29 January 2023

Dolomiti del Südtirol: in Alta Badia l’abbinata vincente gastronomia-sci

[ 0 ]

L’interno dell’ AlpiNN a Plan de Corones

Non vogliamo parlare di ricette né di tendenze. Ma ci piace sapere che nel Sud Tirolo (o Alto Adige che dir si voglia) il cibo ha un valore tale che ad esempio l’Alta Badia ne ha fatto una bandiera con la campagna “Sciare con gusto”, giunta alla X edizione.
L’Alta Badia, 15km quadrati in tutto, vanta un bel record: sei stelle fra i propri ristoranti, sei stelle Michelin. La bandiera di tutto ciò è Norbert Niederkofler con tre stelle, due stelle sono di Matteo Metullio e una stella a Nicola Laera.
Ma è proprio Niederkofler che ha segnato con la propria inventiva e la propria perseveranza la storia gastronomica recente del comprensorio, allargandosi anche a Plan De Corones.

Norbert Niederkofler

Dice di sé Niederkofler: «La natura con le sue meraviglie è sempre stata tra le costanti della mia vita. Fin da bambino ho sempre avuto una curiosità da ribelle, che mi ha spinto a voler esplorare, vedere, capire i come e i perché delle cose. Così da Londra a Zurigo, da Milano a Monaco, fino a New York ho girato il mondo e, tornato fra le mie natie Dolomiti ho lavorato prima a Ciastel Colz per poi approdare al St. Hubertus a San Cassiano in Badia».
30 anni fa è divenuto executive chef di questo “must” e con un processo di presa di coscienza sul come proporre la cucina, soprattutto locale, ha deciso che la sostenibilità sarebbe diventato il principio con cui dare una svolta al suo modo di cucinare.
Di acqua ne è passata sotto i ponti, fino a che nel 2017 la guida Michelin ha censito il Sant’Hubertus di San Cassiano, con queste parole, assegnandogli la terza stella: «L’incontro con questa cucina non è un pasto, ma un’indimenticabile esperienza umana».

L’AlpiNN e il Lumen

Ma fedele al motto che chi si ferma è perduto, N-N (per gli amici e concittadini) ha dato vita ad una nuova avventura, sul “panettone” di Plan De Corones, per coronare un sogno che aveva sempre avuto: un rifugio in quota, un locale sulle piste. Ed ecco nascere l’idea dell’ “AlpiNN”, un Food Space & Restaurant che trova posto all’interno di Lumen, il nuovo Museo della fotografia della montagna, all’interno della dismessa stazione della funivia a 2275 metri. Un affaccio sulle più belle Dolomiti, scenografia mozzafiato che lascia spazio alla vista e ai pensieri per un ambiente accogliente che sa di tradizioni, di terra ma anche di novità. Non è un ristorante in senso classico, ma si posiziona a metà tra standing, dining e lounging , arredato da un altoatesino doc, il designer Martino Gamper.
Ma non solo, nell’ AlpiNN: “Cook the Mountain”, il concetto che ispira la cucina di Niederkofler, che acquista e cucina solo prodotti provenienti dalle valli e possibilmente da giovani produttori per aiutarli ad emergere, ha finalmente trovato casa, in uno spazio che parla di territorio e sostenibilità, dai mobili al menu; un menu alla portata di tutti.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437994 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuova organizzazione interna per i Grandi Viaggi, che presenta un team di product manager inedito, composto per ben cinque sesti da new entry. "Dopo esserci lasciati alle spalle anni tanti difficili – spiega l’amministratore delegato iGv, Corinne Clementi – era giusto ricominciare da una squadra come questa: con grande professionalità e passione". Gabriella Miranda e Federica Ferrara, l'una pm Australia, Nuova Zelanda e isole del Pacifico, l'altra pm Oriente, vantano una lunga esperienza in Australian Travel (20 anni la prima; 11 la seconda). Insieme hanno gestito la responsabilità proprio del prodotto Australia, Nuova Zelanda e isole del Pacifico. L’ultimo incarico prima di iGv di Daniela Pennati, responsabile Giappone, è stato invece in Master Explorer. Per circa due decadi ha pianificato e organizzato viaggi in massima parte nel Nord America, ma anche nel Sud-Est Asiatico, in Australia e nelle isole del Pacifico. Nadia Maggioni, pm Africa sub-equatoriale, viaggia all’estero da quanto ha 18 anni. Ha cooperato con numerosi tour operator, tra cui Gastaldi, Kuoni, Caleidoscopio e Alidays, con un focus particolare sul segmento del lusso. Anche la responsabile prodotto, programmazione e booking oceano Indiano, Emirati Arabi, Medio Oriente, India e Mediterraneo, Paola Omboni, ha lavorato a lungo lontano dall’Italia, principalmente tra Medio Oriente e oceano Indiano. Si è inoltre occupata di programmazione Africa e Oriente presso vari to e incentive house. Cesare Ferrari, storico pm Nord America, rappresenta infine l'unica figura di continuità del team prodotto: in iGv da oltre 30 anni, da 20 è product manager Nord America. Sul numero di Travel Quotidiano in uscita in occasione del prossimo Tove / Bit, il 12 febbraio, verrà pubblicata un'intervista a più voci dedicata a tutto il team prodotto dei Grandi Viaggi [post_title] => iGv rivoluziona il team prodotto: tutte le new entry del to [post_date] => 2023-01-26T11:43:24+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674733404000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437935 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiama Urban Hive Milano il nuovo 4 stelle appena inaugurato nel quartiere meneghino di Brera. Nato dalla ristrutturazione del Carlyle Brera, si tratta di un buotique hotel completamente rinnovato dallo studio di architettura Vudafieri-Saverino Partners. L'albergo racchiude 97 camere e suite distribuite su sette piani e divise in cinque categorie differenti: la Mini per viaggiatori solitari o mini soggiorni, la Cosy da condividere in due, la Grande per la famiglia (letto matrimoniale o due letti singoli, oltre a un ulteriore letto singolo, la Taylor made su misura per ogni cliente, con dispositivi di  qualità e servizi premium personalizzati e infine la Junior suite, la stanza più grande dell’hotel con vista sullo skyline milanese. Disponibili anche diversi spazi di co-working declinati in una visione circolare dell’uso degli ambienti comuni, in modo da valorizzare la superficie per darle differenti destinazioni d’uso nel corso della giornata. Il mezzanino dedicato alle colazioni per esempio, dopo le 11 si trasforma in un coworking space per le startup cittadine. Dal community table della lobby agli shared offices nel mezzanino e nel piano interrato, queste aree comuni sono state pensate per essere uno spazio aperto alla città. Un’area business con tre meeting room completano l’offerta di spazi multifunzionali. Protagonista dell’area wellness è quindi la sala fitness aperta 24 ore su 24. L’Urban Hive offrirà inoltre ai propri clienti che arriveranno in anticipo rispetto all’orario previsto di check-in, un servizio di locker per i bagagli e uno spazio dove poter fare una doccia e rilassarsi. L’offerta food&beverage è infine firmata da Dom Carella, volto noto della scena gastronomica milanese. Protagonista principale della proposta gastronomica è il Portico 84, che condivide l’accesso alla lobby da un lato e quello a corso Garibaldi dall’altro. [post_title] => Dalla rivisitazione dell'ex Carlyle Brera nasce a Milano il nuovo Urban Hive [post_date] => 2023-01-25T13:36:16+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674653776000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437911 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_437915" align="alignleft" width="300"] Lublino[/caption] La Polonia rilancia la scommessa sul mercato Italia per il 2023 con più collegamenti aerei, numerose novità e una ancor più presente attività di formazione al trade. Obiettivo: consolidare i risultati 2019, quando si erano registrati arrivi per oltre 600.000 italiani. “La Polonia è una meta moderna e dinamica, molto apprezzata dagli italiani, che prediligono fra tutto le nostre città d’arte (Cracovia, Varsavia, Danzica e Breslavia fra tutte) – afferma Barbara Minczewa, direttrice dell’Ente nazionale polacco per il turismo in Italia - ma la promozione della destinazione per il 2023 sarà incentrata su una Polonia meno nota, una terra che attrae per il ricco patrimonio storico-culturale ma che deve oggi rivelare al grande pubblico la sua bellezza naturalistica, la biodiversità, le possibilità legate all’outdoor e la squisita offerta gastronomica”. Nei primi 10 mesi del 2022, il numero di pernottamenti dei visitatori italiani non ha ancora raggiunto i dati dello stesso periodo del 2019 (anche se si attestano al 60%), ma con un aumento del +90% se si guarda al 2021. “Sono dati al momento ancora parziali, ma che ci mostrano un trend in crescita, non solo per quanto riguarda il turismo dall’Italia, ma in generale per i flussi provenienti dall’Unione europea”. In calendario incontri di formazione online e fam trip, così da dare ad agenti e operatori l’occasione di approfondire la propria conoscenza sulla destinazione, ma anche la partecipazione a fiere ed eventi insieme ai dmc polacchi. Sul fronte dei collegamenti spiccano i due nuovi per Lublino, città accademica e importante punto di unione fra l’Europa occidentale e quella orientale e, in secondo luogo, il grande ritorno del volo diretto Roma-Danzica. “La nostra forza sta nei numerosi collegamenti aerei che permettono a molti italiani di raggiungere il nostro paese in ogni stagione dell’anno grazie a operativi che consentono di organizzare long weekend oppure di approfittare dei ponti di primavera, per una breve vacanza o, ancora, del periodo delle festività natalizie, quando si svolgono i mercatini di Natale”.   [post_title] => La Polonia scommette sulle mete meno note. Più voli e tanta formazione al trade [post_date] => 2023-01-25T11:11:30+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674645090000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437889 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tre proposte di viaggio, e numerose partenze di gruppo con tour leader professionista, per offrire esperienze multiple e variegate, in una destinazione dal grandissimo potenziale. E' l'Algeria di Shiruq, che ha deciso quest'anno di puntare decisamente sulla più importante meta di archeologia romana al mondo dopo l'Italia.  Un viaggio nel Nord regala in particolare emozioni continue. Tra le meraviglie, Djemila, Timgad e Tipasa, triade archeologica Patrimonio Unesco dal 1982, donano esperienze tra loro molto diverse, complici i panorami che da secoli cullano queste antiche perle d’Africa. La varietà è caratteristica propria anche dell'aspetto naturalistico del Paese, principalmente conosciuto per il suo deserto, erroneamente immaginato come una grande distesa uniforme, assolutamente senza vita e monotona all'occhio del viaggiatore. In realtà il Sahara è capace di mutare in continuazione il suo volto ed è brulicante di vita. Ad alternarsi, infatti, sono vaste depressioni, altopiani che superano i 2 mila metri, tavolati rocciosi, dune di sabbia, pianure pietrose, formazioni vulcaniche e piccole oasi. A sud-est, al confine con la Libia resistono tra le altre cose da millenni pitture rupestri e incisioni, che sono piccoli capolavori dell’arte preistorica. Una menzione speciale va infine ad Algeri, probabilmente la più bella città del Nord Africa: le abitazioni, i palazzi, le moschee formano infatti un'enorme distesa di edifici distribuita su svariate colline. Il colore predominante è il bianco abbinato al blu del mare. La decadenza della casbah si sposa con gli eleganti viali alberati e i signorili palazzi coloniali. Come parte integrante dell’influenza culturale francese non si può tralasciare la gastronomia e le profumatissime panetterie, che sfornano pane caldo a ogni ora del giorno. [post_title] => Shiruq fa rotta sull'Algeria con tre proposte di viaggio [post_date] => 2023-01-25T10:13:43+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674641623000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437864 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => EasyJet punta i riflettori sulla rotta Milano Malpensa-Marrakech: «È una rotta che operiamo dal 2007, una destinazione storica da Malpensa, che ha sempre funzionato molto bene - sottolinea Lorenzo Lagorio, country manager di easyJet Italia -  e che oggi viene proposta con fino a otto frequenze settimanali. Lavoriamo tutto l'anno con un misto di clientela che viaggia per turismo e una grossa componente vfr. Dal 2007 sono stati trasportati in Marocco più di 1,2 milioni di passeggeri italiani: un risultato straordinario che, con l’inizio del 2023, ci ha portato ad aumentare del 48% il numero di posti disponibili rispetto al 2019, l’ultimo anno prima della pandemia». Marrakech offre al viaggiatore il fascino della tradizione e della storia, insieme con la vitalità di una città moderna, spaziosa, sicura e ricca di opportunità per il turista. Le atmosfere del passato e di una cultura millenaria sono nella Medina, la città antica dove il minareto della Moschea della Koutoubia si innalza sulla vasta piazza Jemaa el-Fna, brulicante a tutte le ore di venditori, piena del suono delle percussioni berbere, di cibi speziati e di incantatori di serpenti. Proprio nella Medina si può riscoprire il passato nelle testimonianze raccolte al Museo delle Confluenze, allestito nel palazzo del pascià – e il tradizionale Hammam Les Bains du Lotus – per sperimentare i locali riti dell’acqua e un intenso massaggio. E poi il raffinato palazzo del Moroccan Culinary Arts Museum, per cucinare i piatti della tradizione marocchina. Dalle porte che si aprono nelle mura si diramano eleganti viali dove si trovano hotel raffinati e pieni di tradizione (Jadali Hotel & Spa) e ristoranti in design dalla proposta gastronomica locale, pieni di musica, raffinati e accoglienti (Dar Rhizlane, Nouba, Lotus Garden). A Marrakech si trova anche un museo dedicato allo stilista Yves Saint Laurent, che qui, a fianco degli incantevoli Giardini Majorelle, visse per lunghi periodi a partire dal 1966 e mise i colori del Marocco nelle sue creazioni. Nell’antica capitale del paese c’è spazio anche per il lifestyle e il lusso di M Street, la strada pensata da Nebile Slitine che ospita un centro culturale interattivo, eventi artistici, ristoranti cosmopoliti e hotel di design. E Marrakech è anche avventura e sport: un volo in mongolfiera per ammirare nel silenzio il sorgere del sole (Marrakech Dream Ballooning). Un the nel deserto al tramonto nell’esclusivo Yeswacamp Bivouac e nelle sue tende/stanze affascinanti e colorate. Oppure un’escursione in mountain-bike a partire dal parco avventura Terres d'Amanar, presso Agafay, per scoprire le pendici della catena dell’Atlante.  [gallery ids="437868,437865,437866,437867,437869,437870"] [post_title] => Il Marocco di easyJet: viaggio a Marrakech fra passato e futuro [post_date] => 2023-01-25T09:15:09+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674638109000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437741 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La città ungherese di Veszprém, insieme alla regione di Bakony-Balaton, entra nel 2023 con il titolo di nuova Capitale Europea della cultura (ECoC): dallo scorso 21 gennaio ha ufficialmente preso  il via al calendario di eventi in programma per tutto l'anno, con uno street festival accompagnato dalla gastronomia locale e musica dal vivo. I programmi, organizzati da Veb 2023, saranno raggruppati per campi culturali (musica, teatro, arte, danza, vino e gastronomia) e cluster, che inquadreranno le principali ambizioni di questa regione. I 9 cluster coprono tematiche diverse ma nello stesso tempo affini: Music/City, che sintetizza l’intenzione degli organizzatori di fare di Veszprem la città con il maggior numero di musicisti e cantanti di tutta l’Ungheria, oppure Region, alive che punta i riflettori sulle aree meno conosciute della regione; altro tema importante è quello di Fragile Balaton per diffondere e salvaguardare la storia e l’importanza del lago più grande d’Europa con il suo ecosistema e quello della zona circostante, e ancora, sempre legato al paesaggio e all’ambiente, Reflection per immergersi nell’identità, nell’essenza e nelle origini del Paese. La tematica sociale è molto presente: l’interconnessione tra persone e la cultura della convivenza è evidenziata anche con il cluster Bridges che mira a costruire ponti tra la città e la regione, tra la novità e la tradizione. Veszprém – Balaton 2023 non dimentica però il divertimento e la scoperta. I tre clusters The busy world of Veszprém, Out-of-the-Ordinary e Celebration investono sulla creatività dei giovani, sul rinnovamento degli spazi come sedi per l’arte e la connessione tra uomo e natura e sulla creazione di eventi per attirare e creare connessioni locali e internazionali. Infine, Beyond per strutturare un programma culturale che va oltre questo particolare riconoscimento, in modo da creare una base sicura per l'intensa e innovativa comunità di Veszprém e della regione per continuare a crescere e svilupparsi. I programmi si svolgeranno in concomitanza con il 200° anniversario dell'"Inno" di Ferenc Kölcsey, il poema che ispira l’inno nazionale ungherese. Veszprém offrirà un'ampia gamma di celebrazioni il 22 gennaio, Giornata della cultura ungherese. I festeggiamenti comprenderanno prime teatrali e spettacoli per i giovani. [post_title] => Ungheria: un anno di eventi per celebrare Veszprém-Balaton Capitale europea della cultura [post_date] => 2023-01-23T10:47:37+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674470857000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437660 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo lo Splendido Mare nel 2021 a Portofino è questa la volta per il gruppo Belmond di pensare allo Splendido. Icona della località ligure fin dagli anni Cinquanta del secolo scorso, la struttura andrà incontro a un progressivo rifacimento  in più fasi curato dallo studio d’architettura Martin Brudnizki Design Studio, con la prima parte che verrà completata già il prossimo giugno. “Lo Splendido è una vero gioiello. Il nostro approccio al progetto di ristrutturazione è stato quindi simile a quello di un ritrattista, per un'operazione incentrata sull'edificio e che è tanto un restauro, quanto un ringiovanimento - spiega lo stesso Martin Brudnizki. Nell'arco di diversi anni, il team dello studio omonimo intraprenderà un meticoloso restauro dell'ex monastero benedettino del sedicesimo secolo. In occasione di ogni riapertura estiva, l'hotel svelerà nuovi spazi, con il primo debutto ufficiale a giugno 2023. Questa prima fase comprenderà una nuova area piscina e una nuova esperienza culinaria in una villa familiare presso il ristorante The Pool Grill, oltre al restyling completo della suite Baronessa. Me le novità 2023 di Belmond riguardano anche il treno Simplon-Orient Express che a partire dal prossimo dicembre viaggeranno lungo itinerari inediti tra le Alpi francesi, fino alle stazioni di Albertville, Moûtiers e Bourg-Saint-Maurice, ma soprattutto con la possibilità di accedere agli impianti sciistici di Megève e Mont Blanc, Courchevel e le Tre valli, e Tignes-Val d’Isère. Infine a Rio de Janeiro, in Brasile, il Copacabana Palace celebrerà il proprio centenario con un programma di eventi ad hoc chiamato #100doCopa, che includerà tra gli altri il celebre ballo di carnevale a febbraio, nonché appuntamenti con illustri guest-chef ed eventi speciali per brindare alla storia dell’hotel e al suo futuro. [post_title] => Belmond ristruttura lo Splendido di Portofino. Novità anche a Rio e per il Simplon-Orient Express [post_date] => 2023-01-20T10:52:14+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674211934000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437568 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Condor Airlines ha completato il trasferimento delle proprie operazioni dal Terminal 1 al Termnal 7 dell'aeroporto di New York Jfk: la compagnia leisure tedesca sarà così nello stesso terminal del vettore partner Alaska Airlines e più vicina all'altro partner statunitense, JetBlue (operativo dal T6), quando aprirà nel 2025. Ad oggi Condor collega New York Jfk con voli diretti da Francoforte quattro volte a settimana (lunedì, giovedì, venerdì, sabato) e, a partire da maggio, opererà un servizio giornaliero. I voli sono in coincidenza con i collegamenti di Alaska Airlines e JetBlue.  Gli avvicinamenti dall'Italia a Francoforte sono garantiti da Lufthansa ed Air Dolomiti. [post_title] => Condor Airlines: completato il trasferimento al T7 del Jfk di New York [post_date] => 2023-01-19T09:00:40+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674118840000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437460 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_437462" align="alignleft" width="294"] Da sinistra, Federico Scriboni e Giancarlo Mulinelli[/caption] Aeromexico dà ufficialmente il via al conto alla rovescia verso il 26 marzo, data di apertura della nuova rotta diretta tra Roma Fiumicino e Mexico City. E lo fa dal cuore di Milano, nell'esclusiva location del Bulgari Hotel, a sottolineare una volta di più quanto il collegamento rappresenterà un'opportunità per tutta l'Italia non soltanto per lo scalo romano. Quattro frequenze alla settimana, che saliranno a cinque dal 1° giugno per poi diventare giornaliere dal 15 giugno e fino al 15 settembre - una vera e propria escalation di capacità quella immessa sulla rotta, considerata "l'elevatissima domanda, confermata dal booking appena partite le vendite - dichiara Giancarlo Mulinelli, svp global sales di Aeromexico -, addirittura già al 60% senza ancora il point of sale italiano, aperto successivamente". E gli orari, partenza dall’Italia alle 23.15 come pure l'arrivo in Messico alle 15.15, garantiscono la possibilità di connessione da una parte con gli aeroporti nel nostro Paese "grazie all'accordo commerciale con Ita Airways, e anche con alcuni scali europei", dall'altra i proseguimenti verso il network domestico di Aeromexico (42 destinazioni) nonché verso mete in Nord, Centro e Sud America. Elevate dunque le attese di traffico dal mercato italiano dove il vettore stima un "corretto mix di segmenti di clientela, in primis quello business considerato l'elevato numero di aziende italiane che operano in Messico, oltre a quello Vfr e naturalmente alla componente leisure". Su questo fronte il manager sottolinea l'importanza del trade con cui il vettore "ha un rapporto win-win: in Italia come anche a livello globale la percentuale di vendite transate dalle agenzie è significativa, oltre il 50% del totale. Abbiamo inoltre già instaurato contatti con tutti i principali tour operator che programmano la destinazione Messico. Importante, in questa fase così come lo è stato nei mesi scorsi, l'ascolto reciproco per comprendere al meglio in quale direzione muoverci". Inoltre, "da non sottovalutare il traffico crocieristico con il vicino porto di Civitavecchia - osserva Pasquale Speranza, sales director Europe & Asia -, che costituirà un richiamo importante per i flussi incoming dal Messico". Sulla rotta sarà impiegato un Boeing 787-8 Dreamliner, così come sulle altre rotte europee servite dalla compagnia: "I collegamenti Messico-Europa (oltre a Roma ci sono Madrid, Amsterdam, Londra e Parigi) saranno 56 alla settimana, per un aumento di oltre il +20% rispetto all'estate del 2022". [caption id="attachment_437463" align="alignright" width="219"] Georgina Rosaura Marina Robles[/caption] A tracciare i contorni del traffico Italia-Messico è Federico Scriboni, head of aviation business development di Aeroporti di Roma: "Nel 2019 il traffico Italia-Messico totalizzava oltre 220.000 passeggeri, immaginiamo ora con il collegamento diretto a quanto si potrà arrivare!". Complessivamente, tra gennaio e novembre 2022 "gli arrivi italiani in Messico sono stati circa 106.400 - aggiunge Georgina Rosaura Marina Roble, console aggiunta al Consolato Generale del Messico a Milano -, dato che posiziona l'Italia al 14° posto per numero di visitatori in Messico. Ora, il nuovo volo è un'opportunità per stringere ulteriormente il legame tra i due paesi - molto affini per cultura, gastronomia e popolazione -, un invito a scoprire nuove destinazioni, oltre Cancun".   [post_title] => Lo scatto di Aeromexico sulla Roma-Mexico City [post_date] => 2023-01-17T14:17:32+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673965052000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "dolomiti del sudtirol val badia labbinata vincente gastronomia sci" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":59,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":614,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437994","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuova organizzazione interna per i Grandi Viaggi, che presenta un team di product manager inedito, composto per ben cinque sesti da new entry. \"Dopo esserci lasciati alle spalle anni tanti difficili – spiega l’amministratore delegato iGv, Corinne Clementi – era giusto ricominciare da una squadra come questa: con grande professionalità e passione\".\r\n\r\nGabriella Miranda e Federica Ferrara, l'una pm Australia, Nuova Zelanda e isole del Pacifico, l'altra pm Oriente, vantano una lunga esperienza in Australian Travel (20 anni la prima; 11 la seconda). Insieme hanno gestito la responsabilità proprio del prodotto Australia, Nuova Zelanda e isole del Pacifico. L’ultimo incarico prima di iGv di Daniela Pennati, responsabile Giappone, è stato invece in Master Explorer. Per circa due decadi ha pianificato e organizzato viaggi in massima parte nel Nord America, ma anche nel Sud-Est Asiatico, in Australia e nelle isole del Pacifico.\r\n\r\nNadia Maggioni, pm Africa sub-equatoriale, viaggia all’estero da quanto ha 18 anni. Ha cooperato con numerosi tour operator, tra cui Gastaldi, Kuoni, Caleidoscopio e Alidays, con un focus particolare sul segmento del lusso. Anche la responsabile prodotto, programmazione e booking oceano Indiano, Emirati Arabi, Medio Oriente, India e Mediterraneo, Paola Omboni, ha lavorato a lungo lontano dall’Italia, principalmente tra Medio Oriente e oceano Indiano. Si è inoltre occupata di programmazione Africa e Oriente presso vari to e incentive house. Cesare Ferrari, storico pm Nord America, rappresenta infine l'unica figura di continuità del team prodotto: in iGv da oltre 30 anni, da 20 è product manager Nord America.\r\n\r\nSul numero di Travel Quotidiano in uscita in occasione del prossimo Tove / Bit, il 12 febbraio, verrà pubblicata un'intervista a più voci dedicata a tutto il team prodotto dei Grandi Viaggi","post_title":"iGv rivoluziona il team prodotto: tutte le new entry del to","post_date":"2023-01-26T11:43:24+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1674733404000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437935","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiama Urban Hive Milano il nuovo 4 stelle appena inaugurato nel quartiere meneghino di Brera. Nato dalla ristrutturazione del Carlyle Brera, si tratta di un buotique hotel completamente rinnovato dallo studio di architettura Vudafieri-Saverino Partners. L'albergo racchiude 97 camere e suite distribuite su sette piani e divise in cinque categorie differenti: la Mini per viaggiatori solitari o mini soggiorni, la Cosy da condividere in due, la Grande per la famiglia (letto matrimoniale o due letti singoli, oltre a un ulteriore letto singolo, la Taylor made su misura per ogni cliente, con dispositivi di  qualità e servizi premium personalizzati e infine la Junior suite, la stanza più grande dell’hotel con vista sullo skyline milanese.\r\n\r\nDisponibili anche diversi spazi di co-working declinati in una visione circolare dell’uso degli ambienti comuni, in modo da valorizzare la superficie per darle differenti destinazioni d’uso nel corso della giornata. Il mezzanino dedicato alle colazioni per esempio, dopo le 11 si trasforma in un coworking space per le startup cittadine. Dal community table della lobby agli shared offices nel mezzanino e nel piano interrato, queste aree comuni sono state pensate per essere uno spazio aperto alla città. Un’area business con tre meeting room completano l’offerta di spazi multifunzionali.\r\n\r\nProtagonista dell’area wellness è quindi la sala fitness aperta 24 ore su 24. L’Urban Hive offrirà inoltre ai propri clienti che arriveranno in anticipo rispetto all’orario previsto di check-in, un servizio di locker per i bagagli e uno spazio dove poter fare una doccia e rilassarsi. L’offerta food&beverage è infine firmata da Dom Carella, volto noto della scena gastronomica milanese. Protagonista principale della proposta gastronomica è il Portico 84, che condivide l’accesso alla lobby da un lato e quello a corso Garibaldi dall’altro.","post_title":"Dalla rivisitazione dell'ex Carlyle Brera nasce a Milano il nuovo Urban Hive","post_date":"2023-01-25T13:36:16+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674653776000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437911","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_437915\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Lublino[/caption]\r\n\r\nLa Polonia rilancia la scommessa sul mercato Italia per il 2023 con più collegamenti aerei, numerose novità e una ancor più presente attività di formazione al trade. Obiettivo: consolidare i risultati 2019, quando si erano registrati arrivi per oltre 600.000 italiani.\r\n\r\n“La Polonia è una meta moderna e dinamica, molto apprezzata dagli italiani, che prediligono fra tutto le nostre città d’arte (Cracovia, Varsavia, Danzica e Breslavia fra tutte) – afferma Barbara Minczewa, direttrice dell’Ente nazionale polacco per il turismo in Italia - ma la promozione della destinazione per il 2023 sarà incentrata su una Polonia meno nota, una terra che attrae per il ricco patrimonio storico-culturale ma che deve oggi rivelare al grande pubblico la sua bellezza naturalistica, la biodiversità, le possibilità legate all’outdoor e la squisita offerta gastronomica”.\r\n\r\nNei primi 10 mesi del 2022, il numero di pernottamenti dei visitatori italiani non ha ancora raggiunto i dati dello stesso periodo del 2019 (anche se si attestano al 60%), ma con un aumento del +90% se si guarda al 2021. “Sono dati al momento ancora parziali, ma che ci mostrano un trend in crescita, non solo per quanto riguarda il turismo dall’Italia, ma in generale per i flussi provenienti dall’Unione europea”.\r\n\r\nIn calendario incontri di formazione online e fam trip, così da dare ad agenti e operatori l’occasione di approfondire la propria conoscenza sulla destinazione, ma anche la partecipazione a fiere ed eventi insieme ai dmc polacchi.\r\n\r\nSul fronte dei collegamenti spiccano i due nuovi per Lublino, città accademica e importante punto di unione fra l’Europa occidentale e quella orientale e, in secondo luogo, il grande ritorno del volo diretto Roma-Danzica. “La nostra forza sta nei numerosi collegamenti aerei che permettono a molti italiani di raggiungere il nostro paese in ogni stagione dell’anno grazie a operativi che consentono di organizzare long weekend oppure di approfittare dei ponti di primavera, per una breve vacanza o, ancora, del periodo delle festività natalizie, quando si svolgono i mercatini di Natale”.\r\n\r\n ","post_title":"La Polonia scommette sulle mete meno note. Più voli e tanta formazione al trade","post_date":"2023-01-25T11:11:30+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1674645090000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437889","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tre proposte di viaggio, e numerose partenze di gruppo con tour leader professionista, per offrire esperienze multiple e variegate, in una destinazione dal grandissimo potenziale. E' l'Algeria di Shiruq, che ha deciso quest'anno di puntare decisamente sulla più importante meta di archeologia romana al mondo dopo l'Italia.  Un viaggio nel Nord regala in particolare emozioni continue. Tra le meraviglie, Djemila, Timgad e Tipasa, triade archeologica Patrimonio Unesco dal 1982, donano esperienze tra loro molto diverse, complici i panorami che da secoli cullano queste antiche perle d’Africa.\r\n\r\nLa varietà è caratteristica propria anche dell'aspetto naturalistico del Paese, principalmente conosciuto per il suo deserto, erroneamente immaginato come una grande distesa uniforme, assolutamente senza vita e monotona all'occhio del viaggiatore. In realtà il Sahara è capace di mutare in continuazione il suo volto ed è brulicante di vita. Ad alternarsi, infatti, sono vaste depressioni, altopiani che superano i 2 mila metri, tavolati rocciosi, dune di sabbia, pianure pietrose, formazioni vulcaniche e piccole oasi. A sud-est, al confine con la Libia resistono tra le altre cose da millenni pitture rupestri e incisioni, che sono piccoli capolavori dell’arte preistorica.\r\n\r\nUna menzione speciale va infine ad Algeri, probabilmente la più bella città del Nord Africa: le abitazioni, i palazzi, le moschee formano infatti un'enorme distesa di edifici distribuita su svariate colline. Il colore predominante è il bianco abbinato al blu del mare. La decadenza della casbah si sposa con gli eleganti viali alberati e i signorili palazzi coloniali. Come parte integrante dell’influenza culturale francese non si può tralasciare la gastronomia e le profumatissime panetterie, che sfornano pane caldo a ogni ora del giorno.","post_title":"Shiruq fa rotta sull'Algeria con tre proposte di viaggio","post_date":"2023-01-25T10:13:43+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674641623000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437864","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"EasyJet punta i riflettori sulla rotta Milano Malpensa-Marrakech: «È una rotta che operiamo dal 2007, una destinazione storica da Malpensa, che ha sempre funzionato molto bene - sottolinea Lorenzo Lagorio, country manager di easyJet Italia -  e che oggi viene proposta con fino a otto frequenze settimanali. Lavoriamo tutto l'anno con un misto di clientela che viaggia per turismo e una grossa componente vfr. Dal 2007 sono stati trasportati in Marocco più di 1,2 milioni di passeggeri italiani: un risultato straordinario che, con l’inizio del 2023, ci ha portato ad aumentare del 48% il numero di posti disponibili rispetto al 2019, l’ultimo anno prima della pandemia».\r\n\r\nMarrakech offre al viaggiatore il fascino della tradizione e della storia, insieme con la vitalità di una città moderna, spaziosa, sicura e ricca di opportunità per il turista. Le atmosfere del passato e di una cultura millenaria sono nella Medina, la città antica dove il minareto della Moschea della Koutoubia si innalza sulla vasta piazza Jemaa el-Fna, brulicante a tutte le ore di venditori, piena del suono delle percussioni berbere, di cibi speziati e di incantatori di serpenti. Proprio nella Medina si può riscoprire il passato nelle testimonianze raccolte al Museo delle Confluenze, allestito nel palazzo del pascià – e il tradizionale Hammam Les Bains du Lotus – per sperimentare i locali riti dell’acqua e un intenso massaggio. E poi il raffinato palazzo del Moroccan Culinary Arts Museum, per cucinare i piatti della tradizione marocchina. Dalle porte che si aprono nelle mura si diramano eleganti viali dove si trovano hotel raffinati e pieni di tradizione (Jadali Hotel & Spa) e ristoranti in design dalla proposta gastronomica locale, pieni di musica, raffinati e accoglienti (Dar Rhizlane, Nouba, Lotus Garden).\r\n\r\nA Marrakech si trova anche un museo dedicato allo stilista Yves Saint Laurent, che qui, a fianco degli incantevoli Giardini Majorelle, visse per lunghi periodi a partire dal 1966 e mise i colori del Marocco nelle sue creazioni. Nell’antica capitale del paese c’è spazio anche per il lifestyle e il lusso di M Street, la strada pensata da Nebile Slitine che ospita un centro culturale interattivo, eventi artistici, ristoranti cosmopoliti e hotel di design. E Marrakech è anche avventura e sport: un volo in mongolfiera per ammirare nel silenzio il sorgere del sole (Marrakech Dream Ballooning). Un the nel deserto al tramonto nell’esclusivo Yeswacamp Bivouac e nelle sue tende/stanze affascinanti e colorate. Oppure un’escursione in mountain-bike a partire dal parco avventura Terres d'Amanar, presso Agafay, per scoprire le pendici della catena dell’Atlante. \r\n\r\n[gallery ids=\"437868,437865,437866,437867,437869,437870\"]","post_title":"Il Marocco di easyJet: viaggio a Marrakech fra passato e futuro","post_date":"2023-01-25T09:15:09+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1674638109000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437741","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La città ungherese di Veszprém, insieme alla regione di Bakony-Balaton, entra nel 2023 con il titolo di nuova Capitale Europea della cultura (ECoC): dallo scorso 21 gennaio ha ufficialmente preso  il via al calendario di eventi in programma per tutto l'anno, con uno street festival accompagnato dalla gastronomia locale e musica dal vivo.\r\nI programmi, organizzati da Veb 2023, saranno raggruppati per campi culturali (musica, teatro, arte, danza, vino e gastronomia) e cluster, che inquadreranno le principali ambizioni di questa regione. I 9 cluster coprono tematiche diverse ma nello stesso tempo affini: Music/City, che sintetizza l’intenzione degli organizzatori di fare di Veszprem la città con il maggior numero di musicisti e cantanti di tutta l’Ungheria, oppure Region, alive che punta i riflettori sulle aree meno conosciute della regione; altro tema importante è quello di Fragile Balaton per diffondere e salvaguardare la storia e l’importanza del lago più grande d’Europa con il suo ecosistema e quello della zona circostante, e ancora, sempre legato al paesaggio e all’ambiente, Reflection per immergersi nell’identità, nell’essenza e nelle origini del Paese. La tematica sociale è molto presente: l’interconnessione tra persone e la cultura della convivenza è evidenziata anche con il cluster Bridges che mira a costruire ponti tra la città e la regione, tra la novità e la tradizione.\r\nVeszprém – Balaton 2023 non dimentica però il divertimento e la scoperta. I tre clusters The busy world of Veszprém, Out-of-the-Ordinary e Celebration investono sulla creatività dei giovani, sul rinnovamento degli spazi come sedi per l’arte e la connessione tra uomo e natura e sulla creazione di eventi per attirare e creare connessioni locali e internazionali. Infine, Beyond per strutturare un programma culturale che va oltre questo particolare riconoscimento, in modo da creare una base sicura per l'intensa e innovativa comunità di Veszprém e della regione per continuare a crescere e svilupparsi.\r\nI programmi si svolgeranno in concomitanza con il 200° anniversario dell'\"Inno\" di Ferenc Kölcsey, il poema che ispira l’inno nazionale ungherese. Veszprém offrirà un'ampia gamma di celebrazioni il 22 gennaio, Giornata della cultura ungherese. I festeggiamenti comprenderanno prime teatrali e spettacoli per i giovani.","post_title":"Ungheria: un anno di eventi per celebrare Veszprém-Balaton Capitale europea della cultura","post_date":"2023-01-23T10:47:37+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1674470857000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437660","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo lo Splendido Mare nel 2021 a Portofino è questa la volta per il gruppo Belmond di pensare allo Splendido. Icona della località ligure fin dagli anni Cinquanta del secolo scorso, la struttura andrà incontro a un progressivo rifacimento  in più fasi curato dallo studio d’architettura Martin Brudnizki Design Studio, con la prima parte che verrà completata già il prossimo giugno.\r\n\r\n“Lo Splendido è una vero gioiello. Il nostro approccio al progetto di ristrutturazione è stato quindi simile a quello di un ritrattista, per un'operazione incentrata sull'edificio e che è tanto un restauro, quanto un ringiovanimento - spiega lo stesso Martin Brudnizki. Nell'arco di diversi anni, il team dello studio omonimo intraprenderà un meticoloso restauro dell'ex monastero benedettino del sedicesimo secolo. In occasione di ogni riapertura estiva, l'hotel svelerà nuovi spazi, con il primo debutto ufficiale a giugno 2023. Questa prima fase comprenderà una nuova area piscina e una nuova esperienza culinaria in una villa familiare presso il ristorante The Pool Grill, oltre al restyling completo della suite Baronessa.\r\n\r\nMe le novità 2023 di Belmond riguardano anche il treno Simplon-Orient Express che a partire dal prossimo dicembre viaggeranno lungo itinerari inediti tra le Alpi francesi, fino alle stazioni di Albertville, Moûtiers e Bourg-Saint-Maurice, ma soprattutto con la possibilità di accedere agli impianti sciistici di Megève e Mont Blanc, Courchevel e le Tre valli, e Tignes-Val d’Isère.\r\n\r\nInfine a Rio de Janeiro, in Brasile, il Copacabana Palace celebrerà il proprio centenario con un programma di eventi ad hoc chiamato #100doCopa, che includerà tra gli altri il celebre ballo di carnevale a febbraio, nonché appuntamenti con illustri guest-chef ed eventi speciali per brindare alla storia dell’hotel e al suo futuro.","post_title":"Belmond ristruttura lo Splendido di Portofino. Novità anche a Rio e per il Simplon-Orient Express","post_date":"2023-01-20T10:52:14+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674211934000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437568","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Condor Airlines ha completato il trasferimento delle proprie operazioni dal Terminal 1 al Termnal 7 dell'aeroporto di New York Jfk: la compagnia leisure tedesca sarà così nello stesso terminal del vettore partner Alaska Airlines e più vicina all'altro partner statunitense, JetBlue (operativo dal T6), quando aprirà nel 2025.\r\n\r\nAd oggi Condor collega New York Jfk con voli diretti da Francoforte quattro volte a settimana (lunedì, giovedì, venerdì, sabato) e, a partire da maggio, opererà un servizio giornaliero. I voli sono in coincidenza con i collegamenti di Alaska Airlines e JetBlue. \r\n\r\nGli avvicinamenti dall'Italia a Francoforte sono garantiti da Lufthansa ed Air Dolomiti.","post_title":"Condor Airlines: completato il trasferimento al T7 del Jfk di New York","post_date":"2023-01-19T09:00:40+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674118840000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437460","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_437462\" align=\"alignleft\" width=\"294\"] Da sinistra, Federico Scriboni e Giancarlo Mulinelli[/caption]\r\n\r\nAeromexico dà ufficialmente il via al conto alla rovescia verso il 26 marzo, data di apertura della nuova rotta diretta tra Roma Fiumicino e Mexico City. E lo fa dal cuore di Milano, nell'esclusiva location del Bulgari Hotel, a sottolineare una volta di più quanto il collegamento rappresenterà un'opportunità per tutta l'Italia non soltanto per lo scalo romano.\r\n\r\nQuattro frequenze alla settimana, che saliranno a cinque dal 1° giugno per poi diventare giornaliere dal 15 giugno e fino al 15 settembre - una vera e propria escalation di capacità quella immessa sulla rotta, considerata \"l'elevatissima domanda, confermata dal booking appena partite le vendite - dichiara Giancarlo Mulinelli, svp global sales di Aeromexico -, addirittura già al 60% senza ancora il point of sale italiano, aperto successivamente\". E gli orari, partenza dall’Italia alle 23.15 come pure l'arrivo in Messico alle 15.15, garantiscono la possibilità di connessione da una parte con gli aeroporti nel nostro Paese \"grazie all'accordo commerciale con Ita Airways, e anche con alcuni scali europei\", dall'altra i proseguimenti verso il network domestico di Aeromexico (42 destinazioni) nonché verso mete in Nord, Centro e Sud America.\r\n\r\nElevate dunque le attese di traffico dal mercato italiano dove il vettore stima un \"corretto mix di segmenti di clientela, in primis quello business considerato l'elevato numero di aziende italiane che operano in Messico, oltre a quello Vfr e naturalmente alla componente leisure\". Su questo fronte il manager sottolinea l'importanza del trade con cui il vettore \"ha un rapporto win-win: in Italia come anche a livello globale la percentuale di vendite transate dalle agenzie è significativa, oltre il 50% del totale. Abbiamo inoltre già instaurato contatti con tutti i principali tour operator che programmano la destinazione Messico. Importante, in questa fase così come lo è stato nei mesi scorsi, l'ascolto reciproco per comprendere al meglio in quale direzione muoverci\". Inoltre, \"da non sottovalutare il traffico crocieristico con il vicino porto di Civitavecchia - osserva Pasquale Speranza, sales director Europe & Asia -, che costituirà un richiamo importante per i flussi incoming dal Messico\".\r\n\r\nSulla rotta sarà impiegato un Boeing 787-8 Dreamliner, così come sulle altre rotte europee servite dalla compagnia: \"I collegamenti Messico-Europa (oltre a Roma ci sono Madrid, Amsterdam, Londra e Parigi) saranno 56 alla settimana, per un aumento di oltre il +20% rispetto all'estate del 2022\".\r\n\r\n[caption id=\"attachment_437463\" align=\"alignright\" width=\"219\"] Georgina Rosaura Marina Robles[/caption]\r\n\r\nA tracciare i contorni del traffico Italia-Messico è Federico Scriboni, head of aviation business development di Aeroporti di Roma: \"Nel 2019 il traffico Italia-Messico totalizzava oltre 220.000 passeggeri, immaginiamo ora con il collegamento diretto a quanto si potrà arrivare!\". Complessivamente, tra gennaio e novembre 2022 \"gli arrivi italiani in Messico sono stati circa 106.400 - aggiunge Georgina Rosaura Marina Roble, console aggiunta al Consolato Generale del Messico a Milano -, dato che posiziona l'Italia al 14° posto per numero di visitatori in Messico. Ora, il nuovo volo è un'opportunità per stringere ulteriormente il legame tra i due paesi - molto affini per cultura, gastronomia e popolazione -, un invito a scoprire nuove destinazioni, oltre Cancun\".\r\n\r\n ","post_title":"Lo scatto di Aeromexico sulla Roma-Mexico City","post_date":"2023-01-17T14:17:32+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1673965052000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti