26 November 2022

Aniasa: continua la crescita d’interesse verso il noleggio lungo

[ 0 ]

Alberto Viano, presidente Aniasa

Continua a crescere l’interesse dei privati verso il noleggio di vetture a lungo termine, specialmente elettriche ed ibride. In queste settimane, anche grazie agli incentivi (seppur limitati al 50%), il settore del noleggio veicoli sta registrando una forte ripresa degli ordini di queste vetture, superiore del 30% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

La clientela privata (con o senza partita Iva) del settore ha ormai raggiunto quota 170.000. È questa l’istantanea che emerge dall’analisi realizzata da Aniasa, l’Associazione che all’interno di Confindustria rappresenta il settore dei servizi di mobilità, che fornisce uno spaccato dei nuovi scenari del mercato dell’auto sempre più proiettato all’uso rispetto alla proprietà.

È in deciso aumento il numero di privati che scelgono forme di mobilità pay-per-use rinunciando all’acquisto della vettura: nei primi dieci mesi dell’anno sono arrivati a quota 170.000 (suddivisi tra 95.000 muniti solo di codice fiscale e 75.000 dotati anche di partita Iva). Un trend in continua ascesa anche nel nostro Paese, che oggi può registrare un’ulteriore spinta grazie alla scelta del Governo di concedere eco-incentivi anche per il noleggio di vetture elettrificate ed ibride. Da gennaio a ottobre queste motorizzazioni hanno costituito il 35% delle alimentazioni scelte dal canale del noleggio.

A spingere gli italiani verso questa formula è oggi sicuramente la convenienza economica (15% di risparmio rispetto alla proprietà secondo diverse stime), oltre alla certezza del costo mensile che annulla i rischi di spese extra connesse al veicolo, al risparmio di tempo legato alla “burocrazia dell’auto” e alla vendita dell’usato (l’obsolescenza tecnica è oggi uno dei veri problemi della transizione).

Il fenomeno ha visto una crescita impetuosa negli ultimi anni: +260% rispetto al 2020, quando erano 65.000 i contraenti privati che utilizzavano il noleggio ed il trend è destinato a proseguire nei prossimi mesi/anni.

«La penetrazione del noleggio a lungo termine presso i privati – osserva il presidente Aniasa, Alberto Viano – rappresenta uno dei mega trend della mobilità a livello internazionale, con il graduale passaggio dalla proprietà all’uso dell’auto. Oggi una spinta alla scelta di questa formula arriva anche dall’avvento dell’elettrico. Il noleggio consente di sposare questa alimentazione, venendo sollevati dalle incognite relative al passaggio tecnologico, alla manutenzione del veicolo e infine alla sua rivendita, attraverso un più sostenibile canone mensile che evita di investire ingenti somme (non a tutti accessibili) al momento dell’acquisto. Il noleggio costituisce lo strumento più diretto ed economicamente sostenibile per la transizione ecologica del nostro parco circolante».

 «Una nuova spinta alla crescita sta arrivando dagli incentivi stanziati dal Governo anche per i privati che scelgono di noleggiare vetture a basso impatto ambientale. Per imprimere un’ulteriore accelerazione alla diffusione di queste alimentazioni chiediamo al Governo di portare l’attuale misura degli incentivi dal 50% al 100%, riequilibrando la situazione rispetto alla proprietà ed al leasing», ha concluso Viano.

I 170mila contratti di noleggio con soggetti privati si aggiungono oggi alla restante parte della clientela ormai consolidata: 85.000 aziende, 2.900 PA e oltre 71mila partite Iva (artigiani e professionisti). L’apporto dei soggetti privati, con e senza partita Iva, raggiunge oggi il 15% della complessiva flotta di 1,1 milioni di veicoli in noleggio a lungo termine circolanti sul territorio nazionale, mentre in termini di giro d’affari rappresenta circa il 25% del totale.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434858 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lab Travel Group, operatore della distribuzione turistica che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale,  aderisce Museo del Turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine. Il Museo del Turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.   [gallery ids="434862,434863,434864,434865,434866,434867,434868,434869,434870,434871,434872,434873,434874,434875"] La nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost. Il risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi. Tra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi. Paolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”. Per visitare la sala è sufficiente fissare un appuntamento presso la filiale di Lab Travel Group di via del Carmine 28 a Torino. www.themuseumoftourism.org https://www.facebook.com/ILMUSEODELTURISMO/ https://www.instagram.com/ilmuseodelturismo/ [post_title] => Museo del Turismo: nuova sala a Torino presso Lab Travel Group [post_date] => 2022-11-25T17:31:03+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669397463000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434825 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Porta la firma degli architetti Hugo e Alessia Demetz, la nuova struttura che la famiglia Margesin, già proprietaria dell'alto-atesino Alpiana Green Luxury di Foiana, si appresta ad aprire il prossimo luglio ad Albisano, sopra Torri del Benaco, sul lago di Garda:  55 suite, 15 mila metri quadrati di superficie, una spa da 2 mila metri quadrati con sette sale per trattamenti, saune, piattaforme fitness e yoga, tre piscine, due ristoranti, 450 metri quadrati di ambiente acquatico e un panorama a oltre 180 gradi sul lago. Questi alcuni dei numeri del nuovo progetto Spa-Hideaway Cape of Senses (adults only). Tutte le stanze saranno realizzate in materiali naturali e con colori essenziali: 22 saranno Junior suite vista lago, 22 suite vista lago, sette Signature spa suite vista lago, due Sky suite vista lago con jacuzzi e terrazza e infine due Sky pool suite vista lago con piscina privata 6x3 metri, su una terrazza di 100 metri quadrati e una struttura mobile per dormire guardando le stelle. Due quindi i ristoranti: il fine dining Al tramonto, con cucina gourmet à la carte e l’osteria la Pergola, con eccellente cucina tradizionale, sempre à la carte e terrazza con un panorama unico. A completare l’offerta, due bar e una palestra di 130 metri quadrati con personal trainer. In un'area separata è stata progettata una sala per riunioni e piccoli eventi; a disposizione degli ospiti anche 60 posti auto sotterranei. Ulivi secolari e vegetazione mediterranea si estendono su tutta la proprietà. Nell'ampio giardino, aree relax, lettini, una piscina sportiva di 25 metri e una piattaforma per lo yoga inviteranno gli ospiti a rilassarsi. [post_title] => In arrivo a luglio il Cape of Senses: un all-suite sul lago di Garda [post_date] => 2022-11-25T11:45:25+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669376725000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434809 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A trent’anni di distanza dalla realizzazione del primo importante intervento di riqualificazione urbana firmato da Renzo Piano per la sua città, con oltre 90 milioni di presenze all’attivo, Porto Antico di Genova si anima dal 29 novembre al 3 dicembre con un programma di eventi eclettico e multitarget. Il primo degli appuntamenti in programma, già sold out dopo meno di due giorni dall’annuncio, è l’incontro di martedì 29 novembre alle 18 a Porta Siberia.   Un dialogo, moderato da Mario Paternostro, tra l’architetto Renzo Piano e il presidente della società Porto Antico di Genova Mauro Ferrando che toccherà i grandi temi della riqualificazione del waterfront del capoluogo ligure, dal primo esempio di successo, l’area del Porto Antico, al Waterfront di Levante per accennare, con tutte le sue complessità, alla Genova del futuro. Mercoledì 30 novembre alle 20.30, in Calata Falcone Borsellino, un grande spettacolo a ingresso libero, nel segno della migliore tradizione canora e cabarettistica della città. Quattro gli artisti genovesi che si alterneranno: Antonio Ornano con i suoi irresistibili racconti di vita; Antonella Ruggiero e il suo inarrivabile repertorio; la star internazionale della disco-dance Sabrina Salerno e il rapper Alfa, amatissimo dai giovani. Sabato 3 dicembre alle ore 21 nella Sala Maestrale dei Magazzini del Cotone si terrà lo speciale concerto dell’Ensemble Simone Molinaro “Swinging in the Snow”, in collaborazione con la Fondazione Teatro Carlo Felice. Da venerdì 2 dicembre sarà inoltre riaperta al pubblico La Città dei Bambini e dei Ragazzi, realizzata in collaborazione da Porto Antico di Genova e Costa Edutainment, che si presenterà in una veste totalmente rinnovata: un “experience museum” dedicato ai cinque sensi. «30 anni fa – sottolinea il presidente Mauro Ferrando - nasceva il Porto Antico, grazie anche alla brillante intuizione dell’Architetto Renzo Piano. In questi anni, l’area è cresciuta di importanza e rappresenta, oggi, il cuore pulsante della città. Allo scadere dei 30 anni di vita, Porto Antico S.p.A., sempre per mano  dell’Architetto Piano, si ritrova protagonista dell’ambizioso progetto di riqualificazione urbana del nuovo Waterfront di levante, progetto che interessa le sue darsene, le aree a mare ed il padiglione Fieristico Jean Nouvel». «Il Porto Antico è uno dei luoghi simbolo non solo di Genova e della Liguria, è un simbolo della rinascita e della riconversione di questa città, di una visione di futuro, capace di recuperare una zona affacciata direttamente sul mare e integrarla con la città, rendendola viva e attrattiva- spiega il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti -, il primo passo di quel percorso di crescita della città che l’ha resa, in questi ultimi anni, una meta turistica sempre più apprezzata, una città d’arte affascinante e ricca di sfaccettature. Partendo proprio dall’esempio del Porto Antico, il nostro lavoro va nella direzione di rendere sempre più forte e significativo il legame tra l’acqua e la città, riqualificando e recuperando il fronte mare con il grande lavoro del Waterfront di Levante, il grande progetto, ancora una volta firmato da Renzo Piano, destinato a rendere Genova sempre più iconica, vera capitale del Mediterraneo”. Mario Zanetti, direttore generale di Costa Crociere: «Costa Crociere è lieta di essere a fianco del Porto Antico nei suoi festeggiamenti. Siamo particolarmente vicini a questa realtà, non solo in quanto compagnia genovese che ama e ha sempre sostenuto la sua città. Ma anche perché il Porto Antico è un luogo storico, nel cuore di Genova, che ha saputo rinnovarsi e diventare un volano per la trasformazione in chiave turistica di tutta città. Un processo a cui anche Costa, in oltre 70 anni di storia, ha dato il suo importante contributo».   A fianco di Porto Antico di Genova Spa, per questo importante anniversario, i partner Regione Liguria, Comune di Genova, Camera di Commercio di Genova, Fondazione Teatro Carlo Felice. Sponsor: Iren, Costa Crociere, Free To X. [post_title] => Genova, ricco programma di eventi per i 30 anni del Porto Antico realizzato da Renzo Piano [post_date] => 2022-11-25T10:05:20+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669370720000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434776 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Oman e la regione del Dhofar saranno più facilmente raggiungibili dall'Italia, grazie ad una maggiore capacità voli. Dal 7 dicembre prossimo, in particolare, decolleranno i nuovi voli Air Arabia: da Milano Bergamo verso Sharjah, 4 volte a settimana (martedì, mercoledì, venerdì, domenica), da Sharjah a Muscat, 2 volte a settimana (martedì, venerdì) della durata di un'ora; e uno diretto da Sharjah a Salalah due volte a settimana (martedì e venerdì), della durata di 1h45.   Neos, attualmente opera un volo di domenica, con partenza da Milano Malpensa (e scalo a Roma Fiumicino), e, a partire dal 25 dicembre, aggiunge un volo da Verona con destinazione Salalah. Fra i collegamenti esistenti su Salalah, c'è anche Qatar Airways che opera con scalo a Doha e la compagnia di bandiera Oman Air, con scalo a Muscat, per procedere con un viaggio interno con destinazione Salalah. Tutti i voli citati, come pure Oman Air, fanno base all'aeroporto internazionale di Salalah che dista pochi km dal centro città ed è il secondo scalo per traffico passeggeri del Sultanato dell’Oman.    Salalah è la terza città più grande del Sultanato nel Dhofar, conosciuta per il mito della Via dell’Incenso, per la sua vegetazione tropicale e i panorami mozzafiato. Affacciata sull’oceano Indiano, la regione gode di clima tropicale lungo la costa ed è coperta per buona parte dalla vasta area del deserto Rub Al Khali. Terra di forti contrasti e dal fascino leggendario; prima fra tutte la Via dell'Incenso, crocevia di popoli, conosciuta già da Marco Polo e località amata dai turisti, dichiarata anche Patrimonio Unesco.  È un mix di cultura e paesaggi naturali, il Dhofar: si passa dalla storica Mosque Sultan Qaboos, la più grande di tutta la regione, alle splendide cascate presenti sul territorio grazie al fenomeno estivo del khareef, fino ad arrivare alla spiaggia Al Mughsayl Beach. [post_title] => L'Oman punta i riflettori sulla regione del Dhofar: più voli da e per Salalah [post_date] => 2022-11-25T09:40:27+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669369227000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434772 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volotea aggiunge la destinazione Lione al network già operativo da Milano Bergamo: dal 6 aprile 2023 la città francese sarà servita con due frequenze a settimana, ogni giovedì e domenica. La nuova rotta, che prevede un’offerta complessiva di più di 27.200 posti e oltre 150 voli. “Con tre voli domestici e tre internazionali, l’offerta Volotea da Milano Bergamo è perfettamente bilanciata - ha dichiarato Valeria Rebasti, country manager Italy & Southeastern Europe del vettore -. Grazie ai nostri voli diretti e a prezzi concorrenziali, per la prossima estate i viaggiatori in partenza dal Caravaggio possono scegliere se pianificare una vacanza all’insegna del relax e del bel mare italiano oppure optare per l’estero e visitare due vivaci località francesi, come Lione e Nantes, o la capitale delle Asturie nella Spagna del Nord. Allo stesso tempo, non va dimenticato che le nuove destinazioni aumenteranno il flusso di viaggiatori incoming, desiderosi di raggiungere Milano Bergamo e visitare le bellezze dell’intero territorio lombardo, sostenendo così l’economia locale”. “La destinazione di Lione si rivela altamente strategica, sia per l’importanza della città, nota come capitale gastronomica francese e sede del più grande quartiere rinascimentale d'Europa dopo Venezia, sia perché crocevia della regione sud-orientale del Paese transalpino - ha sottolineato Giacomo Cattaneo, direttore commerciale aviation di Sacbo –. Inoltre, è motivo di soddisfazione che Volotea abbia deciso di aggiungere, ai tradizionali collegamenti domestici, tre nuove destinazioni internazionali, potenziando la sua presenza e operatività all’aeroporto di Milano Bergamo”. Diventano così 6 le destinazioni collegate dalla compagnia spagnolo all’aeroporto di Milano Bergamo, 3 in Italia (Lampedusa, Olbia e Pantelleria), 1 in Spagna (Oviedo) e 2 in Francia (Nantes e Lione). [post_title] => Volotea cresce da Milano Bergamo con una nuova rotta per Lione, dal prossimo aprile [post_date] => 2022-11-25T09:30:57+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669368657000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434748 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volotea in allungo su Firenze da dove il prossimo anno decolleranno due nuovi collegamenti esclusivi per Marsiglia e Lione. Il volo per la Costa Azzurra, operativo dal 7 aprile 2023, avrà 2 frequenze settimanali, ogni lunedì e venerdì, mentre dal giorno successivo, ogni martedì e sabato, sarà possibile raggiungere Lione. Le nuove rotte d’oltralpe prevedono un’offerta complessiva di circa 40.000 posti, pari a oltre 250 voli e si affiancano ai collegamenti Volotea già annunciati in partenza dal Vespucci per un totale di 10 destinazioni, 4 in Italia e 6 all’estero. L'annuncio di una undicesima rotta in partenza dallo scalo fiorentino è attesa nelle prossime settimane. L’annuncio dei nuovi voli rafforza ulteriormente l’asse Toscana – Francia, confermando l’impegno del vettore a livello locale. Non va dimenticato poi che, grazie al suo portfolio di voli, la low-cost si classifica come seconda compagnia all’Amerigo Vespucci di Firenze per numero di mete raggiunte. Nel dettaglio, le destinazioni servite da Firenze sono 5 in Francia (Bordeaux, Nantes, Tolosa, Lione e Marsiglia), 4 in Italia (Bari, Cagliari, Catania, Palermo) e 1 in Spagna (Bilbao).    [post_title] => Volotea: salgono a 10 le destinazioni da Firenze con il lancio di Marsiglia e Lione, da aprile [post_date] => 2022-11-24T13:17:20+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669295840000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434715 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Emirates e flydubai al giro di boa dei primi cinque anni di partnership: i due vettori hanno dato il via alla loro collaborazione nel novembre del 2017, per offrire ai clienti opzioni di viaggio in tutto il mondo. In questi anni il network di rotte congiunte si è notevolmente ampliato consentendo a più di 11 milioni di viaggiatori di muoversi su oltre 250.000 voli. La partnership va oltre il modello standard di codeshare e oggi include una collaborazione di rete integrata, ottimizzazione degli orari, connettività senza interruzioni con l'aeroporto internazionale di Dubai tra i Terminal 2 e 3, trasferimenti di bagagli su un unico itinerario, nonché vantaggi di fidelizzazione reciproci nell'ambito del programma fedeltà, Emirates Skywards. In particolare, il network odierno consente ai passeggeri di scegliere tra 215 destinazioni in 98 paesi, con oltre 250 voli in codeshare; i clienti Emirates possono prenotare voli per oltre 80 destinazioni offerte da flydubai mentre i clienti di quest'ultima possono scegliere tra oltre 99 destinazioni offerte da Emirates. Le destinazioni più richieste, per affari o per piacere, includono: Kathmandu, Kuwait, Maldive, Tel Aviv e Zanzibar. [post_title] => Emirates e flydubai: oltre 11 milioni di passeggeri in cinque anni di partnership [post_date] => 2022-11-24T11:37:05+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669289825000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434682 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_417510" align="alignleft" width="300"] Alberto Viano, presidente Aniasa[/caption] Continua a crescere l’interesse dei privati verso il noleggio di vetture a lungo termine, specialmente elettriche ed ibride. In queste settimane, anche grazie agli incentivi (seppur limitati al 50%), il settore del noleggio veicoli sta registrando una forte ripresa degli ordini di queste vetture, superiore del 30% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. La clientela privata (con o senza partita Iva) del settore ha ormai raggiunto quota 170.000. È questa l’istantanea che emerge dall’analisi realizzata da Aniasa, l’Associazione che all’interno di Confindustria rappresenta il settore dei servizi di mobilità, che fornisce uno spaccato dei nuovi scenari del mercato dell’auto sempre più proiettato all’uso rispetto alla proprietà. È in deciso aumento il numero di privati che scelgono forme di mobilità pay-per-use rinunciando all’acquisto della vettura: nei primi dieci mesi dell’anno sono arrivati a quota 170.000 (suddivisi tra 95.000 muniti solo di codice fiscale e 75.000 dotati anche di partita Iva). Un trend in continua ascesa anche nel nostro Paese, che oggi può registrare un’ulteriore spinta grazie alla scelta del Governo di concedere eco-incentivi anche per il noleggio di vetture elettrificate ed ibride. Da gennaio a ottobre queste motorizzazioni hanno costituito il 35% delle alimentazioni scelte dal canale del noleggio. A spingere gli italiani verso questa formula è oggi sicuramente la convenienza economica (15% di risparmio rispetto alla proprietà secondo diverse stime), oltre alla certezza del costo mensile che annulla i rischi di spese extra connesse al veicolo, al risparmio di tempo legato alla “burocrazia dell’auto” e alla vendita dell’usato (l’obsolescenza tecnica è oggi uno dei veri problemi della transizione). Il fenomeno ha visto una crescita impetuosa negli ultimi anni: +260% rispetto al 2020, quando erano 65.000 i contraenti privati che utilizzavano il noleggio ed il trend è destinato a proseguire nei prossimi mesi/anni. «La penetrazione del noleggio a lungo termine presso i privati - osserva il presidente Aniasa, Alberto Viano - rappresenta uno dei mega trend della mobilità a livello internazionale, con il graduale passaggio dalla proprietà all’uso dell’auto. Oggi una spinta alla scelta di questa formula arriva anche dall’avvento dell’elettrico. Il noleggio consente di sposare questa alimentazione, venendo sollevati dalle incognite relative al passaggio tecnologico, alla manutenzione del veicolo e infine alla sua rivendita, attraverso un più sostenibile canone mensile che evita di investire ingenti somme (non a tutti accessibili) al momento dell’acquisto. Il noleggio costituisce lo strumento più diretto ed economicamente sostenibile per la transizione ecologica del nostro parco circolante».  «Una nuova spinta alla crescita sta arrivando dagli incentivi stanziati dal Governo anche per i privati che scelgono di noleggiare vetture a basso impatto ambientale. Per imprimere un’ulteriore accelerazione alla diffusione di queste alimentazioni chiediamo al Governo di portare l’attuale misura degli incentivi dal 50% al 100%, riequilibrando la situazione rispetto alla proprietà ed al leasing», ha concluso Viano. I 170mila contratti di noleggio con soggetti privati si aggiungono oggi alla restante parte della clientela ormai consolidata: 85.000 aziende, 2.900 PA e oltre 71mila partite Iva (artigiani e professionisti). L’apporto dei soggetti privati, con e senza partita Iva, raggiunge oggi il 15% della complessiva flotta di 1,1 milioni di veicoli in noleggio a lungo termine circolanti sul territorio nazionale, mentre in termini di giro d’affari rappresenta circa il 25% del totale. [post_title] => Aniasa: continua la crescita d'interesse verso il noleggio lungo [post_date] => 2022-11-24T10:21:44+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669285304000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434671 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non solo vacanze in tutti gli angoli del mondo, ma anche un viaggio indietro nel tempo, alla scoperta del passato dell’aviazione civile: è l’ultima proposta di Lab Travel Group, operatore leader nel settore della distribuzione turistica, che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale. Lab Travel Group ha scelto di aderire al Museo del turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine. Il Museo del turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi. La nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost. Il risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi. Tra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi. Paolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”. [post_title] => Lab Travel Group apre una sala nel Museo del turismo [post_date] => 2022-11-24T10:05:21+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669284321000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "aniasa 2" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":13,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1221,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434858","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Lab Travel Group, operatore della distribuzione turistica che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale,  aderisce Museo del Turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine.\r\n\r\nIl Museo del Turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.\r\n\r\n \r\n\r\n[gallery ids=\"434862,434863,434864,434865,434866,434867,434868,434869,434870,434871,434872,434873,434874,434875\"]\r\n\r\nLa nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost.\r\n\r\nIl risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi.\r\n\r\nTra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi.\r\n\r\nPaolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”.\r\n\r\nPer visitare la sala è sufficiente fissare un appuntamento presso la filiale di Lab Travel Group di via del Carmine 28 a Torino.\r\n\r\nwww.themuseumoftourism.org\r\n\r\nhttps://www.facebook.com/ILMUSEODELTURISMO/\r\n\r\nhttps://www.instagram.com/ilmuseodelturismo/","post_title":"Museo del Turismo: nuova sala a Torino presso Lab Travel Group","post_date":"2022-11-25T17:31:03+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669397463000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434825","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Porta la firma degli architetti Hugo e Alessia Demetz, la nuova struttura che la famiglia Margesin, già proprietaria dell'alto-atesino Alpiana Green Luxury di Foiana, si appresta ad aprire il prossimo luglio ad Albisano, sopra Torri del Benaco, sul lago di Garda:  55 suite, 15 mila metri quadrati di superficie, una spa da 2 mila metri quadrati con sette sale per trattamenti, saune, piattaforme fitness e yoga, tre piscine, due ristoranti, 450 metri quadrati di ambiente acquatico e un panorama a oltre 180 gradi sul lago. Questi alcuni dei numeri del nuovo progetto Spa-Hideaway Cape of Senses (adults only).\r\n\r\nTutte le stanze saranno realizzate in materiali naturali e con colori essenziali: 22 saranno Junior suite vista lago, 22 suite vista lago, sette Signature spa suite vista lago, due Sky suite vista lago con jacuzzi e terrazza e infine due Sky pool suite vista lago con piscina privata 6x3 metri, su una terrazza di 100 metri quadrati e una struttura mobile per dormire guardando le stelle. Due quindi i ristoranti: il fine dining Al tramonto, con cucina gourmet à la carte e l’osteria la Pergola, con eccellente cucina tradizionale, sempre à la carte e terrazza con un panorama unico. A completare l’offerta, due bar e una palestra di 130 metri quadrati con personal trainer.\r\n\r\nIn un'area separata è stata progettata una sala per riunioni e piccoli eventi; a disposizione degli ospiti anche 60 posti auto sotterranei. Ulivi secolari e vegetazione mediterranea si estendono su tutta la proprietà. Nell'ampio giardino, aree relax, lettini, una piscina sportiva di 25 metri e una piattaforma per lo yoga inviteranno gli ospiti a rilassarsi.","post_title":"In arrivo a luglio il Cape of Senses: un all-suite sul lago di Garda","post_date":"2022-11-25T11:45:25+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1669376725000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434809","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A trent’anni di distanza dalla realizzazione del primo importante intervento di riqualificazione urbana firmato da Renzo Piano per la sua città, con oltre 90 milioni di presenze all’attivo, Porto Antico di Genova si anima dal 29 novembre al 3 dicembre con un programma di eventi eclettico e multitarget.\r\n\r\nIl primo degli appuntamenti in programma, già sold out dopo meno di due giorni dall’annuncio, è l’incontro di martedì 29 novembre alle 18 a Porta Siberia.   Un dialogo, moderato da Mario Paternostro, tra l’architetto Renzo Piano e il presidente della società Porto Antico di Genova Mauro Ferrando che toccherà i grandi temi della riqualificazione del waterfront del capoluogo ligure, dal primo esempio di successo, l’area del Porto Antico, al Waterfront di Levante per accennare, con tutte le sue complessità, alla Genova del futuro.\r\n\r\nMercoledì 30 novembre alle 20.30, in Calata Falcone Borsellino, un grande spettacolo a ingresso libero, nel segno della migliore tradizione canora e cabarettistica della città. Quattro gli artisti genovesi che si alterneranno: Antonio Ornano con i suoi irresistibili racconti di vita; Antonella Ruggiero e il suo inarrivabile repertorio; la star internazionale della disco-dance Sabrina Salerno e il rapper Alfa, amatissimo dai giovani.\r\n\r\nSabato 3 dicembre alle ore 21 nella Sala Maestrale dei Magazzini del Cotone si terrà lo speciale concerto dell’Ensemble Simone Molinaro “Swinging in the Snow”, in collaborazione con la Fondazione Teatro Carlo Felice.\r\n\r\nDa venerdì 2 dicembre sarà inoltre riaperta al pubblico La Città dei Bambini e dei Ragazzi, realizzata in collaborazione da Porto Antico di Genova e Costa Edutainment, che si presenterà in una veste totalmente rinnovata: un “experience museum” dedicato ai cinque sensi.\r\n\r\n«30 anni fa – sottolinea il presidente Mauro Ferrando - nasceva il Porto Antico, grazie anche alla brillante intuizione dell’Architetto Renzo Piano. In questi anni, l’area è cresciuta di importanza e rappresenta, oggi, il cuore pulsante della città. Allo scadere dei 30 anni di vita, Porto Antico S.p.A., sempre per mano  dell’Architetto Piano, si ritrova protagonista dell’ambizioso progetto di riqualificazione urbana del nuovo Waterfront di levante, progetto che interessa le sue darsene, le aree a mare ed il padiglione Fieristico Jean Nouvel».\r\n\r\n«Il Porto Antico è uno dei luoghi simbolo non solo di Genova e della Liguria, è un simbolo della rinascita e della riconversione di questa città, di una visione di futuro, capace di recuperare una zona affacciata direttamente sul mare e integrarla con la città, rendendola viva e attrattiva- spiega il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti -, il primo passo di quel percorso di crescita della città che l’ha resa, in questi ultimi anni, una meta turistica sempre più apprezzata, una città d’arte affascinante e ricca di sfaccettature. Partendo proprio dall’esempio del Porto Antico, il nostro lavoro va nella direzione di rendere sempre più forte e significativo il legame tra l’acqua e la città, riqualificando e recuperando il fronte mare con il grande lavoro del Waterfront di Levante, il grande progetto, ancora una volta firmato da Renzo Piano, destinato a rendere Genova sempre più iconica, vera capitale del Mediterraneo”.\r\n\r\nMario Zanetti, direttore generale di Costa Crociere: «Costa Crociere è lieta di essere a fianco del Porto Antico nei suoi festeggiamenti. Siamo particolarmente vicini a questa realtà, non solo in quanto compagnia genovese che ama e ha sempre sostenuto la sua città. Ma anche perché il Porto Antico è un luogo storico, nel cuore di Genova, che ha saputo rinnovarsi e diventare un volano per la trasformazione in chiave turistica di tutta città. Un processo a cui anche Costa, in oltre 70 anni di storia, ha dato il suo importante contributo».  \r\n\r\nA fianco di Porto Antico di Genova Spa, per questo importante anniversario, i partner Regione Liguria, Comune di Genova, Camera di Commercio di Genova, Fondazione Teatro Carlo Felice. Sponsor: Iren, Costa Crociere, Free To X.","post_title":"Genova, ricco programma di eventi per i 30 anni del Porto Antico realizzato da Renzo Piano","post_date":"2022-11-25T10:05:20+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669370720000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434776","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Oman e la regione del Dhofar saranno più facilmente raggiungibili dall'Italia, grazie ad una maggiore capacità voli. Dal 7 dicembre prossimo, in particolare, decolleranno i nuovi voli Air Arabia: da Milano Bergamo verso Sharjah, 4 volte a settimana (martedì, mercoledì, venerdì, domenica), da Sharjah a Muscat, 2 volte a settimana (martedì, venerdì) della durata di un'ora; e uno diretto da Sharjah a Salalah due volte a settimana (martedì e venerdì), della durata di 1h45.\r\n \r\nNeos, attualmente opera un volo di domenica, con partenza da Milano Malpensa (e scalo a Roma Fiumicino), e, a partire dal 25 dicembre, aggiunge un volo da Verona con destinazione Salalah. Fra i collegamenti esistenti su Salalah, c'è anche Qatar Airways che opera con scalo a Doha e la compagnia di bandiera Oman Air, con scalo a Muscat, per procedere con un viaggio interno con destinazione Salalah. Tutti i voli citati, come pure Oman Air, fanno base all'aeroporto internazionale di Salalah che dista pochi km dal centro città ed è il secondo scalo per traffico passeggeri del Sultanato dell’Oman. \r\n \r\nSalalah è la terza città più grande del Sultanato nel Dhofar, conosciuta per il mito della Via dell’Incenso, per la sua vegetazione tropicale e i panorami mozzafiato. Affacciata sull’oceano Indiano, la regione gode di clima tropicale lungo la costa ed è coperta per buona parte dalla vasta area del deserto Rub Al Khali. Terra di forti contrasti e dal fascino leggendario; prima fra tutte la Via dell'Incenso, crocevia di popoli, conosciuta già da Marco Polo e località amata dai turisti, dichiarata anche Patrimonio Unesco.  È un mix di cultura e paesaggi naturali, il Dhofar: si passa dalla storica Mosque Sultan Qaboos, la più grande di tutta la regione, alle splendide cascate presenti sul territorio grazie al fenomeno estivo del khareef, fino ad arrivare alla spiaggia Al Mughsayl Beach.","post_title":"L'Oman punta i riflettori sulla regione del Dhofar: più voli da e per Salalah","post_date":"2022-11-25T09:40:27+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1669369227000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434772","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volotea aggiunge la destinazione Lione al network già operativo da Milano Bergamo: dal 6 aprile 2023 la città francese sarà servita con due frequenze a settimana, ogni giovedì e domenica. La nuova rotta, che prevede un’offerta complessiva di più di 27.200 posti e oltre 150 voli.\r\n“Con tre voli domestici e tre internazionali, l’offerta Volotea da Milano Bergamo è perfettamente bilanciata - ha dichiarato Valeria Rebasti, country manager Italy & Southeastern Europe del vettore -. Grazie ai nostri voli diretti e a prezzi concorrenziali, per la prossima estate i viaggiatori in partenza dal Caravaggio possono scegliere se pianificare una vacanza all’insegna del relax e del bel mare italiano oppure optare per l’estero e visitare due vivaci località francesi, come Lione e Nantes, o la capitale delle Asturie nella Spagna del Nord. Allo stesso tempo, non va dimenticato che le nuove destinazioni aumenteranno il flusso di viaggiatori incoming, desiderosi di raggiungere Milano Bergamo e visitare le bellezze dell’intero territorio lombardo, sostenendo così l’economia locale”.\r\n“La destinazione di Lione si rivela altamente strategica, sia per l’importanza della città, nota come capitale gastronomica francese e sede del più grande quartiere rinascimentale d'Europa dopo Venezia, sia perché crocevia della regione sud-orientale del Paese transalpino - ha sottolineato Giacomo Cattaneo, direttore commerciale aviation di Sacbo –. Inoltre, è motivo di soddisfazione che Volotea abbia deciso di aggiungere, ai tradizionali collegamenti domestici, tre nuove destinazioni internazionali, potenziando la sua presenza e operatività all’aeroporto di Milano Bergamo”.\r\nDiventano così 6 le destinazioni collegate dalla compagnia spagnolo all’aeroporto di Milano Bergamo, 3 in Italia (Lampedusa, Olbia e Pantelleria), 1 in Spagna (Oviedo) e 2 in Francia (Nantes e Lione).","post_title":"Volotea cresce da Milano Bergamo con una nuova rotta per Lione, dal prossimo aprile","post_date":"2022-11-25T09:30:57+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669368657000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434748","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volotea in allungo su Firenze da dove il prossimo anno decolleranno due nuovi collegamenti esclusivi per Marsiglia e Lione. Il volo per la Costa Azzurra, operativo dal 7 aprile 2023, avrà 2 frequenze settimanali, ogni lunedì e venerdì, mentre dal giorno successivo, ogni martedì e sabato, sarà possibile raggiungere Lione. Le nuove rotte d’oltralpe prevedono un’offerta complessiva di circa 40.000 posti, pari a oltre 250 voli e si affiancano ai collegamenti Volotea già annunciati in partenza dal Vespucci per un totale di 10 destinazioni, 4 in Italia e 6 all’estero. L'annuncio di una undicesima rotta in partenza dallo scalo fiorentino è attesa nelle prossime settimane.\r\nL’annuncio dei nuovi voli rafforza ulteriormente l’asse Toscana – Francia, confermando l’impegno del vettore a livello locale. Non va dimenticato poi che, grazie al suo portfolio di voli, la low-cost si classifica come seconda compagnia all’Amerigo Vespucci di Firenze per numero di mete raggiunte.\r\nNel dettaglio, le destinazioni servite da Firenze sono 5 in Francia (Bordeaux, Nantes, Tolosa, Lione e Marsiglia), 4 in Italia (Bari, Cagliari, Catania, Palermo) e 1 in Spagna (Bilbao). \r\n ","post_title":"Volotea: salgono a 10 le destinazioni da Firenze con il lancio di Marsiglia e Lione, da aprile","post_date":"2022-11-24T13:17:20+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669295840000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434715","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Emirates e flydubai al giro di boa dei primi cinque anni di partnership: i due vettori hanno dato il via alla loro collaborazione nel novembre del 2017, per offrire ai clienti opzioni di viaggio in tutto il mondo. In questi anni il network di rotte congiunte si è notevolmente ampliato consentendo a più di 11 milioni di viaggiatori di muoversi su oltre 250.000 voli.\r\nLa partnership va oltre il modello standard di codeshare e oggi include una collaborazione di rete integrata, ottimizzazione degli orari, connettività senza interruzioni con l'aeroporto internazionale di Dubai tra i Terminal 2 e 3, trasferimenti di bagagli su un unico itinerario, nonché vantaggi di fidelizzazione reciproci nell'ambito del programma fedeltà, Emirates Skywards.\r\nIn particolare, il network odierno consente ai passeggeri di scegliere tra 215 destinazioni in 98 paesi, con oltre 250 voli in codeshare; i clienti Emirates possono prenotare voli per oltre 80 destinazioni offerte da flydubai mentre i clienti di quest'ultima possono scegliere tra oltre 99 destinazioni offerte da Emirates. Le destinazioni più richieste, per affari o per piacere, includono: Kathmandu, Kuwait, Maldive, Tel Aviv e Zanzibar.","post_title":"Emirates e flydubai: oltre 11 milioni di passeggeri in cinque anni di partnership","post_date":"2022-11-24T11:37:05+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669289825000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434682","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_417510\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Alberto Viano, presidente Aniasa[/caption]\r\n\r\nContinua a crescere l’interesse dei privati verso il noleggio di vetture a lungo termine, specialmente elettriche ed ibride. In queste settimane, anche grazie agli incentivi (seppur limitati al 50%), il settore del noleggio veicoli sta registrando una forte ripresa degli ordini di queste vetture, superiore del 30% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.\r\n\r\nLa clientela privata (con o senza partita Iva) del settore ha ormai raggiunto quota 170.000. È questa l’istantanea che emerge dall’analisi realizzata da Aniasa, l’Associazione che all’interno di Confindustria rappresenta il settore dei servizi di mobilità, che fornisce uno spaccato dei nuovi scenari del mercato dell’auto sempre più proiettato all’uso rispetto alla proprietà.\r\n\r\nÈ in deciso aumento il numero di privati che scelgono forme di mobilità pay-per-use rinunciando all’acquisto della vettura: nei primi dieci mesi dell’anno sono arrivati a quota 170.000 (suddivisi tra 95.000 muniti solo di codice fiscale e 75.000 dotati anche di partita Iva). Un trend in continua ascesa anche nel nostro Paese, che oggi può registrare un’ulteriore spinta grazie alla scelta del Governo di concedere eco-incentivi anche per il noleggio di vetture elettrificate ed ibride. Da gennaio a ottobre queste motorizzazioni hanno costituito il 35% delle alimentazioni scelte dal canale del noleggio.\r\n\r\nA spingere gli italiani verso questa formula è oggi sicuramente la convenienza economica (15% di risparmio rispetto alla proprietà secondo diverse stime), oltre alla certezza del costo mensile che annulla i rischi di spese extra connesse al veicolo, al risparmio di tempo legato alla “burocrazia dell’auto” e alla vendita dell’usato (l’obsolescenza tecnica è oggi uno dei veri problemi della transizione).\r\n\r\nIl fenomeno ha visto una crescita impetuosa negli ultimi anni: +260% rispetto al 2020, quando erano 65.000 i contraenti privati che utilizzavano il noleggio ed il trend è destinato a proseguire nei prossimi mesi/anni.\r\n\r\n«La penetrazione del noleggio a lungo termine presso i privati - osserva il presidente Aniasa, Alberto Viano - rappresenta uno dei mega trend della mobilità a livello internazionale, con il graduale passaggio dalla proprietà all’uso dell’auto. Oggi una spinta alla scelta di questa formula arriva anche dall’avvento dell’elettrico. Il noleggio consente di sposare questa alimentazione, venendo sollevati dalle incognite relative al passaggio tecnologico, alla manutenzione del veicolo e infine alla sua rivendita, attraverso un più sostenibile canone mensile che evita di investire ingenti somme (non a tutti accessibili) al momento dell’acquisto. Il noleggio costituisce lo strumento più diretto ed economicamente sostenibile per la transizione ecologica del nostro parco circolante».\r\n\r\n «Una nuova spinta alla crescita sta arrivando dagli incentivi stanziati dal Governo anche per i privati che scelgono di noleggiare vetture a basso impatto ambientale. Per imprimere un’ulteriore accelerazione alla diffusione di queste alimentazioni chiediamo al Governo di portare l’attuale misura degli incentivi dal 50% al 100%, riequilibrando la situazione rispetto alla proprietà ed al leasing», ha concluso Viano.\r\n\r\nI 170mila contratti di noleggio con soggetti privati si aggiungono oggi alla restante parte della clientela ormai consolidata: 85.000 aziende, 2.900 PA e oltre 71mila partite Iva (artigiani e professionisti). L’apporto dei soggetti privati, con e senza partita Iva, raggiunge oggi il 15% della complessiva flotta di 1,1 milioni di veicoli in noleggio a lungo termine circolanti sul territorio nazionale, mentre in termini di giro d’affari rappresenta circa il 25% del totale.","post_title":"Aniasa: continua la crescita d'interesse verso il noleggio lungo","post_date":"2022-11-24T10:21:44+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669285304000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434671","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non solo vacanze in tutti gli angoli del mondo, ma anche un viaggio indietro nel tempo, alla scoperta del passato dell’aviazione civile: è l’ultima proposta di Lab Travel Group, operatore leader nel settore della distribuzione turistica, che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale.\r\n\r\nLab Travel Group ha scelto di aderire al Museo del turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine.\r\n\r\nIl Museo del turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.\r\n\r\nLa nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost.\r\n\r\nIl risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi.\r\n\r\nTra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi.\r\n\r\nPaolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”.","post_title":"Lab Travel Group apre una sala nel Museo del turismo","post_date":"2022-11-24T10:05:21+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669284321000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti