29 January 2023

Italia e Borneo più vicini grazie al progetto dell’associazione Osculati

[ 0 ]

Targa_DettaglioUna via tutta italiana per raggiungere il Borneo. A 150 anni dalla straordinaria spedizione esplorativa di Odoardo Beccari, massimo botanista nella storia tricolore, il Belpaese rilancia un ponte privilegiato di collaborazione con la Malesia e la terza più grande isola del mondo. Il progetto, elaborato dal giornalista Alberto Caspani per l’associazione “Gaetano Osculati” di Biassono,  è patrocinato dalla Società Geografica Italiana, che già nel quadriennio 1865-1868 fu impegnata in prima linea, grazie alla partecipazione al viaggio nel Sud-est asiatico del suo futuro presidente Giacomo Doria. Caspani sarà dunque ambasciatore in Borneo, portando in dono una targa commemorativa al museo del Sarawak di Kuching, la capitale dell’isola dove il nome di Beccari è oggi paradossalmente più popolare che in Italia, avendo contribuito a riconoscere oltre 130 specie di palme, nonché insetti, conchiglie e animali, dischiudendo al mondo di allora usi e costumi delle più insidiose tribù di cacciatori di teste. Sarà il primo passo per rimappare ufficialmente l’itinerario seguito da Beccari, che si spinse sino all’isola di Labuan e al sultanato di Brunei, integrando le osservazioni di allora con alcune sensazionali scoperte archeologiche odierne, emerse dal fitto della giungla centrale dell’isola: la “nuova” via non punta soltanto ad offrire un’opportunità di avvicinamento al Borneo dalla sua prospettiva originaria, ma a conferire anche ulteriore slancio alle relazioni fra Italia e Malesia. «In un periodo in cui la crisi economica e geopolitica sta portando a un ripiegamento dei nostri orizzonti – ha dichiarato Caspani – occorre adottare nuovi modelli operativi che permettano di fare rete, in modo tale che cultura, turismo e commercio possano meglio compenetrarsi e trarre reciproco giovamento. Non a caso “La via di Odoardo Beccari”, a fianco dell’azienda vitivinicola “Vignavecchia” gestita nel Chianti dagli eredi dell’esploratore, vede coinvolte diverse realtà internazionali, dai giardini di Kew Garden a Londra (dove lo scorso febbraio è stato celebrato il nostro esploratore, che lì conobbe Charles Darwin e il rajà del Sarawak), alla Palm&Cicad Societies d’Australia per arrivare al museo delle Culture di Lugano. La spedizione, al via dal 25 luglio, durerà circa un mese e prevede una serie di aggiornamenti “in presa diretta” (là dove le condizioni di viaggio lo renderanno possibile), sul modello dei dispacci un tempo inviati alla Società Geografica Italiana: al posto di missive ingiallite oggi saranno però i lanci sul web e sui social network degli enti coinvolti a raccontare il nuovo volto del Borneo.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438061 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Chioggia ospiterà il primo vertiporto dedicato agli airtaxi del Veneto: l'iniziativa, in collaborazione con il comune della città, farà da apripista ad altre che il Sistema aeroportuale del Nord Est ha elaborato, in linea con il Piano Strategico Nazionale “Advanced Air Mobility - AAM (2021-2030)” di Enac La roadmap per la realizzazione del piano di mobilità aerea avanzata del Gruppo Save si snoda su un arco temporale di tre anni e, per lo sviluppo dell'intero progetto, il gruppo partecipa alla società UrbanV, costituita ad ottobre 2021 con gli scali di Roma, Bologna e della Costa Azzurra. L’aeroporto di Venezia, terzo hub intercontinentale italiano, ospiterà due vertiporti: il primo nell’area landside per connettere il Nord Est dell’Italia, il secondo nell’area airside. In grado di collegare l’aeroporto con le principali aree logistiche e di attrazione turistica del territorio lagunare, si prevede possano movimentare intorno ai 340.000 passeggeri all’anno. Ma non sarà solo il territorio lagunare a beneficiare delle nuove tecnologie. Il piano di mobilità aerea avanzata infatti prevederà un sistema di oltre una decina di vertiporti che, partendo da Venezia, collegheranno tutto il Nord Est arrivando a lambire i territori di Cortina, Brescia e Bologna. Un’innovazione che si integrerà, seguendo un modello di intermodalità, con l’attuale rete di trasporti, così da ridurre i tempi di spostamento tra Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna. L'intero progetto, "è in linea con la nostra strategia di sostenibilità che è volta a favorire non solo la riduzione delle emissioni di CO2, ma anche lo sviluppo di un sistema intermodale di collegamento tra i nostri aeroporti e con i centri urbani - ha dichiarato Monica Scarpa, ad del gruppo Save -. Attraverso la partecipazione nella joint venture UrbanV, diamo concretezza alla volontà di accelerare lo sviluppo dei vertiporti, e avviamo un percorso condiviso per lo studio e la progettazione di infrastrutture di mobilità aerea urbana, in grado di decongestionare il traffico dell’area in cui incide il Marco Polo ad elevato traffico automobilistico”.   [post_title] => Airtaxi: sarà realizzato a Chioggia il primo vertiporto del Veneto [post_date] => 2023-01-27T10:05:07+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674813907000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437987 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il grande ritorno dell'eCommerce nel turismo. Infatti il 2022 è stato l’anno della ripresa per il mercato complessivo del turismo (online + offline) in Italia, tornato vicinissimo ai valori pre-pandemia. Se per la componente offline il divario da colmare è ancora significativo (da -45% a -16% rispetto al 2019 per i differenti comparti), guardando solo all’eCommerce dei viaggi il sorpasso sul 2019, in alcuni casi, è già avvenuto. Nell’ospitalità i valori del 2022 per l’online superano, infatti, quelli del pre-pandemia (16,4 contro i 14,6 miliardi del 2019) mentre nei trasporti vi sono ormai vicini (11,2 miliardi rispetto a i 12 di tre anni fa). Anche il turismo organizzato ha ripreso a correre: il mercato del tour operating nel 2022 vale il 70% di quanto fatturava nel 2019 e il comparto delle agenzie di viaggio si attesta al -19% sul pre-pandemia. Rispetto al 2021 la ripartenza è evidente: +106% per il tour operating e +189% per le agenzie di viaggio. Sono alcuni dei dati emersi dalla nona edizione dell'Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo della School of Management del Politecnico di Milano, presentati in occasione del convegno “Travel Innovation Day – Il Travel riprende quota: il digitale ai comandi” insieme alla ricerca dell’Osservatorio Business Travel, svolta in partnership con il Center for Advanced Studies in Tourism (CAST) dell’Università di Bologna. Crescita Anche in fase di prenotazione l’online la fa da padrone: per l’alloggio la quota di chi ha utilizzato esclusivamente canali online raggiunge il 59%, mentre nei trasporti il 63%. Inoltre, il 22% dei viaggiatori si rivolge all’agenzia o consulente di viaggio per acquisire informazioni o prenotare la vacanza. Continua a crescere anche il numero di viaggiatori che ha acquistato tramite eCommerce prodotti legati alla località visitata e che rappresenta il 33% del totale, contro il 12% del 2019 e il 9% del 2018. Anche l’offerta si sta adeguando alla crescente richiesta di esperienze neverending, ossia esperienze turistiche estese nel tempo e nello spazio: il 12% delle strutture ricettive offre ai propri clienti la possibilità di acquistare prodotti della destinazione (enogastronomici, di artigianato etc.) tramite eCommerce. [post_title] => L'eCommerce vola. Il turismo organizzato si difende bene [post_date] => 2023-01-26T11:11:55+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674731515000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437861 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Trasformazione, turismo e futuro. Sono i tre capisaldi di TIPO – Turismo Industriale Prato, il progetto giunto alla seconda edizione. Si tratta di un’esperienza di visita esclusiva in luoghi industriali suggestivi e ricchi di fascino, diversa da tutte le altre proposte italiane e internazionali di turismo industriale: non solo archeologia industriale e musei d'azienda, ma anche visite delle fabbriche in attività, perfettamente inserite nel presente e pronte alle sfide del futuro.   Il programma di iniziative di TIPO del 2023, alla scoperta territorio e del proprio legame con il tessile, tra passato e soprattutto presente, si snoda tra alcuni dei luoghi simbolo di Prato, città proiettata al futuro, in cui è presente la mano di grandi architetti e si respirano le storie di coloro che li hanno vissuti. Il progetto, in costante evoluzione per il numero di aziende coinvolte e per gli aspetti del turismo industriale che riesce a valorizzare, presenta da gennaio ad aprile, quattro weekend di eventi, sempre a fine mese. TIPO tour, un tour in fabbrica, alla scoperta di aspetti inediti e spettacolari della produzione tessile storica e contemporanea (dall’hi-tech ai campionari storici, dalle tecniche di lavorazione antiche a quelle contemporanee); TIPO kids, laboratori per bambini e famiglie alla scoperta dei segreti dei tessuti. E ad aprile un grande festival, il primo dedicato al turismo industriale, con spettacoli ed eventi. E poi gli itinerari di TIPO in luoghi sempre visitabili, con materiale illustrativo in italiano ed inglese, come la ex cimatoria Campolmi, oggi sede del Museo del Tessuto e della Biblioteca Lazzerini, per apprezzare le archeologie industriali trasformate in luoghi di cultura contemporanea; percorsi durante i quali il visitatore potrà apprezzare sia il recupero, conoscere la storia, godere delle opere di arte contemporanea presenti. «TIPO è ormai un tratto distintivo di Prato – commenta Gabriele Bosi, assessore al Turismo di Prato -  e del turismo che riguarda la nostra città. Gli eventi in programma in questo 2023 rispecchiano appieno la nostra volontà di raccontare il passato, il presente e il futuro del più grande distretto tessile d’Europa, coinvolgendo tutto il territorio, quindi non solo la città di Prato, ma ancora una volta anche i comuni limitrofi, facendo sistema. Ci saranno molte aziende coinvolte, delle vere e proprie eccellenze, così come luoghi di cultura e storia, che partecipano attivamente nel rendere unica la nostra città. Ringrazio ancora tutti coloro che sono impegnati in questo progetto che continua a crescere, e il pubblico che sceglierà di partecipare, dalla Toscana e da tutta Italia». [post_title] => TIPO 2023, alla scoperta del Made in Prato tra eventi, musei ed iniziative [post_date] => 2023-01-25T10:49:25+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674643765000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437873 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Esordio in Liguria per IOBUS, la start up tutta italiana che, dopo aver lanciato su Roma, nell’aprile scorso, i tour esperienziali in otto lingue, estende questa tipologia d’offerta turistica a La Spezia, proponendo due tour nel famoso e suggestivo Golfo dei Poeti, programmati a Lerici e a Porto Venere.  Il progetto nasce da una partnership siglata con SAT di Viaggi Capa, storico operatore locale, da sempre impegnato nello sviluppo turistico di La Spezia e Massa Carrara, che attualmente dispone di una flotta di bus Gt composta da minibus a nove posti e pullman fino a 88 posti. I tour Il primo tour, identificato con la ‘Linea Rossa’ prevede fermate a Piazza Chiodo, di fronte al Museo tecnico Navale, a Porto Venere, Patrimonio Unesco con sosta al borgo, e rientro a La Spezia lungo la Via Napoleonica. Il secondo tour, ‘Linea Blu’, è programmato con fermate a Venere Azzurra/San Terenzo, baia caratterizzata da Villa Marigola del XVIII secolo, ed a Lerici col suo borgo dominato dal Castello del 1152. «Il lancio di questi nuovi tours – sottolinea il Presidente di Iobus, Giuseppe Cilia – è la conferma di una strategia di sviluppo sul territorio nazionale, che avevamo già espresso agli esordi nella capitale la scorsa primavera. Ora, in soli 8 mesi e con un partner affidabile come SAT di Viaggi Capa, ampliamo le nostre proposte di tours cittadini, realizzando due itinerari di grande suggestione alla scoperta di una eccellenza ligure come il Golfo dei Poeti che ogni anno attira migliaia di turisti italiani e stranieri e numerosi crocieristi. Riguardo poi l’andamento del nostro primo anno di attività su Roma siamo pienamente soddisfatti dei risultati raggiunti e anche nel 2023 proseguiremo le collaborazioni con i più importanti tour operator». Viva soddisfazione espressa anche dal partner dell’operazione: «Da anni – osserva infatti Luca Lorenzini, titolare di SAT di Viaggi Capa - abbiamo sviluppato un servizio di tour operating dedicato al turismo in arrivo ai vari Porti di La Spezia, Marina di Carrara e Livorno offrendo possibilità di raggiungere le più famose località turistiche della Toscana e della Liguria; con questo nuovo servizio si consolida l’offerta incoming locale con l’eccellenza di un territorio come il Golfo dei Poeti. Con questo nuovo progetto di Iobus La Spezia, puntiamo ad internazionalizzare l’offerta, sia con le navi da crociera che con i turisti fai da te». [post_title] => IOBUS lancia i tours nel Golfo dei Poeti a La Spezia [post_date] => 2023-01-25T08:45:14+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674636314000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437852 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono ben quattro le novità 2023 nella squadra di manager del gruppo Barceló in Italia, e in particolare in tre strutture capitoline, nonché negli uffici di Roma.  Marco Cottone è quindi il nuovo direttore del Barceló Aran Mantegna: lavora nel gruppo alberghiero spagnolo dal 2013, dove ha ricoperto posizioni manageriali in diverse realtà della compagnia in Italia, a Milano e ancora Roma, nonché in Spagna, a Barcellona e a Siviglia. Responsabile della guida dell’Occidental Aurelia è invece Niccolò Piacenza: nel 2017 si trasferisce in Spagna, Paesi in cui sviluppa la propria carriera ricoprendo diverse posizioni operative a Madrid, alle isole Baleari e alle Canarie. Rientra quindi a Roma come responsabile per la gestione di questo albergo, che si trova in posizione particolarmente strategica, vicino a Città del Vaticano. Appena arrivato dalle isole Canarie, Alberto Lopez ricopre ora la direzione generale dell'hotel Occidental Aran Park. La sua esperienza pregressa include, tra le altre, attività nelle operazioni alberghiere di alberghi e resort nei Caraibi, a Cuba e nella Repubblica Dominicana. Infine, Leonardo Melro è stato nominato direttore commerciale. Melro proviene da esperienze internazionali in altre catene alberghiere come Accor, Melia e Marriott. Giunge in Italia dopo un’esperienza in America Latina, dove ha ricoperto l’incarico di strutturare la strategia commerciale, alla guida del team marketing, reservations, proactive sales e mice. “Il rafforzamento del nostro management in Italia dimostra il nostro impegno e l’interesse strategico nel continuare a far crescere le nostre operazioni nella Penisola”, sottolinea lo stess Cottone, neodirettore del Barceló Aran Mantegna. [post_title] => Il 2023 si apre con quattro novità nel management Barceló in Italia [post_date] => 2023-01-24T14:06:26+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674569186000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437847 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cambio di direzione al nuovo hotel La Palma. Non sarà più Fabio Datteroni a guidare la riapertura della struttura della Oetker Collection di Capri prevista per il 2023, ma Imelda Shllaku, che ne assumerà il timone a partire dal prossimo 6 marzo. Con una carriera quasi trentennale alle spalle, la futura general manager vanta numerose esperienze nel settore dell’ospitalità di lusso su scala globale. Dopo il suo primo ruolo come hotel manager presso il Sina The Gray di Milano, ha lavorato per il gruppo The Ritz Carlton dapprima a Dublino, poi sull’isola thailandese di Krabi. Successivamente, si è occupata per sette anni della gestione delle proprietà di Londra e Milano di Bulgari Hotel & Resorts, ricoprendo varie posizioni, per diventare, infine, director of rooms presso l’Armani Hotel di Dubai e il One & Only alle Maldive. Dopo un anno di pausa, nel quale si è occupata di consulenze per 15 importanti hotel di lusso, diventa quindi general manager del Baglioni Hotel London. Il suo ultimo ruolo prima di approdare a Capri, l’ha vista diventare global director of rooms & guest experiences per il gruppo Kerzner International. “Sono entusiasta del mio nuovo ruolo come general manager dell’hotel La Palma - commenta la stessa Imelda Shllaku -. Credo che la mia esperienza mi permetterà di guidare i vari team al meglio, per garantire agli ospiti un’esperienza impeccabile. Non vediamo l’ora di aprire le porte di questo luogo speciale e accogliere, sia i locali sia gli ospiti provenienti da ogni parte del mondo". La Palma, costruito nel 1822, e completamente ristrutturato dalla Oetker Collection, è il primo progetto di hôtellerie che porta la firma di Francis Sultana. L'interior designer ha collaborato con i migliori artigiani locali per rendere omaggio alla tradizione. A pochi passi dalla leggendaria Piazzetta, l’hotel offrirà un ristorante e un bar sulla terrazza, un beach club, una nuova piscina, una spa, un fitness centre e tre boutique. La ristorazione sarà curata da chef Gennaro Esposito. [post_title] => Imelda Shllaku al timone della Palma di Capri per la sua riapertura [post_date] => 2023-01-24T13:51:28+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674568288000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437796 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nell’ambito delle attività che il Club per l’UNESCO di Genova sta realizzando sui territori della città di Genova e delle aree metropolitane annesse al Capoluogo ligure la Rete degli Ecomusei sarà protagonista venerdì 27 gennaio 2023 alle ore 17, a Palazzo Tursi dove verranno presentate alcune linee importanti di lavoro e relative progettualità dell’Associazione genovese per il 2023. Oltre alle principali azioni in tema di sostenibilità, Agenda 2030, valorizzazione e salvaguardia del patrimonio, inclusione sociale, intercultura e accessibilità, che restano i pilastri operativi del Club di Genova per l’UNESCO, per l’occasione la manifestazione verterà sulla presentazione degli strumenti operativi che il Club per l’UNESCO di Genova ha realizzato sul territorio metropolitano dal 2020 ad oggi: gli Ecomusei. Con la definizione “Ecomuseo” si intende un’istituzione creata per volontà degli individui e delle associazioni del territorio su cui esso agisce, con la finalità di valorizzarne il patrimonio culturale per garantire la continuità della trasmissione della tradizione e della storia del territorio stesso. Queste strutture introdotte da una importante ricerca proposta dal Club UNESCO di Genova e realizzata dal Massimo Ruggero propongono insieme alle istituzioni locali, alcune progettualità di sviluppo sociale ed economico dei territori stessi, aumentandone il potenziale ricettivo, creando nuovi percorsi di valorizzazione e promozione dei territori e del proprio heritage, declinando altresì un potenziato, dinamico e innovativo strumento di offerta turistica e culturale. Sono stati creati sui territori genovesi e metropolitani proprio gli Ecomusei, strutture innovative che si propongono come evoluzione di un paleo museologia sempre più orientata ormai verso la sostenibilità e gli Obiettivi di Agenda 2030, con le quali portare rinnovamento e sviluppo socioeconomico circolare alle comunità locali.  L’Associazione propone nuovi punti di interesse culturale, naturalistico e paesaggistico come chiave di lettura delle comunità, della cultura storica e del patrimonio materiale ed immateriale in un’ottica di accrescere la consapevolezza e la conoscenza della propria identità a tutela, valorizzazione e sviluppo delle comunità e dei territori a cui esse sono ascritte. Creiamo, dunque, nuovi “musei del territorio e delle comunità”. Tra i relatori oltre a Massimo Ruggero Presidente del Club per UNESCO di Genova città metropolitana Fondatore e Direttore della Rete degli Ecomusei metropolitani e dei territori della Liguria-UNESCO Genova, Marco Bucci sindaco di Genova, Alessandra Bianchi, assessore al Turismo di Genova, Hugues de Varine, archelogo, storico e museologo francese, e Augusto Sartori, assessore al Turismo Regione Liguria. [post_title] => Genova, focus sugli Ecomusei per dare senso di identità e valorizzare il territorio [post_date] => 2023-01-24T10:25:01+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674555901000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437795 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Roma e Milano sono da oggi ancora più vicine grazie al nuovo collegamento di alta velocità di Trenitalia: il Frecciarossa impiegherà infatti sole 2 ore e 45 minuti per coprire la distanza fra le stazioni di Roma Tiburtina e Milano Rogoredo: porte d’ingresso della Capitale e del capoluogo lombardo. L'orario è quello del Frecciarossa 9682 Roma Tiburtina 5.30 con arrivo a Milano Rogoredo alle 8.15; Frecciarossa 9681 Milano Rogoredo 20.44 con arrivo a Roma Tiburtina alle 23.29.       Il nuovo collegamento non effettua fermate a Roma Termini e a Milano Centrale, "ma da Tiburtina e da Rogoredo  - spiega una nota della società - grazie ad altre modalità di trasporto, tra cui le metropolitane o i servizi ferroviari urbani, è possibile raggiungere velocemente il centro e i distretti istituzionali, economici e turistici delle due città. Tutto ciò in un’ottica di integrazione e intermodalità e di minore congestionamento delle stazioni "di testa", a beneficio, così, anche di una maggiore regolarità del servizio. Con la nuova coppia di collegamenti il totale delle corse Frecciarossa che effettuano fermata nella stazione di Milano Rogoredo sale a oltre 47, Complessivamente l'offerta Frecciarossa tra Roma e Milano sale a 90 collegamenti giornalieri. Ai 2 Frecciarossa no stop Roma Tiburtina – Milano Rogoredo si aggiungono 7 Frecciarossa no stop Roma Termini– Milano Centrale in 2h 59’ e 81 Frecciarossa Roma-Milano con fermate intermedie e tempi di percorrenza a partire da 3h e 08’. [post_title] => Trenitalia: da oggi Milano-Roma in sole 2 ore 45 minuti col Frecciarossa [post_date] => 2023-01-24T09:58:34+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674554314000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437760 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Entra nella fase due il progetto per la transizione digitale nel turismo co-finanziato dal programma Cosme dell’Unione europea (COmpetitiveness of Small and Medium-sized Enterprises). Si sono, infatti, aperte le candidature per il bando di accelerazione e finanziamento promosso da EuDigiTour, che porterà 30 realtà innovative, selezionate tra startup e pmi con sede in Italia, Germania, Croazia e Slovenia, ad accedere a un programma di coaching e mentoring di tre mesi dedicato al modello di business e alla maturità tecnologica, con la possibilità di ricevere un voucher di finanziamento di 10 mila euro. Le candidature si chiudono il 15 febbraio e saranno inizialmente aperte a 45 realtà del turismo nei paesi membri del progetto. Successivamente, solo 30 aziende verranno selezionate, con il duplice vantaggio dell’accelerazione gratuita verso soluzioni innovative e del finanziamento, che consentirà di integrare le tecnologie necessarie. A questo si aggiunge la visibilità e il networking di respiro europeo che apre le porte a nuove opportunità di business. Il progetto EuDigiTour è stato concepito per aiutare la prossima generazione di pmi turistiche dell’Ue a sfruttare le potenzialità del digitale, rafforzando la cooperazione nell’ecosistema turistico per lo sviluppo di soluzioni turistiche nuove, innovative e intelligenti, prodotti, servizi, competenze e nuovi modelli di business: a disposizione delle pmi mentor nazionali e internazionali, esperti nell’uso di intelligenza artificiale (Ai), Internet delle cose (IoT), realtà virtuale e aumentata (vr/ar) e big data, nonché un percorso totalmente gratuito che si articola in diversi step. La prima fase di formazione si è svolta in particolare tra settembre e novembre 2022 con il supporto di X23 (Centro di ricerca coordinatore del progetto), Associazione startup turismo e altri partner europei. In Italia, la Transformation Academy è stata condotta in partnership con Isnart e ha visto la partecipazione di 132 realtà, ben oltre l’obiettivo indicato dall’Unione europea di raggiungere 80 aziende. “Le startup sono un naturale game changer. Ed è stato facile per noi giocare un ruolo attivo in questo progetto, perché è parte integrante della nostra mission supportare la transizione delle pmi del turismo verso la tecnologia digitale", sottolinea Karin Venneri, presidente Associazione startup turismo.   [post_title] => Al via il bando EuDigiTour per le startup del turismo. Si chiuderà il 15 febbraio [post_date] => 2023-01-23T11:19:40+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674472780000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "italia e borneo piu vicini grazie al progetto dellassociazione osculati" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":93,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":929,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438061","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Chioggia ospiterà il primo vertiporto dedicato agli airtaxi del Veneto: l'iniziativa, in collaborazione con il comune della città, farà da apripista ad altre che il Sistema aeroportuale del Nord Est ha elaborato, in linea con il Piano Strategico Nazionale “Advanced Air Mobility - AAM (2021-2030)” di Enac\r\n\r\nLa roadmap per la realizzazione del piano di mobilità aerea avanzata del Gruppo Save si snoda su un arco temporale di tre anni e, per lo sviluppo dell'intero progetto, il gruppo partecipa alla società UrbanV, costituita ad ottobre 2021 con gli scali di Roma, Bologna e della Costa Azzurra. L’aeroporto di Venezia, terzo hub intercontinentale italiano, ospiterà due vertiporti: il primo nell’area landside per connettere il Nord Est dell’Italia, il secondo nell’area airside. In grado di collegare l’aeroporto con le principali aree logistiche e di attrazione turistica del territorio lagunare, si prevede possano movimentare intorno ai 340.000 passeggeri all’anno.\r\nMa non sarà solo il territorio lagunare a beneficiare delle nuove tecnologie. Il piano di mobilità aerea avanzata infatti prevederà un sistema di oltre una decina di vertiporti che, partendo da Venezia, collegheranno tutto il Nord Est arrivando a lambire i territori di Cortina, Brescia e Bologna. Un’innovazione che si integrerà, seguendo un modello di intermodalità, con l’attuale rete di trasporti, così da ridurre i tempi di spostamento tra Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna.\r\nL'intero progetto, \"è in linea con la nostra strategia di sostenibilità che è volta a favorire non solo la riduzione delle emissioni di CO2, ma anche lo sviluppo di un sistema intermodale di collegamento tra i nostri aeroporti e con i centri urbani - ha dichiarato Monica Scarpa, ad del gruppo Save -. Attraverso la partecipazione nella joint venture UrbanV, diamo concretezza alla volontà di accelerare lo sviluppo dei vertiporti, e avviamo un percorso condiviso per lo studio e la progettazione di infrastrutture di mobilità aerea urbana, in grado di decongestionare il traffico dell’area in cui incide il Marco Polo ad elevato traffico automobilistico”.\r\n ","post_title":"Airtaxi: sarà realizzato a Chioggia il primo vertiporto del Veneto","post_date":"2023-01-27T10:05:07+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674813907000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437987","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il grande ritorno dell'eCommerce nel turismo. Infatti il 2022 è stato l’anno della ripresa per il mercato complessivo del turismo (online + offline) in Italia, tornato vicinissimo ai valori pre-pandemia. Se per la componente offline il divario da colmare è ancora significativo (da -45% a -16% rispetto al 2019 per i differenti comparti), guardando solo all’eCommerce dei viaggi il sorpasso sul 2019, in alcuni casi, è già avvenuto. Nell’ospitalità i valori del 2022 per l’online superano, infatti, quelli del pre-pandemia (16,4 contro i 14,6 miliardi del 2019) mentre nei trasporti vi sono ormai vicini (11,2 miliardi rispetto a i 12 di tre anni fa).\r\n\r\nAnche il turismo organizzato ha ripreso a correre: il mercato del tour operating nel 2022 vale il 70% di quanto fatturava nel 2019 e il comparto delle agenzie di viaggio si attesta al -19% sul pre-pandemia. Rispetto al 2021 la ripartenza è evidente: +106% per il tour operating e +189% per le agenzie di viaggio. Sono alcuni dei dati emersi dalla nona edizione dell'Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo della School of Management del Politecnico di Milano, presentati in occasione del convegno “Travel Innovation Day – Il Travel riprende quota: il digitale ai comandi” insieme alla ricerca dell’Osservatorio Business Travel, svolta in partnership con il Center for Advanced Studies in Tourism (CAST) dell’Università di Bologna.\r\nCrescita\r\nAnche in fase di prenotazione l’online la fa da padrone: per l’alloggio la quota di chi ha utilizzato esclusivamente canali online raggiunge il 59%, mentre nei trasporti il 63%. Inoltre, il 22% dei viaggiatori si rivolge all’agenzia o consulente di viaggio per acquisire informazioni o prenotare la vacanza.\r\n\r\nContinua a crescere anche il numero di viaggiatori che ha acquistato tramite eCommerce prodotti legati alla località visitata e che rappresenta il 33% del totale, contro il 12% del 2019 e il 9% del 2018. Anche l’offerta si sta adeguando alla crescente richiesta di esperienze neverending, ossia esperienze turistiche estese nel tempo e nello spazio: il 12% delle strutture ricettive offre ai propri clienti la possibilità di acquistare prodotti della destinazione (enogastronomici, di artigianato etc.) tramite eCommerce.","post_title":"L'eCommerce vola. Il turismo organizzato si difende bene","post_date":"2023-01-26T11:11:55+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1674731515000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437861","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Trasformazione, turismo e futuro. Sono i tre capisaldi di TIPO – Turismo Industriale Prato, il progetto giunto alla seconda edizione. Si tratta di un’esperienza di visita esclusiva in luoghi industriali suggestivi e ricchi di fascino, diversa da tutte le altre proposte italiane e internazionali di turismo industriale: non solo archeologia industriale e musei d'azienda, ma anche visite delle fabbriche in attività, perfettamente inserite nel presente e pronte alle sfide del futuro.  \r\n\r\nIl programma di iniziative di TIPO del 2023, alla scoperta territorio e del proprio legame con il tessile, tra passato e soprattutto presente, si snoda tra alcuni dei luoghi simbolo di Prato, città proiettata al futuro, in cui è presente la mano di grandi architetti e si respirano le storie di coloro che li hanno vissuti.\r\n\r\nIl progetto, in costante evoluzione per il numero di aziende coinvolte e per gli aspetti del turismo industriale che riesce a valorizzare, presenta da gennaio ad aprile, quattro weekend di eventi, sempre a fine mese. TIPO tour, un tour in fabbrica, alla scoperta di aspetti inediti e spettacolari della produzione tessile storica e contemporanea (dall’hi-tech ai campionari storici, dalle tecniche di lavorazione antiche a quelle contemporanee); TIPO kids, laboratori per bambini e famiglie alla scoperta dei segreti dei tessuti. E ad aprile un grande festival, il primo dedicato al turismo industriale, con spettacoli ed eventi. E poi gli itinerari di TIPO in luoghi sempre visitabili, con materiale illustrativo in italiano ed inglese, come la ex cimatoria Campolmi, oggi sede del Museo del Tessuto e della Biblioteca Lazzerini, per apprezzare le archeologie industriali trasformate in luoghi di cultura contemporanea; percorsi durante i quali il visitatore potrà apprezzare sia il recupero, conoscere la storia, godere delle opere di arte contemporanea presenti.\r\n\r\n«TIPO è ormai un tratto distintivo di Prato – commenta Gabriele Bosi, assessore al Turismo di Prato -  e del turismo che riguarda la nostra città. Gli eventi in programma in questo 2023 rispecchiano appieno la nostra volontà di raccontare il passato, il presente e il futuro del più grande distretto tessile d’Europa, coinvolgendo tutto il territorio, quindi non solo la città di Prato, ma ancora una volta anche i comuni limitrofi, facendo sistema. Ci saranno molte aziende coinvolte, delle vere e proprie eccellenze, così come luoghi di cultura e storia, che partecipano attivamente nel rendere unica la nostra città. Ringrazio ancora tutti coloro che sono impegnati in questo progetto che continua a crescere, e il pubblico che sceglierà di partecipare, dalla Toscana e da tutta Italia».","post_title":"TIPO 2023, alla scoperta del Made in Prato tra eventi, musei ed iniziative","post_date":"2023-01-25T10:49:25+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1674643765000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437873","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Esordio in Liguria per IOBUS, la start up tutta italiana che, dopo aver lanciato su Roma, nell’aprile scorso, i tour esperienziali in otto lingue, estende questa tipologia d’offerta turistica a La Spezia, proponendo due tour nel famoso e suggestivo Golfo dei Poeti, programmati a Lerici e a Porto Venere. \r\nIl progetto nasce da una partnership siglata con SAT di Viaggi Capa, storico operatore locale, da sempre impegnato nello sviluppo turistico di La Spezia e Massa Carrara, che attualmente dispone di una flotta di bus Gt composta da minibus a nove posti e pullman fino a 88 posti.\r\n\r\nI tour\r\n\r\nIl primo tour, identificato con la ‘Linea Rossa’ prevede fermate a Piazza Chiodo, di fronte al Museo tecnico Navale, a Porto Venere, Patrimonio Unesco con sosta al borgo, e rientro a La Spezia lungo la Via Napoleonica. Il secondo tour, ‘Linea Blu’, è programmato con fermate a Venere Azzurra/San Terenzo, baia caratterizzata da Villa Marigola del XVIII secolo, ed a Lerici col suo borgo dominato dal Castello del 1152.\r\n\r\n«Il lancio di questi nuovi tours – sottolinea il Presidente di Iobus, Giuseppe Cilia – è la conferma di una strategia di sviluppo sul territorio nazionale, che avevamo già espresso agli esordi nella capitale la scorsa primavera. Ora, in soli 8 mesi e con un partner affidabile come SAT di Viaggi Capa, ampliamo le nostre proposte di tours cittadini, realizzando due itinerari di grande suggestione alla scoperta di una eccellenza ligure come il Golfo dei Poeti che ogni anno attira migliaia di turisti italiani e stranieri e numerosi crocieristi. Riguardo poi l’andamento del nostro primo anno di attività su Roma siamo pienamente soddisfatti dei risultati raggiunti e anche nel 2023 proseguiremo le collaborazioni con i più importanti tour operator».\r\n\r\nViva soddisfazione espressa anche dal partner dell’operazione: «Da anni – osserva infatti Luca Lorenzini, titolare di SAT di Viaggi Capa - abbiamo sviluppato un servizio di tour operating dedicato al turismo in arrivo ai vari Porti di La Spezia, Marina di Carrara e Livorno offrendo possibilità di raggiungere le più famose località turistiche della Toscana e della Liguria; con questo nuovo servizio si consolida l’offerta incoming locale con l’eccellenza di un territorio come il Golfo dei Poeti. Con questo nuovo progetto di Iobus La Spezia, puntiamo ad internazionalizzare l’offerta, sia con le navi da crociera che con i turisti fai da te».","post_title":"IOBUS lancia i tours nel Golfo dei Poeti a La Spezia","post_date":"2023-01-25T08:45:14+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674636314000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437852","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono ben quattro le novità 2023 nella squadra di manager del gruppo Barceló in Italia, e in particolare in tre strutture capitoline, nonché negli uffici di Roma.  Marco Cottone è quindi il nuovo direttore del Barceló Aran Mantegna: lavora nel gruppo alberghiero spagnolo dal 2013, dove ha ricoperto posizioni manageriali in diverse realtà della compagnia in Italia, a Milano e ancora Roma, nonché in Spagna, a Barcellona e a Siviglia.\r\n\r\nResponsabile della guida dell’Occidental Aurelia è invece Niccolò Piacenza: nel 2017 si trasferisce in Spagna, Paesi in cui sviluppa la propria carriera ricoprendo diverse posizioni operative a Madrid, alle isole Baleari e alle Canarie. Rientra quindi a Roma come responsabile per la gestione di questo albergo, che si trova in posizione particolarmente strategica, vicino a Città del Vaticano.\r\n\r\nAppena arrivato dalle isole Canarie, Alberto Lopez ricopre ora la direzione generale dell'hotel Occidental Aran Park. La sua esperienza pregressa include, tra le altre, attività nelle operazioni alberghiere di alberghi e resort nei Caraibi, a Cuba e nella Repubblica Dominicana.\r\n\r\nInfine, Leonardo Melro è stato nominato direttore commerciale. Melro proviene da esperienze internazionali in altre catene alberghiere come Accor, Melia e Marriott. Giunge in Italia dopo un’esperienza in America Latina, dove ha ricoperto l’incarico di strutturare la strategia commerciale, alla guida del team marketing, reservations, proactive sales e mice.\r\n\r\n“Il rafforzamento del nostro management in Italia dimostra il nostro impegno e l’interesse strategico nel continuare a far crescere le nostre operazioni nella Penisola”, sottolinea lo stess Cottone, neodirettore del Barceló Aran Mantegna.","post_title":"Il 2023 si apre con quattro novità nel management Barceló in Italia","post_date":"2023-01-24T14:06:26+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674569186000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437847","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cambio di direzione al nuovo hotel La Palma. Non sarà più Fabio Datteroni a guidare la riapertura della struttura della Oetker Collection di Capri prevista per il 2023, ma Imelda Shllaku, che ne assumerà il timone a partire dal prossimo 6 marzo. Con una carriera quasi trentennale alle spalle, la futura general manager vanta numerose esperienze nel settore dell’ospitalità di lusso su scala globale. Dopo il suo primo ruolo come hotel manager presso il Sina The Gray di Milano, ha lavorato per il gruppo The Ritz Carlton dapprima a Dublino, poi sull’isola thailandese di Krabi. Successivamente, si è occupata per sette anni della gestione delle proprietà di Londra e Milano di Bulgari Hotel & Resorts, ricoprendo varie posizioni, per diventare, infine, director of rooms presso l’Armani Hotel di Dubai e il One & Only alle Maldive. Dopo un anno di pausa, nel quale si è occupata di consulenze per 15 importanti hotel di lusso, diventa quindi general manager del Baglioni Hotel London. Il suo ultimo ruolo prima di approdare a Capri, l’ha vista diventare global director of rooms & guest experiences per il gruppo Kerzner International.\r\n\r\n“Sono entusiasta del mio nuovo ruolo come general manager dell’hotel La Palma - commenta la stessa Imelda Shllaku -. Credo che la mia esperienza mi permetterà di guidare i vari team al meglio, per garantire agli ospiti un’esperienza impeccabile. Non vediamo l’ora di aprire le porte di questo luogo speciale e accogliere, sia i locali sia gli ospiti provenienti da ogni parte del mondo\". La Palma, costruito nel 1822, e completamente ristrutturato dalla Oetker Collection, è il primo progetto di hôtellerie che porta la firma di Francis Sultana. L'interior designer ha collaborato con i migliori artigiani locali per rendere omaggio alla tradizione. A pochi passi dalla leggendaria Piazzetta, l’hotel offrirà un ristorante e un bar sulla terrazza, un beach club, una nuova piscina, una spa, un fitness centre e tre boutique. La ristorazione sarà curata da chef Gennaro Esposito.","post_title":"Imelda Shllaku al timone della Palma di Capri per la sua riapertura","post_date":"2023-01-24T13:51:28+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674568288000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437796","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nell’ambito delle attività che il Club per l’UNESCO di Genova sta realizzando sui territori della città di Genova e delle aree metropolitane annesse al Capoluogo ligure la Rete degli Ecomusei sarà protagonista venerdì 27 gennaio 2023 alle ore 17, a Palazzo Tursi dove verranno presentate alcune linee importanti di lavoro e relative progettualità dell’Associazione genovese per il 2023.\r\n\r\nOltre alle principali azioni in tema di sostenibilità, Agenda 2030, valorizzazione e salvaguardia del patrimonio, inclusione sociale, intercultura e accessibilità, che restano i pilastri operativi del Club di Genova per l’UNESCO, per l’occasione la manifestazione verterà sulla presentazione degli strumenti operativi che il Club per l’UNESCO di Genova ha realizzato sul territorio metropolitano dal 2020 ad oggi: gli Ecomusei.\r\n\r\nCon la definizione “Ecomuseo” si intende un’istituzione creata per volontà degli individui e delle associazioni del territorio su cui esso agisce, con la finalità di valorizzarne il patrimonio culturale per garantire la continuità della trasmissione della tradizione e della storia del territorio stesso.\r\n\r\nQueste strutture introdotte da una importante ricerca proposta dal Club UNESCO di Genova e realizzata dal Massimo Ruggero propongono insieme alle istituzioni locali, alcune progettualità di sviluppo sociale ed economico dei territori stessi, aumentandone il potenziale ricettivo, creando nuovi percorsi di valorizzazione e promozione dei territori e del proprio heritage, declinando altresì un potenziato, dinamico e innovativo strumento di offerta turistica e culturale.\r\n\r\nSono stati creati sui territori genovesi e metropolitani proprio gli Ecomusei, strutture innovative che si propongono come evoluzione di un paleo museologia sempre più orientata ormai verso la sostenibilità e gli Obiettivi di Agenda 2030, con le quali portare rinnovamento e sviluppo socioeconomico circolare alle comunità locali.\r\n\r\n L’Associazione propone nuovi punti di interesse culturale, naturalistico e paesaggistico come chiave di lettura delle comunità, della cultura storica e del patrimonio materiale ed immateriale in un’ottica di accrescere la consapevolezza e la conoscenza della propria identità a tutela, valorizzazione e sviluppo delle comunità e dei territori a cui esse sono ascritte. Creiamo, dunque, nuovi “musei del territorio e delle comunità”.\r\n\r\nTra i relatori oltre a Massimo Ruggero Presidente del Club per UNESCO di Genova città metropolitana Fondatore e Direttore della Rete degli Ecomusei metropolitani e dei territori della Liguria-UNESCO Genova, Marco Bucci sindaco di Genova, Alessandra Bianchi, assessore al Turismo di Genova, Hugues de Varine, archelogo, storico e museologo francese, e Augusto Sartori, assessore al Turismo Regione Liguria.","post_title":"Genova, focus sugli Ecomusei per dare senso di identità e valorizzare il territorio","post_date":"2023-01-24T10:25:01+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1674555901000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437795","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Roma e Milano sono da oggi ancora più vicine grazie al nuovo collegamento di alta velocità di Trenitalia: il Frecciarossa impiegherà infatti sole 2 ore e 45 minuti per coprire la distanza fra le stazioni di Roma Tiburtina e Milano Rogoredo: porte d’ingresso della Capitale e del capoluogo lombardo.\r\nL'orario è quello del Frecciarossa 9682 Roma Tiburtina 5.30 con arrivo a Milano Rogoredo alle 8.15; Frecciarossa 9681 Milano Rogoredo 20.44 con arrivo a Roma Tiburtina alle 23.29.      \r\n\r\nIl nuovo collegamento non effettua fermate a Roma Termini e a Milano Centrale, \"ma da Tiburtina e da Rogoredo  - spiega una nota della società - grazie ad altre modalità di trasporto, tra cui le metropolitane o i servizi ferroviari urbani, è possibile raggiungere velocemente il centro e i distretti istituzionali, economici e turistici delle due città. Tutto ciò in un’ottica di integrazione e intermodalità e di minore congestionamento delle stazioni \"di testa\", a beneficio, così, anche di una maggiore regolarità del servizio.\r\n\r\nCon la nuova coppia di collegamenti il totale delle corse Frecciarossa che effettuano fermata nella stazione di Milano Rogoredo sale a oltre 47, Complessivamente l'offerta Frecciarossa tra Roma e Milano sale a 90 collegamenti giornalieri. Ai 2 Frecciarossa no stop Roma Tiburtina – Milano Rogoredo si aggiungono 7 Frecciarossa no stop Roma Termini– Milano Centrale in 2h 59’ e 81 Frecciarossa Roma-Milano con fermate intermedie e tempi di percorrenza a partire da 3h e 08’.","post_title":"Trenitalia: da oggi Milano-Roma in sole 2 ore 45 minuti col Frecciarossa","post_date":"2023-01-24T09:58:34+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674554314000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437760","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Entra nella fase due il progetto per la transizione digitale nel turismo co-finanziato dal programma Cosme dell’Unione europea (COmpetitiveness of Small and Medium-sized Enterprises). Si sono, infatti, aperte le candidature per il bando di accelerazione e finanziamento promosso da EuDigiTour, che porterà 30 realtà innovative, selezionate tra startup e pmi con sede in Italia, Germania, Croazia e Slovenia, ad accedere a un programma di coaching e mentoring di tre mesi dedicato al modello di business e alla maturità tecnologica, con la possibilità di ricevere un voucher di finanziamento di 10 mila euro.\r\n\r\nLe candidature si chiudono il 15 febbraio e saranno inizialmente aperte a 45 realtà del turismo nei paesi membri del progetto. Successivamente, solo 30 aziende verranno selezionate, con il duplice vantaggio dell’accelerazione gratuita verso soluzioni innovative e del finanziamento, che consentirà di integrare le tecnologie necessarie. A questo si aggiunge la visibilità e il networking di respiro europeo che apre le porte a nuove opportunità di business.\r\n\r\nIl progetto EuDigiTour è stato concepito per aiutare la prossima generazione di pmi turistiche dell’Ue a sfruttare le potenzialità del digitale, rafforzando la cooperazione nell’ecosistema turistico per lo sviluppo di soluzioni turistiche nuove, innovative e intelligenti, prodotti, servizi, competenze e nuovi modelli di business: a disposizione delle pmi mentor nazionali e internazionali, esperti nell’uso di intelligenza artificiale (Ai), Internet delle cose (IoT), realtà virtuale e aumentata (vr/ar) e big data, nonché un percorso totalmente gratuito che si articola in diversi step.\r\n\r\nLa prima fase di formazione si è svolta in particolare tra settembre e novembre 2022 con il supporto di X23 (Centro di ricerca coordinatore del progetto), Associazione startup turismo e altri partner europei. In Italia, la Transformation Academy è stata condotta in partnership con Isnart e ha visto la partecipazione di 132 realtà, ben oltre l’obiettivo indicato dall’Unione europea di raggiungere 80 aziende. “Le startup sono un naturale game changer. Ed è stato facile per noi giocare un ruolo attivo in questo progetto, perché è parte integrante della nostra mission supportare la transizione delle pmi del turismo verso la tecnologia digitale\", sottolinea Karin Venneri, presidente Associazione startup turismo.\r\n\r\n ","post_title":"Al via il bando EuDigiTour per le startup del turismo. Si chiuderà il 15 febbraio","post_date":"2023-01-23T11:19:40+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1674472780000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti