23 February 2024

Monografia Veneto

[ 0 ]


Scarica il Pdf

In allegato al numero del 4 aprile 2014 di Travel Quotidiano la nuova Monografia dedicata alla Regione Veneto.

La Monografia è stata distribuita in occasione della Bmt di Napoli.

Il Veneto è una Regione che vanata quasi 16 milioni di arrivi annui e circa 62 milioni di presenze, delle quali più di un terzo di provenienza estera.

Il Veneto è la Regione con l’offerta più completa: città d’arte, ville venete, spiaggia, lago, montagna, terme, montagna, il delta del Po e un patrimonio enogastronomico fra i più ricchi d’Italia.

La Regione va ora ad investire su nuove risorse turistiche come la Pedemontana collina veneta, il congressuale con la nascita del Convention Bureau e sviluppando una maggiore cultura dell’accessibilità.

 


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462097 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si apre con ottime prospettive il 2024 di Alpitour, che in questo primo scorcio di anno già registra una crescita di 120 milioni di euro rispetto al pari dato di 12 mesi or sono. "Tutti i nostri pillar stanno macinando ottimi risultati, con aumenti sopra al 20% per ognuno - racconta il direttore commerciale tour operating, Alessandro Seghi -. La crisi mediorientale sta certo avendo ripercussioni su alcune destinazioni, Israele e Giordania in primis. Così come l'Egitto, che però rimane il nostro prodotto più venduto. Ciò premesso, la riduzione dei volumi registrata in quest'area è oggi più compensata dalla crescita di tutte le altre mete". Nelle prime tre settimane di questo mese di febbraio, le prenotazioni segnano in particolare incrementi del 15% medio, con un'estate che è già a +27%. Nel dettaglio, a fronte di un Egitto a -20%, l'Italia viaggia con incrementi del 30%, le Canarie del 40%, le Baleari del 65% e la Grecia addirittura del 90%. Sul lungo raggio, da segnalare invece il +60% del Madagascar e il +50% della Repubblica Dominicana. "Stiamo in particolare osservando una maggiore richiesta dei gruppi sulle destinazioni greche: un grande ritorno dopo anni di flessione. Sta prendendo inoltre sempre più piede il pacchetto low cost più soggiorno di Eden: un'offerta competitiva quanto quella dell'online, ma con in più tutte le garanzie di un tour operator. Infine, importantissima è la possibilità di contare su una compagnia aerea in house come Neos, che ci consente di spostare con rapidità i collegamenti charter verso le mete a maggior richiesta". Al momento Alpitour non teme neppure troppo che si possa ripetere quanto accaduto nel 2023 quando, dopo un inizio d'anno estremamente promettente, il mercato si è un po' raffreddato con l'avvicinarsi dell'estate. "Sicuramente ci aspettiamo un calo delle prenotazioni sotto data - spiega Seghi -. Il fenomeno advance booking è sempre più pronunciato ma siamo pure convinti che sia il mercato preso nel suo complesso a sostenere le vendite. Rispetto all'anno scorso, in particolare, la crescita del nostro fatturato non è sospinta solo dall'innalzamento delle tariffe: nel 2023 a un certo punto le due curve, quella dei volumi e quella dei prezzi, hanno quasi assunto direttrici divergenti. Quest'anno invece procedono di pari passo, mantenendo sostanzialmente la stessa pendenza. A confortarci, infine, c'è anche l'inverno appena trascorso, che ci ha dato grandi soddisfazioni". [post_title] => Alpitour apre l'anno con il vento in poppa: ricavi a +120 mln sul pari data [post_date] => 2024-02-22T13:46:23+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708609583000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462037 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Abruzzo, Puglia e Lazio negli ultimi giorni di febbraio. E poi Lombardia, Veneto, Marche e ancora Puglia a marzo. Sono queste le prime tappe del roadshow organizzato da Mapo Travel per incontrare le agenzie di viaggio sul territorio. “Il tratto distintivo dei nostri viaggi è l’artigianalità: la sartorialità con cui il prodotto viene cucito sulle esigenze e sui desideri del cliente finale - sottolinea la general manager dell'operatore pugliese, Barbara Marangi -. E questo è possibile solo attraverso la condivisione tra i nostri esperti che pensano e costruiscono il prodotto e gli agenti di viaggio che incontrano fisicamente i clienti”. Nel dettaglio, il calendario del roadshow Mapo prevede tappe il 26 febbraio a Montesilvano, in Abruzzo, il 27 e 28 in Puglia, per la Btm di Bari, il 29 a Roma, il 5 marzo un workshop all’aeroporto di Milano Bergamo, e poi sempre a marzo gli appuntamenti in varie location in Lombardia, Veneto, Marche e Puglia. “Vogliamo rafforzare i rapporti interpersonali con gli agenti, presentare il progetto e le novità sul lungo raggio di Mapo World, consolidare destinazioni come Egitto Classico, Turchia e il Mare Italia che ci hanno dato tante soddisfazioni nel 2023. Tutto – spiega il direttore commerciale, Fabrizio Celeghin - con la nostra rete sales che con gli ultimi inserimenti copre capillarmente tutte le regioni italiane”. Tra gli appuntamenti del tour operator in giro per l’Italia anche un aperitivo esclusivo con le agenzie partner per presentare le novità di prodotto durante la Btm di Bari. “Il 2024  si è aperto sulla scia degli ottimi risultati dello scorso anno – conclude Barbara Marangi -. Stiamo inoltre concentrando la nostra attenzione su acquisizioni e gestioni dirette di nuove strutture alberghiere. Presto avremo importanti novità in questo senso”. [post_title] => Mapo Travel in tour per l'Italia a incontrare le adv. Presto in arrivo nuove gestioni dirette [post_date] => 2024-02-22T09:52:25+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708595545000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461877 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiude con un boom di pubblico la nona edizione di Agri e Slow Travel Expo a Bergamo, con 23 mila visitatori in tre giorni, 180 eventi, 40 buyer italiani e stranieri, oltre 200 espositori. Appuntamento al prossimo anno per un settore che punta su un turismo più sostenibile, in sintonia con la natura e sempre più accessibile a tutti: appassionati, curiosi, sportivi e amanti dei piccoli borghi e delle tradizioni locali. I numeri parlano chiaro: ben 23 mila persone hanno visitato la fiera nei tre giorni di esposizione, attratti dall’offerta di oltre 200 realtà presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane. A sostenere la manifestazione fieristica, anche 180 eventi tra spettacoli folkloristici, esibizioni, show cooking, concerti, convegni, talk e approfondimenti su otto temi trainanti di un settore in netta crescita: sostenibilità, enogastronomia, cicloturismo, montagna, cammini, accessibilità, vie d’acqua, folklore. Tra i momenti clou, il primo Agrigravel 2024, una gara non competitiva dedicata agli amanti delle bici gravel che stanno spopolando per la loro versatilità di utilizzo su più superfici, dalla ghiaia fino al terreno più scosceso. Erano oltre 200 i partecipanti che si sono divertiti su un percorso di 70 chilometri tra le bellezze della bergamasca, testando anche il nuovo tratto nord-est dell’anello ciclopedonale che si collega direttamente con l’aeroporto Bgy, primo scalo bike friendly in Italia e partner della fiera. Un evento sostenuto anche da Enit, l’Agenzia nazionale del turismo italiano da sempre attenta ai temi e ai valori portati avanti di edizione in edizione. «La formula che unisce l’area business riservata agli operatori con quella dedicata al grande pubblico - spiega Luciano Patelli, presidente Promoberg - è un unicum nel panorama delle nostre fiere e più in generale in quello di settore. Il format sta conquistando a ogni edizione sempre più apprezzamenti e ha incoronato anche quest’anno per tre giorni Bergamo quale capitale europea del turismo slow e sostenibile. Se si fa rete con sinergie e obiettivi condivisi, il made in Bergamo può imporsi anche a livello internazionale. Per ultimo, ma di certo non meno importante, desidero ricordare le molteplici ricadute positive per il nostro territorio date dalle nostre manifestazioni, in particolare se internazionali come la stessa Agritravel fiera dei territori. In molti, tra espositori, buyer e visitatori, hanno voluto trovare il tempo per visitare anche la nostra città e il nostro territorio: uno scrigno colmo di arte, storia, cultura e paesaggi di rara bellezza; una meta che riassume splendidamente tutti i temi al centro del nostro progetto. Siamo onorati di contribuire allo sviluppo economico e alla promozione turistica di Bergamo in Italia e nel mondo«. «Fiera dei territori – Agri Travel e Slow Travel Expo rappresenta il posizionamento del quartiere fieristico nel settore del turismo sostenibile, slow e outdoor - aggiunge Stefania Pendezza, project manager -. Il turista è sempre più attratto da esperienze autentiche, vuole scoprire e arricchirsi. Fiera dei territori intercetta questo tipo di turismo, favorisce il matching tra domanda e offerta, sostiene e facilita la nascita di sinergie tra le destinazioni, le aziende e le istituzioni di tutto nostro Paese e internazionali. La manifestazione è stata un momento di grandi opportunità e proficui scambi, a partire dal grande successo del b2b di venerdì 16, che ha visto coinvolti numerosi operatori italiani e internazionali che hanno generato 800 incontri business«. Nei 13 mila metri quadrati della fiera, oltre 200 espositori presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane (Trentino, Veneto, Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Lazio, Marche, Abruzzo, Sardegna, Sicilia, Calabria, Campania, Puglia) hanno svelato i luoghi e le prelibatezze del palato.   ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ [post_title] => Agri e Slow Travel Expo Bergamo: 23 mila visitatori alla fiera dei territori [post_date] => 2024-02-21T10:01:59+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708509719000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461943 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prima regione d’Italia per presenze (73 milioni, pari a un fatturato di 18 milioni di euro) il Veneto supera i risultati pre–pandemia e punta sempre di più sul grande patrimonio naturale, paesaggistico, culturale, artistico e architettonico che tramanda da secoli: ricchezze inestimabili che, associate a una governance turistica efficace, delineano le sfide del turismo del futuro, sempre più attento e consapevole. I nove siti Unesco del Veneto saranno infatti l’anello di congiunzione di un’esperienza completa, dalle Dolomiti Bellunesi a Verona, da Padova a Vicenza e le sue ville palladiane, solo per citarne alcuni. Lo ha affermato l’assessore al Turismo della regione, Federico Caner, introducendo i temi chiave di un’offerta turistica incentrata su attrattività e sostenibilità: “La prima edizione della Borsa internazionale dei siti Patrimonio mondiale, tenutasi la scorsa primavera a Castelbrando, ci ha dato spunti per elaborare idee inedite e rinnovare un’offerta allineata con le nuove tendenze di viaggio, nell’ottica di una sostenibilità a 360 gradi”. I gioielli Unesco, la loro salvaguardia e i grandi appuntamenti del 2024 saranno al centro della seconda edizione della Borsa e oggetto di educational tour per i to italiani e stranieri, nonché per la stampa specializzata, alla scoperta del territorio veneto e di prodotti turistici integrati, accessibili e fruibili. In grande risalto, oltre ai siti Unesco, le aree che ospiteranno le Olimpiadi Invernali del 2026, permettendo così agli operatori e ai giornalisti di vivere in anteprima l’atmosfera di attesa del grande evento sportivo. [post_title] => Veneto: un’offerta turistica incentrata su attrattività e sostenibilità [post_date] => 2024-02-21T09:38:54+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708508334000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461909 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un 2024 nel segno dello sport e per la Germania che dal prossimo 14 giugno sarà teatro dei Campionati Europei di calcio. Per le 51 partite sono attesi 2,7 milioni di spettatori negli stadi e circa sette milioni di ospiti nelle zone riservate ai tifosi e alle aree dedicate accessibili al pubblico. Nei 22 giorni delle partite, le dieci città tedesche ospitanti Berlino, Colonia, Monaco, Francoforte, Amburgo, Dortmund, Lipsia, Gelsenkirchen, Stoccarda e Düsseldorf offriranno agli appassionati di calcio e ai visitatori internazionali un ampio programma. L'Ente Nazionale Germanico per il Turismo stima che i Campionati Europei genereranno un volume aggiuntivo di pernottamenti fino al 4% per il turismo incoming tedesco. Allo stesso tempo, l'evento sportivo offre un grande potenziale per promuovere ulteriormente l'immagine positiva della Germania come destinazione turistica.  «La Germania celebra una festa del calcio. Soprattutto in tempi di tensioni internazionali, questo grande evento sportivo offre l'opportunità di presentare la Germania come una destinazione di viaggio cosmopolita, pacifica e sostenibile, dando così un esempio di comprensione e tolleranza internazionale - afferma Petra Hedorfer, presidente del consiglio direttivo dell'Ente Nazionale Germanico per il Turismo -. Ci aspettiamo anche un ulteriore impatto sul turismo incoming. Secondo i dati finora disponibili, sia le prenotazioni anticipate di camere d'albergo sui principali portali online, che le prenotazioni dei voli per i mesi di giugno e luglio 2024, sono ben al di sopra delle medie. In particolare, stiamo assistendo a una crescita superiore alla media da parte dei Paesi che partecipano ai Campionati europei, il che conferma le nostre aspettative. Allo stato attuale, prevediamo un aumento fino al 4% dei pernottamenti internazionali grazie all'evento. Nell'anno dell'indimenticabile dei Mondiali 2006, il numero di pernottamenti di ospiti internazionali era aumentato di 4,7 milioni rispetto all'anno precedente, dando al contempo un rilancio sostenibile all'immagine della Germania». L'evento sarà un'occasione utile per presentare «la nostra variegata offerta turistica e rafforzare così la reputazione della Germania come destinazione di viaggio». Per l'occasione è stato creato anche un microsito dedicato al calcio sul portale dell’Ente Germanico che raccoglie contenuti tematici sulle città ospitanti. Il sito fornirà inoltre notizie e informazioni sulla passione per il calcio tedesco e sulla cultura dei tifosi tedeschi. [post_title] => La Germania stima un +4% di pernottamenti grazie agli Europei di calcio [post_date] => 2024-02-20T11:23:17+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708428197000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461879 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "Un'importante occasione di confronto e divulgazione delle iniziative legate alla comunicazione del mondo antico e alla valorizzazione delle sue testimonianze, dove Shiruq– Viaggi culturali by Mappamondo presenterà la propria offerta culturale e archeologica". Così la direttrice del to, Francesca Lorusso. definisce tourismA, il salone internazionale dedicato all’archeologia e al turismo culturale, alla cui decima edizione parteciperà anche l'operatore milanese acquisito da Mappamondo lo scorso dicembre. L'evento si terrà al palazzo dei congressi di Firenze da venerdì 23 a domenica 25 febbraio.  Shiruq incontrerà gli agenti di viaggio a Buy Cultural Tourism, la settima edizione del workshop b2b del turismo culturale. "La nostra offerta è in continua evoluzione ed espansione” spiega Fabrizio Peluso, sales account Toscana: “Al salone presenteremo interessanti novità". Sempre venerdì, alle 19:30, Shiruq e Visit Saudi accoglieranno gli agenti di viaggio nella cornice di Cinema Paradiso by 25hours hotels, in un evento interamente dedicato all’Arabia Saudita. Sul palco Alberto Truffa (Saudi Tourism Authority), Lucrezia Martinengo (AlUla) e la stessa Francesca Lorusso affronteranno i molteplici aspetti della destinazione, dalle suggestioni alle informazioni più pratiche, ponendo il focus sull’itinerario Scrigno di memorie tra valli desertiche e sulle prossime partenze di gruppo. Sabato 24 febbraio, all'interno della rassegna Viaggi di cultura e archeologia che si terrà presso la sala Limonaia del palazzo (e in diretta Facebook), Shiruq firmerà infine due appuntamenti: alle 11.30 lo storico e giornalista Piero Pasini condurrà il pubblico in un viaggio attraverso Echi di civiltà perdute lungo il Mekong, alla scoperta del Laos più autentico, mentre alle ore 12 porterà in scena la Georgia, con la talk Alla scoperta dell’Antica Colchide. [post_title] => Shiruq alla tourismA di Firenze per parlare di Arabia Saudita, Laos e Georgia [post_date] => 2024-02-20T10:24:27+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708424667000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461875 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono oltre 600 le posizioni aperte nei village e camping in town Human Company distribuiti tra Toscana, Veneto, Lazio e Lussemburgo, nella tenuta Palagina alle porte del Chianti e nel Plus Hostel di Firenze. Dopo un 2023 conclusosi con ottimi risultati, in particolare quelli legati alle presenze che sono cresciute del 9% rispetto al 2022, il gruppo toscano si prepara alla riapertura delle sue strutture con un importante piano di assunzioni. Diversi i settori di riferimento per le nuove figure professionali da inserire in organico: nell’ambito ricettivo si cercano addetti front office, per l’accoglienza degli ospiti e la gestione delle prenotazioni, responsabili front office per il coordinamento del personale della reception, e addetti agli info point, incaricati di fornire informazioni sulla struttura, gli eventi e le esperienze pensate per conoscere al meglio il territorio circostante. Camerieri, aiuto camerieri, pizzaioli e aiuto pizzaioli sono tra le professioni ricercate per il settore food & beverage insieme a baristi e economi f&b per la ricezione e la gestione dei materiali in arrivo in struttura. Non mancano le opportunità per il settore della sicurezza, delle pulizie e delle manutenzioni mentre per il retail sono aperte le seguenti figure professionali: addetti al market e allo shop e responsabili dell’esercizio. Per la Toscana, in particolare, le posizioni aperte sono oltre 340 e interessano non solo i villaggi della costa toscana come lo hu Park Albatros village e lo hu Montescudaio village, ma anche lo hu Norcenni Girasole village e la tenuta Palagina alle porte del Chianti, il Plus Hostel e lo hu Firenze camping in town. In Veneto si cercano circa 130 figure per lo hu Altomincio village e per lo hu Venezia camping in town, nel Lazio sono disponibili oltre 65 posizioni tra lo hu I pini village, il Fabulous village e lo hu Roma camping in town mentre sono circa 60 le figure professionali ricercate in Lussemburgo per lo hu Birkelt village.   [post_title] => Human Company alla ricerca di oltre 600 figure per la stagione 2024 [post_date] => 2024-02-20T10:08:45+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708423725000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461793 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Simone Farci il nuovo general manager dell’InterContinental Rome Ambasciatori Palace di via Veneto. Con una laurea in economia, la certificazione Cha ottenuta dall'American hotel lodging educational institute, nonché un master in hospitality management e un gmp presso la Cornell university school of hotel administration, Farci vanta oltre otto anni di esperienza nello stesso gruppo Ihg, per cui ha guidato diverse proprietà di fascia alta, business hotel e resort in tutto il mondo. Nel 2023 ha in particolare curato ai Caraibi il processo di rebranding del resort di lusso Kempinski Dominica Cabrits in InterContinental Dominica Cabrits. “Sono entusiasta di assumere la guida dell'InterContinental Rome Ambasciatori Palace - commenta Farci -. Il mio impegno sarà quello di mantenere gli elevati standard di eccellenza per cui questo hotel è rinomato e di guidare il team verso sempre nuovi e ambiziosi traguardi. Tutti i nostri sforzi saranno finalizzati a consolidare l’immagine dell'albergo come una struttura alberghiera d’élite nel panorama dell’hôtellerie romana”. [post_title] => Simone Farci nuovo general manager dell’InterContinental Rome Ambasciatori Palace [post_date] => 2024-02-19T11:20:11+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708341611000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461603 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sabato 27 e domenica 28 aprile 2024, Parma, cuore della Food Valley, vedrà due giorni di festa, di cibo e di ciclismo, giornate che consentiranno a tutti gli appassionati – ciclisti professionisti o amatoriali – di partecipare ad un evento unico e di esplorare sui pedali, un territorio ricco di itinerari e ciclabili ideali per le due ruote. Diversi i percorsi de L’Étape Parma by Tour de France: il 27 aprile la cicloturistica per famiglie e bambini di 25 km, oppure l’itinerario di 60 km lungo la Food Valley Bike, ciclovia della Bassa Parmense che unisce Parma a Busseto (PR), seguendo le piste ciclabili lungo il Grande Fiume, con soste dedicate al gusto. Il 28 aprile, invece, la scelta è tra due percorsi competitivi: la Granfondo gourmet di 74 km e la gara agonistica di 140 km, su un dislivello di 2.800 metri, un tragitto ondulato e panoramico che toccherà Rivalta, Passo del Crocione, Schia Monte Caio, la Pineta di Cozzano e Barbiano. Non mancheranno ristori gustosi. Un’occasione per sperimentare i tanti e variegati itinerari cicloturistici, che fanno di Parma e del suo territorio un reticolato ideale per gli amanti della bicicletta, che dalla città d’arte si inoltrano nelle atmosfere di pianura del fiume Po, nelle terre care a Giuseppe Verdi e Giovannino Guareschi, per risalire verso le colline costellate di borghi e di castelli, fino a toccare le cime del Parco dell’Appennino Tosco-Emiliano, scoprendo i luoghi in cui nascono celebri prodotti tipici, dal Prosciutto di Parma al Parmigiano Reggiano, dalla pasta al pomodoro. È uno dei percorsi de L’Étape Parma by Tour de France, ma anche la ciclovia più appetitosa d’Italia: la Food Valley Bike, che per 80 km attraversa i luoghi del cibo. Da Parma si prosegue verso Mezzani, per esplorare l’Oasi Naturale Parma Morta, si continua per Colorno, dove si può visitare la splendida Reggia di Colorno, e si prosegue in direzione di Sissa Trecasali, per degustare la Spalla Cruda di Palasone, salume risalente al Medioevo. Altra tappa è Roccabianca con il suo castello e Zibello, dove addentare il prelibato Culatello di Zibello. L’arrivo è a Busseto, nella cui frazione Roncole è nato il maestro Giuseppe Verdi.  La Food Valley Bike unisce anche Parma a Mantova, attraverso un itinerario di piste ciclabili e fluviali all’insegna del turismo slow e sostenibile, che collega il sito UNESCO Mantova e Sabbioneta, che è parte della Ciclovia Tirreno Brennero, con Parma City of Gastronomy. Snodo cruciale il porto turistico di Mezzani e Casalmaggiore, sul fiume Po.  Per i ciclisti di buona forchetta, curiosi di scoprire la storia dell’enogastronomia italiana, ci sono i percorsi bike che uniscono gli 8 Musei del Cibo. Si chiama Sentiero d’Arte perché si snoda tra meraviglie artistiche e parte proprio da una di esse: la Badia di Santa Maria della Neve a Torrechiara con i suoi affreschi barocchi, il refettorio, il belvedere e il chiostro. Si pedala lungo il Canale di San Michele fino al borgo e al romantico Castello di Torrechiara, teatro della storia d’amore fra Pier Maria Rossi e Bianca Pellegrini, per poi giungere a Langhirano, sede del Museo del Prosciutto. Arte e mobilità sostenibile sono le parole chiave dei 19 percorsi cicloturistici di Pedalart, che coprono 1.200 km nel territorio di Parma e dell’Emilia. Pedalare nel territorio di Parma, infatti, è anche vivere le vicende di castelli straordinari. Un itinerario consigliato in bici è quello attraverso i Castelli della Bassa.         [post_title] => Parma meta del cicloturismo con L'étape Parma by Tour de France [post_date] => 2024-02-16T09:45:37+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708076737000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "monografia veneto" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":28,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":721,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462097","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si apre con ottime prospettive il 2024 di Alpitour, che in questo primo scorcio di anno già registra una crescita di 120 milioni di euro rispetto al pari dato di 12 mesi or sono. \"Tutti i nostri pillar stanno macinando ottimi risultati, con aumenti sopra al 20% per ognuno - racconta il direttore commerciale tour operating, Alessandro Seghi -. La crisi mediorientale sta certo avendo ripercussioni su alcune destinazioni, Israele e Giordania in primis. Così come l'Egitto, che però rimane il nostro prodotto più venduto. Ciò premesso, la riduzione dei volumi registrata in quest'area è oggi più compensata dalla crescita di tutte le altre mete\".\r\n\r\nNelle prime tre settimane di questo mese di febbraio, le prenotazioni segnano in particolare incrementi del 15% medio, con un'estate che è già a +27%. Nel dettaglio, a fronte di un Egitto a -20%, l'Italia viaggia con incrementi del 30%, le Canarie del 40%, le Baleari del 65% e la Grecia addirittura del 90%. Sul lungo raggio, da segnalare invece il +60% del Madagascar e il +50% della Repubblica Dominicana. \"Stiamo in particolare osservando una maggiore richiesta dei gruppi sulle destinazioni greche: un grande ritorno dopo anni di flessione. Sta prendendo inoltre sempre più piede il pacchetto low cost più soggiorno di Eden: un'offerta competitiva quanto quella dell'online, ma con in più tutte le garanzie di un tour operator. Infine, importantissima è la possibilità di contare su una compagnia aerea in house come Neos, che ci consente di spostare con rapidità i collegamenti charter verso le mete a maggior richiesta\".\r\n\r\nAl momento Alpitour non teme neppure troppo che si possa ripetere quanto accaduto nel 2023 quando, dopo un inizio d'anno estremamente promettente, il mercato si è un po' raffreddato con l'avvicinarsi dell'estate. \"Sicuramente ci aspettiamo un calo delle prenotazioni sotto data - spiega Seghi -. Il fenomeno advance booking è sempre più pronunciato ma siamo pure convinti che sia il mercato preso nel suo complesso a sostenere le vendite. Rispetto all'anno scorso, in particolare, la crescita del nostro fatturato non è sospinta solo dall'innalzamento delle tariffe: nel 2023 a un certo punto le due curve, quella dei volumi e quella dei prezzi, hanno quasi assunto direttrici divergenti. Quest'anno invece procedono di pari passo, mantenendo sostanzialmente la stessa pendenza. A confortarci, infine, c'è anche l'inverno appena trascorso, che ci ha dato grandi soddisfazioni\".","post_title":"Alpitour apre l'anno con il vento in poppa: ricavi a +120 mln sul pari data","post_date":"2024-02-22T13:46:23+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708609583000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462037","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Abruzzo, Puglia e Lazio negli ultimi giorni di febbraio. E poi Lombardia, Veneto, Marche e ancora Puglia a marzo. Sono queste le prime tappe del roadshow organizzato da Mapo Travel per incontrare le agenzie di viaggio sul territorio. “Il tratto distintivo dei nostri viaggi è l’artigianalità: la sartorialità con cui il prodotto viene cucito sulle esigenze e sui desideri del cliente finale - sottolinea la general manager dell'operatore pugliese, Barbara Marangi -. E questo è possibile solo attraverso la condivisione tra i nostri esperti che pensano e costruiscono il prodotto e gli agenti di viaggio che incontrano fisicamente i clienti”.\r\n\r\nNel dettaglio, il calendario del roadshow Mapo prevede tappe il 26 febbraio a Montesilvano, in Abruzzo, il 27 e 28 in Puglia, per la Btm di Bari, il 29 a Roma, il 5 marzo un workshop all’aeroporto di Milano Bergamo, e poi sempre a marzo gli appuntamenti in varie location in Lombardia, Veneto, Marche e Puglia. “Vogliamo rafforzare i rapporti interpersonali con gli agenti, presentare il progetto e le novità sul lungo raggio di Mapo World, consolidare destinazioni come Egitto Classico, Turchia e il Mare Italia che ci hanno dato tante soddisfazioni nel 2023. Tutto – spiega il direttore commerciale, Fabrizio Celeghin - con la nostra rete sales che con gli ultimi inserimenti copre capillarmente tutte le regioni italiane”.\r\n\r\nTra gli appuntamenti del tour operator in giro per l’Italia anche un aperitivo esclusivo con le agenzie partner per presentare le novità di prodotto durante la Btm di Bari. “Il 2024  si è aperto sulla scia degli ottimi risultati dello scorso anno – conclude Barbara Marangi -. Stiamo inoltre concentrando la nostra attenzione su acquisizioni e gestioni dirette di nuove strutture alberghiere. Presto avremo importanti novità in questo senso”.","post_title":"Mapo Travel in tour per l'Italia a incontrare le adv. Presto in arrivo nuove gestioni dirette","post_date":"2024-02-22T09:52:25+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708595545000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461877","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiude con un boom di pubblico la nona edizione di Agri e Slow Travel Expo a Bergamo, con 23 mila visitatori in tre giorni, 180 eventi, 40 buyer italiani e stranieri, oltre 200 espositori. Appuntamento al prossimo anno per un settore che punta su un turismo più sostenibile, in sintonia con la natura e sempre più accessibile a tutti: appassionati, curiosi, sportivi e amanti dei piccoli borghi e delle tradizioni locali.\r\n\r\nI numeri parlano chiaro: ben 23 mila persone hanno visitato la fiera nei tre giorni di esposizione, attratti dall’offerta di oltre 200 realtà presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane. A sostenere la manifestazione fieristica, anche 180 eventi tra spettacoli folkloristici, esibizioni, show cooking, concerti, convegni, talk e approfondimenti su otto temi trainanti di un settore in netta crescita: sostenibilità, enogastronomia, cicloturismo, montagna, cammini, accessibilità, vie d’acqua, folklore.\r\n\r\nTra i momenti clou, il primo Agrigravel 2024, una gara non competitiva dedicata agli amanti delle bici gravel che stanno spopolando per la loro versatilità di utilizzo su più superfici, dalla ghiaia fino al terreno più scosceso. Erano oltre 200 i partecipanti che si sono divertiti su un percorso di 70 chilometri tra le bellezze della bergamasca, testando anche il nuovo tratto nord-est dell’anello ciclopedonale che si collega direttamente con l’aeroporto Bgy, primo scalo bike friendly in Italia e partner della fiera.\r\n\r\nUn evento sostenuto anche da Enit, l’Agenzia nazionale del turismo italiano da sempre attenta ai temi e ai valori portati avanti di edizione in edizione. «La formula che unisce l’area business riservata agli operatori con quella dedicata al grande pubblico - spiega Luciano Patelli, presidente Promoberg - è un unicum nel panorama delle nostre fiere e più in generale in quello di settore. Il format sta conquistando a ogni edizione sempre più apprezzamenti e ha incoronato anche quest’anno per tre giorni Bergamo quale capitale europea del turismo slow e sostenibile. Se si fa rete con sinergie e obiettivi condivisi, il made in Bergamo può imporsi anche a livello internazionale. Per ultimo, ma di certo non meno importante, desidero ricordare le molteplici ricadute positive per il nostro territorio date dalle nostre manifestazioni, in particolare se internazionali come la stessa Agritravel fiera dei territori. In molti, tra espositori, buyer e visitatori, hanno voluto trovare il tempo per visitare anche la nostra città e il nostro territorio: uno scrigno colmo di arte, storia, cultura e paesaggi di rara bellezza; una meta che riassume splendidamente tutti i temi al centro del nostro progetto. Siamo onorati di contribuire allo sviluppo economico e alla promozione turistica di Bergamo in Italia e nel mondo«.\r\n\r\n«Fiera dei territori – Agri Travel e Slow Travel Expo rappresenta il posizionamento del quartiere fieristico nel settore del turismo sostenibile, slow e outdoor - aggiunge Stefania Pendezza, project manager -. Il turista è sempre più attratto da esperienze autentiche, vuole scoprire e arricchirsi. Fiera dei territori intercetta questo tipo di turismo, favorisce il matching tra domanda e offerta, sostiene e facilita la nascita di sinergie tra le destinazioni, le aziende e le istituzioni di tutto nostro Paese e internazionali. La manifestazione è stata un momento di grandi opportunità e proficui scambi, a partire dal grande successo del b2b di venerdì 16, che ha visto coinvolti numerosi operatori italiani e internazionali che hanno generato 800 incontri business«.\r\n\r\nNei 13 mila metri quadrati della fiera, oltre 200 espositori presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane (Trentino, Veneto, Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Lazio, Marche, Abruzzo, Sardegna, Sicilia, Calabria, Campania, Puglia) hanno svelato i luoghi e le prelibatezze del palato.\r\n\r\n \r\n\r\n­\r\n­\r\n­\r\n­\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­","post_title":"Agri e Slow Travel Expo Bergamo: 23 mila visitatori alla fiera dei territori","post_date":"2024-02-21T10:01:59+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1708509719000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461943","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prima regione d’Italia per presenze (73 milioni, pari a un fatturato di 18 milioni di euro) il Veneto supera i risultati pre–pandemia e punta sempre di più sul grande patrimonio naturale, paesaggistico, culturale, artistico e architettonico che tramanda da secoli: ricchezze inestimabili che, associate a una governance turistica efficace, delineano le sfide del turismo del futuro, sempre più attento e consapevole.\r\n\r\nI nove siti Unesco del Veneto saranno infatti l’anello di congiunzione di un’esperienza completa, dalle Dolomiti Bellunesi a Verona, da Padova a Vicenza e le sue ville palladiane, solo per citarne alcuni. Lo ha affermato l’assessore al Turismo della regione, Federico Caner, introducendo i temi chiave di un’offerta turistica incentrata su attrattività e sostenibilità: “La prima edizione della Borsa internazionale dei siti Patrimonio mondiale, tenutasi la scorsa primavera a Castelbrando, ci ha dato spunti per elaborare idee inedite e rinnovare un’offerta allineata con le nuove tendenze di viaggio, nell’ottica di una sostenibilità a 360 gradi”.\r\n\r\nI gioielli Unesco, la loro salvaguardia e i grandi appuntamenti del 2024 saranno al centro della seconda edizione della Borsa e oggetto di educational tour per i to italiani e stranieri, nonché per la stampa specializzata, alla scoperta del territorio veneto e di prodotti turistici integrati, accessibili e fruibili. In grande risalto, oltre ai siti Unesco, le aree che ospiteranno le Olimpiadi Invernali del 2026, permettendo così agli operatori e ai giornalisti di vivere in anteprima l’atmosfera di attesa del grande evento sportivo.","post_title":"Veneto: un’offerta turistica incentrata su attrattività e sostenibilità","post_date":"2024-02-21T09:38:54+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1708508334000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461909","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un 2024 nel segno dello sport e per la Germania che dal prossimo 14 giugno sarà teatro dei Campionati Europei di calcio. Per le 51 partite sono attesi 2,7 milioni di spettatori negli stadi e circa sette milioni di ospiti nelle zone riservate ai tifosi e alle aree dedicate accessibili al pubblico.\r\nNei 22 giorni delle partite, le dieci città tedesche ospitanti Berlino, Colonia, Monaco, Francoforte, Amburgo, Dortmund, Lipsia, Gelsenkirchen, Stoccarda e Düsseldorf offriranno agli appassionati di calcio e ai visitatori internazionali un ampio programma.\r\nL'Ente Nazionale Germanico per il Turismo stima che i Campionati Europei genereranno un volume aggiuntivo di pernottamenti fino al 4% per il turismo incoming tedesco. Allo stesso tempo, l'evento sportivo offre un grande potenziale per promuovere ulteriormente l'immagine positiva della Germania come destinazione turistica. \r\n«La Germania celebra una festa del calcio. Soprattutto in tempi di tensioni internazionali, questo grande evento sportivo offre l'opportunità di presentare la Germania come una destinazione di viaggio cosmopolita, pacifica e sostenibile, dando così un esempio di comprensione e tolleranza internazionale - afferma Petra Hedorfer, presidente del consiglio direttivo dell'Ente Nazionale Germanico per il Turismo -. Ci aspettiamo anche un ulteriore impatto sul turismo incoming. Secondo i dati finora disponibili, sia le prenotazioni anticipate di camere d'albergo sui principali portali online, che le prenotazioni dei voli per i mesi di giugno e luglio 2024, sono ben al di sopra delle medie. In particolare, stiamo assistendo a una crescita superiore alla media da parte dei Paesi che partecipano ai Campionati europei, il che conferma le nostre aspettative. Allo stato attuale, prevediamo un aumento fino al 4% dei pernottamenti internazionali grazie all'evento. Nell'anno dell'indimenticabile dei Mondiali 2006, il numero di pernottamenti di ospiti internazionali era aumentato di 4,7 milioni rispetto all'anno precedente, dando al contempo un rilancio sostenibile all'immagine della Germania».\r\nL'evento sarà un'occasione utile per presentare «la nostra variegata offerta turistica e rafforzare così la reputazione della Germania come destinazione di viaggio». Per l'occasione è stato creato anche un microsito dedicato al calcio sul portale dell’Ente Germanico che raccoglie contenuti tematici sulle città ospitanti. Il sito fornirà inoltre notizie e informazioni sulla passione per il calcio tedesco e sulla cultura dei tifosi tedeschi.","post_title":"La Germania stima un +4% di pernottamenti grazie agli Europei di calcio","post_date":"2024-02-20T11:23:17+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1708428197000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461879","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"Un'importante occasione di confronto e divulgazione delle iniziative legate alla comunicazione del mondo antico e alla valorizzazione delle sue testimonianze, dove Shiruq– Viaggi culturali by Mappamondo presenterà la propria offerta culturale e archeologica\". Così la direttrice del to, Francesca Lorusso. definisce tourismA, il salone internazionale dedicato all’archeologia e al turismo culturale, alla cui decima edizione parteciperà anche l'operatore milanese acquisito da Mappamondo lo scorso dicembre. L'evento si terrà al palazzo dei congressi di Firenze da venerdì 23 a domenica 25 febbraio. \r\n\r\nShiruq incontrerà gli agenti di viaggio a Buy Cultural Tourism, la settima edizione del workshop b2b del turismo culturale. \"La nostra offerta è in continua evoluzione ed espansione” spiega Fabrizio Peluso, sales account Toscana: “Al salone presenteremo interessanti novità\". Sempre venerdì, alle 19:30, Shiruq e Visit Saudi accoglieranno gli agenti di viaggio nella cornice di Cinema Paradiso by 25hours hotels, in un evento interamente dedicato all’Arabia Saudita. Sul palco Alberto Truffa (Saudi Tourism Authority), Lucrezia Martinengo (AlUla) e la stessa Francesca Lorusso affronteranno i molteplici aspetti della destinazione, dalle suggestioni alle informazioni più pratiche, ponendo il focus sull’itinerario Scrigno di memorie tra valli desertiche e sulle prossime partenze di gruppo.\r\n\r\nSabato 24 febbraio, all'interno della rassegna Viaggi di cultura e archeologia che si terrà presso la sala Limonaia del palazzo (e in diretta Facebook), Shiruq firmerà infine due appuntamenti: alle 11.30 lo storico e giornalista Piero Pasini condurrà il pubblico in un viaggio attraverso Echi di civiltà perdute lungo il Mekong, alla scoperta del Laos più autentico, mentre alle ore 12 porterà in scena la Georgia, con la talk Alla scoperta dell’Antica Colchide.","post_title":"Shiruq alla tourismA di Firenze per parlare di Arabia Saudita, Laos e Georgia","post_date":"2024-02-20T10:24:27+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708424667000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461875","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono oltre 600 le posizioni aperte nei village e camping in town Human Company distribuiti tra Toscana, Veneto, Lazio e Lussemburgo, nella tenuta Palagina alle porte del Chianti e nel Plus Hostel di Firenze. Dopo un 2023 conclusosi con ottimi risultati, in particolare quelli legati alle presenze che sono cresciute del 9% rispetto al 2022, il gruppo toscano si prepara alla riapertura delle sue strutture con un importante piano di assunzioni.\r\n\r\nDiversi i settori di riferimento per le nuove figure professionali da inserire in organico: nell’ambito ricettivo si cercano addetti front office, per l’accoglienza degli ospiti e la gestione delle prenotazioni, responsabili front office per il coordinamento del personale della reception, e addetti agli info point, incaricati di fornire informazioni sulla struttura, gli eventi e le esperienze pensate per conoscere al meglio il territorio circostante. Camerieri, aiuto camerieri, pizzaioli e aiuto pizzaioli sono tra le professioni ricercate per il settore food & beverage insieme a baristi e economi f&b per la ricezione e la gestione dei materiali in arrivo in struttura. Non mancano le opportunità per il settore della sicurezza, delle pulizie e delle manutenzioni mentre per il retail sono aperte le seguenti figure professionali: addetti al market e allo shop e responsabili dell’esercizio.\r\n\r\nPer la Toscana, in particolare, le posizioni aperte sono oltre 340 e interessano non solo i villaggi della costa toscana come lo hu Park Albatros village e lo hu Montescudaio village, ma anche lo hu Norcenni Girasole village e la tenuta Palagina alle porte del Chianti, il Plus Hostel e lo hu Firenze camping in town. In Veneto si cercano circa 130 figure per lo hu Altomincio village e per lo hu Venezia camping in town, nel Lazio sono disponibili oltre 65 posizioni tra lo hu I pini village, il Fabulous village e lo hu Roma camping in town mentre sono circa 60 le figure professionali ricercate in Lussemburgo per lo hu Birkelt village.\r\n\r\n ","post_title":"Human Company alla ricerca di oltre 600 figure per la stagione 2024","post_date":"2024-02-20T10:08:45+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708423725000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461793","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Simone Farci il nuovo general manager dell’InterContinental Rome Ambasciatori Palace di via Veneto. Con una laurea in economia, la certificazione Cha ottenuta dall'American hotel lodging educational institute, nonché un master in hospitality management e un gmp presso la Cornell university school of hotel administration, Farci vanta oltre otto anni di esperienza nello stesso gruppo Ihg, per cui ha guidato diverse proprietà di fascia alta, business hotel e resort in tutto il mondo. Nel 2023 ha in particolare curato ai Caraibi il processo di rebranding del resort di lusso Kempinski Dominica Cabrits in InterContinental Dominica Cabrits.\r\n\r\n“Sono entusiasta di assumere la guida dell'InterContinental Rome Ambasciatori Palace - commenta Farci -. Il mio impegno sarà quello di mantenere gli elevati standard di eccellenza per cui questo hotel è rinomato e di guidare il team verso sempre nuovi e ambiziosi traguardi. Tutti i nostri sforzi saranno finalizzati a consolidare l’immagine dell'albergo come una struttura alberghiera d’élite nel panorama dell’hôtellerie romana”.","post_title":"Simone Farci nuovo general manager dell’InterContinental Rome Ambasciatori Palace","post_date":"2024-02-19T11:20:11+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708341611000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461603","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sabato 27 e domenica 28 aprile 2024, Parma, cuore della Food Valley, vedrà due giorni di festa, di cibo e di ciclismo, giornate che consentiranno a tutti gli appassionati – ciclisti professionisti o amatoriali – di partecipare ad un evento unico e di esplorare sui pedali, un territorio ricco di itinerari e ciclabili ideali per le due ruote.\r\n\r\nDiversi i percorsi de L’Étape Parma by Tour de France: il 27 aprile la cicloturistica per famiglie e bambini di 25 km, oppure l’itinerario di 60 km lungo la Food Valley Bike, ciclovia della Bassa Parmense che unisce Parma a Busseto (PR), seguendo le piste ciclabili lungo il Grande Fiume, con soste dedicate al gusto. Il 28 aprile, invece, la scelta è tra due percorsi competitivi: la Granfondo gourmet di 74 km e la gara agonistica di 140 km, su un dislivello di 2.800 metri, un tragitto ondulato e panoramico che toccherà Rivalta, Passo del Crocione, Schia Monte Caio, la Pineta di Cozzano e Barbiano.\r\n\r\nNon mancheranno ristori gustosi. Un’occasione per sperimentare i tanti e variegati itinerari cicloturistici, che fanno di Parma e del suo territorio un reticolato ideale per gli amanti della bicicletta, che dalla città d’arte si inoltrano nelle atmosfere di pianura del fiume Po, nelle terre care a Giuseppe Verdi e Giovannino Guareschi, per risalire verso le colline costellate di borghi e di castelli, fino a toccare le cime del Parco dell’Appennino Tosco-Emiliano, scoprendo i luoghi in cui nascono celebri prodotti tipici, dal Prosciutto di Parma al Parmigiano Reggiano, dalla pasta al pomodoro.\r\n\r\nÈ uno dei percorsi de L’Étape Parma by Tour de France, ma anche la ciclovia più appetitosa d’Italia: la Food Valley Bike, che per 80 km attraversa i luoghi del cibo. Da Parma si prosegue verso Mezzani, per esplorare l’Oasi Naturale Parma Morta, si continua per Colorno, dove si può visitare la splendida Reggia di Colorno, e si prosegue in direzione di Sissa Trecasali, per degustare la Spalla Cruda di Palasone, salume risalente al Medioevo. Altra tappa è Roccabianca con il suo castello e Zibello, dove addentare il prelibato Culatello di Zibello. L’arrivo è a Busseto, nella cui frazione Roncole è nato il maestro Giuseppe Verdi. \r\n\r\nLa Food Valley Bike unisce anche Parma a Mantova, attraverso un itinerario di piste ciclabili e fluviali all’insegna del turismo slow e sostenibile, che collega il sito UNESCO Mantova e Sabbioneta, che è parte della Ciclovia Tirreno Brennero, con Parma City of Gastronomy. Snodo cruciale il porto turistico di Mezzani e Casalmaggiore, sul fiume Po. \r\n\r\nPer i ciclisti di buona forchetta, curiosi di scoprire la storia dell’enogastronomia italiana, ci sono i percorsi bike che uniscono gli 8 Musei del Cibo.\r\n\r\nSi chiama Sentiero d’Arte perché si snoda tra meraviglie artistiche e parte proprio da una di esse: la Badia di Santa Maria della Neve a Torrechiara con i suoi affreschi barocchi, il refettorio, il belvedere e il chiostro. Si pedala lungo il Canale di San Michele fino al borgo e al romantico Castello di Torrechiara, teatro della storia d’amore fra Pier Maria Rossi e Bianca Pellegrini, per poi giungere a Langhirano, sede del Museo del Prosciutto.\r\n\r\nArte e mobilità sostenibile sono le parole chiave dei 19 percorsi cicloturistici di Pedalart, che coprono 1.200 km nel territorio di Parma e dell’Emilia.\r\n\r\nPedalare nel territorio di Parma, infatti, è anche vivere le vicende di castelli straordinari. Un itinerario consigliato in bici è quello attraverso i Castelli della Bassa.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Parma meta del cicloturismo con L'étape Parma by Tour de France","post_date":"2024-02-16T09:45:37+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1708076737000]}]}}

Lascia un commento