6 October 2022

Dolomiti del Südtirol: in Alta Badia l’abbinata vincente gastronomia-sci

[ 0 ]

L’interno dell’ AlpiNN a Plan de Corones

Non vogliamo parlare di ricette né di tendenze. Ma ci piace sapere che nel Sud Tirolo (o Alto Adige che dir si voglia) il cibo ha un valore tale che ad esempio l’Alta Badia ne ha fatto una bandiera con la campagna “Sciare con gusto”, giunta alla X edizione.
L’Alta Badia, 15km quadrati in tutto, vanta un bel record: sei stelle fra i propri ristoranti, sei stelle Michelin. La bandiera di tutto ciò è Norbert Niederkofler con tre stelle, due stelle sono di Matteo Metullio e una stella a Nicola Laera.
Ma è proprio Niederkofler che ha segnato con la propria inventiva e la propria perseveranza la storia gastronomica recente del comprensorio, allargandosi anche a Plan De Corones.

Norbert Niederkofler

Dice di sé Niederkofler: «La natura con le sue meraviglie è sempre stata tra le costanti della mia vita. Fin da bambino ho sempre avuto una curiosità da ribelle, che mi ha spinto a voler esplorare, vedere, capire i come e i perché delle cose. Così da Londra a Zurigo, da Milano a Monaco, fino a New York ho girato il mondo e, tornato fra le mie natie Dolomiti ho lavorato prima a Ciastel Colz per poi approdare al St. Hubertus a San Cassiano in Badia».
30 anni fa è divenuto executive chef di questo “must” e con un processo di presa di coscienza sul come proporre la cucina, soprattutto locale, ha deciso che la sostenibilità sarebbe diventato il principio con cui dare una svolta al suo modo di cucinare.
Di acqua ne è passata sotto i ponti, fino a che nel 2017 la guida Michelin ha censito il Sant’Hubertus di San Cassiano, con queste parole, assegnandogli la terza stella: «L’incontro con questa cucina non è un pasto, ma un’indimenticabile esperienza umana».

L’AlpiNN e il Lumen

Ma fedele al motto che chi si ferma è perduto, N-N (per gli amici e concittadini) ha dato vita ad una nuova avventura, sul “panettone” di Plan De Corones, per coronare un sogno che aveva sempre avuto: un rifugio in quota, un locale sulle piste. Ed ecco nascere l’idea dell’ “AlpiNN”, un Food Space & Restaurant che trova posto all’interno di Lumen, il nuovo Museo della fotografia della montagna, all’interno della dismessa stazione della funivia a 2275 metri. Un affaccio sulle più belle Dolomiti, scenografia mozzafiato che lascia spazio alla vista e ai pensieri per un ambiente accogliente che sa di tradizioni, di terra ma anche di novità. Non è un ristorante in senso classico, ma si posiziona a metà tra standing, dining e lounging , arredato da un altoatesino doc, il designer Martino Gamper.
Ma non solo, nell’ AlpiNN: “Cook the Mountain”, il concetto che ispira la cucina di Niederkofler, che acquista e cucina solo prodotti provenienti dalle valli e possibilmente da giovani produttori per aiutarli ad emergere, ha finalmente trovato casa, in uno spazio che parla di territorio e sostenibilità, dai mobili al menu; un menu alla portata di tutti.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431768 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un invito immersivo di gastronomia e musica nel perimetro privatissimo della propria suite. Rocco Forte presenta la nuova proposta Musical suite service: da soprani affermati a gruppi funky-jazz, fino a giovani talenti provenienti da rinomate istituzioni musicali, gli ospiti avranno così il privilegio di assistere a un loro concerto privato nel comfort della propria suite, accompagnato da un piacevole rinfresco. Cantanti e suonatori d'archi, tastiere e fiati, solisti e gruppi, ogni hotel ha stilato un divertente cartellone per proporre una colazione, pranzo o cena davvero coinvolgente: una regia azzeccata per sorprendere una persona cara, l’inestimabile esibizione per un grande fan o semplicemente il perfetto climax di un convito delizioso. Perché dunque non riunire per esempio gli amici nella propria suite per una sessione jazz nella Blaton suite dell'hotel Amigo? Già prediletta da Serge Gainsbourg, è la cornice ideale per una serata ben scandita, con un drink in mano e la cena in arrivo, mentre il trio jazz esegue i brani preferiti di tutti i presenti. In alternativa, per una romantica serata a due, la terrazza della suite Picasso all'hotel de Russie fa da cornice a un'indimenticabile cena romana: la famosa cucina di Fulvio Pierangelini e un soprano che riempie l’aria con le delicate note di una serenata. Le cornamuse del Balmoral, ed è subito Scozia al suo massimo nella Glamis suite. I cantanti d'opera del Maggio Musicale fiorentino cantano in esclusiva per gli ospiti dell'hotel Savoy, con la cupola del Brunelleschi ad aggiungere magia; al Brown's Hotel di Londra le possibilità sono infinite, perché l’hotel ha il proprio esperto musicale in-house. La State Opera di Berlino, proprio di fronte all'hotel de Rome, è un gorgheggio elegante sempre a disposizione; a Monaco di Baviera, i giovani talenti dell'università di Musica e Teatro si dilettano con qualsiasi strumento musicale. Con vista sullo skyline della città Eterna, il maestro dell'hotel de la Ville regala l’intero spettro musicale romano per scelte inedite. A Palermo, il teatro Massimo è un tuffo nelle antiche tradizioni con una serenata siciliana nelle Signature suite di Villa Igiea. [post_title] => Con il Musical suite service spettacolo e cena privata negli hotel Rocco Forte [post_date] => 2022-10-06T10:32:59+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665052379000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431714 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo direttore per l'Ente Nazionale del Turismo Giapponese in Italia: Yoshiyuki Mizuuchi (nella foto), una lunga carriera nel settore delle compagnie aeree ed esperienze lavorative all’estero, riceve il testimone da Toru Kitamura, che conclude i suoi  due anni di mandato. “Le restrizioni sui viaggi degli ultimi anni ci hanno impedito di visitare altri Paesi e conoscere altre culture ma, fortunatamente, ci stiamo lasciando quella fase alle spalle -  ha dichiarato Yoshiyuki Mizuuchi -. Il 2019 si è concluso con numeri incoraggianti, ora è il momento di ripartire e intendiamo farlo puntando in particolare sul turismo sostenibile, sul turismo d’avventura e sul turismo luxury. Nel corso del mio mandato mi impegnerò a mantenere informato il mercato italiano sulle novità della destinazione, lavorando a stretto contatto con i nostri partner e gli operatori del settore per fare in modo che sempre più italiani scelgano di visitare il Giappone, rafforzando così l’amicizia che lega i nostri Paesi". Il neo direttore conferma le attività dedicate a stampe e agenti di viaggio, "tra cui roadshow e fam trip, oltre ai consueti appuntamenti con Ttg a Rimini, Lucca Comics & Games e Bmt a Napoli. Infine, a chi desideri viaggiare in Giappone vorrei dire che esiste un’immensa diversità oltre le grandi città, fatta di località rurali, di stili di vita, di cultura gastronomica, tutta da scoprire”. Il Giappone si appresta a riaprire i confini ai turisti internazionali: dall’11 ottobre, infatti, non solo chi viaggerà tramite gruppi organizzati, ma anche i turisti individuali potranno entrare nel Paese del Sol Levante. Rimangono requisiti obbligatori: il certificato vaccinale con indicazione delle tre dosi effettuate o, in alternativa, un tampone Coi negativo ad almeno 72 ore dall’ingresso nel Paese. [post_title] => Giappone: Yoshiyuki Mizuuchi è il nuovo direttore dell'Ente del turismo in Italia [post_date] => 2022-10-05T12:56:49+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664974609000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431635 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Engadina è una terra affascinante: laghi, valli e montagne che d’inverno si coprono di una coltre di neve per offrire sport di ogni tipo. E tra tanta bellezza, circondato da grandi spazi, si erge a Celerina il Cresta Palace, una struttura che risale al 1906 e ha poi saputo rinnovarsi, preservando lo stile e la bellezza antichi ma offrendo ai suoi ospiti ogni comodità. Le 90 stanze dell’hotel, 40 delle quali completamente rinnovate la scorsa estate, sono arredate in una diversa nuance di colore su ciascuno dei quattro piani e si affacciano su un panorama adatto al golf e alle escursioni durante l’estate e perfetto per gli sport sul ghiaccio e lo sci invernali, con un comodo ski-in e ski-out e anche la scuola-sci. «Il mercato italiano per noi è molto importante - spiega il direttore Markus Tauss -. Dopo il periodo della pandemia il Cresta Palace riapre agli ospiti stranieri e, in particolare, proprio agli italiani, che possono raggiungere la destinazione in due ore e mezza in macchina ma anche viaggiando fino all’antica stazione di Celerina (1903) a bordo del Trenino Rosso del Bernina, gestito dalla Ferrovia Retica». Il Cresta Palace è connesso all’area sciistica di St.Moritz e ci sono 250 chilometri di percorso per lo sci di fondo. Nel pomeriggio, dopo le diverse attività, si può apprezzare una pausa coffee&cake ascoltando il pianoforte, prenotare lezioni di yoga e diverse attività di fitness o visitare i laghi in sella a una bicicletta elettrica. Il Cresta Palace accoglie con gioia tutti gli ospiti offrendo uno spazio per i bambini, una rilassante area wellness e ben cinque differenti ristoranti, capaci di rispondere a ogni esigenza e con una curata offerta f&b. [post_title] => Lo svizzero Cresta Palace riapre agli stranieri dopo un'importante restyling di 40 delle sue camere [post_date] => 2022-10-05T10:34:39+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664966079000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431595 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovi pacchetti, nuovi prodotti di nicchia, nuove idee, per stare al passo coi tempi. E per soddisfare o stuzzicare gli operatori italiani del turismo outgoing. La Repubblica Ceca si presenterà così a Rimini in occasione della prossima edizione del Ttg Travel Experience. Al suo stand (Pad C1 – 63/98) CzechTourism non si limiterà a ribadire le proprie strategie promozionali, ma fornirà una serie di nuove suggestioni pensate ad hoc per il mercato italiano. Tour operator e agenti di viaggio saranno quindi ancora una volta coadiuvati nel perfezionare o arricchire la propria offerta estera. Forte di un’offerta classic ampissima e di alto livello, che proprio per la sua intensità e unicità, non passa mai di moda e non smette di affascinare, CzechTourism parte dall’evergreen per elaborare nuove proposte, sempre più in chiave esperienziale. Lungi dallo stancare e venir sorpassati, storia e cultura in Cechia si rinnovano, trasformandosi in pretesti per esperienze indimenticabili. Tra monumenti storici, castelli, antiche tradizioni e siti Unesco da una parte, una ricca gastronomia, fiumi di birre e vini, artigianato prezioso e folklore dall’altra, il passato in questo Paese dai mille volti non si scontra, anzi si incontra con il presente e il futuro, disegnati da moderni skyline, città in continua evoluzione, design e designer d’eccellenza, riconversioni industriali e tendenze urban. Ampia scelta anche per la vacanza attiva, dal cicloturismo al trekking, all'hiking o alle semplici passeggiate nei parchi naturali. [post_title] => Repubblica Ceca: nuovi spunti per scoprire il Paese, fra cultura e attività outdoor [post_date] => 2022-10-04T12:10:27+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664885427000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431550 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Di ritorno da una giornata sulla neve, non c’è niente di più rilassante di una sauna o di un bagno in una piscina di acqua calda. Se poi la spa offre una vista emozionante su candide vette maestose e su paesaggi imbiancati, l’effetto relax è sinergico, grazie alla full immersion nella natura. I Romantik Hotels offrono un'accoglienza a 360 gradi. Molto piacevoli la sensazione dell’assenza di gravità e la vista panoramica sulle Dolomiti, che si gode dalla grande vetrata. Sembra di toccare il cielo con un dito nel centro benessere panoramico del Romantik Hotel Cappella di Colfosco (BZ), il 5 stelle che offre un panorama privilegiato sulle cime del Sassongher e del gruppo del Sella. Dalle grandi piscine interna ed esterna riscaldate, dalla Sky Room (una delle eleganti sale relax) e dalla sauna, la vista si apre sul paesaggio dolomitico e sugli sciatori che sfrecciano sulle piste della Val Badia. Per entrare in sintonia con la montagna niente di meglio dell’impacco nutriente e rigenerante alla Stella Alpina, 20 minuti, 50 euro. È un punto di vista unico anche quello offerto dal Romantik Hotel Santer di Dobbiaco (BZ), in Val Pusteria, a poca distanza dai tracciati delle aree più apprezzate delle Dolomiti: Plan de Corones, Cortina e le Dolomiti di Sesto. Qui si respira l’amore per la montagna, che passa dai servizi per lo sci a quelli più rilassanti del centro benessere di circa 3mila mq, tra la piscina interna, le zone relax, la whirlpool, le saune e la piscina esterna panoramica con acqua calda a 36°. Ideale per una pausa rigenerante il massaggio Relax Hot Chrystal con quarzo alla rosa, 50 minuti, 63 euro   [post_title] => Romantik Hotels, relax nelle Spa tra le vette maestose delle Dolomiti [post_date] => 2022-10-04T09:28:34+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664875714000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431536 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Estonia, un mix accattivante di natura, cultura, gastronomia, tecnologia e sostenibilità, si è presentata a Roma e Milano con queste carte vincenti agli operatori e alla stampa specializzata italiana. Con gli occhi puntati in modo particolare sulla capitale Tallinn, Capitale Verde d’Europa nel 2023 e su Tartu, la seconda città estone. Posizionata nel meridione del paese quest'ultima mira in alto per il 2024, puntando a un milione di visitatori quando sarà una delle tre città europee Capitali della Cultura.   Ottimi i collegamenti tra l’Estonia e l’Italia grazie ai collegamenti Ryanair e Wizz Air con oltre 20 voli settimanali da otto città italiane. E da altre città europee c’è un’ottima scelta di voli operati sia da vettori low cost che di linea. Per molti visitatori è Tallinn il primo punto d’arrivo nel paese baltico, una città Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco che vanta un tessuto urbano medievale attentamente conservato e strutture ricettive in grado di soddisfare ogni esigenza. Presenti alle serate italiane Kristina Talisainen, b2b marketing e Kadri Gröön, international media di Visit Estonia insieme ai partner Visit Tartu, Ibis Hotel Tallinn e Eckero Line, compagnia di traghetti che collegano Tallinn e Helsinki.  “Dall’inizio dell’anno fino alla fine di luglio 2022 l’Estonia ha accolto 791.983 visitatori internazionali, e di questi 11.338 erano italiani”, ha sottolineato Kristina Talisaninen. Un’incremento nel numero di visitatori dal Belpaese del 190% rispetto allo spesso periodo del 2021.  Molto apprezzato dagli italiani, ha aggiunto Kadri Gröön, la cucina estone: “Una cucina sostenibile con oltre 31 dei nostri ristoranti inseriti nella prestigiosa Guida Michelin”.   [post_title] => Estonia pronta a conquistare il favore dei turisti italiani [post_date] => 2022-10-03T13:39:05+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664804345000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431374 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una strategia vincente quella della Repubblica Dominicana negli ultimi due anni che, dati alla mano, hanno registrato ottimi risultati raggiunti. Le mosse giuste? Investimenti in sicurezza, sul rinnovo del ricettivo e delle infrastrutture, in collaborazione con il privato. Il riconoscimento arriva direttamente dal Wttc, per la migliore gestione della ripresa turistica. In visita a Milano nei giorni scorsi, il ministro del turismo, David Collado, è stato accolto anche da Gabriele Burgio, presidente e ad di Alpitour World, insieme ad Aldo Sarnataro, direttore commerciale di Neos, Pier Ezhaya general manager tour operating di Alpitour e presidente di Astoi, oltre che da Carlo Schiavon, country manger di Costa Crociere. “Siamo venuti a riconquistarvi - ha dichiarato il ministro - In 20 anni non era mai successo che un ministro del turismo incontrasse il settore turistico italiano. L’Italia è il sesto mercato più importante per noi e vogliamo che si ricominci da dove siamo rimasti”. Nel 2019 gli italiani hanno rappresentato il 7% dei visitatori del Vecchio Continente per un totale di 93 mila arrivi e per il 2022 è in previsione il sorpasso. Nel complesso i dati hanno mostrato 110 mila turisti nell’agosto 2020 e 700 mila nell’agosto 2022. Nel dicembre 2021 il recupero era già dell’80% e nonostante la guerra si è giunti a un +120% pre-pandemia. I dati parlano di un +7% rispetto ai livelli di pre-pandemia e per il 2022 sono in previsione 7 milioni di turisti complessivi. “Abbiamo aperto al turismo nell’estate del 2020, senza un piano perfetto, ma con il desiderio e la necessità di andare avanti. Il turismo nella Repubblica Dominicana rappresenta il 15% del Pil per un valore di oltre 9 miliardi di dollari. Ci siamo impegnati nella sicurezza e nei protocolli sanitari covid, in un momento in cui neanche le assicurazioni del paese coprivano questa malattia. E' stata lanciata un’assicurazione per la copertura dei turisti e test Pcr covid gratuiti in tutti gli hotel per le richieste di rientro nel proprio Paese". [post_title] => Repubblica Dominicana avanti tutta. Tornano anche i turisti italiani [post_date] => 2022-09-30T09:00:36+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664528436000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431321 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Anche dopo l’estate continua il trend delle richieste dei tour guidati in Italia, che nel periodo autunnale, oltre alle suggestioni cromatiche di alcuni itinerari come il Trentino, il Chianti e la Val d’Orcia, vede confermate sul sito, sempre aggiornato, numerose date anche per i tour in Puglia, Basilicata e Sicilia. Molte sono infatti le proposte nel calendario autunnale di Boscolo Tours, che per la stagione conferma le partenze dei suoi viaggi guidati nelle destinazioni più richieste nella nostra Penisola, ma anche in Europa e in Medio Oriente. Nel Vecchio continente i viaggi dei ponti comprendono in particolare percorsi guidati in Francia, Germania e Grecia, quest’ultima con ottime performance in una delle stagioni migliori per pensare di visitare il circuito classico. Per il ponte del primo novembre le richieste si indirizzano su classici come lo short break di quattro giorni a Vienna e le combinazioni della capitale austriaca con Praga e Budapest, o con Salisburgo e Monaco in tour guidati di sette giorni. Nel medio raggio il booking Boscolo registra ancora una forte richiesta per la destinazione Turchia, con numeri che nel corso della stagione hanno già superato quelli del 2019; il tutto, assieme alla Giordania, altra meta top dai grandi numeri. Le riaperture di Marocco e Egitto, infine, mostrano previsioni promettenti per le partenze dell’ultimo trimestre 2022, in cui il Gran Tour del Marocco e la Crociera sul Nilo sono già tra le prime scelte del periodo delle feste di fine anno. [post_title] => Boscolo conferma le partenze autunnali dei viaggi guidati per Italia, Europa e Medio Oriente [post_date] => 2022-09-29T10:19:48+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664446788000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431315 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Brasile corre lungo la rotta della ripresa: lo scorso agosto il numero di arrivi di voli internazionali è stato infatti il più alto mai registrato dall'inizio della pandemia. I dati elaborati da Embratur, segnalano un aumento del 232,35% nella connettività internazionale, rispetto all'agosto 2021. I voli dall'Europa al Brasile sono 1.045 pari al 23,81% del traffico aereo totale posizionandosi al secondo posto dopo l'America Latina e subito prima del Nord America. In particolare, l'Italia conta il 5,9% dei voli europei verso il Brasile con 18 collegamenti da Milano e 44 da Roma. (dati aggiornati a settembre 2022). "Questo dimostra che siamo sulla strada giusta e la tendenza è quella di raggiungere il 100% della nostra connettività entro il 2022", ha dichiarato Silvio Nascimento, presidente di Embratur. Tra le novità, spiccano le rotte e le frequenze che collegano il mondo al Nord-Est del Brasile. Tap Air Portugal prevede il ritorno di due frequenze di volo Lisbona-Salvador, mentre Air Europa prevede di iniziare a operare due nuovi voli e una frequenza aggiuntiva a dicembre sulla rotta Madrid-Salvador de Bahia. In parallelo, le entrate del turismo brasiliano sono cresciute del 32% a luglio di quest'anno e hanno già raggiunto il 98% del volume pre-pandemia. Il segmento che ha maggiormente contribuito all'aumento del turismo a luglio è stato il trasporto aereo, cresciuto dell'86,8% rispetto all'anno precedente, seguito dai servizi di alloggio e ristorazione (22%) e dalle attività culturali, ricreative e sportive (18,8%). [post_title] => Il Brasile corre in avanti: aumentano i collegamenti aerei internazionali e le entrate turistiche [post_date] => 2022-09-29T10:06:58+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664446018000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "dolomiti del sudtirol val badia labbinata vincente gastronomia sci" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":83,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":633,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431768","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un invito immersivo di gastronomia e musica nel perimetro privatissimo della propria suite. Rocco Forte presenta la nuova proposta Musical suite service: da soprani affermati a gruppi funky-jazz, fino a giovani talenti provenienti da rinomate istituzioni musicali, gli ospiti avranno così il privilegio di assistere a un loro concerto privato nel comfort della propria suite, accompagnato da un piacevole rinfresco. Cantanti e suonatori d'archi, tastiere e fiati, solisti e gruppi, ogni hotel ha stilato un divertente cartellone per proporre una colazione, pranzo o cena davvero coinvolgente: una regia azzeccata per sorprendere una persona cara, l’inestimabile esibizione per un grande fan o semplicemente il perfetto climax di un convito delizioso.\r\n\r\nPerché dunque non riunire per esempio gli amici nella propria suite per una sessione jazz nella Blaton suite dell'hotel Amigo? Già prediletta da Serge Gainsbourg, è la cornice ideale per una serata ben scandita, con un drink in mano e la cena in arrivo, mentre il trio jazz esegue i brani preferiti di tutti i presenti. In alternativa, per una romantica serata a due, la terrazza della suite Picasso all'hotel de Russie fa da cornice a un'indimenticabile cena romana: la famosa cucina di Fulvio Pierangelini e un soprano che riempie l’aria con le delicate note di una serenata.\r\n\r\nLe cornamuse del Balmoral, ed è subito Scozia al suo massimo nella Glamis suite. I cantanti d'opera del Maggio Musicale fiorentino cantano in esclusiva per gli ospiti dell'hotel Savoy, con la cupola del Brunelleschi ad aggiungere magia; al Brown's Hotel di Londra le possibilità sono infinite, perché l’hotel ha il proprio esperto musicale in-house. La State Opera di Berlino, proprio di fronte all'hotel de Rome, è un gorgheggio elegante sempre a disposizione; a Monaco di Baviera, i giovani talenti dell'università di Musica e Teatro si dilettano con qualsiasi strumento musicale. Con vista sullo skyline della città Eterna, il maestro dell'hotel de la Ville regala l’intero spettro musicale romano per scelte inedite. A Palermo, il teatro Massimo è un tuffo nelle antiche tradizioni con una serenata siciliana nelle Signature suite di Villa Igiea.","post_title":"Con il Musical suite service spettacolo e cena privata negli hotel Rocco Forte","post_date":"2022-10-06T10:32:59+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1665052379000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431714","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo direttore per l'Ente Nazionale del Turismo Giapponese in Italia: Yoshiyuki Mizuuchi (nella foto), una lunga carriera nel settore delle compagnie aeree ed esperienze lavorative all’estero, riceve il testimone da Toru Kitamura, che conclude i suoi  due anni di mandato.\r\n“Le restrizioni sui viaggi degli ultimi anni ci hanno impedito di visitare altri Paesi e conoscere altre culture ma, fortunatamente, ci stiamo lasciando quella fase alle spalle -  ha dichiarato Yoshiyuki Mizuuchi -. Il 2019 si è concluso con numeri incoraggianti, ora è il momento di ripartire e intendiamo farlo puntando in particolare sul turismo sostenibile, sul turismo d’avventura e sul turismo luxury. Nel corso del mio mandato mi impegnerò a mantenere informato il mercato italiano sulle novità della destinazione, lavorando a stretto contatto con i nostri partner e gli operatori del settore per fare in modo che sempre più italiani scelgano di visitare il Giappone, rafforzando così l’amicizia che lega i nostri Paesi\".\r\nIl neo direttore conferma le attività dedicate a stampe e agenti di viaggio, \"tra cui roadshow e fam trip, oltre ai consueti appuntamenti con Ttg a Rimini, Lucca Comics & Games e Bmt a Napoli. Infine, a chi desideri viaggiare in Giappone vorrei dire che esiste un’immensa diversità oltre le grandi città, fatta di località rurali, di stili di vita, di cultura gastronomica, tutta da scoprire”.\r\nIl Giappone si appresta a riaprire i confini ai turisti internazionali: dall’11 ottobre, infatti, non solo chi viaggerà tramite gruppi organizzati, ma anche i turisti individuali potranno entrare nel Paese del Sol Levante. Rimangono requisiti obbligatori: il certificato vaccinale con indicazione delle tre dosi effettuate o, in alternativa, un tampone Coi negativo ad almeno 72 ore dall’ingresso nel Paese.","post_title":"Giappone: Yoshiyuki Mizuuchi è il nuovo direttore dell'Ente del turismo in Italia","post_date":"2022-10-05T12:56:49+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1664974609000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431635","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’Engadina è una terra affascinante: laghi, valli e montagne che d’inverno si coprono di una coltre di neve per offrire sport di ogni tipo. E tra tanta bellezza, circondato da grandi spazi, si erge a Celerina il Cresta Palace, una struttura che risale al 1906 e ha poi saputo rinnovarsi, preservando lo stile e la bellezza antichi ma offrendo ai suoi ospiti ogni comodità. Le 90 stanze dell’hotel, 40 delle quali completamente rinnovate la scorsa estate, sono arredate in una diversa nuance di colore su ciascuno dei quattro piani e si affacciano su un panorama adatto al golf e alle escursioni durante l’estate e perfetto per gli sport sul ghiaccio e lo sci invernali, con un comodo ski-in e ski-out e anche la scuola-sci.\r\n\r\n«Il mercato italiano per noi è molto importante - spiega il direttore Markus Tauss -. Dopo il periodo della pandemia il Cresta Palace riapre agli ospiti stranieri e, in particolare, proprio agli italiani, che possono raggiungere la destinazione in due ore e mezza in macchina ma anche viaggiando fino all’antica stazione di Celerina (1903) a bordo del Trenino Rosso del Bernina, gestito dalla Ferrovia Retica».\r\n\r\nIl Cresta Palace è connesso all’area sciistica di St.Moritz e ci sono 250 chilometri di percorso per lo sci di fondo. Nel pomeriggio, dopo le diverse attività, si può apprezzare una pausa coffee&cake ascoltando il pianoforte, prenotare lezioni di yoga e diverse attività di fitness o visitare i laghi in sella a una bicicletta elettrica. Il Cresta Palace accoglie con gioia tutti gli ospiti offrendo uno spazio per i bambini, una rilassante area wellness e ben cinque differenti ristoranti, capaci di rispondere a ogni esigenza e con una curata offerta f&b.","post_title":"Lo svizzero Cresta Palace riapre agli stranieri dopo un'importante restyling di 40 delle sue camere","post_date":"2022-10-05T10:34:39+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664966079000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431595","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovi pacchetti, nuovi prodotti di nicchia, nuove idee, per stare al passo coi tempi. E per soddisfare o stuzzicare gli operatori italiani del turismo outgoing. La Repubblica Ceca si presenterà così a Rimini in occasione della prossima edizione del Ttg Travel Experience. Al suo stand (Pad C1 – 63/98) CzechTourism non si limiterà a ribadire le proprie strategie promozionali, ma fornirà una serie di nuove suggestioni pensate ad hoc per il mercato italiano. Tour operator e agenti di viaggio saranno quindi ancora una volta coadiuvati nel perfezionare o arricchire la propria offerta estera.\r\n\r\nForte di un’offerta classic ampissima e di alto livello, che proprio per la sua intensità e unicità, non passa mai di moda e non smette di affascinare, CzechTourism parte dall’evergreen per elaborare nuove proposte, sempre più in chiave esperienziale. Lungi dallo stancare e venir sorpassati, storia e cultura in Cechia si rinnovano, trasformandosi in pretesti per esperienze indimenticabili. Tra monumenti storici, castelli, antiche tradizioni e siti Unesco da una parte, una ricca gastronomia, fiumi di birre e vini, artigianato prezioso e folklore dall’altra, il passato in questo Paese dai mille volti non si scontra, anzi si incontra con il presente e il futuro, disegnati da moderni skyline, città in continua evoluzione, design e designer d’eccellenza, riconversioni industriali e tendenze urban. Ampia scelta anche per la vacanza attiva, dal cicloturismo al trekking, all'hiking o alle semplici passeggiate nei parchi naturali.","post_title":"Repubblica Ceca: nuovi spunti per scoprire il Paese, fra cultura e attività outdoor","post_date":"2022-10-04T12:10:27+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1664885427000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431550","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Di ritorno da una giornata sulla neve, non c’è niente di più rilassante di una sauna o di un bagno in una piscina di acqua calda. Se poi la spa offre una vista emozionante su candide vette maestose e su paesaggi imbiancati, l’effetto relax è sinergico, grazie alla full immersion nella natura. I Romantik Hotels offrono un'accoglienza a 360 gradi.\r\n\r\nMolto piacevoli la sensazione dell’assenza di gravità e la vista panoramica sulle Dolomiti, che si gode dalla grande vetrata. Sembra di toccare il cielo con un dito nel centro benessere panoramico del Romantik Hotel Cappella di Colfosco (BZ), il 5 stelle che offre un panorama privilegiato sulle cime del Sassongher e del gruppo del Sella. Dalle grandi piscine interna ed esterna riscaldate, dalla Sky Room (una delle eleganti sale relax) e dalla sauna, la vista si apre sul paesaggio dolomitico e sugli sciatori che sfrecciano sulle piste della Val Badia. Per entrare in sintonia con la montagna niente di meglio dell’impacco nutriente e rigenerante alla Stella Alpina, 20 minuti, 50 euro.\r\n\r\nÈ un punto di vista unico anche quello offerto dal Romantik Hotel Santer di Dobbiaco (BZ), in Val Pusteria, a poca distanza dai tracciati delle aree più apprezzate delle Dolomiti: Plan de Corones, Cortina e le Dolomiti di Sesto. Qui si respira l’amore per la montagna, che passa dai servizi per lo sci a quelli più rilassanti del centro benessere di circa 3mila mq, tra la piscina interna, le zone relax, la whirlpool, le saune e la piscina esterna panoramica con acqua calda a 36°. Ideale per una pausa rigenerante il massaggio Relax Hot Chrystal con quarzo alla rosa, 50 minuti, 63 euro\r\n\r\n ","post_title":"Romantik Hotels, relax nelle Spa tra le vette maestose delle Dolomiti","post_date":"2022-10-04T09:28:34+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1664875714000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431536","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’Estonia, un mix accattivante di natura, cultura, gastronomia, tecnologia e sostenibilità, si è presentata a Roma e Milano con queste carte vincenti agli operatori e alla stampa specializzata italiana. Con gli occhi puntati in modo particolare sulla capitale Tallinn, Capitale Verde d’Europa nel 2023 e su Tartu, la seconda città estone. Posizionata nel meridione del paese quest'ultima mira in alto per il 2024, puntando a un milione di visitatori quando sarà una delle tre città europee Capitali della Cultura.  \r\n\r\nOttimi i collegamenti tra l’Estonia e l’Italia grazie ai collegamenti Ryanair e Wizz Air con oltre 20 voli settimanali da otto città italiane. E da altre città europee c’è un’ottima scelta di voli operati sia da vettori low cost che di linea. Per molti visitatori è Tallinn il primo punto d’arrivo nel paese baltico, una città Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco che vanta un tessuto urbano medievale attentamente conservato e strutture ricettive in grado di soddisfare ogni esigenza.\r\n\r\nPresenti alle serate italiane Kristina Talisainen, b2b marketing e Kadri Gröön, international media di Visit Estonia insieme ai partner Visit Tartu, Ibis Hotel Tallinn e Eckero Line, compagnia di traghetti che collegano Tallinn e Helsinki.  “Dall’inizio dell’anno fino alla fine di luglio 2022 l’Estonia ha accolto 791.983 visitatori internazionali, e di questi 11.338 erano italiani”, ha sottolineato Kristina Talisaninen. Un’incremento nel numero di visitatori dal Belpaese del 190% rispetto allo spesso periodo del 2021.  Molto apprezzato dagli italiani, ha aggiunto Kadri Gröön, la cucina estone: “Una cucina sostenibile con oltre 31 dei nostri ristoranti inseriti nella prestigiosa Guida Michelin”.\r\n\r\n ","post_title":"Estonia pronta a conquistare il favore dei turisti italiani","post_date":"2022-10-03T13:39:05+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1664804345000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431374","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una strategia vincente quella della Repubblica Dominicana negli ultimi due anni che, dati alla mano, hanno registrato ottimi risultati raggiunti. Le mosse giuste? Investimenti in sicurezza, sul rinnovo del ricettivo e delle infrastrutture, in collaborazione con il privato. Il riconoscimento arriva direttamente dal Wttc, per la migliore gestione della ripresa turistica.\r\n\r\nIn visita a Milano nei giorni scorsi, il ministro del turismo, David Collado, è stato accolto anche da Gabriele Burgio, presidente e ad di Alpitour World, insieme ad Aldo Sarnataro, direttore commerciale di Neos, Pier Ezhaya general manager tour operating di Alpitour e presidente di Astoi, oltre che da Carlo Schiavon, country manger di Costa Crociere.\r\n\r\n“Siamo venuti a riconquistarvi - ha dichiarato il ministro - In 20 anni non era mai successo che un ministro del turismo incontrasse il settore turistico italiano. L’Italia è il sesto mercato più importante per noi e vogliamo che si ricominci da dove siamo rimasti”.\r\n\r\nNel 2019 gli italiani hanno rappresentato il 7% dei visitatori del Vecchio Continente per un totale di 93 mila arrivi e per il 2022 è in previsione il sorpasso. Nel complesso i dati hanno mostrato 110 mila turisti nell’agosto 2020 e 700 mila nell’agosto 2022. Nel dicembre 2021 il recupero era già dell’80% e nonostante la guerra si è giunti a un +120% pre-pandemia.\r\n\r\nI dati parlano di un +7% rispetto ai livelli di pre-pandemia e per il 2022 sono in previsione 7 milioni di turisti complessivi. “Abbiamo aperto al turismo nell’estate del 2020, senza un piano perfetto, ma con il desiderio e la necessità di andare avanti. Il turismo nella Repubblica Dominicana rappresenta il 15% del Pil per un valore di oltre 9 miliardi di dollari. Ci siamo impegnati nella sicurezza e nei protocolli sanitari covid, in un momento in cui neanche le assicurazioni del paese coprivano questa malattia. E' stata lanciata un’assicurazione per la copertura dei turisti e test Pcr covid gratuiti in tutti gli hotel per le richieste di rientro nel proprio Paese\".","post_title":"Repubblica Dominicana avanti tutta. Tornano anche i turisti italiani","post_date":"2022-09-30T09:00:36+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1664528436000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431321","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Anche dopo l’estate continua il trend delle richieste dei tour guidati in Italia, che nel periodo autunnale, oltre alle suggestioni cromatiche di alcuni itinerari come il Trentino, il Chianti e la Val d’Orcia, vede confermate sul sito, sempre aggiornato, numerose date anche per i tour in Puglia, Basilicata e Sicilia. Molte sono infatti le proposte nel calendario autunnale di Boscolo Tours, che per la stagione conferma le partenze dei suoi viaggi guidati nelle destinazioni più richieste nella nostra Penisola, ma anche in Europa e in Medio Oriente.\r\n\r\nNel Vecchio continente i viaggi dei ponti comprendono in particolare percorsi guidati in Francia, Germania e Grecia, quest’ultima con ottime performance in una delle stagioni migliori per pensare di visitare il circuito classico. Per il ponte del primo novembre le richieste si indirizzano su classici come lo short break di quattro giorni a Vienna e le combinazioni della capitale austriaca con Praga e Budapest, o con Salisburgo e Monaco in tour guidati di sette giorni.\r\n\r\nNel medio raggio il booking Boscolo registra ancora una forte richiesta per la destinazione Turchia, con numeri che nel corso della stagione hanno già superato quelli del 2019; il tutto, assieme alla Giordania, altra meta top dai grandi numeri. Le riaperture di Marocco e Egitto, infine, mostrano previsioni promettenti per le partenze dell’ultimo trimestre 2022, in cui il Gran Tour del Marocco e la Crociera sul Nilo sono già tra le prime scelte del periodo delle feste di fine anno.","post_title":"Boscolo conferma le partenze autunnali dei viaggi guidati per Italia, Europa e Medio Oriente","post_date":"2022-09-29T10:19:48+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664446788000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431315","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Brasile corre lungo la rotta della ripresa: lo scorso agosto il numero di arrivi di voli internazionali è stato infatti il più alto mai registrato dall'inizio della pandemia. I dati elaborati da Embratur, segnalano un aumento del 232,35% nella connettività internazionale, rispetto all'agosto 2021.\r\nI voli dall'Europa al Brasile sono 1.045 pari al 23,81% del traffico aereo totale posizionandosi al secondo posto dopo l'America Latina e subito prima del Nord America. In particolare, l'Italia conta il 5,9% dei voli europei verso il Brasile con 18 collegamenti da Milano e 44 da Roma. (dati aggiornati a settembre 2022). \"Questo dimostra che siamo sulla strada giusta e la tendenza è quella di raggiungere il 100% della nostra connettività entro il 2022\", ha dichiarato Silvio Nascimento, presidente di Embratur.\r\nTra le novità, spiccano le rotte e le frequenze che collegano il mondo al Nord-Est del Brasile. Tap Air Portugal prevede il ritorno di due frequenze di volo Lisbona-Salvador, mentre Air Europa prevede di iniziare a operare due nuovi voli e una frequenza aggiuntiva a dicembre sulla rotta Madrid-Salvador de Bahia.\r\nIn parallelo, le entrate del turismo brasiliano sono cresciute del 32% a luglio di quest'anno e hanno già raggiunto il 98% del volume pre-pandemia. Il segmento che ha maggiormente contribuito all'aumento del turismo a luglio è stato il trasporto aereo, cresciuto dell'86,8% rispetto all'anno precedente, seguito dai servizi di alloggio e ristorazione (22%) e dalle attività culturali, ricreative e sportive (18,8%).","post_title":"Il Brasile corre in avanti: aumentano i collegamenti aerei internazionali e le entrate turistiche","post_date":"2022-09-29T10:06:58+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1664446018000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti