26 November 2022

Blastness va sulla nuvola e crea la piattaforma integrata Suite

[ 0 ]

Un momento della presentazione di Andrea Delfini

Si chiama Blastness Suite ed è la nuova piattaforma di sistemi smart integrati, realizzata in tre anni di investimenti e impegno dall’omonima società It spezzina specializzata in prodotti e servizi per l’hotellerie. “L’integrazione di dati e sistemi è il tema chiave del momento”, ha raccontato il ceo e fondatore di Blastness, Andrea Delfini, in occasione dell’edizione 2022 di Hicon, la conferenza italiana dedicata all’innovazione e alle più avanzate tecnologie nell’ambito del turismo e dell’ospitalità, organizzata da The Data Appeal Company, società del gruppo Almawave, e Teamwork. “Dopo oltre 15 anni dalla nostra fondazione – ha proseguito Delfini – ci sentivamo pronti per un salto dimensionale e tecnologico importante. Da fine 2019 abbiamo quindi avviato l’ambizioso progetto It da cui è nata la nostra Business Suite, che altro non è se un’infrastruttura cloud di livello enterprise sia hardware, sia software, che ci permette di non avere più limiti di storage (capienza di dati raccolti, ndr), né di calcolo”.
Nella nuova piattaforma, Blastness ha quindi racchiuso tutti gli strumenti a maggior valore aggiunto proposti dalla compagnia, compresi naturalmente quelli che sovrintendono alla governance dei dati: ecco allora che la suite oggi include un management system integrato e un inedito tool di market intelligence, “che si basa su un concept di benchmark competitivo più dinamico ed esaustivo di quelli tradizionali” ha sottolineato sempre Delfini. All’interno della piattaforma si trova inoltre un revenue management system ibrido, poggiante sia sui suggerimenti classici derivanti dalle regole inserite dal team preposto dell’hotel, sia su quelli ricavati da una serie di algoritmi in grado di elaborare live i dati reali del mercato. A ciò si aggiungono un rate shopper, che analizza le tariffa dei competitor e monitora la parità tariffaria, i sistemi di reportistica e business intelligence dedicati ai central reservation e ai property management system (crs e pms), nonché il content management system che gestisce il sito proprietario. A completare il tutto c’è infine il bms, ossia il bid management system, pensato per ottimizzare le campagne online delle strutture ricettive, sfruttando anche i benefici del programma Google Strategic Partners, di cui Blastness è partner ormai da cinque anni.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434858 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lab Travel Group, operatore della distribuzione turistica che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale,  aderisce Museo del Turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine. Il Museo del Turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.   [gallery ids="434862,434863,434864,434865,434866,434867,434868,434869,434870,434871,434872,434873,434874,434875"] La nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost. Il risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi. Tra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi. Paolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”. Per visitare la sala è sufficiente fissare un appuntamento presso la filiale di Lab Travel Group di via del Carmine 28 a Torino. www.themuseumoftourism.org https://www.facebook.com/ILMUSEODELTURISMO/ https://www.instagram.com/ilmuseodelturismo/ [post_title] => Museo del Turismo: nuova sala a Torino presso Lab Travel Group [post_date] => 2022-11-25T17:31:03+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669397463000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434838 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Brasile, destinazione da vivere sotto una nuova luce e cioè quella delle festività natalizie: numerose le tradizioni che uniscono Italia e Brasile in questo periodo dell'anno, ma tante sono ancora da scoprire, magari con un viaggio attraverso le città di Gramado, Canela e Curitiba che ospitano i più importanti eventi natalizi sul territorio. Quest'anno, a Gramado, va in scena la 37ª edizione di Natal Luz, dal 27 ottobre e fino al 29 gennaio 2023. Durante questo periodo, le strade della città si riempiono di decorazioni natalizie e danno spazio a esibizioni corali, concerti di luci e altre attrazioni. Tra i punti salienti ci sono la Vila de Natal, il Reino de Natal, la Parata di Natale, Nativitaten e la Grande Parata di Natale. È il più grande evento natalizio del mondo ed è stato riconosciuto come Patrimonio storico-culturale del Rio Grande del Sud.  A Canela, fino al 15 gennaio 2023, è il momento di Sonho Natal, un evento unico, familiare e giocoso, ricco di effetti visivi ed alta tecnologia, che celebra la nascita di Cristo e cerca di salvare la generosità tra le persone. L'evento prevede un cospicuo programma, interamente gratuito, in cui si svolgono 272 presentazioni per tutta la durata dell'evento. Curitiba ospita tra il 23 novembre e fino al 23 dicembre l'evento Luz dos Pinhais: il tema è la celebrazione della Vita.  31 giorni di divertimento grazie a spettacoli organizzati dal Comune, dagli sponsor e dai promotori di eventi privati, che insieme offriranno un calendario ricco di attrazioni, tra cui spettacoli teatrali, cori, concerti, opere liriche, balletti, circuiti automobilistici (drive-thru), decorazioni e fiere gastronomiche ed eventi di arte e artigianato. [post_title] => Brasile: alla scoperta delle tradizioni del Natale fra Gramado, Canela e Curitiba [post_date] => 2022-11-25T12:20:33+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669378833000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434825 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Porta la firma degli architetti Hugo e Alessia Demetz, la nuova struttura che la famiglia Margesin, già proprietaria dell'alto-atesino Alpiana Green Luxury di Foiana, si appresta ad aprire il prossimo luglio ad Albisano, sopra Torri del Benaco, sul lago di Garda:  55 suite, 15 mila metri quadrati di superficie, una spa da 2 mila metri quadrati con sette sale per trattamenti, saune, piattaforme fitness e yoga, tre piscine, due ristoranti, 450 metri quadrati di ambiente acquatico e un panorama a oltre 180 gradi sul lago. Questi alcuni dei numeri del nuovo progetto Spa-Hideaway Cape of Senses (adults only). Tutte le stanze saranno realizzate in materiali naturali e con colori essenziali: 22 saranno Junior suite vista lago, 22 suite vista lago, sette Signature spa suite vista lago, due Sky suite vista lago con jacuzzi e terrazza e infine due Sky pool suite vista lago con piscina privata 6x3 metri, su una terrazza di 100 metri quadrati e una struttura mobile per dormire guardando le stelle. Due quindi i ristoranti: il fine dining Al tramonto, con cucina gourmet à la carte e l’osteria la Pergola, con eccellente cucina tradizionale, sempre à la carte e terrazza con un panorama unico. A completare l’offerta, due bar e una palestra di 130 metri quadrati con personal trainer. In un'area separata è stata progettata una sala per riunioni e piccoli eventi; a disposizione degli ospiti anche 60 posti auto sotterranei. Ulivi secolari e vegetazione mediterranea si estendono su tutta la proprietà. Nell'ampio giardino, aree relax, lettini, una piscina sportiva di 25 metri e una piattaforma per lo yoga inviteranno gli ospiti a rilassarsi. [post_title] => In arrivo a luglio il Cape of Senses: un all-suite sul lago di Garda [post_date] => 2022-11-25T11:45:25+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669376725000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434821 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_434823" align="alignleft" width="300"] Alberto Gutierrez[/caption] Civitatis azienda di attività ed escursioni, si concentrerà sull'Italia come mercato principale per la crescita degli utenti nel 2023, secondo il suo fondatore e amministratore delegato, Alberto Gutiérrez. La piattaforma ha scelto l'Italia come mercato principale per l’anno 2023, secondo solo alla Spagna, Paese d’origine dell’azienda. L’obiettivo è quello di aumentare in maniera importante il numero di clienti presenti in Italia; “Attualmente, i clienti italiani rappresentano circa il 5 % dell’attività di Civitatis, e l’obiettivo è quello di raggiungere una quota dell’8 % nel 2023” commenta Gutiérrez. "Non lo vediamo facile, ma accessibile. Siamo a conoscenza di come funziona il mercato italiano, molto simile a quello spagnolo. Oltre alla vendita diretta al cliente, grazie al lavoro del nostro dipartimento di B2B, abbiamo il piacere di collaborare con le principali agenzie di viaggi italiane e questo ci sta permettendo di ampliare in modo rapido ed efficace il nostro network in Italia”. Oltre a questo, tra i suoi obiettivi c'è quello di aumentare il valore del marchio, ottenere più traffico e vendere di più. Per rendere tutto questo reale, Civitatis può contare su un vastissimo network di agenzie in Italia, cresciuto del 27 % rispetto al 2021, che conta ad oggi più di 5.000 agenzie di viaggi.  La piattaforma offre attualmente 75.000 attività in 3.350 destinazioni, un catalogo che è quasi triplicato dall'inizio di Covid-19, ha dichiarato Gutiérrez. "Durante la pandemia abbiamo continuato a lavorare allo stesso ritmo, ma con vendite pari a zero, quindi siamo cresciuti in termini di destinazioni e attività", ha detto il fondatore dell’azienda.  Solo il catalogo delle attività presenti in Italia nelle cinque lingue disponibili è aumentato del 150 % dopo la pandemia, mentre il catalogo delle attività in italiano presenti in tutto il mondo è aumentato del 239 %. Questo ha permesso a Civitatis di aumentare in modo significativo il numero di clienti italiani, con una crescita attuale del 273,8 % rispetto al 2019 e del 327,8 % rispetto al 2021.  [post_title] => Civitatis: Italia sarà il principale mercato di crescita nel 2023 [post_date] => 2022-11-25T10:46:45+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669373205000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434783 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => No alle cassandre, sì alle buone notizie. E non per partito preso, ma sulla base di dati concreti, quelli emersi dall'ultima analisi firmata dall'European House Ambrosetti e illustrati ieri dal managing partner e ad Valerio De Molli, in occasione dell'edizione 2022 del BizTravel Forum.   Nel 2023 la crescita del Pil dell’Italia, secondo diversi istituti di riferimento, dovrebbe attestarsi attorno allo 0,3-0,4%, mentre per il Fondo Monetario Internazionale (Imf) si passerà al -0,2%; sempre secondo quest'ultimo l'anno prossimo un terzo dell'economia globale sarà in recessione, e la produzione globale potrebbe essere inferiore ai 2.800 miliardi di dollari. Ma si tratterebbe comunque di una crescita, che per ritrovare il giusto impulso non potrà prescindere da una ritrovata "spinta sui consumi, che incidono per ben il 60% circa sul Pil italiano”. Va poi letto in positivo il dato del secondo trimestre 2022 "quando l'Italia è stata tra i Paesi europei a maggiore crescita rispetto ai primi tre mesi (+1,1%), e dal primo trimestre 2021 ha mostrato una dinamica migliore di Germania e Francia”. Anche i valori occupazionali sono in ripresa, ormai vicini ai livelli pre-pandemia anche grazie al contributo del settore turistico”.   Il conflitto in Ucraina, l'inflazione galoppante e rincaro dei beni energetici hanno costretto l’Imf a rivedere al ribasso il Pil italiano nel 2022, con una crescita stimata del 3,2%. Risultato comunque migliore rispetto a quelli previsti per Francia (2,5%) e Germania (1,5%)".   “Nel secondo trimestre del 2022 l’Italia è stata tra i Paesi europei a maggiore crescita rispetto al primo trimestre (+1,1%), e dal primo trimestre 2021 ha mostrato una dinamica migliore di Germania e Francia”. Inoltre, anche i valori occupazionali sono in ripresa, ormai vicini ai livelli pre-pandemia e ciò anche grazie all’apporto del comparto turistico”. L'Italia ha recuperato attrattività sui mercati internazionali, in termini di investimenti dall'estero e sempre nel 2021 ha assistito "ad una forte ripresa degli scambi turistici, post pandemia: gli arrivi totali dell'anno sono pari al 78,7% del 2019, dato che sale al 90,3% considerando il mese di agosto". Quest'anno, nel trimestre giugno-agosto "gli arrivi sono pari al 90% di quelli registrati nello stesso periodo 2019. Risultati straordinari nonostante manchino i flussi da aree quali la Cina o la Russia a testimonianza della voglia di italianità, della passione che il mondo ha per il nostro paese".   Nessun "allarme rosso" quindi, "preoccupazione, certo". Ma secondo lo studio Ambrosetti, il sentiment è positivo, "con metà degli imprenditori che starebbe valutando di riportare in Italia alcune fasi della filiera produttiva e anche il debito pubblico sarebbe destinato a calare nei prossimi anni, tornando ai livelli pre crisi nell'arco di sette anni, chiaramente in assenza di shock esogeni imprevedibili".   [post_title] => Ambrosetti sul 2023: spazio alla positività, malgrado persistano le criticità [post_date] => 2022-11-25T10:23:58+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669371838000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434809 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A trent’anni di distanza dalla realizzazione del primo importante intervento di riqualificazione urbana firmato da Renzo Piano per la sua città, con oltre 90 milioni di presenze all’attivo, Porto Antico di Genova si anima dal 29 novembre al 3 dicembre con un programma di eventi eclettico e multitarget. Il primo degli appuntamenti in programma, già sold out dopo meno di due giorni dall’annuncio, è l’incontro di martedì 29 novembre alle 18 a Porta Siberia.   Un dialogo, moderato da Mario Paternostro, tra l’architetto Renzo Piano e il presidente della società Porto Antico di Genova Mauro Ferrando che toccherà i grandi temi della riqualificazione del waterfront del capoluogo ligure, dal primo esempio di successo, l’area del Porto Antico, al Waterfront di Levante per accennare, con tutte le sue complessità, alla Genova del futuro. Mercoledì 30 novembre alle 20.30, in Calata Falcone Borsellino, un grande spettacolo a ingresso libero, nel segno della migliore tradizione canora e cabarettistica della città. Quattro gli artisti genovesi che si alterneranno: Antonio Ornano con i suoi irresistibili racconti di vita; Antonella Ruggiero e il suo inarrivabile repertorio; la star internazionale della disco-dance Sabrina Salerno e il rapper Alfa, amatissimo dai giovani. Sabato 3 dicembre alle ore 21 nella Sala Maestrale dei Magazzini del Cotone si terrà lo speciale concerto dell’Ensemble Simone Molinaro “Swinging in the Snow”, in collaborazione con la Fondazione Teatro Carlo Felice. Da venerdì 2 dicembre sarà inoltre riaperta al pubblico La Città dei Bambini e dei Ragazzi, realizzata in collaborazione da Porto Antico di Genova e Costa Edutainment, che si presenterà in una veste totalmente rinnovata: un “experience museum” dedicato ai cinque sensi. «30 anni fa – sottolinea il presidente Mauro Ferrando - nasceva il Porto Antico, grazie anche alla brillante intuizione dell’Architetto Renzo Piano. In questi anni, l’area è cresciuta di importanza e rappresenta, oggi, il cuore pulsante della città. Allo scadere dei 30 anni di vita, Porto Antico S.p.A., sempre per mano  dell’Architetto Piano, si ritrova protagonista dell’ambizioso progetto di riqualificazione urbana del nuovo Waterfront di levante, progetto che interessa le sue darsene, le aree a mare ed il padiglione Fieristico Jean Nouvel». «Il Porto Antico è uno dei luoghi simbolo non solo di Genova e della Liguria, è un simbolo della rinascita e della riconversione di questa città, di una visione di futuro, capace di recuperare una zona affacciata direttamente sul mare e integrarla con la città, rendendola viva e attrattiva- spiega il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti -, il primo passo di quel percorso di crescita della città che l’ha resa, in questi ultimi anni, una meta turistica sempre più apprezzata, una città d’arte affascinante e ricca di sfaccettature. Partendo proprio dall’esempio del Porto Antico, il nostro lavoro va nella direzione di rendere sempre più forte e significativo il legame tra l’acqua e la città, riqualificando e recuperando il fronte mare con il grande lavoro del Waterfront di Levante, il grande progetto, ancora una volta firmato da Renzo Piano, destinato a rendere Genova sempre più iconica, vera capitale del Mediterraneo”. Mario Zanetti, direttore generale di Costa Crociere: «Costa Crociere è lieta di essere a fianco del Porto Antico nei suoi festeggiamenti. Siamo particolarmente vicini a questa realtà, non solo in quanto compagnia genovese che ama e ha sempre sostenuto la sua città. Ma anche perché il Porto Antico è un luogo storico, nel cuore di Genova, che ha saputo rinnovarsi e diventare un volano per la trasformazione in chiave turistica di tutta città. Un processo a cui anche Costa, in oltre 70 anni di storia, ha dato il suo importante contributo».   A fianco di Porto Antico di Genova Spa, per questo importante anniversario, i partner Regione Liguria, Comune di Genova, Camera di Commercio di Genova, Fondazione Teatro Carlo Felice. Sponsor: Iren, Costa Crociere, Free To X. [post_title] => Genova, ricco programma di eventi per i 30 anni del Porto Antico realizzato da Renzo Piano [post_date] => 2022-11-25T10:05:20+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669370720000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434772 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volotea aggiunge la destinazione Lione al network già operativo da Milano Bergamo: dal 6 aprile 2023 la città francese sarà servita con due frequenze a settimana, ogni giovedì e domenica. La nuova rotta, che prevede un’offerta complessiva di più di 27.200 posti e oltre 150 voli. “Con tre voli domestici e tre internazionali, l’offerta Volotea da Milano Bergamo è perfettamente bilanciata - ha dichiarato Valeria Rebasti, country manager Italy & Southeastern Europe del vettore -. Grazie ai nostri voli diretti e a prezzi concorrenziali, per la prossima estate i viaggiatori in partenza dal Caravaggio possono scegliere se pianificare una vacanza all’insegna del relax e del bel mare italiano oppure optare per l’estero e visitare due vivaci località francesi, come Lione e Nantes, o la capitale delle Asturie nella Spagna del Nord. Allo stesso tempo, non va dimenticato che le nuove destinazioni aumenteranno il flusso di viaggiatori incoming, desiderosi di raggiungere Milano Bergamo e visitare le bellezze dell’intero territorio lombardo, sostenendo così l’economia locale”. “La destinazione di Lione si rivela altamente strategica, sia per l’importanza della città, nota come capitale gastronomica francese e sede del più grande quartiere rinascimentale d'Europa dopo Venezia, sia perché crocevia della regione sud-orientale del Paese transalpino - ha sottolineato Giacomo Cattaneo, direttore commerciale aviation di Sacbo –. Inoltre, è motivo di soddisfazione che Volotea abbia deciso di aggiungere, ai tradizionali collegamenti domestici, tre nuove destinazioni internazionali, potenziando la sua presenza e operatività all’aeroporto di Milano Bergamo”. Diventano così 6 le destinazioni collegate dalla compagnia spagnolo all’aeroporto di Milano Bergamo, 3 in Italia (Lampedusa, Olbia e Pantelleria), 1 in Spagna (Oviedo) e 2 in Francia (Nantes e Lione). [post_title] => Volotea cresce da Milano Bergamo con una nuova rotta per Lione, dal prossimo aprile [post_date] => 2022-11-25T09:30:57+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669368657000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434785 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Chiude a 830 milioni di euro l'anno del comparto tour operating di Alpitour World: la metà del fatturato complessivo di 1,6 miliardi del gruppo. «Non siamo ancora ai livelli del 2019 - racconta il general manager tour operating della compagnia, Pier Ezhaya, a margine della presentazione del nuovo logo -. Ma già dall'anno prossimo prevediamo di tornare sugli 1,35 miliardi di tre anni fa!. Molto bene stanno andando soprattutto le Maldive, l'Egitto e la Repubblica Dominicana. «Quest'ultima destinazione - prosegue Ezhaya - pare aver preso un po' il posto di Messico e Cuba come star dell'area caraibica. Buone poi le performance dell'Africa Orientale, soprattutto di Kenya e Zanzibar». «Per il 2023 ci aspettiamo quindi una ripresa del Messico e soprattutto una crescita su Mauritius, dove per la prima volta nella nostra storia posizioneremo un volo Neos, a partire dal prossimo 20 dicembre. Ci aspettiamo inoltre un Egitto ancora tonico e una Tunisia in recupero. La meta maghrebina potrebbe in particolare guadagnare quote di mercato a scapito di altre destinazioni mediterranee tradizionalmente più care come la Spagna e la Grecia, che potrebbero risentire della crescita dell'inflazione e della conseguente perdita di potere d'acquisto dei viaggiatori. Sul lungo raggio, infine, continuano a esercitare un grande appeal gli Stati Uniti, nonostante il cambio euro-dollaro sfavorevole. Ci attendiamo poi la ripartenza forte di Giappone e Thailandia e una sostanziale conferma dell'Indonesia". Reset della domanda A faticare un po' sono invece le mete nuove. Quelle destinazioni lanciate nel 2019, appena prima dello scoppio della pandemia, che all'epoca sembravano godere di ottime prospettive e che ora invece stentano a trovare spazio tra i desiderata degli italiani. "E' un po' come se il Covid avesse generato una sorta di reset nella domanda. Poca Naxos in Grecia, quindi per intenderci, ma si torna invece volentieri e Mykonos, Creta e Rodi. Anche l'Oman, che prometteva benissimo, oggi soffre un po'. «Noi però non ci fermiamo e oltre a trovare nuove strategie per queste mete, continuiamo a pensare anche ad altre destinazioni. Al momento stiamo per esempio studiando la Guinea Equatoriale, che ha molto da offrire soprattutto dal punto di vista naturalistico, e abbiamo introdotto una nuova declinazione di Doha. Il tutto, senza naturalmente dimenticare la novità Arabia Saudita: direi inevitabile visti gli investimenti che il Paese sta effettuando per valorizzare la propria proposta turistica». [post_title] => Ezhaya, Alpitour: il to chiude a 830 mln. Nel 2023 ai livelli pre-Covid [post_date] => 2022-11-25T09:15:26+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669367726000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434762 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prenderà il via a maggio 2023 il primo evento dell’Ente Sloveno del Turismo promosso con tecnologia Blockchain: la Ultimate Julian Alps Sensory Adventure sarà una vetrina per la promozione di esperienze uniche nel paese, destinazione smart e all’avanguardia in materia di Nft.  Tra i primi in assoluto in Italia a credere nel potenziale della Blockchain, Aljoša Ota, direttore innovativo e preparato dell’Ente, ha saputo cogliere l’opportunità fornita da token digitali e dalle criptovalute per una digitalizzazione dell’offerta turistica, facendo dell’ente presente in Italia il vero e proprio precursore nell’utilizzo della tecnologia Blockchain per la promozione turistica. “Le Alpi Giulie sono sinonimo del concetto turistico che la Slovenia intende condurre - ha dichiarato Aljosa Ota - bellezza, natura incontaminata e un turismo green, fatto di servizi e prodotti sostenibili e a KM0. Ed è proprio su questo tema, la sostenibilità, che la blockchain technology va ad inserirsi andando a fornire un’opportunità in più per promuovere le bellezze del Paese, sensibilizzando al contempo le persone sui temi della salvaguardia ambientale”. Possedendo uno dei 15 token disponibili in edizione limitata sulla piattaforma Vandri, il marketplace sloveno degli Nft nel turismo - presentati al recente Wtm di Londra - si potrà avere accesso alla straordinaria Ultimate Sensory Adventure oltre che detenere l’Nft come souvenir digitale e prova dell’esperienza svolta. Oltre a promuovere il territorio delle Alpi Giulie, questa nuova esperienza intende sensibilizzare le persone sulle tematiche della salvaguardia ambientale di un’area contraddistinta da una biodiversità unica al mondo con più di 7000 specie animali e 1600 specie vegetali: “La Ultimate Julian Alps Sensory Adventure metterà in contatto gli utenti con storie uniche e a tratti sconosciute, come quella del Gallo Cedrone delle Alpi, oggi specie a rischio, ma che fino a cento anni fa arrivava a cantare fin sotto le porte di Lubiana, o di fiori come la Calcatreppola blu, la regina delle Alpi, la cui presenza in Slovenia è minacciata dalle nuove condizioni ambientali”.   [post_title] => La Slovenia prosegue lungo il percorso Nft: a maggio il progetto dedicato alle Alpi Giulie [post_date] => 2022-11-24T15:20:36+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669303236000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "blastness va sulla nuvola e crea la piattaforma integrata suite" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":65,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1986,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434858","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Lab Travel Group, operatore della distribuzione turistica che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale,  aderisce Museo del Turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine.\r\n\r\nIl Museo del Turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.\r\n\r\n \r\n\r\n[gallery ids=\"434862,434863,434864,434865,434866,434867,434868,434869,434870,434871,434872,434873,434874,434875\"]\r\n\r\nLa nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost.\r\n\r\nIl risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi.\r\n\r\nTra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi.\r\n\r\nPaolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”.\r\n\r\nPer visitare la sala è sufficiente fissare un appuntamento presso la filiale di Lab Travel Group di via del Carmine 28 a Torino.\r\n\r\nwww.themuseumoftourism.org\r\n\r\nhttps://www.facebook.com/ILMUSEODELTURISMO/\r\n\r\nhttps://www.instagram.com/ilmuseodelturismo/","post_title":"Museo del Turismo: nuova sala a Torino presso Lab Travel Group","post_date":"2022-11-25T17:31:03+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669397463000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434838","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Brasile, destinazione da vivere sotto una nuova luce e cioè quella delle festività natalizie: numerose le tradizioni che uniscono Italia e Brasile in questo periodo dell'anno, ma tante sono ancora da scoprire, magari con un viaggio attraverso le città di Gramado, Canela e Curitiba che ospitano i più importanti eventi natalizi sul territorio.\r\nQuest'anno, a Gramado, va in scena la 37ª edizione di Natal Luz, dal 27 ottobre e fino al 29 gennaio 2023. Durante questo periodo, le strade della città si riempiono di decorazioni natalizie e danno spazio a esibizioni corali, concerti di luci e altre attrazioni. Tra i punti salienti ci sono la Vila de Natal, il Reino de Natal, la Parata di Natale, Nativitaten e la Grande Parata di Natale. È il più grande evento natalizio del mondo ed è stato riconosciuto come Patrimonio storico-culturale del Rio Grande del Sud. \r\n\r\nA Canela, fino al 15 gennaio 2023, è il momento di Sonho Natal, un evento unico, familiare e giocoso, ricco di effetti visivi ed alta tecnologia, che celebra la nascita di Cristo e cerca di salvare la generosità tra le persone. L'evento prevede un cospicuo programma, interamente gratuito, in cui si svolgono 272 presentazioni per tutta la durata dell'evento.\r\n\r\nCuritiba ospita tra il 23 novembre e fino al 23 dicembre l'evento Luz dos Pinhais: il tema è la celebrazione della Vita.  31 giorni di divertimento grazie a spettacoli organizzati dal Comune, dagli sponsor e dai promotori di eventi privati, che insieme offriranno un calendario ricco di attrazioni, tra cui spettacoli teatrali, cori, concerti, opere liriche, balletti, circuiti automobilistici (drive-thru), decorazioni e fiere gastronomiche ed eventi di arte e artigianato.","post_title":"Brasile: alla scoperta delle tradizioni del Natale fra Gramado, Canela e Curitiba","post_date":"2022-11-25T12:20:33+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1669378833000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434825","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Porta la firma degli architetti Hugo e Alessia Demetz, la nuova struttura che la famiglia Margesin, già proprietaria dell'alto-atesino Alpiana Green Luxury di Foiana, si appresta ad aprire il prossimo luglio ad Albisano, sopra Torri del Benaco, sul lago di Garda:  55 suite, 15 mila metri quadrati di superficie, una spa da 2 mila metri quadrati con sette sale per trattamenti, saune, piattaforme fitness e yoga, tre piscine, due ristoranti, 450 metri quadrati di ambiente acquatico e un panorama a oltre 180 gradi sul lago. Questi alcuni dei numeri del nuovo progetto Spa-Hideaway Cape of Senses (adults only).\r\n\r\nTutte le stanze saranno realizzate in materiali naturali e con colori essenziali: 22 saranno Junior suite vista lago, 22 suite vista lago, sette Signature spa suite vista lago, due Sky suite vista lago con jacuzzi e terrazza e infine due Sky pool suite vista lago con piscina privata 6x3 metri, su una terrazza di 100 metri quadrati e una struttura mobile per dormire guardando le stelle. Due quindi i ristoranti: il fine dining Al tramonto, con cucina gourmet à la carte e l’osteria la Pergola, con eccellente cucina tradizionale, sempre à la carte e terrazza con un panorama unico. A completare l’offerta, due bar e una palestra di 130 metri quadrati con personal trainer.\r\n\r\nIn un'area separata è stata progettata una sala per riunioni e piccoli eventi; a disposizione degli ospiti anche 60 posti auto sotterranei. Ulivi secolari e vegetazione mediterranea si estendono su tutta la proprietà. Nell'ampio giardino, aree relax, lettini, una piscina sportiva di 25 metri e una piattaforma per lo yoga inviteranno gli ospiti a rilassarsi.","post_title":"In arrivo a luglio il Cape of Senses: un all-suite sul lago di Garda","post_date":"2022-11-25T11:45:25+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1669376725000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434821","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_434823\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Alberto Gutierrez[/caption]\r\n\r\nCivitatis azienda di attività ed escursioni, si concentrerà sull'Italia come mercato principale per la crescita degli utenti nel 2023, secondo il suo fondatore e amministratore delegato, Alberto Gutiérrez.\r\n\r\nLa piattaforma ha scelto l'Italia come mercato principale per l’anno 2023, secondo solo alla Spagna, Paese d’origine dell’azienda. L’obiettivo è quello di aumentare in maniera importante il numero di clienti presenti in Italia; “Attualmente, i clienti italiani rappresentano circa il 5 % dell’attività di Civitatis, e l’obiettivo è quello di raggiungere una quota dell’8 % nel 2023” commenta Gutiérrez. \"Non lo vediamo facile, ma accessibile. Siamo a conoscenza di come funziona il mercato italiano, molto simile a quello spagnolo. Oltre alla vendita diretta al cliente, grazie al lavoro del nostro dipartimento di B2B, abbiamo il piacere di collaborare con le principali agenzie di viaggi italiane e questo ci sta permettendo di ampliare in modo rapido ed efficace il nostro network in Italia”.\r\n\r\nOltre a questo, tra i suoi obiettivi c'è quello di aumentare il valore del marchio, ottenere più traffico e vendere di più. Per rendere tutto questo reale, Civitatis può contare su un vastissimo network di agenzie in Italia, cresciuto del 27 % rispetto al 2021, che conta ad oggi più di 5.000 agenzie di viaggi. \r\n\r\nLa piattaforma offre attualmente 75.000 attività in 3.350 destinazioni, un catalogo che è quasi triplicato dall'inizio di Covid-19, ha dichiarato Gutiérrez. \"Durante la pandemia abbiamo continuato a lavorare allo stesso ritmo, ma con vendite pari a zero, quindi siamo cresciuti in termini di destinazioni e attività\", ha detto il fondatore dell’azienda. \r\n\r\nSolo il catalogo delle attività presenti in Italia nelle cinque lingue disponibili è aumentato del 150 % dopo la pandemia, mentre il catalogo delle attività in italiano presenti in tutto il mondo è aumentato del 239 %. Questo ha permesso a Civitatis di aumentare in modo significativo il numero di clienti italiani, con una crescita attuale del 273,8 % rispetto al 2019 e del 327,8 % rispetto al 2021. ","post_title":"Civitatis: Italia sarà il principale mercato di crescita nel 2023","post_date":"2022-11-25T10:46:45+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669373205000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434783","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"No alle cassandre, sì alle buone notizie. E non per partito preso, ma sulla base di dati concreti, quelli emersi dall'ultima analisi firmata dall'European House Ambrosetti e illustrati ieri dal managing partner e ad Valerio De Molli, in occasione dell'edizione 2022 del BizTravel Forum.\r\n \r\nNel 2023 la crescita del Pil dell’Italia, secondo diversi istituti di riferimento, dovrebbe attestarsi attorno allo 0,3-0,4%, mentre per il Fondo Monetario Internazionale (Imf) si passerà al -0,2%; sempre secondo quest'ultimo l'anno prossimo un terzo dell'economia globale sarà in recessione, e la produzione globale potrebbe essere inferiore ai 2.800 miliardi di dollari.\r\nMa si tratterebbe comunque di una crescita, che per ritrovare il giusto impulso non potrà prescindere da una ritrovata \"spinta sui consumi, che incidono per ben il 60% circa sul Pil italiano”. Va poi letto in positivo il dato del secondo trimestre 2022 \"quando l'Italia è stata tra i Paesi europei a maggiore crescita rispetto ai primi tre mesi (+1,1%), e dal primo trimestre 2021 ha mostrato una dinamica migliore di Germania e Francia”. Anche i valori occupazionali sono in ripresa, ormai vicini ai livelli pre-pandemia anche grazie al contributo del settore turistico”.\r\n \r\nIl conflitto in Ucraina, l'inflazione galoppante e rincaro dei beni energetici hanno costretto l’Imf a rivedere al ribasso il Pil italiano nel 2022, con una crescita stimata del 3,2%. Risultato comunque migliore rispetto a quelli previsti per Francia (2,5%) e Germania (1,5%)\".\r\n \r\n“Nel secondo trimestre del 2022 l’Italia è stata tra i Paesi europei a maggiore crescita rispetto al primo trimestre (+1,1%), e dal primo trimestre 2021 ha mostrato una dinamica migliore di Germania e Francia”. Inoltre, anche i valori occupazionali sono in ripresa, ormai vicini ai livelli pre-pandemia e ciò anche grazie all’apporto del comparto turistico”.\r\nL'Italia ha recuperato attrattività sui mercati internazionali, in termini di investimenti dall'estero e sempre nel 2021 ha assistito \"ad una forte ripresa degli scambi turistici, post pandemia: gli arrivi totali dell'anno sono pari al 78,7% del 2019, dato che sale al 90,3% considerando il mese di agosto\". Quest'anno, nel trimestre giugno-agosto \"gli arrivi sono pari al 90% di quelli registrati nello stesso periodo 2019. Risultati straordinari nonostante manchino i flussi da aree quali la Cina o la Russia a testimonianza della voglia di italianità, della passione che il mondo ha per il nostro paese\".\r\n \r\nNessun \"allarme rosso\" quindi, \"preoccupazione, certo\". Ma secondo lo studio Ambrosetti, il sentiment è positivo, \"con metà degli imprenditori che starebbe valutando di riportare in Italia alcune fasi della filiera produttiva e anche il debito pubblico sarebbe destinato a calare nei prossimi anni, tornando ai livelli pre crisi nell'arco di sette anni, chiaramente in assenza di shock esogeni imprevedibili\".\r\n ","post_title":"Ambrosetti sul 2023: spazio alla positività, malgrado persistano le criticità","post_date":"2022-11-25T10:23:58+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669371838000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434809","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A trent’anni di distanza dalla realizzazione del primo importante intervento di riqualificazione urbana firmato da Renzo Piano per la sua città, con oltre 90 milioni di presenze all’attivo, Porto Antico di Genova si anima dal 29 novembre al 3 dicembre con un programma di eventi eclettico e multitarget.\r\n\r\nIl primo degli appuntamenti in programma, già sold out dopo meno di due giorni dall’annuncio, è l’incontro di martedì 29 novembre alle 18 a Porta Siberia.   Un dialogo, moderato da Mario Paternostro, tra l’architetto Renzo Piano e il presidente della società Porto Antico di Genova Mauro Ferrando che toccherà i grandi temi della riqualificazione del waterfront del capoluogo ligure, dal primo esempio di successo, l’area del Porto Antico, al Waterfront di Levante per accennare, con tutte le sue complessità, alla Genova del futuro.\r\n\r\nMercoledì 30 novembre alle 20.30, in Calata Falcone Borsellino, un grande spettacolo a ingresso libero, nel segno della migliore tradizione canora e cabarettistica della città. Quattro gli artisti genovesi che si alterneranno: Antonio Ornano con i suoi irresistibili racconti di vita; Antonella Ruggiero e il suo inarrivabile repertorio; la star internazionale della disco-dance Sabrina Salerno e il rapper Alfa, amatissimo dai giovani.\r\n\r\nSabato 3 dicembre alle ore 21 nella Sala Maestrale dei Magazzini del Cotone si terrà lo speciale concerto dell’Ensemble Simone Molinaro “Swinging in the Snow”, in collaborazione con la Fondazione Teatro Carlo Felice.\r\n\r\nDa venerdì 2 dicembre sarà inoltre riaperta al pubblico La Città dei Bambini e dei Ragazzi, realizzata in collaborazione da Porto Antico di Genova e Costa Edutainment, che si presenterà in una veste totalmente rinnovata: un “experience museum” dedicato ai cinque sensi.\r\n\r\n«30 anni fa – sottolinea il presidente Mauro Ferrando - nasceva il Porto Antico, grazie anche alla brillante intuizione dell’Architetto Renzo Piano. In questi anni, l’area è cresciuta di importanza e rappresenta, oggi, il cuore pulsante della città. Allo scadere dei 30 anni di vita, Porto Antico S.p.A., sempre per mano  dell’Architetto Piano, si ritrova protagonista dell’ambizioso progetto di riqualificazione urbana del nuovo Waterfront di levante, progetto che interessa le sue darsene, le aree a mare ed il padiglione Fieristico Jean Nouvel».\r\n\r\n«Il Porto Antico è uno dei luoghi simbolo non solo di Genova e della Liguria, è un simbolo della rinascita e della riconversione di questa città, di una visione di futuro, capace di recuperare una zona affacciata direttamente sul mare e integrarla con la città, rendendola viva e attrattiva- spiega il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti -, il primo passo di quel percorso di crescita della città che l’ha resa, in questi ultimi anni, una meta turistica sempre più apprezzata, una città d’arte affascinante e ricca di sfaccettature. Partendo proprio dall’esempio del Porto Antico, il nostro lavoro va nella direzione di rendere sempre più forte e significativo il legame tra l’acqua e la città, riqualificando e recuperando il fronte mare con il grande lavoro del Waterfront di Levante, il grande progetto, ancora una volta firmato da Renzo Piano, destinato a rendere Genova sempre più iconica, vera capitale del Mediterraneo”.\r\n\r\nMario Zanetti, direttore generale di Costa Crociere: «Costa Crociere è lieta di essere a fianco del Porto Antico nei suoi festeggiamenti. Siamo particolarmente vicini a questa realtà, non solo in quanto compagnia genovese che ama e ha sempre sostenuto la sua città. Ma anche perché il Porto Antico è un luogo storico, nel cuore di Genova, che ha saputo rinnovarsi e diventare un volano per la trasformazione in chiave turistica di tutta città. Un processo a cui anche Costa, in oltre 70 anni di storia, ha dato il suo importante contributo».  \r\n\r\nA fianco di Porto Antico di Genova Spa, per questo importante anniversario, i partner Regione Liguria, Comune di Genova, Camera di Commercio di Genova, Fondazione Teatro Carlo Felice. Sponsor: Iren, Costa Crociere, Free To X.","post_title":"Genova, ricco programma di eventi per i 30 anni del Porto Antico realizzato da Renzo Piano","post_date":"2022-11-25T10:05:20+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669370720000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434772","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volotea aggiunge la destinazione Lione al network già operativo da Milano Bergamo: dal 6 aprile 2023 la città francese sarà servita con due frequenze a settimana, ogni giovedì e domenica. La nuova rotta, che prevede un’offerta complessiva di più di 27.200 posti e oltre 150 voli.\r\n“Con tre voli domestici e tre internazionali, l’offerta Volotea da Milano Bergamo è perfettamente bilanciata - ha dichiarato Valeria Rebasti, country manager Italy & Southeastern Europe del vettore -. Grazie ai nostri voli diretti e a prezzi concorrenziali, per la prossima estate i viaggiatori in partenza dal Caravaggio possono scegliere se pianificare una vacanza all’insegna del relax e del bel mare italiano oppure optare per l’estero e visitare due vivaci località francesi, come Lione e Nantes, o la capitale delle Asturie nella Spagna del Nord. Allo stesso tempo, non va dimenticato che le nuove destinazioni aumenteranno il flusso di viaggiatori incoming, desiderosi di raggiungere Milano Bergamo e visitare le bellezze dell’intero territorio lombardo, sostenendo così l’economia locale”.\r\n“La destinazione di Lione si rivela altamente strategica, sia per l’importanza della città, nota come capitale gastronomica francese e sede del più grande quartiere rinascimentale d'Europa dopo Venezia, sia perché crocevia della regione sud-orientale del Paese transalpino - ha sottolineato Giacomo Cattaneo, direttore commerciale aviation di Sacbo –. Inoltre, è motivo di soddisfazione che Volotea abbia deciso di aggiungere, ai tradizionali collegamenti domestici, tre nuove destinazioni internazionali, potenziando la sua presenza e operatività all’aeroporto di Milano Bergamo”.\r\nDiventano così 6 le destinazioni collegate dalla compagnia spagnolo all’aeroporto di Milano Bergamo, 3 in Italia (Lampedusa, Olbia e Pantelleria), 1 in Spagna (Oviedo) e 2 in Francia (Nantes e Lione).","post_title":"Volotea cresce da Milano Bergamo con una nuova rotta per Lione, dal prossimo aprile","post_date":"2022-11-25T09:30:57+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669368657000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434785","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Chiude a 830 milioni di euro l'anno del comparto tour operating di Alpitour World: la metà del fatturato complessivo di 1,6 miliardi del gruppo. «Non siamo ancora ai livelli del 2019 - racconta il general manager tour operating della compagnia, Pier Ezhaya, a margine della presentazione del nuovo logo -. Ma già dall'anno prossimo prevediamo di tornare sugli 1,35 miliardi di tre anni fa!. Molto bene stanno andando soprattutto le Maldive, l'Egitto e la Repubblica Dominicana. «Quest'ultima destinazione - prosegue Ezhaya - pare aver preso un po' il posto di Messico e Cuba come star dell'area caraibica. Buone poi le performance dell'Africa Orientale, soprattutto di Kenya e Zanzibar».\r\n\r\n«Per il 2023 ci aspettiamo quindi una ripresa del Messico e soprattutto una crescita su Mauritius, dove per la prima volta nella nostra storia posizioneremo un volo Neos, a partire dal prossimo 20 dicembre. Ci aspettiamo inoltre un Egitto ancora tonico e una Tunisia in recupero. La meta maghrebina potrebbe in particolare guadagnare quote di mercato a scapito di altre destinazioni mediterranee tradizionalmente più care come la Spagna e la Grecia, che potrebbero risentire della crescita dell'inflazione e della conseguente perdita di potere d'acquisto dei viaggiatori. Sul lungo raggio, infine, continuano a esercitare un grande appeal gli Stati Uniti, nonostante il cambio euro-dollaro sfavorevole. Ci attendiamo poi la ripartenza forte di Giappone e Thailandia e una sostanziale conferma dell'Indonesia\".\r\nReset della domanda\r\nA faticare un po' sono invece le mete nuove. Quelle destinazioni lanciate nel 2019, appena prima dello scoppio della pandemia, che all'epoca sembravano godere di ottime prospettive e che ora invece stentano a trovare spazio tra i desiderata degli italiani. \"E' un po' come se il Covid avesse generato una sorta di reset nella domanda. Poca Naxos in Grecia, quindi per intenderci, ma si torna invece volentieri e Mykonos, Creta e Rodi. Anche l'Oman, che prometteva benissimo, oggi soffre un po'.\r\n\r\n«Noi però non ci fermiamo e oltre a trovare nuove strategie per queste mete, continuiamo a pensare anche ad altre destinazioni. Al momento stiamo per esempio studiando la Guinea Equatoriale, che ha molto da offrire soprattutto dal punto di vista naturalistico, e abbiamo introdotto una nuova declinazione di Doha. Il tutto, senza naturalmente dimenticare la novità Arabia Saudita: direi inevitabile visti gli investimenti che il Paese sta effettuando per valorizzare la propria proposta turistica».","post_title":"Ezhaya, Alpitour: il to chiude a 830 mln. Nel 2023 ai livelli pre-Covid","post_date":"2022-11-25T09:15:26+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza","topnews"],"post_tag_name":["In evidenza","Top News"]},"sort":[1669367726000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434762","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prenderà il via a maggio 2023 il primo evento dell’Ente Sloveno del Turismo promosso con tecnologia Blockchain: la Ultimate Julian Alps Sensory Adventure sarà una vetrina per la promozione di esperienze uniche nel paese, destinazione smart e all’avanguardia in materia di Nft. \r\n\r\nTra i primi in assoluto in Italia a credere nel potenziale della Blockchain, Aljoša Ota, direttore innovativo e preparato dell’Ente, ha saputo cogliere l’opportunità fornita da token digitali e dalle criptovalute per una digitalizzazione dell’offerta turistica, facendo dell’ente presente in Italia il vero e proprio precursore nell’utilizzo della tecnologia Blockchain per la promozione turistica.\r\n\r\n“Le Alpi Giulie sono sinonimo del concetto turistico che la Slovenia intende condurre - ha dichiarato Aljosa Ota - bellezza, natura incontaminata e un turismo green, fatto di servizi e prodotti sostenibili e a KM0. Ed è proprio su questo tema, la sostenibilità, che la blockchain technology va ad inserirsi andando a fornire un’opportunità in più per promuovere le bellezze del Paese, sensibilizzando al contempo le persone sui temi della salvaguardia ambientale”.\r\n\r\nPossedendo uno dei 15 token disponibili in edizione limitata sulla piattaforma Vandri, il marketplace sloveno degli Nft nel turismo - presentati al recente Wtm di Londra - si potrà avere accesso alla straordinaria Ultimate Sensory Adventure oltre che detenere l’Nft come souvenir digitale e prova dell’esperienza svolta.\r\n\r\nOltre a promuovere il territorio delle Alpi Giulie, questa nuova esperienza intende sensibilizzare le persone sulle tematiche della salvaguardia ambientale di un’area contraddistinta da una biodiversità unica al mondo con più di 7000 specie animali e 1600 specie vegetali: “La Ultimate Julian Alps Sensory Adventure metterà in contatto gli utenti con storie uniche e a tratti sconosciute, come quella del Gallo Cedrone delle Alpi, oggi specie a rischio, ma che fino a cento anni fa arrivava a cantare fin sotto le porte di Lubiana, o di fiori come la Calcatreppola blu, la regina delle Alpi, la cui presenza in Slovenia è minacciata dalle nuove condizioni ambientali”.\r\n\r\n ","post_title":"La Slovenia prosegue lungo il percorso Nft: a maggio il progetto dedicato alle Alpi Giulie","post_date":"2022-11-24T15:20:36+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1669303236000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti