italiano che viaggia – afferma il presidente di Federalberghi – Alla tendenza già consolidata di restare nel proprio paese, si aggiunge la rinnovata curiosità di imparare a conoscere fino in fondo il proprio territorio. Dai parchi, ai borghi, alle tradizioni enogastronomiche, ogni cosa è importante per consolidare la propria conoscenza di luoghi che si sono avuti sempre a portata di mano ma che, con l’esperienza della pandemia, sembrano diventati più interessanti”.\r\n\r\n“Si evidenzia inoltre un ritorno all’antico: a giudicare dai dati, gli italiani hanno ricominciato a prenotare con un certo anticipo, strutturandosi in modo molto più solido prima di affrontare una vacanza e dimostrando maggiore determinazione nella realizzazione del viaggio”.\r\n\r\n“Certo – ha concluso Bocca – ancora una volta abbiamo dovuto guardare in faccia la realtà, e cioè che la stragrande maggioranza delle scelte sono state fortemente condizionate dal proseguire del conflitto in Ucraina e dai conseguenti e drammatici rincari energetici che stiamo tutti vivendo sulla nostra pelle. Si tratta di una criticità che grava enormemente sul sistema turistico ricettivo e richiede soluzioni tempestive per il bene di tutto il Paese”.","post_title":"Ponte dell'Immacolata: 12 milioni di italiani in viaggio","post_date":"2022-12-02T11:33:58+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669980838000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435326","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Isole Cook sempre più raggiungibili grazie all'introduzione di nuovi collegamenti aerei, che aprono a nuove opportunità di viaggi e itinerari diversi. \r\nÈ del 30 novembre la notizia di un nuovo collegamento aereo diretto tra Sydney e Rarotonga operato da Jetstar, operativo dal 29 giugno 2023: si tratta del primo volo dall’Australia della compagnia, che ha già attiva un’altra rotta sulle Cooks dalla Nuova Zelanda (Auckland).\r\nA questo si aggiunge l'altrettanto nuovo volo settimanale di Hawaiian Airlines sulla rotta da Honolulu a Rarotonga, a partire dal 20 maggio 2023. Il servizio fornirà ai viaggiatori provenienti dalle 15 città d'ingresso degli Stati Uniti alle Hawaii, comodi collegamenti one-stop per le Cook.\r\n\"Nel giro di poche settimane le Isole Cook, da una posizione di relativa inacessibilità, si ritrovano quattro rotte fondamentali con gateway che permettono una miriade di combinazioni - osserva Nick Costantini, general manager Southern Europe per Cook Island Tourism Corporation -. Lavoreremo sodo assieme ai principali tour operator per proporre le Isole Cook combinate con la Polinesia Francese, le Hawaii e West Coast America (ma anche New York); con la Nuova Zelanda e soprattutto, grazie a due voli settimanali, con l’Australia. Siamo molto ottimisti per il ritorno dei viaggiatori italiani verso la nostra destinazione rigenerata durante il Covid; ci sono nuove esperienze e isole da esplorare, tutte all’insegna della sostenibilità, nostra priorità da oltre dieci anni’.","post_title":"Isole Cook: nuove opportunità di viaggio grazie ai nuovi voli da Usa e Australia","post_date":"2022-12-02T11:23:15+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1669980195000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435293","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ethiopian Airlines guarda al futuro mettendo a fuoco un piano strategico di sviluppo al 2035, anno entro cui il vettore punta a raddoppiare il numero delle destinazioni e le dimensioni della flotta.\r\n\r\nMesfin Tasew, ceo della compagnia aerea, ha specificato durante un'intervista alla Ethiopian News Agency che, nell'ambito del piano \"Vision 2035\", Ethiopian Airlines intende aggiungere più di 100 nuovi aeromobili alla flotta, con l'obiettivo di arrivare a 270 aerei in circa 13 anni. La strategia mira anche a generare 25 miliardi di dollari, aumentando il numero di passeggeri da oltre 32,5 milioni a 65 milioni. Inoltre, i piani di espansione della compagnia prevedono l'aggiunta di nuove destinazioni, portando il network a oltre 200 e aumentando il volume del servizio cargo.\r\n\r\n\"Nella Vision 2035 - ha sottolineato il ceo - abbiamo puntato a quasi raddoppiare il numero di destinazioni, portandole dalle 131 di oggi a 207: e per coprire questa espansione, abbiamo pianificato nuovamente di raddoppiare il numero di aeromobili in volo da 140 a 271\".","post_title":"Ethiopian Airlines e la \"Vision 2035\": raddoppio di flotta e numero destinazioni","post_date":"2022-12-02T10:18:14+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669976294000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435264","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Ryanair amplia la capacità offerta da Torino a distanza di un anno dall'apertura della base di Caselle. La stagione invernale in corso conta infatti 34 rotte, tra cui 6 nuove destinazioni: Stoccolma, Vilnius, Manchester, Billund, Praga e Breslavia. Nell'anno trascorso la low cost ha investito 200 milioni di dollari, con 2 aeromobili basati e creato più di 60 posti di lavoro diretti; 2 milioni i passeggeri trasportati nei primi 12 mesi.\r\n\r\n\"Dopo aver trasportato 2 milioni di passeggeri dall’apertura della base un anno fa e quasi 13 milioni dal primo volo a Torino nel 1999, Ryanair continua a crescere e a offrire più scelta e maggior affidabilità ai suoi clienti italiani - ha dichiarato Mauro Bolla, country manager di Ryanair per l’Italia -. Per celebrare il primo anniversario della base, abbiamo lanciato una promozione con tariffe a partire da €19,99 a tratta per viaggi fino alla fine di marzo 2023, che dovranno essere prenotati entro la mezzanotte di sabato 3 dicembre.”\r\n\r\n“Il primo anno di operatività della base Ryanair ha portato importanti risultati in termini di crescita di traffico sul nostro scalo; la low cost ha mantenuto la promessa di raddoppiare i volumi di passeggeri pur in un anno che nel primo trimestre ha ancora subito gli impatti pandemici - ha sottolineato Andrea Andorno, amministratore delegato di Torino Airport -. Grazie agli investimenti di Ryanair, l’aeroporto di Torino è ripartito con un numero di destinazioni mai così ampio, che hanno aperto nuove occasioni di mobilità per il territorio e per i flussi di turismo incoming in Piemonte, permettendo allo scalo di registrare il suo record di traffico nel mese di agosto\".","post_title":"Ryanair: primo anno a Torino con 2 milioni di passeggeri e 6 nuove destinazioni","post_date":"2022-12-02T09:03:39+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669971819000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435241","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ryanair potrebbe spiccare il volo anche verso Egitto e Libia. La notizia di trattative in corso con le autorità dei due paesi arriva dal ceo del gruppo Michael O'Leary, in occasione dell'Aviation Straight Talk organizzato da Eurocontrol, che ha citato Egitto e Libia come possibili obiettivi della prossima espansione del network.\r\n\r\nL'unico paese africano servito attualmente dalla low cost è il Marocco, dove è presente con ben 11 aeromobili basati. Oltre al paese maghrebino Ryanair opera in soli altri due Paesi extraeuropei, Israele (Tel Aviv ed Eilat) e Giordania (Amman e Aqaba).\r\n\r\nO'Leary, come riporta Air Journal, non ha fornito ulteriori dettagli sulle tempistiche, ma ha assicurato che la low cost sarà \"la prima a tornare in Ucraina\", dove è atterrata per la prima volta nel 2018. Quando la situazione lo consentirà, naturalmente. Prima che la Russia invadesse il Paese, Ryanair serviva gli aeroporti di Kiev e Lviv.","post_title":"Ryanair potrebbe ampliare il network extra europeo con voli verso Egitto e Libia","post_date":"2022-12-01T14:13:59+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669904039000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435181","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dicembre sold out in casa Guiness Travel, a coronamento di un mese di novembre da record storico per quanto riguarda il numero di prenotazioni. “L’ampia disponibilità degli allotment aerei e sui servizi a terra ha spinto i viaggiatori a scegliere la nostra offerta ampia e variegata di itinerari, con la certezza di non incappare in sorprese tariffarie di nessun tipo - racconta la salse manager del to, Elvira D’Aversa -. Ciò a cui stiamo assistendo è una grande dimostrazione di fiducia della clientela verso il nostro prodotto, ancor più evidente se si considera che le vendite invernali non avevano mai raggiunto un tale volume nel nostro business trade”.\r\n\r\nDiverse le aree che hanno regalato le maggiori soddisfazioni. In Europa, si confermano le classiche capitali evergreen legate agli short break di cinque giorni, con un ritorno fortissimo di Vienna e Praga. Soprattutto la capitale austriaca ritorna prepotentemente nei radar, spinta dal potente richiamo delle festività di fine anno. Anche la formula del long tour fa registrare ottimi numeri in Spagna e Portogallo, naturale scia di un trend positivo sulla destinazione che non ha conosciuto soste dalla scorsa primavera. Puntando la lente più a est, non fa più clamore ormai il grande successo della Turchia, che fa di Istanbul una delle metropoli più corteggiate dell’ultimo periodo.\r\n\r\nNell’ambito del Vicino Oriente, spopolano Giordania, Egitto ed Emirati Arabi, Paesi che godono in questo momento dell’anno di un clima particolarmente favorevole al turismo. Forse la sorpresa più grande viene allora dalla netta ripresa di mete lungo raggio, quali il Vietnam e la Thailandia, che hanno storicamente sofferto più di altre l’emergenza dovuta all’insorgere della pandemia. Altro motivo di ottimismo è poi l’aumento delle prenotazioni nel primo trimestre del 2023, quando Guiness Travel dispiegherà più di 30 partenze in Europa e nel resto del mondo, sfruttando la finestra climatica migliore di molte destinazioni e un’ampia vendibilità grazie ad avvicinamenti da tutta Italia. Novità la Spagna del Nord 2023, con un nuovo operativo su Madrid che permette di godere della vitalità e del fascino della capitale iberica.\r\n\r\n“Continuità della filosofia aziendale, processo di sviluppo tecnologico e semplificazione graduale per agevolare le adv e il comparto booking: concetti chiave che ci sono particolarmente a cuore - conclude Elvira D'Aversa -. Inoltre, i risultati gratificanti che stiamo ottenendo testimoniano ancora una volta il grande lavoro di programmazione, la sinergia vincente con tutta la filiera del trade, una campagna mirata di content marketing e una serie di solide partnership con gli enti del turismo”.","post_title":"Con il dicembre sold out, Guiness Travel lancia la novità Spagna del Nord per il 2023","post_date":"2022-12-01T09:40:31+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669887631000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435178","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435179\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Un particolare di un appartamento Numa Fiore a Firenze[/caption]\r\n\r\nProsegue l'espansione in Italia del gruppo Numa, che aggiunge 58 boutique apartment a Firenze e Roma al proprio portfolio tricolore. Nel capoluogo toscano, in particolare, dopo il Vita e il Rodo arriva Numa Fiore, situato nel quartiere turistico di San Giovanni, a pochi minuti a piedi da piazza della Signoria. A Roma invece è stata firmata una serie di accordi per un altro complesso di boutique apartment in zona stazione Termini da inaugurarsi nell'estate 2023 fa seguito all'apertura del Numa Vici di piazza Venezia dello scorso marzo.\r\n\r\n“Con l’apertura di altre due nuove proprietà in Italia, stiamo portando avanti la nostra strategia di espansione. La Penisola ospita il maggior numero di siti patrimonio Unesco al mondo ed è una calamita turistica in Europa - racconta il director real estate expansion di Numa Italia, Gabriel Coen -. Per noi è uno dei mercati più importanti del futuro e il nostro modello, con i nostri eleganti boutique apartment, si adatta perfettamente alle caratteristiche del mercato nazionale. Siamo quindi alla ricerca di ulteriori proprietà in posizioni strategiche a Roma, Milano e Firenze, già per il prossimo anno”.","post_title":"Gruppo Numa: in arrivo altri 58 boutique apartment tra Firenze e Roma","post_date":"2022-12-01T09:30:37+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1669887037000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435172","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435173\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il nuovo logo e il rendering della struttura che aprirà a Milano in zona Navigli[/caption]\r\n\r\nE' tempo di rebranding in casa dei principali protagonisti europei dei modelli di ospitalità ibrida. Dopo The Student Hotel, che ha recentemente cambiato nome in The Social Hub, per meglio rispecchiare il focus sul concept di community, ora anche 21 Way of Living diventa 21 House of Stories. Il brand creato da Alessandro e Mauro Benetton intende pure lui in questo modo veicolare in maniera più efficace lo spirito di community del progetto. Avviato con una prima struttura a Milano in Città Studi, 21 House of Stories è un luogo dove soggiornare, lavorare, socializzare: una dimensione condivisa in cui non ci sono ospiti, ma una community aperta, costituita da persone interconnesse che condividono esperienze autentiche, mettono in circolo idee, energie, storie.\r\n\r\nIl concept al momento sta performando molto bene. Dalla ripartenza di marzo scorso il tasso di occupazione dell’hotel è stato superiore al 90%. A ciò si aggiunge inoltre una considerevole partecipazione a concerti e talk, presenze consistenti negli spazi coworking e al bistrot. I buoni risultati della struttura milanese, e l’avvio di un nuovo progetto meneghino, previsto sui Navigli, hanno quindi concretizzato la necessità di fare un salto di qualità in termini di brand e di racconto. Da qui il nuovo nome del progetto e il logo sviluppato insieme all’agenzia Fm Studio.\r\n\r\n“L'avvio della commercializzazione della seconda struttura rappresenta il momento ideale per aggiornare il brand alla luce dei learning accumulati nei primi due anni di attività - spiega il managing director di 21 House of Stories, Nicola Accurso -. Il nostro concept si evolve in una direzione ancora più lifestyle e disruptive, nella quale l'ospite può mescolare sfera privata e professionale in un ambiente estremamente stimolante”.","post_title":"Il brand di Alessandro e Mauro Benetton 21 Way of Living diventa 21 House of Stories","post_date":"2022-12-01T09:05:50+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1669885550000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti