14 July 2024

Incondi (FlixBus): «Per noi è un “Decreto Rovina”»

[ 0 ]
Andrea Incondi, FlixBus

Andrea Incondi, FlixBus

«Altro che Dl Rilancio per noi è “Dl Rovina”. Questo provvedimento è un disastro: il Governo ha scelto di lasciar morire le aziende private che operano sulla lunga distanza e di favorire aziende che già ricevono finanziamenti pubblici o aziende di Stato, come quelle del trasporto ferroviario e quello aereo» accusa Andrea Incondi, managing director di FlixBus Italia. Nel testo del decreto non ci sarà nulla e dalla Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, neppure mezza parola nella conferenza stampa per presentare il provvedimento del Governo.

«Le regole della concorrenza verranno travolte e gli effetti saranno devastanti. Capiamo l’emergenza, ma non comprendiamo la scelta deliberata di distruggere il trasporto di bus di linea sulla lunga percorrenza» aggiunge Incondi. «Vengono dimenticate decine e decine di aziende che garantiscono collegamenti essenziali per milioni di italiani. Ci si sta scordando delle migliaia di lavoratori del settore che resteranno senza lavoro quando sarà esaurita la cassa integrazione. E, infine, non si sta pensando ai cittadini che vivono in aree del Paese poco connesse e per i quali il bus è l’unica garanzia di mobilità. Parliamo di intere regioni: solo con i servizi FlixBus viaggiano 10 milioni di passeggeri l’anno. E solo con i bus è oggi possibile raggiungere, siti Unesco e centinaia di splendidi borghi italiani, quei comuni su cui tanto si pensa di investire anche per la ripresa del turismo, un settore che senza trasporti economicamente accessibili non potrà mai risollevarsi. Il diritto alla mobilità non può essere limitato solo a chi può permetterselo. Qualcuno se ne rende conto o i diritti valgono solo per i viaggiatori dell’alta velocità?».

«Sono state imposte forti limitazioni – prosegue il managing director di FlixBus Italia – per salvaguardare giustamente la salute dei cittadini e sappiamo che le misure di contenimento proseguiranno a lungo, lo abbiamo accettato con responsabilità e spirito di collaborazione. “Lo Stato dovrà farsene carico” aveva dichiarato la ministra delle infrastrutture e dei trasporti, Paola De Micheli: ebbene, la smentita è nei fatti, lo Stato non se ne farà carico. Il Governo ha scelto di favorire alcuni e di lasciare morire gli altri. Per noi la prima conseguenza è che in queste condizioni i nostri servizi non potranno ripartire».

«Se c’è ancora modo di correggere il tiro si agisca al più presto, già nel passaggio di conversione in Parlamento. Noi, da sempre, puntiamo a un confronto costruttivo: speriamo di trovare finalmente ascolto» conclude Incondi.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471214 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il santuario storico di Machupicchu è stato nuovamente riconosciuto una "Destinazione carbon neutral".  Il risultato, arrivato lo scorso 27 giugno in occasione del 17° anniversario della sua nomina tra le Sette meraviglie del mondo moderno, pone il Perù in una posizione di avanguardia nella sostenibilità ambientale e nella lotta contro gli effetti del cambiamento climatico. Ad assegnare il riconoscimento - ottenuto grazie all'impegno del settore pubblico e di quello privato - è stata Green Initiative, la principale società di certificazione climatica nel settore del turismo, che attesta il raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione. Per ottenere questo risultato, il Santuario storico di Machupicchu ha adottato misure efficaci per ridurre la propria impronta di carbonio e compensare le emissioni rimanenti, attuando pratiche sostenibili come la gestione dei rifiuti solidi e la promozione di un'economia circolare. «In Promperù desideriamo concretamente contribuire allo sviluppo sostenibile del nostro Paese - ha sottolineato il presidente, Claricia Tirado, in occasione della cerimonia tenutasi in Piazza Manco Cápac di Aguas Calientes -. Tutti noi che svolgiamo un ruolo nel settore pubblico o privato abbiamo la responsabilità di garantire che i benefici economici raggiunti siano accompagnati da una gestione sostenibile». In pratica, la certificazione ha preso come riferimento i risultati delle emissioni di carbonio nel 2019 e si è concentrata sulla promozione di azioni per la riduzione, il trattamento e la corretta gestione dei rifiuti prodotti. Inoltre, ha previsto la sensibilizzazione dei residenti, delle imprese e degli hotel. In quest'ottica, sono stati implementati quattro processi per il riutilizzo dei rifiuti riciclabili, l'installazione di un impianto di compattazione della plastica PET e del cartone; un impianto di biodiesel per processare l'olio di scarto di ristoranti e casinò; un impianto di pirolisi dei rifiuti organici per generare carbone naturale; e due macchine per la frantumazione del vetro per convertire le bottiglie in graniglia da utilizzare per scopi edilizi e ornamentali. [post_title] => Perù: Machupicchu ottiene nuovamente la certificazione "Carbon neutral" [post_date] => 2024-07-11T10:30:31+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720693831000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471148 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_471152" align="alignleft" width="300"] L'assessore Sartori con il presidente della regione Lombardia Fontana[/caption] Apre oggi, mercoledì 10 luglio, il ‘Bando Rifugi 2024’ con una dotazione iniziale di 5 milioni di euro. Ad annunciarlo è l’assessore della regione Lombardia a enti locali, montagna, risorse energetiche e utilizzo risorsa idrica, Massimo Sertori, commentando la firma del decreto. Le domande potranno essere presentate fino alle ore 16 del 31 ottobre 2024. Il ‘Bando Rifugi 2024’ prevede la concessione di contributi ai rifugi alpinistici ed escursionistici presenti nel territorio montano. “L’apertura del ‘Bando Rifugi 2024’ – commenta l’assessore Massimo Sertori – è una nuova dimostrazione dell’attenzione della Regione al mondo della montagna e della sua economia. Le montagne, infatti, rappresentano il 40 per cento del territorio lombardo e sono un ‘tesoro’ che la Regione valorizza e sostiene anche con i contributi che aiutano il lavoro di quanto gestiscono i rifugi, luoghi fondamentali per chi vive la montagna durante tutto l’anno”. Innovazione La regione Lombardia promuove, attraverso il bando, interventi di realizzazione, ampliamento, manutenzione straordinaria e ristrutturazione ai fini dell’innovazione tecnologica, della riqualificazione, della sicurezza, dell’accessibilità, dell’efficientamento energetico e della mitigazione dei fenomeni naturali, di rifugi alpinistici e rifugi escursionistici ed interventi ad essi complementari. Possono presentare domanda i gestori o i proprietari di rifugi alpinistici ed escursionistici ubicati in Comuni montani o parzialmente montani regolarmente iscritti nell’Elenco regionale dei Rifugi alpinistici e Rifugi escursionistici e in possesso di tutti i requisiti previsti dalla normativa regionale alla presentazione della domanda. I beneficiari possono essere associazioni, soggetti pubblici e privati. La domanda deve essere presentata esclusivamente mediante la piattaforma Bandi e Servizi, all’indirizzo www.bandi.regione.lombardia.it. [post_title] => Parte oggi il "Bando Rifugi 2024" della regione Lombardia [post_date] => 2024-07-10T11:55:10+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720612510000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470558 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con la consegna della manifestazione di interesse al Ministero della cultura, avvenuta oggi, parte ufficialmente il cammino di Savona, candidata a Capitale italiana della cultura 2027. Non si tratta però di un avvio ma di una tappa di un percorso iniziato oltre un anno fa, nella primavera 2023, quando il progetto ha mosso i primi passi. Oggi, dopo 90 incontri preliminari, 9 appuntamenti tematici, 1900 persone coinvolte, oltre 8000 minuti di discussione, sono state raccolte oltre 200 proposte progettuali, che saranno le Nuove rotte della cultura, tema scelto per la candidatura e titolo del dossier. Quella di Savona è una candidatura plurale, che abbraccia un territorio vasto e unito, che condivide con il Capoluogo l’idea di mettere la cultura al centro di un progetto di rigenerazione umana e urbana. Sono 32 i Comuni coinvolti: Albenga, Albissola Marina, Albisola Superiore, Altare, Bardineto, Bergeggi, Borgio Verezzi, Cairo Montenotte, Calizzano, Carcare, Castelvecchio di Rocca Barbena, Celle Ligure, Ceriale, Cosseria, Dego, Finale Ligure, Laigueglia, Millesimo, Mioglia, Noli, Osiglia, Piana Crixia, Pietra Ligure, Quiliano, Sassello, Spotorno, Stella, Tovo San Giacomo, Vado Ligure, Varazze, Vezzi Portio, Villanova d’Albenga. Le Nuove rotte della cultura infatti vogliono porsi come spunto di riflessione per tutte le città che si affacciano sul Mediterraneo o che a esso sono collegate. «L’ufficializzazione della candidatura è un passaggio importante ed emozionate – spiega Marco Russo, sindaco di Savona - Abbiamo fatto un cammino impegnativo, durante il quale abbiamo metabolizzato il senso del progetto e capito che il territorio savonese ha qualcosa da dire anche all’esterno. Questo percorso straordinario è la premessa non solo per presentare un dossier competitivo, ma anche dare la svolta e guardare al futuro. Le “nuove rotte” ci servono per ritrovare una nostra identità e per collocarci al centro di un’area che lega Mediterraneo, Nord Ovest ed Europa. Siamo convinti che questa sia la strada per dare un futuro a Savona e far sì che completi la sua transizione post industriale. Voglio ringraziare tutti coloro che hanno partecipato con idee, proposte, oppure soltanto con la loro presenza; tutti coloro che si sono messi in gioco, si sono fatti contagiare e che stanno contagiando altri savonesi, affinché questo diventi sempre di più il progetto dell’intera comunità territoriale. Voglio ringraziare anche gli oltre 30 comuni che fino ad ora hanno aderito, cogliendo la straordinaria opportunità che si apre per tutto il nostro territorio. Ora inizia una nuova fase, ancora più esaltante in cui continueremo a tenere insieme lo sforzo innovativo, l’ottica globale con il pieno coinvolgimento del territorio. Una fase in cui guarderemo sempre più in alto». «Il contesto nazionale e internazionale impone una seria revisione del concetto di cultura e di applicazione ai territori - commenta Paolo Verri, coordinatore della candidatura - Savona con tutti i comuni che appoggiano questa candidatura fortemente partecipata possono e vogliono essere uno dei luoghi de Mediterraneo in cui avviare una nuova, potente sperimentazione. Sperimentazione di nuovi spazi infrastrutturali come Palazzo della Rovere e l’area di San Giacomo, da cui si domina una baia millenaria, in cui già i Fenici approdarono facendone base per commerci. Ma anche sperimentando nuove relazioni, che da quella tradizione millenaria traggono origini e che le nuove tecnologie trasformano da porti in veri e propri hub di sapere e di produzione culturale originale. Savona 2027 sarà una sorpresa straordinaria fatta dai cittadini per una comunità italiana, europea e mediterranea in cerca di nuove idee e nuovi sbocchi per una società più coesa e più giusta».   [post_title] => Savona candidata a Capitale Italiana della Cultura 2027 [post_date] => 2024-07-02T11:42:41+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719920561000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470524 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono 29 milioni gli italiani pronti a partire tra giugno e settembre, per uno o più viaggi, con un budget complessivo pro capite a disposizione di 1.190 euro (+10% rispetto al 2023). L’indice di fiducia dei viaggiatori dell’Osservatorio turismo di Confcommercio si attesta a quota 72 su scala da 0 a 100: 2 punti in più di giugno 2023 e 1 in più di giugno 2019 (anno pre Covid). Trend positivo, quindi, con un probabile 2024 finalmente da record, anche per la domanda interna. Numeri che sanciscono la fine di un lungo periodo in cui il rapporto tra i connazionali e le vacanze era stato decisamente “tiepido” e ben lontano dalle ottime performance dei flussi esteri diretti in Italia. In ogni caso c’è sempre da considerare la variabile  meteo che potrebbe influenzare i programmi di vacanza. “Le previsioni per il turismo indicano la possibilità di avere i numeri migliori di sempre - ha commentato il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli -. Mai come oggi il settore turistico può contribuire a quella crescita necessaria che ancora manca alla nostra economia. Le sorti di questo 2024, che si concluderà con una manovra di bilancio complicata, dipendono dalla tenuta complessiva dell’occupazione, dalla riduzione dell’inflazione e dalla prevista crescita del turismo in tutte le sue forme”. Spesa e alloggio Riguardo ai mesi scelti per le vacanze gli italiani spenderanno una media pro capite di 750 euro a luglio, 910 euro in agosto - il mese con la maggiore incidenza di vacanze lunghe – e 760 euro a settembre. A giugno questo valore si attesta a 630 euro. Alla domanda su dove pernotteranno in viaggio, le risposte del campione da un lato individuano le classiche strutture turistico-ricettive – alberghi, villaggi vacanza, campeggi e resort – alle quali si indirizzano complessivamente oltre 4 italiani su 10, di cui oltre la metà in alberghi – e dall’altro le seconde case di proprietà o l’ospitalità presso amici e parenti, scelte nel 14% dei casi, che diventano il 17% per le vacanze più lunghe. Per b&b e affitti brevi invece, la preferenza appare più legata alla durata del viaggio. I primi sono scelti addirittura nel 22% dei casi per vacanze brevi, scendendo al 13% per quelle di 7 giorni o più. Per i secondi la tendenza è esattamente opposta: si va dal 9% per gli short break al 14% nelle vacanze più lunghe. Nei 4 mesi in esame, in cui la metà dei viaggiatori previsti farà più vacanze di diversa durata, è significativa la quota (34%) di coloro che sceglieranno mete tanto nazionali quanto oltre confine. Il 58% resta però sempre fedele all’Italia, scegliendo esclusivamente destinazioni della Penisola, mentre il restante 8% farà vacanze solo all’estero. Mete Delle destinazioni scelte per i viaggi tra giugno e settembre, il 24% saranno mete balneari, soprattutto per le vacanze più lunghe, dove questa preferenza raggiunge il 39% delle indicazioni espresse dal campione intervistato. Ravvivato interesse quest’anno per la montagna,  che raccoglie il 13% delle preferenze superando, seppure di poco, tanto le città quanto i luoghi d’arte, entrambi con l’11% delle preferenze. Su questi ultimi però gli italiani programmano maggiormente 1 o 2 notti a destinazione, così come per i piccoli borghi, che seguono con il 10% delle preferenze. Italia: parlando di geografia dei viaggi, a sostenere l’interesse degli italiani per le vacanze estive in montagna contribuisce fortemente il Trentino Alto Adige, costantemente nella top list dopo la Toscana – per i viaggi di breve e media durata – e dopo Sardegna e Puglia per le vacanze più lunghe. A riprova della passione per il mare troviamo supergettonate, oltre a Sardegna e Puglia, anche Sicilia ed Emilia Romagna, alle quali si aggiunge la Liguria, quest’ultima soprattutto per i viaggi brevi e le vacanze con massimo 5 pernottamenti. Estero: rivolgendo l’attenzione oltre confine, continua a prevalere il panorama delle destinazioni europee, particolarmente fruibili d’estate, dove l’offerta di Grecia e Spagna catalizza fortemente l’attenzione dei nostri connazionali con la Francia che segue più a distanza. [post_title] => Confcommercio: forse un 2024 da record per il turismo italiano [post_date] => 2024-07-01T12:34:16+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719837256000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470398 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' scontro aperto fra Assaeroporti e Aeroporti di Puglia, dopo che quest'ultima ha deciso - lo scorso 20 giugno - di lasciare l'associazione per unirsi invece ad Aeroporti 2030. Assaeroporti "giudica grave la decisione di Aeroporti di Puglia di recedere dall’associazione - si legge nella nota ufficiale dell'associazione che riunisce il maggior numero degli scali italiani (26) e la maggioranza dei passeggeri (64% secondo i dati 2023). Le motivazioni rese dalla società di gestione attraverso le dichiarazioni del suo presidente, oltre che generiche e superficiali, sono infatti assolutamente strumentali. L’impegno per la sostenibilità, la ricerca dell’innovazione continua, “l’essere oltre l’immaginazione”, il voler costruire “l’aeroporto del futuro verso il quale decolliamo” sono enunciazioni che tentano di dare dignità a una scelta dettata esclusivamente dalla ricerca di visibilità del presidente di Aeroporti di Puglia". E ancora: "Come risulta dai verbali delle riunioni degli organi associativi, il presidente di AdP in tutte le riunioni del Consiglio direttivo a cui ha partecipato nell’ultimo triennio non ha mai messo in discussione scelte, orientamenti e iniziative dell’Associazione. Nell’Assemblea del 2023 ha proposto una modifica statutaria, accolta all’unanimità dagli associati. Nella recente Assemblea del 2024 Aeroporti di Puglia ha, inoltre, votato a favore della riconferma del presidente di Assaeroporti, ne ha approvato la relazione programmatica, astenendosi invece sulla nomina dei vicepresidenti, in quanto, evidentemente, interessata a quella carica per il proprio presidente". Infine, una stoccata ad Aeroporti 2030: "E' sinceramente eccessivo l’entusiasmo manifestato da Aeroporti 2030 cui Aeroporti di Puglia ha deciso di aderire. Dovrebbe essere comune obiettivo la piena coesione dell’intera categoria: purtroppo, si conferma invece l’attitudine a privilegiare legami associativi basati su motivazioni di carattere personale".   [post_title] => Strappo Adp-Assaeroporti: è scontro fra i pugliesi e l'associazione [post_date] => 2024-06-28T10:46:15+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719571575000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470240 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Barbados attrae un sempre maggior numero di italiani, tanto che nei primi quattro mesi del 2024 le prenotazioni dei nostri connazionali per l'isola caraibica sono aumentate del 60%. Sempre più definita la ricerca dello slow tourism: i viaggiatori e gli agenti di viaggio cercano autenticità e desiderano scoprire le tradizioni locali, preferiscono visitare destinazioni meno convenzionali. Per questo motivo, Lucilla Venditti, sales & marketing manager della destinazione in Italia, sottolinea e promuove questi aspetti durante i corsi di formazione con gli operatori del settore. Inoltre, questa crescita riflette il crescente interesse degli italiani per Barbados come meta di vacanza ideale, grazie alle spiagge, alla cultura vibrante, al divertimento e all'accoglienza calorosa. E proprio al trade la Barbados Tourism Marketing Inc ha dedicato e continua a organizzare molteplici iniziative: nei primi mesi dell’anno sono stati realizzati diversi fam trip, permettendo a circa 30 agenti di viaggio di scoprire personalmente l'Isola. Questi viaggi sono stati realizzati in collaborazione con alcuni dei principali tour operator, tra cui Alidays, Oltremare e America World (Quality Group). Per incentivare le prenotazioni, Btmi ha lanciato offerte speciali per chi prenota un soggiorno, supportate da campagne di sponsorizzazione online, offline e sui social media. Con Alidays, ad esempio, le prime 20 agenzie di viaggio che prenotano un viaggio a Barbados riceveranno uno sconto di 100€ a pratica. Le attività di formazione rivolte agli agenti di viaggio sono fondamentali per l'ente, al fine di approfondire la conoscenza della destinazione e aggiornarli sulle novità. Gli incontri si svolgono sia online, attraverso webinar, sia in presenza, con Roadshow che toccano alcune delle principali città italiane. Gli honeymooners rappresentano uno dei principali target per Barbados, ecco perché, tra le varie attività per rafforzare la conoscenza della destinazione sul mercato italiano, verranno organizzati anche dei contest dedicati ai futuri sposi in occasione delle principali fiere del settore. Btmi collabora inoltre con i principali to italiani programmando sessioni di formazione in presenza per lo staff interno specializzato nei Caraibi, tra cui Naar, CartOrange, Volonline, Alidays e altri. Barbados è raggiungibile con British Airways, che opera voli giornalieri tutto l’anno dalle principali città italiane, con comode connessioni via Londra Heathrow senza cambi di aeroporto o pernottamenti. In alternativa, Condor opera un volo alla settimana via Francoforte durante la stagione invernale, garantendo ulteriori opzioni di viaggio.   [post_title] => Barbados: +60% le prenotazioni di viaggi dall'Italia. Più investimenti sulle attività trade [post_date] => 2024-06-26T11:49:04+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719402544000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470065 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Spetta ancora a Qatar Airways quello che è definito l'Oscar dell'aviazione commerciale: il vettore qatariota ha conquistato il titolo di migliore compagnia aerea al mondo assegnato in occasione dei World Airline Awards di Skytrax, per l'ottava volta in 25 anni di storia dei prestigiosi premi.  La top ten della classifica vede Singapore Airlines al secondo posto, seguita da Emirates al terzo, All Nippon Airways al quarto, Cathay Pacific al quinto, Japan Airlines al sesto, Turkish Airlines al settimo, Eva Air all'ottavo, Air France al nono e Swiss International Airlines al decimo. Anche questa volta nessuna compagnia del Nord America compare tra i primi dieci posti. Oltre al primo gradino del podio, Qatar Airways si è aggiudicata anche i premi per la migliore business class del mondo, la migliore lounge di business class del mondo e la migliore compagnia del Medio Oriente. Singapore Airlines ha ottenuto anche i massimi riconoscimenti per il Miglior personale di cabina del mondo e le sue Suite di prima classe hanno continuato a dominare vincendo il premio come miglior prima classe del mondo. In una delle regioni globali più competitive per gli standard di servizio delle compagnie aeree, il vettore si è aggiudicato anche il riconoscimento di Migliore Compagnia Aerea dell'Asia. Saudi Arabian Airlines ha vinto il premio per i miglioramenti più significativi ottenuti nel 2024,  precedendo Starlux Airlines al secondo posto e Play al terzo: questo premio riflette il miglioramento della qualità di una compagnia aerea nell'ambito dell'intero programma, valutando la variazione di ciascun vettore nel rating globale e le sue prestazioni nelle diverse categorie di premi. AirAsia ha vinto nuovamente il premio come migliore compagnia low-cost del mondo, titolo che ha conquistato ininterrottamente dal 2010. Scoot ha ricevuto il massimo riconoscimento come migliore low-cost a lungo raggio del mondo. Volotea è stata premiata come migliore compagnia aerea low-cost d'Europa, un grande risultato per un mercato così competitivo. Transavia France si è classificata al secondo posto in Europa e Vueling al terzo. In Nord America, Delta Air Lines ha ricevuto il premio come migliore compagnia aerea della regione, ottenendo anche il massimo riconoscimento per il Miglior Servizio di Personale Aereo. Air Transat è stata nominata migliore compagnia aerea al mondo per il tempo libero, un premio che la compagnia canadese leisure ha vinto in cinque precedenti occasioni. Ethiopian Airlines ha vinto il premio come migliore compagnia in Africa per il sesto anno consecutivo, Turkish Airlines è stata la Migliore Compagnia Aerea in Europa, Hainan Airlines è stata nominata Migliore Compagnia Aerea in Cina. Air France è stata plurivincitrice nel 2024, con tre premi per il miglior catering di prima classe al mondo, il miglior lounge dining di prima casse (CDG) e la miglior compagnia aerea dell'Europa Occidentale. Star Alliance ha ritirato il premio come migliore alleanza aerea del mondo e ha vinto anche il premio per la migliore lounge dell'alleanza aerea per la sua nuova lounge dell'aeroporto di Parigi Cdg.   [post_title] => Qatar Airways domina la classifica dei migliori vettori al mondo di Skytrax [post_date] => 2024-06-25T09:54:12+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719309252000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469696 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Jazz, teatro e musica saranno i protagonisti dell’Estate Spezzina 2024 che si svolgeranno nell’oramai tradizionale location di Piazza Europa che sarà appositamente allestita. Collaborano all’estate Spezzina la Fondazione Carispezia; l’ Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale; MBDA; BVLG e IREN (main sponsor). «Grazie all’impegno del Comune della Spezia e il sostegno di Enti, Istituzioni e privati la nostra città riesce a crescere ed offrire spettacoli di altissimo livello per un pubblico sempre più numeroso, che già nel 2023 ha superato le 20.000 presenze. – dichiara il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini- Una collaborazione importante, che auspichiamo continui fattivamente, per una città che è ormai una meta turistica internazionale scelta non solo per le sue bellezze paesaggistiche, ma anche per le svariate occasioni che è in grado di offrire». Si parte con la rassegna teatrale “La Spezia estate Festival” con i grandi nomi del teatro Italiano quali Alessandro Preziosi, Carolina Benvenga, Mariangela D’Abbraccio, Oblivion, Giorgio Panariello e Marco Masini, Beatrice Baldaccini e ancora la grande musica leggera con Mr. Rain, Cristiano De Andrè  Edoardo Bennato e Nina Zilli. I grandi interpreti della musica Jazz mondiale: Paolo Fresu & Uri Caine, Dado Moroni, Eddie Gomez, Joe La Barbera, Mike Stern and Randy Brecker, la voce di Irene Grandi e le incursioni di Goran Bregovich e Russell Crow. Un programma reso possibile grazie anche al sostegno di Enti e Associazioni che hanno contribuito alle realizzazione di tutti questi eventi. Oltre a questi eventi principali ci saranno moltissimi altri appuntamenti come Il 6 luglio in piazza Europa con Festa dei Diciottenni”, una serata di divertimento per festeggiare il raggiungimento della maggiore età. Giovedì 11 luglio il “Radio Stop Festival” per la prima volta dopo 20 anni fa tappa alla Spezia,. Il Festival di Radio Stop è un mega concerto di musica pop durante il quale si esibiscono dai 10 ai 12 artisti fra i più amati dai giovani, e che propone  il meglio della musica pop italiana e che alla Spezia tra gli altri porterà ad esibirsi sul palco di Piazza Europa una delle cantati più raffinate e amate dal pubblico: Malika Ayane. Insieme a lei ci sarà anche  Sophie and the Giants che dal 2020 domina le classifiche pop dance. Il 13 agosto nell’ambito della rassegna “Women – Voci di donne”, si terrà il concerto di CARMEN CONSOLI – Terra ca nun senti Sabato 24 agosto alle 20,30 in Piazza Europa si terrà la finalissima regionale del concorso Miss Italia La rassegna La Spezia Estate Festival vede protagonisti, dal 7 luglio al 20 agosto, nomi quali Alessandro Preziosi, Carolina Benvenga, Mariangela D’Abbraccio, Oblivion, Giorgio Panariello e Marco Masini, Beatrice Baldaccini e il corpo di ballo che renderà omaggio a Raffaella Carrà con l’omonimo musical a lei dedicato. E ancora: i 5 musicisti della Rimbamband, Raul Cremona, Max Giusti e il filosofo rock Matteo Saudino. Spazio anche alla musica sul palco di Piazza Europa con Mr. Rain (12 luglio), Cristiano De Andrè (16 luglio), Edoardo Bennato (22 luglio) e Nina Zilli (10 agosto). Uno straordinario programma anche per il Festival Internazionale del Jazz della Spezia, giunto alla 56ma Edizione. Da luglio un prestigioso cartellone di concerti per il più longevo festival musicale italiano dedicato al jazz, che si svolge alla Spezia e dintorni ininterrottamente dal 1969. Con la direzione artistica di Lorenzo Cimino, uno dei più apprezzati trombettisti contemporanei, la 56ma Edizione del Festival si terrà in Piazza Europa e si svilupperà attraverso appuntamenti con divi internazionali, e progetti speciali in omaggio a giganti del jazz.   [post_title] => La Spezia, Estate all’insegna di musica e teatro tra spettacoli e Festival del Jazz [post_date] => 2024-06-19T11:01:46+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718794906000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469351 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un ricco catalogo mappa e promuove le esperienze didattiche sostenibili, che tutte le scuole possono consultare per programmare viaggi di istruzione nei territori emiliano-romagnoli riconosciuti dall'UNESCO nell'ambito del Programma Man and the Biosphere. La Regione Emilia-Romagna Settore Aree Protette, Foreste e Sviluppo zone montane - Area Biodiversità ha avviato negli ultimi anni un'attività di coordinamento delle tre Riserve della Biosfera che ricadono in parte nel suo territorio (Appennino tosco-emiliano, Delta Po e Po Grande). Tra i risultati di questa azione di coordinamento vi è il progetto Scuola&Biosfera, che ha come obiettivo stimolare il turismo scolastico in chiave sostenibile, incoraggiando gli studenti, delle scuole primarie e secondarie di I e II grado, al viaggio e alla scoperta di questi territori e dei valori che hanno portato a conseguire il riconoscimento MAB UNESCO. Nell'ambito del progetto è stato realizzato il catalogo Scuola&Biosfera, primo nel suo genere in Italia, che raccoglie numerose e diversificate "esperienze", tra cui visite guidate a siti naturalistici, siti archeologici, musei, monumenti, così come laboratori didattici, incontri con esperti e approfondimenti di progetti e iniziative locali. Il catalogo si articola in tre fascicoli, ciascuno dedicato ad un ordine e grado scolastico differente (scuola primaria, scuola secondaria di I grado e scuola secondaria di II grado), all'interno dei quali è possibile consultare apposite schede-esperienza suddivise per territorio di interesse (Appennino tosco-emiliano, Delta Po e Po Grande) e tipologia di attività. In questa prima edizione, il catalogo per la scuola primaria raccoglie 87 esperienze (43 nella Riserva della Biosfera Appennino tosco-emiliano, 25 in quella del Po Grande e 19 nel Delta del Po); quello per la scuola secondaria di I grado segnala 92 esperienze (47 nella Riserva della Biosfera Appennino tosco-emiliano, 25 in quella del Po Grande e 20 nel Delta del Po) e infine il catalogo dedicato alla scuola secondaria di II grado ne presenta 66, (38 nella Riserva della Biosfera Appennino tosco-emiliano, 16 in quella del Po Grande e 11 nel Delta del Po). Il catalogo Scuola&Biosfera si rivolge a tutte le scuole del territorio nazionale che desiderano effettuare un viaggio di istruzione nelle Riserve della Biosfera dell'Appennino tosco-emiliano, Po Grande e Delta Po, ed è consultabile sul sito della Regione Emilia-Romagna oltre a quelli delle tre Riserve della Biosfera coinvolte. [post_title] => “Scuola&Biosfera”, nuovo catalogo per viaggi di istruzione nelle tre Riserve Mab Unesco dell’Appennino Tosco-Emiliano, Po Grande e Delta del Po [post_date] => 2024-06-13T11:26:40+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718278000000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "incondi flixbus un decreto rovina" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":33,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":278,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471214","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il santuario storico di Machupicchu è stato nuovamente riconosciuto una \"Destinazione carbon neutral\". \r\n\r\nIl risultato, arrivato lo scorso 27 giugno in occasione del 17° anniversario della sua nomina tra le Sette meraviglie del mondo moderno, pone il Perù in una posizione di avanguardia nella sostenibilità ambientale e nella lotta contro gli effetti del cambiamento climatico.\r\n\r\nAd assegnare il riconoscimento - ottenuto grazie all'impegno del settore pubblico e di quello privato - è stata Green Initiative, la principale società di certificazione climatica nel settore del turismo, che attesta il raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione. Per ottenere questo risultato, il Santuario storico di Machupicchu ha adottato misure efficaci per ridurre la propria impronta di carbonio e compensare le emissioni rimanenti, attuando pratiche sostenibili come la gestione dei rifiuti solidi e la promozione di un'economia circolare.\r\n\r\n«In Promperù desideriamo concretamente contribuire allo sviluppo sostenibile del nostro Paese - ha sottolineato il presidente, Claricia Tirado, in occasione della cerimonia tenutasi in Piazza Manco Cápac di Aguas Calientes -. Tutti noi che svolgiamo un ruolo nel settore pubblico o privato abbiamo la responsabilità di garantire che i benefici economici raggiunti siano accompagnati da una gestione sostenibile».\r\n\r\nIn pratica, la certificazione ha preso come riferimento i risultati delle emissioni di carbonio nel 2019 e si è concentrata sulla promozione di azioni per la riduzione, il trattamento e la corretta gestione dei rifiuti prodotti. Inoltre, ha previsto la sensibilizzazione dei residenti, delle imprese e degli hotel. In quest'ottica, sono stati implementati quattro processi per il riutilizzo dei rifiuti riciclabili, l'installazione di un impianto di compattazione della plastica PET e del cartone; un impianto di biodiesel per processare l'olio di scarto di ristoranti e casinò; un impianto di pirolisi dei rifiuti organici per generare carbone naturale; e due macchine per la frantumazione del vetro per convertire le bottiglie in graniglia da utilizzare per scopi edilizi e ornamentali.","post_title":"Perù: Machupicchu ottiene nuovamente la certificazione \"Carbon neutral\"","post_date":"2024-07-11T10:30:31+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1720693831000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471148","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_471152\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] L'assessore Sartori con il presidente della regione Lombardia Fontana[/caption]\r\n\r\nApre oggi, mercoledì 10 luglio, il ‘Bando Rifugi 2024’ con una dotazione iniziale di 5 milioni di euro. Ad annunciarlo è l’assessore della regione Lombardia a enti locali, montagna, risorse energetiche e utilizzo risorsa idrica, Massimo Sertori, commentando la firma del decreto. Le domande potranno essere presentate fino alle ore 16 del 31 ottobre 2024.\r\n\r\nIl ‘Bando Rifugi 2024’ prevede la concessione di contributi ai rifugi alpinistici ed escursionistici presenti nel territorio montano.\r\n\r\n“L’apertura del ‘Bando Rifugi 2024’ – commenta l’assessore Massimo Sertori – è una nuova dimostrazione dell’attenzione della Regione al mondo della montagna e della sua economia. Le montagne, infatti, rappresentano il 40 per cento del territorio lombardo e sono un ‘tesoro’ che la Regione valorizza e sostiene anche con i contributi che aiutano il lavoro di quanto gestiscono i rifugi, luoghi fondamentali per chi vive la montagna durante tutto l’anno”.\r\nInnovazione\r\nLa regione Lombardia promuove, attraverso il bando, interventi di realizzazione, ampliamento, manutenzione straordinaria e ristrutturazione ai fini dell’innovazione tecnologica, della riqualificazione, della sicurezza, dell’accessibilità, dell’efficientamento energetico e della mitigazione dei fenomeni naturali, di rifugi alpinistici e rifugi escursionistici ed interventi ad essi complementari.\r\n\r\nPossono presentare domanda i gestori o i proprietari di rifugi alpinistici ed escursionistici ubicati in Comuni montani o parzialmente montani regolarmente iscritti nell’Elenco regionale dei Rifugi alpinistici e Rifugi escursionistici e in possesso di tutti i requisiti previsti dalla normativa regionale alla presentazione della domanda.\r\nI beneficiari possono essere associazioni, soggetti pubblici e privati.\r\n\r\nLa domanda deve essere presentata esclusivamente mediante la piattaforma Bandi e Servizi, all’indirizzo www.bandi.regione.lombardia.it.","post_title":"Parte oggi il \"Bando Rifugi 2024\" della regione Lombardia","post_date":"2024-07-10T11:55:10+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1720612510000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470558","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Con la consegna della manifestazione di interesse al Ministero della cultura, avvenuta oggi, parte ufficialmente il cammino di Savona, candidata a Capitale italiana della cultura 2027.\r\n\r\nNon si tratta però di un avvio ma di una tappa di un percorso iniziato oltre un anno fa, nella primavera 2023, quando il progetto ha mosso i primi passi. Oggi, dopo 90 incontri preliminari, 9 appuntamenti tematici, 1900 persone coinvolte, oltre 8000 minuti di discussione, sono state raccolte oltre 200 proposte progettuali, che saranno le Nuove rotte della cultura, tema scelto per la candidatura e titolo del dossier.\r\n\r\nQuella di Savona è una candidatura plurale, che abbraccia un territorio vasto e unito, che condivide con il Capoluogo l’idea di mettere la cultura al centro di un progetto di rigenerazione umana e urbana. Sono 32 i Comuni coinvolti: Albenga, Albissola Marina, Albisola Superiore, Altare, Bardineto, Bergeggi, Borgio Verezzi, Cairo Montenotte, Calizzano, Carcare, Castelvecchio di Rocca Barbena, Celle Ligure, Ceriale, Cosseria, Dego, Finale Ligure, Laigueglia, Millesimo, Mioglia, Noli, Osiglia, Piana Crixia, Pietra Ligure, Quiliano, Sassello, Spotorno, Stella, Tovo San Giacomo, Vado Ligure, Varazze, Vezzi Portio, Villanova d’Albenga.\r\n\r\nLe Nuove rotte della cultura infatti vogliono porsi come spunto di riflessione per tutte le città che si affacciano sul Mediterraneo o che a esso sono collegate.\r\n\r\n«L’ufficializzazione della candidatura è un passaggio importante ed emozionate – spiega Marco Russo, sindaco di Savona - Abbiamo fatto un cammino impegnativo, durante il quale abbiamo metabolizzato il senso del progetto e capito che il territorio savonese ha qualcosa da dire anche all’esterno. Questo percorso straordinario è la premessa non solo per presentare un dossier competitivo, ma anche dare la svolta e guardare al futuro. Le “nuove rotte” ci servono per ritrovare una nostra identità e per collocarci al centro di un’area che lega Mediterraneo, Nord Ovest ed Europa. Siamo convinti che questa sia la strada per dare un futuro a Savona e far sì che completi la sua transizione post industriale. Voglio ringraziare tutti coloro che hanno partecipato con idee, proposte, oppure soltanto con la loro presenza; tutti coloro che si sono messi in gioco, si sono fatti contagiare e che stanno contagiando altri savonesi, affinché questo diventi sempre di più il progetto dell’intera comunità territoriale. Voglio ringraziare anche gli oltre 30 comuni che fino ad ora hanno aderito, cogliendo la straordinaria opportunità che si apre per tutto il nostro territorio. Ora inizia una nuova fase, ancora più esaltante in cui continueremo a tenere insieme lo sforzo innovativo, l’ottica globale con il pieno coinvolgimento del territorio. Una fase in cui guarderemo sempre più in alto».\r\n\r\n«Il contesto nazionale e internazionale impone una seria revisione del concetto di cultura e di applicazione ai territori - commenta Paolo Verri, coordinatore della candidatura - Savona con tutti i comuni che appoggiano questa candidatura fortemente partecipata possono e vogliono essere uno dei luoghi de Mediterraneo in cui avviare una nuova, potente sperimentazione. Sperimentazione di nuovi spazi infrastrutturali come Palazzo della Rovere e l’area di San Giacomo, da cui si domina una baia millenaria, in cui già i Fenici approdarono facendone base per commerci. Ma anche sperimentando nuove relazioni, che da quella tradizione millenaria traggono origini e che le nuove tecnologie trasformano da porti in veri e propri hub di sapere e di produzione culturale originale. Savona 2027 sarà una sorpresa straordinaria fatta dai cittadini per una comunità italiana, europea e mediterranea in cerca di nuove idee e nuovi sbocchi per una società più coesa e più giusta».\r\n\r\n ","post_title":"Savona candidata a Capitale Italiana della Cultura 2027","post_date":"2024-07-02T11:42:41+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1719920561000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470524","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono 29 milioni gli italiani pronti a partire tra giugno e settembre, per uno o più viaggi, con un budget complessivo pro capite a disposizione di 1.190 euro (+10% rispetto al 2023). L’indice di fiducia dei viaggiatori dell’Osservatorio turismo di Confcommercio si attesta a quota 72 su scala da 0 a 100: 2 punti in più di giugno 2023 e 1 in più di giugno 2019 (anno pre Covid). Trend positivo, quindi, con un probabile 2024 finalmente da record, anche per la domanda interna. Numeri che sanciscono la fine di un lungo periodo in cui il rapporto tra i connazionali e le vacanze era stato decisamente “tiepido” e ben lontano dalle ottime performance dei flussi esteri diretti in Italia. In ogni caso c’è sempre da considerare la variabile  meteo che potrebbe influenzare i programmi di vacanza.\r\n\r\n“Le previsioni per il turismo indicano la possibilità di avere i numeri migliori di sempre - ha commentato il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli -. Mai come oggi il settore turistico può contribuire a quella crescita necessaria che ancora manca alla nostra economia. Le sorti di questo 2024, che si concluderà con una manovra di bilancio complicata, dipendono dalla tenuta complessiva dell’occupazione, dalla riduzione dell’inflazione e dalla prevista crescita del turismo in tutte le sue forme”.\r\nSpesa e alloggio\r\nRiguardo ai mesi scelti per le vacanze gli italiani spenderanno una media pro capite di 750 euro a luglio, 910 euro in agosto - il mese con la maggiore incidenza di vacanze lunghe – e 760 euro a settembre. A giugno questo valore si attesta a 630 euro.\r\n\r\nAlla domanda su dove pernotteranno in viaggio, le risposte del campione da un lato individuano le classiche strutture turistico-ricettive – alberghi, villaggi vacanza, campeggi e resort – alle quali si indirizzano complessivamente oltre 4 italiani su 10, di cui oltre la metà in alberghi – e dall’altro le seconde case di proprietà o l’ospitalità presso amici e parenti, scelte nel 14% dei casi, che diventano il 17% per le vacanze più lunghe. Per b&b e affitti brevi invece, la preferenza appare più legata alla durata del viaggio. I primi sono scelti addirittura nel 22% dei casi per vacanze brevi, scendendo al 13% per quelle di 7 giorni o più. Per i secondi la tendenza è esattamente opposta: si va dal 9% per gli short break al 14% nelle vacanze più lunghe.\r\n\r\nNei 4 mesi in esame, in cui la metà dei viaggiatori previsti farà più vacanze di diversa durata, è significativa la quota (34%) di coloro che sceglieranno mete tanto nazionali quanto oltre confine. Il 58% resta però sempre fedele all’Italia, scegliendo esclusivamente destinazioni della Penisola, mentre il restante 8% farà vacanze solo all’estero.\r\nMete\r\nDelle destinazioni scelte per i viaggi tra giugno e settembre, il 24% saranno mete balneari, soprattutto per le vacanze più lunghe, dove questa preferenza raggiunge il 39% delle indicazioni espresse dal campione intervistato. Ravvivato interesse quest’anno per la montagna,  che raccoglie il 13% delle preferenze superando, seppure di poco, tanto le città quanto i luoghi d’arte, entrambi con l’11% delle preferenze. Su questi ultimi però gli italiani programmano maggiormente 1 o 2 notti a destinazione, così come per i piccoli borghi, che seguono con il 10% delle preferenze.\r\n\r\nItalia: parlando di geografia dei viaggi, a sostenere l’interesse degli italiani per le vacanze estive in montagna contribuisce fortemente il Trentino Alto Adige, costantemente nella top list dopo la Toscana – per i viaggi di breve e media durata – e dopo Sardegna e Puglia per le vacanze più lunghe. A riprova della passione per il mare troviamo supergettonate, oltre a Sardegna e Puglia, anche Sicilia ed Emilia Romagna, alle quali si aggiunge la Liguria, quest’ultima soprattutto per i viaggi brevi e le vacanze con massimo 5 pernottamenti.\r\n\r\nEstero: rivolgendo l’attenzione oltre confine, continua a prevalere il panorama delle destinazioni europee, particolarmente fruibili d’estate, dove l’offerta di Grecia e Spagna catalizza fortemente l’attenzione dei nostri connazionali con la Francia che segue più a distanza.","post_title":"Confcommercio: forse un 2024 da record per il turismo italiano","post_date":"2024-07-01T12:34:16+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1719837256000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470398","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' scontro aperto fra Assaeroporti e Aeroporti di Puglia, dopo che quest'ultima ha deciso - lo scorso 20 giugno - di lasciare l'associazione per unirsi invece ad Aeroporti 2030.\r\n\r\nAssaeroporti \"giudica grave la decisione di Aeroporti di Puglia di recedere dall’associazione - si legge nella nota ufficiale dell'associazione che riunisce il maggior numero degli scali italiani (26) e la maggioranza dei passeggeri (64% secondo i dati 2023). Le motivazioni rese dalla società di gestione attraverso le dichiarazioni del suo presidente, oltre che generiche e superficiali, sono infatti assolutamente strumentali. L’impegno per la sostenibilità, la ricerca dell’innovazione continua, “l’essere oltre l’immaginazione”, il voler costruire “l’aeroporto del futuro verso il quale decolliamo” sono enunciazioni che tentano di dare dignità a una scelta dettata esclusivamente dalla ricerca di visibilità del presidente di Aeroporti di Puglia\".\r\n\r\nE ancora: \"Come risulta dai verbali delle riunioni degli organi associativi, il presidente di AdP in tutte le riunioni del Consiglio direttivo a cui ha partecipato nell’ultimo triennio non ha mai messo in discussione scelte, orientamenti e iniziative dell’Associazione. Nell’Assemblea del 2023 ha proposto una modifica statutaria, accolta all’unanimità dagli associati. Nella recente Assemblea del 2024 Aeroporti di Puglia ha, inoltre, votato a favore della riconferma del presidente di Assaeroporti, ne ha approvato la relazione programmatica, astenendosi invece sulla nomina dei vicepresidenti, in quanto, evidentemente, interessata a quella carica per il proprio presidente\".\r\n\r\nInfine, una stoccata ad Aeroporti 2030: \"E' sinceramente eccessivo l’entusiasmo manifestato da Aeroporti 2030 cui Aeroporti di Puglia ha deciso di aderire. Dovrebbe essere comune obiettivo la piena coesione dell’intera categoria: purtroppo, si conferma invece l’attitudine a privilegiare legami associativi basati su motivazioni di carattere personale\".\r\n\r\n ","post_title":"Strappo Adp-Assaeroporti: è scontro fra i pugliesi e l'associazione","post_date":"2024-06-28T10:46:15+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1719571575000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470240","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Barbados attrae un sempre maggior numero di italiani, tanto che nei primi quattro mesi del 2024 le prenotazioni dei nostri connazionali per l'isola caraibica sono aumentate del 60%.\r\n\r\nSempre più definita la ricerca dello slow tourism: i viaggiatori e gli agenti di viaggio cercano autenticità e desiderano scoprire le tradizioni locali, preferiscono visitare destinazioni meno convenzionali. Per questo motivo, Lucilla Venditti, sales & marketing manager della destinazione in Italia, sottolinea e promuove questi aspetti durante i corsi di formazione con gli operatori del settore. Inoltre, questa crescita riflette il crescente interesse degli italiani per Barbados come meta di vacanza ideale, grazie alle spiagge, alla cultura vibrante, al divertimento e all'accoglienza calorosa.\r\n\r\nE proprio al trade la Barbados Tourism Marketing Inc ha dedicato e continua a organizzare molteplici iniziative: nei primi mesi dell’anno sono stati realizzati diversi fam trip, permettendo a circa 30 agenti di viaggio di scoprire personalmente l'Isola. Questi viaggi sono stati realizzati in collaborazione con alcuni dei principali tour operator, tra cui Alidays, Oltremare e America World (Quality Group).\r\n\r\nPer incentivare le prenotazioni, Btmi ha lanciato offerte speciali per chi prenota un soggiorno, supportate da campagne di sponsorizzazione online, offline e sui social media. Con Alidays, ad esempio, le prime 20 agenzie di viaggio che prenotano un viaggio a Barbados riceveranno uno sconto di 100€ a pratica.\r\n\r\nLe attività di formazione rivolte agli agenti di viaggio sono fondamentali per l'ente, al fine di approfondire la conoscenza della destinazione e aggiornarli sulle novità. Gli incontri si svolgono sia online, attraverso webinar, sia in presenza, con Roadshow che toccano alcune delle principali città italiane.\r\n\r\nGli honeymooners rappresentano uno dei principali target per Barbados, ecco perché, tra le varie attività per rafforzare la conoscenza della destinazione sul mercato italiano, verranno organizzati anche dei contest dedicati ai futuri sposi in occasione delle principali fiere del settore.\r\n\r\nBtmi collabora inoltre con i principali to italiani programmando sessioni di formazione in presenza per lo staff interno specializzato nei Caraibi, tra cui Naar, CartOrange, Volonline, Alidays e altri.\r\n\r\nBarbados è raggiungibile con British Airways, che opera voli giornalieri tutto l’anno dalle principali città italiane, con comode connessioni via Londra Heathrow senza cambi di aeroporto o pernottamenti. In alternativa, Condor opera un volo alla settimana via Francoforte durante la stagione invernale, garantendo ulteriori opzioni di viaggio.\r\n\r\n ","post_title":"Barbados: +60% le prenotazioni di viaggi dall'Italia. Più investimenti sulle attività trade","post_date":"2024-06-26T11:49:04+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1719402544000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470065","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Spetta ancora a Qatar Airways quello che è definito l'Oscar dell'aviazione commerciale: il vettore qatariota ha conquistato il titolo di migliore compagnia aerea al mondo assegnato in occasione dei World Airline Awards di Skytrax, per l'ottava volta in 25 anni di storia dei prestigiosi premi. \r\n\r\nLa top ten della classifica vede Singapore Airlines al secondo posto, seguita da Emirates al terzo, All Nippon Airways al quarto, Cathay Pacific al quinto, Japan Airlines al sesto, Turkish Airlines al settimo, Eva Air all'ottavo, Air France al nono e Swiss International Airlines al decimo. Anche questa volta nessuna compagnia del Nord America compare tra i primi dieci posti.\r\n\r\nOltre al primo gradino del podio, Qatar Airways si è aggiudicata anche i premi per la migliore business class del mondo, la migliore lounge di business class del mondo e la migliore compagnia del Medio Oriente.\r\n\r\nSingapore Airlines ha ottenuto anche i massimi riconoscimenti per il Miglior personale di cabina del mondo e le sue Suite di prima classe hanno continuato a dominare vincendo il premio come miglior prima classe del mondo. In una delle regioni globali più competitive per gli standard di servizio delle compagnie aeree, il vettore si è aggiudicato anche il riconoscimento di Migliore Compagnia Aerea dell'Asia.\r\n\r\nSaudi Arabian Airlines ha vinto il premio per i miglioramenti più significativi ottenuti nel 2024,  precedendo Starlux Airlines al secondo posto e Play al terzo: questo premio riflette il miglioramento della qualità di una compagnia aerea nell'ambito dell'intero programma, valutando la variazione di ciascun vettore nel rating globale e le sue prestazioni nelle diverse categorie di premi.\r\n\r\nAirAsia ha vinto nuovamente il premio come migliore compagnia low-cost del mondo, titolo che ha conquistato ininterrottamente dal 2010. Scoot ha ricevuto il massimo riconoscimento come migliore low-cost a lungo raggio del mondo.\r\n\r\nVolotea è stata premiata come migliore compagnia aerea low-cost d'Europa, un grande risultato per un mercato così competitivo. Transavia France si è classificata al secondo posto in Europa e Vueling al terzo.\r\n\r\nIn Nord America, Delta Air Lines ha ricevuto il premio come migliore compagnia aerea della regione, ottenendo anche il massimo riconoscimento per il Miglior Servizio di Personale Aereo.\r\nAir Transat è stata nominata migliore compagnia aerea al mondo per il tempo libero, un premio che la compagnia canadese leisure ha vinto in cinque precedenti occasioni.\r\n\r\nEthiopian Airlines ha vinto il premio come migliore compagnia in Africa per il sesto anno consecutivo, Turkish Airlines è stata la Migliore Compagnia Aerea in Europa, Hainan Airlines è stata nominata Migliore Compagnia Aerea in Cina.\r\n\r\nAir France è stata plurivincitrice nel 2024, con tre premi per il miglior catering di prima classe al mondo, il miglior lounge dining di prima casse (CDG) e la miglior compagnia aerea dell'Europa Occidentale.\r\n\r\nStar Alliance ha ritirato il premio come migliore alleanza aerea del mondo e ha vinto anche il premio per la migliore lounge dell'alleanza aerea per la sua nuova lounge dell'aeroporto di Parigi Cdg.\r\n\r\n ","post_title":"Qatar Airways domina la classifica dei migliori vettori al mondo di Skytrax","post_date":"2024-06-25T09:54:12+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1719309252000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469696","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Jazz, teatro e musica saranno i protagonisti dell’Estate Spezzina 2024 che si svolgeranno nell’oramai tradizionale location di Piazza Europa che sarà appositamente allestita.\r\n\r\nCollaborano all’estate Spezzina la Fondazione Carispezia; l’ Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale; MBDA; BVLG e IREN (main sponsor).\r\n\r\n«Grazie all’impegno del Comune della Spezia e il sostegno di Enti, Istituzioni e privati la nostra città riesce a crescere ed offrire spettacoli di altissimo livello per un pubblico sempre più numeroso, che già nel 2023 ha superato le 20.000 presenze. – dichiara il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini- Una collaborazione importante, che auspichiamo continui fattivamente, per una città che è ormai una meta turistica internazionale scelta non solo per le sue bellezze paesaggistiche, ma anche per le svariate occasioni che è in grado di offrire».\r\n\r\nSi parte con la rassegna teatrale “La Spezia estate Festival” con i grandi nomi del teatro Italiano quali Alessandro Preziosi, Carolina Benvenga, Mariangela D’Abbraccio, Oblivion, Giorgio Panariello e Marco Masini, Beatrice Baldaccini e ancora la grande musica leggera con Mr. Rain, Cristiano De Andrè  Edoardo Bennato e Nina Zilli. I grandi interpreti della musica Jazz mondiale: Paolo Fresu & Uri Caine, Dado Moroni, Eddie Gomez, Joe La Barbera, Mike Stern and Randy Brecker, la voce di Irene Grandi e le incursioni di Goran Bregovich e Russell Crow.\r\n\r\nUn programma reso possibile grazie anche al sostegno di Enti e Associazioni che hanno contribuito alle realizzazione di tutti questi eventi. Oltre a questi eventi principali ci saranno moltissimi altri appuntamenti come Il 6 luglio in piazza Europa con Festa dei Diciottenni”, una serata di divertimento per festeggiare il raggiungimento della maggiore età.\r\n\r\nGiovedì 11 luglio il “Radio Stop Festival” per la prima volta dopo 20 anni fa tappa alla Spezia,. Il Festival di Radio Stop è un mega concerto di musica pop durante il quale si esibiscono dai 10 ai 12 artisti fra i più amati dai giovani, e che propone  il meglio della musica pop italiana e che alla Spezia tra gli altri porterà ad esibirsi sul palco di Piazza Europa una delle cantati più raffinate e amate dal pubblico: Malika Ayane. Insieme a lei ci sarà anche  Sophie and the Giants che dal 2020 domina le classifiche pop dance.\r\n\r\nIl 13 agosto nell’ambito della rassegna “Women – Voci di donne”, si terrà il concerto di CARMEN CONSOLI – Terra ca nun senti\r\n\r\nSabato 24 agosto alle 20,30 in Piazza Europa si terrà la finalissima regionale del concorso Miss Italia\r\n\r\nLa rassegna La Spezia Estate Festival vede protagonisti, dal 7 luglio al 20 agosto, nomi quali Alessandro Preziosi, Carolina Benvenga, Mariangela D’Abbraccio, Oblivion, Giorgio Panariello e Marco Masini, Beatrice Baldaccini e il corpo di ballo che renderà omaggio a Raffaella Carrà con l’omonimo musical a lei dedicato. E ancora: i 5 musicisti della Rimbamband, Raul Cremona, Max Giusti e il filosofo rock Matteo Saudino.\r\n\r\nSpazio anche alla musica sul palco di Piazza Europa con Mr. Rain (12 luglio), Cristiano De Andrè (16 luglio), Edoardo Bennato (22 luglio) e Nina Zilli (10 agosto).\r\n\r\nUno straordinario programma anche per il Festival Internazionale del Jazz della Spezia, giunto alla 56ma Edizione. Da luglio un prestigioso cartellone di concerti per il più longevo festival musicale italiano dedicato al jazz, che si svolge alla Spezia e dintorni ininterrottamente dal 1969. Con la direzione artistica di Lorenzo Cimino, uno dei più apprezzati trombettisti contemporanei, la 56ma Edizione del Festival si terrà in Piazza Europa e si svilupperà attraverso appuntamenti con divi internazionali, e progetti speciali in omaggio a giganti del jazz.\r\n\r\n ","post_title":"La Spezia, Estate all’insegna di musica e teatro tra spettacoli e Festival del Jazz","post_date":"2024-06-19T11:01:46+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1718794906000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469351","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un ricco catalogo mappa e promuove le esperienze didattiche sostenibili, che tutte le scuole possono consultare per programmare viaggi di istruzione nei territori emiliano-romagnoli riconosciuti dall'UNESCO nell'ambito del Programma Man and the Biosphere.\r\n\r\nLa Regione Emilia-Romagna Settore Aree Protette, Foreste e Sviluppo zone montane - Area Biodiversità ha avviato negli ultimi anni un'attività di coordinamento delle tre Riserve della Biosfera che ricadono in parte nel suo territorio (Appennino tosco-emiliano, Delta Po e Po Grande). Tra i risultati di questa azione di coordinamento vi è il progetto Scuola&Biosfera, che ha come obiettivo stimolare il turismo scolastico in chiave sostenibile, incoraggiando gli studenti, delle scuole primarie e secondarie di I e II grado, al viaggio e alla scoperta di questi territori e dei valori che hanno portato a conseguire il riconoscimento MAB UNESCO.\r\n\r\nNell'ambito del progetto è stato realizzato il catalogo Scuola&Biosfera, primo nel suo genere in Italia, che raccoglie numerose e diversificate \"esperienze\", tra cui visite guidate a siti naturalistici, siti archeologici, musei, monumenti, così come laboratori didattici, incontri con esperti e approfondimenti di progetti e iniziative locali.\r\n\r\nIl catalogo si articola in tre fascicoli, ciascuno dedicato ad un ordine e grado scolastico differente (scuola primaria, scuola secondaria di I grado e scuola secondaria di II grado), all'interno dei quali è possibile consultare apposite schede-esperienza suddivise per territorio di interesse (Appennino tosco-emiliano, Delta Po e Po Grande) e tipologia di attività.\r\n\r\nIn questa prima edizione, il catalogo per la scuola primaria raccoglie 87 esperienze (43 nella Riserva della Biosfera Appennino tosco-emiliano, 25 in quella del Po Grande e 19 nel Delta del Po); quello per la scuola secondaria di I grado segnala 92 esperienze (47 nella Riserva della Biosfera Appennino tosco-emiliano, 25 in quella del Po Grande e 20 nel Delta del Po) e infine il catalogo dedicato alla scuola secondaria di II grado ne presenta 66, (38 nella Riserva della Biosfera Appennino tosco-emiliano, 16 in quella del Po Grande e 11 nel Delta del Po).\r\n\r\nIl catalogo Scuola&Biosfera si rivolge a tutte le scuole del territorio nazionale che desiderano effettuare un viaggio di istruzione nelle Riserve della Biosfera dell'Appennino tosco-emiliano, Po Grande e Delta Po, ed è consultabile sul sito della Regione Emilia-Romagna oltre a quelli delle tre Riserve della Biosfera coinvolte.","post_title":"“Scuola&Biosfera”, nuovo catalogo per viaggi di istruzione nelle tre Riserve Mab Unesco dell’Appennino Tosco-Emiliano, Po Grande e Delta del Po","post_date":"2024-06-13T11:26:40+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1718278000000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti