24 June 2024

Isola d’Elba: record RAID, atto secondo

[ 0 ]
Il record 2015

Il record RAID 2015: 173 subacquei in catena umana, la più lunga del mondo secondo l’omologazione del Guinness dei primati

Dopo avere ottenuto lo scorso anno il record per il maggior numero di subacquei in immersione nello stesso momento in catena umana, domani, sabato 17 settembre, sarà tentato un nuovo record subacqueo. Il record 2016, vide gli appartenenti a RAID, la didattica subacquea che fa capo a Stefano Stolfa, stabilire il record omologato dal “Guinness dei primati” (il Guinness world record) per la più lunga catena umana di subacquei in immersione, con il numero di 173 partecipanti. Era il 3 ottobre e il tutto accadde nella baia di S.Andrea. L’evento, come anticipato, si terrà all’Isola d’Elba, in località Seccheto (Comune Marina di Campo) nella parte sud occidentale dell’Isola. Non esistendo un precedente specifico, qualunque numero di sub verrà messo in acqua rappresenterà il primo passo verso il primato ma gli organizzatori contano di arrivare molto vicini alla soglia dei “300”. Sin Tierra Viaggi si è impegnata nella doppia veste di supporto tecnico-turistico per la parte di agenzia di viaggio a Bologna, che ha curato la logistica, specializzata in viaggi per subacquei in tutto il mondo, e a sua volta anche circolo subacqueo di lunga militanza (www.sintierra.it).
Nell’iscrizione è compresa la partecipazione alla Race for the Cure del 23/24/25 settembre 2016, organizzata ai Giardini Margherita a Bologna, dalla Susan G.Komen Italia, ente attivo dal 2000 che ha per oggetto la lotta ai tumori al seno sul territorio nazionale. Il record 2015 è stato di certo una novità nel panorama, creato per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza del corretto modo di trattare “il mare”, di immergersi in sicurezza, consci dei pericoli che questa affascinante disciplina presenta ma anche delle grandi soddisfazioni che offre. L’ottenimento del record della “più lunga catena umana in immersione” fu cercato anche per togliere ad un gruppo di subacquei francesi il primato che fu ottenuto e registrato presso il Guinness, con 110 subacquei e 76 metri di catena umana (necessario tenersi per mano in immersione inginocchiati sul fondale) stabilito nel 2013 all’Isola di Reunion, territorio d’oltremare francese dell’Oceano Indiano, nell’arcipelago delle Mascarene.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469941 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un 2024 da incorniciare per il turismo in Francia: le ultime previsioni firmate dal Wttc indicano che il comparto è pronto a raggiungere il massimo storico di contributo all'economia nazionale, per un totale di 254,7 miliardi di euro. Con un aumento di quasi l'8% rispetto ai livelli del 2019, questo dato conferma il ruolo significativo del settore come forza economica, che rappresenta il 9% del Pil. Il settore è destinato a sostenere 2,93 milioni di posti di lavoro in Francia, con un aumento di oltre 76.000 posti di lavoro rispetto al punto più alto. Le stime mostrano inoltre che la spesa dei turisti internazionali e nazionali raggiunga livelli senza precedenti, raggiungendo quota 70,3 miliardi di euro e 138,8 miliardi di euro. Tutto ciò si somma al previsto successo di visitatori in vista dei Giochi Olimpici e Paralimpici che la Francia si appresta ad ospitare. Le prospettive elaborate dal Wttc sono altrettanto rosee, anzi forse anche di più, per il prossimo decennio: entro il 2034, si prevede che il settore rafforzerà notevolmente l'economia francese, con un contributo stimato di 310,5 miliardi di euro, pari al 9,6% del quadro economico globale. Nel 2023 il contributo del settore al Pil era aumentato di quasi il 6% rispetto all'anno precedente, raggiungendo la cifra record di 246 miliardi di euro. "La Francia sta centrando record senza precedenti nel settore dei viaggi e del turismo, consolidando il suo status di prima destinazione del mondo - ha commentato Julia Simpson, presidente e ceo del Wttc -. Sulla scia della trionfale Coppa del mondo di rugby, la Francia continua a catturare l'interesse dei visitatori in vista dei prossimi Giochi Olimpici e Paralimpici che si terranno quest'anno".   [post_title] => Francia da record: nel 2024 il contributo del turismo al Pil crescerà dell'8% sul 2019 [post_date] => 2024-06-21T13:18:53+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718975933000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469934 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air Europa è tornata oggi a collegare Venezia con l'aeroporto di Madrid Barajas, dopo una sospensione che riporta al 2019 pre-pandemia. “Il ripristino di questa rotta conferma Air Europa quale uno dei principali vettori di riferimento per i collegamenti tra l’Europa e le Americhe - afferma Renato Scaffidi, country manager Italia del vettore spagnolo -. Da oggi abbiamo ripreso i collegamenti garantendo ai passeggeri in partenza da Venezia due frequenze giornaliere verso Madrid per proseguire verso la Spagna ed Isole (Canarie e Baleari) e per raggiungere molte destinazioni in Sud e Nord America, tra cui Argentina, Brasile, Colombia, Venezuela, Ecuador, Peru, Bolivia, Uruguay, Paraguay, New York e Miami e nei Caraibi come Santo Domingo, Cuba, Messico, Honduras e Panama. Le prenotazioni già aperte dallo scorso settembre ci trasmettono segnali molto positivi e, per il 2024, stimiamo di trasportare su questa rotta dai 60 ai 65.000 passeggeri. Questa rotta, in epoca pre-Covid, aveva dato ottimi risultati. L’area del Nord-est è molto importante per il nostro vettore e da qui, grazie alla collaborazione con Save, riusciremo a incrementare ancora di più il flusso dei passeggeri posizionando, ancora una volta, l’Italia tra i mercati più importanti per Air Europa”. “Il ritorno del doppio volo giornaliero di Air Europa tra Venezia e Madrid aumenta di oltre il 30% l'offerta complessiva di posti tra le due città, garantendo una maggiore flessibilità nelle soluzioni di viaggio verso la Spagna e verso il resto del network intercontinentale - sottolinea Camillo Bozzolo, direttore commerciale Aviation Gruppo Save -. Da Madrid il loro network verso le principali capitali dell'America Latina ci permetterà di raggiungere oltre 250.000 passeggeri annui verso il Sud America, superando il record storico del 2019. I loro voli rafforzeranno i legami economici, nonché i flussi turistici provenienti dal nostro bacino di utenza". [post_title] => Air Europa è tornata a volare sulla Venezia-Madrid: obiettivo 65.000 passeggeri nel 2024 [post_date] => 2024-06-21T12:14:14+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718972054000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469929 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' approdata ieri nel porto di Trapani la Cristina M, seconda delle nove navi commissionate da Liberty Lines al cantiere spagnolo Astilleros Armon, con l’obiettivo di rinnovare una parte significativa della flotta entro l’estate 2026. La Cristina M è una nave ibrida veloce, la seconda al mondo del suo genere (dopo la sorella Vittorio Morace giunta appena tre settimane prima), capace di navigare in modalità totalmente elettrica a una velocità di 10 nodi per circa 30 minuti in prossimità della costa e poi ricaricare le batterie durante la navigazione in mare aperto, quando l’unità è spinta dai motori termici e raggiunge velocità superiori ai 30 nodi. Avendo in programma di ricevere anche la terza unità ibrida veloce nell’arco delle prossime settimane, Liberty Lines è ora in attesa della documentazione finale, che le consenta l’impiego in linea delle nuove navi tra la Sicilia e le isole. [post_title] => Si rafforza la flotta Liberty Lines: è arrivata a Trapani la Cristina M [post_date] => 2024-06-21T11:51:01+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718970661000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469898 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => In Giappone anche i viaggi dai tratti più vintage, come spesso viene considerato quello in treno, assumono tratti futuristici, grazie ai suoi convogli ad alta velocità. Con Kibo è quindi possibile organizzare un itinerario nella terra del Sol Levante con spostamenti in treno con il Japan Rail Pass: un biglietto aperto che consente di viaggiare su rotaia per un numero di giorni predefinito. Sono inclusi la maggior parte dei treni ad alta velocità Shinkansen, convogli regionali e locali. E si può decidere come muoversi per visitare le città e i distretti più interessanti. Uno degli itinerari proposti da Kibo, della durata di 11 notti, prevede il volo dalla nostra penisola con trasferimenti e assistenza in italiano, dieci notti in hotel e una da trascorrere in un tradizionale ryokan, locanda dal fascino ispirato all’essenzialità delle dimore di un tempo, che è ancora cifra distintiva dello stile giapponese. Qui si può ammirare la cura estetica dei dettagli e dormire sui futon disposti sui tatami, in un’atmosfera di raffinata semplicità. L’itinerario viene stilato comprendendo naturalmente le città principali come Tokyo, Osaka e Kyoto, ognuna caratterizzata dal proprio spirito e accomunate dalla coesistenza di zone apertamente ispirate all’avvenire e aree che mantengono edifici che raccontano di un lontano passato, ricchissimo di cultura. C’è tempo per visitare anche le bellissime Takayama e Kanazawa, che conservano intatti quartieri storici molto antichi, con costruzioni in legno tradizionale e un’atmosfera che evoca leggende di samurai. Muoversi in treno tra le città consente di immergersi anche nella vita quotidiana del Paese, tra la dinamicità dei pendolari e l’impeccabile coordinamento di orari e coincidenze. E scegliere l’opzione migliore: solo per fare un esempio da Tokyo a Kyoto in treno si impiega circa la metà del tempo che sarebbe necessario in automobile, tre ore invece di sei. [post_title] => In Giappone anche il vintage diventa futuristico: i viaggi in treno di Kibo [post_date] => 2024-06-21T10:18:08+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718965088000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_416026" align="alignleft" width="300"] Un momento di vita a bordo di un Orient Express d'antan. Foto del Fonds de dotation Orient Express Heritage[/caption] Grandi manovre nel mondo del turismo di lusso. Dopo la news della partnership tra Accor e Lvmh per lo sviluppo del brand Orient Express, un altro dei protagonisti del rilancio dello storico marchio legato all'epoca d'oro delle ferrovie e ora al centro di un sostanzioso aumento di capitale. Il gruppo Barletta beneficerà infatti di un'iniezione di 95 milioni di euro, in liquidità e trophy asset, da parte della Fidim, holding di partecipazioni della famiglia Rovati, che in questo modo si assicurerà il 12,5% del capitale sociale dello stesso gruppo Barletta. L'operazione, spiega Il Sole 24 Ore, è legata a doppia mandata al supporto degli investimenti nel turismo di lusso. La Fidim vanta infatti una sostanziale esperienza nel mondo del turismo di alta gamma, mentre la società guidata da Paolo Barletta opera da tempo nel segmento dell'hotellerie e dei treni di lusso con la controllata Arsenale. Partner Quest'ultima, tra le altre cose, è il partner principale del progetto Orient Express, essendo proprietaria sia dei due hotel in apertura a Roma e a Venezia, La Minerva e Palazzo Dona’ Giovannelli, sia dei sei treni Doce Vita in fase di costruzione, due dei quali debutteranno l'anno prossimo. Attualmente l'azionariato di Arsenale è costituito per il 59,24% dal gruppo Barletta, per il 20,44% dalla Annabel Holding di Nicola Bulgari e per il 20,32% dalla società lussemburghese Ita Hotel Investments di Oaktree. Oltre ai progetti Dolce Vita Orient Express, la società ha siglato accordi per iniziative simili con la Saudi Arabia Railways, l’Egypt National Railway, con l’uzbeca O’zbekiston Temir Yo’llari Jsc ed Etihad Rail. Le stime 2024 per Arsenale parlano di ricavi per 24 milioni di euro, destinati tuttavia a balzare fino ai 135 milioni già nel 2025.  [post_title] => Orient Express, grandi manovre: Fidim entra nel gruppo Barletta (Arsenale) [post_date] => 2024-06-20T11:41:49+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718883709000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469808 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La determinazione di Iag per chiudere l'iter di acquisizione di Air Europa ha visto un ultimo rilancio alla Commissione europea: il gruppo è disposto a cedere il 52% degli slot del vettore spagnolo ad altre compagnie aeree (remedy taker) per soddisfare le richieste dell'Antitrust. La precedente offerta riguardava il 40% degli slot. La proposta risponde alla potenziale creazione di una situazione di dominio che si verrebbe a creare in seguito all'acquisto di Air Europa, sulle rotte tra la penisola iberica e le isole, sui voli verso diversi Paesi europei e su gran parte di quelli in partenza da Madrid verso l'America Latina. Le rotte messe in discussione da Bruxelles erano 58. Di fatto le operazioni combinate di Iberia ed Air Europa coprono una quota del 64% dei voli intercontinentali a Madrid-Barajas (45% per Iberia e 19% per Air Europa), con un presidio quasi totale nei collegamenti tra la capitale spagnola e i principali aeroporti di Ecuador, Panama, Uruguay, Guatemala, Paraguay e Porto Rico. La quota combinata è del 75% tra il Brasile e Madrid, e di oltre il 50% sulle rotte verso Costa Rica, Argentina, Repubblica Dominicana, El Salvador, Perù, Venezuela, Cuba, Bolivia e Stati Uniti. «La nostra nuova offerta prevede di cedere fino al 52% delle rotte operate da Air Europa a compagnie aeree competitor. Questo non significa una riduzione della capacità, ma piuttosto la garanzia che su tutte le rotte ci saranno diversi concorrenti e, quindi, diverse opzioni per i viaggiatori» spiegano da Iberia. [post_title] => Iag, ultimo rilancio all'Ue: sul piatto la cessione del 52% degli slot di Air Europa [post_date] => 2024-06-20T09:38:18+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718876298000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469696 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Jazz, teatro e musica saranno i protagonisti dell’Estate Spezzina 2024 che si svolgeranno nell’oramai tradizionale location di Piazza Europa che sarà appositamente allestita. Collaborano all’estate Spezzina la Fondazione Carispezia; l’ Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale; MBDA; BVLG e IREN (main sponsor). «Grazie all’impegno del Comune della Spezia e il sostegno di Enti, Istituzioni e privati la nostra città riesce a crescere ed offrire spettacoli di altissimo livello per un pubblico sempre più numeroso, che già nel 2023 ha superato le 20.000 presenze. – dichiara il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini- Una collaborazione importante, che auspichiamo continui fattivamente, per una città che è ormai una meta turistica internazionale scelta non solo per le sue bellezze paesaggistiche, ma anche per le svariate occasioni che è in grado di offrire». Si parte con la rassegna teatrale “La Spezia estate Festival” con i grandi nomi del teatro Italiano quali Alessandro Preziosi, Carolina Benvenga, Mariangela D’Abbraccio, Oblivion, Giorgio Panariello e Marco Masini, Beatrice Baldaccini e ancora la grande musica leggera con Mr. Rain, Cristiano De Andrè  Edoardo Bennato e Nina Zilli. I grandi interpreti della musica Jazz mondiale: Paolo Fresu & Uri Caine, Dado Moroni, Eddie Gomez, Joe La Barbera, Mike Stern and Randy Brecker, la voce di Irene Grandi e le incursioni di Goran Bregovich e Russell Crow. Un programma reso possibile grazie anche al sostegno di Enti e Associazioni che hanno contribuito alle realizzazione di tutti questi eventi. Oltre a questi eventi principali ci saranno moltissimi altri appuntamenti come Il 6 luglio in piazza Europa con Festa dei Diciottenni”, una serata di divertimento per festeggiare il raggiungimento della maggiore età. Giovedì 11 luglio il “Radio Stop Festival” per la prima volta dopo 20 anni fa tappa alla Spezia,. Il Festival di Radio Stop è un mega concerto di musica pop durante il quale si esibiscono dai 10 ai 12 artisti fra i più amati dai giovani, e che propone  il meglio della musica pop italiana e che alla Spezia tra gli altri porterà ad esibirsi sul palco di Piazza Europa una delle cantati più raffinate e amate dal pubblico: Malika Ayane. Insieme a lei ci sarà anche  Sophie and the Giants che dal 2020 domina le classifiche pop dance. Il 13 agosto nell’ambito della rassegna “Women – Voci di donne”, si terrà il concerto di CARMEN CONSOLI – Terra ca nun senti Sabato 24 agosto alle 20,30 in Piazza Europa si terrà la finalissima regionale del concorso Miss Italia La rassegna La Spezia Estate Festival vede protagonisti, dal 7 luglio al 20 agosto, nomi quali Alessandro Preziosi, Carolina Benvenga, Mariangela D’Abbraccio, Oblivion, Giorgio Panariello e Marco Masini, Beatrice Baldaccini e il corpo di ballo che renderà omaggio a Raffaella Carrà con l’omonimo musical a lei dedicato. E ancora: i 5 musicisti della Rimbamband, Raul Cremona, Max Giusti e il filosofo rock Matteo Saudino. Spazio anche alla musica sul palco di Piazza Europa con Mr. Rain (12 luglio), Cristiano De Andrè (16 luglio), Edoardo Bennato (22 luglio) e Nina Zilli (10 agosto). Uno straordinario programma anche per il Festival Internazionale del Jazz della Spezia, giunto alla 56ma Edizione. Da luglio un prestigioso cartellone di concerti per il più longevo festival musicale italiano dedicato al jazz, che si svolge alla Spezia e dintorni ininterrottamente dal 1969. Con la direzione artistica di Lorenzo Cimino, uno dei più apprezzati trombettisti contemporanei, la 56ma Edizione del Festival si terrà in Piazza Europa e si svilupperà attraverso appuntamenti con divi internazionali, e progetti speciali in omaggio a giganti del jazz.   [post_title] => La Spezia, Estate all’insegna di musica e teatro tra spettacoli e Festival del Jazz [post_date] => 2024-06-19T11:01:46+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718794906000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469641 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => TAP Air Portugal e l'Agenzia di Promozione Turistica dell'Alentejo insieme per celebrare il legame culturale e turistico tra Italia e Portogallo, con un focus speciale sulla regione dell'Alentejo. Alla serata che si è tenuta nella prestigiosa sede romana di villa Barberini, sono intervenuti l’ambasciatore del Portogallo in Italia, S.E. Bernardo Futscher Pereira, il direttore dell’Ente del Turismo del Portogallo - Delegazione Italia, Marcelo Rebanda, i rappresentanti dell’agenzia di Promozione Turistica dell’Alentejo e l'area manager di TAP Air Portugal, Davide Calicchia. Al centro della narrazione, la regione dell'Alentejo, descritta da Vitor Silva, presidente dell'Agenzia Regionale di Promozione Turistica dell'Alentejo, come 'il giardino segreto del Portogallo', ma anche 'la nuova Toscana' per la sua bellezza autentica. La destinazione è celebre per i suoi vini, la natura lussureggiante, le lunghe spiagge incontaminate, una cucina semplice ma profondamente radicata nella tradizione, i castelli medievali e le riserve naturali come l'estuario del Sado, dimora di una colonia permanente di delfini. Tap Air Portugal La serata è stata anche l’occasione per TAP di illustrare le novità della compagnia di bandiera del Paese che offre 102 voli settimanali dall’Italia con partenze dirette per Lisbona da Roma, Milano, Firenze, Venezia, Bologna e Napoli. Dotata della più ampia rete di collegamenti per raggiungere il Portogallo in maniera capillare, TAP è la compagnia aerea leader per i viaggi in Portogallo, incluse le isole di Madeira e le Azzorre, e il suo hub di Lisbona è anche una porta d’ingresso verso il Brasile, l’Africa - due mercati in cui si è affermata come il vettore di riferimento - il Venezuela, il Messico, il Canada e gli USA. Grazie al Portugal Stopover, inoltre, i passeggeri delle tratte intercontinentali che non hanno come destinazione finale Lisbona o Porto ma che si fermano in una di queste città, possono beneficiare, all'andata e al ritorno, di una sosta in Portogallo che può arrivare fino a dieci notti, senza alcun costo aggiuntivo nella tariffa. [post_title] => Natura, enogastronomia e tradizione: il portogallo presenta l’Alentejo [post_date] => 2024-06-18T15:09:17+00:00 [category] => Array ( [0] => estero [1] => senza-categoria ) [category_name] => Array ( [0] => Estero [1] => Senza categoria ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718723357000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469691 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Inaugurato lo scorso marzo, il Muraless Art Hotel di Verona è entrato recentemente a fare parte del soft brand Worldhotels Crafted di casa Bwh dedicato alle strutture dal design tailor-made. La struttura da 94 camere distribuire su tre piani si distingue per l’essere una galleria d’arte vivente e da vivere, completamente decorato secondo l’interpretazione di 50 tra i più noti esponenti italiani e internazionali della street art, tra cui l'imponente facciata esterna realizzata da Mr. Brainwash, celebre per i suoi lavori ricchi di riferimenti alla pop art e per la sua partecipazione al documentario di Banksy Exit through the gift shop. "Accogliamo con grande piacere il Muraless Art Hotel che arricchisce la nostra ampia offerta su Verona - commenta la ceo Bwh Hotels Italia & Malta, Sara Digiesi -. E' una struttura capace di stupire attraverso l’arte i suoi ospiti. Il brand WorldHotels Crafted è infatti dedicato agli hotel che rimangono impressi per la loro particolarità, fanno vivere ai clienti un'esperienza immersiva, con uno storytelling ricercato e un progetto artistico di grande valore alle spalle". Ogni spazio dell'albergo veronese è una celebrazione della creatività italiana, dagli innovatori scientifici ai maestri dell'arte rinascimentale, passando per icone del cinema e della musica. Ciascuna stanza è infatti dedicata a un differente aspetto della cultura italiana. Situato nelle vicinanze della Fiera di Verona e delle principali vie di comunicazione, l'hotel offre inoltre spazi funzionali per riunioni ed eventi, integrati con un Lounge bar per momenti di relax e socializzazione. “Nel luglio 2021, durante la pandemia, abbiamo avviato un progetto per riqualificare un albergo esistente, utilizzando la street art per valorizzare il made in Italy - sottolinea il fondatore e presidente di Velox Group e proprietario del Muraless Art Hotel, Gianmaria Villa -. La nostra struttura combina l’accoglienza con un museo di arte urbana, coinvolgendo talentuosi street artist. Offre un'esperienza immersiva nella cultura e nell'arte tricolore, con camere personalizzabili da aziende attraverso l'iniziativa Adotta una stanza. L'investimento, completamente autofinanziato, mira a valorizzare il territorio veronese, attraverso una struttura ricettiva sviluppata con criteri di sostenibilità ambientale ed efficienza energetica, per un hotel a 4 stelle rivolto a clienti business e leisure, posizionandosi nel segmento medio-alto”.   [post_title] => Il Muraless Art Hotel di Verona new entry del soft brand Worldhotels Crafted di casa Bwh [post_date] => 2024-06-18T12:58:48+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718715528000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "isola delba record raid atto secondo" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":32,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1733,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469941","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un 2024 da incorniciare per il turismo in Francia: le ultime previsioni firmate dal Wttc indicano che il comparto è pronto a raggiungere il massimo storico di contributo all'economia nazionale, per un totale di 254,7 miliardi di euro.\r\n\r\nCon un aumento di quasi l'8% rispetto ai livelli del 2019, questo dato conferma il ruolo significativo del settore come forza economica, che rappresenta il 9% del Pil. Il settore è destinato a sostenere 2,93 milioni di posti di lavoro in Francia, con un aumento di oltre 76.000 posti di lavoro rispetto al punto più alto.\r\n\r\nLe stime mostrano inoltre che la spesa dei turisti internazionali e nazionali raggiunga livelli senza precedenti, raggiungendo quota 70,3 miliardi di euro e 138,8 miliardi di euro. Tutto ciò si somma al previsto successo di visitatori in vista dei Giochi Olimpici e Paralimpici che la Francia si appresta ad ospitare.\r\n\r\nLe prospettive elaborate dal Wttc sono altrettanto rosee, anzi forse anche di più, per il prossimo decennio: entro il 2034, si prevede che il settore rafforzerà notevolmente l'economia francese, con un contributo stimato di 310,5 miliardi di euro, pari al 9,6% del quadro economico globale.\r\n\r\nNel 2023 il contributo del settore al Pil era aumentato di quasi il 6% rispetto all'anno precedente, raggiungendo la cifra record di 246 miliardi di euro.\r\n\r\n\"La Francia sta centrando record senza precedenti nel settore dei viaggi e del turismo, consolidando il suo status di prima destinazione del mondo - ha commentato Julia Simpson, presidente e ceo del Wttc -. Sulla scia della trionfale Coppa del mondo di rugby, la Francia continua a catturare l'interesse dei visitatori in vista dei prossimi Giochi Olimpici e Paralimpici che si terranno quest'anno\".\r\n\r\n ","post_title":"Francia da record: nel 2024 il contributo del turismo al Pil crescerà dell'8% sul 2019","post_date":"2024-06-21T13:18:53+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1718975933000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469934","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air Europa è tornata oggi a collegare Venezia con l'aeroporto di Madrid Barajas, dopo una sospensione che riporta al 2019 pre-pandemia.\r\n\r\n“Il ripristino di questa rotta conferma Air Europa quale uno dei principali vettori di riferimento per i collegamenti tra l’Europa e le Americhe - afferma Renato Scaffidi, country manager Italia del vettore spagnolo -. Da oggi abbiamo ripreso i collegamenti garantendo ai passeggeri in partenza da Venezia due frequenze giornaliere verso Madrid per proseguire verso la Spagna ed Isole (Canarie e Baleari) e per raggiungere molte destinazioni in Sud e Nord America, tra cui Argentina, Brasile, Colombia, Venezuela, Ecuador, Peru, Bolivia, Uruguay, Paraguay, New York e Miami e nei Caraibi come Santo Domingo, Cuba, Messico, Honduras e Panama.\r\n\r\nLe prenotazioni già aperte dallo scorso settembre ci trasmettono segnali molto positivi e, per il 2024, stimiamo di trasportare su questa rotta dai 60 ai 65.000 passeggeri. Questa rotta, in epoca pre-Covid, aveva dato ottimi risultati. L’area del Nord-est è molto importante per il nostro vettore e da qui, grazie alla collaborazione con Save, riusciremo a incrementare ancora di più il flusso dei passeggeri posizionando, ancora una volta, l’Italia tra i mercati più importanti per Air Europa”.\r\n\r\n“Il ritorno del doppio volo giornaliero di Air Europa tra Venezia e Madrid aumenta di oltre il 30% l'offerta complessiva di posti tra le due città, garantendo una maggiore flessibilità nelle soluzioni di viaggio verso la Spagna e verso il resto del network intercontinentale - sottolinea Camillo Bozzolo, direttore commerciale Aviation Gruppo Save -. Da Madrid il loro network verso le principali capitali dell'America Latina ci permetterà di raggiungere oltre 250.000 passeggeri annui verso il Sud America, superando il record storico del 2019. I loro voli rafforzeranno i legami economici, nonché i flussi turistici provenienti dal nostro bacino di utenza\".","post_title":"Air Europa è tornata a volare sulla Venezia-Madrid: obiettivo 65.000 passeggeri nel 2024","post_date":"2024-06-21T12:14:14+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718972054000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469929","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' approdata ieri nel porto di Trapani la Cristina M, seconda delle nove navi commissionate da Liberty Lines al cantiere spagnolo Astilleros Armon, con l’obiettivo di rinnovare una parte significativa della flotta entro l’estate 2026.\r\n\r\nLa Cristina M è una nave ibrida veloce, la seconda al mondo del suo genere (dopo la sorella Vittorio Morace giunta appena tre settimane prima), capace di navigare in modalità totalmente elettrica a una velocità di 10 nodi per circa 30 minuti in prossimità della costa e poi ricaricare le batterie durante la navigazione in mare aperto, quando l’unità è spinta dai motori termici e raggiunge velocità superiori ai 30 nodi.\r\n\r\nAvendo in programma di ricevere anche la terza unità ibrida veloce nell’arco delle prossime settimane, Liberty Lines è ora in attesa della documentazione finale, che le consenta l’impiego in linea delle nuove navi tra la Sicilia e le isole.","post_title":"Si rafforza la flotta Liberty Lines: è arrivata a Trapani la Cristina M","post_date":"2024-06-21T11:51:01+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1718970661000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469898","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"In Giappone anche i viaggi dai tratti più vintage, come spesso viene considerato quello in treno, assumono tratti futuristici, grazie ai suoi convogli ad alta velocità. Con Kibo è quindi possibile organizzare un itinerario nella terra del Sol Levante con spostamenti in treno con il Japan Rail Pass: un biglietto aperto che consente di viaggiare su rotaia per un numero di giorni predefinito. Sono inclusi la maggior parte dei treni ad alta velocità Shinkansen, convogli regionali e locali. E si può decidere come muoversi per visitare le città e i distretti più interessanti.\r\n\r\nUno degli itinerari proposti da Kibo, della durata di 11 notti, prevede il volo dalla nostra penisola con trasferimenti e assistenza in italiano, dieci notti in hotel e una da trascorrere in un tradizionale ryokan, locanda dal fascino ispirato all’essenzialità delle dimore di un tempo, che è ancora cifra distintiva dello stile giapponese. Qui si può ammirare la cura estetica dei dettagli e dormire sui futon disposti sui tatami, in un’atmosfera di raffinata semplicità. L’itinerario viene stilato comprendendo naturalmente le città principali come Tokyo, Osaka e Kyoto, ognuna caratterizzata dal proprio spirito e accomunate dalla coesistenza di zone apertamente ispirate all’avvenire e aree che mantengono edifici che raccontano di un lontano passato, ricchissimo di cultura.\r\n\r\nC’è tempo per visitare anche le bellissime Takayama e Kanazawa, che conservano intatti quartieri storici molto antichi, con costruzioni in legno tradizionale e un’atmosfera che evoca leggende di samurai. Muoversi in treno tra le città consente di immergersi anche nella vita quotidiana del Paese, tra la dinamicità dei pendolari e l’impeccabile coordinamento di orari e coincidenze. E scegliere l’opzione migliore: solo per fare un esempio da Tokyo a Kyoto in treno si impiega circa la metà del tempo che sarebbe necessario in automobile, tre ore invece di sei.","post_title":"In Giappone anche il vintage diventa futuristico: i viaggi in treno di Kibo","post_date":"2024-06-21T10:18:08+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1718965088000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469834","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_416026\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Un momento di vita a bordo di un Orient Express d'antan. Foto del Fonds de dotation Orient Express Heritage[/caption]\r\n\r\nGrandi manovre nel mondo del turismo di lusso. Dopo la news della partnership tra Accor e Lvmh per lo sviluppo del brand Orient Express, un altro dei protagonisti del rilancio dello storico marchio legato all'epoca d'oro delle ferrovie e ora al centro di un sostanzioso aumento di capitale.\r\n\r\nIl gruppo Barletta beneficerà infatti di un'iniezione di 95 milioni di euro, in liquidità e trophy asset, da parte della Fidim, holding di partecipazioni della famiglia Rovati, che in questo modo si assicurerà il 12,5% del capitale sociale dello stesso gruppo Barletta.\r\n\r\nL'operazione, spiega Il Sole 24 Ore, è legata a doppia mandata al supporto degli investimenti nel turismo di lusso. La Fidim vanta infatti una sostanziale esperienza nel mondo del turismo di alta gamma, mentre la società guidata da Paolo Barletta opera da tempo nel segmento dell'hotellerie e dei treni di lusso con la controllata Arsenale.\r\nPartner\r\nQuest'ultima, tra le altre cose, è il partner principale del progetto Orient Express, essendo proprietaria sia dei due hotel in apertura a Roma e a Venezia, La Minerva e Palazzo Dona’ Giovannelli, sia dei sei treni Doce Vita in fase di costruzione, due dei quali debutteranno l'anno prossimo.\r\n\r\nAttualmente l'azionariato di Arsenale è costituito per il 59,24% dal gruppo Barletta, per il 20,44% dalla Annabel Holding di Nicola Bulgari e per il 20,32% dalla società lussemburghese Ita Hotel Investments di Oaktree. Oltre ai progetti Dolce Vita Orient Express, la società ha siglato accordi per iniziative simili con la Saudi Arabia Railways, l’Egypt National Railway, con l’uzbeca O’zbekiston Temir Yo’llari Jsc ed Etihad Rail. Le stime 2024 per Arsenale parlano di ricavi per 24 milioni di euro, destinati tuttavia a balzare fino ai 135 milioni già nel 2025. ","post_title":"Orient Express, grandi manovre: Fidim entra nel gruppo Barletta (Arsenale)","post_date":"2024-06-20T11:41:49+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1718883709000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469808","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La determinazione di Iag per chiudere l'iter di acquisizione di Air Europa ha visto un ultimo rilancio alla Commissione europea: il gruppo è disposto a cedere il 52% degli slot del vettore spagnolo ad altre compagnie aeree (remedy taker) per soddisfare le richieste dell'Antitrust. La precedente offerta riguardava il 40% degli slot.\r\n\r\nLa proposta risponde alla potenziale creazione di una situazione di dominio che si verrebbe a creare in seguito all'acquisto di Air Europa, sulle rotte tra la penisola iberica e le isole, sui voli verso diversi Paesi europei e su gran parte di quelli in partenza da Madrid verso l'America Latina.\r\nLe rotte messe in discussione da Bruxelles erano 58.\r\n\r\nDi fatto le operazioni combinate di Iberia ed Air Europa coprono una quota del 64% dei voli intercontinentali a Madrid-Barajas (45% per Iberia e 19% per Air Europa), con un presidio quasi totale nei collegamenti tra la capitale spagnola e i principali aeroporti di Ecuador, Panama, Uruguay, Guatemala, Paraguay e Porto Rico. La quota combinata è del 75% tra il Brasile e Madrid, e di oltre il 50% sulle rotte verso Costa Rica, Argentina, Repubblica Dominicana, El Salvador, Perù, Venezuela, Cuba, Bolivia e Stati Uniti.\r\n\r\n«La nostra nuova offerta prevede di cedere fino al 52% delle rotte operate da Air Europa a compagnie aeree competitor. Questo non significa una riduzione della capacità, ma piuttosto la garanzia che su tutte le rotte ci saranno diversi concorrenti e, quindi, diverse opzioni per i viaggiatori» spiegano da Iberia.","post_title":"Iag, ultimo rilancio all'Ue: sul piatto la cessione del 52% degli slot di Air Europa","post_date":"2024-06-20T09:38:18+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718876298000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469696","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Jazz, teatro e musica saranno i protagonisti dell’Estate Spezzina 2024 che si svolgeranno nell’oramai tradizionale location di Piazza Europa che sarà appositamente allestita.\r\n\r\nCollaborano all’estate Spezzina la Fondazione Carispezia; l’ Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale; MBDA; BVLG e IREN (main sponsor).\r\n\r\n«Grazie all’impegno del Comune della Spezia e il sostegno di Enti, Istituzioni e privati la nostra città riesce a crescere ed offrire spettacoli di altissimo livello per un pubblico sempre più numeroso, che già nel 2023 ha superato le 20.000 presenze. – dichiara il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini- Una collaborazione importante, che auspichiamo continui fattivamente, per una città che è ormai una meta turistica internazionale scelta non solo per le sue bellezze paesaggistiche, ma anche per le svariate occasioni che è in grado di offrire».\r\n\r\nSi parte con la rassegna teatrale “La Spezia estate Festival” con i grandi nomi del teatro Italiano quali Alessandro Preziosi, Carolina Benvenga, Mariangela D’Abbraccio, Oblivion, Giorgio Panariello e Marco Masini, Beatrice Baldaccini e ancora la grande musica leggera con Mr. Rain, Cristiano De Andrè  Edoardo Bennato e Nina Zilli. I grandi interpreti della musica Jazz mondiale: Paolo Fresu & Uri Caine, Dado Moroni, Eddie Gomez, Joe La Barbera, Mike Stern and Randy Brecker, la voce di Irene Grandi e le incursioni di Goran Bregovich e Russell Crow.\r\n\r\nUn programma reso possibile grazie anche al sostegno di Enti e Associazioni che hanno contribuito alle realizzazione di tutti questi eventi. Oltre a questi eventi principali ci saranno moltissimi altri appuntamenti come Il 6 luglio in piazza Europa con Festa dei Diciottenni”, una serata di divertimento per festeggiare il raggiungimento della maggiore età.\r\n\r\nGiovedì 11 luglio il “Radio Stop Festival” per la prima volta dopo 20 anni fa tappa alla Spezia,. Il Festival di Radio Stop è un mega concerto di musica pop durante il quale si esibiscono dai 10 ai 12 artisti fra i più amati dai giovani, e che propone  il meglio della musica pop italiana e che alla Spezia tra gli altri porterà ad esibirsi sul palco di Piazza Europa una delle cantati più raffinate e amate dal pubblico: Malika Ayane. Insieme a lei ci sarà anche  Sophie and the Giants che dal 2020 domina le classifiche pop dance.\r\n\r\nIl 13 agosto nell’ambito della rassegna “Women – Voci di donne”, si terrà il concerto di CARMEN CONSOLI – Terra ca nun senti\r\n\r\nSabato 24 agosto alle 20,30 in Piazza Europa si terrà la finalissima regionale del concorso Miss Italia\r\n\r\nLa rassegna La Spezia Estate Festival vede protagonisti, dal 7 luglio al 20 agosto, nomi quali Alessandro Preziosi, Carolina Benvenga, Mariangela D’Abbraccio, Oblivion, Giorgio Panariello e Marco Masini, Beatrice Baldaccini e il corpo di ballo che renderà omaggio a Raffaella Carrà con l’omonimo musical a lei dedicato. E ancora: i 5 musicisti della Rimbamband, Raul Cremona, Max Giusti e il filosofo rock Matteo Saudino.\r\n\r\nSpazio anche alla musica sul palco di Piazza Europa con Mr. Rain (12 luglio), Cristiano De Andrè (16 luglio), Edoardo Bennato (22 luglio) e Nina Zilli (10 agosto).\r\n\r\nUno straordinario programma anche per il Festival Internazionale del Jazz della Spezia, giunto alla 56ma Edizione. Da luglio un prestigioso cartellone di concerti per il più longevo festival musicale italiano dedicato al jazz, che si svolge alla Spezia e dintorni ininterrottamente dal 1969. Con la direzione artistica di Lorenzo Cimino, uno dei più apprezzati trombettisti contemporanei, la 56ma Edizione del Festival si terrà in Piazza Europa e si svilupperà attraverso appuntamenti con divi internazionali, e progetti speciali in omaggio a giganti del jazz.\r\n\r\n ","post_title":"La Spezia, Estate all’insegna di musica e teatro tra spettacoli e Festival del Jazz","post_date":"2024-06-19T11:01:46+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1718794906000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469641","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"TAP Air Portugal e l'Agenzia di Promozione Turistica dell'Alentejo insieme per celebrare il legame culturale e turistico tra Italia e Portogallo, con un focus speciale sulla regione dell'Alentejo.\r\n\r\nAlla serata che si è tenuta nella prestigiosa sede romana di villa Barberini, sono intervenuti l’ambasciatore del Portogallo in Italia, S.E. Bernardo Futscher Pereira, il direttore dell’Ente del Turismo del Portogallo - Delegazione Italia, Marcelo Rebanda, i rappresentanti dell’agenzia di Promozione Turistica dell’Alentejo e l'area manager di TAP Air Portugal, Davide Calicchia.\r\n\r\nAl centro della narrazione, la regione dell'Alentejo, descritta da Vitor Silva, presidente dell'Agenzia Regionale di Promozione Turistica dell'Alentejo, come 'il giardino segreto del Portogallo', ma anche 'la nuova Toscana' per la sua bellezza autentica.\r\n\r\nLa destinazione è celebre per i suoi vini, la natura lussureggiante, le lunghe spiagge incontaminate, una cucina semplice ma profondamente radicata nella tradizione, i castelli medievali e le riserve naturali come l'estuario del Sado, dimora di una colonia permanente di delfini.\r\n\r\nTap Air Portugal\r\n\r\nLa serata è stata anche l’occasione per TAP di illustrare le novità della compagnia di bandiera del Paese che offre 102 voli settimanali dall’Italia con partenze dirette per Lisbona da Roma, Milano, Firenze, Venezia, Bologna e Napoli. Dotata della più ampia rete di collegamenti per raggiungere il Portogallo in maniera capillare, TAP è la compagnia aerea leader per i viaggi in Portogallo, incluse le isole di Madeira e le Azzorre, e il suo hub di Lisbona è anche una porta d’ingresso verso il Brasile, l’Africa - due mercati in cui si è affermata come il vettore di riferimento - il Venezuela, il Messico, il Canada e gli USA.\r\n\r\nGrazie al Portugal Stopover, inoltre, i passeggeri delle tratte intercontinentali che non hanno come destinazione finale Lisbona o Porto ma che si fermano in una di queste città, possono beneficiare, all'andata e al ritorno, di una sosta in Portogallo che può arrivare fino a dieci notti, senza alcun costo aggiuntivo nella tariffa.","post_title":"Natura, enogastronomia e tradizione: il portogallo presenta l’Alentejo","post_date":"2024-06-18T15:09:17+00:00","category":["estero","senza-categoria"],"category_name":["Estero","Senza categoria"],"post_tag":[]},"sort":[1718723357000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469691","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Inaugurato lo scorso marzo, il Muraless Art Hotel di Verona è entrato recentemente a fare parte del soft brand Worldhotels Crafted di casa Bwh dedicato alle strutture dal design tailor-made. La struttura da 94 camere distribuire su tre piani si distingue per l’essere una galleria d’arte vivente e da vivere, completamente decorato secondo l’interpretazione di 50 tra i più noti esponenti italiani e internazionali della street art, tra cui l'imponente facciata esterna realizzata da Mr. Brainwash, celebre per i suoi lavori ricchi di riferimenti alla pop art e per la sua partecipazione al documentario di Banksy Exit through the gift shop.\r\n\r\n\"Accogliamo con grande piacere il Muraless Art Hotel che arricchisce la nostra ampia offerta su Verona - commenta la ceo Bwh Hotels Italia & Malta, Sara Digiesi -. E' una struttura capace di stupire attraverso l’arte i suoi ospiti. Il brand WorldHotels Crafted è infatti dedicato agli hotel che rimangono impressi per la loro particolarità, fanno vivere ai clienti un'esperienza immersiva, con uno storytelling ricercato e un progetto artistico di grande valore alle spalle\".\r\n\r\nOgni spazio dell'albergo veronese è una celebrazione della creatività italiana, dagli innovatori scientifici ai maestri dell'arte rinascimentale, passando per icone del cinema e della musica. Ciascuna stanza è infatti dedicata a un differente aspetto della cultura italiana. Situato nelle vicinanze della Fiera di Verona e delle principali vie di comunicazione, l'hotel offre inoltre spazi funzionali per riunioni ed eventi, integrati con un Lounge bar per momenti di relax e socializzazione.\r\n\r\n“Nel luglio 2021, durante la pandemia, abbiamo avviato un progetto per riqualificare un albergo esistente, utilizzando la street art per valorizzare il made in Italy - sottolinea il fondatore e presidente di Velox Group e proprietario del Muraless Art Hotel, Gianmaria Villa -. La nostra struttura combina l’accoglienza con un museo di arte urbana, coinvolgendo talentuosi street artist. Offre un'esperienza immersiva nella cultura e nell'arte tricolore, con camere personalizzabili da aziende attraverso l'iniziativa Adotta una stanza. L'investimento, completamente autofinanziato, mira a valorizzare il territorio veronese, attraverso una struttura ricettiva sviluppata con criteri di sostenibilità ambientale ed efficienza energetica, per un hotel a 4 stelle rivolto a clienti business e leisure, posizionandosi nel segmento medio-alto”.\r\n\r\n ","post_title":"Il Muraless Art Hotel di Verona new entry del soft brand Worldhotels Crafted di casa Bwh","post_date":"2024-06-18T12:58:48+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718715528000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti