24 November 2020

Tramonto alle Isole Vergini Britanniche

[ 0 ]

Le Isole Vergini Britanniche e i suoi tramonti. L’arcipelago, a bagno nell’oceano Atlantico, è un luogo magico per godere dei paesaggi che colorano le sue 60 isole quando il sole si avvicina alla linea dell’orizzonte. Da non perdere il tramonto visto dall’alto di Virgin Gorda, ad esempio dal Gorda Peak, il punto più alto e panoramico dell’isola. La visuale dall’altura a 360° abbraccia non solo la cosiddetta “Fanciulla Formosa” (Virgin Gorda stessa). In quest’ora magica, lo spettacolo che si può ammirare dal Gorda Peak è unico: i colori caldi del sole inondano e accendono l’oceano. Se si ama la festa Cane Garden Bay a Tortola, questa bianca spiaggia è uno dei punti più vivaci dell’arcipelago, grazie ai suoi numerosi beach bar. Il calar del sole assume qui l’intenso sapore dei cocktail al rum tipici delle BVI, un’esperienza che difficilmente si potrà scordare. All’estremo Nord dell’arcipelago, Anegada è l’unica isola corallina, famosa per la sua ricchissima barriera corallina e per le acque cristalline, con chilometriche spiagge candide, come Loblolly Bay e Cow Wreck Beach. Per quanti preferiscano uno spettacolo “quasi privato”, ecco l’opzione tramonto in barca, un’esperienza proposta da diverse compagnie che organizzano queste escursioni e tour personalizzati. 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350771 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si terrà il prossimo 14 maggio alle ore 18.30, presso l’Istituto Yunus Emre – Centro Culturale Turco di Roma, la conferenza stampa “Arslantepe e la nascita dello Stato. Una lunga ricerca archeologica per la ricostruzione di una storia millenaria” tenuta dalla Prof.ssa Marcella Frangipane, direttrice della missione archeologica italiana di Arslantepe, in Anatolia Orientale dell’Università di Roma La Sapienza. La Missione Archeologica Italiana dell’Università di Roma La Sapienza opera con continuità da 59 anni (dal 1961) nel sito di Arslantepe, nella fertile piana di Malatya, applicando strategie di scavo sistematico estensivo e rigorosamente stratigrafico e innovative metodologie di ricerca interdisciplinare. Le ricerche della missione italiana hanno permesso di portare alla luce la nascita nel IV millennio a.C. di una delle più antiche forme di organizzazione statale, un sofisticato sistema amministrativo e burocratico che, pur senza scrittura, teneva sotto controllo e gestiva centralmente l’economia, la circolazione dei beni e le prestazioni di lavoro. Arslantepe, la ‘collina dei leoni’, è un tell, o tepe o höyük, ossia una collina artificiale alta più di 30 metri formatasi per il sovrapporsi ininterrotto di abitati nel corso di più di 6 millenni, un complesso monumentale pubblico di grande estensione (più di 3500 mq, nell’area fino ad oggi indagata) che costituisce il più antico esempio ad oggi conosciuto di sistema palaziale.      [post_title] => "Arslantepe", 14 maggio a Roma conferenza al Centro Culturale Turco [post_date] => 2019-05-10T10:05:47+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557482747000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 345424 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’aeroporto di Torino è la prima società in Italia, tra i membri Assaeroporti, a ricevere dall’ente di certificazione TÜV Italia il  riconoscimento per il Sistema di gestione salute e sicurezza lavoro, in conformità alla Norma Uni Iso 45001:2018. Molteplici i campi di applicazione del certificato di conformità, a cui ottempera  il sistema di Sagat Spa, società di gestione dello scalo torinese: la progettazione e l’erogazione dei servizi centralizzati di scalo in ambito airside e landside; il coordinamento della progettazione di infrastrutture aeroportuali; la gestione e la manutenzione delle infrastrutture e dei mezzi aeroportuali; la gestione della sicurezza aeroportuale. Si rafforza dunque l’attenzione che Sagat dedica ai temi della qualità, della sicurezza e dell’ambiente: a ottobre 2018 l’aeroporto aveva infatti ottenuto la certificazione al Livello 1 (Mapping) del programma di sostenibilità ambientale “Airport Carbon Accreditation” - il quadro comune per la gestione attiva delle emissioni negli aeroporti attraverso risultati misurabili -  promosso da Aci Europe, l’associazione degli aeroporti europei. Il percorso intrapreso da Sagat già a partire dal 2012, include la certificazione Iso 50001 del Sistema di gestione dell’energia, la certificazione Iso 14001 per il Sistema di gestione ambientale (2016). [post_title] => Aeroporto di Torino: certificazione Iso per la gestione di salute e sicurezza lavoro [post_date] => 2019-03-20T11:21:17+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1553080877000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 337242 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_337253" align="alignright" width="300"] L'entrata del Messner Mountain Museum a Plan de Corones[/caption] Reinhold Messner, Bressanone, classe, ‘44, è uno dei più famosi alpinisti-scalatori- esploratori del mondo. E’ Altoatesino doc e la montagna, si sa, è sempre stata la sua passione, tanto che fra le 3500 scalate effettuate, di cui 100 “prime assolute” ci sono anche tutti i 14 picchi sopra gli “8mila” del globo. A Plan de Corones è stato inaugurato il 23 luglio 2015 il VI museo, l‘MMM Corones (2275 mt.) che completa il circuito Messner Mountain Museum, un percorso che si compone di sei luoghi. Ai margini del più spettacolare belvedere montano del Sudtirolo, dove sorge la singolare sede del museo progettata dall’architetto Zaha Hadid, si narra la storia dell’alpinismo tradizionale. Proprio da questa incredibile costruzione, sul “panettone” di Plan de Corones, lo sguardo spazia a 360°: dalle Dolomiti di Linz a est all’Ortles a ovest, dalla Marmolada a sud alle cime della Zillertal a nord. Dice Messner di queste vette: «Le vetrate del museo restituiscono le immagini della mia infanzia: le Odle e il Pilastro di Mezzo del Sasso di Monte Croce, l’ascensione più difficile della mia vita, così come i ghiacciai granitici che sovrastano la valle Aurina. [caption id="attachment_337251" align="alignleft" width="211"] Reinhold Messner[/caption] All'interno della montagna, il museo ripercorre l’evoluzione dell’alpinismo moderno, i miglioramenti ottenuti nel corso degli ultimi 250 anni per ciò che riguarda l'attrezzatura, i trionfi e le tragedie che si sono consumati sui fianchi delle più famose montagne del mondo, dal Cervino al Cerro Torre al K2, e la rappresentazione delle imprese di noi alpinisti, per quanto contraddittorie esse possano apparire. Come negli altri musei del circuito, l’alpinismo è raccontato attraverso reliquie, citazioni, opere d'arte (dipinti e sculture) e la trasposizione, all'interno dell’MMM Corones, della scenografia montana che lo circonda. Nel mio ruolo di narratore dell’alpinismo tradizionale - aggiunge Messner - non intendo né esprimere giudizi né drammatizzare. L’obiettivo è quello di condensare le esperienze di chi, come me, ha fatto proprio il confronto tra l'uomo e la montagna. Al centro del museo non vi sono imprese sportive o primati bensì i grandi personaggi dell’alpinismo, oltre a filosofi e pionieri che hanno osato “la transizione aurea“ dall’idea al fare, prescindendo dal perché». In lingua ladina, Corones significa corona. Plan de Corones, la celebre montagna dello sci e delle escursioni, la vetta dei deltaplanisti e dei parapendisi, ospita oggi quello che lo stesso Messner considera il punto culminante del suo progetto museale: un luogo del silenzio e della decelerazione che offre panorami indimenticabili, uno spazio in cui ritirarsi e lasciare che la percezione si apra verso l’alto, verso l’oltre. La montagna diviene così uno spazio di esperienza che deve essere parte della nostra cultura personale. Viviamola in modo nuovo, facendo volare lo spirito al di sopra di ogni vetta. Gli altri cinque musei sono: il Dolomites, sul Monte Rite (2181 m), nel cuore delle Dolomiti tra Pieve di Cadore e Cortina d'Ampezzo, l’Ortles, a Solda, a 1900 metri di quota, ai piedi dalla vedretta dell'Ortles, il Juval, arroccato su un'altura nella splendida val Venosta, nell’omonimo Castello, il Firmian, fra le antiche musa di Castel Firmiano, a Bolzano, il Ripa, nel Castello di Brunico, situato sulla collina a sud del capoluogo della val Pusteria, [gallery ids="337254,337255,337256,337274,337275,337276"] [post_title] => A Plan de Corones: l’ultimo dei sei musei dedicati alla montagna di Reinhold Messner [post_date] => 2019-01-24T11:42:57+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1548330177000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 334846 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Franciae attraversa la manica e prende il controllo di uno degli aeroporti più importanti di Londra. Il gruppo francese Vinci, attraverso la controllata Vinci Airports, compra il 50,01% dell'aeroporto di Gatwick. Vinci, si legge in una nota del Gruppo, ha siglato un accordo per acquistare la quota dal fondo Usa Gip (Global Infrastructure Partners). La transazione dovrebbe essere completata nella prima metà del 2019, per un valore di circa 2,9 miliardi di sterline. Il restante 49,99% del secondo scalo del Regno Unito resterà in mano a Gip, che in Italia controlla Italo-Ntv. [post_title] => L'aeroporto di Gatwick entra nel portafoglio della francese Vinci [post_date] => 2018-12-28T11:39:50+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1545997190000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti