27 May 2024

Abu Dhabi guarda al 2030: i 4 pilastri della strategia che punta ai 39,3 milioni di arrivi

[ 0 ]

Nuovi, sfidanti obiettivi per Abu Dhabi che con il varo della ‘Tourism Strategy 2030’ punta a raggiungere i 39,3 milioni di visitatori rispetto ai circa 24 milioni del 2023, con una crescita del 7% su base annua.

La roadmap prevede inoltre l’aumento del contributo del settore turistico al Pil degli Emirati Arabi Uniti, portandolo da circa 49 miliardi di Aed nel 2022 a 90 miliardi, sempre entro il 2030.

Le previsioni indicano la creazione di 178.000 nuovi posti di lavoro mentre i visitatori internazionali che pernottano nell’emirato dovrebbero quasi raddoppiare, passando da 3,8 milioni nel 2023 circa a 7,2 milioni nel 2030; di pari passo la capacità ricettiva passerà dalle 34.000 camere d’albergo del 2023 a quota 52.000 e verrà rafforzato anche il segmento delle case vacanza, per diversificare le opzioni di alloggio.

La concretizzazione di questo percorso di crescita passerà da 26 iniziative chiave che si articolano in quattro pilastri strategici: offerta e attivazione della città; promozione e marketing; Infrastrutture e mobilità; Visti, licenze e regolamenti.

“Tourism Strategy 2030 segna un momento cruciale nel percorso di trasformazione di Abu Dhabi, rappresentando una leva vitale nella nostra continua evoluzione – commenta Mohamed Khalifa Al Mubarak, presidente di Dct Abu Dhabi -. Il piano sottolinea il nostro impegno costante nel promuovere una crescita sostenibile e uno sviluppo strategico nel settore dei viaggi e del turismo. Attraverso iniziative accuratamente studiate per sbloccare opportunità economiche, amplificare la nostra cultura distintiva e migliorare la proposta di valore dell’emirato, stiamo gettando le basi per un futuro vivace e prospero che trascende le generazioni.”

Le iniziative saranno realizzate in collaborazione con Dct Abu Dhabi, il Dipartimento di Sviluppo Economico di Abu Dhabi, il Dipartimento delle Municipalità e dei Trasporti, la compagnia aeroportuale di Abu Dhabi (Adac) e altri importanti stakeholder governativi e privati, che svolgono un ruolo strategico nella realizzazione della visione turistica di Abu Dhabi.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468118 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Per affrontare le sfide legate al reclutamento e all'occupazione nel settore dell'hospitality Sommet Education ha dato vita alla Sommet Education Foundation. «Sono due le realtà in cui operiamo. - spiega Anouck Weiss, executive vice-president della Sommet Education Foundation -. La prima è la conoscenza delle professioni del settore, professioni che noi amiamo e si fondano sulla persona: sono ricche di passione, di interazione, di interessi culturali e del desiderio di scoprire il mondo. La seconda è l’aumento dei lavoratori che entrano a far parte di quest’industria, perché si può intraprendere una carriera davvero prestigiosa: oggi l’hospitality ha un ruolo importante nell’economia mondiale: secondo il World Tourism Forum si parla di 430 milioni di posti di lavoro entro il 2028 e del 12% della forza lavoro globale». L’offerta formativa di Sommet Education risponde anche alla carenza di manodopera nel settore segnalata a partire dal terribile periodo della pandemia. «Il settore ha compreso che l’organizzazione del lavoro doveva cambiare, perché c’erano nuove esigenze» prosegue Weiss e, per identificare i fattori chiave che attraggono e trattengono i talenti nel settore la Sommet Education Foundation ha incaricato l’istituto di ricerca OpinionWay di condurre un'indagine europea su 1.300 giovani professionisti e responsabili delle risorse umane del settore alberghiero. «Per attirare nuovi talenti nell’industria bisogna capire qual è il contesto attuale, raccogliere dati e situazioni su cui fondare la nostra analisi e trovare una strategia per il futuro. Negli ultimi tre anni si è tanto parlato di formazione, ma in chiave mondiale. Noi ci muoviamo nell’ambito dell’industria dell’hospitality europea, paese per paese, tenendo conto delle diverse culture». Tra i dati emersi dalla ricerca, rilevante il fatto che il settore dei servizi esercita un notevole fascino sull'85% dei giovani in Europa. L’86% dei professionisti del settore è fermamente convinto dell'attrattiva e dell’interesse dei giovani verso l’ospitalità, ma il 78% degli hr manager afferma che la generazione Z (18-28 anni) comporta sfide specifiche in termini di identificazione, reclutamento e fidelizzazione. Il 93% dei responsabili delle risorse umane, infine, sottolinea la centralità della formazione nel promuovere l'eccellenza, lo sviluppo e la fedeltà a lungo termine dei talenti. Sul fronte del mercato italiano: il 75% dei giovani professionisti si dichiara pronto a intraprendere una carriera nel mondo del turismo e del commercio di alta gamma. Ma l'Italia è uno dei mercati europei che incontra maggiori difficoltà: sette responsabili delle risorse umane su dieci hanno infatti difficoltà di reclutamento (in Europa sei su dieci), a causa della mancanza di candidati sufficientemente motivati (71%) e qualificati (57%), soprattutto quelli a stretto contatto con ospiti e clienti (45%). Da parte loro i giovani italiani cercano la stabilità del posto di lavoro (61%), prospettive di crescita professionale (55%) e opportunità di formazione (51%), considerate più importanti della flessibilità dell'orario di lavoro (48%), di un ambiente di lavoro piacevole (47%) e dell'equilibrio tra lavoro e vita privata (37%). I professionisti del settore alberghiero sono sempre più consapevoli della necessità di rivederne le basi: più della metà (58%) dichiara di essere in procinto di ripensare l'organizzazione del lavoro con l'introduzione di sistemi di rotazione, opportunità di mobilità, promozioni, formazione e benefit e per il 48% di concentrarsi sulla soddisfazione e il benessere del proprio team. «Al termine di questo percorso c’è la sicurezza dell’impiego - sottolinea in conclusione Anouck Weiss -. Oggi possiamo anche contare sul supporto di Accor, uno dei più grandi hotel-player al mondo, che sta già sponsorizzando una nostra iniziativa dedicata ai talenti indiani che verranno formati nelle nostre scuole». Sommet Education opera nell'istruzione alberghiera con una rete globale di cinque marchi di istruzione. Nata nel 2016 con le scuole di business dell'ospitalità svizzere Glion Institute of Higher Education e Les Roches, ha rafforzato la propria offerta formativa con le scuole di arte culinaria e pasticceria École Ducasse, Invictus, il principale fornitore di istruzione del Sudafrica, e Indian School of Hospitality. Gli istituti operano in 20 campus e attraverso piattaforme di apprendimento a distanza. Offrono 400 programmi di formazione universitaria, specialistica e tecnica rivolti 10 mila studenti e allievi di 100 nazionalità diverse, in 10 Paesi. [post_title] => Sommet Education: il progetto fondazione per dare risposte alla questione personale nell'ospitalità [post_date] => 2024-05-27T11:30:21+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716809421000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468136 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air Cairo amplia ulteriormente la propria presenza sul mercato Italia: dal prossimo 2 novembre la compagnia aerea egiziana sbarcherà anche a Verona con un volo per Luxor. I passeggeri potranno inoltre beneficiare della possibilità di fruire dei collegamenti con tutti gli altri aeroporti egiziani (Il Cairo, Aswan, Abu Simbel, Sharm El Sheikh, Hurghada, Borg El Arab, Sphinx, Alessandria) attraverso il network domestico di Air Cairo che include oltre 250 voli. A supporto dell'espansione del network c'è una precisa tabella di marcia per l'ampliamento della flotta: nel 2021, Air Cairo volava con soli sei aeromobili, entro la fine del 2023 il numero è salito a 22 Airbus A320, tre Embraer E190 e sei Atr72. Altri tre A320neo entreranno in flotta quest'anno. Secondo quanto svelato dalla stessa compagnia aerea durante l'ultimo World Travel Market di Londra, il numero di velivoli in flotta raggiungerà quota 110 aeromobili entro il 2032.   [post_title] => Air Cairo sbarca a Verona con una nuova rotta per Luxor, dal 2 novembre [post_date] => 2024-05-27T10:47:05+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716806825000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468132 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => 8 italiani su 10 (84,4%) passeranno le vacanze estive in Italia. E indipendentemente che il viaggiatore sia alla ricerca di attività sportive all’aria aperta (75,3%) o del relax per ricaricare le batterie (65,4%), la vacanza dovrà essere green (59,2%), e cresce inoltre il desiderio per una vacanza all’insegna del pregio, sempre più ambita (64,3%). Un trend, quello delle vacanze di pregio, confermato dai dati dell’Osservatorio Emma Villas, che registra per la stagione 2024 un +6,4% delle prenotazioni di ville e casali rispetto a quanto si registrava lo scorso anno alla stessa data per la stagione 2023 (con 6045 prenotazioni già confermate). È questa la fotografia dell’estate degli italiani che emerge dalla ricerca AstraRicerche per Emma Villas - azienda leader del vacation rental (affitti brevi di ville e casali di pregio) con oltre 600 proprietà in Italia e quotata sul segmento Euronext Growth Milan della Borsa Italiana – che mette a fuoco il profilo del viaggiatore italiano, le sue aspettative, le necessità e i suoi programmi di viaggio. «La voglia di viaggiare è ormai tornata fortissima tra gli italiani  - dichiara Giammarco Bisogno, Amministratore Delegato di Emma Villas - e, di pari passo, c’è sempre più voglia di continuare a trattarsi bene e vivere esperienze autentiche. La villa sarà una delle soluzioni più scelte da chi cerca comfort, indipendenza, privacy e relax, ma vuole anche essere vicino a città d'arte o a parchi naturali. Per questa stagione stiamo infatti registrando un incremento del 6,4% di prenotazioni rispetto a quanto registravamo un anno fa per il 2023, con un particolare interesse per le ville situate in Toscana, Umbria e Sicilia». Ma in quale struttura soggiorneranno gli italiani? Sicuramente sarà prioritario che sia una struttura sostenibile per almeno il 50% dei turisti. Secondo i dati dello studio AstraRicerche e dell’Osservatorio Emma Villas, la vacanza in una villa a uso esclusivo da condividere con i propri amici o familiari, è un’opzione di vacanza desiderata da oltre 6 italiani su 10 e che piace sempre di più: aumenta il numero dei vacanzieri che hanno deciso di vivere l’esperienza in villa, opzione che ha registrato un incremento del 48,9% rispetto al 2023 (22,7% vs 33,8%).  Chi sceglie la villa per le proprie vacanze sogna un soggiorno comprensivo di tutti i comfort. Insomma, un sogno per cui quasi un 1 italiano su 2 si dichiara disposto a rinunciare a cene fuori durante l’anno (45,8%), acquistare prodotti gourmet (24,9%) o nuovi vestiti (20,6%), pur di vivere l’esperienza di una vacanza in villa. Eppure, se si pensa che il budget dei connazionali per le vacanze è di circa 1000 euro a settimana[3], a fronte di un costo medio a persona che si attesta sui 500 euro, concedersi una vacanza da sogno in villa diventa chiaramente accessibile. Per quanto riguarda le destinazioni scelte, sul podio il Salento (31,6%), seguito dalla Costiera Amalfitana (28,9%) e il Lago di Garda (23,6%), che superano la Sardegna, le Cinque Terre e la Costiera Romagnola. Non manca, però, chi sceglierà sia l’estero che l’Italia (circa 6 italiani su 10). Tra le mete preferite la Spagna (50%), la Grecia (44,6%), il Portogallo (26,4%) e la Costa Azzurra (20,6%), a queste seguono le Baleari, la Croazia le Alpi Austriache, la Provenza e le Alpi Francesi.     [post_title] => Emma Villas, estate in Italia per 8 italiani su 10: obiettivo vacanze slow, outdoor ed esperienziali [post_date] => 2024-05-27T10:45:50+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716806750000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468097 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo aver superato i 10 mila viaggiatori in Spagna, Huakai, la travel tech fondata nel 2019 dai trentenni Roberto Castelli e Fernando Cerro, torna in Italia con un'offerta incentrata sulle destinazioni più popolari del 2024. I viaggi Haukai sono organizzati in piccoli gruppi, guidati da un coordinatore esperto, che si occupa di tutta la gestione dell’itinerario. Le mete proposte sono pensate per giovani dai 25 ai 45 anni. A guidare la strategia dell'azienda in Italia sarà Alan Barducci, imprenditore con una pluriennale esperienza nel settore travel: “Sono onorato di far parte di un progetto tanto ambizioso. Non c’è nulla di più bello che visitare luoghi incredibili e scoprire culture differenti. Poterlo fare con compagni di viaggio con età e interessi simili è un valore aggiunto eccezionale. Lo scopo di Huakai è quello di riunire persone con lo stesso mood, e offrire loro la migliore esperienza di viaggio possibile”, Undici le destinazioni confermate: dalla Thailandia, dove i viaggiatori avranno l’opportunità di fare il bagno con gli elefanti e divertirsi al famoso Full Moon Party, fino al Centro e Sud-America, con tappe in Messico, Cuba o Colombia. In Europa sarà possibile esplorare la Spagna, per godersi le calette segrete di Ibiza e Formentera a bordo di una barca a vela. "I nostri coordinatori di viaggio sono altamente preparati e partecipano attivamente a tutti gli aspetti del viaggio, studiando e conoscendo l'itinerario, le possibili visite e le attività che si possono svolgere in ogni Paese - sottolinea Castelli -. Per i capigruppo, coordinare un viaggio è un vero e proprio lavoro, che svolgono durante tutto l'anno o stagionalmente, a seconda delle proprie preferenze. Questo ci permette di evitare gestioni improvvisate, che possono compromettere il viaggio e peggiorare l'esperienza dei nostri clienti. In molte agenzie del settore in Italia questo non accade e, purtroppo, il coordinatore è visto come un viaggiatore in più, che riceve soltanto un rimborso spese e il viaggio gratis. In questo modo, la tentazione di divertirsi e dimenticare i viaggiatori è dietro l’angolo". [post_title] => Huakai: approda in Italia un nuovo operatore di viaggi di gruppo online [post_date] => 2024-05-24T15:01:07+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716562867000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468053 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una nuova piattaforma b2b dedicata: una soluzione semplificata e automatizzata che permette agli agenti di viaggio di prenotare il Japan Rail Pass per i propri clienti. Lo ha appena lanciato Japanspecialist, tour operator capitolino parte del gruppo Jtb. Oltre all'acquisto del Jrp, lo strumento permette alle adv di guadagnare commissioni sulle vendite e di accedere a un'esperienza di prenotazione più rapida ed efficiente. "I Jrp sono spesso più convenienti se acquistati in anticipo tramite rivenditori come Japanspecialist - spiega il marketing manager Europe dell'operatore romano, Lorenzo Pilastri -. Oltre al Jrp nazionale, offriamo peraltro anche l'accesso a pass regionali, per viaggiare a costi più convenienti in aree specifiche".   [post_title] => Japanspecialist lancia una nuova piattaforma b2b per acquistare il Japan Rail Pass [post_date] => 2024-05-24T11:14:53+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716549293000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467970 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gioco Viaggi punta sul prodotto Montagna. Un ricco catalogo, hotels selezionati, servizi ad hoc per tutti i target, destinazioni tra Valle d’Aosta, Trentino, Austria e Francia, un prodotto completo che l’operatore genovese ha presentato ad alcune agenzie selezionate in occasione di un Eductour in Austria, nella Valle dello Stubai. Il tour di tre giorni ha visto la collaborazione del Gruppo Stat, Stubai Touristik, Austria Turismo, Innsbruck Tourismus, Tirol Werbung e Swarovski. Le agenzie di viaggio hanno toccato con mano l’offerta ricettiva della vallata, in grado di soddisfare, in ogni periodo dell’anno, qualsiasi tipo di esigenza, dai gruppi, alle famiglie, ai giovani,  fino agli individuali che puntano sullo sport e anche sul relax. Escursioni in bici o sul ghiacciaio dello Stubai a 2.600 metri, esperienza in slittino su monorotaia, passeggiata in direzione del ponte sospeso con punto panoramico “Neustiftblick” o per la cascata “Grawa Wasserfall”, visita di Innsbruck e del Museo Swarosky: il programma dell’eductour ha offerto uno spaccato di alcune delle attività che possono caratterizzare una vacanza nella Valle dello Stubai. Gli Swarovski Kristallwelten (i Mondi di Cristallo Swarovski), per esempio, sono una vera chicca, una meta unica in Tirolo, la terza per visitatori in Austria,  che celebra la brillantezza e il fascino dei cristalli di Swarovski in tutte le loro sfaccettature. Il catalogo Montagna Collection di Gioco Viaggi è nato qualche anno fa sulla scia dell’organizzazione del ritiro della storica squadra del Genoa, che su proposta dell’operatore Aldo Sacco, ha deciso di portare i propri giocatori  a Neustift im Stubaital per ben 15 anni. L’iniziativa ha attirato l’attenzione di migliaia di tifosi che hanno così scelto la vallata austriaca sia per seguire la squadra ma anche per trascorre alcuni giorni di vacanza con la famiglia. «Lo Stubai è un concentrato di accoglienza, servizi e attività – commenta Piero Trobetta, titolare Gioco Viaggi - Il punto di forza dell’operatore è la consulenza a 360 gradi, per offrire ai viaggiatori, in base alle esigenze dei diversi target, un panorama completo di tutte le strutture ricettive, le attività ed i servizi a disposizione». La Vallata, che dista 40 minuti dal Brennero, è ideale per chi cerca vacanze nella natura, tra sport come sci, trekking, rafting, parapendio, grazie ai 4 impianti di risalita e ai sentieri che si snodano per oltre 200 chilometri. Molte sono le località da visitare, in primis Innsbruck, ricche di testimonianze storiche e culturali. «Il catalogo Montagna Collection si è arricchito negli anni – aggiunge Fulvia Ottonello, responsabile prodotto Montagna per Gioco Viaggi – Molte le novità e le proposte, tra le quali anche i pacchetti di sole 4 notti e programmi per famiglie con bambini (Parco per Bimbi e Multisport in Val di Sole), con attività da personalizzare. Dal 29 giugno al 25 agosto torna Alpibus, un’iniziativa nata insieme al Gruppo Stat, che ha collaborato con noi nell’organizzazione dell’Eductour». Il Gruppo Stat, è un’azienda che opera dal 1919 e che dall’Autotrasporto si è evoluta fino ad essere presente con proprie strutture in Piemonte e Liguria operando sul territorio nazionale per l'Europa e per il mondo. Impiega 180 persone, con una flotta di oltre 100 bus, 1 tour operator e 6 agenzie Viaggio. Anche quest’anno viene riproposto nel Catalogo Montagna di Gioco Viaggi, l’AlpiBus, un pacchetto che comprende oltre all'hotel anche il Bus della Stat da diverse città del nord Italia per molte destinazioni di montagna. Tra i punti di forza della Valle dello Stubai c’è sicuramente la Stubai Super Card che offre diversi servizi, tra i quali l’uso gratuito di impianti di risalita, di 1 piscina, ed anche la corsa gratuita sui bus della Rete di trasporto pubblico di Innsbruk, sulla ferrovia della valle dello Stubai ed altro. La card viene fornita a chi soggiorna in alcune strutture della vallata, che aderiscono all’iniziativa, oppure può essere acquistata. Il mercato italiano occupa la quarta posizione per gli arrivi nello Stubai (in totale 1 milione 800 mila all’anno.) «In percentuale si tratta del 5% - sottolinea Gebhard Schopf, delegato amministrativo Consorzio Val Stubai – che sale al 20% nel periodo estivo quando gli italiani sono numerosi. Nel Tirolo Austriaco ogni impresa della Valle (14 mila abitanti) per legge è socia del nostro consorzio e partecipa con un contributo proporzionato al reddito e al coinvolgimento della propria attività nel settore». Il Consorzio è nato 100 anni fa e comprende 1.600 soci. Dispone di un budget di 10 milioni di euro, dei quali 1/3 viene destinato alle infrastrutture, 1/3 nel marketing ed il restante per il personale». [post_title] => Gioco Viaggi, la Valle dello Stubai protagonista del catalogo Montagna Collection [post_date] => 2024-05-24T10:53:43+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716548023000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467954 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => C'è anche il nuovo Aki Plose tra le ultime quattro new entry del network Familienhotels Südtirol. La prima struttura a vocazione famiglia del gruppo Adler aprirà il prossimo novembre in valle Isarco, includendo al proprio interno anche un'area spa e wellness con ambienti dedicati adults only e un padiglione Yoga. L’offerta enogastronomica unirà inoltre i sapori del territorio e l'innovazione, per un prodotto a pensione completa, bevande analcoliche incluse. A disposizione degli ospiti anche un kids club e una nursery. Gli altri arrivi in casa Familienhotels Südtirol sono poi il Viktoria della val d'Ultimo, il Movi Apart Hotel di Corvara e il Familiamus sull'altopiano di Maranza. Il primo comprende 29 camere, terrazza solarium, giardino con ampia zona fango, parco giochi con scivoli, trampolino e piccola pista go-kart, piscina e sauna per famiglie; il Movi, oltre agli appartamenti, offre uno spazio benessere con Acqua Fun World, nonché saune adults only e per famiglie. Il Familiamus, infine, è un 5 stelle da 70 camere, che dispone pure del Magolix Club: uno spazio di mille metri quadrati, dove trovano posto un laboratorio di magia, un atelier creativo, un laboratorio del legno e una zona per l’attività fisica. [post_title] => Il nuovo Aki Plose tra le new entry del network Familienhotels Südtirol [post_date] => 2024-05-23T13:40:09+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716471609000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467948 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Punto di svolta per Wizz Air che ritorna a incassare utili per la prima volta dopo tre anni e, addirittura, prevede profitti più elevanti di quanto stimato finora grazie alla sostenuta domanda di viaggi per l'estate. La compagnia aerea ha beneficiato di una domanda sostenuta anche se ha dovuto affrontare sfide come la cancellazione di voli a causa del conflitto in Medio Oriente, le ispezioni ai motori che hanno bloccato parte della sua flotta e le interruzioni del controllo del traffico aereo. Wizz Air registra quindi un utile netto di 365,9 milioni di euro per l'esercizio chiuso al 31 marzo, rispetto alla perdita netta di 535 milioni di euro dell'anno precedente. Le stime della low cost stessa indicavano invece profitti per 350,8 milioni di euro. Per l'anno fiscale in corso il vettore ungherese punta invece ad un utile netto di 500-600 milioni di euro, con un aumento dei ricavi per ogni posto-chilometro disponibile a due cifre. “Mentre entriamo nell'esercizio 2024-25, la domanda di viaggi aerei rimane robusta e non accenna a diminuire nel breve termine, sostenendo un contesto di rendimenti più elevati mentre la capacità dell'intero settore rimane limitata”, ha dichiarato in una nota il ceo, Jozsef Varadi. [post_title] => Wizz Air torna all'utile dopo tre anni: profitti più elevati di quanto previsto [post_date] => 2024-05-23T13:08:23+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716469703000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467901 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Parte molto bene il 2024 di Glamour Tour Operator, che nel primo trimestre registra una crescita dei volumi del 35% rispetto allo stesso periodo del 2023. "L'inizio dell'anno ci sta regalando grandi soddisfazioni, specialmente per le destinazioni del Nord America e delle Maldive, dove siamo molto conosciuti - spiega il direttore generale, Nicola Bonacchi -. Abbiamo inoltre investito molto nello sviluppo delle nostre programmazioni per Giappone, Sud Africa, Vietnam e l'oceano Indiano, ottenendo ottimi riscontri e un incremento delle vendite. E poi abbiamo rafforzato la nostra rete vendita in regioni chiave come Lazio, Lombardia, Campania e Sicilia, contribuendo in questo modo significativamente alla nostra crescita". Glamour Tour Operator è sempre attento alle tendenze emergenti nel turismo: "Gli eventi degli ultimi mesi hanno cambiato le preferenze di viaggio degli italiani. Stiamo ampliando la nostra offerta con nuove destinazioni e idee di viaggio innovative che presenteremo alle agenzie durante la nostra convention annuale a settembre in Emilia Romagna". Con un nuovo piano industriale triennale, Glamour punta su destinazioni, territorio, tecnologia e servizi post-vendita: "Stiamo investendo in una rivoluzione tecnologica per migliorare i servizi offerti, garantendo sicurezza e innovazione. Oggi la nostra offerta si è allargata a livello di tour operator con nuove destinazioni e con un lavoro di grande ricerca di esperienze di viaggio innovative e trendy sia su base individuale sia di gruppo con partenze Glamour garantite. Il nostro obiettivo è diventare un partner tecnologico a 360 gradi per le agenzie di viaggio, mantenendo la nostra identità tailor made". A tal riguardo già nel 2023, l'operatore viareggino ha lanciato Viaggia Glamour: "Un nuovo strumento di booking che offre agli adv un sistema di prenotazione aggiornato e completo, che include esperienze e pacchetti speciali - conclude Bonacchi -. All’interno si possono infatti visualizzare, preventivare e confermare anche esperienze (come escursioni, attività e molto altro), nonché pacchetti speciali creati dal nostro team, che segue attentamente i trend delle destinazioni". Anche la piattaforma Volaglamour, dedicata alla biglietteria aerea, è stata ulteriormente migliorata per rispondere alle nuove esigenze delle agenzie e del mercato. [post_title] => Parte bene il 2024 di Glamour, che vede i volumi crescere del 35% [post_date] => 2024-05-23T10:50:12+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716461412000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "abu dhabi guarda al 2030 i 4 pilastri della strategia che punta ai 393 milioni di arrivi" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":72,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":2021,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468118","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Per affrontare le sfide legate al reclutamento e all'occupazione nel settore dell'hospitality Sommet Education ha dato vita alla Sommet Education Foundation. «Sono due le realtà in cui operiamo. - spiega Anouck Weiss, executive vice-president della Sommet Education Foundation -. La prima è la conoscenza delle professioni del settore, professioni che noi amiamo e si fondano sulla persona: sono ricche di passione, di interazione, di interessi culturali e del desiderio di scoprire il mondo. La seconda è l’aumento dei lavoratori che entrano a far parte di quest’industria, perché si può intraprendere una carriera davvero prestigiosa: oggi l’hospitality ha un ruolo importante nell’economia mondiale: secondo il World Tourism Forum si parla di 430 milioni di posti di lavoro entro il 2028 e del 12% della forza lavoro globale».\r\n\r\nL’offerta formativa di Sommet Education risponde anche alla carenza di manodopera nel settore segnalata a partire dal terribile periodo della pandemia. «Il settore ha compreso che l’organizzazione del lavoro doveva cambiare, perché c’erano nuove esigenze» prosegue Weiss e, per identificare i fattori chiave che attraggono e trattengono i talenti nel settore la Sommet Education Foundation ha incaricato l’istituto di ricerca OpinionWay di condurre un'indagine europea su 1.300 giovani professionisti e responsabili delle risorse umane del settore alberghiero. «Per attirare nuovi talenti nell’industria bisogna capire qual è il contesto attuale, raccogliere dati e situazioni su cui fondare la nostra analisi e trovare una strategia per il futuro. Negli ultimi tre anni si è tanto parlato di formazione, ma in chiave mondiale. Noi ci muoviamo nell’ambito dell’industria dell’hospitality europea, paese per paese, tenendo conto delle diverse culture».\r\n\r\nTra i dati emersi dalla ricerca, rilevante il fatto che il settore dei servizi esercita un notevole fascino sull'85% dei giovani in Europa. L’86% dei professionisti del settore è fermamente convinto dell'attrattiva e dell’interesse dei giovani verso l’ospitalità, ma il 78% degli hr manager afferma che la generazione Z (18-28 anni) comporta sfide specifiche in termini di identificazione, reclutamento e fidelizzazione. Il 93% dei responsabili delle risorse umane, infine, sottolinea la centralità della formazione nel promuovere l'eccellenza, lo sviluppo e la fedeltà a lungo termine dei talenti. Sul fronte del mercato italiano: il 75% dei giovani professionisti si dichiara pronto a intraprendere una carriera nel mondo del turismo e del commercio di alta gamma. Ma l'Italia è uno dei mercati europei che incontra maggiori difficoltà: sette responsabili delle risorse umane su dieci hanno infatti difficoltà di reclutamento (in Europa sei su dieci), a causa della mancanza di candidati sufficientemente motivati (71%) e qualificati (57%), soprattutto quelli a stretto contatto con ospiti e clienti (45%). Da parte loro i giovani italiani cercano la stabilità del posto di lavoro (61%), prospettive di crescita professionale (55%) e opportunità di formazione (51%), considerate più importanti della flessibilità dell'orario di lavoro (48%), di un ambiente di lavoro piacevole (47%) e dell'equilibrio tra lavoro e vita privata (37%).\r\n\r\nI professionisti del settore alberghiero sono sempre più consapevoli della necessità di rivederne le basi: più della metà (58%) dichiara di essere in procinto di ripensare l'organizzazione del lavoro con l'introduzione di sistemi di rotazione, opportunità di mobilità, promozioni, formazione e benefit e per il 48% di concentrarsi sulla soddisfazione e il benessere del proprio team. «Al termine di questo percorso c’è la sicurezza dell’impiego - sottolinea in conclusione Anouck Weiss -. Oggi possiamo anche contare sul supporto di Accor, uno dei più grandi hotel-player al mondo, che sta già sponsorizzando una nostra iniziativa dedicata ai talenti indiani che verranno formati nelle nostre scuole».\r\n\r\nSommet Education opera nell'istruzione alberghiera con una rete globale di cinque marchi di istruzione. Nata nel 2016 con le scuole di business dell'ospitalità svizzere Glion Institute of Higher Education e Les Roches, ha rafforzato la propria offerta formativa con le scuole di arte culinaria e pasticceria École Ducasse, Invictus, il principale fornitore di istruzione del Sudafrica, e Indian School of Hospitality. Gli istituti operano in 20 campus e attraverso piattaforme di apprendimento a distanza. Offrono 400 programmi di formazione universitaria, specialistica e tecnica rivolti 10 mila studenti e allievi di 100 nazionalità diverse, in 10 Paesi.","post_title":"Sommet Education: il progetto fondazione per dare risposte alla questione personale nell'ospitalità","post_date":"2024-05-27T11:30:21+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1716809421000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468136","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air Cairo amplia ulteriormente la propria presenza sul mercato Italia: dal prossimo 2 novembre la compagnia aerea egiziana sbarcherà anche a Verona con un volo per Luxor.\r\n\r\nI passeggeri potranno inoltre beneficiare della possibilità di fruire dei collegamenti con tutti gli altri aeroporti egiziani (Il Cairo, Aswan, Abu Simbel, Sharm El Sheikh, Hurghada, Borg El Arab, Sphinx, Alessandria) attraverso il network domestico di Air Cairo che include oltre 250 voli.\r\n\r\nA supporto dell'espansione del network c'è una precisa tabella di marcia per l'ampliamento della flotta: nel 2021, Air Cairo volava con soli sei aeromobili, entro la fine del 2023 il numero è salito a 22 Airbus A320, tre Embraer E190 e sei Atr72. Altri tre A320neo entreranno in flotta quest'anno.\r\n\r\nSecondo quanto svelato dalla stessa compagnia aerea durante l'ultimo World Travel Market di Londra, il numero di velivoli in flotta raggiungerà quota 110 aeromobili entro il 2032.\r\n\r\n ","post_title":"Air Cairo sbarca a Verona con una nuova rotta per Luxor, dal 2 novembre","post_date":"2024-05-27T10:47:05+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1716806825000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468132","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"8 italiani su 10 (84,4%) passeranno le vacanze estive in Italia. E indipendentemente che il viaggiatore sia alla ricerca di attività sportive all’aria aperta (75,3%) o del relax per ricaricare le batterie (65,4%), la vacanza dovrà essere green (59,2%), e cresce inoltre il desiderio per una vacanza all’insegna del pregio, sempre più ambita (64,3%).\r\n\r\nUn trend, quello delle vacanze di pregio, confermato dai dati dell’Osservatorio Emma Villas, che registra per la stagione 2024 un +6,4% delle prenotazioni di ville e casali rispetto a quanto si registrava lo scorso anno alla stessa data per la stagione 2023 (con 6045 prenotazioni già confermate). È questa la fotografia dell’estate degli italiani che emerge dalla ricerca AstraRicerche per Emma Villas - azienda leader del vacation rental (affitti brevi di ville e casali di pregio) con oltre 600 proprietà in Italia e quotata sul segmento Euronext Growth Milan della Borsa Italiana – che mette a fuoco il profilo del viaggiatore italiano, le sue aspettative, le necessità e i suoi programmi di viaggio.\r\n\r\n«La voglia di viaggiare è ormai tornata fortissima tra gli italiani  - dichiara Giammarco Bisogno, Amministratore Delegato di Emma Villas - e, di pari passo, c’è sempre più voglia di continuare a trattarsi bene e vivere esperienze autentiche. La villa sarà una delle soluzioni più scelte da chi cerca comfort, indipendenza, privacy e relax, ma vuole anche essere vicino a città d'arte o a parchi naturali. Per questa stagione stiamo infatti registrando un incremento del 6,4% di prenotazioni rispetto a quanto registravamo un anno fa per il 2023, con un particolare interesse per le ville situate in Toscana, Umbria e Sicilia».\r\n\r\nMa in quale struttura soggiorneranno gli italiani? Sicuramente sarà prioritario che sia una struttura sostenibile per almeno il 50% dei turisti.\r\n\r\nSecondo i dati dello studio AstraRicerche e dell’Osservatorio Emma Villas, la vacanza in una villa a uso esclusivo da condividere con i propri amici o familiari, è un’opzione di vacanza desiderata da oltre 6 italiani su 10 e che piace sempre di più: aumenta il numero dei vacanzieri che hanno deciso di vivere l’esperienza in villa, opzione che ha registrato un incremento del 48,9% rispetto al 2023 (22,7% vs 33,8%).  Chi sceglie la villa per le proprie vacanze sogna un soggiorno comprensivo di tutti i comfort.\r\n\r\nInsomma, un sogno per cui quasi un 1 italiano su 2 si dichiara disposto a rinunciare a cene fuori durante l’anno (45,8%), acquistare prodotti gourmet (24,9%) o nuovi vestiti (20,6%), pur di vivere l’esperienza di una vacanza in villa. Eppure, se si pensa che il budget dei connazionali per le vacanze è di circa 1000 euro a settimana[3], a fronte di un costo medio a persona che si attesta sui 500 euro, concedersi una vacanza da sogno in villa diventa chiaramente accessibile.\r\n\r\nPer quanto riguarda le destinazioni scelte, sul podio il Salento (31,6%), seguito dalla Costiera Amalfitana (28,9%) e il Lago di Garda (23,6%), che superano la Sardegna, le Cinque Terre e la Costiera Romagnola. Non manca, però, chi sceglierà sia l’estero che l’Italia (circa 6 italiani su 10). Tra le mete preferite la Spagna (50%), la Grecia (44,6%), il Portogallo (26,4%) e la Costa Azzurra (20,6%), a queste seguono le Baleari, la Croazia le Alpi Austriache, la Provenza e le Alpi Francesi.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Emma Villas, estate in Italia per 8 italiani su 10: obiettivo vacanze slow, outdoor ed esperienziali","post_date":"2024-05-27T10:45:50+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1716806750000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468097","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo aver superato i 10 mila viaggiatori in Spagna, Huakai, la travel tech fondata nel 2019 dai trentenni Roberto Castelli e Fernando Cerro, torna in Italia con un'offerta incentrata sulle destinazioni più popolari del 2024. I viaggi Haukai sono organizzati in piccoli gruppi, guidati da un coordinatore esperto, che si occupa di tutta la gestione dell’itinerario. Le mete proposte sono pensate per giovani dai 25 ai 45 anni.\r\n\r\nA guidare la strategia dell'azienda in Italia sarà Alan Barducci, imprenditore con una pluriennale esperienza nel settore travel: “Sono onorato di far parte di un progetto tanto ambizioso. Non c’è nulla di più bello che visitare luoghi incredibili e scoprire culture differenti. Poterlo fare con compagni di viaggio con età e interessi simili è un valore aggiunto eccezionale. Lo scopo di Huakai è quello di riunire persone con lo stesso mood, e offrire loro la migliore esperienza di viaggio possibile”,\r\n\r\nUndici le destinazioni confermate: dalla Thailandia, dove i viaggiatori avranno l’opportunità di fare il bagno con gli elefanti e divertirsi al famoso Full Moon Party, fino al Centro e Sud-America, con tappe in Messico, Cuba o Colombia. In Europa sarà possibile esplorare la Spagna, per godersi le calette segrete di Ibiza e Formentera a bordo di una barca a vela.\r\n\r\n\"I nostri coordinatori di viaggio sono altamente preparati e partecipano attivamente a tutti gli aspetti del viaggio, studiando e conoscendo l'itinerario, le possibili visite e le attività che si possono svolgere in ogni Paese - sottolinea Castelli -. Per i capigruppo, coordinare un viaggio è un vero e proprio lavoro, che svolgono durante tutto l'anno o stagionalmente, a seconda delle proprie preferenze. Questo ci permette di evitare gestioni improvvisate, che possono compromettere il viaggio e peggiorare l'esperienza dei nostri clienti. In molte agenzie del settore in Italia questo non accade e, purtroppo, il coordinatore è visto come un viaggiatore in più, che riceve soltanto un rimborso spese e il viaggio gratis. In questo modo, la tentazione di divertirsi e dimenticare i viaggiatori è dietro l’angolo\".","post_title":"Huakai: approda in Italia un nuovo operatore di viaggi di gruppo online","post_date":"2024-05-24T15:01:07+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1716562867000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468053","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una nuova piattaforma b2b dedicata: una soluzione semplificata e automatizzata che permette agli agenti di viaggio di prenotare il Japan Rail Pass per i propri clienti. Lo ha appena lanciato Japanspecialist, tour operator capitolino parte del gruppo Jtb. Oltre all'acquisto del Jrp, lo strumento permette alle adv di guadagnare commissioni sulle vendite e di accedere a un'esperienza di prenotazione più rapida ed efficiente.\r\n\r\n\"I Jrp sono spesso più convenienti se acquistati in anticipo tramite rivenditori come Japanspecialist - spiega il marketing manager Europe dell'operatore romano, Lorenzo Pilastri -. Oltre al Jrp nazionale, offriamo peraltro anche l'accesso a pass regionali, per viaggiare a costi più convenienti in aree specifiche\".\r\n\r\n ","post_title":"Japanspecialist lancia una nuova piattaforma b2b per acquistare il Japan Rail Pass","post_date":"2024-05-24T11:14:53+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1716549293000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467970","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gioco Viaggi punta sul prodotto Montagna.\r\n\r\nUn ricco catalogo, hotels selezionati, servizi ad hoc per tutti i target, destinazioni tra Valle d’Aosta, Trentino, Austria e Francia, un prodotto completo che l’operatore genovese ha presentato ad alcune agenzie selezionate in occasione di un Eductour in Austria, nella Valle dello Stubai.\r\n\r\nIl tour di tre giorni ha visto la collaborazione del Gruppo Stat, Stubai Touristik, Austria Turismo, Innsbruck Tourismus, Tirol Werbung e Swarovski.\r\n\r\nLe agenzie di viaggio hanno toccato con mano l’offerta ricettiva della vallata, in grado di soddisfare, in ogni periodo dell’anno, qualsiasi tipo di esigenza, dai gruppi, alle famiglie, ai giovani,  fino agli individuali che puntano sullo sport e anche sul relax.\r\n\r\nEscursioni in bici o sul ghiacciaio dello Stubai a 2.600 metri, esperienza in slittino su monorotaia, passeggiata in direzione del ponte sospeso con punto panoramico “Neustiftblick” o per la cascata “Grawa Wasserfall”, visita di Innsbruck e del Museo Swarosky: il programma dell’eductour ha offerto uno spaccato di alcune delle attività che possono caratterizzare una vacanza nella Valle dello Stubai.\r\n\r\nGli Swarovski Kristallwelten (i Mondi di Cristallo Swarovski), per esempio, sono una vera chicca, una meta unica in Tirolo, la terza per visitatori in Austria,  che celebra la brillantezza e il fascino dei cristalli di Swarovski in tutte le loro sfaccettature.\r\n\r\nIl catalogo Montagna Collection di Gioco Viaggi è nato qualche anno fa sulla scia dell’organizzazione del ritiro della storica squadra del Genoa, che su proposta dell’operatore Aldo Sacco, ha deciso di portare i propri giocatori  a Neustift im Stubaital per ben 15 anni. L’iniziativa ha attirato l’attenzione di migliaia di tifosi che hanno così scelto la vallata austriaca sia per seguire la squadra ma anche per trascorre alcuni giorni di vacanza con la famiglia.\r\n\r\n«Lo Stubai è un concentrato di accoglienza, servizi e attività – commenta Piero Trobetta, titolare Gioco Viaggi - Il punto di forza dell’operatore è la consulenza a 360 gradi, per offrire ai viaggiatori, in base alle esigenze dei diversi target, un panorama completo di tutte le strutture ricettive, le attività ed i servizi a disposizione».\r\n\r\nLa Vallata, che dista 40 minuti dal Brennero, è ideale per chi cerca vacanze nella natura, tra sport come sci, trekking, rafting, parapendio, grazie ai 4 impianti di risalita e ai sentieri che si snodano per oltre 200 chilometri. Molte sono le località da visitare, in primis Innsbruck, ricche di testimonianze storiche e culturali.\r\n\r\n«Il catalogo Montagna Collection si è arricchito negli anni – aggiunge Fulvia Ottonello, responsabile prodotto Montagna per Gioco Viaggi – Molte le novità e le proposte, tra le quali anche i pacchetti di sole 4 notti e programmi per famiglie con bambini (Parco per Bimbi e Multisport in Val di Sole), con attività da personalizzare. Dal 29 giugno al 25 agosto torna Alpibus, un’iniziativa nata insieme al Gruppo Stat, che ha collaborato con noi nell’organizzazione dell’Eductour».\r\n\r\nIl Gruppo Stat, è un’azienda che opera dal 1919 e che dall’Autotrasporto si è evoluta fino ad essere presente con proprie strutture in Piemonte e Liguria operando sul territorio nazionale per l'Europa e per il mondo. Impiega 180 persone, con una flotta di oltre 100 bus, 1 tour operator e 6 agenzie Viaggio. Anche quest’anno viene riproposto nel Catalogo Montagna di Gioco Viaggi, l’AlpiBus, un pacchetto che comprende oltre all'hotel anche il Bus della Stat da diverse città del nord Italia per molte destinazioni di montagna.\r\n\r\nTra i punti di forza della Valle dello Stubai c’è sicuramente la Stubai Super Card che offre diversi servizi, tra i quali l’uso gratuito di impianti di risalita, di 1 piscina, ed anche la corsa gratuita sui bus della Rete di trasporto pubblico di Innsbruk, sulla ferrovia della valle dello Stubai ed altro. La card viene fornita a chi soggiorna in alcune strutture della vallata, che aderiscono all’iniziativa, oppure può essere acquistata.\r\n\r\nIl mercato italiano occupa la quarta posizione per gli arrivi nello Stubai (in totale 1 milione 800 mila all’anno.)\r\n\r\n«In percentuale si tratta del 5% - sottolinea Gebhard Schopf, delegato amministrativo Consorzio Val Stubai – che sale al 20% nel periodo estivo quando gli italiani sono numerosi. Nel Tirolo Austriaco ogni impresa della Valle (14 mila abitanti) per legge è socia del nostro consorzio e partecipa con un contributo proporzionato al reddito e al coinvolgimento della propria attività nel settore». Il Consorzio è nato 100 anni fa e comprende 1.600 soci. Dispone di un budget di 10 milioni di euro, dei quali 1/3 viene destinato alle infrastrutture, 1/3 nel marketing ed il restante per il personale».","post_title":"Gioco Viaggi, la Valle dello Stubai protagonista del catalogo Montagna Collection","post_date":"2024-05-24T10:53:43+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1716548023000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467954","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"C'è anche il nuovo Aki Plose tra le ultime quattro new entry del network Familienhotels Südtirol. La prima struttura a vocazione famiglia del gruppo Adler aprirà il prossimo novembre in valle Isarco, includendo al proprio interno anche un'area spa e wellness con ambienti dedicati adults only e un padiglione Yoga. L’offerta enogastronomica unirà inoltre i sapori del territorio e l'innovazione, per un prodotto a pensione completa, bevande analcoliche incluse. A disposizione degli ospiti anche un kids club e una nursery.\r\n\r\nGli altri arrivi in casa Familienhotels Südtirol sono poi il Viktoria della val d'Ultimo, il Movi Apart Hotel di Corvara e il Familiamus sull'altopiano di Maranza. Il primo comprende 29 camere, terrazza solarium, giardino con ampia zona fango, parco giochi con scivoli, trampolino e piccola pista go-kart, piscina e sauna per famiglie; il Movi, oltre agli appartamenti, offre uno spazio benessere con Acqua Fun World, nonché saune adults only e per famiglie. Il Familiamus, infine, è un 5 stelle da 70 camere, che dispone pure del Magolix Club: uno spazio di mille metri quadrati, dove trovano posto un laboratorio di magia, un atelier creativo, un laboratorio del legno e una zona per l’attività fisica.","post_title":"Il nuovo Aki Plose tra le new entry del network Familienhotels Südtirol","post_date":"2024-05-23T13:40:09+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1716471609000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467948","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Punto di svolta per Wizz Air che ritorna a incassare utili per la prima volta dopo tre anni e, addirittura, prevede profitti più elevanti di quanto stimato finora grazie alla sostenuta domanda di viaggi per l'estate.\r\n\r\nLa compagnia aerea ha beneficiato di una domanda sostenuta anche se ha dovuto affrontare sfide come la cancellazione di voli a causa del conflitto in Medio Oriente, le ispezioni ai motori che hanno bloccato parte della sua flotta e le interruzioni del controllo del traffico aereo.\r\n\r\nWizz Air registra quindi un utile netto di 365,9 milioni di euro per l'esercizio chiuso al 31 marzo, rispetto alla perdita netta di 535 milioni di euro dell'anno precedente. Le stime della low cost stessa indicavano invece profitti per 350,8 milioni di euro.\r\n\r\nPer l'anno fiscale in corso il vettore ungherese punta invece ad un utile netto di 500-600 milioni di euro, con un aumento dei ricavi per ogni posto-chilometro disponibile a due cifre.\r\n\r\n“Mentre entriamo nell'esercizio 2024-25, la domanda di viaggi aerei rimane robusta e non accenna a diminuire nel breve termine, sostenendo un contesto di rendimenti più elevati mentre la capacità dell'intero settore rimane limitata”, ha dichiarato in una nota il ceo, Jozsef Varadi.","post_title":"Wizz Air torna all'utile dopo tre anni: profitti più elevati di quanto previsto","post_date":"2024-05-23T13:08:23+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1716469703000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467901","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Parte molto bene il 2024 di Glamour Tour Operator, che nel primo trimestre registra una crescita dei volumi del 35% rispetto allo stesso periodo del 2023. \"L'inizio dell'anno ci sta regalando grandi soddisfazioni, specialmente per le destinazioni del Nord America e delle Maldive, dove siamo molto conosciuti - spiega il direttore generale, Nicola Bonacchi -. Abbiamo inoltre investito molto nello sviluppo delle nostre programmazioni per Giappone, Sud Africa, Vietnam e l'oceano Indiano, ottenendo ottimi riscontri e un incremento delle vendite. E poi abbiamo rafforzato la nostra rete vendita in regioni chiave come Lazio, Lombardia, Campania e Sicilia, contribuendo in questo modo significativamente alla nostra crescita\".\r\n\r\nGlamour Tour Operator è sempre attento alle tendenze emergenti nel turismo: \"Gli eventi degli ultimi mesi hanno cambiato le preferenze di viaggio degli italiani. Stiamo ampliando la nostra offerta con nuove destinazioni e idee di viaggio innovative che presenteremo alle agenzie durante la nostra convention annuale a settembre in Emilia Romagna\".\r\n\r\nCon un nuovo piano industriale triennale, Glamour punta su destinazioni, territorio, tecnologia e servizi post-vendita: \"Stiamo investendo in una rivoluzione tecnologica per migliorare i servizi offerti, garantendo sicurezza e innovazione. Oggi la nostra offerta si è allargata a livello di tour operator con nuove destinazioni e con un lavoro di grande ricerca di esperienze di viaggio innovative e trendy sia su base individuale sia di gruppo con partenze Glamour garantite. Il nostro obiettivo è diventare un partner tecnologico a 360 gradi per le agenzie di viaggio, mantenendo la nostra identità tailor made\".\r\n\r\nA tal riguardo già nel 2023, l'operatore viareggino ha lanciato Viaggia Glamour: \"Un nuovo strumento di booking che offre agli adv un sistema di prenotazione aggiornato e completo, che include esperienze e pacchetti speciali - conclude Bonacchi -. All’interno si possono infatti visualizzare, preventivare e confermare anche esperienze (come escursioni, attività e molto altro), nonché pacchetti speciali creati dal nostro team, che segue attentamente i trend delle destinazioni\". Anche la piattaforma Volaglamour, dedicata alla biglietteria aerea, è stata ulteriormente migliorata per rispondere alle nuove esigenze delle agenzie e del mercato.","post_title":"Parte bene il 2024 di Glamour, che vede i volumi crescere del 35%","post_date":"2024-05-23T10:50:12+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1716461412000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti