5 December 2022

Osservatorio Trivago: prezzi hotel raddoppiati nei primi giorni di Expo

[ 0 ]

expo1In occasione della Borsa Internazionale del Turismo l’Osservatorio trivago analizza l’impatto su Milano di Expo. «L’esplosione delle ricerche degli hotel in città sta iniziando a farsi sentire» commenta Giulia Eremita, marketing manager di trivago Italia. «Quello che notiamo già dai primi giorni del nuovo anno è la forte presenza del mercato francese, che ha incrementato il proprio interesse verso Milano del 184%». Seguono i belgi con +57% e gli inglesi +29%. Si faranno sentire meno gli spagnoli, che aumentano le ricerche solo del 12%, e olandesi dell’8%. Il primo mercato in assoluto, però, sarà quello domestico: le richieste di pernottamento dei turisti italiani a Milano nel periodo dell’Expo, rispetto le altre località del Paese, sono cresciute infatti del 51%. Con un’occupazione alberghiera al 45% registrata per la prima settimana di Expo (1-8 maggio), Milano inizia già a catalizzare l’interesse globale dei visitatori. Quanto ai prezzi, le analisi di trivago mostrano aumenti significativi, soprattutto nella prima settimana della manifestazione, quando i prezzi raddoppiano in confronto con lo stesso periodo dell’anno precedente e salgono già del 40% rispetto all’ultima settimana di aprile. Il rialzo più forte si registra nella prima giornata dell’Esposizione, anche se il prezzo più alto lo si ha nelle giornate del 4 e 7 maggio, quando la media dei prezzi hotel sfiora i 270 € a notte in camera doppia.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435291 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] =>   A QC Termemilano la magia del Natale è l’attesa, fatta di luci, colori ed atmosfere. «Il tema quest’anno è proprio l'attesa, - dice infatti Andrea Quadrio Curzio, amministratore delegato del gruppo – è quel desiderio di stare insieme che è anche lo spirito dei nostri ospiti. Un’attesa non solo di questa festa, ma soprattutto di passare del tempo alle nostre Terme con le persone a cui si vuole bene. Finalmente ci stiamo mettendo alle spalle il periodo pandemico, - prosegue Quadrio Curzio - quindi c'è la voglia di stare insieme con i nostri amici, con i nostri collaboratori e con la comunità che partecipa al nostro progetto». Per questo, anche quest’anno, la creativa Alessandra Grillo ha avuto l’incarico di organizzare un magico Christmas Party: «È l’occasione per declinare i valori di QC Terme e per vivere la magia di questa festività. – afferma infatti la Grillo – Avevamo già celebrato insieme nel 2019, il primo anno di QC Termemilano, seguendo il tema “Everything is Possible”, quando tutti ci siamo lasciati incantare dal sogno del Golden Ticket della Fabbrica di Cioccolato: la gioia dell’attesa non ha età! Tutto si è fermato nel 2020, nel 2021 abbiamo sognato il Natale a New York, in occasione dell'apertura di QCTerme NY a Governors Island. Quest’anno abbiamo pensato di vivere la magia del Natale in questo luogo di bellezza e relax, dove sembra di perdere la cognizione del tempo, perché gli ospiti lasciano fuori la città e i pensieri. E, se credi nel Natale, la cosa più bella è l'Attesa. Per questo è nato il claim: “La magia dell'attesa quando il tempo si ferma”».     La festa di Natale di QC Terme negli spazi della spa di Porta Romana ha incantato i presenti con il Calendario dell’Avvento, abili calligrafe pronte a vergare deliziosi biglietti colorati seguendo le richieste degli ospiti e una tavola sontuosamente imbandita dove una padrona di casa accoglieva i commensali. E poi c’erano sorridenti realizzatrici di ghirlande, figure danzanti, un catering impeccabile e saporito realizzato anche quest’anno dalla due volte stellata Enoteca La Torre, tanta musica avvolgente e, naturalmente, un simpatico Babbo Natale.   Un momento di incontro che è anche l’occasione per ripercorrere un anno faticoso nei primi mesi per la diffusione della variante Omicron e per le tante regole da seguire. «Ma adesso i nostri ospiti sono tornati: - sottolinea Quadrio Curzio - prima i più giovani, poi anche quelli abituali, tra i 50 e i 65 anni. Possiamo misurare l’apprezzamento dei visitatori calcolando il numero degli ingressi, ma anche grazie a degli strumenti di rilevazione legati ai social network, alle visite ai nostri siti internet e alle ottime recensioni. Quindi i risultati sono stati molto buoni e soddisfacenti, soprattutto nella seconda parte dell’anno. Le Terme sono uno spazio per tutti: sin dall’inizio il nostro desiderio era quello di portare la bellezza e anche la cultura e il sapere dei territori con esperienze accessibili, curate e di grande qualità. Il nostro lusso inclusivo!». «Fino alla prossima primavera continueremo a raccontare la magia del tempo proseguendo il percorso “Wellness in Wonderland” avviato a San Pellegrino con l'artista Lorenzo Petrantoni. - conclude Simona Sbarbaro, responsabile marketing di QC Terme -  Ci aspetta quindi un susseguirsi di emozioni e atmosfere, perché la magia del tempo è nel nostro DNA, quel tempo per sé stessi che ciascuno di noi cerca, un tempo che in questi spazi si ferma, accelera e diventa qualcos'altro».     [post_title] => Il Christmas Party di QCTerme celebra l'Attesa e un anno di crescita e di accoglienza [post_date] => 2022-12-02T10:34:21+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669977261000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435293 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ethiopian Airlines guarda al futuro mettendo a fuoco un piano strategico di sviluppo al 2035, anno entro cui il vettore punta a raddoppiare il numero delle destinazioni e le dimensioni della flotta. Mesfin Tasew, ceo della compagnia aerea, ha specificato durante un'intervista alla Ethiopian News Agency che, nell'ambito del piano "Vision 2035", Ethiopian Airlines intende aggiungere più di 100 nuovi aeromobili alla flotta, con l'obiettivo di arrivare a 270 aerei in circa 13 anni. La strategia mira anche a generare 25 miliardi di dollari, aumentando il numero di passeggeri da oltre 32,5 milioni a 65 milioni. Inoltre, i piani di espansione della compagnia prevedono l'aggiunta di nuove destinazioni, portando il network a oltre 200 e aumentando il volume del servizio cargo. "Nella Vision 2035 - ha sottolineato il ceo - abbiamo puntato a quasi raddoppiare il numero di destinazioni, portandole dalle 131 di oggi a 207: e per coprire questa espansione, abbiamo pianificato nuovamente di raddoppiare il numero di aeromobili in volo da 140 a 271". [post_title] => Ethiopian Airlines e la "Vision 2035": raddoppio di flotta e numero destinazioni [post_date] => 2022-12-02T10:18:14+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669976294000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435264 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair amplia la capacità offerta da Torino a distanza di un anno dall'apertura della base di Caselle. La stagione invernale in corso conta infatti 34 rotte, tra cui 6 nuove destinazioni: Stoccolma, Vilnius, Manchester, Billund, Praga e Breslavia. Nell'anno trascorso la low cost ha investito 200 milioni di dollari, con 2 aeromobili basati e creato più di 60 posti di lavoro diretti; 2 milioni i passeggeri trasportati nei primi 12 mesi. "Dopo aver trasportato 2 milioni di passeggeri dall’apertura della base un anno fa e quasi 13 milioni dal primo volo a Torino nel 1999, Ryanair continua a crescere e a offrire più scelta e maggior affidabilità ai suoi clienti italiani - ha dichiarato Mauro Bolla, country manager di Ryanair per l’Italia -. Per celebrare il primo anniversario della base, abbiamo lanciato una promozione con tariffe a partire da €19,99 a tratta per viaggi fino alla fine di marzo 2023, che dovranno essere prenotati entro la mezzanotte di sabato 3 dicembre.” “Il primo anno di operatività della base Ryanair ha portato importanti risultati in termini di crescita di traffico sul nostro scalo; la low cost ha mantenuto la promessa di raddoppiare i volumi di passeggeri pur in un anno che nel primo trimestre ha ancora subito gli impatti pandemici - ha sottolineato Andrea Andorno, amministratore delegato di Torino Airport -. Grazie agli investimenti di Ryanair, l’aeroporto di Torino è ripartito con un numero di destinazioni mai così ampio, che hanno aperto nuove occasioni di mobilità per il territorio e per i flussi di turismo incoming in Piemonte, permettendo allo scalo di registrare il suo record di traffico nel mese di agosto". [post_title] => Ryanair: primo anno a Torino con 2 milioni di passeggeri e 6 nuove destinazioni [post_date] => 2022-12-02T09:03:39+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669971819000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435172 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435173" align="alignleft" width="300"] Il nuovo logo e il rendering della struttura che aprirà a Milano in zona Navigli[/caption] E' tempo di rebranding in casa dei principali protagonisti europei dei modelli di ospitalità ibrida. Dopo The Student Hotel, che ha recentemente cambiato nome in The Social Hub, per meglio rispecchiare il focus sul concept di community, ora anche 21 Way of Living diventa 21 House of Stories. Il brand creato da Alessandro e Mauro Benetton intende pure lui in questo modo veicolare in maniera più efficace lo spirito di community del progetto. Avviato con una prima struttura a Milano in Città Studi, 21 House of Stories è un luogo dove soggiornare, lavorare, socializzare: una dimensione condivisa in cui non ci sono ospiti, ma una community aperta, costituita da persone interconnesse che condividono esperienze autentiche, mettono in circolo idee, energie, storie. Il concept al momento sta performando molto bene. Dalla ripartenza di marzo scorso il tasso di occupazione dell’hotel è stato superiore al 90%. A ciò si aggiunge inoltre una considerevole partecipazione a concerti e talk, presenze consistenti negli spazi coworking e al bistrot. I buoni risultati della struttura milanese, e l’avvio di un nuovo progetto meneghino, previsto sui Navigli, hanno quindi concretizzato la necessità di fare un salto di qualità in termini di brand e di racconto. Da qui il nuovo nome del progetto e il logo sviluppato insieme all’agenzia Fm Studio. “L'avvio della commercializzazione della seconda struttura rappresenta il momento ideale per aggiornare il brand alla luce dei learning accumulati nei primi due anni di attività - spiega il managing director di 21 House of Stories, Nicola Accurso -. Il nostro concept si evolve in una direzione ancora più lifestyle e disruptive, nella quale l'ospite può mescolare sfera privata e professionale in un ambiente estremamente stimolante”. [post_title] => Il brand di Alessandro e Mauro Benetton 21 Way of Living diventa 21 House of Stories [post_date] => 2022-12-01T09:05:50+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669885550000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435138 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Val d’Ega (BZ) è da circa due anni parte del programma di sostenibilità del turismo in Alto Adige, immaginato come strumento in grado di mostrare in che modo il territorio dovrebbe muoversi nel rispetto di criteri riconosciuti a livello mondiale ma ampliati e adattati alle esigenze locali. Ora, per il suo impegno in questo campo, la Val d’Ega nelle Dolomiti – Patrimonio Mondiale UNESCO ha ufficialmente ricevuto un riconoscimento internazionale dal Global Sustainable Tourism Council (GSTC), organizzazione che detta gli standard per lo sviluppo sostenibile nel settore del turismo.  Un revisore esterno e il Comitato di Certificazione di Green Destinations si sono quindi occupati di esaminare un programma che ha consentito alla Val d’Ega di diventare nel 2022 una delle 5 regioni italiane a ottenere la certificazione.  Il programma e la strategia "Val d’Ega 2030" ha immaginato un futuro che sia sempre più amico dell’ambiente, un domani che sappia preservare la natura incontaminata delle montagne per le persone e gli animali che la vivono, per chi qui è di casa e per chi qui ama trascorrere la sua vacanza.     Primo comprensorio sciistico a gestione privata aderente al Patto per la Neutralità Climatica 2025, con rilevamento annuo di un’impronta di CO2 che deve essere ridotta o compensata, Carezza ottimizza costantemente le misure per il risparmio energetico nell’ambito dell’innevamento e della preparazione delle piste, adotta un approccio green all’organizzazione degli eventi, promuove la raccolta differenziata e combatte gli sprechi alimentari. Infine con misurazioni del manto nevoso e tracciamento Gps, si è riusciti a ridurre di un’ora il tempo di preparazione serale delle piste, da parte dei gatti delle nevi e una riduzione dei consumi di carburante di quasi 25%. L’innevamento artificiale delle piste avviene solo quando le notti sono particolarmente fredde, in modo da garantire il minor uso di acqua ed energia possibile. Dal canto suo, Obereggen vanta da ormai 16 anni un sistema di gestione ambientale certificato ISO 14001 - lo standard internazionale più riconosciuto, risparmia annualmente 500.000 litri di gasolio grazie al teleriscaldamento e percorre la strada della geotermia in luoghi simbolo come il Rifugio Oberholz. E proprio la geotermia e l’architettura di questa struttura all’avanguardia  verranno spiegati durante l’appuntamento settimanale Design meets Eco,  il titolo di una visita guidata con ristoro che prevede un tuffo nell’universo dell’integrazione tra stile, cucina panoramica e rispetto per la natura, una full immersion in un complesso riscaldato con energia geotermica che accoglie chi arriva con una facciata esterna interamente realizzata in tavole di larice e un interno pervaso dal profumo del legno di abete. Da non perdere, a Carezza, “Sciare sostenibile, come funziona?”, un info tour con il pioniere della neve artificiale, Georg Eisath, che 40 anni fa ha costruito i primi cannoni da neve dell’Alto Adige. Oggi Georg Eisath ci fa scoprire l'interno del comprensorio sciistico climatico Carezza con una visita guidata sugli sci.     [post_title] => Val d'Ega, il Global Sustainable Tourism Council sancisce la sostenibilità della regione [post_date] => 2022-11-30T12:32:33+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669811553000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435086 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_429044" align="alignleft" width="300"] Luigi Deli[/caption] Nuova partnership tra il gruppo Volonline e Aci blueteam Partner, la divisione Aci blueteam dedicata a una selezione di agenzie di viaggio italiane. L'operazione mira a consolidare ulteriormente i rapporti dell'operatore milanese con le principali compagnie aeree. “Innanzitutto, ci tengo a precisare che la scelta è stata determinata dalla profonda stima professionale e umana con il management di Aci blueteam - sottolinea Luigi Deli, founder e ceo Volonline -.  Negli ultimi due anni abbiamo trascurato per ovvie ragioni la biglietteria aerea, che nel 2022 è comunque cresciuta del 24% rispetto al 2019. La sinergia con uno dei primi bsp in Italia farà perciò da acceleratore per l’ulteriore sviluppo del transato di biglietteria aerea. Nello specifico, si tratta di un accordo strategico in linea con la vision che ho della compagnia e che si basa sulla scelta di investire sempre di più in tecnologia e su una progressiva digitalizzazione di alcuni asset. Il transato digitale della biglietteria aerea del gruppo Volonline è infatti passato dal 7% nel 2019 al 26% nel 2022: una crescita sensibilmente inferiore rispetto a quella registrata dalle altre nostre business unit". “Siamo onorati di poter annoverare tra le nostre affiliazioni una realtà come Volonline, che ha sempre avuto nella professionalità, nella tecnologia e nella visione i suoi principi fondanti – dichiara Massimo Gardini, industry relations and partner director di Aci blueteam. -. Il nostro family network, come a noi piace definirlo, si arricchisce ogni anno di agenzie di valore, sempre tenendo ben presente che solo l’estrema selezione all’ingresso sia la chiave giusta per dare qualità al rapporto con le principali airlines”. La collaborazione è di natura commerciale e mira a dare un ulteriore impulso agli investimenti di Volonline. La società continuerà a puntare sulla piattaforma semplificata Volonclick, che permette agli agenti di entrare in un unico ambiente con inventari e canali diversi quali gds, ndc e consolidatori di voli.   [post_title] => Volonline entra in Aci blueteam Partner per la biglietteria aerea [post_date] => 2022-11-30T10:29:23+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669804163000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435076 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => British Airways potrebbe raddoppiare il proprio impegno sull'aeroporto di Londra Gatwick, a sfavore di quello di Heathrow. Sullo scalo del Sussex, secondo quanto riportato dal Sunday Telegraph, il vettore britannico intenderebbe infatti raddoppiare il numero di aeromobili basati passando dagli attuali 14 a 24-28 velivoli. La mossa arriva dopo che Heathrow è stato costretto a limitare il numero di passeggeri quest'estate a causa della carenza di addetti ai bagagli e di altro personale di supporto. Oltre ai problemi di personale, i vertici delle compagnie aeree si sono scontrati con la direzione di Heathrow sulle tasse di atterraggio. L'aeroporto vorrebbe aumentarle a 42 sterline dalle attuali 30 per passeggero. Allo stato attuale, la tassa - che grava sui viaggiatori, non sui vettori - potrebbe scendere a 26 sterline l'anno prossimo secondo un piano dell'Autorità per l'aviazione civile del Regno Unito. John Holland-Kaye, ceo dell'aeroporto di Heathrow, ripreso dal giornale, ha dichiarato che lo scalo necessita di entrate aggiuntive per investire in rinnovi e manutenzione. Per contro Luis Gallego, amministratore delegato di Iag - casa madre di British - ha affermato che l'aeroporto sta sfruttando la propria posizione dominante sul mercato a favore degli azionisti. [post_title] => British Airways studia il raddoppio del numero di velivoli basati a Londra Gatwick [post_date] => 2022-11-30T09:34:20+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669800860000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435018 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_336927" align="alignright" width="300"] Johan Lundgren, ceo di easyJet[/caption] EasyJet chiude in rosso l'anno finanziario 2021-22, con una perdita ante-imposte di 178 milioni di sterline, in netto recupero però rispetto al negativo dell'esercizio precedente che ammontava a 1,1 miliardi, principalmente a causa delle restrizioni Covid ancora in vigore. Questo il dato puramente numerico: ma il trend delle prenotazioni per Natale, la stagione sciistica e altri periodi sono tornati ai livelli precedenti alla pandemia. Tanto che la compagnia aerea prevede di tornare ai livelli di capacità del 2019 entro la prossima estate. Johan Lundgren, ceo di easyJet, ha confermato che il vettore sta registrando una forte domanda nei periodi di punta, sottolineando un sondaggio secondo cui tre quarti delle persone vogliono viaggiare l'anno prossimo, nonostante la crisi economica e l'aumentato costo della vita. “L'estate ha visto easyJet raggiungere i suoi più alti guadagni di sempre in un singolo trimestre, con un Ebitdar di 674 milioni di sterline e un aumento dei servizi accessori del 59% rispetto al precedente anno fiscale - ha precisato Lundgren -. easyJet holidays, inoltre, si conferma essere sulla strada giusta per raggiungere il suo obiettivo di 100 milioni di sterline. In uno scenario fortemente condizionato dall’aumento dei costi, i vettori tradizionali faranno fatica. I consumatori cercheranno di tutelare le loro vacanze prediligendo chi offrirà loro un servizio di valore a prezzi vantaggiosi. Grazie al suo network che comprende i principali aeroporti e alle tariffe competitive, easyJet si rivelerà la scelta giusta per molti consumatori". "Uno degli obiettivi per il prossimo anno è quello di accrescere il nostro numero di clienti. Riteniamo inoltre che le condizioni siano ideali per incrementare i profitti e i margini, pur restando rigorosamente concentrati sui costi". Per quanto riguarda il mercato italiano, con quasi 14 milioni di passeggeri trasportati, easyJet si conferma seconda compagnia operante nel nostro Paese nel 2022, numero più che triplicato rispetto ai 4,2 milioni di passeggeri trasportati nel 2021. Negli ultimi 12 mesi sono state annunciate o avviate oltre 40 nuove rotte da e per gli aeroporti italiani, di cui alcune riattivate dopo un periodo di sospensione, per un totale di circa 220 rotte operate da e per 19 aeroporti italiani.   [post_title] => EasyJet riduce le perdite e conta sul traffico delle festività per tornare ai livelli 2019 [post_date] => 2022-11-29T11:33:12+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669721592000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435019 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nel 2022 sono aumentati i flussi turistici a Roma, mentre il mercato del lavoro stenta ancora a superare lo “choc Covid”. Questi i dati presentati al recente incontro capitolino per celebrare il Trentennale dell’Ente bilaterale turismo del lazio (Ebtl)   Da un’analisi dell’Ebtl sulle difficoltà di incontro domanda-offerta di lavoro nel comparto seguito al Covid, un report fatto dall’Università di Roma ha messo in evidenza come “in Italia si fatica a tornare ai livelli di contrattualizzazioni pre-Covid, con i 1.4 milioni circa nel 2022 rispetto ai 1.5 milioni del 2019 (-7,2%) dopo i drastici cali 2020 e 2021”.  La giornata, tenutasi nel Salone delle Fontane di Roma, è stata aperta con il ricordo dei 30 anni di attività dell’Ente e il saluto dell’Assessore al Lavoro e Formazione della Regione Lazio Claudio Di Berardino. Tre i panel tematici tenutisi nel corso della giornata che hanno visto la presenza degli assessori al turismo di regione Lazio e Roma Capitale, Valentina Corrado e Alessandro Onorato, e della presidente della IX commissione lavoro e formazione della regione Lazio Eleonora Mattia, che hanno dialogato con i rappresentanti datoriali e sindacali del settore.  Una prima proiezione sui dati di chiusura di fine 2022 indica che Roma Capitale chiuderà l’anno turistico con circa 15.000.000 arrivi e circa 34.460.000 presenze, con un recupero, rispetto al 2019, del 77,00% degli arrivi e del 74,00% delle presenze, in miglioramento rispetto ai primi dieci mesi dell’anno.  Nonostante le attuali difficoltà domanda-offerta di lavoro, e il fatto che per “molte imprese del turismo la chiusura dell’anno sarà comunque negativa a causa dei primi tre mesi del 2022 caratterizzati da chiusure e restrizioni”, il presidente dell’Ebtl Tommaso Tanzilli si è espresso positivamente per la ripresa dei flussi soprattutto dall’estero che hanno registrato 6.035.906 arrivi e 14.559.252 presenze. “La ripresa importante dei flussi, gli sforzi dell’amministrazione capitolina sui grandi eventi e di quella regionale sulla promozione rendono ora possibile un futuro prossimo positivo per il nostro settore a Roma e nel Lazio.”  [post_title] => Ebtl: il lavoro ancora in difficoltà. Ma buone le prospettive del turismo nel Lazio [post_date] => 2022-11-29T11:25:38+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669721138000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "osservatorio trivago prezzi hotel raddoppiati nei primi giorni di expo" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":90,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1848,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435291","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" \r\n\r\nA QC Termemilano la magia del Natale è l’attesa, fatta di luci, colori ed atmosfere. «Il tema quest’anno è proprio l'attesa, - dice infatti Andrea Quadrio Curzio, amministratore delegato del gruppo – è quel desiderio di stare insieme che è anche lo spirito dei nostri ospiti. Un’attesa non solo di questa festa, ma soprattutto di passare del tempo alle nostre Terme con le persone a cui si vuole bene. Finalmente ci stiamo mettendo alle spalle il periodo pandemico, - prosegue Quadrio Curzio - quindi c'è la voglia di stare insieme con i nostri amici, con i nostri collaboratori e con la comunità che partecipa al nostro progetto».\r\n\r\nPer questo, anche quest’anno, la creativa Alessandra Grillo ha avuto l’incarico di organizzare un magico Christmas Party: «È l’occasione per declinare i valori di QC Terme e per vivere la magia di questa festività. – afferma infatti la Grillo – Avevamo già celebrato insieme nel 2019, il primo anno di QC Termemilano, seguendo il tema “Everything is Possible”, quando tutti ci siamo lasciati incantare dal sogno del Golden Ticket della Fabbrica di Cioccolato: la gioia dell’attesa non ha età! Tutto si è fermato nel 2020, nel 2021 abbiamo sognato il Natale a New York, in occasione dell'apertura di QCTerme NY a Governors Island. Quest’anno abbiamo pensato di vivere la magia del Natale in questo luogo di bellezza e relax, dove sembra di perdere la cognizione del tempo, perché gli ospiti lasciano fuori la città e i pensieri. E, se credi nel Natale, la cosa più bella è l'Attesa. Per questo è nato il claim: “La magia dell'attesa quando il tempo si ferma”».\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\nLa festa di Natale di QC Terme negli spazi della spa di Porta Romana ha incantato i presenti con il Calendario dell’Avvento, abili calligrafe pronte a vergare deliziosi biglietti colorati seguendo le richieste degli ospiti e una tavola sontuosamente imbandita dove una padrona di casa accoglieva i commensali. E poi c’erano sorridenti realizzatrici di ghirlande, figure danzanti, un catering impeccabile e saporito realizzato anche quest’anno dalla due volte stellata Enoteca La Torre, tanta musica avvolgente e, naturalmente, un simpatico Babbo Natale.\r\n\r\n \r\n\r\nUn momento di incontro che è anche l’occasione per ripercorrere un anno faticoso nei primi mesi per la diffusione della variante Omicron e per le tante regole da seguire. «Ma adesso i nostri ospiti sono tornati: - sottolinea Quadrio Curzio - prima i più giovani, poi anche quelli abituali, tra i 50 e i 65 anni. Possiamo misurare l’apprezzamento dei visitatori calcolando il numero degli ingressi, ma anche grazie a degli strumenti di rilevazione legati ai social network, alle visite ai nostri siti internet e alle ottime recensioni. Quindi i risultati sono stati molto buoni e soddisfacenti, soprattutto nella seconda parte dell’anno. Le Terme sono uno spazio per tutti: sin dall’inizio il nostro desiderio era quello di portare la bellezza e anche la cultura e il sapere dei territori con esperienze accessibili, curate e di grande qualità. Il nostro lusso inclusivo!».\r\n\r\n«Fino alla prossima primavera continueremo a raccontare la magia del tempo proseguendo il percorso “Wellness in Wonderland” avviato a San Pellegrino con l'artista Lorenzo Petrantoni. - conclude Simona Sbarbaro, responsabile marketing di QC Terme -  Ci aspetta quindi un susseguirsi di emozioni e atmosfere, perché la magia del tempo è nel nostro DNA, quel tempo per sé stessi che ciascuno di noi cerca, un tempo che in questi spazi si ferma, accelera e diventa qualcos'altro».\r\n\r\n\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Il Christmas Party di QCTerme celebra l'Attesa e un anno di crescita e di accoglienza","post_date":"2022-12-02T10:34:21+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1669977261000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435293","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ethiopian Airlines guarda al futuro mettendo a fuoco un piano strategico di sviluppo al 2035, anno entro cui il vettore punta a raddoppiare il numero delle destinazioni e le dimensioni della flotta.\r\n\r\nMesfin Tasew, ceo della compagnia aerea, ha specificato durante un'intervista alla Ethiopian News Agency che, nell'ambito del piano \"Vision 2035\", Ethiopian Airlines intende aggiungere più di 100 nuovi aeromobili alla flotta, con l'obiettivo di arrivare a 270 aerei in circa 13 anni. La strategia mira anche a generare 25 miliardi di dollari, aumentando il numero di passeggeri da oltre 32,5 milioni a 65 milioni. Inoltre, i piani di espansione della compagnia prevedono l'aggiunta di nuove destinazioni, portando il network a oltre 200 e aumentando il volume del servizio cargo.\r\n\r\n\"Nella Vision 2035 - ha sottolineato il ceo - abbiamo puntato a quasi raddoppiare il numero di destinazioni, portandole dalle 131 di oggi a 207: e per coprire questa espansione, abbiamo pianificato nuovamente di raddoppiare il numero di aeromobili in volo da 140 a 271\".","post_title":"Ethiopian Airlines e la \"Vision 2035\": raddoppio di flotta e numero destinazioni","post_date":"2022-12-02T10:18:14+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669976294000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435264","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Ryanair amplia la capacità offerta da Torino a distanza di un anno dall'apertura della base di Caselle. La stagione invernale in corso conta infatti 34 rotte, tra cui 6 nuove destinazioni: Stoccolma, Vilnius, Manchester, Billund, Praga e Breslavia. Nell'anno trascorso la low cost ha investito 200 milioni di dollari, con 2 aeromobili basati e creato più di 60 posti di lavoro diretti; 2 milioni i passeggeri trasportati nei primi 12 mesi.\r\n\r\n\"Dopo aver trasportato 2 milioni di passeggeri dall’apertura della base un anno fa e quasi 13 milioni dal primo volo a Torino nel 1999, Ryanair continua a crescere e a offrire più scelta e maggior affidabilità ai suoi clienti italiani - ha dichiarato Mauro Bolla, country manager di Ryanair per l’Italia -. Per celebrare il primo anniversario della base, abbiamo lanciato una promozione con tariffe a partire da €19,99 a tratta per viaggi fino alla fine di marzo 2023, che dovranno essere prenotati entro la mezzanotte di sabato 3 dicembre.”\r\n\r\n“Il primo anno di operatività della base Ryanair ha portato importanti risultati in termini di crescita di traffico sul nostro scalo; la low cost ha mantenuto la promessa di raddoppiare i volumi di passeggeri pur in un anno che nel primo trimestre ha ancora subito gli impatti pandemici - ha sottolineato Andrea Andorno, amministratore delegato di Torino Airport -. Grazie agli investimenti di Ryanair, l’aeroporto di Torino è ripartito con un numero di destinazioni mai così ampio, che hanno aperto nuove occasioni di mobilità per il territorio e per i flussi di turismo incoming in Piemonte, permettendo allo scalo di registrare il suo record di traffico nel mese di agosto\".","post_title":"Ryanair: primo anno a Torino con 2 milioni di passeggeri e 6 nuove destinazioni","post_date":"2022-12-02T09:03:39+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669971819000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435172","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435173\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il nuovo logo e il rendering della struttura che aprirà a Milano in zona Navigli[/caption]\r\n\r\nE' tempo di rebranding in casa dei principali protagonisti europei dei modelli di ospitalità ibrida. Dopo The Student Hotel, che ha recentemente cambiato nome in The Social Hub, per meglio rispecchiare il focus sul concept di community, ora anche 21 Way of Living diventa 21 House of Stories. Il brand creato da Alessandro e Mauro Benetton intende pure lui in questo modo veicolare in maniera più efficace lo spirito di community del progetto. Avviato con una prima struttura a Milano in Città Studi, 21 House of Stories è un luogo dove soggiornare, lavorare, socializzare: una dimensione condivisa in cui non ci sono ospiti, ma una community aperta, costituita da persone interconnesse che condividono esperienze autentiche, mettono in circolo idee, energie, storie.\r\n\r\nIl concept al momento sta performando molto bene. Dalla ripartenza di marzo scorso il tasso di occupazione dell’hotel è stato superiore al 90%. A ciò si aggiunge inoltre una considerevole partecipazione a concerti e talk, presenze consistenti negli spazi coworking e al bistrot. I buoni risultati della struttura milanese, e l’avvio di un nuovo progetto meneghino, previsto sui Navigli, hanno quindi concretizzato la necessità di fare un salto di qualità in termini di brand e di racconto. Da qui il nuovo nome del progetto e il logo sviluppato insieme all’agenzia Fm Studio.\r\n\r\n“L'avvio della commercializzazione della seconda struttura rappresenta il momento ideale per aggiornare il brand alla luce dei learning accumulati nei primi due anni di attività - spiega il managing director di 21 House of Stories, Nicola Accurso -. Il nostro concept si evolve in una direzione ancora più lifestyle e disruptive, nella quale l'ospite può mescolare sfera privata e professionale in un ambiente estremamente stimolante”.","post_title":"Il brand di Alessandro e Mauro Benetton 21 Way of Living diventa 21 House of Stories","post_date":"2022-12-01T09:05:50+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1669885550000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435138","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Val d’Ega (BZ) è da circa due anni parte del programma di sostenibilità del turismo in Alto Adige, immaginato come strumento in grado di mostrare in che modo il territorio dovrebbe muoversi nel rispetto di criteri riconosciuti a livello mondiale ma ampliati e adattati alle esigenze locali.\r\n\r\nOra, per il suo impegno in questo campo, la Val d’Ega nelle Dolomiti – Patrimonio Mondiale UNESCO ha ufficialmente ricevuto un riconoscimento internazionale dal Global Sustainable Tourism Council (GSTC), organizzazione che detta gli standard per lo sviluppo sostenibile nel settore del turismo. \r\n\r\nUn revisore esterno e il Comitato di Certificazione di Green Destinations si sono quindi occupati di esaminare un programma che ha consentito alla Val d’Ega di diventare nel 2022 una delle 5 regioni italiane a ottenere la certificazione. \r\n\r\nIl programma e la strategia \"Val d’Ega 2030\" ha immaginato un futuro che sia sempre più amico dell’ambiente, un domani che sappia preservare la natura incontaminata delle montagne per le persone e gli animali che la vivono, per chi qui è di casa e per chi qui ama trascorrere la sua vacanza.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\nPrimo comprensorio sciistico a gestione privata aderente al Patto per la Neutralità Climatica 2025, con rilevamento annuo di un’impronta di CO2 che deve essere ridotta o compensata, Carezza ottimizza costantemente le misure per il risparmio energetico nell’ambito dell’innevamento e della preparazione delle piste, adotta un approccio green all’organizzazione degli eventi, promuove la raccolta differenziata e combatte gli sprechi alimentari. Infine con misurazioni del manto nevoso e tracciamento Gps, si è riusciti a ridurre di un’ora il tempo di preparazione serale delle piste, da parte dei gatti delle nevi e una riduzione dei consumi di carburante di quasi 25%. L’innevamento artificiale delle piste avviene solo quando le notti sono particolarmente fredde, in modo da garantire il minor uso di acqua ed energia possibile.\r\n\r\nDal canto suo, Obereggen vanta da ormai 16 anni un sistema di gestione ambientale certificato ISO 14001 - lo standard internazionale più riconosciuto, risparmia annualmente 500.000 litri di gasolio grazie al teleriscaldamento e percorre la strada della geotermia in luoghi simbolo come il Rifugio Oberholz.\r\n\r\nE proprio la geotermia e l’architettura di questa struttura all’avanguardia  verranno spiegati durante l’appuntamento settimanale Design meets Eco,  il titolo di una visita guidata con ristoro che prevede un tuffo nell’universo dell’integrazione tra stile, cucina panoramica e rispetto per la natura, una full immersion in un complesso riscaldato con energia geotermica che accoglie chi arriva con una facciata esterna interamente realizzata in tavole di larice e un interno pervaso dal profumo del legno di abete.\r\n\r\nDa non perdere, a Carezza, “Sciare sostenibile, come funziona?”, un info tour con il pioniere della neve artificiale, Georg Eisath, che 40 anni fa ha costruito i primi cannoni da neve dell’Alto Adige. Oggi Georg Eisath ci fa scoprire l'interno del comprensorio sciistico climatico Carezza con una visita guidata sugli sci.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Val d'Ega, il Global Sustainable Tourism Council sancisce la sostenibilità della regione","post_date":"2022-11-30T12:32:33+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669811553000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435086","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_429044\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Luigi Deli[/caption]\r\n\r\nNuova partnership tra il gruppo Volonline e Aci blueteam Partner, la divisione Aci blueteam dedicata a una selezione di agenzie di viaggio italiane. L'operazione mira a consolidare ulteriormente i rapporti dell'operatore milanese con le principali compagnie aeree. “Innanzitutto, ci tengo a precisare che la scelta è stata determinata dalla profonda stima professionale e umana con il management di Aci blueteam - sottolinea Luigi Deli, founder e ceo Volonline -.  Negli ultimi due anni abbiamo trascurato per ovvie ragioni la biglietteria aerea, che nel 2022 è comunque cresciuta del 24% rispetto al 2019. La sinergia con uno dei primi bsp in Italia farà perciò da acceleratore per l’ulteriore sviluppo del transato di biglietteria aerea. Nello specifico, si tratta di un accordo strategico in linea con la vision che ho della compagnia e che si basa sulla scelta di investire sempre di più in tecnologia e su una progressiva digitalizzazione di alcuni asset. Il transato digitale della biglietteria aerea del gruppo Volonline è infatti passato dal 7% nel 2019 al 26% nel 2022: una crescita sensibilmente inferiore rispetto a quella registrata dalle altre nostre business unit\".\r\n\r\n“Siamo onorati di poter annoverare tra le nostre affiliazioni una realtà come Volonline, che ha sempre avuto nella professionalità, nella tecnologia e nella visione i suoi principi fondanti – dichiara Massimo Gardini, industry relations and partner director di Aci blueteam. -. Il nostro family network, come a noi piace definirlo, si arricchisce ogni anno di agenzie di valore, sempre tenendo ben presente che solo l’estrema selezione all’ingresso sia la chiave giusta per dare qualità al rapporto con le principali airlines”. La collaborazione è di natura commerciale e mira a dare un ulteriore impulso agli investimenti di Volonline. La società continuerà a puntare sulla piattaforma semplificata Volonclick, che permette agli agenti di entrare in un unico ambiente con inventari e canali diversi quali gds, ndc e consolidatori di voli.\r\n\r\n ","post_title":"Volonline entra in Aci blueteam Partner per la biglietteria aerea","post_date":"2022-11-30T10:29:23+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669804163000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435076","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"British Airways potrebbe raddoppiare il proprio impegno sull'aeroporto di Londra Gatwick, a sfavore di quello di Heathrow. Sullo scalo del Sussex, secondo quanto riportato dal Sunday Telegraph, il vettore britannico intenderebbe infatti raddoppiare il numero di aeromobili basati passando dagli attuali 14 a 24-28 velivoli. La mossa arriva dopo che Heathrow è stato costretto a limitare il numero di passeggeri quest'estate a causa della carenza di addetti ai bagagli e di altro personale di supporto.\r\n\r\nOltre ai problemi di personale, i vertici delle compagnie aeree si sono scontrati con la direzione di Heathrow sulle tasse di atterraggio. L'aeroporto vorrebbe aumentarle a 42 sterline dalle attuali 30 per passeggero. Allo stato attuale, la tassa - che grava sui viaggiatori, non sui vettori - potrebbe scendere a 26 sterline l'anno prossimo secondo un piano dell'Autorità per l'aviazione civile del Regno Unito.\r\n\r\nJohn Holland-Kaye, ceo dell'aeroporto di Heathrow, ripreso dal giornale, ha dichiarato che lo scalo necessita di entrate aggiuntive per investire in rinnovi e manutenzione. Per contro Luis Gallego, amministratore delegato di Iag - casa madre di British - ha affermato che l'aeroporto sta sfruttando la propria posizione dominante sul mercato a favore degli azionisti.","post_title":"British Airways studia il raddoppio del numero di velivoli basati a Londra Gatwick","post_date":"2022-11-30T09:34:20+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669800860000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435018","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_336927\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Johan Lundgren, ceo di easyJet[/caption]\r\nEasyJet chiude in rosso l'anno finanziario 2021-22, con una perdita ante-imposte di 178 milioni di sterline, in netto recupero però rispetto al negativo dell'esercizio precedente che ammontava a 1,1 miliardi, principalmente a causa delle restrizioni Covid ancora in vigore.\r\nQuesto il dato puramente numerico: ma il trend delle prenotazioni per Natale, la stagione sciistica e altri periodi sono tornati ai livelli precedenti alla pandemia. Tanto che la compagnia aerea prevede di tornare ai livelli di capacità del 2019 entro la prossima estate. Johan Lundgren, ceo di easyJet, ha confermato che il vettore sta registrando una forte domanda nei periodi di punta, sottolineando un sondaggio secondo cui tre quarti delle persone vogliono viaggiare l'anno prossimo, nonostante la crisi economica e l'aumentato costo della vita.\r\n“L'estate ha visto easyJet raggiungere i suoi più alti guadagni di sempre in un singolo trimestre, con un Ebitdar di 674 milioni di sterline e un aumento dei servizi accessori del 59% rispetto al precedente anno fiscale - ha precisato Lundgren -. easyJet holidays, inoltre, si conferma essere sulla strada giusta per raggiungere il suo obiettivo di 100 milioni di sterline. In uno scenario fortemente condizionato dall’aumento dei costi, i vettori tradizionali faranno fatica. I consumatori cercheranno di tutelare le loro vacanze prediligendo chi offrirà loro un servizio di valore a prezzi vantaggiosi. Grazie al suo network che comprende i principali aeroporti e alle tariffe competitive, easyJet si rivelerà la scelta giusta per molti consumatori\".\r\n\"Uno degli obiettivi per il prossimo anno è quello di accrescere il nostro numero di clienti. Riteniamo inoltre che le condizioni siano ideali per incrementare i profitti e i margini, pur restando rigorosamente concentrati sui costi\".\r\nPer quanto riguarda il mercato italiano, con quasi 14 milioni di passeggeri trasportati, easyJet si conferma seconda compagnia operante nel nostro Paese nel 2022, numero più che triplicato rispetto ai 4,2 milioni di passeggeri trasportati nel 2021. Negli ultimi 12 mesi sono state annunciate o avviate oltre 40 nuove rotte da e per gli aeroporti italiani, di cui alcune riattivate dopo un periodo di sospensione, per un totale di circa 220 rotte operate da e per 19 aeroporti italiani.\r\n ","post_title":"EasyJet riduce le perdite e conta sul traffico delle festività per tornare ai livelli 2019","post_date":"2022-11-29T11:33:12+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669721592000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435019","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nel 2022 sono aumentati i flussi turistici a Roma, mentre il mercato del lavoro stenta ancora a superare lo “choc Covid”. Questi i dati presentati al recente incontro capitolino per celebrare il Trentennale dell’Ente bilaterale turismo del lazio (Ebtl)  \r\n\r\nDa un’analisi dell’Ebtl sulle difficoltà di incontro domanda-offerta di lavoro nel comparto seguito al Covid, un report fatto dall’Università di Roma ha messo in evidenza come “in Italia si fatica a tornare ai livelli di contrattualizzazioni pre-Covid, con i 1.4 milioni circa nel 2022 rispetto ai 1.5 milioni del 2019 (-7,2%) dopo i drastici cali 2020 e 2021”. \r\n\r\nLa giornata, tenutasi nel Salone delle Fontane di Roma, è stata aperta con il ricordo dei 30 anni di attività dell’Ente e il saluto dell’Assessore al Lavoro e Formazione della Regione Lazio Claudio Di Berardino. Tre i panel tematici tenutisi nel corso della giornata che hanno visto la presenza degli assessori al turismo di regione Lazio e Roma Capitale, Valentina Corrado e Alessandro Onorato, e della presidente della IX commissione lavoro e formazione della regione Lazio Eleonora Mattia, che hanno dialogato con i rappresentanti datoriali e sindacali del settore. \r\n\r\nUna prima proiezione sui dati di chiusura di fine 2022 indica che Roma Capitale chiuderà l’anno turistico con circa 15.000.000 arrivi e circa 34.460.000 presenze, con un recupero, rispetto al 2019, del 77,00% degli arrivi e del 74,00% delle presenze, in miglioramento rispetto ai primi dieci mesi dell’anno. \r\n\r\nNonostante le attuali difficoltà domanda-offerta di lavoro, e il fatto che per “molte imprese del turismo la chiusura dell’anno sarà comunque negativa a causa dei primi tre mesi del 2022 caratterizzati da chiusure e restrizioni”, il presidente dell’Ebtl Tommaso Tanzilli si è espresso positivamente per la ripresa dei flussi soprattutto dall’estero che hanno registrato 6.035.906 arrivi e 14.559.252 presenze. “La ripresa importante dei flussi, gli sforzi dell’amministrazione capitolina sui grandi eventi e di quella regionale sulla promozione rendono ora possibile un futuro prossimo positivo per il nostro settore a Roma e nel Lazio.” ","post_title":"Ebtl: il lavoro ancora in difficoltà. Ma buone le prospettive del turismo nel Lazio","post_date":"2022-11-29T11:25:38+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669721138000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti