18 June 2024

Nasce Mapo World: obiettivo 3 mln di fatturato nel primo anno

[ 0 ]

Mapo Travel allarga i propri orizzonti e parte con una nuova sfida dedicata al lungo raggio che avrà il suo core business a Torino. Città dove, insieme a cento agenti di viaggi di tutta Italia, il tour operator pugliese ha brindato all’ambizioso progetto.

Ventiquattro i Paesi attualmente in catalogo fra Asia, Nord e Centro, Medio Oriente e oceano Indiano, per una programmazione gestita da un team capitanato da Roberto Servetti, già direttore prodotto del tour operator Amo il Mondo, e dal direttore commerciale Fabrizio Celeghin, manager di lungo corso proveniente da Uvet, affiancati da sei giovani esperti.

“Qui sono nate realtà che hanno fatto la storia del turismo italiano – dichiara Barbara Marangi, general manager di Mapo Travel –. E qui abbiamo trovato le professionalità necessarie per scendere in campo con questa nuova avventura”.  Tutto è nato dal desiderio di Servetti e Celeghin di riproporre il lungo raggio al meglio, divertendosi e rimettendosi in gioco. Un’idea condivisa con Mapo Travel e che nel giro di pochi mesi è diventata realtà e per il 2023 punta ai 3 milioni di fatturato.

Unico canale di vendita saranno le agenzie, in piena sintonia con la filosofia di Mapo Travel, come sottolinea Barbara Marangi: “L’intento, senza trascurare i tour classici e di gruppo, è di puntare sulla sartorialità, su viaggi costruiti nei dettagli grazie a una esperienza diretta e al supporto fondamentale delle agenzie, così da soddisfare le esigenze del singolo cliente”.

Oltre al sito dedicato www.mapoworld.it, attivo ma da completare con la sezione del booking online, Mapo World proporrà agli agenti di viaggi anche webinar e formazione in presenza presso i nuovi uffici torinesi di via Reiss Romoli, già pienamente operativi.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436870 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le Seychelles superano le previsioni sugli arrivi turistici del 2022 con un totale di 334.552 visitatori, pari ad un aumento dell'81% rispetto allo stesso periodo del 2021. "Abbiamo iniziato l'anno con molte incertezze, una delle quali era la guerra in Ucraina, dato che la Russia in quel momento era il nostro mercato principale - ha dichiarato Sherin Francis, primo segretario per il turismo -. Nonostante queste sfide, gli eventi si sono risolti a favore della destinazione, con i mercati dell'Europa occidentale che hanno sostituito le cancellazioni dalla Russia e dall'Ucraina grazie all'allentamento delle restrizioni di viaggio Covid”. Nel 2022, l'Europa ha continuato a dominare la classifica degli arrivi, Germania in testa con 44.772 visitatori, seguita da Francia con 44.503 e Russia al terzo posto con 31.180. La stagione invernale ha visto anche il ritorno di Condor e Aeroflot alle Seychelles, oltre a voli charter aggiuntivi da Israele, che stanno sostenendo la ripresa della destinazione. Aumentano infatti i turisti provenienti da Israele, Emirati Arabi Uniti e India, che insieme hanno totalizzato 51.668 arrivi. Francis ha dichiarato alla Seychelles News Agency (SNA) che "spera che migliorino entro la fine di quest’anno anche le entrate derivanti da questo settore chiave per l’economia del paese”. [post_title] => Seychelles oltre le previsioni: oltre 334.000 visitatori nell'anno appena chiuso [post_date] => 2023-01-09T10:24:18+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673259858000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431665 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => +52% di settimane prenotate rispetto al 2021 (stesso periodo di riferimento) e ritorno massiccio dei turisti stranieri, che con oltre l'86% di presenze nel Bel Paese fanno registrare un anno da record negli affitti brevi di tenute di pregio, a conferma di un trend del settore in ripresa. Queste le prime stime della stagione turistica appena conclusa dell'Osservatorio Emma Villas, realizzate analizzando le prenotazioni degli oltre 500 immobili gestiti in esclusiva tra ville e tenute di pregio in Italia con circa 45.000 clienti italiani e internazionali ospitati nel corso della stagione. Dai dati dell'Osservatorio registrati a metà settembre emerge infatti come nel 2022 siano state oltre 7.200 le settimane prenotate di chi ha scelto una villa o un casale per le sue vacanze o momenti di relax. Un dato che supera il 2021 del 52% (nello stesso periodo si registravano 4773 settimane prenotate) e il 2019 del 70%.   Al primo posto la Toscana, con 3.770 settimane prenotate e un indice di occupazione in alta stagione del 95%, al secondo posto, con oltre 1.200 settimane prenotate e un'occupazione delle strutture al 92%, l'Umbria. Completa il podio la regione Marche, con 434 settimane e un indice di occupazione che è arrivato al 92% in alta stagione. Ottimi risultati registrati anche per Sicilia ed Emilia Romagna, rispettivamente con 384 e 331 settimane prenotate. «Il soggiorno in ville di pregio è ormai un'opzione consolidata per il turismo internazionale e nazionale e i dati di quest'anno ci rendono ottimisti - spiega Giammarco Bisogno, Fondatore e CEO di Emma Villas  - Allo stesso tempo, però, il nostro ottimismo viene scalfito dalla preoccupazione per l''attuale situazione internazionale: l'inflazione, e quindi l'aumento del costo della vita, dell'energia, dei carburanti, e anche il rincaro dei voli italiani e internazionali, ad esempio, non fanno bene a nessun settore, in particolare quello del turismo. Il rilancio di questo settore rischia di essere vanificato, qualora non venissero apportate delle misure efficaci , in grado di tranquillizzare la clientela nazionale e internazionale e i proprietari delle strutture, preoccupati dal rincaro dei costi di gestione. Il tema dei costi energetici è cruciale per mantenere questa ripresa». Il costo medio nazionale per l'affitto di una villa o tenuta di pregio è di circa € 4.173,00 a settimana. Si tratta di costi che diventano accessibili perché suddivisi tra più ospiti. Si possono quindi tradurre in una spesa media orientativa di circa 525 euro a persona per settimana, per soggiornare in dimore da "mille e una notte.   [post_title] => Italia, per Emma Villas Toscana, Umbria e Marche la destinazioni più richieste [post_date] => 2022-10-05T12:09:14+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664971754000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "442773" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":4,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":2,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436870","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le Seychelles superano le previsioni sugli arrivi turistici del 2022 con un totale di 334.552 visitatori, pari ad un aumento dell'81% rispetto allo stesso periodo del 2021.\r\n\r\n\"Abbiamo iniziato l'anno con molte incertezze, una delle quali era la guerra in Ucraina, dato che la Russia in quel momento era il nostro mercato principale - ha dichiarato Sherin Francis, primo segretario per il turismo -. Nonostante queste sfide, gli eventi si sono risolti a favore della destinazione, con i mercati dell'Europa occidentale che hanno sostituito le cancellazioni dalla Russia e dall'Ucraina grazie all'allentamento delle restrizioni di viaggio Covid”.\r\n\r\nNel 2022, l'Europa ha continuato a dominare la classifica degli arrivi, Germania in testa con 44.772 visitatori, seguita da Francia con 44.503 e Russia al terzo posto con 31.180. La stagione invernale ha visto anche il ritorno di Condor e Aeroflot alle Seychelles, oltre a voli charter aggiuntivi da Israele, che stanno sostenendo la ripresa della destinazione.\r\n\r\nAumentano infatti i turisti provenienti da Israele, Emirati Arabi Uniti e India, che insieme hanno totalizzato 51.668 arrivi. Francis ha dichiarato alla Seychelles News Agency (SNA) che \"spera che migliorino entro la fine di quest’anno anche le entrate derivanti da questo settore chiave per l’economia del paese”.","post_title":"Seychelles oltre le previsioni: oltre 334.000 visitatori nell'anno appena chiuso","post_date":"2023-01-09T10:24:18+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1673259858000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431665","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"+52% di settimane prenotate rispetto al 2021 (stesso periodo di riferimento) e ritorno massiccio dei turisti stranieri, che con oltre l'86% di presenze nel Bel Paese fanno registrare un anno da record negli affitti brevi di tenute di pregio, a conferma di un trend del settore in ripresa.\r\n\r\nQueste le prime stime della stagione turistica appena conclusa dell'Osservatorio Emma Villas, realizzate analizzando le prenotazioni degli oltre 500 immobili gestiti in esclusiva tra ville e tenute di pregio in Italia con circa 45.000 clienti italiani e internazionali ospitati nel corso della stagione.\r\n\r\nDai dati dell'Osservatorio registrati a metà settembre emerge infatti come nel 2022 siano state oltre 7.200 le settimane prenotate di chi ha scelto una villa o un casale per le sue vacanze o momenti di relax. Un dato che supera il 2021 del 52% (nello stesso periodo si registravano 4773 settimane prenotate) e il 2019 del 70%.  \r\n\r\nAl primo posto la Toscana, con 3.770 settimane prenotate e un indice di occupazione in alta stagione del 95%, al secondo posto, con oltre 1.200 settimane prenotate e un'occupazione delle strutture al 92%, l'Umbria. Completa il podio la regione Marche, con 434 settimane e un indice di occupazione che è arrivato al 92% in alta stagione. Ottimi risultati registrati anche per Sicilia ed Emilia Romagna, rispettivamente con 384 e 331 settimane prenotate.\r\n\r\n«Il soggiorno in ville di pregio è ormai un'opzione consolidata per il turismo internazionale e nazionale e i dati di quest'anno ci rendono ottimisti - spiega Giammarco Bisogno, Fondatore e CEO di Emma Villas  - Allo stesso tempo, però, il nostro ottimismo viene scalfito dalla preoccupazione per l''attuale situazione internazionale: l'inflazione, e quindi l'aumento del costo della vita, dell'energia, dei carburanti, e anche il rincaro dei voli italiani e internazionali, ad esempio, non fanno bene a nessun settore, in particolare quello del turismo. Il rilancio di questo settore rischia di essere vanificato, qualora non venissero apportate delle misure efficaci , in grado di tranquillizzare la clientela nazionale e internazionale e i proprietari delle strutture, preoccupati dal rincaro dei costi di gestione. Il tema dei costi energetici è cruciale per mantenere questa ripresa».\r\n\r\nIl costo medio nazionale per l'affitto di una villa o tenuta di pregio è di circa € 4.173,00 a settimana. Si tratta di costi che diventano accessibili perché suddivisi tra più ospiti. Si possono quindi tradurre in una spesa media orientativa di circa 525 euro a persona per settimana, per soggiornare in dimore da \"mille e una notte.  ","post_title":"Italia, per Emma Villas Toscana, Umbria e Marche la destinazioni più richieste","post_date":"2022-10-05T12:09:14+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1664971754000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti