12 April 2024

Tre fam trip in programma per celebrare il decimo Co’mpleanno di JoyCo’

[ 0 ]

Sono passati già dieci anni dall’esordio di JoyCo’ in Africa Australe con il primo cliente Kiboko Adventures acquisito nel 2014. E’ in quell’anno infatti che Gioja Tresoldi, dopo una lunga esperienza nel settore del tour operating e un intenso e arricchente biennio all’Ente del turismo Sudafricano, decide di creare la sua agenzia di rappresentanza, marketing e comunicazione. “Una scelta dettata dalla ferma volontà di creare durevoli e profittevoli collaborazioni tra il trade italiano, di cui ben conosco le necessità, e brand di lungo e medio raggio che privilegiano un servizio di qualità e un prodotto in continua evoluzione”, spiega la stessa Gioja Tresoldi.

Da allora JoyCo’ ha costantemente ampliato il proprio portfolio allargando il servizio a nuovi clienti nell’area del Nord Africa e del Medio Oriente, anche grazie all’ingresso in agenzia di Silvia Testoni nel 2016. Oggi JoyCo’ conta ben otto rappresentanze: oltre a Kiboko Adventures Dmc, per overland in Sudafrica, Namibia e Botswana, ci sono Opentourafrica Dmc per Sudafrica, Botswana, Zambia, Zimbabwe e Mozambico, Paola Safaris Dmc per Kenya e Tanzania, Monarch Travel Dmc per il Marocco, Khimji’s House of Travel Dmc per l’Oman, Khimji Tourism Dmc per Dubai ed Emirati Arabi, Petra Nights Tours Dmc per Giordania, nonché Ayada Maldives, resort lusso nell’atollo di Gaafu

“Sono fiera di apporre l’anniversario dei dieci anni sul nostro logo – aggiunge Gioja Tresoldi  –. Guardo al futuro con la stessa grinta di quando ho iniziato, per continuare a creare nuove e stimolanti sinergie con diversi player del trade italiano. Quest’anno festeggiamo con l’organizzazione di ben tre fam tour in collaborazione con le dmc in Namibia, Oman e Giordania. Inoltre, nel corso dell’anno, ci sarà qualche sorpresa che coinvolgerà i nostri clienti e partner nel festeggiare tutti insieme il nostro decimo Co’mpleanno!”.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465345 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "Era venuto il momento di fare una scelta diversa, perché la vita è fatta anche di famiglia". Sergio Testi a luglio lascia la carica di direttore generale del gruppo Gattinoni. Lo fa con queste parole sincere, dopo dieci anni importanti e soprattutto dopo una vita nel mondo del travel. "Durante la mia carriera ho avuto uffici in tanti posti diversi. La mia famiglia vive a Cuneo. A volte è riuscita a seguirmi, altre no. Per me il lavoro è sempre stato al primo posto". Era tempo, insomma, di cambiare almeno in parte priorità. Almeno in parte, perché Testi non lascerà completamente il gruppo. Rimarrà come consigliere del cda prima di tutto, ma anche con una collaborazione in materia di sviluppo: "Avevo assicurato al presidente (Franco Gattinoni, ndr) che se avessi deciso di cambiare, glielo avrei comunicato con 12 mesi di anticipo. Così è stato. Ma abbiamo pensato di continuare a collaborare, seppure in una forma diversa. La mia preoccupazione era quella che i colleghi vivessero il futuro con serenità". Diversificare D'altronde per Testi il gruppo Gattinoni si basa sostanzialmente su due punti: "Uno è il presidente; l'altro è una squadra che ha sempre saputo integrarsi superando qualsiasi problema: un’azienda che ha saputo investire, sviluppare e innovare persino nei momenti difficili. Altrimenti non avremmo fatto questi numeri (il riferimento è al bilancio 2023, presentato nella stessa occasione, ndr). Oggi siamo un’azienda diversificata con tre business che sembrano simili ma in realtà sono molto differenti: un approccio al mercato lungimirante, che consente di non andare in crisi di fronte a rallentamenti parziali di uno dei settori". [post_title] => Rivoluzione Gattinoni 2: Sergio Testi lascia la direzione generale [post_date] => 2024-04-11T14:25:37+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712845537000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465341 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un giro d'affari di quasi 700 milioni di euro (precisamente 686,9 mln), per una crescita del 40% sull'anno precedente, con la sezione travel che ha contribuito con 295 mln (+40,1%), quella business travel con 254 mln (+3.,2%), gli eventi con 61 mln (+71,8%), più le società partecipate e controllate che hanno pesato per 76,9 mln (+51,6%). Il tutto corroborato da margini operativi lordi per 14,62 milioni, pari al 40% in più rispetto all'obiettivo di budget originario. Sono i numeri del 2023 di Gattinoni, a cui si devono inoltre aggiungere i 922 milioni del network (+33,4%). "Dopo l'acquisizione nel 2022 di Robintur e la coda lunga della pandemia, lo scorso è stato il primo anno in cui abbiamo potuto tracciare un bilancio completo - spiega il presidente e amministratore delegato, Franco Gattinoni - Si tratta di cifre importanti. E proprio per questo abbiamo deciso che fosse venuto il momento di mettere mano all'organizzazione: semplificandola per continuare a crescere". Da qui la decisione di creare tre distinte aree di business che opereranno tutte sotto la supervisione della capogruppo: travel (prodotto e agenzie), business travel ed events. La semplificazione riguarderà peraltro anche l’aspetto societario: l'idea è infatti di raggruppare le numerose aziende del gruppo in tre sole realtà: "Dal 1°gennaio 2025 avremo una società per ciascuna delle nostre business unit, nelle quali  confluiranno progressivamente tutte le altre", sottolinea Gattinoni. L'obiettivo è quella di dare la massima importanza a ognuna delle nostre specializzazioni, nella consapevolezza che abbiano necessità sia sinergiche, sia distinte e specifiche per ciascun segmento di mercato". A tal fine sono stati quindi nominati tre nuovi amministratore delegati: per la divisione Gattinoni Travel diventa a.d. Mario Vercesi, già direttore prodotto e regista della piattaforma tecnologica; Gattinoni Events riconferma al timone la già managing director, Elisa Presutti, mentre la divisione Business Travel si avvarrà del nuovo ingresso di Piergiulio Donzelli, che curerà il completamento della fusione fra Gattinoni Business Travel e BtExpert. Alla luce di tali cambiamenti, anche il resto dell'organigramma societario varia leggermente con una serie di conferme e alcune new entry: il cda della capogruppo è in particolare ora composto da Franco Gattinoni, presidente, Stefano Dall'Ara, vicepresidente (senza incarichi operativi, per dare continuità al retaggio Robintur, ndr), nonché Sergio Testi, Amanda Shupbach e Valeria Vaghi, consiglieri. La stessa Valeria Vaghi è poi chief financial officer, mentre responsabile del controllo di gestione e compliance è Claudio Passuti, al timone della divisione risorse umane c'è Amanda Shupbach, all'It e servizi generali, Mattia Tieghi, e al marketing, comunicazione e digital, Isabella Maggi. Infine una parola sul budget 2024: "L'anno in corso ci vedrà impegnati in questo importante processo di riorganizzazione e consolidamento, con la conclusione della fase d'integrazione con Robintur - conclude Gattinoni -. Ma prevediamo comunque di proseguire lungo il nostro percorso di espansione, stimando un incremento del giro d'affari del 12% circa, sino a quota 774,3 milioni. Salirà anche l'ebitda di una percentuale ancora maggiore. Anzi, proprio la riorganizzazione in corso mira tra le altre cose a supportare una crescita delle marginalità, puntando ad allinearle a quelle di altri settori merceologici tradizionalmente più profittevoli del mondo travel".   [post_title] => Rivoluzione Gattinoni che si riorganizza in tre business unit [post_date] => 2024-04-11T13:56:54+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712843814000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465169 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'occasione per presentare ufficialmente la nascita del nuovo brand Travelpro Network, collaborazione commerciale tra le reti Si Travel, TravelBuy e Pinguino. E' stato questo il cuore della prima convention ufficiale di un progetto lanciato a gennaio di quest'anno. "Dopo anni di percorso a braccetto abbiamo deciso di creare Travelpro Network: un'iniziativa che oggi riunisce dal punto di vista commerciale le nostre tre reti per sviluppare qualcosa di innovativo all'interno del mercato - spiega Simone Aggio, amministratore unico di Si Travel -. Oggi a mio avviso il network perfetto infatti non esiste. Ciò che fa piuttosto la differenza sono gli strumenti e il prodotto messi a disposizione da una realtà dotata di una rete di agenzie che collaborano e condividono. Il nostro obiettivo è perciò quello di offrire una relazione molto stretta con le nostre filiali, investendo in prodotto e sviluppo a disposizione della rete". "Il tutto - prosegue Alfredo Vassalluzzo, fondatore di TravelBuy -, mantenendo in Travelpro quelle che sono le filosofie dei nostri singoli network: il fatto di lavorare in maniera paritaria e complementari in tutto; anche nello sviluppo del prodotto, dedicandovisi in prima persona vista l'esperienza cha abbiamo acquisito durante gli anni come agenti di viaggio. Non solo: ci impegniamo pure a indirizzare le nostre agenzie, che lavorano sempre sotto la nostra responsabilità e sono completamente assistite da noi in qualsiasi problematica che devono affrontare". "C'è una frase che mi piace dire sempre alle nostre filiali - aggiunge Aggio -: è vero che la licenza è nostra ma l'imprenditore sei te. Vuol dire che noi non facciamo la strada per te ma la facciamo con te. Significa condividere un progetto; un percorso per arrivare a un obiettivo". A livello di previsioni future, l'idea è che la crescita debba essere graduale e non esponenziale: "Le agenzie devono essere assistite e le nostre strutture devono essere in grado di offrire la stessa qualità di prodotto e strumenti - conclude Vassalluzzo -. Il nostro core business è certo quello di espanderci, ma soprattutto di far crescere chi ci segue da anni. Dal punto di vista degli operatori, hanno compreso perfettamente la funzionalità di Travelpro, facilitando persino la parte contrattuale in un unico accordo, pur mantenendo l'identità dei propri sotto marchi anche per quanto riguarda le nuove affiliazioni". Al momento Travelpro dispone di circa 200 punti vendita per un fatturato reale attorno agli 80 milioni del 2023. Alla convention capitolina si sono riunite circa 200 agenzie e 32 espositori tra tour operator, compagnie aeree marittime e ferroviarie. Q.F. [post_title] => Travelpro Network: l'obiettivo è certo espandersi, ma ancor di più far crescere gli affiliati [post_date] => 2024-04-09T14:05:35+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712671535000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465118 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_259961" align="alignleft" width="300"] Michele Cossa[/caption] Borghini e Cossa ha scelto m&cs per la gestione delle attività di pr e ufficio stampa.  Con la sua offerta di soluzioni assicurative tailor-made, basate su un meticoloso lavoro di risk management, il broker in quasi 80 anni di attività ha accompagnato migliaia di viaggiatori in ogni parte del mondo, collocandosi di diritto tra i protagonisti della storia del turismo organizzato in Italia. Dagli anni ’70 è legato indissolubilmente a nomi prestigiosi del settore e ancora oggi è il fornitore di riferimento dei brand più importanti. L'agenzia m&cs avrà il compito di capitalizzare la brand-awareness e l’autorevolezza del marchio, moltiplicando le opportunità di esposizione e contribuendo al posizionamento anche presso i nuovi player. La strategia sviluppata comprende azioni sui social media – in particolare LinkedIn – e below the line.  “Abbiamo scelto m&cs – dichiara Michele Cossa, socio e ad Borghini e Cossa – perché condivide il nostro approccio basato sull’analisi approfondita delle esigenze del cliente e sul valore aggiunto di una consulenza completa e puntuale. Siamo certi che, con il supporto di m&cs, potremo crescere ulteriormente, completando la fase di espansione anche fuori dal contesto turistico” “Il prodotto assicurativo è molto stimolante da comunicare – dichiara Tiziana Pini, managing director m&cs – richiede precisione, attenzione e grande accuratezza nei contenuti. Allo stesso tempo, offre grandi soddisfazioni quando si riesce a trasmettere al pubblico il suo valore aggiunto. Borghini e Cossa è una realtà leader ed è per noi un privilegio collaborare per ottimizzarne la visibilità, contribuendo a diffondere i valori che ne orientano l’azione: focalizzazione esclusiva sul cliente, professionalità, integrità, passione e indipendenza”.      [post_title] => M&cs è il nuovo ufficio stampa e pr di Borghini e Cossa [post_date] => 2024-04-09T10:42:30+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712659350000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465020 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Spohr e gli scioperi. In casa Lufthansa non sanno gestire gli scioperi sacrosanti che in questi mesi stanno causando perdite di circa 250 milioni di euro. Lo sciopero la rivendicazione che dir si voglia mira ad ottenere un ambiente di lavoro più favorevole, un adeguamento degli stipendi, una riclassificazione dei turni ecc ecc.  Ora Carsten Spohr, ceo della compagnia, è stato intervistato da un importante organo di stampa e, come previsto, gli è stato chiesto dell'ondata di scioperi. La trascrizione della risposta è sorprendente: «Qualche anno fa alla Lufthansa abbiamo deciso che i costi di ogni sciopero vengono attribuiti al gruppo che ha scioperato, quindi hanno un effetto disciplinare su se stessi, il che rende che le persone (i lavoratori) capiscano che alla fine vanno a proprio danno. I nostri collaboratori sanno che gli scioperi li stanno rovinando anche come individui». Money Money Money Il che significa in poche parole: non lavori non prendi soldi. Perché loro, i dirigenti-manager-padroni ragionano solo in un modo: con i soldi. Sembra che i soldi gli girano in testa al posto dei neuroni e delle sinapsi. Fare uno sciopero non è soltanto una questione di soldi, lo è anche, ma è soprattutto il modo costituzionale di esprimere il dissenso rispetto a decisioni prese dalla dirigenza. Naturalmente c'è in queste dichiarazioni una forma di sopraffazione, sopruso, costrizione che non si addice ad una grande compagnia come Lufthansa. Parlate con il personale cercate di capire le ragione, non  fate il muro contro muro. Basta vedere il vostro bilancio per capire che qualche sforzo in più in utti i campi si può fare. [post_title] => Spohr: «Agli scioperanti il costo di ogni sciopero». E' una sopraffazione [post_date] => 2024-04-08T10:46:07+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712573167000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464939 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dieci ville private con discesa al mare. E' Costa del Capitano, la novità 2024 del Leading Hotels of the World Botania Relais & Spa di Forio, sull'isola di Ischia. La nuova proprietà della famiglia Polito che si trova nel suggestivo borgo di Sant'Angelo d'Ischia, a 9 chilometri dallo stesso Botania Relais, e si propone come un'oasi di riservatezza, estensione dell'ospitalità del relais per coloro che desiderano la massima privacy, con accesso al mare e un soggiorno in una casa privata che racchiude il lifestyle più autentico dell'isola. Le ville scavate nel tufo godono di vista panoramica; gli spazi variano dai 65 ai 100 metri quadrati ed enfatizzato il lifestyle delle case ischitane con grandi finestre dalla forma stondata aperte sui giardini a tutta altezza, per un continuo dialogo con la natura. Il tufo bianco locale esalta i colori vivaci dei pavimenti in ceramica di Vietri; gli arredi in stile tipico mediterraneo sono arricchiti da un twist contemporaneo, con i tessuti in canapa e lino grezzo, dai toni naturali. Costa del Capitano racchiude anche una piscina di acqua sorgiva a 28 gradi circondata dal suo solarium con cabanas e chaise lounges e due campi da tennis. Immancabile un ristorante, La Tuga, guidato dal resident chef Alessandro Iacono che celebra l'isola nelle sue proposte culinarie a base di freschissimo pescato locale, materie prime del territorio e vegetali provenienti dall'Hortus Saporum del Botania. Qui al tramonto la terrazza è ideale per un aperitivo vista mare. Il soggiorno è totalmente personalizzabile anche grazie al servizio di conciergerie. Gli ospiti delle ville, oltre alle facilities interne alla tenuta, hanno accesso completo alle proposte sia di wellbeing sia gastronomiche del Botania Relais: la Garden spa, con le sue aree dedicate al benessere all'interno del bosco Belvedere, costellato da vasche naturali di acqua sorgiva calda; le proposte gastronomiche dell'executive chef Tommaso Luongo alCorbezzolo o da Nonna Marì con una cucina più legata alle tradizioni del territorio e al più noto ristorante 1 stella verde Michelin il Mirto, unico locale vegetariano dell'isola.   [post_title] => Le dieci ville Costa del Capitano novità 2024 dell'ischitano Botania Relais [post_date] => 2024-04-05T11:16:09+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712315769000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464845 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Oman Air ha ufficialmente concluso il phase-out dell'Airbus A330, dopo ben 15 anni di servizio nella flotta della compagnia aerea. Negli ultimi 12 mesi, Oman Air ha attuato un ampio processo di ristrutturazione nell'intento di ripristinare la propria salute finanziaria. In questo contesto, la compagnia di bandiera omanita ha anche deciso di ridurre la flotta di lungo raggio, ritirando gli Airbus A330 con effetto immediato: un ritiro che rappresenta una significativa riduzione della capacità operativa del vettore, con l'eliminazione di dieci aeromobili pari a circa il 22% del parco macchine complessivo. Al momento del ritiro la flotta contava quattro A330-200 e sei A330-300, alcuni dei quali inattivi. In particolare, una parte di questi A330 era stata data in wet lease a Qatar Airways: il futuro di questi contratti ACMI è ancora in discussione e Oman Air non ha ancora fornito i dettagli dell'accordo. L'ottimizzazione della flotta consentirà alla compagnia aerea di continuare a concentrarsi su aeromobili più nuovi e più efficienti dal punto di vista dei consumi, in particolare i Boeing 737 Max e i 787 Dreamliner. Attualmente Oman Air dispone di 6 737-800, 5 737-900Er, 13 737 Max8 (+7 in arrivo), 2 787-8 e 7 787-9 (+3 in arrivo). [post_title] => Oman Air: gli Airbus A330 escono definitivamente dalla flotta di lungo raggio [post_date] => 2024-04-04T10:23:20+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712226200000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464785 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono passati già dieci anni dall'esordio di JoyCo’ in Africa Australe con il primo cliente Kiboko Adventures acquisito nel 2014. E' in quell'anno infatti che Gioja Tresoldi, dopo una lunga esperienza nel settore del tour operating e un intenso e arricchente biennio all’Ente del turismo Sudafricano, decide di creare la sua agenzia di rappresentanza, marketing e comunicazione. "Una scelta dettata dalla ferma volontà di creare durevoli e profittevoli collaborazioni tra il trade italiano, di cui ben conosco le necessità, e brand di lungo e medio raggio che privilegiano un servizio di qualità e un prodotto in continua evoluzione", spiega la stessa Gioja Tresoldi. Da allora JoyCo’ ha costantemente ampliato il proprio portfolio allargando il servizio a nuovi clienti nell’area del Nord Africa e del Medio Oriente, anche grazie all’ingresso in agenzia di Silvia Testoni nel 2016. Oggi JoyCo’ conta ben otto rappresentanze: oltre a Kiboko Adventures Dmc, per overland in Sudafrica, Namibia e Botswana, ci sono Opentourafrica Dmc per Sudafrica, Botswana, Zambia, Zimbabwe e Mozambico, Paola Safaris Dmc per Kenya e Tanzania, Monarch Travel Dmc per il Marocco, Khimji’s House of Travel Dmc per l'Oman, Khimji Tourism Dmc per Dubai ed Emirati Arabi, Petra Nights Tours Dmc per Giordania, nonché Ayada Maldives, resort lusso nell’atollo di Gaafu “Sono fiera di apporre l’anniversario dei dieci anni sul nostro logo – aggiunge Gioja Tresoldi  –. Guardo al futuro con la stessa grinta di quando ho iniziato, per continuare a creare nuove e stimolanti sinergie con diversi player del trade italiano. Quest’anno festeggiamo con l’organizzazione di ben tre fam tour in collaborazione con le dmc in Namibia, Oman e Giordania. Inoltre, nel corso dell’anno, ci sarà qualche sorpresa che coinvolgerà i nostri clienti e partner nel festeggiare tutti insieme il nostro decimo Co’mpleanno!”. [post_title] => Tre fam trip in programma per celebrare il decimo Co'mpleanno di JoyCo’ [post_date] => 2024-04-03T11:29:47+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712143787000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464784 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con una giravolta degna del miglior trapezista, il nostro ministro del turismo Daniela Santanchè ha deciso che non serve più contare i turisti che arrivano in Italia. La frase esattamente è questa: "Non dobbiamo contare quanti turisti arrivano, ma quanti soldi lasciano perché abbiamo ancora un gap con il resto dei Paesi turistici d'Europa. Non è più il tempo di contare le teste. Appropriamoci dell'orgoglio di essere italiani e diamo valore al nostro Paese". Quindi visto che alcuni turisti non sono "altospendenti", per usare il gergo di coloro che non sanno nulla della nostra lingua e coniano parole asservite al profitto, allora cosa bisogna fare? Respingerli alla frontiera? Mettiamo per esempio i tedeschi che arrivano in massa sulle spiagge e nelle città italiane ma che non sono fra i turisti più spendaccioni, che ci facciamo con i tedeschi? Li rimandiamo a casa? Li convinciamo a spendere di più? Facciamo loro un master (a pagamento s'intende) finalizzato alla spesa? Unwto Non si riesce a capire da dove arrivi questa svolta. Probabilmente  gli analisti le avranno detto che non riusciremo neanche nel 2024 a risalire la china. Che saremo sempre il terzo o quarto paese al mondo e quindi lei ha virato sulla spesa. Ci dispiace però informare il ministro che in tutto il mondo i turisti si contano in primo luogo a numero, e poi a spesa. Basta leggere un rapporto dell'Unwto per capire che le cose stanno così. Non c'è niente da fare. Ultima chiosa: cosa c'entra la spesa dei turisti con l'orgoglio di essere italiani?  Giuseppe Aloe [post_title] => Santanchè: "Non contiamo più i turisti ma la spesa". Un'altra giravolta [post_date] => 2024-04-03T11:15:41+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712142941000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "tre fam trip in programma per celebrare il decimo compleanno di joyco" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":53,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":969,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465345","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"Era venuto il momento di fare una scelta diversa, perché la vita è fatta anche di famiglia\". Sergio Testi a luglio lascia la carica di direttore generale del gruppo Gattinoni. Lo fa con queste parole sincere, dopo dieci anni importanti e soprattutto dopo una vita nel mondo del travel. \"Durante la mia carriera ho avuto uffici in tanti posti diversi. La mia famiglia vive a Cuneo. A volte è riuscita a seguirmi, altre no. Per me il lavoro è sempre stato al primo posto\". Era tempo, insomma, di cambiare almeno in parte priorità.\r\n\r\nAlmeno in parte, perché Testi non lascerà completamente il gruppo. Rimarrà come consigliere del cda prima di tutto, ma anche con una collaborazione in materia di sviluppo: \"Avevo assicurato al presidente (Franco Gattinoni, ndr) che se avessi deciso di cambiare, glielo avrei comunicato con 12 mesi di anticipo. Così è stato. Ma abbiamo pensato di continuare a collaborare, seppure in una forma diversa. La mia preoccupazione era quella che i colleghi vivessero il futuro con serenità\".\r\nDiversificare\r\nD'altronde per Testi il gruppo Gattinoni si basa sostanzialmente su due punti: \"Uno è il presidente; l'altro è una squadra che ha sempre saputo integrarsi superando qualsiasi problema: un’azienda che ha saputo investire, sviluppare e innovare persino nei momenti difficili. Altrimenti non avremmo fatto questi numeri (il riferimento è al bilancio 2023, presentato nella stessa occasione, ndr). Oggi siamo un’azienda diversificata con tre business che sembrano simili ma in realtà sono molto differenti: un approccio al mercato lungimirante, che consente di non andare in crisi di fronte a rallentamenti parziali di uno dei settori\".","post_title":"Rivoluzione Gattinoni 2: Sergio Testi lascia la direzione generale","post_date":"2024-04-11T14:25:37+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1712845537000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465341","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un giro d'affari di quasi 700 milioni di euro (precisamente 686,9 mln), per una crescita del 40% sull'anno precedente, con la sezione travel che ha contribuito con 295 mln (+40,1%), quella business travel con 254 mln (+3.,2%), gli eventi con 61 mln (+71,8%), più le società partecipate e controllate che hanno pesato per 76,9 mln (+51,6%). Il tutto corroborato da margini operativi lordi per 14,62 milioni, pari al 40% in più rispetto all'obiettivo di budget originario. Sono i numeri del 2023 di Gattinoni, a cui si devono inoltre aggiungere i 922 milioni del network (+33,4%).\r\n\r\n\"Dopo l'acquisizione nel 2022 di Robintur e la coda lunga della pandemia, lo scorso è stato il primo anno in cui abbiamo potuto tracciare un bilancio completo - spiega il presidente e amministratore delegato, Franco Gattinoni - Si tratta di cifre importanti. E proprio per questo abbiamo deciso che fosse venuto il momento di mettere mano all'organizzazione: semplificandola per continuare a crescere\".\r\n\r\nDa qui la decisione di creare tre distinte aree di business che opereranno tutte sotto la supervisione della capogruppo: travel (prodotto e agenzie), business travel ed events. La semplificazione riguarderà peraltro anche l’aspetto societario: l'idea è infatti di raggruppare le numerose aziende del gruppo in tre sole realtà: \"Dal 1°gennaio 2025 avremo una società per ciascuna delle nostre business unit, nelle quali  confluiranno progressivamente tutte le altre\", sottolinea Gattinoni. L'obiettivo è quella di dare la massima importanza a ognuna delle nostre specializzazioni, nella consapevolezza che abbiano necessità sia sinergiche, sia distinte e specifiche per ciascun segmento di mercato\".\r\n\r\nA tal fine sono stati quindi nominati tre nuovi amministratore delegati: per la divisione Gattinoni Travel diventa a.d. Mario Vercesi, già direttore prodotto e regista della piattaforma tecnologica; Gattinoni Events riconferma al timone la già managing director, Elisa Presutti, mentre la divisione Business Travel si avvarrà del nuovo ingresso di Piergiulio Donzelli, che curerà il completamento della fusione fra Gattinoni Business Travel e BtExpert.\r\n\r\nAlla luce di tali cambiamenti, anche il resto dell'organigramma societario varia leggermente con una serie di conferme e alcune new entry: il cda della capogruppo è in particolare ora composto da Franco Gattinoni, presidente, Stefano Dall'Ara, vicepresidente (senza incarichi operativi, per dare continuità al retaggio Robintur, ndr), nonché Sergio Testi, Amanda Shupbach e Valeria Vaghi, consiglieri. La stessa Valeria Vaghi è poi chief financial officer, mentre responsabile del controllo di gestione e compliance è Claudio Passuti, al timone della divisione risorse umane c'è Amanda Shupbach, all'It e servizi generali, Mattia Tieghi, e al marketing, comunicazione e digital, Isabella Maggi.\r\n\r\nInfine una parola sul budget 2024: \"L'anno in corso ci vedrà impegnati in questo importante processo di riorganizzazione e consolidamento, con la conclusione della fase d'integrazione con Robintur - conclude Gattinoni -. Ma prevediamo comunque di proseguire lungo il nostro percorso di espansione, stimando un incremento del giro d'affari del 12% circa, sino a quota 774,3 milioni. Salirà anche l'ebitda di una percentuale ancora maggiore. Anzi, proprio la riorganizzazione in corso mira tra le altre cose a supportare una crescita delle marginalità, puntando ad allinearle a quelle di altri settori merceologici tradizionalmente più profittevoli del mondo travel\".\r\n\r\n ","post_title":"Rivoluzione Gattinoni che si riorganizza in tre business unit","post_date":"2024-04-11T13:56:54+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1712843814000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465169","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'occasione per presentare ufficialmente la nascita del nuovo brand Travelpro Network, collaborazione commerciale tra le reti Si Travel, TravelBuy e Pinguino. E' stato questo il cuore della prima convention ufficiale di un progetto lanciato a gennaio di quest'anno. \"Dopo anni di percorso a braccetto abbiamo deciso di creare Travelpro Network: un'iniziativa che oggi riunisce dal punto di vista commerciale le nostre tre reti per sviluppare qualcosa di innovativo all'interno del mercato - spiega Simone Aggio, amministratore unico di Si Travel -. Oggi a mio avviso il network perfetto infatti non esiste. Ciò che fa piuttosto la differenza sono gli strumenti e il prodotto messi a disposizione da una realtà dotata di una rete di agenzie che collaborano e condividono. Il nostro obiettivo è perciò quello di offrire una relazione molto stretta con le nostre filiali, investendo in prodotto e sviluppo a disposizione della rete\".\r\n\r\n\"Il tutto - prosegue Alfredo Vassalluzzo, fondatore di TravelBuy -, mantenendo in Travelpro quelle che sono le filosofie dei nostri singoli network: il fatto di lavorare in maniera paritaria e complementari in tutto; anche nello sviluppo del prodotto, dedicandovisi in prima persona vista l'esperienza cha abbiamo acquisito durante gli anni come agenti di viaggio. Non solo: ci impegniamo pure a indirizzare le nostre agenzie, che lavorano sempre sotto la nostra responsabilità e sono completamente assistite da noi in qualsiasi problematica che devono affrontare\". \"C'è una frase che mi piace dire sempre alle nostre filiali - aggiunge Aggio -: è vero che la licenza è nostra ma l'imprenditore sei te. Vuol dire che noi non facciamo la strada per te ma la facciamo con te. Significa condividere un progetto; un percorso per arrivare a un obiettivo\".\r\n\r\nA livello di previsioni future, l'idea è che la crescita debba essere graduale e non esponenziale: \"Le agenzie devono essere assistite e le nostre strutture devono essere in grado di offrire la stessa qualità di prodotto e strumenti - conclude Vassalluzzo -. Il nostro core business è certo quello di espanderci, ma soprattutto di far crescere chi ci segue da anni. Dal punto di vista degli operatori, hanno compreso perfettamente la funzionalità di Travelpro, facilitando persino la parte contrattuale in un unico accordo, pur mantenendo l'identità dei propri sotto marchi anche per quanto riguarda le nuove affiliazioni\". Al momento Travelpro dispone di circa 200 punti vendita per un fatturato reale attorno agli 80 milioni del 2023. Alla convention capitolina si sono riunite circa 200 agenzie e 32 espositori tra tour operator, compagnie aeree marittime e ferroviarie.\r\n\r\nQ.F.","post_title":"Travelpro Network: l'obiettivo è certo espandersi, ma ancor di più far crescere gli affiliati","post_date":"2024-04-09T14:05:35+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1712671535000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465118","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_259961\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Michele Cossa[/caption]\r\n\r\nBorghini e Cossa ha scelto m&cs per la gestione delle attività di pr e ufficio stampa. \r\n\r\nCon la sua offerta di soluzioni assicurative tailor-made, basate su un meticoloso lavoro di risk management, il broker in quasi 80 anni di attività ha accompagnato migliaia di viaggiatori in ogni parte del mondo, collocandosi di diritto tra i protagonisti della storia del turismo organizzato in Italia. Dagli anni ’70 è legato indissolubilmente a nomi prestigiosi del settore e ancora oggi è il fornitore di riferimento dei brand più importanti.\r\n\r\nL'agenzia m&cs avrà il compito di capitalizzare la brand-awareness e l’autorevolezza del marchio, moltiplicando le opportunità di esposizione e contribuendo al posizionamento anche presso i nuovi player. La strategia sviluppata comprende azioni sui social media – in particolare LinkedIn – e below the line. \r\n\r\n“Abbiamo scelto m&cs – dichiara Michele Cossa, socio e ad Borghini e Cossa – perché condivide il nostro approccio basato sull’analisi approfondita delle esigenze del cliente e sul valore aggiunto di una consulenza completa e puntuale. Siamo certi che, con il supporto di m&cs, potremo crescere ulteriormente, completando la fase di espansione anche fuori dal contesto turistico”\r\n\r\n“Il prodotto assicurativo è molto stimolante da comunicare – dichiara Tiziana Pini, managing director m&cs – richiede precisione, attenzione e grande accuratezza nei contenuti. Allo stesso tempo, offre grandi soddisfazioni quando si riesce a trasmettere al pubblico il suo valore aggiunto. Borghini e Cossa è una realtà leader ed è per noi un privilegio collaborare per ottimizzarne la visibilità, contribuendo a diffondere i valori che ne orientano l’azione: focalizzazione esclusiva sul cliente, professionalità, integrità, passione e indipendenza”. \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"M&cs è il nuovo ufficio stampa e pr di Borghini e Cossa","post_date":"2024-04-09T10:42:30+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1712659350000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465020","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Spohr e gli scioperi. In casa Lufthansa non sanno gestire gli scioperi sacrosanti che in questi mesi stanno causando perdite di circa 250 milioni di euro. Lo sciopero la rivendicazione che dir si voglia mira ad ottenere un ambiente di lavoro più favorevole, un adeguamento degli stipendi, una riclassificazione dei turni ecc ecc. \r\n\r\nOra Carsten Spohr, ceo della compagnia, è stato intervistato da un importante organo di stampa e, come previsto, gli è stato chiesto dell'ondata di scioperi. La trascrizione della risposta è sorprendente: «Qualche anno fa alla Lufthansa abbiamo deciso che i costi di ogni sciopero vengono attribuiti al gruppo che ha scioperato, quindi hanno un effetto disciplinare su se stessi, il che rende che le persone (i lavoratori) capiscano che alla fine vanno a proprio danno. I nostri collaboratori sanno che gli scioperi li stanno rovinando anche come individui».\r\nMoney Money Money\r\nIl che significa in poche parole: non lavori non prendi soldi. Perché loro, i dirigenti-manager-padroni ragionano solo in un modo: con i soldi. Sembra che i soldi gli girano in testa al posto dei neuroni e delle sinapsi. Fare uno sciopero non è soltanto una questione di soldi, lo è anche, ma è soprattutto il modo costituzionale di esprimere il dissenso rispetto a decisioni prese dalla dirigenza. Naturalmente c'è in queste dichiarazioni una forma di sopraffazione, sopruso, costrizione che non si addice ad una grande compagnia come Lufthansa.\r\n\r\nParlate con il personale cercate di capire le ragione, non  fate il muro contro muro. Basta vedere il vostro bilancio per capire che qualche sforzo in più in utti i campi si può fare.","post_title":"Spohr: «Agli scioperanti il costo di ogni sciopero». E' una sopraffazione","post_date":"2024-04-08T10:46:07+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1712573167000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464939","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dieci ville private con discesa al mare. E' Costa del Capitano, la novità 2024 del Leading Hotels of the World Botania Relais & Spa di Forio, sull'isola di Ischia. La nuova proprietà della famiglia Polito che si trova nel suggestivo borgo di Sant'Angelo d'Ischia, a 9 chilometri dallo stesso Botania Relais, e si propone come un'oasi di riservatezza, estensione dell'ospitalità del relais per coloro che desiderano la massima privacy, con accesso al mare e un soggiorno in una casa privata che racchiude il lifestyle più autentico dell'isola.\r\n\r\nLe ville scavate nel tufo godono di vista panoramica; gli spazi variano dai 65 ai 100 metri quadrati ed enfatizzato il lifestyle delle case ischitane con grandi finestre dalla forma stondata aperte sui giardini a tutta altezza, per un continuo dialogo con la natura. Il tufo bianco locale esalta i colori vivaci dei pavimenti in ceramica di Vietri; gli arredi in stile tipico mediterraneo sono arricchiti da un twist contemporaneo, con i tessuti in canapa e lino grezzo, dai toni naturali.\r\n\r\nCosta del Capitano racchiude anche una piscina di acqua sorgiva a 28 gradi circondata dal suo solarium con cabanas e chaise lounges e due campi da tennis. Immancabile un ristorante, La Tuga, guidato dal resident chef Alessandro Iacono che celebra l'isola nelle sue proposte culinarie a base di freschissimo pescato locale, materie prime del territorio e vegetali provenienti dall'Hortus Saporum del Botania. Qui al tramonto la terrazza è ideale per un aperitivo vista mare. Il soggiorno è totalmente personalizzabile anche grazie al servizio di conciergerie.\r\n\r\nGli ospiti delle ville, oltre alle facilities interne alla tenuta, hanno accesso completo alle proposte sia di wellbeing sia gastronomiche del Botania Relais: la Garden spa, con le sue aree dedicate al benessere all'interno del bosco Belvedere, costellato da vasche naturali di acqua sorgiva calda; le proposte gastronomiche dell'executive chef Tommaso Luongo alCorbezzolo o da Nonna Marì con una cucina più legata alle tradizioni del territorio e al più noto ristorante 1 stella verde Michelin il Mirto, unico locale vegetariano dell'isola.\r\n\r\n ","post_title":"Le dieci ville Costa del Capitano novità 2024 dell'ischitano Botania Relais","post_date":"2024-04-05T11:16:09+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1712315769000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464845","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Oman Air ha ufficialmente concluso il phase-out dell'Airbus A330, dopo ben 15 anni di servizio nella flotta della compagnia aerea. Negli ultimi 12 mesi, Oman Air ha attuato un ampio processo di ristrutturazione nell'intento di ripristinare la propria salute finanziaria.\r\n\r\nIn questo contesto, la compagnia di bandiera omanita ha anche deciso di ridurre la flotta di lungo raggio, ritirando gli Airbus A330 con effetto immediato: un ritiro che rappresenta una significativa riduzione della capacità operativa del vettore, con l'eliminazione di dieci aeromobili pari a circa il 22% del parco macchine complessivo.\r\n\r\nAl momento del ritiro la flotta contava quattro A330-200 e sei A330-300, alcuni dei quali inattivi. In particolare, una parte di questi A330 era stata data in wet lease a Qatar Airways: il futuro di questi contratti ACMI è ancora in discussione e Oman Air non ha ancora fornito i dettagli dell'accordo.\r\n\r\nL'ottimizzazione della flotta consentirà alla compagnia aerea di continuare a concentrarsi su aeromobili più nuovi e più efficienti dal punto di vista dei consumi, in particolare i Boeing 737 Max e i 787 Dreamliner. Attualmente Oman Air dispone di 6 737-800, 5 737-900Er, 13 737 Max8 (+7 in arrivo), 2 787-8 e 7 787-9 (+3 in arrivo).","post_title":"Oman Air: gli Airbus A330 escono definitivamente dalla flotta di lungo raggio","post_date":"2024-04-04T10:23:20+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712226200000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464785","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono passati già dieci anni dall'esordio di JoyCo’ in Africa Australe con il primo cliente Kiboko Adventures acquisito nel 2014. E' in quell'anno infatti che Gioja Tresoldi, dopo una lunga esperienza nel settore del tour operating e un intenso e arricchente biennio all’Ente del turismo Sudafricano, decide di creare la sua agenzia di rappresentanza, marketing e comunicazione. \"Una scelta dettata dalla ferma volontà di creare durevoli e profittevoli collaborazioni tra il trade italiano, di cui ben conosco le necessità, e brand di lungo e medio raggio che privilegiano un servizio di qualità e un prodotto in continua evoluzione\", spiega la stessa Gioja Tresoldi.\r\n\r\nDa allora JoyCo’ ha costantemente ampliato il proprio portfolio allargando il servizio a nuovi clienti nell’area del Nord Africa e del Medio Oriente, anche grazie all’ingresso in agenzia di Silvia Testoni nel 2016. Oggi JoyCo’ conta ben otto rappresentanze: oltre a Kiboko Adventures Dmc, per overland in Sudafrica, Namibia e Botswana, ci sono Opentourafrica Dmc per Sudafrica, Botswana, Zambia, Zimbabwe e Mozambico, Paola Safaris Dmc per Kenya e Tanzania, Monarch Travel Dmc per il Marocco, Khimji’s House of Travel Dmc per l'Oman, Khimji Tourism Dmc per Dubai ed Emirati Arabi, Petra Nights Tours Dmc per Giordania, nonché Ayada Maldives, resort lusso nell’atollo di Gaafu\r\n\r\n“Sono fiera di apporre l’anniversario dei dieci anni sul nostro logo – aggiunge Gioja Tresoldi  –. Guardo al futuro con la stessa grinta di quando ho iniziato, per continuare a creare nuove e stimolanti sinergie con diversi player del trade italiano. Quest’anno festeggiamo con l’organizzazione di ben tre fam tour in collaborazione con le dmc in Namibia, Oman e Giordania. Inoltre, nel corso dell’anno, ci sarà qualche sorpresa che coinvolgerà i nostri clienti e partner nel festeggiare tutti insieme il nostro decimo Co’mpleanno!”.","post_title":"Tre fam trip in programma per celebrare il decimo Co'mpleanno di JoyCo’","post_date":"2024-04-03T11:29:47+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1712143787000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464784","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Con una giravolta degna del miglior trapezista, il nostro ministro del turismo Daniela Santanchè ha deciso che non serve più contare i turisti che arrivano in Italia. La frase esattamente è questa: \"Non dobbiamo contare quanti turisti arrivano, ma quanti soldi lasciano perché abbiamo ancora un gap con il resto dei Paesi turistici d'Europa. Non è più il tempo di contare le teste. Appropriamoci dell'orgoglio di essere italiani e diamo valore al nostro Paese\".\r\n\r\nQuindi visto che alcuni turisti non sono \"altospendenti\", per usare il gergo di coloro che non sanno nulla della nostra lingua e coniano parole asservite al profitto, allora cosa bisogna fare? Respingerli alla frontiera? Mettiamo per esempio i tedeschi che arrivano in massa sulle spiagge e nelle città italiane ma che non sono fra i turisti più spendaccioni, che ci facciamo con i tedeschi? Li rimandiamo a casa? Li convinciamo a spendere di più? Facciamo loro un master (a pagamento s'intende) finalizzato alla spesa?\r\nUnwto\r\nNon si riesce a capire da dove arrivi questa svolta. Probabilmente  gli analisti le avranno detto che non riusciremo neanche nel 2024 a risalire la china. Che saremo sempre il terzo o quarto paese al mondo e quindi lei ha virato sulla spesa. Ci dispiace però informare il ministro che in tutto il mondo i turisti si contano in primo luogo a numero, e poi a spesa. Basta leggere un rapporto dell'Unwto per capire che le cose stanno così. Non c'è niente da fare.\r\n\r\nUltima chiosa: cosa c'entra la spesa dei turisti con l'orgoglio di essere italiani? \r\n\r\nGiuseppe Aloe","post_title":"Santanchè: \"Non contiamo più i turisti ma la spesa\". Un'altra giravolta","post_date":"2024-04-03T11:15:41+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1712142941000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti