7 December 2022

Alta Badia e Nos Ladins-Noi Latini, una rassegna per vivere il territorio da vero local

[ 0 ]

Foto Alex Moling

L’Alta Badia, nel cuore delle Dolomiti Patrimonio Mondiale Unesco, è un luogo autentico, ricco di cultura e tradizioni millenarie, che contraddistinguono i ladini, gli abitanti di queste terre. Il progetto Nos Ladins – Noi Ladini mira ad avvicinare il turista alle tradizioni e al modo di vivere locale.

La rassegna Nos Ladins – Noi Ladini dà la possibilità a chi frequenta l’Alta Badia, di svolgere delle attività insieme alle persone che abitano in queste terre. I protagonisti indiscussi del progetto sono accomunati da una profonda passione innata per i luoghi, dove sono nati e cresciuti. Moltissimi gli appuntamenti

Passare qualche ora con Nikolas, giovane panettiere locale significa scoprire il mondo della panificazione da un punto di vista molto privilegiato. Nikolas svelerà ai partecipanti alcuni segreti delle sue preparazioni, dalla tipica puccia, ai vari tipi di pane che vengono portati a tavola in Alta Badia. Questi gli appuntamenti che si svolgono nel panificio di famiglia: 2 febbraio e 23 marzo 2022.

L’appuntamento con Betty, energica donna e giovane mamma è previsto per il 30 marzo in un tipico maso della valle. Il pomeriggio è riservato alla decorazione delle uova di Pasqua, attività che in tutte le valli ladine è molto diffusa e sentita. L’appuntamento è dedicato non solo agli adulti, ma anche ai bambini.

Due appuntamenti da non perdere per chi ama lo sci alpinismo e ammirare il sorgere del sole in mezzo ad uno scenario spettacolare come quello dolomitico. I partecipanti agli appuntamenti del 19 gennaio e del 16 marzo 2022 saranno accompagnati da Roman, esperta guida alpina locale.

Il 9 febbraio e il 2 marzo sarà possibile scoprire e degustare, insieme alla giovane sommelier Kristin, alcuni tra i migliori vini dell’Alto Adige e qualche grappa locale. Le degustazioni si svolgeranno all’interno di un’antica cantina, che regalerà un’atmosfera tipica e autentica.

Norbert è un maestro nella preparazione e sciolinatura degli sci. Farà vedere e provare come si dispongono e allestiscono gli sci presso un noleggio dell’Alta Badia. Norbert esegue il suo lavoro con attenzione al dettaglio, dalla sciolinatura all’affilatura delle lame. Inoltre, Norbert renderà perfetti anche gli sci di chi partecipa all’appuntamento con lui il 9 marzo 2022. 

Ogni sera, dopo la chiusura delle piste, i numerosi gatti delle nevi si mettono all’opera per garantire piste preparate alla perfezione per il giorno dopo. Quello del gattista è un mestiere non facile, ma sicuramente molto appassionante. Provare l’ebrezza di salire su un gatto delle nevi e di preparare una pista da sci è sicuramente un’emozione unica, che può essere vissuta insieme a Julia e Daniel, nelle serate del 17 febbraio e del 3 marzo 2022.

Sciare con qualcuno del posto, che conosce ogni curva percorribile con gli sci, che racconta le storie dei luoghi e delle persone che li vivono o li hanno vissuti, che sa descrivere la bellezza dell’ambiente da un punto di vista particolare è un’esperienza che va oltre l’ora fatta con il maestro di sci. Ogni appuntamento si svolgerà con un insider diverso, in luoghi differenti. Questi gli appuntamenti: 26 gennaio, 3 e 10 febbraio, 17 e 24 marzo. La prenotazione è obbligatoria presso gli Uffici Turistici dell’Alta Badia.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435484 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una delegazione del Parco Alpi Liguri, tra cui il presidente del Parco Alessandro Alessandri, i sindaci di Triora Massimo Di Fazio, di Pigna Roberto Trutalli e di Rezzo Renato Adorno, assieme a 4 aziende turistiche del territorio e agli operatori del Parco Alpi Liguri e della Regione Liguria, hanno fatto visita al Parlamento Europeo in occasione della cerimonia di premiazione formale del prestigioso riconoscimento della CETS Carta Europea del Turismo Sostenibile, ottenuta dal Parco nel 2021. L’evento, organizzato dalla Europarc Federation, ha visto insignire i Parchi europei che hanno ottenuto il marchio tra il 2020 ed il 2022. Il marchio ottenuto è per il Parco un importante traguardo internazionale che certifica una virtuosa gestione del territorio in ambito turistico ed ambientale e consente l’ingresso nella rete di destinazioni sostenibili a livello internazionale. Il risultato raggiunto rappresenta un primato in quanto il Parco naturale regionale delle Alpi Liguri è il primo parco regionale in Liguria ad averla ottenuta. «La Regione Liguria e il Parco delle Alpi Liguri - spiega il vice presidente della Regione con delega ai Parchi Alessandro Piana - per due giorni a Bruxelles al Parlamento Europeo hanno celebrato un momento importante nel percorso di ottenimento della certificazione della Carta Europea del Turismo Sostenibile. Un percorso realizzato grazie ai fondi del progetto transfrontaliero Alcotra Piter Alpimed Patrim e ai tavoli della governance del progetto PITEM MITO - Dalle Alpi al Mare: la terra dell’Outdoor tra Italia e Francia. Un impegno concreto capace di parlare alle comunità legate alle proprie tradizioni, di simboleggiare quell'Europa che finanzia e supporta processi economici innovativi, sostenibili anche nei territori più piccoli. Un esempio di coesione, collaborazione, partecipazione, rete». «Il Parco naturale regionale delle Alpi Liguri - ha sottolineato il Presidente Alessandri - ha una grande vocazione internazionale, una grande voglia di crescere e fare squadra per conservare e sviluppare il territorio. Sono orgoglioso del risultato ottenuto che voglio condividere con tutti i collaboratori e gli uffici del Parco, che ringrazio, e con i colleghi sindaci. Aver conseguito la Carta europea del turismo sostenibile vuol dire offrire una ulteriore garanzia di qualità a turisti e visitatori, considerata la grande attenzione spesa per il turismo che rispetta l’ambiente e le comunità locali». [post_title] => Parco Alpi Liguri, con il riconoscimento della CETS l’ingresso nella rete delle destinazioni sostenibili [post_date] => 2022-12-07T09:54:33+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670406873000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435167 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo la chiusura della 14ma edizione, BTO- Be Travel Online annuncia le prossime date: sempre a Firenze, alla Stazione Leopolda, il 22 e 23 novembre 2023. Ancora da scoprire i focus del programma del prossimo anno, che arriverà sulla scia del successo della edizione 2022, che ha visto complessivamente oltre 13mila accessi e ha raggiunto sui social 500mila persone con i contenuti creati sui panel degli oltre 320 relatori intervenuti.  Il metaturismo non è mai in competizione con il viaggio Il metaverso, vero protagonista dell'edizione 2022 di BTO è "un'evoluzione, più che una rivoluzione. Ed è un'opportunità, più che una problematica da affrontare", ha chiarito in apertura Francesco Tapinassi, direttore scientifico della manifestazione. Si tratta di una realtà coinvolgerà non solo il mondo del turismo ma anche quello del lavoro, della formazione, dell'entertainment. Secondo Tapinassi,  "il metaturismo modificherà i modelli di fruizione delle informazioni e delle esperienze digitali di ognuno, anche dei turisti, mettendo in chiaro cosa siamo davvero in grado di offrire". Non un nemico del turismo, quindi, bensì una leva, una nuova opportunità per aumentare la competitività della destinazione e dell'offerta turistica. "Il metaturismo non sarà mai una realtà capace di sostituire l'esperienza reale e umana: non esiste una virtualizzazione delle sensazioni capace di proporsi come alternativa all'esperienza vissuta - chiarisce Tapinassi -. La partita si giocherà in una nuova interfaccia uomo-macchina che renderà possibile per un viaggiatore avere molte più informazioni di prima, sperimentare prima di viaggiare alcune esperienze, accedere a percorsi di scelta più trasparenti ma senza creare competizione con il viaggio vero e proprio".   [gallery ids="435565,435564,435563"] Gli altri focus dell'edizione 2022 Una delle tendenza su cui BTO ha acceso i riflettori è sicuramente il nomadismo digitale: un mercato in forte crescita che sta cambiando l'approccio dei player del settore. Le stime arrivano dall’Associazione Italiana Nomadi Digitali – ETS, presieduta da Alberto Mattei, e parlano di 35 milioni di nomadi digitali e un reddito pro capite medio di 1800 dollari al mese: se fosse uno Stato quello dei nomadi digitali sarebbe il 41/esimo al mondo e il 38/esimo più ricco. I driver che guidano la scelta della meta oggi sono la sostenibilità, l’esperienza enogastronomica e il posizionamento sul web. Il 52% degli italiani infatti dichiara di prenotare le proprie vacanze online, e la scelta della meta turistica avviene in maniera prevalente sui siti istituzionali (36%), sui blog e sui forum di viaggi (33%) e sui social (13%). Secondo una ricerca presentata in esclusiva alla 14/esima edizione di BTO da Ipsos, l’enogastronomia cresce tra le motivazioni che guidano la scelta della meta (25%) ed è una prerogativa soprattutto per chi opta per una vacanza in Italia. Il nostro Paese mantiene la quarta posizione a livello mondiale come brand, risultato di un mix tra bellezza naturale, qualità della vita, ma anche affidabilità. Anche l’export si conferma come elemento che genera attrazione turistica.   Il fenomeno Great Resignation Un altro fenomeno che è stato analizzato è quello del Great Resignation, ossia il progressivo aumento del numero di dimissioni dei lavoratori dal proprio impiego, che sta segnando anche il comparto del turismo. Come emerso dalla presentazione di Monica Lasaponara, Escape Coach, nel corso del panel “Il tempo contro-verso”, l'85% delle persone nel mondo non è soddisfatto del proprio lavoro. La percentuale italiana è del 94%: nel nostro Paese per tre lavoratori su quattro il lavoro significa ansia e stress. Tra i settori più colpiti c’è proprio quello del turismo: si cerca un miglior equilibrio tra vita privata e professionale. Lo studio di Intesa Sanpaolo conferma il dato: il turismo è il settore in cui si fa più fatica a trovare professionisti.   [post_title] => BTO: i focus della 14ma edizione e le nuove date del 2023 [post_date] => 2022-12-06T14:59:05+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie [1] => senza-categoria ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie [1] => Senza categoria ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670338745000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435422 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435430" align="alignleft" width="300"] I protagonisti del fam trip del 7-14 novembre[/caption] Doppio fam trip per Azemar alle Maldive, con focus sui resort a marchio proprietario Cocoon Collection, nonché sulle strutture Sun Siyam. "In entrambi i casi abbiamo avuto il piacere di volare Emirates e di soggiornare nei due nostri meravigliosi resort, il Cocoon Maldives e lo You&Me Maldives - racconta il key account, Loris Giusti - Per quanto riguarda le soluzioni Sun Siyam, nel viaggio del 7-14 novembre abbiamo poi avuto la possibilità di provare il nuovissimo Siyam World, con l'opportunità di visitare la vicina isola Sun Siyam Iru Fushi, mentre durante il fam trip del 21-28 novembre siamo stati all'Iru Veli, con visita all'isola Sun Siyam Vilu Reef. Nel complesso tutti gli agenti di viaggio coinvolti sono rimasti entusiasti dalla bellezza dei resort visitati". Nel dettaglio, al viaggio del 7-14 novembre hanno partecipato Chiara Ciresa dell’Enterprise Viaggi di Lecco, Mara Vicentini della Jojoba Tour di Saronno, Maria Grazia Fazari della Farfalla Viaggi di Torino, Elisa Valentini della Cocoon Travels di Todi, Erika Facchin della Salvanstours di Azzano Decimo, Giulia Moleri del le Petit Atelier du Voyage di Palazzolo sull’Oglio, Monica Bozzetto della Farold Viaggi di Motta di Livenza, Nadia Porrini della Italvie di Teramo, Valeria Negrini della Pevero Viaggi di Cento e Simone Schena della Savio e Simone di Bari. Al fam trip 21-28 novembre erano invece presenti Elena Catta della Roxteam Viaggi di Bergamo, Eugenia Colombo della Camuna Viaggi di San Giorgio su Legnano, Nicoletta Zarulli della Rose Line Viaggi di La Spezia, Anastasia Cirulli della P3 Trips di Anagni, Marinella Alvisi del Salotto del Viaggio di Bologna, MariaGrazia Gargiulo della Aritur di Napoli, Emilia Giorgi della Teem Viaggi di Napoli, Francesco Nania della Pianamondo Viaggi di Taurianova, [caption id="attachment_435431" align="alignright" width="300"] E quelli del viaggio del 21-28 novembre[/caption] Vincenzo Santangelo della Volare Together di Palermo, Luigi Lanotte della a Proposito di Viaggi di Bisceglie ed Enrico Baldini della Zoom in Earth di San Miniato. Nel primo caso, insieme a Loris Giusti, che ha viaggiato su entrambe le date, ad accompagnare il gruppo c'era anche il neoacquisto di casa Azemar, Franco Baroni, area sales Emilia-Romagna, Marche e San Marino.   [post_title] => Azemar: doppio fam trip alle Maldive. Protagonisti i resort Cocoon Collection e Sun Siyam [post_date] => 2022-12-05T12:58:43+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670245123000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435383 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Solo 15 tende di lusso circondate da 19 ettari di foresta sul bordo di una penisola privata. Ha aperto i propri battenti giovedì scorso a Punta Mita, in Messico, il primo resort adults-only griffato Four Seasons nelle Americhe, nonché la struttura di debutto del nuovo format Naviva, La proprietà è stata concepita con l'obiettivo di dialogare con la natura, per creare un ambiente che promuova la comunità, la crescita personale e l'apprezzamento per il patrimonio locale. Secondo i parametri del design biofilico e della biomimetica, il mondo naturale è l'influenza trainante per le soluzioni di design. La bellezza naturale del Messico è stata quindi la fonte d'ispirazione principale di Luxury Frontiers nel concepire Naviva: studio di design pluripremiato con una radicata expertise nel settore delle soluzioni residenziali alternative, ha puntato a fare in modo che tutte le forme dell'edificio, il design degli interni e le esperienze degli ospiti si rifacessero a un fenomeno naturale. Il team ha inoltre collaborato con artisti, artigiani e produttori messicani durante tutto il processo di progettazione e costruzione, non solo per sostenere le imprese locali, ma anche per creare spazi con un legame autentico con la cultura messicana. Tra gli elementi di spicco figurano i mobili personalizzati di Taracea e Baufaktory, le opere d'arte di Emma Boomkamp, i giochi in legno di recupero di Rasttro e i tessuti di Anora Casa. Naviva dispone inoltre di due spa nascoste nella foresta, un temazcal, una terrazza sulla scogliera, una palestra all'aperto e tanti sentieri immersi nella natura. Ogni area promuove la connessione con l’ambiente, nei suoi aspetti tangibili e intangibili. Il temazcal la Casa del Calore invita in particolare a un viaggio personalizzato guidato da un curandero dedicato, per produrre un risveglio mente-corpo. Gli ospiti possono scegliere tra diverse aree di interesse, come la gratitudine o la devozione, per guidare la loro esperienza. Gli ospiti di Naviva potranno anche scoprire esperienze di benessere radicate nell'ambiente presso la Risco terrace, dove le pratiche di yoga includono vinyasas e flussi ristorativi, nonché la Mar gym all'aperto con vista sul Pacifico, dove gli allenamenti di forza incorporano formazioni esistenti come massi e alberi. [post_title] => Naviva by Four Seasons: 15 tende di lusso per un soggiorno olistico nella natura messicana [post_date] => 2022-12-05T10:24:37+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670235877000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435309 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gli incendi devastano l’ambiente e modificano anche il paesaggio naturalistico, creando evidenti problemi anche all’offerta turistica di una determinata zona. Il castello del Montiferru, conosciuto come Casteddu Etzu, si trova nel territorio di Cuglieri (Oristano), paese alle pendici dei rilievi del Montiferru, che a causa dell’incendio del 23, 24 e 25 luglio 2021 ha subito una delle più grandi catastrofi ambientali in Italia. Sono andati distrutti circa 12.000 ettari tra bosco e oliveti, che vantavano una tradizione plurisecolare, oltre ad esemplari millenari di oleastri, lecci, corbezzoli e impianti datati che risalivano a oltre 500 anni, divorati dalle fiamme. Un’area di 12.000 mq a Cuglieri, in provincia di Oristano, è stata protagonista di un importante intervento di rigenerazione ambientale, con l’obiettivo di rispristinare il patrimonio naturalistico locale andato distrutto a causa del grave incendio che più di un anno fa ha devastato il territorio in quest’area. Un intervento che rientra nell’iniziativa “Le città che respirano” di Nespresso, nata per sostenere e valorizzare il patrimonio ambientale e paesaggistico italiano e intervenire in aree bisognose da un punto di vista di tutela, ripristino ambientale e sostegno del patrimonio naturalistico italiano. L’intervento di tutela ambientale realizzato con il progetto di Nespresso è stato quindi volto al recupero dell’area pubblica e alla pulizia del percorso di accesso al manufatto medievale. Alle pendici del maniero e nella parte di accesso allo stesso, si è provveduto alla ripulitura delle zone bruciate e al recupero delle piante sopravvissute alle fiamme, in particolare alcune ceppaie di leccio. Si è poi proceduto contestualmente alla messa a dimora di oltre 400 piante per ri-naturalizzare l’area. «L’intervento che ha coinvolto Cuglieri dimostra che anche i territori dei paesi più piccoli, colpiti da immani catastrofi ambientali come è capitato a noi lo scorso anno, riescono a conquistare la solidarietà di associazioni e aziende, come Nespresso, sensibili alla rigenerazione di boschi, oliveti, pascoli e siti dal forte legame affettivo con i residenti – spiega il sindaco di Cuglieri, Andrea Loche - Casteddu Etzu rappresenta un luogo simbolo di questi territori e delle persone che, con le loro migliaia di storie di vita, li hanno vissuti fin dai secoli più lontani. Il progetto di bonifica dell’area e di ripristino rappresenta per le comunità locali un momento di recupero importante che fa bene alla nostra terra e allo straordinario paesaggio che dalle montagne ci accompagna fino al mare». «L’intervento di ripristino ambientale che abbiamo portato avanti a Cuglieri - aggiunge Silvia Totaro, Sustainability Manager di Nespresso Italiana - ci rende molto orgogliosi e rappresenta per noi la concretizzazione del nostro impegno per tutelare territorio e ambiente e del nostro approccio alla cura, che portiamo avanti attraverso il programma “Nespresso per l’Italia”. Il progetto di rinaturalizzazione che abbiamo presentato oggi è solo l’ultimo di una serie di azioni che abbiamo intrapreso lungo tutto lo Stivale attraverso “Le città che respirano” e con cui vogliamo continuare a portare più verde in Italia, allo stesso tempo difendendo le aree colpite, come quella di Cuglieri, e restituendole alla collettività. Una responsabilità per portare avanti un business responsabile che da sempre è il fulcro del nostro modo di operare e che ci ha portato quest’anno a ottenere la certificazione B Corp e a trasformarci in Italia in Società Benefit». Il progetto “Le città che respirano”, lanciato nel 2020 da Nespresso, rientra nell’iniziativa “Mosaico Verde”, la grande campagna nazionale di forestazione di aree urbane ed extraurbane e tutela di boschi ideata e promossa da AzzeroCO2 e Legambiente per coinvolgere aziende ed enti pubblici con l’obiettivo di restituire valore al territorio e contrastare i cambiamenti climatici. [post_title] => Sardegna, il progetto Le Città che Respirano per valorizzare Cuglieri devastata dall’incendio del 2021 [post_date] => 2022-12-02T10:35:10+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669977310000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435294 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un nuovo experience museo dedicato ai 5 sensi, il primo in Italia. Nell’ambito delle iniziative che celebrano i 30 anni dalla nascita dell’area Area Porto Antico e dell’Acquario di Genova apre al pubblico in una nuova location, sotto l’Acquario di Genova, e in una veste completamente rinnovata La Città dei Bambini e dei Ragazzi. 2.000 mq di spazio espositivo con oltre 40 exhibit dove i bambini e i ragazzi da 2 a 12 anni, insieme a genitori o altri adulti accompagnatori, possono compiere un vero e proprio viaggio alla scoperta di sé e del mondo attraverso l’esperienza diretta. Costa Edutainment e Porto Antico di Genova hanno affidato la progettazione, la produzione e la direzione artistica dell’experience museum a Filmmaster Events, azienda italiana leader nell’ideazione e produzione di grandi eventi, live show e cerimonie con oltre 40 anni di storia alle spalle – che è stata partner del progetto “La Città dei Bambini e dei Ragazzi” fin dalla definizione del suo concept innovativo. «Si tratta di un grande lavoro di squadra – commenta Beppe Costa, presidente Costa Edutainment – tra il Comune di Genova, la Porto Antico e noi di Costa Edutainment, motivo di orgoglio per tutta la città. Un tassello in più per l’attrattività di Genova, non più città per vecchi. Il nuovo Museo sarà curato, grazie ad iniziative e un programma ben definito, per crescere di anno in anno». Un’intera area – Splash – è espressamente dedicata alla fascia 2-4 anni come luogo protetto dove muoversi e imparare divertendosi in libertà. Altre quattro aree dedicate ai sensi – una sala per l’udito, una per il tatto, una per gusto e olfatto e una per la vista - propongono installazioni adatte a tutti, bambini, ragazzi e adulti, con vari gradi di complessità e obiettivi di apprendimento a seconda della fascia di età dei fruitori. L’esperienza di approfondimento proposta in ogni sala viene anticipata da portali di grande impatto scenografico – Megastereo, Tuttotatto, Per tutti i gusti, Occhio ragazzi! - che costituiscono exhibit interattivi che introducono di volta in volta i visitatori al tema. La “Casa in costruzione”, una delle installazioni più apprezzate già nella precedente Città dei bambini, è inserita in un contesto dedicato alla città sostenibile, in cui bambini possono giocare muniti di caschetto e giubbino da cantiere. Le installazioni, a seconda del tema presentato, propongono una fruizione singola, a coppie o a piccoli gruppi. Sono inoltre presenti un’area didattica, dove si possono svolgere i laboratori per le scuole, e un’area dedicata a feste di compleanno ed eventi privati. Un percorso esperienziale che utilizza tatto, vista, udito, olfatto e gusto come strumento per trasmettere conoscenze e divertirsi, attivando nei bambini e nei ragazzi un processo di educazione permanente e trasferendo alle nuove generazioni uno spirito critico rispetto agli stimoli loro forniti. Per celebrare l’apertura del nuovo spazio espositivo, dal 2 dicembre 2022 al 9 gennaio 2023 la visita sarà arricchita dai “Science snack”, animazioni sviluppate in collaborazione con il Festival della Scienza adatte alle diverse fasce di età che approfondiranno di volta in volta temi diversi in maniera coinvolgente e divertente. Il palinsesto prevede appuntamenti pomeridiani nei giorni feriali e appuntamenti in tutte le fasce di visita nei giorni festivi e nel periodo natalizio. I “Science snack”, compresi nella visita, hanno una durata di 20 minuti circa. Il trasferimento della struttura sotto l’Acquario persegue tre obiettivi importanti: la valorizzazione di una eccellenza della città, la sinergia anche logistica con una delle più importanti attrazioni del nostro Paese rivolte ai giovanissimi e, sotto il profilo della vivibilità della città, la riqualificazione dell’area di ponente del Porto Antico. Il nuovo experience museum è una struttura in continua evoluzione che proporrà di anno in anno nuovi spazi, exhibit e proposte didattiche, fornendo sempre nuovi spunti di visita e contribuendo all’attrattività di Genova per il pubblico di famiglie e scuole. La nuova Città dei Bambini e dei Ragazzi ha ricevuto il patrocinio di: AIRC Fondazione AIRC per la ricerca sul cancro ETS; Associazione Festival della Scienza; CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche; IIT Istituto Italiano di Tecnologia; Opera Nazionale Montessori. L’operazione di rinnovamento riguarda anche il logo che è stato ridisegnato in chiave moderna. Il nuovo logo capitalizza il nome ed eredita segni dal passato, ma si esprime con colori accesi e forme addolcite. Il pay-off, “experience museum”, è l’evoluzione del precedente  “gioco, scienza e tecnologia”. L’investimento per la realizzazione è di quasi 5 milioni di Euro, equamente ripartiti tra i due partner Porto Antico di Genova SpA e Costa Edutainment SpA.   [post_title] => Genova, una nuova veste per la Città dei Bambini e dei Ragazzi, experience museo [post_date] => 2022-12-02T10:15:32+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669976132000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435295 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il settore tour & activity torna a crescere nell'industria dei viaggi e l'Italia rappresenta un mercato fondamentale per la ripresa. A confermare la tendenza è Civitatis, azienda spagnola operativa nell’organizzazione di attività ed escursioni, in occasione del suo roadshow organizzato a Roma nel teatro di palazzo Santa Chiara, per incontrare le agenzie di viaggio e per promuovere le affiliazioni b2b . Per l'impresa iberica, l'Italia si posiziona come secondo mercato ed è al centro degli investimenti per il 2023 con l'obiettivo di crescere ancora di più. "Puntiamo sul prodotto in lingua locale, a lavorare con un unico fornitore e a non duplicare le nostre proposte. Possiamo offrire i prodotti collaudati e top seller come il tour in Vaticano o nelle città d'arte, ma anche esperienza particolari come le gite in barca, in mongolfiera e su tour nei piccoli borghi, proposte di lusso, andando così incontro a tutti i target di clientela - ha spiegato Veronica De Iscar, direttore commerciale b2b Civitatis -. Inoltre, abbiamo notato che il viaggiatore post- pandemia ha mantenuto la sua voglia di viaggiare e di fare esperienza senza timori come prima. Proseguiamo la nostra strategia multicanale ma soprattutto intendiamo incrementare i rapporti con le agenzie italiane anche con eventi dedicati come partecipazione a fiere o incontri di formazione". Al momento Civitatis può contare su un network di agenzie in Italia che è cresciuto del 27% rispetto al 2021 e che conta a oggi più di 5 mila punti vendita tra adv indipendenti, network e affiliati di diversa tipologia. "Queste collaborazioni ci stanno permettendo di ampliare in modo rapido ed efficace la nostra presenza in Italia; resta fondamentale spostarci in direzione del b2b, che rappresenta una parte importante del fatturato - conferma Angelica Benedetti, account manager Italy per le agenzie di viaggio -. Tra i nostri punti di forza c'è la trasparenza delle tariffe, che permette margini adeguati, l’assistenza h24, una vasta offerta di visite e tour guidati, nonché l'accesso alle statistiche e ai dati sulla piattaforma". Sul fronte del trade Civitatis raccoglie, in generale, circa 17 mila adv e organizza oltre 72 mila attività in 3.500 mete in 140 Paesi. I numeri sono anche supportati dalle numerose proposte nel catalogo: le attività presenti in Italia nelle cinque lingue disponibili sono aumentate del 150 % dopo la pandemia, mentre il catalogo delle proposte in italiano presenti in tutto il mondo è aumentato del 239 %. Nel corso del 2022, a livello globale sono stati registrati oltre 600 mila clienti al mese e sono stati superati i 6,5 milioni a chiusura anno; a questi dati si aggiungono le recensioni positive con un punteggio medio di 9,4. Le cifre sono state illustrate anche da Alex Mazzola, global b2b & travel agencies department manager e Maria Saviano, affiliate account manager. [post_title] => Civitatis: Italia al centro degli investimenti 2023. Offerta già a +150% nel dopo pandemia [post_date] => 2022-12-02T10:10:22+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669975822000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435263 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435265" align="alignleft" width="300"] L'assessore regionale al turismo del Piemonte, Vittoria Poggio[/caption] Il consuntivo turistico delle regioni italiane volge al positivo. Anche in Piemonte le presenze di turisti sono aumentate quest'anno del 45% rispetto al 2021, con un incremento che arriva all'84% degli stranieri.  È quanto riferito dall'assessore regionale al turismo, Vittoria Poggio, illustrando in Terza commissione il Def 2023-2025 relativo alle materie di sua competenza. Oltre al turismo, l'assessore ha trattato il tema del commercio, parlando del sostegno ai centri commerciali naturali e della revisione della normativa sui locali che somministrano cibi e bevande e sui distributori di carburante. Dopo di lei sono intervenuti, per le loro deleghe, l'assessore all'Ambiente Matteo Marnati che ha annunciato la pubblicazione, a breve, di alcuni bandi, per le imprese e per i Comuni, sul tema del risparmio energetico, in particolare sull'uso dell'idrogeno, e l'assessore al Bilancio Andrea Tronzano. Nella sua relazione su Cooperative e Artigianato ha sottolineato che la Regione intende sviluppare la base produttiva e aiutare le nuove imprese con un miglioramento dell'accesso al credito, il rafforzamento del capitale sociale delle cooperative, l'incremento delle competenze e la digitalizzazione dei procedimenti amministrativi. [post_title] => Piemonte: crescita turistica del 45% rispetto al 2021 [post_date] => 2022-12-02T08:51:51+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669971111000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435004 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435008" align="alignleft" width="300"] Il citizenM Miami World Center[/caption] In attesa del debutto romano, previsto per il 2023, prosegue la crescita di citizenM a livello globale, con tre nuove aperture già in calendario nel corso del primo semestre del prossimo anno. A seguire ci sarà anche l'approdo a Dublino, nonché ulteriori sviluppi a Londra (quinto hotel), Miami (terzo hotel), Boston (secondo hotel), Washington (terzo hotel) e a Menlo Park, con un progetto per il campus di Facebook. Il numero delle strutture della compagnia presenti in tutto il mondo è raddoppiato dal 2018 e i piani di espansione prevedono un rafforzamento del brand in città strategiche del Nord America e dell’Europa, per raggiungere il numero di 40 hotel operativi entro il 2024. Ma ecco i dettagli delle prossime tre new entry: Prevista per la primavera del 2023, con il citizenM Paris Opera la compagnia  arriverà a cinque strutture nella Ville Lumière. Il nuovo hotel sarà una proprietà più intima rispetto alle altre, con 84 camere. Situato in rue du Croissant, si trova a pochi minuti a piedi dalla famosa Opera ed è stata realizzato in collaborazione con Concrete Amsterdam. La struttura aprirà nel secondo trimestre e sarà dotata anche di due sale riunioni societyM, una canteenM aperta 24/7 e una serie di opere d’arte di artisti locali, tra cui Amélie Bertrand. Il citizenM Miami World Center seguirà a inizio 2023 l’apertura del Miami Brickell avvenuta lo scorso luglio e sarà il secondo indirizzo del brand presso la destinazione della Florida. Inserito in un vivace contesto di shopping, servizi per l’intrattenimento e l’ospitalità, l’hotel è stato realizzato sempre in collaborazione con Concrete Amsterdam e sarà situato in una posizione centrale nel cuore commerciale e finanziario della città. L'edificio si contraddistinguerà per la presenza di una serie di opere scultoree collocate sulla facciata e realizzate da FriendsWithYou: l’iniziativa artistica con sede a Los Angeles nata dalla collaborazione tra Samuel Borkson e Arturo Sandoval III, noti per il loro lavoro con artisti del calibro di Pharrell Williams e Diplo. La proprità offrirà 351 camere, una facciata arricchita dalle opere d’arte di FriendsWithYou, una serie di opere di Katherine Bernhardt e Ajarb Bernard Ategwa, quattro sale riunioni societyM, una palestra, nonché una piscina e bar sul tetto. Previsto nell'estate del 2023, il citizenM Austin Downtown sarà la primo struttura del gruppo nella località texana. Sviluppato in collaborazione con Turnbridge Equities, il grattacielo di 17 piani ospiterà un hotel di 344 camere caratterizzato dal design che contraddistingue il brand in tutto il mondo, grazie alla collaborazione con lo studio Concrete di Amsterdam. Gli interni dell'hotel trarranno ispirazione dalla comunità locale, con un mix eclettico di arte contemporanea e oggetti di artisti locali. Il citizenM Austin Downtown sarà inoltre dotato di una piscina sul tetto, di un'area bar, progettata dall'artista Poni (Hilda Palafox), di una canteenM aperta 24/7 e di una palestra.     [post_title] => In attesa di Roma, saranno Parigi, Miami e Austin le prossime new entry griffate citizenM [post_date] => 2022-11-29T10:28:36+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669717716000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "alta badia nos ladins latini rassegna vivere territorio vero local" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":48,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":755,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435484","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una delegazione del Parco Alpi Liguri, tra cui il presidente del Parco Alessandro Alessandri, i sindaci di Triora Massimo Di Fazio, di Pigna Roberto Trutalli e di Rezzo Renato Adorno, assieme a 4 aziende turistiche del territorio e agli operatori del Parco Alpi Liguri e della Regione Liguria, hanno fatto visita al Parlamento Europeo in occasione della cerimonia di premiazione formale del prestigioso riconoscimento della CETS Carta Europea del Turismo Sostenibile, ottenuta dal Parco nel 2021. L’evento, organizzato dalla Europarc Federation, ha visto insignire i Parchi europei che hanno ottenuto il marchio tra il 2020 ed il 2022.\r\n\r\nIl marchio ottenuto è per il Parco un importante traguardo internazionale che certifica una virtuosa gestione del territorio in ambito turistico ed ambientale e consente l’ingresso nella rete di destinazioni sostenibili a livello internazionale. Il risultato raggiunto rappresenta un primato in quanto il Parco naturale regionale delle Alpi Liguri è il primo parco regionale in Liguria ad averla ottenuta.\r\n\r\n«La Regione Liguria e il Parco delle Alpi Liguri - spiega il vice presidente della Regione con delega ai Parchi Alessandro Piana - per due giorni a Bruxelles al Parlamento Europeo hanno celebrato un momento importante nel percorso di ottenimento della certificazione della Carta Europea del Turismo Sostenibile. Un percorso realizzato grazie ai fondi del progetto transfrontaliero Alcotra Piter Alpimed Patrim e ai tavoli della governance del progetto PITEM MITO - Dalle Alpi al Mare: la terra dell’Outdoor tra Italia e Francia. Un impegno concreto capace di parlare alle comunità legate alle proprie tradizioni, di simboleggiare quell'Europa che finanzia e supporta processi economici innovativi, sostenibili anche nei territori più piccoli. Un esempio di coesione, collaborazione, partecipazione, rete».\r\n\r\n«Il Parco naturale regionale delle Alpi Liguri - ha sottolineato il Presidente Alessandri - ha una grande vocazione internazionale, una grande voglia di crescere e fare squadra per conservare e sviluppare il territorio. Sono orgoglioso del risultato ottenuto che voglio condividere con tutti i collaboratori e gli uffici del Parco, che ringrazio, e con i colleghi sindaci. Aver conseguito la Carta europea del turismo sostenibile vuol dire offrire una ulteriore garanzia di qualità a turisti e visitatori, considerata la grande attenzione spesa per il turismo che rispetta l’ambiente e le comunità locali».","post_title":"Parco Alpi Liguri, con il riconoscimento della CETS l’ingresso nella rete delle destinazioni sostenibili","post_date":"2022-12-07T09:54:33+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1670406873000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435167","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo la chiusura della 14ma edizione, BTO- Be Travel Online annuncia le prossime date: sempre a Firenze, alla Stazione Leopolda, il 22 e 23 novembre 2023.\r\nAncora da scoprire i focus del programma del prossimo anno, che arriverà sulla scia del successo della edizione 2022, che ha visto complessivamente oltre 13mila accessi e ha raggiunto sui social 500mila persone con i contenuti creati sui panel degli oltre 320 relatori intervenuti. \r\n\r\nIl metaturismo non è mai in competizione con il viaggio\r\n\r\nIl metaverso, vero protagonista dell'edizione 2022 di BTO è \"un'evoluzione, più che una rivoluzione. Ed è un'opportunità, più che una problematica da affrontare\", ha chiarito in apertura Francesco Tapinassi, direttore scientifico della manifestazione.\r\n\r\nSi tratta di una realtà coinvolgerà non solo il mondo del turismo ma anche quello del lavoro, della formazione, dell'entertainment. Secondo Tapinassi,  \"il metaturismo modificherà i modelli di fruizione delle informazioni e delle esperienze digitali di ognuno, anche dei turisti, mettendo in chiaro cosa siamo davvero in grado di offrire\".\r\n\r\nNon un nemico del turismo, quindi, bensì una leva, una nuova opportunità per aumentare la competitività della destinazione e dell'offerta turistica.\r\n\"Il metaturismo non sarà mai una realtà capace di sostituire l'esperienza reale e umana: non esiste una virtualizzazione delle sensazioni capace di proporsi come alternativa all'esperienza vissuta - chiarisce Tapinassi -. La partita si giocherà in una nuova interfaccia uomo-macchina che renderà possibile per un viaggiatore avere molte più informazioni di prima, sperimentare prima di viaggiare alcune esperienze, accedere a percorsi di scelta più trasparenti ma senza creare competizione con il viaggio vero e proprio\".\r\n\r\n \r\n\r\n[gallery ids=\"435565,435564,435563\"]\r\n\r\nGli altri focus dell'edizione 2022\r\n\r\nUna delle tendenza su cui BTO ha acceso i riflettori è sicuramente il nomadismo digitale: un mercato in forte crescita che sta cambiando l'approccio dei player del settore.\r\n\r\nLe stime arrivano dall’Associazione Italiana Nomadi Digitali – ETS, presieduta da Alberto Mattei, e parlano di 35 milioni di nomadi digitali e un reddito pro capite medio di 1800 dollari al mese: se fosse uno Stato quello dei nomadi digitali sarebbe il 41/esimo al mondo e il 38/esimo più ricco.\r\n\r\nI driver che guidano la scelta della meta oggi sono la sostenibilità, l’esperienza enogastronomica e il posizionamento sul web. Il 52% degli italiani infatti dichiara di prenotare le proprie vacanze online, e la scelta della meta turistica avviene in maniera prevalente sui siti istituzionali (36%), sui blog e sui forum di viaggi (33%) e sui social (13%).\r\n\r\nSecondo una ricerca presentata in esclusiva alla 14/esima edizione di BTO da Ipsos, l’enogastronomia cresce tra le motivazioni che guidano la scelta della meta (25%) ed è una prerogativa soprattutto per chi opta per una vacanza in Italia. Il nostro Paese mantiene la quarta posizione a livello mondiale come brand, risultato di un mix tra bellezza naturale, qualità della vita, ma anche affidabilità. Anche l’export si conferma come elemento che genera attrazione turistica.\r\n\r\n \r\n\r\nIl fenomeno Great Resignation\r\n\r\nUn altro fenomeno che è stato analizzato è quello del Great Resignation, ossia il progressivo aumento del numero di dimissioni dei lavoratori dal proprio impiego, che sta segnando anche il comparto del turismo. Come emerso dalla presentazione di Monica Lasaponara, Escape Coach, nel corso del panel “Il tempo contro-verso”, l'85% delle persone nel mondo non è soddisfatto del proprio lavoro. La percentuale italiana è del 94%: nel nostro Paese per tre lavoratori su quattro il lavoro significa ansia e stress. Tra i settori più colpiti c’è proprio quello del turismo: si cerca un miglior equilibrio tra vita privata e professionale. Lo studio di Intesa Sanpaolo conferma il dato: il turismo è il settore in cui si fa più fatica a trovare professionisti.\r\n\r\n ","post_title":"BTO: i focus della 14ma edizione e le nuove date del 2023","post_date":"2022-12-06T14:59:05+00:00","category":["mercato_e_tecnologie","senza-categoria"],"category_name":["Mercato e tecnologie","Senza categoria"],"post_tag":[]},"sort":[1670338745000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435422","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435430\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] I protagonisti del fam trip del 7-14 novembre[/caption]\r\n\r\nDoppio fam trip per Azemar alle Maldive, con focus sui resort a marchio proprietario Cocoon Collection, nonché sulle strutture Sun Siyam. \"In entrambi i casi abbiamo avuto il piacere di volare Emirates e di soggiornare nei due nostri meravigliosi resort, il Cocoon Maldives e lo You&Me Maldives - racconta il key account, Loris Giusti - Per quanto riguarda le soluzioni Sun Siyam, nel viaggio del 7-14 novembre abbiamo poi avuto la possibilità di provare il nuovissimo Siyam World, con l'opportunità di visitare la vicina isola Sun Siyam Iru Fushi, mentre durante il fam trip del 21-28 novembre siamo stati all'Iru Veli, con visita all'isola Sun Siyam Vilu Reef. Nel complesso tutti gli agenti di viaggio coinvolti sono rimasti entusiasti dalla bellezza dei resort visitati\".\r\n\r\nNel dettaglio, al viaggio del 7-14 novembre hanno partecipato Chiara Ciresa dell’Enterprise Viaggi di Lecco, Mara Vicentini della Jojoba Tour di Saronno, Maria Grazia Fazari della Farfalla Viaggi di Torino, Elisa Valentini della Cocoon Travels di Todi, Erika Facchin della Salvanstours di Azzano Decimo, Giulia Moleri del le Petit Atelier du Voyage di Palazzolo sull’Oglio, Monica Bozzetto della Farold Viaggi di Motta di Livenza, Nadia Porrini della Italvie di Teramo, Valeria Negrini della Pevero Viaggi di Cento e Simone Schena della Savio e Simone di Bari. Al fam trip 21-28 novembre erano invece presenti Elena Catta della Roxteam Viaggi di Bergamo, Eugenia Colombo della Camuna Viaggi di San Giorgio su Legnano, Nicoletta Zarulli della Rose Line Viaggi di La Spezia, Anastasia Cirulli della P3 Trips di Anagni, Marinella Alvisi del Salotto del Viaggio di Bologna, MariaGrazia Gargiulo della Aritur di Napoli, Emilia Giorgi della Teem Viaggi di Napoli, Francesco Nania della Pianamondo Viaggi di Taurianova,\r\n\r\n[caption id=\"attachment_435431\" align=\"alignright\" width=\"300\"] E quelli del viaggio del 21-28 novembre[/caption]\r\n\r\nVincenzo Santangelo della Volare Together di Palermo, Luigi Lanotte della a Proposito di Viaggi di Bisceglie ed Enrico Baldini della Zoom in Earth di San Miniato. Nel primo caso, insieme a Loris Giusti, che ha viaggiato su entrambe le date, ad accompagnare il gruppo c'era anche il neoacquisto di casa Azemar, Franco Baroni, area sales Emilia-Romagna, Marche e San Marino.\r\n\r\n ","post_title":"Azemar: doppio fam trip alle Maldive. Protagonisti i resort Cocoon Collection e Sun Siyam","post_date":"2022-12-05T12:58:43+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1670245123000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435383","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Solo 15 tende di lusso circondate da 19 ettari di foresta sul bordo di una penisola privata. Ha aperto i propri battenti giovedì scorso a Punta Mita, in Messico, il primo resort adults-only griffato Four Seasons nelle Americhe, nonché la struttura di debutto del nuovo format Naviva, La proprietà è stata concepita con l'obiettivo di dialogare con la natura, per creare un ambiente che promuova la comunità, la crescita personale e l'apprezzamento per il patrimonio locale.\r\n\r\nSecondo i parametri del design biofilico e della biomimetica, il mondo naturale è l'influenza trainante per le soluzioni di design. La bellezza naturale del Messico è stata quindi la fonte d'ispirazione principale di Luxury Frontiers nel concepire Naviva: studio di design pluripremiato con una radicata expertise nel settore delle soluzioni residenziali alternative, ha puntato a fare in modo che tutte le forme dell'edificio, il design degli interni e le esperienze degli ospiti si rifacessero a un fenomeno naturale. Il team ha inoltre collaborato con artisti, artigiani e produttori messicani durante tutto il processo di progettazione e costruzione, non solo per sostenere le imprese locali, ma anche per creare spazi con un legame autentico con la cultura messicana. Tra gli elementi di spicco figurano i mobili personalizzati di Taracea e Baufaktory, le opere d'arte di Emma Boomkamp, i giochi in legno di recupero di Rasttro e i tessuti di Anora Casa.\r\n\r\nNaviva dispone inoltre di due spa nascoste nella foresta, un temazcal, una terrazza sulla scogliera, una palestra all'aperto e tanti sentieri immersi nella natura. Ogni area promuove la connessione con l’ambiente, nei suoi aspetti tangibili e intangibili. Il temazcal la Casa del Calore invita in particolare a un viaggio personalizzato guidato da un curandero dedicato, per produrre un risveglio mente-corpo. Gli ospiti possono scegliere tra diverse aree di interesse, come la gratitudine o la devozione, per guidare la loro esperienza. Gli ospiti di Naviva potranno anche scoprire esperienze di benessere radicate nell'ambiente presso la Risco terrace, dove le pratiche di yoga includono vinyasas e flussi ristorativi, nonché la Mar gym all'aperto con vista sul Pacifico, dove gli allenamenti di forza incorporano formazioni esistenti come massi e alberi.","post_title":"Naviva by Four Seasons: 15 tende di lusso per un soggiorno olistico nella natura messicana","post_date":"2022-12-05T10:24:37+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1670235877000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435309","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gli incendi devastano l’ambiente e modificano anche il paesaggio naturalistico, creando evidenti problemi anche all’offerta turistica di una determinata zona.\r\n\r\nIl castello del Montiferru, conosciuto come Casteddu Etzu, si trova nel territorio di Cuglieri (Oristano), paese alle pendici dei rilievi del Montiferru, che a causa dell’incendio del 23, 24 e 25 luglio 2021 ha subito una delle più grandi catastrofi ambientali in Italia. Sono andati distrutti circa 12.000 ettari tra bosco e oliveti, che vantavano una tradizione plurisecolare, oltre ad esemplari millenari di oleastri, lecci, corbezzoli e impianti datati che risalivano a oltre 500 anni, divorati dalle fiamme.\r\n\r\nUn’area di 12.000 mq a Cuglieri, in provincia di Oristano, è stata protagonista di un importante intervento di rigenerazione ambientale, con l’obiettivo di rispristinare il patrimonio naturalistico locale andato distrutto a causa del grave incendio che più di un anno fa ha devastato il territorio in quest’area. Un intervento che rientra nell’iniziativa “Le città che respirano” di Nespresso, nata per sostenere e valorizzare il patrimonio ambientale e paesaggistico italiano e intervenire in aree bisognose da un punto di vista di tutela, ripristino ambientale e sostegno del patrimonio naturalistico italiano.\r\n\r\nL’intervento di tutela ambientale realizzato con il progetto di Nespresso è stato quindi volto al recupero dell’area pubblica e alla pulizia del percorso di accesso al manufatto medievale. Alle pendici del maniero e nella parte di accesso allo stesso, si è provveduto alla ripulitura delle zone bruciate e al recupero delle piante sopravvissute alle fiamme, in particolare alcune ceppaie di leccio. Si è poi proceduto contestualmente alla messa a dimora di oltre 400 piante per ri-naturalizzare l’area.\r\n\r\n«L’intervento che ha coinvolto Cuglieri dimostra che anche i territori dei paesi più piccoli, colpiti da immani catastrofi ambientali come è capitato a noi lo scorso anno, riescono a conquistare la solidarietà di associazioni e aziende, come Nespresso, sensibili alla rigenerazione di boschi, oliveti, pascoli e siti dal forte legame affettivo con i residenti – spiega il sindaco di Cuglieri, Andrea Loche - Casteddu Etzu rappresenta un luogo simbolo di questi territori e delle persone che, con le loro migliaia di storie di vita, li hanno vissuti fin dai secoli più lontani. Il progetto di bonifica dell’area e di ripristino rappresenta per le comunità locali un momento di recupero importante che fa bene alla nostra terra e allo straordinario paesaggio che dalle montagne ci accompagna fino al mare».\r\n\r\n«L’intervento di ripristino ambientale che abbiamo portato avanti a Cuglieri - aggiunge Silvia Totaro, Sustainability Manager di Nespresso Italiana - ci rende molto orgogliosi e rappresenta per noi la concretizzazione del nostro impegno per tutelare territorio e ambiente e del nostro approccio alla cura, che portiamo avanti attraverso il programma “Nespresso per l’Italia”. Il progetto di rinaturalizzazione che abbiamo presentato oggi è solo l’ultimo di una serie di azioni che abbiamo intrapreso lungo tutto lo Stivale attraverso “Le città che respirano” e con cui vogliamo continuare a portare più verde in Italia, allo stesso tempo difendendo le aree colpite, come quella di Cuglieri, e restituendole alla collettività. Una responsabilità per portare avanti un business responsabile che da sempre è il fulcro del nostro modo di operare e che ci ha portato quest’anno a ottenere la certificazione B Corp e a trasformarci in Italia in Società Benefit».\r\n\r\nIl progetto “Le città che respirano”, lanciato nel 2020 da Nespresso, rientra nell’iniziativa “Mosaico Verde”, la grande campagna nazionale di forestazione di aree urbane ed extraurbane e tutela di boschi ideata e promossa da AzzeroCO2 e Legambiente per coinvolgere aziende ed enti pubblici con l’obiettivo di restituire valore al territorio e contrastare i cambiamenti climatici.","post_title":"Sardegna, il progetto Le Città che Respirano per valorizzare Cuglieri devastata dall’incendio del 2021","post_date":"2022-12-02T10:35:10+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669977310000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435294","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un nuovo experience museo dedicato ai 5 sensi, il primo in Italia. Nell’ambito delle iniziative che celebrano i 30 anni dalla nascita dell’area Area Porto Antico e dell’Acquario di Genova apre al pubblico in una nuova location, sotto l’Acquario di Genova, e in una veste completamente rinnovata La Città dei Bambini e dei Ragazzi.\r\n\r\n2.000 mq di spazio espositivo con oltre 40 exhibit dove i bambini e i ragazzi da 2 a 12 anni, insieme a genitori o altri adulti accompagnatori, possono compiere un vero e proprio viaggio alla scoperta di sé e del mondo attraverso l’esperienza diretta.\r\n\r\nCosta Edutainment e Porto Antico di Genova hanno affidato la progettazione, la produzione e la direzione artistica dell’experience museum a Filmmaster Events, azienda italiana leader nell’ideazione e produzione di grandi eventi, live show e cerimonie con oltre 40 anni di storia alle spalle – che è stata partner del progetto “La Città dei Bambini e dei Ragazzi” fin dalla definizione del suo concept innovativo.\r\n\r\n«Si tratta di un grande lavoro di squadra – commenta Beppe Costa, presidente Costa Edutainment – tra il Comune di Genova, la Porto Antico e noi di Costa Edutainment, motivo di orgoglio per tutta la città. Un tassello in più per l’attrattività di Genova, non più città per vecchi. Il nuovo Museo sarà curato, grazie ad iniziative e un programma ben definito, per crescere di anno in anno».\r\n\r\nUn’intera area – Splash – è espressamente dedicata alla fascia 2-4 anni come luogo protetto dove muoversi e imparare divertendosi in libertà. Altre quattro aree dedicate ai sensi – una sala per l’udito, una per il tatto, una per gusto e olfatto e una per la vista - propongono installazioni adatte a tutti, bambini, ragazzi e adulti, con vari gradi di complessità e obiettivi di apprendimento a seconda della fascia di età dei fruitori. L’esperienza di approfondimento proposta in ogni sala viene anticipata da portali di grande impatto scenografico – Megastereo, Tuttotatto, Per tutti i gusti, Occhio ragazzi! - che costituiscono exhibit interattivi che introducono di volta in volta i visitatori al tema. La “Casa in costruzione”, una delle installazioni più apprezzate già nella precedente Città dei bambini, è inserita in un contesto dedicato alla città sostenibile, in cui bambini possono giocare muniti di caschetto e giubbino da cantiere.\r\n\r\nLe installazioni, a seconda del tema presentato, propongono una fruizione singola, a coppie o a piccoli gruppi. Sono inoltre presenti un’area didattica, dove si possono svolgere i laboratori per le scuole, e un’area dedicata a feste di compleanno ed eventi privati.\r\n\r\nUn percorso esperienziale che utilizza tatto, vista, udito, olfatto e gusto come strumento per trasmettere conoscenze e divertirsi, attivando nei bambini e nei ragazzi un processo di educazione permanente e trasferendo alle nuove generazioni uno spirito critico rispetto agli stimoli loro forniti.\r\n\r\nPer celebrare l’apertura del nuovo spazio espositivo, dal 2 dicembre 2022 al 9 gennaio 2023 la visita sarà arricchita dai “Science snack”, animazioni sviluppate in collaborazione con il Festival della Scienza adatte alle diverse fasce di età che approfondiranno di volta in volta temi diversi in maniera coinvolgente e divertente. Il palinsesto prevede appuntamenti pomeridiani nei giorni feriali e appuntamenti in tutte le fasce di visita nei giorni festivi e nel periodo natalizio. I “Science snack”, compresi nella visita, hanno una durata di 20 minuti circa.\r\n\r\nIl trasferimento della struttura sotto l’Acquario persegue tre obiettivi importanti: la valorizzazione di una eccellenza della città, la sinergia anche logistica con una delle più importanti attrazioni del nostro Paese rivolte ai giovanissimi e, sotto il profilo della vivibilità della città, la riqualificazione dell’area di ponente del Porto Antico.\r\n\r\nIl nuovo experience museum è una struttura in continua evoluzione che proporrà di anno in anno nuovi spazi, exhibit e proposte didattiche, fornendo sempre nuovi spunti di visita e contribuendo all’attrattività di Genova per il pubblico di famiglie e scuole.\r\n\r\nLa nuova Città dei Bambini e dei Ragazzi ha ricevuto il patrocinio di: AIRC Fondazione AIRC per la ricerca sul cancro ETS; Associazione Festival della Scienza; CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche; IIT Istituto Italiano di Tecnologia; Opera Nazionale Montessori.\r\n\r\nL’operazione di rinnovamento riguarda anche il logo che è stato ridisegnato in chiave moderna. Il nuovo logo capitalizza il nome ed eredita segni dal passato, ma si esprime con colori accesi e forme addolcite. Il pay-off, “experience museum”, è l’evoluzione del precedente  “gioco, scienza e tecnologia”.\r\n\r\nL’investimento per la realizzazione è di quasi 5 milioni di Euro, equamente ripartiti tra i due partner Porto Antico di Genova SpA e Costa Edutainment SpA.\r\n\r\n ","post_title":"Genova, una nuova veste per la Città dei Bambini e dei Ragazzi, experience museo","post_date":"2022-12-02T10:15:32+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669976132000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435295","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il settore tour & activity torna a crescere nell'industria dei viaggi e l'Italia rappresenta un mercato fondamentale per la ripresa. A confermare la tendenza è Civitatis, azienda spagnola operativa nell’organizzazione di attività ed escursioni, in occasione del suo roadshow organizzato a Roma nel teatro di palazzo Santa Chiara, per incontrare le agenzie di viaggio e per promuovere le affiliazioni b2b . Per l'impresa iberica, l'Italia si posiziona come secondo mercato ed è al centro degli investimenti per il 2023 con l'obiettivo di crescere ancora di più. \"Puntiamo sul prodotto in lingua locale, a lavorare con un unico fornitore e a non duplicare le nostre proposte. Possiamo offrire i prodotti collaudati e top seller come il tour in Vaticano o nelle città d'arte, ma anche esperienza particolari come le gite in barca, in mongolfiera e su tour nei piccoli borghi, proposte di lusso, andando così incontro a tutti i target di clientela - ha spiegato Veronica De Iscar, direttore commerciale b2b Civitatis -. Inoltre, abbiamo notato che il viaggiatore post- pandemia ha mantenuto la sua voglia di viaggiare e di fare esperienza senza timori come prima. Proseguiamo la nostra strategia multicanale ma soprattutto intendiamo incrementare i rapporti con le agenzie italiane anche con eventi dedicati come partecipazione a fiere o incontri di formazione\".\r\n\r\nAl momento Civitatis può contare su un network di agenzie in Italia che è cresciuto del 27% rispetto al 2021 e che conta a oggi più di 5 mila punti vendita tra adv indipendenti, network e affiliati di diversa tipologia. \"Queste collaborazioni ci stanno permettendo di ampliare in modo rapido ed efficace la nostra presenza in Italia; resta fondamentale spostarci in direzione del b2b, che rappresenta una parte importante del fatturato - conferma Angelica Benedetti, account manager Italy per le agenzie di viaggio -. Tra i nostri punti di forza c'è la trasparenza delle tariffe, che permette margini adeguati, l’assistenza h24, una vasta offerta di visite e tour guidati, nonché l'accesso alle statistiche e ai dati sulla piattaforma\".\r\n\r\nSul fronte del trade Civitatis raccoglie, in generale, circa 17 mila adv e organizza oltre 72 mila attività in 3.500 mete in 140 Paesi. I numeri sono anche supportati dalle numerose proposte nel catalogo: le attività presenti in Italia nelle cinque lingue disponibili sono aumentate del 150 % dopo la pandemia, mentre il catalogo delle proposte in italiano presenti in tutto il mondo è aumentato del 239 %. Nel corso del 2022, a livello globale sono stati registrati oltre 600 mila clienti al mese e sono stati superati i 6,5 milioni a chiusura anno; a questi dati si aggiungono le recensioni positive con un punteggio medio di 9,4. Le cifre sono state illustrate anche da Alex Mazzola, global b2b & travel agencies department manager e Maria Saviano, affiliate account manager.","post_title":"Civitatis: Italia al centro degli investimenti 2023. Offerta già a +150% nel dopo pandemia","post_date":"2022-12-02T10:10:22+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669975822000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435263","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435265\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] L'assessore regionale al turismo del Piemonte, Vittoria Poggio[/caption]\r\n\r\nIl consuntivo turistico delle regioni italiane volge al positivo. Anche in Piemonte le presenze di turisti sono aumentate quest'anno del 45% rispetto al 2021, con un incremento che arriva all'84% degli stranieri.\r\n È quanto riferito dall'assessore regionale al turismo, Vittoria Poggio, illustrando in Terza commissione il Def 2023-2025 relativo alle materie di sua competenza.\r\nOltre al turismo, l'assessore ha trattato il tema del commercio, parlando del sostegno ai centri commerciali naturali e della revisione della normativa sui locali che somministrano cibi e bevande e sui distributori di carburante.\r\n\r\nDopo di lei sono intervenuti, per le loro deleghe, l'assessore all'Ambiente Matteo Marnati che ha annunciato la pubblicazione, a breve, di alcuni bandi, per le imprese e per i Comuni, sul tema del risparmio energetico, in particolare sull'uso dell'idrogeno, e l'assessore al Bilancio Andrea Tronzano. Nella sua relazione su Cooperative e Artigianato ha sottolineato che la Regione intende sviluppare la base produttiva e aiutare le nuove imprese con un miglioramento dell'accesso al credito, il rafforzamento del capitale sociale delle cooperative, l'incremento delle competenze e la digitalizzazione dei procedimenti amministrativi.","post_title":"Piemonte: crescita turistica del 45% rispetto al 2021","post_date":"2022-12-02T08:51:51+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669971111000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435004","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435008\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il citizenM Miami World Center[/caption]\r\n\r\nIn attesa del debutto romano, previsto per il 2023, prosegue la crescita di citizenM a livello globale, con tre nuove aperture già in calendario nel corso del primo semestre del prossimo anno. A seguire ci sarà anche l'approdo a Dublino, nonché ulteriori sviluppi a Londra (quinto hotel), Miami (terzo hotel), Boston (secondo hotel), Washington (terzo hotel) e a Menlo Park, con un progetto per il campus di Facebook. Il numero delle strutture della compagnia presenti in tutto il mondo è raddoppiato dal 2018 e i piani di espansione prevedono un rafforzamento del brand in città strategiche del Nord America e dell’Europa, per raggiungere il numero di 40 hotel operativi entro il 2024.\r\n\r\nMa ecco i dettagli delle prossime tre new entry:\r\n\r\nPrevista per la primavera del 2023, con il citizenM Paris Opera la compagnia  arriverà a cinque strutture nella Ville Lumière. Il nuovo hotel sarà una proprietà più intima rispetto alle altre, con 84 camere. Situato in rue du Croissant, si trova a pochi minuti a piedi dalla famosa Opera ed è stata realizzato in collaborazione con Concrete Amsterdam. La struttura aprirà nel secondo trimestre e sarà dotata anche di due sale riunioni societyM, una canteenM aperta 24/7 e una serie di opere d’arte di artisti locali, tra cui Amélie Bertrand.\r\n\r\nIl citizenM Miami World Center seguirà a inizio 2023 l’apertura del Miami Brickell avvenuta lo scorso luglio e sarà il secondo indirizzo del brand presso la destinazione della Florida. Inserito in un vivace contesto di shopping, servizi per l’intrattenimento e l’ospitalità, l’hotel è stato realizzato sempre in collaborazione con Concrete Amsterdam e sarà situato in una posizione centrale nel cuore commerciale e finanziario della città. L'edificio si contraddistinguerà per la presenza di una serie di opere scultoree collocate sulla facciata e realizzate da FriendsWithYou: l’iniziativa artistica con sede a Los Angeles nata dalla collaborazione tra Samuel Borkson e Arturo Sandoval III, noti per il loro lavoro con artisti del calibro di Pharrell Williams e Diplo. La proprità offrirà 351 camere, una facciata arricchita dalle opere d’arte di FriendsWithYou, una serie di opere di Katherine Bernhardt e Ajarb Bernard Ategwa, quattro sale riunioni societyM, una palestra, nonché una piscina e bar sul tetto.\r\n\r\nPrevisto nell'estate del 2023, il citizenM Austin Downtown sarà la primo struttura del gruppo nella località texana. Sviluppato in collaborazione con Turnbridge Equities, il grattacielo di 17 piani ospiterà un hotel di 344 camere caratterizzato dal design che contraddistingue il brand in tutto il mondo, grazie alla collaborazione con lo studio Concrete di Amsterdam. Gli interni dell'hotel trarranno ispirazione dalla comunità locale, con un mix eclettico di arte contemporanea e oggetti di artisti locali. Il citizenM Austin Downtown sarà inoltre dotato di una piscina sul tetto, di un'area bar, progettata dall'artista Poni (Hilda Palafox), di una canteenM aperta 24/7 e di una palestra.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"In attesa di Roma, saranno Parigi, Miami e Austin le prossime new entry griffate citizenM","post_date":"2022-11-29T10:28:36+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1669717716000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti