5 February 2023

La Norvegia valuta l’introduzione di una tassa per mitigare l’impatto del turismo su ambiente e comunità locali

[ 0 ]

La Norvegia studia l’introduzione di una tassa turistica sotto forma di supplemento sui pernottamenti o sulle attività turistiche. Il provvedimento, come riportato da Forbes, sarebbe al vaglio del governo del Paese, che utilizzerebbe poi gli introiti per mitigare in qualche modo l’impatto del turismo stesso sull’ambiente.

E questo benché la Norvegia accolga annualmente circa 10 milioni di turisti, cifra di gran lunga inferiore a quella di destinazioni quali Spagna o Francia. Ma numerosi turisti visitano piccole aree o villaggi remoti, dove i residenti avvertono un forte impatto del settore.

“L’idea è che alle comunità locali rimanga di più” ha spiegato Lars Vangen, segretario di Stato del ministro delle Finanze norvegese, precisando come il governo sia al lavoro per capire come implementare questa tassa: un progetto dettagliato potrebbe piani essere annunciato nell’ambito della proposta di bilancio per il 2024 e comunicati alla fine del 2023.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438639 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tour operator italiani a tu per tu con l'offerta turistica della Polinesia Francese: una delegazione di operatori specializzati sulla destinazione  - composta da Alidays, Aquadiving, Discover Australia, Gattinoni, Go Australia, Idee per Viaggiare, Kia Ora, Mappamondo, Tinky Winky e Turisanda - ha partecipato al Parau Parau Tahiti 2023. Polinesia sinonimo di una riserva di biodiversità da sempre impegnata nella sostenibilità e attenta alle esigenze degli abitanti. Fondamentale il ruolo del Gstc (Global Sustainable Tourism Council), che mette a punto i Criteri Globali del Turismo Sostenibile e sta lavorando con Tahiti Tourisme. Nell’ambito del Parau Parau 2023, David Emen, trainer&consultant del gruppo, ha parlato di “Turismo responsabile nella Polinesia Francese”. «Il turismo è una cosa molto buona per la Polinesia Francese, ma dev’esserci un equilibrio, la certezza che porti benefici per la comunità locale, preservi la cultura e rispetti la natura. Guardando al 2027 Gstc è stata messa a punto una strategia puntuale e coesiva che potrà essere adottata dalle Isole di Tahiti. Un impegno volto a risolvere elementi fondamentali, come la stagionalità. Vogliamo ampliare il mercato attirando i viaggiatori nella bassa stagione e rendere accessibili al turismo nuove isole dell’arcipelago. Ma tutto dev’essere fatto incontrando le organizzazioni locali e favorendo il loro confronto con il turismo». «Il viaggiatore è cambiato - evidenzia Emen -. Sceglie spostamenti più brevi; è più responsabile e pensa al proprio impatto sulla destinazione, all’autenticità e alla sostenibilità; cerca un turismo più vicino alla natura e si preoccupa degli aspetti assicurativi e sanitari del proprio viaggio. Scopre la destinazione con visite culturali, percorsi naturali e l’incontro con l’ambiente che lo circonda. Inoltre la sostenibilità sta diventando sempre più importante e il turista è pronto a compensare le emissioni di carbonio del suo viaggio. Il Gstc è un’organizzazione indipendente che indica un percorso di recupero ma non offre la soluzione - spiega il trainer&consultant -. Il suo focus è su quello che dovrebbe essere fatto e offre criteri di valutazione sia per le destinazioni che per le industrie. L’attenzione del Gstc va alla gestione della sostenibilità e al suo impatto socio-economico, culturale e ambientale». David Emen ha concluso la sua presentazione con una bella frase del presidente della Polinesia Francese Édouard Fritch, che ha compreso l’importanza di “rafforzare legami autentici e sinceri tra coloro che vengono da lontano e coloro che abitano qui e li accolgono». [post_title] => Parau Parau 2023: il futuro di Tahiti parla di sostenibilità e di attenzione al popolo [post_date] => 2023-02-03T13:06:22+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675429582000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438595 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lufthansa impiegherà i suoi più nuovi Boeing 787-9 sulle rotte verso altre cinque destinazioni in Nord America, con l'introduzione dell'orario estivo, dal prossimo 26 marzo. Il Dreamliner volerà sei volte alla settimana da Francoforte a Dallas-Fort Worth; quattro volte a settimana per Montreal, che saliranno a voli giornalieri dal 1° maggio. Sempre all'inizio di maggio, la compagnia farà volare il suo Dreamliner ogni giorno a Denver, tre volte alla settimana ad Austin mentre il 13 febbraio inizierà a servire Detroit. E da ottobre dello scorso anno il Dreamliner vola quotidianamente a Newark. Attualmente, Lufthansa opera tre Boeing 787-9. Altri due saranno consegnati a breve: complessivamente, da qui al 2027, il vettore accoglierà in flotta 32 nuovi Boeing 787-9. l Dreamliner sono aeromobili più efficienti dal punto di vista dei consumi e più rispettosi dell'ambiente. In media, consumano 2,5 litri di cherosene per passeggero ogni 100 chilometri percorsi, ovvero il 30% in meno rispetto agli aerei della generazione precedente.  [post_title] => Lufthansa posiziona i B787-9 su altre cinque rotte verso il Nord America [post_date] => 2023-02-03T10:17:09+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675419429000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438584 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair e l'aeroporto di Bologna disegnano insieme il futuro, grazie ad un accordo a lungo termine volto a mantenere competitivi i diritti aeroportuali, con un impatto positivo sugli investimenti nella regione. L'intesa è stata siglata in occasione della presentazione dell'operativo estivo della low cost che prevede 11 aeromobili basati - per un investimento di 1,1 miliardi di dollari -, 67 rotte di cui una nuova per Tolosa, oltre 770 voli settimanali; il potenziamento delle frequenze su oltre 20 rotte tra cui Atene, Barcellona, Cagliari, Palma di Maiorca, Praga e Vienna, oltre 4.000 posti di lavoro (di cui 330 diretti). "Quest’anno Ryanair trasporterà oltre 5 milioni di ospiti da/per Bologna, sostenendo la crescita a lungo termine e fornendo una spinta necessaria all'economia turistica locale, ma anche l’intera regione Emilia-Romagna, in cui continueremo a crescere questa estate - ha sottolineato il ceo della compagnia, Eddie Wilson -. Questo impegno a lungo termine su Bologna dimostra la fiducia dell'aeroporto nei confronti di Ryanair, che continuerà a investire nella regione per garantire ulteriore benessere ed occupazione. Per celebrare il nuovo operativo abbiamo lanciato un’offerta limitata con tariffe a partire da 29,99 euro per viaggiare tra aprile e ottobre 2023". "Ryanair fornisce la maggior parte della nostra base di traffico sostenendo la connettività del bacino di utenza di Bologna e l'economia della regione - ha aggiunto l'ad e direttore generale dell'Aeroporto di Bologna, Nazareno Ventola -. Continueremo a lavorare insieme per sviluppare un portafoglio di rotte nazionali e internazionali a beneficio dei nostri clienti attuali e futuri".         [post_title] => Ryanair investe su Bologna: accordo a lungo termine e nuova rotta per Tolosa [post_date] => 2023-02-03T08:54:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675414493000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438539 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_438545" align="alignleft" width="300"] Un particolare di una camera del Jhd Dunant[/caption] Grande impulso allo sviluppo del brand Aiden, che nel solo 2023 si aspetta di raddoppiare il proprio portfolio globale, con la prospettiva di crescere di ben il 200% nel prossimo futuro. Il marchio di boutique hotel del segmento upper midscale di casa Bwh ha infatti appena annunciato la prossima apertura di 30 nuovi hotel in India e in Scandinavia, tutti dotati tra l'altro di un innovativo servizio di hologram concierge.  Nel Nord Europa le struttura Aiden saranno in particolare costruite in posizioni strategiche, vicino a università, grandi aziende e sedi di eventi. La sostenibilità sarà inoltre il cuore di queste strutture, con l’introduzione di pannelli solari e di un design modulare per migliorare l’efficienza ambientale. Il primo hotel, l'Aiden by Best Western Herning, aprirà a febbraio nella città danese omonima. Sarà il primo albergo costruito a moduli della Danimarca, con 204 camere, una palestra con sauna, sale conferenze e aree pensate per la socializzazione o il lavoro. In Italia il marchio Aiden è già stato scelto da Eugenio Gallina, proprietario del Jhd Dunant Hotel di Castiglione delle Stiviere, in provincia di Mantova: una struttura con una vocazione alla creatività e all’accoglienza dal design originale. “La scelta di Aiden per il Jhd nel mantovano nasce dalla volontà di associare il nostro hotel a un brand innovativo e contemporaneo – spiega lo stesso Gallina –. Sono soddisfatto dell’impulso allo sviluppo a livello globale: gli ospiti apprezzeranno gli hotel Aiden pensati per chi ama il design e la creatività e vuole condividere momenti negli spazi comuni, le aree relax e il ristorante, che da noi sono originali e accoglienti”. Il brand Aiden vanta attualmente 19 hotel in alcune destinazioni turistiche internazionali, come Australia, Francia, Italia, Corea del Sud, nonché negli Stati Uniti, in città come Scottsdale, Austin e Berkley.   [post_title] => Bwh: cresce il portfolio del brand Aiden, che raddoppia nel solo 2023 [post_date] => 2023-02-02T12:36:27+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675341387000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438512 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => C'è finalmente la data ufficiale di riapertura per il Terminal 2 dell'aeroporto di Milano Malpensa. Dal prossimo 31 maggio, dopo la chiusura causa pandemia nel 2020, il T2 tornerà ad essere la casa esclusiva di easyJet (saranno 23 gli aeromobili basati) con un look rinnovato. I lavori di riqualifica, iniziati a fine 2022, aumenteranno i servizi rivolti al passeggero attraverso l’utilizzo di tecnologie avanzate. E miglioreranno l’efficienza energetica del terminal e offriranno soluzioni tecniche per favorire aeromobili di ultima generazione. Il Terminal 2 sarà quindi più confortevole, innovativo e sostenibile. Un'area del check in sarà riservata al self bag drop, macchinari che permettono ai viaggiatori di imbarcare i bagagli in stiva in autonomia anche senza l’assistenza del personale di terra. L’area dei controlli di sicurezza sarà completamente ristrutturata, con nuove linee automatizzate di ultima generazione che consentiranno di ridurre i tempi di controllo e attesa dei passeggeri. Inoltre, sarà disponibile una macchina EDS-CB (Explosives Detection Systems for Cabin Baggage) che impiega una tecnologia Tac al passaggio del Fast Track, per effettuare i controlli senza la necessità di separare dal bagaglio a mano gli apparati elettronici e i liquidi. Infine, verranno realizzati nuovi spazi commerciali dedicati allo shopping e alla ristorazione. Sostenibilità Sotto il profilo della sostenibilità sono previsti interventi di adeguamento del piazzale di sosta degli aeromobili finalizzati ad accogliere nelle piazzole adiacenti al terminal i nuovi Airbus A321neo di easyJet, che consentono di produrre il 15% in meno di emissioni di CO2 e di ridurre del 50% l'impatto acustico durante le fasi di decollo e atterraggio rispetto agli aeroplani della precedente generazione. Per quanto riguarda l’efficientamento energetico si interverrà sugli impianti di condizionamento, sostituendo la vecchia centrale con una di ultima generazione, e sugli impianti di trasporto persone, con l’installazione di nuovi e più efficienti marciapiedi mobili, scale mobili ed ascensori in diversi punti dell’aerostazione. “Riaprire il Terminal 2 base storica di easyJet, prima compagnia aerea per voli e passeggeri a Malpensa, è un’ulteriore conferma cha abbiamo recuperato il traffico domestico e europeo - ha commentato Armando Brunini, ad di Sea -. Stiamo effettuando dei lavori di restyling dopo due anni di chiusura a causa della crisi sanitaria e abbiamo colto l’occasione per migliorare i servizi rivolti ai nostri passeggeri”.   [post_title] => Malpensa: il Terminal 2, casa di easyJet, riaprirà il 31 maggio [post_date] => 2023-02-02T11:19:08+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675336748000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438498 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Proposte di viaggio pensate per esplorare gli oceani e scoprire i tesori nascosti in ambienti naturali vergini. Sono i pacchetti Diving Comore realizzati dall'operatore torinese To Destinations, in collaborazione esclusiva sul mercato italiano e svizzero con la dmc Adore Comore. La destinazione offre in particolare la possibilità di fare immersioni con una visibilità che va dai 20 ai 40 metri, mentre la temperatura dell'acqua è stazionaria tra i 26 e i 30 gradi nel periodo migliore, che va da luglio a novembre. Strategicamente posizionate nell'oceano Indiano, al largo delle coste africane, tra il Madagascar e la parte settentrionale del Mozambico, le Comore sono una meta  isolata, tropicale e incontaminata, che sta sviluppando un turismo sostenibile e rispettoso dell'ambiente. Le barriere coralline sono fiorenti, con uno sbiancamento minimo e danni occasionali causati solo da agenti atmosferici. Questo perché dal 2001 il parco nazionale di Moheli ha vietato la pesca con reti, fiocine e dinamite, dando la possibilità alla fauna e flora marina di trovare un ambiente ideale per svilupparsi in questa biosfera patrimonio Unesco. “I siti di immersione sono numerosi e adatti a ogni livello - spiega il general manager di To Destinations, Roberto Cagnasso -. Tra i più noti le Royal Itsandra e le Banc Vailheu, che scendono fino a 60 metri, nonché la Masiwa: una nave da carico lunga 80 metri che ora giace a 40 metri di profondità sul fondale a nord di Grand Comore. Sembra quasi di tuffarsi in un acquario, tra formazioni coralline, spugne a botte, anemoni e pesci pagliaccio, nuotando accanto a delfini, megattere, razze, banchi di barracuda, pesci leone, tartarughe marine e diverse specie di squali”. Insieme ai numerosi itinerari dedicati alla scoperta dell’interno delle isole e della cultura locale, la nuova programmazione 2023 di To Destinations propone quindi due tour Diving Comore, di otto e dieci giorni, con focus specifico sul mondo marino, oltre naturalmente alla possibilità di costruire pacchetti su misura per viaggiatori con richieste particolari. [post_title] => To Destinations: pacchetti diving per immergersi nelle acque delle Comore [post_date] => 2023-02-02T10:18:44+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675333124000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438486 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air India ha riaperto ieri, 1° febbraio, il volo diretto da Milano Malpensa a Nuova Delhi. La compagnia aerea ora sotto l'egida del gruppo Tata, è tornata a collegare le due città dopo l’interruzione dai primi mesi del 2020 a causa della pandemia. E proprio in questo periodo, il vettore indiamo si è fermato e ristrutturato per ripresentarsi oggi più efficiente e competitivo. «Oggi (ieri per chi legge, ndr) riprende un volo e torna a Malpensa un vettore importante che sta crescendo rinnovandosi in modo importante - affermato ha sottolineato Andrea Tucci, vp Aviation Business Development di Sea - Aeroporti di Milano -. Delhi sarà la più grande città raggiungibile da Malpensa con i suoi 30 milioni di abitanti che ne fanno un enorme potenziale di traffico in entrata verso l'Italia. L'investimento di Air India sul nostro aeroporto sarà mirato alla capacità del bacino d'utenza del Nord Italia, intercettando sia la domanda di mercato per i segmenti di viaggio business e turismo che l'ampia presenza della comunità indiana residente». Il collegamento, operato da un Boeing 787-8 Dreamliner configurato con 18 posti in Business Class e 238 in Economy Class, è effettuato quattro volte la settimana (lunedì, mercoledì, venerdì, domenica). «Questo volo rappresenta un momento importante - ha sottolineato Nalin Bhatnagar, deputy general manager di Air India - che unisce due importanti città come Milano e Delhi e che dà la possibilità di fruire di numerose persecuzioni dal nostro hub verso tutta l’Asia e l'Australia». La Milano-Nuova Delhi è soltanto un inizio per Air India che già ha richieste per estendere i collegamenti  da Milano verso altre destinazioni indiane, una su tutte Amritsar, capitale dello stato del Punjab, da cui provengono la maggior parte degli indiami presenti nel nostro paese. [post_title] => Air India è tornata operativa sulla Milano-Nuova Delhi. E studia futuri sviluppi [post_date] => 2023-02-02T10:08:42+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675332522000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438420 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Qatar Airways aumenta da oggi, 1° febbraio, la frequenza dei voli per la Thailandia, con l'introduzione di un terzo volo giornaliero per Phuket. La nuova frequenza si somma ai quattro voli giornalieri per Bangkok, e porta quindi il numero totale di collegamenti per la Thailandia a sette al giorno. Il significativo ampliamento dei voli per la Thailandia garantirà una maggiore comodità e connettività ai viaggiatori, offrendo loro più opzioni di viaggio verso oltre 150 destinazioni della rete globale di Qatar Airways, tra cui Roma, Milano, Londra, Manchester, Francoforte, Parigi, Zurigo e New York. "Questo è un significativo passo avanti verso il nostro continuo impegno nel mercato thailandese e siamo orgogliosi di servire i nostri passeggeri con sicurezza e un grande network globale" dichiara Bennet Stephens, regional manager di Qatar Airways per l'Indocina.  I passeggeri a bordo di Qatar Airways hanno a disposizione 4.000 opzioni di intrattenimento; i titolari di carta Visa possono inoltre usufruire di uno sconto fino al 10% sulle prenotazioni e i nuovi utenti che si iscrivono al programma di fidelizzazione Privilege Club, entro il 31 dicembre 2023, possono utilizzare il codice PCSEA23 per guadagnare fino a 4.000 Avios bonus per viaggiare entro il 30 giugno 2024.   [post_title] => Qatar Airways rilancia sulla Thailandia con il terzo volo giornaliero su Phuket [post_date] => 2023-02-01T10:51:31+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675248691000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438404 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_438413" align="alignright" width="300"] Jean-Marc Mocellin, direttore generale Tahiti Tourisme[/caption] Prima edizione post pandemia, a Papeete, per il Parau Parau Tahiti 2023, la fiera internazionale del turismo polinesiano. «Un’occasione per scoprire o riscoprire la destinazione con i professionisti del settore - ha sottolineato il direttore generale di Tahiti Tourisme, Jean-Marc Mocellin -. Due giorni di lavori a cui partecipano 87 product manager provenienti da 12 paesi tra Europa, Nord America e Pacifico del Sud e 84 stakeholder del turismo polinesiano, che hanno programmato oltre 3000 appuntamenti. Durante la pandemia Tahiti è stata resiliente: «Abbiamo concluso il 2022 contando 218.000 visitatori, che sono l’80% del dato del 2019, ma continuano a crescere. E di questo ringraziamo tutti coloro che sostengono il nostro turismo. Tahiti Tourisme ha già pianificato la propria strategia per i prossimi 5 anni, per diventare una destinazione guida nel turismo sostenibile nel Pacifico. L’obiettivo è quello di implementare lo sviluppo del turismo, incentivando l'accoglienza in nuove isole, rispettando le esigenze e gli equilibri dei locali e contenendo il numero degli arrivi limitando la disponibilità dei posti letto nelle strutture d'accoglienza; verranno così garantiti il luxury e la privacy da sempre associati all'idea di in viaggio nell'arcipelago polinesiano, insieme con l’importanza del settore diving. «La nostra ambizione è quella di essere una destinazione responsabile e di turismo slow. Dove prendersi il tempo per riscoprire l’essenza del viaggio: un momento di esperienza e di incontro con una grande attenzione per la sostenibilità - conclude Mocellin -. È infatti possibile compensare l’impatto dei voli internazionali donando all’associazione locale Te Mana O Te Moana/Lo spirito dell’Oceano, impegnata in progetti per la protezione della vita marina e le tartarughe». Anche il presidente della Polinesia Francese Édouard Fritch ha sottolineato l’importanza del Parau Parau Tahiti 2023 affermando che negli ultimi tre anni il paese si è prodigato nello sviluppo del turismo, sostenuto dall’impegno del trade internazionale nel sostenere la destinazione e mantenere accesa l’attenzione per la Polinesia, garantendo così l’eccellente risultato del 2022.  «Grazie di aver riconosciuto il nostro impegno, anche nell’essere una destinazione sicura dal punto di vista sanitario - ha dichiarato Fritch -. Alla fine del 2021 abbiamo riaperto le frontiere e il mondo del turismo è stato il primo a ripartire con energia, con un buon risultato. La Polinesia oggi può garantire al suo ospite un turismo di qualità ed esclusivo, continuando ad arricchire la sua offerta di accoglienza diversificata e una grande varietà di attività ed esperienze». [gallery ids="438412,438414,438411,438410"] [post_title] => A Tahiti va in scena Parau Parau 2023: "Saremo destinazione guida nel turismo sostenibile" [post_date] => 2023-02-01T10:22:29+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675246949000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "la norvegia valuta lintroduzione di una tassa per mitigare limpatto del turismo su ambiente e comunita locali" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":108,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1339,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438639","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Tour operator italiani a tu per tu con l'offerta turistica della Polinesia Francese: una delegazione di operatori specializzati sulla destinazione  - composta da Alidays, Aquadiving, Discover Australia, Gattinoni, Go Australia, Idee per Viaggiare, Kia Ora, Mappamondo, Tinky Winky e Turisanda - ha partecipato al Parau Parau Tahiti 2023.\r\n\r\nPolinesia sinonimo di una riserva di biodiversità da sempre impegnata nella sostenibilità e attenta alle esigenze degli abitanti. Fondamentale il ruolo del Gstc (Global Sustainable Tourism Council), che mette a punto i Criteri Globali del Turismo Sostenibile e sta lavorando con Tahiti Tourisme. Nell’ambito del Parau Parau 2023, David Emen, trainer&consultant del gruppo, ha parlato di “Turismo responsabile nella Polinesia Francese”.\r\n\r\n«Il turismo è una cosa molto buona per la Polinesia Francese, ma dev’esserci un equilibrio, la certezza che porti benefici per la comunità locale, preservi la cultura e rispetti la natura. Guardando al 2027 Gstc è stata messa a punto una strategia puntuale e coesiva che potrà essere adottata dalle Isole di Tahiti. Un impegno volto a risolvere elementi fondamentali, come la stagionalità. Vogliamo ampliare il mercato attirando i viaggiatori nella bassa stagione e rendere accessibili al turismo nuove isole dell’arcipelago. Ma tutto dev’essere fatto incontrando le organizzazioni locali e favorendo il loro confronto con il turismo».\r\n\r\n«Il viaggiatore è cambiato - evidenzia Emen -. Sceglie spostamenti più brevi; è più responsabile e pensa al proprio impatto sulla destinazione, all’autenticità e alla sostenibilità; cerca un turismo più vicino alla natura e si preoccupa degli aspetti assicurativi e sanitari del proprio viaggio. Scopre la destinazione con visite culturali, percorsi naturali e l’incontro con l’ambiente che lo circonda. Inoltre la sostenibilità sta diventando sempre più importante e il turista è pronto a compensare le emissioni di carbonio del suo viaggio. Il Gstc è un’organizzazione indipendente che indica un percorso di recupero ma non offre la soluzione - spiega il trainer&consultant -. Il suo focus è su quello che dovrebbe essere fatto e offre criteri di valutazione sia per le destinazioni che per le industrie. L’attenzione del Gstc va alla gestione della sostenibilità e al suo impatto socio-economico, culturale e ambientale». David Emen ha concluso la sua presentazione con una bella frase del presidente della Polinesia Francese Édouard Fritch, che ha compreso l’importanza di “rafforzare legami autentici e sinceri tra coloro che vengono da lontano e coloro che abitano qui e li accolgono».","post_title":"Parau Parau 2023: il futuro di Tahiti parla di sostenibilità e di attenzione al popolo","post_date":"2023-02-03T13:06:22+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1675429582000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438595","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Lufthansa impiegherà i suoi più nuovi Boeing 787-9 sulle rotte verso altre cinque destinazioni in Nord America, con l'introduzione dell'orario estivo, dal prossimo 26 marzo.\r\n\r\nIl Dreamliner volerà sei volte alla settimana da Francoforte a Dallas-Fort Worth; quattro volte a settimana per Montreal, che saliranno a voli giornalieri dal 1° maggio. Sempre all'inizio di maggio, la compagnia farà volare il suo Dreamliner ogni giorno a Denver, tre volte alla settimana ad Austin mentre il 13 febbraio inizierà a servire Detroit. E da ottobre dello scorso anno il Dreamliner vola quotidianamente a Newark.\r\n\r\nAttualmente, Lufthansa opera tre Boeing 787-9. Altri due saranno consegnati a breve: complessivamente, da qui al 2027, il vettore accoglierà in flotta 32 nuovi Boeing 787-9.\r\n\r\nl Dreamliner sono aeromobili più efficienti dal punto di vista dei consumi e più rispettosi dell'ambiente. In media, consumano 2,5 litri di cherosene per passeggero ogni 100 chilometri percorsi, ovvero il 30% in meno rispetto agli aerei della generazione precedente. ","post_title":"Lufthansa posiziona i B787-9 su altre cinque rotte verso il Nord America","post_date":"2023-02-03T10:17:09+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675419429000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438584","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ryanair e l'aeroporto di Bologna disegnano insieme il futuro, grazie ad un accordo a lungo termine volto a mantenere competitivi i diritti aeroportuali, con un impatto positivo sugli investimenti nella regione. L'intesa è stata siglata in occasione della presentazione dell'operativo estivo della low cost che prevede 11 aeromobili basati - per un investimento di 1,1 miliardi di dollari -, 67 rotte di cui una nuova per Tolosa, oltre 770 voli settimanali; il potenziamento delle frequenze su oltre 20 rotte tra cui Atene, Barcellona, Cagliari, Palma di Maiorca, Praga e Vienna, oltre 4.000 posti di lavoro (di cui 330 diretti).\r\n\"Quest’anno Ryanair trasporterà oltre 5 milioni di ospiti da/per Bologna, sostenendo la crescita a lungo termine e fornendo una spinta necessaria all'economia turistica locale, ma anche l’intera regione Emilia-Romagna, in cui continueremo a crescere questa estate - ha sottolineato il ceo della compagnia, Eddie Wilson -. Questo impegno a lungo termine su Bologna dimostra la fiducia dell'aeroporto nei confronti di Ryanair, che continuerà a investire nella regione per garantire ulteriore benessere ed occupazione. Per celebrare il nuovo operativo abbiamo lanciato un’offerta limitata con tariffe a partire da 29,99 euro per viaggiare tra aprile e ottobre 2023\".\r\n\"Ryanair fornisce la maggior parte della nostra base di traffico sostenendo la connettività del bacino di utenza di Bologna e l'economia della regione - ha aggiunto l'ad e direttore generale dell'Aeroporto di Bologna, Nazareno Ventola -. Continueremo a lavorare insieme per sviluppare un portafoglio di rotte nazionali e internazionali a beneficio dei nostri clienti attuali e futuri\".\r\n \r\n \r\n \r\n ","post_title":"Ryanair investe su Bologna: accordo a lungo termine e nuova rotta per Tolosa","post_date":"2023-02-03T08:54:53+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675414493000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438539","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_438545\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Un particolare di una camera del Jhd Dunant[/caption]\r\n\r\nGrande impulso allo sviluppo del brand Aiden, che nel solo 2023 si aspetta di raddoppiare il proprio portfolio globale, con la prospettiva di crescere di ben il 200% nel prossimo futuro. Il marchio di boutique hotel del segmento upper midscale di casa Bwh ha infatti appena annunciato la prossima apertura di 30 nuovi hotel in India e in Scandinavia, tutti dotati tra l'altro di un innovativo servizio di hologram concierge. \r\n\r\nNel Nord Europa le struttura Aiden saranno in particolare costruite in posizioni strategiche, vicino a università, grandi aziende e sedi di eventi. La sostenibilità sarà inoltre il cuore di queste strutture, con l’introduzione di pannelli solari e di un design modulare per migliorare l’efficienza ambientale. Il primo hotel, l'Aiden by Best Western Herning, aprirà a febbraio nella città danese omonima. Sarà il primo albergo costruito a moduli della Danimarca, con 204 camere, una palestra con sauna, sale conferenze e aree pensate per la socializzazione o il lavoro.\r\n\r\nIn Italia il marchio Aiden è già stato scelto da Eugenio Gallina, proprietario del Jhd Dunant Hotel di Castiglione delle Stiviere, in provincia di Mantova: una struttura con una vocazione alla creatività e all’accoglienza dal design originale. “La scelta di Aiden per il Jhd nel mantovano nasce dalla volontà di associare il nostro hotel a un brand innovativo e contemporaneo – spiega lo stesso Gallina –. Sono soddisfatto dell’impulso allo sviluppo a livello globale: gli ospiti apprezzeranno gli hotel Aiden pensati per chi ama il design e la creatività e vuole condividere momenti negli spazi comuni, le aree relax e il ristorante, che da noi sono originali e accoglienti”.\r\n\r\nIl brand Aiden vanta attualmente 19 hotel in alcune destinazioni turistiche internazionali, come Australia, Francia, Italia, Corea del Sud, nonché negli Stati Uniti, in città come Scottsdale, Austin e Berkley.\r\n\r\n ","post_title":"Bwh: cresce il portfolio del brand Aiden, che raddoppia nel solo 2023","post_date":"2023-02-02T12:36:27+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1675341387000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438512","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"C'è finalmente la data ufficiale di riapertura per il Terminal 2 dell'aeroporto di Milano Malpensa. Dal prossimo 31 maggio, dopo la chiusura causa pandemia nel 2020, il T2 tornerà ad essere la casa esclusiva di easyJet (saranno 23 gli aeromobili basati) con un look rinnovato. I lavori di riqualifica, iniziati a fine 2022, aumenteranno i servizi rivolti al passeggero attraverso l’utilizzo di tecnologie avanzate. E miglioreranno l’efficienza energetica del terminal e offriranno soluzioni tecniche per favorire aeromobili di ultima generazione. Il Terminal 2 sarà quindi più confortevole, innovativo e sostenibile.\r\nUn'area del check in sarà riservata al self bag drop, macchinari che permettono ai viaggiatori di imbarcare i bagagli in stiva in autonomia anche senza l’assistenza del personale di terra. L’area dei controlli di sicurezza sarà completamente ristrutturata, con nuove linee automatizzate di ultima generazione che consentiranno di ridurre i tempi di controllo e attesa dei passeggeri. Inoltre, sarà disponibile una macchina EDS-CB (Explosives Detection Systems for Cabin Baggage) che impiega una tecnologia Tac al passaggio del Fast Track, per effettuare i controlli senza la necessità di separare dal bagaglio a mano gli apparati elettronici e i liquidi. Infine, verranno realizzati nuovi spazi commerciali dedicati allo shopping e alla ristorazione.\r\nSostenibilità\r\nSotto il profilo della sostenibilità sono previsti interventi di adeguamento del piazzale di sosta degli aeromobili finalizzati ad accogliere nelle piazzole adiacenti al terminal i nuovi Airbus A321neo di easyJet, che consentono di produrre il 15% in meno di emissioni di CO2 e di ridurre del 50% l'impatto acustico durante le fasi di decollo e atterraggio rispetto agli aeroplani della precedente generazione.\r\n\r\nPer quanto riguarda l’efficientamento energetico si interverrà sugli impianti di condizionamento, sostituendo la vecchia centrale con una di ultima generazione, e sugli impianti di trasporto persone, con l’installazione di nuovi e più efficienti marciapiedi mobili, scale mobili ed ascensori in diversi punti dell’aerostazione.\r\n“Riaprire il Terminal 2 base storica di easyJet, prima compagnia aerea per voli e passeggeri a Malpensa, è un’ulteriore conferma cha abbiamo recuperato il traffico domestico e europeo - ha commentato Armando Brunini, ad di Sea -. Stiamo effettuando dei lavori di restyling dopo due anni di chiusura a causa della crisi sanitaria e abbiamo colto l’occasione per migliorare i servizi rivolti ai nostri passeggeri”.\r\n ","post_title":"Malpensa: il Terminal 2, casa di easyJet, riaprirà il 31 maggio","post_date":"2023-02-02T11:19:08+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1675336748000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438498","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Proposte di viaggio pensate per esplorare gli oceani e scoprire i tesori nascosti in ambienti naturali vergini. Sono i pacchetti Diving Comore realizzati dall'operatore torinese To Destinations, in collaborazione esclusiva sul mercato italiano e svizzero con la dmc Adore Comore. La destinazione offre in particolare la possibilità di fare immersioni con una visibilità che va dai 20 ai 40 metri, mentre la temperatura dell'acqua è stazionaria tra i 26 e i 30 gradi nel periodo migliore, che va da luglio a novembre.\r\n\r\nStrategicamente posizionate nell'oceano Indiano, al largo delle coste africane, tra il Madagascar e la parte settentrionale del Mozambico, le Comore sono una meta  isolata, tropicale e incontaminata, che sta sviluppando un turismo sostenibile e rispettoso dell'ambiente. Le barriere coralline sono fiorenti, con uno sbiancamento minimo e danni occasionali causati solo da agenti atmosferici. Questo perché dal 2001 il parco nazionale di Moheli ha vietato la pesca con reti, fiocine e dinamite, dando la possibilità alla fauna e flora marina di trovare un ambiente ideale per svilupparsi in questa biosfera patrimonio Unesco.\r\n\r\n“I siti di immersione sono numerosi e adatti a ogni livello - spiega il general manager di To Destinations, Roberto Cagnasso -. Tra i più noti le Royal Itsandra e le Banc Vailheu, che scendono fino a 60 metri, nonché la Masiwa: una nave da carico lunga 80 metri che ora giace a 40 metri di profondità sul fondale a nord di Grand Comore. Sembra quasi di tuffarsi in un acquario, tra formazioni coralline, spugne a botte, anemoni e pesci pagliaccio, nuotando accanto a delfini, megattere, razze, banchi di barracuda, pesci leone, tartarughe marine e diverse specie di squali”.\r\n\r\nInsieme ai numerosi itinerari dedicati alla scoperta dell’interno delle isole e della cultura locale, la nuova programmazione 2023 di To Destinations propone quindi due tour Diving Comore, di otto e dieci giorni, con focus specifico sul mondo marino, oltre naturalmente alla possibilità di costruire pacchetti su misura per viaggiatori con richieste particolari.","post_title":"To Destinations: pacchetti diving per immergersi nelle acque delle Comore","post_date":"2023-02-02T10:18:44+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1675333124000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438486","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air India ha riaperto ieri, 1° febbraio, il volo diretto da Milano Malpensa a Nuova Delhi. La compagnia aerea ora sotto l'egida del gruppo Tata, è tornata a collegare le due città dopo l’interruzione dai primi mesi del 2020 a causa della pandemia. E proprio in questo periodo, il vettore indiamo si è fermato e ristrutturato per ripresentarsi oggi più efficiente e competitivo.\r\n\r\n«Oggi (ieri per chi legge, ndr) riprende un volo e torna a Malpensa un vettore importante che sta crescendo rinnovandosi in modo importante - affermato ha sottolineato Andrea Tucci, vp Aviation Business Development di Sea - Aeroporti di Milano -. Delhi sarà la più grande città raggiungibile da Malpensa con i suoi 30 milioni di abitanti che ne fanno un enorme potenziale di traffico in entrata verso l'Italia. L'investimento di Air India sul nostro aeroporto sarà mirato alla capacità del bacino d'utenza del Nord Italia, intercettando sia la domanda di mercato per i segmenti di viaggio business e turismo che l'ampia presenza della comunità indiana residente».\r\n\r\nIl collegamento, operato da un Boeing 787-8 Dreamliner configurato con 18 posti in Business Class e 238 in Economy Class, è effettuato quattro volte la settimana (lunedì, mercoledì, venerdì, domenica). «Questo volo rappresenta un momento importante - ha sottolineato Nalin Bhatnagar, deputy general manager di Air India - che unisce due importanti città come Milano e Delhi e che dà la possibilità di fruire di numerose persecuzioni dal nostro hub verso tutta l’Asia e l'Australia».\r\n\r\nLa Milano-Nuova Delhi è soltanto un inizio per Air India che già ha richieste per estendere i collegamenti  da Milano verso altre destinazioni indiane, una su tutte Amritsar, capitale dello stato del Punjab, da cui provengono la maggior parte degli indiami presenti nel nostro paese.","post_title":"Air India è tornata operativa sulla Milano-Nuova Delhi. E studia futuri sviluppi","post_date":"2023-02-02T10:08:42+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675332522000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438420","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Qatar Airways aumenta da oggi, 1° febbraio, la frequenza dei voli per la Thailandia, con l'introduzione di un terzo volo giornaliero per Phuket. La nuova frequenza si somma ai quattro voli giornalieri per Bangkok, e porta quindi il numero totale di collegamenti per la Thailandia a sette al giorno.\r\nIl significativo ampliamento dei voli per la Thailandia garantirà una maggiore comodità e connettività ai viaggiatori, offrendo loro più opzioni di viaggio verso oltre 150 destinazioni della rete globale di Qatar Airways, tra cui Roma, Milano, Londra, Manchester, Francoforte, Parigi, Zurigo e New York.\r\n\"Questo è un significativo passo avanti verso il nostro continuo impegno nel mercato thailandese e siamo orgogliosi di servire i nostri passeggeri con sicurezza e un grande network globale\" dichiara Bennet Stephens, regional manager di Qatar Airways per l'Indocina. \r\nI passeggeri a bordo di Qatar Airways hanno a disposizione 4.000 opzioni di intrattenimento; i titolari di carta Visa possono inoltre usufruire di uno sconto fino al 10% sulle prenotazioni e i nuovi utenti che si iscrivono al programma di fidelizzazione Privilege Club, entro il 31 dicembre 2023, possono utilizzare il codice PCSEA23 per guadagnare fino a 4.000 Avios bonus per viaggiare entro il 30 giugno 2024.\r\n ","post_title":"Qatar Airways rilancia sulla Thailandia con il terzo volo giornaliero su Phuket","post_date":"2023-02-01T10:51:31+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675248691000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438404","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_438413\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Jean-Marc Mocellin, direttore generale Tahiti Tourisme[/caption]\r\n\r\nPrima edizione post pandemia, a Papeete, per il Parau Parau Tahiti 2023, la fiera internazionale del turismo polinesiano. «Un’occasione per scoprire o riscoprire la destinazione con i professionisti del settore - ha sottolineato il direttore generale di Tahiti Tourisme, Jean-Marc Mocellin -. Due giorni di lavori a cui partecipano 87 product manager provenienti da 12 paesi tra Europa, Nord America e Pacifico del Sud e 84 stakeholder del turismo polinesiano, che hanno programmato oltre 3000 appuntamenti.\r\n\r\nDurante la pandemia Tahiti è stata resiliente: «Abbiamo concluso il 2022 contando 218.000 visitatori, che sono l’80% del dato del 2019, ma continuano a crescere. E di questo ringraziamo tutti coloro che sostengono il nostro turismo. Tahiti Tourisme ha già pianificato la propria strategia per i prossimi 5 anni, per diventare una destinazione guida nel turismo sostenibile nel Pacifico. L’obiettivo è quello di implementare lo sviluppo del turismo, incentivando l'accoglienza in nuove isole, rispettando le esigenze e gli equilibri dei locali e contenendo il numero degli arrivi limitando la disponibilità dei posti letto nelle strutture d'accoglienza; verranno così garantiti il luxury e la privacy da sempre associati all'idea di in viaggio nell'arcipelago polinesiano, insieme con l’importanza del settore diving.\r\n\r\n«La nostra ambizione è quella di essere una destinazione responsabile e di turismo slow. Dove prendersi il tempo per riscoprire l’essenza del viaggio: un momento di esperienza e di incontro con una grande attenzione per la sostenibilità - conclude Mocellin -. È infatti possibile compensare l’impatto dei voli internazionali donando all’associazione locale Te Mana O Te Moana/Lo spirito dell’Oceano, impegnata in progetti per la protezione della vita marina e le tartarughe».\r\n\r\nAnche il presidente della Polinesia Francese Édouard Fritch ha sottolineato l’importanza del Parau Parau Tahiti 2023 affermando che negli ultimi tre anni il paese si è prodigato nello sviluppo del turismo, sostenuto dall’impegno del trade internazionale nel sostenere la destinazione e mantenere accesa l’attenzione per la Polinesia, garantendo così l’eccellente risultato del 2022.  «Grazie di aver riconosciuto il nostro impegno, anche nell’essere una destinazione sicura dal punto di vista sanitario - ha dichiarato Fritch -. Alla fine del 2021 abbiamo riaperto le frontiere e il mondo del turismo è stato il primo a ripartire con energia, con un buon risultato. La Polinesia oggi può garantire al suo ospite un turismo di qualità ed esclusivo, continuando ad arricchire la sua offerta di accoglienza diversificata e una grande varietà di attività ed esperienze».\r\n\r\n[gallery ids=\"438412,438414,438411,438410\"]","post_title":"A Tahiti va in scena Parau Parau 2023: \"Saremo destinazione guida nel turismo sostenibile\"","post_date":"2023-02-01T10:22:29+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1675246949000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti